Cezanne

24,983 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
24,983
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
167
Actions
Shares
0
Downloads
20
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Cezanne

  1. 1. Paul Cezanne e l’assoluto controllo delle forme Aix-en-Provence 1839-1906
  2. 2. “Andando a Marsiglia, ero in compagnia del signor Gibert. Questa gente vede bene, ma ha locchio dei professori. Passando dalla ferrovia vicino alla campagna di Alexis, un soggetto abbagliante si rivela da levante: Sainte-Victoire e le rocce che predominano Beaurecueil. Ho detto: “che bel modello„; ha risposto: “le linee sono troppo equilibrate„.„ (Lettera a Zola, 14 aprile 1878) “Sono rimasto a lungo senza potere, senza saper dipingere la Sainte-Victoire, perché immaginavo lombra concava, come gli altri che non osservano, mentre, ecco, osservate, è convessa, fugge dal suo centro. Anziché racchiudersi, svanisce, si fluidifica. Partecipa, tutta bluastra, alla respirazione ambientale dellaria.„ “Ho bisogno di conoscere la geologia, come la Sainte-Victoire si radica, il colore geologico delle terre, tutto ciò mi commuove, mi rende migliore.„ “Ho bisogno di conoscere la geometria, i piani, tutto ciò che regge la mia ragione destra. Lombra è concava? mi sono chiesto. Cosè quel cono lassù? Ecco. Della luce? Ho visto che lombra sulla Sainte-Victoire è convessa, rigonfia. Lo vedete come lo vedo io. È incredibile. È così… Mi ha dato un forte brivido. Se, con il mistero dei miei colori, condivido questo brivido con gli altri, non avranno forse un senso delluniversale più ossessionante, ma molto più fecondo e più delizioso?„ “Ovunque un raggio bussa ad una porta oscura. Ovunque una linea accerchia, tiene un tono prigioniero. Voglio liberarli. I grandi paesi classici, la nostra Provenza, la Grecia e lItalia come me li immagino, sono quelli dove la chiarezza si spiritualizza, dove un paesaggio è un sorriso fluttuante dintelligenza acuta… La delicatezza della nostra atmosfera sta nella delicatezza del nostro spirito. Sono una nellaltra. Il colore è il luogo dove il nostro cervello e luniverso si incontrano.„
  3. 3. Aix-en-Provence, 19 gennaio 1839 – Aix-en-Provence, 22 ottobre 1906
  4. 4. L’arte è un’armonia parallela alla natura Rappresentazione della natura Rappresentazione della natura Realtà autonoma Realtà autonoma
  5. 5. L’osservazione della natura
  6. 6. L’evoluzione dell’arte di Cezanne (Lionello Venturi)1. Il periodo romantico o fantastico (1860-70) : materia pittorica tormentata e dai toni scuri2. Il periodo Impressionista (1871-77) : l’esempio di Pissarro, frequentato a Pontoise e a Auvers-Sur-Oise lo avvicinano alla pittura en plein-air3. Il periodo Costruttivo (1878-87) : rigoroso equilibrio geometrico rifiutando anche la prospettiva4. Il periodo Sintetico (1879-1906) : distacco dal dato oggettivo naturale; disgregazione dell’immagine; temi e motivi ricorrenti
  7. 7. La Maison du pendu, 1873
  8. 8. Un’impressionista atipico• L’amicizia con Pissarro lo porta a schiarire la tavolozza• Pennellata energica• Strutture compositive complesse• Salda costruzione dei volumi• Forte individuazione delle forme• Solidità e concretezza realistica• Densi strati di colore
  9. 9. Les joueurs de carte,1892-95
  10. 10. La costruzione delle forme• Pennellata piatta• Uso delle spatola• Essenzialità geometrica• Il colore da pienezza alle forme e domina con le sue tonalità basse variate sulle terre e i marroni
  11. 11. Natura morta,1895
  12. 12. Les Grandes Baigneuses, 1906
  13. 13. Les Grandes Baigneuses, 1906
  14. 14. La sintesi concettuale• Elaborazione molto lenta• Tele monumentali• Studio dei rapporti spaziali di figure immerse nella natura• Tema iconografico degli idilli campestri (Raffaello, tiziano, Giorgione, Rubens, Ingres, Poussin, Manet)• Molteplici combinazioni dei nudi• Precisi riferimenti alla pittura del passato per realizzare un’arte eterna e da museo non più fondata sull’osservazione diretta del reale
  15. 15. Il rapporto tra lo spazio e le figure• Quale è la struttura compositiva della tela?• In che modo sono dipinti i nudi?
  16. 16. Una nuova concezione classica• Preciso equilibrio simmetrico• Classicità delle posture• Forza primitiva e animalesca• Proporzioni ingigantite e fuori scala• Il disegno dei volti e sgraziato e incompiuto• I corpi imponenti e scultorei• I contorni sono linee nere spezzate che non chiudono le forme ma fanno si che tutto si fonda insieme
  17. 17. La forza espressiva del colore• Come è utilizzato il colore?• Da che cosa deriva l’espressività delle opere di Cezanne?
  18. 18. La forza espressiva del colore• Anche i colori sono dosati in base alle sensazioni dell’artista indipendentemente dalla corrispondenza con la realtà• Solidità architettonica• Per Cezanne il colore è l’unico strumento che permette al pittore di dare energia naturale al quadro• Il dipinto acquista grazie al colore e al gioco di contrasti luminosi una grande vitalità
  19. 19. La montagna Saint Victoire verso des Lauves, 1902-1906, olio su tela, 65 x 81 cmPhiladelphia, collezione privata (Sig. e Sig.ra. Carroll S. Tyson, Jr.)
  20. 20. La montagna di Sainte VictoireOlio su telacm. 65 x 81Zurigo Kunsthaus
  21. 21. La realità e la coscienzaPer Cezanne non si può pensare la realtà se non in quanto è recepita da una coscienza e non si può pensare la coscienza se non in quanto riempita dalla realtàConservare viva la sensazione visiva durante un processo analitico, di ricerca per precisarla e organizzarla, per rivelarne la sua coerenza e complessità1) La conoscenza della realtà non è contemplazione ma volontà di farla propria (Romanticismo)2) Il realismo come atto di possesso (Courbet)3) Saper ricevere, captare la realtà nella sua immediatezza (Impressionisti)4) Superare quanto di arbitrario, vi è nella volontà soggettiva per ristabilire un equilibrio assoluto, una identità tra la realtà interiore e l’esterna, tra l’io e il mondo, tra il farsi della coscienza e il farsi della realtà
  22. 22. Un nuovo classicismo“..Bisogna trattare la natura secondo il cilindro, la sfera, il cono, il tutto messo in prospettiva..”Cezanne non si riferisce ad un risultato ma ad un processoLe forme geometriche, espressive di spazio sono gli strumenti mentali con i quali si fa l’esperienza del reale
  23. 23. RiflessioneQuale è il nesso tra percezione, rappresentazione e conoscenza nella pittura e nel pensiero di Cezanne?

×