Start up innovative

3,383 views

Published on

Slide di Giuliano Bartolomei di Fideas srl - 2 luglio 2013 a Castel di Lama
Legislazione sulle start-up in Italia e nelle Marche

Published in: Business
0 Comments
5 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
3,383
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
364
Actions
Shares
0
Downloads
56
Comments
0
Likes
5
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Start up innovative

  1. 1. Giuliano BartolomeiGiuliano Bartolomei FIDEAS SRL - Offida (Ap)FIDEAS SRL - Offida (Ap) Tel. 0736 880843Tel. 0736 880843 Email: fideas@topnet.itEmail: fideas@topnet.it www.fideas.itwww.fideas.it Facebook: FideasSrlOffidaFacebook: FideasSrlOffida
  2. 2. 2 È sempre la solita storia? “L'Italia non è un paese per Start-up, ma..... ….vi nascono molte idee di impresa che a volt riescono a crescere e affermarsi” (Il Sole24Ore, 9 settembre 2012). Dunque tutto va bene? ..... Il “Made in Italy” qui potrebbe non bastare.
  3. 3. 3
  4. 4. SILICON VALLEYSILICON VALLEY 4
  5. 5. 5
  6. 6. CHI SONO E DOVE OPERANOCHI SONO E DOVE OPERANO 7
  7. 7. 8
  8. 8. 9 DEFINIZIONE DI START-UP INNOVATIVADEFINIZIONE DI START-UP INNOVATIVA
  9. 9. 10
  10. 10. 11
  11. 11. 12
  12. 12. 13
  13. 13. 14
  14. 14. 15
  15. 15. 16
  16. 16. 17 DEFINIZIONE DI START-UP INNOVATIVADEFINIZIONE DI START-UP INNOVATIVA
  17. 17. 18
  18. 18. cos’è  società di capitali (anche cooperativa) volta ad incentivare lo sviluppo, la produzione e commercializzazione di prodotti e servizi innovativi ad alto valore tecnologico quando è nata  19 dicembre 2012 come è nata  il d.l. 179/2012 (decreto “sviluppo 2.0”) l’ha istituita per potenziare cultura imprenditoriale, innovazione, mobilità sociale e attrazione di talenti, ((imprese innovative)) e capitali dall'estero. START-UP INNOVATIVA 1/5START-UP INNOVATIVA 1/5
  19. 19. caratteri distintivi  51% delle quote detenute da persone fisiche (alla costituzione e per i successivi 24 mesi)  in attività da meno di 48 mesi  valore della produzione (dal 2° anno) < 5 mln euro  divieto di distribuzione di utili  oggetto sociale (esclusivo o prevalente): lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico  no costituzione da una fusione, scissione cessione di azienda o di ramo di azienda START-UP INNOVATIVA 2/5START-UP INNOVATIVA 2/5
  20. 20. requisiti ulteriori 1) spese in ricerca e sviluppo ≥ 20% (ora 15%) del valore (o, se maggiore, del costo) della produzione 2) almeno un terzo della forza lavoro (dipendenti o collaboratori) ha completato o sta svolgendo dottorato di ricerca (o svolge da tre anni attività di ricerca certificata) 3) titolarità di una privativa industriale coerente con l’oggetto e l’attività sociale START-UP INNOVATIVA 3/5START-UP INNOVATIVA 3/5
  21. 21. vantaggi  esenzione per 4 anni da bolli e diritti di segreteria Registro Imprese (anche diritto annuale camerale)  deroghe al diritto societario (riduzione capitale per perdite; categorie di soci con diritti diversi ecc)  remunerazione di soci, dipendenti e collaboratori attraverso assegnazione di quote, azioni  agevolazioni alle assunzioni di personale  incentivi all’investimento (detrazioni; raccolta online; accesso al Fondo Centrale di Garanzia)  esclusione dalle procedure concorsuali START-UP INNOVATIVA 4/5START-UP INNOVATIVA 4/5
  22. 22. START-UP INNOVATIVA 5/5START-UP INNOVATIVA 5/5 Lo stesso D.L. 76/2013 contiene inoltre una serie di interventi significativi anche sul fronte delle imprese innovative start-up, di cui vengono semplificati e ampliati i requisiti per l’accesso alla normativa. In particolare, le modifiche hanno riguardato i seguenti aspetti: a) è stato abrogata la disposizione che richiedeva ai soci persone fisiche, al momento della costituzione e per i successivi 24 mesi, di detenere la maggioranza delle quote o azioni rappresentative del capitale sociale e dei diritti di voto nell’assemblea ordinaria; b) è stata ridotta dal 20% al 15% la quota minima di spesa in ricerca e sviluppo richiesta alla società per essere qualificabile come start-up; c) è stato esteso l’accesso al regime agevolato delle società alle imprese con almeno 2/3 della forza lavoro costituita da persone in possesso di una laurea magistrale e alle società titolari di un software originario registrato presso la Siae. Quest’ultima misura è destinata a favorire un incremento importante di start- up innovative nel campo dell’economia digitale.
  23. 23. 24 Le iSRLLe iSRL Le srl innovative!Le srl innovative!
  24. 24. 25
  25. 25. 26
  26. 26. 27 Supporto alle Start-Up:Supporto alle Start-Up: 1) CAPITALE DI RISCHIO1) CAPITALE DI RISCHIO
  27. 27. 28
  28. 28. 29
  29. 29. 30
  30. 30. Il Decreto DigitaliaIl Decreto Digitalia 31 D.L. 18 ottobre 2012 n.179: misure fiscali pro startup Istituzione della iSRL (‘impresa start-up innovativa’impresa start-up innovativa’) 1. Contratti flessibili per dipendenti (tempo determinato sino a 4 anni)(tempo determinato sino a 4 anni) 2. Agevolazioni per assunzioni (credito d’imposta del 35% del costo aziendale(credito d’imposta del 35% del costo aziendale di tale personale, nel limite massimo di 200mila euro annui per impresa)di tale personale, nel limite massimo di 200mila euro annui per impresa) 3. Remunerazione attraverso quote per i fornitori di servizi 4. Accesso al credito facilitato (sezione speciale del Fondo Centrale di Garanzia per le PMI, Garanzia 80%)Garanzia 80%) Investimenti privati facilitati • Defiscalizzazione di investimenti privati (detrazione d’imposta del 19%)(detrazione d’imposta del 19%) • Raccolta di capitali da piccoli risparmiatori (crowdfunding)(crowdfunding) Ecosistema startup trasparente e coordinato • Certificazione e facilitazioni per incubatori • Obblighi di trasparenza per le startup innovative Exit (quotazione e acquisizione), fallimenti e liquidazioni facilitati Sinergia, attrazione di capitali Startup biettivo: talia come territorio preferenziale dove fare startup
  31. 31. INCUBATORE O ACCELERATORE DI START-UPINCUBATORE O ACCELERATORE DI START-UP L’incubatore di start-up innovative certificato (incubatore certificato) è una società di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero una Societa’ Europea, residente in Italia, che offre servizi per sostenere la nascita e lo sviluppo di start-up innovative ed è in possesso dei seguenti requisiti: a) dispone di strutture, anche immobiliari, adeguate ad accogliere start-up innovative, quali spazi riservati per poter installare attrezzature di prova, test, verifica o ricerca; b) dispone di attrezzature adeguate all'attività delle start-up innovative, quali sistemi di accesso in banda larga alla rete Internet, sale riunioni, macchinari per test, prove o prototipi; c) è amministrato o diretto da persone di riconosciuta competenza in materia di impresa e innovazione e ha a disposizione una struttura tecnica e di consulenza manageriale permanente; d) ha regolari rapporti di collaborazione con università, centri di ricerca, istituzioni pubbliche e partner finanziari che svolgono attività e progetti collegati a start-up innovative; e) ha adeguata e comprovata esperienza nell'attività di sostegno a start- up innovative. 32
  32. 32. LE IMPRESE
  33. 33. SRL SEMPLIFICATA 1/2SRL SEMPLIFICATA 1/2 cos’è  variante della srl pensata per favorire l’avvio dipensata per favorire l’avvio di impreseimprese da parte di giovani under 35da parte di giovani under 35 quando è nata  29 agosto 2012 (DM Giustizia 23/6/2012 pubblicato in G.U. il 14/8/2012) come è nata  il d.l. 1/2012 (decreto “liberalizzazioni”) l’ha istituita inserendo nel codice civile un nuovo articolo (2463 bis)  ULTIME MODIFICHE Sulla Gazzetta ufficiale n. 150 del 28 giugno scorso è stato pubblicato il  D.L. 28 giugno 2013, n. 76, c.d. «decreto lavoro»
  34. 34. caratteri distintivi  soci solo persone fisiche al di sotto dei 35 anni (anche unipersonale)  capitale da 1 a 9.999,99 euro  conferimenti solo in denaro  costituzione con atto pubblico, con esenzione da bolli, diritti e onorari (ma non dal diritto annuale camerale)  obbligo di attenersi allo “statuto standard” e di precisare nella denominazione che si tratta di “srl semplificata”  possibilità di affidare l'amministrazione solo a soci SRL SEMPLIFICATA 2/2SRL SEMPLIFICATA 2/2
  35. 35. 36 Un Esempio: hub internazionale di Start-Up Team operativo Snello (3-7 persone), giovane Fondo Erogazione finanziamenti in fase 2 Fornitori provinciali Per alloggi universitari, alloggi privati, trasporti pubblici, altri servizi provinciali Network di mentori Esterni, di prestigio, a chiamata Network di investitori Contatto continuo durante tutte le fasi Talenti imprenditoriali Reperimento da tutto il mondo Forte marchio Programma di comunicazione internazionale Programma di ricaduta sul territorio Meccanismi specialmente studiati per la ricaduta di valore aggiunto, oltre alla naturale creazione di nuovi posti di lavoro Incubatore Eventi ComunitàSpazi e uffici Formazione Affiancamento imprenditoriale Network di territori Relazioni per attirare i veri talenti
  36. 36. www.erasmus-entrepreneurs.euwww.erasmus-entrepreneurs.eu
  37. 37. PRINCIPALI MISURE AGEVOLATIVEPRINCIPALI MISURE AGEVOLATIVE NAZIONALI E REGIONALI PERNAZIONALI E REGIONALI PER INIZIARE UNA NUOVA ATTIVITA’INIZIARE UNA NUOVA ATTIVITA’ • INVITALIA Autoimpiego (fondi esauriti aprile 2013 – Rifinanziata col Decreto de fare) • Italia Lavoro Impresa Continua • INPS anticipo Aspi e mobilità • L.R. n.5/2003 Sviluppo Cooperative • Start up innovativi marchigiane • Giovani imprenditori agricoli • Agevolazioni fiscali startup
  38. 38. 02/07/13 40 AUTOIMPIEGO:AUTOIMPIEGO: Lavoro autonomo e MicroimopresaLavoro autonomo e Microimopresa La legge che agevola l'Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione. La legge, la cui gestione è affidata a INVITALIA, prevede la concessione di agevolazioni finanziarie (contributo a fondo perduto e mutuo a tasso agevolato) e di servizi di assistenza tecnica per : •Lavoro AutonomoLavoro Autonomo (in forma di ditta individuale), con investimenti complessivi previsti fino a € 25.823 •MicroimpresaMicroimpresa (in forma di società di persone), con investimenti complessivi previsti fino € 129.114 Fondi esauriti ad aprile 2013 Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa
  39. 39. BENEFICIARI:BENEFICIARI: persone fisiche che intendono avviare un'attività di lavoro autonomo in forma di ditta individuale o una società di persone (Snc o Sas) nel caso di Microimpresa. Il proponente (nel caso di “Lavoro Autonomo”) o il 50% dei soci (nel caso di “Microimpresa”) devono essere in possesso dei seguenti requisiti: • maggiorenne alla data di presentazione della domanda • non occupato alla data di presentazione della domanda COSA FINANZIACOSA FINANZIA Le spese di investimento e di gestione considerate “ammissibili” ai fini del calcolo dell’ammontare delle agevolazioni sono: per l’investimento • attrezzature e macchinari (anche usati), impianti e allacciamenti; • beni immateriali a utilità pluriennale; • ristrutturazione di immobili, entro il limite massimo del 10% del valore degli investimenti. per la gestione • materiale di consumo, semilavorati e prodotti finiti, nonché altri costi inerenti al processo produttivo; • utenze e canoni di locazione per immobili; • oneri finanziari (con l'esclusione degli interessi del mutuo agevolato); • prestazioni di garanzie assicurative sui beni finanziati.
  40. 40.  QUANTO FINANZIA Massimali finanziabili Agevolazioni massime ottenibili Lavoro autonomo Microimpresa Costi investimento € 25.823 € 129.115 Costi di gestione 1° anno € 5.165 € 32.911 Totale € 30.988 € 162.026 Mutuo agevolato € 14.494 € 81.013 Fondo perduto su investimenti € 9.328 € 48.101 Contributo in conto gestione € 5.165 € 32.911 Preammortamento 6 mesi € 65 € 170 Rata trimestrale € 750 € 3.033 Totale mutuo da rimborsare € 15.065 € 85.094 Durata mutuo 5 anni 7 anni
  41. 41. LAVORO AUTONOMO A CHI SI RIVOLGE • persone fisiche che intendono avviare un'attività di lavoro autonomo in forma di ditta individualelavoro autonomo in forma di ditta individuale (anche artisti e liberi professionisti)(anche artisti e liberi professionisti).. I proponenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti: - maggiorenne alla data di presentazione della domanda - non occupato alla data di presentazione della domanda Fondi esauriti ad aprile 2013
  42. 42. LAVORO AUTONOMO ATTIVITÀ FINANZIABILI • Le iniziative agevolabili possono riguardare qualsiasi settore (produzione di beni, fornitura di servizi, commercio). Non sono agevolabili le attività che si riferiscono a settori esclusi dal CIPE o da disposizioni comunitarie. • Produzione primaria di prodotti agricoli di cui all’allegato I del Trattato CE • Pesca e acquacoltura • Sono inoltre esclusi gli aiuti destinati all’acquisto di veicoli per il trasporto di merci su strada da parte di imprese che effettuano trasporto di merci su strada per conto terzi.
  43. 43. MICROIMPRESA A CHI SI RIVOLGE • A persone che intendono avviare un’attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di societàsocietà di personedi persone: - SNC Società in Nome Collettivo - SAS Società in Accomandita Semplice. • Per presentare la domanda, almeno la metà numerica dei soci che detiene almeno la metà delle quote, deve essere: - maggiorenne alla data di presentazione della domanda - non occupato alla data di presentazione della domanda Fondi esauriti ad aprile 2013
  44. 44. MICROIMPRESA ATTIVITÀ FINANZIABILI • Le iniziative possono riguardare la produzione di beni e la fornitura di servizi (il commercio è escluso). • Non sono agevolabili le attività che si riferiscono a settori esclusi dal CIPE o da disposizioni comunitarie. • In particolare sono escluse: - Produzione primaria di prodotti agricoli di cui all’allegato I del Trattato CE - Pesca e acquacoltura • Sono inoltre esclusi gli aiuti destinati all’acquisto di veicoli per il trasporto di merci su strada da parte di imprese che effettuano trasporto di merci su strada per conto terzi.
  45. 45. FRANCHISING A CHI SI RIVOLGE • E’ rivolta a persone fisiche o società (di persone o dipersone fisiche o società (di persone o di capitali) di nuova costituzionecapitali) di nuova costituzione che intendono avviare un'attività imprenditoriale in franchising, da realizzare con Franchisor convenzionati con l'Agenzia. • Sono ESCLUSE le società di fatto e le società aventi scopi mutualistici. • Per presentare la domanda il titolare della ditta individuale o, nel caso di società, almeno la metà numerica dei soci che detiene almeno la metà del capitale sociale o delle quote, deve essere: - maggiorenne alla data di presentazione della domanda - non occupato alla data di presentazione della domanda Fondi esauriti ad aprile 2013
  46. 46. FRANCHISING ATTIVITÀ FINANZIABILI • Le iniziative agevolabili possono riguardare la commercializzazione di beni e di servizi, mediante la formula dell'affiliazione in Franchising. • Non sono agevolabili le attività che si riferiscono a settori esclusi dal CIPE o da disposizioni comunitarie. • In particolare sono escluse: • Produzione primaria di prodotti agricoli di cui all’allegato I del Trattato CE • Pesca e acquacoltura • Sono inoltre esclusi gli aiuti destinati all’acquisto di veicoli per il trasporto di merci su strada da parte di imprese che effettuano trasporto di merci su strada per conto terzi.
  47. 47. LO SVILUPPO DI ATTIVITÀ IMPRENDITORIALILO SVILUPPO DI ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI LAVORATORI DISOCCUPATI, MOBILITÀ O CIGLAVORATORI DISOCCUPATI, MOBILITÀ O CIG  Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha emanato il Decreto Interministeriale n. 49409 del 18 dicembre 2009, con la quale sono stati previsti degli incentivi per i lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali (CIG e MOBILITA’) che vogliono avviare una nuova attività imprenditoriale.  Incentivi art 7-ter co 7 D.l. 5/2009  Il beneficio per permettere l’avvio di attività imprenditoriali è erogato dall’INPS e, consiste nella liquidazione del trattamento di sostegno del reddito ( indennità di disoccupazione o ammortizzatore sociale in deroga) per un numero di mensilità pari a quelle autorizzate e non ancora percepite.
  48. 48. AVVIO DI ATTIVITA’ AUTONOMAAVVIO DI ATTIVITA’ AUTONOMA ED ANTICIPO ASPIED ANTICIPO ASPI Il comma 19 dell'articolo 2 della legge di riforma del mercato del lavoro ha previsto, in via sperimentale per il triennio 2013-2015, LA POSSIBILITÀ DI RICHIEDERE LA LIQUIDAZIONE IN UN'UNICALA POSSIBILITÀ DI RICHIEDERE LA LIQUIDAZIONE IN UN'UNICA SOLUZIONE DELLE MENSILITÀ SPETTANTI E NON ANCORASOLUZIONE DELLE MENSILITÀ SPETTANTI E NON ANCORA PERCEPITE DELL'ASSICURAZIONE SOCIALE PER L'IMPIEGOPERCEPITE DELL'ASSICURAZIONE SOCIALE PER L'IMPIEGO O DELLA SUA VERSIONE RIDOTTA (MINI ASPI). Questa opzione può essere esercitata se si vuole avviarese si vuole avviare un'attività di lavoro autonomo, ovvero per avviare un'attività inun'attività di lavoro autonomo, ovvero per avviare un'attività in forma di auto impresa o di micro impresa, o per associarsi informa di auto impresa o di micro impresa, o per associarsi in cooperativa.cooperativa. Il decreto ammette anche la possibilità di «sviluppare a tempo pieno un'attività autonoma già iniziata durante il rapporto di lavoro dipendente la cui cessazione ha dato luogo all'Aspi o alla mini Aspi».
  49. 49. Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) 2000/06 e 2007/13 Interventi finalizzati all’incremento e alla stabilizzazione dell’occupazione attraverso il sostegno alla ricerca, alla creazione e sviluppo di nuove unità produttive e alle start up innovative nel territorio marchigianoalle start up innovative nel territorio marchigiano Nello specifico si tratta di: 1.un intervento pari ad € 7.888.069,00 riservato ai Comuni dellaai Comuni della Regione Marche previsti dall’Accordo di Programma Antonio MerloniRegione Marche previsti dall’Accordo di Programma Antonio Merloni – Atto integrativo del 18 ottobre 2012; 2.un intervento pari ad € 2.888.069,00 riservato ai Comuni del Piceno;Comuni del Piceno; 3.3.un intervento pari € 4.354.000,00 destinato a tutti iun intervento pari € 4.354.000,00 destinato a tutti i Comuni dellaComuni della Regione eccettuati quelli rientranti nell’ADP Antonio MerloniRegione eccettuati quelli rientranti nell’ADP Antonio Merloni – Atto– Atto integrativo del 18 ottobre 2012.integrativo del 18 ottobre 2012. Bando a sportello:Bando a sportello: a partire dal 31 maggio 2013a partire dal 31 maggio 2013
  50. 50. TIPOLOGIE DI PROGETTI AGEVOLABILITIPOLOGIE DI PROGETTI AGEVOLABILI 1. progetti di investimento produttivo, finalizzati alla creazione di nuove unità produttive o all’ampliamento di unità produttive esistenti sotto forma di aumento capacità produttiva, diversificazione della produzione in nuovi prodotti aggiuntivi, cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo, riattivazione. 2. progetti di sviluppo sperimentale, come definito al successivo art. 4, solo se riconducibile ad un progetto di investimento di cui al paragrafo 3.1), in un’ottica di sussidiarietà/funzionalità al processo di produzione dei prodotti/servizi finali. Sono agevolabili anche progetti di sviluppo sperimentale riconducibili a progetti presentati a valere sulla legge 181/89 3.3. sostegno alle start up innovativesostegno alle start up innovative:: sostegno alle piccole imprese di nuovasostegno alle piccole imprese di nuova costituzione checostituzione che,, enro 24 mesi da approvazione siano in grado dienro 24 mesi da approvazione siano in grado di sviluppare, produrre e commercializzaresviluppare, produrre e commercializzare prodotti o servizi innovativi adprodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico, ovvero processi produttivi tecnologicamentealto valore tecnologico, ovvero processi produttivi tecnologicamente nuovi o sensibilmente migliorati rispetto al settore interessatonuovi o sensibilmente migliorati rispetto al settore interessato.. Per i progetti di sostegno allePer i progetti di sostegno alle start up innovativestart up innovative non sono ammissibili lenon sono ammissibili le domande didomande di contributo presentate da persone fisichecontributo presentate da persone fisiche: all’atto della: all’atto della presentazione della domanda formale di agevolazione la nuova impresapresentazione della domanda formale di agevolazione la nuova impresa innovativa deve essere costituita e registratainnovativa deve essere costituita e registrata.
  51. 51. Ciascun progetto d’impresa deve prevedere necessariamente, ai fini dell’ammissibilità a contributo, un incremento dell’occupazione secondo il rapporto indicativo di 1 unità/€150.000,00 di investimento. Eventuali scostamenti dovranno essere opportunamente e tecnicamente motivati. Resta ferma la necessità di garantire almeno n. 1 unità di incremento. Relativamente ai progetti di sostegno alle start up innovative 1.nel caso in cui la data di costituzione della nuova impresa innovativa sia inferiore ai 24 mesi precedenti la presentazione della domanda di agevolazione, l’incremento occupazionale si intende soddisfatto anche con i soci dell’impresa stessa; 2.nel caso in cui la nuova impresa innovativa sia costituita da oltre 24 mesi a decorrere dalla data di presentazione della domanda di agevolazione, il progetto deve prevedere un incremento occupazionale con il medesimo meccanismo previsto per i progetti di cui al paragrafo 3.1, cioè secondo un rapporto indicativo di 1 unità/ €150.000,00 di investimento; eventuali scostamenti dovranno essere opportunamente e tecnicamente motivati. Relativamente ai progetti di sostegno alle start up innovativeRelativamente ai progetti di sostegno alle start up innovative sono agevolabili le iniziative imprenditoriali volte alla nascita esono agevolabili le iniziative imprenditoriali volte alla nascita e sviluppo di start up innovative che prevedono spese ammissibilisviluppo di start up innovative che prevedono spese ammissibili per un importo complessivo compreso tra € 150.000,00 e €per un importo complessivo compreso tra € 150.000,00 e € 450.000,00.450.000,00.
  52. 52. TIPOLOGIA E MISURA AGEVOLAZIONETIPOLOGIA E MISURA AGEVOLAZIONE Agevolazione sotto forma di contributo in conto capitale, secondo le intensità di aiuto previste dagli artt. 15, 26 e 31 del Reg. (CE) 800/2008 Il contributo in conto capitale viene concesso secondo le seguenti intensità di aiuto: •50% dei costi totali ammissibili nel caso in cui il progetto imprenditoriale preveda un incremento occupazionale che, per almeno il 25%, derivi da situazioni di mobilità o, nell’area compresa nell’AdP Merloni, personale proveniente dalla ex Merloni in A.S. La condizione si intende rispettata con riferimento al rapporto indicativo € 150.000,00/addetto e arrotondamento all’unità superiore; •40% negli altri casi, ossia nei casi in cui l’incremento occupazionale derivante da situazioni di mobilità o personale proveniente dalla ex Merloni in A.S. nell’area dell’ADP Merloni, sia inferiore al 25%. L’apporto minimo necessario per l’accesso alle agevolazioni da parte dell’impresa beneficiaria deve essere realizzato, in misura pari ad almeno il 25% dei costi ammissibili, attraverso risorse proprie o mediante finanziamento esterno, in una forma che prescinda da qualsiasi intervento pubblico.
  53. 53. INVESTIMENTI E COSTI DI GESTIONE AMMISSIBILI A CONTRIBUTOINVESTIMENTI E COSTI DI GESTIONE AMMISSIBILI A CONTRIBUTO •Costi per investimenti materiali e immateriali necessari per l’avvio dell’iniziativa imprenditoriale innovativa: nuovo acquisto o già acquistati (solo per i costi di ammortamento); •Costi necessari all’avvio e funzionamento della nuova impresa innovativa (nella misura massima del 30% delle spese sostenute per investimenti in immobilizzazioni materiali e immateriali): •spese per la locazione di spazi e strutture idonee per l’insediamento della nuova impresa e per la realizzazione di opere per la ristrutturazione e adeguamento funzionale dei locali per l’attività d’impresa o necessarie alla installazione di impianti, macchinari ed attrezzature; •spese di marketing e per attività promo-pubblicitarie connesse al lancio di un nuovo prodotto e/o servizio e per la partecipazione a fiere e workshop; •costi di esercizio sostenuti direttamente per effetto dell’attività di innovazione, quali spese per materie prime, componenti, semilavorati, materiali commerciali, ecc. con esclusione dei costi legati all’attività di routine; •spese per utenze funzionali (energia, telefono, internet, acqua, ecc.) all’attività d’impresa nel periodo di riferimento; •spese per aggiornamento specialistico effettuato dal personale dipendente o con contratto di collaborazione coinvolto nello sviluppo dell’attività di innovazione. •Costi per servizi di consulenza prestati da terzi in relazione al piano di sviluppo aziendale dell’iniziativa innovativa (nella misura massima del 7% delle spese sostenute per investimenti in immobilizzazioni materiali e immateriali): •spese per la redazione del business plan, per studi di fattibilità e per studi di mercato; •spese per i servizi di consulenza specialistica in materia di innovazione. •Costi per personale e collaboratori a progetto (nella misura massima del 30% delle spese sostenute per investimenti in immobilizzazioni materiali e immateriali) •Spese relative ai collaboratori a progetto e al personale dipendente, impiegati nello sviluppo dell’iniziativa innovativa finanziata e nella misura di effettivo impiego
  54. 54. Sono agevolabili, fatti salvi i divieti e le limitazioni derivanti dalle vigenti specifiche normative dell’Unione Europea i programmi di investimento promossi nei settori, di seguito elencati, di cui alla Classificazione delle attività economiche ISTAT 2007. Le attività devono essere comprovabili dall’impresa attraverso la puntuale esposizione, nel piano descrittivo, del proprio ciclo tecnologico, delle produzioni effettuate e/o di quelle previste. Sezione B Estrazione di minerali da cave e miniere Sezione C Attività manifatturiere Sezione F Costruzioni Sono inoltre agevolabili i programmi di investimenti promossi nel settore dei servizi che riguardino una o più delle seguenti attività(1) , individuate con riferimento alla Classificazione delle attività economiche ISTAT 2007 37.00.0* Raccolta e depurazione delle acque di scarico 38.11.0** Raccolta di rifiuti solidi non pericolosi 38.12.0** Trattamento e smaltimento di rifiuti non pericolosi; produzione di compost 38.21.0** Trattamento e smaltimento di rifiuti pericolosi 38.32.1 Recupero e preparazione per il riciclaggio di cascami e rottami metallici 38.32.2 Recupero e preparazione per il riciclaggio di materiale plastico per produzione di materie prime plastiche, resine sintetiche 38.32.3 Recupero e preparazione per il riciclaggio dei rifiuti solidi urbani, industriali e biomasse 52.10.10 Magazzini di custodia e deposito per conto terzi 52.10.20 Magazzini frigoriferi per conto terzi 52.29.10 Spedizionieri e agenzie di operazioni doganali 52.29.21 Intermediari dei trasporti 52.29.22 Servizi logistici relativi alla distribuzione delle merci 58.21.0 Edizioni di giochi per computer 58.29.0 Edizione altri software 59.11.0° Attività di produzione cinematografica, di video e di programmi televisivi 59.12.0° Attività di post-produzione cinematografica, di video e di programmi televisivi 59.20.3° Studi di registrazione sonora 61.90.1 Erogazione di servizi di accesso ad internet (ISP) 62.01.0 Produzione di software non connesso all’edizione 62.02.0 Consulenze nel settore delle tecnologie dell’informatica 62.03.0 Gestione di strutture e apparecchiature informatiche hardware – housing (esclusa la riparazione) 63.11.1 Elaborazione dati 63.11.2 Gestione database (attività delle banche dati) 63.11.3 Hosting e fornitura di servizi applicativi (ASP) CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA’ ECONOMICHE AMMESSE
  55. 55. 57 Percorso di Informazione e Orientamento Parte I – L’Avviso pubblico Parte II – La modulistica Parte III – Il colloquio di orientamento
  56. 56. 58 Parte I – Destinatari dell’iniziativa • Uomini e donne, di età compresa tra i 18 ed i 60 anni, residenti nella Regione Marche da almeno 12 mesi, appartenenti ad una delle seguenti categorie (in caso di società tutti i soci devono essere in possesso dei requisiti indicati): • Disoccupati/e o inoccupati/e • Lavoratori/Lavoratrici in Cassa Integrazione Ordinaria (CIG), Straordinaria (CIGS) o in deroga • Donne occupate “over 35” (a condizione che al momento della sottoscrizione del contratto di finanziamento sia disoccupata)
  57. 57. 59 Parte I - Requisiti • Non aver subito protesti per assegni o cambiali negli ultimi 5 anni
  58. 58. 60 Parte I – Ambiti di intervento • Le attività finanziabili sono le seguenti: • Commercio • Artigianato • Servizi
  59. 59. 61 Parte I – Ambiti di intervento • E' possibile rilevare un'attività già esistente, purché tale attività non sia gestita da soggetti che abbiano con l’interessato un legame parentale. • La sede della nuova impresa avviata, sia legale che operativa, dovrà essere situata nel territorio della Regione Marche. • • I soggetti richiedenti non dovranno aver già costituito l’Impresa Individuale o la Società in data antecedente a quella della presentazione della domanda di ammissione all’iniziativa, né aver aperto Partita Iva.
  60. 60. 62 Parte I – Importi e caratteristiche del finanziamento • Il Prestito d’Onore è un finanziamento privo di garanzia, erogato ad un tasso fisso del 3,20%. • L’importo erogato e i relativi interessi vanno integralmente rimborsati in rate trimestrali posticipate a partire dal secondo anno dalla data di sottoscrizione del contratto e per i successivi 5 anni. • Alla fine del primo anno è previsto il pagamento degli interessi relativi ai primi 12 mesi. • Gli importi massimi del finanziamento sono: • € 25.000: per ditte individuali e società con 2 soci • € 50.000: per società con almeno 3 soci. Le Società in Accomandita Semplice possono beneficiare di tale importo solo se almeno 3 soci rivestono la qualifica di accomandatari.
  61. 61. 63 Parte II – La modulistica La domanda di ammissione all’iniziativa “Prestito d’Onore regionale” deve essere presentata utilizzando esclusivamente gli Allegati: - A (per le Imprese Individuali) / B (per le Società): Domanda di ammissione - C: Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà - D: Profilo dell’imprenditore - E: Il progetto di impresa, unitamente alla seguente documentazione da consegnare ad integrazione dell’Allegato E: • preventivi delle spese finanziabili come dettagliato nel “Piano di utilizzo del Prestito d’Onore regionale” (Tabella 19 - Allegato E); • documentazione comprovante il possesso dei requisiti tecnico- professionali (es: abilitazioni, licenze, qualifiche professionali, ecc) necessari ai fini dello svolgimento dell’attività di impresa; • in caso di acquisizione di attività esistente: situazione contabile aggiornata.
  62. 62. 64 Parte I – Valutazione delle domande La Banca, a suo insindacabile giudizio, effettuerà la valutazione del progetto secondo i seguenti criteri: • ordine cronologico della presentazione della domanda completa in ogni sua parte; • coerenza fra le caratteristiche del richiedente indicate nella domanda (affidabilità, competenza, professionalità, etc…) ed il progetto proposto; • validità economica e finanziaria del progetto (ovvero la capacità della nuova iniziativa economica di generare ricavi tali da coprire i costi e garantire, a regime, reddito per l’imprenditore; capacità di rimborsare il finanziamento); • rapida realizzazione tecnica del progetto; • congruità delle spese previste nel progetto; • fattibilità tecnica (intesa come adeguatezza delle dotazioni tecniche della nuova iniziativa economica, della forma organizzativa prescelta, etc…). L’esito della valutazione sarà comunicato entro 30 giorni dalla presentazione di tutta la documentazione.
  63. 63. 65 Parte I – Erogazione del finanziamento Il finanziamento concesso verrà erogato dietro presentazione della documentazione comprovante l’avvenuta iscrizione al Registro delle Imprese e con le seguenti modalità: - 30% al momento della sottoscrizione - il restante 70% dietro presentazione dei giustificativi di spesa in massimo ulteriori due somministrazioni di credito entro 6 mesi dalla stipula del contratto stesso La seconda somministrazione del credito è inoltre subordinata alla presentazione della documentazione – laddove prevista - che legittima l’utilizzo del locale in cui viene svolta l’attività d’impresa (es. contratto di locazione, contratto di comodato d’uso, etc…). Per le somministrazioni successive al primo 30% dovrà essere consegnato anche l'Allegato L sottoscritto dal Tutor. La terza e ultima somministrazione del credito - di importo non inferiore al 20% dell’intero finanziamento concesso - resta subordinata alla presentazione dell’attestato di frequenza del percorso formativo.
  64. 64. 66 Parte I – Piano di rimborso ESEMPIO DI RIMBORSO FINANZIAMENTO ACCORDATO: 25.000 EURO Anno 1* Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno 5 Anno 6 € 750,00 €   5.430,50 €   5.430,50   €   5.430,50 €   5.430,50   €   5.430,50   (*) Importo relativo alla rata di soli interessi la cui determinazione varia in funzione sia delle date in cui sono state effettuate le somministrazioni che dell’importo del credito somministrato
  65. 65. 67 Parte I – Spese ammissibili Il finanziamento concesso deve essere utilizzato esclusivamente per far fronte alle spese di costituzione, agli investimenti ed alla gestione della nuova iniziativa economica. Tutte le spese sono ammissibili al lordo dell’IVA. Sono previste le seguenti limitazioni: • spese per acquisto di materie prime: massimo 10% del finanziamento concesso; • spese per ristrutturazione di immobili: massimo 10% del finanziamento concesso.
  66. 66. 68 Parte I – Spese ammissibili TIPOLOGIA DI SPESA ALLEGARE PREVENTIVO Macchinari e attrezzature di produzione SI Ristrutturazione immobili (max. 10%) SI Impianti generici SI Utensileria SI Automezzi SI Arredi e macchine per ufficio SI Attrezzature informatiche e software SI Brevetti o licenze di commercializzazione SI Merci e scorte (max. 10%) SI Promozione e pubblicità SI Coperture assicurative SI Prestazione di servizi (specificare la tipologia) SI Altri investimenti documentabili con preventivi (specificare) SI Canoni di locazione NO Utenze NO Liquidità (max. 30% - pari all’anticipo erogato in fase di sottoscrizione del contratto) NO Altro (specificare) NO
  67. 67. 69 Parte I - Azioni a sostegno della creazione e dello sviluppo di nuove imprese 1. Attività di accompagnamento alla presentazione della domanda di ammissione • Informazione ed orientamento • Supporto di un Tutor nella predisposizione della domanda di ammissione al Prestito d’Onore 2. Servizi di assistenza tecnica ai beneficiari, in fase di start up • Supporto per l'avvio e la crescita dell'idea imprenditoriale (affiancamento del Tutor per 12 mesi dalla data di sottoscrizione del contratto) • Formazione (24 ore) • Consulenza specialistica • Network delle nuove imprese
  68. 68. PROVVEDIMENTI PER LO SVILUPPOPROVVEDIMENTI PER LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE.DELLA COOPERAZIONE. Legge regionale 16 aprile 2003, n. 5 QUADRO ATTUATIVO ANNO 2013 BENEFICIARI: • cooperative • loro consorzi • cooperative sociali di cui alla LR n. 34/2001 • con sede legale e operativa in regione, iscritte al Registro Imprese della Camera di Commercio ed al Registro Prefettizio (sezioni produzione e lavoro, sociali o miste). • Sono escluse dai benefici le cooperative del settore dei trasporti, dell’agricoltura (produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli: allegato I del trattato della Comunità europea), della pesca, dell’acquacoltura e dell’esportazione (Regolamento CE n°69/2001 del 12/01/2001).
  69. 69. SOSTEGNO ALLE NUOVE COOPE- RATIVE (costituite dal 1° gennaio 2012) Contributo a fondo perduto per: a) investimenti effettuati fino al 50% degli investimenti (massimo 40.000 €) ed a un massimo di 10.000 € per addetto a) spese di gestione sostenute nel primo anno di attività 25% delle spese sostenute, fino a un massimo di 10.000 € a) assistenza tecnica attraverso un tutor in fase di avvio dell'attività fino a 6.000 € e per un periodo non superiore a un anno PROVVEDIMENTI PER LO SVILUPPO DELLAPROVVEDIMENTI PER LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE.COOPERAZIONE. Legge regionale 16 aprile 2003, n. 5 QUADRO ATTUATIVO ANNO 2013
  70. 70. • CAPITALIZZAZIONE Finanziamento quinquennale senza interessi (garantito da fideiussione) a fronte del capitale sociale versato importo: pari a due volte l’incremento del capitale sociale versato dai soci dal 1° gennaio dell’anno precedente (per le cooperative esistenti) o tre volte (per le cooperative neo-costituite), Importo max prestito: 60.000 € Restituzione: in 6 rate semestrali a partire dal 3° anno PROVVEDIMENTI PER LO SVILUPPO DELLAPROVVEDIMENTI PER LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE.COOPERAZIONE. Legge regionale 16 aprile 2003, n. 5 QUADRO ATTUATIVO ANNO 2013
  71. 71. • C/ CAPITALE INVESTIMENTIINNOVATIVI effettuati dal 1° gennaio 2010 o da effettuare Contributi in conto capitale per investimenti innovativi: macchinari e attrezzature, ricerca e sviluppo, brevetti- licenze- marchi, certificazione di qualità e ambientale, marcatura CE, trasferimento tecnologico, Ulteriori costi ammissibili a valere sul bando: hardware e software e spese implementazione (consulenze informatiche), tecnologie e servizi e-commerce, studi e consulenze per l'aggregazione di cooperative, studi relativi a pianifcazione, controllo di gestione ed analisi dei costi, costi introduzione qualità etica, costi per studi e consulenze di marketing e per la creazione di reti commerciali o distributive.40% del costo ammissibile contributo massimo: 30.000 €limite minimo degli investimenti: 10.000 € PROVVEDIMENTI PER LO SVILUPPO DELLAPROVVEDIMENTI PER LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE.COOPERAZIONE. Legge regionale 16 aprile 2003, n. 5 QUADRO ATTUATIVO ANNO 2013
  72. 72. Misura 1.1.2. “Insediamento di giovaniMisura 1.1.2. “Insediamento di giovani agricoltori” e “Pacchetto giovani”agricoltori” e “Pacchetto giovani” GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI (fino a 40 anni)GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI (fino a 40 anni) Contributi 2007-2013Contributi 2007-2013 Oltre 50 milioni di euroOltre 50 milioni di euro C/interessi 15.000 Euro + C/capitale 40.000 EuroC/interessi 15.000 Euro + C/capitale 40.000 Euro + C/investimenti 50% a fondo perduto+ C/investimenti 50% a fondo perduto
  73. 73. 75 L’agricoltore multifunzionaleL’agricoltore multifunzionale Imprenditore agricolo CommoditiesCommodities Servizi ambientali paesaggistici Servizi ambientali paesaggistici Servizi educativi e culturali Servizi educativi e culturali Servizi sociali Servizi sociali Servizi riabilitativi/ terapeutici Servizi riabilitativi/ terapeutici Trasformazione agro-alimentare Trasformazione agro-alimentare CommercializzCommercializz Artigianato tipico Artigianato tipico Turismo, svago intrattenimento ristorazione sport Turismo, svago intrattenimento ristorazione sport Valorizzazione prevalente MERCATOMERCATO STATOSTATO PART-TIME IN ALTRI SETTORI PART-TIME IN ALTRI SETTORI Prodotti agric. di qualità Prodotti agric. di qualità Bando Regione MarcheBando Regione Marche AGRINIDO DI QUALITAAGRINIDO DI QUALITA’’
  74. 74. FINANZIAMENTI A TASSO AGEVOLATOFINANZIAMENTI A TASSO AGEVOLATO ALLE NUOVE IMPRESE ARTIGIANEALLE NUOVE IMPRESE ARTIGIANE (L.R. 20/2003)(L.R. 20/2003) Per i giovani, per le nuove imprese e per le imprese operanti nel settore artigianato artistico prestiti agevolati fino a 60 mesi e sino ad Euro 35.000 (70.000 per consorzi e cooperative) al tasso ridotto del 50%, anziche’ del 30% come per tutte le altre imprese artigiane.
  75. 75. www.fondazionemarche.itwww.fondazionemarche.it La Fondazione Marche è stata costituita il 26 gennaio 2009, quale risultato della transazione tra Francesco Merloni, Gennaro Pieralisi, Mario Pesaresi, Massimo Virgili, Walter Darini da una parte e, dall’altra, Banca popolare di Ancona e BPU, che prevedeva l’impegno da parte di BPU e BPA di destinare l’importo di Euro 15.000.000 a favore della futura Fondazione Marche, costituita dai soggetti sottoscrittori e dall’Associazione Azionisti Banca Popolare di Ancona e controllate. La Fondazione non ha scopo di lucro ed opera esclusivamente nell’interesse del territorio della Regione Marche.
  76. 76. Start Up di imprese innovative La Fondazione Marche intende promuovere la creazione di nuove imprese innovative, operanti principalmente nei settori agro-alimentare, biologia, ambiente, energia, domotica, elettronica, servizi al settore sanitario, servizi alle imprese, turismo e intrattenimento, fornendo agli aspiranti imprenditori un contributo finanziario e il supporto di tutor nella pianificazione e gestione dell’attività da intraprendere, con lo scopo di contribuire al conseguimento dei risultati auspicati. Dotazione progetto: 500.000 euro in capitale o prestito sull'onore
  77. 77. Start Up di imprese innovative realizzate a seguito di ristrutturazioni o riconversioni. La Fondazione Marche intende sostenere attraverso start up, spin-off o utilizzazioni distart up, spin-off o utilizzazioni di rami di aziende, processi imprenditivirami di aziende, processi imprenditivi innovativiinnovativi al fine di valorizzare idee, persone, attività di ricerca e capacità produttive attraverso processi riorganizzativi e di posizionamento strategico. Dotazione progetto: 1.000.000 euro in capitale o prestito sull'onore.
  78. 78. REGIME FISCALE DI VANTAGGIOREGIME FISCALE DI VANTAGGIO PER L’IMPRENDITORIA GIOVANILEPER L’IMPRENDITORIA GIOVANILE (dal 1° gen 2012)(dal 1° gen 2012) 5% SI APPLICA AI PRIMI 5 ANNI DI ATTIVITA’ E/O SINO AL COMPIMENTO DEL 35° ANNO DI ETA’SI APPLICA AI PRIMI 5 ANNI DI ATTIVITA’ E/O SINO AL COMPIMENTO DEL 35° ANNO DI ETA’ Non aver mai svolto la stessa attività dipendente o autonoma Non aver svolto alcuna attività autonoma nei 3 anni precedenti.
  79. 79. Quali vantaggi offre il nuovo regime dei minimi in vigore dal 1° gennaio 2012? Il Regime dei Minimi è un regime particolarmente agevolato e chi rispetta tutte le condizioni potrà iniziare la sua attività beneficiando di agevolazioni fiscali davvero vantaggiose; 1.tassazione IRPEF 5% sul reddito (in luogo di Irpef progressiva dal 23% e relative addizionali) 2.non dovrà applicare l’IVA sulle fatture emesse, in quanto gli importi fatturati sono esenti dall’applicazione dell’Iva (ma l’Iva sugli acquisti è totalmente indetraibile) 3.non sarà soggetto al versamento dell’IRAP; 4.non sarà soggetto agli STUDI DI SETTORE; 5.non dovrà applicare la RITENUTA D’ACCONTO 20%; 6.non dovrà tenere e registrare le scritture contabili relative all’Iva e alle imposte dirette; 7.non dovrà effettuare le liquidazioni iva periodiche; 8.non dovrà presentare la dichiarazione annuale iva
  80. 80. Grazie per l’attenzione Dr. Giuliano BartolomeiDr. Giuliano Bartolomei FIDEAS SRL - Offida (Ap)FIDEAS SRL - Offida (Ap) Tel. 0736 880843Tel. 0736 880843 Email: fideas@topnet.itEmail: fideas@topnet.it www.www.fideasfideas.it.it Facebook: FideasSrlOffidaFacebook: FideasSrlOffida

×