Your SlideShare is downloading. ×
0
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Dall'open-source agli open-data
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Dall'open-source agli open-data

1,578

Published on

Seminario Università di Camerino …

Seminario Università di Camerino
23 aprile 2012
Open Source, Open Access, Open Government e Open Data
Carlo Vaccari

Published in: Technology
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,578
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
27
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Università di Camerino filosofia OPEN e ICT OPEN - source - access - Government - dataLayout by orngjce223, CC-BY Carlo Vaccari (Istat, UniCam , ISF , MZ , ...) vaccaricarlo@gmail.com http://vaccaricarlo.wordpress.com 1 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 2. This material is distributed under the Creative Commons "Attribution - NonCommercial - Share Alike - 3.0", available atLayout by orngjce223, CC-BY http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/ Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 3. indice Open Information Open Source: Stallman, Raymond, FSF, OSI, OS Software vs. Software Libero, licenze Open Access Open Government Open Data (community, Europa, licenze)Layout by orngjce223, CC-BY 3 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 4. (prei)storia dalla lettera di T. Jefferson a Isaac McPherson (1813) If nature has made any one thing less susceptible than all others of exclusive property, it is the action of the thinking power called an idea, which an individual may exclusively possess as long as he keeps it to himself; but the moment it is divulged, it forces itself into the possession of every one, and the receiver cannot dispossess himself of it. Its peculiar character, too, is that no one possesses the less, because every other possesses the whole of it. He who receives an idea from me, receives instruction himself without lessening mine; as he who lights his taper at mine, receives light without darkening me. That ideas should freely spread from one to another over the globe, for the moral and mutual instruction of man, and improvement of his condition, seems to have been peculiarly and benevolently designed by nature, when she made them,Layout by orngjce223, CC-BY like fire, expansible over all space ... and like the air ... incapable of confinement or exclusive appropriation. 4 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 5. storia 1966: Freedom of Information Act (FOIA): coerente con la convinzione che i cittadini hanno il "diritto di conoscere" I dati del governo La legge impone al governo una serie di regole per permettere a chiunque di sapere come funziona il governo federale, garantendo laccesso totale o parziale a documenti classificati Il provvedimento garantisce la trasparenza della pubblica amministrazione verso il cittadino e la libertà di stampaLayout by orngjce223, CC-BY 5 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 6. Stallman un tempo tutti i software erano “open” e “free” rms al MIT nei primi anni 80 si scontra con i primi sistemi chiusi (PDP e Xerox) 1983: esce dal MIT e lancia GNU (Gnus Not Unix) – lo sviluppo inizia dagli strumenti di sviluppo Emacs e gcc 1985: rms fonda la Free Software Foundation 1989: GPL General Public License → copyleft “permesso di autore” Nota: free software, free as in freedom, not free as a beer!Layout by orngjce223, CC-BY 6 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 7. software libero Libertà 0, o Libertà fondamentale: libertà di eseguire il programma per qualunque scopo, senza vincoli sul suo utilizzo. Libertà 1: libertà di studiare il funzionamento del programma, e di adattarlo alle proprie esigenze. Libertà 2: libertà di redistribuire copie del programma. Libertà 3: libertà di migliorare il programma, e di distribuirne i miglioramenti.Layout by orngjce223, CC-BY dalla fsf 7 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 8. linux nel 1991 Linus Torvalds uno studente finlandese lancia una richiesta su un newsgroup per lo sviluppo di un sistema operativo aperto parte uno dei più grandi processi collettivi di sviluppo con migliaia di programmatori di tutto il mondo gli strumenti GNU sono usati per sviluppare linux (GNU/Linux) oggi kernel linux ancora gestito da Linus, distribuzioni: diversi “impacchettamenti” del kernel linux everywhere: dai supercomputer ai cellulari alle autoLayout by orngjce223, CC-BY internet come strumento indispensabile per consentire il lavoro collettivo 8 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 9. la cattedrale e il bazar Eric S. Raymond nel 1997 pubblica “La cattedrale e il bazar” una riflessione sul modo di sviluppare delle comunità open-source “Nessuna cattedrale da costruire in silenzio e reverenza. Piuttosto, la comunità Linux assomigliava a un grande e confusionario bazar, pullulante di progetti e approcci tra loro diversi (efficacemente simbolizzati dai siti contenenti l’archivio di Linux dove apparivano materiali prodotti da chiunque). Un bazar dal quale soltanto una serie di miracoli avrebbe potuto far emergere un sistema stabile e coerente.” “In realtà ritengo che la mossa più scaltra e consequenziale di Linus non sia stata la costruzione del kernel di Linux in sé, bensì la sua invenzione del modello di sviluppo di Linux. Quando ho espresso questo mio pensiero in sua presenza, sorridendo ha ripetuto conLayout by orngjce223, CC-BY calma quel che va spesso affermando: “Praticamente sono una persona molto pigra cui piace prendersi il merito di quel che sono gli altri a fare.” Pigro come una volpe. Oppure, come avrebbe detto Robert Heinlein, troppo pigro per fallire.” 9 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 10. la cattedrale e il bazar Nel testo elencati principi validi ancora oggi: 1. Ogni buon lavoro software inizia dalla frenesia personale di uno sviluppatore 2. I bravi programmatori sanno cosa scrivere. I migliori sanno cosa riscrivere (e riusare) (ndr: anche Linux nasce da Minix) 3. “Preparati a buttarne via uno; dovrai farlo comunque.” (Fred Brooks, “ The Mythical Man-Month”, Capitolo 11) 4. Se hai l’atteggiamento giusto, saranno i problemi interessanti a trovare te 5. Quando hai perso interesse in un programma, l’ultimo tuo dovere è passarlo a un successore competente 6. Trattare gli utenti come co-sviluppatori è la strada migliore per ottenereLayout by orngjce223, CC-BY rapidi miglioramenti del codice e debugging efficace Rispetto a FSF, accento su maggiore efficacia e qualità dei prodotti software open-source, piuttosto che sugli aspetti etici 10 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 11. open source 1988: Open Source Initiative (OSI - Raymond) definizione “open source”: Libertà di redistribuzione (gratuita o no); Libertà di consultare il codice sorgente; Necessità di approvazione per i prodotti derivati; Integrità del codice sorgente dellautore; Nessuna discriminazione verso singoli o gruppi di persone; Nessuna discriminazione verso i settori di applicazione; La licenza deve essere distribuibile; La licenza non può essere specifica per un prodotto; La licenza non può contaminare altri software;Layout by orngjce223, CC-BY La licenza deve essere tecnologicamente neutrale; 11 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 12. licenze GPL “The General Public License is a copying license which basically says that you have the freedoms we want you to have and that you cant take these freedoms away from anyone else.” (rms) GPLv2 e LGPL (meno restrittiva) rilasciate nel 1991 ora GPLv3 considerata troppo restrittiva, non usata da Linux BSD: licenza vicina al public domain Apache : licenza non-copyleft, lascia la libertà di usare il software derivato sotto qualunque licenzaLayout by orngjce223, CC-BY 12 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 13. la soluzione EUPL EUPL, la prima licenza F/OSS europea, creata per iniziativa della Commissione Europea. Approvata dalla Commissione il 9 gennaio 2007 in tre lingue, validata nel 2008 nelle 22 lingue ufficiali dellUnione Europea Nel 2009 viene adottata una nuova versione (EUPL v.1.1) e nel marzo 2009 EUPL viene certificata dallOSI EUPL è uno strumento legale unico, in quanto elaborato nel rispetto della legge europea e ha valore legale (grazie anche allaLayout by orngjce223, CC-BY traduzione) in tutti gli stati europei Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 14. EUPL Esistono più di 100 licenze “open”: scopo dellEUPL non è competere con queste, ma incoraggiare le PA europee ad abbracciare il modello FLOSS per valorizzare software e conoscenza, a partire dalle stesse istituzioni europee, che la usano per rilasciare software open EUPL è quindi compatibile con alcune licenze copyleft, inclusa la GPLv2 Joinup (prima OSOR Open Source Observatory and Repository), allinterno del progetto IDABC finanziato dalla Commissione Europea: repository, supporto legale etcLayout by orngjce223, CC-BY Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 15. iniziative in europa http://flossimpact.eu/: studio su FLOSS 2007 Neelie Kroes messaggio sullopensource EU strategy 2011-2013: http://ec.europa.eu/dgs/informatics/oss_tech/index_en.htm Uso di OSS quando si riscontrino benefici OSS sempre valutati a fianco dei software proprietari Per i futuri sviluppi promosso luso di prodotti che supportino standard riconosciuti e documentati Per lo sviluppo di nuovi sistemi informativi, se rilasciati fuori dalla Commissione, le soluzioni OSS saranno preferite, ogni qualvoltaLayout by orngjce223, CC-BY sia possibile Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 16. internet come free software 1969: Arpanet per collegare 4 università 1982: separazione di MilNet anni 80: altre reti IBM, DEC, Microsoft ... Internet basata su protocolli aperti e gratuiti TCP/IP gestione da parte di ISOC (politica) e IETF (tecnica) RFC Request For Comments tutti gli standard di Internet sono pubblici e gratuiti: pensate come sarebbe la rete se avessero vinto “gli altri”? dovremmo pagare per usare un protocollo, per progettare un router, per usare un driver, per navigare, per scrivere una mail ...Layout by orngjce223, CC-BY internet sta diventando un “bene comune” (commons) 16 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 17. altro software libero oltre a linux: Apache: il più diffuso webserver al mondo Firefox e Chrome OpenOffice → Libreoffice: il fork più famoso tutti i CMS più diffusi: Wordpress, Joomla, Drupal, … DB: MySQL, PostgreSQL, ... Linguaggi: PHP, Java, Ruby sourceforge: >300k progetti .. e ancora altriLayout by orngjce223, CC-BY 17 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 18. il software open ha già vinto? in occasione dei 20 anni di Linux, “Cosa non avremmo senza il software aperto” (Zemlin): Google Facebook, Twitter e Wikipedia Apple MacOS e iOS il 90% dei 500 supercomputer più veloci del mondo Amazon Kindle e gli altri ebook cellulari Android (>50% degli smartphone) televisori (smart TV e box multimedia, IPTV), elettrodomestici, inLayout by orngjce223, CC-BY futuro auto intelligenti → FLOSS indispensabile per linnovazione 18 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 19. creative commons al di fuori del software il concetto di copyleft è passato ai contenuti (testi, musica, video) con il lavoro di Lawrence Lessig, fondatore delle licenze Creative CommonsLayout by orngjce223, CC-BY 19 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 20. creative commons le licenze CC nascono tra il copyright (all rights reserved) e il public domain → CC = some rights reserved dal 2009 anche CC0 (public domain) dal 2009 Wikipedia viene rilasciata sotto licenza CC BY-SA, in aggiunta alloriginaria GFDL (di FSF)Layout by orngjce223, CC-BY molti repository (v Google, Flickr, Slideshare, …) usano le licenze CC per filtrare i risultati 20 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 21. open access Nel 2001 a Budapest si tiene un convegno promosso dall “ Open Society Institute” con lobiettivo di aumentare gli sforzi in favore della pubblicazione delle ricerche liberamente su internet Nasce così la Budapest Open Access Initiative che sostiene che laccesso libero dà ai lettori uno straordinario potere di trovare e usare I risultati della ricerca e dà agli autori una maggiore misurabile visibilità e un maggiore impatto Due le strategie consigliate: Self-archiving (secondo gli standard Open Archive)Layout by orngjce223, CC-BY Open-access journals (v. DOAJ) 21 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 22. open access Nel 2008, la Commissione europea ha deciso che il 20% della ricerca finanziata dalla Commissione allinterno del 7° PQ deve essere pubblicato come Open Access dopo un embargo di 6-12 mesi; lazione è stata seguita dal Consiglio Europeo della Ricerca (pubblicazione ad accesso aperto dopo 6 mesi), e poi da European Science Foundation (ESF) e dal Consiglio europeo della ricerca (EuroHORCS) OpenAIRE è un repository dove sono depositati i risultati delle ricerche europee – sul sito anche statistiche e lelenco delle risorse open access degli stati europeiLayout by orngjce223, CC-BY World Bank ha rilasciato il sito Open Knowledge dove molte ricerche sono rilasciate con licenze Creative Commons (CC BY e CC BY-NC-ND) 22 Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 23. open government Il primo atto di Obama come presidente USA (gennaio 2009) è stato il “Memorandum on Transparency and Open Government“ che inizia così: “My Administration is committed to creating an unprecedented level of openness in Government. We will work together to ensure the public trust and establish a system of transparency, public participation, and collaboration. Openness will strengthen our democracy and promote efficiency and effectiveness in Government” A dicembre 2009 la Open Government Directive per mettere in pratica il Memorandum: nella Direttiva fissate precise scadenze entro le quali tutte le amministrazioni dovevano mettere in pratica i principi del memorandumLayout by orngjce223, CC-BY Le azioni sono descritte nel sito Open Government Initiative (esempio recovery.gov) Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 24. open government in europe Sempre nel 2009 in Europa una “Open Declaration on European Public Services” ha proposto tre principi fondamentali per i servizi pubblici europei: 1. Trasparenza: - organizzazioni del settore pubblico "trasparenti" per default - informazioni chiare e aggiornate sui processi aministrativi - cittadini in grado di indicare dove aumentare la trasparenza - formati open, standard e riutilizzabili 2. Partecipazione: - input dai cittadini in tutte le attività - collaborazione con i cittadini: competenza base del governo 3. Empowerment: - istituzioni piattaforma per la creazione di valore pubblico - dati e servizi disponibili in modo che altri possano riutilizzarli - fornire risorse per consentire ai cittadini di risolvere problemiLayout by orngjce223, CC-BY - cittadini proprietari dei dati e in grado di controllare come i dati sono condivisi Dichiarazione accettata nella Ministerial Declaration di Malmoe Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 25. open government Raccomandazioni da Tim OReilly: Government as a Platform (v.) Lanciare una direttiva sul “governo aperto” Creare una infrastruttura semplice, affidabile e accessibile al pubblico che pubblichi i dati di città, stato, o agenzia Costruire i siti web e applicazioni usando gli stessi sistemi aperti usati per diffondere laccesso ai dati Condividere le API con il pubblico, utilizzando le API di Data.gov per il governo e creandone di equivalenti a livello locale Condividere il lavoro con altre città, stati o agenzie Rilasciare il software come open source, collaborare con i organismi di standardizzazione, costruire una comune piattaforma di cloudLayout by orngjce223, CC-BY computing, o semplicemente condividere le migliori prassi (cfr. Code for America) Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 26. open government Non re-inventare la ruota: supportare gli standard aperti esistenti e usare software open appena possibile (ad esempio Open311 è un bellesempio di standard aperti adottati da molte città) Creare un elenco di applicazioni software riusabili dagli impiegati pubblici senza bisogno di gare Creare un “app store” che offra applicazioni, sia create dai privati che generate dal governo (v. Apps.DC.gov) Crear linee guida permissive sulluso dei social media da parte dei dipendenti pubblici che consentano agli impiegati di coinvolgere il pubblico, anche senza lautorizzazione dei superiori Sponsorizzare incontri, code-camp e altre attività che consentano ai cittadini di impegnarsi in attività civicheLayout by orngjce223, CC-BY Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 27. open government Open Government Partnership : 73 nazioni che aderiscono all’iniziativa per la realizzazione di azioni funzionali a: un innalzamento del livello di trasparenza nell’azione governativa una efficace lotta alla corruzione un coinvolgimento reale dei cittadini nei processi decisionali l’utilizzo delle nuove tecnologie dell’informazione per migliorare la governance LItalia ha aderito ad aprile 2012 con un Action Plan sottoposto a consultazione pubblicaLayout by orngjce223, CC-BY Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 28. open data Tim Berners-Lee: Raw Data Now! TED 2009 In Europa si parla da anni di PSI: Public Sector Information (vedi la piattaforma EPSIplus) → dati non necessariamente aperti Il dato per essere aperto deve essere: ricercabile aperto legalmente aperto tenicamente gratuito Regole per gli Open Government Data: se non è indicizzato, non esiste se non è disponibile in formati aperti e machine readable, non coinvolgeLayout by orngjce223, CC-BY se non cè un quadro legale che consente il ri-uso, non abilita luso Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 29. valore degli open data Nel 2006 la Commissione europea ha commissionato lo studio MEPSIR (Measuring European Public Sector Information Resources), che stimava un valore complessivo per gli open data EU tra 10 e 48 miliardi di € Nel 2011 lo studio Vickery stima la possibilità di 40 miliardi di € di guadagni derivanti dallapertura dei dati pubblici Se si tiene conto che gli open data possono essere usati anche indirettamente in altre applicazioni e si tiene conto degli effetti economici diretti ed indiretti limpatto delluso dei dati PS sulleconomia europea potrebbe raggiungere i 140 miliardi di € annuiLayout by orngjce223, CC-BY Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 30. definizione di “open” http://www.opendefinition.org/okd/: cosa si intende per open? 1. Accesso Disponibile a un ragionevole costo di riproduzione, meglio se scaricabile gratuitamente da Internet, I dati devono essere disponibili in un formato utilizzabile e modificabile 2. Redistribuzione La licenza non deve limitare la possibilità di vendere o redistribuire il lavoro interamente o in parte anche con modifiche. La licenza non dovrebbe prevedere pagamenti. 3. Riuso La licenza deve consentire modifiche ai dati e deve consentire di distribuire le modifiche con la stessa licenzaLayout by orngjce223, CC-BY 4. Assenza di restrizioni tecnologiche Il lavoro deve essere messo a disposizione senza ostacoli tecnologici (es. di formato) Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 31. definizione di “open” 5. Attribuzione La licenza può richiedere la attribuzione la paternità ai vari autori 6. Integrità La licenza può richiedere che i lavori modificati siano rilasciati con un nome diverso 7. Nessuna Discriminazione verso persone o gruppi La licenza non deve discriminare persone o gruppi 8. Nessuna Discriminazione contro diversi usi La licenza non deve impedire luso del lavoro in diversi campi di applicazione (ad esempio uso negli affari o nella ricerca genetica)Layout by orngjce223, CC-BY Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 32. ultime mosse europee Dicembre 2011: Agenda Digitale – turning government data into gold Open Data Package composto da: una proposta per la revisione della direttiva 2003 una comunicazione sugli Open Data nuove regole per il ri-uso dei documenti della Commissione Tre azioni per superare barriere e frammentazione: adattare il quadro legale per il ri-uso dei dati risorse finanziarie per gli open data e i portali europei dei dati facilitare il coordinamento tra nazioni europee, attraversoLayout by orngjce223, CC-BY PSI group e PSI platform (scambio di best-practices) LAPSI network (questioni legali sulle PSI) ISA action soluzioni di inter-operabilità per le PA EU (€164 m) Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 33. come si aprono i dati? Consigli per lapertura dei dati: Fatela semplice (KISS): partite subito, dal “poco” e dal semplice Non tutti I dati devono essere “aperti” subito. Muoversi velocemente consente di imparare dallesperienza Coinvolgere presto e coinvolgere spesso gli utenti (e i ri-utilizzatori) attuali e potenziali dei dati: cittadini, aziende sviluppatori. Spesso i dati raggiungeranno gli utenti finali attraverso infomediari che trasformano e remixano i dati (gli utenti non vogliono un DB di vettori, ma vogliono le mappe). Così i primi utenti da coinvolgere sono gli infomediari Affrontare le paure e le incomprensioni , specie se lavorate in ambiti governativo. Aprendo i dati si incontrano molti ostacoli e bisogna saperli identificare e affrontare il prima possibileLayout by orngjce223, CC-BY Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 34. passi da seguire Ci sono 4 passi principali (a volte ricorsivi) da seguire (dal manuale OKFN) Scegliere i dati da aprire; attenzione: se si incontrano problemi nei passi seguenti si torna a questo passo Applicare una licenza aperta, valida per tutti i diritti esistenti sui dati (Apertura legale) Rendere i dati disponibili allingrosso e in formati utili (a volte via API) (Apertura tecnica) Renderli rintracciabili: metterli sul web e magari organizzare unLayout by orngjce223, CC-BY catalogo che elenchi i vostri dati rilasciati (oppure metterli in un catalogo già esistente) Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 35. licenze open data Esistono molte proposte di licenze: OpenData Commons propone tre licenze: Public Domain Dedication and License (PDDL) Attribution License (ODC-By) Open Database License (ODC-ODbL) – come la GPL (o CC BY-SA) richiede che gli utenti condividano le modifiche (copyleft) Opendefinition fornisce una lista di licenze aperte Ci sono poi licenze nazionali: Canada UK Norway Italy (ora IODL 2.0)Layout by orngjce223, CC-BY Necessità di standard! Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 36. organizzazioni e community Open Knowledge Foundation : “Dai sonetti alle statistiche, dai geni ai geodati” Fondata nel 2004, organizzazione no-profit che promuove la conoscenza aperta, stimolando ad aprire tutti i contenuti che possono essere liberamente usati, riusati e ridistribuiti OKF organizza le “Open Definition”, organizza Open Government Data Camp, e gestisce progetti come “ Where Does My Money Go” e Open Shakespeare e sviluppa tool come CKAN per aiutare a condividere dati In Italia molte community: SpaghettiOpendata, DataGov.it, OPenPolis, LinkedOpenData.it che hanno spinto il governo e gliLayout by orngjce223, CC-BY enti locali a muoversi Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 37. software per open data CKAN (Comprehensive Knowledge Archive Network) è un pacchetto open-source (“data hub”) progettato per rendere facile trovare, condividere, riusare dati e contenuti aperti In http://data.gov.uk e http://wiki.okfn.org/ckan/instances per lItalia: http://it.ckan.net/ Drupal è un CMS (Content Management System) opensource spesso usato in progetti Open Data. il codice di data.gov è stato rilasciato come opensource (è unaLayout by orngjce223, CC-BY versione modificata di Drupal) ed è stato usato anche in India → Open Government Platform Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 38. linked open data Tim Berners-Lee: Linked Data associated with gold stars, like the ones you 1 - make your stuff available on the web (whatever format) 2 - make it available as structured data (e.g. excel instead of image scan) 3 - non-proprietary format (e.g. csv not xls) 4 - use URLs to identify things, so that people can point at your stuff 5 - link your data to other people’s data to provide contextLayout by orngjce223, CC-BY Università di Camerino, 23 aprile 2012
  • 39. OpenData link Il primo http://data.gov http://www.data.gov/raw/34 Best practices: http://data-gov.tw.rpi.edu/demo/stable/demo-34-earthquake-exhibit.html http://www.police.uk/crime/?q=Cambridge,%20UK#crimetypes http://jobseekers.direct.gov.uk/homepage.aspx http://data.gov.uk/dataset/financial-transactions-data-nhslondon http://data.london.gov.uk/datastore http://data.worldbank.org/ (!!!) http://openlylocal.com/councils/open In italia http://dati.gov.it (da ottobre 2011) http://www.dati.piemonte.it/ (il primo)Layout by orngjce223, CC-BY http://www.comune.udine.it/opencms/opencms/release/ComuneUdine/progetti/open_d SpaghettiOpendata DataGov.it OPenPolis LinkedOpenData.it Università di Camerino, 23 aprile 2012

×