Smau milano-2011

2,146 views
2,075 views

Published on

2 Comments
4 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
2,146
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
593
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
2
Likes
4
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Smau milano-2011

  1. 1. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocity Dall’eGovernment all’Open Government Il modello Open Data: Costi e benefici per le Pubbliche Amministrazioni 1Ugo Bonelli
  2. 2. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityAgenda• Dall’eGovernment all’Open Government• Cos’è l’Open Government• Open Government e Open data – Di cosa parliamo? – Tecnologie 2 – Impatto organizzativo – Aspetti giuridici• Costi/Benefici del modello Open Data• Open Government Data: a che punto siamo?
  3. 3. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityDall’eGovernment all’Open Government “Le-government o amministrazione digitale è il sistema di gestione digitalizzata della pubblica amministrazione, il quale - unitamente ad azioni di cambiamento organizzativo - consente di trattare la documentazione e di gestire i procedimenti con sistemi informatici, grazie all’uso delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione (ICT), allo scopo di ottimizzare il lavoro degli 3 enti e di offrire agli utenti (cittadini ed imprese) sia servizi più rapidi, che nuovi servizi, attraverso - ad esempio - i siti web delle amministrazioni interessate” Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/E-government
  4. 4. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocity Dall’eGovernment all’Open GovernmentProgetti spontanei “dal basso”• Comunità online (freenet,reti civiche) – condivisione di informazioni, comunicazione orizzontale 4 Amministrazione digitale (eGovernment) • Integrazione dei servizi disponibili attraverso il web • Strumento utile per la riduzione dei costi Open Government • Accesso aperto all’informazione • Interazione cittadini/amministrazioni (Web 2.0, Wiki, Crowdsourcing, ecc.)
  5. 5. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityeGovernment: una promessa mancata? (1/3) 5
  6. 6. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityeGovernment: una promessa mancata? (2/3) 6
  7. 7. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityeGovernment: una promessa mancata? 7
  8. 8. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityeGovernment: una promessa mancata? 8 Fonte: World Economic Forum, Executive Opinion Survey 2009, 2010
  9. 9. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityFallimento strategico delle policy dieGovernment Dove sta il problema domanda/offerta? 9• La “digitalizzazione” delle attività amministrative• Replica in rete di modelli tradizionali• I servizi online offerti non rispondono ai bisogni e interessi reali degli utenti/cittadini• Barriere tecniche sull’usabilità dei siti (competenze)
  10. 10. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityVerso l’Open Government – Web 2.0Caratteristiche del web 2.0 (in sintesi):1. Una nuova visione di internet2. Una nuova modalità di utilizzare i dati pubblici in rete diventando indipendenti dagli autori che li redigono 103. Un nuovo modo di condividere le informazioni4. Un nuovo modo di mettere a disposizione database tramite l’utilizzo di linguaggi strutturati (XML o API pubbliche)5. Grande piattaforma di sviluppo e di aggregazione di servizi forniti da terzi per crearne di nuovi
  11. 11. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityVerso l’Open Government – web 2.0 11http://oreilly.com/web2/archive/what-is-web-20.html
  12. 12. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityIl Gov 2.0 - “Government as a platform” – Tim O’Reilly 2009 I Governi pubblicano i flussi di dati I cittadini I problemi monitorano i dati sono risolti 12 (collaborazione) Apps I cittadini forniscono i Vengono rilevati i feedback problemi
  13. 13. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityI pilastri del Gov 2.0• Leadership, politiche e governance per realizzare cambiamenti necessari nella cultura e nella pratica del settore pubblico. Il cambiamento culturale è al centro del gov 2.0 ed è più importante lo sviluppo della politica dell’adozione di nuove tecnologie.• Applicazione di strumenti e pratiche Web 13 2.0 collaborativi per lattività di governo. Aumentano la produttività e lefficienza. Possibilità di democrazia rappresentativa più reattiva, partecipativa e consapevole• Libero accesso alle informazioni del settore pubblico (PSI)
  14. 14. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityQuando nasce il concetto di Open Government ediritto all’informazione?Thomas Jefferson in una lettera aIsaac MacPherson del 1813, scrive:“Chi riceve un’idea da me, ricava 14conoscenza senza diminuire la mia;come chi accende la sua candela conla mia, ha luce senza lasciarmi al buio” Durante l’Illuminismo
  15. 15. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityL’illuminismo e l’Open GovernmentDurante l’Illuminismo nasce il dibattito pubblico, dipensiero e politico per il diritto all’informazione 15 Diritto ad informare Diritto ad essere informati Diritto ad informarsi
  16. 16. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityIlluminismo e Open GovernmentIl pensiero di Kant rappresenta un’anticipazione di ciò cheaccadrà secoli dopo:“Levoluzione del diritto allinformazione,nelle tre accezioni del diritto di informare, 16di informarsi e di essere informati,è pre-condizione dellemergere di nuovidiritti di cittadinanza, intesi qualepartecipazione consapevole e informata alprocesso decisionale pubblico”
  17. 17. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityL’Open Government“La mia amministrazione si impegna a darevita a un grado di apertura (openness) nelgoverno senza precedenti. Lavoreremoassieme per assicurare la fiducia pubblica e per stabilireun sistema basato sulla trasparenza, sulla partecipazione 17pubblica e sulla collaborazione. Lapertura rafforzerà lanostrademocrazia e promuoverà lefficienza elefficacia dellamministrazione”B. Obama, Memorandum for the Heads of Executive Departments and Agencies on Transparencyand Open Government, 2009.http://www.whitehouse.gov/sites/default/files/omb/assets/memoranda_2010/m10-06.pdf
  18. 18. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityL’Open Government – I principi• Trasparenza – Promuovere la responsabilità degli amministratori – Rapida apertura dell’informazione – Invito alle Amministrazioni a sollecitare feedback dei cittadini 18• Partecipazione – Cittadini coinvolti nei processi decisionali – Informazioni e competenze collettive dei cittadini• Collaborazione – Utilizzo di metodi e strumenti (2.0) per la collaborazione – Co-progettazione dei servizi (User Generated Content)
  19. 19. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocity L’Open Government è un’etichetta? 19
  20. 20. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityL’Open Government degli USA • Memorandum sulla trasparenza e l’Open Government (11/2009) 1 • Direttiva per l’Open Government (12/2009) 20 2 • Open Government Initiative (in corso) • data.gov • apps.gov • challenge.gov 3 • usaspending.gov • Challenge.gov
  21. 21. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityL’Open Government è…cambiamentoNuovo modello organizzativo e tecnologico per lagestione della cosa pubblica• Strumenti web 2.0• Processi amministrativi 21 riorganizzati• Approccio collaborativo e partecipativo• Bisogni del cittadino/utente
  22. 22. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocity…quindi l’ Open GovernmentSecondo l’OCSE (Towards smarter and more transparentgovernment. E-Government status spring, 2010) ènecessario il passaggio da: ICT (Information and Communication 22 Technology) ICTC (Information and Communication Technology Culture)
  23. 23. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityL’Open Government in Europa• Dichiarazione aperta sui servizi pubblici Europei promossa da cittadini e ONG http://eups20.wordpress.com/the-open-declaration/• La Dichiarazione di Malmoe del 2009 accoglie i principi 23 guida e fissa gli obiettivi per il 2015: – Sviluppo di servizi “user-centric” – Coinvolgimento della società civile – Aumento della disponibilità di PSI (Public Sector Information) per il riuso; – Trasparenza dei processi amministrativi e promozione della partecipazione attiva
  24. 24. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityOpen GovernmentFramework 24
  25. 25. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityL’Open Gov e gli Open Data (definizione)“Con Dati aperti, comunemente chiamati con iltermine inglese Open Data anche nel contesto italiano, sifa riferimento ad una filosofia, che è al tempo stesso unapratica. Essa implica che alcune tipologie di dati sianoliberamente accessibili a tutti, senza restrizionidi copyright, brevetti o altre forme di controllo che ne 25limitino la riproduzione. Lopen data si richiama alla piùampia disciplina dell’Open Government, cioè unadottrina che prevede l’apertura della Pubblicaamministrazione,…”Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Open_data
  26. 26. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocity Open Data – I principi 1/2 • deve essere possibile esportarli, utilizzarli online e 1.Completi offline, integrarli e aggregarli con altre risorse e diffonderli in Rete. • deve essere possibile esportarli, utilizzarli online e offline, 2. Primari integrarli e aggregarli con altre risorse e diffonderli in Rete • I dati dati sono resi disponibili tempestivamente così che ne 26 3. Tempestivi sia preservato il valore • Fruibili e utilizzabili attraverso i protocolli internet, senza 4. Accessibili alcuna sottoscrizione di contratto, pagamento, registrazione o richiesta ufficiale • leggibili da computer per garantire agli utenti la piena libertà di accesso e soprattutto di utilizzo e integrazione dei contenuti 5. Leggibili digitali, è quindi necessario che i dati siano machine-readable , ovvero processabili in automatico dal personal computerFonte: Open Government Data Principles, http://resource.org/8_principles.html
  27. 27. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocity Open Data – I principi 2/2 • utilizzabili attraverso programmi, applicazioni e interfacce non proprietarie. I dati devono essere6. Non proprietari pubblicati e riusabili in formati semplici e generalmente supportati dai programmi più utilizzati • Ai dati pubblicati in Rete in versione “open” non possono sottendere copyright o diritti7. Liberi da licenze intellettuali, né tantomeno brevetti che possano limitarne l’accesso e soprattutto l’utilizzo e il riuso degli utenti. • gli utenti devono essere messi in condizione di 27 riutilizzare e integrare i dati, fino a creare nuove8. Riutilizzabili risorse, applicazioni,programmi e servizi di pubblica utilità • Deve essere possibile ricercare con facilità e immediatezza dati e informazioni di proprio9. Ricercabili interesse, mediante strumenti di ricerca ad hoc , come database, cataloghi e searchengine • le peculiarità fino ad ora descritte devono10. Permanenti caratterizzare i dati nel corso del loro intero ciclo di vita sul Web
  28. 28. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocity Open Government Data – Cosa sono? 28Fonte: Open Data Manual, http://opendatamanual.org/In Europa gli Open Gov Data vengono chiamati anchePSI (Public Sector Information)
  29. 29. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocity Open Data come Ecosistema della trasparenza 29La PA da sempre raccoglie e archivia informazioni sulle tematiche più disparate:dati demografici, cartografici, economici, ambientali, catastali, sanitari,metereologici, ecc. Oggi la PA ha la possibilità di ridefinire il concetto ditrasparenza dei dati governativi restituendo il patrimonioinformativo accumulato e aggiornato alla comunità e agli operatorieconomici di settore Accountability
  30. 30. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityOpen Data: la storia di un movimento 30
  31. 31. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityLe norme sugli Open Data• Legge 241/1990 – Obbligo di motivazione e diritto di accesso agli atti• D. Lgs. 82/2005 - Cod. Amministrazione Digitale art. 2 comma1 e art. 50 sulla Disponibilità dei dati• Direttiva Europea sul riutilizzo dell’Informazione 31 Pubblica (Dir. 2003/98/CE) recepita con D. Lgs. 36/2006 (in corso il processo di revisione per il 2012)• Nuovo CAD (D. Lgs. 235/2010), agli art. 52 (accesso telematico ai dati e documenti delle pubbliche amministrazioni), art. 58 (Modalità della fruibilità del dato) e 68 (formati aperti)………segue..
  32. 32. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityLe norme sugli Open Data 2/2• D. Lgs 150/2009, art. 11 Trasparenza (accessibilità totale ai dati e informazioni delle Amministrazioni)• Delibera n.105/2010 della Civit (Comm. Indipe. per la Valutazione e Trasparenza della PA)• D.Lgs. 32/2010 (recepisce la Direttiva UE INSPIRE) sulle informazioni territoriali 32 ….e ultima arrivata…• Linee guida sui siti web delle PA anno 2011 Si descrive in modo dettagliato (specie al cap.5) le caratteristiche che devono avere i dati aperti
  33. 33. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocity Open Data e le norme MA!!! Allora qual è il problema? 33Le norme (anche la direttiva Europea) nonobbligano, ma invitano le PA alla pubblicazioneaperta dei dati e non vi sono sanzioni in caso diinadempienza
  34. 34. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityI formati 34 (semantic web)
  35. 35. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityIl modello linked DataWeb dei documenti Web dei dati Web semantico 35ovvero la possibilità di individuare in modo omogeneo gliattributi che caratterizzano una risorsa (metadati) e ivalori che gli attributi possono assumere (vocabolari)quando si descrivono i contenuti. Interoperabilità dei dati
  36. 36. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityLinked Data cloud 36
  37. 37. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocitySviluppo di Apps 37 Dati aperti Strumenti di sviluppo Idee Apps Tools
  38. 38. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocity 38
  39. 39. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocity 39
  40. 40. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocity…ma quali tipologie di dati?• Bilanci delle Amministrazioni pubbliche• Dati ambientali• Dati sanitari• Dati sui trasporti pubblici• Dati catastali e mercato immobiliare 40• Dati territoriali sulle attività economiche e sulle imprese• Dati su criminalità• Dati di spesa delle Amministrazioni (www.openspending.org)• Dichiarazione dei redditi• …..
  41. 41. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityPerché Open Data? (1/2)Un dato aperto può essere valorizzato creandoapplicazioni e mashup che ne consentano la suavisualizzazione, rielaborazione e “fusione” con altri dati• Trasparenza, partecipazione e controllo democratico 41• creazione o miglioramento di nuovi servizi privati (Apps)• Migliore efficienza ed efficacia dei servizi pubblici• Misurazione impatto delle politiche pubbliche• Nuova conoscenza derivante dalla combinazione di diverse fonti di dati
  42. 42. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityPerché Open Data (2/2) ….ma al centro abbiamo il concetto di…. Dato come “materia vantaggio competitivo prima” per nuove attività per i territori perché e migliorare la mette in evidenza i loro governance pubblica asset Informazione 42 pubblica come valore “economico” incrementare la contributo attivo della trasparenza, l’efficienza, P.A. al sistema, un e la collaborazione tra supporto alla pubblico e privato competitività
  43. 43. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityBenefici economici open Data – alcuneevidenzeStudi internazinali sul valore potenziale PSI (diretto)• Pira: $750 bln US vs. €68 bln EU• MEPSIR: € 27 bln EU• UK OFT: £ 600 mln UK 43valori (forse più realistici) rivisti da Dialogic• ~ €5 bln EU• ma con effetti indiretti, si ripropongono € 30 bln✔ Risulta, comunque, difficile effettuare una stima complessiva del valore
  44. 44. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityBenefici economici• Art. 5 - Liberare i dati pubblici per lo sviluppo economico del terzo millennio“Le Pubbliche Amministrazioni devono concentrarsi sulla produzione,classificazione e pubblicazione di dati e informazioni grezzi edisaggregati, lasciando, salvo eccezioni espressamente previste 44dalla legge, all’iniziativa privata lo sviluppo di applicazioni edinterfacce per la loro rielaborazione, consultazione e fruizione.Un orientamento della Pubblica Amministrazione verso l’OpenData offre nuove opportunità a chi investe nella Rete, incentivando lacrescita di nuovi distretti dell’economia immateriale….”Fonte: Manifesto per l’Open Government, www.datagov.it
  45. 45. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityImpatto economico di una strategia OpenData per le PANuovi servizi e applicazioni di PA e privati si basano suampia disponibilità di dati digitali che:1. Sono “privi di rivalità” - il dato è un “bene pubblico”, il 45 suo uso non pregiudica il suo riutilizzo da parte di altro soggetto2. Presentano bassi “costi di distribuzione”3. Presentano importanti “esternalità di rete”
  46. 46. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocity….quindi si genera “Il circolo virtuoso” Le PA generano dati e basi informative Domanda Investimenti 46 Cittadini, imprese e PA Imprese - utilizzano acquisiscono i servizi a valore dati per riusarli aggiunto (es. Apps) prodotti
  47. 47. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityE il ROI di un progetto Open Data?Non esistono metodologie, validate dalle community (OKF,OKFN Italia, ecc.), di valutazione del ROI di un progettoOpen Data 47 Analisi Costi/Benefici
  48. 48. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityCosti di un progetto Open DataI costi di un progetto Open Data sono difficilmente individuabilicon precisione a causa del modello “β permanente” Ma…. 481. Costi di individuazione e raccolta dei datasets2. Costi di estrazione e “sgrezzamento” dataset (Datawarehouse)3. Costi di conversione formati e distribuzione datasets  Pubblicazione su piattaforma (dominio, ecc.)  Realizzazione di eventuali API per l’interscambio e aggiornamento di DB  Realizzazione del catalogo dei dati4. Costi di governance di progetto (problemi organizzativi e gestionali)
  49. 49. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityBenefici per le Pubbliche Amministrazioni 49
  50. 50. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityBenefici “esterni”• Personalizzazione e diversificazione dei servizi (mashup)• Riduzione delle “asimmetrie informative” tra i fornitori della PA• Mercati più concorrenziali (riduzione rendite di 50 posizione nei mercati oligopolistici)• Riduzione barriere all’ingresso nei mercati• Indirettamente, gettito fiscale attraverso nuove imprese• Maggiori IDE (Investimenti Diretti Esteri)• Benchmark sulla trasparenza dei bilanci e dell’attività amministrativa (accountability)
  51. 51. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityBenefici “interni” (risparmi di spesa)• Produttività ed efficienza dei processi amministrativi• Riduzione costi di interoperabilità• Monitoraggio e controllo della spesa pubblica centrale 51 e locale• Risparmi di spesa sui servizi online (erogati da terzi)• Risparmi dalla riduzione dei “costi di transazione” per il reperimento dei dati da altri Enti
  52. 52. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityImpatto esterno alla PA Impatto esterno alla PA Benefici Monetari (quantificabili) Non monetari1. Risparmi da acquisto di datasets di 1. Maggiore trasparenza altri dati pubblici amministrativa2. Vendita di apps e/o di servizi 2. Migliore allocazionedi risorse informativi realizzati con dati liberati pubbliche 52 3. > informazione incide sui comportamenti dei cittadini (< uso auto privata, < coinsumo acqua pubblica, ecc.) 4. + nuovi servizi informativi Costi Tempo impiegato per sviluppareapps web (API, Widget, ecc.)
  53. 53. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityImpatto interno alla PA Impatto Interno alla PA Benefici Monetari (quantificabili) Non monetari1. Risparmi dal mancato sviluppo doi 1. Maggiore trasparenza applicazioni e servizi amministrativa2. Risparmi nella gestione dei DB 2. Maggiore partecipazione dei cittadini 533. Minori costi di analisi e report ai processi decisionali4. Entrate derivanti da “vendita” parziale/totale dei dati5. Efficacia ed efficienza dei processi interni delle PA Costi costi censimento Datasets Superamento delle resistenze interne costi estrazione e liberazione dati(Datawarehouse)
  54. 54. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocity ? 54
  55. 55. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityQuestioni aperte• Recuperare i costi o vederne i vantaggi sull’economia?• Tariffe? – costo marginale di produzione e distribuzione 0 (data as a service) Gratuiti – “valore economico atteso” sul mercato a valle 55 (disponibilità a pagare per i dati)• Equilibrio tra settore pubblico e privato nel riutilizzo dei dati per creare servizi a valore aggiunto Tariffazione uguale per tutti
  56. 56. Milano, 19-21 ottobre 2011 - FieramilanocityDove troviamo datasets italiani 56 Dati detenuti Catalogo aperto Dati generati dagli utenti dalle PA di dati (riusabili) (crowdsourcing) …fino ad ora e da domani?
  57. 57. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocity…la novità www.dati.gov.it 57
  58. 58. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocity…e…. http://www.appsforitaly.org/ 58
  59. 59. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocityhttp://www.opengovpartnership.org/ ONU 59
  60. 60. Milano, 19-21 ottobre 2011 - Fieramilanocity 60 Ugo Bonelli u.bonelli@fastwebnet.it

×