• Like
Identità inquiete
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Identità inquiete

  • 328 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
328
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Identità inquiete tra formazione e mercato.XIV Rapporto Unimonitor (a.a. 2010-11) Direzione scientifica: Mario Morcellini, Barbara Mazza Responsabile scientifico: Laura Bocci Gruppo di lavoro: Manuela Bartolotta Nunzia Bifulco Lorena Licenji Germana Marcelli Pagina 1 www.unimonitor.it Corrado Peperoni info@unimonitor.it
  • 2. Alle prese con il lavoro:razionali, idealisti, sognatori di Laura Bocci e Germana Marcelli Pagina 2 www.unimonitor.it info@unimonitor.it
  • 3. 1. Presentazione dell’indagine
  • 4. I laureati magistrali e il mercato del lavoro Attività annuale di monitoraggio di Unimonitor.com Indagine nata dalla necessità di continuare a monitorare l’inserimento dei laureati di II livello a seguito di una prima indagine pilota condotta nel 2008 sui primi laureati tra il 2006 e inizio 2007 e dell’esperienza dello scorso anno Obiettivi Analizzare la condizione occupazionale dei laureati di II livello in Comunicazione ad almeno un anno dalla laurea Comprendere le modalità e l’ambito di inserimento dei laureati di II livello di SdC
  • 5. Piano di rilevazioneStrumento di indagine Intervista telefonica con questionario suddiviso in due parti Prima parte: domande a risposta chiusa Seconda parte: traccia strutturata a risposta liberaIntervistatori 5 dottorandi del primo anno e 2 studentesse di un corso magistralePeriodo di riferimento Aprile 2011Universo di riferimento 368 laureati di II livello nel 2009 nei 5 corsi di laurea di SdC Il collettivo è stato stratificato rispetto a genere e corso di laurea
  • 6. Intervista E’ articolata in 3 sezioni: Sezione 1: Notizie sull’attuale lavoro Sezione 2: Precedenti esperienze lavorative Sezione 3: ApprofondimentoAspetti indagati Per coloro che attualmente lavorano: il tipo di attività in cui sono impegnati nella routine lavorativa e le precedenti esperienze lavorative Per coloro che non lavorano: l’aver avuto precedenti esperienze di lavoro e, se si, di che tipo Per tutti: le difficoltà riscontrate nella ricerca del lavoro e l’atteggiamento maturato nei confronti del rispettivo percorso di studi universitari
  • 7. Traccia di intervista Lavoratori Non lavoratoriSezione 1Analisi delle attività che svolgono XModalità ricerca lavoro X AnalisiIl grado di soddisfazione X quantitativaReddito X dei datiSezione 2Precedenti esperienze lavorative X XSezione 3: ApprofondimentoAnalisi dell’attività quotidiana XLe conoscenze e le competenzeacquisite XLe difficoltà incontrate nella Xricerca del lavoro X AnalisiValutazione del percorso formativo X X testualePregi e limiti della formazione incomunicazione e proposte di X XmiglioramentoIl lavoro ideale X
  • 8. Stratificazione dell’universo di riferimentoCorso di laurea Laureati nel 2009 Intervistati Tasso di copertura (%)Comunicazione dimpresa 165 43 26.1Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo 112 25 22.3Comunicazione sociale e istituzionale 31 6 19.4Teoria della comunicazione e ricerca applicata 17 5 29.4Innovazione e sviluppo (interfacoltà) 43 11 25.6Totale 368 90 24.5 Genere Laureati nel 2009 Intervistati Tasso di copertura (%) Uomo 107 27 25.2 Donna 261 63 24.1 Totale 368 90 24.5Le proporzioni dei laureati per corso di laurea e per genere sono state rispettate nel gruppo degliintervistatiIl tasso di copertura è del 24.5% e i mancati contatti del 35.7% (50 su un totale di 140 contatti: di questiultimi 90 sono andati a buon fine)
  • 9. La condizione occupazionale ad almeno un anno dalla laurea Neolaureati in Corsi Corso Totale Neolaureati interni a SdC InterfacoltàCondizione Percentuale Percentualeoccupazionale v.a. sul totale v.a. v.a. sul totaleLavora 54 68.3 10 64 71.1Non lavora 25 31.7 1 26 28.9 di cui Stage 5 1 6Totale 79 100.0 11 90 100.0Il tasso di disoccupazione calcolato adottando la definizione didisoccupato utilizzata dall’Istat nella rilevazione continua delleForze Lavoro migliora attestandosi a 25.3% per i laureati nei corsidi laurea interni a SdCTuttavia, anche in questo caso, si evidenzia un aumento di 5 puntipercentuali rispetto ai risultati di un anno fa (20.3% ad aprile 2010)
  • 10. Comunicatori a lavoro Il settore… Com. aziendale Industria, Commercio, (9; 14%) Servizi (13; 20%) Ricerca, Formazione Totale collettivo: 64 lavoratori (8; 13%)Vendite, Pubblicità,Marketing (15; 23%) Selezione/RU (2; 3%) PR, PA (5; 8%) Com. pubblica, Editoria, Uffici stampa (7; 11%) …e la qualifica istituzionale, sociale (5; 8%) Addetto marketing e comunicazione, P.R organizzazione eventi, 16 Account/planner, Project manager 12 Giornalista,redattore w eb, redattore stampa 6 Ricercatore, Docente 5 Non sembra esserci un Addetto stampa, addetto URP 5 sostanziale scollamento Consulente 4 tra percorsi formativi e Web editor 3 mercato del lavoro anche Media assistant 1 se le qualifiche dei dottori Addetto selezione/RU 1 sono trasversali rispetto Lavoro no comunicazione 11 alla loro formazione 0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 Valori assoluti
  • 11. Tipologia contrattuale ad almeno un anno dalla laurea Neolaureati Neolaureati 2008 2009 La crisi fa sentire i (indagine 2010) (indagine 2011) suoi effetti in modo v.a. % v.a. % particolare sulleTempo indeterminato 11 15.5 11 17.2 tipologie dei rapportiAttività in proprio 4 5.6 1 1.6 contrattualiTempo determinato 19 26.8 16 25.0Formazione/inserimento 5 7.0 3 4.7Contratto a progetto 29 40.8 23 35.9 Atipico: 49.8% nel 2010Consulenza 2 2.8 3 6.2 51.6% nel 2011Occasionale - - 4 4.7Senza contratto 1 1.4 3 4.7Totale 71 100.0 64 100.0 La metà dei lavoratori a tempo indeterminato: lavorava già prima della laurea non svolge un lavoro concernente la comunicazione Circa la metà dei contratti a progetto ha una durata compresa tra i 6 e i 12 mesi
  • 12. Un lavoro che soddisfa di meno… 40 Per la prima volta si registra 40 insoddisfazione 35 30 Tra i soddisfatti oltre la metà cerca un altro lavoro principalmente nelloValori assoluti 25 20 stesso settore (21 su un totale di 28 12 15 persone in cerca) 8 10 4 5 0 Per niente Poco Abbastanza Pienamente …alla ricerca di un altro lavoro Si ma in un altro settore (10; 16%) No (27; 42%) Si nello stesso Totale collettivo: 64 lavoratori settore (27; 42%)
  • 13. 2. Chi sono i non lavoratori
  • 14. Segni particolari: nessunoNon possiedono caratteristiche particolari che li differenzino daiLavoratori e che possano costituire motivo o giustificazione perchésiano privi di un’ OccupazioneNon c’è discrepanza tra tipologia del titolo di laurea conseguito e le loroaspirazioniA loro avviso il titolo di studio conseguito non gli permette di ricoprireuna posizione specifica e questo costituisce una difficoltà: da parte loro → nell’individuare offerte di lavoro pertinenti da parte dei futuri datori → per comprenderne le potenzialitàLa maggior parte dei soggetti dichiara di aver acquisito le competenzepiù utili e di conseguenza maggiormente spendibili durante esperienzeall’estero (Erasmus o di natura personale)
  • 15. Buona la prima? Delusi (8 neolaureati) non hanno trovato utilità nel percorso che hanno condotto non si sono sentiti seguiti e ritengono che le esperienze lavorative che si possono fare con la laurea in SdC si riuscirebbero tranquillamente a fare anche con il diploma iper-critici e non trovano alcun pregioIdealisti (7 neolaureati) continuano a credere fermamente nella scelta fatta in quanto hanno vissuto il loro percorso in maniera interattiva e stimolante e sono stati guidati da una forte passione per ciò che hanno imparato difendono con le unghie e con i denti la propria Facoltà dagli attacchi esterni e credono fermamente che la propria formazione sia completa e fornisca tutti gli strumenti per mettersi in gioco Razionali (5 neolaureati) se dovessero compiere nuovamente una scelta sarebbero molto ponderati: se dovessero seguire ancora le loro inclinazioni sceglierebbero di nuovo SdC se dovessero scegliere pensando alle future prospettive di lavoro, sceglierebbero Economia
  • 16. Gli StagiaireSono inseriti nell’ambito del marketing e organizzazione di eventi, dellacomunicazione aziendale, della formazione del personale ma anche inun’agenzia di produzione televisiva con qualifiche specializzanti qualiaccount, copywriter, redattore stampa e addetto alle risorse umaneHanno trovato lo stage attraverso il placement universitario o corsi diformazione/masterNella metà dei casi la durata è inferiore ai 6 mesi e nell’altra è di 12mesiSono soddisfatti di quello che stanno facendo tanto che la metà di loronon cerca un altro lavoro anche se non riesce a mantenersi da soloavendo appena un rimborso spese che non supera i 5 mila euroQuasi tutti hanno avuto altre esperienze lavorative, principalmentenell’ambito della comunicazione, che hanno avuto durata inferiore ai 6mesi e che non sempre si sono rilevate utili
  • 17. Nei panni del neolaureato:fronteggiare il mercato del lavoro di Manuela Bartolotta e Corrado Peperoni Pagina 17
  • 18. I pregi di SdC .. la comunicazione è tutto, se non c’è quella non c’è anima; è quella che poi riempie il mercato.. il business, i soldi sono quello che girano però, per farli girare, c’è bisogno di una voce: la voce la diamo noi che siamo comunicatori... ci sono stati alcuni professori che devo ringraziare, perché secondome hanno insegnato a pensare; era un corso che ti dava un quadroteorico meraviglioso di quali erano i problemi del mondo, comeaffrontarli.. ti formava ad un pensiero critico. La specialistica aveva un taglio più pratico e questo è stato positivo nell’impatto con quelle acquisizioni che poi sono spendibili nel mercato del lavoro
  • 19. Le proposte per SdCCreare un ponte tra Università e mondo dellavoro con una maggiore offerta di stagesIntegrare il percorso formativo con seminari,tirocini, laboratori per l’acquisizione dicompetenze tecnicheRidurre il numero degli esami in favore di unaspecializzazione della formazioneIntrodurre il numero chiuso
  • 20. Si iscriverebbero di nuovo?Poco più della metà degli intervistati siiscriverebbe di nuovo alla Facoltà di Scienzedella Comunicazione. Il bilancio è positivosoprattutto in relazione allo stato occupazionaledei neolaureati.La passione e la soddisfazione per ilpercorso di studi sembrano essere i fattorimotivazionali più trainanti.
  • 21. Aspetti del corso di laurea in SdCspendibili sul mercato del lavoro Niente Totale Lavora di intervistati utile... sì 8 69 no 3 20 Niente Totale Corso di Laurea di intervistati utile... Comunicazione d’impresa 5 43 Innovazione e sviluppo 2 11 Editoria, comunicazione multimediale e 3 25 giornalismo Comunicazione sociale e istituzionale 1 5 Teoria della comunicazione e ricerca applicata 0 5 Totale collettivo: 89 intervistati
  • 22. Titolo di studio sufficiente per trovare lavoro? No, 41 Non so/ Dipende, 2 Sì, 26 Totale collettivo: 89 intervistati
  • 23. Quale la reputazione della laurea in SdC? Non so/ Dipende; 6 Positiva; 2 Negativa; 81 Totale collettivo: 89 intervistati
  • 24. I laureati in SdC nel mercato dellavoro: una competizione sofferta Occorrenze Totale Corso di Laurea lemma intervistati Economia Comunicazione d’impresa 38 43 Innovazione e sviluppo 3 11 Editoria, comunicazione multimediale e 14 25 giornalismo Comunicazione sociale e istituzionale 7 5 Teoria della comunicazione e ricerca applicata 1 5 Totale collettivo: 89 intervistati
  • 25. ConclusioniSdC sconta la scarsa conoscenza, all’esterno, del percorso formativo offerto ai propri studenti. La sfida, che non può non essere colta, è quella di comunicare meglio se stessa, ciò che evidentemente, e paradossalmente, finora non è riuscito...solo comunicando ci si fa conoscere, solo facendosi conoscere si ha la possibilità di non essere oggetto di PREgiudiziSdC vive una sofferta competizione con i laureati in Economia, una sorta di rincorsa nei confronti degli stessi, evidente nel grande interesse accordato, ad esempio, ai corsi di marketing. Da un lato ci si dichiara discriminati nei confronti dei dottori in Economia, dall’altro ci si indirizza su aree disciplinari in cui è più probabile trovarsi coinvolti in quello che si ritiene uno scontro impari...attraverso un percorso formativo più specializzato, e con un link più diretto con il mondo delle imprese, si deve passare da un percorso di rincorsa ad un percorso di distinzione