Europeana phpapp02

754 views
687 views

Published on

Published in: Education, Business
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
754
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Europeana phpapp02

  1. 1. L’iniziativa biblioteche digitali: Europeana (e non solo) Yvo Volman DG della società dell’informazione e dei media Convegno ‘CulturaItalia e il contributo italiano a Europeana’ Roma, 2 aprile 2009
  2. 2. L’iniziativa ‘biblioteche digitali’ il contesto • Fa parte di i2010, la strategia della Commissione europea per la società dell’informazione • Obiettivo: rendere il patrimonio culturale europeo e l’informazione scientifica più facilmente accessibili ed utilizzabili online • 28 Aprile 2005: Lettera di 6 capi di Stato e di Governo al Presidente della Commissione per una Biblioteca Digitale Europea • Risposta a iniziative private • 30 Settembre 2005: Comunicazione della Commissione “i2010 Biblioteche Digitali”
  3. 3. L’iniziativa ‘biblioteche digitali’ Aspetti generali • L’iniziativa comprende qualsiasi tipo di media e tipo di istituzione culturale • 3 rami principali: - Digitalizzazione - Accessibilità online - Conservazione digitale • La Commissione ha chiesto agli Stati Membri di prendere le misure necessarie in una Raccomandazione del 2006 • Risposta politica molto positiva dal Consiglio e dal Parlamento europeo
  4. 4. Europeana • Punto di accesso comune e plurilingue al patrimonio culturale europeo in formato digitale • Prospettiva dell’utente: interfaccia di facile uso per la ricerca diretta in collezioni di diversa natura • Massa critica di contenuti per mostrare le sinergie • Una fondazione creata nel novembre 2007 come base organizzativa
  5. 5. Prototipo lanciato il 20 novembre 2008 • Interesse enorme degli utenti – Dimostra che la cultura in rete ha un grande futuro • www.europeana.eu • Adesso più di 4 milioni di oggetti digitali accessibili • Contenuti italiani 1,2 % del totale • Grandi differenze tra le contribuzioni degli Stati membri
  6. 6. Verso ‘Europeana 1.0’ • Aumentare i contenuti - 10 milioni di oggetti in 2010 • Quantità + capolavori • Inclusione di più opere sotto diritti d’autore • Modello stabile di finanziamento • Funzionalità più sviluppate: strumenti per collaborare in linea, ricerca nelle varie lingue Europeana 1.0 sarà lanciata alla fine del 2010
  7. 7. Come possono contribuire gli Stati membri? – Risorse e obiettivi quantitativi per la digitalizzazione • Infrastruttura dell’informazione del futuro – Una vera volontà di portare tutti contenuti digitalizzati in Europeana • Ruolo dei portali nazionali • Condizioni di finanziamento – Misure per le opere ‘orfane’; misure per incoraggiare gli accordi volontari per le opere fuori distribuzione
  8. 8.
  9. 9. Accessibilità e usabilità • Materiale culturale come motore di creatività – Grande cambiamento portato da internet • Nuove barriere all’uso create dalle istitutizioni culturali stesse • Questione giuridica • Questione politica – Come far fruire meglio il materiale culturale nell’era internet? – Ruolo delle istituzioni culturali: dare accesso e preservare È essenziale tenere il materiale di dominio pubblico nel dominio pubblico una volta digitalizzato
  10. 10. Conclusione • Prototipo di Europeana lanciato, il lavoro continua verso Europeana 1.0 • Contribuzione importante dell’Italia a Europeana e alle politiche afferenti. Ci vuole un sostegno continuo! • Attenzione all’erosione del dominio pubblico nell’era digitale

×