Web 2.0 dirigenti
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
968
On Slideshare
863
From Embeds
105
Number of Embeds
4

Actions

Shares
Downloads
5
Comments
0
Likes
0

Embeds 105

http://vaccaricarlo.wordpress.com 97
https://vaccaricarlo.wordpress.com 5
http://www.slideshare.net 2
http://dashboard.wordpress.com 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide
  • new ICT tools continue to be developed in order to improve efficiency, reduce burden, and enhance statistical quality. As new technologies become available, there is a clear drive to maximise their use and to gear statistical methods toward them. New forms of communicating with users and producers such as web 2.0, as well as other new developments in information technology, are likely to result in profound changes in communication channels and data handling and storage.

Transcript

  • 1.
      Carlo Vaccari
      Web 2.0: architetture e software di riferimento
      10 giugno 2010, Aula Magna, Istat
  • 2.
      Il presente materiale è distribuito con la licenza Creative Commons “Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo - 2.5 Italia”, reperibile presso il seguente sito Internet: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.5/it/ .
  • 3.
      Indice
    • Definizione di Web 2.0
    • Architetture e tecniche (per non tecnici)
    • Strumenti software:
  • 6.
      definizioni di Web 2.0
      http://www.youtube.com/watch?v=-4CV05HyAbM so we must rethink information are we ready? “ Il web è più che un'innovazione tecnica. L'ho progettato perché avesse una ricaduta sociale, perché aiutasse le persone a collaborare, e non come giocattolo tecnologico. Il fine ultimo del web è migliorare la nostra esistenza reticolare nel mondo” Tim Berners Lee
  • 7.
      caratteristiche Web 2.0
      I siti Web 2.0 sono piattaforme che consentono una forte interazione tra utenti Gli utenti usufruiscono di servizi innovativi mediante potenti interfacce grafiche Gli utenti forniscono il valore aggiunto con l’ auto-produzione di contenuti   e la condivisione della conoscenza : così si sfrutta e si valorizza l’ intelligenza collettiva , vero motore del Web 2.0 I servizi offerti vengono aggiornati di continuo , in modo da correggere rapidamente gli errori e aggiungere nuove funzionalità non appena disponibili (“perpetual beta”)  
  • 8.
      caratteristiche Web 2.0
      Da un punto di vista funzionale, ciò che caratterizza il web 2.0 è sostanzialmente la centralità ed il protagonismo dell'utente che da fruitore diviene sempre più un controllore dei propri dati e dei contenuti del web, facendosi produttore di informazioni e, contemporaneamente, giudice di quanto prodotti da altri Tutte le grandi storie di successo del web 2.0 mostrano un vero e proprio ribaltamento dei paradigmi della comunicazione : dalla comunicazione " da uno a molti " si passa a quella " da molti a molti "
  • 9.
      caratteristiche Web 2.0
      User Generated Content ! (Read/Write Web) L'utente diventa un protagonista “ attivo ” Alfabetizzazione: importante non solo “leggere” il Web ma anche saper scrivere il Web - il nuovo Digital Divide (Jenkins)? Più di un miliardo di utenti, più di 100 milioni di siti web (blog inclusi...) Riuso dei contenuti e aggregazione
  • 10.
      esempi Web 2.0
      Il Page Rank di Google, basato sul “giudizio” degli altri siti Wikipedia enciclopedia con voci costruite dagli utenti Ebay dove venditori e compratori hanno una reputazione pubblica determinata dagli altri utenti Google Maps dove utenti usano in maniera creativa dati standardizzati, dando vita a nuovi servizi I blog, dove la partecipazione sostituisce la comunicazione I social network che raccolgono ed organizzano contenuti forniti dagli utenti
  • 11.
      tecniche
      A partire da AJAX (Asynchronous JavaScript and XML): liberazione dalla logica HTML (Post/Get) – modello asincrono (stateless) http://gmail.com con le GUI “WIMP” (windows, icons, menus and pointers) il Web si avvicina alle applicazioni desktop e nascono le Rich Internet Applications (RIA)
  • 12.
      mash-up
      Dall’inglese: mash = miscuglio to mash = schiacciare (usato anche per un genere musicale) Applicazione web che integra dinamicamente contenuti o servizi provenienti da più fonti per creare un servizio nuovo http://www.housingmaps.com/ http://cheapguru.org/comuni/index.php?codice=058091
  • 13.
      tecniche
      ciclo centralizzazione – decentramento. Tecnologia mainframe -> LAN e fat client -> Web e thin client Monopolista IBM -> Microsoft -> Google Dati Centrali (locali) -> Decentrati (locali) -> Centrali (globali)
  • 14.
      blog
      Abbreviazione di web log (registro di eventi) diari pubblico: sito web gestito da software specializzato (della famiglia dei CMS) che rende elementare inserire e pubblicare testi immagini ed elementi multimediali. Le unità di contenuto (post) sono pubblicate in successione temporale Uso di template per l'interfaccia Da una a tre colonne, header, ev. footer In coda ad ogni post, firma, data/ora, permalink http://vaccaricarlo.wordpress.com
  • 15.
      microblogging
      Forma di pubblicazione costante di piccoli contenuti in rete, sotto forma di messaggi di testo (normalmente fino a 200 caratteri), immagini, video, audio MP3 ma anche segnalibri, citazioni, appunti. Questi contenuti vengono pubblicati su un sito di social network, visibili a tutti o soltanto alle persone della propria community http://www.twitter.com
  • 16.
      wiki
      I wiki , inventati nel 1995 da Ward Cunnigham, si sono affermati come uno dei mezzi più semplici per collaborare in rete Un wiki (“molto veloce”), è un ambiente web di condivisione e gestione di documenti e file dove gli utilizzatori possono visualizzare e aggiungere contenuti, ma anche modificare i contenuti esistenti inseriti da altri utilizzatori Un wiki permette di scrivere collettivamente dei documenti in un semplice linguaggio usando un browser Sulla tecnologia wiki si basa il funzionamento dell’enciclopedia online Wikipedia http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Web_2.0&action=edit
  • 17.
      wikipedia
      Wikipedia oggi, con oltre 14 milioni di voci e 20 milioni di utenti registrati, rappresenta la più grande collezione di sapere umano; il sito esiste in oltre 270 lingue differenti e riceve oltre 60 milioni di accessi al giorno Prima licenza GFDL, ora Creative Commons Come viene gestita? http://it.wikipedia.org/wiki/Portale:Comunit%C3%A0 Vandalismi, wikilink Chi modifica Wikipedia? (mash-up 2.0) http://www.lkozma.net/wpv/index.html
  • 18.
      social network
      Nei social network gli utenti creanbo il loro profilo (dati e immagini) e possono essere “amici” di altri utenti (da confermare) facebook vs. MySpace http://www.google.com/insights/search/#q=facebook%2Cmyspace&date=1%2F2008%2012m&cmpt=q http://www.vincos.it/osservatorio-facebook/ Quanti “amici” su facebook? http://en.wikipedia.org/wiki/Dunbar%27s_number Trend: real-time (Twitter) and location-based (GPS)
  • 19.
      bibliografia
      slide complete http://www.slideshare.net/vaccaricarlo/web-20-2010-istat Tim Berners Lee, L'architettura del nuovo Web , Feltrinelli, Milano A.L. Barabasi, Link. La scienza delle ret i, Einaudi, Torino, 2004 Chris Anderson, La coda lunga , Codice edizioni, Torino, 2007 Sergio Maistrello, La parte abitata della rete , Tecniche Nuove, Milano, 2007 Pierre Lévy, L'intelligenza collettiva (per un'antropologia del cyberspazio) , Feltrinelli, Milano 1996