Ordine degli studi dell'Ambito di Storia Universita' Europea di Roma - anno accademico 2011/2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Ordine degli studi dell'Ambito di Storia Universita' Europea di Roma - anno accademico 2011/2012

on

  • 1,854 views

Ordine degli studi dell'Ambito di Storia Universita' Europea di Roma - anno accademico 2011/2012

Ordine degli studi dell'Ambito di Storia Universita' Europea di Roma - anno accademico 2011/2012

Statistics

Views

Total Views
1,854
Views on SlideShare
1,818
Embed Views
36

Actions

Likes
1
Downloads
4
Comments
0

1 Embed 36

http://www.universitaeuropeadiroma.it 36

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Ordine degli studi dell'Ambito di Storia Universita' Europea di Roma - anno accademico 2011/2012 Ordine degli studi dell'Ambito di Storia Universita' Europea di Roma - anno accademico 2011/2012 Document Transcript

  • Aggiornato al 07 novembre 2011ORDINE DEGLI STUDI DELL’AMBITO DI STORIAANNO ACCADEMICO 2011-2012
  • La presente pubblicazione ha carattere puramente informativo.Possono essere introdotte modifiche ai programmi di studio, anche adanno accademico iniziato, in caso di necessità.La redazione è stata curata dal prof. Umberto Roberto, con lacollaborazione della dott.ssa Giulia Cinti e della dott.ssa Eleonora Zita. 2
  • SOMMARIOINTRODUZIONE ....................................................................5CALENDARIO ACCADEMICO..................................................8TERMINI DI SCADENZA ........................................................10PARTE I - CORSI DI LAUREA TRIENNALE...............................131. Laurea Triennale in Storia e Filosofia (L - 42) ......................141.1. Obiettivi e percorso formativo ....................................................141.2. Sbocchi professionali..................................................................151.3. Programma degli studi nell’anno accademico 2011/2012..........161.4. Orario delle lezioni ....................................................................191.5. Programma degli insegnamenti ..................................................211.6. Calendario degli esami ...............................................................362. Laurea Triennale in Scienze Storiche (L - 42)(ad esaurimento) ...................................................................372.1. Obiettivi e percorso formativo ....................................................372.2. Sbocchi professionali..................................................................392.3. Programma degli studi nell’anno accademico 2011/2012..........392.4. Orario delle lezioni ....................................................................432.5. Le attività di Responsabilità sociale ............................................472.6. Insegnamenti a scelta degli studenti ...........................................472.7. Programma degli insegnamenti e delle attività ...........................482.8. Calendario degli esami ...............................................................81PARTE II - CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STORIADELLA CIVILTÀ CRISTIANA...................................................851. Obiettivi e percorso formativo .......................................................862. Sbocchi occupazionali ..................................................................863. Condizioni di accesso al corso di laurea magistrale (LM – 84).......874. Programma degli studi nell’anno accademico 2011/2012.............875. Orario delle lezioni .......................................................................906. Insegnamenti a scelta dello studente .............................................947. Programma degli insegnamenti .....................................................948. Calendario degli esami ................................................................112APPENDICE ........................................................................114TIROCINI E STAGES DI ORIENTAMENTO PROFESSIONALE...115PROVA FINALE...................................................................116 3
  • INTRODUZIONEQuesta pubblicazione integra la Guida dello Studente redatta per ilcorrente anno accademico 2011-2012 ed intende costituire unostrumento utile e pratico per frequentare con profitto il Corso di laureatriennale in Storia e Filosofia (che andrà a sostituire il Corso di Laureatriennale in Scienze Storiche) ed il Corso di laurea Magistrale in Storiadella Civiltà Cristiana (LM-84), afferenti all’ambito di Storiadell’Università Europea di Roma.Le informazioni qui contenute sono state redatte con la preziosacollaborazione dei docenti e del personale amministrativo del Corsodi laurea con la cura e l’attenzione che l’Università vuole dedicare aciascuno studente nello svolgimento dei propri studi. Esse riguardanol’organizzazione didattica dei corsi (materie e programmi diinsegnamento, calendario settimanale delle lezioni, date previste degliesami di profitto), ed hanno lo scopo di facilitare la frequenza, di poterbene individuare l’oggetto degli studi, di scegliere i libri di testo e diprogrammare lo studio personale, anche in previsione dei tempi degliesami.La descrizione dei temi delle lezioni predisposte dai docenti offre latraccia del percorso da seguire per completare la propria formazioneculturale e professionale e per pervenire al conseguimento del titolo distudio.Nell’intento di ottimizzare i risultati dell’attività didattica, si desiderarichiamare l’attenzione su alcune regole fondamentali checontraddistinguono il regolamento dei Corsi di laurea istituiti pressol’Università Europea di Roma:a) Obbligo di frequenza La frequenza delle lezioni ed il dialogo con i docenti costituiscono infatti premessa necessaria per l’effettiva comprensione ed assimilazione delle materie di studio e per l’acquisizione di una capacità di valutazione critica delle relative problematiche. La frequenza rappresenta anche lo strumento necessario per la costituzione di un’autentica comunità accademica, nell’ambito 5
  • della quale si sviluppa la formazione umana e professionale a cui l’Università tende. Si rammenta che le eventuali assenze non potranno eccedere la misura di 1/3 delle ore di lezione.b) Ammissione agli esami di profitto Sono ammessi agli esami di profitto gli studenti in regola con i pagamenti dei contributi accademici, che abbiano regolarmente frequentato almeno i 2/3 delle ore di lezione. Salvo particolari ipotesi di forza maggiore, da documentare opportunamente, il superamento di questo limite comporta la non ammissione agli esami di profitto nella sessione successiva al periodo di svolgimento del corso. L’ammissione ad altre sessioni è subordinata allo svolgimento di un programma personalizzato di recupero, da concordare con il docente della materia e con il tutor.c) Iscrizione a successivi anni di corso L’iscrizione a successivi anni di corso non avviene in modo automatico, per semplice anzianità, ma è collegata al profitto nello studio ed al conseguimento di un numero di crediti formativi universitari (C.F.U.). La regola ha le seguenti finalità: a. assicurare la corrispondenza tra frequenza delle lezioni e studio personale. Non avrebbe infatti significato frequentare lezioni di livello più avanzato senza aver preventivamente acquisito le necessarie conoscenze di base nelle materie che costituiscono oggetto dei precedenti anni di corso; b. stimolare lo studente ad un ritmo di studio che favorisca l’acquisizione del titolo di studi nei tempi previsti. La consapevolezza di dover acquisire un numero minimo di crediti formativi universitari nell’anno in corso dovrebbe, infatti, favorire un 6
  • maggiore impegno ed una maggiore assiduità nello studio. Per consentire il rispetto di questa regola e consentire l’iscrizione agli anni successivi con il richiesto numero di C.F.U., l’Università accompagna lo studente nel corso dei propri studi anche mediante l’istituto del tutorato.A tutti gli studenti si rivolge l’augurio più sincero di un proficuo annoaccademico ricco di risultati e di soddisfazioni.Il Coordinatore Il Coordinatore Accademicodell’Ambito di Storia Prof. Alberto GambinoProf. Roberto de Mattei 7
  • CALENDARIO ACCADEMICO 2011MARZO 25 Ven. Inizio periodo immatricolazioni ed iscrizioni 1 Gio. Inizio terza sessione di esami A.A. 2010/2011 (2 appelli) 26 Lun. Inizio Settimana della matricolaSETTEMBRE 29 Gio. Termine settimana della matricola 30 Ven. Termine terza sessione di esami A.A. 2010/2011 3 Lun. Inizio anno accademico 2011-2012 6 Gio. Messa dello Spirito Santo Inizio sessione autunnale delle sedute di laurea A.A.OTTOBRE 24 Lun. 2010/2011. Ambito di Giurisprudenza Fine sessione autunnale delle sedute di laurea A.A. 28 Ven. 2010/2011. Ambito di Giurisprudenza 1° Mar. Festa di Tutti i SantiNOVEMBRE Inizio sessione autunnale delle sedute di laurea A.A. 28 Lun. 2010/2011. Ambito di: Psicologia, Economia e Storia Fine sessione autunnale delle sedute di laurea A.A. 2 Ven. 2010/2011. Ambito di: Psicologia, Economia e StoriaDICEMBRE 8 Gio. Vacanza. Festa della Immacolata 23 Ven. Fine I semestre e inizio vacanze natalizie 2012 8 Dom. Termine vacanze natalizie Inizio periodo riservato allo studio individuale e alla 9 Lun. preparazione agli esami Fine periodo riservato allo studio individuale e allaGENNAIO 13 Ven. preparazione agli esami Inizio prima sessione di esami A.A. 2011/2012 (insegnamenti 16 Lun. I semestre) e quarta sessione di esami A.A. 2010/2011 (insegnamenti anni precedenti) (2 Appelli) 10 Ven. Termine prima e quarta sessione di esamiFEBBRAIO 13 Lun. Inizio II semestre Inizio sessione invernale delle sedute di laurea A.A. 5 Lun. 2010/2011. Ambito di: Giurisprudenza, Psicologia, Economia e Storia. Fine sessione invernale delle sedute di laurea A.A.MARZO 9 Ven. 2010/2011. Ambito di: Giurisprudenza, Psicologia, Economia e Storia 21 Mer. S. Benedetto. Festa dell’Università Europea di Roma Termine svolgimento attività formative integrative per 30 Ven. studenti ammessi con debiti formativi 5 Gio. Inizio vacanze pasqualiAPRILE 12 Gio. Ripresa lezioni 25 Mer. Festa della LiberazioneMAGGIO 1° Mar. Vacanza. San Giuseppe Lavoratore 18 Ven. Fine II semestre 8
  • Inizio periodo riservato allo studio individuale e alla 21 Lun. preparazione agli esami Fine periodo riservato allo studio individuale e alla 25 Ven. preparazione agli esami 28 Lun. Inizio seconda sessione di esami A.A. 2011/2012 (3 Appelli) 2 Sab. Festa della RepubblicaGIUGNO 29 Ven. Festa SS. Pietro e Paolo 6 Ven. Termine seconda sessione di esamiLUGLIO 23 Lun. Inizio sessione estiva delle sedute di laurea A.A. 2011/2012 27 Ven. Fine sessione estiva delle sedute di laurea A.A. 2011/2012 17 Lun. Inizio terza sessione di esami A.A. 2011/2012 (1 Appello)SETTEMBRE 28 Ven. Termine terza sessione di esami A.A. 2011/2012 Sessione autunnale delle sedute di laurea A.A. 2011/2012.OTTOBRE Ambito di Giurisprudenza Sessione autunnale delle sedute di laurea A.A. 2011/2012.NOVEMBRE Ambito di: Psicologia, Economia e Storia 2013GENNAIO Quarta sessione di esami A.A. 2011/2012 Sessione invernale delle sedute di laurea A.A. 2011/2012.MARZO Ambito di: Giurisprudenza, Psicologia, Economia e Storia 9
  • TERMINI DI SCADENZA 2011 Termine presentazione domanda di ammissione alla prova finale per il conseguimento del titolo di studio – sessione di 01 Giov. laurea autunnale dell’a.a. 2010/2011, per gli studenti dell’Ambito di Giurisprudenza Termine presentazione domanda di ammissione alla prova finale per il conseguimento del titolo di studio - sessione di 28 Merc. laurea autunnale dell’a.a. 2010/2011 per gli studenti degli Ambiti di Psicologia, Economia e StoriaSETTEMBRE Termine periodo ordinario immatricolazioni ed iscrizioni: pagamento tassa di iscrizione e tassa regionale Presentazione domanda di iscrizione presso Segreteria Generale per l’iscrizione al primo anno ed anni successivi 30 Ven. dei corsi di studio Termine iscrizione singole attività formative Termine presentazione dichiarazione d’intento per gli studenti che intendano conseguire il titolo di studio entro la sessione di laurea invernale (marzo 2012) Termine consegna documentazione e tesi di laurea per i 04 Mar. laureandi della sessione autunnale dell’Ambito diOTTOBRE Giurisprudenza 17 Lun. Termine pagamento rate in un’unica soluzione - Termine consegna documentazione e tesi/elaborato di 8 Mart. laurea per i laureandi della sessione autunnale degliNOVEMBRE Ambiti di Psicologia, Economia e Storia Termine ultimo immatricolazioni ed iscrizioni tardive ai 30 Merc. corsi di studio 09 Ven. Termine pagamento I^ rata contributi accademici Scadenza termine presentazione: - domanda di approvazione dei piani di studio individuali; - domanda di riconoscimento crediti pregressi; - dichiarazione di scelta curriculum degli studi;DICEMBRE 30 Ven. - richiesta di trasferimento da o ad altra sede Universitaria; - richiesta di passaggio ad altro corso di laurea; - domanda di riattivazione carriera accademica; - presentazione domanda di approvazione delle attività a scelta 2012 Termine presentazione domanda di ammissione alla prova finale per il conseguimento del titolo di studio - sessione diGENNAIO 9 Lun. laurea invernale dell’a.a. 2010/2011 per gli studenti di tutti gli Ambiti (Giurisprudenza, Psicologia, Economia e Storia) 10
  • 13 Ven. Termine pagamento II^ rata contributi accademici Termine presentazione consegna documentazione eFEBBRAIO 14 Mar tesi/elaborato di laurea per i laureandi della sessione invernale Termine ultimo iscrizioni tardive al primo anno dei Corsi di 12 Lun.MARZO laurea Magistrale (DM 270/04) 16 Ven. Termine pagamento III^ rata contributi accademici 18 Ven. Termine pagamento IV^ rata contributi accademici Termine presentazione domanda ammissione alla prova finale per il conseguimento del titolo di studio - sessione diMAGGIO 23 Merc. laurea estiva dell’a.a. 2011/2012 per gli studenti di tutti gli Ambiti (Giurisprudenza, Psicologia, Economia e Storia) Termine presentazione consegna documentazione eLUGLIO 3 Mar. tesi/elaborato di laurea per i laureandi della sessione estiva 11
  • PARTE ICORSI DI LAUREA TRIENNALE 13
  • 1. Laurea Triennale in Storia e Filosofia (L - 42)1.1. Obiettivi e percorso formativoIl Corso di laurea in "Storia e Filosofia" si propone di fornire allostudente in primo luogo una formazione di base finalizzataallindagine nelle scienze storiche e filosofiche, mediantelapprendimento delle principali metodologie di ricerca e dellenozioni fondamentali delle discipline e delle tecniche ausiliarie. Sitratta di una premessa metodologica fondamentale per acquisirenellarco del triennio una solida preparazione sulle linee generali dellastoria umana nel suo complesso, con precipuo approfondimento dellastoria dellEuropa e del mondo mediterraneo, dallantichità alletàcontemporanea. Questo obiettivo sarà realizzabile mediante lacontemporanea acquisizione delle metodologie e dei linguaggi chesono alla base dellindagine storico-filosofica.In particolare sarà necessario acquisire: una adeguata familiarità conle diverse tipologie di fonti storiche, di linguaggi e di stili storiografici;la conoscenza delle principali correnti storiografiche e dei grandidibattiti sui fondamentali eventi della storia e del pensiero occidentale;un addestramento alla acquisizione di un linguaggio scientifico chiaroe rigoroso nelle discipline storiche e filosofiche, che soddisfi leesigenze dellesposizione scientifica e quelle della didattica e delladivulgazione; lacquisizione delle competenze necessarie per svolgereattività di consulenza nellambito delle comunicazioni e pervalorizzare le memorie storiche, attraverso le nuove tecnologie digestione dei dati e di presentazione multimediale.Per quanto riguarda il percorso formativo il corso di laurea prevede traprimo e terzo anno linsegnamento comune a tutti gli studenti dellediscipline di base per lo studio della civiltà europea. In particolare, siaffronterà lo studio della storia antica (con precipua attenzione almondo greco e romano), medievale, moderna e contemporanea, conun approfondimento nella storia dellEuropa orientale.Al tronco storico si associa lo studio del pensiero filosofico, e di altrediscipline che illustrino la complessità del panorama culturaleeuropeo. 14
  • Già a partire dal primo anno, il corso consente allo studente diintegrare la sua formazione di base con le competenze legate a duediversi indirizzi di studio.Il primo indirizzo è quello a carattere precipuamente storico. Conquesto indirizzo si intende fornire un quadro di riferimentoconcettuale in relazione alla storia dellEuropa e del Mediterraneo,anche nelle sue fondamentali relazioni con le scienze umane ingenere.Il secondo indirizzo è quello a carattere filosofico-religioso. Esso offreagli studenti i principali strumenti per comprendere le linee evolutivedel pensiero filosofico, della cultura e del pensiero religiosodallAntichità allEtà contemporanea.I percorsi formativi presentano discipline formative di base ecaratterizzanti in comune per ogni anno e materie curriculari diapprofondimento. Entrambi gli indirizzi comprendono attivitàformative finalizzate allacquisizione di conoscenze di base nei varicampi delle scienze storiche e filosofiche con riguardo ai processi dicambiamento delle tradizioni, dei sistemi sociopolitici e dei sistemieconomici, connettendo i vari insegnamenti specialistici in un sistemacoerente di conoscenze teoriche.LUniversità organizza, in accordo con Enti pubblici e privati, i tirocini,gli stages ed i corsi di orientamento più opportuni per concorrere alconseguimento degli obiettivi prefissati.1.2. Sbocchi professionaliI laureati del Corso di laurea in "Storia e Filosofia" saranno in grado disvolgere attività professionali nelle aree tradizionali della ricerca inscienze storiche e scienze umane; nel giornalismo e nelleditoria.Potranno svolgere compiti a vari livelli nella pubblica amministrazionee in enti pubblici e privati: ufficio personale, ufficio studi e ricerca,ufficio stampa e pubbliche relazioni, gestione del patrimonio culturale,promozione culturale, servizi sociali.In particolare, i laureati svolgeranno attività professionali presso entipubblici e privati o istituti di cultura di tipo specifico (fondazioni,biblioteche, archivi, musei, centri di documentazione) che operanonei settori dei servizi culturali, sociali e del recupero, tutela, gestione evalorizzazione di beni storici e delle tradizioni e identità locali(Comuni, Province, Regioni, uffici di relazioni pubbliche, 15
  • organizzazioni internazionali, ecc.), nonché nellambito delle carrierelegate alla professionalità intellettuale (giornalismo, editoria,comunicazione, gestione dellinformazione e delle risorse umane,industria culturale e pubblica amministrazione).I laureati saranno altresì in grado di accedere a corsi di laureamagistrale finalizzati allacquisizione di una formazione di livelloavanzato per lesercizio di attività di elevata qualificazione, soprattuttonei settori dellinsegnamento nella scuola secondaria, pubblica eprivata, della ricerca storica, dellamministrazione e dellacomunicazione.1.3. Programma degli studi nell’anno accademico 2011/2012Nell’ A.A. 2011/2012 è attivo il primo anno del Corso di LaureaTriennale in Storia e Filosofia, il piano di studi completo è pubblicatosulla Guida dello studente A.A. 2011/2012. Nel corrente annoaccademico si svolgeranno i seguenti insegnamenti: 16
  • CURRICULUM DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA (L – 42) (attivato nell’A.A. 2011/2012 ai sensi del D.M. 270/04) PRIMO ANNO (A.A. 2011-2012) Curriculum: Storico Attività Periodo di Ambito disciplinare Insegnamento S.S.D. C.F.U. formative insegnamento Storia greca L-ANT/02 I semestre 6 Metodologia e fonti della ricerca storica Storia romana L-ANT-03 annuale 12 Di base Letteratura latina L-FIL-LET/04 I semestre 6 Discipline letterarie e storico- artistiche Letteratura italiana I L-FIL-LET/10 II semestre 6 Discipline geografiche Geografia M-GRR/01 II semestre 6 Discipline filosofiche, pedagogiche, Filosofia Teoretica M-FIL/01 annuale 12Caratterizzante psicologiche e storico-religiose Filosofia della Storia M-FIL/03 I semestre 6Affini Attività formative affini o integrative Storia della Cristianesimo M-STO/07 annuale 6TOTALE CREDITI PRIMO ANNO (Curriculum Storico) 60 17
  • CURRICULUM DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA (L – 42) (attivato nell’A.A. 2011/2012 ai sensi del D.M. 270/04) PRIMO ANNO (A.A. 2011-2012) Curriculum: Filosofico - Religioso Periodo diAttività formative Ambito disciplinare Insegnamento S.S.D. C.F.U. insegnamento Metodologia e fonti della ricerca Storia romana con elementi di filosofia L-ANT-03 annuale 12Di base storica antica Discipline letterarie e storico-artistiche Letteratura latina L-FIL-LET/04 I semestre 6 Discipline filosofiche, pedagogiche, Metafisica e Filosofia della conoscenza M-FIL/01 12 psicologiche e storico-religiose Discipline filosofiche, pedagogiche, Filosofia della religione e teologia M-FIL/03 6 psicologiche e storico-religiose filosofica Caratterizzanti Discipline filosofiche, pedagogiche, Storia della Filosofia medievale M-FIL/06 6 psicologiche e storico-religiose Discipline filosofiche, pedagogiche, Filosofia della natura M-FIL/06 6 psicologiche e storico-religiose Storia della Cristianesimo M-STO/07 annuale 6Affini Attività formative affini o integrative Introduzione alla filosofia e logica M-FIL/05 6 TOTALE CREDITI PRIMO ANNO (Curriculum Filosofico - Religioso) 60 18
  • 1.4. Orario delle lezioniAvvertenza: Il programma delle lezioni potrebbe subire temporanee modifiche per cause di forza maggiore. Le eventuali variazioni sarannotempestivamente comunicate sia verbalmente che mediante annunci nelle bacheche del Corso di Laurea e nel sito Internet dellUniversità.L’Orario delle lezioni del I anno del Corso in Storia e Filosofia, Curriculum: Filosofico – Religioso, è disponibile presso la Segreteriadella Facoltà di Filosofia (APRA) CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA (Curriculum: storico) I ANNO - I SEMESTRE ORE Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato I Storia della Filosofia della Filosofia della Storia romana Letteratura latina (9,00 -9,45) Cristianesimo Storia Storia II (de Mattei) (Tuci) (1) (A. Barbieri) (Traversa) (Traversa) (10,00-10,45) III (11,00-11,45) Storia romana Storia greca Storia greca Letteratura latina Filosofia Teoretica Attività a (Tuci) (1) (Tuci) (1) (A. Barbieri) scelta IV (Roberto) (Zanardo) dello (12,00-12,45) studente e (13,00-14,45) studio V personale Filosofia (15,00-15,45) Attività a scelta Teoretica VI Attività a scelta Attività a scelta Attività a scelta dello studente e (Zanardo) (16,00-16,45) dello studente e dello studente e dello studente e studio studio personale Attività a sceltastudio personale studio personale VII personale dello studente e (17,00 – 18,45) studio personale(1) Le lezioni di Storia greca e Storia romana del Prof. Tuci di Martedì 18 e mercoledì 19 ottobre non si terranno. Le lezioni verrannorecuperate nei seguenti giorni: martedì 11, 25 ottobre, 8, 15, 22, 29 novembre nell’orario 15,00 – 15,45. 19
  • CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA (Curriculum: storico) I ANNO - II SEMESTRE ORE Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato I Storia della(9,00 -9,45) Geografia Geografia Filosofia Teoretica Cristianesimo II (Casagrande) (Casagrande) (Lenoci) (de Mattei)(10,00-10,45) III Attività a(11,00-11,45) Storia romana Storia romana Letteratura Letteratura italiana Filosofia Teoretica scelta dello italiana I I studente e IV (Roberto) (Roberto) (Zanardo) (Becherucci) (Becherucci) studio(12,00-12,45) personale(13,00-14,45) Attività a scelta Attività a scelta Attività a scelta Attività a scelta Attività a scelta(15,00-18,45) dello studente e dello studente e dello studente e dello studente e dello studente e studio personale studio personale studio personale studio personale studio personale 20
  • 1.5. Programma degli insegnamentiIl programma dei singoli insegnamenti che si svolgono nel presenteanno accademico è così articolato1:1 Avvertenza: l’orario di ricevimento dei docenti potrebbe subire modifiche. Leeventuali variazioni saranno tempestivamente comunicate sia verbalmente chemediante annunci nelle bacheche del Corso di laurea e nel sito Internet dellUniversità. 21
  • Programma degli insegnamenti – I ANNOStoria e Filosofia STORIA GRECA Paolo A. TuciAnno di corso: I ANNO (I Curriculum: Storico)Periodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): L-ANT/02C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl corso si propone di fornire gli strumenti per la comprensione di alcuni deiprincipali problemi della Storia del mondo greco dalle origini alla conquistaromana, attraverso la conoscenza diretta delle fonti e l’applicazione deiprincipi fondamentali del metodo storico. Un certo numero di ore del corso,nella parte conclusiva, sarà dedicato all’approfondimento di un temamonografico. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOCenni fondamentali di metodologia storica. Dal miceneo all’età oscura.L’arcaismo: città e stati federali, legislazione e tirannide, colonizzazione. Il Vsecolo: le guerre persiane, il bipolarismo Atene/Sparta, la guerra delPeloponneso. Democrazia e imperialismo. Il IV secolo: l’egemonia spartana,l’egemonia tebana, la Macedonia di Filippo; la pace comune; la Siracusa diDionisio I. Alessandro Magno.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: in aula, dopo le lezioni.E-Mail: paolo.tuci@unier.it; ptuci@hotmail.it TESTI CONSIGLIATI1) C. Bearzot, Manuale di storia greca, Il Mulino, Bologna 20112) Il primo o il terzo saggio (a scelta) contenuti nel volume: Dalla storiografiaellenistica alla storiografia tardoantica: aspetti, problemi, prospettive. Atti delconvegno internazionale di studi, Roma, 23-25 ottobre 2008, a cura di U.Roberto – L. Mecella, Rubbettino, Soveria Mannelli 2010.3) Materiale didattico (fonti in originale e in traduzione) verrà distribuitodurante il corso. 22
  • Programma degli insegnamenti – I ANNO Storia e Filosofia STORIA ROMANA Umberto Roberto - Paolo A. Tuci – Cinzia BerzotAnno di corso: I ANNO (I Curriculum: Storico)Periodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): L-ANT-03C. F. U. attribuiti: 12Durata del corso: 96 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIIl corsosi articola in tre moduli che intendono presentare le linee di sviluppodella storia romana dalle origini, al periodo ellenistico-romano fino all’etàtardoantica. Particolare importanza verrà data all’analisi delle fonti (letterarie,epigrafiche, papiracee, archeologiche) e alle questioni di metodo. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOIl corso si articola in tre moduli:a) Modulo di storia generale, Umberto Roberto, 9 CFU Il modulo verrà dedicato all’analisi dei momenti fondamentali che segnano laformazione, lo sviluppo e la decadenza dell’impero di Roma, dall’età dellamonarchia arcaica alla fine del V secolo d.C.b) Modulo di storia ellenistico romana, Paolo A. Tuci, 2 CFUIl modulo verterà sulla storia dei rapporti tra Roma e l’Oriente ellenistico dalloscoppio della prima guerra illirica alla istituzione della provincia d’Asia (229-129 a.C.)c) Modulo di approfondimento, Cinzia Berzot, 1 CFUIl modulo presenterà alcuni testi miranti a mettere in evidenza i diversicontenuti dell’identità greca e romana in merito alle relazioni internazionali eal rapporto con lo straniero.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: Umberto Roberto: Lunedì ore 10-11 – Stanza C104; oppure inaula dopo la lezione. A. Tuci: in aula dopo la lezione.E-Mail: umberto.roberto@unier.it; umbertoroberto@hotmail.compaolo.tuci@unier.it; ptuci@hotmail.it 23
  • Programma degli insegnamenti – I ANNOStoria e Filosofia TESTI CONSIGLIATIPER IL PRIMO MODULO1) Manuale: G. Geraci-A. Marcone, Storia romana, Le Monnier, Firenze 2003(o ristampe successive); in alternativa, un altro manuale universitario di storiaromana concordato con il docente.2) Una lettura a scelta tra i seguenti titoli:- M. Jehne, Giulio Cesare, Il Mulino, Bologna 1999.- M. Meier, Giustiniano, Il Mulino, Bologna 2007.- M. Pani, La repubblica romana, Il Mulino, Bologna 2010.- E. Meyer-Zwiffelhoffer, Storia delle province romane, Il Mulino, Bologna2009.- E. James, I barbari, Il Mulino, Bologna 2009-3) Dal volume di U. Roberto-L. Mecella, Dalla storiografia ellenistica allastoriografia tardoantica: aspetti, problemi, prospettive, Rubbettino, SoveriaMannelli 2010, lettura e studio dei saggi di ...PER IL SECONDO MODULOC. Bearzot, Manuale di Storia greca, Il Mulino, Bologna 2011, pp. 263-304PER IL TERZO MODULOM. Sordi, Il mito troiano e l’eredità etrusca di Roma, Jaca Book, Milano 1989A. Corneli-M. Sordi, Nascita dell’Occidente, Fondazione Achille e GiuliaBoroli, Milano 2008, pp. 13-67 24
  • Programma degli insegnamenti – I ANNO Storia e Filosofia LETTERATURA LATINA Aroldo BarbieriAnno di corso: I ANNO (Curriculum: Storico e Filosofico - Religioso)Periodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): L-FIL-LET/04C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl corso si propone di far conoscere allo studente le peculiarità linguistiche,stilistiche e di contenuto della prosa filosofica latina in generale e inparticolare nella lettura, traduzione e commento del Somnium Scipionis diCicerone. Il testo, com’è noto, è altamente stimolante circa la naturadell’anima e la sua sorte dopo la morte dell’uomo. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTODopo un breve inquadramento della prosa filosofica e delle sue particolarità,ricorrendo principalmente al testo di Mazzoli e dopo aver messo in lucel’apporto specifico di Cicerone alla prosa filosofica latina, verrà letto, tradottoe commentato in classe il classico scelto. Infine verranno messi in risalto gliaspetti stilistici del testo medesimo ricorrendo al volume del Leeman. Saràstimolata l’iniziativa degli studenti su parti e aspetti del programma attraversoseminari, nei quali uno o più studenti saranno protagonisti.Modalità di svolgimento del corso: lezioni e seminariModalità di svolgimento dell’esame: lettura, traduzione, commento dialcuni passi del testo scelto.Ricevimento: in aula dopo la lezioneE-Mail: aroldo_barbieri@hotmail.com TESTI CONSIGLIATIDa “La prosa latina” G. Mazzoli, “La prosa filosofica” pp. 145-183;Da “Orationis ratio” di A.G. Leeman, “I diversi stili delle opere filosofiche” pp.335-388.Lettura, traduzione, commento del Somnium Scipionis . 25
  • Programma degli insegnamenti – I ANNOStoria e Filosofia LETTERATURA ITALIANA I Isabella BecherucciAnno di corso: I ANNO (Curriculum: Storico)Periodo di svolgimento del corso: II SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): L-FIL-LET/10C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVILettura e commento di una delle opere fondamentali per lo sviluppo e ladiffusione della lingua letteraria italiana: l’Arcadia di Iacopo Sannazaro.Mentre le parti in prosa dell’opera del Sannazaro, massimo fra i poetinapoletani in volgare della corte Aragonese, rappresentano la «prima prosad’arte composta fuori di Toscana» con una forte toscanizzazione dellecomponenti dialettali originarie nel passaggio dalla prima alla secondaredazione dell’opera, le parti in verso (egloghe, canzoni e sestine) portano amaturazione il processo di ritorno integrale al modello petrarchesco dellatradizione trecentesca. Sarà così possibile far luce sul cammino dellaformazione della ‘grammatica’ italiana prima della teorizzazione bembianafissata con le Prose della volgar lingua (1525). PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOLa prima parte del corso sarà riservata al quadro storico e politico dell’Italiaquattrocentesca, nel quale collocare l’opera poetica del Sannazaro, compresoil canzoniere. Sarà esaminata di conseguenza la ‘funzione’ Sannazaro nellastoria dell’egloga volgare, con riferimenti alle tumultuose vicende del RegnoAragonese a Napoli. Un esame dei principali elementi di morfologia e sintassinella prosa dell’antico volgare, con particolare attenzione alle opere narrativedel Boccaccio, unitamente alle nozioni di base della metrica italiana, forniteattraverso la lettura di numerosi componimenti dal Canzoniere di FrancescoPetrarca, permetterà altresì una più completa fruizione del testo.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: orale o scrittoRicevimento: giovedì dalle 15 alle 16 – stanza C107E-Mail: isabella.becherucci@unier.it 26
  • Programma degli insegnamenti – I ANNO Storia e Filosofia TESTI CONSIGLIATIUn manuale di letteratura italiana che comprenda l’arco cronologico dalleOrigini al Cinquecento.I. Sannazaro, Arcadia a cura di F. Erspamer, Milano, Mursia, 1990.D. Alighieri, Vita Nuova, Milano, Oscar Mondadori.F. Petrarca, Canzoniere, a cura di Marco Santagata, Milano, Mondadori («IMeridiani»), 2004.Una delle opere giovanili di G. Boccaccio (Filocolo, Elegia di MadonnaFiammetta, Milano, Garzanti, «I grandi libri») e parte del Decameron (Milano,Garzanti, «I grandi libri»).Saranno distribuite dispense di altri testi affrontati durante le lezioni. 27
  • Programma degli insegnamenti – I ANNOStoria e Filosofia GEOGRAFIA Gianluca CasagrandeAnno di corso: I ANNO (Curriculum: Storico)Periodo di svolgimento del corso: II SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): M-GRR/01C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIAl termine del corso gli studenti avranno acquisito una conoscenza generaledei principali temi di indagine nelle discipline afferenti alla geografia. Inparticolar modo, riceveranno una formazione di base sui temi della geografiaclassica ed una introduzione ad alcune delle più recenti linee di riflessione edibattito in materia. All’esposizione teorica seguirà la presentazione di casi distudio reali. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOIntroduzione alla geografia classica. La geografia come studio dei rapporti fragli esseri umani e lo spazio terrestre. Spazio fisico, spazio antropico. Larappresentazione della terra: fondamenti di cartografia. La visione geograficanello studio dei fatti storici. Le “Grammatiche della Geografia” e lacomprensione di eventi reali. Fattori geografici e territorializzazione comechiave di lettura nel lavoro dello storico.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontali.Modalità di svolgimento dell’esame: orale.Ricevimento: in aula per 30 minuti dopo la lezione.E-Mail: gianluca.casagrande@greal.eu; gcasagrande@unier.it. Si raccomandadi scrivere ad entrambi gli indirizzi per una più rapida risposta. TESTI CONSIGLIATIG. De Vecchis, Appunti di Geografia Generale, Kappa, Roma, 2001.G. Casagrande, Il Mondo che Scomparve in una Notte, IF Press, Morolo,2010.Ulteriore materiale potrà essere fornito dal docente. Si raccomanda di portarea lezione un atlante, anche di tipo scolastico, purché corredato di cartografiaaggiornata. Parte fondamentale dell’esame verterà sull’accertamento dellacapacità di leggere correttamente questo tipo di documentazione. 28
  • Programma degli insegnamenti – I ANNO Storia e Filosofia FILOSOFIA TEORETICA Susy Zanardo – Michele LenociAnno di corso: I ANNO (Curriculum: Storico)Periodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-FIL/01C. F. U. attribuiti: 12Durata del corso: 96 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIModulo I: Susy Zanardo, 9 CFU: Il corso vuole offrire gli strumenti linguistici econcettuali per orientarsi nella comprensione dei temi fondamentali dellafilosofia teoretica, presentando i lineamenti generali della logica, della teoriadella conoscenza e dell’ontologia metafisica. Si vuole inoltre far acquisire lacapacità di lettura analitica e di discussione critica di alcuni testi fondamentalidella storia della filosofia, aventi come oggetto il nesso tra stabilità del saperee senso dell’essere.Modulo II: Michele Lenoci, 3 CFU: Intento di questa parte sarà quello diverificare, inserendosi nel quadro teorico delineato dal Modulo I, laformulazione, la trattazione, le discussioni, gli sviluppi e le prospettiverelativamente a un problema centrale della riflessione filosofica, come quellodell’esistenza di Dio, considerato nella sua struttura di fondo, che anima lateologia naturale, e nelle obiezioni principali, incontrate soprattutto nelpensiero moderno. Ci si proporrà di raggiungere questo obiettivo ancheattraverso la lettura e il commento di alcuni testi classici. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOModulo I: La prima parte del corso si preoccuperà di enucleare e illuminare laconcettualità e il linguaggio della filosofia classica (secondo la lineaaristotelico-tomista), presentando l’oggetto dell’indagine filosofica, ovvero latotalità dell’essere, e il suo procedere veritativo secondo il principio diidentità-non contraddizione.Nella seconda parte si affronterà la lettura critica di alcuni luoghi classici dellariflessione filosofica, mediante l’analisi del rapporto fra verità e sensodell’essere, secondo alcune grandi partizioni epocali: la classicità greca emedievale, in cui la filosofia è indagine sul senso dell’intero conosciutosecondo verità (Aristotele e Tommaso); la modernità che, eleggendo a propriotema il problema gnoseologico, lavora alla determinazione dell’intero del 29
  • Programma degli insegnamenti – I ANNOStoria e Filosofiasenso come produzione soggettiva (da Cartesio a Hegel); la derivapostmoderna che proclama il Nonsenso dell’intero ed eleva il frammento acifra epocale, mentre lavora alla decostruzione della struttura formale delpensiero e del senso dell’essere (uno fra tutti, Derrida).Modulo II: Il principio di non contraddizione, il divenire, l’esistenza di Dio.Partendo dalle analisi aristoteliche del problema del principio di noncontraddizione e del problema del divenire, ci si soffermerà particolarmentesui testi di S. Tommaso, che assumono, approfondiscono e innovano l’ereditàgreca, per mostrare come l’analisi di peculiari aspetti dell’esperienza portinecessariamente all’affermazione di un Dio trascendente, personale e creatoree come si caratterizzi, nella sua portata e nei suoi limiti, la conoscenza che nepossiamo avere. Si prenderanno anche in esame alcune critiche mosse a taliprove da autori moderni e contemporanei, con attenzione particolare a quellesviluppate da Kant.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: S. Zanardo: in aula prima e dopo le lezioni; M. Lenoci riceve inaula prima e dopo le lezioniE-Mail: susyzanardo@mail.com; susy.zanardo@unier.it;michele.lenoci@unicatt.it TESTI CONSIGLIATIModulo I:S. Vanni Rovighi, Elementi di filosofia, voll 1 e 2, La Scuola, Brescia 1982;Sarà messa a disposizione una dispensa e una antologia di testi analizzati alezione.Modulo II:Aristotele, I principi del divenire, Libro primo della Fisica, a cura di E.Severino, La Scuola, Brescia 1987.Aristotele, Il principio di non contraddizione, Libro quarto della Metafisica, acura di E. Severino, La Scuola, Brescia 1990.Tommaso D’Aquino, L’esistenza di Dio, a cura di G. Zuanazzi, La Scuola,Brescia 2003.S. Vanni Rovighi, Il problema teologico come filosofia, a cura di C. Marabelli,Eupress, Varese 2004. 30
  • Programma degli insegnamenti – I ANNO Storia e Filosofia FILOSOFIA DELLA STORIA Guido TraversaAnno di corso: I ANNO (Curriculum: Storico)Periodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): M-FIL/03C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVISi intende individuare lo statuto epistemologico del giudizio storico. Si partiràcol porre la seguente questione: in che senso il giudizio storico è un giudiziocapace di comprendere un fatto nella sua singolarità senza cancellarlo nellauniversalità del giudizio stesso? Contemporaneamente la ricerca si propone distabilire la fisionomia della individualità che caratterizza la singolarità diquella modalità di giudizio storico capace di capire i diversi tipi di conflittiche si danno allinterno dellagire storico. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOIl corso sarà dedicato alle questioni sopra indicate, in particolare allacomprensione dellidentità epistemologica del giudizio storico e del “fattostorico” (rapporto universale/particolare, unità-molteplicità) e alla struttura nonanalitica di tale attività di comprensione del molteplice costitutivo della Storia.In particolare saranno affrontate le seguenti tematiche:Statuto epistemologico del giudizio storico, Singolarità del fatto storico,Universalità della sua comprensione, Libertà e necessità nellagire storico, Leforme dellopposizione nei e tra i fatti storici.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: Martedì dalle 13.00 alle 14.00 – Stanza B 104E-Mail: guido.traversa@gmail.com TESTI CONSIGLIATILuigi Scaravelli, Critica del capire, in ID, Critica del capire ed altri scritti, LaNuova Italia, Firenze 1968; Luigi Scaravelli; Il problema della scienza e ilgiudizio storico, Rubettino, Soveria Mannelli, 1999; Aa Vv, La storia comeproblema e come metodo: il pensiero di Luigi Scaravelli, Rubettino, SoveriaMannelli, 1998; G. Traversa, Il giudizio storico in Luigi Scaravelli, La genesi 31
  • Programma degli insegnamenti – I ANNOStoria e Filosofiadella Critica del capire, in AA. VV., Momenti e problemi di filosofia dellastoria, ESI, Napoli, 1991, pp. 223-251; G. Traversa, Metafisica degli accidenti,manifestolibri, Roma 2004; G. Traversa, Identità etica, manifestolibri, Roma2008.Il Docente metterà a disposizione una antologia relativa ai temi e agli autoritrattati durante il Corso 32
  • Programma degli insegnamenti – I ANNO Storia e Filosofia STORIA DELLA CRISTIANESIMO Roberto de MatteiAnno di corso: I ANNO (Curriculum: Storico e Filosofico - Religioso)Periodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-STO/07C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl corso vuole presentare un quadro approfondito e aggiornato dei grandiprocessi di cristianizzazione delle società e delle istituzioni europee dalleorigini al XVII secolo, offrendo le nozioni di base e gli strumenti concettualirelativi all’ambito di studio. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTONel corso sarà analizzata l’influenza del Cristianesimo e della Chiesa sullamentalità, sui costumi, sulle leggi e sulle istituzioni, dalle origini ai Trattati diWestfalia (1648).Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: Dopo le lezioni, il lunedì e il martedì.E-Mail: info@robertodemattei.it TESTI CONSIGLIATIOltre alle dispense fornite dal docente, lo studente dovrà leggere:Eusebio, Storia ecclesiastica, vol. I e II (Città NuovaPaul Veyne, Quando lEuropa è diventata cristiana (312-394)- Costantino, laconversione, lImpero.(Garzanti)Marcel Pacaut, Monaci e religiosi nel Medioevo ( Il Mulino) 33
  • Programma degli insegnamenti – I ANNOStoria e Filosofia STORIA ROMANA (CON ELEMENTI DI FILOSOFIA ANTICA) Umberto Roberto - P. Fernando Pascual, L.C.Anno di corso: I ANNO (Curriculum: Filosofico - Religioso)Periodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): L-ANT/03C. F. U. attribuiti: 12Durata del corso: 96 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIModulo di Storia romana (Umberto Roberto) – 6 CFU:Il corso intende presentare le linee di sviluppo della storia romana dalle originifino al V secolo d.C. Particolare importanza verrà data all’analisi delle fonti(letterarie, epigrafiche, papiracee, archeologiche), alle questioni di metodo.Nella seconda parte del corso si concentrerà lattenzione sulla storia culturalee le principali correnti filosofiche del mondo ellenistico-romano fino alla tardaantichità.Modulo di filosofia antica (P. Fernando Pascual, L.C.) - 6 CFU:il programma è disponibile presso la segreteria della Facoltà di Filosofia(APRA). PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOIl corso si articola in due moduli:a) Modulo di Storia romana (Umberto Roberto) - 6 CFU: Il modulo verrà dedicato all’analisi dei momenti fondamentali che segnano laformazione, lo sviluppo e la decadenza dell’impero di Roma, dall’età dellamonarchia arcaica alla fine del V secolo d.C.b) Modulo di filosofia antica (P. Fernando Pascual, L.C. ) -6 CFU:il programma è disponibile presso la segreteria della Facoltà di Filosofia(APRA).Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: orale 34
  • Programma degli insegnamenti – I ANNO Storia e FilosofiaRicevimento: Umberto Roberto: Lunedì ore 10-11 – Stanza C104; oppure inaula dopo la lezioneP.Fernando Pascual, L.C.: orari disponibili presso la Segreteria della Facoltà diFilosofia (APRA)E-Mail: umberto.roberto@unier.it; umbertoroberto@hotmail.com TESTI CONSIGLIATIProgramma Prof. Umberto Roberto- A. Momigliano, Manuale di Storia romana, a cura di Attilio Mastrocinque,Utet, Novara 2011.- Dal volume di U. Roberto-L. Mecella, Dalla storiografia ellenistica allastoriografia tardoantica: aspetti, problemi, prospettive, Rubbettino, SoveriaMannelli 2010, lettura e studio di 2 saggi a scelta. 35
  • 1.6. Calendario degli esamiAVVERTENZA: Il calendario potrebbe subire lievi modifiche per cause di forza maggiore: Eventuali variazioni, normalmente contenutenellarco della settimana, saranno tempestivamente comunicate sia verbalmente che mediante annunci nelle bacheche del Corso di laureae nel sito Internet dellUniversità.Le date degli esami del I anno del Corso di Laurea in Storia e Filosofia (Curriculum: Filosofico – Religioso) sono disponibili presso laSegreteria della Facoltà di Filosofia (APRA). CALENDARIO ESAMI - I ANNO CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN STORIA E FILOSOFIA (Curriculum: storico) I SESSIONE II SESSIONE III SESSIONE IV SESSIONE (16/01/12-10/02/12) (28/05/12-06/07/12) (17/09/12-28/09/12) (gen. – feb. 2013) INSEGNAMENTO I II I II III I I II appello appello appello appello appello appello appello appelloStoria greca 18/01 01/02 30/05 13/06 27/06 19/09Storia romana - - 06/06 20/06 04/07 19/09Letteratura latina 08/02 22/02 06/06 20/06 04/07 26/09Letteratura italiana I - - 29/05 11/06 03/07 29/09 Da definireGeografia - - 30/05 06/06 27/06 19/09Filosofia teoretica - - 29/05 11/06 25/06 20/09Filosofia della storia 23/01 02/02 29/05 11/06 25/06 20/09Storia del Cristianesimo 16/01 06/02 04/06 25/06 02/07 18/09 36
  • 2. Laurea Triennale in Scienze Storiche (L - 42)(ad esaurimento)2.1. Obiettivi e percorso formativoIl Corso di laurea in Scienze Storiche (L-42) si propone di fornire allostudente una formazione umanistica di base, finalizzata allindaginestorica, mediante lapprendimento delle principali metodologie diricerca e delle nozioni fondamentali delle discipline e delle tecnicheausiliarie. Si tratta di una premessa metodologica fondamentale peracquisire nell’arco del triennio una solida preparazione sulle lineegenerali della storia umana nel suo complesso, con precipuoapprofondimento della storia dell’Europa e del mondomediterraneo, dall’antichità all’età contemporanea. Questo obiettivosarà realizzabile mediante la contemporanea acquisizione dellemetodologie e dei linguaggi che sono alla base dell’indagine storica.In particolare sarà necessario acquisire: un’adeguata familiarità con lediverse tipologie di fonti storiche, di linguaggi e di stili storiografici;la conoscenza delle principali correnti storiografiche e dei grandidibattiti sui fondamentali eventi della storia occidentale; unaddestramento alla acquisizione di un linguaggio storiograficochiaro e rigoroso, che soddisfi le esigenze dellesposizione scientificae quelle della didattica e della divulgazione; l’acquisizione dellecompetenze necessarie per svolgere attività di consulenzanellambito delle comunicazioni e per valorizzare le memorie storiche,attraverso le nuove tecnologie di gestione dei dati e di presentazionemultimediale.Per quanto riguarda il percorso formativo, il corso di laurea prevedetra primo e secondo anno l’insegnamento comune a tutti gli studentidelle discipline di base per lo studio della civiltà europea. Inparticolare, si affronterà lo studio della storia antica (con precipuaattenzione al mondo greco e romano), medievale, moderna econtemporanea, con un approfondimento della storia dell’Europaorientale. Al tronco storico si associa lo studio del pensiero filosofico,della letteratura latina e di quella italiana. Un percorso di formazioneparallelo è altresì dedicato allo sviluppo storico delle forme artistichedall’età antica in poi. 37
  • A partire dal secondo anno, il percorso formativo consente allostudente di integrare la sua formazione di base con le competenzelegate a due diversi indirizzi di studio: Il primo indirizzo è quello a carattere storico-politico- internazionale. Esso offre agli studenti i principali strumenti per comprendere le linee evolutive del pensiero, delle istituzioni e della prassi politica dallAntichità allEtà contemporanea. Il secondo indirizzo è quello a carattere storico-religioso. Con questo indirizzo si intende fornire un quadro di riferimento concettuale in relazione al pensiero e alle istituzioni religiose, nelle sue fondamentali relazioni con le scienze umane in genere.Entrambi gli indirizzi comprendono attività formative finalizzateallacquisizione di conoscenze di base nei vari campi della Storia, conriguardo ai processi di cambiamento delle tradizioni, dei sistemisociopolitici e dei sistemi economici, connettendo i vari insegnamentispecialistici in un sistema coerente di conoscenze teoriche.LUniversità organizza, in accordo con Enti pubblici e privati, i tirocini,gli stages ed i corsi di orientamento più opportuni per concorrere alconseguimento degli obiettivi prefissati.Il corso prevede anche l’acquisizione di abilità linguistiche edinformatiche che consentano di svolgere le attività professionali, conil pieno dominio delle più moderne tecnologie e che favoriscanorapporti e relazioni a livello internazionale.Lo svolgimento di stages e tirocini consentirà di tradurre leconoscenze teoriche in esperienze professionali e favorirà l’immediatoinserimento nel mondo del lavoro e delle attività produttive.Il metodo degli studi presuppone la formazione di una comunità didocenti e di studenti animata dalla ricerca della verità e del sapere edalla tensione verso una serena esperienza di vita.I laureati saranno altresì in grado di accedere al corso di laureamagistrale in Storia della Civiltà cristiana (LM- 84), finalizzatoall’acquisizione di una formazione di livello avanzato per l’esercizio 38
  • di attività di elevata qualificazione, soprattutto nei settori della ricercastorica, dell’insegnamento nella scuola secondaria, pubblica e privata,dell’amministrazione e della comunicazione.2.2. Sbocchi professionaliI laureati del corso di laurea saranno in grado di svolgere attivitàprofessionali nelle aree tradizionali della ricerca in scienze storiche escienze umane; nella comunicazione e nelleditoria.Potranno svolgere compiti a vari livelli nella pubblicaamministrazione e in enti pubblici e privati: ufficio personale,ufficio studi e ricerca, ufficio stampa e pubbliche relazioni, gestionedel patrimonio culturale, promozione culturale, servizi sociali. Inparticolare, i laureati svolgeranno attività professionali presso entipubblici e privati o istituti di cultura di tipo specifico (fondazioni,biblioteche, archivi, musei, centri di documentazione) che operanonei settori dei servizi culturali, sociali e del recupero, tutela, gestione evalorizzazione di beni storici e delle tradizioni e identità locali(Comuni, Province, Regioni, uffici di relazioni pubbliche,organizzazioni internazionali, ecc.), nonché nellambito delle carrierelegate alla professionalità intellettuale (editoria, comunicazione,gestione dellinformazione e delle risorse umane, industria culturale epubblica amministrazione).I laureati saranno altresì in grado di accedere a corsi di laureamagistrale di area umanistica finalizzati all’acquisizione di unaformazione di livello avanzato per l’esercizio di attività di elevataqualificazione, soprattutto nei settori della ricerca storica,dell’insegnamento nella scuola secondaria, pubblica e privata,dell’amministrazione e della comunicazione.2.3. Programma degli studi nell’anno accademico 2011/2012Nell’ A.A. 2011/2012 è attivo solo il secondo e il terzo anno del corsodi Laurea Triennale in Scienze Storiche, pertanto nel coerente annoaccademico si svolgeranno i seguenti insegnamenti: 39
  • CURRICULUM DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE STORICHE (L-42) (attivato nell’A.A. 2010/2011 ai sensi del D.M. 270/04) SECONDO ANNO (A.A. 2011-2012) Periodo diAttività formative Ambito disciplinare Insegnamento S.S.D. C.F.U. insegnamentoDi base Discipline letterarie e storico artistiche Letteratura latina L-FIL-LET/04 I semestre 6 Discipline filosofiche, pedagogiche, Antropologia filosofica M-FIL/01 annuale 6 psicologiche e storico - religioseCaratterizzanti Storia moderna M-STO-02 annuale 12 Storia moderna e contemporanea Storia contemporanea M-STO-04 annuale 12Attività affini Attività formative affini o integrative Storia del Cristianesimo M-STO-07 annuale 12Informatica 3Attività formative (Responsabilità sociale) 3TOTALE CREDITI ATTIVITÀ COMUNI SECONDO ANNO 54 Curriculum: storico-religiosoAttività affini Attività formative affini o integrative Archeologia e storia dell’arte cristiana L-ANT/ 08 I semestre 6 Curriculum: storico - politico-internazionaleAttività affini Attività formative affini o integrative Storia delle relazioni internazionali SPS/06 I semestre 6TOTALE CREDITI SECONDO ANNO 60 40
  • CURRICULUM DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE STORICHE (cl. 38) (attivato nell’A.A. 2009/2010 ai sensi del D.M. 509/99) TERZO ANNO (a.a. 2011-2012) (attività comuni ad entrambi i curricula) Periodo di Attività formative Ambito disciplinare Insegnamento S.S.D. C.F.U. insegnamento Storia moderna e contemporanea Storia contemporanea II M-STO/04 annuale 12 Discipline filosofiche, pedagogiche Etica e bioetica M-FIL/031 II semestre 4 e psicologicheCaratterizzanti Discipline politiche, economiche e Storia del pensiero politico nel SPS/02 I semestre 6 sociali Medioevo2 Storia e civiltà dell’Africa, Storia e Istituzioni delle Americhe SPS/05 I semestre 5 dell’America e dell’Asia Storia dell’arte moderna e L-ART/02Affini e integrative Discipline storico-artistiche I semestre 4 contemporanea L-ART/03Attività a scelta Due insegnamenti a scelta dello studente, inerenti al curriculum prescelto. 6dello studenteUlterioriconoscenze ed Stages o tirocini di orientamento professionale 5attività Redazione di una tesi, sotto la guida di un relatore, che riveli capacità di ricerca tra le fonti e di riflessioneProva finale 8 criticaTOTALE CREDITI ATTIVITÀ COMUNI 501 Il settore scentifico disciplinate M-FIL/02 dell’insegnamento di “Etica e bioetica” è sostituito con il settore affine M-FIL/032 L’insegnamento di “Storia dell’utopia moderna e contemporanea” è ridenominato “Storia del pensiero politico nel Medioevo” 41
  • TERZO ANNO (curriculum: storico-religioso) Discipline filosofiche, pedagogiche e psicologiche M-FIL/06Caratterizzanti Civiltà Cristiana1 annuale 10 M-STO/07 Discipline storico-religioseTotale C.F.U. attività specifiche per il curriculum storico-religioso 10 TERZO ANNO (curriculum: storico-politico) Discipline filosofiche, pedagogiche M-FIL/06 e psicologicheCaratterizzanti Storia del pensiero politico2 SPS/02 annuale 10 Discipline politiche, economiche e SPS/04 socialiTotale C.F.U. attività specifiche per il curriculum storico-politico 10TOTALE C.F.U. TERZO ANNO 601 Gli insegnamenti di “Civiltà Cristiana” (M-STO/07) (6 CFU) e di “Storia della filosofia moderna e contemporanea” (M-FIL/06) (4 CFU)sono diventati due moduli di un unico insegnamento denominato “Civiltà Cristiana” (10 CFU).2 Gli insegnamenti di “Storia della filosofia contemporanea” (M-FIL/06) e “Storia del pensiero politico” (SPS/02 e SPS/04) sono stati uniti inun solo insegnamento denominato ”Storia del pensiero politico”, suddiviso in tre moduli: “Storia del pensiero politico e sociale” (SPS/02)(3CFU) e “Storia degli equilibri e delle politiche internazionali” (SPS/04) (3CFU) e “Storia della filosofia moderna e contemporanea” (4CFU). 42
  • 2.4. Orario delle lezioniAvvertenza: Il programma delle lezioni potrebbe subire temporanee modifiche per cause di forza maggiore. Le eventuali variazioni sarannotempestivamente comunicate sia verbalmente che mediante annunci nelle bacheche del Corso di Laurea e nel sito Internet dellUniversità. II ANNO - I SEMESTRE ORE Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato I Storia delle Storia del (9,00 -9,45) Storia del Cristianesimo Storia moderna relazioni Cristianesimo (Salvarani) (de Mattei) internazionali (3) II (Russo) (10,00-10,45) (Castagnino) III Archeologia Storia delle (11,00-11,45) e storia relazioni Storia Storia Letteratura dell’arte Letteratura latina Attività a internazionali contemporanea contemporanea latina cristiana (1) (Coccia) scelta IV (3) (Viglione) (Viglione) (Coccia) (Salvarani) dello (12,00-12,45) (Castagnino) studente e (2) studio (13,00-14,45) personale V Antropologia (15,00-15,45) filosofica Attività a Attività a scelta VI Attività a scelta scelta dello Attività a scelta dello studente (Gnerre) dello studente e (16,00-16,45) dello studente e studente e e studio personale studio studio personale Attività a scelta studio VII personale dello studente e personale(17,00 – 18,45) studio personale(1) Il corso prevede 12 lezioni frontali e 6 uscite pomeridiane il martedì pomeriggio, le quali verranno comunicate dalla Docente durante ilcorso delle lezioni.(2) Curriculum: storico - religioso(3) Curriculum: storico – politico - internazionale 43
  • II ANNO - II SEMESTRE ORE Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato I Storia del Storia Storia del Storia (9,00 -9,45) Cristianesimo contemporanea Cristianesimo contemporanea II (Salvarani) (Lenzi) (Russo) (Lenzi)(10,00-10,45) III(11,00-11,45) Storia moderna Storia moderna Storia moderna IV (de Mattei) (Viglione) (Viglione) Attività a scelta(12,00-12,45) dello studente e studio (13,00-14,45) personale V Antropologia (15,00-15,45) filosofica Attività a VI Attività a scelta Attività a scelta scelta dello Attività a scelta (16,00-16,45) dello studente e dello studente e (Gnerre) studente e dello studente e studio personale studio personale Attività a scelta studio studio personale VII dello studente e personale(17,00 – 18,45) studio personale 44
  • III ANNO - I SEMESTRE ORE Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato I Storia e Storia del (9,00 -9,45) Storia e Istituzioni pensiero Storia del pensiero politico nel Civiltà Cristiana Istituzioni delle delle politico nel Medioevo (3) II Americhe Americhe Medioevo (Russo) (Becherucci) (4)(10,00-10,45) (Martinez) (Martinez) (Russo) III Storia dell’arte Storia del Storia Civiltà Storia Attività a Storia del(11,00-11,45) moderna e pensiero contemporanea Cristiana (3) contemporanea scelta pensiero contemporanea politico (2) II politico (2) (Becherucci) II dello IV studente e(12,00-12,45) (C. Barbieri) (1) (Galantini) (Valente) (Castagnino) (4) (Valente) studio (13,00-14,45) personale V Attività a (15,00-15,45) Attività a scelta Attività a scelta scelta dello Attività a scelta VI Attività a scelta dello studente e dello studente e dello studente e studente e dello studente e (16,00-16,45) studio personale studio studio personale studio studio personale VII personale personale(17,00 – 18,45)1) Il corso prevede 12 lezioni frontali e 4 uscite pomeridiane, le quali verranno comunicate dalla Docente durante il corso delle lezioni.(2) Curriculum storico - politico(3) Curriculum storico - religioso(4) La lezione del 7 ottobre verrà sostituita con la partecipazione al convegno “Dieci anni per leggere”; la lezione di venerdì 9 dicembrenon si terrà. 45
  • III ANNO - II SEMESTRE ORE Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato I Storia del Storia del Attività a(9,00 -9,45) Civiltà Civiltà pensiero pensiero scelta dello Cristiana Cristiana politico Etica e bioetica II politico (2) studente e (1) (1) (2) (Zanardo) (10,00- Attività a studio (Traversa) (Traversa) (Traversa) 10,45) scelta dello (Traversa) personale studente e III studio Attività a (11,00- personale Storia scelta Storia contemporanea Etica e 11,45) Attività a scelta dello contemporanea dello II bioetica IV studente e studio personale II studente (12,00- (Lenzi) (Zanardo) e studio (Lenzi) 12,45) personale (13,00- 14,45) Attività a Attività a Attività a scelta scelta dello Attività a scelta dello scelta dello (15,00- Attività a scelta dello dello studente e studente e studente e studio studente e 18,45) studente e studio personale studio studio personale studio personale personale personale(1) Curriculum storico - religioso(2) Curriculum storico - politico 46
  • 2.5. Le attività di Responsabilità socialeIl Centro di Formazione Integrale gestisce una serie di attività diresposanbilità sociale, che costituiscono parte integrante delprogramma degli studi e sono incluse tra le “altre attività formative” dicui all’art. 10, quinto comma, lett. d), d.m. 22 ottobre 2004, n. 270,dirette a sviluppare esperienze e competenze degli studenti nella vitadi relazione.I programmi di responsabilità sociale comprendono seminari elaboratori relativi all’etica ed all’azione sociale, alla responsabilitàsociale dimpresa, alla ricerca ed alla sperimentazione culturale edartistica.Dovranno concordare con il CEFI un programma individuale diResponsabilità sociale:a. gli studenti esonerati anche parzialmente dalla frequenza dei corsi;b. gli studenti che, negli anni accademici precedenti, abbiano già partecipato al seminario e/o a laboratori di Responsabilità sociale, conseguendo un numero di crediti inferiore a quello previsto per il corso di laurea di appartenenza o con una frequenza inferiore a quella minima obbligatoria;Gli obiettivi e il programma delle attività di responsabilità sociale sonospecificati a pag. 57.2.6. Insegnamenti a scelta degli studentiIl programma degli insegnamenti obbligatori è integrato da una seriedi insegnamenti integrativi, che riguardano materie specialistiche diparticolare interesse e sono affidati a studiosi dotati di specificacompetenza ed esperienza nel settore. Tali corsi di insegnamento,organizzati e gestiti in modo autonomo dai docenti, possono esserefrequentati liberamente dagli studenti, nellambito delle attività a loroscelta.Il periodo di svolgimento e gli orari delle lezioni sarannotempestivamente comunicati con congruo anticipo rispetto alladata di inizio dei corsi. 47
  • Per l’anno accademico 2011-2012 sono programmati i seguentiinsegnamenti a scelta (3 CFU):1) Artisti e rivali a Roma nel rinascimento 1500 – 1600 (L-ART/02)2) Aspetti e figure del pensiero conservatore euro - americano fra Ottocento e Novecento (SPS/02)3) Etica della comprensione dellaltro (M-FIL/01)4) Il valore della condivisione per le nuove generazioni: etica comunitaria in E. Stein ed H. Arendt (M-FIL/01)5) Introduzione alla lingua latina (L-FIL-LET/04)6) Roma: grandi protagonisti del primo Cristianesimo (L-ANT/08)Gli studenti, in seguito ad apposita richiesta, autorizzata dal proprioambito, possono anche scegliere insegnamenti opzionali (da 3 cfu)attivati presso altri Corsi di Laurea dell’Università Europea di Roma. Iprogrammi di tali insegnamenti sono pubblicati negli Ordini degliStudi degli Ambiti di afferenza e disponibili sul sito internetdell’Università.2.7. Programma degli insegnamenti e delle attivitàIl programma dei singoli insegnamenti e delle attività di responsabilitàsociale che si svolgono nel presente anno accademico è cosìarticolato1:1 Avvertenza: l’orario di ricevimento dei docenti potrebbe subire modifiche. Leeventuali variazioni saranno tempestivamente comunicate sia verbalmente chemediante annunci nelle bacheche del Corso di laurea e nel sito Internet dellUniversità. 48
  • Programma degli insegnamenti – II ANNO Scienze Storiche LETTERATURA LATINA Michele CocciaAnno di corso: II ANNOPeriodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): L-FIL-LET/04C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVILettura e commento de “Il manualetto di campagna elettorale(Commentariolum petitionis) per Marco Tullio Ciceronis. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOIl problema dell’autore. Il consolato di Cicerone: la situazione politica e gliscopi del Commentariolum. I consigli al candidato: la tattica da adottare.Attualità del Commentariolum.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontali, , eventuali seminariModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: prima e dopo la lezione – Stanza C107 TESTI CONSIGLIATIQuinto Tullio Cicerone – Manualetto di campagna elettorale(Commentariolum petitionis), a cura di Paolo Fedeli, Salerno Editrice, Roma2006C. Santini, C. Pellegrino, F. Stok, Dimensioni e percorsi della letteratura latina,Carocci Editore, Roma 2010. 49
  • Programma degli insegnamenti – II ANNOScienze Storiche ANTROPOLOGIA FILOSOFICA Corrado GnerreAnno di corso: II ANNOPeriodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-FIL/01C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl corso prevede l’acquisizione delle conoscenze base dell’AntropologiaFilosofica in ordine alla prospettiva della filosofia naturale e cristiana, nontrascurando la naturale apertura dell’uomo al Mistero e quindiconseguentemente le implicazioni di tale Antropologia in quella Teologica. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOSignificato e valore dell’Antropologia Filosofica - L’antropologia filosoficanella storia del pensiero occidentale – La natura dell’uomo – Il valore dellapersona umana – L’uomo come soggetto conoscente – L’uomo come soggettomorale – L’uomo come spirito incarnato – L’origine e il destino dell’uomo.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: Mercoledì ore: 12-13E-Mail: corradognerre@alice.it TESTI CONSIGLIATI- Corrado Gnerre, Studiare l’uomo per rafforzare la Fede, Benevento, 2010.- Corrado Gnerre, La Rivoluzione nell’uomo, Verona, 2008.- Marco Di Matteo, L’amore umano tra eros e agape, (in preparazione).. 50
  • Programma degli insegnamenti – II ANNO Scienze Storiche STORIA MODERNA Roberto de Mattei - Massimo ViglioneAnno di corso: II ANNOPeriodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-STO/02C. F. U. attribuiti: 12Durata del corso: 96 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIIl corso vuole illustrare le principali fasi della storia europea dal XV secolo alCongresso di Vienna (1815), con particolare riguardo al processo disecolarizzazione che ha investito la Cristianità tra letà dellumanesimo e delprotestantesimo e quella della Rivoluzione francese. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTO:I Modulo: (Roberto de Mattei) 6 CFU:Il modulo tratterà il periodo dallepoca dellumanesimo alla pace di Westfalia(1648)II Modulo (Massimo Viglione) 6 CFU:Il modulo tratterà il periodo dalla pace di Westfalia (1648) al Congresso diVienna (1815)Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: ogni lunedì e martedì prima e dopo le lezioniE-Mail: info@robertodemattei.it - viglionemassimo@yahoo.it TESTI CONSIGLIATII Modulo: Nel corso delle lezioni saranno indicati dal docente i testi utili allapreparazione dellesameII Modulo:1) Uno a scelta fra i seguenti testi:- Paul Hazard, La crisi della coscienza europea, Torino, UTET, 2007.- Robert Mandrou, Luigi XIV e il suo tempo, da acquistare su “Maremagnum librorum”.- Augustin Cochin, Le società di pensiero e la Rivoluzione Francese. Meccanica del processo rivoluzionario, Rimini, Il Cerchio, 2008.2) Massimo Viglione, Rivolte dimenticate. Le insorgenze degli italiani dalleorigini al 1815, Roma, Città Nuova, 1999. 51
  • Programma degli insegnamenti – II ANNOScienze Storiche STORIA CONTEMPORANEA Francesca Romana Lenzi - Massimo ViglioneAnno di corso: II ANNOPeriodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-STO/04C. F. U. attribuiti: 12Durata del corso: 96 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIAcquisizione da parte del discente della conoscenza della storia del secoloche intercorre tra il Congresso di Vienna (1815) e la Pace di Parigi (1919), conparticolare approfondimento del processo di unificazione statuale italiano edella storia della politica estera nei decenni antecedenti la Prima GuerraMondiale. Si intende inoltre fornire agli studenti i necessari elementimetodologici per lo studio della storia e concettuali per la comprensione dellecause remote e prossime dei grandi cambiamenti religiosi, politici, economicie sociali avvenuti nel corso del XIX secolo e agli inizi del XX. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOModulo I (Massimo Viglione): IL PROCESSO DI UNIFICAZIONE ITALIANA ELA STORIA EUROPEA DAL CONGRESSO DI VIENNA AL 1870. CFU: 6Approfondimento delle cause e delle modalità con cui si arrivòall’unificazione statuale in Italia con particolare attenzione alle conseguenzeche nella società italiana il Risorgimento ebbe. Quindi, una presentazione deimaggiori eventi della storia europea e mondiale, approfondendo anche losviluppo delle ideologie e dei movimenti religiosi, culturali e politici deidecenni in questione.Modulo II (Francesca Romana Lenzi): DAL CONGRESSO DI BERLINO ALPRIMO CONFLITTO MONDIALE. CFU: 6Uno sguardo d’insieme alle dinamiche europee e internazionali che hannocreato le condizioni catalizzatrici del primo conflitto mondiale: nodi cruciali etendenze di sviluppo nella politica interna e internazionale, istituzioni,evoluzioni politiche ed economiche.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: in aula dopa la lezioneE-Mail: frlenzi@yahoo.com – viglionemassimo@yahoo.it 52
  • Programma degli insegnamenti – II ANNO Scienze Storiche TESTI CONSIGLIATICome manuale per lo studio della storia generale, si consiglia:- Aa.-Vv., Storia Contemporanea, Donzelli, Roma 1997.Saranno specificate a lezione le parti da studiare e indicati anche altristrumenti utili alla conoscenza dei fatti storici.- M. Viglione, 1861. Le due Italie. Identità nazionale, unificazione, guerra civile, Ed. Ares, Milano 2011.- F. Fejtő, Requiem per un impero defunto. La dissoluzione del mondo austro-ungarico, Mondadori, Milano 1999.- L. Saiu, La politica estera italiana dallunita a oggi, editori Laterza, Roma 1999 53
  • Programma degli insegnamenti – II ANNOScienze Storiche STORIA DEL CRISTIANESIMO Renata Salvarani - Luigi RussoAnno di corso: II ANNOPeriodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-STO/07C. F. U. attribuiti: 12Durata del corso: 96 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIIl corso ha l’obiettivo di fornire gli elemento metodologici e le conoscenze dibase della Storia del Cristianesimo dalle origini al Tardo Medioevo, conparticolare riferimento al rapporto fra Cristianesimo e società. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOIl corso presenta: i principali elementi metodologici della Storia delCristianesimo (fonti, documentazione, collezioni di documenti, strategiemetodologiche; le maggiori linee di sviluppo del Cristianesimo e della Chiesadai primi secoli fino al Giubileo del 1300; percorsi di storiografia.Il corso è suddiviso in due parti: una parte istituzionale generale (6 crediti -Renata Salvarani) e in una parte monografica sul tema “Guerra santa dall’etàtardoantica all’età basso medievale” (6 crediti - Luigi Russo).Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: in aula, mezz’ora dopo la lezioneE-Mail: info@renatasalvarani.it ; renata.salvarani@unier.it; luigi.russo@unier.it TESTI CONSIGLIATIG. Potestà, G.M. Vian, Storia del Cristianesimo, Bologna (Il Mulino) 2008J. Flori, Guerra santa. La formazione dell’idea di crociata nell’Occidentecristiano, Bologna (Il Mulino) 2009 54
  • Programma degli insegnamenti – II ANNO Scienze Storiche ARCHEOLOGIA E STORIA DELL’ARTE CRISTIANA Renata SalvaraniAnno di corso: II ANNO (curriculum storico-religioso)Periodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): L-ANT/08C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl corso ha l’obiettivo di fornire le nozioni di base dell’archeologia cristiana emedievale in una prospettiva di stretta interdisciplinarietà rispetto allediscipline storiche. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOL’origine dell’archeologia cristiana – La “scuola” romana – Alcune tipologie diedifici e manufatti: martyria, basiliche, battisteri e vasche battesimali,tombe ecomplessi sepolcrali, complessi cattedrali e insediamenti monastici – Elementidi tecniche di scavo – Rilievo archeologico, rilievo architettonico, rilievofotografico – Archeologia degli elevati e stratigrafie – L’archeologia senzascavo: alcune tecnologie – Archeologia del territorio.Fanno parte integrante del corso le visite e letture guidate di questi complessiarcheologici di Roma: tomba di Pietro e necropoli vaticana, Crypta Balbi,catacombe di San Callisto, complesso di Sant’Agnese e Santa Costanza,basilica di San Clemente, Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri.Durante le uscite saranno realizzate esercitazioni di rilievo.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontali in aula e letture guidatedi complessi archeologici (in loco)Modalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: Lunedì dalle 13.00 alle 14.00, in aula dopo la lezione. Per ilricevimento in altri orari concordare l’appuntamento via mail.E-Mail: info@renatasalvarani.it; renata.salvarani@unier.it TESTI CONSIGLIATIG. Liccardo, Introduzione allo studio dell’archeologia cristiana. Storia,metodo, tecnica, Torino (San Paolo Edizioni), 2007S. Gelichi, Introduzione all’archeologia medievale, Roma (Carocci) 1999 55
  • Programma degli insegnamenti – II ANNOScienze Storiche STORIA DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI Umberto Castagnino BerlinghieriAnno di corso: II ANNO (curriculum: storico - politico - internazionale)Periodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): SPS/06C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl corso affronterà le caratteristiche fondamentali delle relazioni internazionalinel XX secolo, che vide la crisi dell’egemonia europea sulla politica mondiale,prestando particolare attenzione, oltre che alla politica di potenza, ai fattoriideologici che influirono sulla politica internazionale in un’epocacaratterizzata dal sorgere dei totalitarismi nazional-socialista e comunista. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOIl corso tratterà le relazioni internazionali dalla prima Guerra Mondiale aldopo Guerra Fredda.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: in aula dopo la lezioneE-Mail: castagninoberlinghieri@unier.it oppure umberto.castagnino@unicatt.it TESTI CONSIGLIATI- O. Barié, Dal sistema europeo alla Comunità mondiale. Storia delle relazioniinternazionali dal Congresso di Vienna alla fine della Guerra fredda, vol. II,Verso la comunità mondiale, Tomi I e II, Celuc Libri, Milano 2005;- M. de Leonardis, Ultima Ratio Regum. Forza militare e relazioniinternazionali, I rist., Monduzzi, Bologna 2005, [capitoli I, III e X, e altri due ascelta tra i rimanenti]. 56
  • Programma delle attività di Responsabilità sociale II ANNO – Scienze Storiche ATTIVITÀ DI RESPONSABILITÀ SOCIALE CEFIAnno di corso: II ANNOTipologia: altre attivitàC. F. U. attribuiti: 3 OBIETTIVI FORMATIVII programmi di responsabilità sociale perseguono i seguenti obiettivi formativi:a) offrire allo studente la possibilità di applicare a situazioni concrete le competenze culturali e professionali che sta acquisendo nel corso degli studi;b) sviluppare nello studente una tensione al bene integrale;c) stimolare la vivacità intellettuale dello studente;d) valorizzarne le capacità espressive;e) scoprire e coltivare potenzialità e talenti;f) sensibilizzare lo studente alle dinamiche sociali, all’esercizio attivo della solidarietà ed alla coscienza del valore sociale dell’impegno professionale. PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ A.A. 2011/2012I programmi di responsabilità sociale si articolano nella partecipazione ad unpercorso formativo ed a un laboratorio scelto dallo studente, che consistenello svolgimento di attività pratiche nell’ambito di iniziative o di progetti diricerca avviati dalla UER, oppure presso enti pubblici e privati odorganizzazioni del Terzo Settore (prevalentemente ONLUS ed ONG),convenzionati con la UER.Presso ciascuna organizzazione convenzionata lo studente è assistito da unsupervisore, che ne valuta l’impegno e la qualità dell’apporto e verifica ilcorretto svolgimento dell’attività. Infatti, l’attribuzione dei crediti è individuale. I laboratoriPer garantire la qualità dell’esperienza formativa, i laboratori sono a numerochiuso. Entro il termine, che sarà comunicato all’inizio del I semestre, lostudente dovrà indicare tre opzioni, in ordine di priorità, compilandol’apposito modulo in distribuzione presso il CEFI. 57
  • Programma delle attività di Responsabilità socialeII ANNO – Scienze StoricheNel caso in cui gli studenti, che abbiano scelto uno stesso laboratorio,eccedessero il numero programmato, il CEFI terrà conto della data diconsegna del modulo di opzione. Gli studenti, che eccedessero il numeroprogrammato in ciascuna delle tre opzioni indicate o che non abbianomanifestato alcuna opzione, saranno assegnati dal CEFI al laboratoriodisponibile maggiormente conforme al loro piano di studi.Nella sua volontà di diversificazione delle attività per meglio rispondere agliinteressi degli studenti e valorizzarne le capacità, il CEFI ha individuatolaboratori afferenti a diverse aree, distinguibili in laboratori di azione sociale elaboratori culturali.Di seguito sono elencati i laboratori che saranno attivati nell’anno accademico2011-2012:Angeli per un giornoAngeli per un giorno è un progetto dedicato a bambini che vivono situazionidi difficoltà, di disagio, di marginalità o di povertà, in affidamento presso case-famiglia, oppure degenti in strutture sanitarie.Angeli per un giorno organizza periodicamente domeniche di spettacoli,sorprese e giochi per e con i bambini, durante le quali ogni volontario èl’angelo custode di un bimbo; lavora presso gli istituti e le case-famiglia,offrendo assistenza scolastica, formazione umana e giochi; raccoglie cibo,vestiti, materiale didattico, medicinali e giocattoli; cerca benefattori e sponsor;sostiene campagne per motivare altri ragazzi all’impegno nel volontariato esensibilizzare i mass-media e la società al valore della solidarietà e aiproblemi dell’infanzia.Gioventù e Famiglia Missionaria“Gioventù e Famiglia Missionaria” è un programma internazionale diapostolato presente in più di 30 Paesi e animato da giovani e da famiglie, chenon vogliono essere spettatori inerti della povertà, della sofferenza,dell’abbandono. Il loro desiderio è cooperare alla costruzione della civiltàdell’amore, facendosi apostoli della nuova evangelizzazione e mettendo alservizio di chiunque ne abbia bisogno il meglio di se stessi. “Gioventù eFamiglia Missionaria” realizza la propria attività attraverso missioniumanitarie, missioni mediche, missioni di evangelizzazione, campi di lavoro,promozione e tutela delle tradizionali devozioni popolari, programmi disostegno all’educazione e allo sviluppo sociale e promozione di eventi edincontri per i giovani e per le famiglie.La “Missioni di Settimana Santa” sono missioni di evangelizzazione realizzatein Italia dal Mercoledì Santo alla domenica di Pasqua a servizio di una o piùparrocchie. 58
  • Programma delle attività di Responsabilità sociale II ANNO – Scienze StoricheLe “Missioni estive” sono missioni umanitarie, mediche, di evangelizzazione ecampi di lavoro realizzate in Messico nel periodo estivo per tre settimane inalcuni villaggi rurali del Paese presso comunità che vivono situazioni digrande disagio e povertà.Sportello di accoglienza presso il Policlinico Umberto I di RomaGli studenti svolgeranno attività di accoglienza alle famiglie dei pazientiricoverati presso i locali del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione. Glistudenti saranno pienamente integrati nell’ambiente di lavoro del Policlinico esaranno illustrate loro le metodologie operative e i processi organizzativi dellastruttura sanitaria.Il Cantiere“Il Cantiere” è una ONLUS formata da professionisti e da operatori culturali,che dedicano il loro tempo libero al volontariato, mettendo a disposizione leesperienze acquisite presso importanti aziende di informazione o pressoistituzioni culturali durante una lunga attività lavorativa. Obiettivo de "IlCantiere" è quello di migliorare l’inserimento dei giovani nella società e nellafamiglia.Questo scopo è sintetizzato nella stessa scelta del nome "Il Cantiere": costruirela propria persona, liberando le potenzialità sommerse e le espressionicreative nei vari settori della cultura, quali la comunicazione multimediale, lalettura interpretativa, il teatro, l’arte e la manualità espressiva. Il fine de “IlCantiere” è anche quello di “costruire” un impegno motivato del tempo libero,attraverso la realizzazione dei suoi laboratori culturali, per offrire ai giovaniinteressati la possibilità di conoscere se stessi, il valore di un’esperienzapersonale e di sperimentare la propria vocazione espressiva.European Youth CongressIl Congresso rappresenta un’occasione di contatto diretto con le istituzionidell’Unione Europea e di riflessione sul ruolo della donna nella società, nellapolitica e nella famiglia. Il Congresso si svolge ogni anno a Bruxelles, subitodopo gli esami del I semestre e prevede: incontri e colloqui coneuroparlamentari; la visita al Parlamento Europeo, durante una sessione dilavori; la partecipazione a workshop ed a laboratori; l’incontro e l’interazionecon studenti di altri paesi europei; la creazione di gruppi di lavoro e di studio.I temi affrontati nell’ultima edizione del Congresso hanno spaziato dalladignità umana e i diritti democratici, al ruolo dei media nell’opinionepubblica e nella produzione legislativa.L’Associazione Andrea Tudisco ONLUSL’associazione Andrea Tudisco ONLUS sostiene azioni che migliorano laqualità della vita di tutti ed in particolar modo dei bambini con gravi 59
  • Programma delle attività di Responsabilità socialeII ANNO – Scienze Storichepatologie, in cura presso le strutture ospedaliere romane. “La Casa di Andrea”è una grande realtà di accoglienza, dove trovano ospitalità ed assistenza ipiccoli pazienti e i loro genitori. In particolare, sono gestite le seguenti attività:- servizio di ludoterapia presso i reparti pediatrici del Policlinico “A. Gemelli”;- servizio di assistenza domiciliare;- supporto psicologico, individuale ed al sistema familiare;- attività di assistenza sociale e legale.Gli studenti della UER possono fornire contributi per il sostegno di tali attività.Corte Europea di StrasburgoGli studenti partecipano ad una visita presso la Corte europea di Strasburgo,preceduta da incontri di formazione tenuti presso lUniversità. Lattività sisvolge in lingua inglese o francese e si rivolge preferibilmente agli studenti diGiurisprudenza e Storia.Rome Model United NationsIl progetto permette agli studenti partecipanti di apprendere in maniera praticagli strumenti della diplomazia multilaterale tipici delle Nazioni Unite.I lavori si svolgono in lingua inglese con centinaia di studenti provenienti daaltri Atenei sia italiani che stranieri. I temi discussi sono tutti orientati alsociale.Progetto CaritasLUniversità avvia da questanno una collaborazione con la Cooperativa RomaSolidarietà per il coinvolgimento degli studenti in alcuni dei servizi promossidalla Caritas nelle aree di ascolto-accoglienza, A.I.D.S., immigrazione, pressoi seguenti centri: Ostello di Via Marsala "Don Luigi Di Liegro"; centro di primaaccoglienza per madri con bambini senza fissa dimora "Casa di Cristian"; Casefamiglia di "Villa Glori" che ospitano persone malate di A.I.D.S.; centro diaccoglienza per uomini stranieri "Ferrhotel"; Centro di accoglienza Villino “LaPalma” per donne richiedenti asilo o rifugiate politiche.CONTATTI:CEFI: Ufficio BT01 – piano terra, settore BE-Mail: Lorenza Cannarsa: lcannarsa@unier.it - David Apa: dapa@unier.it 60
  • Programma degli insegnamenti – III ANNO Scienze Storiche STORIA CONTEMPORANEA II Francesca Romana Lenzi - Massimiliano ValenteAnno di corso: III ANNOPeriodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-STO/04C. F. U. attribuiti: 12Durata del corso: 96 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIConoscenza del periodo storico che va dallo scoppio della prima guerramondiale al crollo del muro di Berlino, con particolare attenzione alla storiadell’Italia contemporanea, della sua politica interna e della sua proiezioneinternazionale. Approfondimento di alcuni aspetti rigurdanti il rapporto traChiesa e potere politico in Europa. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOPrimo modulo – Storia Contemporanea II (M.Valente) – 6 CFU - Nella primaparte del corso saranno affrontati gli aspetti generali del periodo consideratocon particolare riferimento alla storia d’Italia nel XIX secolo; quindi i governiche si sono succeduti al potere dal 1914 sino alla prima metà degli anniSessanta e le relative trasformazioni del Paese sul piano politico e sociale. Laseconda parte sarà dedicata all’analisi di alcune questioni riferite ai rapportitra Stato e Chiesa nei Paesi europei.Secondo modulo – Storia Contemporanea II, parte monografica (F. R. Lenzi) –6 CFU - Prospetto delle dinamiche dell’Italia in Europa e delle tendenze dellemacroregioni globali nel campo politico ed economico. Attenzione agli aspettigenerali dell’integrazione europea e alle nuove politiche di allargamento.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: (F. R. Lenzi): in aula dopo la lezione - (M. Valente): Giovedìdalle 15.00 alle 16.00 – stanza C107,E-Mail: massimiliano.valente@unier.it, frlenzi@yahoo.com TESTI CONSIGLIATIUn manuale di Storia Contemporanea a scelta dello studente. Alcuni dei saggicontenuti nelle seguenti opere collettanee: G. Sabbatucci - V. Vidotto (a cura 61
  • Programma degli insegnamenti – III ANNOScienze Storichedi), Storia d’Italia, vol. 4, Guerre e Fascismo, Editori Laterza, Roma-Bari, 1997;G. Sabbatucci - V. Vidotto (a cura di), Storia d’Italia, vol. 5, La Repubblica,1943-1963, Editori Laterza, Roma-Bari, 1997; M. Valente (a cura di), SantaSede ed Europa centro-orientale tra le due guerre mondiali. La questionecattolica in Jugoslavia e in Cecoslovacchia, Rubbettino, Soveria Mannelli,2011. F.R. Lenzi, L’Italia in Alta Slesia (1919-1922), Nuova Cultura, Roma,2011. 62
  • Programma degli insegnamenti – III ANNO Scienze Storiche ETICA E BIOETICA Susy ZanardoAnno di corso: III ANNOPeriodo di svolgimento del corso: II SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): M-FIL/03C. F. U. attribuiti: 4Durata del corso: 32 ore di lezioneSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl corso vuole far acquisire il linguaggio e la concettualità della filosofiamorale come scienza pratica dell’agire umano ordinato a un fine. Una primaparte si concentrerà sull’etica generale: si illustrerà come la riflessione moralesi interroghi su ciò che è bene e male per l’esistenza umana nella suainterezza e come al suo fondamento agisca il principio metafisico di finalità(per cui ogni ente è ordinato a un fine) e l’affermazione della libertà umana, laquale dà significato alla legge morale come via che conduce al fine (il bene).Una seconda parte interrogherà l’etica applicata, la quale non vuole solosapere in generale cosa è bene e cosa è male, ma cosa è bene e male quandouna situazione determinata chiede decisioni operative. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTODopo aver distinto l’etica teleologica (o del fine) e l’etica deontologica (deldovere o della legge), si eleggerà a luogo privilegiato dell’etica teleologica lafigura del desiderio umano, che, in quanto cifra originaria e normativadell’agire, è in grado di rinviare a tutte le figure teoriche fondamentalidell’etica generale. Il desiderio, infatti, è forma intenzionale originaria, ètensione verso il fine (il bene) come oggetto proprio della verità del desiderio.Non è necessitato da un oggetto determinato, ma sporge su ogni contenutoche gli offre l’esperienza: perciò è libero e trascendentale. Infine, il desiderio ènecessitato dal proprio oggetto quando termina nel tutto (è desideriodell’Assoluto o di Dio). L’etica, in fondo, è la risposta alla domanda intorno alfine del desiderio, il quale è in grado di far fiorire la nostra vita (il tema dellafelicità). Ma come può fiorire la nostra vita? Si seguirà la corsa del desiderioverso la sua causa finale, corsa che viene in certo modo saturata solo da unaltro desiderio (il tema delle relazioni intersoggettive) ed è appagata in modoassoluto quando termina in Dio. Si indagherà intorno alla norma del desiderioumano, ponendo come regolative le relazioni di reciproco riconoscimento frasoggetti e come trasgressive le relazioni di dominio. 63
  • Programma degli insegnamenti – III ANNOScienze StoricheEntrando nell’ambito delle relazioni umane, andremo a trattare del tema dellepatologie del desiderio, alle quali può dare una risposta adeguata la bioeticain quanto ispirata alla regola della buona reciprocità.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: in aula dopo la lezioneE-Mail: susyzanardo@mail.com; susy.zanardo@unier.it TESTI CONSIGLIATITesto di consultazione:J. De Finance, Etica generale, Pontificia Università Gregoriana, Roma 1997Testi d’esame:C. Vigna, Etica del desiderio umano, in C. Vigna (a cura di), Introduzioneall’etica, Vita e Pensiero, Milano 2001;C. Vigna, Aporetica dei rapporti intersoggettivi e sua risoluzione, in C. Vigna(a cura di), Etica trascendentale e intersoggettività, Vita e Pensiero, Milano2002;F. Turoldo, Bioetica e reciprocità. Una nuova prospettiva sull’etica della vita,Città Nuova, Roma 2003. 64
  • Programma degli insegnamenti – III ANNO Scienze Storiche STORIA DEL PENSIERO POLITICO NEL MEDIOEVO Luigi RussoAnno di corso: III ANNOPeriodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): SPS/02C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl corso intende fornire allo studente i punti chiave della riflessione politica inetà medievale, con particolare riferimento alle discussioni sui rapporti dipotere tra Papato e Impero, al fine di consentire una visione generale edinformata dello svolgersi del pensiero politico nellOccidente cristianomedievale nel periodo che va da S. Agostino fino a Guglielmo d’Ockham (XIVsecolo) PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOLa città di Dio e la città degli uomini nel pensiero di S. Agostino - Letàcarolingia - La pubblicistica allepoca della lotta per le investiture – La “guerragiusta” e l’idea di crociata - Papato e Impero: il dibattito sul potere papale edimperiale fino al XIV secolo.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: ogni mercoledì dalle 14,30 alle 15,30, piano -1 stanza 105.Eventuali altri orari di ricevimento vanno concordati previo contatto e-mail.E-Mail: luigi.russo@unier.it – luigirusso71@tiscali.it TESTI CONSIGLIATID. Mertens, Il pensiero politico medievale, trad. italiana, Il Mulino, Bologna,1999Pensare la politica nel Medioevo, in Pensare il medioevo, a cura di Mt.Fumagalli Beonio Brocchieri, Milano, Mondadori Università, 2007, pp. 129-156O. Hageneder, Il dominio del mondo nel Medioevo e Il diritto papale dideposizione del principe: i fondamenti canonistici, entrambi in Id., Il sole e laluna. Papato, impero e regni nella teoria e nella prassi dei secoli XII e XIII, Vitae Pensiero, Milano, 2000, pp. 11-31, 165-211Fonti presentate durante le lezioni. Alcuni testi in programma sarano fornitidurante lo svolgimento del corso. 65
  • Programma degli insegnamenti – III ANNOScienze Storiche STORIA E ISTITUZIONI DELLE AMERICHE Emilio Martínez AlbesaAnno di corso: III ANNOPeriodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): SPS/05C. F. U. attribuiti: 5Durata del corso: 40 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIAcquisire delle conoscenze basilari sul percorso storico del continenteamericano fino a procurarsi un quadro di riferimento e fino a comprendere ilsuo significato nella storia dell’Occidente e nella storia del mondo.Completare le conoscenze della storia universale e del ruolo del cristianesimoin essa. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOStoria del continente americano, l’altro polmone della Civiltà Occidentale- Introduzione: Metodologia. America e le Americhe- Modelli contemporanei d’integrazione: Panamericanismo e Ispanoamericanismo- Dal popolamento all’Arcaico. Formativo. Classico. Postclassico- Nuovo Mondo (1492-1573): Scoperta e conquista. Colonizzazione. Evangelizzazione. Controversie sulla libertà dell’indio e sui “giusti titoli”- L’America ispana (1573-1808). Il Brasile portoghese (1500-1808). Le Tredici Colonie nordamericane (1584-1763)- Rivoluzione d’indipendenza e gli Stati Uniti nel XIX e nel XX. Le indipendenze latinoamericane e le sfide dell’epoca contemporanea. Il Canada- Conclusione: Le Americhe nell’oggi della storia occidentale e mondialeModalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: in aula dopo la lezioneE-Mail: rivolgerse alla segreteria didattica di Storia TESTI CONSIGLIATIG. Cantoni e F. Pappalardo, Magna Europa, D’Ettoris Editori 2006G. Carriquiry, Una scommessa per l’America Latina, Le Lettere 2003M. A. Jones, Storia degli Stati Uniti d’America, Bompiani 2007M. Carmagnani, L’altro Occidente. L’America latina…, Einaudi, 2003A. Rouquié, L’America latina, Bruno Mondadori 2000 66
  • Programma degli insegnamenti – III ANNO Scienze Storiche STORIA DELL’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA Costanza BarbieriAnno di corso: III ANNOPeriodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): L-ART/02 e L-ART/03C. F. U. attribuiti: 4Durata del corso: 32 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIConoscenza delle linee fondamentali della storia dellarte dal Rinascimento alBarocco con particolare attenzione allesempio cruciale, come punto di arrivoe punto di partenza per larte a venire, della Sistina di Michelangelo. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOIl corso prevede una parte generale, sui fondamenti dellarte moderna in Italia,e una parte monografica sulla Volta Sistina di Michelangelo. Insieme aiprincipali temi storico-artistici e agli sviluppi dell’arte come disciplina internaalle immagini, il corso prevede degli approfondimenti iconografici sui soggettirappresentati, con particolare attenzione all’arte sacra.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontali, discussioni seminarialicon la docente, visite in loco.Modalità di svolgimento dell’esame: orale, scrittoRicevimento: nel I° semestre al termine delle lezioni. Su appuntamento nelsecondo semestre.E-Mail: costanza.barbieri@fastwebnet.it TESTI CONSIGLIATII testi saranno comunicati dal docente a lezione 67
  • Programma degli insegnamenti – III ANNOScienze Storiche CIVILTA’ CRISTIANA Isabella Becherucci – Guido TraversaAnno di corso: III ANNO (curriculum: storico-religioso)Periodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-FIL/06 e M-STO/07C. F. U. attribuiti: 10Durata del corso: 80 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVISi intende, in generale, offrire una adeguata preparazione di Storia dellafilosofia contemporanea privilegiando l’aspetto sistematico e teoretico diinterpretazione e valutazione delle correnti e dei singoli autori e procedendoper problemi, senza naturalmente trascurare la dimensione storiografica.Attraverso la lettura dell’opera poetica a carattere religioso di A. Manzoni (InniSacri) e della sua quasi contemporanea riflessione teorica (Osservazioni sullamorale cattolica) sarà messa in luce la speculazione filosofico-religiosa di unodei più grandi pensatori dell’Ottocento italiano. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOPrimo modulo: parte monografica (I. Becherucci - M-STO/07) - 6 CFU - Letturae analisi testuale degli Inni Sacri di A. Manzoni con particolare attenzione alprocesso evolutivo testimoniato dagli autografi. La conoscenza della primaedizione delle Osservazioni sulla morale cattolica renderà possibile unamaggior comprensione della svolta fondamentale della sua conversione, chesegna un decisivo spartiacque fra la poesia della giovinezza e le grandi operedella maturità.Secondo modulo: parte istituzionale (G. Traversa - M-FIL/06) - 4 CFU - Laparte istituzionale sarà dedicata all’esame delle principali questioni filosoficheed epistemologiche del pensiero filosofico moderno e contemporaneo,analizzando le posizioni e le opere dei maggiori pensatori.1) Il metodo scientifico e la conoscenza filosofica moderna (linee generali). 2)La rivoluzione astronomica. Differenze tra la nuova concezione scientifico-filosofica dell’universo e quella aristotelico-tomista. Meccanicismo e finalismo.3) Cartesio. 4) Meccanicismo, materialismo, politica: Hobbes. 5) Critiche esviluppi della filosofia di Cartesio: Spinoza. 6) Logica, verità, teodicea:Leibniz.. 7) Empirismo: Locke. La critica alla metafisica: Hume. Empirismo- 68
  • Programma degli insegnamenti – III ANNO Scienze Storichescetticismo. 8) Il criticismo: Kant. 9) L’idealismo tedesco: Fichte, Schelling eHegel. 10) Critiche al sistema hegeliano: Kierkegaard, Feuerbach, Marx. 11)Nietsche. 12) Dilthey. 13) Husserl. 14) Heidegger. 15) Wittgenstein. 16)Popper.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: Becherucci: giovedì dalle 15 alle 16– Stanza C107Traversa: martedì dalle 13.00 alle 14.00 – Stanza B 104E-Mail: isabella.becherucci@unier.it guido.traversa@gmail.com TESTI CONSIGLIATIBecherucci: A. Manzoni, Inni sacri, a cura di F. Gavazzeni, Parma(«Fondazione Pietro Bembo / Ugo Guanda Editore»), 1997.A. Manzoni, Tutte le poesie: qualsiasi edizione economica.Per le Osservazioni sulla morale cattolica sarà fornita una dispensa che glistudenti dovranno fotocopiare.Traversa: un Manuale di Storia della Filosofia contemporanea consigliato dalDocente o concordato con lui.Il Docente metterà a disposizione una antologia relativa ai temi e agli autoritrattati durante il Corso 69
  • Programma degli insegnamenti – III ANNOScienze Storiche STORIA DEL PENSIERO POLITICO Guido Traversa - Umberto Castagnino Berlinghieri - Luca GalantiniAnno di corso: III ANNO (curriculum: storico-politico)Periodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-FIL-06; SPS/02 e SPS/04C. F. U. attribuiti: 10Durata del corso: 80 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIModulo di Storia della filosofia - Guido Traversa - CFU 4, ore 32: Si intende,in generale, offrire una adeguata preparazione di Storia della filosofiacontemporanea privilegiando l’aspetto sistematico e teoretico diinterpretazione e valutazione delle correnti e dei singoli autori, procedendoper problemi, senza naturalmente trascurare la dimensione storiografica.Modulo di Storia degli Equilibri e delle Dinamiche Politiche Internazionali -Umberto Castagnino Berlinghieri – CFU 3, ore 24: Il corso affronterà temirelativi alla storia della diplomazia e della politica internazionale.Modulo Di storia del pensiero politico - Luca Galantini - CFU 3, ore 24: IlModulo si prefigge l’approfondimento organico della evoluzione della storiadelle istituzioni politiche occidentali, con particolare attenzione al ruolosvolto dalle identità culturali, religiose, territoriali, nel pensiero politico-giuridico europeo che ha elaborato le istituzioni sovrane del Trattato diWestfalia ad oggi.Il programma in particolare pone l’attenzione sull’evoluzione del principio disovranità – come esercizio di auctoritas superiorem non recognoscens – e sulruolo dello Stato – come organizzazione giuridica del potere per eccellenza, -da Westfalia alla realtà contemporanea, alla luce del ruolo del pensierocristiano, e delle identità prepolitiche più in generale – culturali, religiose,territoriali – nel processo formativo delle istituzioni giuridiche e politiche dellasocietà occidentale moderna, approdando al tema delle istituzioni politichedell’Unione europea nel quadro della formulazione dei principi fondativi diun Trattato costituzionale dell’Unione europea tradotti nel Trattato di Lisbona.Il Modulo offre un quadro approfondito ed aggiornato del ruolo delle identitàculturali, che attraverso i fattori religiosi, giuridici, linguistici incidono neiprocessi di sviluppo delle istituzioni giuridiche e politiche europeeanalizzandone soprattutto l’influenza sulle leggi e le costituzioni con la 70
  • Programma degli insegnamenti – III ANNO Scienze Storicherealizzazione del commento al processo attuale di unificazione giuridico-legislativa delle istituzioni politiche europee. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOModulo I: Il corso sarà dedicato all’esame delle principali questioni filosoficheed epistemologiche del pensiero filosofico moderno e contemporaneoanalizzando le posizioni e le opere dei maggiori pensatori.1) Il metodo scientifico e la conoscenza filosofica moderna (linee generali) 2)La rivoluzione astronomica. Differenze tra la nuova concezione scientifico-filosofica dell’universo e quella aristotelico-tomista. meccanicismo efinalismo.. 3) Cartesio. 4) Meccanicismo, materialismo, politica. Hobbes. 5)Critiche e sviluppi della filosofia di Cartesio. Spinoza..6) Logica, verità,teodicea. Leibniz.. 7) Empirismo. Locke. La critica alla metafisica. Hume.Empirismo-scetticismo. 8) Il criticismo. Kant. 9) L’idealismo tedesco: Fichte,Schelling ed Hegel; 10) Critiche al sistema hegeliano: Kierkegaard,.Feuerbach, Marx;. 11) Nietsche:. 12) Dilthey;. 13) Husserl: 14) Heidegger:.15) Wittgenstein: 16) Popper.Modulo II: 1) Fonti e metodologia della Storia delle relazioni internazionali,nascita e sviluppo della diplomazia permanente e della carriera diplomatica,con particolare attenzione alla storia della diplomazia pontificia e allerelazioni internazionali della Santa Sede in età contemporanea. 2) Il principiodi legittimità e il Congresso di Vienna: analisi di un caso studio.Modulo III: Il principio di sovranità dal Trattato di Westfalia ad oggiLo Stato come ordinamento giuridico-politico per eccellenza nella storiaoccidentale. Le istituzioni politiche sovranazionali in Europa: il ruolo delleidentità culturali, della religione, delle minoranze, delle autonomie territoriali.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: Traversa: Martedì dalle 13.00 alle 14.00 Stanza B 104,Castagnino: in aula dopo la lezione, Galantini Mercoledì H. 15 previoappuntamentoE-Mail: castagninoberlinghieri@unier.it; umberto.castagnino@unicatt.it;luca.galantini@unier.it; luca@galantini.net TESTI CONSIGLIATIModulo I:Un Manuale di Storia della Filosofia contemporanea consigliato dal Docente oconcordato con lui.Il Docente metterà a disposizione una antologia relativa ai temi e agli autoritrattati durante il Corso 71
  • Programma degli insegnamenti – III ANNOScienze StoricheModulo II:Per il punto 1), lesame verrà preparato sulla base degli appunti dalle lezioni.Per il punto 2):- U. Castagnino Berlinghieri, Congresso di Vienna e principio di legittimità: laquestione del Sovrano Militare Ordine di San Giovanni Gerosolimitano, dettodi Malta, Vita e Pensiero, Milano 2006.Per coloro che non fossero in grado di frequentare in maniera regolare lelezioni, il punto 1) dovrà essere preparato sulla base del seguente testo:- E. Serra, Manuale di Storia delle Relazioni Internazionali e Diplomazia, ISPI,Milano, 2000; o in alternativa:- E. Serra, La Diplomazia. Strumenti e Metodi, Le Lettere, Firenze, 2010.Ulteriori indicazioni bibliografiche saranno eventualmente suggerite daldocente nel corso della trattazione degli argomenti.Modulo III: parte generale:de Mattei R., La sovranità necessaria, Roma, Minotauro 2001 (i capitolisaranno indicati)Matteucci N., Lo Stato moderno, Bologna Il Mulino, 1993 (i capitoli sarannoindicati)parte monografica:Galantini L., La tutela delle identità culturali nel governo d’Europa, Milano,Vita &Pensiero, 2008 (i capitoli saranno indicati). 72
  • Programma degli insegnamenti – a scelta dello studente Scienze Storiche ARTISTI E RIVALI A ROMA NEL RINASCIMENTO 1500-1600 Costanza BarbieriTipologia: a scelta dello studentePeriodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): L-ART/02C. F. U. attribuiti: 3Durata del corso: 24 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIConoscenza dei principali artisti del Rinascimento a Roma quali snodi centralidella cultura non solo figurativa, ma come esempi di scelte intellettuali epercorsi spirituali che si fronteggiavano in aperta rivalità: Leonardo eMichelangelo, Raffaello e Sebastiano, Caravaggio e Carracci. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOIl corso prevede una parte teorica volta a chiarire le questioni stilistiche chedefiniscono la “Maniera moderna” a seconda delle singole personalitàartistiche, e una parte finalizzata alla conoscenza in loco dei capolavoriromani e della mostra sul Rinascimento. Il corso prevede inoltre degliapprofondimenti iconografici sui soggetti rappresentati, con particolareattenzione all’arte sacra.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontali, visite in loco.Modalità di svolgimento dell’esame: orale, scrittoRicevimento: nel I° semestre al termine delle lezioni. Su appuntamento nelsecondo semestre.E-Mail: costanza.barbieri@fastwebnet.it TESTI CONSIGLIATI- Per un inquadramento generale: De Vecchi - Cerchiari, Arte nel tempo.Milano, Bompiani, 2004, volume 2°, tomo I ) e cinque a scelta fra le seguentimonografie:- Leonardo. Il Cenacolo (Monografia Art e Dossier)-Michelangelo. Gli anni giovanili. (Monografia Art e Dossier)-Michelangelo. Il Giudizio Universale. ( Monografia Art e Dossier)-Raffaello. (Monografia di Art e Dossier)- Sebastiano: La Pietà di Viterbo, in Notturno sublime, Roma 2004, pp. 55-86.- Caravaggio (Monografia Art e Dossier). 73
  • Programma degli insegnamenti – a scelta dello studenteScienze Storiche ASPETTI E FIGURE DEL PENSIERO CONSERVATORE EURO- AMERICANO FRA OTTOCENTO E NOVECENTO Oscar SanguinettiTipologia: a scelta dello studentePeriodo di svolgimento del corso: II SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): SPS/02C. F. U. attribuiti: 3Durata del corso: 24 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIFormare nei partecipanti la nozione dell’esistenza — e del loro influsso sullasocietà — di molteplici correnti intellettuali e politiche che si sono affiancate econtrapposte a quelle dominanti — rivoluzionarie o progressiste-secolarizzatrici — negli ultimi due secoli. Attraverso ciò, arricchire la lorocapacità comparativa, ovvero critica, al fine di metterli così in condizione dimeglio valutare le realtà storiche oggetto del loro percorso di apprendimento epresenti nella letteratura scientifica e divulgativa. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOIl corso metterà a fuoco i cardini intellettuali (nonché le linee di sviluppo) delconservatorismo europeo e americano, ed esaminerà a grandi linee le sueprincipali manifestazioni storiche, soffermandosi sulle maggiori figured’intellettuali e sui più significativi movimenti culturali e politici che sicollocano fra la Rivoluzione francese e oggi. Particolare risalto sarà dato alleanalogie e alle differenze che intercorrono fra il conservatorismo e altrimovimenti culturali e politici classificati, spesso abusivamente, come conser-vatori o “di destra”.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: in aula dopo la lezioneE-Mail: os.uer@tiscali.it. TESTI CONSIGLIATINon esistono testi che coprano più o meno ampiamente la tematica. I testi suiquali verterà l’esame saranno quindi: a) le diapositive che verranno proiettatenel corso delle lezioni (fornite, non riviste, dal docente a fine-corso), e b)estratti di opere di autori conservatori o altri materiali in materia diconservatorismo, che verrano distribuiti o rilasciati all’occasione dal docente. 74
  • Programma degli insegnamenti – a scelta dello studente Scienze Storiche ETICA DELLA COMPRENSIONE DELL’ALTRO Vincenza TripaldiTipologia: a scelta dello studentePeriodo di svolgimento del corso: II SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): M-FIL/01C. F. U. attribuiti: 3Durata del corso: 24 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVISi intende offrire una visione d’insieme dei principali problemi etici relativi alrapporto IO-TU, con particolare riferimento all’ambito dell’esperienza dellarelazione d’aiuto. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOInizialmente si illustreranno, in una prospettiva storiografica, le principaliposizioni filosofiche riguardanti la filosofia della Relazione. Sarà affrontato iltema del Counselling Analitico Transazionale per cogliere spunti di riflessionein Bioetica e rileggere il senso dell’Etica nelle relazioni di “cura”, prendendole mosse da un’analisi di tre aspetti tra loro correlati: Etica, Bioetica e relazionidi cura. Lo scopo è individuare le radici dell’Etica, puntualizzando i nodi dellaBioetica, tra aspetti epistemologici e istanze etiche. Durante il corso sianalizzerà la letteratura specifica, sia sull’Etica sia i differenti aspetti edapprocci in Bioetica, tenendo costantemente presente il doppio binario, quellodella Bioetica come studio sistematico della condotta umana e quello dellerelazioni di cura, professionali e non.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: Dopo la fine della Lezione e/o per appuntamento - stanza: 4, I°piano corridoio BE-Mail: enza.tripaldi@tiscali.it TESTI CONSIGLIATIE.Tripaldi, Etica della “cura” nel Counselling Analitico Transazionale. Spuntidi riflessione in Bioetica, Aracne, Roma 2011.N.Murgioni, Il Counselling Analitico Transazionale, Aracne, Roma 2008.M. Buber, Io e tu, in Il principio dialogico, Comunità, Milano, 1958, pagg. 9-10 e 57-58E.Berne, A che gioco giochiamo, Ed. Bompiani Rcs, Milano 2000. 75
  • Programma degli insegnamenti – a scelta dello studenteScienze Storiche IL VALORE DELLA CONDIVISIONE PER LE NUOVE GENERAZIONI: ETICA COMUNITARIA IN E. STEIN ED H. ARENDT Camilla BrigantiTipologia: a scelta dello studentePeriodo di svolgimento del corso: II SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): M-FIL/01C. F. U. attribuiti: 3Durata del corso: 24 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl Corso ha come obiettivo quello di seguire il percorso e analizzare il pensierod’alcune pensatrici del Novecento che hanno assunto un valore sostanzialenel dibattito e nella storia dell’etica contemporanea. La cura, la fedeltà almondo, alle cose, agli altri, il valore della comunità sono temi cruciali in EdithStein e Hannah Arendt che hanno così potuto consegnare alla riflessionefilosofica e morale una nuova soggettivista nel sentire, nel conoscere,nell’apertura all’altro. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOLettura, anche a carattere antologico di alcuni brani delle due pensatrici conparticolare riguardo: significato dell’etica come riflessione sul mondo,sull’agire, sulla relazione con l’altro.Modalità di svolgimento del corso: Il corso si svolgerà con una parte dilezioni frontali ed una di carattere seminariale anche con l’uso di questionari ovalutazioni scritte-orali su vicende di vita, al fine cogliere il valore piùsemplice ed autentico della politica: condividere con gli altri.Modalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: in aula dopo la lezione o previo appuntamentoE-Mail: mariacamilb@tiscali.it TESTI CONSIGLIATIH. Arendt, Vita activa. La condizione umana, Bompiani, Milano, 1989 esuccessive edizioni.- E. Stein, Il problema dell’empatia, Trad. it. di M. Nicoletti, Franco Angeliedit., 1986 e successive edizioni.- M.C. Briganti, Amo dunque sono. L’esperienza femminile tra filosofia etestimonianza. Franco Angeli edit., Roma, 2005.- L. Boella, Cuori pensanti, Edizioni Tre Luna, Mantova, 2000. 76
  • Programma degli insegnamenti – a scelta dello studente Scienze StoricheSi predisporranno, a cura della docente, in forma di brani antologici alcunepagine tratte da volumi inerenti l’argomento. 77
  • Programma degli insegnamenti – a scelta dello studenteScienze Storiche INTRODUZIONE ALLA LINGUA LATINA Paolo AngelucciTipologia: a scelta dello studentePeriodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): L-FIL-LET/04C. F. U. attribuiti: 3Durata del corso: 24 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl corso ha la finalità di porre gli studenti che non hanno mai studiato il Latinonelle condizioni di poter affrontare una lettura consapevole di testi latini diautori impegnativi. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOLa morfologia latina. La sintassi dei casi e del periodo. Approccio allatraduzione.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: in aula dopo la lezioneE-Mail: paolo.angelucci@unier.it TESTI CONSIGLIATILettura, traduzione, commento del Somnium Scipionis di Cicerone.Una grammatica latina a scelta.Dispense fornite dal Docente. 78
  • Programma degli insegnamenti – a scelta dello studente Scienze Storiche ROMA: GRANDI PROTAGONISTI DEL PRIMO CRISTIANESIMO Lucina VattuoneTipologia: a scelta dello studentePeriodo di svolgimento del corso: II SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): L-ANT/08C. F. U. attribuiti: 3Durata del corso: 24 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIRicostruire il contesto vivo ed affascinante dei primi secoli cristiani a Roma ericonoscere la preziosa eredità di pensiero e di opere che legaindissolubilmente l’antichità con l’epoca contemporanea. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOPietro, Paolo, Lorenzo, Damaso. Tramite l’analisi delle fonti letterarierapportate con le evidenze archeologiche e la documentazione storica,presentazione della vita, della personalità, delle opere di questi grandiprotagonisti del primo Cristianesimo a Roma ed i risvolti religiosi, politici,sociali, giuridici, amministrativi e psicologici della loro azione nell’antico econtemporaneo contesto storico.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontali e sopralluoghiModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: in aula dopo la lezioneE-Mail: vattuone.lucina@yahoo.it TESTI CONSIGLIATISilloge di testi appositamente selezionati comunicata dal Docente. 79
  • 2.8. Calendario degli esamiAVVERTENZA: Il calendario potrebbe subire lievi modifiche per cause di forza maggiore: Eventuali variazioni, normalmente contenutenellarco della settimana, saranno tempestivamente comunicate sia verbalmente che mediante annunci nelle bacheche del Corso di laureae nel sito Internet dellUniversità.Le date degli esami degli insegnamenti attivati negli A.A. precedenti al 2011/2012 saranno affisse nella bacheca dell’Ambito e pubblicatesul sito internet dell’Università CALENDARIO ESAMI - II ANNO Corso di laurea triennale in Scienze Storiche (L-42) I SESSIONE II SESSIONE III SESSIONE IV SESSIONE (16/01/12-10/02/12) (28/05/12-06/07/12) (17/09/12-28/09/12) (Gen. – Feb. 2013) INSEGNAMENTO I II I II III I I II appello appello appello appello appello appello appello appelloLetteratura latina 08/02 22/02 06/06 20/06 04/07 26/09Antropologia - - 06/06 20/06 04/07 19/09filosoficaStoria Moderna - - 04/06 25/06 02/07 18/09Storia Contemporanea - - 24/05 07/06 21/06 20/09 Date da definireStoria del - - 06/06 19/06 05/07 19/09CristianesimoArcheologia e storia 19/01 08/02 06/06 19/06 05/07 19/09dell’arte cristianaStoria delle relazioni 23/01 02/02 29/05 11/06 25/06 20/09internazionali 81
  • CALENDARIO ESAMI - III ANNO Corso di laurea triennale in Scienze Storiche (cl. 38) I SESSIONE II SESSIONE III SESSIONE IV SESSIONE (16/01/12-10/02/12) (28/05/12-06/07/12) (17/09/12-28/09/12) (Gen. – Feb. 2013) INSEGNAMENTO I II I II III I I II appello appello appello appello appello appello appello appelloStoria Contemporanea II 25/01 09/02 28/05 07/06 21/06 21/09Etica e bioetica - - 29/05 11/06 25/06 20/09Storia del pensiero 19/01 08/02 06/06 19/06 05/07 19/09politico nel medioevoStoria ed istituzioni delle 25/01 08/02 05/06 18/06 28/06 17/09Americhe Date da definireStoria dell’arte moderna 23/01 06/02 11/06 25/06 04/07 19/09e contemporaneaCiviltà Cristiana - - 29/05 11/06 25/06 20/09Storia del pensiero - - 29/05 11/06 25/06 20/09politico 82
  • CALENDARIO ESAMI – INSEGNAMENTI OPZIONALI Corso di laurea triennale in Scienze Storiche (cl. 38) I SESSIONE II SESSIONE III SESSIONE IV SESSIONE (16/01/12-10/02/12) (28/05/12-06/07/12) (17/09/12-28/09/12) (Gen. – Feb. 2013) INSEGNAMENTO I II I II III I I II appello appello appello appello appello appello appello appelloRoma: grandiprotagonisti del primo - - 11/06 25/06 04/07 19/09CristianesimoAspetti e figure delpensiero conservatoreeuro-americano fra - - 28/05 04/06 18/06 17/09Ottocento eNovecentoArtisti e rivali a Romanel Rinascimento 23/01 06/02 11/06 25/06 04/07 19/091500-1600 Date da definireEtica dellacomprensione - - 29/05 11/06 25/06 20/09dell’altroIl valore dellacondivisione per lenuove generazioni: - - 28/05 18/06 02/07 17/09etica comunitaria inE. Stein ed H. ArendtIntroduzione alla 16/01 30/01 28/05 04/06 18/06 17/09lingua latina 83
  • PARTE II CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INSTORIA DELLA CIVILTÀ CRISTIANA 85
  • 1. Obiettivi e percorso formativoIl corso di laurea magistrale in Storia della Civiltà Cristiana (LM-84)tende ad approfondire le vicende storiche alla luce dei principi e degliinsegnamenti cristiani, facendo particolare riferimento alla storiadellEuropa e verificando con metodo scientifico e con rigoredocumentale il contributo da essi offerto allo sviluppo della civiltà.Il corso di laurea magistrale in Storia della Civiltà Cristiana tende afornire ai laureati le metodologie e le tecniche necessarie: Per affrontare lo studio della storia della civiltà e per verificare i legami tra il suo sviluppo ed i valori culturali del messaggio cristiano. Per fornire avanzate conoscenze sullidentità storica e culturale del Cristianesimo. Per svolgere una approfondita analisi degli eventi e delle figure della storia del Cristianesimo che hanno maggiormente influenzato lo sviluppo delle vicende umane. Per acquisire autonome capacità di svolgere approfondite ricerche nel settore della storia del Cristianesimo e sulla sua incidenza sulla cultura dei popoli e sullo sviluppo delle lettere e delle arti. Per acquisire la capacità di analizzare i rapporti tra il Cristianesimo e le altre grandi religioni monoteiste, per acquisire conoscenze sulla spiritualità delle altre religioni in rapporto con la religione cristiana.2. Sbocchi occupazionaliI laureati del Corso di Laurea Magistrale in Storia della Civiltà Cristianapotranno accedere allinsegnamento, soprattutto nel campo dellematerie storico-religiose. Potranno svolgere attività di ricerca con altogrado di specializzazione in centri di studio pubblici e privati sulfenomeno religioso; potranno trovare impiego presso istituti efondazioni culturali e nelleditoria specifica ed in quella connessa alladiffusione della informazione e della cultura storica; potrannoaccedere al giornalismo specializzato nel settore; potranno svolgereattività come esperti delle relazioni e delle comunicazioniinterreligiose, specie nel contesto del dialogo ecumenico edinterculturale. 86
  • 3. Condizioni di accesso al corso di laurea magistrale (LM – 84)Per accedere al Corso di laurea magistrale in Storia della Civiltàcristiana è richiesto il possesso della laurea o del diploma universitariodi durata triennale, ovvero di altro titolo di studio conseguito allesteroriconosciuto idoneo, e dei requisiti curriculari previsti nelRegolamento di corso di studio. La verifica della personalepreparazione è sempre prevista secondo modalità definite nelRegolamento Didattico di corso di studio.4. Programma degli studi nell’anno accademico 2011/2012Nel corrente anno accademico si svolgeranno i seguenti insegnamenti,articolati per anno di corso: 87
  • CURRICULUM DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STORIA DELLA CIVILTÀ CRISTIANA (LM – 84) (attivato nell’A.A. 2011/2012 ai sensi del DM 270/04) PRIMO ANNO (A.A. 2011-2012) Periodo di Attività formative Ambiti disciplinari Insegnamenti SSD CFU insegnamento Storia della Civiltà Cristiana M-STO/07 annuale 12 Discipline storiche, sociali e del Geografia della Cristianità M-GGR/01 I semestre 6 territorioCaratterizzanti Archeologia e storia dell’arte L-ANT/08 I semestre 6 cristiana Fonti, metodologie, tecniche e Archivistica (corso progredito) M-STO/08 annuale 12 strumenti della ricerca storica Storia dell’età tardoantica e L – FIL – LET/07 annuale 9 dell’Oriente bizantino Attività formative affini oAttività affini integrative La conoscenza e l’azione nel M – FIL/03 I semestre 7 pensiero cristiano Abilità informatiche e telematiche (informatica applicata) 4Altre attività Tirocini formativi e di orientamento 2 Altre conoscenze utili per l’inserimento nel mondo del lavoro 2TOTALE CREDITI PRIMO ANNO 60 88
  • CURRICULUM DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STORIA DELLA CIVILTÀ CRISTIANA (LM – 84) (attivato nell’A.A. 2010/2011 ai sensi del DM 270/04) SECONDO ANNO (A.A. 2011-2012) Periodo di Attività formative Ambiti disciplinari Insegnamenti SSD CFU insegnamento Storia dei paesi extraeuropei Cultura e geopolitica dell’Islam L-OR/10 I semestre 8Caratterizzanti Storia politica e culturale Storia generale ed europea M-STO/04 annuale 12 dell’Europa nel Novecento1 Storia del pensiero Arabo 2 M-FIL/06 II semestre 6 Attività formative affini oAttività affini Storia della filosofia moderna e integrative M-FIL 06 I semestre 6 contemporanea II3A scelta dello studente 12Stage o tirocini di orientamento professionale 2Prova finale 14TOTALE CREDITI SECONDO ANNO 601 L’insegnamento di “Storia politica e sociale dell’Europa nel Novecento” è ridenominato “Storia politica e culturale dell’Europa nelNovecento”.2 L’insegnamento di “Storia della filosofia medievale” è ridenominato “Storia del pensiero Arabo”.3 L’insegnamento di “Storia della filosofia moderna e contemporanea” è ridenominato “Storia della filosofia moderna e contemporanea II”. 89
  • 5. Orario delle lezioniAvvertenza: Il programma delle lezioni potrebbe subire temporanee modifiche per cause di forza maggiore. Le eventuali variazioni sarannotempestivamente comunicate sia verbalmente che mediante annunci nelle bacheche del Corso di laurea e nel sito Internet dellUniversità. I ANNO - I SEMESTRE ORE Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato I (9,00 -9,45) Archeologia e Geografia Storia dell’età La conoscenza e Geografia della storia dell’arte della tardoantica e lazione nel Cristianità cristiana Cristianità dell’Oriente pensiero Cristiano II (Casagrande) (10,00-10,45) (Salvatori) (Casagrande) bizantino (Don Gagliardi) (Mecella)1 III Storia dell’età La conoscenza e Storia dell’età (11,00-11,45) Storia della Civiltà Storia della tardoantica e tardoantica e Attività a lazione nel Cristiana Civiltà Cristiana dell’Oriente dell’Oriente scelta dello pensiero Cristiano IV (de Mattei) (de Mattei) bizantino bizantino studente e (12,00-12,45) (Don Gagliardi) studio (Mecella)1 (Mecella)1 personale (13,00-14,45) V (15,00-15,45) Archivistica Attività a Archivistica VI (Ickxs) Attività a scelta scelta dello Attività a scelta (Angelucci)1 (16,00-16,45) dello studente e studente e dello studente e Attività a scelta studio personale studio studio personale Attività a scelta VII dello studente e personale dello studente e (17,00 – 18,45) studio personale studio personale(1) Il corso termina con la lezione del 25 novembre; a partire da venerdì 2 dicembre il corso di Archivistica sarà anticipato alle ore 11,00.A partire da mercoledì 30 novembre le lezioni del corso della Prof.ssa Mecella verranno sostituite dal corso di Archeologia e storiadell’arte cristiana. 90
  • I ANNO - II SEMESTRE ORE Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato I Storia della Storia della Civiltà Attività a scelta (9,00 -9,45) Civiltà Cristiana Cristiana dello studente e II Attività a studio personale Attività a scelta (Galantini) (Galantini)(10,00-10,45) scelta dello dello studente e III studente e Storia dell’età studio(11,00-11,45) studio Attività a scelta tardoantica e personale Archivistica personale dello studente e dell’Oriente IV studio personale bizantino (Angelucci(12,00-12,45) Attività a scelta (Roberto) dello studente (13,00-14,45) e studio personale V (15,00-15,45) Archivistica VI (Ickxs) Attività a scelta (16,00-16,45) Attività a scelta Attività a scelta Attività a scelta dello studente e Attività a dello studente e dello studente e dello studente e studio scelta dello studio personale studio personale studio personale personale VII studente e(17,00 – 18,45) studio personale 91
  • II ANNO - I SEMESTRE ORE Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato I Storia della(9,00 -9,45) filosofia Cultura e Cultura e geopolitica moderna e geopolitica dell’Islam II Attività a contemporanea dell’Islam II (Colombo)(10,00-10,45) scelta dello (Colombo) studente e (Traversa) studio III Storia della filosofia Cultura e Storia politica e Attività a personale Attività a scelta(11,00-11,45) moderna e geopolitica sociale dell’Europa scelta dello dello studente e studente e IV contemporanea II dell’Islam nel Novecento studio personale studio(12,00-12,45) (Traversa) (Colombo) (Becherucci) personale(13,00-14,45) Attività a scelta dello Attività a scelta Attività a scelta Attività a scelta Attività a scelta dello studente e dello studente e dello studente e dello studente e studente e studio(15,00-18,45) studio studio personale studio personale studio personale personale personale 92
  • II ANNO - II SEMESTRE ORE Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato I Storia politica e (9,00 -9,45) culturale Attività a scelta Storia del dell’Europa nel dello studente e II Attività a pensiero Arabo Novecento Attività a scelta studio personale(10,00-10,45) scelta dello dello studente e (Becherucci) studente e III studio Storia politica e studio Storia politica e(11,00-11,45) personale sociale personale Storia del pensiero sociale dell’Europa Attività a scelta dell’Europa nel IV Arabo nel Novecento dello studente Novecento(12,00-12,45) (Valente) e studio (Valente) personale (13,00-14,45) V (15,00-15,45) Attività a Attività a scelta VI scelta dello Attività a scelta Attività a scelta Attività a scelta dello studente e (16,00-16,45) studente e dello studente e dello studente e dello studente e studio studio studio personale studio personale studio personale VII personale personale(17,00 – 18,45) 93
  • 6. Insegnamenti a scelta dello studenteIl programma degli insegnamenti obbligatori è integrato da una seriedi insegnamenti integrativi, che riguardano materie specialistiche diparticolare interesse e sono affidati a studiosi dotati di specificacompetenza ed esperienza nel settore. Tali corsi di insegnamento,organizzati e gestiti in modo autonomo dai docenti, possono esserefrequentati liberamente dagli studenti, nellambito delle attività a loroscelta.Il periodo di svolgimento e gli orari delle lezioni sarannotempestivamente comunicati con congruo anticipo rispetto alladata di inizio dei corsi.Per l’anno accademico 2011-2012 sono programmati i seguentiinsegnamenti a scelta (12 CFU):1) Città del Mediterraneo fra antichità e medioevo (M-STO/01; L- OR/01; L-ANT/03)2) Teoria della conoscenza e pratica delle relazioni intersoggettive (M-FIL/01; M-FIL/03)7. Programma degli insegnamentiIl programma dei singoli insegnamenti che si svolgono nel presenteanno accademico è così articolato1:1 Avvertenza: l’orario di ricevimento dei docenti potrebbe subire modifiche. Leeventuali variazioni saranno tempestivamente comunicate sia verbalmente chemediante annunci nelle bacheche del Corso di laurea e nel sito Internet dellUniversità. 94
  • Programma degli insegnamenti – I ANNO LM – Storia della Civiltà Cristiana STORIA DELLA CIVILTA’ CRISTIANA Roberto de Mattei - Luca GalantiniAnno di corso: I ANNOPeriodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-STO/07C. F. U. attribuiti: 12Durata del corso: 96 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIIl primo modulo vuole fornire sia le nozioni di base sia gli strumenticoncettuali necessari a comprendere il significato storico e dottrinale dellaciviltà cristiana. Il secondo modulo del corso è dedicato all’approfondimentoorganico della evoluzione nella storia delle istituzioni politiche occidentali,con particolare attenzione al ruolo svolto dalle identità culturali e territorialicristiane. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOIl corso si articolerà in due parti. Il primo modulo del corso (Roberto de Mattei)approfondirà elementi di teologia e filosofia della storia cristiana. Il secondomodulo (Luca Galantini) si soffermerà in particolare sullevoluzione delprincipio di sovranità, alla luce del pensiero Cristiano, dalla pace di Westfaliaal Trattato di LisbonaModalità di svolgimento del corso: Lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: in aula dopo la lezioneE-Mail: info@robertodemattei.it – luca@galantini.net - luca.galantini@unier.it TESTI CONSIGLIATII Modulo: Nel corso delle lezioni saranno indicati dal docente i testi utili allapreparazione dellesameII Modulo:de Mattei R., La sovranità necessaria, Roma, Minotauro,2001Galantini L., La tutela delle identità culturali nel governo d’Europa, Milano,Vita&Pensiero, 2008 95
  • Programma degli insegnamenti – I ANNOLM – Storia della Civiltà Cristiana GEOGRAFIA DELLA CRISTIANITA’ Gianluca CasagrandeAnno di corso: I ANNOPeriodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): M-GGR/01C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIAl termine del corso gli studenti avranno acquisito una conoscenza generaledel ruolo storico della religione e della cultura cristiane nel plasmare lageografia del mondo attuale. Particolare attenzione verrà dedicata alchiarimento di alcuni aspetti della territorializzazione dell’area europea inrelazione all’originale substrato della cultura cristiana. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOBreve storia della Christianitas nella sua espansione geografica daGerusalemme ai confini dell’Impero Romano. Modelli di territorializzazionenell’Europa Cristiana dopo la fine dell’Evo Antico. Percezione dello spazio edell’Ecumene nella cultura cristiana fra il Medio Evo e l’inizio dell’EtàModerna. Viaggi, esplorazioni e visioni del mondo. I confini geografici dellaChristianitas: interrelazioni, osmosi e tensioni. Geografia, territori e substratoculturale di matrice cristiana nel mondo contemporaneo.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: in aula per 30 minuti dopo la lezione. - Stanza: C107.E-Mail: gianluca.casagrande@greal.eu; gcasagrande@unier.it Si raccomandadi scrivere sempre ad entrambi gli indirizzi per una più rapida risposta. TESTI CONSIGLIATIDispense fornite dal docente. 96
  • Programma degli insegnamenti – I ANNO LM – Storia della Civiltà Cristiana ARCHEOLOGIA E STORIA DELL’ ARTE CRISTIANA Flavia SalvatorIAnno di corso: I ANNOPeriodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): L-ANT/08C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIIl corso ha come obiettivo l’inquadramento della disciplina nell’ambito dellastoriadegli studi archeologici, lo studio delle fonti scritte ad essa correlate e l’analisidei monumenti di committenza cristiana. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOI Modulo: Fondamenti generali dellarcheologia cristiana: definizione, storiadella disciplina, metodologia, fonti, tematiche principali. (Flavia Salvatori - 3CFU)II Modulo: I mosaici di Roma e Ravenna (Flavia Salvatori - 3 CFU)Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: in aula dopo le lezioniE-Mail: flavia.salvatori@fastwebnet.it TESTI CONSIGLIATIP. Testini, Archeologia Cristiana, Edipuglia, Bari 1980, pp. 1-36; pp. 64-72;V. Fiocchi Nicolai- F. Bisconti-D. Mazzoleni, Le catacombe cristiane di Roma,Schnell & Steiner, Regensburg 1998.Per quanto concerne il corso monografico, durante le lezioni verrà fornita labibliografia di riferimento. 97
  • Programma degli insegnamenti – I ANNOLM – Storia della Civiltà Cristiana ARCHIVISTICA (CORSO PROGREDITO) Johan Ickx - Paolo AngelucciAnno di corso: I ANNOPeriodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-STO/08C. F. U. attribuiti: 12Durata del corso: 96 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIConoscenza della terminologia tecnica di base. Capacità di riconoscere edistinguere i vari elementi costitutivi di documenti e materiali archivistici ericonoscerne la genuinità. Capacità autonoma di contestualizzarestoricamente il documento in base alle sue caratteristiche intrinseche edestrinseche. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOIl corso si svolgerà su due livelli: uno tecnico e uno pratico. Esso parte dalladiplomatica generale. Seguirà la diplomatica pontificia e le varie disciplinedella scienza archivistica che comprendono la storia dell’archivistica, lapaleografia, la conologia, la sigillografia. Verranno fornite anche le nozioni dibase di araldica, numismatica ed epigrafia nella loro correlazione con ildocumento storico. Durante lo svolgimento delle lezioni avranno luogo ancheesercitazioni pratiche. Oltre alle lezioni in aula, sono previste alcune visiteguidate in archivi di Roma.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: orale e scrittoRicevimento: lunedì/venerdì - dopo la lezione in aulaE-Mail: johanickx@yahoo.com TESTI CONSIGLIATIA. Cappelli, Cronologia, cronografia e calendario perpetuo: dal principiodellera cristiana ai nostri giorni [rist.], Milano 1999, 688 p. [+ floppy disk] 98
  • Programma degli insegnamenti – I ANNO LM – Storia della Civiltà Cristiana STORIA DELL’ETÀ TARDOANTICA E DELLORIENTE BIZANTINO Laura Mecella - Umberto RobertoAnno di corso: I ANNOPeriodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): L – FIL – LET/07C. F. U. attribuiti: 9Durata del corso: 72 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIIl corso intende presentare i principali processi di trasformazione vissuti dalleprovince orientali dellimpero romano durante i secoli della Tarda Antichità(IV-VII), per poi concentrarsi sulla storia della media età bizantina fino alla IVcrociata (1204). Grande attenzione sarà rivolta alla lettura diretta delle fonti (acui sarà dedicato anche un modulo conclusivo a carattere monografico) e alladisamina di alcune questioni di metodo. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOPrimo modulo: parte istituzionale (L. Mecella) - 6 C.F.U.Verranno tracciate le principali linee guida della storia tardoantica e bizantinadurante i secoli IV-XII con particolare riguardo ad alcuni dei suoi momenticruciali (la svolta costantiniana; il regno di Teodosio e la divisione dellimpero;la riconquista giustinianea; gli esarcati e la riforma tematica; il c.d. medioevobizantino; la rinascenza macedone e letà dei Comneni). Sono previstiapprofondimenti su singoli aspetti di storia sociale, culturale e storico-religiosa,e su temi di storia della storiografia.Secondo modulo: parte monografica (U. Roberto) - 3 C.F.U.La cronografia universale cristiana. Lo sviluppo di questo genere letterario,caratteristico della produzione storiografica bizantina, verrà delineato a partiredallanalisi dellopera del primo dei suoi rappresentanti, Sesto Giulio Africano.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: in aula dopo la lezioneE-Mail: Laura Mecella: laura.mecella@unier.it; laura.mecella@gmail.com (peruna più rapida risposta si consiglia di scrivere ad entrambi gli indirizzi).Umberto Roberto: umberto.roberto@unier.it 99
  • Programma degli insegnamenti – I ANNOLM – Storia della Civiltà Cristiana TESTI CONSIGLIATIG. Ravegnani, Introduzione alla storia bizantina, Il Mulino, Bologna 2008(fino al 1204)M. Gallina, Bisanzio. Storia di un impero (sec. IV-XIII), Carocci editore, Roma2008(In sostituzione di entrambi i testi è possibile utilizzare: G. Ostrogorsky, Storiadell’impero bizantino, Einaudi, Torino 1993, fino al 1204)M. Meier, Giustiniano, Il Mulino, Bologna 2007U. Roberto, Le Cronografie di Sesto Giulio Africano, Rubbettino editore,Soveria Mannelli (di imminente pubblicazione)Gli studenti non frequentanti dovranno studiare, oltre ai testi sopra elencati:H. Leppin, Teodosio il Grande, Salerno editrice, Roma 2008 100
  • Programma degli insegnamenti – I ANNO LM – Storia della Civiltà Cristiana LA CONOSCENZA E L’AZIONE NEL PENSIERO CRISTIANO Don Mauro GagliardiAnno di corso: I ANNOPeriodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): M-FIL/03C. F. U. attribuiti: 7Durata del corso: 56 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIIl corso si propone di fornire una visione globale e sintetica del pensiero edello stile di vita cristiani, favorendo la conoscenza delle dottrine dogmatichee morali, nonché delle leggi, degli usi e consuetudini della Chiesa Cattolica,tenendo presenti anche le differenze con il Cristianesimo ortodosso eprotestante (tanto di origine luterana, quanto anglicana). PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOMODULO 1 – Le verità dogmatiche (32 ore), Don Mauro Gagliardi, CFU 41) Il cristocentrismo. Teologia naturale e soprannaturale. Il cristianesimo comesintesi. Il carattere bipolare della fede cattolica (principio dell’«et et»).2) Creazione e attributi del Creatore. La legge naturale. Gli spiriti celesti.L’uomo. La Provvidenza. Il peccato originale.3) Gesù Cristo, Verbo incarnato, unico Salvatore del mondo (cristologia esoteriologia). Lo Spirito Consolatore. La grazia. La Santissima Trinità.4) La Madre di Dio. La Chiesa.5) Il Culto divino o sacra Liturgia.6) I Sacramenti.7) Le realtà ultime.MODULO 2 – Le verità morali (16 ore), Don Mauro Gagliardi, CFU 21) Morale fondamentale.2) Morale della vita fisica e bioetica.3) Morale della vita sociale.MODULO 3 – Esercitazione (8 ore), Don Mauro Gagliardi, CFU 1Modalità di svolgimento del corso: Lezioni frontali. Dibattiti in aula. Analisidi testi in aula. Esercitazioni.Modalità di svolgimento dell’esame: orale più una breve esercitazionescritta.Ricevimento: Dopo la lezione, stanza A101E-Mail: maurogagliardi@yahoo.it 101
  • Programma degli insegnamenti – I ANNOLM – Storia della Civiltà Cristiana TESTI CONSIGLIATICatechismo della Chiesa Cattolica, 1992.Giovanni Paolo II, enciclica Veritatis Splendor, 06.08.1993.Id., enciclica Evangelium Vitae, 25.03.1995.Benedetto XVI, enciclica Caritas in Veritate, 29.06.2009.J. Ratzinger, Dio e il mondo, San Paolo, Cinisello Balsamo (MI) 2001. 102
  • Programma degli insegnamenti – II ANNO LM – Storia della Civiltà Cristiana CULTURA E GEOPOLITICA DELL’ISLAM Valentina ColomboAnno di corso: II ANNOPeriodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): L-OR/10C. F. U. attribuiti: 8Durata del corso: 64 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIIl corso si propone di illustrare le origini e la prima espansione dell’islam (sinoal X secolo) unitamente a chiarirne i concetti fondamentale a partire dalconcetto stesso di islam sino ad affrontare tematiche quali gli scismi, il dirittoislamico e la teoria classica del jihad. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTODopo aver presentato il contesto storico e culturale in cui è nato l’islam, se neesaminerà l’evoluzione e l’espansione durante i califfati omayyade e abbaside.Verrano altresì affrontate le problematiche relative al testo coranico e alle fontidella tradizione islamica (sunna); alla teoria del jihad e il relativo concetto didhimmitudine. Si analizzerà anche la condizione del mondo arabo-islamico.Ampio spazio verrà dato alla lettura e al commento di testi legati allatradizione islamica.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: in aula dopo la lezioneE-Mail: v.colombo@hotmail.it TESTI CONSIGLIATIV. Colombo, Islam. Istruzioni per l’uso, Mondadori, Milano 2009;I. Lapidus, Storia delle società islamiche, Einaudi, Torino 1993-95, 3 voll.Materiale didattico verrà distribuito a lezione. 103
  • Programma degli insegnamenti – II ANNOLM – Storia della Civiltà Cristiana STORIA POLITICA E CULTURALE DELL’EUROPA NEL NOVECENTO Massimiliano Valente - Isabella BecherucciAnno di corso: II ANNOPeriodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-STO/04C. F. U. attribuiti: 12Durata del corso: 96 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIPartendo dallo studio di due periodi estremi del processo di formazione dellacoscienza europea (fine Ottocento / inizio Novecento – fine Novecento), ilcorso intende rileggere alcune delle principali problematiche intercorse nellungo processo seguito al consolidamento della nazione italiana fino allanascita delle istituzioni comunitarie. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOModulo I: Storia e Politica dell’Integrazione Europea (M. Valente) - 6 C.F.U -Nella prima parte del modulo saranno illustrati i momenti principali, sul pianostorico-politico, che hanno portato alla genesi delle istituzioni comunitarie. Inseguito verranno analizzate le tappe del cammino verso la definizione e ilconsolidamento dell’attuale Unione Europea, con approfondimenti circa ilruolo dell’Italia in tale contesto.Modulo II: parte monografica (I. Becherucci) 6 C.F.U. - Attraverso i tre grandiromanzi (Una vita, Senilità, La coscienza di Zeno) dello scrittore triestino ItaloSvevo, il corso intende far luce sull’eterogenea realtà culturale del capoluogoadriatico che, posto all’estremo margine nord-orientale della nazione italiana,si apre alle grandi esperienze della cultura europea e mitteleuropea,soprattutto tedesca e austriaca. Pur nella diversa realizzazione di una ormaiindiscussa vocazione narrativa, tutti e tre i romanzi esprimono lo stessodisagio esistenziale nei confronti non solo delle certezze umane, filosofiche eideologiche della modernità, ma anche della tradizione letteraria nostrana:ponendo le premesse al rinnovamento del romanzo italiano, introducono perprimi nella penisola le grandi tematiche del Novecento europeo.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: orale. 104
  • Programma degli insegnamenti – II ANNO LM – Storia della Civiltà CristianaRicevimento: giovedì dalle 15 alle 16 – stanza C107E-Mail: massimiliano.valente@unier.it ; isabella.becherucci@unier.it TESTI CONSIGLIATIPer il I modulo: G. Mammarella – P. Cacace, Storia e politica dell’UnioneEuropea, Editori Laterza, Roma-Bari 2006; A. Varsori, La Cenerentola d’Europa?L’Italia e l’integrazione europea dal 1947 ad oggi, Rubbettino, SoveriaMannelli, 2010; P.L. Ballini – A. Varsori, L’Italia e l’Europa (1947-1979), 2volumi, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2004 (durante il corso saranno indicatedal docente le parti utili alla preparazione dell’esame).Per il II modulo: R. Antonelli, M.S. Sapegno, L’Europa degli scrittori, 3b, 1900-1945: modernità e crisi, La Nuova Italia, Firenze, 2008; I. Svevo, Romanzi, acura di P. Sarzana, Mondadori («Oscar»), Milano, 2000; E. Ghidetti, Lacoscienza di un borghese triestino, Edizioni di Storia e Letteratura, Roma,2006; M. Marchi, Vita scritta di Italo Svevo, Le Lettere, Firenze, 1998. 105
  • Programma degli insegnamenti – II ANNOLM – Storia della Civiltà Cristiana STORIA DEL PENSIERO ARABO Da designareAnno di corso: II ANNOPeriodo di svolgimento del corso: II SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): M-FIL/06C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVIDa definire PROGRAMMA DI INSEGNAMENTODa definireModalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: da definireRicevimento: da definireE-Mail: da definire TESTI CONSIGLIATIDa definire 106
  • Programma degli insegnamenti – II ANNO LM – Storia della Civiltà Cristiana STORIA DELLA FILOSOFIA MODERNA E CONTEMPORANEA II Guido TraversaAnno di corso: II ANNOPeriodo di svolgimento del corso: I SemestreSettore scientifico disciplinare (SSD): M-FIL/06C. F. U. attribuiti: 6Durata del corso: 48 oreSuddivisione in moduli: No OBIETTIVI FORMATIVISi intende, in generale, offrire una adeguata preparazione di Storia dellafilosofia contemporanea privilegiando l’aspetto sistematico e teoretico diinterpretazione e valutazione delle correnti e dei singoli autori, procedendoper problemi, senza naturalmente trascurare la dimensione storiografica. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOIl corso sarà dedicato all’esame delle principali questioni filosofiche edepistemologiche del pensiero filosofico moderno e contemporaneoanalizzando le posizioni e le opere dei maggiori pensatori.1) Il metodo scientifico e la conoscenza filosofica moderna (linee generali) 2)La rivoluzione astronomica. Differenze tra la nuova concezione scientifico-filosofica dell’universo e quella aristotelico-tomista. meccanicismo e finalismo..3) Cartesio. 4) Meccanicismo, materialismo, politica. Hobbes. 5) Critiche esviluppi della filosofia di Cartesio. Spinoza..6) Logica, verità, teodicea.Leibniz.. 7) Empirismo. Locke. La critica alla metafisica. Hume. Empirismo-scetticismo. 8) Il criticismo. Kant. 9) L’idealismo tedesco: Fichte, Schelling edHegel; 10) Critiche al sistema hegeliano: Kierkegaard,. Feuerbach, Marx;. 11)Nietsche:. 12) Dilthey;. 13) Husserl: 14) Heidegger:. 15) Wittgenstein: 16)Popper.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: Martedì dalle 13.00 alle 14.00 – Stanza B 104E-Mail: guido.traversa@gmail.com TESTI CONSIGLIATIUn Manuale di Storia della Filosofia contemporanea consigliato dal Docente oconcordato con lui.Il Docente metterà a disposizione una antologia relativa ai temi e agli autoritrattati durante il Corso 107
  • Programma degli insegnamenti – a scelta dello studenteLM – Storia della Civiltà Cristiana CITTA’ DEL MEDITERRANEO FRA ANTICHITA’ E MEDIOEVO Renata Salvarani - Laura Mecella - Laura C. PaladinoTipologia: a scelta dello studentePeriodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-STO/01; L-ANT/03; L-OR/08C. F. U. attribuiti: 12Durata del corso: 96 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIIl corso ha l’obiettivo di fornire gli strumenti metodologici di base per unastoria delle città, presentando alcuni casi dell’area mediterranea emblematiciper rappresentatività e per complessità. PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOSaranno analizzati i rapporti fra fonti scritte e fonti materiali, con riguardo siaalla genesi delle forme della cultura considerate anche in rapporto con leforme urbane e la strutturazione degli spazi, sia allorganizzazione politica eamministrativa dei centri urbani. Attraverso casi specifici, verranno presentati igrandi processi di mutamento che hanno interessato il bacino mediterraneo traantichità e Medioevo: fine del mondo antico, rete delle comunità ebraiche,nascita e diffusione del Cristianesimo, formazione dei centri patriarcali edepiscopali, rapporto fra Impero e Chiese, islamizzazione, formazione eespansione dei domini ottomani.Il corso è articolato in un modulo introduttivo dedicato a fonti e metodologie eal contesto mediterraneo generale fra l’Età Romana e il Medioevo e in tremoduli specifici dedicati a Gerusalemme, Alessandria e Costantinopoli.Modulo introduttivo: 3 crediti (Salvarani); storia di Gerusalemme: 4 crediti, dicui 1 credito (Paladino) Gerusalemme dalle origini al II secolo dell’EraCristiana e 3 crediti (Salvarani) Gerusalemme dal III secolo alla conquistaottomana; lEbraismo tra Terra di Israele e Diaspora e il caso di Alessandria: 2crediti (Paladino); il caso di Costantinopoli: 3 crediti (Mecella); seminariofinale.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: In aula mezz’ora prima della lezione. Per il ricevimento in altriorari si consiglia di concordare l’appuntamento via mail. E-Mail:info@renatasalvarani.it; renata.salvarani@unier.it; laura.mecella@unier.it;laurapaladino@tin.it TESTI CONSIGLIATIAppunti, materiali, immagini e fotocopie distribuiti durante le lezioni. 108
  • Programma degli insegnamenti – a scelta dello studente LM – Storia della Civiltà Cristiana TEORIA DELLA CONOSCENZA E PRATICA DELLE RELAZIONI INTERSOGGETTIVE Susy Zanardo - Massimiliano BiscusoTipologia: a scelta dello studentePeriodo di svolgimento del corso: AnnualeSettore scientifico disciplinare (SSD): M-FIL/01 e M-FIL/03C. F. U. attribuiti: 12Durata del corso: 96 oreSuddivisione in moduli: Sì OBIETTIVI FORMATIVIModulo I: Teoria della Conoscenza (Susy Zanardo) – 6 CFU: Il corso vuoleoffrire una riflessione sulla natura e il valore della conoscenza. Si cercherà dimostrare che cosa la conoscenza sia veramente. E ciò si può fare solopartendo dai classici, che posero a tema l’equazione originaria fra essere epensare, essendo l’orizzonte del pensiero l’apparire di ciò che appare. Simostrerà, attraverso la lettura analitica e la discussione critica di alcuni luoghifondamentali della riflessione filosofica, come il pensiero umano siaonticamente finito (creato, in potenza rispetto all’essere), ma formalmenteaperto all’infinito (intrascendibilità o trascendentalità del pensare).Modulo II: Lo scetticismo antico e la critica di S. Agostino (MassimilianoBiscuso) – 3 CFU: Lo studente acquisirà la conoscenza dei problemi teoriciche stanno alla base dello scetticismo antico, in particolar modo nellaversione accademica, e della critica che a questo ha rivolto S. Agostino;affinerà e specializzerà le capacità di analisi e di commento dei testi, comerisultato di una lettura diretta degli stessi; acquisirà conoscenze di base sullafilosofia ellenistica e agostiniana.Modulo III: Pratica dei rapporti intersoggettivi: la relazione di dono (SusyZanardo), - 3 CFU: Il problema fondamentale delletica è il problemadellintersoggettività: come è possibile che due soggettività trascendentalistiano fra loro nella forma del reciproco nutrirsi anziché del reciprococonsumarsi? Le relazioni di dono permettono di rispondere a questa domanda,perché, nella pratica del dono, due o più soggettività convivono in tutta lagrandezza della loro trascendentalità, senza che l’infinità dell’una curvi versol’oggettivazione dell’altra. Il corso vuole così esplorare la relazione di donocome tessuto simbolico che intreccia l’asse verticale della gratuità (la creativitàdell’amore) e l’asse orizzontale della reciprocità (la logica della giustizia). 109
  • Programma degli insegnamenti – a scelta dello studenteLM – Storia della Civiltà Cristiana PROGRAMMA DI INSEGNAMENTOModulo I: Occorre innanzitutto distinguere due questioni intorno al tema dellaconoscenza: la prima sarà dedicata alla questione dell’intelligibilitàdell’essere, ovvero al rapporto fra pensiero ed essere. Si ripercorreranno,perciò, i luoghi fondamentali della ontologia metafisica secondo alcunescansioni epocali: l’equazione fra essere e pensare nella classicità (greca escolastica), il dualismo naturalistico nell’età moderna (rottura dell’unità dipensare ed essere, per cui si distingue fra un essere oggettivo – interno alpensiero – e un essere formale – la realtà extramentale), il tentativo disuperamento dello gnoseologismo da parte dell’idealismo hegeliano (identitàmediata di pensiero ed essere, posta dalla parte della soggettività che risolve insé l’alterità come alterità oggettivata) e il problema del dualismo nel pensierocontemporaneo (metafisico e post-metafisico). La seconda parte sarà dedicataalle forme del pensiero in quanto si predicano della soggettività umana(questione di psicologia filosofica o razionale). Si tratterà del senso,dell’immaginazione e dell’intelletto in quanto esso apprende, giudica eragiona.Modulo II: Il modulo intende focalizzare i principi dello scetticismoaccademico e della risposta anti-scettica di S. Agostino attraverso la letturadiretta dei testi: in particolare a lezione si leggeranno e commenteranno passitratti dagli Academica di Cicerone e dal Contra Academicos di S. Agostino.Modulo III: Si esamineranno il concetto e la pratica delle relazioni di dono,secondo tre direzioni: antropologico-sociologica, ontologica ed etica.Dapprima, si ricostruirà la genesi antropologica del dono come relazionesociale, attraversando la letteratura etnologica, sociologica ed economica. Inun secondo momento, la ricognizione dell’esperienza di dono verrà integratacon l’analisi speculativa della categoria di gratuità, al fine di legare l’orizzontestorico con il piano fondamentale. Saranno prese in esame le proposte di J.-L.Marion (il dono come donazione pura) e J. Derrida (il dono come possibilitàdell’impossibile), delle quali sarà messo in luce il nodo aporetico: il dono puroè un dono senza legami (al di fuori di ogni versione di reciprocità e di ogniesperienza fenomenica). Il terzo momento si muoverà in direzione di unateoria etica del dono, condotta attraverso l’apparato categoriale aristotelico,misurandosi con le lezioni di entrambi gli ambiti studiati: da un lato, il donopuro (senza relazione) apparirà come figlio della crisi del legame sociale;dall’altro lato, le analisi speculative porteranno a valorizzare la gratuità comeil senso ultimo e la verità del dono, il quale porta oltre la sfera della giustizia edella reversibilità degli scambi.Modalità di svolgimento del corso: lezioni frontaliModalità di svolgimento dell’esame: oraleRicevimento: in aula dopo la lezioneE-Mail: susyzanardo@mail.com; susy.zanardo@unier.it; mbiscuso@libero.it 110
  • Programma degli insegnamenti – a scelta dello studente LM – Storia della Civiltà Cristiana TESTI CONSIGLIATIModulo I: Sarà messa a disposizione una dispensa e una antologia di testianalizzati a lezione fra quelli sotto indicati:Aristotele, I principi del divenire, Libro primo della fisica, a cura di E.Severino, La Scuola, Brescia 1987; Aristotele, Il principio di noncontraddizione. Libro quarto della Metafisica, a cura di E. Severino, La Scuola,Brescia, 1990; Aristotele, L’anima, Bompiani, Milano 2001; Tommasod’Aquino, Unità dell’intelletto, Bompiani, Milano 2000; Tommaso d’Aquino,Somma teologica, I, questioni 75-89; R. Descartes, Discorso sul metodo,Laterza, Roma-Bari 2010; I. Kant, Critica della ragion pura, Laterza, Roma-Bari2005; J. Derrida, “La différance”, in Id., Margini della filosofia, Einaudi, Torino1997.Modulo II: È previsto lo studio dei due seguenti testi:Agostino, Contro gli Accademici, Bompiani, Milano, 2005.Cicerone, Academica (fotocopie).Modulo III: Si metterà a disposizione una dispensa relativa agli argomentitrattati e una antologia di testi analizzati durante le lezioni fra quelli indicati diseguito:A. Caillé, Il terzo paradigma. Antropologia filosofica del dono, BollatiBoringhieri, Torino 1998; J. Derrida, Donare il tempo. La falsa moneta,Raffaello Cortina, Milano 1996; J. Derrida, Donare la morte, Jaca Book,Milano 2002; J. Godbout, Lo spirito del dono (con la collaborazione di A.Caillé), Bollati Boringhieri, Torino 2002; M. Hénaff, Il prezzo della verità. Ildono, il denaro, la filosofia, Città aperta, Troina 2006; J.-L. Marion, “Laragione del dono”, in C. Vigna (a cura di), Etiche e politiche dellapostmodernità, Vita e Pensiero, Milano 2003; M. Mauss, Saggio sul dono.Forma e motivo dello scambio nelle società arcaiche, Einaudi, Torino 2000; S.Zanardo, Il legame del dono, Vita e Pensiero, Milano 2007. 111
  • 8. Calendario degli esamiAVVERTENZA: Il calendario potrebbe subire lievi modifiche per cause di forza maggiore: Eventuali variazioni, normalmente contenutenellarco della settimana, saranno tempestivamente comunicate sia verbalmente che mediante annunci nelle bacheche del Corso di laureae nel sito Internet dellUniversità.Le date degli esami degli insegnamenti attivati negli A.A. precedenti al 2011/2012 saranno affisse nella bacheca dell’Ambito e pubblicatesul sito internet dell’Università CALENDARIO ESAMI - I ANNO LAUREA MAGISTRALE IN STORIA DELLA CIVILTA’ CRISTIANA I SESSIONE II SESSIONE III SESSIONE IV SESSIONE (16/01/12-10/02/12) (28/05/12-06/07/12) (17/09/12-28/09/12) (Gen. – Feb. 2013) INSEGNAMENTO I II I II III I I II appello appello appello appello appello appello appello appelloStoria della Civiltà - - 04/06 25/06 02/07 18/09CristianaGeografia della 18/01 08/02 30/05 06/06 27/06 19/09cristianitàArcheologia e storia 12/01 02/02 29/05 12/06 03/07 21/09dell’arte cristianaArchivistica - - 28/05 04/06 18/06 17/09 Date da definireStoria dell’età tardoantica e dell’Oriente - - 06/06 20/06 04/07 19/09bizantinoLa conoscenza el’azione nel pensiero 17/01 08/02 29/05 11/06 21/06 20/09cristiano 112
  • CALENDARIO ESAMI - II ANNO LAUREA MAGISTRALE IN STORIA DELLA CIVILTA’ CRISTIANA I SESSIONE II SESSIONE III SESSIONE IV SESSIONE (16/01/12-10/02/12) (28/05/12-06/07/12) (17/09/12-28/09/12) (Gen. – Feb. 2013) INSEGNAMENTO I II I II III I I II appello appello appello appello appello appello appello appelloCultura e geopolitica 17/01 08/02 04/06 25/06 06/07 18/09dell’IslamStoria politica e culturale - - 28/05 07/06 21/06 21/09dell’Europa nel Novecento Date da definireStoria del pensiero Arabo - - 04/06 25/06 06/07 18/09Storia della filosofiamoderna e contemporanea 23/01 02/02 29/05 11/06 25/06 20/09II CALENDARIO ESAMI - INSEGNAMENTI OPZIONALI LAUREA MAGISTRALE IN STORIA DELLA CIVILTA’ CRISTIANA I SESSIONE II SESSIONE III SESSIONE IV SESSIONE (16/01/12-10/02/12) (28/05/12-06/07/12) (17/09/12-28/09/12) (Gen. – Feb. 2013) INSEGNAMENTO I II I II III I I II appello appello appello appello appello appello appello appelloCittà del Mediterraneo fra - - 06/06 19/06 05/07 19/09antichità e medioevoTeoria della conoscenza e Date da definirepratica delle relazioni - - 28/05 04/06 18/06 17/09intersoggettive 113
  • APPENDICE
  • Appendice – Tirocini e stage di orientamento professionale TIROCINI E STAGES DI ORIENTAMENTO PROFESSIONALEIn osservanza di quanto previsto dall’art. 10, quinto comma, lett. e),del d.m. 2004, n. 270, i programmi di studio dell’UniversitàEuropea di Roma includono lo svolgimento di periodi ditirocinio e di stages presso aziende, per i quali sono riconosciuticrediti formativi universitari (C.F.U.). I tirocini e gli stagescostituiscono un’occasione di temporaneo inserimento nel mondoproduttivo al fine di stabilire un primo contatto e di svolgere unperiodo di addestramento pratico.Queste attività gestite dal Centro Dipartimentale Job Placementdell’Università sono organizzate tenendo conto delle motivazioni,delle aspettative e delle competenze degli studenti da un lato, e delleindicazioni e delle esigenze delle aziende dall’altro.Di seguito si riportano i CFU relativi all’attivtà di stage e tirocini diorientamento professionale da conseguire in base al proprio anno diimmatricolazione e curriculum: CORSO DI LAUREA TRIENNALE CFU per tirocini e stages e di orientamento professionale CFU da Corso di Classe Anno di immatricolazione conseguire Laurea (III anno) Storia e Studenti immatricolati nell’A.A. 2011/2012 4 Filosofia(L-42) 4 Scienze Studenti immatricolati nell’ A.A. 2010/2011 Storiche Studenti immatricolati nell’ A.A. 2009/2010 5 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STORIA DELLA CIVILTÀ CRISTIANA (LM-84) CFU per tirocini e stages e di orientamento professionale CFU da CFU da CFU Totali Anno di immatricolazione conseguire conseguire da (I anno) (II anno) conseguireStudenti immatricolati negli A.A. 2 2 42011/2012 e 2010/2011Per ulteriori informazioni: Centro Dipartimentale Job PlacementTel. 06. 66.543. 889 - E-mail: jobplacement@unier.it 115
  • Appendice – Prova finale PROVA FINALEPer conseguire la laurea gli studenti, dopo il superamento di tutti gliesami e lacquisizione di tutti i crediti previsti dal Regolamentodidattico e dai piani di studi individuali, devono superare una provafinale consistente nella discussione di una tesi redatta sotto la guida diun relatore.Gli studenti del Corso di laurea triennale in Scienze Storiche eStoria e Filosofia, al termine del secondo anno del Corso di laurea,possono richiedere al Coordinatore del Corso di studi l’assegnazionedell’argomento della prova finale per il conseguimento del titolo distudio, consistente nella redazione e nella presentazione di unarelazione scritta relativa ad uno o più settori disciplinari delcurriculum prescelto.L’argomento è assegnato a seguito di una intesa tra lo studente ed undocente, che svolgerà il ruolo di relatore.Gli studenti del Corso di laurea magistrale in Storia della CiviltàCrisitana, al termine del primo semestre del primo anno del Corsodi laurea, possono richiedere al Coordinatore del Corso di studil’assegnazione dell’argomento della prova finale per il conseguimentodel titolo di studio, consistente nella redazione e nella discussione diuna tesi elaborata in modo originale sotto la guida di un relatore.L’argomento della tesi può riguardare uno o più settori disciplinari delcorso di Laurea ed è assegnato a seguito di una intesa tra lo studenteed un docente, che svolgerà il ruolo di relatore. È condizionenecessaria che il laureando abbia sostenuto l’esame nel settore/idisciplinare/i riguardanti l’argomento della tesi.La prova finale per il conseguimento della laurea magistrale prevedeanche la presenza di un docente con funzioni di correlatore.Sono indette tre sessioni di laurea nel corso dell’anno solare: SESSIONI DI LAUREA A.A. 2011/2012 Sessione estiva Sessione autunnale Sessione invernale Tra la fine di dal 23/07/2012 al Novembre e i primi Marzo 2013 27/07/2012 di Dicembre 2012 116
  • Appendice – Prova finaleLa prova finale è sostenuta alle condizioni e nelle forme stabilite dalRegolamento Didattico di Ateneo e dal Regolamento del Corso diLaurea. Modalità per l’assegnazione della tesi di laureaLa richiesta di assegnazione della tesi va fatta direttamente dallostudente al docente, che svolgerà il ruolo di relatore.Date e procedure da osservare Sessioni di Laurea A.A.2011/2012 (Tutte le date indicate di seguito possono subire variazioni:controllare sul sito o nelle bacheche dei Corsi di Laurea eventualiaggiornamenti).Lo studente una volta concordato con il proprio relatore il tema e itempi di realizzazione della tesi, deve: I FASEEntro il termine massimo di due mesi dalla data fissata per lasessione di laurea consegnare presso la Segreteria generale i seguentimoduli (disponibili presso la Segreteria Generale o scaricabile dal sitoInternet dell’Ateneo): Richiesta di assegnazione della tesi di laurea, utilizzando gli appositi moduli: - Mod. 10 firmato dal relatore, per quanto riguarda i Corsi di laurea triennale - Mod. 10bis firmato dal relatore e dal correlatore, per i Corsi di laurea Magistrale. Domanda di ammissione alla prova finale per il conseguimento del titolo di studio (Mod. 11). Scadenze consegna documenti (2 mesi prima della sessione) Sessione estiva Sessione autunnale Sessione invernale Entro il Entro la fine di Entro la fine di 23 maggio 2012 Settembre 2012 Dicembre 2012 117
  • Appendice – Prova finale II FASE20 giorni prima della data di inizio della sessione lo studente devedepositare presso la Segreteria Generale:- 3 copie dell’ elaborato scritto firmate dal relatore (e dal correlatore per la laurea /magistrale).- 1 copia, dichiarata conforme, dell’elaborato in formato elettronico (CD-Rom) firmata dal relatore (e dal correlatore per la laurea magistrale). (Sull’etichetta del CD devono essere indicati: il nome del laureando; la matricola, il corso di laurea, l’A.A. della sessione di laurea; il titolo della tesi; il nome del relatore e del correlatore per la laurea magistrale).- Libretto universitario originale, previo conseguimento di tutti i C.F.U. previsti dal piano di studio, con la sola eccezione di quelli relativi alla prova finale.- Copia del bollettino, relativo al pagamento del contributo per l’ammissione alla prova finale.- Modulo firmato di avvenuta consegna della documentazione per la tesi di laurea (Mod. 14). Scadenze consegna documenti (20 giorni prima della sessione) Sessione estiva Sessione autunnale Sessione invernale Entro il Entro i primi di Entro i primi di 03 luglio 2012 Novembre 2012 Febbraio 2013Il laureando che all’atto di prenotazione dell’esame di laureadebba ancora sostenere esami di profitto è tenuto a completare ilproprio curriculum nel primo appello della stessa sessione, ocomunque almeno 20 giorni prima della data prevista per ladiscussione della tesi.Ciascuno studente iscritto all’ultimo anno di corso, che ritenga dipoter terminare il Corso di laurea nell’anno accademico al quale èiscritto, dovrà presentare presso la Segreteria Generale, entro il terminedel 30 settembre di ciascun anno, una dichiarazione nella qualedichiara l’intento di terminare il corso discutendo l’elaborato finaleentro la sessione di laurea invernale (febbraio-marzo) dell’annosuccessivo. In caso di mancata presentazione di tale dichiarazione, lostudente è tenuto ad iscriversi “fuori corso” e deve provvedere alpagamento dei contributi accademici previsti in via ordinaria. 118