Your SlideShare is downloading. ×
Appunti sul prestito digitale - Noventa Giugno 14
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Appunti sul prestito digitale - Noventa Giugno 14

325
views

Published on

Published in: Technology

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
325
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. eBook, biblioteche & digital lending Giugno 2014 – Noventa padovana 1 di 69
  • 2. Un ebook (scritto anche e-book o eBook), in italiano libro elettronico, è un libro in formato digitale a cui si può avere accesso mediante computer e dispositivi mobili, come smartphone, tablet PC e dispositivi appositamente ideati per la lettura di testi lunghi in digitale, detti eReader (ebook reader). /lodice *Wikipedia Ebook, //it.wikipedia.org/w/index.php?title=Ebook&oldid=65059657 (in data 10 giugno 2014). 2 di 69
  • 3. rivediamo/concetti legatiallibro #fruizione&attenzione #bookness 3 di 69
  • 4. consideriamo/fruizione > Lean forward > Lean back > Secondaria > in Mobilità 4 di 69
  • 5. LeanForward/fruizione Protesi in avanti, scrivendo o studiando un libro alla scrivania. Elaboriamo e modifichiamo l’informazione. SCRETTURA e/o VIDEOGIOCHI 5 di 69
  • 6. LeanBack/fruizione Rilassata, appoggiati all’indietro. Assorbiamo informazione, ma non la elaboriamo o manipoliamo. TELEVISIONE e/o CINEMA 6 di 69
  • 7. Secondaria/fruizione O in Background, stiamo compiendo altre attività. La nostra attenzione non è completamente assorbita. TV, RADIO e/o PUBBLICITÀ 7 di 69
  • 8. Movimento/fruizione Quando appunto siamo in movimento, non è detto che si tratti di un tipo di attenzione secondaria. 8 di 69
  • 9. #bookness Alcune delle caratteristiche che potrebbero costituire l’esser- libro sono le pagine, la copertina, la rilegatura, la sequenza, la narrazione, le illustrazioni, l’indice, la durabilità, la portabilità, la forma, lo scopo, il significato, l’uso, la ricezione, il numero ISBN, l’esser suscettibile di conservazione in uno scaffale, ecc. Più un libro ha queste caratteristiche, più ha ‘libritudine’. Edward Hutchins, Define Books in the Electronic Age, http://www.artistbooks.com/editions/wiab.html. 9 di 69
  • 10. Il tasso di libritudine in un eBook sembra a prima vista decisamente basso. @roncaglia #sembra 10 di 69
  • 11. Siamo davvero convinti che il nostro amore per i libri sia legato principalmente alle sensazioni tattili offerte dalla carta o all’odore della colla […] del libro intonso? @roncaglia 11 di 69
  • 12. L’esistenza di buoni e comodi strumenti per la lettura di testi elettronici è, da questa prospettiva un pre-requisito indispensabile non solo per la diffusione commerciale dei libri elettronici, ma per la stessa riflessione teorica sulle loro caratteristiche. Anche quella del libro a stampa è una tecnologia. @roncaglia 12 di 69
  • 13. #mimicità #qualcosainpiù #nonsololettura #oggettoculturale 13 di 69
  • 14. Anni 40 > Memex di Vannevar Bush 1964 > VERAC – Jukebox di libri Anni 60, 1962 > Engelbart, perdita della linearità del libro 1965 > Ted Nelson, lettura ipertestuale 1967- 68 > Adries van Dam, il primo a parlare di eBook Anni 70 > Alan Kay & Michael Hart Alan Kay > studia le interfacce di lettura (Xerox) e nel 68 Dynabook (Kindle), lavora per Apple Michael Hart > lavoro di digitalizzazione e codifica dei testi. 1971 OCR, Optical Character Recognition PROGETTO GUTENBERG 14 di 69
  • 15. > Sviluppo informatica personale > Diffusione reti telematiche > Dispositivi informatici portatili anni80-90/novità 15 di 69
  • 16. Franklin eletronic publishers Vs Sony eBookMan VsSony Bookman 16 di 69
  • 17. > prezzo > durata batteria > poco ergonomici > politica dei diritti > fornitore unico di contenuti #flopperchè 17 di 69
  • 18. 18 di 69
  • 19. #epaperfirst > leggibilità, mimicità > non emette luce, riflette > batteria lunga durata 19 di 69
  • 20. 20 di 69
  • 21. primimodelli/epaper > iLiad iRex (2006) > Sony PRS 500 (2006) > Kindle (2007) > Nook (2009/2010) 21 di 69
  • 22. #Kindlefirst Amazon con Kindle ha forzato il mercato, rendendolo non un semplice eReader che legge un formato proprietario, ma un’estensione di Amazon. L’ingresso del Kindle/Amazon ha imposto a tutti gli altri produttori di aprire i loro dispositivi alle diverse librerie per poter esser sul mercato in competizione con lo store più fornito del mondo. 22 di 69
  • 23. 23 di 69
  • 24. #stiamolavorandopervoi > bianco&nero > cambio pagina lento > aspetto estetico > tablet? 24 di 69
  • 25. #formaeformati Non si tratta quindi di ambire al libro, ma di offrire qualcosa in più dell’esperienza cartacea… #descrizionedellibro #ricercadeitermini #annotazioni #sottolineature #segnalibri 25 di 69
  • 26. #formaeformati L’idea che per realizzare un libro elettronico basti trascrivere al computer il testo di un libro di carta è assolutamente ingenua. @roncaglia 26 di 69
  • 27. #formaeformati Il .txt è un formato assai povero… per un eBook serve un formato che si basa su un linguaggio di marcatura. 27 di 69
  • 28. #formaeformati Pdf portable document format completamente dedicato alla resa grafica studiato negli anni 90 dalla Adobe, per documenti destinati alla stampa. Txt formato adatto alla scrittura, molto portabile, pensiamo al progetto Gutenberg. 28 di 69
  • 29. #formaeformati Agli inizi del 2000 nasce ADE, Adobe Digital Edition programma di visualizzazione specifico creato dalla Adobe. Anche la Mobipocket è nata nel 2000 per realizzare software di lettura destinati a palmari e smartphone. Nel 2005 è stata acquistata da Amazon. 29 di 69
  • 30. #formaeformati Per creare un eBook > si parte da un testo marcato, lo si incapsula in un file complesso (eventualmente con altri file metadati) e si applica alla fine una cifratura proprietaria, che protegge l’ebook e contemporaneamente ha l’effetto di renderlo leggibile solo con alcuni programmi o su altri dispositivi. 30 di 69
  • 31. #formaeformati È la protezione, dunque, e non la marcatura di partenza, a rendere ‘chiuso’ un formato eBook. @roncaglia 31 di 69
  • 32. #formaeformati Anni 98-99 > nasce un gruppo di lavoro OeBF (Open eBook forum) che sviluppa lo standard Open eBook Publication Structure > genitore dell’ ePub. Favorito anche dalla Adobe che comprende immediatamente che il pdf non può avere successo come libro elettronico. 32 di 69
  • 33. #formaeformati Il programma più utile, con il quale si può fare molto più che leggere un libro in formato ePub è CALIBRE, con il quale si possono creare degli eBook partendo da file personali. @KovidGoyal 33 di 69
  • 34. #gestionediritti In ambiente digitale si parla di DRM (Digital rights management), ovvero gestione dei diritti digitali, si tratta di filtri applicati ai file che mi permettono di controllarne l’utilizzo. Si parla di DRM e social DRM. 34 di 69
  • 35. #DRM I DRM mi permettono di controllare il file secondo le scelte dell’editore: proteggere il testo? Concederne il prestito? Permettere il passaggio da un dispositivo all’altro? I DRM gestiscono l’utilizzo del file sul server dell’editore. I DRM sono una buccia protettiva che rendono il file proprietario. 35 di 69
  • 36. #DRM Cosa fanno? > Limitano nel tempo o solo per certi utilizzi quel file > Consentono un uso predefinito di quel file agli utenti finali 36 di 69
  • 37. La legge italiana sul diritto d'autore (legge 22 aprile 1941 n. 633, in materia di "Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio") permette ai titolari di diritti d'autore e di diritti connessi di apporre sulle opere dell'ingegno (brani musicali, film, software, ecc.) misure tecnologiche di protezione efficaci. Esse consistono in tecnologie, dispositivi o componenti che, nel normale corso del loro funzionamento, sono destinati a impedire o limitare atti non autorizzati dal titolare dei diritti. Le "misure tecnologiche di protezione" devono essere rimosse da chi le ha apposte solo in particolari casi stabiliti dalla legge (ad esempio «per fini di sicurezza pubblica o per assicurare il corretto svolgimento di un procedimento amministrativo, parlamentare o giudiziario»). #leggeitaliana Digital rights management, //it.wikipedia.org/w/index.php?title=Digital_rights_management&oldid=66179945 (in data 14 giugno 2014). 37 di 69
  • 38. #socialDRM Il social DRM è un filtro di gestione del file alternativo al DRM puro. Funziona come un ex-libris: incorpora nell’oggetto digitale alcune informazioni personali relative all’acquirente attraverso un sistema di filigrane. 38 di 69
  • 39. #socialDRM 39 di 69
  • 40. #MedialibraryOnline 40 di 69
  • 41. Nasce nel 2009, con 3.900 biblioteche aderenti al servizio in 15 regioni italiane e 4 paesi stranieri. Si tratta di un aggregatore di contenuti sia open che coperti da diritti. Tra questi appunto gli eBook, i quotidiani, le banche dati, la musica, gli audiolibri, i film. Il suo compito è sostanzialmente quello di raggiungere accordi per il prestito tra biblioteche ed editori, trova formule e contratti che siano compatibili con il diritto d’autore. #MedialibraryOnline http://www.medialibrary.it/home/home.aspx 41 di 69
  • 42. #MedialibraryOnline #puntiforti > Editori, modelli di prestito > Collaborazione con le biblioteche > PID – prestito interbibliotecario digitale http://mantova.medialibrary.it/adm/UserFiles/file/mlolpubbliche.pdf 42 di 69
  • 43. #MedialibraryOnline #puntisucuilavorare > Integrazione con OPAC > Single sign-on > Raggiungere piccoli editori, quotidiani locali 43 di 69
  • 44. #MedialibraryOnline #OPAC 44 di 69
  • 45. #MedialibraryOnline 45 di 69
  • 46. http://bibliomediablog.com/ #MedialibraryOnline #[Biblio]Mediablog 46 di 69
  • 47. 47 di 69
  • 48. dati del rapporto AIE maggio 2014 48 di 69
  • 49. dati del rapporto AIE maggio 2014 49 di 69
  • 50. Adobe Digital Editions è un'applicazione della Adobe Systems, basata sulla tecnologia Adobe Flash che permette la lettura e l'acquisto via computer degli eBook, riviste e quotidiani digitali e altre pubblicazioni di questo genere. Il software supporta file PDF, XHTML (attraverso il formato ePub) e contenuti leggibili attraverso Flash. Attraverso un sistema di Digital rights management, dal maggio 2008, Digital Editions permette la condivisione di documenti eBook in una rete di più computer, attraverso l'autenticazione di un utente Adobe. Le versioni di Adobe Digital Editions per i sistemi operativi Windows e Mac OS sono state rese disponibili il 19 giugno 2007. #ADE 50 di 69
  • 51. #ADE http://www.adobe.com/it/products/digital-editions/download.html 51 di 69
  • 52. 52 di 69
  • 53. > Scarico il programma > Creo un account #ADE 53 di 69
  • 54. 54 di 69
  • 55. 55 di 69
  • 56. https://adobeid-na1.services.adobe.com/renga-idprovider/pages/tos/it_IT/ADOBE_MASTER 56 di 69
  • 57. Libreria di Adobe Digital Edition 57 di 69
  • 58. Lettura di un eBook da PC con Adobe Digital Edition 58 di 69
  • 59. Sezione Copyright con Adobe Digital Edition 59 di 69
  • 60. Al capitolo uno con Adobe Digital Edition 60 di 69
  • 61. #appLeggere #iBooks #Aldiko #Bluefire 61 di 69
  • 62. 62 di 69
  • 63. 63 di 69
  • 64. #sitidaconoscere http://www.bookrepublic.it/consigli-di-lettura-ebook/abc-ebook/ http://www.biblioteca.colognomonzese.mi.it/index2.php?consez=voglioepre http://biblioteca.concesio.bs.it/index.php/ebook.html http://www.gutenberg.org/ http://www.liberliber.it/ (1) Bookrepublic (2) Biblioteca Cologno Monzese (3) Biblioteca di Concesio (4) Progetto Gutenberg (5) Progetto Manunzio/Liber Liber 64 di 69
  • 65. https://gruppodilettura.wordpress.com/ #sitidaconoscere http://calibre-ebook.com/ https://www.facebook.com/groups/218138268207864/ (1) Gruppi di lettura (2) Calibre – gestione formati (3) MLOL- Ragazzi (4) Tropico del libro http://tropicodellibro.it/ 65 di 69
  • 66. #koboperchè #digitallending #gadgetzoo #userexperience #bookness #gamification 66 di 69
  • 67. #digitallending Il vero digital lending non è quello che la biblioteca effettua prestando al suo utente il device con dei contenuti digitali caricati. Il digital lending piuttoso è il prestito del contenuto digitale, che spesso per motivi di insegnamento all’utenza passa dal prestito del device. http://www.ifla.org/files/assets/hq/topics/e-lending/principles-for-library-elending-rev-aug-2013.pdf IFLA – Principles for library eLending 67 di 69
  • 68. #gamification Utilizzo di elementi mutuati dai giochi e delle tecniche di game design in contesti esterni ai giochi […] dando un significato più epico alle azioni compiute. > Punti > Livelli > Premi > BeniVirtuali > Classifiche 68 di 69
  • 69. #proviamo (continua… ) 69 di 69 > La quarta rivoluzione : sei lezioni sul futuro del libro, Gino Roncaglia, Roma, Laterza, 2010.
  • 70. #inpratica > Il regolamento > scheda d’iscrizione > questionario di soddisfazione > guida al servizio > strategia di comunicazione > n° eBook/nomi/contenuti > creazione pagina Fb > punto informativo lettura digitale > corsi/alfabetizzazione 70 di 108
  • 71. > chiaro e sintetico > approvato > pubblicato sul sito > disponibile alla consultazione 71 di 108
  • 72. #solo10punti #regolamento regole vantaggi 72 di 108
  • 73. #regolamento #primi5punti 1. Il prestito dell’eReader è consentito agli utenti già iscritti alla biblioteca (da almeno XX), uno per volta. 2. Il prestito dura 28/30 giorni. 3. Al momento del prestito è necessario depositare 20€ (?) come cifra cautelativa al supporto del rimborso di eventuali danneggiamenti. Cifra che viene altrimenti restituita alla riconsegna del dispositivo. 4. Prendere a prestito un eReader significa impegnarsi a restituirlo nelle stesse condizioni, e con lo stesso equipaggiamento di cui era munito in partenza. 5. Prendere a prestito l’eReader significa essere responsabili dell’eventuale danneggiamento o furto. 73 di 108
  • 74. #altri5punti #regolamento 6. Sull’eReader trovate una selezione di testi realizzata dal bibliotecario, è possibile sottolineare e commentare, e si è responsabili dei propri commenti. 7. È possibile caricare l’eReader di eBook propri, tuttavia è necessario resettarlo prima della restituzione. 8. È necessario, alla restituzione, compilare un questionario di soddisfazione per apportare il proprio contributo al servizio. 9. È possibile chiedere una proroga del prestito per altri xx giorni. 10. È possibile prenotare l’eReader. 74 di 108
  • 75. #schedaiscrizione Per evitare la duplicazione di anagrafiche, tempi e materiali di gestione delle stesse è consigliabile effettuare un’iscrizione ordinaria alla biblioteca. Consiglio di aggiungere questa informazione nelle note relative all’utente, di raccogliere l’indirizzo mail di questi lettori e creare uno scaffale, per la futura comunicazione mirata. 75 di 108
  • 76. #questionariosoddisfazione > sintetico > no ambiguità > partire dal semplice > ordine logico 76 di 108
  • 77. #questionariosoddisfazione fingere di assaggiare un vino 77 di 108
  • 78. #questionariosoddisfazione 1. Età (caselle fasce età del progetto) 2. Professione (inquadrare il lettore) 3. Quanti libri leggi in un anno (a range, -5, +5, -10, +10…) 4. Che modello di eReader hai usato? (nomi) 5. È la prima volta che leggi con un eReader? L’hai trovato difficile? (sì o no) 6. Per quanto tempo consecutivo hai letto? (1h, +1h, 2h, 3h) 7. Hai inserito testi tuoi nell’eReader? 8. Hai trovato un’offerta numerica di titoli caricati soddisfacente? (sì, no, abbastanza) 9. Cosa ti è piaciuto di più dell’esperienza di lettura digitale? 10. Cosa ti è piaciuto meno? (mettere esempi?) 11. Compreresti, dopo averlo provato, un eReader? più uno spazio per aggiungere note https://www.surveymonkey.com/s/BSW2L9J 78 di 108
  • 79. #questionariosoddisfazione Cartaceo > raccolgo i dati su un file di calcolo, inserisco in Google Drive con un Modulo che elabora statistiche. Digitale > faccio compilare direttamente in digitale il questionario creato con un Modulo di Google Drive. 79 di 108
  • 80. http://www.bookrepublic.it/consigli-di-lettura-ebook/abc-ebook/ #guidaalservizio Predisporre una Guida al servizio, che aiuti il lettore anche quando non si trova più in biblioteca con un operatore, o che per la prima volta voglia capire come funziona il servizio. Semplice ed esaustiva la Guida all’eBook di Bookrepublic, sarebbe ottimale crearne una ad hoc, ma non è sempre possibile, o si rischia di non conservare la stessa qualità. 80 di 108
  • 81. Cosa dev’esserci in una guida?(1) 81 di 108
  • 82. Cosa dev’esserci in una guida?(2) 82 di 108
  • 83. #strumentiutili > Lavorare sulle immagini www.picmonkey.com > Trovare immagini, se non se ne hanno di proprie www.flickr.com > Pubblicare la guida in linea www.issu.com > Idem www.calameo.com 83 di 108
  • 84. #comevannolecose 84 di 108
  • 85. #strategia 85 di 108
  • 86. #strategia pre 1° gruppo test bibliotecari 2° e 3° gruppo test (lettori selezionati) messa a punto del servizio/strategia temporanea terminata la strategia temporanea, immettere il servizio vero e proprio di digital lending 86 di 108
  • 87. #strategia pre > preparare gli strumenti una volta scelti i modelli di eReader da prestare è opportuno pensare a: contenuti, valorizzare i punti di forza e minimizzare i punti deboli. PERSONALIZZARE lo strumento, attribuendogli un nome, tutti gli oggetti con un nome acquisiscono più importanza. SCEGLIERE contenuti liberi da diritti, non si punta sulla novità ma sulla scelta. 87 di 108
  • 88. #strategia pre > preparare gli strumenti Individuiamo prima le CATEGORIE che rispecchieranno i contenuti: > Racconti contemporanei > Romanzi rosa, universo femminile, pianeta donna > Saggistica divulgativa > Gialli, Thriller > Gli indimenticabili/Classici 88 di 108
  • 89. #strategia pre > preparare gli strumenti PERSONIFICAZIONE degli strumenti e delle categorie (1) > Oz (romanzi contemporanei, mondo giovane) > Jane Eyre (romanzi rosa, ma anche gusto fine e intelligente) > Zarathustra (come il profeta, idea del saggio) > Watson o Freddie Krueger (personaggio del giallo/horror) > Ulisse (storico che ricorda i classici) 89 di 108
  • 90. #strategia pre > preparare gli strumenti PERSONIFICAZIONE degli strumenti e delle categorie (2) > Vibrisse (come i baffi dei gatti… storie sottili che lasciano il segno, che servono per orientarci nella vita) > Heart shaped box (titolo di una canzone tema sentimento, significa scatola a forma di cuore) > Pollice verde (si riferisce al giardinaggio, ma include anche contenuti a spettro più ampio) > Jolly Roger (come la bandiera dei pirati, avventura, thriller) > Licorice (significa liquirizia, come i classici ti lascia per lungo tempo un buon sapore in bocca) 90 di 108
  • 91. #strategia pre > preparare gli strumenti PERSONIFICAZIONE degli strumenti e delle categorie (3) > A pezzi e bocconi (Romanzi o racconti brevi, assaggi) > A cuor leggero (Romanzi rosa, sentimento) > A pioggia (Saggistica, tutti i generi) > A squarciagola (Gialli, thriller, paura) > Alla ribalta (I classici, sempreverdi) 91 di 108
  • 92. #titoli Racconti/Romanzi contemporanei 92 di 108
  • 93. Romanzi rosa, universo femminile #titoli 93 di 108
  • 94. #titoli Saggistica divulgativa 94 di 108
  • 95. #titoli Giallo, Thriller, Horror 95 di 108
  • 96. #titoli Classici 96 di 108
  • 97. Creiamo la Pagina Fb della biblioteca #Facebook 97 di 108
  • 98. Impresa locale> biblioteca #Facebook 98 di 108
  • 99. basso impegno e pochi rischi, si ascolta la wave. Quello che i lettori pubblicano/scrivono/commentano rotonda, centrata su un progetto e temporanea. Ad esempio legata ad una gara di lettura a più classi temporanea, di supporto al lancio di un prodotto. Ad esempio acquisto di eReader in biblioteca stabilire una presenza di contenuti fissi/rubriche... La biblioteca c’è, ascolta l’utenza e partecipa #strategiedipresenza 99 di 108
  • 100. #strategiedipresenza Nel nostro caso sarà una strategia di PROMOZIONE di un servizio che parte e poi s’immette regolarmente tra i servizi della biblioteca. 100 di 108
  • 101. #strategiedipresenza 1 mese prima > esce il 1° post, parla in generale dell’argomento [2 post a settimana] 3 settimane prima > si stringe sempre più verso il servizio, altre esperienze simili [2 post a settimana] 2 settimane prima > si annuncia la data di lancio del servizio [2 post a settimana] 1 settimana prima > si comincia a fornire i dettagli, sia dell’evento che del servizio [almeno 3 post a settimana] Dal giorno X in poi rubrica fissa 1 post a settimana 101 di 108
  • 102. #fontiattendibili www.bibliomediablog.com www.zandegu.com www.quintadicompertina.com (1) Blog di BiblioMedia blog (2) Zandegu casa editrice che si occupa di digitale (3) Quinta di copertina, altra casa editrice digitale. Seguite le persone che parlano di eBook, prestito digitale… #followfriday Gino Roncaglia, Valeria Baudo, Silvia Franchini,Virginia Gentilini, Giulio Blasi, etc… 102 di 108
  • 103. #puntoinformativo > Individuare una fascia nell’orario di apertura più adatta a questo scopo (apertura serale, sabato mattina, etc…) > Individuare uno spazio fisico in cui ci si possa fermare in almeno 2 persone davanti ad un pc, per insegnare all’utente > segnalare in modo chiaro dov’è lo spazio e in che orari si trova qualcuno che spiega il servizio > dotare di materiale informativo lo spazio 103 di 108
  • 104. #thereadingcorner È probabile che i reading corner non esistano, ancora meno per un lettore digitale. Lasciamo a disposizione dello spazio confortevole, il lettore saprà cosa farsene. 104 di 108
  • 105. #alfabetizzazione Inserire all’interno della programmazione di alfabetizzazione annuale lezioni su > digital reading > ebook > piattaforme in cui scaricare eBook dall’utente dev’essere percepito come qualcosa di naturale (dipende dalla vostra programmazione) 105 di 108
  • 106. #alfabetizzazione > l’utente può chiedere, gli viene fornita sempre una risposta > il prestito digitale ha la stessa importanza del prestito cartaceo > trasmettete la passione della lettura anche con il digitale 106 di 108
  • 107. #estate #inverno 107 di 108
  • 108. 108 di 108 That’s all folks! valentina.tosi@chartacoop.it