Open archipelago

345 views
281 views

Published on

First proposal of Open Archipelago Project. Italian version

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
345
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Open archipelago

  1. 2. <ul><li>Isole di conoscenza open access per il potenziamento del patrimonio informativo </li></ul>M. Ciastellardi, U. Eccli Università degli Studi di Milano | Politecnico di Milano | McLuhan Program in Culture and Technology | Universal Margin Company
  2. 3. <ul><li>Open archipelago: </li></ul><ul><li>Introduzione: proposta e obiettivi </li></ul><ul><li>Perché Open Access </li></ul><ul><li>Presentazione sintetica del progetto </li></ul><ul><li>Localizzazioni e sviluppo </li></ul>
  3. 4. Introduzioni: proposta e obiettivi <ul><li>Rendere operative una o più piattaforme informatizzate per l'erogazione di contenuti open access su tre livelli: </li></ul><ul><ul><li>on-site (in biblioteca, in piazza, nei musei…), mediante ebook reader e mobile device </li></ul></ul><ul><ul><li>on-demand (in remoto), mediante interrogazione di un catalogo/database </li></ul></ul><ul><ul><li>on-feed (in sottoscrizione), mediante erogazione di aggiornamenti automatici in RSS/RDF </li></ul></ul><ul><li>Costruire un framework operativo come progetto pilota per dipartimenti universitari, centri di ricerca, comuni, enti di promozione turistica, musei… </li></ul><ul><li>Offrire un sistema di collegamento tra dimensione quotidiana (analogica) dell'informazione e dimensione virtuale (margine elettronico) per l' approfondimento e l'arricchimento connettivo della conoscenza </li></ul>Proposta
  4. 5. Introduzioni: proposta e obiettivi <ul><li>Agevolare le modalità di fruizione e di aggiornamento del patrimonio librario mediante una politica open access </li></ul><ul><li>Avvicinare studenti, ricercatori all' utilizzo di strumenti informatizzati per la gestione delle loro ricerche </li></ul><ul><li>Permettere un accesso all'informazione economico, diretto e scalabile a tutti i cittadini, portandoli alla riscoperta del loro patrimonio culturale e avvicinandoli ai sistemi hi-tech </li></ul><ul><li>Sviluppare un sistema fondato sulla sostenbilità ambientale e sull' abbattimento dei costi di distribuzione dell'informazione </li></ul><ul><li>Offrire una politica di innovazione e accessibilità secondo le linee guida per l'inclusione sociale e lo sviluppo tecnologico ecosostenibile della commissione europea </li></ul>Obiettivi
  5. 6. Perché Open Access <ul><li>Open Access: insieme di iniziative internazionali nate in primis per arginare l'esponenziale aumento dei costi di abbonamento ai periodici scientifici che toglie fondi alla ricerca </li></ul><ul><li>OA: nuovi modelli di comunicazione con l'obiettivo di rendere l' informazione scientifica accessibile gratuitamente a tutti </li></ul><ul><li>Due strategie complementari: </li></ul><ul><ul><li>Pubblicazioni Open Access da parte di editori aderenti al movimento che non fanno pagare il servizio di accesso online, ma prevedono forme alternative di finanziamento; </li></ul></ul><ul><ul><li>Auto-archiviazione da parte di chi produce ricerca in archivi aperti liberamente accessibili online </li></ul></ul>Che cos’è Open Access
  6. 7. Perché Open Access <ul><li>Pubblicazioni per il contesto universitario e di ricerca potenzialmente già tutte disponibili in versione elettronica . </li></ul><ul><li>Ingresso nel mercato del 1992 degli editori commerciali, con forte incremento dal 1995 (presenza di aggregatori). </li></ul><ul><li>Crescita esponenziale delle versioni elettroniche . </li></ul><ul><li>Crescita esponenziale di network sociali che condividono risorse </li></ul>Mercato, utenti, conoscenza aperta
  7. 8. Perché Open Access <ul><li>Disponibilità diretta e maggiore di materiali scientifici </li></ul><ul><li>Possibilità di consultazione e stampa solo delle parti necessarie </li></ul><ul><li>Cambiamento del processo di pubblicazione : </li></ul><ul><ul><li>Maggiore semplicità nel peer review </li></ul></ul><ul><ul><li>Archiviazione digitale </li></ul></ul><ul><ul><li>Disseminazione molto potenziata </li></ul></ul><ul><ul><li>Collezione semplificata e diretta </li></ul></ul><ul><ul><li>Canali scientifici internazionali orientati al nuovo modello </li></ul></ul>Un contributo alla ricerca e ai ricercatori
  8. 9. Perché Open Access <ul><li>Politica open access anche per materiali di interesse divulgativo, culturale, informativo </li></ul><ul><li>Possibilità di consultazione, memorizzazione e accesso ai contenuti anche senza materiale cartaceo, o stampa solo delle parti necessarie </li></ul><ul><li>Cambiamento delle modalità di accesso ai contenuti : </li></ul><ul><ul><li>Maggiore semplicità nell’acquisizione (Drag&play, Snap&play, Click&Play) </li></ul></ul><ul><ul><li>Maggiore scalabilità nell’accesso (supporto multi-device: cellulari, computer, console…) </li></ul></ul><ul><li>Realizzazione di un sistema social-media oriented </li></ul>Non solo ricerca scientifica <ul><li>67% degli utenti internet globali usano social media </li></ul><ul><li>580 milioni di utenti, in forte crescita </li></ul>
  9. 10. Perché Open archipelago? <ul><li>Costruire un esperimento pilota con criteri di internazionalizzazione della ricerca, valorizzazione del patrimonio informativo e innovazione di processo </li></ul><ul><li>Sfruttare flessibilità e vantaggi del modello Open Access </li></ul><ul><li>Utilizzare risorse tecnologiche per aumentare il potenziale informativo (bibliotecario, turistico, accademico, scolastico…) e diminuire costi di gestione </li></ul><ul><li>Utilizzare risorse tecnologiche per aumentare il potenziale informativo (bibliotecario, turistico, accademico, scolastico…) e diminuire costi di gestione </li></ul><ul><li>Valorizzare i materiali derivanti dalle ricerche di differenti ambiti (universitari, museali…) </li></ul><ul><li>Costituire un legame tra differenti attori e luoghi (ricercatori e dipartimenti, turisti e patrimonio, abitanti e territorio…) </li></ul>Innovazione, sostenibilità e accessibilità delle risorse
  10. 11. Cos'è Open archipelago? <ul><li>Un progetto su due livelli : </li></ul><ul><ul><li>Ricerca di base per costruire un framework di valorizzazione delle risorse </li></ul></ul><ul><ul><li>Ricerca applicata per proporre piattaforme tecnologiche (“Isole”) per erogare materiali </li></ul></ul><ul><li>Un sistema per differenti ambienti : </li></ul><ul><ul><li>Localizzazione PEOPLE (Paperless Electronic Open Public Library Environment), per biblioteche, centri di ricerca, università… </li></ul></ul><ul><ul><li>Localizzazione STELE (Smart Touch Environment for Learning Elements), per piazze, musei, uffici pubblici, luoghi turistici… </li></ul></ul><ul><li>Piena compatibilità e integrazione con ogni Wired-code (QR code) per la costruzione e l’arricchimento del margine elettronico </li></ul>Isole di conoscenza Open Access
  11. 12. Localizzazione PEOPLE <ul><li>PEOPLE : Paperless Electronic Open Public Library Environment </li></ul><ul><li>Localizzazione del sistema Open Archipelago specifica per biblioteche, centri di ricerca, università… </li></ul><ul><li>Un sistema per erogare contenuti in modo flessibile mediante: </li></ul><ul><ul><li>Ebook reader (consultazione intrabibliotecaria) </li></ul></ul><ul><ul><li>Mobile device di archiviazione (plug’n’go) </li></ul></ul><ul><ul><li>Consultazione video (in presenza o a distanza) </li></ul></ul><ul><ul><li>WiFi browsing (per device wi-fi compliant) </li></ul></ul><ul><ul><li>Feed RDF/RSS/Podcast (mediante sottoscrizione) </li></ul></ul><ul><li>Utilizzo dei Wired-code come classificatori elettronici dei materiali erogati </li></ul>Ricerca di base per l’implementazione
  12. 13. La piattaforma tecnologica <ul><li>Le isole sono postazioni di lavoro costituite da: </li></ul><ul><ul><li>Schermo LCD da 19 pollici e microcomputer a bassissimo consumo per la consultazione dei materiali open access e in formato elettronico </li></ul></ul><ul><ul><li>E-book reader con tecnologia e-ink per la consultazione dei materiali elettronici in sede </li></ul></ul><ul><ul><li>Microportale per navigare tra le risorse e caricarle sull’ebook reader o su un proprio supporto </li></ul></ul><ul><ul><li>Struttura di rete connessa e postazione adibita a ospitare fino a due utenti simultaneamente </li></ul></ul><ul><li>Note sulle postazioni: </li></ul><ul><ul><li>Architettura informatica a bassissimo consumo energetico e impatto ambientale </li></ul></ul><ul><ul><li>Costo contenuto rispetto a sistemi di consultazione libraria analoghi </li></ul></ul>“ Isole” informatizzate per la consultazione bibliotecaria
  13. 14. La piattaforma tecnologica <ul><li>Ulteriori caratteristiche: </li></ul><ul><ul><li>Moduli integrati per la costruzione di ricerche bibliografiche (es. Zotero) esportabili su personal device, e-book (per ricerca di testi e periodici direttamente in biblioteca) e personal profile </li></ul></ul><ul><ul><li>Integrazione con altri Opac per la consultazione, e con sistemi di erogazione risorse (SFX) per la fruizione dei materiali </li></ul></ul><ul><ul><li>Erogazione di feed rdf/rss per poter avere in sottoscrizione novità e nuove accensioni della biblioteca </li></ul></ul><ul><ul><li>Possibilità di implementare plugin di vario genere , dall’interfaccia di navigazione relazionale (NERV) ai sistemi di tagging per la classificazione delle risorse. </li></ul></ul><ul><ul><li>Codifica mediante Wired-code dei materiali </li></ul></ul>“ Isole” informatizzate per la consultazione bibliotecaria
  14. 15. Localizzazione STELE <ul><li>STELE : Smart Touch Environment for Learning Elements </li></ul><ul><li>Un sistema per erogare informazioni in modo accessibile e interattivo </li></ul><ul><li>Partecipazione degli utenti nell’acquisizione e nell’arricchimento delle informazioni </li></ul><ul><li>Maggior valorizzazione degli ambienti in cui è utilizzato </li></ul><ul><li>Erogazione Wi-Fi dei contenuti come antenna pubblica territoriale </li></ul><ul><li>Utilizzo di tecnologie evolute e di Wired-code come sistema di classificazione e reperimento delle informazioni </li></ul>Ricerca di base per l’implementazione
  15. 16. La piattaforma tecnologica <ul><li>STELE : Smart Touch Environment for Learning Elements </li></ul><ul><li>Localizzazione del sistema Open Archipelago specifica per piazze, musei, uffici pubblici, luoghi turistici… </li></ul><ul><li>Un sistema per erogare informazioni in modo accessibile e interattivo mediante kiosk: </li></ul><ul><ul><li>Struttura fullscreen a forma di stele </li></ul></ul><ul><ul><li>Scorrimento manuale e automatico delle informazioni più consultate con interfaccia tematica di navigazione </li></ul></ul><ul><ul><li>Interfaccia ergonomica multitouch con funzioni evolute: </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Drag&play (spostamento dell’informazione sul device di download mediante trascinamento sullo schermo) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Snap&play (acquisizione diretta mediante Wired-Code) </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Supporto delle principali tecnologie (WiFi, RFID, Bluetooth, Wired-Code, USB & microcard drive…) per l’erogazione delle differenti informazioni (immagini, mappe, testi, audio...) </li></ul></ul>Stele informativa per luoghi pubblici
  16. 17. La piattaforma tecnologica <ul><li>Ulteriori caratteristiche: </li></ul><ul><ul><li>Moduli integrati per la distribuzione di informazioni in differenti formati, compatibili con diversi device di destinazione </li></ul></ul><ul><ul><li>Integrazione con altre STELE , per connettere i luoghi e offrire continuità dei percorsi di lettura del territorio e delle informazioni correlate </li></ul></ul><ul><ul><li>Sistema per la ricezione e la redistribuzione dei feedback degli utenti, con la possibilità di fornire commenti e approfondimenti bottom-up su informazioni e materiali messi a disposizione </li></ul></ul><ul><ul><li>Interfaccia di navigazione tematico-ralazionale NERV , auto-organizzante, basata sulle ricerche e sui modelli di informazione più richiesti e più aggiornati </li></ul></ul><ul><ul><li>Possibilità di implementare plugin di vario genere </li></ul></ul>“ Isole” informatizzate per l’accesso al patrimonio
  17. 18. Sviluppo del progetto <ul><li>Progetto sviluppabile in 10/12 mesi </li></ul><ul><li>Trasversalità degli attori coinvolti: </li></ul><ul><ul><li>Biblioteche, centri di ricerca, enti pubblici, musei, Università… </li></ul></ul><ul><ul><li>Ricercatori, docenti, personale tecnico-amministrativo, designer, redattori… </li></ul></ul><ul><ul><li>Partner esterni </li></ul></ul><ul><li>Internazionalizzazione dello scenario e coinvolgimento di interlocutori esterni </li></ul><ul><li>Possibile supporto di partner strategici (editori, Università, centri di ricerca) </li></ul>Open archipelago come azione sinergica d’innovazione
  18. 19. Sviluppo del progetto /. diffusione risultati /. beta test e aggiornamenti /. analisi blindspot e missteps / . sviluppo e implementazione della piattaforma /. valutazione tecnologie e metodologie /. stato dell’arte e creazione del fondo open access (contatto editori, trad. protocolli) /. coinvolgimento attori /. pianificazione fasi 1° trimestre 2° trimestre 3° trimestre Punti di sviluppo del progetto
  19. 20. Grazie

×