Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge                          1Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge                          2Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge                          3Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge                          4Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge                          5Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge                          6Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                           7Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                           8Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                           9Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          10Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          11Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          12Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          13Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          14Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          15Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          16Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          17Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          18Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          19Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          20Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          21Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          22Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          23Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          24Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          25Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          26Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          27Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          28Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          29Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          30Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          31Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          32Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          33Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          34Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          35Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          36Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          37Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          38Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          39Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          40Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          41Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          42Piattaforma per il trattamento, l...
Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge                          43Piattaforma per il trattamento, l...
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Sia minervino murge delta petroli

1,744 views
1,617 views

Published on

Sia - Realizzaizone di una discarica nel territorio di Minervino Murge da parte dell'Azienda Deltapetroli di Roma

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,744
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
10
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Sia minervino murge delta petroli

  1. 1. Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge 1Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale INDICESEZIONE I - INTRODUZIONE ......................................................................................................... 7 1  PREMESSA .................................................................................................................................. 8  1.1  ITER AUTORIZZATIVO .............................................................................................................. 10  1.2  LO STATO ATTUALE DELLA PROGRAMMAZIONE E DEL TERRITORIO ......................................... 13  1.2.1  Riferimenti normativi sullo smaltimento dei rifiuti e pianificazione nella Regione Puglia ............................................................................................................................. 13  1.2.2  Il Territorio..................................................................................................................... 15 2  PRESENTAZIONE DELLA DELTA PETROLI S.P.A......................................................... 17 3  LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE............................................................ 18 4  DEFINIZIONE DEL PROGETTO .......................................................................................... 21 5  L’AREA DI STUDIO ................................................................................................................ 23 SEZIONE II - QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO ......................................... 24 6  RIFERIMENTI NORMATIVI SULLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI .......................... 25  6.1  RIFERIMENTI NORMATIVI A LIVELLO NAZIONALE ED EUROPEO ................................................ 25  6.1.1  Decreto Legislativo n. 152 del 03/04/2006 e s.m.i. ........................................................ 25  6.1.2  Normative attuative del D.Lgs. 22/97 ............................................................................. 31  6.1.3  Decreto Legislativo n. 36 del 13/01/2003 ...................................................................... 33  6.1.4  Decreto ministeriale 3 agosto 2005 – Definizione dei criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica .......................................................................................................... 39  6.2  RIFERIMENTI NORMATIVI REGIONALI E PROVINCIALI............................................................... 45  6.2.1  Normativa regionale sui rifiuti ....................................................................................... 45  6.2.2  Legge Regionale n.11 del 12/04/2001 e s.m.i. ................................................................ 51  6.2.3  Ordinanza P.C.M. n. 3184 del 22 marzo 2002 ............................................................... 53 7  LA STRUTTURA DELLA PIANIFICAZIONE NELLA PUGLIA...................................... 55  7.1  IL PIANO DELLA REGIONE PUGLIA SUI RIFIUTI ........................................................................ 55  7.2  IL PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NELLA REGIONE PUGLIA, N. 246 DEL 28/12/2006 E S.M.I .................................................................................................................. 68  7.3  AGGIORNAMENTO DEL PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NELLA REGIONE PUGLIA ... 73  7.4  PIANIFICAZIONE TERRITORIALE ............................................................................................... 83  7.5  PIANIFICAZIONE PAESAGGISTICA............................................................................................. 84 _____________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  2. 2. Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge 2Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale 7.6  IL PIANO URBANISTICO TERRITORIALE TEMATICO PER IL PAESAGGIO ED I BENI AMBIENTALI ........................................................................................................................... 86  7.7  PIANO DI BACINO DELLA PUGLIA, STRALCIO ASSETTO IDROGEOLOGICO (PAI) ...................... 97  7.8  PIANO REGIONALE ATTIVITÀ ESTRATTIVE............................................................................ 101  7.9  STRUMENTO URBANISTICO COMUNALE ................................................................................. 104  7.10  IL PIANO REGIONALE DEI TRASPORTI..................................................................................... 104  7.11  IL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE ........................................................................................ 106  7.12  SITI D’IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) – ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) ............... 113 8  RAPPORTI TRA PROGETTO, NORMATIVA E STRUMENTI PIANIFICATORI ..... 115 SEZIONE III - QUADRO DI RIFERIMENTO PROGETTUALE............................................. 119 9  PRESENTAZIONE E DISCUSSIONE DEI PRESUPPOSTI DELL’OPERA .................. 120  9.1  PREMESSA ............................................................................................................................. 120  9.2  INDIVIDUAZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEI RIFIUTI DA SMALTIRE ......................... 121 10  IL PROGETTO........................................................................................................................ 122  10.1  DESCRIZIONE DELLE LINEE DI TRATTAMENTO E RECUPERO ................................................... 123  10.1.1  Linea di selezione manuale .......................................................................................... 123  10.1.2  Linea di riduzione volumetrica per pressatura ............................................................ 125  10.1.3  Linea di riduzione volumetrica per triturazione........................................................... 125  10.1.4  Linea di disidratazione fanghi pompabili..................................................................... 127  10.1.5  Linea di omogeneizzazione ed inertizzazione ............................................................... 128  10.1.6  Disassemblaggio apparecchiature ............................................................................... 131  10.1.7  Linea trattamento rifiuti liquidi, percolato e acque reflue ........................................... 131  10.2  SERVIZI GENERALI DI STABILIMENTO .................................................................................... 132  10.2.1  Laboratorio e accettazione ........................................................................................... 132  10.2.2  Uffici, servizi igienici, spogliatoi, mensa...................................................................... 134  10.2.3  Impianto idrico ............................................................................................................. 134  10.2.4  Impianto antincendio .................................................................................................... 135  10.2.5  Reti di raccolta acque reflue ........................................................................................ 137  10.2.6  Sistema di aspirazione e trattamento dei flussi d’aria aspirati .................................... 141  10.3  STOCCAGGIO DEFINITIVO ............................................................................................. 149  10.4  STOCCAGGIO DEFINITIVO: SISTEMI DI PREVENZIONE DELL’INQUINAMENTO .......................... 156  10.4.1  Opere di impermeabilizzazione delle vasche................................................................ 157  10.4.2  Sistema di captazione del percolato ............................................................................. 159 _____________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  3. 3. Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge 3Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale 10.4.3  Sistema di captazione del biogas .................................................................................. 162  10.4.4  Opere di sistemazione finale ........................................................................................ 162  10.4.5  Sistema di regimazione delle acque meteoriche ........................................................... 164  10.4.6  Sistemi di sicurezza....................................................................................................... 165  10.4.7  Incendi .......................................................................................................................... 166  10.4.8  Esplosioni ..................................................................................................................... 166  10.4.9  Raggiungimento dei livelli di guardia di indicatori di contaminazione;...................... 167  10.4.10  Sversamento accidentale nelle aree di servizio dell’impianto...................................... 167  10.4.11  Eventuali rotture del sistema di impermeabilizzazione ................................................ 168  10.4.12  Malfunzionamento del sistema di raccolta del percolato ed eventuali fuoriuscite dello stesso ................................................................................................................... 170  10.4.13  Cedimenti e franamenti del materiale smaltito ............................................................ 171  10.4.14  Controllo sulla qualità delle acque .............................................................................. 172  10.4.15  Controllo sulla qualità dell’aria .................................................................................. 175  10.4.16  Controllo sui cedimenti ................................................................................................ 176 SEZIONE IV – QUADRO DI RIFERIMENTO AMBIENTALE ............................................... 178 11  ATMOSFERA .......................................................................................................................... 179  11.1  CARATTERISTICHE METEOCLIMATICHE ................................................................................. 179  11.1.1  Caratteristiche termopluviometriche ............................................................................ 179  11.2  QUALITÀ DELL’ARIA ............................................................................................................. 181  11.3  ANALISI DEGLI IMPATTI E MISURE DI CONTENIMENTO ........................................................... 182 12  AMBIENTE IDRICO .............................................................................................................. 186  12.1  LINEAMENTI IDROGRAFICI..................................................................................................... 186  12.2  ANALISI DEGLI IMPATTI E MISURE DI CONTENIMENTO ........................................................... 186 13  SUOLO E SOTTOSUOLO ..................................................................................................... 190  13.1  STATO DI FATTO .................................................................................................................... 190  13.2  GEOLOGIA DELL’AREA .......................................................................................................... 192  13.3  ASSETTO STRUTTURALE ........................................................................................................ 192  13.4  CARATTERISTICHE DELL’AMMASSO ROCCIOSO ..................................................................... 193  13.5  SISMICITÀ DELL’AREA........................................................................................................... 194  13.6  PROPRIETÀ FISICO-MECCANICHE DELL’AMMASSO ROCCIOSO ................................................ 196  13.7  INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO GENERALE E IDROGRAFIA SUPERFICIALE ....................... 198  13.8  DIREZIONI PRINCIPALI DI DEFLUSSO E PERMEABILITÀ DELL’AMMASSO ................................. 200 _____________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  4. 4. Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge 4Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale 13.9  USO DEL SUOLO .................................................................................................................... 202  13.10  QUALITÀ DELLE ACQUE DI FALDA ................................................................................. 202  13.11  ANALISI DEGLI IMPATTI E MISURE DI CONTENIMENTO ................................................... 205 14  FLORA, FAUNA ED ECOSISTEMI ..................................................................................... 208  14.1  VEGETAZIONE E FLORA ......................................................................................................... 208  14.1.1  Caratteristiche vegetazionali ........................................................................................ 209  14.2  FAUNA .................................................................................................................................. 210  14.2.1  Raccolta e organizzazione dei dati di base .................................................................. 210  14.2.2  Identificazione dei principali ambienti faunistici ......................................................... 210  14.3  ANALISI DEGLI IMPATTI E MISURE DI CONTENIMENTO ........................................................... 211 15  SALUTE PUBBLICA .............................................................................................................. 212  15.1  ANALISI DELLA STRUTTURA ANTROPICA ............................................................................... 212  15.2  ANALISI DEGLI IMPATTI E MISURE DI CONTENIMENTO ........................................................... 212 16  RUMORE E VIBRAZIONI .................................................................................................... 216  16.1  EMISSIONI SONORE ................................................................................................................ 216  16.1.1  Emissione sonore nel sito in esame .............................................................................. 218  16.2  VIBRAZIONI........................................................................................................................... 221  16.3  ANALISI DEGLI IMPATTI E MISURE DI CONTENIMENTO ........................................................... 221 17  RADIAZIONI IONIZZANTI E NON IONIZZANTI........................................................... 223 18  PAESAGGIO ........................................................................................................................... 224  18.1  ASPETTI PERCETTIVI DEL PAESAGGI ANTICHI ED ATTUALI ..................................................... 224  18.2  ANALISI DEGLI IMPATTI E MISURE DI CONTENIMENTO ........................................................... 224 19  APPENDICE ............................................................................................................................ 226 _____________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  5. 5. Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge 5Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale ALLEGATI1. ALLEGATO FOTOGRAFICO: CONFRONTO FOTOGRAFICO SITUAZIONE ANNO 2003 E ANNO 20102. INQUADRAMENTO TERRITORIALE: CARTA STRADALE E 1:25.0003. INQUADRAMENTO TERRITORIALE: C.T.R. 1:10.000 E CATASTALE4. COMUNI DELLA PROVINCIA DI BAT5. SISTEMI PAESAGGISTICI DELL’AREA VASTA DI INTERVENTO6. PROFONDITÀ DEI TERRENI7. AREE SVANTAGGIATE DEI COMUNI CONFINANTI E LIMITROFI8. COLTURE PREVALENTI9. ATTITUDINE DEI SUOLI ALLO SPARGIMENTO DELLE ACQUE10. ELABORATI GRAFICI ALLEGATI AL QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO: 10.1.1 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – Ambiti Territoriali Estesi 10.1.2.1 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD - Vincoli Ex legge 1497/39 10.1.2.2 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD – Decreto Galasso 10.1.2.3 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD – Vincolo Idrogeologico 10.1.2.4 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD – Beni Naturalistici 10.1.2.5 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD – Beni Culturali 10.1.2.6 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD – Idrologia Superficiale 10.1.2.7 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD – Usi Civici 10.1.2.8 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD – Vincoli Faunistici 10.1.2.9 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD – Geomorfologia di base 10.1.3 Perimetrazione delle aree SIC, ZPS e Aree Naturali Protette 10.1.4 Carta Idrogeomorfologica 10.1.5.1 Perimetrazioni del PAI – Pericolosità idraulica – Rischio_____________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  6. 6. Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge 6Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale 10.1.6.1 Piano di Tutela delle Acque – Acque superficiali a specifica destinazione 10.1.6.2 Piano di Tutela delle Acque – Zone di protezione speciale idrogeologica 10.1.6.3 Piano di Tutela delle Acque – Aree di vincolo d’uso degli acquiferi 10.1.6.4 Piano di Tutela delle Acque – Aree sensibili e relativi bacini scolanti 10.1.6.5 Piano di Tutela delle Acque – Opere di captazione destinate all’uso potabile 10.1.7 Nuovo PRAE – Carta Giacimentologica_____________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  7. 7. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 7Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale SEZIONE I - INTRODUZIONE ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  8. 8. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 8Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale1 PREMESSAIl presente Studio di Impatto Ambientale riguarda la piattaforma per il trattamento,la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi che saràrealizzata e gestita dalla società DELTA PETROLI S.p.A nel comune di MinervinoMurge, in Provincia di Barletta-Andria-Trani, in località Murgetta Grande.Il presente elaborato costituisce l’aggiornamento del SIA presentato dalla stessaDelta Petroli S.p.A. in data 12 giugno 2003, in seguito al quale la Regione Puglia, conDeterminazione n. 18 del 27 gennaio 2004, ha espresso parere favorevole allacompatibilità ambientale dell’intervento.Per cause non ascrivibili alla volontà del soggetto proponente, il procedimento diautorizzazione dell’impianto, la cui Conferenza dei Sevizi era stata avviata nelMaggio del 2006, ha subito notevoli ritardi, nonostante il progetto fosse dotato ditutti i pareri positivi ottenuti dai vari Enti (cfr. Allegato A/13).Pertanto, durante il corso del procedimento sono venuti a scadere i termini di validitàdella citata pronuncia di compatibilità ambientale che, come è noto, ha una durata di treanni.La Provincia di Bari, autorità competente per il rilascio della Autorizzazione,provvedeva, con determinazione n. 29 del 12 marzo 2008, a rilasciare un nuovo pareredi compatibilità ambientale relativamente all’intervento in oggetto ed a trasmettere lostesso, tra gli altri, anche al settore ecologia della regione Puglia.Tale provvedimento, dal punto di vista amministrativo era supportato da un parere pro-veritate rilasciato alla Provincia di Bari da un professionista di fiducia dellaAmministrazione, e dal punto di vista tecnico, da una perizia giurata che attestava lanon intervenuta variazione dello stato dei luoghi e del quadro di riferimentoprogrammatico rispetto a quanto descritto nell’originario S.I.A. analizzato dalla regionePuglia.Successivamente la Provincia di Bari, con Determinazione Dirigenziale n. 21 del 10aprile 2008, autorizzava la Costruzione e l’Esercizio dell’Impianto (Autorizzazione ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  9. 9. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 9Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleUnica) nelle more dell’ottenimento della Autorizzazione Integrata Ambientale.In data 15-01-07, la Società inoltrava alla Regione domanda per l’ottenimentodell’A.I.A.. Seguiva l’invio di ulteriore documentazione integrativa, senza che tuttaviafosse convocata la relativa Conferenza dei Servizi.Il proponente, ancorchè in possesso di regolare autorizzazione alla realizzazionedell’impianto, decideva di non attivarsi in tal senso, preferendo attendere l’ottenimentodell’AIA.In data 11 ottobre 2011 veniva convocata la prima Conferenza di Servizi nell’ambitodella procedura di AIA, durante la quale emergevano alcune perplessità in merito allavalidità formale del parere di compatibilità ambientale prodotto dalla Provincia di Barinel marzo 2008.La Ditta Delta Petroli, allo scopo di eliminare ogni possibile vulnus dalprocedimento di autorizzazione della propria iniziativa imprenditoriale,addiveniva alla decisione di attivare una nuova procedura di impatto ambientaleche, in ossequio a quanto previsto dalla L.R. 40/07, veniva nuovamente incardinatapresso la Regione Puglia.Pertanto, nel presente documento, si propone l’aggiornamento dello Studio diImpatto Ambientale precedentemente approvato, conformemente alla normativa edagli strumenti di pianificazione e programmazione nazionale, regionale e provinciale,sopraggiunti dal gennaio 2004 ad oggi.Come si è accennato, il procedimento è di competenza regionale ai sensi dell’art. 3comma 12 della L.R. 40/2007, che recita: il comma 5 dell’articolo 10 della leggeregionale 10 luglio 2007, n. 17 (Disposizioni in campo ambientale, anche in relazioneal decentramento delle funzioni amministrative in materia ambientale), è sostituito dalseguente: “5 bis Le procedure di VIA conseguenti alle istanze di cui al comma 5 e leprocedure di VIA avviate con istanza presentata prima della data di entrata in vigoredella presente legge, nonché le relative istanze di integrazione e variazione progettualedi interventi non ancora realizzati, anche se successive a tale data, sono di competenzadella Regione”. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  10. 10. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 10Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleSi precisa sin d’ora che lo stato dei luoghi è assolutamente identico a quanto rilevatonel 2003, come ampiamente supportato dalle foto riportate nell’Allegato fotografico 1 ecertificato espressamente dallo scrivente Prof. Ing. G. M. Baruchello.Si precisa altresì che, come verrà dimostrato nei paragrafi seguenti, la normativa e laprogrammazione nel frattempo sopraggiunti non hanno minimamente variato lecondizioni espresse nel citato decreto VIA (Determinazione n. 18 del 27 gennaio2004).Ne consegue che è possibile affermare che le verifiche svolte comprovano che il pareredi idoneità ambientale già espresso possa essere assolutamente confermato, anchealla luce dei pareri, sempre positivi, successivamente acquisiti.1.1 Iter autorizzativoLo Studio di Impatto Ambientale presentato nel 2003 ha ottenuto il parere positivo daparte dei seguenti Enti: − Regione Puglia Settore Ecologia: Determinazione n. 18 del 27 gennaio 2004.Successivamente alla su citata autorizzazione, l’iniziativa in oggetto ha ottenuto iseguenti pareri tutti positivi (cfr. allegato A/13): − Comune di Minervino Murge, Settore 7° - Urbanistica e Ambiente: Determinazione n. 8 del 12 febbraio 2004 (Raccolta Generale della Segreteria Comunale, Determinazione n. 75 del 13 febbraio 2004) – Parere favorevole in ordine alla compatibilità ambientale − ASL BA/1 Ufficio Igiene Pubblica: Prot. DP m/467 del 31 luglio 2005 - Parere igienico-sanitario favorevole; − Acquedotto Pugliese S.p.A.: nota Prot. 4781TT/rr del 20 luglio 2004 – Certificazione che la zona interessata non è canalizzata da rete di fognatura nera; − Comune di Minervino Murge, Settore 7° - Urbanistica e Ambiente: Determinazione n. 56 del 13 dicembre 2005 (Raccolta Generale della Segreteria ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  11. 11. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 11Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Comunale, Determinazione n. 988 del 13 dicembre 2005) – Parere favorevole sotto l’aspetto urbanistico; − Comune di Minervino Murge: Delibera del Consiglio Comunale n. 25 del 31 maggio 2006 – Parere favorevole in ordine alla localizzazione; − Regione Puglia: Delibera n. 951 del 19 giugno 2007 – Rilascio parere paesaggistico favorevole. − Provincia di Bari determinazione n. 29 del 12 marzo 2008 relativa alla Compatibilità Ambientale dell’Intervento. − Provincia di Bari determinazione n. 21 del 10/04/08 relativa alla Autorizzazione Unica per impianto.Rispetto all’originale progetto allegato al SIA approvato in data 27 gennaio 2004, perspecifica richiesta dell’ARPA Puglia con comunicazione prot. n. 3405 del 26/03/2004,il progetto è stato definito a scala esecutiva.La stessa ARPA ha poi provveduto ad approvare il progetto esecutivo, così comeriportato negli allegati al presente SIA, con comunicazione prot. n. 8727 del 30 luglio2004.Sempre successivamente all’approvazione del SIA sono state ottenute ulterioriautorizzazioni relative alle emissioni in atmosfera: − Comune di Minervino Murge, Settore 7° - Urbanistica e Ambiente: Determinazione n. 44 del 28 luglio 2004 (Raccolta Generale della Segreteria Comunale, Determinazione n. 668 del 28 luglio 2004)– Parere favorevole in ai fini del rilascio dell’autorizzazione alle emissioni in atmosfera; − Regione Puglia: Determinazione n. 120 del 23 marzo 2005 – Autorizzazione alle emissioni in atmosfera.In ultimo, su richiesta della Provincia nel corso della Conferenza dei Servizi è statoaggiunto anche un ulteriore importante elemento, ovvero con la Delibera n. 951 del 19 ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  12. 12. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 12Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalegiugno 2007 della Regione Puglia, l’iniziativa ha ottenuto il Parere paesaggisticofavorevole.La delibera, che si riporta integralmente in allegato A/13, evidenzia che,successivamente al parere positivo espresso sul SIA, la Regione si è ulteriormenteespressa positivamente sull’iniziativa in oggetto.Come si vede, pertanto, successivamente all’ottenimento della Valutazione diCompatibilità Ambientale, l’iniziativa ha raccolto ulteriori e fondamentali pareripositivi che vengono a formare un quadro totalmente affidabile sulla assoluta idoneitàtecnica e ambientale dell’iniziativa proposta dalla Delta Petroli S.p.A. a MinervinoMurge.Infatti: − il progetto è stato approvato dall’ARPA Puglia; − sono state ottenute le autorizzazioni prescritte per le emissioni in atmosfera; − la localizzazione è stata espressamente autorizzata dal Comune di Minervino Murge e dalla Regione; − Il progetto è stato autorizzato dalla provincia di Bari.Ne discende che l’opera ha tutti i prescritti pareri positivi integrativi del SIA e tuttisuccessivi a questo.Tutto ciò a riprovare che l’iniziativa è perfettamente congruente con la realtà territorialeed è espressamente approvata da tutti gli organi competenti.Inoltre, in data 21/02/2007, la Delta Petroli ha presentato alla Regione Puglia ladocumentazione per il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale ai sensi delD. Lgs. 59/05; con comunicazione Prot. n. 9687 del 18/06/2007 la Regione Puglia hacomunicato l’avvio del procedimento di A.I.A. per l’impianto in oggetto.Nell’elaborato A/13 si riporta copia delle autorizzazioni e dei pareri ottenuti dalla DeltaPetroli S.p.A. per l’impianto in oggetto.Nello stesso elaborato è riportato, altresì, il verbale della recente conferenza di servizi ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  13. 13. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 13Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale(svoltasi il giorno 11 ottobre 2010) volta all’istruttoria dell’istanza finalizzataall’ottenimento dell’A.I.A. dell’impianto in oggetto, nella quale sono state poste indiscussione, secondo quanto indicato nella nota di convocazione prot. 12259 del 21settembre 2010, le problematiche relative agli adempimenti in materia di compatibilitàambientale.In tale occasione, come accennato, la ditta proponente ha informato la Conferenza diaver deciso di ripresentare l’istanza di Valutazione di Impatto Ambientale; gli Entihanno concordato tale iter procedurale.Inoltre, sulla richiesta avanzata dalla società proponente relativamente alla unificazionedei procedimenti di VIA e di AIA, l’Ufficio AIA si è riservato di interloquire conl’Ufficio VIA regionale, al fine di verificarne la fattibilità.1.2 Lo stato attuale della programmazione e del territorio1.2.1 Riferimenti normativi sullo smaltimento dei rifiuti e pianificazione nella Regione PugliaRispetto allo Studio di Impatto Ambientale approvato, dal 2004 ad oggi sonosopravvenute le seguenti modifiche normative sia a livello nazionale che regionale: − Decreto legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 e s.m.i. In materia di smaltimento di rifiuti è stato abrogato il decreto Ronchi (D. Lgs. n. 22 del 5 febbraio 1997) ed emanato il D. Lgs. 152 del 3 aprile 2006 con il quale è stata riformulata la normativa ambientale di 6 settori (gestione dei rifiuti e bonifica dei siti contaminati; acque; suolo; aree protette, specie protette di flora e fauna; danni ambientali; valutazione dell’impatto ambientale e valutazione ambientale strategica; emissioni in atmosfera). − Decreto Ministeriale 3 agosto 2005 Il Decreto 13 marzo 2003 – Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica è stato ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  14. 14. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 14Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale abrogato e sostituito con il Decreto Ministeriale 3 agosto 2005 – Definizione dei criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica. − Legge Regionale n° 17 del 14 giugno 2007 – Disposizioni in campo ambientale, anche in relazione al decentramento delle funzioni amministrative in materia ambientale. − Aggiornamento del Piano di Gestione dei rifiuti speciali nella Regione Puglia, approvato con Deliberazione della Giunta Regionale 28 dicembre 2009, n. 2668.Inoltre sono stati promulgati i seguenti atti di programmazione: − Decreto Commissariale n° 187 del 09/12/2005 – Aggiornamento, completamento e modifica al Piano Regionale di Gestione dei rifiuti della Regione Puglia; − Decreto Commissariale n° 246 del 28/12/2006 – Piano di Gestione dei rifiuti Speciali nella Regione Puglia. − Progetto di Piano di Tutela delle Acque - Approvato con Delibera del Consiglio Regionale n. 230 del 20/10/2009. − Nuovo P.R.A.E. - Piano Regionale Attività Estrattive, adottato con Delibera di Giunta Regionale n°2112 del 10/11/2009 ed approvato con Delibera Giunta Regionale n°445 del 23/02/2010.Si sottolinea, tra l’altro, che nel frattempo il comune di Minervino Murge è statoinglobato nella Provinca di Barletta-Andria-Trani (BAT), istituita con la Legge 11Giugno 2004 n. 148 (G.U. n. 138 del 15-6-2004), ma ufficialmente operativa dal 6giugno 2009, quando si sono tenute le prime elezioni del Consiglio Provinciale.In ogni caso sono fatti salvi tutti i pareri già ottenuti, rilasciati dai vari enti regionali edal Comune di Minervino Murge. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  15. 15. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 15Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleNel seguito del lavoro saranno evidenziate le innovazioni dagli stessi introdotti e irapporti con l’opera in esame.1.2.2 Il TerritorioLo Studio di Impatto Ambientale approvato, descriveva nel dettaglio lo stato deiluoghi proponendo degli stessi anche una dettagliata relazione fotografica.Con l’obiettivo di evidenziare che le caratteristiche del contesto non sono, nelfrattempo, mutate e che, quindi, l’opera non potrà avere ripercussioni sul territoriodiverse da quelle già ritenute a suo tempo accettabili nel citato decreto VIA, inallegato si riporta un nuovo servizio fotografico (Confronto fotografico situazioneanno 2003 e anno 2010) ripreso dagli stessi punti di vista di quello svolto nel 2003che attesta che lo stato dei luoghi si è mantenuto del tutto identico.L’allegato fotografico include anche una visione satellitare dell’area in particolare evasta scala.Nelle figure 1 e 2 dell’allegato fotografico viene mostrato l’interno della cava dismessa;come è possibile verificare dal confronto tra le foto effettuate nel 2003 e quelleeffettuate recentemente la conformazione della cava non ha subito modifiche nelcorso degli anni.La tavola 3 mostra il ciglio lato nord della cava, mentre le figure 4 e 5 il ciglio latoovest; nelle foto recenti è possibile individuare gli stessi fabbricati presenti nel 2003,la conformazione del sito risulta essere la stessa, mentre la vegetazione risulta piùscarna nella situazione attuale, probabilmente a causa di un incendio di cui è possibilericonoscere le tracce.Le figure 6 e 7 mostrano la viabilità interna del sito in particolare una zona vicino allastrada di accesso; anche in questo caso i fabbricati individuabili nelle foto recentisono gli stessi presenti nel 2003; come già accennato per le tavole precedenti, èpossibile scorgere le tracce lasciate da un incendio sulla vegetazione; in particolarenella situazione attuale la stradina sterrata risulta meno definita e pulita in quanto èricoperta da sterpaglie. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  16. 16. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 16Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleLe foto evidenziano anche le caratteristiche del contesto ambientale esterno all’area,mostrando come questo sia sostanzialmente immutato nel corso degli anni.Si nota, infine, la pratica inesistenza, nell’intorno significativo dell’opera, diinsediamenti di qualsiasi genere. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  17. 17. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 17Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale2 PRESENTAZIONE DELLA DELTA PETROLI S.P.A.Il soggetto che si interesserà della realizzazione e dell’esercizio della piattaforma perrifiuti non pericolosi è la società:DELTA PETROLI S.p.A., con SEDE LEGALE in Via Ostiense Km 9,300 – 00144Roma, costituita nel 1979, con capitale sociale di € 361.900 interamente versato.Presidente del Consiglio di Amministrazione: Sig. Umberto MorpurgoLa DELTA PETROLI S.p.A. è strutturata in quattro divisioni operative: • Divisione Ecologia ed Impatto Ambientale • Divisione Tecnologia e Risparmio Energetico • Divisione Combustibili • Divisione Edilizia ed InfrastruttureLa società DELTA PETROLI S.p.A. è certificata ISO 9002. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  18. 18. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 18Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale3 LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALEI soggetti che intendano realizzare impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti e lediscariche devono presentare un progetto che deve contenere, tra l’altro, lo Studiodell’Impatto Ambientale effettuato in conformità alla seconda parte del DecretoLegislativo 3 aprile 2006, n. 152, anche quando non sia richiesta la valutazione diimpatto ambientale (V.I.A.).Il decreto sopra citato abroga il precedente Decreto del Presidente della Repubblica 12aprile 1996, n. 210, con il quale era stato approvato l’atto di indirizzo e coordinamentorelativo alle condizioni, criteri e norme tecniche per l’applicazione della procedura divalutazione d’impatto ambientale anche a quei progetti inclusi nell’allegato II alladirettiva del Consiglio 85/337/CEE, non sottoposti alla procedura nell’ambito dellacompetenza del Ministero dell’Ambiente.Il D. Lgs. 3 aprile 2006, n. 152, stabilisce (Art. 24) che la procedura di valutazione diimpatto ambientale deve assicurare che: a) nei processi di formazione delle decisioni relative alla realizzazione dei progetti siano considerati gli obiettivi di proteggere la salute e di migliorare la qualità della vita umana, al fine di contribuire con un migliore ambiente alla qualità della vita, provvedere al mantenimento della varietà delle specie e conservare la capacità di riproduzione dell’ecosistema in quanto risorsa essenziale di vita, di garantire l’uso plurimo delle risorse e lo sviluppo sostenibile; b) per ciascun progetto siano valutati gli effetti diretti ed indiretti sull’uomo, sulla fauna, sulla flora, sul suolo, sulle acque di superficie e sotterranee, sull’aria, sul clima, sul paesaggio e sull’interazione tra detti fattori, sui beni materiali e sul patrimonio culturale ed ambientale; c) per ciascun progetto siano esplicitate le principali ragioni della scelta fra le alternative proposte dal committente; d) in ogni fase della procedura siano garantiti lo scambio di informazioni e la consultazione tra il soggetto proponente e l’autorità competente; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  19. 19. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 19Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale e) siano garantite l’informazione e la partecipazione dei cittadini al procedimento; f) siano conseguite la semplificazione, la razionalizzazione ed il coordinamento delle valutazioni e degli atti autorizzativi in materia ambientale.Lo Studio di Impatto Ambientale deve essere predisposto secondo le indicazioni di cuiall’Allegato V della parte seconda del D. Lgs. 3 aprile 2006, n. 152, in particolare, devecontenere (Art. 27): a) la descrizione del progetto, con informazioni relative alle sue caratteristiche, alla sua localizzazione ed alle sue dimensioni; b) la descrizione delle misure previste ad evitare, ridurre e possibilmente compensare gli effetti negativi rilevanti; c) i dati necessari per individuare e valutare i principali effetti sull’ambiente e sul patrimonio culturale che il progetto può produrre, sia in fase di realizzazione che di esercizio; d) una descrizione sommaria delle varie alternative prese in esame dal committente, ivi compresa la cosiddetta “opzione zero”, con indicazione delle principali ragioni della scelta, sotto il profilo dell’impatto ambientale; e) una valutazione del rapporto costi-benefici del progetto dal punto di vista ambientale, economico e sociale.In ottemperanza di quanto stabilito dal suddetto Decreto lo Studio contiene, pertanto, leelaborazioni eseguite allo scopo di verificare la fattibilità ambientale dell’impianto.Lo studio si articola secondo i tre Quadri di riferimento: Programmatico, Progettuale eAmbientale.La metodologia di redazione di ciascun quadro è analoga e prevede la descrizione deidiversi fattori costituenti il Quadro di Riferimento allo stato attuale nonché l’analisidelle influenze esercitate dall’opera sulle componenti esaminate.Il Quadro di Riferimento Programmatico esamina i rapporti tra il progetto e glistrumenti di pianificazione e programmazione territoriale e settoriale.Il Quadro di Riferimento Progettuale effettua una sintetica descrizione delle ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  20. 20. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 20Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalecaratteristiche tecniche dell’impianto, definisce quali ne siano i presupposti e lemotivazioni, infine illustra i vantaggi o gli impatti derivanti da tale proposta nonché leeventuali misure per la mitigazione e il contenimento di questi ultimi.Il Quadro di Riferimento Ambientale analizza le caratteristiche attuali del territorio ed ilsuo rapporto con il progetto.L’analisi è stata sviluppata esaminando i potenziali impatti indotti dall’impianto sianella fase di realizzazione che in quella di esercizio nonché indicando gli accorgimentinecessari ad eliminare, attenuare o minimizzare l’impatto stesso.Tali disturbi sono stati analizzati in funzione delle loro caratteristiche e dello specificoambito di influenza rispetto a tutte le componenti ambientali previste dalla normativa,ovvero: • atmosfera, • ambiente idrico, • suolo e sottosuolo, • flora, fauna ed ecosistemi, • salute pubblica, • rumori e vibrazioni, • radiazioni, • paesaggio.Al fine pertanto di poter individuare, per ognuna di queste componenti, i possibiliricettori dei disturbi indotti dall’opera e le possibili relazioni che intercorrono tra lestesse, si è proceduto ad esaminare e a descrivere le caratteristiche peculiaridell’ambiente nella parte di territorio interessata. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  21. 21. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 21Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale4 DEFINIZIONE DEL PROGETTOLa piattaforma che si intende realizzare tratterà esclusivamente rifiuti non pericolosiai sensi della vigente normativa, e prevedrà due sezioni principali di trattamento.La prima è composta da un impianto di trattamento e valorizzazione dei rifiuti,articolato nelle seguenti linee: • Area conferimento rifiuti; • Linea per la cernita e selezione componenti di pregio; • Linea di riduzione volumetrica per pressatura; • Linea di riduzione volumetrica per triturazione; • Linea di disidratazione fanghi pompabili; • Linea di omogeneizzazione ed inertizzazione fanghi palabili; • Linea per il trattamento del percolato prodotto dallo stoccaggio definitivo e delle acque reflue; • Disassemblaggio apparecchiature. La seconda prevede uno stoccaggio temporaneo e lo stoccaggio definitivo per rifiuti non pericolosi realizzato ai sensi della vigente normativa, ed è articolato in: • Deposito temporaneo per alimentazione pressa; • Deposito temporaneo per alimentazione triturazione; • Deposito temporaneo per alimentazione inertizzazione fanghi palabili; • Deposito temporaneo reflui liquidi per l’alimentazione della linea di trattamento; • Stoccaggio rifiuti solidi; • Stoccaggio fanghi palabili; • Stoccaggio rifiuti liquidi e fanghi pompabili; • Stoccaggio del percolato proveniente dalla discarica annessa all’impianto e da impianti esterni; • Stoccaggio dei materiali recuperati; • Stoccaggio dei residui di processo da avviare in discarica; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  22. 22. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 22Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale • Stoccaggio definitivo di rifiuti solidi non pericolosi in discarica.Il progetto nel suo complesso è stato strutturato in base alle indicazioni contenuteall’art. 8 - Domanda di autorizzazione del Decreto Legislativo 13/01/2003, n. 36,pubblicato sulla G.U. n. 59 del 13/3/2003, in recepimento della direttiva Comunitaria99/31/CE.Nella descrizione del progetto fornita nel “Quadro di riferimento Progettuale” sarannodefinite in dettaglio le diverse caratteristiche tecniche e progettuali. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  23. 23. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 23Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale5 L’AREA DI STUDIOL’area ricade nei limiti amministrativi del Comune di Minervino Murge, al confinecon quello di Canosa di Puglia, in località Murgetta Grande, tav. III - NW del foglio176 dell’IGM denominato Lamalunga. È riportata al catasto nel foglio 8, particelle 4-24-39-333-334.Il sito è a meno di 300 m dalla S.P. n. 24 e dalla S.P. n. 143 per Canosa, e può esserefacilmente raggiunto sia dall’Autostrada A14 Adriatica che dall’Autostrada A16Napoli – Canosa.L’area in cui ricadrà l’opera è caratterizzata dalla presenza di una cava attualmentedismessa, utilizzata in passato per l’estrazione di materiali lapidei.L’estensione della fossa è pari a circa 15 ha.I centri abitati più vicini sono quelli di Minervino Murge che dista circa 9 Km eCanosa di Puglia che dista circa 6 Km.Il contesto di allocazione dell’area si presenta in grado di reagire positivamente adeventuali impatti: non sono presenti centri abitati nell’intorno, la viabilità è in grado dismaltire il traffico degli automezzi afferenti all’impianto e non sono rilevabiliparticolari caratteri di emergenza ambientale. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  24. 24. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 24Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale SEZIONE II - QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  25. 25. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 25Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale6 RIFERIMENTI NORMATIVI SULLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI6.1 Riferimenti normativi a livello nazionale ed europeo6.1.1 Decreto Legislativo n. 152 del 03/04/2006 e s.m.i.In materia di smaltimento rifiuti la normativa di riferimento è il Decreto Legislativo n.152 pubblicato in data 03/04/2006 (l’ultimo aggiornamento risale al 3 settembre2010 con il D.Lgs. n. 128 del 29 giugno 2010). Con il presente decreto vieneriformulata la normativa ambientale di 6 settori (gestione dei rifiuti e bonifica siticontaminati; acque; suolo; aree protette, specie protette di flora e fauna; danniambientali; valutazione dellimpatto ambientale e valutazione ambientale strategica;emissioni in atmosfera) che subisce una profonda trasformazione.Il decreto n. 152 del 3 aprile 2006 è suddiviso in sei parti, in particolare la parte quarta“disciplina la gestione dei rifiuti e la bonifica dei siti inquinati anche in attuazione delledirettive comunitarie sui rifiuti, sui rifiuti pericolosi, sugli oli usati, sulle batterieesauste, sui rifiuti di imballaggio, sui policlorobifenili (PCB), sulle discariche, sugliinceneritori, sui rifiuti elettrici ed elettronici, sui rifiuti portuali, sui veicoli fuori uso,sui rifiuti sanitari e sui rifiuti contenenti amianto” (Art. 177).Il Titolo I della parte quarta del presente decreto ha per oggetto la “Gestione deiRifiuti” ed è composto da 40 articoli raggruppati in 5 capi:1. Disposizioni generali;2. Competenze;3. Servizio di gestione integrata dei rifiuti;4. Autorizzazioni ed iscrizioni;5. Procedure semplificate.Il Titolo II ha per oggetto la “Gestione degli Imballaggi”.Il Titolo III ha per oggetto la “Gestione di Particolari Categorie di Rifiuti”. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  26. 26. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 26Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleIl Titolo IV ha per oggetto la “Tariffa per la Gestione dei Rifiuti Urbani”.Il Titolo V ha per oggetto la “Bonifica dei Siti Contaminati”.Il Titolo VI ha per oggetto il “Sistema Sanzionatorio e Disposizioni Transitorie eFinali”.Il Decreto stabilisce (Art. 179 - 180) che le Pubbliche Amministrazioni devonoperseguire iniziative dirette a favorire prioritariamente la prevenzione e la riduzionedella produzione e della nocività dei rifiuti mediante: • sviluppo di tecnologie pulite; • la messa a punto tecnica e l’immissione sul mercato di prodotti concepiti in modo da non contribuire o da contribuire il meno possibile ad incrementare la quantità o la nocività dei rifiuti e i rischi di inquinamento; • sviluppo di tecniche per la rimozione di sostanze pericolose contenute nei rifiuti al fine di favorirne il recupero; • promozione di strumenti di analisi dell’impatto di ogni specifico prodotto nell’ambiente durante il suo intero ciclo di vita; • previsione di condizioni di appalto che valorizzino le capacità e le competenze tecniche in materia; • promozione di accordi e contratti di programma finalizzati allo specifico problema.Le Pubbliche Amministrazioni (Art. 181) devono inoltre favorire:a) il riutilizzo, il reimpiego ed il riciclaggio;b) le altre forme di recupero per ottenere materia prima secondaria dai rifiuti;c) l’adozione di misure economiche e la previsione di condizioni d’appalto che prescrivano l’impiego dei materiali recuperati dai rifiuti al fine di favorire il mercato dei materiali medesimi;d) l’utilizzazione dei rifiuti come mezzo per produrre energia.inoltre possono promuovere e stipulare accordi e contratti di programma con i soggettieconomici interessati o con le associazioni di categoria rappresentative dei settoriinteressati al fine di favorire il riutilizzo, il reimpiego e il riciclaggio e le atre forme direcupero dei rifiuti. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  27. 27. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 27Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleSecondo quanto espresso dall’Art. 182, i rifiuti da avviare allo smaltimento finaledevono essere il più possibile ridotti, sia in massa che in volume, potenziando laprevenzione e le attività di riutilizzo, di riciclaggio e di recupero; è necessario poiattuare lo smaltimento dei rifiuti con il ricorso ad una rete integrata ed adeguata diimpianti di smaltimento, attraverso le migliori tecniche disponibili e tenuto conto delrapporto tra costi e i benefici complessivi, in modo da garantire, tra le altre cose, losmaltimento dei rifiuti in uno degli impianti appropriati più vicini, al fine di ridurre imovimenti dei rifiuti stessi.Inoltre la realizzazione e la gestione di nuovi impianti di incenerimento possono essereautorizzate solo se il relativo processo di combustione è accompagnato da recuperoenergetico.In riferimento all’Art. 184, i rifiuti si distinguono innanzitutto secondo l’origine, in:• Rifiuti Urbani;• Rifiuti Speciali;e secondo le caratteristiche di pericolosità in:• Rifiuti Pericolosi;• Rifiuti non Pericolosi.Sono Rifiuti Urbani:a) i rifiuti domestici, anche ingombranti, provenienti da locali e luoghi adibiti ad uso di civile abitazione;b) i rifiuti non pericolosi provenienti da locali e luoghi adibiti ad usi diversi da quelli di cui alla lettera a), assimilati, ai sensi dell’Art. 198 del medesimo Decreto, ai rifiuti urbani per qualità e quantità;c) i rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade;d) i rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade ed aree private, comunque soggette ad uso pubblico, o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive dei corsi d’acqua;e) i rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali;f) i rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni, nonché gli altri rifiuti ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  28. 28. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 28Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale provenienti da attività cimiteriale diversi da quelli di cui alle lettere b), c) ed e).Sono Rifiuti Speciali:a) i rifiuti da attività agricole e agro-industriali;b) i rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti pericolosi che derivano dalle attività di scavo,c) i rifiuti da lavorazioni industriali;d) i rifiuti da lavorazioni artigianali;e) i rifiuti da attività commerciali;f) i rifiuti da attività di servizio;g) i rifiuti derivanti dalla attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi;h) i rifiuti provenienti da attività sanitarie;i) i macchinari e la apparecchiature deteriorati ed obsoleti;l) i veicoli a motore, rimorchi e simili fuori uso e loro parti.m) il combustibile derivato dai rifiuti;n) i rifiuti derivanti dalle attività di selezione meccanica dei rifiuti solidi urbani.Sono invece considerati pericolosi i rifiuti non domestici, indicati nell’elenco di cuiall’Allegato D sulla base degli allegati G, H ed I dello stesso D. Lsg 152/06 .Viene riproposto (Art. 189) il Catasto dei rifiuti, in modo da assicurare un quadroconoscitivo completo e costantemente aggiornato, anche ai fini della pianificazionedelle connesse attività di gestione dei rifiuti. Il Catasto è articolato in una sezioneNazionale e in sezioni Regionali e delle Province autonome e ad esso dovrannoconfluire tutti i dati relativi alla produzione, alla raccolta, al trasporto, al recupero edallo smaltimento dei rifiuti.Il Decreto concede (Art. 191) ai Sindaci ed ai Presidenti delle Giunte Provinciali eRegionali di autorizzare il ricorso temporaneo a speciali forme di gestione dei rifiutianche in deroga alle disposizioni di legge vigenti, qualora ciò sia giustificato dasituazioni di eccezionale ed urgente necessità di tutela della salute pubblica e ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  29. 29. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 29Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaledell’ambiente.In riferimento alla redazione dei Piani di smaltimento, gli Articoli 195, 196, 197 e198 individuano le competenze di Stato, Regioni, Province e Comuni.In particolare, la predisposizione, l’adozione e l’aggiornamento dei Piani è competenzadelle Regioni, sentite le Province, i Comuni e le Autorità d’ambito.I Piani regionali di gestione dei rifiuti devono prevedere in particolare: - misure tese alla riduzione delle quantità, dei volumi e della pericolosità dei rifiuti; - le condizioni ed i criteri tecnici in base ai quali gli impianti per la gestione dei rifiuti, ad eccezione delle discariche, siano localizzati nelle aree destinate ad insediamenti produttivi; - la delimitazione di ogni singolo ambito territoriale ottimale sul territorio regionale; - le iniziative dirette a limitare la produzione dei rifiuti, a favorire il riutilizzo, il riciclaggio, il recupero dei rifiuti e il recupero dai rifiuti di materiali e di energia.E’ competenza delle Regioni la regolamentazione delle attività di gestione dei rifiutianche pericolosi, compresa la raccolta differenziata, la definizione di criteri perl’individuazione, da parte delle Province, delle aree non idonee alla localizzazione degliimpianti di smaltimento dei rifiuti e la definizione dei criteri per l’individuazione deiluoghi o impianti idonei allo smaltimento.Come già anticipato, alle Province competono il controllo periodico su tutte le attivitàdi gestione di intermediazione e di commercio dei rifiuti, l’individuazione delle zoneidonee e non idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimento e di recupero deirifiuti.La gestione dei rifiuti urbani è organizzata (Art. 200) sulla base di Ambiti TerritorialiOttimali (ATO) delimitati dal Piano Regionale allo scopo di superare la frammentazionedelle gestioni attraverso un servizio di gestione integrata dei rifiuti.Nell’Art 205 vengono definite le misure per incrementare la raccolta differenziata,fissando i seguenti obiettivi di raccolta in ogni ATO: - almeno il 35 % entro il 31/12/2006; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  30. 30. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 30Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale - almeno il 45 % entro il 31/12/2008; - almeno il 65 % entro il 31/12/2012.Per quanto riguarda la definizione della procedura di autorizzazione delle attività dismaltimento, il Decreto stabilisce che (Art. 208, 209, 210, 211, 212) i soggetti cheintendono realizzare e gestire nuovi impianti di smaltimento o di recupero di rifiuti,anche pericolosi, devono presentare domanda alla Regione competente per territorio.Nei suddetti articoli vengono descritti:- tutto l’iter temporale-autorizzativo da seguire;- gli elementi e le descrizioni che devono essere contenuti in ogni domanda;- le procedure per il rinnovo delle autorizzazioni alla gestione degli impianti;- le procedure per l’iscrizione all’Albo Nazionale dei Gestori obbligatoria per lo svolgimento delle attività di raccolta e trasporto dei rifiuti e di gestione degli impianti di smaltimento e di recupero.Al titolo II (articoli 217 ÷ 226) del D. Lgs. 152 viene definita la disciplina dellagestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio immessi sul mercato nazionale edi tutti i rifiuti di imballaggio derivanti dal loro impiego. In particolare, nell’Allegato Edella quarta parte del presente decreto vengono definiti gli obiettivi di recupero e diriciclaggio dei rifiuti di imballaggio: entro il 31/12/2008 almeno il 60 % in peso deirifiuti da imballaggio sarà recuperato o incenerito in impianti di incenerimento conrecupero di energia; inoltre entro la medesima data sarà riciclato almeno il 55 % e finoall’80 % in peso dei rifiuti di imballaggio, mentre per i materiali contenuti nei rifiuti diimballaggio:- 60 % in peso per il vetro;- 60 % in peso per la carta e il cartone;- 50 % in peso per i metalli;- 26 % in peso per la plastica;- 35 % in peso per il legno. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  31. 31. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 31Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale6.1.2 Normative attuative del D.Lgs. 22/97Fino all’entrata in vigore dei provvedimenti attuativi previsti dalla parte quarta del D.Lgs. 152/06, restano in vigore quelli del D. Lgs. 22/97.Il 5 Febbraio 1998 il Ministro dell’Ambiente di concerto con i Ministri della Sanità,dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato e per le Politiche Agricole, ha emanatoun Decreto Ministeriale relativo all’individuazione dei rifiuti non pericolosisottoposti alle procedure semplificate di recupero ai sensi degli articoli 31 e 33 delD. Lgs. 22/97 e successive modifiche ed integrazioni.L’art.1, recependo quanto stabilito nell’art.31, comma 1 del D.Lgs. 22/97, indica che leattività, i procedimenti ed i metodi di recupero di ciascuna delle tipologie di rifiutiindividuati dal Decreto stesso, non devono costituire un pericolo per la salute dell’uomoe recare pregiudizio all’ambiente, e in particolare non devono: − creare rischi per l’acqua, l’aria, il suolo e per la fauna e la flora; − causare inconvenienti da rumori ed odori; − danneggiare il paesaggio ed i siti di particolare interesse;Nello stesso articolo, al comma 3, è evidenziato che le attività di recupero disciplinatedal decreto devono rispettare le norme vigenti in materia di tutela della salute dell’uomoe dell’ambiente, nonché di sicurezza sul lavoro; ed in particolare:le acque di scarico risultanti dalle attività di recupero dei rifiuti disciplinate dal decretodevono rispettare le prescrizioni e i valori limite previsti dalla legge 10 marzo 1976, n.319 e dai decreti legislativi 27 gennaio 1992, n. 132 e 27 gennaio 1992, n. 133 esuccessive modifiche ed integrazioni;le emissioni in atmosfera risultanti dalle attività di recupero disciplinate dal decretodevono, per quanto non previsto dal decreto stesso, essere conformi alle disposizioni dicui al decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 1988, n.203 e successivemodifiche ed integrazioni:Si stabilisce, altresì, (comma 4), che le procedure semplificate disciplinate dal decretostesso, si applicano esclusivamente alle operazioni di recupero specificate ed ai rifiuti ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  32. 32. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 32Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleindividuati dai rispettivi codici descritti negli allegati al D.M. medesimo.L’art. 2 definisce: co-combustione: utilizzazione mista di combustibili e rifiuti, compreso ilcombustibile derivato dai rifiuti (CDR); impianto dedicato: impianto destinato esclusivamente al recupero energetico deirifiuti, compreso il combustibile da rifiuto (CDR); impianto termico: impianto industriale per la produzione di energia, con esclusionedegli impianti termici per usi civili; raccolta finalizzata: raccolta di frazioni omogenee di rifiuti speciali destinati adattività di recupero.Nell’art. 3 “recupero di materia” al comma 1 è evidenziato che le attività di recuperodi cui all’Allegato 1 del D.M. stesso, devono garantire l’ottenimento di prodotti o dimaterie prime o di materie prime secondarie con caratteristiche merceologiche conformialla normativa tecnica del settore o, comunque, nelle forme usualmentecommercializzate.In particolare, i prodotti, le materie prime e le materie prime secondarie ottenuti dalriciclaggio e dal recupero dei rifiuti individuati dal decreto stesso non devonopresentare caratteristiche di pericolo superiori a quelle dei prodotti e delle materieottenute dalla lavorazione di materie prime vergini.Al comma 3 si ribadisce che restano sottoposti al regime dei rifiuti i prodotti, le materieprime e le materie prime secondarie ottenuti dalle attività di recupero che non vengonodestinati in modo effettivo ed oggettivo all’utilizzo nei cicli di consumo e diproduzione.All’art. 4 “recupero energetico” sono individuati gli obiettivi minimi di recuperoenergetico in forma di vapore e/o energia; in particolare per le attività di recuperoenergetico si impone che al netto degli autoconsumi debbano garantire la produzione diuna quota minima di trasformazione del potere calorifico del rifiuto in energia termicapari al 75 % in base annua, oppure una quota minima percentuale da determinare inbase alla seguente formula: ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  33. 33. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 33Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale 16+[(potenza elettrica in MW)/5];la precedente formula di calcolo non si utilizza quando la percentuale di recupero delpotere calorifero del rifiuto come energia elettrica supera il 27% su base annua;se il limite di cui al precedente punto 1 non è raggiunto, l’attività di recupero di energiadal rifiuto deve comunque garantire in schemi cogenerativi, un recupero complessivosotto forma di calore ed elettricità, non inferiore al 65% su base annua.L’art. 5 “recupero ambientale” disciplina le attività di recupero ambientale, intesecome restituzione di aree degradate ad usi produttivi o sociali, attraverso rimodellamentimorfologici.All’art. 6/7 “messa in riserva, quantità” disciplina le modalità con cui devono esserestoccati i rifiuti da destinare ad una delle attività di recupero comprese negli allegati, 1 e2 del D.M. stesso, nonché le relative quantità.All’art. 8/9 “campionamenti e analisi, test di cessione” impone le modalità per ilprelievo di campioni e per la loro caratterizzazione, nonché le scadenze minime perl’effettuazione dei test di cessione.All’art. 10 “requisiti soggettivi” sono dettate i requisiti richiesti ai fini dell’applicazionedella procedura semplificata di cui all’art. 33 comma 1 del D.Lgs. 22/97.All’art. 11 “norme transitorie” sono dettati i tempi necessari all’adeguamentodell’entrata in vigore delle nuove norme.Negli allegati 1, 2, 3 al D.M. medesimo sono infine definite le norme tecniche generaliche individuano i tipi di rifiuti non pericolosi e fissano, per ciascun rifiuto e per ogniattività e metodo di recupero, le condizioni specifiche in base alle quali l’esercizio ditali attività è sottoposto alle procedure semplificate di cui all’art.33 del D.Lgs. 22/97.6.1.3 Decreto Legislativo n. 36 del 13/01/2003Il Decreto Legislativo 13/01/2003, n. 36 recepisce la Direttiva 1999/31/CE delConsiglio del 26 Aprile 1999 relativa alle modalità realizzative e gestionali deglistoccaggi definitivi.Il Decreto è suddiviso in 17 articoli e 2 allegati, e stabilisce (art. 1) i requisiti operativi ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  34. 34. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 34Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalee tecnici per i rifiuti e le discariche, misure, procedure e orientamenti tesi a prevenire oa ridurre il più possibile le ripercussioni negative sull’ambiente, in particolarel’inquinamento delle acque superficiali, delle acque sotterranee, del suolo edell’atmosfera, e sull’ambiente globale, compreso l’effetto serra, nonché i rischi per lasalute umana risultanti dall’intero ciclo di vita della discarica.Viene introdotta una nuova classificazione delle discariche in tre categorie (art. 4): • per rifiuti inerti; • per rifiuti non pericolosi; • per rifiuti pericolosi.L’art 5 fissa gli Obiettivi di riduzione di conferimento dei rifiuti. Le Regioni, entroun anno dovranno elaborare un programma di riduzione dei rifiuti biodegradabili dasmaltire in discarica per perseguire i seguenti obiettivi a livello di ATO o di Provincia: • entro 5 anni 173 kg/anno per abitante; • entro 8 anni 115 kg/anno per abitante; • entro 15 anni 81 kg/anno per abitante.All’art. 6 vengono indicate le tipologie di rifiuti non ammessi in discarica, tra i quali: • rifiuti contenenti fluidi refrigeranti di CFC e HCFC, o contaminati da CFC o HCFC in quantità superiore a 0,5% in peso riferito al materiale di supporto. • pneumatici interi fuori uso dal 16 luglio 2003, salvo quelli usati come materiali di ingegneria e dal 16 luglio 2006 anche quelli triturati; • rifiuti con potere calorifico inferiore maggiore di 13000 KJ/Kg, a partire dal 1° gennaio 2007.L’art. 6 vieta inoltre la diluizione o la miscelazione dei rifiuti al solo fine di renderliconformi ai criteri di ammissibilità dettati dall’art 7: “I rifiuti possono esserecollocati in discarica solo dopo trattamento”.Tale disposizione non si applica: a) ai rifiuti inerti il cui trattamento non sia tecnicamente fattibile; b) ai rifiuti il cui trattamento non contribuisce al raggiungimento delle finalità di cui all’articolo 1, riducendo la quantità dei rifiuti o i rischi per ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  35. 35. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 35Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale la salute umana e l’ambiente, e non risulta indispensabile ai fini del rispetto dei limiti fissati dalla normativa vigente.Nelle discariche per rifiuti inerti possono essere ammessi esclusivamente i rifiutiinerti che soddisfano i criteri stabiliti dalla normativa.Nelle discariche per i rifiuti non pericolosi possono essere ammessi i seguenti rifiuti: a) rifiuti urbani; b) rifiuti non pericolosi di qualsiasi altra origine che soddisfano i criteri di ammissione dei rifiuti previsti dalla normativa vigente; c) rifiuti pericolosi stabili e non reattivi che soddisfano i criteri di ammissione previsti dal decreto di cui al comma 5.Nelle discariche per rifiuti pericolosi possono essere ammessi solo rifiuti pericolosi chesoddisfano i criteri fissati dalla normativa.I criteri di ammissione in discarica sono definiti con decreto del Ministro dell’ambientee della tutela del territorio, di concerto con i Ministri delle attività produttive e dellasalute, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e leprovince autonome.Il sistema autorizzativo è regolato dagli articoli 8, 9 e 10.L’art. 8 stabilisce che la domanda di autorizzazione per la costruzione e l’esercizio diuna discarica, completa di tutte le informazioni richieste dagli art. 27 e 28 del D.Lgs.22/97 e s.m.i., deve contenere almeno i seguenti dati e informazioni: • l’identità del richiedente e del gestore, se sono diversi; • la descrizione dei tipi e dei quantitativi totali dei rifiuti da depositare, indicando il Codice dell’Elenco Europeo dei Rifiuti; • l’indicazione della capacità totale della discarica, espressa in termini di volume utile per il conferimento dei rifiuti, tenuto conto dell’assestamento dei rifiuti e della perdita di massa dovuta alla trasformazione in biogas; • la descrizione del sito, ivi comprese le caratteristiche idrogeologiche, geologiche e geotecniche, corredata da un rilevamento geologico di dettaglio e da una dettagliata indagine stratigrafica eseguita con prelievo di campioni e relative prove ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  36. 36. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 36Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale di laboratorio con riferimento al decreto 11 marzo 1988, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.127 del 1° giugno 1988; • i metodi previsti per la prevenzione e la riduzione dell’inquinamento, con particolare riferimento alle misure per prevenire l’infiltrazione di acqua all’interno e alla conseguente formazione di percolato, anche in riferimento al precedente punto c); • la descrizione delle caratteristiche costruttive e di funzionamento dei sistemi, degli impianti e dei mezzi tecnici prescelti; • il piano di gestione operativa della discarica, redatto secondo i criteri stabiliti dall’allegato 2, nel quale devono essere individuati i criteri e le misure tecniche adottate per la gestione della discarica e le modalità di chiusura della stessa; • il piano di gestione post-operativa della discarica, redatto secondo i criteri stabiliti dall’allegato 2, nel quale sono definiti i programmi di sorveglianza e controllo successivi alla chiusura; • il piano di sorveglianza e controllo, nel quale devono essere indicate tutte le misure necessarie per prevenire rischi d’incidenti causati dal funzionamento della discarica e per limitarne le conseguenze, sia in fase operativa che post-operativa, con particolare riferimento alle precauzioni adottate a tutela delle acque dall’inquinamento provocato da infiltrazioni di percolato nel terreno e alle altre misure di prevenzione e protezione contro qualsiasi danno all’ambiente; i parametri da monitorare, la frequenza dei monitoraggi e la verifica delle attività di studio del sito da parte del richiedente sono indicati nella tabella 2, dell’allegato 2; • il piano di ripristino ambientale del sito a chiusura della discarica, redatto secondo i criteri stabiliti dall’allegato 2, nel quale devono essere previste le modalità e gli obiettivi di recupero e sistemazione della discarica in relazione alla destinazione d’uso prevista dell’area stessa; • il piano finanziario che preveda che tutti i costi derivanti dalla realizzazione dell’impianto e dall’esercizio della discarica, i costi connessi alla costituzione della garanzia finanziaria di cui all’articolo 14, i costi stimati di chiusura, nonché ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  37. 37. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 37Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale quelli di gestione post-operativa per un periodo di almeno trenta anni, siano coperti dal prezzo applicato dal gestore per lo smaltimento, tenuto conto della riduzione del rischio ambientale e dei costi di post-chiusura derivanti dalla adozione di procedure di registrazione ai sensi del regolamento (CE) n. 761/2001; • le informazioni relative alla valutazione di impatto ambientale, qualora la domanda di autorizzazione riguardi un’opera o un’attività sottoposta a tale procedura; • le indicazioni relative alle garanzie finanziarie del richiedente o a qualsiasi altra garanzia equivalente, ai sensi dell’articolo 14.L’articolo 11 prevede specifiche disposizioni per quanto attiene le “procedure diammissione” in discarica. Al riguardo va evidenziato che l’autorizzazione all’eserciziopotrà essere rilasciata solo dopo l’accettazione da parte della Regione delle due garanziefinanziarie relative alla gestione e alla post-gestione, secondo previste modalità.Per quanto attiene alla “procedura di chiusura” di una discarica, salvo quanto indicatodall’autorizzazione, l’articolo 12 prescrive specifiche disposizioni generali, mentre ilsuccessivo articolo 13 detta prescrizioni per quanto riguarda la gestione operativa epost-operativa della stessa. Quest’ultima viene imposta per un periodo non inferiore aitrent’anni (art.8, lettera m)).In merito alle garanzie finanziarie (art. 14) sono state considerate due tipi di garanzie:una per la fase di gestione e una per la fase di post-gestione, la prima di tipo ambientale,la seconda di tipo finanziario, entrambe determinate nell’ambito dell’autorizzazione.Le garanzie richieste sono prestate ai sensi dell’articolo 1 della Legge n. 348/1982(cauzione, ai sensi dell’art. 54 R.D. 827/24; fideiussione bancaria rilasciata da istituto dicui all’art. 5 R.D.L. 375/36 e s.m.i., ovvero idonea polizza assicurativa).Per quanto riguarda le discariche esistenti (art 17), cioè autorizzate alla data di entratain vigore del decreto in parola, potranno continuare a ricevere i rifiuti per cui sono stateautorizzate fino al 16 luglio 2005. In ogni caso, per tali discariche, il titolaredell’autorizzazione – o, su delega, il gestore – dovrà presentare all’autorità competente, ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  38. 38. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 38Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleentro sei mesi dall’entrata in vigore del decreto legislativo, un piano di adeguamentodella discarica secondo quanto previsto dalle nuove disposizioni, incluse le garanziefinanziarie di gestione e post-gestione a concorrenza di quanto già eventualmenteprestato.L’autorità competente all’approvazione del piano, nell’autorizzare la prosecuzionedell’attività, fisserà il termine di adeguamento stabilendo il termine che non potrà essereoltre il 16 luglio 2009. Nel caso di mancata approvazione del piano, cioè in presenza dipossibili gravi danni all’ambiente ed alla salute, l’autorità competente prescriveràmodalità e tempi di chiusura della discarica.Sono state infine abrogate specifiche precedenti disposizioni che regolavano la materia.Il provvedimento è corredato dai seguenti 2 allegati:1. Criteri costruttivi e gestionali degli impianti di discarica;2. Piani di gestione operativa, di ripristino ambientale, di gestione post- operativa, di sorveglianza e controllo, finanziario. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  39. 39. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 39Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale6.1.4 Decreto ministeriale 3 agosto 2005 – Definizione dei criteri di ammissibilità dei rifiuti in discaricaIl Decreto 3 agosto 2005 determina l’ammissibilità dei rifiuti in ciascuna categoria didiscarica così come definite all’art.4 del D. Lgs. 13 gennaio 2003, n. 36.Secondo tale decreto il produttore dei rifiuti è tenuto ad effettuare lacaratterizzazione di base di ciascuna categoria di rifiuti conferiti in discarica, checonsiste nella determinazione delle caratteristiche dei rifiuti, realizzata con laraccolta di tutte le informazioni necessarie per uno smaltimento finale in condizioni disicurezza.La caratterizzazione di base deve essere effettuata in corrispondenza del primoconferimento, e ripetuta ad ogni variazione significativa del processo che origina irifiuti e, comunque, almeno una volta l’anno.Se le caratteristiche di base di una tipologia di rifiuti dimostrano che gli stessisoddisfano i criteri di ammissibilità per una categoria di discarica, tali rifiuti sonoconsiderati ammissibili nella corrispondente categoria.All’Art. 6 sono elencati i rifiuti che possono essere smaltiti, senza caratterizzazioneanalitica, nelle discariche per rifiuti non pericolosi. Essi sono:a) i rifiuti urbani di cui allArt.2, lettera b), del D.Lgs. 13 gennaio 2003, n. 36, classificati come non pericolosi nel cap.20 dellelenco europeo dei rifiuti e sottoposti a trattamento, le porzioni non pericolose dei rifiuti domestici raccolti separatamente e gli stessi rifiuti non pericolosi di altra origine ma di analoga composizione;b) i rifiuti non pericolosi individuati in una lista positiva definita con decreto del Ministro dellAmbiente e della Tutela del territorio, di concerto con i Ministri delle Attività Produttive e della Salute, sentito il parere della Conferenza Stato- Regioni.Nelle discariche per rifiuti non pericolosi sono smaltiti rifiuti non pericolosi che hannouna concentrazione di sostanza secca non inferiore a 25% e che, sottoposti a test dicessione, presentano un eluato conforme alle concentrazioni fissate in tabella 5 dello ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  40. 40. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 40Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalestesso decreto.Nelle discariche per rifiuti non pericolosi sono altresì smaltiti rifiuti pericolosi stabilinon reattivi che:a) sottoposti a test di cessione presentano un eluato conforme alle concentrazioni fissate in tabella 5 dello stesso decreto;b) hanno una concentrazione in carbonio organico totale non superiore al 5% con riferimento alle sostanze organiche chimicamente attive, in grado di interferire con lambiente, con esclusione, quindi, di resine e polimeri od altri composti non biodegradabili;c) il pH sia non inferiore a 6 e la concentrazione di sostanza secca non inferiore al 25%;d) tali rifiuti non devono essere depositati in aree destinate ai rifiuti non pericolosi biodegradabili.Al comma 5 si specifica che in discarica per rifiuti non pericolosi è vietato ilconferimento di rifiuti che:a) contengono PCB come definiti dal D.Lgs. 22 maggio 1999, n.209, in concentrazione superiore a 10 mg/kg;b) contengono diossine o furani in concentrazioni superiori a 0,002 mg/kg;c) contengono altre sostanze classificate cancerogene di classe 1 e 2 ai sensi dei disposti normativi in materia di classificazione, etichettatura dimballaggio di sostanze e preparati pericolosi (con esclusione dellamianto) in concentrazione superiore a 1/10 delle rispettive concentrazioni limite riportate all’Art.2 della decisione della Commissione 532/2000/Ce e successive modifiche e integrazioni, con una sommatoria massima per tutti i diversi composti pari allo 0,1%.Possono essere inoltre smaltiti in discarica per rifiuti non pericolosi i seguentirifiuti:a) i rifiuti contenenti fibre minerali artificiali, indipendentemente dalla loro classificazione, come pericolosi o non pericolosi. Il deposito dei rifiuti contenente fibre minerali artificiali deve avvenire direttamente allinterno della discarica in ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  41. 41. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 41Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale celle appositamente ed esclusivamente dedicate e deve essere effettuata in modo tale da evitare la frantumazione dei materiali. Dette celle andranno realizzate con gli stessi criteri adottati per le discariche dei rifiuti inerti. Le celle devono essere coltivate ricorrendo a sistemi che prevedano la realizzazione di settori o trincee. Devono essere spaziate in modo da consentire il passaggio degli automezzi senza causare la frantumazione dei rifiuti contenenti fibre minerali artificiali. Entro la giornata di conferimento dovrà essere assicurata la ricopertura del rifiuto con materiale adeguato, avente consistenza plastica, in modo da adattarsi alla forma ed ai volumi dei materiali da ricoprire e da costituire unadeguata protezione contro la dispersione di fibre. Nella definizione delluso dellarea dopo la chiusura devono essere prese misure adatte ad impedire contatto tra rifiuti e persone;b) i materiali non pericolosi a base di gesso. Tali rifiuti non devono essere depositati in aree destinate ai rifiuti non pericolosi biodegradabili.c) i materiali edili contenenti amianto legato in matrici cementizie o resinoidi in conformità con lArt.7, comma 3, lettera c) del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36 senza essere sottoposti a prove. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  42. 42. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 42Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Tabella 1 - "Tabella 5" del Decreto Ministeriale 3 agosto 2005 Limiti di concentrazione nelleluato per laccettabilità in discariche per rifiuti non pericolosi Elemento o composto L/S =101/kg mg/lAs 0,2Ba 10Cd 0,02Cr totale 1Cu 5Hg 0,005Mo 1Ni 1Pb 1Sb 0,07Se 0,05Zn 5Cloruri 1500Fluoruri 15Cianuri 0,5Solventi organici aromatici* 0,4Solventi organici azotati* 0,2Solventi organici clorurati* 2Pesticidi totali non fosforati* 0,05Pesticidi totali fosforati* 0,1Solfati 2000DOC ** 80TDS*** 6000* Le analisi di tali parametri sono disposte dall’autorità territorialmente competente esclusivamentequalora la provenienza del rifiuto possa determinare il fondato sospetto di un eventuale superamento deilimiti.** Nel caso in cui i rifiuti non rispettino i valori riportati per il DOC al proprio valore di pH,possonoessere sottoposti ai test con una proporzione L/S = 10 1/kg e con un pH compreso tra 7,5 e 8,0. I rifiutipossono essere considerati conformi ai criteri di ammissibilità per il carbonio organico disciolto se ilrisultato della prova non supera 80mg/l. (E disponibile un metodo in corso di sperimentazione basatosulla norma prEN 14429).*** E possibile servirsi dei valori per il TDS (totale di solidi disciolti) in alternativa ai valori per solfatoe per il cloruro.Nell’Art.8 è specificato che nelle discariche per rifiuti pericolosi. vengono smaltiti irifiuti pericolosi che soddisfano i seguenti requisiti: a. sottoposti a test di cessione di cui allallegato 3 presentano un eluato conforme alle concentrazioni fissate in tabella 6 dello stesso decreto; b. contengono Pcb come definiti dal decreto 22 maggio 1999, n. 209, in ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  43. 43. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 43Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale concentrazione non superiore a 50 mg/kg; c. contengono diossine o furani calcolati secondo i fattori di equivalenza di cui alla tabella 4 in concentrazioni non superiori 0,01 mg/kg; d. la percentuale di sostanza secca sul tal quale non deve essere inferiore al 25%; e. il TOC non deve essere superiore al 6% con riferimento alle sostanze organiche chimicamente attive, in grado di interferire con lambiente, con esclusione, quindi, di resine e polimeri od altri composti non biodegradabili. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.

×