Your SlideShare is downloading. ×
Abstract rapporto scienze.com_2010-11
Abstract rapporto scienze.com_2010-11
Abstract rapporto scienze.com_2010-11
Abstract rapporto scienze.com_2010-11
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Abstract rapporto scienze.com_2010-11

410

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
410
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Il consolidamento del 270 tra specialismo e trasparenza Rapporto di ricerca Scienze.com (a.a. 2010-2011) Abstract1. Obiettivi e metodiA distanza di un triennio dall’attivazione dei primi corsi di laurea in regime 270, la transizione dalprecedente ordinamento (509/1999) è definitivamente conclusa e, nel corso dell’a.a 2010/2011, risultanoattivi 56 cdl di primo livello e 65 di secondo livello. Questi ultimi sono ripartiti in misura più consistentenelle tre classi tradizionalmente più rappresentative dei saperi della comunicazione (28 nella LM-59Comunicazione pubblica, d’impresa e della pubblicità, 17 nella LM-92 Teorie della comunicazio ne e 16 nellaLM-19 Informazione e sistemi editoriali) e, in misura residuale, nella LM-91 Tecniche e metodi per la societàdell’informazione e nella LM-93 Teorie e metodologie dell’e-learning e della media education (ciascunavede attivi solo due corsi).Rispetto all’offerta del precedente ordinamento di studi, gli effetti della ridefinizione progettuale hannoprodotto una contrazione del numero complessivo di corsi che si attesta al -14% per il primo livello e al -20% per il secondo livello. Se da un lato, i dati segnalano la propensione a rimodulare la proliferazione cheaveva caratterizzato quella stagione accademica, dall’altro , si nota come nel caso comunicazione la“contrazione” appaia piuttosto contenuta, a riprova della validità del progetto culturale confezionato dallaconferenza e dalle varie sedi.Tab. 1 – Il processo di attivazione de corsi in regime 270 Corsi di laurea a.a. 2008-2009 a.a. 2009-2010 a.a. 2010-2011 Cdl 270 31 47 56 CdlM 270 36 61 65Fonte: Miur 2010La composizione dell’offerta riflette abbastanza la domanda studentesca, orientata soprattutto verso lacomunicazione pubblica e d’impresa e l’informazione e i sistemi editoriali. Nonostante la flessione intermini di iscritti al primo anno in tutte le classi di secondo livello, le scelte degli studenti sono guidate daun profondo interesse verso l’acquisizione di competenze specialistiche e incardinate a pieno nelle Scienzedella Comunicazione.
  • 2. Tab. 2 – I nuovi ingressi al 270 Classi Matricole e iscritti al Matricole e iscritti al Var. % di laurea primo anno primo anno a.a. 2009-2010 a.a. 2010-2011 L 20 5.793 8.224 + 42% LM 19 1.517 1.218 -20% LM 59 3.431 2.032 -41% LM 91 43 22 -49% LM 92 1.237 667 -46% LM 93 377 134 -64% LM Tot. 6.605 4.073 -38%Fonte: Miur 2011È oramai possibile delineare un quadro puntuale dello stato dell’arte del progetto comunicazione, a partiredalle politiche culturali e formative che ne hanno caratterizzato la “revisione” in questi anni. L’analisiintende fornire indicazioni utili per individuare potenzialità e criticità emerse nel lavoro svolto sino ad oggidalle sedi, ma ancor più per comprendere e definire le prossime azioni da compiere al fine di mantenereelevati standard di qualità e di efficienza. Ciò anche alla luce del clima d’opinione anti-comunicazionealimentato dal battage mediatico, nonché della preoccupante flessione registrata nelle iscrizioni al primoanno delle lauree magistrali. Per di più, si consideri che l’accademia è già sottoposta ad un nuovo “giro diboa” nella ridefinizione degli ordinamenti didattici, come previsto dalle ultime disposizioni normative (leggen. 240/10 del 30 dicembre 2010).Il monitoraggio condotto dall’Osservatorio Scienze.com 1 ha raccolto una mole ingente di informazionirelative ad ogni singolo corso a partire dall’analisi delle informazioni prodotte dal sito del Ministerodell’Università, dai piani di studi e dai portali dei singoli corsi che hanno consentito di scattare unafotografia dell’offerta formativa incentrata sullo studio dell’organizzazione dei corsi di laurea, sia in terminidi appeal nei riguardi della popolazione studentesca in ingresso, sia rispetto alla coerenza della propostaformativa nei confronti della classe in cui si inscrivono e, ancor di più, del progetto presentato all’utenza.Pertanto, le indagini si sono concentrate su tre dimensioni principali relative alla strutturazione dei percorsiformativi: a) modalità e tipologie di accesso al fine di verificare la capacità di attrazione dei singoli corsi a partire dalla trasparenza delle informazioni erogate, dalla valutazione della numerosità minima degli immatricolati, nonché dei posti riservati dalla sede, ma anche in relazione al tasso di mobilità determinato dalla quota di studenti residenti fuori provincia, stranieri/Erasmus e provenienti da altre sedi universitarie; b) impianto della proposta formativa a partire da quanto dichiarato dai singoli corsi di laurea in merito a obiettivi, risultati di apprendimento, sbocchi e profili professionali;1 Quest’anno hanno partecipato al gruppo di ricerca i dottorandi afferenti i Dottorati di Scienze della Comunicazione edi Linguaggi Politici e Comunicazione della Sapienza, XXVI ciclo, con il coordinamento di Rosanna Consolo e ladirezione scientifica di Mario Morcellini e Barbara Mazza. Componenti gruppo di ricerca: Nagat Aghela, FrancescaBelotti, Isabella Bruni, Claudio Foliti, Anna Angela Franchitto, Lamine Ghettas, Valentina Leotta, Raffaele Lombardi,Donatella Poliandri. 2
  • 3. c) articolazione delle attività didattiche del corso di laurea per analizzare il peso delle aree disciplinari e del relativo scostamento della composizione dell’offerta rispetto agli standard medi della classe, della quota di docenti afferenti a un settore disciplinare che insegnano materie incardinate in quel settore scientifico disciplinare (sdd), della quota di copertura dei docenti di ruolo, a partire dalle soglie minime indicate dalla normativa (DM 31/10/2007 n.544, DDL 25/11/2009 n. 1905, D.M. 22/10/2010, n. 17).2. I principali risultatiPerché studiare comunicazione e in quali sedi? Quali sono i maggiori i punti di forza e i fattori di appeal?Come raccogliere le costanti sfide di autorevolezza formativa e qualità professionalizzante anche in rispostaagli attacchi alla comunicazione che in questi ultimi anni sono giunti da media e istituzioni? E il sistemadelle “pagelle” degli Atenei è la vera misura della qualità? Su cosa può basarsi la graduatoria di “buoni &cattivi”?Questi sono alcuni tra gli interrogativi principali che hanno mosso il lavoro dell’Osservatorio. A talproposito, vale la pena sottolineare che il monitoraggio di Scienze.com non punta a dare voti ai corsi,quanto piuttosto a fornire strumenti per conoscere in modo approfondito e dettagliato la mappa formativadella comunicazione in Italia, e a rintracciare così elementi atti a delineare strategie e linee dimiglioramento didattico e organizzativo.Nel complesso, lo stato di salute dell’offerta formativa in comunicazione appare abbastanza buono, seppurcon alcuni fattori di difficoltà gestionale: i corsi hanno dimostrato di adeguarsi prontamente alledisposizioni della riforma e di saper “aggiustare il tiro” in corso d’opera sugli aspetti per i quali hannomostrato negli anni scorsi qualche criticità. Ad esempio, rispetto all’anno precedente è migliorata lacapacità di erogare informazioni in maniera trasparente (il tasso di trasparenza ha oramai raggiunto il 90%mentre lo scorso anno si attestava al 67%). Si tratta di una dimensione strategica che restituisce la cura delpatto formativo con gli studenti e la loro accoglienza nella fase di orientamento all’accesso e all’iscrizione.Tale aspetto, anche se è lontano dal costituire una vertenza alla luce del netto miglioramento dei dati –resta comunque inadeguato per alcuni casi resistenti: in 5 corsi di laurea triennale e in 10 magistrali noncompaiono informazioni specifiche relative all’accesso fra le pagine dei propri siti web. Per quanto riguardale strutture di orientamento, vale la pena notare l’assenza di iniziative specifiche di segreteria e tutoraggioa distanza: nelle informazioni, reperite sia sui corsi sia sui curricula, non si fa cenno a sportelli telematici, infavore invece di numerose iniziative in presenza destinate a strutture fisiche per l’orientamento eall’organizzazione di incontri pubblici, scelte in 65 curricula per le triennali e in 68 per le magistrali.Risulta in lieve crescita il numero di laboratori attivati (241 in 87 curricula triennali e 95 in 62 curriculamagistrali) soprattutto nelle lauree magistrali di quasi un punto percentuale. Un segnale c onfortanteall’interno di un percorso che tende a fornire competenze mirate e altamente qualificate.Se si osserva la geografia della comunicazione in Italia, si conferma il primato della Lombardia (8 cdltriennali e 27 magistrali) e del Lazio (6 cdl tiennali e 26 magistrali) che sono le regioni in cui si concentral’offerta di comunicazione. A differenza degli anni precedenti, si evidenzia inoltre un aumento consistentedi formazione al meridione, in cui primeggiano, in particolare le isole in cui sono attivi 9 cdl triennali e 5magistrali. Un incremento che, del resto, si rileva anche rispetto alla capacità attrattiva dei corsi di laurea.Accanto ai grandi Atenei, alle sedi che ospitano Facoltà in comunicazione e ad alcune sedi minori delcentro-nord – poli tradizionali di attrazione - aumenta l’appeal di alcuni centri del sud, specie nellaformazione di primo livello. Di contro, non stupisce come i tassi di mobilità studentesca continuino aconcentrarsi al secondo livello (risulta alta nel 24% dei cdl e nel 42% dei cdlm), quando la specificità dellaproposta diviene una condizione imprescindibile per le scelte compiute dagli studenti. 3
  • 4. In sostanza, dunque, l’offerta formativa appare piuttosto convincente e delineata in maniera pertinente allaclasse di appartenenza: i corsi triennali continuano a caratterizzarsi per un impianto formativo piùpoliedrico e multidisciplinare, in grado di aprire a percorsi già professionali per chi lo voglia, ma allo stessotempo di fornire diversificate chiavi di accesso ad ambiti di approfondimento della comunicazione piùspecifici e propri dei percorsi magistrali. L’articolazione dei corsi di secondo livello si presenta declinata inmaniera corrispondente agli obiettivi formativi di ciascuna classe e, in modo trasversale alle classi, lo“zoccolo” del sapere si incentra – in media per un terzo dell’intera proposta formativa – intorno ai settoridisciplinari inscritti nell’area politico-sociale. Il primato in termini di coerenza garantita tra obiettiviformativi e progetto didattico rimane alla comunicazione pubblica e d’impresa (LM-59, 78%).Tra gli aspetti che evidenziano ancora qualche criticità da risolvere si continua a segnalare una significativaperdita di appeal, registrata specie per un terzo delle lauree magistrali e per il 28% delle lauree triennali. Undato che, tra l’altro, fa riflettere ancor di più se si tiene in considerazione la flessione registrata nelleiscrizioni al primo anno delle lauree magistrali. Ciò è, almeno in parte, dovuto al fatto che alcune sedimostrano elementi di incoerenza e inadeguatezza nella proposta formativa, specie se confrontata con lepromesse fatte agli studenti in sede di articolazione del progetto formativo, a partire dalla denominazionedel corso di laurea, sino ad arrivare alla valutazione di obiettivi, sbocchi e profili attesi. In tal senso, sisegnala che in alcune sedi – ma si tratta di casi abbastanza circoscritti, in particolare nel primo livello –manca l’attivazione di insegnamenti specifici nella comunicazione e nei processi culturali o il loro pesorisulta del tutto marginale: si tratta del 13% di cdl di primo livello e di oltre un terzo dei corsi di secondolivello. Nello specifico, le maggiori discrasie si riscontrano nelle classi LM-91, LM-93, LM-92 nelle qualirisulta una maggiore predilezione rispettivamente per l’area informatica, psico-pedagogica e storicofilosofica, a scapito però di un supporto specifico nel settore disciplinare tipico. Un maggiore equilibrio trale aree consentirebbe, al contrario, di garantire una preparazione più completa. Del resto, lo esprimono glistessi utenti con una mancata premialità di alcuni corsi.A tal proposito, si auspica che la Comferenza continui a incentivare le azioni di autovalutazione e diautoriflessione a partire dalla congruenza tra l’offerta formativa proposta ed espressa nelle declaratorierispetto a quella effettivamente erogata, al fine di stimarne l’impatto sull’utenza studentesca. Parimenti, siritiene necessario continuare a implementare le sinergie con il territorio, così da rafforzare l’appealdell’offerta in comunicazione a livello locale, individuando in maniera puntuale i fabbisogni, soprattuttoquelli relativi alla formazione di secondo livello. 4

×