Approcci alla Geometria
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Approcci alla Geometria

on

  • 5,083 views

Corso di formazione di matematica per docenti del primo ciclo di istruzione

Corso di formazione di matematica per docenti del primo ciclo di istruzione
30 Novembre 2010
Liceo Scientifico “Cassini”
Genova

Statistics

Views

Total Views
5,083
Views on SlideShare
5,083
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
31
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Approcci alla Geometria Approcci alla Geometria Presentation Transcript

    • Approcci alla Geometria 30 Novembre 2010 Liceo Scientifico “ Cassini” Genova
    • Autori :
      • Alessandro Rivella
      • Matematica
      • IISC “Vittorio Emanuele-Ruffini” Genova
      • [email_address]
      • Monica Testera
      • Matematica e Scienze, IC Carcare (SV)
      • [email_address]
    • Esperienze condivise:
      • Seminari Invalsi
      • Progetto Lauree Scientifiche
      • Piano Nazionale M@t.abel
      • Progetto LIM
      • Emer.Mat 09/10
    • Perché ……..
      • …… un’ area di criticità della nostra scuola è certamente la conoscenza relativa agli ambiti di Numeri e Spazio e figure (geometria) da parte degli studenti più deboli e in qualche misura anche di quelli con livelli di abilità intermedia. ……..
      • Da Invalsi:Sintesi_Rapporto_Prova_nazionale_2009_2010
    • Da Invalsi: Sintesi_Rapporto_Prova_nazionale_2009_2010 3
    • Approcci alla Geometria
      • Le INDICAZIONI NAZIONALI
      • Approcci divergenti
      • Spunti didattici guidati dalle INDICAZIONI NAZIONALI
      • Qualche quesito geometrico da INVALSI e PISA
      • Discussione
    • Approcci alla Geometria
      • Le INDICAZIONI NAZIONALI
      • Approcci divergenti
      • Spunti didattici guidati dalle INDICAZIONI NAZIONALI
      • Qualche quesito geometrico da INVALSI e PISA
      • Discussione
    • Traguardi per lo sviluppo delle competenze (Primaria)
      • Percepisce e rappresenta forme,relazioni
      • e strutture che si trovano in natura o sono
      • state create dall’uomo, utilizzando in
      • particolare strumenti per il disegno
      • geometrico e i più comuni strumenti
      • di misura
    • Traguardi per lo sviluppo delle competenze (Primaria)
      • Riconosce che gli oggetti possono apparire diversi a seconda dei punti di vista
      • Descrive e classifica figure in base a caratteristiche geometriche e utilizza modelli concreti di vario tipo anche costruiti o progettati con i suoi compagni
    • Traguardi per lo sviluppo delle competenze (Secondaria 1° grado)
      • Percepisce, descrive e rappresenta forme relativamente complesse, relazioni e strutture che si trovano in natura o che sono state create dall’uomo
      • Ha consolidato le conoscenze teoriche acquisite e sa argomentare, grazie ad attività laboratoriali, alla discussione tra pari e alla manipolazione di modelli costruiti con i compagni
    • Quadro di Riferimento di Matematica per la costruzione delle prove di valutazione Invalsi ( primo ciclo )
    • Approcci alla Geometria
      • Le INDICAZIONI NAZIONALI
      • Approcci divergenti
      • Spunti didattici guidati dalle INDICAZIONI NAZIONALI
      • Qualche quesito geometrico da INVALSI e PISA
      • Discussione
    • Approccio Metodologico proposto nella presentazione
      • Le definizioni , ma anche le idee e i concetti geometrici, vengono dopo l’uso
      • Insegnamento di una geometria per problemi, nella quale le definizioni non siano punti di partenza ma un conquista, una sintesi finale di un percorso didattico
    • Approccio Metodologico proposto nella presentazione
      • Equilibrio tra le fasi operative e le graduali sistemazioni teoriche , in modo da favorire nei ragazzi il passaggio da evidenze visive ad argomentazioni sempre più rigorose
      • Abituare gli alunni ad una visione dinamica e non statica degli oggetti geometrici
    • Approccio Metodologico proposto nella presentazione
      • oggetti -> manipolazione -> costruzione -> rappresentazione -> comunicazione
      • tagli, piegature, assemblaggi e sovrapposizioni
    • Approccio Metodologico proposto nella presentazione
      • Sottolineare i rapporti tra geometria e ambiente , interpretando la prima come momento di comprensione - rappresentazione del secondo.
      • Nell’ambiente gli elementi si muovono e si relazionano tra loro. Non si tratta quindi solo di osservare l’ambiente e i suoi elementi, ma anche le loro relazioni ed i loro movimenti
    • Approccio Metodologico proposto nella presentazione
      • Ogni volta che è possibile, richiedere agli alunni di: - descrivere per iscritto l’attività svolta , spiegando le motivazioni delle scelte fatte e delle strategie utilizzate, le difficoltà incontrate - ripercorrere il tragitto seguito - indicare quelle che Polya ha definito “le acquisizioni metodologiche”.
    • Approcci divergenti (libro di testo A - secondaria di 1° grado)
    • Approcci divergenti (libro di testo A)
    • Approcci divergenti (libro di testo B)
    • Approcci divergenti (libro di testo B)
    • Approcci alla Geometria
      • Le INDICAZIONI NAZIONALI
      • Approcci divergenti
      • Spunti didattici guidati dalle INDICAZIONI NAZIONALI
      • Qualche quesito geometrico da INVALSI e PISA
      • Discussione
    • Spunti didattici guidati dalle INDICAZIONI NAZIONALI su:
      • Orientamento, percorsi, riferimenti
      • Geometria in laboratorio
      • Descrivere e riprodurre figure
      • Modelli geometrici
      • Trasformazioni
      • Argomentare e dimostrare
      • Alcuni anni dopo… verso la scuola secondaria di 2^ grado
    • Orientamento, percorsi, riferimenti Indicazioni Spunti didattici Percorso IC Carcare - La casetta (1^-2^ primaria) Caccia al tesoro –battaglia navale –lettura di cartine Il figlio del Re e il messaggero (1^-2^ sec di I ) (Relazioni e funzioni) III primaria : Eseguire un semplice percorso partendo dalla descrizione verbale o dal disegno, descrivere un percorso che si sta facendo e dare le istruzioni a qualcuno perché compia un percorso desiderato V primaria : Utilizzare il piano cartesiano per localizzare punti III sec di I grado : In particolare, rappresentare punti, segmenti e figure sul piano cartesiano.
    • Percorso IC Carcare Ultimo anno scuola dell’infanzia
    • La casetta
      • Già dalla prima classe giocare con una casetta di cartone a dimensione di bambino (spazio interno e esterno)
      • Fotografarla da diverse angolature e farle poi riconoscere dai bambini
      • Costruire la mappa di un villaggio di casette su carta quadrettata
      • Realizzare percorsi nel villaggio ( caccia al tesoro-qual è il percorso più lungo? Chi arriva prima? C’è un solo modo per arrivare a..? Puoi arrivare a .. passando da… ?)
    • La casetta ( Da UMI 2001)
    • La casetta
    • La piantina
    • Battaglia navale
    • Battaglia navale
    • Altri esempi
    • Grafico Cartesiano
      • Il Figlio del Re ( rivisitato da UMI 2001 )
      • La proposta è costituita da una situazione problema, che si colloca in un contesto narrativo (racconto liberamente tratto da “ I sette messaggeri ” di Dino Buzzati), dove il rapporto spazio/tempo gioca un ruolo primario.
    • Il figlio del Re
      • Ciascuno dei due personaggi copre ogni giorno la stessa distanza, ma diversa da quella percorsa dall’altro.
      • Il figlio del re procede in avanti e si trova ogni giorno più lontano dal castello.
      • Il messaggero torna più volte al castello.
      • Fra un incontro e l’altro dei due personaggi intercorre un certo tempo.
    • Il figlio del Re
      • Dopo quanti giorni dall’inizio del viaggio sono avvenuti il secondo ed il terzo incontro? In quale giorno avverrà il quarto incontro? e il quinto? e il sesto? ...
    • Simulazione di quello che accade nei giorni successivi aiutandosi con disegni……
    • … e schemi …
    •   1050  1500  30    1150  1450  29    1250  1400  28  Incontro 1350  1350  27    1250  1300  26    1150  1250  25    1050  1200  24    950  1150  23    850  1100  22    750  1050  21    650  1000  20    550  950  19    450  900  18    350  850  17    250  800  16    150  750  15    50  700  14    50  650  13    150  600  12    250  550  11   350 500  10 Incontro  450  450  9   350  400  8   250  350  7   150  300  6   50  250  5   50  200  4 Incontro 150  150  3   50  100  2   50  50  1     Messaggero Figlio del re Giorni trascorsi dalla partenza dal castello    Distanza dal castello alla sera del   
    • Il figlio del Re
      • L’insegnante invita gli alunni a rappresentare la storia con un grafico cartesiano , registrando i tempi sull’asse delle ascisse e le distanze dal castello sull’asse delle ordinate.
    • Il figlio del Re … con Excel
    • Dal registro grafico a quello verbale
      • Infine, il docente propone agli alunni il seguente problema : quale storia racconta il grafico assegnato? Gli alunni devono individuare gli elementi caratteristici della storia, possono costruire la tabella e descrivere verbalmente quello che accade.
    • Dal registro grafico a quello verbale
    • Esempio di verifica
    • Esempio di verifica
      • Luca e Andrea, due fratelli, vanno a scuola insieme. Una mattina uno dei due dimentica la merenda a casa e corre indietro a prenderla e poi raggiunge, sempre di corsa, il fratello davanti alla scuola.
      • a) Quale dei due fratelli ha dimenticato la merenda? Quanto tempo impiega per tornare a casa dal momento in cui se ne accorge?
      • b) A che velocità va rispetto a quella del fratello per raggiungerlo?
      • c) L’altro fratello si ferma o rallenta per aspettarlo, o prosegue con il suo solito passo?
      • d) A che distanza sta la scuola dalla casa dei due ragazzi?
    • Orientamento, percorsi, riferimenti Invalsi classe II Primaria a.s. 09/10
    • Orientamento, percorsi, riferimenti Invalsi I secondaria di I grado 09/10
    • Spunti didattici guidati dalle INDICAZIONI NAZIONALI su:
      • Orientamento, percorsi, riferimenti
      • Geometria in laboratorio
      • Descrivere e riprodurre figure
      • Modelli geometrici
      • Trasformazioni
      • Argomentare e dimostrare
      • Alcuni anni dopo… verso la scuola secondaria di 2^ grado
    • Geometria in laboratorio con Geogebra (software open source ). Alcuni esempi:
      • Operare in un riferimento cartesiano ( es: Figlio del Re e il Messaggero )
      • Operare nel piano Euclideo (es: punti medi quadrilatero)
      • Lavorare con aree e perimetri
      • Costruire un geopiano virtuale (Th.Pick: argomentare e dimostrare)
      • Trasformare figure (es: simmetrie e traslazioni)
    • Il figlio del Re … con Geogebra
    • Spunti didattici guidati dalle INDICAZIONI NAZIONALI su:
      • Orientamento, percorsi, riferimenti
      • Geometria in laboratorio
      • Descrivere e riprodurre figure
      • Modelli geometrici
      • Trasformazioni
      • Argomentare e dimostrare
      • Alcuni anni dopo… verso la scuola secondaria di 2^ grado
    • Descrivere e riprodurre figure Indicazioni Spunti didattici Il coordinamento dei punti di vista (1^-2^ primaria) Dettatura di forme geometriche (2^primaria) Giochiamo con la geometria (4^-5^ primaria, 1^ secondaria 1^ grado) III primaria : Riconoscere, denominare e descrivere figure geometriche. V primaria : Descrivere e classificare figure geometriche, identificando elementi significativi e simmetrie, anche al fine di farle riprodurre da altri . Riprodurre una figura in base a una descrizione, utilizzando gli strumenti opportuni… III sec di I grado : Descrivere figure complesse e costruzioni geometriche al fine di comunicarle ad altri. Riprodurre figure e disegni geometrici in base a una descrizione e codificazione fatta da altri .
    • Il coordinamento dei punti di vista (da UMI2001: 1^ e 2^ Primaria)
      • Scopo: rappresentazione dell’immagine globale di un oggetto o di un insieme di oggetti attraverso l’organizzazione di immagini (visuali) ottenute da punti di vista diversi . V. Casetta da: Orientamento, percorsi, riferimenti
      • I nodi cruciali del percorso:
      • Costruire la visuale a partire dalla posizione dell’osservatore
      • Costruire la posizione dell’osservatore a partire dalla visuale
      • Comprendere che se cambia la posizione dell’osservatore cambia la visuale
      • Comprendere che se cambia la visuale è cambiata la posizione dell’osservatore
      • Esprimere correttamente relazioni spaziali tra oggetti nel microspazio
      • Finalizzare la verbalizzazione alla costruzione efficace della visuale
      • Riflettere sulle strategie usate per costruire la visuale
    • Il coordinamento dei punti di vista (da UMI2001: 1^ e 2^ Primaria)
      • 1 - Costruzione di un paesaggio da parte di due bambini: un bambino/a costruisce il paesaggio. un compagno/a senza vedere deve costruire lo stesso paesaggio secondo le indicazioni del primo.
      • 4 - Confronto in discussione orale tra tutti i disegni per mettere in evidenza le differenze tra il paesaggio costruito e i disegni: allineamento degli oggetti del paesaggio, presenza di elementi affettivi, diversità dei punti di vista
      • 6 - Copia dal vero di oggetti tridimensionali che si trovano in aula, presentati uno per volta a tutta la classe (i bambini sono posizionati intorno all’oggetto).
      • 7 - Confronto e discussione dei disegni realizzati, evidenziando le differenze dovute al diverso punto di vista. La discussione “ cosa vuol dire punto di vista ”, che dovrebbe emergere dall’attività precedente ha lo scopo di avviare la costruzione scientifica del concetto di punto di vista (il punto di vista è la posizione, fissa, da cui un occhio guarda parte del mondo visibile, senza cambiare direzione dello sguardo).
      • 10 – Partendo da disegni dati individuare la posizione di chi li osserva
      • 13 – Copia dal vero del banco
      • 14 – Confronto e discussione sulla rappresentazione del banco
    • Il Coordinamento dei punti di vista: Elementi di verifica
    • Dettatura di forme geometriche in 2^ elementare (Brunetto Piocchi, rivista Centro Morin vol.33 7/10)
      • MATERIALI : blocchi logici di legno
      • FASE1 : Ogni gruppo sceglie 10 pezzi per elaborare una costruzione, nota solo al gruppo. Il gruppo disegna la costruzione e poi la “detta” agli altri alunni che provano a riprodurla sul quaderno. Risultati . Nessuno rappresenta correttamente la figura a causa di termini quali: triangolo diritto, rettangolo lungo e largo, triangolo appiccicato, triangolo con la punta in giù, …
      • FASE2 (italiano) : le figure prodotte diventano personaggi di un testo narrativo fantastico “Storia geometrica” FASE2 (matematica) : perché disegni tanto diversi?
      • FASE3 : gioco semplificato (5 figure e regole condivise)
    • Giochiamo con la geometria (da IC Castelnuovo, Emer.Mat. 09/10)
      • ... proporre agli alunni delle classi IV e V della scuola primaria I della secondaria di 1^ grado un lavoro a coppie sulla costruzione di figure piane . .. due ruoli : a) un alunno dà istruzioni su come disegnare una figura a lui nota, b) un altro la disegna seguendo le istruzioni impartite dal compagno, ma non sapendo di quale figura si tratti.
      • A chi riceve istruzioni viene dato un foglio a quadretti. … Ogni istruzione deve essere registrata su un’apposita scheda che sarà consegnata ad entrambi i componenti della coppia.
    • Descrivere e riprodurre figure (v.PISA 2003 TRIANGOLI ) INVALSI 1^ Secondaria 1^ grado 2010
    • Descrivere e riprodurre figure INVALSI 5^ Primaria 2010
    • Descrivere e riprodurre figure INVALSI 5 ^ Primaria 2009
    • Spunti didattici guidati dalle INDICAZIONI NAZIONALI su:
      • Orientamento, percorsi, riferimenti
      • Geometria in laboratorio
      • Descrivere e riprodurre figure
      • Modelli geometrici
      • Trasformazioni
      • Argomentare e dimostrare
      • Alcuni anni dopo… verso la scuola secondaria di 2^ grado
    • Modelli geometrici Indicazioni Spunti didattici Il villaggio delle fiabe (1^-2^ primaria) Dal parallelogramma al …… ( 4^-5^primaria) Costruire poligoni ( 1^ secondaria di I ) III primaria : costruire modelli materiali anche nello spazio, utilizzando strumenti appropriati V primaria : Costruire e utilizzare modelli materiali nello spazio e nel piano come supporto a una prima capacità di visualizzazione III sec di I grado : Conoscere definizioni e proprietà significative delle principali figure piane (triangoli, quadrilateri, poligoni regolari, cerchio)
    • Progettazione e costruzione di un cubo in cartoncino (da “ Il villaggio delle fiabe”UMI 2001)
      • Costruire un cubo simile al modello (realizzato in polistirolo o legno e avente lo spigolo di 10 cm)
      • Quando i bambini individuano le facce del cubo come quadrati, il cubo modello viene ricoperto con quadrati di cartoncino di colore diverso secondo la loro posizione (sopra/sotto giallo,destra/sinistra blu, davanti/dietro rosso).
    • Disegno del quadrato su carta quadrettata e su carta bianca.
      • Disegnare il quadrato su carta quadrettata non comporta problemi: basta contare quadretti.
      • Quando invece i bambini dovranno disegnare il quadrato su carta bianca sorgerà la necessità di costruirsi un modello di angolo retto altrimenti il disegno ottenuto non sarà quello di un "vero" quadrato. Si può farne costruire uno con la piegatura della carta o ritagliare uno degli angoli dei quadrati di cartoncino che ricoprono le facce del cubo.
    • Dal parallelogramma al …..
    • Modelli
    • Parallelogrammi dalle diagonali
    • Costruire poligoni ( da m@t.abel )
      • L’insegnante chiede agli alunni: “Dati tre segmenti è sempre possibile costruire un triangolo avente i segmenti dati come lati ?”
    • Modelli
    • NO 17 18 7 - 10 - 18 SI 28 18 18 - 18 - 10 SI 25 18 18 - 18 - 7 SI 20 18 10 - 10 - 18 SI 17 10 10 - 10 - 7 NO 14 18 7 - 7 - 18 SI 14 10 7 - 7 - 10 SI 36 18 18 - 18 - 18 SI 20 10 10 - 10 - 10 SI 14 7 7 - 7 - 7 Si forma il triangolo? Somma delle lunghezze degli altri due lati in cm Lunghezza del lato maggiore in cm Lunghezza dei lati in cm Tabella costruibilità triangoli
    • Con riga e compasso
      • Disegna, utilizzando riga e compasso, il triangolo di lati 8 cm, 6 cm e 4 cm.
      • Disegna il segmento AB= 8 cm
      • Punta il compasso in A con apertura 6 cm e traccia il cerchio relativo
      • Punta in B con apertura 4 cm e disegna ancora il cerchio relativo.
      • I due cerchi si incontrano nel punto C; hai ottenuto il triangolo ABC cercato.
      • Ne hai trovato solo uno ?
    • Proprietà
    • Proprietà
    • La circonferenza
      • Misurare la lunghezza del contorno di oggetti rotondi
      • Poi misurare il diametro e calcolare il rapporto tra le misure delle lunghezze della circonferenza e del diametro . Raccogliendo i dati …..
    • Modelli geometrici Da Invalsi classe V primaria a.s. 09/10
    • Spunti didattici guidati dalle INDICAZIONI NAZIONALI su:
      • Orientamento, percorsi, riferimenti
      • Geometria in laboratorio
      • Descrivere e riprodurre figure
      • Modelli geometrici
      • Trasformazioni
      • Argomentare e dimostrare
      • Alcuni anni dopo… verso la scuola secondaria di 2^ grado
    • Trasformazioni geometriche Indicazioni Spunti didattici Ombre ( 1^- 2^ primaria) Simmetrie (5^ primaria – I sec di I ) La foto ( 2^ sec di I ) III primaria : …costruire modelli …. V primaria : Riconoscere figure ruotate, traslate e riflesse. Riprodurre in scala una figura assegnata (utilizzando ad esempio la carta a quadretti) III sec di I grado : Riconoscere figure piane simili in vari contesti e riprodurre in scala una figura assegnata.
    • Ombre ( IC Carcare)
      • Ricerca di ombre presenti nell’ambiente . Collegamento tra ombra e corpo opaco che la produce / Produzione di ombre:
      • si “gioca” a riconoscere compagni e oggetti ( rapporto tra posizione oggetto e luce)
    • simmetrie
    • Piegatura del foglio (da UMI 2001)
      • Approccio operativo alle proprietà della simmetria assiale Viene fornito ad ogni ragazzo un foglio bianco sul quale devono disegnare a piacere alcuni punti e una retta. Gli allievi piegano il foglio lungo la retta scelta e procedono a forare il foglio piegato con spilli in corrispondenza dei punti disegnati precedentemente. Attraverso l’osservazione delle coppie di fori, guidata con opportune domande, sul foglio è possibile fare le prime scoperte sulle proprietà di questa corrispondenza fino alla caratterizzazione di due punti simmetrici rispetto ad una retta.
      • Emergono le prime osservazioni sulla simmetria assiale: “Ad ogni punto di un semipiano corrisponde un punto nell’altro semipiano” “Punti distinti vanno in punti distinti” “Stabilito un punto di arrivo, è possibile risalire al punto di partenza” “Un punto della retta-piegatura corrisponde a se stesso”
    • Punti simmetrici
      • Per arrivare alla caratterizzazione di due punti simmetrici rispetto ad una retta si propone la seguente consegna: “Riprendi il foglio di carta bianca e fissa l’attenzione su una coppia di punti corrispondenti. Con un’altra piegatura del foglio individua la retta che passa per essi”.
      • Gli alunni vengono guidati a scoprire le condizioni di simmetria di due punti P, P’ risp. alla retta-piegatura r: a) P e P’ sono alla stessa distanza da r; b) La retta PP’ è perpendicolare alla retta r. In questa fase si incontra la perpendicolarità fra rette; con la piegatura della carta è immediato riconoscere rette perpendicolari come rette che dividono il piano in quattro parti sovrapponibili.
    • Figure simmetriche
      • Si può ora passare alla determinazione della figura simmetrica di una figura data rispetto a una retta con le seguenti attività : foratura con spilli, uso di uno specchio, ricalco della figura su un foglio trasparente e ribaltamento dello stesso foglio attorno all’asse, disegno, ecc…
    • La foto ( m@t.abel)
    • La foto
      • Situazione-problema
      • Luca guardando una sua vecchia
      • foto di quando aveva 5 anni dice a Piero:
      • “ Guarda come ero piccolo! Quanto sono cresciuto in questi anni!” Piero: “Sarebbe carino sapere quanto sei cresciuto.” Luca:” Ma come si fa, non so quanto ero alto quando avevo cinque anni. E nemmeno la mamma se lo ricorda”.
    • La foto
      • L’insegnante, utilizzando ad esempio una domanda-stimolo del tipo: Di quali dati hanno bisogno Piero e Luca per risolvere il problema? induce sia la riflessione individuale che la discussione di gruppo.
      • Gli alunni faranno anche questa volta diverse proposte:
      • usiamo la statura della mamma di Luca come confronto;
      • utilizziamo l’altezza di un oggetto presente……
    • La foto
      • Si raccolgono nuovamente le proposte alla lavagna e, discutendo, si potrebbe giungere a scegliere di utilizzare l’altezza di un oggetto contenuto nella foto che deve però essere disponibile per la misura ancora oggi.
      • Dalla discussione emerge il fatto che l’oggetto nella foto deve avere le seguenti caratteristiche:
      • essere in posizione verticale;
      • essere allineato di fianco a Luca.
    • Trasformazioni geometriche (v.Geogebra, esempio “F”) Da Invalsi classe V primaria a.s. 09/10
    • Spunti didattici guidati dalle INDICAZIONI NAZIONALI su:
      • Orientamento, percorsi, riferimenti
      • Geometria in laboratorio
      • Descrivere e riprodurre figure
      • Modelli geometrici
      • Trasformazioni
      • Argomentare e dimostrare
      • Alcuni anni dopo… verso la scuola secondaria di 2^ grado
    • Argomentare e dimostrare Indicazioni Spunti didattici Quanti punti in un segmento? ( PLS UniGe) Verifica del teorema di Pitagora Rettangoli isoperimetrici ( PLS UniGe) III primaria : V primaria : Impara a costruire ragionamenti (se pure non formalizzati) e a sostenere le proprie tesi, grazie ad attività laboratoriali, alla discussione tra pari e alla manipolazione di modelli costruiti con i compagni. III sec di I grado : Ha consolidato le conoscenze teoriche acquisite e sa argomentare (ad esempio sa utilizzare i concetti di proprietà caratterizzante e di definizione), …
    • Argomentare e dimostrare
      • Tutte attività proposte con
      • la stessa metodologia didattica del confronto
      • e lo stesso obiettivo avvio alla dimostrazione
      • L’analisi più fine delle risposte dei ragazzi ha messo in luce come le maggiori debolezze dei nostri ragazzi si hanno quando viene loro richiesto di argomentare, spiegare, motivare le proprie affermazioni……(Bolondi www.ilsusssidiaro.net)
    • Argomentare e dimostrare Da Invalsi Esame I ciclo a.s. 09/10
    • Spunti didattici guidati dalle INDICAZIONI NAZIONALI su:
      • Orientamento, percorsi, riferimenti
      • Geometria in laboratorio
      • Descrivere e riprodurre figure
      • Modelli geometrici
      • Trasformazioni
      • Argomentare e dimostrare
      • Alcuni anni dopo… verso la scuola secondaria di 2^ grado
    • Alcuni anni dopo… verso la Secondaria di 2^ grado
      • Da INVALSI a PISA-15 anni … … verso INVALSI 2^ anno e 5^anno secondaria 2^ grado (5/2011)
      • Il volume della scatola: - Scuola Primaria - Secondaria 1^grado - Biennio Secondaria 2^grado - Triennio Secondaria 2^grado
    • Da PISA (15 anni) – V. INVALSI 1^ sec.1^grado 2010 TRIANGOLI
    • Da PISA (15 anni) DADI
    • PISA (DADI) e INVALSI (5^ Primaria 2010)
    • PISA (DADI) e INVALSI (3^ Secondaria 1^ grado 2009)
    • PISA (DADI) e INVALSI (3^ Secondaria 1^ grado 2008)
    • Volume della scatola (Primaria)
      • Ritagliare fogli con altezza diversa (fig.2) e costruire scatole con capacità diversa (fig.3)
      • Misurare la capacità/volume della scatola in funzione della lunghezza del taglio
    • Volume della scatola (Secondaria di 1^ grado)
      • D3 INVALSI 3^ sec.1^ grado 2009. In un foglio di cartoncino si ritaglia un quadratino di cm.1 (…) per poter costruire una scatola ripiegando le strisce laterali. Qual è il volume della scatola ottenuta ripiegando le strisce laterali?
    • Volume della scatola (Biennio Secondaria di 2^ grado)
      • Classe 1^ Da un foglio rettangolare (dimensioni 10x8) si tagliano agli angoli quattro quadratini di lato x. Scrivi in forma normale il polinomio che esprime il volume della scatola ottenuta ripiegando le strisce laterali.
      • Classe 2^ ( da libro di testo ): Determina il lato dei quattro quadratini da eliminare da un quadrato grande di lato 12  2cm affinché la figura risultante sia equivalente a un quadrato di lato 8  2cm.
    • Volume della scatola (Triennio Secondaria di 2^ grado)
      • Determina la dimensione del taglio (x) che rende massimo il volume della scatola. Due strategie :
      • Analitica v(x)=x*(10-2x)*(8-2x) -> v(x)=4x 3 -36x 2 +80x
      • Numerica/grafica Foglio di Calcolo
    • Materiale didattico
      • Software didattici e siti utilizzati:
      • http://www.ivanasacchi.it
      • http:// www.iprase.tn.it
      • http://www. chiesi.net
      • http://www.istitutopalatucci.it
      • http://www.dienneti.it
      • http:// digilander.libero.it / sussidi.didat
      • tici /
      • http://www.bibliolab.it/