Sintesi non tecnica

  • 845 views
Uploaded on

documento deltapetroli per la creazione di una discarica di rifiuti non pericolosi nel territorio di minervino murge

documento deltapetroli per la creazione di una discarica di rifiuti non pericolosi nel territorio di minervino murge

More in: News & Politics
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
845
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
4
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 1Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica INDICE1  PREMESSA .................................................................................................................................. 3  1.1  ITER AUTORIZZATIVO ................................................................................................................ 5 2  LA SINTESI NON TECNICA .................................................................................................... 9 3  PRESENTAZIONE DELLA DELTA PETROLI S.P.A......................................................... 10 4  RAPPORTI TRA PROGETTO, NORMATIVA E STRUMENTI PIANIFICATORI ....... 11 5  L’AREA DI STUDIO ................................................................................................................ 15 6  INDIVIDUAZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEI RIFIUTI DA SMALTIRE16 7  IL PROGETTO.......................................................................................................................... 17  7.1  DESCRIZIONE DELLE LINEE DI TRATTAMENTO E RECUPERO ..................................................... 18  7.1.1  Linea di selezione manuale ............................................................................................ 18  7.1.2  Linea di riduzione volumetrica per pressatura .............................................................. 19  7.1.3  Linea di riduzione volumetrica per triturazione............................................................. 20  7.1.4  Linea di disidratazione fanghi pompabili....................................................................... 21  7.1.5  Linea di omogeneizzazione ed inertizzazione ................................................................. 22  7.1.6  Disassemblaggio apparecchiature ................................................................................. 23  7.1.7  Linea trattamento rifiuti liquidi, percolato e acque reflue ............................................. 24  7.2  SERVIZI GENERALI DI STABILIMENTO ...................................................................................... 25  7.2.1  Laboratorio e accettazione ............................................................................................. 25  7.2.2  Uffici, servizi igienici, spogliatoi, mensa........................................................................ 25  7.2.3  Impianto idrico ............................................................................................................... 25  7.2.4  Impianto antincendio ...................................................................................................... 26  7.2.5  Reti di raccolta acque reflue .......................................................................................... 26  7.2.6  Sistema di aspirazione e trattamento dei flussi d’aria aspirati ...................................... 29  7.3  STOCCAGGIO DEFINITIVO ............................................................................................... 32  7.4  STOCCAGGIO DEFINITIVO: SISTEMI DI PREVENZIONE DELL’INQUINAMENTO ............................ 34  7.4.1  Opere di impermeabilizzazione delle vasche.................................................................. 34  7.4.2  Sistema di captazione del percolato ............................................................................... 37  7.4.3  Sistema di captazione del biogas .................................................................................... 38  7.4.4  Opere di sistemazione finale .......................................................................................... 38  7.4.5  Sistema di regimazione delle acque meteoriche ............................................................. 41  ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 2. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 2Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica 7.4.6  Sistemi di sicurezza......................................................................................................... 42  7.4.7  Incendi ............................................................................................................................ 42  7.4.8  Esplosioni ....................................................................................................................... 43  7.4.9  Raggiungimento dei livelli di guardia di indicatori di contaminazione;........................ 43  7.4.10  Sversamento accidentale nelle aree di servizio dell’impianto........................................ 44  7.4.11  Eventuali rotture del sistema di impermeabilizzazione .................................................. 44  7.4.12  Malfunzionamento del sistema di raccolta del percolato ed eventuali fuoriuscite dello stesso ..................................................................................................................... 46  7.4.13  Cedimenti e franamenti del materiale smaltito .............................................................. 47  7.4.14  Controllo sulla qualità delle acque ................................................................................ 48  7.4.15  Controllo sulla qualità dell’aria .................................................................................... 51  7.4.16  Controllo sui cedimenti .................................................................................................. 53 8  ANALISI DEGLI IMPATTI E MISURE DI CONTENIMENTO ........................................ 55  8.1  ATMOSFERA ............................................................................................................................ 55  8.2  AMBIENTE IDRICO ............................................................................................................. 59  8.3  SUOLO E SOTTOSUOLO .................................................................................................... 61  8.4  FLORA, FAUNA ED ECOSISTEMI ..................................................................................... 63  8.5  SALUTE PUBBLICA ............................................................................................................ 64  8.6  RUMORE E VIBRAZIONI ................................................................................................... 67  8.7  RADIAZIONI IONIZZANTI E NON IONIZZANTI ............................................................ 68  8.8  PAESAGGIO ......................................................................................................................... 68  ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 3. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 3Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica1 PREMESSALa presente Sintesi non tecnica riguarda la piattaforma per il trattamento, lavalorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi che saràrealizzata e gestita dalla società DELTA PETROLI S.p.A nel comune di MinervinoMurge, in Provincia di Barletta-Andria-Trani, in località Murgetta Grande.Lo Studio di Impatto Ambientale cui fa riferimento il presente elaborato èl’aggiornamento del SIA presentato dalla stessa Delta Petroli S.p.A. in data 12giugno 2003, in seguito al quale la Regione Puglia, con Determinazione n. 18 del 27gennaio 2004, ha espresso parere favorevole alla compatibilità ambientaledell’intervento.Per cause non ascrivibili alla volontà del soggetto proponente, il procedimento diautorizzazione dell’impianto, la cui Conferenza dei Sevizi era stata avviata nelMaggio del 2006, ha subito notevoli ritardi, nonostante il progetto fosse dotato ditutti i pareri positivi ottenuti dai vari Enti (cfr. Allegato A/13).Pertanto, durante il corso del procedimento sono venuti a scadere i termini di validitàdella citata pronuncia di compatibilità ambientale che, come è noto, ha una durata di treanni.La Provincia di Bari, autorità competente per il rilascio della Autorizzazione,provvedeva, con determinazione n. 29 del 12 marzo 2008, a rilasciare un nuovo pareredi compatibilità ambientale relativamente all’intervento in oggetto ed a trasmettere lostesso, tra gli altri, anche al settore ecologia della regione Puglia.Tale provvedimento, dal punto di vista amministrativo era supportato da un parere pro-veritate rilasciato alla Provincia di Bari da un professionista di fiducia dellaAmministrazione, e dal punto di vista tecnico, da una perizia giurata che attestava lanon intervenuta variazione dello stato dei luoghi e del quadro di riferimentoprogrammatico rispetto a quanto descritto nell’originario S.I.A. analizzato dalla regionePuglia.Successivamente la Provincia di Bari, con Determinazione Dirigenziale n. 21 del 10 ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 4. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 4Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaaprile 2008, autorizzava la Costruzione e l’Esercizio dell’Impianto (AutorizzazioneUnica) nelle more dell’ottenimento della Autorizzazione Integrata Ambientale.In data 15-01-07, la Società inoltrava alla Regione domanda per l’ottenimentodell’A.I.A.. Seguiva l’invio di ulteriore documentazione integrativa, senza che tuttaviafosse convocata la relativa Conferenza dei Servizi.Il proponente, ancorchè in possesso di regolare autorizzazione alla realizzazionedell’impianto, decideva di non attivarsi in tal senso, preferendo attendere l’ottenimentodell’AIA.In data 11 ottobre 2011 veniva convocata la prima Conferenza di Servizi nell’ambitodella procedura di AIA, durante la quale emergevano alcune perplessità in merito allavalidità formale del parere di compatibilità ambientale prodotto dalla Provincia di Barinel marzo 2008.La Ditta Delta Petroli, allo scopo di eliminare ogni possibile vulnus dalprocedimento di autorizzazione della propria iniziativa imprenditoriale,addiveniva alla decisione di attivare una nuova procedura di impatto ambientaleche, in ossequio a quanto previsto dalla L.R. 40/07, veniva nuovamente incardinatapresso la Regione Puglia.Pertanto si propone l’aggiornamento dello Studio di Impatto Ambientaleprecedentemente approvato, conformemente alla normativa ed agli strumenti dipianificazione e programmazione nazionale, regionale e provinciale, sopraggiunti dalgennaio 2004 ad oggi.Come si è accennato, il procedimento è di competenza regionale ai sensi dell’art. 3comma 12 della L.R. 40/2007, che recita: il comma 5 dell’articolo 10 della leggeregionale 10 luglio 2007, n. 17 (Disposizioni in campo ambientale, anche in relazioneal decentramento delle funzioni amministrative in materia ambientale), è sostituito dalseguente: “5 bis Le procedure di VIA conseguenti alle istanze di cui al comma 5 e leprocedure di VIA avviate con istanza presentata prima della data di entrata in vigoredella presente legge, nonché le relative istanze di integrazione e variazione progettualedi interventi non ancora realizzati, anche se successive a tale data, sono di competenza ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 5. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 5Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicadella Regione”.Si precisa sin d’ora che lo stato dei luoghi è assolutamente identico a quanto rilevatonel 2003.Si precisa altresì che, come verrà dimostrato nei paragrafi seguenti, la normativa e laprogrammazione nel frattempo sopraggiunti non hanno minimamente variato lecondizioni espresse nel citato decreto VIA (Determinazione n. 18 del 27 gennaio2004).Ne consegue che è possibile affermare che le verifiche svolte comprovano che il pareredi idoneità ambientale già espresso possa essere assolutamente confermato, anchealla luce dei pareri, sempre positivi, successivamente acquisiti.1.1 Iter autorizzativoLo Studio di Impatto Ambientale presentato nel 2003 ha ottenuto il parere positivo daparte dei seguenti Enti: − Regione Puglia Settore Ecologia: Determinazione n. 18 del 27 gennaio 2004.Successivamente alla su citata autorizzazione, l’iniziativa in oggetto ha ottenuto iseguenti pareri tutti positivi (cfr. allegato A/13): − Comune di Minervino Murge, Settore 7° - Urbanistica e Ambiente: Determinazione n. 8 del 12 febbraio 2004 (Raccolta Generale della Segreteria Comunale, Determinazione n. 75 del 13 febbraio 2004) – Parere favorevole in ordine alla compatibilità ambientale − ASL BA/1 Ufficio Igiene Pubblica: Prot. DP m/467 del 31 luglio 2005 - Parere igienico-sanitario favorevole; − Acquedotto Pugliese S.p.A.: nota Prot. 4781TT/rr del 20 luglio 2004 – Certificazione che la zona interessata non è canalizzata da rete di fognatura nera; − Comune di Minervino Murge, Settore 7° - Urbanistica e Ambiente: Determinazione n. 56 del 13 dicembre 2005 (Raccolta Generale della Segreteria ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 6. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 6Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica Comunale, Determinazione n. 988 del 13 dicembre 2005) – Parere favorevole sotto l’aspetto urbanistico; − Comune di Minervino Murge: Delibera del Consiglio Comunale n. 25 del 31 maggio 2006 – Parere favorevole in ordine alla localizzazione; − Regione Puglia: Delibera n. 951 del 19 giugno 2007 – Rilascio parere paesaggistico favorevole. − Provincia di Bari determinazione n. 29 del 12 marzo 2008 relativa alla Compatibilità Ambientale dell’Intervento. − Provincia di Bari determinazione n. 21 del 10/04/08 relativa alla Autorizzazione Unica per impianto.Rispetto all’originale progetto allegato al SIA approvato in data 27 gennaio 2004, perspecifica richiesta dell’ARPA Puglia con comunicazione prot. n. 3405 del 26/03/2004,il progetto è stato definito a scala esecutiva.La stessa ARPA ha poi provveduto ad approvare il progetto esecutivo, così comeriportato negli allegati al presente SIA, con comunicazione prot. n. 8727 del 30 luglio2004.Sempre successivamente all’approvazione del SIA sono state ottenute ulterioriautorizzazioni relative alle emissioni in atmosfera: − Comune di Minervino Murge, Settore 7° - Urbanistica e Ambiente: Determinazione n. 44 del 28 luglio 2004 (Raccolta Generale della Segreteria Comunale, Determinazione n. 668 del 28 luglio 2004)– Parere favorevole in ai fini del rilascio dell’autorizzazione alle emissioni in atmosfera; − Regione Puglia: Determinazione n. 120 del 23 marzo 2005 – Autorizzazione alle emissioni in atmosfera.In ultimo, su richiesta della Provincia nel corso della Conferenza dei Servizi è statoaggiunto anche un ulteriore importante elemento, ovvero con la Delibera n. 951 del 19 ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 7. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 7Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicagiugno 2007 della Regione Puglia, l’iniziativa ha ottenuto il Parere paesaggisticofavorevole.La delibera, che si riporta integralmente in allegato A/13, evidenzia che,successivamente al parere positivo espresso sul SIA, la Regione si è ulteriormenteespressa positivamente sull’iniziativa in oggetto.Come si vede, pertanto, successivamente all’ottenimento della Valutazione diCompatibilità Ambientale, l’iniziativa ha raccolto ulteriori e fondamentali pareripositivi che vengono a formare un quadro totalmente affidabile sulla assoluta idoneitàtecnica e ambientale dell’iniziativa proposta dalla Delta Petroli S.p.A. a MinervinoMurge.Infatti: − il progetto è stato approvato dall’ARPA Puglia; − sono state ottenute le autorizzazioni prescritte per le emissioni in atmosfera; − la localizzazione è stata espressamente autorizzata dal Comune di Minervino Murge e dalla Regione; − Il progetto è stato autorizzato dalla provincia di Bari.Ne discende che l’opera ha tutti i prescritti pareri positivi integrativi del SIA e tuttisuccessivi a questo.Tutto ciò a riprovare che l’iniziativa è perfettamente congruente con la realtà territorialeed è espressamente approvata da tutti gli organi competenti.Inoltre, in data 21/02/2007, la Delta Petroli ha presentato alla Regione Puglia ladocumentazione per il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale ai sensi delD. Lgs. 59/05; con comunicazione Prot. n. 9687 del 18/06/2007 la Regione Puglia hacomunicato l’avvio del procedimento di A.I.A. per l’impianto in oggetto.Nell’elaborato A/13 si riporta copia delle autorizzazioni e dei pareri ottenuti dalla DeltaPetroli S.p.A. per l’impianto in oggetto.Nello stesso elaborato è riportato, altresì, il verbale della recente conferenza di servizi ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 8. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 8Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica(svoltasi il giorno 11 ottobre 2010) volta all’istruttoria dell’istanza finalizzataall’ottenimento dell’A.I.A. dell’impianto in oggetto, nella quale sono state poste indiscussione, secondo quanto indicato nella nota di convocazione prot. 12259 del 21settembre 2010, le problematiche relative agli adempimenti in materia di compatibilitàambientale.In tale occasione, come accennato, la ditta proponente ha informato la Conferenza diaver deciso di ripresentare l’istanza di Valutazione di Impatto Ambientale; gli Entihanno concordato tale iter procedurale.Inoltre, sulla richiesta avanzata dalla società proponente relativamente alla unificazionedei procedimenti di VIA e di AIA, l’Ufficio AIA si è riservato di interloquire conl’Ufficio VIA regionale, al fine di verificarne la fattibilità. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 9. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 9Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica2 LA SINTESI NON TECNICAAllo Studio di Impatto Ambientale (SIA) è affidato il compito di fornire l’informazionenecessaria per valutare, in modo non arbitrario, il grado in cui una data opera possiede ilrequisito della compatibilità ambientale. Essendo questo l’obiettivo del SIA, appareevidente l’importanza di definire in via preliminare, cosa si intenda per compatibilitàambientale e come si possa determinarne il grado.Lo SIA ha poi, come secondo compito principale, quello di mostrare come la soluzioneproposta con il progetto costituisca la soluzione migliore tra quelle tecnicamentepossibili, la quale deve anche risultare accettabile, cioè tale da rispettare le soglie diaccettabilità per qualunque tipo d’impatto negativo stabilite da norme e leggi. Ciò poneallo SIA il compito di mostrare come gli impatti residui, dopo eventuali opere dimitigazione, rispettino tale vincolo. Questo compito, che si può sinteticamente dire diottimizzazione, integra intimamente l’analisi e la valutazione ambientale con il lavoroprogettuale: infatti, la progettazione può essere vista come un procedimento logicomirato alla ricerca della migliore soluzione ad un problema pratico, dove si pongonoesigenze funzionali, tecnologiche, economiche ed ambientali, che tutte occorresoddisfare al meglio, tenendo conto, per ciascuna di esse, di determinati vincoli ai qualioccorre attenersi.Nella redazione di ogni Studio di Impatto Ambientale (SIA) un posto di particolareimportanza è occupato dalla cosiddetta "Sintesi non tecnica". Tale documento,previsto nelle Norme Tecniche ministeriali che guidano la stesura degli Studi di Impattoambientale, è "destinato allinformazione al pubblico”.La Sintesi non tecnica è mirata ad ampliare i contenuti del progetto ed il suo stessosignificato in modo da renderne completamente partecipi anche le comunità localicircostanti. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 10. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 10Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica3 PRESENTAZIONE DELLA DELTA PETROLI S.P.A.Il soggetto che si interesserà della realizzazione e dell’esercizio della piattaforma perrifiuti non pericolosi è la società:DELTA PETROLI S.p.A., con SEDE LEGALE in Via Ostiense Km 9,300 – 00144Roma, costituita nel 1979, con capitale sociale di € 361.900 interamente versato.Presidente del Consiglio di Amministrazione: Sig. Umberto MorpurgoLa DELTA PETROLI S.p.A. è strutturata in quattro divisioni operative: • Divisione Ecologia ed Impatto Ambientale • Divisione Tecnologia e Risparmio Energetico • Divisione Combustibili • Divisione Edilizia ed InfrastruttureLa società DELTA PETROLI S.p.A. è certificata ISO 9002. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 11. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 11Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica4 RAPPORTI TRA PROGETTO, NORMATIVA E STRUMENTI PIANIFICATORILa proposta in esame è congruente con gli strumenti normativi sui rifiuti previsti siaa livello nazionale ed europeo che a livello regionale.Si prevede infatti di realizzare una piattaforma per il trattamento e lo stoccaggiodefinitivo del rifiuto trattato.Il progetto, come già detto, ha ricevuto i seguenti pareri positivi: − Comune di Minervino Murge, Settore 7° - Urbanistica e Ambiente: Determinazione n. 8 del 12 febbraio 2004 (Raccolta Generale della Segreteria Comunale, Determinazione n. 75 del 13 febbraio 2004) – Parere favorevole in ordine alla compatibilità ambientale − ASL BA/1 Ufficio Igiene Pubblica: Prot. DP m/467 del 31 luglio 2005 - Parere igienico-sanitario favorevole; − Acquedotto Pugliese S.p.A.: nota Prot. 4781TT/rr del 20 luglio 2004 – Certificazione che la zona interessata non è canalizzata da rete di fognatura nera; − Comune di Minervino Murge, Settore 7° - Urbanistica e Ambiente: Determinazione n. 56 del 13 dicembre 2005 (Raccolta Generale della Segreteria Comunale, Determinazione n. 988 del 13 dicembre 2005) – Parere favorevole sotto l’aspetto urbanistico; − Comune di Minervino Murge: Delibera del Consiglio Comunale n. 25 del 31 maggio 2006 – Parere favorevole in ordine alla localizzazione; − Regione Puglia: Delibera n. 951 del 19 giugno 2007 – Rilascio parere paesaggistico favorevole.Le tecnologie previste sono state approvate dall’ARPA Puglia con Comunicazioneprot. 8727 del 30/07/2004 e rispettano tutte le norme relativamente ad impianti diquesto tipo sulle misure di sicurezza e salvaguardia dell’ambiente.La Regione Puglia ha altresì autorizzato le emissioni in atmosfera con ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 12. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 12Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaDeterminazione n. 120 del 23/03/2005.Relativamente al Piano Regionale dei Rifiuti, la proposta in esame rispetta leprescrizioni relative all’individuazione dell’areale e alla scelta del sito: infatti l’areanon presenta caratteristiche tali da pregiudicare l’idoneità ad ospitare l’impiantoin oggetto.Inoltre, come mostrato in precedenza, l’impianto è coerente con le prescrizioni ed icriteri di localizzazione previsti dall’Aggiornamento del Piano di Gestione deirifiuti speciali nella Regione Puglia approvato con Deliberazione della GiuntaRegionale n. 2668 del 28 dicembre 2009.Per quanto riguarda le caratteristiche del sito, si sono espressi positivamente: − La Regione con la Delibera n. 951 del 19 giugno 2007 – Rilascio parere paesaggistico favorevole; − La ASL BA/1 con comunicazione Prot. DP m/467 del 31 luglio 2005 – Parere igienico-sanitario favorevole; − Il Comune di Minervino Murge con la Determinazione n. 56 del 13 dicembre 2005 – Parere favorevole sotto l’aspetto urbanistico, e con la Delibera del Consiglio Comunale n. 25 del 31 maggio 2006 – Parere favorevole in ordine alla localizzazione.L’impianto verrà realizzato in corrispondenza di una cava non attiva, con unavolumetria sufficiente in relazione alle prospettive di produzione dei rifiutispeciali; presenterà inoltre un accesso comodo ed interconnesso con la rete viariaextraurbana. Infatti l’area è facilmente raggiungibile sia dall’Autostrada A14 -Adriatica, sia dall’Autostrada A16 - Napoli-Canosa. Dalle autostrade l’area puòessere facilmente raggiunta da strade provinciali, quali la n. 24 e la n. 143 perCanosa.I flussi di traffico indotti dall’impianto viaggeranno quindi su tracciati viari idoneia smaltirne il traffico e non attraverseranno centri abitati se non in misuraperiferica. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 13. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 13Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaSono state inoltre opportunamente rispettate le distanze relative a: • agglomerati residenziali urbani ed insediamenti di rilevante importanza e movimento turistico; • ospedali e luoghi di cura; • strade di grande traffico, ferrovie ed aeroporti; • alvei di fiumi e torrenti; • punti di approvvigionamento delle risorse idriche ad uso potabile.Per quanto riguarda i vincoli, l’area in esame ricade nell’ambito di valore più bassodi tutela tra quelli definiti dal Piano Urbanistico Territoriale Tematico per ilPaesaggio ed i Beni Ambientali, e non sono presenti nel raggio di influenzadell’impianto zone di particolare interesse paesaggistico o ambientale.L’impianto sarà realizzato seguendo tutti i particolari accorgimenti ambientali perla tutela dall’inquinamento delle acque superficiali e sotterranee stabiliti dallanormativa vigente.Si è verificata positivamente, come riportato in precedenza, la coerenza rispetto aiseguenti strumenti di programmazione e pianificazione: Piano Urbanistico Territoriale Tematico per il Paesaggio ed i Beni Ambientali (PUTT/PBA), sia rispetto agli Ambiti Territoriali Estesi che Distinti; Piano di Bacino della Puglia, Stralcio Assetto Idrogeologico (PAI) e verifica rispetto alla carta Idrogeomorfologica della Regione Puglia; Piano Regionale delle Attività Estrattive (PRAE); Strumento Urbanistico Comunale (Programma di Fabbricazione e relativo Regolamento Edilizio); Piano Regionale dei Trasporti; Piano di Tutela delle Acque; Inoltre, sono stati valutati ulteriori aspetti che tengono conto delle caratteristiche paesaggistiche, naturalistiche e vincolistiche del sito, oltre quelli analizzati ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 14. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 14Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica precedentemente. L’analisi di tali aree ha evidenziato che il sito indagato: non ricade in Siti di Importanza Comunitaria (SIC) e Zone a Protezione Speciale (ZPS); non ricade in aree protette ex lege regionale n. 19/97 (“Norme per listituzione e la gestione delle aree naturali protette nella Regione”), né statali ex lege n. 394/91 (“Legge quadro sulle aree protette”); non è interessato da vincoli rivenienti dalla Legge n°1089 del 1.6.1939 (“Tutela delle cose d’interesse storico ed artistico”), né su di esso ricadono immobili di interesse storico o artistico; non è vincolato ai sensi della Legge n°1497 del 29.6.1939 (“Protezione delle bellezze naturali”); non è interessato da Riserve Naturali Statali e Regionali, da Parchi Nazionali o Regionali ed infine da zone IBA (Important Bird Areas). ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 15. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 15Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica5 L’AREA DI STUDIOL’area ricade nei limiti amministrativi del Comune di Minervino Murge, al confinecon quello di Canosa di Puglia, in località Murgetta Grande, tav. III - NW del foglio176 dell’IGM denominato Lamalunga. È riportata al catasto nel foglio 8, particelle 4-24-39-333-334.Il sito è a meno di 300 m dalla S.P. n. 24 e dalla S.P. n. 143 per Canosa, e può esserefacilmente raggiunto sia dall’Autostrada A14 Adriatica che dall’Autostrada A16Napoli – Canosa.L’area in cui ricadrà l’opera è caratterizzata dalla presenza di una cava attualmentedismessa, utilizzata in passato per l’estrazione di materiali lapidei.L’estensione della fossa è pari a circa 15 ha.I centri abitati più vicini sono quelli di Minervino Murge che dista circa 9 Km eCanosa di Puglia che dista circa 6 Km.Il contesto di allocazione dell’area si presenta in grado di reagire positivamente adeventuali impatti: non sono presenti centri abitati nell’intorno, la viabilità è in grado dismaltire il traffico degli automezzi afferenti all’impianto e non sono rilevabiliparticolari caratteri di emergenza ambientale. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 16. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 16Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica6 INDIVIDUAZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEI RIFIUTI DA SMALTIRELa capacità produttiva dell’impianto di trattamento e recupero, per la quale si richiedel’autorizzazione, è di 62.000 t/anno, su 310 giorni/anno di funzionamento, con unaproduttività di 200 t/d di rifiuti smaltiti e/o recuperati (operazioni di cui allAllegato Bdel D. Lgs. 152/2006, punti D9 e allAllegato C del D. Lgs. 152/2006, punti R4 e R5).La capacità relativa al raggruppamento e/o ricondizionamento preliminari(operazioni di cui allAllegato B del D. Lgs. 152/2006, punti D13, D14) non eccederà lacapacità di 300 t/d.La capacità relativa al deposito preliminare (operazione di cui allAllegato B del D.Lgs. 152/2006, punto D15) non eccederà la capacità di 300 t/d e la volumetria totalemassima su base annua di 250.000 m3.La capacità relativa alla messa in riserva (operazione di cui allAllegato C del D. Lgs.152/2006, punto R13) non eccederà la capacità di 300 t/d e la volumetria totale su baseannua di 250.000 m3.I codici CER descrittivi dei rifiuti che verranno accettati sono quelli indicati alnell’elaborato A/01 Relazione Tecnica ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 17. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 17Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica7 IL PROGETTOL’impianto si configura come una piattaforma polifunzionale per il trattamento dirifiuti speciali non pericolosi solidi, liquidi e fangosi costituita da: - Aree di stoccaggio Stoccaggio rifiuti solidi (deposito preliminare e messa in riserva) Stoccaggio fanghi palabili Stoccaggio rifiuti liquidi e fanghi pompabili Stoccaggio solidi polverosi Stoccaggio del percolato proveniente dalla discarica annessa all’impianto e da impianti esterni Stoccaggio dei residui di processo da avviare in discarica Stoccaggio dei materiali recuperati Deposito temporaneo per alimentazione pressa Deposito temporaneo per alimentazione triturazione Deposito temporaneo per alimentazione inertizzazione Deposito temporaneo reflui liquidi per l’alimentazione della linea di trattamento - Edificio trattamento e recupero Area conferimento rifiuti Area stoccaggio rifiuti solidi Linea per la cernita e selezione componenti di pregio Linea di riduzione volumetrica per pressatura Linea di riduzione volumetrica per triturazione Linea per il trattamento del percolato prodotto dallo stoccaggio definitivo e delle acque reflue Disassemblaggio apparecchiature obsolete Area stoccaggio fanghi palabili da inertizzare ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 18. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 18Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica Linea di omogeneizzazione ed inertizzazione Area maturazione materiali inertizzati Linea di disidratazione fanghi pompabili - Servizi generali di stabilimento Area sosta automezzi Controllo e pesatura Lavaggio automezzi Uffici, servizi igienici, spogliatoi, mensa Impianto idrico ad uso civile ed industriale Impianto antincendio Raccolta e accumulo delle acque reflue civili Raccolta e accumulo delle acque di lavaggio Raccolta e accumulo delle acque meteoriche di prima pioggia dai piazzali Raccolta delle acque da coperture Impianto di aspirazione e trattamento aria7.1 Descrizione delle linee di trattamento e recupero7.1.1 Linea di selezione manualeIn questa unità verrà effettuata una appropriata selezione e cernita manuale dei rifiutisolidi speciali non pericolosi.In questa sezione verranno stoccati e lavorati i rifiuti costituiti da: - imballaggi in genere (carta, cartone, plastica, legno, metallo e simili); - contenitori vuoti (fusti, vuoti di vetro, plastica e metallo, latte e lattine e simili); - sacchi e sacchetti di carta, plastica, cellophane, cassette e pallet; - resine termoplastiche e termoindurenti allo stato solido, manufatti composti da tali materiali; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 19. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 19Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica - manufatti di ferro tipo paglietta metallica, filo di ferro, spugna di ferro e simili; - vetri di tutti i tipi.Ognuna di queste tipologie sarà divisa per matrici compatibili e sottoposta alleoperazioni di recupero, ovvero alla cernita, alla selezione e all’eventuale adeguamentovolumetrico e confezionamento.Dalle operazioni di selezione e di cernita si otterranno come sottoprodotti (residui)anche rifiuti derivanti dai materiali che non sono più suscettibili di recupero e chesaranno destinati allo stoccaggio definitivo.Per migliorare la salubrità dell’ambiente di lavoro si prevede l’installazione di unsistema di aerazione forzata che assicurerà circa 10 ricambi/ora d’aria.Le postazioni di lavoro sono 3, una per ciascun materiale selezionabile manualmente: - carta / cartone; - plastica; - vetro.In corrispondenza di ogni postazione di lavoro vi saranno dei canali di scarico utilizzatidall’operatore per il conferimento del materiale selezionato in appositi contenitori(ricavati negli spazi esistenti tra gli interassi delle colonne dell’impalcato) o in cumulisul suolo da alimentare direttamente alla tramoggia di carico della pressa mediante ternagommata.Il materiale scartato verrà raccolto in un cassone, previa deferrizzazione medianteseparatore magnetico e separatore ad induzione magnetica posti sul nastro trasportatoredi fine linea, ed avviato allo stoccaggio definitivo.7.1.2 Linea di riduzione volumetrica per pressaturaLa linea sarà dotata di una pressa stazionaria automatica oleodinamica ad alimentazionecontinua, alimentata da terna gommata. Essa sarà costituita da: - tramoggia di carico per mezzo della quale il materiale da lavorare verrà convogliato nella pressa; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 20. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 20Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica - camera di riempimento che formerà la parte centrale della macchina e verrà allungata in senso verticale dalla tramoggia di carico; - placca di compressione (pressa finale), guidata nella camera di riempimento e comandata da un cilindro differenziale. - pistoni e cilindri costruiti in acciaio della migliore qualità. - canale di compressione collegato alla camera di riempimento. - dispositivo automatico di legatura sistemato all’inizio del canale che entrerà in azione non appena verrà raggiunta la lunghezza prevista per la balla. - centralina idraulica composta dal gruppo di comando delle tubazione di collegamento con i necessari ancoraggi, dal raffreddatore a ventola dell’olio e dal filtro dell’olio. - equipaggiamento elettrico comprendente l’armadio di manovra, il quadro di comando, i finecorsa, i motori e il cablaggio. Tutte le apparecchiature elettriche verranno sistemate in vicinanza della pressa.7.1.3 Linea di riduzione volumetrica per triturazioneLa linea di triturazione sarà composta da:- tramoggia di carico e nastro a piastre per mezzo dei quali il materiale da lavorare verrà convogliato nel trituratore;- trituratore;- nastro trasportatore;- separatore magnetico e separatore ad induzione magnetica dei materiali ferrosi e non ferrosi;- cassone scarrabile.Il trituratore per la riduzione volumetrica dei rifiuti verrà utilizzato per il trattamento dialcune tipologie di rifiuto, quali ad esempio pneumatici, beni durevoli disassemblati erottami di metalli destinati al recupero. La funzione del trituratore sarà quella di ridurrela pezzatura dei rifiuti per massimizzare l’efficienza di recupero della successivasezione di deferrizzazione ed induzione magnetica, per il recupero dei metalli ferrosi e ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 21. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 21Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicanon ferrosi, nonché minimizzare i costi di trasporto dei materiali recuperati o dei rifiutida avviare allo smaltimento in discarica.Da questa operazione potranno essere prodotti i seguenti materiali e rifiuti: - metalli ferrosi o leghe; - rame, zinco e leghe nelle forme usualmente commercializzate; - acciaio nelle forme usualmente commercializzate; - plastica; - ABS di seconda qualità; - polietilene, polipropilene, PET, ecc. in sfridi e ritagli per l’industria plastica; - materiali per l’industria tessile conformi alle specifiche merceologiche delle CCIAA di Milano e Firenze; - legno variamente cippato, granulati e cascami di sughero, tondelli in conformità alle specifiche fissate dalle CCIAA di Milano e Bolzano; - gomma e sottopezzature per il recupero in impianti industriali; - rifiuti non pericolosi, provenienti dalle operazioni sopra descritte destinati allo smaltimento.Le materie recuperate verranno stoccate separatamente. Nel caso in cui fossero destinatea impianti di recupero che operano in regime di sistema autorizzativo con proceduresemplificate di cui agli art. 214 e 216 della parte quarta del D. Lgs. 152/06, sarannocertificate, analizzate ed eventualmente sottoposte a test di cessione così comeprevisto dal D.M.A. del 5/2/98.I materiali che andranno triturati verranno prelevati dal deposito temporaneo nell’areadi conferimento, mediante carrello con benna a polipo e posti nella tramoggia di carico.Di qui un nastro trasporterà il materiale fino alla tramoggia posta sulla bocca di caricodel mulino.7.1.4 Linea di disidratazione fanghi pompabiliQuesta linea sarà composta dalle tubazioni di trasferimento dei fanghi pompabili dalparco serbatoi posizionato all’esterno del capannone al collettore di alimentazione della ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 22. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 22Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicamacchina disidratatrice che è una nastropressa.Il fango viene per prima cosa fatto passare attraverso una sezione di drenaggio pergravità dove è lasciato ispessire. In questa fase la maggior parte dell’acqua in eccessonel fango è filtrata per azione della forza di gravità. Questa sezione è in generemantenuta in depressione al fine di aumentare il drenaggio e ridurre la fuoriuscita diodori.Successivamente al drenaggio per gravità, il fango è sottoposto a pressione per loscorrimento tra nastri opposti essendo questi costituiti di materiale poroso. In alcuni casiquesta sezione a bassa pressione è seguita da una ad alta pressione, nella quale il fangoè soggetto a sforzi di taglio esercitati dallo scorrimento attraverso una serie di rulli. Lacompressione e gli sforzi di taglio inducono così l’ulteriore rilascio di acqua dai fanghi.I fanghi ispessiti verranno scaricati attraverso una coclea direttamente sul pavimento peressere sottoposti ad inertizzazione nel relativo impianto, ovvero in cassone per ildeposito temporaneo intermedio.L’eluato in uscita dal processo di disidratazione verrà direttamente immesso nella retedi raccolta delle acque di lavaggio dell’edificio trattamento e quindi inviato alle cisternedi stoccaggio del percolato.Numerose variabili condizionano le prestazioni della nastropressa: le caratteristiche deifanghi; la conformazione delle macchine (compresa la sezione di drenaggio pergravità); la porosità, la velocità e lo spessore dei nastri.7.1.5 Linea di omogeneizzazione ed inertizzazioneIn questa linea verranno trattati i seguenti materiali:• rifiuti allo stato fangoso palabile così come conferiti nelle apposite vasche di stoccaggio;• rifiuti allo stato solido polveroso conferiti all’impianto per mezzo di Big Bags in doppio polietilene;• rifiuti allo stato liquido e fangoso pompabile previo conferimento nel parco serbatoi adiacente il capannone. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 23. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 23Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaIl trattamento consisterà nell’aggiunta di opportuni additivi chimici (cemento, silicato disodio, calce, etc.) ed altri reagenti per dar luogo ad un materiale solido, fisicamente echimicamente stabile che può essere così conferito in discarica.Fisicamente stabile significa che i solidi prodotti non ritornano al loro stato originaleliquido e fangoso se esposti allazione degli agenti atmosferici.Chimicamente stabile significa che i rifiuti vengono trattati in maniera tale che ladissoluzione in acqua degli inquinanti presenti risulti inibita.Le varie fasi del processo possono essere schematizzate come segue:- frantumazione dei grumi presenti nel rifiuto;- separazione mediante vaglio rotante di eventuali impurità;- carico del materiale da trattare;- dosaggio del reagente liquido e/o dell’acqua fino a raggiungere la condizione ottimale di umidità;- carico dei reagenti in polvere;- miscelazione;- scarico del materiale inertizzato e sistemazione in cumuli per la sua maturazione prima del conferimento in discarica.Limpianto di inertizzazione si articola su due linee uguali, ciascuna con una capacità ditrattamento di 8 - 12 mc/ora. La capacità massima di ogni mescolatore è di 1125 litri perogni ciclo di trattamento.7.1.6 Disassemblaggio apparecchiatureIl disassemblaggio appropriato dei rifiuti da raccolte specializzate (computer,televisioni, ecc.), verrà effettuato nell’area conferimento dell’edificio trattamento erecupero.I materiali stoccati verranno portati nella suddetta area dove avverrà, manualmente, ildisassemblaggio; in questa fase verranno prelevati i materiali facilmente smontabili(metalli, pannelli in legno, lastre di vetro, inserti in plastica, ecc.), motori-compressori,monitor, schede elettroniche, ed altri materiali. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 24. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 24Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaDopo tale fase alcuni dei materiali disassemblati verranno ulteriormente trattati al finedi recuperare materiali riciclabili; ad esempio, alcuni materiali recuperati, plastici emetallici, verranno lasciati nell’area conferimento per essere sottoposti all’operazione diriduzione volumetrica mediante triturazione ed eventuale recupero dei metalli ferrosi enon ferrosi.Le parti non recuperabili verranno immesse alla linea triturazione per ridurne il volumeprima di essere avviati al deposito temporaneo dei rifiuti in uscita.7.1.7 Linea trattamento rifiuti liquidi, percolato e acque reflueLe acque di prima pioggia, le acque reflue civili, i reflui provenienti dall’edificiotrattamento/recupero, nonché il percolato prodotto dallo stoccaggio definitivo deirifiuti, verranno sottoposti a processi di depurazione prima di essere convogliati alloscarico nel corpo idrico superficiale.Lo scarico da trattare sarà quindi caratterizzato da una matrice prevalentementeorganica con presenza di metalli.Lo schema di processo da adottare prevede le seguenti sezioni di trattamento: Processo di Fenton Chiariflocculazione per rimozione metalli Neutralizzazione Trattamento biologico a doppio stadio Filtrazione su inerti Adsorbimento Osmosi inversaL’impianto sarà realizzato con l’accoppiamento di più moduli costituiti da containerattrezzati.In ciascun modulo verrà attuato il trattamento specifico di processo, mentre un modulosarà utilizzato per l’alloggiamento dei sistemi di dosaggio, del quadro generale dicomando e controllo, delle apparecchiature di misura e della sezione di osmosi inversacostituente lo stadio finale del trattamento. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 25. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 25Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaIl posizionamento dell’intero impianto richiederà la realizzazione di uno slab incemento.Le acque depurate in uscita dalla linea trattamento verranno addotte al corpoidrico superficiale più vicino, il torrente Cavallaro, mediante opportuna retefognaria.7.2 Servizi generali di stabilimento7.2.1 Laboratorio e accettazioneI controlli analitici sui rifiuti verranno effettuati nel laboratorio ubicato all’internodell’edificio servizi. La funzione di questo settore sarà quello della preparazione deicampioni e dell’analisi immediata di questi. Questo reparto sarà essenziale non solo perun preliminare controllo delle caratteristiche dei rifiuti conferiti, ma anche per ilcontrollo dei processi di trattamento.7.2.2 Uffici, servizi igienici, spogliatoi, mensaGli uffici, gli spogliatoi, la mensa e i servizi igienici situati all’interno dell’edificioservizi, saranno realizzati in modo tale da assicurare una adeguato grado dellecondizioni igienico sanitarie per gli addetti, in conformità alla normativa vigente intema di sicurezza ed igiene dei posti di lavoro.7.2.3 Impianto idricoSi prevede di realizzare due pozzi per l’approvvigionamento di acqua industriale e diacqua potabile rispettivamente, le quali verranno distribuite alle utenze attraverso unarete di tubazioni, mantenute in pressione dal rispettivo sistema di autoclave.Le utenze alimentate dall’acqua potabile saranno: ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 26. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 26Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica- servizi igienici;- mensa;- infermeria e laboratorio.- Le utenze alimentate dall’acqua industriale comprenderanno:- manichette per il lavaggio piazzali;- manichette per il lavaggio delle aree interne all’edificio;- rete antincendio;- rete irrigua.7.2.4 Impianto antincendioIl sistema antincendio previsto per larea di impianto consiste nei seguentisottosistemi: - stazione di pompaggio acqua antincendio collocata in cabina idrica; - anello di distribuzione dell’acqua antincendio; - sistema di idranti; - equipaggiamento portatile.7.2.5 Reti di raccolta acque reflueLe acque reflue saranno prodotte dalle attività di stabilimento oppure dalla raccoltadelle acque meteoriche.Acque prodotte dalle attività di stabilimento • acque reflue originate dai servizi igienici • acque di lavaggio delle aree interne • percolato proveniente dalle vasche di stoccaggio definitivo • acque di lavaggio automezzi ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 27. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 27Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaAcque di origine meteorica • acque raccolte dai piazzali • acque provenienti dalle coperture degli edificiLe acque reflue originate dai servizi igienici, dovute alla presenza del personale cheopererà presso lo stabilimento (mensa interna, pulizia del personale operativo, ecc.),verranno scaricate entro apposito pozzetto da circa 2,5 m3 e convogliate al pozzetto diaccumulo delle acque nere e di processo da circa 6 m3.Le acque reflue provenienti dal lavaggio delle aree interne al capannone, verrannoraccolte da apposita rete di drenaggio costituita da pozzetti dotati di griglie, verso i qualile acque confluiranno grazie alle pendenze assegnate alla pavimentazione. Una rete ditubazioni interrate in PEAD conferirà le acque così raccolte al pozzetto delle acque nereper il loro successivo invio alle cisterne di accumulo. Alle stesse cisterne vienerecapitato il percolato prodotto nelle vasche di stoccaggio definitivo.L’accumulo dei percolati e delle acque di lavaggio, è costituito da quattro cisterne da55 m3 in acciaio, inserite in una apposita vasca di contenimento in calcestruzzoarmato.Le acque di lavaggio automezzi verranno raccolte in un apposito pozzetto posto inprossimità dell’area interessata, e da questo inviate al pozzo di raccolta acque nere e diprocesso per mezzo di idonea tubazione.Le acque di origine meteorica provenienti dalle coperture del capannone, edall’edificio servizi, saranno raccolte dalle grondaie e dai discendenti in appositipozzetti ed immesse nella rete fognaria delle acque bianche addotte al torrenteCavallaro.Le acque meteoriche provenienti dai piazzali, verranno raccolte in pozzetti grigliatifacenti parte di una rete di condotte interrate che porterà l’acqua raccolta nella vasca diprima pioggia. Questa è una vasca in calcestruzzo armato interrata, avente capacità taleda poter segregare una quantità di acqua pari ai primi 15 minuti di pioggia. Talequantità è fissata usualmente in 5 mm distribuiti su tutta la pavimentazione. Nel caso in ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 28. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 28Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaesame la pavimentazione interessata ha una superficie di 12.000 mq circa. Ne consegueche la vasca dovrà avere una capacità pari a 60 m3.Le acque meteoriche di seconda pioggia verranno addotte, tramite appositacanalizzazione all’impianto di trattamento acque di seconda pioggia e verrannosuccessivamente addotte al corpo idrico superficiale più vicino, il torrente Cavallaro,mediante opportuna rete fognaria.Le acque meteoriche provenienti dalla copertura della discarica e captate dallarelativa canaletta perimetrale verranno raccolte in due appositi pozzetti edimmesse nella rete fognaria delle acque bianche7.2.5.1 Linea di trattamento acque di seconda pioggiaIn ottemperanza al Piano Direttore delle acque della Regione Puglia, redatto dallaSocietà SOGESID S.p.A. ed approvato con decreto n.191/CD/A del 13 giugno 2003 (esuccessivo integrativo n.282/CD/A del 21 novembre 2003), nella cui Appendice A1 daltitolo “Criteri per la disciplina delle acque meteoriche di prima pioggia e di lavaggiodelle aree esterne, di cui all’Art.39 D.Lgs 152/99 come novellato dal D.Lgs 258/2000”al punto 6 si indica che “le acque di dilavamento successive a quelle di prima pioggiadevono essere sottoposte, prima del loro smaltimento, ad un trattamento di grigliatura,sedimentazione e disoleatura”, le acque di seconda pioggia provenienti dalla rete diraccolta delle acque meteoriche di dilavamento dei piazzali ed immesse nellatubazione di sfioro installata nella camera di calma realizzata a lato della vasca diprima pioggia, verranno sottoposte a depurazione prima di essere convogliate alloscarico nel corpo idrico superficiale “Cavallaro”.Lo schema di processo adottato prevede i processi depurativi menzionati nel suddettoPiano Direttore e cioè: Grigliatura Sedimentazione ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 29. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 29Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica Disoleatura7.2.6 Sistema di aspirazione e trattamento dei flussi d’aria aspiratiCon Determina n. 120 del 23 marzo 2005, la Regione Puglia ha concesso alla DeltaPetroli S.p.A. l’autorizzazione alle emissioni in atmosfera rivenienti dall’impianto inoggetto. Nella determina sono stati fissati i limiti massimi dei valori delle emissioni inatmosfera che dovranno essere rispettati: Tabella 1 - Limiti massimi dei valori delle emissioni Punti di Provenienza Inquinante Concentrazion emissione e mg/Nmc E1-A Edificio trattamento e recupero Polveri 2,25 Sostanze 3 organiche E1-B Locale trattamento Polveri 4,5 solidi/liquidi Sostanze 0,5 organiche E1-C Locale inertizzazione Polveri 4,5 Sostanze 0,5 organiche E2/5 Sili reagenti in polvere Polveri 5La presenza di polveri e odori verrà limitata mediante l’installazione di appositi sistemiper la captazione e l’abbattimento degli inquinanti, secondo quanto previsto dalla Partequinta del D. Lgs. 152/06.La movimentazione dei rifiuti al di fuori dei loro contenitori di stoccaggio avverràesclusivamente nell’edificio lavorazione. In particolare, per quanto riguarda i rifiutisolidi, questi verranno trasportati nell’area conferimento all’interno del loro contenitore.Di qui verranno prelevati da un carrello e avviati al relativo trattamento (triturazione,disassemblaggio, pressatura ecc.). ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 30. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 30Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaL’esperienza dimostra che la movimentazione e i vari trattamenti cui sono sottoposti irifiuti causano un’atmosfera polverosa, con punti di maggiore concentrazione quali adesempio le tramogge di carico e i punti di scarico dei nastri trasportatori.Le sostanze individuabili potranno essere ricondotte ai materiali trattati e pertanto carta,vetro, metalli, sostanze in definitiva non pericolose.Un altro aspetto da considerare è il problema degli odori, causati essenzialmente daicomposti organici e dai fanghi.Per mantenere perciò un ambiente di lavoro salubre, sarà necessario provvedere ad uncostante ricambio dell’aria. Sulla base dell’esperienza acquisita in impianti analoghi si èvisto che il numero di ricambi aria per ora necessario allo scopo è intorno a tre.L’aria estratta dall’edificio non sarà idonea ad essere immessa direttamente in atmosferama dovrà essere preliminarmente trattata.Come detto sopra, si avrà una maggiore produzione di polveri in determinati puntidell’impianto. In corrispondenza di questi andrà prevista un’aspirazione localizzata permezzo di cappe. D’altra parte occorrerà assicurare i suddetti tre ricambi d’aria ogni orae quindi, poichè le aspirazioni localizzate non sono in numero congruo per assicurareuna estrazione senza punti di ristagno, per ottenere ciò occorrerà affiancare a questealtre bocchette di aspirazione.Il sistema di aspirazione all’interno dell’edificio sarà pertanto costituito da due circuitiseparati: uno sarà quello delle aspirazioni localizzate, l’altro sarà quellodell’aspirazione distribuita.Il circuito delle aspirazioni localizzate sarà composto da 13 cappe posizionate neipunti ritenuti a maggiore produzione di polveri. Queste saranno collegate ad un sistemadi canalizzazioni mantenuto in depressione da un ventilatore centrifugo, che prevede amonte un filtro a tessuto, e a valle una torre di lavaggio (scrubber), il cui condotto diuscita verrà collegato alla camera d’aria del biofiltro comune ai due sistemi diaspirazione, per l’abbattimento dell’eventuale carico di odori.Il circuito di aspirazione distribuita presenterà un carico di polveri nettamenteinferiore a quello del circuito delle cappe. Sono stati previsti due sistemi di ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 31. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 31Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicacanalizzazioni separati, uno per il locale trattamento solidi/liquidi e l’altro per il localeinertizzazione, costituiti rispettivamente da 13 e 20 bocchette e mantenuti indepressione da due ventilatori centrifughi, a valle di ciascuno dei quali è prevista unatorre di lavaggio (scrubber) il cui condotto di uscita verrà collegato alla camera d’ariadel biofiltro.Il sistema di aspirazione è stato così congegnato per dare la massima flessibilità delsistema: durante il turno di lavorazione sarà possibile azionare uno solo dei dueventilatori destinati all’aspirazione distribuita, a seconda del locale impegnato; fuori dalturno di lavorazione verrà spento completamente il ventilatore del circuito localizzate,mentre i due ventilatori, azionati al minimo di potenza, manterranno i locali indepressione.La portata d’aria estratta per mezzo del circuito delle aspirazioni localizzate sarà di26.000 m3/h, pertanto il filtro a maniche, il ventilatore e lo scrubber dovranno esseredimensionati sulla base di questo valore.Dal circuito delle aspirazioni distribuite si estrarranno 38.000 m3/h di aria dal localetrattamento solidi/liquidi e 35.000 m3/h di aria dal locale inertizzazione. Ne consegueche i due ventilatori dovranno avere una portata di 38.000 m3/h e 35.000 m3/hrispettivamente, così come le due torri.Le acque di abbattimento raccolte sul fondo delle tre torri di lavaggio verranno inviatenella vasca di accumulo delle acque nere e di processo per essere sottoposte al processodi depurazione.La concentrazione media degli inquinanti, in mancanza di misurazioni dirette cheeventualmente potranno effettuarsi durante il funzionamento dell’impianto, si puòfissare, a monte dei sistemi di trattamento, in 150 mg/m3 per le aspirazioni localizzate e30 mg/m3 per quelle distribuite. Le emissioni saranno coincidenti con il turno di lavoroe pertanto dureranno 8 ore al giorno per 300 giorni l’anno.All’uscita dalle torri di lavaggio, sarà presente, come detto, il biofiltro che avràun’estensione di circa 825 mq. Questo punto di emissione viene denominato E1. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 32. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 32Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaEsistono poi altri punti di emissione, in corrispondenza dei sili di stoccaggio deimateriali inertizzanti. Il loro carico verrà effettuato mediante condotti che verrannocollegati alle autocisterne adibite al trasporto. Il travaso avverrà con lausilio di ariacompressa. Le emissioni saranno prodotte al momento dello scarico dei materiali nei silida parte delle autocisterne di trasporto. L’aria in ingresso nei sili fuoriusciràsuperiormente attraverso uno sfiato provvisto di sistema di filtrazione a tessuto cheimpedisce il passaggio dei materiali travasati.La portata d’aria necessaria per ciascun silo sarà di 200 m3/h. La concentrazione mediadegli inquinanti, a monte dei filtri, sarà di 100 mg/m3. Le operazioni di caricoavverranno due volte al mese e dureranno indicativamente intorno alle due ore. Siavranno pertanto altri quattro punti di emissione in corrispondenza dei sili che vengonodenominati E2, E3, E4 e E5.7.3 STOCCAGGIO DEFINITIVOLo stoccaggio definitivo in oggetto viene classificato come una discarica per rifiutinon pericolosi nella quale verranno conferiti: • i rifiuti in uscita dalle linee di trattamento non destinati al recupero, eventualmente previo deposito temporaneo in cassoni scarrabili all’interno della stessa area di uscita rifiuti trattati; • i materiali inertizzati in uscita dalla linea fanghi palabili, previo deposito provvisorio per il completamento del processo di solidificazione. • i materiali direttamente avviabili allo stoccaggio definitivo ai sensi del D. Lgs n. 36 del 13 Gennaio 2003, art. 7: “Nelle discariche per i rifiuti non pericolosi possono essere ammessi i seguenti rifiuti: a) rifiuti urbani; b) rifiuti non pericolosi di qualsiasi altra origine che soddisfano i criteri di ammissione dei rifiuti previsti dalla normativa vigente; c) rifiuti pericolosi stabili e non reattivi che soddisfano i criteri di ammissione ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 33. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 33Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica previsti dal decreto di cui al comma 5.” I criteri i ammissibilità dei rifiuti in discarica sono fissati dal Decreto 13 marzo 2003.L’invaso verrà realizzato utilizzando la porzione di cava attualmente dismessa limitrofaall’area dove sorgerà l’impianto.Il volume totale disponibile dell’invaso (volume rifiuti+infrastrati+copertura finale) saràpari a circa 550.000 mc; considerando il volume di copertura finale di 50.000 mc e unvolume di rinterri pari al 10%, risulta una volumetria abbancabile netta di 450.000mc.Considerando un conferimento medio annuo di rifiuti pari a circa 100.000 ton/anno,e considerando un coefficiente di compattazione medio, tale da portare il peso specificodel rifiuto in discarica a 0,8 t/mc, si ottiene una capacità utile netta di 360.000tonnellate e conseguentemente una durata presunta della discarica di circa 3 anni emezzo.Di seguito si riassumono i principali dati dimensionali del progetto: Conformazione invaso Volume scavi 100.000 m3 Volume riporti 15.000 m3 Volume in accumulo 85.000 m3 Vasca di stoccaggio Volumetria abbancabile Lorda 550.000 m3 Volumetria abbancabile Netta 450.000 m3 Capacità Utile Netta 360.000 ton ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 34. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 34Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica7.4 Stoccaggio definitivo: Sistemi di prevenzione dell’inquinamentoIl sistema di prevenzione e riduzione dell’inquinamento previsto risponde a quantoprescritto dal Decreto Legislativo 13/01/2003, n. 36.Il progetto prevede le seguenti opere e infrastrutture di supporto:- impermeabilizzazione della vasca di abbancamento;- sistema di convogliamento e stoccaggio del percolato;- sistema di drenaggio e controllo delle acque meteoriche;- copertura finale;- infrastrutture e servizi generali.Oltre alle opere e strutture citate, il progetto tiene conto degli specifici condizionamentidi carattere morfologico, litologico e idrogeologico e delle caratteristicheclimatologiche della zona.La falda sottostante la discarica si trova ad una profondità superiore ai 30 m dalpiano compagna all’interno di una formazione di calcari e calcareniti.Tale barriera geologica naturale, contenendo uno o più livelli dolomitico-calcareipraticamente impermeabili, quando non fratturati, costituisce un’ottima protezionenaturale nei confronti di percolazioni verticali, ciò non di meno, verrà integrata da unabarriera artificiale conformata come si dirà di seguito.7.4.1 Opere di impermeabilizzazione delle vascheAl fine di garantire il completo isolamento delle acque profonde, circolanti nel substratogeologico di impostazione dell’impianto dai prodotti della degradazione dei rifiuti, siprevede di isolare il fondo e le sponde delle vasche con materiali impermeabili.Isolamento del fondoLa barriera naturale sarà integrata da un sistema di impermeabilizzazione artificiale ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 35. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 35Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicacostituito da • materiale argilloso compattato e rullato con permeabilità inferiore a 10-9 m/s ed uno spessore di 1,5 m; • geocomposito bentonitico; • geomembrana in polietilene ad alta densità (HDPE), dello spessore di 2 mm; • materiale arido dello spessore di 50 cm per: - proteggere il manto in HDPE dalla azioni degli afflussi meteorici, - isolare il manto in HDPE dall’insolazione; - salvaguardare l’impermeabilizzazione dalle sovrappressioni concentrate determinate dal transito degli automezzi dedicati alla coltivazione dell’invaso; - permettere un facile drenaggio del percolato; Detto materiale dovrà avere diversa granulometria: nella parte a contatto con il manto in HDPE sarà posizionato materiale a granulometria fine, mentre gli ultimi 10/15 cm dovranno essere costituiti da materiale a granulometria maggiore (5/10 cm) per garantire una ottimale funzione drenante.La presenza di una geomembrana sintetica sovrapposta al tappeto di argilla naturaleconferirà allinvolucro un grado di sicurezza elevatissimo, sia per la presenza deltappeto di argilla, sia per la notevole capacità impermeabilizzante della geomembrana,e, infine, per la massima resistenza dei rispettivi materiali alle aggressioni deicomponenti del percolato.Isolamento delle paretiL’impermeabilizzazione delle sponde, sarà costituita da: materiale argilloso compattato e rullato con permeabilità inferiore a 10-9 m/s ed uno spessore di 1,5 m; geocomposito bentonitico; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 36. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 36Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica geomembrana in polietilene ad alta densità, dello spessore di 2 mm; geotessile a protezione delle sponde.Sul perimetro delle sponde, a quota campagna, verrà realizzato l’ancoraggio dei manti.Il sistema di bloccaggio che verrà adottato - scavo a sezione trapezia riempito conmateriale arido – consentirà di fissare i teli senza logorarli, evitandone così lafessurazione e di conseguenza una eventuale perdita di tenuta, lasciandoli inoltre liberidi espandersi e ritrarsi al variare della temperatura ambientale.Il canale perimetrale così realizzato, una volta completato l’invaso, riceverà ipermeati provenienti dalla copertura della discarica e attraverso opportunependenze e una tubazione microfessurata in HDPE DN200 PN10, immersa nel materialearido, drenerà i permeati verso i due pozzi posti sul canale perimetrale esterno.Le sponde lungo il lato nord verranno sagomante con una pendenza di 35° (vedi Tav.12, allegata alla Relazione tecnica). Le sponde saranno realizzate parte “in scavo” eparte “in riporto” utilizzando il materiale proveniente dagli scavi effettuati durante lasagomatura dell’invaso.Una volta realizzate le sponde con la dovuta pendenza, le stesse verranno ricoperte dauno strato di 1,5 m di argilla rullata e compattata a strati non superiori ai 20 cm fino alraggiungimento dei valori stabiliti del coefficiente di permeabilità. Sopra largilla saràposto il geocomposto bentonitico, il manto in HDPE (mm 2) collegato mediantesaldatura a quello di fondo, e il geotessile di protezione.Sul lato sud/sud-est le sponde verranno realizzate “ad abete” con pendenza di 35°, ossiamediante la sovrapposizione di anelli troncoconici di argilla rivestita di HDPEposti uno sopra laltro.Tale soluzione prevede la continuità del manto di HDPE, ottenuta saldando ogni anelloal successivo.Questa tecnica è di realizzazione complessa e per i dettagli si rimanda a quanto dettonell’elaborato Relazione tecnica. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 37. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 37Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica7.4.2 Sistema di captazione del percolatoLa vasca di stoccaggio sarà suddivisa in tre settori idraulici indipendenti; ogni settoresarà provvisto di un punto di raccolta e sollevamento del percolato.Al di sopra del sistema di impermeabilizzazione del fondo della vasca verrà realizzato ilsistema di drenaggio del percolato atto a convogliare lo stesso ai tre punti di prelievostabiliti dove il percolato giungerà sfruttando la pendenza del fondo della vasca (~2%).Il sistema per ciascun settore sarà composto da una rete di tubazioni microfessurate inHDPE DN200 PN10 disposte lungo la linea di massima pendenza del fondo (Tav. 05,allegata alla Relazione tecnica) per favorire il drenaggio del percolato e convogliarlo airispettivi punti di prelievo.Le tubazioni sono poste all’interno di uno strato di ghiaia di spessore 50 cm confunzione di drenaggio e di protezione del sistema di impermeabilizzazione e ricoperteda uno strato di tessuto non tessuto per evitare il trascinamento di particelle fini chepotrebbero ostruire i fori.Il percolato prodotto all’interno di ciascun settore, drenato nel materasso di fondoe raccolto dalle tubazioni HDPE, verrà convogliato ai punti di prelievo posti nellazona più depressa di ogni settore realizzati con tubi in HDPE DN 800 PN10.I 3 pozzi di raccolta saranno disposti verticalmente; i dettagli costruttivi sonoillustrati nella tav. 14 allegata alla Relazione Tecnica e descritti di seguito.Il pozzetto è formato da anelli in calcestruzzo armato prefabbricati, disposti l’unosull’altro, rinfiancati dai rifiuti, che poggiano su un sistema di ancoraggio alla base dellavasca realizzato mediante un basamento in cls armato Φ 10/20 dello spessore di 0,3 minnestato nello strato di argilla di fondo.L’anello di base del pozzetto poggerà su 3 fogli in HDPE da 2mm sovrapposti, saldatisul sistema di impermeabilizzazione del fondo vasca, allo scopo di proteggere lo stessosistema di impermeabilizzazione da lacerazioni dovute a eventuali assestamenti.Lo scavo di alloggiamento del pozzetto verrà sagomato in maniera tale da evitare puntisingolari e conseguenti possibili lacerazioni dei teli.In ciascun pozzo verrà calata una elettropompa sommersa per il prelievo del percolato ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 38. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 38Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaed il relativo scarico in una tubazione HDPE DN150 PN6 installata in una canalettaprefabbricata in cls protetta da un grigliato, posata in corrispondenza dell’ancoraggiodei teli sintetici lungo il coronamento del bordo, che lo convoglierà direttamente allecisterne di stoccaggio.La pompa è prudenzialmente dimensionata per funzionare poche ore al giorno in caso diproduzione massima di percolato, ovvero per una portata di 10 l/s e una prevalenzasufficiente per il superamento del dislivello tra il fondo della vasca ed il bordosuperiore, più le predite di carico per il recapito alle cisterne di stoccaggio.La pompa è carrellata e posizionata sul fondo del tubo; viene recuperata permanutenzione mediante un arganello fissato alla testa del tubo; la mandata è costituitada una tubazione HDPE flessibile DN50 PN6.Il sistema di azionamento delle pompe è automatico, in modo da mantenereconstantemente ed automaticamente il livello massimo di percolato all’interno diogni pozzo di captazione inferiore a 1 m.7.4.3 Sistema di captazione del biogasLa tipologia dei rifiuti in programma di messa a dimora nel bacino di discarica (rifiutispeciali non pericolosi) induce a ritenere trascurabile la produzione attesa dibiogas.Ad ogni modo nello strato permeabile di ricopertura, al di sotto della strutturaimpermeabile verranno stese delle tubazioni in HDPE microfessurate DN150 PN6,con 50 m di interasse, con la funzione di drenare eventuali venute di biogas.La rete verrà collegata ad un gruppo di aspirazione e, previa separazione dellecondense, il biogas verrà bruciato in torcia.7.4.4 Opere di sistemazione finaleUna volta completato il volume disponibile per labbancamento dei rifiuti si provvederàalla chiusura dellimpianto realizzando le opere di sistemazione finale. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 39. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 39Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaTali opere consistono nella sistemazione, al di sopra dellultimo strato di rifiuti, di unacopertura costituita dalla combinazione di strati di differenti materiali, ciascuno deiquali assolve a precise funzioni.Il sistema multistrato adottato sarà costituito nelle sue parti essenziali, dal basso versol’alto, da: • Strato di regolarizzazione • Strato di materiale permeabile dello spessore minimo di 0,50 m; • geocomposito bentonitico; • strato di materiale permeabile 0,50 m; • strato di terreno agricolo 0,70 m; • strato di terreno vegetale 0,30 m.In ultimo saranno eseguiti gli interventi di inerbimento e di piantumazione di essenzevegetali autoctone anche con cespugli a macchia, in accordo con le caratteristichemorfologiche e climatiche e con la distribuzione e tipologia delle specie vegetali locali.All’interno dello strato permeabile è posta una rete di raccolta dell’acqua di pioggiapermeata nello strato di terreno.Le funzioni che il sistema multistrato dovrà assolvere sono:− prevenire linfiltrazione delle acque meteoriche allinterno dellammasso riducendo (fino ad annullare) la formazione e la produzione del percolato;− prevenire la fuoriuscita di contaminanti a seguito di fenomeni di diffusione capillare attraverso il terreno soprastante;− consentire il recupero dellarea e la sua reintegrazione paesaggistica mediante interventi di sistemazione;− prevenire i fenomeni di erosione ad opera degli agenti atmosferici.Inoltre il sistema dovrà essere costituito in modo da: ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 40. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 40Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica− garantire i requisiti di cui sopra in relazione alle differenti condizioni meteo- climatiche (gelo, aridità, escursioni di temperatura, piogge intense, etc.);− garantire la sua funzionalità in relazione alla deformabilità dellammasso dei rifiuti ed alle condizioni di stabilità del sito.A monte della posa in opera degli strati suddetti si procederà a regolarizzare laconformazione superficiale della discarica in modo da rispettare landamento plano-altimetrico stabilito nel progetto.Dopo aver operato una prima ricopertura dellammasso con materiale permeabile,viene messo in posto il sistema sigillante.La scelta del materiale da utilizzare per lisolamento si è basata su diversi fattori:a) disponibilità e costo dei materiali;b) funzioni richieste alle opere di impermeabilizzazione;c) condizioni climatiche ed idrogeologiche della zona;d) adattabilità ai cedimenti.Sistemazione vegetaleSarà realizzata la sistemazione di formazioni vegetali, tendenti a ricreare le condizioniambientali originali, evitando il ripristino di specie estranee.Le tecniche impiegate per la realizzazione di quest’ultimo strato sono quelledellingegneria naturalistica in accordo con gli interventi di risistemazione morfologicae di regimazione delle acque superficiali.Lo scopo assolto dall’elemento “copertura vegetale” è sia di ordine estetico che tecnico.Il primo consente di reinserire, in maniera armonica, la zona compromessa allinternodel paesaggio circostante; il secondo di preservare dallerosione operata dal vento edalle acque il sistema di copertura, di massimizzare levapotraspirazione dellacquapresente nello strato superficiale e di aumentare la stabilità del suolo.I manti erbosi ed i cespugli che verranno impiantati garantiranno la prevenzionedell’erosione; infatti la vegetazione sviluppa un sistema radicale fitto e di breve ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 41. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 41Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaestensione che è più efficace di quella che presenta radici rade e di lunga estensione.Lo strato di copertura superficiale servirà anche ad immagazzinare lacqua e le sostanzenutritive necessarie alla vita del manto vegetale; nel contempo protegge il sottostantesistema sigillante dai danni derivati dal gelo, da azioni meccaniche o da carichiinsistenti sulla superficie esterna.7.4.5 Sistema di regimazione delle acque meteoricheIn seguito agli afflussi meteorici parte delle acque cadute sulla superficie esternaall’invaso potrebbero confluire all’interno dell’impianto, allo scopo di intercettare taliruscellamenti superficiali sarà realizzato un canale di guardia perimetrale.Un secondo canale di guardia interno verrà realizzato per garantire una correttaregimazione degli afflussi meteorici piovuti sulla superficie della discarica ed evitarne ilristagno sulla copertura.Analogamente a quanto effettuato per il dimensionamento della rete di raccolta delpercolato in favore della sicurezza il dimensionamento del canale di guardia interno èstato effettuato nelle condizioni più gravose.Per il dimensionamento di tale rete si rimanda all’elaborato A/01 - Relazione Tecnica.La portata calcolata viene agevolmente smaltita mediante canali a superficie liberacostituiti da mezzi tubi in cls, a sezione semicircolare, con raggio geometrico pari a 0,40m e pendenza dello 0,2%.I mezzi tubi saranno allettati in uno scavo profondo circa 0,50 m su uno strato di clsmagro con spessore medio 0,10 m.Le acque raccolte saranno indirizzate ai due pozzetti di raccolta previsti ed immesse inseguito nella rete fognaria delle acque bianche addotte al torrente Cavallaro.Nella posa in opera del sistema di copertura finale saranno conferite a questo opportunependenze, al fine di consentire lallontanamento delle acque drenate fuori dellareaincapsulata.Ciò sarà garantito dall’allettamento all’interno del materiale drenante di copertura di ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 42. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 42Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicauna rete di drenaggio adducente al canale precedentemente dimensionato.7.4.6 Sistemi di sicurezzaNel Piano di gestione operativa allegato al progetto, redatto secondo le prescrizioniimpartite dal Decreto Legislativo 13/01/2003, n. 36, pubblicato sulla G.U. n. 59 del13/3/2003, che ha recepito la direttiva 99/31/CE sono riportate in dettaglio tutte leprocedure di gestione prevedendo anche quelle da attuare in caso di eventistraordinari, malfunzionamenti ed incidenti. Le condizioni considerate sono state leseguenti: - sviluppo di incendi, - esplosioni, - raggiungimento dei livelli di guardia di indicatori di contaminazione, - sversamento accidentale dei rifiuti dagli automezzi di trasporto sulle aree e sulle piste di servizio, - eventuali rotture del sistema di impermeabilizzazione, - fuoriuscita di percolato dal sistema di impermeabilizzazione della zona di smaltimento e durante le operazioni di allacciamento alle autobotti, - cedimenti e/o franamento del materiale smaltito e del terreno di copertura finale.7.4.7 IncendiLe cautele da osservare nella fase di gestione per scongiurare il pericolo di incendio enel caso provvedere all’estinzione, possono riassumersi nelle seguenti: − nella fase di costruzione e in quella di gestione occorrerà costantemente recidere ogni forma di vegetazione sia nella zona limitrofa alla zona di scarico, sia al di fuori della recinzione in modo da scongiurare il propagarsi di eventuali incendi dall’esterno verso l’interno e viceversa; − all’interno dell’area di discarica devono essere previste delle riserve di terra da ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 43. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 43Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica utilizzare nelle operazioni di spegnimento degli eventuali incendi realizzando il ricoprimento della zona interessata; − nei magazzini devono essere tenuti indumenti antincendio quali tute termiche, dispositivi quali estintori, maschere antigas, vestiari appropriati per la manutenzione, nonché una motopompa dotata di almeno di 350 m di manichetta con apposita lancia.7.4.8 EsplosioniIl rischio di esplosione è praticamente nullo vista l’assenza di residui detonanti osuscettibili di provocare, isolatamente o in contatto con altri rifiuti, l’emanazione di gaso miscele esplosive.Inoltre, non venendo smaltiti rifiuti che permettono l’innescarsi di fenomeni difermentazione anaerobica nell’ammasso, non si avrà formazione di biogas e quindi ilsuo accumulo all’interno dell’abbancamento con rischi di esplosione.7.4.9 Raggiungimento dei livelli di guardia di indicatori di contaminazione;Con frequenza semestrale la ASL di competenza, dietro presentazione dell’appositadocumentazione, effettuerà campionamenti ed analisi per la determinazione deiparametri di cui alla tabella 3, allegato 5 alla parte terza del D. Lgs. 152/06.I risultati di ciascuna delle analisi saranno sottoposte alla Direzione della società dalDirettore Tecnico e confrontati con i risultati delle analisi precedenti.Nel caso in cui venissero riscontrati valori superiori ai limiti prescritti dalla leggesarà interrotto il conferimento dei rifiuti in discarica e verificato lo stato del telo diprotezione per individuare eventuali lesioni allo stesso ed interveniresollecitamente al ripristino. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 44. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 44Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica7.4.10 Sversamento accidentale nelle aree di servizio dell’impiantoPremesso che tutte le zone adibite al transito dei mezzi di conferimento, suscettibili dieventuali cadute di materiale, sono asfaltate e sempre sotto il diretto controllo delpersonale di servizio e che i tratti stradali da percorrere sono brevi e negli stessi lavelocità è obbligatoriamente limitata (un’apposita segnaletica all’interno dell’impiantodefinisce i percorsi dei mezzi e la loro velocità massima), l’incidente nell’area diimpianto costituisce un evento la cui probabilità di accadimento può ritenersiinsignificante.Nel caso comunque in cui si verifichi un incidente ad un automezzo mentre percorre laviabilità interna, verrà bloccato l’accesso all’impianto a tutti i mezzi e la Direzionedell’impianto organizzerà il recupero dei materiali sversati, isolando subito l’areainteressata e trasferendo i materiali stessi nella zona di abbancamento, utilizzando imezzi d’opera dell’impianto.Si avrà cura di accertare che nessun livello di contaminazione residua permanga nelterreno coinvolto.Gli eventuali liquidi di risulta dalle operazioni di pulizia saranno raccolti e captati conappositi materiali adsorbenti che si procederà successivamente a conferire in discarica.Si provvederà infine al lavaggio degli automezzi interessati dall’incidente.7.4.11 Eventuali rotture del sistema di impermeabilizzazioneConsiderato il sistema di isolamento adottato, è evidente che un normale incidente cheporti alla rottura del primo strato di impermeabilizzazione non può provocare alcunaripercussione sulla falda idrica in quanto interviene immediatamente lo stratoimpermeabile sottostante.Un impatto sulla falda si può verificare solo in caso di un incidente catastrofico,estremamente improbabile, che porti alla rottura del telo in HDPE e dell’altrettantocontemporaneo attraversamento dello strato in argilla per 1,5 m di spessore. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 45. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 45Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaIl sistema di impermeabilizzazione, i controlli sui materiali, le modalità di posa inopera e di giunzione, i controlli in corso d’opera previsti sono tali da escluderesituazioni di fragilità delle superfici impermeabilizzanti.Tutto ciò premesso l’obiettivo della salvaguardia delle risorse idriche nella fase digestione dell’impianto di smaltimento è incentrato sulla possibilità di realizzare unsistema di allarme tempestivo. Tale sistema, descritto nel Piano di Monitoraggio econtrollo, è rappresentato dai pozzi a monte e a valle dell’impianto rispetto alladirezione della falda acquifera all’interno dei quali saranno installate delle sonde.Verrà effettuato il monitoraggio, rispetto ad un discreto numero di parametri, adintervalli regolari di tempo, per verificare le possibili evoluzioni rispetto allo standardnoto.Ogni discordanza rispetto ai valori “normali” risulterà come anomalia e dovrà generarel’input a verificare nel dettaglio le origini dell’evento e, quindi, le eventuali procedureda attivare.Nonostante quanto precedentemente considerato porti ad escludere qualsiasiripercussione sulla falda idrica, anche in corrispondenza di una eventuale rottura delsistema di impermeabilizzazione, si è comunque voluto affrontare il caso di un incidentegravissimo ed estremamente improbabile, che avvenga nella fase di eserciziodell’impianto.A fronte di un simile improbabile incidente, si intende attuare il piano di interventoche prevede le seguenti operazioni successive: - interruzione del conferimento dei rifiuti; - individuazione dell’area potenzialmente generatrice del fenomeno di inquinamento. Tale attività verrà svolta applicando specifici modelli di dispersione che saranno messi a punto preventivamente. In particolare saranno impiegati modelli HELP per la determinazione del tasso di fuoriuscita del percolato dalla barriera di fondo, i modelli MODFLOW per la determinazione del campo di flusso, MT3D per la determinazione delle caratteristiche del ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 46. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 46Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica trasporto di massa nella falda idrica. In alternativa all’impiego di modelli si potrà determinare l’area potenzialmente generatrice dell’evento contaminato utilizzando sistemi geoelettrici come ad esempio la tomografia elettrica dipolare, metodo di indagine “indiretto”, che studia, come tutti i metodi geoelettrici, le variazioni di resistività nel sottosuolo attraverso le modificazioni che queste provocano nei campi elettrici, provocati o naturali, sulla superficie terrestre; - asporto i rifiuti abbancati nella nell’area inquinata e sistemazione degli stessi all’interno dello stoccaggio, in aree comunque impermeabilizzate.; - intervento sulla impermeabilizzazione artificiale e naturale e ripristino della continuità dell’impermeabilizzazione; - riassetto sul fondo della rete di captazione del percolato; - collaudo dell’intervento; - ricollocazione dei rifiuti nel settore; - verifica mediante frequenti controlli della qualità dell’acqua in corrispondenza dei piezometri; - eventuale realizzazione di pozzi di spurgo per l’emungimento dell’acqua, in caso di rilevamento di inquinanti nell’acqua della falda sotterranea, e avvio al trattamento.7.4.12 Malfunzionamento del sistema di raccolta del percolato ed eventuali fuoriuscite dello stessoI malfunzionamenti dei sistemi di raccolta del percolato ed il rischio di eventualifuoriuscite dello stesso possono essere connessi a:- rotture delle elettropompe;- intasamento delle tubazioni;- perdita delle tubazioni nei punti di giunzione e di innesto idraulico;- sversamento durante la fase di carico nelle autobotti; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 47. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 47Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaPer quanto riguarda i primi tre punti si rileva che:- ai guasti gravi di una elettropompa la Direzione porrà rimedio sostituendo la stessa con analogo dispositivo di riserva;- l’intasamento e la perdita dalle tubazioni vengono prevenuti mediante frequenti manutenzioni ordinarie delle stesse;- lo svolgimento delle operazioni di pompaggio sarà sempre presidiato a vista da un addetto pronto a disinserire le pompe in caso di situazione anomala.- Per quanto riguarda l’eventuale sversamento del percolato durante la fase di carico nelle autobotti si rileva che questa operazione andrà effettuata in un’apposita area realizzata in cemento addittivato per aumentare l’impermeabilizzazione dello stesso. Pertanto a fronte di eventuali sversamenti sarà compito della Direzione se necessario, prelevare lo sversato dai pozzetti e raccoglierlo per avviarlo all’opportuno smaltimento.7.4.13 Cedimenti e franamenti del materiale smaltitoI cedimenti differenziali del materiale posto a dimora possono essere provocati daoperazioni di stesa e compattamento eseguiti nonché dalle caratteristiche geotecnichedel materiale smaltito.Le conseguenze di cedimenti differenziali o di franamenti sono l’instaurarsi dicondizioni di pericolo per gli addetti al cantiere e la rottura dello strato di terreno diricoprimento con il conseguente formarsi di vie preferenziali per il deflusso delle acquemeteoriche.E’ lecito ritenere che i cedimenti che si possono avere nella vasca di stoccaggiorisultino contenuti e tali da non creare problemi alle coperture.Per quanto riguarda infine il pericolo di franamenti, la copertura finale dell’invaso èstata progettata con un’inclinazione di 30° che risulta ampiamente cautelativa nei ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 48. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 48Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaconfronti del fattore di sicurezza previsto dalla normativa vigente.Al momento in cui si rileveranno cedimenti nel corpo dell’abbancamento sarà prima ditutto necessario verificarne l’origine, conseguentemente si dovrà effettuarne la misurain modo da verificare se essi siano da ritenere congruenti con quanto previsto in sedeprogettuale.In ogni caso si dovrà intervenire per arrestare il fenomeno in atto agendo sulle cause chelo hanno generato, nonché ad annullare gli effetti e le eventuali tensioni che potrebbeavere provocato.Durante questa attività lo scarico dei rifiuti dovrà essere arrestato almeno per unintorno significativo dell’area interessata.Esclusivamente quando si sarà certi di aver arrestato il fenomeno e sanato ogni equalsiasi evento dallo stesso innescato si potrà riprendere l’attività.7.4.14 Controllo sulla qualità delle acqueIl principale impatto producibile da una discarica è legato alla sua potenzialità dicontaminazione delle acque di falda e superficiali attraverso il percolato.La falda sottostante la discarica si trova ad una profondità superiore ai 30 m dalpiano compagna all’interno di una formazione di calcari e calcareniti.Tale barriera geologica naturale, contenendo uno o più livelli dolomitico-calcareipraticamente impermeabili, quando non fratturati, costituisce un’ottima protezionenaturale nei confronti di percolazioni verticali, ciò non di meno, verrà integrata da unabarriera artificiale.È stata realizzata inoltre un’efficace separazione tra acque esterne ed acque internedella discarica.Per le acque esterne sono stati previsti dei canali perimetrali che intercettano ilruscellamento delle aree adiacenti. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 49. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 49Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaIn base a quanto stabilito dal D. Lgs. 36/03 le canalizzazioni per l’allontanamento delleacque meteoriche del perimetro della discarica sono state dimensionate sulla base dellepiogge più intense con tempo di ritorno di 10 anni.La captazione del percolato è stata realizzata attraverso una rete di raccolta, chepermette il convogliamento delle acque “nere” in tre pozzi di raccolta posti nei settoripiù depressi dell’invaso.La rete di raccolta è stata immersa nello strato di terreno permeabile, disposto sul fondodella discarica al di sopra dei teli impermeabili, in apposite trincee. Tale rete è costituitada un sistema drenante di tubi forati in HDPE.La rete di recapito dell’eluato termina nei pozzetti da dove l’eluato viene prelevato peressere inviato ad un impianto di depurazione esterno debitamente autorizzato.A tutti questi sistemi di sicurezza e controllo è stata aggiunta una rete per ilmonitoraggio costituita da 6 pozzi, realizzati a norma di legge, posizionati comerilevabile negli allegati grafici.I parametri analizzati saranno i seguenti: - pH; - durezza totale; - residuo fisso; - ammoniaca; - nitriti; - nitrati; - cloruri; - solfati; - fosfati; - metalli pesanti. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 50. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 50Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaLe metodiche di analisi saranno quelle IRSA-CNR.Le frequenze di analisi sono riportate nella seguente tabella: Tabella 2 - Frequenze di analisi Frequenza ResponsabilePrelievo e analisi di campioni da pozzetti per Semestrale ASL di competenzacontrollo qualità acque di faldaPrelievo e analisi di campioni da pozzetti per Semestrale Direzione Tecnicacontrollo qualità acque di faldaControllo volumi dei rifiuti (acque di lavaggio,acque di prima pioggia, fanghi biologici) collocati Semestrale Direzione Tecnicain deposito temporaneoMonitoraggio qualità acque di percolato:prelevamento campioni dalla vasca di accumulo e Semestrale Direzione Tecnicarichiesta di esecuzione analisi a laboratorioesternoProve di tenuta vasche Imhoff Semestrale Direzione TecnicaQualora si riscontrassero valori dissimili dalla norma, ovvero dalle caratteristiche delleacque preesistenti alla installazione dell’impianto, e una volta accertato che talivariazioni sono riconducibili all’impianto in oggetto, avverrà l’arresto dei conferimentie la verifica dello stato del telo di protezione così da individuare eventuali lesioni allostesso ed intervenire prontamente.Si ricorda poi, così come riportato nel piano di gestione post-operativa, che, dopo lachiusura dell’impianto, la DELTA PETROLI S.p.A. eseguirà periodicamente leseguenti operazioni sempre per il controllo di potenziali inquinamenti nei confrontidell’ambiente idrico: - accerterà giornalmente l’efficienza delle reti di captazione del percolato, dei servizi accessori quali elettropompa, tubi di mandata del percolato alla cisterna, ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 51. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 51Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica vasca di contenimento delle cisterne, e dell’impianto di monitoraggio, provvedendo alle manutenzioni e, se necessario, agli interventi di riparazione; dovrà accertare che le reti ed i servizi continuino a svolgere la funzione loro assegnata, eseguendo le dovute manutenzioni e, se necessario, effettuando le idonee sostituzioni; - effettuerà giornalmente gli spurghi del percolato fintanto che risulterà presente, avviandolo con continuità al trattamento; conseguentemente verrà mantenuta costante registrazione non solo dei quantitativi, ma soprattutto della sua qualità per accertarne l’evoluzione. Come è noto infatti la qualità del percolato varia con l’età dell’abbancamento, così che questo specifico elemento diviene un preciso indicatore dell’evolversi del processo di mineralizzazione dei rifiuti abbancati; - controllerà lo stato di conservazione delle opere di tenuta e di impermeabilizzazione del bacino della discarica. Qualora venissero rilevate condizioni di rischio ovvero dalle analisi risultasse l’esistenza di contaminazione si opererà nel modo precedentemente descritto; - saranno svolte con cadenza semestrale, verifiche della continuità del manto artificiale di impermeabilizzazione in HDPE posto al di sopra dello strato di argilla mediante la procedura della tomografia elettrica dipolare precedentemente descritta.7.4.15 Controllo sulla qualità dell’ariaUno scarico controllato può produrre effetti alla qualità dell’aria a seguito delladispersione dei materiali leggeri e della polvere, lo sviluppo di insetti ed il pericolo diincendi.Per evitare che materiali leggeri vengano trasportati dal vento, durante le operazioni discarico e sistemazione dei rifiuti la disposizione e la direzione di avanzamento delfronte di accumulo saranno determinate in funzione dei venti prevalenti. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 52. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 52Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaNei periodi asciutti si provvederà all’innaffiamento delle strade di servizio e in generaledelle aree di transito dei mezzi meccanici per ridurre il sollevarsi di polvere.Si provvederà, inoltre, ad una programmazione degli scarichi per evitare un trafficoeccessivo di mezzi in particolari orari della giornata e per favorire il lavoro gestionalenell’impianto.Avvalendosi di un impianto mobile di rilevamento, verranno periodicamente svolteanalisi e rilevazioni (due rilevamenti per ogni semestre) in grado di evidenziareeventuali variazioni o anomalie della qualità dell’aria, direttamente imputabiliall’attività dell’impianto.I laboratori mobili sono mezzi forniti di apparecchiature che permettono di effettuare ilmonitoraggio di diversi inquinanti atmosferici (CO, NOx, O3).Sono dotati inoltre di sensori meteoclimatici (per la misura della temperatura, dellapressione, dell’umidità relativa, della velocità del vento, della radiazione solare e delleprecipitazioni).Durante le campagne di monitoraggio andranno investigati i seguenti parametri: - SO2 - Biossido di zolfo - Monossido di carbonio - Ozono - Polveri ad alto volume PM10 (granulometria < 10 m ) - Polveri totali sospese su base oraria - Polveri gravimetriche su base di 24 ore - Ossidi di azoto - Idrocarburi volatili (composti organici volatili) - Idrocarburi totali - Temperatura aria - Umidità relativa aria - Velocità vento - Direzione vento ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 53. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 53Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica - Radiazione solare totale - Radiazione netta - Pressione atmosferica - Piovosità7.4.16 Controllo sui cedimentiLa morfologia complessiva dell’abbancamento sarà tenuta sotto controllo con lo scopodi accettare il mantenimento dei profili e delle quote stabilite nel progetto approvato.I cedimenti differenziali del materiale posto a dimora possono essere provocati dalleoperazioni di stesa e compattamento nonché dalle caratteristiche geotecniche delmateriale smaltito.Le conseguenze di cedimenti differenziali o di franamenti sono l’instaurarsi dicondizioni di pericolo per gli addetti al cantiere e la rottura dello strato di terreno diricoprimento con il conseguente formarsi di vie preferenziali per il deflusso delle acquemeteoriche.E’ lecito ritenere che, date le specifiche caratteristiche dei rifiuti trattati, i cedimenti chesi potranno avere nella vasca di stoccaggio risulteranno estremamente contenuti e tali danon creare problemi alle coperture.Al momento in cui si rileveranno cedimenti nel corpo dell’abbancamento sarà prima ditutto necessario verificarne l’origine, conseguentemente si dovrà effettuarne la misurain modo da verificare se essi siano da ritenere congruenti con quanto previsto in sedeprogettuale.In ogni caso si dovrà intervenire per arrestare il fenomeno in atto agendo sulle cause chelo hanno generato, nonché ad annullare gli effetti e le eventuali tensioni che potrebbeavere provocato.Saranno verificate le quote e le pendenze dell’invaso, in relazione ai movimenti diassestamento. Per questa attività sarà fissato un caposaldo sul piazzale. Verranno poiposizionati una serie di postazioni fisse sul corpo dell’abbancamento e sulle principalireti di drenaggio per effettuare con cadenza mensile la misura delle loro quote ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 54. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 54Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaaccertando il mantenimento di quelle di progetto. Periodicamente (settimanalmente)verrà percorsa tutta l’area con lo scopo di verificare l’esistenza di eventuali cedimenti.Al riconoscimento seguirà il rilievo con postazioni mobili. Delle rilevazioni congiuntesi terrà un accurata registrazione per testimoniare l’evolversi del fenomeno. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 55. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 55Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica8 ANALISI DEGLI IMPATTI E MISURE DI CONTENIMENTO8.1 AtmosferaDurante la fase di cantiere, in considerazione delle opere da realizzare e dei movimentidi terra per gli sbancamenti previsti, saranno necessari mezzi pesanti che produrrannouna discreta quantità di polveri.Per contenere tale fenomeno all’interno dell’area di intervento saranno realizzati deipannelli di schermatura lungo il perimetro della stessa.Durante la gestione del centro, l’impatto sulla componente atmosfera può essereconnesso all’emissione di polveri in ambiente esterno, legata alle fasi di scarico deirifiuti.La movimentazione dei rifiuti al di fuori dei loro contenitori di stoccaggio avverràesclusivamente nell’edificio trattamento e recupero. In particolare, per quantoriguarda i rifiuti solidi, questi verranno trasportati nell’area conferimento all’interno delloro contenitore. Di qui verranno prelevati da un carrello e immessi al relativotrattamento (triturazione, disassemblaggio, pressatura, ecc.).L’esperienza dimostra che la movimentazione e i vari trattamenti cui sono sottoposti irifiuti causano un’atmosfera polverosa, con punti di maggiore concentrazione quali adesempio le tramogge di carico e i punti di scarico dei nastri trasportatori.Un altro aspetto da considerare è il problema degli odori, causati essenzialmente daicomposti organici e dai fanghi. Nel caso in esame, i primi saranno praticamente assenti,mentre i secondi saranno conservati in contenitori a tenuta, che verranno aperti soloall’interno dell’edificio.Per mantenere perciò un ambiente di lavoro salubre, sarà necessario provvedere ad uncostante ricambio dell’aria. Sulla base dell’esperienza acquisita in impianti analoghi si èvisto che il numero di ricambi aria per ora necessario allo scopo è intorno a tre.L’aria estratta dall’edificio conterrà pertanto polveri, mentre blanda sarà la presenza diodori molesti; in ogni caso non sarà idonea ad essere immessa direttamente in atmosfera ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 56. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 56Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicama dovrà essere preliminarmente trattata.Come detto sopra, si avrà una maggiore produzione di polveri in determinati puntidell’impianto. In corrispondenza di questi andrà prevista un’aspirazione localizzata permezzo di cappe. D’altra parte occorrerà assicurare i suddetti tre ricambi d’aria ogni orae quindi, poichè le aspirazioni localizzate non sono in numero congruo per assicurareuna estrazione senza punti di ristagno, per ottenere ciò occorrerà affiancare a questealtre bocchette di aspirazione.Il sistema di aspirazione all’interno dell’edificio sarà pertanto costituito da due circuitiseparati: uno sarà quello delle aspirazioni localizzate, l’altro sarà quellodell’aspirazione distribuita.Il circuito delle aspirazioni localizzate sarà composto da 13 cappe posizionate neipunti ritenuti a maggiore produzione di polveri. Queste saranno collegate ad un sistemadi canalizzazioni mantenuto in depressione da un ventilatore centrifugo, che prevede amonte un filtro a tessuto, e a valle una torre di lavaggio (scrubber), il cui condotto diuscita verrà collegato alla camera d’aria del biofiltro comune ai due sistemi diaspirazione, per l’abbattimento dell’eventuale carico di odori.Il circuito di aspirazione distribuita presenterà un carico di polveri nettamenteinferiore a quello del circuito delle cappe. Sono stati previsti due sistemi dicanalizzazioni separati, uno per il locale trattamento solidi/liquidi e l’altro per il localeinertizzazione, costituiti rispettivamente da 13 e 20 bocchette e mantenuti indepressione da due ventilatori centrifughi, a valle di ciascuno dei quali è prevista unatorre di lavaggio (scrubber) il cui condotto di uscita verrà collegato alla camera d’ariadel biofiltro.Il sistema di aspirazione è stato così congegnato per dare la massima flessibilità delsistema: durante il turno di lavorazione sarà possibile azionare uno solo dei dueventilatori destinati all’aspirazione distribuita, a seconda del locale impegnato; fuori dalturno di lavorazione verrà spento completamente il ventilatore del circuito localizzate,mentre i due ventilatori, azionati al minimo di potenza, manterranno i locali indepressione. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 57. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 57Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaLa portata d’aria estratta per mezzo del circuito delle aspirazioni localizzate sarà di26.000 m3/h, pertanto il filtro a maniche, il ventilatore e lo scrubber dovranno esseredimensionati sulla base di questo valore.Dal circuito delle aspirazioni distribuite si estrarranno 38.000 m3/h di aria dal localetrattamento solidi/liquidi e 35.000 m3/h di aria dal locale inertizzazione. Ne consegueche i due ventilatori dovranno avere una portata di 38.000 m3/h e 35.000 m3/hrispettivamente, così come le due torri.Le acque di abbattimento raccolte sul fondo delle tre torri di lavaggio verranno inviatenella vasca di accumulo delle acque nere e di processo per essere sottoposte al processodi depurazione.La concentrazione media degli inquinanti, in mancanza di misurazioni dirette cheeventualmente potranno effettuarsi durante il funzionamento dell’impianto, si puòfissare, a monte dei sistemi di trattamento, in 150 mg/m3 per le aspirazioni localizzate e30 mg/m3 per quelle distribuite.Le emissioni saranno coincidenti con il turno di lavoro e pertanto dureranno 8 oreal giorno per 300 giorni l’anno.All’uscita dalle torri di lavaggio, sarà presente, come detto, il biofiltro che avràun’estensione di circa 825 mq. Questo punto di emissione viene denominato E1.Esistono poi altri punti di emissione, in corrispondenza dei sili di stoccaggio deimateriali inertizzanti. Il loro carico verrà effettuato mediante condotti che verrannocollegati alle autocisterne adibite al trasporto. Il travaso avverrà con lausilio di ariacompressa. Le emissioni saranno prodotte al momento dello scarico dei materiali nei silida parte delle autocisterne di trasporto. L’aria in ingresso nei sili fuoriusciràsuperiormente attraverso uno sfiato provvisto di sistema di filtrazione a tessuto cheimpedisce il passaggio dei materiali travasati.La portata d’aria necessaria per ciascun silo sarà di 200 m3/h.La concentrazione media degli inquinanti, a monte dei filtri, sarà di 100 mg/m3.Le operazioni di carico avverranno due volte al mese e dureranno indicativamenteintorno alle due ore. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 58. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 58Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaSi avranno pertanto altri quattro punti di emissione in corrispondenza dei sili chevengono denominati E2, E3, E4 e E5.Per gli inquinanti in uscita dai punti di emissione in atmosfera (E1/5) sarannorispettati i limiti imposti dalla Determina n. 120 del 23 marzo 2005 della RegionePuglia, riportati di seguito: Tabella 3 - Limiti di emissione in atmosfera Punti di Provenienza Inquinante Concentrazion emissione e mg/Nmc E1-A Edificio trattamento e recupero Polveri 2,25 Sostanze 3 organiche E1-B Locale trattamento Polveri 4,5 solidi/liquidi Sostanze 0,5 organiche E1-C Locale inertizzazione Polveri 4,5 Sostanze 0,5 organiche E2/5 Sili reagenti in polvere Polveri 5TemperaturaLa temperatura delleffluente proveniente dalle fasi di lavorazione sarà sostanzialmentequella ambiente, in quanto la portata aspirata dal sistema di captazione è praticamentecostituita da aria ambiente.Tempi per il raggiungimento del regime e per linterruzione dellesercizioImmediati.Tempi per la cessazione delle emissioniImmediati. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 59. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 59Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica8.2 AMBIENTE IDRICONella fase di cantiere non si prevedono impatti sull’ambiente idrico in quanto le operepreviste: • non produrranno modifiche allo scorrimento dei corsi d’acqua superficiali; • non produrranno modifiche qualitative o quantitative dei corsi d’acqua superficiali.Nella fase di esercizio gli impatti ascrivibili possono essere relativi agli effluentiliquidi ed al drenaggio delle acque meteoriche ricadenti sull’area.Acque prodotte dalle attività di stabilimento • acque reflue originate dai servizi igienici • acque di lavaggio delle aree interne • percolato proveniente dalle vasche di stoccaggio definitivo • acque di lavaggio automezziAcque di origine meteorica • acque raccolte dai piazzali • acque provenienti dalle coperture degli edifici • acque provenienti dalla copertura dello stoccaggio definitivoLe acque reflue originate dai servizi igienici, dovute alla presenza del personale cheopererà presso lo stabilimento (mensa interna, pulizia del personale operativo, ecc.),verranno scaricate entro apposito pozzetto da circa 2,5 m3 e convogliate al pozzetto diaccumulo delle acque nere e di processo da circa 6 m3.Le acque reflue provenienti dal lavaggio delle aree interne al capannone, verrannoraccolte da apposita rete di drenaggio costituita da pozzetti dotati di griglie, verso i qualile acque confluiranno grazie alle pendenze assegnate alla pavimentazione. Una rete ditubazioni interrate in PEAD conferirà le acque così raccolte al pozzetto delle acque nereper il loro successivo invio alle cisterne di accumulo. Alle stesse cisterne viene ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 60. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 60Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicarecapitato il percolato prodotto nelle vasche di stoccaggio definitivo.L’accumulo dei percolati e delle acque di lavaggio, è costituito da quattro cisterne da55 m3 in acciaio, inserite in una apposita vasca di contenimento in calcestruzzoarmato.Le acque di lavaggio automezzi verranno raccolte in un apposito pozzetto posto inprossimità dell’area interessata, e da questo inviate al pozzo di raccolta acque nere e diprocesso per mezzo di idonea tubazione.Le acque di origine meteorica provenienti dalle coperture del capannone, edall’edificio servizi, saranno raccolte dalle grondaie e dai discendenti in appositipozzetti ed immesse nella rete fognaria delle acque bianche addotte al torrenteCavallaro.Le acque meteoriche provenienti dai piazzali, verranno raccolte in pozzetti grigliatifacenti parte di una rete di condotte interrate che porterà l’acqua raccolta nella vasca diprima pioggia. Questa è una vasca in calcestruzzo armato interrata, avente capacità taleda poter segregare una quantità di acqua pari ai primi 15 minuti di pioggia. Talequantità è fissata usualmente in 5 mm distribuiti su tutta la pavimentazione. Nel caso inesame la pavimentazione interessata ha una superficie di 12.000 mq circa. Ne consegueche la vasca dovrà avere una capacità pari a 60 m3.Le acque raccolte dalla rete e convogliate alla vasca, non accederanno direttamente allavasca ma verranno addotte a una cameretta di calma, realizzata a lato della stessa vasca,dalla quale stramazzeranno nella vasca di raccolta vera e propria. Lo stramazzo saràintercettabile a mezzo di una paratoia motorizzata. Al proseguire della precipitazione illivello dell’acqua contenuta nella vasca salirà fintanto che non sarà raggiunto il livellocorrispondente al volume di prima pioggia.Al raggiungimento di detto livello l’interruttore di alto livello comanderà in chiusura laparatoia motorizzata segregando così le acque di prima pioggia, le quali verrannoinviate alle cisterne di stoccaggio entro le 48 ore successive, quando il volume dellavasca dovrà essere di nuovo a disposizione. Alla fine della fase di evacuazione, lapompa di sollevamento verrà bloccata su segnalazione del sensore di basso livello. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 61. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 61Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaSe la precipitazione sarà superiore a 15 minuti, il livello nella cameretta separata dicalma salirà ulteriormente finchè non raggiungerà la tubazione di sfioro nella rete delleacque chiare, installata anch’essa nella camera di calma. Il diametro della tubazione disfioro è uguale a quello della tubazione di adduzione.La paratoia motorizzata verrà riaperta su comando manuale al cessare della pioggia perun tempo superiore alle 48 ore.Le acque meteoriche di seconda pioggia verranno addotte, tramite appositacanalizzazione all’impianto di trattamento acque di seconda pioggia (accuratamentedescritto nella Relazione Tecnica) e verranno successivamente addotte al corpo idricosuperficiale più vicino, il torrente Cavallaro, mediante opportuna rete fognaria.Per quanto riguarda le acque pluviali ricadenti nella discarica sono stati previstiopportuni accorgimenti sia in fase di gestione, sia di chiusura.In fase di gestione sono state previste delle canalette perimetrali in grado di raccoglierele piogge dimensionate in base alla massima precipitazione registrata nel più breveintervallo di tempo.Nella fase di chiusura dell’attività è previsto un sistema di copertura che sarà in grado dipreservarla dall’erosione operata dalle acque, di massimizzare l’evapotraspirazionedell’acqua presente nello strato superficiale e di aumentare la stabilità del suolo.Le acque meteoriche provenienti dalla copertura della discarica e captate dallarelativa canaletta perimetrale verranno raccolte in due appositi pozzetti edimmesse nella rete fognaria delle acque bianche.Non sono prevedibili modificazioni negative ai caratteri qualitativi del ricettore né iquantitativi sono tali da poter indurre effetti apprezzabili sul regime delle portate,tuttavia è prevista l’analisi periodica delle caratteristiche qualitative dello stesso.8.3 SUOLO E SOTTOSUOLORelativamente agli aspetti geologici e morfogenetici del territorio, il sito prescelto per la ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 62. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 62Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicarealizzazione degli impianti non presenta particolari controindicazioni; in particolareper quanto riguarda la stabilità, il progetto ha previsto sistemazioni adeguate. Gliattuali fronti di cava, caratterizzati dalla presenza di calcarenite nella parte piùsuperficiale, verranno riprofilati ove necessario per garantire una buona tenuta statica,in quanto del tutto omogenea e priva o con scarse diaclasi riempite da terra rossa, deltutto assenti le cavità.Inoltre la morfologia complessiva dell’abbancamento sarà tenuta sotto controllo siain fase di gestione che di post-chiusura con lo scopo di accertare il mantenimento deiprofili e delle quote stabilite nel progetto approvato.Per questa attività sarà fissato un caposaldo sul piazzale. Verranno poi posizionate unaserie di postazioni fisse sul corpo dell’abbancamento e sulle principali reti di drenaggioper effettuare con cadenza mensile la misura delle loro quote accertando ilmantenimento di quelle di progetto. Periodicamente (settimanalmente) verrà percorsatutta l’area con lo scopo di verificare l’esistenza di eventuali cedimenti. Alriconoscimento seguirà il rilievo con postazioni mobili. Delle rilevazioni congiunte siterrà un accurata registrazione per testimoniare l’evolversi del fenomeno.E’ lecito tuttavia ritenere che, date le specifiche caratteristiche dei rifiuti trattati, icedimenti che si potranno avere nella vasca di stoccaggio risulterannoestremamente contenuti e tali da non creare problemi alle coperture.Per quanto riguarda la verifica della vulnerabilità della falda acquifera, in relazione aquanto rilevato riguardo le condizioni idrogeologiche, non sussistono particolaricontroindicazioni; infatti l’acquifero, sebbene la discreta permeabilità del serbatoio chelo contiene, in quanto trattasi di formazioni carbonatiche (calcareniti e calcari), si trovasufficientemente distante dal fondo della discarica e le oscillazioni della falda freaticasono così modeste da non alterare le condizioni idrogeologiche attuali.Bisogna inoltre considerare l’alta affidabilità del sistema di impermeabilizzazioneprevisto per la discarica (costituito da argilla, HDPE e geocomposto bentonitico) e pergli stoccaggi temporanei del percolato, nonché delle reti di raccolta delle acque pluvialipotenzialmente inquinate. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 63. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 63Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaÈ stato infine previsto un sistema di monitoraggio della falda attraverso piezometriposti a monte e a valle della direzione di flusso della stessa; questo sistema sarà più chesufficiente a tenere sotto controllo, sia in uscita che in ingresso, le caratteristichequalitative delle acque di falda.In fase di cantiere le operazioni di scavo interesseranno terreni con buone proprietàgeotecniche, pertanto si possono escludere conseguenze sulla stabilità d’insieme dellazona; l’area inoltre si presenta priva di qualsiasi fenomeno di dissesto.L’entità dei movimenti terra previsti, nonché le caratteristiche e le dimensioni dellestrutture interrate, non sono tali da poter indurre perturbazioni apprezzabili.Per quanto riguarda l’uso del suolo, l’intervento non comporterà perdita di suolo, inquanto l’impianto andrà ad interessare un’area degradata dall’attività estrattiva e chenecessita di un ripristino ambientale. Tale ripristino sarà effettuato riempiendo di rifiutiil vuoto creatosi nel corso dell’attività di cava e, a chiusura discarica, seguendo le piùmoderne tecnologie di ingegneria ambientale nella fase di ricopertura.Nella fase di esercizio dell’impianto si ricorda che, al fine di contenere eventuali impattinei confronti dei corpi idrici sotterranei, il progetto prevede sia l’impermeabilizzazioneartificiale della vasca di stoccaggio rifiuti, che la realizzazione di una rete di drenaggiodelle acque meteoriche ricadenti all’interno dell’area dell’impianto.In conclusione l’entità del rischio su tale componente risulta trascurabile in quanto glielementi di pericolosità geologica ed idrogeologica del sito, come descritto, sipresentano molto bassi.8.4 FLORA, FAUNA ED ECOSISTEMINon si ritiene sussistano impatti né sulla vegetazione né sulla fauna in quantol’impianto interesserà un’area già fortemente trasformata dall’uomo. Infatti l’area ècaratterizzata dalla presenza di attività estrattive.Allo scopo di ricreare una certa armonia con il paesaggio circostante, per ripristinarecon il tempo gli aspetti percettivi preesistenti, provvederà all’inserimento di numerosispazi verdi con lo scopo di mitigare e rendere piacevole l’inserimento dell’opera. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 64. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 64Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaSi provvederà inoltre, in fase di chiusura della discarica, al completo ripristino del sitomediante un sistema di ricopertura sigillante costituito in superficie da terreno agricolosul quale verranno impostati interventi di inerbimento e piantumazione di essenzeautoctone, in accordo con le caratteristiche morfologiche e climatiche e con ladistribuzione e la tipologia delle specie vegetali locali.Il fatto che nelle aree e nelle zone limitrofe non si rilevano elementi naturalistici dipregio o significativi, anzi zone piuttosto degradate, contribuisce alla limitazionedell’impatto.Concludendo non si ritiene che sussistano impatti né sulla vegetazione né sullafauna in quanto l’impianto interesserà un’area fortemente trasformata.8.5 SALUTE PUBBLICAI potenziali impatti a cui gli addetti all’impianto saranno esposti possono essere: polverie rumore; le popolazioni limitrofe possono essere invece soggette ad eventualeinquinamento atmosferico dovuto al traffico veicolare.Per quanto riguarda le emissioni generate dall’attività di conferimento dei rifiutiallimpianto, si fa osservare che l’attività di trattamento avverrà all’interno di unfabbricato industriale dotato di ricircolo dell’aria (n. 3 ricambi/ora) e l’aria vieneopportunamente deodorata e trattata dall’impianto già descritto in precedenza.Da tutto questo si è portati a desumere che non potranno aversi effetti diretti sullasalute pubblica a seguito della attività dellimpianto in esame.Saranno comunque svolte campagne di monitoraggio sanitario nelle aree circostanti esui dipendenti per tenere sotto controllo l’evolversi della situazione.Inoltre in ottemperanza al Decreto legislativo “recante attuazione delle direttivecomunitarie riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratorisul luogo di lavoro” e sue integrazioni e modifiche (D.Lgs. 626/94 e 242/96), ilpersonale seguirà corsi di formazione sulla gestione dei rifiuti e sulla sicurezza sullavoro (prevenzione infortuni, elettricisti, rumore, movimentazione, pronto soccorso, ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 65. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 65Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaemergenza, ecc.) ed il datore di lavoro effettuerà le prescritte valutazioni dei rischi.La Società Delta Petroli S.p.A. adempirà agli obblighi previsti dalla normativa sullaprevenzione degli infortuni, l’igiene sul lavoro, i rumori nonché sulla salute e sullasicurezza del lavoro secondo quanto prescritto dalla vigente normativa ed in particolare: • D. Lgs: 277/91 - “Protezione dei lavoratori contro i rischi da esposizione ad agenti chimici, fisici, biologici, rumore, piombo e amianto”; • D.Lgs. 626/94 - “Misure per la tutela della salute e per la sicurezza dei lavoratori negli ambienti di lavoro”; • D.Lgs: 242/96 - recante modifiche e integrazioni al D.Lgs. 626/94.La Società Delta Petroli S.p.A. si impegna a redigere il documento di valutazione deirischi secondo le modalità previste dai Decreti Legislativi 626/94 e 242/96; scopo deldocumento è raccogliere in forma organica la documentazione aziendale in materiadi sicurezza, comprendente le valutazioni dei pericoli e dei rischi relativi cui èesposto il Personale dell’impianto della Delta Petroli S.p.A.Data poi la particolare natura delle attività svolte nell’impianto, assai differenti daquelle effettuate nella maggior parte delle aziende manifatturiere o di trasformazione, èopportuno pervenire all’elaborazione di una Check List; in essa si opera la seguentesuddivisione: • pericoli di tipo fisico-meccanico: pericoli per la sicurezza dovuti a fattori di tipo fisico e/o meccanico, quali ad es. le cadute , le scottature, i tagli, ecc; • elementi di tipo operativo-organizzativo: sotto gli elementi relativi alla complessità delle mansioni e dell’uso delle attrezzature, al posto di lavoro, ai videoterminali, alla movimentazione manuale carichi; • pericoli dovuti a fattori igienico-ambientali: sono i pericoli generalmente considerati come fattori di rischio per la salute dei lavoratori, come determinanti situazioni di rischio in funzione della prolungata esposizione.In seguito alla redazione del documento di valutazione dei rischi, saranno predispostiadeguati provvedimenti atti a ridurre la probabilità di rischio per la sicurezza e la salute ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 66. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 66Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicadei lavoratori.Uno specialista in medicina del lavoro, oltre a constatare le effettive condizioni dilavoro degli addetti, sottopone gli stessi a visite di controllo medico periodico al finedi prevenire eventuali rischi derivanti da esposizione ad agenti chimici, fisici o biologicidurante il lavoro.Nel quadro degli adempimenti previsti dalla normativa vigente Delta Petroli S.p.A.,insieme al Medico Competente, osserva le seguenti disposizioni: • viene effettuato il controllo degli ambienti di lavoro, almeno due volte all’anno; • insieme al responsabile del servizio di prevenzione e protezione e al medico competente, previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, redige il documento di valutazione dei rischi che contiene: - i criteri adottati per la tutela dei lavoratori; - il programma del controllo dell’esposizione dei lavoratori; - protocollo di sorveglianza sanitaria (per i dipendenti: visite mediche annuali; per gli addetti ai reparti laboratorio, piazzale e manutenzione: visite mediche trimestrali); • vengono predisposte Riunioni Periodiche di Prevenzione e Protezione nelle quali vengono comunicati dal Medico i risultati degli accertamenti clinici e strumentali effettuati; • vengono predisposti Programmi di Formazione e Informazione dei Lavoratori; in particolare i lavoratori vengono informati su: - il significato degli accertamenti sanitari a cui sono sottoposti; - il risultato degli accertamenti sanitari; - la necessità di sottoporsi a controlli sanitari anche cessata l’attività, nel caso di esposizione ad agenti a lungo termine.Saranno poi rispettate anche tutte le seguenti norme (descritte nel piano di sicurezza econtrollo): • norme di prevenzione sul lavoro; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 67. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 67Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnica • misure generali di tutela (art. 3 D.Lgs. 626/94); • obblighi del datore di lavoro, del dirigente, del preposto (art. 4 D.Lgs. 626/94); • obblighi dei lavoratori (art. 5 D.Lgs. 626/94); • contratto di appalto o contratto d’opera (art. 7 D.Lgs. 626/94); • Codice Civile Art. 2087 “Tutela delle condizioni di lavoro”; • Codice Penale Art. 437 “Rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro”; • Codice Penale Art. 451 “Omissione colposa di cautele o difese contro disastri o infortuni sul lavoro”; • norme generali di sicurezza e igiene del lavoro; • norme sull’abbigliamento da lavoro; • norme generali per gli addetti ai mezzi di movimentazione interna all’impianto.8.6 RUMORE E VIBRAZIONIL’inquinamento acustico sarà generato dalla presenza su tutta la zona, durante la fase dicantiere, di mezzi pesanti per la realizzazione dell’impianto.Per limitarne il più possibile la diffusione nell’ambiente si potranno elevare barriereacustiche provvisorie sebbene si ricorda che i centri abitati ed i nuclei abitativi ricadanoad una distanza tale da non risentire di tale fattore.Durante la fase di esercizio dell’impianto si assisterà ad una mutazione del livellosonoro attualmente esistente probabilmente in senso negativo.Tali fonti sonore saranno legate ai mezzi di trasporto in arrivo e in uscita dall’impiantononché di movimentazione interna; tuttavia sarà garantito un livello sonoro complessivoin accordo con i limiti di legge sia all’esterno che all’interno degli ambienti di lavoro.Relativamente all’ambiente di lavoro saranno rispettate le normative vigenti cheprevedono l’uso di particolari cuffie di insonorizzazione per gli addetti alle lavorazionipiù rumorose.Infine, bisogna anche valutare l’eventuale presenza di sorgenti di rumori e vibrazioni ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 68. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 68Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicadurante l’attività di conferimento. Il contributo negativo indotto dalla circolazione deimezzi pesanti sul fondo sonoro naturale sarà contenuto entro i limiti di legge: infatti lacapacità ricettiva dell’impianto comporta un quantitativo di automezzi compatibile conle destinazioni d’uso delle aree. È comunque da tenere in considerazione che nelle areeesiste già un movimento di automezzi generato dalle attività estrattive ed agricolelimitrofe e quindi l’aumento di traffico indotto dalle opere in progetto non altera ilquadro attuale.8.7 RADIAZIONI IONIZZANTI E NON IONIZZANTIDal punto di vista radiometrico non sono disponibili dati locali per la caratterizzazioneambientale dell’area di studio.La tipologia del progetto è comunque tale da far ritenere superflua l’esecuzione diapposite campagne di misura in quanto non è in alcun modo previsto che sostanzeradioattive possano essere trattate, stoccate o comunque accettate nell’impianto; nonsono quindi ipotizzabili modificazioni dei livelli radiometrici naturali connesse con larealizzazione e l’attività del centro di trattamento rifiuti.8.8 PAESAGGIOGli aspetti maggiormente significativi in relazione all’inserimento di un nuovocomplesso e i rapporti che le nuove strutture instaurano con l’ambiente circostante sonogeneralmente i seguenti: • la vista dell’impianto e la sistemazione ambientale e paesaggistica, • la correlazione tra i vari edifici per quanto riguarda l’immagine architettonica, • la sistemazione a verde dell’area e delle fasce di rispetto.Nel caso in esame si tratta di operare all’interno di un’area già fortemente degradata, inquanto è nel suo intero contesto stata stravolta dall’impostarsi di una intensa attivitàestrattiva che ne ha modificato le forme, decorticato buona parte della coperturavegetazionale originariamente presente. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 69. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 69Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Sintesi non tecnicaUna volta completata la naturalizzazione dell’area sarà possibile renderla ad unuso nuovo e diverso realizzando il complesso degli interventi evidenziati nellaTav.T-07, allegata alla relazione tecnica.Come si vedrà è ipotizzabile realizzare nell’area naturalizzata, al termine dei trenta anninecessari per ottenere il completo recupero ambientale dell’area, un complesso dedicatoallo sport ed alle attività ricreative all’aria aperta.In particolare potranno essere realizzati i seguenti interventi.ACCESSO Verrà mantenuto lo stesso accesso attualePALAZZINA Verrà trasformata ad uso delle nuove attività da realizzareUFFICI nell’area Una volta bonificato ed alienate le attrezzature tecnologiche presenti all’interno, così come già descritto, verrà realizzato un auditorium e i seguenti impianti sportivi:CAPANNONE palestraLAVORAZIONI n. 4 campi da bocce Gli spogliatoi e gli accessi separeranno la palestra dai campi di bocce e dall’auditorium Il perimetro delle vasche verrà attrezzato con un percorso daVASCHE DI mountain bike e jogging completo di piazzole di sosta eSTOCCAGGIO attrezzature per gli esercizi ginnici.DEFINITIVO Il resto della superficie è a verde, con essenze autoctone, con la prevalenza di ulivi. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.