Your SlideShare is downloading. ×
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Sia minervino murge   delta petroli
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Sia minervino murge delta petroli

1,534

Published on

Sia - Realizzaizone di una discarica nel territorio di Minervino Murge da parte dell'Azienda Deltapetroli di Roma

Sia - Realizzaizone di una discarica nel territorio di Minervino Murge da parte dell'Azienda Deltapetroli di Roma

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,534
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge 1Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale INDICESEZIONE I - INTRODUZIONE ......................................................................................................... 7 1  PREMESSA .................................................................................................................................. 8  1.1  ITER AUTORIZZATIVO .............................................................................................................. 10  1.2  LO STATO ATTUALE DELLA PROGRAMMAZIONE E DEL TERRITORIO ......................................... 13  1.2.1  Riferimenti normativi sullo smaltimento dei rifiuti e pianificazione nella Regione Puglia ............................................................................................................................. 13  1.2.2  Il Territorio..................................................................................................................... 15 2  PRESENTAZIONE DELLA DELTA PETROLI S.P.A......................................................... 17 3  LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE............................................................ 18 4  DEFINIZIONE DEL PROGETTO .......................................................................................... 21 5  L’AREA DI STUDIO ................................................................................................................ 23 SEZIONE II - QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO ......................................... 24 6  RIFERIMENTI NORMATIVI SULLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI .......................... 25  6.1  RIFERIMENTI NORMATIVI A LIVELLO NAZIONALE ED EUROPEO ................................................ 25  6.1.1  Decreto Legislativo n. 152 del 03/04/2006 e s.m.i. ........................................................ 25  6.1.2  Normative attuative del D.Lgs. 22/97 ............................................................................. 31  6.1.3  Decreto Legislativo n. 36 del 13/01/2003 ...................................................................... 33  6.1.4  Decreto ministeriale 3 agosto 2005 – Definizione dei criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica .......................................................................................................... 39  6.2  RIFERIMENTI NORMATIVI REGIONALI E PROVINCIALI............................................................... 45  6.2.1  Normativa regionale sui rifiuti ....................................................................................... 45  6.2.2  Legge Regionale n.11 del 12/04/2001 e s.m.i. ................................................................ 51  6.2.3  Ordinanza P.C.M. n. 3184 del 22 marzo 2002 ............................................................... 53 7  LA STRUTTURA DELLA PIANIFICAZIONE NELLA PUGLIA...................................... 55  7.1  IL PIANO DELLA REGIONE PUGLIA SUI RIFIUTI ........................................................................ 55  7.2  IL PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NELLA REGIONE PUGLIA, N. 246 DEL 28/12/2006 E S.M.I .................................................................................................................. 68  7.3  AGGIORNAMENTO DEL PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NELLA REGIONE PUGLIA ... 73  7.4  PIANIFICAZIONE TERRITORIALE ............................................................................................... 83  7.5  PIANIFICAZIONE PAESAGGISTICA............................................................................................. 84 _____________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 2. Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge 2Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale 7.6  IL PIANO URBANISTICO TERRITORIALE TEMATICO PER IL PAESAGGIO ED I BENI AMBIENTALI ........................................................................................................................... 86  7.7  PIANO DI BACINO DELLA PUGLIA, STRALCIO ASSETTO IDROGEOLOGICO (PAI) ...................... 97  7.8  PIANO REGIONALE ATTIVITÀ ESTRATTIVE............................................................................ 101  7.9  STRUMENTO URBANISTICO COMUNALE ................................................................................. 104  7.10  IL PIANO REGIONALE DEI TRASPORTI..................................................................................... 104  7.11  IL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE ........................................................................................ 106  7.12  SITI D’IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) – ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) ............... 113 8  RAPPORTI TRA PROGETTO, NORMATIVA E STRUMENTI PIANIFICATORI ..... 115 SEZIONE III - QUADRO DI RIFERIMENTO PROGETTUALE............................................. 119 9  PRESENTAZIONE E DISCUSSIONE DEI PRESUPPOSTI DELL’OPERA .................. 120  9.1  PREMESSA ............................................................................................................................. 120  9.2  INDIVIDUAZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEI RIFIUTI DA SMALTIRE ......................... 121 10  IL PROGETTO........................................................................................................................ 122  10.1  DESCRIZIONE DELLE LINEE DI TRATTAMENTO E RECUPERO ................................................... 123  10.1.1  Linea di selezione manuale .......................................................................................... 123  10.1.2  Linea di riduzione volumetrica per pressatura ............................................................ 125  10.1.3  Linea di riduzione volumetrica per triturazione........................................................... 125  10.1.4  Linea di disidratazione fanghi pompabili..................................................................... 127  10.1.5  Linea di omogeneizzazione ed inertizzazione ............................................................... 128  10.1.6  Disassemblaggio apparecchiature ............................................................................... 131  10.1.7  Linea trattamento rifiuti liquidi, percolato e acque reflue ........................................... 131  10.2  SERVIZI GENERALI DI STABILIMENTO .................................................................................... 132  10.2.1  Laboratorio e accettazione ........................................................................................... 132  10.2.2  Uffici, servizi igienici, spogliatoi, mensa...................................................................... 134  10.2.3  Impianto idrico ............................................................................................................. 134  10.2.4  Impianto antincendio .................................................................................................... 135  10.2.5  Reti di raccolta acque reflue ........................................................................................ 137  10.2.6  Sistema di aspirazione e trattamento dei flussi d’aria aspirati .................................... 141  10.3  STOCCAGGIO DEFINITIVO ............................................................................................. 149  10.4  STOCCAGGIO DEFINITIVO: SISTEMI DI PREVENZIONE DELL’INQUINAMENTO .......................... 156  10.4.1  Opere di impermeabilizzazione delle vasche................................................................ 157  10.4.2  Sistema di captazione del percolato ............................................................................. 159 _____________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 3. Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge 3Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale 10.4.3  Sistema di captazione del biogas .................................................................................. 162  10.4.4  Opere di sistemazione finale ........................................................................................ 162  10.4.5  Sistema di regimazione delle acque meteoriche ........................................................... 164  10.4.6  Sistemi di sicurezza....................................................................................................... 165  10.4.7  Incendi .......................................................................................................................... 166  10.4.8  Esplosioni ..................................................................................................................... 166  10.4.9  Raggiungimento dei livelli di guardia di indicatori di contaminazione;...................... 167  10.4.10  Sversamento accidentale nelle aree di servizio dell’impianto...................................... 167  10.4.11  Eventuali rotture del sistema di impermeabilizzazione ................................................ 168  10.4.12  Malfunzionamento del sistema di raccolta del percolato ed eventuali fuoriuscite dello stesso ................................................................................................................... 170  10.4.13  Cedimenti e franamenti del materiale smaltito ............................................................ 171  10.4.14  Controllo sulla qualità delle acque .............................................................................. 172  10.4.15  Controllo sulla qualità dell’aria .................................................................................. 175  10.4.16  Controllo sui cedimenti ................................................................................................ 176 SEZIONE IV – QUADRO DI RIFERIMENTO AMBIENTALE ............................................... 178 11  ATMOSFERA .......................................................................................................................... 179  11.1  CARATTERISTICHE METEOCLIMATICHE ................................................................................. 179  11.1.1  Caratteristiche termopluviometriche ............................................................................ 179  11.2  QUALITÀ DELL’ARIA ............................................................................................................. 181  11.3  ANALISI DEGLI IMPATTI E MISURE DI CONTENIMENTO ........................................................... 182 12  AMBIENTE IDRICO .............................................................................................................. 186  12.1  LINEAMENTI IDROGRAFICI..................................................................................................... 186  12.2  ANALISI DEGLI IMPATTI E MISURE DI CONTENIMENTO ........................................................... 186 13  SUOLO E SOTTOSUOLO ..................................................................................................... 190  13.1  STATO DI FATTO .................................................................................................................... 190  13.2  GEOLOGIA DELL’AREA .......................................................................................................... 192  13.3  ASSETTO STRUTTURALE ........................................................................................................ 192  13.4  CARATTERISTICHE DELL’AMMASSO ROCCIOSO ..................................................................... 193  13.5  SISMICITÀ DELL’AREA........................................................................................................... 194  13.6  PROPRIETÀ FISICO-MECCANICHE DELL’AMMASSO ROCCIOSO ................................................ 196  13.7  INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO GENERALE E IDROGRAFIA SUPERFICIALE ....................... 198  13.8  DIREZIONI PRINCIPALI DI DEFLUSSO E PERMEABILITÀ DELL’AMMASSO ................................. 200 _____________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 4. Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge 4Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale 13.9  USO DEL SUOLO .................................................................................................................... 202  13.10  QUALITÀ DELLE ACQUE DI FALDA ................................................................................. 202  13.11  ANALISI DEGLI IMPATTI E MISURE DI CONTENIMENTO ................................................... 205 14  FLORA, FAUNA ED ECOSISTEMI ..................................................................................... 208  14.1  VEGETAZIONE E FLORA ......................................................................................................... 208  14.1.1  Caratteristiche vegetazionali ........................................................................................ 209  14.2  FAUNA .................................................................................................................................. 210  14.2.1  Raccolta e organizzazione dei dati di base .................................................................. 210  14.2.2  Identificazione dei principali ambienti faunistici ......................................................... 210  14.3  ANALISI DEGLI IMPATTI E MISURE DI CONTENIMENTO ........................................................... 211 15  SALUTE PUBBLICA .............................................................................................................. 212  15.1  ANALISI DELLA STRUTTURA ANTROPICA ............................................................................... 212  15.2  ANALISI DEGLI IMPATTI E MISURE DI CONTENIMENTO ........................................................... 212 16  RUMORE E VIBRAZIONI .................................................................................................... 216  16.1  EMISSIONI SONORE ................................................................................................................ 216  16.1.1  Emissione sonore nel sito in esame .............................................................................. 218  16.2  VIBRAZIONI........................................................................................................................... 221  16.3  ANALISI DEGLI IMPATTI E MISURE DI CONTENIMENTO ........................................................... 221 17  RADIAZIONI IONIZZANTI E NON IONIZZANTI........................................................... 223 18  PAESAGGIO ........................................................................................................................... 224  18.1  ASPETTI PERCETTIVI DEL PAESAGGI ANTICHI ED ATTUALI ..................................................... 224  18.2  ANALISI DEGLI IMPATTI E MISURE DI CONTENIMENTO ........................................................... 224 19  APPENDICE ............................................................................................................................ 226 _____________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 5. Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge 5Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale ALLEGATI1. ALLEGATO FOTOGRAFICO: CONFRONTO FOTOGRAFICO SITUAZIONE ANNO 2003 E ANNO 20102. INQUADRAMENTO TERRITORIALE: CARTA STRADALE E 1:25.0003. INQUADRAMENTO TERRITORIALE: C.T.R. 1:10.000 E CATASTALE4. COMUNI DELLA PROVINCIA DI BAT5. SISTEMI PAESAGGISTICI DELL’AREA VASTA DI INTERVENTO6. PROFONDITÀ DEI TERRENI7. AREE SVANTAGGIATE DEI COMUNI CONFINANTI E LIMITROFI8. COLTURE PREVALENTI9. ATTITUDINE DEI SUOLI ALLO SPARGIMENTO DELLE ACQUE10. ELABORATI GRAFICI ALLEGATI AL QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO: 10.1.1 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – Ambiti Territoriali Estesi 10.1.2.1 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD - Vincoli Ex legge 1497/39 10.1.2.2 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD – Decreto Galasso 10.1.2.3 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD – Vincolo Idrogeologico 10.1.2.4 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD – Beni Naturalistici 10.1.2.5 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD – Beni Culturali 10.1.2.6 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD – Idrologia Superficiale 10.1.2.7 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD – Usi Civici 10.1.2.8 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD – Vincoli Faunistici 10.1.2.9 Indicazione dei vincoli secondo il PUTT – ATD – Geomorfologia di base 10.1.3 Perimetrazione delle aree SIC, ZPS e Aree Naturali Protette 10.1.4 Carta Idrogeomorfologica 10.1.5.1 Perimetrazioni del PAI – Pericolosità idraulica – Rischio_____________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 6. Regione Puglia - Provincia di Bari – Comune di Minervino Murge 6Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale 10.1.6.1 Piano di Tutela delle Acque – Acque superficiali a specifica destinazione 10.1.6.2 Piano di Tutela delle Acque – Zone di protezione speciale idrogeologica 10.1.6.3 Piano di Tutela delle Acque – Aree di vincolo d’uso degli acquiferi 10.1.6.4 Piano di Tutela delle Acque – Aree sensibili e relativi bacini scolanti 10.1.6.5 Piano di Tutela delle Acque – Opere di captazione destinate all’uso potabile 10.1.7 Nuovo PRAE – Carta Giacimentologica_____________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 7. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 7Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale SEZIONE I - INTRODUZIONE ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 8. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 8Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale1 PREMESSAIl presente Studio di Impatto Ambientale riguarda la piattaforma per il trattamento,la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi che saràrealizzata e gestita dalla società DELTA PETROLI S.p.A nel comune di MinervinoMurge, in Provincia di Barletta-Andria-Trani, in località Murgetta Grande.Il presente elaborato costituisce l’aggiornamento del SIA presentato dalla stessaDelta Petroli S.p.A. in data 12 giugno 2003, in seguito al quale la Regione Puglia, conDeterminazione n. 18 del 27 gennaio 2004, ha espresso parere favorevole allacompatibilità ambientale dell’intervento.Per cause non ascrivibili alla volontà del soggetto proponente, il procedimento diautorizzazione dell’impianto, la cui Conferenza dei Sevizi era stata avviata nelMaggio del 2006, ha subito notevoli ritardi, nonostante il progetto fosse dotato ditutti i pareri positivi ottenuti dai vari Enti (cfr. Allegato A/13).Pertanto, durante il corso del procedimento sono venuti a scadere i termini di validitàdella citata pronuncia di compatibilità ambientale che, come è noto, ha una durata di treanni.La Provincia di Bari, autorità competente per il rilascio della Autorizzazione,provvedeva, con determinazione n. 29 del 12 marzo 2008, a rilasciare un nuovo pareredi compatibilità ambientale relativamente all’intervento in oggetto ed a trasmettere lostesso, tra gli altri, anche al settore ecologia della regione Puglia.Tale provvedimento, dal punto di vista amministrativo era supportato da un parere pro-veritate rilasciato alla Provincia di Bari da un professionista di fiducia dellaAmministrazione, e dal punto di vista tecnico, da una perizia giurata che attestava lanon intervenuta variazione dello stato dei luoghi e del quadro di riferimentoprogrammatico rispetto a quanto descritto nell’originario S.I.A. analizzato dalla regionePuglia.Successivamente la Provincia di Bari, con Determinazione Dirigenziale n. 21 del 10aprile 2008, autorizzava la Costruzione e l’Esercizio dell’Impianto (Autorizzazione ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 9. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 9Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleUnica) nelle more dell’ottenimento della Autorizzazione Integrata Ambientale.In data 15-01-07, la Società inoltrava alla Regione domanda per l’ottenimentodell’A.I.A.. Seguiva l’invio di ulteriore documentazione integrativa, senza che tuttaviafosse convocata la relativa Conferenza dei Servizi.Il proponente, ancorchè in possesso di regolare autorizzazione alla realizzazionedell’impianto, decideva di non attivarsi in tal senso, preferendo attendere l’ottenimentodell’AIA.In data 11 ottobre 2011 veniva convocata la prima Conferenza di Servizi nell’ambitodella procedura di AIA, durante la quale emergevano alcune perplessità in merito allavalidità formale del parere di compatibilità ambientale prodotto dalla Provincia di Barinel marzo 2008.La Ditta Delta Petroli, allo scopo di eliminare ogni possibile vulnus dalprocedimento di autorizzazione della propria iniziativa imprenditoriale,addiveniva alla decisione di attivare una nuova procedura di impatto ambientaleche, in ossequio a quanto previsto dalla L.R. 40/07, veniva nuovamente incardinatapresso la Regione Puglia.Pertanto, nel presente documento, si propone l’aggiornamento dello Studio diImpatto Ambientale precedentemente approvato, conformemente alla normativa edagli strumenti di pianificazione e programmazione nazionale, regionale e provinciale,sopraggiunti dal gennaio 2004 ad oggi.Come si è accennato, il procedimento è di competenza regionale ai sensi dell’art. 3comma 12 della L.R. 40/2007, che recita: il comma 5 dell’articolo 10 della leggeregionale 10 luglio 2007, n. 17 (Disposizioni in campo ambientale, anche in relazioneal decentramento delle funzioni amministrative in materia ambientale), è sostituito dalseguente: “5 bis Le procedure di VIA conseguenti alle istanze di cui al comma 5 e leprocedure di VIA avviate con istanza presentata prima della data di entrata in vigoredella presente legge, nonché le relative istanze di integrazione e variazione progettualedi interventi non ancora realizzati, anche se successive a tale data, sono di competenzadella Regione”. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 10. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 10Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleSi precisa sin d’ora che lo stato dei luoghi è assolutamente identico a quanto rilevatonel 2003, come ampiamente supportato dalle foto riportate nell’Allegato fotografico 1 ecertificato espressamente dallo scrivente Prof. Ing. G. M. Baruchello.Si precisa altresì che, come verrà dimostrato nei paragrafi seguenti, la normativa e laprogrammazione nel frattempo sopraggiunti non hanno minimamente variato lecondizioni espresse nel citato decreto VIA (Determinazione n. 18 del 27 gennaio2004).Ne consegue che è possibile affermare che le verifiche svolte comprovano che il pareredi idoneità ambientale già espresso possa essere assolutamente confermato, anchealla luce dei pareri, sempre positivi, successivamente acquisiti.1.1 Iter autorizzativoLo Studio di Impatto Ambientale presentato nel 2003 ha ottenuto il parere positivo daparte dei seguenti Enti: − Regione Puglia Settore Ecologia: Determinazione n. 18 del 27 gennaio 2004.Successivamente alla su citata autorizzazione, l’iniziativa in oggetto ha ottenuto iseguenti pareri tutti positivi (cfr. allegato A/13): − Comune di Minervino Murge, Settore 7° - Urbanistica e Ambiente: Determinazione n. 8 del 12 febbraio 2004 (Raccolta Generale della Segreteria Comunale, Determinazione n. 75 del 13 febbraio 2004) – Parere favorevole in ordine alla compatibilità ambientale − ASL BA/1 Ufficio Igiene Pubblica: Prot. DP m/467 del 31 luglio 2005 - Parere igienico-sanitario favorevole; − Acquedotto Pugliese S.p.A.: nota Prot. 4781TT/rr del 20 luglio 2004 – Certificazione che la zona interessata non è canalizzata da rete di fognatura nera; − Comune di Minervino Murge, Settore 7° - Urbanistica e Ambiente: Determinazione n. 56 del 13 dicembre 2005 (Raccolta Generale della Segreteria ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 11. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 11Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Comunale, Determinazione n. 988 del 13 dicembre 2005) – Parere favorevole sotto l’aspetto urbanistico; − Comune di Minervino Murge: Delibera del Consiglio Comunale n. 25 del 31 maggio 2006 – Parere favorevole in ordine alla localizzazione; − Regione Puglia: Delibera n. 951 del 19 giugno 2007 – Rilascio parere paesaggistico favorevole. − Provincia di Bari determinazione n. 29 del 12 marzo 2008 relativa alla Compatibilità Ambientale dell’Intervento. − Provincia di Bari determinazione n. 21 del 10/04/08 relativa alla Autorizzazione Unica per impianto.Rispetto all’originale progetto allegato al SIA approvato in data 27 gennaio 2004, perspecifica richiesta dell’ARPA Puglia con comunicazione prot. n. 3405 del 26/03/2004,il progetto è stato definito a scala esecutiva.La stessa ARPA ha poi provveduto ad approvare il progetto esecutivo, così comeriportato negli allegati al presente SIA, con comunicazione prot. n. 8727 del 30 luglio2004.Sempre successivamente all’approvazione del SIA sono state ottenute ulterioriautorizzazioni relative alle emissioni in atmosfera: − Comune di Minervino Murge, Settore 7° - Urbanistica e Ambiente: Determinazione n. 44 del 28 luglio 2004 (Raccolta Generale della Segreteria Comunale, Determinazione n. 668 del 28 luglio 2004)– Parere favorevole in ai fini del rilascio dell’autorizzazione alle emissioni in atmosfera; − Regione Puglia: Determinazione n. 120 del 23 marzo 2005 – Autorizzazione alle emissioni in atmosfera.In ultimo, su richiesta della Provincia nel corso della Conferenza dei Servizi è statoaggiunto anche un ulteriore importante elemento, ovvero con la Delibera n. 951 del 19 ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 12. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 12Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalegiugno 2007 della Regione Puglia, l’iniziativa ha ottenuto il Parere paesaggisticofavorevole.La delibera, che si riporta integralmente in allegato A/13, evidenzia che,successivamente al parere positivo espresso sul SIA, la Regione si è ulteriormenteespressa positivamente sull’iniziativa in oggetto.Come si vede, pertanto, successivamente all’ottenimento della Valutazione diCompatibilità Ambientale, l’iniziativa ha raccolto ulteriori e fondamentali pareripositivi che vengono a formare un quadro totalmente affidabile sulla assoluta idoneitàtecnica e ambientale dell’iniziativa proposta dalla Delta Petroli S.p.A. a MinervinoMurge.Infatti: − il progetto è stato approvato dall’ARPA Puglia; − sono state ottenute le autorizzazioni prescritte per le emissioni in atmosfera; − la localizzazione è stata espressamente autorizzata dal Comune di Minervino Murge e dalla Regione; − Il progetto è stato autorizzato dalla provincia di Bari.Ne discende che l’opera ha tutti i prescritti pareri positivi integrativi del SIA e tuttisuccessivi a questo.Tutto ciò a riprovare che l’iniziativa è perfettamente congruente con la realtà territorialeed è espressamente approvata da tutti gli organi competenti.Inoltre, in data 21/02/2007, la Delta Petroli ha presentato alla Regione Puglia ladocumentazione per il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale ai sensi delD. Lgs. 59/05; con comunicazione Prot. n. 9687 del 18/06/2007 la Regione Puglia hacomunicato l’avvio del procedimento di A.I.A. per l’impianto in oggetto.Nell’elaborato A/13 si riporta copia delle autorizzazioni e dei pareri ottenuti dalla DeltaPetroli S.p.A. per l’impianto in oggetto.Nello stesso elaborato è riportato, altresì, il verbale della recente conferenza di servizi ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 13. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 13Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale(svoltasi il giorno 11 ottobre 2010) volta all’istruttoria dell’istanza finalizzataall’ottenimento dell’A.I.A. dell’impianto in oggetto, nella quale sono state poste indiscussione, secondo quanto indicato nella nota di convocazione prot. 12259 del 21settembre 2010, le problematiche relative agli adempimenti in materia di compatibilitàambientale.In tale occasione, come accennato, la ditta proponente ha informato la Conferenza diaver deciso di ripresentare l’istanza di Valutazione di Impatto Ambientale; gli Entihanno concordato tale iter procedurale.Inoltre, sulla richiesta avanzata dalla società proponente relativamente alla unificazionedei procedimenti di VIA e di AIA, l’Ufficio AIA si è riservato di interloquire conl’Ufficio VIA regionale, al fine di verificarne la fattibilità.1.2 Lo stato attuale della programmazione e del territorio1.2.1 Riferimenti normativi sullo smaltimento dei rifiuti e pianificazione nella Regione PugliaRispetto allo Studio di Impatto Ambientale approvato, dal 2004 ad oggi sonosopravvenute le seguenti modifiche normative sia a livello nazionale che regionale: − Decreto legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 e s.m.i. In materia di smaltimento di rifiuti è stato abrogato il decreto Ronchi (D. Lgs. n. 22 del 5 febbraio 1997) ed emanato il D. Lgs. 152 del 3 aprile 2006 con il quale è stata riformulata la normativa ambientale di 6 settori (gestione dei rifiuti e bonifica dei siti contaminati; acque; suolo; aree protette, specie protette di flora e fauna; danni ambientali; valutazione dell’impatto ambientale e valutazione ambientale strategica; emissioni in atmosfera). − Decreto Ministeriale 3 agosto 2005 Il Decreto 13 marzo 2003 – Criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica è stato ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 14. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 14Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale abrogato e sostituito con il Decreto Ministeriale 3 agosto 2005 – Definizione dei criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica. − Legge Regionale n° 17 del 14 giugno 2007 – Disposizioni in campo ambientale, anche in relazione al decentramento delle funzioni amministrative in materia ambientale. − Aggiornamento del Piano di Gestione dei rifiuti speciali nella Regione Puglia, approvato con Deliberazione della Giunta Regionale 28 dicembre 2009, n. 2668.Inoltre sono stati promulgati i seguenti atti di programmazione: − Decreto Commissariale n° 187 del 09/12/2005 – Aggiornamento, completamento e modifica al Piano Regionale di Gestione dei rifiuti della Regione Puglia; − Decreto Commissariale n° 246 del 28/12/2006 – Piano di Gestione dei rifiuti Speciali nella Regione Puglia. − Progetto di Piano di Tutela delle Acque - Approvato con Delibera del Consiglio Regionale n. 230 del 20/10/2009. − Nuovo P.R.A.E. - Piano Regionale Attività Estrattive, adottato con Delibera di Giunta Regionale n°2112 del 10/11/2009 ed approvato con Delibera Giunta Regionale n°445 del 23/02/2010.Si sottolinea, tra l’altro, che nel frattempo il comune di Minervino Murge è statoinglobato nella Provinca di Barletta-Andria-Trani (BAT), istituita con la Legge 11Giugno 2004 n. 148 (G.U. n. 138 del 15-6-2004), ma ufficialmente operativa dal 6giugno 2009, quando si sono tenute le prime elezioni del Consiglio Provinciale.In ogni caso sono fatti salvi tutti i pareri già ottenuti, rilasciati dai vari enti regionali edal Comune di Minervino Murge. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 15. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 15Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleNel seguito del lavoro saranno evidenziate le innovazioni dagli stessi introdotti e irapporti con l’opera in esame.1.2.2 Il TerritorioLo Studio di Impatto Ambientale approvato, descriveva nel dettaglio lo stato deiluoghi proponendo degli stessi anche una dettagliata relazione fotografica.Con l’obiettivo di evidenziare che le caratteristiche del contesto non sono, nelfrattempo, mutate e che, quindi, l’opera non potrà avere ripercussioni sul territoriodiverse da quelle già ritenute a suo tempo accettabili nel citato decreto VIA, inallegato si riporta un nuovo servizio fotografico (Confronto fotografico situazioneanno 2003 e anno 2010) ripreso dagli stessi punti di vista di quello svolto nel 2003che attesta che lo stato dei luoghi si è mantenuto del tutto identico.L’allegato fotografico include anche una visione satellitare dell’area in particolare evasta scala.Nelle figure 1 e 2 dell’allegato fotografico viene mostrato l’interno della cava dismessa;come è possibile verificare dal confronto tra le foto effettuate nel 2003 e quelleeffettuate recentemente la conformazione della cava non ha subito modifiche nelcorso degli anni.La tavola 3 mostra il ciglio lato nord della cava, mentre le figure 4 e 5 il ciglio latoovest; nelle foto recenti è possibile individuare gli stessi fabbricati presenti nel 2003,la conformazione del sito risulta essere la stessa, mentre la vegetazione risulta piùscarna nella situazione attuale, probabilmente a causa di un incendio di cui è possibilericonoscere le tracce.Le figure 6 e 7 mostrano la viabilità interna del sito in particolare una zona vicino allastrada di accesso; anche in questo caso i fabbricati individuabili nelle foto recentisono gli stessi presenti nel 2003; come già accennato per le tavole precedenti, èpossibile scorgere le tracce lasciate da un incendio sulla vegetazione; in particolarenella situazione attuale la stradina sterrata risulta meno definita e pulita in quanto èricoperta da sterpaglie. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 16. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 16Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleLe foto evidenziano anche le caratteristiche del contesto ambientale esterno all’area,mostrando come questo sia sostanzialmente immutato nel corso degli anni.Si nota, infine, la pratica inesistenza, nell’intorno significativo dell’opera, diinsediamenti di qualsiasi genere. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 17. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 17Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale2 PRESENTAZIONE DELLA DELTA PETROLI S.P.A.Il soggetto che si interesserà della realizzazione e dell’esercizio della piattaforma perrifiuti non pericolosi è la società:DELTA PETROLI S.p.A., con SEDE LEGALE in Via Ostiense Km 9,300 – 00144Roma, costituita nel 1979, con capitale sociale di € 361.900 interamente versato.Presidente del Consiglio di Amministrazione: Sig. Umberto MorpurgoLa DELTA PETROLI S.p.A. è strutturata in quattro divisioni operative: • Divisione Ecologia ed Impatto Ambientale • Divisione Tecnologia e Risparmio Energetico • Divisione Combustibili • Divisione Edilizia ed InfrastruttureLa società DELTA PETROLI S.p.A. è certificata ISO 9002. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 18. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 18Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale3 LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALEI soggetti che intendano realizzare impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti e lediscariche devono presentare un progetto che deve contenere, tra l’altro, lo Studiodell’Impatto Ambientale effettuato in conformità alla seconda parte del DecretoLegislativo 3 aprile 2006, n. 152, anche quando non sia richiesta la valutazione diimpatto ambientale (V.I.A.).Il decreto sopra citato abroga il precedente Decreto del Presidente della Repubblica 12aprile 1996, n. 210, con il quale era stato approvato l’atto di indirizzo e coordinamentorelativo alle condizioni, criteri e norme tecniche per l’applicazione della procedura divalutazione d’impatto ambientale anche a quei progetti inclusi nell’allegato II alladirettiva del Consiglio 85/337/CEE, non sottoposti alla procedura nell’ambito dellacompetenza del Ministero dell’Ambiente.Il D. Lgs. 3 aprile 2006, n. 152, stabilisce (Art. 24) che la procedura di valutazione diimpatto ambientale deve assicurare che: a) nei processi di formazione delle decisioni relative alla realizzazione dei progetti siano considerati gli obiettivi di proteggere la salute e di migliorare la qualità della vita umana, al fine di contribuire con un migliore ambiente alla qualità della vita, provvedere al mantenimento della varietà delle specie e conservare la capacità di riproduzione dell’ecosistema in quanto risorsa essenziale di vita, di garantire l’uso plurimo delle risorse e lo sviluppo sostenibile; b) per ciascun progetto siano valutati gli effetti diretti ed indiretti sull’uomo, sulla fauna, sulla flora, sul suolo, sulle acque di superficie e sotterranee, sull’aria, sul clima, sul paesaggio e sull’interazione tra detti fattori, sui beni materiali e sul patrimonio culturale ed ambientale; c) per ciascun progetto siano esplicitate le principali ragioni della scelta fra le alternative proposte dal committente; d) in ogni fase della procedura siano garantiti lo scambio di informazioni e la consultazione tra il soggetto proponente e l’autorità competente; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 19. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 19Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale e) siano garantite l’informazione e la partecipazione dei cittadini al procedimento; f) siano conseguite la semplificazione, la razionalizzazione ed il coordinamento delle valutazioni e degli atti autorizzativi in materia ambientale.Lo Studio di Impatto Ambientale deve essere predisposto secondo le indicazioni di cuiall’Allegato V della parte seconda del D. Lgs. 3 aprile 2006, n. 152, in particolare, devecontenere (Art. 27): a) la descrizione del progetto, con informazioni relative alle sue caratteristiche, alla sua localizzazione ed alle sue dimensioni; b) la descrizione delle misure previste ad evitare, ridurre e possibilmente compensare gli effetti negativi rilevanti; c) i dati necessari per individuare e valutare i principali effetti sull’ambiente e sul patrimonio culturale che il progetto può produrre, sia in fase di realizzazione che di esercizio; d) una descrizione sommaria delle varie alternative prese in esame dal committente, ivi compresa la cosiddetta “opzione zero”, con indicazione delle principali ragioni della scelta, sotto il profilo dell’impatto ambientale; e) una valutazione del rapporto costi-benefici del progetto dal punto di vista ambientale, economico e sociale.In ottemperanza di quanto stabilito dal suddetto Decreto lo Studio contiene, pertanto, leelaborazioni eseguite allo scopo di verificare la fattibilità ambientale dell’impianto.Lo studio si articola secondo i tre Quadri di riferimento: Programmatico, Progettuale eAmbientale.La metodologia di redazione di ciascun quadro è analoga e prevede la descrizione deidiversi fattori costituenti il Quadro di Riferimento allo stato attuale nonché l’analisidelle influenze esercitate dall’opera sulle componenti esaminate.Il Quadro di Riferimento Programmatico esamina i rapporti tra il progetto e glistrumenti di pianificazione e programmazione territoriale e settoriale.Il Quadro di Riferimento Progettuale effettua una sintetica descrizione delle ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 20. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 20Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalecaratteristiche tecniche dell’impianto, definisce quali ne siano i presupposti e lemotivazioni, infine illustra i vantaggi o gli impatti derivanti da tale proposta nonché leeventuali misure per la mitigazione e il contenimento di questi ultimi.Il Quadro di Riferimento Ambientale analizza le caratteristiche attuali del territorio ed ilsuo rapporto con il progetto.L’analisi è stata sviluppata esaminando i potenziali impatti indotti dall’impianto sianella fase di realizzazione che in quella di esercizio nonché indicando gli accorgimentinecessari ad eliminare, attenuare o minimizzare l’impatto stesso.Tali disturbi sono stati analizzati in funzione delle loro caratteristiche e dello specificoambito di influenza rispetto a tutte le componenti ambientali previste dalla normativa,ovvero: • atmosfera, • ambiente idrico, • suolo e sottosuolo, • flora, fauna ed ecosistemi, • salute pubblica, • rumori e vibrazioni, • radiazioni, • paesaggio.Al fine pertanto di poter individuare, per ognuna di queste componenti, i possibiliricettori dei disturbi indotti dall’opera e le possibili relazioni che intercorrono tra lestesse, si è proceduto ad esaminare e a descrivere le caratteristiche peculiaridell’ambiente nella parte di territorio interessata. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 21. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 21Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale4 DEFINIZIONE DEL PROGETTOLa piattaforma che si intende realizzare tratterà esclusivamente rifiuti non pericolosiai sensi della vigente normativa, e prevedrà due sezioni principali di trattamento.La prima è composta da un impianto di trattamento e valorizzazione dei rifiuti,articolato nelle seguenti linee: • Area conferimento rifiuti; • Linea per la cernita e selezione componenti di pregio; • Linea di riduzione volumetrica per pressatura; • Linea di riduzione volumetrica per triturazione; • Linea di disidratazione fanghi pompabili; • Linea di omogeneizzazione ed inertizzazione fanghi palabili; • Linea per il trattamento del percolato prodotto dallo stoccaggio definitivo e delle acque reflue; • Disassemblaggio apparecchiature. La seconda prevede uno stoccaggio temporaneo e lo stoccaggio definitivo per rifiuti non pericolosi realizzato ai sensi della vigente normativa, ed è articolato in: • Deposito temporaneo per alimentazione pressa; • Deposito temporaneo per alimentazione triturazione; • Deposito temporaneo per alimentazione inertizzazione fanghi palabili; • Deposito temporaneo reflui liquidi per l’alimentazione della linea di trattamento; • Stoccaggio rifiuti solidi; • Stoccaggio fanghi palabili; • Stoccaggio rifiuti liquidi e fanghi pompabili; • Stoccaggio del percolato proveniente dalla discarica annessa all’impianto e da impianti esterni; • Stoccaggio dei materiali recuperati; • Stoccaggio dei residui di processo da avviare in discarica; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 22. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 22Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale • Stoccaggio definitivo di rifiuti solidi non pericolosi in discarica.Il progetto nel suo complesso è stato strutturato in base alle indicazioni contenuteall’art. 8 - Domanda di autorizzazione del Decreto Legislativo 13/01/2003, n. 36,pubblicato sulla G.U. n. 59 del 13/3/2003, in recepimento della direttiva Comunitaria99/31/CE.Nella descrizione del progetto fornita nel “Quadro di riferimento Progettuale” sarannodefinite in dettaglio le diverse caratteristiche tecniche e progettuali. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 23. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 23Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale5 L’AREA DI STUDIOL’area ricade nei limiti amministrativi del Comune di Minervino Murge, al confinecon quello di Canosa di Puglia, in località Murgetta Grande, tav. III - NW del foglio176 dell’IGM denominato Lamalunga. È riportata al catasto nel foglio 8, particelle 4-24-39-333-334.Il sito è a meno di 300 m dalla S.P. n. 24 e dalla S.P. n. 143 per Canosa, e può esserefacilmente raggiunto sia dall’Autostrada A14 Adriatica che dall’Autostrada A16Napoli – Canosa.L’area in cui ricadrà l’opera è caratterizzata dalla presenza di una cava attualmentedismessa, utilizzata in passato per l’estrazione di materiali lapidei.L’estensione della fossa è pari a circa 15 ha.I centri abitati più vicini sono quelli di Minervino Murge che dista circa 9 Km eCanosa di Puglia che dista circa 6 Km.Il contesto di allocazione dell’area si presenta in grado di reagire positivamente adeventuali impatti: non sono presenti centri abitati nell’intorno, la viabilità è in grado dismaltire il traffico degli automezzi afferenti all’impianto e non sono rilevabiliparticolari caratteri di emergenza ambientale. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 24. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 24Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale SEZIONE II - QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 25. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 25Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale6 RIFERIMENTI NORMATIVI SULLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI6.1 Riferimenti normativi a livello nazionale ed europeo6.1.1 Decreto Legislativo n. 152 del 03/04/2006 e s.m.i.In materia di smaltimento rifiuti la normativa di riferimento è il Decreto Legislativo n.152 pubblicato in data 03/04/2006 (l’ultimo aggiornamento risale al 3 settembre2010 con il D.Lgs. n. 128 del 29 giugno 2010). Con il presente decreto vieneriformulata la normativa ambientale di 6 settori (gestione dei rifiuti e bonifica siticontaminati; acque; suolo; aree protette, specie protette di flora e fauna; danniambientali; valutazione dellimpatto ambientale e valutazione ambientale strategica;emissioni in atmosfera) che subisce una profonda trasformazione.Il decreto n. 152 del 3 aprile 2006 è suddiviso in sei parti, in particolare la parte quarta“disciplina la gestione dei rifiuti e la bonifica dei siti inquinati anche in attuazione delledirettive comunitarie sui rifiuti, sui rifiuti pericolosi, sugli oli usati, sulle batterieesauste, sui rifiuti di imballaggio, sui policlorobifenili (PCB), sulle discariche, sugliinceneritori, sui rifiuti elettrici ed elettronici, sui rifiuti portuali, sui veicoli fuori uso,sui rifiuti sanitari e sui rifiuti contenenti amianto” (Art. 177).Il Titolo I della parte quarta del presente decreto ha per oggetto la “Gestione deiRifiuti” ed è composto da 40 articoli raggruppati in 5 capi:1. Disposizioni generali;2. Competenze;3. Servizio di gestione integrata dei rifiuti;4. Autorizzazioni ed iscrizioni;5. Procedure semplificate.Il Titolo II ha per oggetto la “Gestione degli Imballaggi”.Il Titolo III ha per oggetto la “Gestione di Particolari Categorie di Rifiuti”. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 26. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 26Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleIl Titolo IV ha per oggetto la “Tariffa per la Gestione dei Rifiuti Urbani”.Il Titolo V ha per oggetto la “Bonifica dei Siti Contaminati”.Il Titolo VI ha per oggetto il “Sistema Sanzionatorio e Disposizioni Transitorie eFinali”.Il Decreto stabilisce (Art. 179 - 180) che le Pubbliche Amministrazioni devonoperseguire iniziative dirette a favorire prioritariamente la prevenzione e la riduzionedella produzione e della nocività dei rifiuti mediante: • sviluppo di tecnologie pulite; • la messa a punto tecnica e l’immissione sul mercato di prodotti concepiti in modo da non contribuire o da contribuire il meno possibile ad incrementare la quantità o la nocività dei rifiuti e i rischi di inquinamento; • sviluppo di tecniche per la rimozione di sostanze pericolose contenute nei rifiuti al fine di favorirne il recupero; • promozione di strumenti di analisi dell’impatto di ogni specifico prodotto nell’ambiente durante il suo intero ciclo di vita; • previsione di condizioni di appalto che valorizzino le capacità e le competenze tecniche in materia; • promozione di accordi e contratti di programma finalizzati allo specifico problema.Le Pubbliche Amministrazioni (Art. 181) devono inoltre favorire:a) il riutilizzo, il reimpiego ed il riciclaggio;b) le altre forme di recupero per ottenere materia prima secondaria dai rifiuti;c) l’adozione di misure economiche e la previsione di condizioni d’appalto che prescrivano l’impiego dei materiali recuperati dai rifiuti al fine di favorire il mercato dei materiali medesimi;d) l’utilizzazione dei rifiuti come mezzo per produrre energia.inoltre possono promuovere e stipulare accordi e contratti di programma con i soggettieconomici interessati o con le associazioni di categoria rappresentative dei settoriinteressati al fine di favorire il riutilizzo, il reimpiego e il riciclaggio e le atre forme direcupero dei rifiuti. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 27. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 27Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleSecondo quanto espresso dall’Art. 182, i rifiuti da avviare allo smaltimento finaledevono essere il più possibile ridotti, sia in massa che in volume, potenziando laprevenzione e le attività di riutilizzo, di riciclaggio e di recupero; è necessario poiattuare lo smaltimento dei rifiuti con il ricorso ad una rete integrata ed adeguata diimpianti di smaltimento, attraverso le migliori tecniche disponibili e tenuto conto delrapporto tra costi e i benefici complessivi, in modo da garantire, tra le altre cose, losmaltimento dei rifiuti in uno degli impianti appropriati più vicini, al fine di ridurre imovimenti dei rifiuti stessi.Inoltre la realizzazione e la gestione di nuovi impianti di incenerimento possono essereautorizzate solo se il relativo processo di combustione è accompagnato da recuperoenergetico.In riferimento all’Art. 184, i rifiuti si distinguono innanzitutto secondo l’origine, in:• Rifiuti Urbani;• Rifiuti Speciali;e secondo le caratteristiche di pericolosità in:• Rifiuti Pericolosi;• Rifiuti non Pericolosi.Sono Rifiuti Urbani:a) i rifiuti domestici, anche ingombranti, provenienti da locali e luoghi adibiti ad uso di civile abitazione;b) i rifiuti non pericolosi provenienti da locali e luoghi adibiti ad usi diversi da quelli di cui alla lettera a), assimilati, ai sensi dell’Art. 198 del medesimo Decreto, ai rifiuti urbani per qualità e quantità;c) i rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade;d) i rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade ed aree private, comunque soggette ad uso pubblico, o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive dei corsi d’acqua;e) i rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali;f) i rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni, nonché gli altri rifiuti ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 28. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 28Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale provenienti da attività cimiteriale diversi da quelli di cui alle lettere b), c) ed e).Sono Rifiuti Speciali:a) i rifiuti da attività agricole e agro-industriali;b) i rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti pericolosi che derivano dalle attività di scavo,c) i rifiuti da lavorazioni industriali;d) i rifiuti da lavorazioni artigianali;e) i rifiuti da attività commerciali;f) i rifiuti da attività di servizio;g) i rifiuti derivanti dalla attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi;h) i rifiuti provenienti da attività sanitarie;i) i macchinari e la apparecchiature deteriorati ed obsoleti;l) i veicoli a motore, rimorchi e simili fuori uso e loro parti.m) il combustibile derivato dai rifiuti;n) i rifiuti derivanti dalle attività di selezione meccanica dei rifiuti solidi urbani.Sono invece considerati pericolosi i rifiuti non domestici, indicati nell’elenco di cuiall’Allegato D sulla base degli allegati G, H ed I dello stesso D. Lsg 152/06 .Viene riproposto (Art. 189) il Catasto dei rifiuti, in modo da assicurare un quadroconoscitivo completo e costantemente aggiornato, anche ai fini della pianificazionedelle connesse attività di gestione dei rifiuti. Il Catasto è articolato in una sezioneNazionale e in sezioni Regionali e delle Province autonome e ad esso dovrannoconfluire tutti i dati relativi alla produzione, alla raccolta, al trasporto, al recupero edallo smaltimento dei rifiuti.Il Decreto concede (Art. 191) ai Sindaci ed ai Presidenti delle Giunte Provinciali eRegionali di autorizzare il ricorso temporaneo a speciali forme di gestione dei rifiutianche in deroga alle disposizioni di legge vigenti, qualora ciò sia giustificato dasituazioni di eccezionale ed urgente necessità di tutela della salute pubblica e ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 29. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 29Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaledell’ambiente.In riferimento alla redazione dei Piani di smaltimento, gli Articoli 195, 196, 197 e198 individuano le competenze di Stato, Regioni, Province e Comuni.In particolare, la predisposizione, l’adozione e l’aggiornamento dei Piani è competenzadelle Regioni, sentite le Province, i Comuni e le Autorità d’ambito.I Piani regionali di gestione dei rifiuti devono prevedere in particolare: - misure tese alla riduzione delle quantità, dei volumi e della pericolosità dei rifiuti; - le condizioni ed i criteri tecnici in base ai quali gli impianti per la gestione dei rifiuti, ad eccezione delle discariche, siano localizzati nelle aree destinate ad insediamenti produttivi; - la delimitazione di ogni singolo ambito territoriale ottimale sul territorio regionale; - le iniziative dirette a limitare la produzione dei rifiuti, a favorire il riutilizzo, il riciclaggio, il recupero dei rifiuti e il recupero dai rifiuti di materiali e di energia.E’ competenza delle Regioni la regolamentazione delle attività di gestione dei rifiutianche pericolosi, compresa la raccolta differenziata, la definizione di criteri perl’individuazione, da parte delle Province, delle aree non idonee alla localizzazione degliimpianti di smaltimento dei rifiuti e la definizione dei criteri per l’individuazione deiluoghi o impianti idonei allo smaltimento.Come già anticipato, alle Province competono il controllo periodico su tutte le attivitàdi gestione di intermediazione e di commercio dei rifiuti, l’individuazione delle zoneidonee e non idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimento e di recupero deirifiuti.La gestione dei rifiuti urbani è organizzata (Art. 200) sulla base di Ambiti TerritorialiOttimali (ATO) delimitati dal Piano Regionale allo scopo di superare la frammentazionedelle gestioni attraverso un servizio di gestione integrata dei rifiuti.Nell’Art 205 vengono definite le misure per incrementare la raccolta differenziata,fissando i seguenti obiettivi di raccolta in ogni ATO: - almeno il 35 % entro il 31/12/2006; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 30. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 30Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale - almeno il 45 % entro il 31/12/2008; - almeno il 65 % entro il 31/12/2012.Per quanto riguarda la definizione della procedura di autorizzazione delle attività dismaltimento, il Decreto stabilisce che (Art. 208, 209, 210, 211, 212) i soggetti cheintendono realizzare e gestire nuovi impianti di smaltimento o di recupero di rifiuti,anche pericolosi, devono presentare domanda alla Regione competente per territorio.Nei suddetti articoli vengono descritti:- tutto l’iter temporale-autorizzativo da seguire;- gli elementi e le descrizioni che devono essere contenuti in ogni domanda;- le procedure per il rinnovo delle autorizzazioni alla gestione degli impianti;- le procedure per l’iscrizione all’Albo Nazionale dei Gestori obbligatoria per lo svolgimento delle attività di raccolta e trasporto dei rifiuti e di gestione degli impianti di smaltimento e di recupero.Al titolo II (articoli 217 ÷ 226) del D. Lgs. 152 viene definita la disciplina dellagestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio immessi sul mercato nazionale edi tutti i rifiuti di imballaggio derivanti dal loro impiego. In particolare, nell’Allegato Edella quarta parte del presente decreto vengono definiti gli obiettivi di recupero e diriciclaggio dei rifiuti di imballaggio: entro il 31/12/2008 almeno il 60 % in peso deirifiuti da imballaggio sarà recuperato o incenerito in impianti di incenerimento conrecupero di energia; inoltre entro la medesima data sarà riciclato almeno il 55 % e finoall’80 % in peso dei rifiuti di imballaggio, mentre per i materiali contenuti nei rifiuti diimballaggio:- 60 % in peso per il vetro;- 60 % in peso per la carta e il cartone;- 50 % in peso per i metalli;- 26 % in peso per la plastica;- 35 % in peso per il legno. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 31. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 31Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale6.1.2 Normative attuative del D.Lgs. 22/97Fino all’entrata in vigore dei provvedimenti attuativi previsti dalla parte quarta del D.Lgs. 152/06, restano in vigore quelli del D. Lgs. 22/97.Il 5 Febbraio 1998 il Ministro dell’Ambiente di concerto con i Ministri della Sanità,dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato e per le Politiche Agricole, ha emanatoun Decreto Ministeriale relativo all’individuazione dei rifiuti non pericolosisottoposti alle procedure semplificate di recupero ai sensi degli articoli 31 e 33 delD. Lgs. 22/97 e successive modifiche ed integrazioni.L’art.1, recependo quanto stabilito nell’art.31, comma 1 del D.Lgs. 22/97, indica che leattività, i procedimenti ed i metodi di recupero di ciascuna delle tipologie di rifiutiindividuati dal Decreto stesso, non devono costituire un pericolo per la salute dell’uomoe recare pregiudizio all’ambiente, e in particolare non devono: − creare rischi per l’acqua, l’aria, il suolo e per la fauna e la flora; − causare inconvenienti da rumori ed odori; − danneggiare il paesaggio ed i siti di particolare interesse;Nello stesso articolo, al comma 3, è evidenziato che le attività di recupero disciplinatedal decreto devono rispettare le norme vigenti in materia di tutela della salute dell’uomoe dell’ambiente, nonché di sicurezza sul lavoro; ed in particolare:le acque di scarico risultanti dalle attività di recupero dei rifiuti disciplinate dal decretodevono rispettare le prescrizioni e i valori limite previsti dalla legge 10 marzo 1976, n.319 e dai decreti legislativi 27 gennaio 1992, n. 132 e 27 gennaio 1992, n. 133 esuccessive modifiche ed integrazioni;le emissioni in atmosfera risultanti dalle attività di recupero disciplinate dal decretodevono, per quanto non previsto dal decreto stesso, essere conformi alle disposizioni dicui al decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 1988, n.203 e successivemodifiche ed integrazioni:Si stabilisce, altresì, (comma 4), che le procedure semplificate disciplinate dal decretostesso, si applicano esclusivamente alle operazioni di recupero specificate ed ai rifiuti ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 32. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 32Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleindividuati dai rispettivi codici descritti negli allegati al D.M. medesimo.L’art. 2 definisce: co-combustione: utilizzazione mista di combustibili e rifiuti, compreso ilcombustibile derivato dai rifiuti (CDR); impianto dedicato: impianto destinato esclusivamente al recupero energetico deirifiuti, compreso il combustibile da rifiuto (CDR); impianto termico: impianto industriale per la produzione di energia, con esclusionedegli impianti termici per usi civili; raccolta finalizzata: raccolta di frazioni omogenee di rifiuti speciali destinati adattività di recupero.Nell’art. 3 “recupero di materia” al comma 1 è evidenziato che le attività di recuperodi cui all’Allegato 1 del D.M. stesso, devono garantire l’ottenimento di prodotti o dimaterie prime o di materie prime secondarie con caratteristiche merceologiche conformialla normativa tecnica del settore o, comunque, nelle forme usualmentecommercializzate.In particolare, i prodotti, le materie prime e le materie prime secondarie ottenuti dalriciclaggio e dal recupero dei rifiuti individuati dal decreto stesso non devonopresentare caratteristiche di pericolo superiori a quelle dei prodotti e delle materieottenute dalla lavorazione di materie prime vergini.Al comma 3 si ribadisce che restano sottoposti al regime dei rifiuti i prodotti, le materieprime e le materie prime secondarie ottenuti dalle attività di recupero che non vengonodestinati in modo effettivo ed oggettivo all’utilizzo nei cicli di consumo e diproduzione.All’art. 4 “recupero energetico” sono individuati gli obiettivi minimi di recuperoenergetico in forma di vapore e/o energia; in particolare per le attività di recuperoenergetico si impone che al netto degli autoconsumi debbano garantire la produzione diuna quota minima di trasformazione del potere calorifico del rifiuto in energia termicapari al 75 % in base annua, oppure una quota minima percentuale da determinare inbase alla seguente formula: ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 33. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 33Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale 16+[(potenza elettrica in MW)/5];la precedente formula di calcolo non si utilizza quando la percentuale di recupero delpotere calorifero del rifiuto come energia elettrica supera il 27% su base annua;se il limite di cui al precedente punto 1 non è raggiunto, l’attività di recupero di energiadal rifiuto deve comunque garantire in schemi cogenerativi, un recupero complessivosotto forma di calore ed elettricità, non inferiore al 65% su base annua.L’art. 5 “recupero ambientale” disciplina le attività di recupero ambientale, intesecome restituzione di aree degradate ad usi produttivi o sociali, attraverso rimodellamentimorfologici.All’art. 6/7 “messa in riserva, quantità” disciplina le modalità con cui devono esserestoccati i rifiuti da destinare ad una delle attività di recupero comprese negli allegati, 1 e2 del D.M. stesso, nonché le relative quantità.All’art. 8/9 “campionamenti e analisi, test di cessione” impone le modalità per ilprelievo di campioni e per la loro caratterizzazione, nonché le scadenze minime perl’effettuazione dei test di cessione.All’art. 10 “requisiti soggettivi” sono dettate i requisiti richiesti ai fini dell’applicazionedella procedura semplificata di cui all’art. 33 comma 1 del D.Lgs. 22/97.All’art. 11 “norme transitorie” sono dettati i tempi necessari all’adeguamentodell’entrata in vigore delle nuove norme.Negli allegati 1, 2, 3 al D.M. medesimo sono infine definite le norme tecniche generaliche individuano i tipi di rifiuti non pericolosi e fissano, per ciascun rifiuto e per ogniattività e metodo di recupero, le condizioni specifiche in base alle quali l’esercizio ditali attività è sottoposto alle procedure semplificate di cui all’art.33 del D.Lgs. 22/97.6.1.3 Decreto Legislativo n. 36 del 13/01/2003Il Decreto Legislativo 13/01/2003, n. 36 recepisce la Direttiva 1999/31/CE delConsiglio del 26 Aprile 1999 relativa alle modalità realizzative e gestionali deglistoccaggi definitivi.Il Decreto è suddiviso in 17 articoli e 2 allegati, e stabilisce (art. 1) i requisiti operativi ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 34. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 34Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalee tecnici per i rifiuti e le discariche, misure, procedure e orientamenti tesi a prevenire oa ridurre il più possibile le ripercussioni negative sull’ambiente, in particolarel’inquinamento delle acque superficiali, delle acque sotterranee, del suolo edell’atmosfera, e sull’ambiente globale, compreso l’effetto serra, nonché i rischi per lasalute umana risultanti dall’intero ciclo di vita della discarica.Viene introdotta una nuova classificazione delle discariche in tre categorie (art. 4): • per rifiuti inerti; • per rifiuti non pericolosi; • per rifiuti pericolosi.L’art 5 fissa gli Obiettivi di riduzione di conferimento dei rifiuti. Le Regioni, entroun anno dovranno elaborare un programma di riduzione dei rifiuti biodegradabili dasmaltire in discarica per perseguire i seguenti obiettivi a livello di ATO o di Provincia: • entro 5 anni 173 kg/anno per abitante; • entro 8 anni 115 kg/anno per abitante; • entro 15 anni 81 kg/anno per abitante.All’art. 6 vengono indicate le tipologie di rifiuti non ammessi in discarica, tra i quali: • rifiuti contenenti fluidi refrigeranti di CFC e HCFC, o contaminati da CFC o HCFC in quantità superiore a 0,5% in peso riferito al materiale di supporto. • pneumatici interi fuori uso dal 16 luglio 2003, salvo quelli usati come materiali di ingegneria e dal 16 luglio 2006 anche quelli triturati; • rifiuti con potere calorifico inferiore maggiore di 13000 KJ/Kg, a partire dal 1° gennaio 2007.L’art. 6 vieta inoltre la diluizione o la miscelazione dei rifiuti al solo fine di renderliconformi ai criteri di ammissibilità dettati dall’art 7: “I rifiuti possono esserecollocati in discarica solo dopo trattamento”.Tale disposizione non si applica: a) ai rifiuti inerti il cui trattamento non sia tecnicamente fattibile; b) ai rifiuti il cui trattamento non contribuisce al raggiungimento delle finalità di cui all’articolo 1, riducendo la quantità dei rifiuti o i rischi per ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 35. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 35Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale la salute umana e l’ambiente, e non risulta indispensabile ai fini del rispetto dei limiti fissati dalla normativa vigente.Nelle discariche per rifiuti inerti possono essere ammessi esclusivamente i rifiutiinerti che soddisfano i criteri stabiliti dalla normativa.Nelle discariche per i rifiuti non pericolosi possono essere ammessi i seguenti rifiuti: a) rifiuti urbani; b) rifiuti non pericolosi di qualsiasi altra origine che soddisfano i criteri di ammissione dei rifiuti previsti dalla normativa vigente; c) rifiuti pericolosi stabili e non reattivi che soddisfano i criteri di ammissione previsti dal decreto di cui al comma 5.Nelle discariche per rifiuti pericolosi possono essere ammessi solo rifiuti pericolosi chesoddisfano i criteri fissati dalla normativa.I criteri di ammissione in discarica sono definiti con decreto del Ministro dell’ambientee della tutela del territorio, di concerto con i Ministri delle attività produttive e dellasalute, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e leprovince autonome.Il sistema autorizzativo è regolato dagli articoli 8, 9 e 10.L’art. 8 stabilisce che la domanda di autorizzazione per la costruzione e l’esercizio diuna discarica, completa di tutte le informazioni richieste dagli art. 27 e 28 del D.Lgs.22/97 e s.m.i., deve contenere almeno i seguenti dati e informazioni: • l’identità del richiedente e del gestore, se sono diversi; • la descrizione dei tipi e dei quantitativi totali dei rifiuti da depositare, indicando il Codice dell’Elenco Europeo dei Rifiuti; • l’indicazione della capacità totale della discarica, espressa in termini di volume utile per il conferimento dei rifiuti, tenuto conto dell’assestamento dei rifiuti e della perdita di massa dovuta alla trasformazione in biogas; • la descrizione del sito, ivi comprese le caratteristiche idrogeologiche, geologiche e geotecniche, corredata da un rilevamento geologico di dettaglio e da una dettagliata indagine stratigrafica eseguita con prelievo di campioni e relative prove ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 36. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 36Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale di laboratorio con riferimento al decreto 11 marzo 1988, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.127 del 1° giugno 1988; • i metodi previsti per la prevenzione e la riduzione dell’inquinamento, con particolare riferimento alle misure per prevenire l’infiltrazione di acqua all’interno e alla conseguente formazione di percolato, anche in riferimento al precedente punto c); • la descrizione delle caratteristiche costruttive e di funzionamento dei sistemi, degli impianti e dei mezzi tecnici prescelti; • il piano di gestione operativa della discarica, redatto secondo i criteri stabiliti dall’allegato 2, nel quale devono essere individuati i criteri e le misure tecniche adottate per la gestione della discarica e le modalità di chiusura della stessa; • il piano di gestione post-operativa della discarica, redatto secondo i criteri stabiliti dall’allegato 2, nel quale sono definiti i programmi di sorveglianza e controllo successivi alla chiusura; • il piano di sorveglianza e controllo, nel quale devono essere indicate tutte le misure necessarie per prevenire rischi d’incidenti causati dal funzionamento della discarica e per limitarne le conseguenze, sia in fase operativa che post-operativa, con particolare riferimento alle precauzioni adottate a tutela delle acque dall’inquinamento provocato da infiltrazioni di percolato nel terreno e alle altre misure di prevenzione e protezione contro qualsiasi danno all’ambiente; i parametri da monitorare, la frequenza dei monitoraggi e la verifica delle attività di studio del sito da parte del richiedente sono indicati nella tabella 2, dell’allegato 2; • il piano di ripristino ambientale del sito a chiusura della discarica, redatto secondo i criteri stabiliti dall’allegato 2, nel quale devono essere previste le modalità e gli obiettivi di recupero e sistemazione della discarica in relazione alla destinazione d’uso prevista dell’area stessa; • il piano finanziario che preveda che tutti i costi derivanti dalla realizzazione dell’impianto e dall’esercizio della discarica, i costi connessi alla costituzione della garanzia finanziaria di cui all’articolo 14, i costi stimati di chiusura, nonché ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 37. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 37Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale quelli di gestione post-operativa per un periodo di almeno trenta anni, siano coperti dal prezzo applicato dal gestore per lo smaltimento, tenuto conto della riduzione del rischio ambientale e dei costi di post-chiusura derivanti dalla adozione di procedure di registrazione ai sensi del regolamento (CE) n. 761/2001; • le informazioni relative alla valutazione di impatto ambientale, qualora la domanda di autorizzazione riguardi un’opera o un’attività sottoposta a tale procedura; • le indicazioni relative alle garanzie finanziarie del richiedente o a qualsiasi altra garanzia equivalente, ai sensi dell’articolo 14.L’articolo 11 prevede specifiche disposizioni per quanto attiene le “procedure diammissione” in discarica. Al riguardo va evidenziato che l’autorizzazione all’eserciziopotrà essere rilasciata solo dopo l’accettazione da parte della Regione delle due garanziefinanziarie relative alla gestione e alla post-gestione, secondo previste modalità.Per quanto attiene alla “procedura di chiusura” di una discarica, salvo quanto indicatodall’autorizzazione, l’articolo 12 prescrive specifiche disposizioni generali, mentre ilsuccessivo articolo 13 detta prescrizioni per quanto riguarda la gestione operativa epost-operativa della stessa. Quest’ultima viene imposta per un periodo non inferiore aitrent’anni (art.8, lettera m)).In merito alle garanzie finanziarie (art. 14) sono state considerate due tipi di garanzie:una per la fase di gestione e una per la fase di post-gestione, la prima di tipo ambientale,la seconda di tipo finanziario, entrambe determinate nell’ambito dell’autorizzazione.Le garanzie richieste sono prestate ai sensi dell’articolo 1 della Legge n. 348/1982(cauzione, ai sensi dell’art. 54 R.D. 827/24; fideiussione bancaria rilasciata da istituto dicui all’art. 5 R.D.L. 375/36 e s.m.i., ovvero idonea polizza assicurativa).Per quanto riguarda le discariche esistenti (art 17), cioè autorizzate alla data di entratain vigore del decreto in parola, potranno continuare a ricevere i rifiuti per cui sono stateautorizzate fino al 16 luglio 2005. In ogni caso, per tali discariche, il titolaredell’autorizzazione – o, su delega, il gestore – dovrà presentare all’autorità competente, ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 38. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 38Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleentro sei mesi dall’entrata in vigore del decreto legislativo, un piano di adeguamentodella discarica secondo quanto previsto dalle nuove disposizioni, incluse le garanziefinanziarie di gestione e post-gestione a concorrenza di quanto già eventualmenteprestato.L’autorità competente all’approvazione del piano, nell’autorizzare la prosecuzionedell’attività, fisserà il termine di adeguamento stabilendo il termine che non potrà essereoltre il 16 luglio 2009. Nel caso di mancata approvazione del piano, cioè in presenza dipossibili gravi danni all’ambiente ed alla salute, l’autorità competente prescriveràmodalità e tempi di chiusura della discarica.Sono state infine abrogate specifiche precedenti disposizioni che regolavano la materia.Il provvedimento è corredato dai seguenti 2 allegati:1. Criteri costruttivi e gestionali degli impianti di discarica;2. Piani di gestione operativa, di ripristino ambientale, di gestione post- operativa, di sorveglianza e controllo, finanziario. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 39. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 39Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale6.1.4 Decreto ministeriale 3 agosto 2005 – Definizione dei criteri di ammissibilità dei rifiuti in discaricaIl Decreto 3 agosto 2005 determina l’ammissibilità dei rifiuti in ciascuna categoria didiscarica così come definite all’art.4 del D. Lgs. 13 gennaio 2003, n. 36.Secondo tale decreto il produttore dei rifiuti è tenuto ad effettuare lacaratterizzazione di base di ciascuna categoria di rifiuti conferiti in discarica, checonsiste nella determinazione delle caratteristiche dei rifiuti, realizzata con laraccolta di tutte le informazioni necessarie per uno smaltimento finale in condizioni disicurezza.La caratterizzazione di base deve essere effettuata in corrispondenza del primoconferimento, e ripetuta ad ogni variazione significativa del processo che origina irifiuti e, comunque, almeno una volta l’anno.Se le caratteristiche di base di una tipologia di rifiuti dimostrano che gli stessisoddisfano i criteri di ammissibilità per una categoria di discarica, tali rifiuti sonoconsiderati ammissibili nella corrispondente categoria.All’Art. 6 sono elencati i rifiuti che possono essere smaltiti, senza caratterizzazioneanalitica, nelle discariche per rifiuti non pericolosi. Essi sono:a) i rifiuti urbani di cui allArt.2, lettera b), del D.Lgs. 13 gennaio 2003, n. 36, classificati come non pericolosi nel cap.20 dellelenco europeo dei rifiuti e sottoposti a trattamento, le porzioni non pericolose dei rifiuti domestici raccolti separatamente e gli stessi rifiuti non pericolosi di altra origine ma di analoga composizione;b) i rifiuti non pericolosi individuati in una lista positiva definita con decreto del Ministro dellAmbiente e della Tutela del territorio, di concerto con i Ministri delle Attività Produttive e della Salute, sentito il parere della Conferenza Stato- Regioni.Nelle discariche per rifiuti non pericolosi sono smaltiti rifiuti non pericolosi che hannouna concentrazione di sostanza secca non inferiore a 25% e che, sottoposti a test dicessione, presentano un eluato conforme alle concentrazioni fissate in tabella 5 dello ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 40. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 40Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalestesso decreto.Nelle discariche per rifiuti non pericolosi sono altresì smaltiti rifiuti pericolosi stabilinon reattivi che:a) sottoposti a test di cessione presentano un eluato conforme alle concentrazioni fissate in tabella 5 dello stesso decreto;b) hanno una concentrazione in carbonio organico totale non superiore al 5% con riferimento alle sostanze organiche chimicamente attive, in grado di interferire con lambiente, con esclusione, quindi, di resine e polimeri od altri composti non biodegradabili;c) il pH sia non inferiore a 6 e la concentrazione di sostanza secca non inferiore al 25%;d) tali rifiuti non devono essere depositati in aree destinate ai rifiuti non pericolosi biodegradabili.Al comma 5 si specifica che in discarica per rifiuti non pericolosi è vietato ilconferimento di rifiuti che:a) contengono PCB come definiti dal D.Lgs. 22 maggio 1999, n.209, in concentrazione superiore a 10 mg/kg;b) contengono diossine o furani in concentrazioni superiori a 0,002 mg/kg;c) contengono altre sostanze classificate cancerogene di classe 1 e 2 ai sensi dei disposti normativi in materia di classificazione, etichettatura dimballaggio di sostanze e preparati pericolosi (con esclusione dellamianto) in concentrazione superiore a 1/10 delle rispettive concentrazioni limite riportate all’Art.2 della decisione della Commissione 532/2000/Ce e successive modifiche e integrazioni, con una sommatoria massima per tutti i diversi composti pari allo 0,1%.Possono essere inoltre smaltiti in discarica per rifiuti non pericolosi i seguentirifiuti:a) i rifiuti contenenti fibre minerali artificiali, indipendentemente dalla loro classificazione, come pericolosi o non pericolosi. Il deposito dei rifiuti contenente fibre minerali artificiali deve avvenire direttamente allinterno della discarica in ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 41. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 41Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale celle appositamente ed esclusivamente dedicate e deve essere effettuata in modo tale da evitare la frantumazione dei materiali. Dette celle andranno realizzate con gli stessi criteri adottati per le discariche dei rifiuti inerti. Le celle devono essere coltivate ricorrendo a sistemi che prevedano la realizzazione di settori o trincee. Devono essere spaziate in modo da consentire il passaggio degli automezzi senza causare la frantumazione dei rifiuti contenenti fibre minerali artificiali. Entro la giornata di conferimento dovrà essere assicurata la ricopertura del rifiuto con materiale adeguato, avente consistenza plastica, in modo da adattarsi alla forma ed ai volumi dei materiali da ricoprire e da costituire unadeguata protezione contro la dispersione di fibre. Nella definizione delluso dellarea dopo la chiusura devono essere prese misure adatte ad impedire contatto tra rifiuti e persone;b) i materiali non pericolosi a base di gesso. Tali rifiuti non devono essere depositati in aree destinate ai rifiuti non pericolosi biodegradabili.c) i materiali edili contenenti amianto legato in matrici cementizie o resinoidi in conformità con lArt.7, comma 3, lettera c) del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36 senza essere sottoposti a prove. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 42. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 42Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Tabella 1 - "Tabella 5" del Decreto Ministeriale 3 agosto 2005 Limiti di concentrazione nelleluato per laccettabilità in discariche per rifiuti non pericolosi Elemento o composto L/S =101/kg mg/lAs 0,2Ba 10Cd 0,02Cr totale 1Cu 5Hg 0,005Mo 1Ni 1Pb 1Sb 0,07Se 0,05Zn 5Cloruri 1500Fluoruri 15Cianuri 0,5Solventi organici aromatici* 0,4Solventi organici azotati* 0,2Solventi organici clorurati* 2Pesticidi totali non fosforati* 0,05Pesticidi totali fosforati* 0,1Solfati 2000DOC ** 80TDS*** 6000* Le analisi di tali parametri sono disposte dall’autorità territorialmente competente esclusivamentequalora la provenienza del rifiuto possa determinare il fondato sospetto di un eventuale superamento deilimiti.** Nel caso in cui i rifiuti non rispettino i valori riportati per il DOC al proprio valore di pH,possonoessere sottoposti ai test con una proporzione L/S = 10 1/kg e con un pH compreso tra 7,5 e 8,0. I rifiutipossono essere considerati conformi ai criteri di ammissibilità per il carbonio organico disciolto se ilrisultato della prova non supera 80mg/l. (E disponibile un metodo in corso di sperimentazione basatosulla norma prEN 14429).*** E possibile servirsi dei valori per il TDS (totale di solidi disciolti) in alternativa ai valori per solfatoe per il cloruro.Nell’Art.8 è specificato che nelle discariche per rifiuti pericolosi. vengono smaltiti irifiuti pericolosi che soddisfano i seguenti requisiti: a. sottoposti a test di cessione di cui allallegato 3 presentano un eluato conforme alle concentrazioni fissate in tabella 6 dello stesso decreto; b. contengono Pcb come definiti dal decreto 22 maggio 1999, n. 209, in ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 43. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 43Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale concentrazione non superiore a 50 mg/kg; c. contengono diossine o furani calcolati secondo i fattori di equivalenza di cui alla tabella 4 in concentrazioni non superiori 0,01 mg/kg; d. la percentuale di sostanza secca sul tal quale non deve essere inferiore al 25%; e. il TOC non deve essere superiore al 6% con riferimento alle sostanze organiche chimicamente attive, in grado di interferire con lambiente, con esclusione, quindi, di resine e polimeri od altri composti non biodegradabili. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 44. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 44Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Tabella 2 - "Tabella 6" del Decreto Ministeriale 3 agosto 2005 Limiti di concentrazione nelleluato per laccettabilità in discariche per rifiuti pericolosi Elemento o composto L/S =101/kg mg/lAs 2,5Ba 30Cd 0,2Cr totale 7Cu 10Hg 0,05Mo 3Ni 4Pb 5Sb 0,5Se 0,7Zn 20Cloruri 2500Fluoruri 50Cianuri 5Solventi organici aromatici* 4Solventi organici azotati* 2Solventi organici clorurati* 20Pesticidi totali non fosforati* 0,5Pesticidi totali fosforati* 1Solfati 5000DOC ** 100TDS*** 10000* Le analisi di tali parametri sono disposte dall’autorità territorialmente competente esclusivamentequalora la provenienza del rifiuto possa determinare il fondato sospetto di un eventuale superamento deilimiti.** Nel caso in cui i rifiuti non rispettino i valori riportati per il DOC al proprio valore di pH,possonoessere sottoposti ai test con una proporzione L/S = 10 1/kg e con un pH compreso tra 7,5 e 8,0. I rifiutipossono essere considerati conformi ai criteri di ammissibilità per il carbonio organico disciolto se ilrisultato della prova non supera 80mg/l. (E disponibile un metodo in corso di sperimentazione basatosulla norma prEN 14429).*** E possibile servirsi dei valori per il TDS (totale di solidi disciolti) in alternativa ai valori per solfatoe per il cloruro.All’Art.10 sono specificate le deroghe ai suddetti limiti; sono ammessi infatti valorilimite più elevati per i parametri specifici elencati nel presente decreto qualora: - sia effettuata una valutazione di rischio che dimostri che non esistono pericoli per l’ambiente; - l’autorità competente per territorio conceda un’autorizzazione con decisione presa ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 45. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 45Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale caso per caso per la singola discarica. - i valori limite autorizzati per la specifica discarica non superino di più del triplo quelli specificati per la corrispondente categoria di discarica.In presenza di concentrazioni elevate di metalli nel fondo naturale l’autorità competentepuò stabilire limiti più elevati coerenti con tali concentrazioni.Nel decreto sono poi presenti quattro allegati: il primo contiene i principi di dellacaratterizzazione di base; il secondo contiene i criteri di ammissibilità dei rifiuti diamianto o contenenti amianto; il terzo contiene i metodi di campionamento e dianalisi dei rifiuti; il quarto contiene i principi della sicurezza ai fini dell’ammissionedei rifiuti in depositi sotterranei.6.2 Riferimenti normativi regionali e provinciali6.2.1 Normativa regionale sui rifiutiLa prima Legge regionale sullo smaltimento rifiuti in Puglia è la n. 30 del 03.10.1986,pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 156, suppl. del 18.10.1986.In essa vengono dettate le norme attuative ed integrative per le procedure di controllo edi autorizzazione ai sensi di quanto definito dal D.P.R. 915/82 e degli indirizzi emanatidal Comitato Interministeriale.Il primo progetto di Piano venne redatto nel 1988, a seguito di incarico della Regione, acura delle seguenti Società: Istituto di Ricerca Breda, Svim Service ed Ecopuglia.Il Piano era stato organizzato per i rifiuti urbani e per quelli speciali, tossici e nocivi enon è mai stato approvato.Nel 1989 venne avviata un’ampia consultazione principalmente degli Enti locali dellaRegione ma anche di altri soggetti ed organismi, pubblici e privati, operanti nel settore ocomunque interessati; pervennero numerose osservazioni, proposte e contributi che ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 46. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 46Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalefurono sottoposti ad approfondimento sia da parte delle Società redattrici del Piano chedegli organi tecnici della Regione.Si giunse così all’adozione del primo progetto di Piano che la Giunta regionale proposeper l’approvazione del Consiglio.I lavori delle Commissioni consiliari competenti si protrassero tanto che ilprovvedimento giunse in Aula in tempo non utile per l’approvazione a causa della finedella legislatura.Il Governo regionale, formatosi dopo le elezioni del 1990, a causa del tempo trascorso,ritenne necessaria una ulteriore revisione del progetto. A tal fine nel 1991 venneroincaricate due Commissioni di esperti per effettuare gli approfondimenti relativi allebasi conoscitive costituenti il supporto del Piano e per rielaborare il progettoridefinendo le ipotesi tecnico-amministrative dell’intero sistema.Il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 8 novembre 1994, hadichiarato, a far tempo dal 27 ottobre 1994, lo stato di emergenza ambientale nellaRegione Puglia con particolare riferimento ai settori dei servizi di approvvigionamento,adduzione e distribuzione idrica di fognature, di depurazione, di recapito delle acquedepurate e di smaltimento dei rifiuti solido-urbani.Nel 1993 con Deliberazione n. 251 del 30 giugno viene adottato il Piano per losmaltimento dei rifiuti urbani in Puglia da parte del Consiglio Regionale.Con la L.R. n. 17 del 13.08.1993, modificata successivamente dalla L.R. n. 23 del19.04.1995, viene definita l’organizzazione dei servizi di smaltimento dei rifiuti urbani.Con L.R. n. 13 del 18.07.1996 vengono emanate nuove norme per l’accelerazione e losnellimento delle procedure per l’attuazione del Piano regionale e della organizzazionedei servizi di smaltimento di rifiuti urbani, modifiche ed integrazioni alla L.R. 13 agosto1993, n. 17.Nel 2000 con la L.R. N. 17 del 30 novembre vengono definiti la disciplina generale, gliobiettivi e l’attribuzione agli enti locali delle funzioni e dei compiti amministrativi inmateria di tutela dell’ambiente, al fine di stabilirne il riparto fra la Regione e gli enti ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 47. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 47Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalelocali.Con D.C. n°41 del 6 Marzo 2001 è stato emanato il Piano di gestione dei rifiuti e dibonifica delle aree inquinate, completato ed integrato nel 2002, con D.C. n°296, nonchénel 2005 con D.C. n°187.Inoltre, con D.C. n° 246 del 28.12.2006 è stato emanato il Piano Regionale di gestionedei rifiuti - integrazione sezione Rifiuti Speciali e pericolosi.Con successivi D.P.C.M. si è prorogato di anno in anno lo stato di emergenzaambientale nella Regione fino al D.P.C.M. del 01.06.2006 che ha prorogato il suddettostato di emergenza al 31.01.2007.In ultimo la legge regionale n°17 del 14 giugno 2007, Disposizioni in campoambientale, anche in relazione al decentramento delle funzioni amministrative inmateria ambientale” apporta alcune correzioni alla normativa regionale vigente nelleseguenti materie: a) valutazione di impatto ambientale e valutazione di incidenza (l.r. 17/2000; legge regionale 12 aprile 2001, n. 11); b) emissioni in atmosfera (legge regionale 22 gennaio 1999, n. 7; l.r. 17/2000); c) elenco dei tecnici competenti in acustica ambientale (legge regionale 8 marzo 2002, n. 5 - Norme transitorie per la tutela dell’inquinamento elettromagnetico prodotto da sistemi di telecomunicazioni e radiotelevisivi operanti nell’intervallo di frequenza fra 0hz e 300 GHz); d) gestione rifiuti e bonifiche (legge regionale 3 ottobre 1986, n. 30; legge regionale 13 agosto 1993, n. 17; legge regionale 18 luglio 1996, n. 13; l.r. 17/2000); e) autorizzazione integrata ambientale; f) immersione in mare di materiale derivante da attività di scavo e attività di posa in mare di cavi e condotte.In particolare l’art. 4 indica che a decorrere dal 1° luglio 2007 entra in vigoreloperatività della delega alla provincia competente per territorio delle funzioni ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 48. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 48Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleconcernenti il rilascio, nel rispetto dei tempi e delle modalità definite dalla normativacomunitaria e nazionale di settore vigente, delle autorizzazioni per le emissioni inatmosfera finalizzate alla riduzione dell’inquinamento atmosferico, così come dispostadall’articolo 16 della l.r. 17/2000.L’art.6 comma 3 conferma la delega alla provincia competente per territorio dellefunzioni concernenti il rilascio, nel rispetto dei tempi e delle modalità definite dallanormativa comunitaria e nazionale di settore vigente, delle autorizzazioni per larealizzazione e per la gestione di impianti di smaltimento o di recupero di rifiuti, anchepericolosi.Di recente, con Deliberazione della Giunta Regionale n. 2668 del 28 dicembre 2009, èstato approvato l’Aggiornamento del Piano di Gestione dei rifiuti speciali nellaRegione Puglia (pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 del 26-01-2010).Con tale documento di piano si intende superare la frammentazione esistente tra i variatti di pianificazione fornendo una sintesi unitaria ed un documento di riferimentounico e aggiornato per la corretta gestione dei rifiuti speciali nel territorio dellaregione Puglia.Il documento è stato elaborato tenendo conto dei seguenti elementi:- quadro normativo di riferimento a livello comunitario, nazionale e regionale;- produzione dei rifiuti speciali in Regione Puglia, tenendo conto delle rilevazioni effettuate negli anni precedenti;- diverse modalità di recupero e smaltimento;- valutazione dei fabbisogni.Nella tabella seguente viene riportato l’elenco delle emanazioni emesse fino ad ogginella Regione Puglia sullo smaltimento dei rifiuti. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 49. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 49 Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Tabella 3 - Elenco delle emanazioni fino ad oggi emesse nella Regione Puglia sullo smaltimento dei rifiutiDATA OGGETTOL.R. n. 30 del 03.10.1986 Norme attuative ed integrative, ai sensi dell’art. 6, lett. f del D.P.R. 915/82 e nel quadro degli indirizzi emanati dal Comitato interministeriale di cui all’art. 5 dello stesso Decreto, per le procedure di controllo e di autorizzazione in materia di smaltimento rifiuti.Convenzioni n. 2539,2540,2541 del 01.06.87 della Incarico alle società Istituto Ricerche Breda spa, Svim Service spa ed Ecopuglia srl di predisporre il Piano per lo smaltimento dei rifiuti prodottiRegione Puglia nella regione Puglia.Provvedimenti n. 37 del 25.01 1991 e n. 2067 del Incarico a due gruppi di esperti di procedere alla rivisitazione tecnica del precedente progetto di Piano per lo smaltimento dei rifiuti urbani già20.05.1991 della Giunta Regionale proposto nella passata legislatura regionaleDelibera di Giunta n. 2368 del 27.05.1992 Esame del Piano per lo smaltimento dei rifiuti urbani in Puglia da parte del Consiglio RegionaleAdunanze del 30 giugno e del 7 luglio 1993 Approvazione del Piano per lo smaltimento dei rifiuti urbani in Puglia da parte del Consiglio RegionaleDeliberazione Consiglio regionale n. 251 del Adozione Piano regionale rifiuti urbani30.06.1993L.R. n. 17 del 13.08.1993 Organizzazione dei servizi di smaltimento dei rifiuti urbaniDecreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Stato di emergenza ambientale nella Regione Puglia con particolare riferimento ai settori dei servizi di approvvigionamento, adduzione edel 8.11. 1994 distribuzione idrica di fognature, di depurazione, di recapito delle acque depurate e di smaltimento dei rifiuti solido-urbani.L.R. n. 23 del 19.04.1995 Modifiche alla L.R. 13 agosto 1993, n. 17Delibera G.R. n. 3438 del 25.07.95 Iniziative per una campagna di sensibilizzazione sul tema della raccolta differenziata.Delibera C.P. n. 115 del 31.07.95 Individuazione dei siti per la localizzazione degli impianti di smaltimento RSUL.R. n. 13 del 18.07.1996 Nuove norme per l’accelerazione e lo snellimento delle procedure per l’attuazione del Piano regionale e della organizzazione dei servizi di smaltimento di rifiuti urbani, modifiche ed integrazioni alla L.R. 13 agosto 1993, n. 17.Dicembre 1996 Adozione Piano di emergenzaL. R. n. 5 del 22/01/1997 Tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidiDecreto commissariale n. 70 del 28 luglio 1997 Adozione del Programma di interventi urgenti per fronteggiare l’emergenza rifiuti in PugliaL. R. N. 29 DEL 6-09-1999 Adeguamento aliquote tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidiL. R. N. 17 DEL 30-11-2000 Conferimento di funzioni e compiti amministrativi in materia di tutela ambientaleL. R. N. 11 DEL 12-04-2001 Norme sulla valutazione dell’impatto ambientaleL. R. n. 26 del 04/09/2001 Disposizioni tributarie in materia di rifiuti solidiL. R. N. 31 DEL 4-12-2001 Disposizioni di carattere tributarioD.P.C.M. del 21 Dicembre 2001 Proroga dello stato di emergenza nel territorio della regione Puglia nel settore dei rifiuti urbani, speciali e speciali pericolosi, bonifica e risanamento ambientale dei suoli, delle falde e dei sedimenti inquinanti, nonché in materia di tutela delle acque superficiali e sotterranee e dei cicli di depurazioneD.C. n. 41 del 6 marzo 2001 Piano di gestione dei rifiuti e delle bonifiche delle aree inquinateD.C. n. 296 del 30 settembre 2002 Piano di gestione dei rifiuti e delle bonifiche delle aree inquinate in Puglia – completamento integrazione e modficazione del Piano n. 41/01D.G.R. n.56/CD 28.3 2004 Piano di riduzione del conferimento dei rifiuti biodegradabili in discarica ex art.5 D.lgs 36/2003D.C. n.187 del 09 Dicembre 2005 Aggiornamento, completamento e modica al Piano Regionale di gestione rifiuti in Puglia ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 50. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 50 Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleD.C. n. 246 del 28 Dicembre 2006 Piano Regionale di gestione dei rifiuti – integrazione sezione rifiuti speciali e pericolosiD.P.C.M. 01.06.2006 Proroga dello stato di emergenza nel territorio della regione Puglia nel settore dei rifiuti urbani, speciali e speciali pericolosi, bonifica e risanamento ambientale dei suoli, delle falde e dei sedimenti inquinanti, nonché in materia di tutela delle acque superficiali e sotterranee e dei cicli di depurazione fino al 31.01.07O.P.C.M. 17.11.2006 n.3552D.C. 31.01.2007 N.40 Piano Regionale di gestione dei rifiuti – integrazione sezione rifiuti speciali e pericolosi – correzioni e modificheL.R. 14.06.07 N°17 Disposizioni in campo ambientale, anche in relazione al decentramento delle funzioni amministrative in materia ambientale”D.G.R. n. 2668 del 28 dicembre 2009 Aggiornamento del Piano di Gestione dei rifiuti speciali nella Regione Puglia ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 51. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 51Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale6.2.2 Legge Regionale n.11 del 12/04/2001 e s.m.i.La Legge Regionale n. 11 del 12/04/2001, “Regione Puglia – Norme sulla valutazionedi impatto ambientale”, disciplina le procedure di valutazione di impatto ambientale(VIA) in attuazione della direttiva 85/337/CEE, modificata dalla direttiva 97/11/CE, edel Decreto del Presidente della Repubblica 12 aprile 1996, integrato e modificato dalDecreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3 settembre 1999, nonché le proceduredi valutazione di incidenza ambientale di cui al Decreto del Presidente della Repubblican. 357 dell’8 settembre 1997 (Art.1).Dopo aver elencato alcune definizioni (Art.2), la Legge definisce le norme perl’informazione e la partecipazione dei cittadini alla procedura di VIA (Art.3) e gliambiti di applicazione della Legge stessa (Art.4).La Legge all’Art. 5 definisce le procedure di VIA per progetti di interventi diopere; tali procedure hanno lo scopo di prevedere e stimare l’impatto ambientaledell’opera o intervento, di identificare e valutare le possibili alternative, compresa lanon realizzazione dell’opera o intervento, di indicare le misure per minimizzare oeliminare gli impatti negativi.Le modalità e i criteri di attuazione delle procedure (Art.7) sono stabiliti dalla GiuntaRegionale con direttive vincolanti, pubblicate sul Bollettino Ufficiale della Regione.La Giunta Regionale, inoltre, definisce modelli procedimentali diretti allaregolamentazione dell’adozione tempestiva e coordinata da parte delle Amministrazionicompetenti di tutti gli atti e provvedimenti di intesa, di autorizzazione, di approvazionee di consenso necessari.I progetti assoggettati alla VIA sono corredati di un SIA (Art.8) che contiene glielementi e le informazioni indicate in conformità alle direttive di cui all’Art.7. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 52. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 52Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleIl SIA è predisposto a cura e spese del proponente, il quale ha diritto di accesso alleinformazioni e ai dati disponibili presso gli uffici delle amministrazioni pubbliche.E’ facoltà del proponente (Art.9) richiedere all’autorità competente l’effettuazione diuna fase preliminare volta alla definizione concordata dei contenuti del SIA e delladocumentazione e degli elaborati nonché alla individuazione delle amministrazionipubbliche interessate.All’Art.10 si definiscono le modalità di presentazione del SIA. Il proponente presentaall’autorità competente una domanda contenente il progetto definitivo ed il SIApredisposto in conformità alle disposizioni di cui all’Art.8.La domanda elenca le amministrazioni interessate ed è corredata della documentazionee degli elaborati progettuali richiesti dalla normativa vigente per il rilascio di intese,concessioni, autorizzazioni, pareri, nulla osta, assensi comunque denominati, necessariper la realizzazione dell’opera o dell’intervento.L’ufficio competente, entro 15 giorni dal ricevimento della domanda si esprime inmerito alla individuazione delle amministrazioni interessate, accerta la completezza delSIA, della documentazione e degli elaborati suddetti e può richiedere per una sola voltale integrazioni necessarie, assegnando un termine non superiore a 20 giorni.Trascorso il termine di cui sopra (Art.11) il proponente provvede al deposito delprogetto definitivo e del SIA presso gli uffici competenti della Regione, della Provinciae dei Comuni interessati; provvede inoltre a far pubblicare sul Bollettino Ufficiale dellaRegione l’annuncio dell’avvenuto deposito.Entro 30 giorni dalla data di pubblicazione (Art.12) chiunque può prendere visionedegli elaborati depositati e presentare osservazioni all’autorità competente tendenti afornire elementi conoscitivi e valutativi sui possibili effetti dell’intervento.Entro i successivi 10 giorni le osservazioni presentate sono comunicate al proponente, ilquale ha facoltà di presentare le proprie controdeduzioni entro 20 giorni. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 53. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 53Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleA partire dall’esercizio finanziario 2001, avvenuto il deposito, l’autorità competentepuò promuovere un’istruttoria pubblica con le amministrazioni, le associazioni e isoggetti interessati per fornire una completa informazione sul progetto e sul SIA e peracquisire elementi di conoscenza e di giudizio in funzione della VIA.La procedura si conclude con la delibera della VIA da parte dell’Autorità competente(Art.13) che si esprime contestualmente sulle osservazioni presentate. La deliberazioneè notificata al proponente e comunicata alle amministrazioni interessate ed è pubblicataper estratto sul Bollettino Ufficiale della Regione.6.2.3 Ordinanza P.C.M. n. 3184 del 22 marzo 2002In data 22 marzo 2002 la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento dellaProtezione Civile ha emanato l’Ordinanza n. 3184 - Disposizioni urgenti perfronteggiare lemergenza nel settore dei rifiuti urbani, bonifica e risanamento ambientaledei suoli, delle falde e dei sedimenti inquinati, nonché in materia di tutela delle acquesuperficiali e sotterranee e dei cicli di depurazione nella regione Puglia.All’art 2 comma b) e c) si stabilisce che il Commissario delegato, presidente dellaregione Puglia, in particolare, provvede:• a completare la realizzazione del sistema impiantistico integrato per il recupero e riutilizzo dei rifiuti urbani, con riferimento ai centri intercomunali per i materiali provenienti dalla raccolta differenziata, ed eventuali piazzole di stoccaggio, alle linee di selezione dei rifiuti indifferenziati, agli impianti di compostaggio, agli impianti di produzione di combustibile derivato dai rifiuti;• a completare il sistema di smaltimento dei rifiuti urbani non destinati al recupero e riutilizzo mediante localizzazione di nuovi impianti di titolarità pubblica di discarica controllata da utilizzare anche per lo smaltimento dei sovvalli provenienti dagli impianti di cui al precedente punto. Nelle more della realizzazione di tali nuovi impianti, il commissario delegato, entro il 31 ottobre 2002, può autorizzare la prosecuzione dellesercizio degli impianti di discarica controllata esistenti, anche se ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 54. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 54Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale privati. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 55. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 55Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale7 LA STRUTTURA DELLA PIANIFICAZIONE NELLA PUGLIA7.1 Il Piano della Regione Puglia sui rifiutiIl Commissario Straordinario per l’emergenza ambientale nella Regione Puglia,con il decreto commissariale n. 41 del 6 marzo 2001, pubblicato sul BURP n. 60supplemento del 19/4/2001, ha adottato il Piano gestione dei rifiuti in Puglia, con ilquale, sulla base del precedente piano regionale per la gestione dei rifiuti urbani del1993, nonché del precedente programma commissariale di emergenza del 1997, sonostate definite: • le linee di indirizzo generale per la gestione a regime dei rifiuti urbani; • un programma di emergenza per assicurare, nella fase transitoria di organizzazione del sistema integrato a regime, la corretta gestione dei rifiuti; • le linee di indirizzo generale per la gestione dei rifiuti speciali, provenienti dalle attività produttive, orientate a determinare sul territorio regionale le condizioni per lo sviluppo di una rete efficiente di servizi di recupero e/o di smaltimento; • i criteri tecnico urbanistici per la localizzazione delle diverse tipologie di impianti di smaltimento; • il piano di bonifica delle aree inquinate, con il censimento di tutte le situazioni di potenziale contaminazione segnalate sul territorio regionale (oltre 600), e la individuazione di 8 macro aree caratterizzate da evidenti situazioni di pressione/rischio ambientale, sulla quale dovrà essere necessariamente incentrata un’azione di controllo e monitoraggio.Nel Piano regionale viene sviluppata un’analisi per la stima del fabbisogno quali-quantitativo degli impianti e delle tecnologie utilizzabili; vengono inoltre indicati icriteri per l’individuazione delle zone idonee e quelle non idonee alla localizzazionedegli impianti.Si ritiene che l’individuazione dell’areale e la scelta dei siti debba essere condottaattraverso l’analisi di elementi di carattere: geo-fisico-territoriale, ambientale, ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 56. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 56Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalevincolistico, economico.È evidente che il giudizio di idoneità da esprimere su un’areale e successivamente su unsito è differente a seconda che esso sia candidato per impianti di stoccaggio di rifiuti,per impianti complessi di smaltimento e/o recupero di rifiuti, ovvero per impianti dicompattazione e trasferimento. Le relazioni tecniche accompagnatorie devonoprevedere due fasi: la prima riferita all’areale e attuata essenzialmente utilizzandometodologie cartografiche, la seconda mirata alla localizzazione dei siti all’internodelle aree residue (idonee) derivanti dalla precedente analisi.Per operare le definitive scelte localizzative nell’ambito delle aree idonee, devonoessere condotte indagini in loco sui siti candidati ai fini della predisposizione deglielaborati progettuali esecutivi previsti dalla normativa vigente.Ulteriori strumenti per l’individuazione delle aree idonee e non idonee sonorappresentati dal Piano Urbanistico Territoriale per il Paesaggio ed i BeniAmbientali (PUTT/PBA), approvato con Deliberazione della Giunta Regionale n.1748 del 15/12/2000, per la tutela dei siti rilevanti per gli aspetti paesaggistici, e dalDecreto del Ministero dell’Ambiente 03/04/2000 (Suppl. GURI n.95 del22/04/2000), “Elenco dei Siti di Importanza Comunitaria (S.I.C.) e delle Zone diProtezione Speciale (Z.P.S.), individuati ai sensi delle direttive 92/43/CEE e79/409/CEE”, per la tutela degli habitat naturali.Inquadramento geo-fisico-territorialeCaratteristiche dell’arealeIn via generale sono da considerarsi non idonee per ospitare qualsiasi impianto dismaltimento e recupero rifiuti (ad eccezione degli impianti di discariche 2° davalutare caso per caso) le aree che presentano le seguenti caratteristiche: • aree nelle quali sono segnalate faglie singole o sistemi di faglie, soprattutto se con evidenze di attività recenti; • aree interessate da fenomeni di instabilità del suolo o del sottosuolo (frane, collassi in aree carsiche, etc.); ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 57. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 57Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale • aree soggette ad alluvionamenti; • aree con evidenze carsiche significative (ipogei, doline, inghiottitoi); • aree di accertata presenza di comunità floro-faunistiche e di geotopi di particolare interesse naturalistico ed ambientale.L’area in esame non presenta tali caratteristiche, pertanto può considerarsi idonea perospitare l’impianto in oggetto.Caratteristiche del sitoPer tutti gli impianti devono essere messi in evidenza i caratteri geologici eambientali peculiari del sito ed in particolare: a) idrografia superficiale, b) elementimorfologici, c) la tettonica locale, d) la posizione della falda superficiale e profonda, e)le caratteristiche della flora e della fauna. • gli impianti di trattamento complessi (al fine di favorire la riduzione della movimentazione di rifiuti – Art.22 comma 3 lettera e D. Lgs. 22/97) devono di norma essere localizzati in prossimità (non più di 1 Km) di impianti di stoccaggio definitivo di rifiuti. • gli impianti di trattamento intermedio, nonché gli impianti di stoccaggio provvisori (di capacità non superiore a 50.000 mc) non hanno una localizzazione preferenziale, a differenza degli impianti di stoccaggio provvisori che superano i 50.000 mc, per i quali sono validi i parametri previsti per gli impianti di stoccaggio definitivi. • la scelta dei nuovi siti da destinare a stoccaggio definitivo in particolare deve essere compiuta in funzione del possesso per gli stessi dei seguenti requisiti: - corrispondenza di una cava non attiva o parzialmente attiva, eventualmente già adibita a discarica; - volumetria totale o parziale calcolata tenendo conto della possibilità di espansione dell’area utilizzabile a stoccaggio e delle aree attrezzate ad essa collegate in modo da evitare contenziosi, in relazione alla possibilità di concreta esigenza di incremento delle attività di stoccaggio stesso o di attività ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 58. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 58Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale integrativa funzionale al recupero o alla riduzione di pericolosità dei rifiuti; - disponibilità di una volumetria sufficiente in relazione, per i rifiuti speciali, alle prospettive di produzione degli specifici rifiuti considerati; - necessità che il bacino da impermeabilizzare non richieda generalmente opere di scavo e movimenti di terra superiori al 25% del volume da attrezzare (il materiale asportato deve essere riutilizzabile per le opere di copertura intermedia e finale); - accesso comodo ed interconnesso con la rete viaria extraurbana; - rispetto delle condizioni di cui all’inquadramento vincolistico.L’impianto da realizzare rispetta tali requisiti, in quanto verrà realizzato in prossimità diun impianto di stoccaggio definitivo per rifiuti, in corrispondenza di una cava nonattiva, con una volumetria sufficiente in relazione alle prospettive di produzione deirifiuti speciali; presenterà inoltre un accesso comodo ed interconnesso con la rete viariaextraurbana.Inquadramento ambientaleLe relazioni tecniche devono contenere:- la descrizione delle condizioni fisiche (morfologiche, geologiche, idrogeologiche, etc.) iniziali del luogo sul quale si devono realizzare gli interventi, impianti ed opere;- l’individuazione delle modificazioni che la realizzazione degli interventi, impianti ed opere aggiuntive comporteranno sull’ambiente, nel breve e nel lungo periodo;- i parametri, i criteri di base, le assunzioni, le formulazioni, i modelli fisici e matematici adottati per identificare e stimare gli impatti;- le misure proposte per eliminare, ridurre o mitigare i prevedibili rischi geologici e le prevedibili conseguenze dannose per l’ambiente.Inquadramento vincolisticoAl concetto di vincolo imposto è stato sostituito quello di protezione di una ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 59. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 59Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalericonosciuta peculiarità territoriale (“ricchezza” del territorio) che, in quanto benecomune, viene tutelata da organi sopranazionali, nazionali, regionali e locali. Taleprotezione è da considerarsi in termini attivi, nel senso cioè che la valorizzazione di unsito protetto non esclude una possibile “sostenibile e compatibile” trasformazionedello stesso, per cui i siti vincolati/protetti devono comunque essere oggetto di specificistudi dell’impatto che ogni intervento operato sugli stessi determina.Si ritiene di contro che i vincoli idro-geologici, urbanistici e usi civici noncostituiscano necessariamente un impedimento, come quelli precedentementeconsiderati, ma un loro eventuale e possibile superamento esige uno studio diimpatto, e la conseguente verifica di compatibilità paesaggistica, così come definitinelle Norme Tecniche di Attuazione del PUTT/PBA della Regione Puglia.Inquadramento economicoL’individuazione dei siti deve tener conto:- delle esigenze di minimizzare i costi di realizzazione dell’impianto, dei servizi di raccolta e di trasporto nell’ambito del bacino, anche attraverso l’individuazione di sub-bacini gravitanti su stazioni di trasferimento;- dell’interdipendenza con le realtà produttive esistenti;- dei fabbisogni finanziari connessi alla realizzazione e gestione degli impianti, in relazione a soluzioni impiantistiche installate o da installare e già finanziate con fondi pubblici;- della esigenza di massimizzare l’efficienza dei servizi.La relazione tecnica accompagnatoria deve contenere tali valutazioni.Parametri ottimali di localizzazioneL’individuazione dei siti degli impianti deve opportunamente prendere in ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 60. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 60Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleconsiderazione l’aspetto relativo alle distanze:- dagli agglomerati residenziali urbani e da insediamenti di rilevante importanza e movimento turistico;- dagli ospedali e dai luoghi di cura;- da strade di grande traffico, da ferrovie e da aeroporti;- da coste, dall’alveo di fiumi e torrenti;- dai punti di approvvigionamento delle risorse idriche ad uso potabile.Tali distanze nel caso in esame sono state opportunamente rispettate, pertanto lalocalizzazione dell’impianto oggetto del presente studio può ritenersi ottimale.Il 30 settembre 2002 con Decreto Commissariale n. 296, il Commissario Delegatoper l’Emergenza della Regione Puglia ha emanato il “Piano di gestione dei rifiuti edi bonifica delle aree inquinate. Completamento, integrazione e modificazione”, qualeaggiornamento al Piano regionale di cui al D.C. 41 del 6 marzo 2001.In tale Piano viene definita l’organizzazione territoriale degli ambiti ottimali, inmodifica di quella contenuta nelle precedenti programmazioni regionali.Il Piano stabilisce che l’organizzazione territoriale per la gestione del ciclo dei rifiutiurbani nella Provincia di Bari debba basarsi su n. 4 ambiti territoriali ottimali(bacini di utenza); e viene soppresso il bacino di utenza BA/3, già previsto dallaprecedente programmazione regionale.Di seguito vengono riportate le scelte operative previste nel Piano per l’ATO in cuiricade il Comune di Minervino Murge:BACINO BA/4 MurgiaN. Comuni: 9 Produzione rifiuti: 198 t/gAltamura, Cassano Murge, Gravina in P., Grumo Appula, Minervino Murge,Poggiorsini, Santeramo in Colle, Spinazzola, Toritto ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 61. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 61Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale FASE DI TRANSIZIONEDiscarica controllata:Altamura, c.da Le Lamie (privata, in esercizio) GESTIONE A REGIMEImpianto complesso di titolarità pubblica costituito da Centro di selezione ebiostabilizzazione, con annessa discarica di servizio/soccorso:Approfondimento individuazione sito in fase di definitiva valutazione (da realizzare).Linea di produzione CDR:Utilizzazione di uno degli impianti realizzati a servizio dei Bacini BA/1, BA/2 o BA/5,previa intesa tra le Autorità per la gestione interessateImpianto di compostaggio:Da definire da parte della Autorità per la gestioneCentro materiali racc. diff.:Da definire da parte della Autorità per la gestioneIl Piano definisce che l’organizzazione territoriale in bacini di utenza è stataeffettuata sulla base di:a) fattori di omogeneità territoriale, storico-amministrativa e socio-economica compresa la distribuzione sul territorio dagli Enti ed Organismi interessati, a diverso livello di compiti e responsabilità, alla gestione del sistema smaltimento rifiuti;b) prevalente limitazione dei confini all’ambito provinciale, con possibilità di conferimento ad impianti di bacini diversi in caso di eccedenze di potenzialità di questi impianti in relazione ai fabbisogni dei rispettivi ambiti;c) dimensionamento in funzione delle potenzialità più convenienti in relazione alla soluzione impiantistica da adottare, a sua volta legata alle caratteristiche sociali ed economiche della zona interessata; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 62. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 62Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaled) localizzazione degli impianti di trattamento/smaltimento in un’ottica di minimizzazione delle percorrenze per il conferimento e di equa ripartizione in relazione alla presenza di altre attività industriali, commerciali, artigianali, e, soprattutto, degli impianti di smaltimento dei rifiuti speciali e tossico-nocivi, nonché in funzione, per quanto possibile e compatibile con le esigenze generali di pianificazione, della distribuzione ponderale della produzione dei rifiuti, in modo da ridurre al minimo le necessità di movimentazione degli stessi;e) minimizzazione dei costi globali di intervento per la realizzazione e/o adeguamento degli impianti e di quelli di gestione dell’intero sistema di smaltimento.In merito alla gestione dei rifiuti la linea direttrice dell’intera organizzazioneterritoriale per i rifiuti urbani contenuta nel Piano Regionale è stata di assicurare lagestione unitaria a livello di ambito territoriale ottimale, al fine di coordinare traloro una serie di fattori tra loro complementari per pervenire ad un sistemaintegrato (autosufficienza, responsabilità condivise, possibilità, gestione integrata deidiversi servizi) che promuova l’abbandono della logica del rifiuto tutto da smaltire perfavorire invece la prevenzione e la riduzione della produzione e della pericolosità deirifiuti e il recupero di materia e di energia, attraverso la raccolta differenziata e le altreforme di selezione, assegnando allo smaltimento un ruolo residuale.Per quanto attiene la provincia di Bari, Il Piano registra una situazione di crisicorrelata alle seguenti circostanze: − Nell’area del nord-barese (bacino BA/1), l’impianto di discarica di Trani, che garantiva lo smaltimento controllato di numerosi comuni, è oggi sottoposto a provvedimento di sequestro con conseguente sospensione dell’esercizio, nelle more della definizione del contenzioso e degli atti giudiziari in corso, con la contestuale destinazione dei rifiuti urbani nei volumi residui dell’impianto di Andria; in tale situazione, l’impianto di compostaggio in esercizio a Molfetta continua a risultare altamente sottoutilizzato; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 63. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 63Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale − Nell’area del sud-est barese (bacino BA/5), l’impianto di discarica controllata di Conversano, è esercitato in forza di un provvedimento di emergenza; − Nell’area del sud barese (corrispondente all’ex-bacino di utenza BA/3, poi confluito negli altri), l’assenza di impianti in esercizio determina il ricorso allo smaltimento in impianti autorizzati in altre aree territoriali (provincia di Taranto e impianti del bacino BA/2, BA/4 e BA/5) con la conseguente accelerazione del “consumo” di quei volumi di discarica autorizzati ed attrezzati.A fronte di tutto ciò il Piano stabilisce per la provincia di Bari le seguenti iniziative:a) esame tecnico amministrativo, con espressione di parere costruttivo, della sussistenza delle condizioni per l’approvazione del nuovo progetto dell’impianto di discarica controllata di titolarità pubblica di Trani e la conseguente prosecuzione dell’esercizio;b) ottimizzazione dell’utilizzazione dell’impianto di compostaggio di Molfetta;c) accelerazione del completamento ed entrata in esercizio degli interventi già cantierizzati in attuazione della precedente programmazione a Trani (linea di selezione del rifiuto indifferenziato);a Molfetta (linea trattamento R.D.); a Conversano ( linea trattamento R.D. - linea di selezione del rifiuto indifferenziato);d) attivazione progettazione impianti pubblici per selezione rifiuti indifferenziati e stabilizzazione frazione organica per le aree dei bacini di utenza BA2 e BA4;e) definizione piano di conferimento dei rifiuti dei comuni del bacino di utenza BA3, in presenza della sospensione dei lavori per la realizzazione degli impianti già programmati e localizzati ad Acquaviva delle Fonti.In merito alla gestione dei rifiuti speciali, il Piano precisa che il regime normativoche disciplina il sistema dei rifiuti speciali è completamente diverso da quello sulquale si fonda il sistema di gestione dei rifiuti urbani.Per questi ultimi la legge stabilisce la competenza obbligatoria dei Comuni ed il dirittodi privativa pubblica per l’esercizio delle attività connesse; a ciò consegue che il ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 64. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 64Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalerelativo Piano Regionale di gestione può e deve indicare non solo obiettivi generali maanche soluzioni organizzative ed impiantistiche sul territorio congrue a soddisfare ilfabbisogno connesso alla quantità e qualità dei rifiuti prodotti, nonché prevedere che talisoluzioni vengano approntate dalla parte pubblica e che la stessa parte pubblica neassicuri e garantisca la gestione.Diversamente, soluzioni organizzative ed imprenditoriali, funzionali all’esercizio diattività di gestione dei rifiuti speciali, possono essere oggetto della iniziativa diqualunque imprenditore, nel rispetto, ovviamente, di tutte le norme che ne compongonol’organica disciplina.Da ciò discende che il relativo Piano regionale di gestione può e deve indicare ilfabbisogno quali-quantitativo di impianti, indicare le tecnologie utilizzabili,individuare i criteri tecnici in base ai quali possono definirsi nell’ambito delterritorio regionale le zone idonee e quelle non idonee alla localizzazione degliimpianti, individuare le azioni da porre in essere per favorire in primo luogo ilrecupero di materiali e di energia ed in secondo luogo il recupero e/o losmaltimento in luoghi il più possibile vicini a quelli di produzione, allo scopo diridurre gli impatti ed i costi della movimentazione.Ciò che al Piano regionale deve ritenersi invece precluso è di stabilire il numero, lapotenzialità, la dislocazione degli impianti da realizzare e neppure le utenze aciascuno di essi riferibili; al riguardo si deve tener presente che non può porsi alcunlimite territoriale al principio generale della libera circolazione dei rifiuti speciali.L’iniziativa pubblica può ben riguardare la realizzazione e gestione di impianti ingenere, ma non può in alcun modo porsi come esclusiva o preclusiva dell’iniziativaimprenditoriale di altri soggetti, con i quali, in tal caso, concorre sul libero mercato deiservizi.E’ opportuno far rilevare che il Commissario Straordinario per l’emergenza rifiutidella Puglia ha incentrato la soluzione del problema sulla proprietà pubblica degliimpianti per il trattamento dei rifiuti urbani, mantenendo, invece all’iniziativaprivata tutte le attività per la gestione dei rifiuti un tempo definito come speciali. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 65. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 65Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleLa organizzazione gestionale prevista dal Piano è, anch’essa, incentrata sulprevalente ruolo del pubblico nella gestione dei rifiuti.Nella Tabella seguente viene riportato lo status impiantistico degli ATO della Provinciadi Bari. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 66. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 66Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Tabella 4 - Status impiantisticoBACINO Fase di transizione Proprietà Gestione a regime ProprietàBA/1 Nord Discarica di Trani in pubblica Impianto complesso (selezione in pubblicoBarese esercizio costruzione, biostabilizzazione e CDR Discarica di Andria in pubblica da realizzare, discarica di ampliamento servizio/soccorso in esercizio) di Trani Centro di selezione di Trani pubblico Centro materiali racc. diff.di Molfetta in costruzione realizzato pubblico Centro mat. racc. Impianto di compostaggio di Molfetta differenziata di Molfetta pubblico in esercizio in concessione pubblico realizzato Discarica di servizio/soccorso di Andria Impianto di compostaggio pubblico in ampliamento pubblica di Molfetta in esercizio in concessioneBA/2 Discarica di Giovinazzo in privata Impianto complesso (selezione, pubblicoBari e esercizio biostabilizzazione, CDR, discarica diComuni Discarica di Bitonto privata servizio/soccorso) di Giovinazzo dacintura Nord- esaurita con possibilità di realizzareOvest ampliamento pubblico Centro materiali racc. diff.di ASI Consorzio Impianto di compostaggio Bari/Modugno realizzato ASI con fondi di Molfetta in esercizio in Impianto di compostaggio di Molfetta pubblici concessione del Bacino BA/1 in esercizio in pubblico concessioneBA/4 Discarica di Altamura in privata Impianto complesso (selezione, pubblicoMurgia esercizio biostabilizzazione con annessa discarica di servizio/soccorso ) da realizzare Linea di produzione del CDR (utilizzo di uno degli impianti degli altri bacinia previa intesa ) Centro materiali racc. diff. Impianto di compostaggio da definire da definireBA/5 Sud-est Discarica di Conversano in privata Impianto complesso (linea selezione pubblicoBarese e esercizio pubblica realizzata lineaValle d’Itria Centro di selezione di biostabilizzazione, CDR, discarica di Conversano realizzato servizio/soccorso da realizzare) di Centro mat. racc. pubblico Conversano differenziata di Centro mat. racc. differenziata di Conversano realizzato Conversano realizzato pubblico Impianto di compostaggio di Gioia del Colle in realizzazione in concessione pubblico pubblicoUn ulteriore aggiornamento al Piano di gestione dei rifiuti è approvato con DecretoCommissariale n° 187 del 09/12/2005 (aggiornamento, completamento e modifica alPiano Regionale di gestione dei rifiuti in Puglia); è una rivisitazione al precedentedecreto nel quale si è ritenuto di orientare lo sforzo di apprendimento e revisione del ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 67. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 67Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalepiano vigente nelle seguenti direzioni (si cita testualmente): • Riprendere in considerazione la composizione merceologica dei rifiuti urbani, cercando di individuare alcune modifiche da apportare a quelle fin qui utilizzate, al fine di impiegare una base che possa essere ritenuta la più vicina alla realtà; • Quantificare gli obiettivi di riduzione dei rifiuti e precisare quelli di raccolta differenziata per ciascuna filiera, ricalcolando quindi gli “indici di recupero- obiettivo” alla luce delle abbondanze relative delle diverse frazioni nei rifiuti “residuali”; • Calcolare quindi le quantità di rifiuti residue la relativa composizione merceologica, anche al fine di valutare l’utilità e il fabbisogno di un ipotetico utilizzo energetico; • Calcolare il fabbisogno impiantistico complessivo della regione, sia per ciò che concerne gli impianti di trattamento biologico che quelli di recupero energetico (produzione di CDR); • Estendere l’impostazione adottata ad un orizzonte temporale non eccessivamente ridotto, in modo da riscontrare il modificarsi del fabbisogno impiantistico man mano che le raccolte differenziate si consolidano.Gli obiettivi del Piano consistono nel procedere ad una RD che entro il 2010raggiunga il 55% del rifiuto prodotto; che entro la stessa data limiti lo smaltimentoin discarica nel rispetto dei requisiti, delle prescrizioni, delle condizioni e degliobiettivi del D.Lgs. n. 36/2003; che incentivi la diminuzione del rifiuto e del riciclodello stesso e che, a valle della RD, proceda a operazioni di biostabilizzazione eproduzione di CDR.Per quanto concerne la dotazione impiantistica della Provincia di Bari nel Piano, diseguito, viene illustrato il quadro attualmente presente per l’ATO in cui ricade ilComune di Minervino Murge. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 68. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 68Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Prod. RSU Potenzialità Potenzialit Previsione ATO (t/g) Impianto Comune Stato impianto di progetto à residua chiusura realizzata, in esercizio autorizzato BA/4 198 D Altamura 60,000 nov-06 ulteriore sopralzo (proprietà privata) Fonte: D.C. n. 156/05 - Dato aggiornamento a dicembre 20057.2 Il Piano di gestione dei rifiuti speciali nella Regione Puglia, n. 246 del 28/12/2006 e s.m.iIl Piano di recente adozione, integra e modifica il piano di gestione dei rifiuti dellaRegione Puglia approvato con decreto del Commissario delegato n. 41, del 6 marzo2001, per la parte inerente la gestione dei rifiuti speciali.I rifiuti speciali oggetto del Piano, classificati secondo quanto previsto dall’art. 184, deldecreto legislativo n. 152/06, sono : a) i rifiuti da attività agricole e agro-industriali; b) i rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti pericolosi che derivano dalle attività di scavo; c) i rifiuti da lavorazioni industriali; d) i rifiuti da lavorazioni artigianali; e) i rifiuti da attività commerciali; f) i rifiuti da attività di servizio; g) i rifiuti derivanti dalla attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acquee dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi; h) i rifiuti derivanti da attività sanitarie; i) i macchinari e le apparecchiature deteriorati ed obsoleti; j) i veicoli a motore, rimorchi e simili fuori uso e loro parti; k) il combustibile derivato da rifiuti; l) i rifiuti derivati dalle attività di selezione meccanica dei rifiuti solidi urbani.Non sono compresi i rifiuti speciali prodotti da attività artigianali, commerciali e di ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 69. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 69Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleservizio, assimilati ai rifiuti urbani che sono soggetti al regime dei rifiuti urbani e sonoperciò compresi nella parte del documento di programmazione in questione avente adoggetto la gestione dei rifiuti urbani.Il Piano individua misure organizzative, normative, di programmazione e pianificazioneper garantire che la gestione dei rifiuti si svolga in condizioni di sicurezza (art. 178, c. 1e 2, 181 e 182), per attuare i principi di prevenzione, responsabilità, e “chi inquinapaga” (art. 178, c. 3), per gestire i rifiuti secondo criteri di efficacia, efficienza,economicità e trasparenza (art. 178, c. 3), per disciplinare la conclusione di accordi diprogramma finalizzati ad attuare gli obiettivi della parte IV Dlgs n. 152 del 2006 (art.178, c. 4) e per favorire la prevenzione (art. 179-180, e 199, c. 2) e il recupero (art. 181)dei rifiuti.I contenuti minimi essenziali del presente Piano sono quelli individuati espressamentedall’articolo 7, della Direttiva 91/156/CE, richiamato, per i rifiuti pericolosi,dall’articolo 6 della Direttiva 91/689/CEE, nonché dalla disciplina nazionaleinterpretata in conformità alle disposizioni comunitarie di settore, integrati conspecifiche misure di prevenzione della pericolosità e della quantità di rifiuti prodotti.La base di partenza di elaborazione del nuovo Piano sono i dati e le informazioni di cuiart. 7, comma 1 lett. a della Direttiva CE.Si tratta in primo luogo dei dati e delle informazioni relativi al contesto operativoesistente, e precisamente: tipo, quantità e origine di rifiuti recuperati e smaltiti, modalitàdi recupero e di smaltimento, rapporto tra offerta impiantistica e fabbisogno, criticità.Sulla base di questi dati è stata prefigurata l’evoluzione nel tempo della quantità etipologia dei rifiuti prodotti e del relativo fabbisogno impiantistico, tenendo conto delcontesto socio economico regionale e nazionale e degli obiettivi del Piano.In dettaglio, sono stati individuati: • Tutti i rifiuti oggetto di pianificazione; • Misure operative e moduli organizzativi per razionalizzare la raccolta, la cernita e il trattamento dei rifiuti (art. 7, comma 2, lett. c, della direttiva); • Norme e requisiti tecnici generali (art. 7, comma 1, lett. b), della direttiva, ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 70. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 70Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale disposizioni speciali per rifiuti di tipo particolare (art. 7, comma 1, lett. c), della direttiva, criteri di localizzazione di impianti adatti per lo smaltimento (art. 7, comma 1, lett. d) DIR, persone fisiche o giuridiche abilitate a procedere alla gestione dei rifiuti ( art. 7, comma 2, lett. a), della direttiva; • Misure per favorire l’impiego di tecnologie pulite (art. 3, comma 1, lett. a) e b), della direttiva e la produzione di prodotti riciclabili e riutilizzabili (art. 3,comma 1, lett. a) e b) della direttiva; • Misure per limitare la formazione e per promuovere il recupero dei rifiuti; • Misure per garantire che lo smaltimento e il recupero dei rifiuti avvenga in modo responsabile, per assicurare che i rifiuti siano recuperati o smaltiti senza pericolo per la salute dell’uomo e senza usare procedimenti o metodi che potrebbero recare pregiudizio all’ambiente (art 4, comma 1, della direttiva), per contrastare l’abbandono, lo scarico e lo smaltimento incontrollato (art 4, comma 2, della direttiva); • Una rete integrata e adeguata di impianti di smaltimento che tenga conto delle tecnologie più perfezionate che non comportano costi eccessivi, del contesto geografico e della necessità di impianti specializzati per determinati tipi di rifiuti (art. 5 c. 1, primo periodo, della direttiva) per conseguire l’autosufficienza nello smaltimento, contribuendo alla realizzazione di tale obiettivo a livello nazionale, nonché per conseguire l’obiettivo della vicinanza dello smaltimento al luogo di produzione e la limitazione della movimentazione dei rifiuti avviati allo smaltimento. In particolare, per consentire che attraverso tale rete si consegua l’obiettivo di smaltire i rifiuti in uno degli impianti appropriati più vicini, grazie all’utilizzazione dei metodi e delle tecnologie più idonei a garantire un alto grado di protezione dell’ambiente e della salute pubblica (art. 5, comma 2, della direttiva).Il Piano contiene i seguenti dati: − la produzione di rifiuti speciali in Puglia, distinguendo: • la produzione rifiuti speciali pericolosi; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 71. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 71Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale • la produzione rifiuti speciali non pericolosi; − la produzione di rifiuti per provincia; − i possibili andamenti futuri di crescita sia per i rifiuti speciali non pericolosi che pericolosi; − i flussi di rifiuti; − la disponibilità impiantistica, comprensiva degli impianti di riciclo.Sulla base di tale elementi, il piano provvede: − la valutazione dei flussi; − la definizione delle strategie e degli obiettivi; − la definizione del fabbisogno degli impianti di riciclo, di recupero e di smaltimento, indicandone la loro potenzialità e le caratteristiche principali; − la stima dei costi di smaltimento e di recupero dei rifiuti; − la determinazione dei criteri per lindividuazione e la localizzazione di impianti; − la definizione del ruolo delle province e degli enti di controllo.La stima della produzione di rifiuti speciali in Puglia, riportata nel nuovo pianoregionale sui rifiuti speciali, è stata condotta in collaborazione con le strutture tecnichedell’ARPA Puglia, sulla scorta dei dati pubblicati da APAT sui rapporti annuali.Il periodo temporale preso a riferimento è il 2000 – 2003 per il quale sono stati reperitidati di maggiore dettaglio.I rifiuti da costruzione e demolizione (cosiddetti C & D) sono stati quantificati a parte inquanto i valori risultano da stime, e non risultano disponibili dati relativi agli anni 2000e 2003.La produzione di rifiuti speciali in Puglia, secondo le statistiche ufficiali pubblicate,negli anni dal 2000 al 2003 fa registrare una crescita tendenziale – seppur con qualcheoscillazione dovuta in particolare alla produzione dei rifiuti nella provincia di Taranto,sede di importanti insediamenti industriali, passando da 2,7 milioni di tonnellate a 4,3 ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 72. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 72Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalemilioni di tonnellate. Su tale incremento incide senz’altro l’applicazione della nuovanormativa ed, in particolar modo, la nuova classificazione europea dei rifiuti che mettechiarezza in ordine alle comunicazioni da parte dei produttori, ma soprattuttol’incremento di alcune attività che influenzano fortemente le produzioni complessive.Relativamente al biennio 2002 - 2003, i rifiuti speciali maggiormente prodotti nellaprovincia di Bari, afferiscono alle categorie 02 (rifiuti prodotti da agricoltura,orticoltura, acquacoltura, selvicoltura, caccia e pesca, trattamento e preparazione dialimenti), 19 (rifiuti prodotti da impianti di trattamento dei rifiuti, impianti ditrattamento delle acque reflue fuori sito, nonché dalla potabilizzazione dellacqua e dallasua preparazione per uso industriale), 01 rifiuti derivanti da prospezione, estrazione daminiera o cava, nonché dal trattamento fisico o chimico di minerali e 10 (rifiuti prodottida processi termici).Facendo riferimento all’ultimo anno di rilevazione (2003), si nota che la produzione dirifiuti speciali provinciale si attesta intorno alle 958.000 t/a, suddivise in 867.500 t/a dirifiuti speciali non pericolosi e 90.500 t/a di rifiuti speciali pericolosi.Relativamente ai rifiuti speciali non pericolosi, i settori di maggiore produzionerisultano il comparto alimentare (codice Istat 15) con 362.666 t/a, seguito dall’attività ditrattamento rifiuti e depurazione delle acque (codice 90) con 139.705 t/a e dall’industriadi produzione di minerali non metalliferi, con 97.349 t/a.Per i rifiuti speciali pericolosi, le industrie manifatturiere occupano il primo posto con47.877 t/a prodotti, seguite dall’industria del commercio e dalla fabbricazione di mezzidi trasporto, rispettivamente con 20.146 t/a e 4.568 t/a di rifiuti speciali pericolosi.Riguardo all’andamento della produzione di rifiuti speciali, esclusi quelli dacostruzione e demolizione, il Piano stima, infine, una crescita nel triennio 2006-2008 in misura del 3%. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 73. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 73Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale7.3 Aggiornamento del Piano di Gestione dei Rifiuti Speciali nella Regione PugliaIl Piano di gestione è uno degli strumenti previsti dall’art. 7 della direttiva comunitaria2006/12/CE ed è finalizzato alla tutela della salute e dell’ambiente dagli effetti nocividella raccolta, del trasporto, del trattamento, dell’ammasso e del deposito di rifiuti,nonchè a preservare le risorse naturali.In coerenza con tale funzione e con quanto previsto dal Dlgs n. 152 del 2006 e s.m.i., ilPiano individua misure organizzative, normative, di programmazione e pianificazioneper garantire che la gestione dei rifiuti si svolga in condizioni di sicurezza (artt. 178,commi 1 e 2, 181 e 182), per attuare i principi di prevenzione, responsabilità, e “chiinquina paga”, per gestire i rifiuti secondo criteri di efficacia, efficienza, economicità etrasparenza (art. 178, comma 3), per disciplinare la conclusione di accordi diprogramma finalizzati ad attuare gli obiettivi previsti dalla normativa nazionale (art.178, comma 4) e per favorire la prevenzione (art. 179-180, e 199, comma 2) e ilrecupero (art. 181) dei rifiuti.I contenuti minimi essenziali del Piano sono quelli individuati espressamentedall’articolo 7 della Direttiva 2006/12/CE, richiamato, per i rifiuti pericolosi,dall’articolo 6 della Direttiva 91/689/CEE, nonché dalla disciplina nazionale direcepimento delle disposizioni comunitarie di settore, integrati con specifiche misure diprevenzione relative alla pericolosità e alla quantità di rifiuti prodotti.Le direttive 91/689/CEE e 2006/12/CE sono abrogate con effetto dal 12 dicembre 2010ai sensi dell’art. 41 della direttiva 2008/98/CE.La base di partenza di elaborazione del nuovo Piano sono i dati e le informazioni di cuiart. 7, comma 1 lett. a della Direttiva CE.Si tratta in primo luogo dei dati e delle informazioni relativi al contesto operativoesistente, e precisamente: tipo, quantità e origine di rifiuti recuperati e smaltiti, modalitàdi recupero e di smaltimento, rapporto tra offerta impiantistica e fabbisogno, criticità.Sulla base di questi dati è stata prefigurata l’evoluzione nel tempo della quantità etipologia dei rifiuti prodotti e del relativo fabbisogno impiantistico, tenendo conto del ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 74. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 74Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalecontesto socio economico regionale e nazionale e degli obiettivi del Piano.In dettaglio, sono stati individuati:• Tutti i rifiuti oggetto di pianificazione;• Misure operative e moduli organizzativi per razionalizzare la raccolta, la cernita e il trattamento dei rifiuti (art. 7, comma 2, lett. c, della direttiva);• Norme e requisiti tecnici generali (art. 7, comma 1, lett. b), della direttiva), disposizioni speciali per rifiuti di tipo particolare (art. 7, comma 1, lett. c), della direttiva), criteri di localizzazione di impianti adatti per lo smaltimento (art. 7, comma 1, lett. d) della direttiva), persone fisiche o giuridiche abilitate a procedere alla gestione dei rifiuti (art. 7, comma 2, lett. a), della direttiva);• Misure per favorire l’impiego di tecnologie pulite (art. 3, comma 1, lett. a) e b), della direttiva) e la produzione di prodotti riciclabili e riutilizzabili (art. 3, comma 1, lett. a) e b) della direttiva);• Misure per limitare la formazione e per promuovere il recupero dei rifiuti;• Misure per garantire che lo smaltimento e il recupero dei rifiuti avvenga in modo responsabile, per assicurare che i rifiuti siano recuperati o smaltiti senza pericolo per la salute dell’uomo e senza usare procedimenti o metodi che potrebbero recare pregiudizio all’ambiente (art 4, comma 1, della direttiva), per contrastare l’abbandono, lo scarico e lo smaltimento incontrollato (art 4, comma 2, della direttiva);• Una rete integrata e adeguata di impianti di smaltimento e recupero che tenga conto delle tecnologie più perfezionate che non comportino costi eccessivi, del contesto geografico e della necessità di impianti specializzati per determinati tipi di rifiuti (art. 5 comma 1, primo periodo, della direttiva) per conseguire a livello regionale l’autosufficienza impiantistica nello smaltimento e nel recupero, contribuendo alla realizzazione di tale obiettivo su scala nazionale, nonché per conseguire l’obiettivo della vicinanza dello smaltimento al luogo di produzione e la limitazione della movimentazione dei rifiuti avviati allo smaltimento (art. 199, comma 3, lettera d), al fine di garantire un alto grado di protezione dell’ambiente ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 75. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 75Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale e della salute pubblica (art. 5, comma 2, della direttiva).Il regime delle competenze in materia di gestione dei rifiuti è disciplinato dagli articoli195, 196, 197 e 198 del Dlgs n. 152 del 2006 e s.m.i. e dalla disciplina regionalevigente.Nella ripartizione delle attribuzioni tra Stato, regioni e enti locali, assume rilievospecifico il ruolo attribuito alle Province.Infatti, l’articolo 197 del Dlgs n. 152 del 2006 attribuisce alle Province, che a tal finepossono avvalersi, previa stipula di specifica convenzione, della collaborazione delleAgenzie regionali per la protezione dell’ambiente e di altri organismi pubblici dotati dispecifiche esperienze e competenze tecniche in materia, una serie di funzioni indicate alpunto 3 del documento.Tra gli obiettivi generali e specifici del PGRS ci sono quelli di favorire lincremento delrecupero di materia e scoraggiare lo smaltimento dei rifiuti, riducendo gli impattiambientali delle operazioni inerenti la gestione dei rifiuti.A tal fine, il Piano prevede che saranno sviluppate le seguenti misure tese a:- sviluppare azioni di informazione, formazione e sensibilizzazione;- favorire il coinvolgimento del mondo imprenditoriale, mediante opportuni atti negozi ali con le categorie interessate, per la definizione di accordi quadro e modalità di validazione di processi di qualità;- sostenere, attraverso incentivi e finanziamenti, la ricerca e lapplicazione di nuove forme di tecnologie e gestione mirate alla riduzione della produzione dei rifiuti e della loro pericolosità nonché alloro riciclo, riutilizzo o recupero di materia;- promuovere accordi e/o contratti di programma, nonché lintroduzione di incentivi e/o disincentivi, per promuovere la nascita e il consolidamento sul territorio regionale di attività economiche, che favoriscano e assicurino il riutilizzo, il riciclaggio dei rifiuti e il recupero di materia;- favorire la cooperazione tra le attività imprenditoriali locali per incentivare ed implementare buone prassi aziendali o gestioni innovative finalizzate alla riduzione, riciclo, riutilizzo e recupero dei rifiuti; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 76. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 76Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale- incentivare il ricorso a modalità e sistemi di trasporto di minor impatto ambientale, di maggior sicurezza e affidabilità sulla certezza del conferimento del carico per evitare lo smaltimento incontrollato nel territorio;- favorire la nascita e la diffusione di centri di scambio/acquisto di beni durevoli usati e/o dismessi anche con lallestimento di ecopiazzole on-line;- promuovere e lutilizzo di sistemi di gestione ambientale quali EMAS e ISO 14001 e delle certificazioni ambientali di prodotto (ECOLABEL) da parte delle aziende;- diffondere i principi dell’IPPC, mediante la promozione, la formazione e la qualificazione del personale pubblico e privato;- perseguire lintegrazione con le politiche per lo sviluppo sostenibile al fine di contrastare il fenomeno dei cambiamenti climatici, favorendo la riduzione delle emissioni climalteranti.Dall’analisi del contesto operativo, discendono gli obiettivi generali e specifici che ilPiano intende perseguire, come si evince dalla tabella seguente. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 77. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 77Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 78. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 78Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientalePer quanto riguarda i Criteri di localizzazione di nuovi impianti di trattamento, direcupero e smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, anche ex artt.214-216 del Dlgs 152/2006 s.m.i., il Piano definisce, ai sensi del combinato dispostodegli artt. 195, comma 1, lett. p), 196, comma 1 lett. n) e o), 197, comma 1, lett. d) e199, comma 3, lettere d) e h) del Dlgs n. 152 del 2006 s.m.i., i criteri perl’individuazione delle zone idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimentodei rifiuti, nonché delle zone non idonee alla localizzazione di impianti di recuperoe di smaltimento dei rifiuti.L’identificazione del sistema dei vincoli relativi alla localizzazione di nuovi impiantiper lo smaltimento e il recupero dei rifiuti speciali pericolosi e non-pericolosi, fattesalve tutte le norme che disciplinano i requisiti tecnici e operativi degli impianti digestione dei rifiuti (Dlgs 133/2005; 36/2003), è stata ispirata ai seguenti criteri:1) assicurare la congruità con la pianificazione già predisposta per i rifiuti urbani ed il coordinamento con gli altri strumenti di pianificazione regionali previsti dalla normativa vigente, ove adottati (art. 199, comma 4, del Dlgs 152/2006 s.m.i.);2) favorire la minimizzazione dell’impatto ambientale degli impianti in considerazione dei vincoli ambientali, paesaggistici, naturalistici, antropologici e dei rischi sulla salute umana, alla luce dei fattori economici, sociali e logistici;3) prevedere che la localizzazione di tutti i nuovi impianti, eccetto le discariche, nel rispetto delle disposizioni vigenti in materia urbanistica, avvenga in aree industriali definite ai sensi del D.M. n. 1444/1968 come zone di tipo D, relative alle parti del territorio destinate a nuovi insediamenti per impianti industriali o ad essi assimilati (art. 196, comma 3, e 199, comma 3, lett. a), del Dlgs 152/06 s.m.i.);4) definire un quadro di sintesi che consenta l’abbinamento di ciascun vincolo/criterio ad un differente grado di prescrizione derivante dalle caratteristiche urbanistiche e ambientali dell’area considerata, secondo la seguente classificazione: - VINCOLANTE (V): costituisce un vincolo di localizzazione; - ESCLUDENTE (E): l’ubicazione dell’impianto è esclusa, quando l’impianto proposto sia in contrasto con i vincoli e gli strumenti di pianificazione vigenti ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 79. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 79Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale sulla porzione di territorio considerata; - PENALIZZANTE (PE): l’ubicazione dell’impianto penalizza ulteriormente il territorio su cui incide, ma non è esclusa a priori, qualora si adottino particolari misure compensative nella progettazione/realizzazione dello stesso, in considerazione delle sensibilità ambientali e degli atri insediamenti esistenti. Si rimanda alla zonizzazione da effettuarsi in sede di Piani Provinciali per la definizione di misure specifiche, tarate sul contesto territoriale e ambientale. In ogni caso la localizzazione degli impianti in tali zone è subordinata alla verifica, in sede di valutazione d’impatto ambientale e di incidenza, dell’applicazione al ciclo produttivo delle migliori tecnologie disponibili e alla previsione obbligatoria di misure di compensazione e mitigazione degli impatti. - PREFERENZIALE (PR): l’ubicazione dell’impianto è considerata preferenziale, in considerazione di una scelta strategica del sito, dettata da esigenze di carattere logistico, economico e ambientale;5) localizzazione di nuovi impianti in aree servite da viabilità, anche in considerazione dell’esigenza di ridurre gli impatti connessi ai trasporti dei rifiuti sul territorio regionale.6) localizzazione di nuovi impianti ad una distanza sufficiente da quelli esistenti che consenta di distinguere e individuare il responsabile di un eventuale fenomeno di inquinamento, al fine di assicurare un’elevata protezione dell’ambiente e controlli efficaci, nel rispetto del principio comunitario “chi inquina paga” (art. 178, commi 1 e 3, del Dlgs 152/06 s.m.i.).I criteri così definiti si applicano ai nuovi impianti, agli ampliamenti e alle variantisostanziali proposte relative agli impianti esistenti. Per gli impianti esistenti che nonrispettano tali criteri localizzativi devono essere attivate procedure di delocalizzazione odevono essere previste idonee misure di mitigazione/compensazione.Di seguito è riportata la verifica della coerenza dell’impianto con i criteri dilocalizzazione previsti dal Piano. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 80. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 80 Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Aspetto considerato  Fattore ambientale  Applicazione  Grado di prescrizione VERIFICA  Le Province individuano le aree qualificate a bosco e le aree  dove possono essere autorizzate le trasformazioni. Le  NO  Aree interessate da boschi e foreste Province, gli Enti gestori dei Parchi e delle Riserve  regionali  ESCLUDENTE (area di cava: assenza di boschi e foreste) rilasciano le relative autorizzazioni coordinandole con le  procedure inerenti i vincoli paesaggistici. Le Province, con specifico strumento, indicano con  Uso del suolo perimetrazione di dettaglio quali sono i macro/micro ambiti  interessati da produzioni agricole di pregio, zone di  produzione di prodotti agricoli ed alimentari definiti ad  NO  PENALIZZANTE ai sensi del Dlgs  Aree di pregio agricolo indicazione geografica o a denominazione di origine protetta  (area di cava: assenza di aree agricole di  36/03 ai sensi del regolamento (CEE) n. 2081/92 e in aree agricole in  pregio) cui si ottengono prodotti con tecniche dellagricoltura  biologica ai sensi del regolamento (CEE) n. 2092/91così come  indicato nei disciplinari UE di controllo locale. Aree carsiche o oggetto di fenomeni paracarsici  ESCLUDENTE NOCaratteri fisici del territorio comprensive di grotte e doline ai sensi del Dlgs 36/03 Litologia argillosa PREFERENZIALE FORMAZIONE DI CALCARI E CALCARENITI > 2000 m (il nucleo abitato più vicino è  2.000 m dagli insediamenti residenziali, senza considerare le  ESCLUDENTE (penalizzante Distanza da centri e nuclei abitati Canosa che dista 8500 m dal sito in  case sparse nel caso di discariche per inerti) oggetto)  Tutela della popolazione > 2500 m (la scuola o ospedale più vicina è  Distanza da scuole e ospedali 2.500 m ESCLUDENTE a Canosa, che dista 8000 m dal sito in  oggetto)  Fascia di rispetto dai punti di approvvigionamento idrico a  scopo potabile. Si suddividono in: Aree di salvaguardia delle acque destinate al  ‐ zone di tutela assoluta ESCLUDENTE NO consumo umano ‐ zone di rispetto ‐ zone di protezione Protezione risorse idriche ‐ 200 m dalle opere di captazione Aree di protezione dei corpi idrici sotterranei: PENALIZZANTE NO aree di ricarica della falda e zone di riserva Individuate nel Piano di Tutela delle Acque, con particolare  Zone vulnerabili PENALIZZANTE NO riferimento alle Zone Vulnerabili da Nitrati Aree destinate al contenimento delle piene ESCLUDENTE NO Aree soggette a rischio idraulico e idrogeologico  Individuate nel Piano stralcio per l’Assetto Idrogeologico ESCLUDENTE NO molto elevato NO (distanza di circa 380 m dal ciglio Tutela da dissesti e calamità Fasce di pertinenza fluviale 150 m dal ciglio dell’alveo ESCLUDENTE dellalveo presente sulla carta  idrogeomorfologica) Classe 1 ESCLUDENTE NO Aree sismiche PENALIZZANTE ai sensi del Dlgs.  Classe 2 NO 36/03 ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 81. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 81 Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale ESCLUDENTE* Aree naturali protette NO ai sensi del D.Lgs. 36/03 ESCLUDENTE* ai sensi del Dlgs. 36/03  Protezione delle risorse naturali SIC (siti di importanza comunitaria) (penalizzante per le discariche di  Rete natura 2000 ZPS (zone di protezione speciale) NO inerti ai sensi dell’art. 5, c. 1, lettera  ZSC (zone speciali di conservazione) m), del Regolamento  regionale  n.28/08 ) Zone umide Incluse nell’elenco di cui al DPR 448/76 ESCLUDENTE* NO Territori costieri  300 m ESCLUDENTE NO NO (distanza di circa 380 m dal ciglio  Distanza dai corsi d’acqua 150 m dal ciglio dell’alveo di fiumi e laghi ESCLUDENTE dellalveo presente sulla carta  Protezione dei beni ambientali e idrogeomorfologica) culturali, ai sensi dell’art. 142 del Aree assegnate alle università agrarie e zone con usi  ESCLUDENTE NO (dista 3,5 km da usi civici) d.lg. 42/2004 civici Beni paesaggistici Zone A ‐B‐C del PUTT ESCLUDENTE NO ESCLUDENTE ai sensi del D.Lgs.  Beni storico‐artistici Zone di rispetto dei beni culturali NO (420 m da un tratturo) 36/03 Zone di particolare interesse ambientale PENALIZZANTE NO Zone e fasce di rispetto (stradale, ferroviaria,  aeroportuale, cimiteriale, Militare, infrastrutture  PENALIZZANTE NO Previsioni PRG/PUG comunali lineari energetiche) Destinazione urbanistica Zone A – B – C ESCLUDENTE NO Preesistenza di infrastrutture, buona viabilità di accesso e  Dotazione infrastrutturale acquedotto, viabilità PREFERENZIALE SI della rete idrica Vicinanza a distretti industriali PREFERENZIALE NO Aree industriali PREFERENZIALE NO Aree industriali dismesse PREFERENZIALE NO Vicinanza a reti di energia elettrica (riutilizzo calore  PREFERENZIALE NO residuo) Vicinanza ad aree a maggiore produzione di rifiuti PREFERENZIALE SI Presenza di cave PREFERENZIALE SI Aspetti strategico/funzionali Siti attualmente inquinati da recuperare ESCLUDENTE NO Aree da bonificare Siti sui quali sia stata già effettuata la bonifica PENALIZZANTE NO Franco inferiore a 10 m tra il livello di massima escursione  Profondità della falda ESCLUDENTE NO (franco maggiore di 30 m) della falda e il piano di campagna Preesistenza di reti di monitoraggio su varie PREFERENZIALE NO componenti ambientali Preesistenza di discariche a distanza tale da non consentire l’individuazione del responsabile ESCLUDENTE NO dell’eventuale inquinamento * Penalizzante in area buffer di 1.000 m per le discariche per rifiuti non pericolosi, penalizzante in area buffer di 2.000 m per le discariche per rifiuti pericolosi. E’ necessario attivare la valutazione di incidenza nel caso in cui l’intervento ricada in area buffer di Sic, Zps o Zsc. Figura 1- Impianti di discarica – Localizzazione – Discariche per rifiuti speciali 11 È fatto salvo quanto previsto dall’Allegato 1 del D.Lgs. 36/2003 ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 82. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 82Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleCome si può notare dalla tabella precedente (cfr. colonna verifica), l’impianto rispettai requisiti di localizzazione poiché conforme ai gradi di prescrizione di tutti i fattoriambientali previsti per gli aspetti considerati dal Piano.Pertanto, si può concludere che l’impianto è coerente con l’Aggiornamento del Pianodi Gestione dei Rifiuti Speciali. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 83. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 83Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale7.4 Pianificazione territorialeIl problema della pianificazione territoriale e della connessa tutela del territorio edell’ambiente ha rappresentato negli ultimi anni la base dell’azione politica regionale.La legge regionale in materia di urbanistica e pianificazione territoriale è la n. 25del 15/12/2000 le cui finalità, in attuazione dell’articolo 117 della Costituzione,dell’articolo 3 della legge 8 giugno 1990, n. 142 “Ordinamento delle autonomielocali”, nonché della legge 15 marzo 1997, n. 59 “Delega al Governo per ilconferimento di funzioni e compiti alle Regioni ed enti locali, per la riforma dellapubblica amministrazione e per la semplificazione amministrativa” e del decretolegislativo 31 marzo 1998, n. 112 “Conferimento di funzioni e compiti amministratividallo Stato alle Regioni e agli enti locali”, sono quelle di provvedere a disciplinarel’articolazione e l’organizzazione delle funzioni attribuite in materia di urbanisticae pianificazione territoriale ed edilizia residenziale pubblica alla Regione, ovvero daquesta conferite alle Province, ai Comuni o loro consorzi e alle Comunità montane.Le funzioni della Regione, definite dalla legge, sono: • concorso alla elaborazione delle politiche nazionali di settore mediante l’intesa con lo Stato e le altre Regioni; • attuazione, nelle materie di propria competenza, delle norme comunitarie direttamente applicabili; • definizione delle linee generali di assetto del territorio regionale; • formazione dei piani territoriali regionali e relativi stralci e varianti e controllo di conformità ai piani territoriali regionali dei piani regolatori comunali; • formazione del piano territoriale paesistico regionale e relative varianti; • verifica della compatibilità dei piani territoriali di coordinamento provinciali e loro varianti con le linee generali di assetto del territorio regionale di cui alla lettera b), nonché con gli strumenti di pianificazione e programmazione regionali; • apposizione di nuovi vincoli paesistici e revisione di quelli esistenti secondo le procedure del D.LGS 490/1999; • coordinamento dei sistemi informativi territoriali; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 84. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 84Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale • nulla-osta per il rilascio di concessioni edilizie in deroga agli strumenti urbanistici generali comunali; • repressione di opere abusive; • poteri sostitutivi in caso di inerzia degli enti locali nell’esercizio delle funzioni e compiti loro devoluti dalla presente legge ovvero dalla legislazione vigente in materia di pianificazione territoriale; • individuazione delle zone sismiche in armonia con le competenze statali; • redazione, attraverso i Consorzi per le aree e i nuclei di sviluppo industriale, dei piani regolatori delle aree e dei nuclei di sviluppo industriale.7.5 Pianificazione paesaggisticaÈ nel 1939, dopo le leggi n. 688 del 1912 e n. 778 del 1922 che in Italia viene affrontatoin modo organico il tema della protezione delle “bellezze naturali e panoramiche”. Ildisegno di legge presentato il 15 giugno 1939 dal ministro Bottai viene approvato comelegge 29 giugno 1939 n. 1497 e diventa compiutamente operativa con il R.D. 3 giugno1940 n. 1357 “Regolamento per l’applicazione della legge 29 giugno 1939 n. 1497,sulla protezione delle bellezze naturali”. Protezione fondamentalmente basata suvalutazioni di natura estetica che consentono la imposizione motivata del “vincolo”. Laparte propositiva della legge è nello strumento del “piano territoriale paesistico”,tale situazione rimane immutata anche con l’entrata in vigore del DPR n. 616 /1977 conil quale lo Stato ha delegato alle Regioni le funzioni amministrative per la “protezionedelle bellezze naturali”, pur riservandosi la facoltà di integrare gli elenchi da essepredisposti.Sul versante progettuale nella Regione Puglia non viene formato alcun piano paesistico,non così sul versante vincolistico ove, con decreti ministeriali vengono sottoposti atutela alcuni territori e con la legge 56/80 vengono vietate opere di edificazione nellefasce costiere del mare, dei laghi, dei fiumi, delle gravine e nelle aree boschive.La legge 431/85, nel riassorbire in parte i contenuti del Decreto Galasso del settembre1984, compie un salto di qualità estremamente qualitativo e coinvolgente anche per ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 85. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 85Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalel’Ente Regione. L’art. 1 bis della legge affida alle Regioni il potere/dovere di sottoporrea specifica normativa d’uso e di valorizzazione ambientale il territorio in cui ricadono ibeni e le aree sottoposti a vincolo paesaggistico “mediante la redazione di pianipaesistici o di piani urbanistico territoriali con specifica considerazione dei valoripaesistici ed ambientali”.La legge rende quindi equipollente il “piano paesistico” e il “piano urbanisticoterritoriale con specifica considerazione dei valori paesistici ed ambientali”, mentresotto il profilo tecnico e progettuale sono molto diversi.Il “Piano Territoriale Paesistico”, nominato oggi “piano paesistico” è un piano didettaglio ed esecutivo, mentre il respiro e la portata del “piano urbanistico territorialecon specificazione dei valori paesistici ed ambientali” sono invece molto più ampi.Al riguardo è bene esaminare la legge regionale partendo dalla n.56/80 “uso e tutela delterritorio”. L’art. 54 di detta legge disciplina il piano paesistico di cui all’art. 5 dellalegge 1497 del 29 giugno 1939; l’art. 9 disciplina i contenuti del P.U.I. (PianoUrbanistico Intermedio), che rappresenta a scala sub-regionale il quadro dispecificazione delle pianificazioni territoriali e per temi o settoriali. Il legislatoreregionale identifica quindi il piano paesistico ex lege del ’39 con il P.U.I., specifico,dettagliato, di necessario ambito infraregionale. Il secondo strumento previsto dalla L.R.56/80, quale momento pianificatorio, particolarmente adatto a contenere quellaspecifica considerazione dei valori paesaggistici ambientali richiesta dalla legge 431, èil P.U.T.T. (Piano Urbanistico Territoriale Tematico).La legislazione regionale ha quindi scandito il processo di pianificazione in materia dipaesaggio in due momenti tra loro logicamente consecutivi; il primo rappresentato dalP.U.T.T., ossia da un piano capace di fornire e racchiudere una precisa conoscenza edindividuazione degli elementi che caratterizzano in senso qualitativo il territorioattuando insieme le coordinate per la pianificazione del territorio, anche dal punto divista progettuale; il secondo rappresentato dal piano paesistico, il quale per averenecessaria portata infraregionale e alto contenuto specialistico non può che articolarsi inuna serie di piani che contengono l’individuazione progettuale precisa delle tutele e ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 86. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 86Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaletrasformazioni necessarie e consentite.Quindi la scelta pianificatoria nel breve tempo non poteva che ricadere sul P.U.T.T.7.6 Il Piano Urbanistico Territoriale Tematico per il Paesaggio ed i Beni AmbientaliLa formazione del “Piano Urbanistico Territoriale per il Paesaggio ed i beniAmbientali” (PUTT/PBA), in esecuzione della legge n. 431/1985 (legge Galasso),venne avviata dalla Regione Puglia nel dicembre 1985 con la costituzione di uncomitato di esperti a cui ne venne affidata la redazione.La definizione dei contenuti, delle procedure di elaborazione e di approvazione delPUTT/PBA si concretò nell’agosto 1987 con l’inizio studi e la stipulazione dellaconvenzione n. 2578/14.07.87.La consegna della “Bozza” chiuse la fase analitica e definitoria del PUTT/PBA peravviare quella della sua prima verifica tecnico-politica.Con nota n. 4887/09.04.93 l’Assessore regionale all’Urbanistica autorizzaval’elaborazione della stesura finale del PUTT/PBA, autorizzato in via definitiva dalladeliberazione regionale 15 dicembre 2000, n. 1748.All’articolo 2.01 del Piano vengono distinti quattro ambiti territoriali in funzione delloro valore paesaggistico e ambientale:A: ambiti territoriali di valore eccezionale;B: ambiti territoriali di valore rilevante;C: ambiti territoriali di valore distinguibile;D: ambiti territoriali di valore relativo.Negli ambiti territoriali di valore eccezionale va evitato ogni intervento che modifichi icaratteri delle componenti individuate e/o presenti; non vanno consentite attivitàestrattive e va mantenuto l’insieme dei fattori naturalistici connotanti il sito.Va evitato: • il danneggiamento delle specie vegetali autoctone; • l’introduzione di specie vegetali estranee e la eliminazione di componenti ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 87. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 87Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale dell’ecosistema; • l’apertura di nuove strade o piste e l’ampliamento di quelle esistenti; • l’attività estrattiva; • l’allocazione di discariche o depositi di rifiuti ed ogni insediamento abitativo o produttivo; • la modificazione dell’assetto idrogeologico.Va evitata ogni alterazione dell’integrità visuale e va perseguita la riqualificazione delcontesto.Negli ambiti territoriali di valore rilevante va mantenuto l’assetto geomorfologicod’insieme e vanno individuati i modi: • per la conservazione e la difesa del suolo e il ripristino di condizioni di equilibrio ambientale; • per la riduzione delle condizioni di rischio; • per la difesa dall’inquinamento delle sorgenti e delle acque superficiali e sotterranee; • non vanno consentite nuove localizzazioni per le attività estrattive e, per quelle in attività, vanno verificate le compatibilità del loro mantenimento in esercizio e vanno predisposti specifici piani per il recupero ambientale delle stesse.Va evitato: • l’apertura di nuove cave; • l’apertura di nuove strade o piste e l’ampliamento di quelle esistenti; • l’allocazione di discariche o depositi di rifiuti; • la modificazione dell’assetto idrogeologico.La possibilità di allocare insediamenti abitativi e produttivi , tralicci o(e antenne , lineeaeree, condotte sotterranee o pensili, va verificata tramite apposito studio di impattopaesaggistico sul sistema botanico/vegetazionale con definizione di eventuali opere dimitigazione.Va evitata ogni alterazione dell’integrità visuale e va perseguita la riqualificazione delcontesto. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 88. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 88Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleNegli ambiti territoriali di valore distinguibile le previsioni insediative ed i progettidelle opere di trasformazione del territorio devono mantenere l’assetto geomorfologicod’insieme e conservare l’assetto idrogeologico delle relative aree; le nuovelocalizzazioni di attività estrattive vanno limitate ai materiali di inderogabile necessità edi difficile reperibilità.Tutti gli interventi di trasformazione fisica del territorio e/o insediativi vanno resicompatibili con la conservazione degli elementi caratterizzanti il sistemabotanico/vegetazionale, la sua ricostituzione, le attività agricole coerenti con laconservazione del suolo.Va evitata ogni destinazione d’uso non compatibile con le finalità di salvaguardia e, dicontro, vanno individuati i modi per innescare processi di corretto utilizzo evalorizzazione.Negli ambiti territoriali di valore relativo le previsioni insediative ed i progetti delleopere di trasformazione del territorio devono mantenere l’assetto geomorfologicod’insieme e conservare l’assetto idrogeologico delle relative aree; le nuovelocalizzazioni di attività estrattive sono consentite previa verifica.Va evitata ogni destinazione d’uso non compatibile con le finalità di salvaguardia e, dicontro, vanno individuati i modi per innescare processi di corretto utilizzo evalorizzazione.L’area in esame, a seguito dell’adeguamento al PUTT/PBA, adottato con deliberazioneC.C. n. 43 dell’8/4/2002, ricade nell’ambito territoriale esteso D – valore relativo,che corrisponde alla meno tutelata (tra i quattro ambiti estesi), dove infatti èpossibile l’attività estrattiva (cfr. figura seguente ed allegato 10). ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 89. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 89Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Figura 2- PUTT/PBA – Ambiti territoriali estesiAi sensi dell’art. 2.01 delle TA del PUTT, al TITOLO II - AMBITI TERRITORIALIESTESI, i terreni e gli immobili compresi negli ambiti territoriali estesi di valoreeccezionale, rilevante, distinguibile e relativo, sono sottoposti a tutela diretta dal Pianoe:non possono essere oggetto di lavori comportanti modificazioni del loro stato fisico odel loro aspetto esteriore senza che per tali lavori sia stata rilasciata lautorizzazionepaesaggistica di cui allart.5.01.Infatti, l’art. 5.01 prevede che:i lavori o le opere che modifichino lo stato fisico o laspetto esteriore dei territori edegli immobili dichiarati di notevole interesse pubblico ai sensi del titolo II del D.von.490/1999, o compresi tra quelli sottoposti a tutela dal Piano, non possono essereoggetto di concessione edilizia oppure di autorizzazione edilizia oppure di denunziainizio attività, senza il preliminare rilascio della autorizzazione paesaggistica ai sensi ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 90. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 90Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaledel presente Piano.In data 19 giugno 2006 con delibera n. 951, la Regione Puglia ha espresso in merito alprogetto in oggetto parere paesaggistico favorevole, di cui all’Art. 5.01 delle N.T.A.del PUTT/Paesaggio.All’articolo 3.01 del Titolo III della N.T.A., vengono definiti gli “Ambiti territorialidistinti”- A.T.D., relativi agli elementi strutturanti e costitutivi, inquadrati rispetto al:• sistema geologico-morfologico-idrogeologico,• sistema della copertura botanico-vegetazionale-colturale e della potenzialità faunistica,• sistema della stratificazione storica dell’organizzazione insediativa.Per ciascuno dei sottosistemi, e delle relative componenti, le norme specificano: l’area di pertinenza (spazio fisico di presenza), l’area annessa (spazio fisico di contesto), i regimi di tutela e le relative prescrizioni di base cui attenersi.Nel seguito si riporta la verifica della vincolistica presente nell’area di interesse,intendendo con essa sia il sito interessato direttamente dal progetto che l’area vasta dipertinenza.I risultati sono riportati anche sotto forma grafica, come si può evincere dagli elaboratiAllegati al Quadro di Riferimento Programmatico allegato 10, nei quali sono evidenziatii singoli vincoli di cui si compongono i tre Sistemi costituenti gli Ambiti Distinti.PP01 - Vincoli ex L.N. 1497/39In tutta l’area interessata dall’intervento non esistono vincoli di cui alla L.N. 1497/39.PP02 – Decreti Galasso (Legge 431/85)In tutta l’area interessata dall’intervento non esistono vincoli di cui alla L. 431/85Decreti Galasso.PP03 - Vincoli idrogeologici ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 91. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 91Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleL’area di intervento non è interessata dal vincolo idrogeologico.PP04 – Boschi, Macchie, Biotipi, Parchi e Catasto grotteL’area di intervento non ricade in aree interessate da Boschi, Macchie, Biotipi, Parchi eCatasto grotte.PP05 – Vincoli e segnalazioni architettonico-archeologcheNell’area di intervento non sono presenti vincoli e segnalazioni architettonico-archeologche.PP06 – Idrologia superficiale e zone umideNell’area di intervento non sono presenti elementi apparteneti all’idrologia superficialee/o zone umide.PP07 – Usi civiciL’intervento, come si può evincere dalla cartografia allegata, non interferisce con gliUsi Civici e Paesaggio Agrario.PP09 – Vincoli faunisticiIn tutta l’area vasta interessata dall’intervento, il PUTT/PBA segnala la presenza della"Zona a gestione sociale", come si può evincere dalla immagine seguente. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 92. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 92Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Figura 3- PUTT/PBA – Ambiti territoriali distinti- Vincolo FaunisticoLe specifiche norme di tutela del PUTT di cui allart. 3.13 considerano come "areeprotette" le zone faunistiche definite dalla l.r. n.10/84 come "oasi di protezione", "zonedi ripopolamento e cattura", "zone umide", e quelle definite come: riserva naturaleorientata, riserva naturale integrale, riserva naturale biogenetica, riserva naturaleforestale di protezione.Come si può notare, tra le aree protette da assoggettare a tutela paesaggistica, non figurala "Zona a gestione sociale", pertanto si ritiene l’intervento coerente con gli obiettivi ele prescrizioni di Piano.PP10 – Geomorfologia di baseL’area di cava dismessa che sarà oggetto, parzialmente, dei lavori di realizzazione dellapiattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 93. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 93Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalespeciali non pericolosi è, ovviamente, perimetrata da un ciglio di scarpata coincidentecon l’orlo di cava stessa (cfr. figura seguente ed allegato 10).Il Piano definisce (art. 3.09) "versante", le aree delimitate da un ciglio di scarpata ed unpianoro; "ciglio di scarpata", lorlatura superiore con significato morfologico; "crinale odorsale di spartiacque" la linea di spartiacque di bacini idrografici; "pianoro" larea conpendenza assoluta inferiore al 10%.Ai fini della tutela dei versanti e della applicazione delle prescrizioni di base, il Piano,per le aree esterne ai "territori edificati", così come definiti nel punto 5 dellart.1.03,individua il regime di salvaguardia per lintera "area di versante"; questa vieneperimetrata, con le articolazioni di appartenenza alle varie classi, in sede di formazionedei Sottopiani e degli strumenti urbanistici generali; in loro assenza si assume per tuttilarea indicata dal Piano, riportata sulla cartografia dello strumento urbanistico generale.Ai fini della tutela dei cigli di scarpata e/o crinali e della applicazione delle prescrizionidi base, il Piano, per le aree esterne ai "territori edificati", così come definiti nel punto 5dellart.1.03, individua il regime di salvaguardia per l"area annessa" sui due lati, inrapporto alla classe di appartenenza del ciglio/crinale e del versante o pianoro di ciascunlato; dette "aree annesse" vengono perimetrate in sede di formazione dei Sottopiani edegli strumenti urbanistici generali; in loro assenza si assume per ciascuno dei due latila fascia della larghezza (cartografica) dalla linea di ciglio/versante pari a:- classe 1.1: metri 50; classe 1.2: metri 100;- classe 2.1: metri 25; classe 2.2: metri 50;ove la classe è indicata, per i cigli di scarpata/crinale:classe 1.1: ciglio/crinale montano con pendenza superiore al 30%;classe 1.2: ciglio/crinale montano con pendenza inferiore al 30%;classe 2.1: ciglio/crinale non montano con pendenza superiore al 30%;classe 2.2: ciglio/crinale non montano con pendenza inferiore al 30%. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 94. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 94Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Figura 4- PUTT/PBA – Ambiti territoriali distinti- Geomorfologia di baseNell"area annessa" al ciglio di scarpata e/o crinale, si applicano gli indirizzi di tutela ele direttive di tutela specificate, per classe di appartenenza, nella tabella: ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 95. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 95Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalee, a loro integrazione, si applicano le prescrizioni di base di cui al punto 4.2dellart.3.08.Nel caso in esame il progetto prevede l’utilizzo della parte a sud della cava esistentedismessa per la realizzazione sia della piattaforma di trattamento che dell’area distoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi (cfr. figura seguente).Il progetto prevede, tra l’altro, il recupero della cava dismessa ed il ripristino ambientalea fine lavori in modo che, al termine delle attività di dismissione dell’intera piattaformadi trattamento, il sito possa essere integrato armonicamente con l’ambiente circostante epossa essere reso agli usi cui è stato destinato: terreno a verde agricolo o terreno dautilizzarsi a scopi ricreativi. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 96. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 96Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Figura 5- Planimetria di progettoPertanto, il progetto è pienamente coerente con le prescrizioni di base, le direttive e gliindirizzi di tutela del PUTT. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 97. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 97Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale7.7 Piano di Bacino della Puglia, stralcio Assetto Idrogeologico (PAI)La legge 183/1989 sulla difesa del suolo ha stabilito che il bacino idrografico debbaessere l’ambito fisico di pianificazione per superare le frammentazioni e le separazioniprodotte in seguito all’adozione di aree di riferimento aventi confini meramenteamministrativi.Strumento di governo del bacino idrografico è il Piano di Bacino, che si configura qualedocumento di carattere conoscitivo, normativo e tecnico-operativo, mediante il qualesono pianificate e programmate le azioni e le norme d’uso finalizzate allaconservazione, difesa e valorizzazione del suolo e alla corretta utilizzazione delle acque,sulla base delle caratteristiche fisiche ed ambientali del territorio interessato.La Autorità di Bacino Interregionale della Puglia, con delibera del ComitatoIstituzionale n° 39 del 30.11.2005, ha approvato il Piano di Bacino della Puglia, stralcioAssetto Idrogeologico (PAI).Il PAI, ai sensi dell’art. 1 delle Norme Tecniche di Attuazione, è finalizzato almiglioramento delle condizioni di regime idraulico e della stabilità dei versantinecessario a ridurre gli attuali livelli di pericolosità ed a consentire uno svilupposostenibile del territorio nel rispetto degli assetti naturali, della loro tendenza evolutivae delle potenzialità d’uso.Inoltre (art. 2 delle NTA) ha valore di piano territoriale di settore ed è lo strumentoconoscitivo, normativo e tecnico-operativo mediante il quale sono pianificate eprogrammate le azioni e le norme d’uso finalizzate alla conservazione, alla difesa edalla valorizzazione del suolo ricadente nel territorio di competenza dell’Autorità diBacino della Puglia.L’obiettivo immediato del PAI si configura nella redazione di un quadro conoscitivogenerale dell’intero territorio di competenza dell’Autorità di Bacino, in termini diinquadramento delle caratteristiche morfologiche, geologiche ed idrogeologiche.Nel contempo l’Autorità di Bacino della Puglia ha perimetrato le aree soggette a rischioidrogeologico suddivise in aree soggette a pericolosità idraulica, aree soggette apericolosità da frana e, per entrambe, le relative aree a rischio. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 98. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 98Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientalePer la pericolosità da frana il PAI prevede: o PG3: aree a Pericolosità da frana molto elevata; o PG2: aree a Pericolosità da frana elevata; o PG1: aree a Pericolosità da frana media e moderata.Per la pericolosità idraulica si distinguono: o AP: aree ad Alta Probabilità di inondazione; o MP: aree a Moderata Probabilità di inondazione; o BP: aree a Bassa Probabilità di inondazione.Le aree a rischio sono suddivise in: o R4: Aree a Rischio Molto Elelvato; o R3: Aree a Rischio Elevato; o R2: Aree a Rischio Medio; o R1: Aree a Rischio Moderato.Come si può evincere dalle immagini successive e dagli elaborati grafici in allegato (cfr.allegato 10), il sito di pertinenza dell’impianto non ricade in zone interessate dalle areea pericolosità idraulica, geomorfologica ed a rischio. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 99. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 99Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleFigura 6- P.A.I. – Carta delle aree a pericolosià idraulica, geomorfologica ed a rischioInoltre, dalla consultazione della “Carta Idrogeomorfologica della Regione Puglia”, direcente redatta dall’Autorità di Bacino, valutata favorevolmente in linea tecnicadall’A.d.B. nel mese di novembre 2009 ed in corso di definitiva approvazione, è emersala presenza di un’asta del reticolo idrografico a nord dell’area di cava, come si puòevincere dalla immagine seguente (cfr. anche allegato 10). ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 100. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 100Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale 380 m Figura 7- P.A.I. – Stralcio della carta idrogeomorfologica della Regione PugliaTuttavia il reticolo, che come detto non presenta aree inondabili perimetrate dall’AdB,dista circa 380 m dall’area di impianto, quindi una distanza maggiore dei 150 m al disotto dei quali è richiesto uno Studio di Compatibilità Idrologica ed Idraulica da partedell’AdB della Regione Puglia (per effetto della applicazione congiunta delleprescrizioni degli articoli 6 e 10 delle NTA del P.A.I.).Alla luce delle considerazioni suddette, si può concludere che l’intervento oggetto dellapresente relazione non determina elementi di contrasto con le previsioni e le indicazionidel P.A.I. dell’Autorità di Bacino della Regione Puglia. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 101. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 101Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale7.8 Piano Regionale Attività EstrattiveLa Puglia rimaneva una delle poche regioni italiane a non avere ancora un piano chedisciplinasse lesercizio dellattività mineraria; proprio questo ha creato, nel corso deglianni, profondi conflitti tra imprenditori, Governo regionale e ambientalisti.Per tale motivo la Regione si è dotata di uno strumento programmatico relativoallattività estrattiva (che rappresenta il secondo settore produttivo regionale).La prima versione del PRAE è stata adottata con deliberazione di G.R. n. 1744 del11/12/2000 (B.U.R.P. n. 50 del 29/03/2001) ed approvata con deliberazione di Giuntaregionale, n. 580 del 15 maggio 2007, in applicazione della legge regionale n. 37/85.Di recente è stato redatto il Nuovo P.R.A.E. - Piano Regionale Attività Estrattive,adottato con Delibera di Giunta Regionale n°2112 del 10/11/2009 ed approvato conDelibera Giunta Regionale n°445 del 23/02/2010.Ai sensi dell’art. 1 Obiettivi e contenuti del Piano Regionale delle Attività estrattive(P.R.A.E.):1. Il PRAE è lo strumento settoriale generale di indirizzo, programmazione e pianificazione economica e territoriale delle attività estrattive nella regione Puglia.2. È disciplinata dal PRAE l’attività di coltivazione delle sostanze minerali industrialmente utilizzabili appartenenti alla seconda categoria di cui al regio decreto 29 luglio 1927, n. 1443.3. Ai fini della presente normativa sono considerati di pregio i materiali di cui al comma 2 che presentano scarsa disponibilità in affioramento o difficoltà nell’estrazione ed un alto valore merceologico in considerazione delle condizioni del mercato o di altre ragioni di interesse pubblico. Sono in ogni caso considerati materiali di pregio le pietre ornamentali da taglio.4. Ai fini della programmazione dell’attività estrattiva sono assimilabili ai materiali di cava di cui al comma 2, lett. b), i residui derivanti da altre attività, suscettibili di riutilizzo, come definiti dal D.Lgs. n. 117 del 30 maggio 2008 “Attuazione della direttiva 2006/21/CE relativa alla gestione dei rifiuti delle industrie e che ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 102. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 102Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale modifica la direttiva 2004/35/CE”.5. Il PRAE persegue le seguenti finalità: a) pianificare e programmare l’attività estrattiva in coerenza con gli altri strumenti di pianificazione territoriale, al fine di contemperare l’interesse pubblico allo sfruttamento delle risorse del sottosuolo con l’esigenza prioritaria di salvaguardia e difesa del suolo e della tutela e valorizzazione del paesaggio e della biodiversità; b) promuovere lo sviluppo sostenibile nell’industria estrattiva, in particolare contenendo il prelievo delle risorse non rinnovabili e privilegiando, ove possibile, lampliamento delle attività estrattive in corso rispetto all’apertura di nuove cave; c) programmare e favorire il recupero ambientale e paesaggistico delle aree di escavazione abbandonate o dismesse; d) incentivare il reimpiego, il riutilizzo ed il recupero dei materiali derivanti dall’attività estrattiva.6. Il P.R.A.E., in particolare, contiene: 1) la relazione illustrativa delle finalità e dei criteri informativi del piano; 2) le norme tecniche per la progettazione e la coltivazione delle cave e per il recupero ambientale delle aree interessate; 3) la carta giacimentologica implementata con sistema GIS contenente: a) l’indicazione delle risorse di potenziale sfruttamento; b) i vincoli urbanistici, paesaggistici, culturali, idrogeologici, forestali, archeologici; c) la tabella dei fabbisogni di cui all’art. 31 comma 1 lett. e) l.r. n. 37/85.Dalla consultazione della carta giacimentologica allegata al PRAE, l’area interessata dalprogetto, rientra tra i Calcari e calcari dolomitici, stratificati o in banchi, variamentefratturati, in una zona a prevalente presenza di calcareniti e depositi conglomeratico-sabbiosi sciolti (cfr. figura seguente). ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 103. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 103Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Area di intervento Figura 8- Nuovo PRAE – Carta giagimentologica ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 104. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 104Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleL’area, ormai come detto interessata da una cava in disuso, non risulta inserita tra quelledel PRAE destinate alla attività estrattiva e/o ai Piani Particolareggiati, come si evincedalla immagine precedente.Si può affermare, pertanto, che il tipo di intervento in oggetto non è in contrasto con ledirettive del Nuovo PRAE.7.9 Strumento urbanistico comunaleIl Comune di Minervino Murge non è dotato di P.R.G., ma possiede unRegolamento Edilizio con annesso Programma di Fabbricazione, approvato conDecreto del Presidente della Giunta Regionale n. 48 del 26/04/1972.L’area in oggetto è tipizzata nel vigente P.d.F. del Comune di Minervino Murge comezona E1- Verde Agricolo, con la seguente zona di rispetto: “zona di rispetto del CanaleCavallaio, destinata a verde attrezzato con divieto di nuove edificazioni, impianti einfrastrutture”.La zona di rispetto indicata ricade all’esterno dell’area oggetto di intervento, infattil’intervento risulta non interferire direttamente né con l’area di pertinenza né conl’area annessa al corso d’acqua citato.7.10 Il Piano regionale dei trasportiLe attività di pianificazione dei trasporti della Regione Puglia sono state avviate nelmese di novembre 2001 ed, in coerenza con le indicazioni del Bando di Gara, delladeliberazione della Giunta Regionale n. 869 del 4 luglio 2001 e del programma diattività predisposto dai consulenti, si completano con la proposta di Piano Regionaledei Trasporti.Il lavoro complessivo affidato ha riguardato la redazione del Piano Triennale deiServizi (P.T.S.) e del Nuovo Piano Regionale dei Trasporti (P.R.T.), da svolgere ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 105. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 105Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalenell’ambito di cui all’Art.14 del D.L.vo n. 422/1997 ed a norma della Legge Regionale25 marzo 1999, n. 13, al fine di provvedere alla pianificazione dei servizi dei trasportipubblici locali e consistente nelle attività indicate nelle Linee Guida per la redazionedei Piani Regionali dei Trasporti, App. A06 al Cap.6 del Nuovo Piano Generale deiTrasporti e della Logistica.In linea generale si deve sottolineare che le due attività, P.T.S. e P.R.T., sono statesvolte in forma strettamente integrata, per cui al termine del lavoro, completati gli studiper il P.R.T., la Regione Puglia può disporre di un quadro organico e complessivo dellaprogrammazione del sistema integrato dei trasporti.Nel Piano Regionale dei Trasporti il territorio della Regione Puglia è stato suddiviso inBacini di traffico.Si definisce Bacino di traffico l’unità territoriale in cui si attua un sistema di trasportointegrato e coordinato in rapporto ai bisogni di mobilità, con particolare riguardo alleesigenze lavorative e scolastiche. In tal senso, il bacino di traffico rappresenta un’areain cui gli spostamenti sistematici per finalità lavorative e scolastiche hannoprevalentemente origine e destinazione nei centri interni all’area stessa.L’individuazione dei bacini di traffico è finalizzata alla realizzazione di un’offertaequilibrata di servizi, che persegue livelli ottimali d’integrazione modale e di efficienza.La delimitazione dei bacini va effettuata attraverso l’analisi della struttura territorialedelle relazioni di trasporto, che porta ad individuare i poli attrattori degli spostamenti(di solito i comuni maggiori oltre al capoluogo, nei quali è presente il luogo di lavoro ostudio) ed i poli generatori (tutti i centri abitati).Il risultato di questo tipo di analisi svolta in ambito regionale conduce in linea generalead identificare i bacini di traffico con i territori provinciali.L’area in esame è quindi compresa nel Piano di Bacino di Bari, approvato conDelibera della Giunta provinciale n°44 del 7.03.2002. Sulla base dei risultati emersidalla Conferenza di servizi convocata dalla Provincia in data 26.11.2001 è stato redattoun documento aggiuntivo, parte integrante del PPB approvato, che evidenzia le linee dicompetenza regionale con funzioni di traffico prevalenti sul territorio della provincia di ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 106. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 106Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleBari.Sulla base della conoscenza del territorio si sono individuati i centri attrattori distintiper agglomerati industriali, strutture ospedaliere, strutture della grande distribuzione eistituti di istruzione secondaria superioreSono state individuate inoltre le esigenze di collegamento di alcuni comuni con leproprie frazioni, e in particolare: Terlizzi, Ruvo e Corato nella zona del Nord barese eToritto, Casamassima, Altamura e Gravina nella zona della Murgia.L’offerta di progetto rimane invariata rispetto a quella attuale, dopo aver preso attodelle richieste di ulteriori servizi avanzate dai diversi comuni che potranno esseresoddisfatte in futuro se la Provincia riterrà opportuno stanziare a tal fine fondi a caricodel proprio bilancio.Il sito presenta un’ottima interconnessione sia con la rete autostradale che con quellaprovinciale; infatti può essere facilmente raggiunto sia dall’Autostrada A14 Adriaticasia dall’Autostrada A16 Napoli-Canosa. Dalle autostrade l’area può essere facilmenteraggiunta da strade provinciali. Infatti a meno di 300 m. dal sito proposto sono presentila S.P. n. 24 e la S.P. n. 143 per Canosa.Il sito presenta inoltre un’elevata distanza dai centri abitati; quelli più prossimi sono:Minervino Murge che dista circa 9 Km, e Canosa che dista 6 Km.7.11 Il Piano di tutela delle acqueL’art. 61 della Parte Terza del D. Lgs. 152/06 attribuisce alle Regioni, la competenzain ordine alla elaborazione, adozione, approvazione ed attuazione dei “Piani di Tuteladelle Acque”, quale strumento finalizzato al raggiungimento degli obiettivi di qualitàdei corpi idrici e, più in generale, alla protezione dell’intero sistema idrico superficiale esotterraneo.La Regione Puglia, ai sensi dell’art. 8 della legge 10.5.1976, n. 319, si era dotata di unproprio strumento legislativo, definendo i contenuti e le finalità del Piano diRisanamento delle Acque e con Delibera del Consiglio Regionale n. 455 del 10.5.1983 ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 107. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 107Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleera stato adottato il Piano Regionale di Risanamento delle Acque, le cui principali lineedi intervento erano le seguenti: − disinquinamento progressivo dei corpi idrici superficiali; − salvaguardia delle acque di falda tramite attingimenti controllati nonché mediante sversamento controllato; − recupero delle falde degradate mediante ricarica delle stesse.Il nuovo Piano di Tutela delle Acque è stato approvato con Delibera del ConsiglioRegionale n. 230 del 20/10/2009 a modifica ed integrazione del Piano di Tutela delleAcque della Regione Puglia adottato con Delibera di Giunta Regionale n. 883/07 del 19giugno 2007 pubblicata sul B.U.R.P. n. 102 del 18 Luglio 2007.Questo nuovo Piano di Tutela delle Acque della Regione Puglia costituisce il piùrecente atto di riorganizzazione delle conoscenze e degli strumenti per la tutela dellerisorse idriche nel territorio regionale.Il “Piano di tutela delle acque” rappresenta uno strumento per il raggiungimento e ilmantenimento degli obiettivi di qualità ambientale dei corpi idrici significativisuperficiali e sotterranei e degli obiettivi di qualità per specifica destinazione nonchédella tutela qualitativa e quantitativa del sistema idrico, in particolare, ai sensi dell’Art.121 della parte terza del D. Lgs. 152/06 contiene: − i risultati dell’attività conoscitiva; − l’individuazione degli obiettivi di qualità ambientale e per specifica destinazione; − l’elenco dei corpi idrici a specifica destinazione e delle aree richiedenti specifiche misure di prevenzione dall’inquinamento e di risanamento; − le misure di tutela qualitative e quantitative tra loro integrate e coordiante per bacino idrografico; − l’indicazione della cadenza temporale degli interventi e delle realtive priorità; − il programma di verifica dell’efficacia degli interventi previsti; − gli interventi di bonifica dei corpi idrici; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 108. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 108Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale − l’analisi economica di cui all’Allegato 10 alla Parte Terza del suddetto decreto e le misure previste al fine di dare attuazione alle disposizioni di cui all’art. 119 concernenti il recupero dei costi dei servizi idrici; − le risorse finanziarie previste a legislazione vigente.Il “Progetto di Piano di tutela delle acque” riporta una descrizione dellecaratteristiche dei bacini idrografici e dei corpi idrici superficiali e sotterranei, quindieffettua una stima degli impatti derivanti dalle attività antropiche sullo stato qualitativoe quantitativo dei corpi idrici e riporta le possibile misure e i possibili programmi per laprevenzione e la salvaguardia delle zone interessate.Viene data una prima definizione di zonizzazione territoriale, per l’analisi dei caratteridel territorio e delle condizioni idrogeologiche, in particolare vengono definite 4 zonedi protezione speciale idrogeologica, A, B, C e D, per ognuna delle quali sipropongono strumenti e misure di salvaguardia: − Aree A o Caratteristiche: sono state definite su aree di prevalente ricarica, inglobano una marcata ridondanza di sistemi carsici complessi (campi a doline, elementi morfoidrologici con recapito finale in vora o inghiottitoio; ammasso roccioso in affioramento e scarsa presenza di copertura umica, aree a carsismo sviluppato con interconnessioni in affioramento), sono aree a bilancio idrogeologico positivo, hanno bassa antropizzazione e uso del suolo non intensivo (bassa stima dei carichi di azoto, pressione compatibile); o Tutela: devono essere assicurate la difesa e la ricostruzione degli equilibri idraulici e idrogeologici, superficiali e sotterranei; o Divieti: realizzazione di opere che comportino la modificazione dl regime naturale delle acque (infiltrazione e deflusso), fatte salve le opere necessarie alla difesa del suolo e alla sicurezza delle popolazioni, e che alterino la morfologia del suolo e del paesaggio carsico, apertura e l’esercizio di nuove discariche per rifiuti solidi urbani, ecc… ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 109. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 109Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale − Aree B o Caratteristiche: presenza di una, seppur modesta, attività antropica con sviluppo di attività agricole, produttive e infrastrutturali; o Tutela: devono essere assicurate la difesa e la ricostruzione degli equilibri idraulici e idrogeologici, di deflusso e di ricarica; o Divieti: la realizzazione di opere che comportino la modificazione del regime naturale delle acque (infiltrazione e deflusso), fatte salve le opere necessarie alla difesa del suolo e alla sicurezza delle popolazioni; spandimento di fanghi e compost; cambiamenti dell’uso del suolo, fatta eccezione per l’attivazione di opportuni programmi di riconversione verso metodi di coltivazione biologica o applicando criteri selettivi di buona pratica agricola; − Aree C/D o Caratteristiche: si localizzano acquiferi definibili strategici, con risorse da riservare all’approvvigionamento idropotabile; o Tutela: misure di salvaguardia atte a preservare lo stato di qualità dell’acquifero; o Divieti: forte limitazione alla concessione di nuove opere di derivazione;Tra le aree riportate richiedenti specifiche misure di prevenzione dall’inquinamento e/odi risanamento l’area oggetto di studio non ricade né tra le aree sensibili né tra lazone vulnerabili e di salvaguardia delle acque superficiali e sotterranee destinate alconsumo umano.Per quanto riguarda le misure e i programmi adottati e da adottare per la salvaguardiadei corpi idrici e per il raggiungimento degli obiettivi della qualità ambientale, nonvengono riportate misure e/o programmi particolari per la zona in esame.Si conclude, pertanto, che il progetto non presenta alcun elemento di contrasto con ilPiano di Tutela delle Acque. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 110. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 110Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Figura 9- Nuovo PTA – Acque superficiali a specifica destinazione ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 111. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 111Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Figura 10- Nuovo PTA – Zone di protezione speciale idrogeologica - Tavola A Figura 11- Nuovo PTA – Aree di vincolo duso degli acquiferi - Tavola B ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 112. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 112Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Figura 12- Nuovo PTA – Aree sensibili e relativi bacini scolanti Figura 13- Nuovo PTA – Opere di captazione destinate alluso potabile ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 113. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 113Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale7.12 Siti d’importanza Comunitaria (SIC) – Zone a protezione speciale (ZPS)Nel 1992 gli Stati Membri dell’Unione Europea hanno approvato all’unanimità laDirettiva “Habitat” che promuove la protezione del patrimonio naturale della ComunitàEuropea (92/43/CEE). Questa Direttiva è stata emanata per completare la Direttiva“Uccelli” che promuove la protezione degli uccelli selvatici fin dal 1979 (79/409/CEE).Tale direttiva comunitaria disciplina le procedure per la costituzione della cosiddetta“rete Natura 2000”, ossia il progetto che sta realizzando lUnione Europea per"contribuire a salvaguardare la biodiversità mediante la conservazione di habitatnaturali, nonchè della flora e della fauna selvatiche nel territorio europeo degli Statimembri".La direttiva invitava entro il 2004 lItalia, ma anche per la maggior parte degli Statimembri, a designare le Zone Speciali di Conservazione (Z.S.C.) per costituire la ReteNatura 2000, individuandole tra i pS.I.C. la cui importanza doveva essere riconosciuta evalidata dalla Commissione e dagli stessi Stati membri mediante linserimento in unelenco definitivo. Facevano gia parte della rete ecologica Natura 2000 le Zone diProtezione Speciale (Z.P.S.), designate dagli Stati membri ai sensi della DirettivaComunitaria 79/409/CEE concernente la conservazione degli uccelli selvatici,cosiddetta "Direttiva Uccelli".In Puglia, con il programma scientifico Bioitaly, sono stati censiti nel 1995 n. 77proposti Siti d’Importanza Comunitaria (pSIC) e, nel dicembre 1998, sono statedesignate n. 16 Zone di Protezione Speciale (ZPS).La Regione Puglia (delibera della Giunta Regionale n.1157 del 2002), in ricezione delledue direttive Europee e del DPR n. 357 del 08.09.1997, come definito nel decreto delMinistero dell’Ambiente del 03/04/2000, ha istituito nel proprio territorio le ZPS e leSIC (confermando tutte le pSIC istituite) pubblicando in appositi elenchi: i codici, ledenominazioni, le perimetrazioni, le motivazioni cartografiche e scientifiche e le singoleschede specifiche.L’intervento in oggetto, come si evince dalla figura seguente (cfr. anche Allegato 10),non rientra in aree protette. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 114. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 114Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleIn particolare, non rientra in nessuna zona destinata a Sito dImportanza Comunitaria(SIC) e nell’area in esame non sono presenti Zone a protezione speciale, ai sensi dellaDirettiva 79/409 CEE come mostra la cartografia allegata. Figura 14- Zone SIC-ZPS ed Aree Naturali ProtetteIl sito più vicino è il Parco Natuarle Regionale Fiume Ofanto, situato a circa 2300 m dalsito in esame, distanza più che sufficiente per trascurare qualsiasi tipo di interferenza.Il SIC più vicino dista circa 50 km area di interesse.Si conclude, quindi, che non c’è nessuna interferenza tra l’intervento e le zone SIC,ZPS ed aree naturali protette. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 115. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 115Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale8 RAPPORTI TRA PROGETTO, NORMATIVA E STRUMENTI PIANIFICATORILa proposta in esame è congruente con gli strumenti normativi sui rifiuti previsti siaa livello nazionale ed europeo che a livello regionale.Si prevede infatti di realizzare una piattaforma per il trattamento e lo stoccaggiodefinitivo del rifiuto trattato.Il progetto, come già detto, ha ricevuto i seguenti pareri positivi: − Comune di Minervino Murge, Settore 7° - Urbanistica e Ambiente: Determinazione n. 8 del 12 febbraio 2004 (Raccolta Generale della Segreteria Comunale, Determinazione n. 75 del 13 febbraio 2004) – Parere favorevole in ordine alla compatibilità ambientale − ASL BA/1 Ufficio Igiene Pubblica: Prot. DP m/467 del 31 luglio 2005 - Parere igienico-sanitario favorevole; − Acquedotto Pugliese S.p.A.: nota Prot. 4781TT/rr del 20 luglio 2004 – Certificazione che la zona interessata non è canalizzata da rete di fognatura nera; − Comune di Minervino Murge, Settore 7° - Urbanistica e Ambiente: Determinazione n. 56 del 13 dicembre 2005 (Raccolta Generale della Segreteria Comunale, Determinazione n. 988 del 13 dicembre 2005) – Parere favorevole sotto l’aspetto urbanistico; − Comune di Minervino Murge: Delibera del Consiglio Comunale n. 25 del 31 maggio 2006 – Parere favorevole in ordine alla localizzazione; − Regione Puglia: Delibera n. 951 del 19 giugno 2007 – Rilascio parere paesaggistico favorevole.Le tecnologie previste sono state approvate dall’ARPA Puglia con Comunicazioneprot. 8727 del 30/07/2004 e rispettano tutte le norme relativamente ad impianti diquesto tipo sulle misure di sicurezza e salvaguardia dell’ambiente.La Regione Puglia ha altresì autorizzato le emissioni in atmosfera con ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 116. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 116Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleDeterminazione n. 120 del 23/03/2005.Relativamente al Piano Regionale dei Rifiuti, la proposta in esame rispetta leprescrizioni relative all’individuazione dell’areale e alla scelta del sito: infatti l’areanon presenta caratteristiche tali da pregiudicare l’idoneità ad ospitare l’impiantoin oggetto.Inoltre, come mostrato in precedenza, l’impianto è coerente con le prescrizioni ed icriteri di localizzazione previsti dall’Aggiornamento del Piano di Gestione deirifiuti speciali nella Regione Puglia approvato con Deliberazione della GiuntaRegionale n. 2668 del 28 dicembre 2009.Per quanto riguarda le caratteristiche del sito, si sono espressi positivamente: − La Regione con la Delibera n. 951 del 19 giugno 2007 – Rilascio parere paesaggistico favorevole; − La ASL BA/1 con comunicazione Prot. DP m/467 del 31 luglio 2005 – Parere igienico-sanitario favorevole; − Il Comune di Minervino Murge con la Determinazione n. 56 del 13 dicembre 2005 – Parere favorevole sotto l’aspetto urbanistico, e con la Delibera del Consiglio Comunale n. 25 del 31 maggio 2006 – Parere favorevole in ordine alla localizzazione.L’impianto verrà realizzato in corrispondenza di una cava non attiva, con unavolumetria sufficiente in relazione alle prospettive di produzione dei rifiutispeciali; presenterà inoltre un accesso comodo ed interconnesso con la rete viariaextraurbana. Infatti l’area è facilmente raggiungibile sia dall’Autostrada A14 -Adriatica, sia dall’Autostrada A16 - Napoli-Canosa. Dalle autostrade l’area puòessere facilmente raggiunta da strade provinciali, quali la n. 24 e la n. 143 perCanosa.I flussi di traffico indotti dall’impianto viaggeranno quindi su tracciati viari idoneia smaltirne il traffico e non attraverseranno centri abitati se non in misuraperiferica. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 117. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 117Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleSono state inoltre opportunamente rispettate le distanze relative a: • agglomerati residenziali urbani ed insediamenti di rilevante importanza e movimento turistico; • ospedali e luoghi di cura; • strade di grande traffico, ferrovie ed aeroporti; • alvei di fiumi e torrenti; • punti di approvvigionamento delle risorse idriche ad uso potabile.Per quanto riguarda i vincoli, l’area in esame ricade nell’ambito di valore più bassodi tutela tra quelli definiti dal Piano Urbanistico Territoriale Tematico per ilPaesaggio ed i Beni Ambientali, e non sono presenti nel raggio di influenzadell’impianto zone di particolare interesse paesaggistico o ambientale.L’impianto sarà realizzato seguendo tutti i particolari accorgimenti ambientali perla tutela dall’inquinamento delle acque superficiali e sotterranee stabiliti dallanormativa vigente.Si è verificata positivamente, come riportato in precedenza, la coerenza rispetto aiseguenti strumenti di programmazione e pianificazione: Piano Urbanistico Territoriale Tematico per il Paesaggio ed i Beni Ambientali (PUTT/PBA), sia rispetto agli Ambiti Territoriali Estesi che Distinti; Piano di Bacino della Puglia, Stralcio Assetto Idrogeologico (PAI) e verifica rispetto alla carta Idrogeomorfologica della Regione Puglia; Piano Regionale delle Attività Estrattive (PRAE); Strumento Urbanistico Comunale (Programma di Fabbricazione e relativo Regolamento Edilizio); Piano Regionale dei Trasporti; Piano di Tutela delle Acque; Inoltre, sono stati valutati ulteriori aspetti che tengono conto delle caratteristiche paesaggistiche, naturalistiche e vincolistiche del sito, oltre quelli analizzati ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 118. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 118Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale precedentemente. L’analisi di tali aree ha evidenziato che il sito indagato: non ricade in Siti di Importanza Comunitaria (SIC) e Zone a Protezione Speciale (ZPS); non ricade in aree protette ex lege regionale n. 19/97 (“Norme per listituzione e la gestione delle aree naturali protette nella Regione”), né statali ex lege n. 394/91 (“Legge quadro sulle aree protette”); non è interessato da vincoli rivenienti dalla Legge n°1089 del 1.6.1939 (“Tutela delle cose d’interesse storico ed artistico”), né su di esso ricadono immobili di interesse storico o artistico; non è vincolato ai sensi della Legge n°1497 del 29.6.1939 (“Protezione delle bellezze naturali”); non è interessato da Riserve Naturali Statali e Regionali, da Parchi Nazionali o Regionali ed infine da zone IBA (Important Bird Areas). ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 119. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 119Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale SEZIONE III - QUADRO DI RIFERIMENTO PROGETTUALE ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 120. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 120Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale9 PRESENTAZIONE E DISCUSSIONE DEI PRESUPPOSTI DELL’OPERA9.1 PremessaIl quadro progettuale concorre alla determinazione del giudizio di compatibilitàambientale dell’opera attraverso l’esplicitazione delle sue motivazioni, delle suecaratteristiche nonché dei vincoli e dei condizionamenti di cui si è tenuto conto in sedeprogettuale.Vengono descritte le opere e le misure di mitigazione degli impatti potenziali connessicon la specifica realizzazione nonché di sistemazione finale e recupero ambientale delsito utilizzato.Viene fornita la descrizione sintetica del progetto e delle soluzioni adottate nonché deglielementi di valutazione ad esso collegati al fine di individuare, per ciascunacomponente ambientale, i diversi aspetti potenzialmente interessati da fenomeni diimpatto.Gli indirizzi seguiti nella progettazione dei principali manufatti e componentidell’impianto sono basati sia sullo stato dell’arte più recente in materia, sia sulle lineeguida a livello nazionale che internazionale ed, infine, sulle conoscenze esull’esperienza acquisita dai progettisti e dai gestori.La scelta progettuale adottata trova adeguate motivazioni tecniche nell’idoneità del sitoper le proprie caratteristiche ambientali; infatti la piattaforma andrà ad occupare un’areagià degradata, precedentemente utilizzata per attività estrattiva.Si fa presente che, a seguito di richiesta dell’ARPA Puglia nel corso dell’iterautorizzativo della presente iniziativa, il progetto è stato portato a livello esecutivo.Detto progetto è stato poi approvato dalla stessa ARPA Puglia con comunicazioneprot. n. 8727 del 30 luglio 2004. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 121. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 121Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale9.2 Individuazione qualitativa e quantitativa dei rifiuti da smaltireLa capacità produttiva dell’impianto di trattamento e recupero, per la quale si richiedel’autorizzazione, è di 62.000 t/anno, su 310 giorni/anno di funzionamento, con unaproduttività di 200 t/d di rifiuti smaltiti e/o recuperati (operazioni di cui allAllegato Bdel D. Lgs. 152/2006, punti D9 e allAllegato C del D. Lgs. 152/2006, punti R4 e R5).La capacità relativa al raggruppamento e/o ricondizionamento preliminari(operazioni di cui allAllegato B del D. Lgs. 152/2006, punti D13, D14) non eccederà lacapacità di 300 t/d.La capacità relativa al deposito preliminare (operazione di cui allAllegato B del D.Lgs. 152/2006, punto D15) non eccederà la capacità di 300 t/d e la volumetria totalemassima su base annua di 250.000 m3.La capacità relativa alla messa in riserva (operazione di cui allAllegato C del D. Lgs.152/2006, punto R13) non eccederà la capacità di 300 t/d e la volumetria totale su baseannua di 250.000 m3.I codici CER descrittivi dei rifiuti che verranno accettati sono quelli indicati alnell’elaborato A/01 Relazione Tecnica ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 122. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 122Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale10 IL PROGETTOL’impianto si configura come una piattaforma polifunzionale per il trattamento dirifiuti speciali non pericolosi solidi, liquidi e fangosi costituita da: - Aree di stoccaggio Stoccaggio rifiuti solidi (deposito preliminare e messa in riserva) Stoccaggio fanghi palabili Stoccaggio rifiuti liquidi e fanghi pompabili Stoccaggio solidi polverosi Stoccaggio del percolato proveniente dalla discarica annessa all’impianto e da impianti esterni Stoccaggio dei residui di processo da avviare in discarica Stoccaggio dei materiali recuperati Deposito temporaneo per alimentazione pressa Deposito temporaneo per alimentazione triturazione Deposito temporaneo per alimentazione inertizzazione Deposito temporaneo reflui liquidi per l’alimentazione della linea di trattamento - Edificio trattamento e recupero Area conferimento rifiuti Area stoccaggio rifiuti solidi Linea per la cernita e selezione componenti di pregio Linea di riduzione volumetrica per pressatura Linea di riduzione volumetrica per triturazione Linea per il trattamento del percolato prodotto dallo stoccaggio definitivo e delle acque reflue Disassemblaggio apparecchiature obsolete Area stoccaggio fanghi palabili da inertizzare ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 123. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 123Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Linea di omogeneizzazione ed inertizzazione Area maturazione materiali inertizzati Linea di disidratazione fanghi pompabili - Servizi generali di stabilimento Area sosta automezzi Controllo e pesatura Lavaggio automezzi Uffici, servizi igienici, spogliatoi, mensa Impianto idrico ad uso civile ed industriale Impianto antincendio Raccolta e accumulo delle acque reflue civili Raccolta e accumulo delle acque di lavaggio Raccolta e accumulo delle acque meteoriche di prima pioggia dai piazzali Raccolta delle acque da coperture Impianto di aspirazione e trattamento aria10.1 Descrizione delle linee di trattamento e recupero10.1.1 Linea di selezione manualeIn questa unità verrà effettuata una appropriata selezione e cernita manuale dei rifiutisolidi speciali non pericolosi.In questa sezione verranno stoccati e lavorati i rifiuti costituiti da: - imballaggi in genere (carta, cartone, plastica, legno, metallo e simili); - contenitori vuoti (fusti, vuoti di vetro, plastica e metallo, latte e lattine e simili); - sacchi e sacchetti di carta, plastica, cellophane, cassette e pallet; - resine termoplastiche e termoindurenti allo stato solido, manufatti composti da tali materiali; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 124. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 124Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale - manufatti di ferro tipo paglietta metallica, filo di ferro, spugna di ferro e simili; - vetri di tutti i tipi.Ognuna di queste tipologie sarà divisa per matrici compatibili e sottoposta alleoperazioni di recupero, ovvero alla cernita, alla selezione e all’eventuale adeguamentovolumetrico e confezionamento.Dalle operazioni di selezione e di cernita si otterranno come sottoprodotti (residui)anche rifiuti derivanti dai materiali che non sono più suscettibili di recupero e chesaranno destinati allo stoccaggio definitivo.Questa linea sarà composta da: - tramoggia di carico e nastro a piastre; - nastro trasportatore di selezione; - impalcato in carpenteria metallica; - separatore magnetico; - separatore ad induzione magnetica; - contenitori.Per maggiori dettagli si veda l’elaborato A/01 Relazione Tecnica.Per migliorare la salubrità dell’ambiente di lavoro si prevede l’installazione di unsistema di aerazione forzata che assicurerà circa 10 ricambi/ora d’aria.Le postazioni di lavoro sono 3, una per ciascun materiale selezionabile manualmente: - carta / cartone; - plastica; - vetro.In corrispondenza di ogni postazione di lavoro vi saranno dei canali di scarico utilizzatidall’operatore per il conferimento del materiale selezionato in appositi contenitori(ricavati negli spazi esistenti tra gli interassi delle colonne dell’impalcato) o in cumulisul suolo da alimentare direttamente alla tramoggia di carico della pressa mediante ternagommata.Il materiale scartato verrà raccolto in un cassone, previa deferrizzazione medianteseparatore magnetico e separatore ad induzione magnetica posti sul nastro trasportatore ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 125. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 125Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaledi fine linea, ed avviato allo stoccaggio definitivo.10.1.2 Linea di riduzione volumetrica per pressaturaLa linea sarà dotata di una pressa stazionaria automatica oleodinamica ad alimentazionecontinua, alimentata da terna gommata. Essa sarà costituita da: - tramoggia di carico per mezzo della quale il materiale da lavorare verrà convogliato nella pressa; - camera di riempimento che formerà la parte centrale della macchina e verrà allungata in senso verticale dalla tramoggia di carico; - placca di compressione (pressa finale), guidata nella camera di riempimento e comandata da un cilindro differenziale. - pistoni e cilindri costruiti in acciaio della migliore qualità. - canale di compressione collegato alla camera di riempimento. - dispositivo automatico di legatura sistemato all’inizio del canale che entrerà in azione non appena verrà raggiunta la lunghezza prevista per la balla. - centralina idraulica composta dal gruppo di comando delle tubazione di collegamento con i necessari ancoraggi, dal raffreddatore a ventola dell’olio e dal filtro dell’olio. - equipaggiamento elettrico comprendente l’armadio di manovra, il quadro di comando, i finecorsa, i motori e il cablaggio. Tutte le apparecchiature elettriche verranno sistemate in vicinanza della pressa.10.1.3 Linea di riduzione volumetrica per triturazioneLa linea di triturazione sarà composta da:- tramoggia di carico e nastro a piastre per mezzo dei quali il materiale da lavorare verrà convogliato nel trituratore;- trituratore;- nastro trasportatore; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 126. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 126Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale- separatore magnetico e separatore ad induzione magnetica dei materiali ferrosi e non ferrosi;- cassone scarrabile.Il trituratore per la riduzione volumetrica dei rifiuti verrà utilizzato per il trattamento dialcune tipologie di rifiuto, quali ad esempio pneumatici, beni durevoli disassemblati erottami di metalli destinati al recupero. La funzione del trituratore sarà quella di ridurrela pezzatura dei rifiuti per massimizzare l’efficienza di recupero della successivasezione di deferrizzazione ed induzione magnetica, per il recupero dei metalli ferrosi enon ferrosi, nonché minimizzare i costi di trasporto dei materiali recuperati o dei rifiutida avviare allo smaltimento in discarica.Da questa operazione potranno essere prodotti i seguenti materiali e rifiuti: - metalli ferrosi o leghe; - rame, zinco e leghe nelle forme usualmente commercializzate; - acciaio nelle forme usualmente commercializzate; - plastica; - ABS di seconda qualità; - polietilene, polipropilene, PET, ecc. in sfridi e ritagli per l’industria plastica; - materiali per l’industria tessile conformi alle specifiche merceologiche delle CCIAA di Milano e Firenze; - legno variamente cippato, granulati e cascami di sughero, tondelli in conformità alle specifiche fissate dalle CCIAA di Milano e Bolzano; - gomma e sottopezzature per il recupero in impianti industriali; - rifiuti non pericolosi, provenienti dalle operazioni sopra descritte destinati allo smaltimento.Le materie recuperate verranno stoccate separatamente. Nel caso in cui fossero destinatea impianti di recupero che operano in regime di sistema autorizzativo con proceduresemplificate di cui agli art. 214 e 216 della parte quarta del D. Lgs. 152/06, sarannocertificate, analizzate ed eventualmente sottoposte a test di cessione così comeprevisto dal D.M.A. del 5/2/98. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 127. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 127Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleI materiali che andranno triturati verranno prelevati dal deposito temporaneo nell’areadi conferimento, mediante carrello con benna a polipo e posti nella tramoggia di carico.Di qui un nastro trasporterà il materiale fino alla tramoggia posta sulla bocca di caricodel mulino.Per maggiori dettagli si veda l’elaborato A/01 Relazione Tecnica.10.1.4 Linea di disidratazione fanghi pompabiliQuesta linea sarà composta dalle tubazioni di trasferimento dei fanghi pompabili dalparco serbatoi posizionato all’esterno del capannone al collettore di alimentazione dellamacchina disidratatrice che è una nastropressa.La nastropressa è una macchina ad alimentazione continua per l’essiccazione dei fanghiche sfrutta il drenaggio per gravità e la pressione meccanica nel processo didisidratazione.Il fango viene per prima cosa fatto passare attraverso una sezione di drenaggio pergravità dove è lasciato ispessire. In questa fase la maggior parte dell’acqua in eccessonel fango è filtrata per azione della forza di gravità. Questa sezione è in generemantenuta in depressione al fine di aumentare il drenaggio e ridurre la fuoriuscita diodori.Successivamente al drenaggio per gravità, il fango è sottoposto a pressione per loscorrimento tra nastri opposti essendo questi costituiti di materiale poroso. In alcuni casiquesta sezione a bassa pressione è seguita da una ad alta pressione, nella quale il fangoè soggetto a sforzi di taglio esercitati dallo scorrimento attraverso una serie di rulli. Lacompressione e gli sforzi di taglio inducono così l’ulteriore rilascio di acqua dai fanghi.I fanghi ispessiti verranno scaricati attraverso una coclea direttamente sul pavimento peressere sottoposti ad inertizzazione nel relativo impianto, ovvero in cassone per ildeposito temporaneo intermedio.L’eluato in uscita dal processo di disidratazione verrà direttamente immesso nella retedi raccolta delle acque di lavaggio dell’edificio trattamento e quindi inviato alle cisternedi stoccaggio del percolato. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 128. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 128Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleNumerose variabili condizionano le prestazioni della nastropressa: le caratteristiche deifanghi; la conformazione delle macchine (compresa la sezione di drenaggio pergravità); la porosità, la velocità e lo spessore dei nastri.10.1.5 Linea di omogeneizzazione ed inertizzazioneIn questa linea verranno trattati i seguenti materiali:• rifiuti allo stato fangoso palabile così come conferiti nelle apposite vasche di stoccaggio;• rifiuti allo stato solido polveroso conferiti all’impianto per mezzo di Big Bags in doppio polietilene;• rifiuti allo stato liquido e fangoso pompabile previo conferimento nel parco serbatoi adiacente il capannone.Il trattamento consisterà nell’aggiunta di opportuni additivi chimici (cemento, silicato disodio, calce, etc.) ed altri reagenti per dar luogo ad un materiale solido, fisicamente echimicamente stabile che può essere così conferito in discarica.Fisicamente stabile significa che i solidi prodotti non ritornano al loro stato originaleliquido e fangoso se esposti allazione degli agenti atmosferici.Chimicamente stabile significa che i rifiuti vengono trattati in maniera tale che ladissoluzione in acqua degli inquinanti presenti risulti inibita.Le varie fasi del processo possono essere schematizzate come segue:- frantumazione dei grumi presenti nel rifiuto;- separazione mediante vaglio rotante di eventuali impurità;- carico del materiale da trattare;- dosaggio del reagente liquido e/o dell’acqua fino a raggiungere la condizione ottimale di umidità;- carico dei reagenti in polvere;- miscelazione;- scarico del materiale inertizzato e sistemazione in cumuli per la sua maturazione prima del conferimento in discarica. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 129. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 129Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleLimpianto di inertizzazione si articola su due linee uguali, ciascuna con una capacità ditrattamento di 8 - 12 mc/ora. La capacità massima di ogni mescolatore è di 1125 litri perogni ciclo di trattamento.Il funzionamento dei due miscelatori è di tipo continuo.Linsieme è costituito da due distinte strutture in carpenteria metallica su ciascuna dellequali sono posizionati il reattore, le tramogge pesatrici e le apparecchiature accessorie.Ogni mescolatore è alloggiato in una vasca metallica di forma bassa e compatta. Nellazona anulare di miscelazione agiscono vomeri di miscelazione in acciaio provvisti dipalette orientate sia verso il fondo che verso le pareti della vasca e disposte in manieratale da garantire la perfetta omogeneizzazione dei materiale.Il reattore di miscelazione è realizzato in lamiera di acciaio saldata. Il fondo e le paretidel reattore sono rivestiti con lamiere antiusura intercambiabili. Tutte le lamiere dirivestimento sono costituite da segmenti e la loro sostituzione avviene con estremafacilità. Il reattore è facilmente ispezionabile per le operazioni di controllo emanutenzione grazie a due aperture a cerniera assistite pneumaticamente.I reagenti in polvere necessari per il processo di inertizzazione vengono stoccati inappositi sili posizionati allesterno dello stabilimento. Sono previsti n.4 sili ad asseverticale e fondo conico, 2 per ogni miscelatore.I reagenti, mediante un estrattore a coclea posto alla base del fondo conico di ciascunsilo, vengono scaricati su un nastro dosatore e successivamente trasportati dallesternodelledificio fino ai due miscelatori per mezzo di coclee.Il dosaggio del reagente liquido stoccato in una cisterna coibentata e dellacqua diprocesso stoccata in apposita vasca, vengono attuati per mezzo di appositi contalitriazionati elettricamente e programmabili.Sono state previste n. 4 vasche in calcestruzzo da 220 mc per lo stoccaggio dei fanghipalabili corrispondenti ad una autonomia di circa 4 giorni.La movimentazione dei fanghi stoccati nelle vasche in calcestruzzo allinternodelledificio avviene per mezzo di una gru a ponte da 5 tonnellate. Per tale scopo èdotata di una benna a polipo a comando elettroidraulico, la quale provvede a scaricare i ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 130. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 130Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalefanghi direttamente nella tramoggia della macchina rompigrumi.Il materiale da trattare viene quindi inviato per mezzo di un nastro trasportatore ad unvaglio rotante, per separare le eventuali impurità in esso presenti, e successivamente,viene caricato in una tramoggia dotata di setto movibile, la quale consente ai duemiscelatori di lavorare in parallelo o alternativamente in serie.I fanghi vengono in seguito alimentati ai due reattori mediante nastri dosatori provvistidi sistema di pesatura.Alluscita di ciascun miscelatore i rifiuti trattati sono depositati su un nastrotrasportatore e disposti in cumuli nell’apposita area all’interno dell’edificio destinataalla maturazione del materiale inertizzato prima del conferimento in discarica.È prevista un’area destinata all’installazione di serbatoi per lo stoccaggio dei rifiutiliquidi in ingresso all’impianto. Il parco serbatoi è dotato di tubazioni per iltrasferimento dei reflui alla tramoggia di carico di uno dei due miscelatori mediantepompa volumetrica.I rifiuti in fusti o Big Bags vengono stoccati all’interno dell’edificio, in attesa di essereinviati al trattamento.Lo scarico e la movimentazione sia dei fusti che dei Big Bags può essere effettuatamediante un carrello a forche. I Big Bags possono essere sollevati con le forche permezzo degli appositi quattro anelli esistenti sul contenitore stesso. I fusti invecepossono essere movimentati e travasati mediante una attrezzatura apposita, applicabiledirettamente alle forche del carrello.Il contenuto dei fusti, una volta travasato nellapposito serbatoio, viene scaricato,mediante trasportatore a coclea , sul nastro di alimentazione dei due miscelatori.I Big Bags invece vengono depositati in prossimità del dispositivo di scarico, sollevatiper mezzo del paranco in dotazione e del bilancino e posizionati sopra una appositatramoggia di scarico. Un dispositivo automatico provvede a tagliare la parte inferioredel sacco in doppio polietilene consentendo la fuoriuscita controllata dei rifiuti. Deibracci a comando pneumatico provvedono a tenere il sacco nella posizione corretta e neconsentono il totale svuotamento. I rifiuti vengono raccolti dalla tramoggia di scarico ed ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 131. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 131Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleinviati, per mezzo di un trasportatore a coclea al nastro di alimentazione dei duemiscelatori.10.1.6 Disassemblaggio apparecchiatureIl disassemblaggio appropriato dei rifiuti da raccolte specializzate (computer,televisioni, ecc.), verrà effettuato nell’area conferimento dell’edificio trattamento erecupero.I materiali stoccati verranno portati nella suddetta area dove avverrà, manualmente, ildisassemblaggio; in questa fase verranno prelevati i materiali facilmente smontabili(metalli, pannelli in legno, lastre di vetro, inserti in plastica, ecc.), motori-compressori,monitor, schede elettroniche, ed altri materiali.Dopo tale fase alcuni dei materiali disassemblati verranno ulteriormente trattati al finedi recuperare materiali riciclabili; ad esempio, alcuni materiali recuperati, plastici emetallici, verranno lasciati nell’area conferimento per essere sottoposti all’operazione diriduzione volumetrica mediante triturazione ed eventuale recupero dei metalli ferrosi enon ferrosi.Le parti non recuperabili verranno immesse alla linea triturazione per ridurne il volumeprima di essere avviati al deposito temporaneo dei rifiuti in uscita.10.1.7 Linea trattamento rifiuti liquidi, percolato e acque reflueLe acque di prima pioggia, le acque reflue civili, i reflui provenienti dall’edificiotrattamento/recupero, nonché il percolato prodotto dallo stoccaggio definitivo deirifiuti, verranno sottoposti a processi di depurazione prima di essere convogliati alloscarico nel corpo idrico superficiale.Lo scarico da trattare sarà quindi caratterizzato da una matrice prevalentementeorganica con presenza di metalli.Lo schema di processo da adottare prevede le seguenti sezioni di trattamento: Processo di Fenton ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 132. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 132Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Chiariflocculazione per rimozione metalli Neutralizzazione Trattamento biologico a doppio stadio Filtrazione su inerti Adsorbimento Osmosi inversaL’impianto sarà realizzato con l’accoppiamento di più moduli costituiti da containerattrezzati.In ciascun modulo verrà attuato il trattamento specifico di processo, mentre un modulosarà utilizzato per l’alloggiamento dei sistemi di dosaggio, del quadro generale dicomando e controllo, delle apparecchiature di misura e della sezione di osmosi inversacostituente lo stadio finale del trattamento.Il posizionamento dell’intero impianto richiederà la realizzazione di uno slab incemento.Per maggiori dettagli si veda l’elaborato A01 Relazione Tecnica.Le acque depurate in uscita dalla linea trattamento verranno addotte al corpoidrico superficiale più vicino, il torrente Cavallaro, mediante opportuna retefognaria.10.2 Servizi generali di stabilimento10.2.1 Laboratorio e accettazioneI controlli analitici sui rifiuti verranno effettuati nel laboratorio ubicato all’internodell’edificio servizi. La funzione di questo settore sarà quello della preparazione deicampioni e dell’analisi immediata di questi. Questo reparto sarà essenziale non solo perun preliminare controllo delle caratteristiche dei rifiuti conferiti, ma anche per ilcontrollo dei processi di trattamento.Il laboratorio sarà provvisto delle seguenti apparecchiature di campionamento e analisi: ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 133. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 133Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale• pH-metro, per le analisi potenziometriche; con questo tipo di elettrodi è possibile la determinazione della concentrazione di idrogenioni nella soluzione attraverso misure di potenziale;• elettrodi ione selettivi (anioni/cationi), costituiti da una membrana che funziona da setaccio ionico e che permette il passaggio di determinati ioni dalla soluzione da esaminare e quella interna dell’elettrodo. Gli elettrodi attualmente disponibili sono di due tipi classificati in base alle membrane che montano: - a liquido scambiatore di ioni; - a cristallo solido;• stufa termostata (fino a 300°C), per la determinazione in secco, o per la preparazione dei campioni su cui verranno eseguite ulteriori analisi (es. attacco acido per la determinazione dei metalli pesanti);• muffola (fino a 1000 °C), per la determinazione del contenuto di sostanze volatili in un campione;• bagnomaria, necessaria per alcune analisi (es. determinazione degli acidi volatili);• generatore di acqua deionizzata, necessaria in tutte le determinazioni analitiche;• bilancia, per la determinazione dei pesi prima e dopo alcune analisi (umidità, contenuto in secco, solidi volatili etc.);• kit di analisi, per la determinazione di alcuni parametri di inquinamento (ammoniaca, metalli pesanti, determinazione del COD);• frigo e borsa frigorifera, utili per la conservazione ed il trasporto dei campioni.In caso di esito positivo di tutte le procedure di verifica l’automezzo ammessonell’impianto si recherà con il carico di rifiuti presso la zona pesa. La dimensione dellapiattaforma sarà di 4 m x 7,5 m con una portata di 50 tonnellate. L’attrezzatura saràcorredata di un apparecchio automatico di determinazione del peso con divisioneminima di 10 kg e precisione di lettura di +/- 5 kg, con visualizzazione digitale delvalore rilevato. Sarà inoltre dotata di dispositivo di lettura elettronico per l’immediataed automatica identificazione del conferitore di rifiuti, utilizzando criteri di ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 134. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 134Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalecodificazione che si interfacciano direttamente con gli uffici di controlloamministrativo.Concluse le operazioni di conferimento il trasportatore si recherà nuovamente pressol’unità di pesatura e quindi presso l’ufficio accettazione per ritirare la documentazioneche attesterà l’avvenuto smaltimento.10.2.2 Uffici, servizi igienici, spogliatoi, mensaGli uffici, gli spogliatoi, la mensa e i servizi igienici situati all’interno dell’edificioservizi, saranno realizzati in modo tale da assicurare una adeguato grado dellecondizioni igienico sanitarie per gli addetti, in conformità alla normativa vigente intema di sicurezza ed igiene dei posti di lavoro.10.2.3 Impianto idricoSi prevede di realizzare due pozzi per l’approvvigionamento di acqua industriale e diacqua potabile rispettivamente, le quali verranno distribuite alle utenze attraverso unarete di tubazioni, mantenute in pressione dal rispettivo sistema di autoclave.Le utenze alimentate dall’acqua potabile saranno:- servizi igienici;- mensa;- infermeria e laboratorio.- Le utenze alimentate dall’acqua industriale comprenderanno:- manichette per il lavaggio piazzali;- manichette per il lavaggio delle aree interne all’edificio;- rete antincendio;- rete irrigua.Il fabbisogno idrico può essere così stimato sulla base delle dotazioni idriche seguenti: ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 135. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 135Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale dotazione idricaaddetti 30 persone 0,08 m3/(persona x giorno)manichette per lavaggio piazzali 10 unità 0,1 m3/(unità x giorno)superficie irrigua 1000 x 10-4 hm2 50 m3/(hm2 x giorno)lavaggio degli automezzi 10 unità/giorno 0,5 m3/unitàda cui si calcola una portata media giornaliera pari 2,4 m3/giorno per le utenze di tipocivile; per le manichette lavaggio piazzali si calcola una portata media giornaliera di 1,0m3/giorno.Pertanto l’approvvigionamento idrico per le utenze di tipo civile valutato su base annua,per corrispondenti 300 giorni/anno, risulta essere di 720 m3/anno; mentre per lemanichette lavaggio piazzali, su base annua, per corrispondenti 300 giorni/anno, risultadi 300 m3/anno. Per l’uso irriguo valutato per 120 giorni/anno, il fabbisogno risultaessere pari a 600 m3/anno.Il fabbisogno per il lavaggio degli automezzi è di 1500 m3/anno.Riassumendo si hanno i seguenti fabbisogni idrici annui:servizi igienici 720 m3/annomanichette lavaggio piazzali 300 m3/annoirrigazione 600 m3/annolavaggio automezzi 1500 m3/anno Totale 3.120 m3/anno10.2.4 Impianto antincendioIl sistema antincendio previsto per larea di impianto consiste nei seguentisottosistemi: - stazione di pompaggio acqua antincendio collocata in cabina idrica; - anello di distribuzione dell’acqua antincendio; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 136. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 136Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale - sistema di idranti; - equipaggiamento portatile.Stazione di pompaggio acqua antincendioLa stazione di pompaggio ha la funzione di alimentare il sistema di distribuzione adanello di acqua antincendio.Essa consisterà principalmente di: - una pompa acqua antincendio principale azionata da motore elettrico; - una pompa acqua antincendio principale azionata da motore diesel; - una pompa di pressurizzazione del sistema di distribuzione acqua antincendio.La pompa di pressurizzazione interverrà per mantenere in pressione il circuitoantincendio in caso di perdite o di modesti prelievi, senza provocare la messa inmarcia delle pompe principali.Se la pressione dellanello di distribuzione dovesse scendere al di sotto di un valorelimite, entrerà in funzione lelettropompa antincendio principale. In caso di mancatointervento dellelettropompa, verrà messa in marcia la seconda pompa principaleazionata da motore diesel.Tutte le pompe saranno alimentate dalla vasca di accumulo acquaantincendio/industriale con capacità tale da garantire lalimentazione della reteantincendio almeno per due ore.A valle delle pompe principali sarà installata la tubazione di prova, con valvola diintercettazione normalmente chiusa, che consentirà di effettuare, per mezzo di undiaframma tarato, la misura di portata delle pompe, rimandando lacqua direttamentenella vasca di stoccaggio.Anello di distribuzione dellacqua antincendioLacqua antincendio verrà distribuita agli idranti per mezzo di un sistema didistribuzione ad anello costituito da tubazioni interrate. Lungo lanello sono state ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 137. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 137Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalepreviste n. 3 saracinesche di intercettazione, due in prossimità della stazione dipompaggio ed una nella parte opposta dell’anello. In questo modo sarà possibile, incaso di eventuali interventi di manutenzione della rete antincendio, mettere fuoriservizio solo una parte della tubazione di distribuzione, mantenendo la parte restantesotto pressione ed in condizioni tali da garantire eventuali interventi di emergenza.Sistema idrantiGli idranti saranno collegati allanello di distribuzione principale; sono stati previstin.10 idranti soprassuolo UNI 70, posti lungo il perimetro dellimpianto, e n.7 idranti acassetta UNI 45, posti lungo il perimetro delledificio trattamento/recupero, inprossimità degli ingressi.Ogni idrante soprassuolo UNI 70 sarà dotato di n. 2 attacchi UNI 45 e di un attacco permotopompa UNI 70. Nei pressi dellidrante verrà posizionata una cassetta antincendiocompleta di n. 2 manichette UNI 70 da 20 m, n. 2 lance UNI 70 in rame-ottone e chiaveper raccordi UNI.Ogni idrante a cassetta UNI 45 sarà dotato di rubinetto idrante, manichetta UNI 45 da20 m e lancia UNI 45 in rame-ottone.In prossimità dell’ingresso verrà inoltre installata una cassetta con attacco motopompaVV.FF. con doppio attacco UNI 70, con accesso dall’esterno della recinzione.Equipaggiamento portatileSono previsti estintori ricaricabili portatili posizionati all’interno degli edificitrattamento/recupero e servizi ed estintori ricaricabili carrellati posizionati all’esterno inpunti strategici, per unazione protettiva nei confronti di incendi a localizzazionelimitata.10.2.5 Reti di raccolta acque reflueLe acque reflue saranno prodotte dalle attività di stabilimento oppure dalla raccoltadelle acque meteoriche. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 138. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 138Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleAcque prodotte dalle attività di stabilimento • acque reflue originate dai servizi igienici • acque di lavaggio delle aree interne • percolato proveniente dalle vasche di stoccaggio definitivo • acque di lavaggio automezziAcque di origine meteorica • acque raccolte dai piazzali • acque provenienti dalle coperture degli edificiLe acque reflue originate dai servizi igienici, dovute alla presenza del personale cheopererà presso lo stabilimento (mensa interna, pulizia del personale operativo, ecc.),verranno scaricate entro apposito pozzetto da circa 2,5 m3 e convogliate al pozzetto diaccumulo delle acque nere e di processo da circa 6 m3.Le acque reflue provenienti dal lavaggio delle aree interne al capannone, verrannoraccolte da apposita rete di drenaggio costituita da pozzetti dotati di griglie, verso i qualile acque confluiranno grazie alle pendenze assegnate alla pavimentazione. Una rete ditubazioni interrate in PEAD conferirà le acque così raccolte al pozzetto delle acque nereper il loro successivo invio alle cisterne di accumulo. Alle stesse cisterne vienerecapitato il percolato prodotto nelle vasche di stoccaggio definitivo.L’accumulo dei percolati e delle acque di lavaggio, è costituito da quattro cisterne da55 m3 in acciaio, inserite in una apposita vasca di contenimento in calcestruzzoarmato.Le acque di lavaggio automezzi verranno raccolte in un apposito pozzetto posto inprossimità dell’area interessata, e da questo inviate al pozzo di raccolta acque nere e diprocesso per mezzo di idonea tubazione.Le acque di origine meteorica provenienti dalle coperture del capannone, edall’edificio servizi, saranno raccolte dalle grondaie e dai discendenti in appositipozzetti ed immesse nella rete fognaria delle acque bianche addotte al torrente ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 139. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 139Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleCavallaro.Le acque meteoriche provenienti dai piazzali, verranno raccolte in pozzetti grigliatifacenti parte di una rete di condotte interrate che porterà l’acqua raccolta nella vasca diprima pioggia. Questa è una vasca in calcestruzzo armato interrata, avente capacità taleda poter segregare una quantità di acqua pari ai primi 15 minuti di pioggia. Talequantità è fissata usualmente in 5 mm distribuiti su tutta la pavimentazione. Nel caso inesame la pavimentazione interessata ha una superficie di 12.000 mq circa. Ne consegueche la vasca dovrà avere una capacità pari a 60 m3.Le acque raccolte dalla rete e convogliate alla vasca, non accederanno direttamente allavasca ma verranno addotte a una cameretta di calma, realizzata a lato della stessa vasca,dalla quale stramazzeranno nella vasca di raccolta vera e propria. Lo stramazzo saràintercettabile a mezzo di una paratoia motorizzata. Al proseguire della precipitazione illivello dell’acqua contenuta nella vasca salirà fintanto che non sarà raggiunto il livellocorrispondente al volume di prima pioggia.Al raggiungimento di detto livello l’interruttore di alto livello comanderà in chiusura laparatoia motorizzata segregando così le acque di prima pioggia, le quali verrannoinviate alle cisterne di stoccaggio entro le 48 ore successive, quando il volume dellavasca dovrà essere di nuovo a disposizione. Alla fine della fase di evacuazione, lapompa di sollevamento verrà bloccata su segnalazione del sensore di basso livello.Se la precipitazione sarà superiore a 15 minuti, il livello nella cameretta separata dicalma salirà ulteriormente finchè non raggiungerà la tubazione di sfioro nella rete delleacque chiare, installata anch’essa nella camera di calma. Il diametro della tubazione disfioro è uguale a quello della tubazione di adduzione.Le acque meteoriche di seconda pioggia verranno addotte, tramite appositacanalizzazione all’impianto di trattamento acque di seconda pioggia e verrannosuccessivamente addotte al corpo idrico superficiale più vicino, il torrente Cavallaro,mediante opportuna rete fognaria.La paratoia motorizzata verrà riaperta su comando manuale al cessare della pioggia perun tempo superiore alle 48 ore. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 140. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 140Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleLe acque meteoriche provenienti dalla copertura della discarica e captate dallarelativa canaletta perimetrale verranno raccolte in due appositi pozzetti edimmesse nella rete fognaria delle acque bianche10.2.5.1 Linea di trattamento acque di seconda pioggiaIn ottemperanza al Piano Direttore delle acque della Regione Puglia, redatto dallaSocietà SOGESID S.p.A. ed approvato con decreto n.191/CD/A del 13 giugno 2003 (esuccessivo integrativo n.282/CD/A del 21 novembre 2003), nella cui Appendice A1 daltitolo “Criteri per la disciplina delle acque meteoriche di prima pioggia e di lavaggiodelle aree esterne, di cui all’Art.39 D.Lgs 152/99 come novellato dal D.Lgs 258/2000”al punto 6 si indica che “le acque di dilavamento successive a quelle di prima pioggiadevono essere sottoposte, prima del loro smaltimento, ad un trattamento di grigliatura,sedimentazione e disoleatura”, le acque di seconda pioggia provenienti dalla rete diraccolta delle acque meteoriche di dilavamento dei piazzali ed immesse nellatubazione di sfioro installata nella camera di calma realizzata a lato della vasca diprima pioggia, verranno sottoposte a depurazione prima di essere convogliate alloscarico nel corpo idrico superficiale “Cavallaro”.Lo schema di processo adottato prevede i processi depurativi menzionati nel suddettoPiano Direttore e cioè: Grigliatura Sedimentazione DisoleaturaLa descrizione dell’impianto di trattamento delle acque di seconda pioggia è riportatanell’elaborato A/01-A Relazione tecnica integrativa. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 141. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 141Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale10.2.6 Sistema di aspirazione e trattamento dei flussi d’aria aspiratiCon Determina n. 120 del 23 marzo 2005, la Regione Puglia ha concesso alla DeltaPetroli S.p.A. l’autorizzazione alle emissioni in atmosfera rivenienti dall’impianto inoggetto. Nella determina sono stati fissati i limiti massimi dei valori delle emissioni inatmosfera che dovranno essere rispettati: Tabella 5 - Limiti massimi dei valori delle emissioni Punti di Provenienza Inquinante Concentrazion emissione e mg/Nmc E1-A Edificio trattamento e recupero Polveri 2,25 Sostanze 3 organiche E1-B Locale trattamento Polveri 4,5 solidi/liquidi Sostanze 0,5 organiche E1-C Locale inertizzazione Polveri 4,5 Sostanze 0,5 organiche E2/5 Sili reagenti in polvere Polveri 5La presenza di polveri e odori verrà limitata mediante l’installazione di appositi sistemiper la captazione e l’abbattimento degli inquinanti, secondo quanto previsto dalla Partequinta del D. Lgs. 152/06.La movimentazione dei rifiuti al di fuori dei loro contenitori di stoccaggio avverràesclusivamente nell’edificio lavorazione. In particolare, per quanto riguarda i rifiutisolidi, questi verranno trasportati nell’area conferimento all’interno del loro contenitore.Di qui verranno prelevati da un carrello e avviati al relativo trattamento (triturazione,disassemblaggio, pressatura ecc.).L’esperienza dimostra che la movimentazione e i vari trattamenti cui sono sottoposti irifiuti causano un’atmosfera polverosa, con punti di maggiore concentrazione quali ad ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 142. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 142Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleesempio le tramogge di carico e i punti di scarico dei nastri trasportatori.Le sostanze individuabili potranno essere ricondotte ai materiali trattati e pertanto carta,vetro, metalli, sostanze in definitiva non pericolose.Un altro aspetto da considerare è il problema degli odori, causati essenzialmente daicomposti organici e dai fanghi.Per mantenere perciò un ambiente di lavoro salubre, sarà necessario provvedere ad uncostante ricambio dell’aria. Sulla base dell’esperienza acquisita in impianti analoghi si èvisto che il numero di ricambi aria per ora necessario allo scopo è intorno a tre.L’aria estratta dall’edificio non sarà idonea ad essere immessa direttamente in atmosferama dovrà essere preliminarmente trattata.Come detto sopra, si avrà una maggiore produzione di polveri in determinati puntidell’impianto. In corrispondenza di questi andrà prevista un’aspirazione localizzata permezzo di cappe. D’altra parte occorrerà assicurare i suddetti tre ricambi d’aria ogni orae quindi, poichè le aspirazioni localizzate non sono in numero congruo per assicurareuna estrazione senza punti di ristagno, per ottenere ciò occorrerà affiancare a questealtre bocchette di aspirazione.Il sistema di aspirazione all’interno dell’edificio sarà pertanto costituito da due circuitiseparati: uno sarà quello delle aspirazioni localizzate, l’altro sarà quellodell’aspirazione distribuita.Il circuito delle aspirazioni localizzate sarà composto da 13 cappe posizionate neipunti ritenuti a maggiore produzione di polveri. Queste saranno collegate ad un sistemadi canalizzazioni mantenuto in depressione da un ventilatore centrifugo, che prevede amonte un filtro a tessuto, e a valle una torre di lavaggio (scrubber), il cui condotto diuscita verrà collegato alla camera d’aria del biofiltro comune ai due sistemi diaspirazione, per l’abbattimento dell’eventuale carico di odori.Il circuito di aspirazione distribuita presenterà un carico di polveri nettamenteinferiore a quello del circuito delle cappe. Sono stati previsti due sistemi dicanalizzazioni separati, uno per il locale trattamento solidi/liquidi e l’altro per il localeinertizzazione, costituiti rispettivamente da 13 e 20 bocchette e mantenuti in ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 143. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 143Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaledepressione da due ventilatori centrifughi, a valle di ciascuno dei quali è prevista unatorre di lavaggio (scrubber) il cui condotto di uscita verrà collegato alla camera d’ariadel biofiltro.Il sistema di aspirazione è stato così congegnato per dare la massima flessibilità delsistema: durante il turno di lavorazione sarà possibile azionare uno solo dei dueventilatori destinati all’aspirazione distribuita, a seconda del locale impegnato; fuori dalturno di lavorazione verrà spento completamente il ventilatore del circuito localizzate,mentre i due ventilatori, azionati al minimo di potenza, manterranno i locali indepressione.Per ulteriori dettagli si veda l’elaborato A/01 Relazione Tecnica e le tavole T-23, T-24 e T-25.La portata d’aria estratta per mezzo del circuito delle aspirazioni localizzate sarà di26.000 m3/h, pertanto il filtro a maniche, il ventilatore e lo scrubber dovranno esseredimensionati sulla base di questo valore.Dal circuito delle aspirazioni distribuite si estrarranno 38.000 m3/h di aria dal localetrattamento solidi/liquidi e 35.000 m3/h di aria dal locale inertizzazione. Ne consegueche i due ventilatori dovranno avere una portata di 38.000 m3/h e 35.000 m3/hrispettivamente, così come le due torri.Le acque di abbattimento raccolte sul fondo delle tre torri di lavaggio verranno inviatenella vasca di accumulo delle acque nere e di processo per essere sottoposte al processodi depurazione.La concentrazione media degli inquinanti, in mancanza di misurazioni dirette cheeventualmente potranno effettuarsi durante il funzionamento dell’impianto, si puòfissare, a monte dei sistemi di trattamento, in 150 mg/m3 per le aspirazioni localizzate e30 mg/m3 per quelle distribuite. Le emissioni saranno coincidenti con il turno di lavoroe pertanto dureranno 8 ore al giorno per 300 giorni l’anno.All’uscita dalle torri di lavaggio, sarà presente, come detto, il biofiltro che avràun’estensione di circa 825 mq. Questo punto di emissione viene denominato E1. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 144. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 144Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleEsistono poi altri punti di emissione, in corrispondenza dei sili di stoccaggio deimateriali inertizzanti. Il loro carico verrà effettuato mediante condotti che verrannocollegati alle autocisterne adibite al trasporto. Il travaso avverrà con lausilio di ariacompressa. Le emissioni saranno prodotte al momento dello scarico dei materiali nei silida parte delle autocisterne di trasporto. L’aria in ingresso nei sili fuoriusciràsuperiormente attraverso uno sfiato provvisto di sistema di filtrazione a tessuto cheimpedisce il passaggio dei materiali travasati.La portata d’aria necessaria per ciascun silo sarà di 200 m3/h. La concentrazione mediadegli inquinanti, a monte dei filtri, sarà di 100 mg/m3. Le operazioni di caricoavverranno due volte al mese e dureranno indicativamente intorno alle due ore. Siavranno pertanto altri quattro punti di emissione in corrispondenza dei sili che vengonodenominati E2, E3, E4 e E5. RIEPILOGO CARATTERISTICHE PUNTI DI EMISSIONE COLLETTORE CANALIZZAZIONE ASPIRAZIONI LOCALIZZATEPunto di emissione E1-APortata all’uscita dell’edificio Nm3/h 26.000Portata ventilatore di estrazione Nm3/h 26.000Quantità ventilatori prevista n. 1Ore lavorative giornaliere 8Ore lavorative annuali 2.400Concentrazione inquinanti prima del sistema di abbattimento mg/Nm3 150Flusso di massa inquinanti prima del sistema di abbattimento kg/h 3.9Impianto di abbattimento- Filtro a maniche Si- Torre di lavaggio Si ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 145. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 145Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale- Biofiltro Si COLLETTORE CANALIZZAZIONE ASPIRAZIONI DISTRIBUITEPunto di emissione E1-BPortata all’uscita del locale Nm3/h 38.000Portata ventilatore di estrazione Nm3/h 38.000Quantità ventilatori prevista n. 1Ore lavorative giornaliere 8Ore lavorative annuali 2.400Concentrazione inquinanti prima del sistema di abbattimento mg/Nm3 30Flusso di massa inquinanti prima del sistema di abbattimento kg/h 1,1Impianto di abbattimento- Filtro a maniche No- Torre di lavaggio Si- Biofiltro SiPunto di emissione E1-CPortata all’uscita del locale Nm3/h 35.000Portata ventilatore di estrazione Nm3/h 35.000Quantità ventilatori prevista n. 1Ore lavorative giornaliere 8Ore lavorative annuali 2.400Concentrazione inquinanti prima del sistema di abbattimento mg/Nm3 30Flusso di massa inquinanti prima del sistema di abbattimento kg/h 1Impianto di abbattimento- Filtro a maniche No- Torre di lavaggio Si- Biofiltro Si ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 146. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 146Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale SISTEMA DI CARICAMENTO PNEUMATICO SILI INERTIZZANTIPunto di emissione E2/E3/E4/E5Portata ventilatore di estrazione Nm3/h 200Ore lavorative giornaliere 2Ore lavorative annuali 48Concentrazione inquinanti prima del sistema di abbattimento mg/Nm3 100Flusso di massa inquinanti prima del sistema di abbattimento kg/h 0,02Altezza del camino dal piano di campagna m 11Diametro camino mm 200Impianto di abbattimento- Filtro a maniche Si- Torre di lavaggio No ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 147. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 147Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale RIEPILOGO CARATTERISTICHE SISTEMI DI ABBATTIMENTOPunto di emissione E1-ASistema di abbattimento Filtro a maniche (FM-01)Quantità prevista n. 1Efficienza dell’abbattimento 90%Portata flusso d’aria Nm3/h 26.000Concentrazione inquinanti in ingresso mg/Nm3 150Flusso di massa inquinanti in ingresso kg/h 3,9Concentrazione inquinanti in uscita mg/Nm3 15Flusso di massa inquinanti in uscita kg/h 0,39Punto di emissione E1-ASistema di abbattimento Scrubber (SB-01)Quantità prevista n. 1Efficienza dell’abbattimento 85%Portata flusso d’aria Nm3/h 26.000Concentrazione inquinanti in ingresso mg/Nm3 15Flusso di massa inquinanti in ingresso kg/h 0,39Concentrazione inquinanti in uscita mg/Nm3 2,25Flusso di massa inquinanti in uscita kg/h 0.059Punto di emissione E1-BSistema di abbattimento Scrubber (SB-02 )Quantità prevista n. 1Efficienza dell’abbattimento 85% ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 148. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 148Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientalePortata flusso d’aria Nm3/h 38.000Concentrazione inquinanti in ingresso mg/Nm3 30Flusso di massa inquinanti in ingresso kg/h 1,1Concentrazione inquinanti in uscita mg/Nm3 4,5Flusso di massa inquinanti in uscita kg/h 0,17Punto di emissione E1-CSistema di abbattimento Scrubber (SB-03)Quantità prevista n. 1Efficienza dell’abbattimento 85%Portata flusso d’aria Nm3/h 35.000Concentrazione inquinanti in ingresso mg/Nm3 30Flusso di massa inquinanti in ingresso kg/h 1Concentrazione inquinanti in uscita mg/Nm3 4,5Flusso di massa inquinanti in uscita kg/h 0,16Punto di emissione E1-A/B/CSistema di abbattimento BiofiltroPortata flusso d’aria Nm3/h 99.000Superficie utile / Volume letto m2 / m3 825 / 990Carico volumetrico Nm3/m3h 99000/990= 100Punto di emissione E2/E3/E4/E5Sistema di abbattimento Filtro a manicheQuantità prevista n. 4Efficienza dell’abbattimento 95%Portata flusso d’aria Nm3/h 200 ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 149. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 149Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleConcentrazione inquinanti in ingresso mg/Nm3 100Flusso di massa inquinanti in ingresso kg/h 0,02Concentrazione inquinanti in uscita mg/Nm3 5Flusso di massa inquinanti in uscita kg/h 0,00110.3 STOCCAGGIO DEFINITIVOLo stoccaggio definitivo in oggetto viene classificato come una discarica per rifiutinon pericolosi nella quale verranno conferiti: • i rifiuti in uscita dalle linee di trattamento non destinati al recupero, eventualmente previo deposito temporaneo in cassoni scarrabili all’interno della stessa area di uscita rifiuti trattati; • i materiali inertizzati in uscita dalla linea fanghi palabili, previo deposito provvisorio per il completamento del processo di solidificazione. • i materiali direttamente avviabili allo stoccaggio definitivo ai sensi del D. Lgs n. 36 del 13 Gennaio 2003, art. 7: “Nelle discariche per i rifiuti non pericolosi possono essere ammessi i seguenti rifiuti: a) rifiuti urbani; b) rifiuti non pericolosi di qualsiasi altra origine che soddisfano i criteri di ammissione dei rifiuti previsti dalla normativa vigente; c) rifiuti pericolosi stabili e non reattivi che soddisfano i criteri di ammissione previsti dal decreto di cui al comma 5.” I criteri i ammissibilità dei rifiuti in discarica sono fissati dal Decreto 13 marzo 2003.L’invaso verrà realizzato utilizzando la porzione di cava attualmente dismessa limitrofaall’area dove sorgerà l’impianto (vedi Tav. 03 allegata alla Relazione tecnica).Detta porzione di cava, con una superficie di circa 27.000 m2, presenta un piano di ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 150. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 150Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalecoltivazione a quote variabili tra 101 e 106 m slm. e pareti sub-verticali disposte adanfiteatro di altezza variabile fra 10 e 30 m (vedi Allegato fotografico).Il disegno di rilievo (Tav. 02 – Planimetria dello stato attuale, allegata alla Relazionetecnica) espone l’attuale configurazione della cava. Sulla planimetria sono indicate laviabilità interna, i manufatti esistenti, i sottoservizi attivi ed abbandonati ed i cigli deifronti cava. Le curve di livello individuano l’acclività naturale del versante e quella deipiani di coltivazione.Dalle verifiche di stabilità effettuate, per le quali si rimanda allo studio riportato nellarelazione geologico-tecnica (elaborato A/02), eseguita dal Dott. Geol. PasqualeManara, sono state riscontrate delle situazioni di instabilità nei versanti associabili adeventi pregressi, ipoteticamente accaduti durante le fasi di scavo.Partendo dalla configurazione attuale delle pareti di cava si è provveduto quindi allamessa in sicurezza dei versanti, modificandone gli assetti geometrici, fino ad ottenereuna configurazione che assicurasse fattori di sicurezza compatibili con le realicondizioni riscontrate in loco.Il risultato della rimodellazione ha quindi portato alla riconfigurazione dei versanti in ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 151. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 151Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalegradoni con banche sub-orizzontali di profondità pari a 4 m e di altezza massima pari a11.50 m.La planimetria della riconfigurazione generale è illustrata nella figura seguente e in Tav.04, allegata alla Relazione tecnica.Successivamente alla rimodellazione dei versanti verrà delimitato l’invaso e sarannoassegnate le corrette pendenze al fondo vasca in direzione dei tre pozzi del percolato.Il fondo dell’invaso (lato Sud), dove verranno posizionati i tre pozzi di raccolta delpercolato, sarà ad una quota di 100 m s.l.m., e raggiungerà una quota di 102 m s.l.m. aipiedi dell’argine che delimita l’invaso a Nord. Detto argine, con sponde a 35°, saràrealizzato parte in scavo (per un’altezza di circa 6 metri) e parte in riporto (circa 4metri), e il coronamento si attesterà ad una quota di 112 m s.l.m..La quota del bordo superiore dell’invaso, lungo il lato Sud, si manterrà intorno ad unaquota variabile da un minimo di 115 m s.l.m., sul lato contiguo al piazzale su cuisorgerà l’impianto, a un massimo di 135 m s.l.m. nella zona sud-est. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 152. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 152Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleIn Tav. 10, allegata alla Relazione tecnica, sono riportate le sezioni sovrapposte dellostato attuale e dello stato post-modellamento con l’indicazione dei volumi di scavo e diriporto che rispettivamente sono pari a circa 100.000 mc e 15.000 mc.La impermeabilizzazione delle pareti sarà realizzata in modo continuo con quella delfondo del bacino, in modo da garantire la continuità dellintero sistema.In una prima fase si provvederà ad impermeabilizzare il fondo e il primo anello lateraleformato dall’argine nord (elevazione 102-112 m slm) e da una sponda a 35° realizzatain meteriale di riporto (elevazione 100-107 m slm) appoggiata sul gradone più basso delversante sud/sud-est ottenuto nella fase di rimodellazione.Successivamente, come si può rilevare dalle figure seguenti e dalla Tav. 08, verrannorealizzate lungo il lato sud/sud-est altre sponde, con pendenza sempre di 35°, mediantela procedura detta “ad abete” (vedi Tav. 12 – Particolari Impermeabilizzazione, allegataalla Relazione tecnica) fino al raggiungimento delle quote di progetto, ossia mediante lasovrapposizione di anelli troncoconici di argilla rivestita di HDPE posti uno sopralaltro. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 153. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 153Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 154. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 154Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleE’ prevista la realizzazione di una rampa di accesso lunga circa 125 m, con unalarghezza pari a 5,0 m e una pendenza di poco inferiore al 16%.La rampa sarà realizzata con materiale proveniente dagli scavi per il rilevato e,completamente impermeabilizzata con la stessa successione degli strati della vasca.Lungo tutto l’invaso verrà realizzata una strada di servizio, non asfaltata, della ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 155. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 155Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalelarghezza di circa 3 m.La discarica nella sua configurazione finale, a coltivazione ultimata, al fine di ottenerele dovute pendenze per la regimazione delle acque di ruscellamento superficiali, avràuna forma leggermente collinare con la quota di colmo posta a +132 m e con un angolodi inclinazione della superficie superiore che si manterrà, rispetto al piano campagna,intorno ai 30° (Tav. 11 – Sezioni a pieno, allegata alla Relazione tecnica).Il volume totale disponibile dell’invaso (volume rifiuti+infrastrati+copertura finale) saràpari a circa 550.000 mc; considerando il volume di copertura finale di 50.000 mc e unvolume di rinterri pari al 10%, risulta una volumetria abbancabile netta di 450.000mc.Considerando un conferimento medio annuo di rifiuti pari a circa 100.000 ton/anno,e considerando un coefficiente di compattazione medio, tale da portare il peso specificodel rifiuto in discarica a 0,8 t/mc, si ottiene una capacità utile netta di 360.000tonnellate e conseguentemente una durata presunta della discarica di circa 3 anni emezzo.Di seguito si riassumono i principali dati dimensionali del progetto: ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 156. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 156Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Conformazione invaso Volume scavi 100.000 m3 Volume riporti 15.000 m3 Volume in accumulo 85.000 m3 Vasca di stoccaggio Volumetria abbancabile Lorda 550.000 m3 Volumetria abbancabile Netta 450.000 m3 Capacità Utile Netta 360.000 ton10.4 Stoccaggio definitivo: Sistemi di prevenzione dell’inquinamentoIl sistema di prevenzione e riduzione dell’inquinamento previsto risponde a quantoprescritto dal Decreto Legislativo 13/01/2003, n. 36.Il progetto prevede le seguenti opere e infrastrutture di supporto:- impermeabilizzazione della vasca di abbancamento;- sistema di convogliamento e stoccaggio del percolato;- sistema di drenaggio e controllo delle acque meteoriche;- copertura finale;- infrastrutture e servizi generali.Oltre alle opere e strutture citate, il progetto tiene conto degli specifici condizionamentidi carattere morfologico, litologico e idrogeologico e delle caratteristicheclimatologiche della zona.La falda sottostante la discarica si trova ad una profondità superiore ai 30 m dalpiano compagna all’interno di una formazione di calcari e calcareniti.Tale barriera geologica naturale, contenendo uno o più livelli dolomitico-calcarei ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 157. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 157Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalepraticamente impermeabili, quando non fratturati, costituisce un’ottima protezionenaturale nei confronti di percolazioni verticali, ciò non di meno, verrà integrata da unabarriera artificiale conformata come si dirà di seguito.10.4.1 Opere di impermeabilizzazione delle vascheAl fine di garantire il completo isolamento delle acque profonde, circolanti nel substratogeologico di impostazione dell’impianto dai prodotti della degradazione dei rifiuti, siprevede di isolare il fondo e le sponde delle vasche con materiali impermeabili.Isolamento del fondoLa barriera naturale sarà integrata da un sistema di impermeabilizzazione artificialecostituito da • materiale argilloso compattato e rullato con permeabilità inferiore a 10-9 m/s ed uno spessore di 1,5 m; • geocomposito bentonitico; • geomembrana in polietilene ad alta densità (HDPE), dello spessore di 2 mm; • materiale arido dello spessore di 50 cm per: - proteggere il manto in HDPE dalla azioni degli afflussi meteorici, - isolare il manto in HDPE dall’insolazione; - salvaguardare l’impermeabilizzazione dalle sovrappressioni concentrate determinate dal transito degli automezzi dedicati alla coltivazione dell’invaso; - permettere un facile drenaggio del percolato; Detto materiale dovrà avere diversa granulometria: nella parte a contatto con il manto in HDPE sarà posizionato materiale a granulometria fine, mentre gli ultimi 10/15 cm dovranno essere costituiti da materiale a granulometria maggiore (5/10 cm) per garantire una ottimale funzione drenante. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 158. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 158Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleLa presenza di una geomembrana sintetica sovrapposta al tappeto di argilla naturaleconferirà allinvolucro un grado di sicurezza elevatissimo, sia per la presenza deltappeto di argilla, sia per la notevole capacità impermeabilizzante della geomembrana,e, infine, per la massima resistenza dei rispettivi materiali alle aggressioni deicomponenti del percolato.Isolamento delle paretiL’impermeabilizzazione delle sponde, sarà costituita da: materiale argilloso compattato e rullato con permeabilità inferiore a 10-9 m/s ed uno spessore di 1,5 m; geocomposito bentonitico; geomembrana in polietilene ad alta densità, dello spessore di 2 mm; geotessile a protezione delle sponde.Sul perimetro delle sponde, a quota campagna, verrà realizzato l’ancoraggio dei manti.Il sistema di bloccaggio che verrà adottato - scavo a sezione trapezia riempito conmateriale arido – consentirà di fissare i teli senza logorarli, evitandone così lafessurazione e di conseguenza una eventuale perdita di tenuta, lasciandoli inoltre liberidi espandersi e ritrarsi al variare della temperatura ambientale.Il canale perimetrale così realizzato, una volta completato l’invaso, riceverà ipermeati provenienti dalla copertura della discarica e attraverso opportunependenze e una tubazione microfessurata in HDPE DN200 PN10, immersa nel materialearido, drenerà i permeati verso i due pozzi posti sul canale perimetrale esterno. Per ildimensionamento di tale canale si rimanda al paragrafo 10.6.Le sponde lungo il lato nord verranno sagomante con una pendenza di 35° (vedi Tav.12, allegata alla Relazione tecnica). Le sponde saranno realizzate parte “in scavo” eparte “in riporto” utilizzando il materiale proveniente dagli scavi effettuati durante la ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 159. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 159Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalesagomatura dell’invaso.Una volta realizzate le sponde con la dovuta pendenza, le stesse verranno ricoperte dauno strato di 1,5 m di argilla rullata e compattata a strati non superiori ai 20 cm fino alraggiungimento dei valori stabiliti del coefficiente di permeabilità. Sopra largilla saràposto il geocomposto bentonitico, il manto in HDPE (mm 2) collegato mediantesaldatura a quello di fondo, e il geotessile di protezione.Sul lato sud/sud-est le sponde verranno realizzate “ad abete” con pendenza di 35° (vediTav. 12, allegata alla Relazione tecnica), ossia mediante la sovrapposizione di anellitroncoconici di argilla rivestita di HDPE posti uno sopra laltro.Tale soluzione prevede la continuità del manto di HDPE, ottenuta saldando ogni anelloal successivo.Questa tecnica è di realizzazione complessa e per i dettagli si rimanda a quanto dettonell’elaborato Relazione tecnica.10.4.2 Sistema di captazione del percolatoLa vasca di stoccaggio sarà suddivisa in tre settori idraulici indipendenti; ogni settoresarà provvisto di un punto di raccolta e sollevamento del percolato.Al di sopra del sistema di impermeabilizzazione del fondo della vasca verrà realizzato ilsistema di drenaggio del percolato atto a convogliare lo stesso ai tre punti di prelievostabiliti dove il percolato giungerà sfruttando la pendenza del fondo della vasca (~2%).Il sistema per ciascun settore sarà composto da una rete di tubazioni microfessurate inHDPE DN200 PN10 disposte lungo la linea di massima pendenza del fondo (Tav. 05,allegata alla Relazione tecnica) per favorire il drenaggio del percolato e convogliarlo airispettivi punti di prelievo.Le tubazioni sono poste all’interno di uno strato di ghiaia di spessore 50 cm confunzione di drenaggio e di protezione del sistema di impermeabilizzazione e ricoperteda uno strato di tessuto non tessuto per evitare il trascinamento di particelle fini che ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 160. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 160Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalepotrebbero ostruire i fori.Il percolato prodotto all’interno di ciascun settore, drenato nel materasso di fondoe raccolto dalle tubazioni HDPE, verrà convogliato ai punti di prelievo posti nellazona più depressa di ogni settore realizzati con tubi in HDPE DN 800 PN10.I 3 pozzi di raccolta saranno disposti verticalmente; i dettagli costruttivi sonoillustrati nella tav. 14 allegata alla Relazione Tecnica e descritti di seguito.Il pozzetto è formato da anelli in calcestruzzo armato prefabbricati, disposti l’unosull’altro, rinfiancati dai rifiuti, che poggiano su un sistema di ancoraggio alla base dellavasca realizzato mediante un basamento in cls armato Φ 10/20 dello spessore di 0,3 minnestato nello strato di argilla di fondo.L’anello di base del pozzetto poggerà su 3 fogli in HDPE da 2mm sovrapposti, saldatisul sistema di impermeabilizzazione del fondo vasca, allo scopo di proteggere lo stessosistema di impermeabilizzazione da lacerazioni dovute a eventuali assestamenti.Lo scavo di alloggiamento del pozzetto verrà sagomato in maniera tale da evitare puntisingolari e conseguenti possibili lacerazioni dei teli.In ciascun pozzo verrà calata una elettropompa sommersa per il prelievo del percolatoed il relativo scarico in una tubazione HDPE DN150 PN6 installata in una canalettaprefabbricata in cls protetta da un grigliato, posata in corrispondenza dell’ancoraggiodei teli sintetici lungo il coronamento del bordo, che lo convoglierà direttamente allecisterne di stoccaggio.La pompa è prudenzialmente dimensionata per funzionare poche ore al giorno in caso diproduzione massima di percolato, ovvero per una portata di 10 l/s e una prevalenzasufficiente per il superamento del dislivello tra il fondo della vasca ed il bordosuperiore, più le predite di carico per il recapito alle cisterne di stoccaggio.La pompa è carrellata e posizionata sul fondo del tubo; viene recuperata permanutenzione mediante un arganello fissato alla testa del tubo; la mandata è costituitada una tubazione HDPE flessibile DN50 PN6.Il sistema di azionamento delle pompe è automatico, in modo da mantenereconstantemente ed automaticamente il livello massimo di percolato all’interno di ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 161. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 161Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleogni pozzo di captazione inferiore a 1 m.Per maggiori dettagli si veda l’elaborato A/01 - Relazione Tecnica.Quantitativo di percolato producibile dalla discaricaNel presente paragrafo si intende fornire una stima del quantitativo di percolatoproducibile dalla discarica.Tale stima è stata effettuata mediante un bilancio idrologico considerando i seguentifattori principali: - precipitazioni e temperature - caratteristiche della superficie di copertura (pendenze, permeabilità, presenza di vegetazione, ecc.) - caratteristiche dei rifiuti (contenuto dacqua, compattazione, ecc.) - caratteristiche della impermeabilizzazione del fondo, della geolitologia e della permeabilità del sottosuolo.Sono stati eseguiti i bilanci idrologici per il calcolo delle quantità di percolatocorrispondenti ai casi seguenti: Caso a) condizioni di in esercizio Caso b) condizioni di invaso completatoCombinando i casi a) e b), note le superfici delle varie vasche/settori, è possibileeseguire una stima della produzione di percolato per i vari periodi di vita delladiscarica nel suo complesso.Nel caso in cui lintera area di discarica risulti aperta (totale di circa 42.000 m2), laproduzione stimata risulta pari a circa 13.000 m3/anno, mentre per il periodo di postchiusura il valore atteso risulta dellordine di 126 m3/anno.Per maggiori dettagli si veda l’elaborato A/01 - Relazione Tecnica. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 162. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 162Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale10.4.3 Sistema di captazione del biogasLa tipologia dei rifiuti in programma di messa a dimora nel bacino di discarica (rifiutispeciali non pericolosi) induce a ritenere trascurabile la produzione attesa dibiogas.Ad ogni modo nello strato permeabile di ricopertura, al di sotto della strutturaimpermeabile verranno stese delle tubazioni in HDPE microfessurate DN150 PN6,con 50 m di interasse, con la funzione di drenare eventuali venute di biogas.La rete verrà collegata ad un gruppo di aspirazione e, previa separazione dellecondense, il biogas verrà bruciato in torcia.10.4.4 Opere di sistemazione finaleUna volta completato il volume disponibile per labbancamento dei rifiuti si provvederàalla chiusura dellimpianto realizzando le opere di sistemazione finale.Tali opere consistono nella sistemazione, al di sopra dellultimo strato di rifiuti, di unacopertura costituita dalla combinazione di strati di differenti materiali, ciascuno deiquali assolve a precise funzioni.Il sistema multistrato adottato sarà costituito nelle sue parti essenziali, dal basso versol’alto, da: • Strato di regolarizzazione • Strato di materiale permeabile dello spessore minimo di 0,50 m; • geocomposito bentonitico; • strato di materiale permeabile 0,50 m; • strato di terreno agricolo 0,70 m; • strato di terreno vegetale 0,30 m.In ultimo saranno eseguiti gli interventi di inerbimento e di piantumazione di essenzevegetali autoctone anche con cespugli a macchia, in accordo con le caratteristiche ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 163. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 163Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalemorfologiche e climatiche e con la distribuzione e tipologia delle specie vegetali locali.All’interno dello strato permeabile è posta una rete di raccolta dell’acqua di pioggiapermeata nello strato di terreno.Le funzioni che il sistema multistrato dovrà assolvere sono:− prevenire linfiltrazione delle acque meteoriche allinterno dellammasso riducendo (fino ad annullare) la formazione e la produzione del percolato;− prevenire la fuoriuscita di contaminanti a seguito di fenomeni di diffusione capillare attraverso il terreno soprastante;− consentire il recupero dellarea e la sua reintegrazione paesaggistica mediante interventi di sistemazione;− prevenire i fenomeni di erosione ad opera degli agenti atmosferici.Inoltre il sistema dovrà essere costituito in modo da:− garantire i requisiti di cui sopra in relazione alle differenti condizioni meteo- climatiche (gelo, aridità, escursioni di temperatura, piogge intense, etc.);− garantire la sua funzionalità in relazione alla deformabilità dellammasso dei rifiuti ed alle condizioni di stabilità del sito.A monte della posa in opera degli strati suddetti si procederà a regolarizzare laconformazione superficiale della discarica in modo da rispettare landamento plano-altimetrico stabilito nel progetto.Dopo aver operato una prima ricopertura dellammasso con materiale permeabile,viene messo in posto il sistema sigillante.La scelta del materiale da utilizzare per lisolamento si è basata su diversi fattori:a) disponibilità e costo dei materiali;b) funzioni richieste alle opere di impermeabilizzazione;c) condizioni climatiche ed idrogeologiche della zona;d) adattabilità ai cedimenti. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 164. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 164Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleSistemazione vegetaleSarà realizzata la sistemazione di formazioni vegetali, tendenti a ricreare le condizioniambientali originali, evitando il ripristino di specie estranee.Le tecniche impiegate per la realizzazione di quest’ultimo strato sono quelledellingegneria naturalistica in accordo con gli interventi di risistemazione morfologicae di regimazione delle acque superficiali.Lo scopo assolto dall’elemento “copertura vegetale” è sia di ordine estetico che tecnico.Il primo consente di reinserire, in maniera armonica, la zona compromessa allinternodel paesaggio circostante; il secondo di preservare dallerosione operata dal vento edalle acque il sistema di copertura, di massimizzare levapotraspirazione dellacquapresente nello strato superficiale e di aumentare la stabilità del suolo.I manti erbosi ed i cespugli che verranno impiantati garantiranno la prevenzionedell’erosione; infatti la vegetazione sviluppa un sistema radicale fitto e di breveestensione che è più efficace di quella che presenta radici rade e di lunga estensione.Lo strato di copertura superficiale servirà anche ad immagazzinare lacqua e le sostanzenutritive necessarie alla vita del manto vegetale; nel contempo protegge il sottostantesistema sigillante dai danni derivati dal gelo, da azioni meccaniche o da carichiinsistenti sulla superficie esterna.10.4.5 Sistema di regimazione delle acque meteoricheIn seguito agli afflussi meteorici parte delle acque cadute sulla superficie esternaall’invaso potrebbero confluire all’interno dell’impianto, allo scopo di intercettare taliruscellamenti superficiali sarà realizzato un canale di guardia perimetrale.Un secondo canale di guardia interno verrà realizzato per garantire una correttaregimazione degli afflussi meteorici piovuti sulla superficie della discarica ed evitarne ilristagno sulla copertura (si veda particolare in Tav. 13, allegata alla Relazione ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 165. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 165Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaletecnica).Analogamente a quanto effettuato per il dimensionamento della rete di raccolta delpercolato in favore della sicurezza il dimensionamento del canale di guardia interno èstato effettuato nelle condizioni più gravose.Per il dimensionamento di tale rete si rimanda all’elaborato A/01 - Relazione Tecnica.La portata calcolata viene agevolmente smaltita mediante canali a superficie liberacostituiti da mezzi tubi in cls, a sezione semicircolare, con raggio geometrico pari a 0,40m e pendenza dello 0,2%.I mezzi tubi saranno allettati in uno scavo profondo circa 0,50 m su uno strato di clsmagro con spessore medio 0,10 m.Le acque raccolte saranno indirizzate ai due pozzetti di raccolta previsti ed immesse inseguito nella rete fognaria delle acque bianche addotte al torrente Cavallaro.Nella posa in opera del sistema di copertura finale saranno conferite a questo opportunependenze, al fine di consentire lallontanamento delle acque drenate fuori dellareaincapsulata.Ciò sarà garantito dall’allettamento all’interno del materiale drenante di copertura diuna rete di drenaggio adducente al canale precedentemente dimensionato.10.4.6 Sistemi di sicurezzaNel Piano di gestione operativa allegato al progetto, redatto secondo le prescrizioniimpartite dal Decreto Legislativo 13/01/2003, n. 36, pubblicato sulla G.U. n. 59 del13/3/2003, che ha recepito la direttiva 99/31/CE sono riportate in dettaglio tutte leprocedure di gestione prevedendo anche quelle da attuare in caso di eventistraordinari, malfunzionamenti ed incidenti. Le condizioni considerate sono state leseguenti: - sviluppo di incendi, - esplosioni, - raggiungimento dei livelli di guardia di indicatori di contaminazione, ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 166. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 166Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale - sversamento accidentale dei rifiuti dagli automezzi di trasporto sulle aree e sulle piste di servizio, - eventuali rotture del sistema di impermeabilizzazione, - fuoriuscita di percolato dal sistema di impermeabilizzazione della zona di smaltimento e durante le operazioni di allacciamento alle autobotti, - cedimenti e/o franamento del materiale smaltito e del terreno di copertura finale.10.4.7 IncendiLe cautele da osservare nella fase di gestione per scongiurare il pericolo di incendio enel caso provvedere all’estinzione, possono riassumersi nelle seguenti: − nella fase di costruzione e in quella di gestione occorrerà costantemente recidere ogni forma di vegetazione sia nella zona limitrofa alla zona di scarico, sia al di fuori della recinzione in modo da scongiurare il propagarsi di eventuali incendi dall’esterno verso l’interno e viceversa; − all’interno dell’area di discarica devono essere previste delle riserve di terra da utilizzare nelle operazioni di spegnimento degli eventuali incendi realizzando il ricoprimento della zona interessata; − nei magazzini devono essere tenuti indumenti antincendio quali tute termiche, dispositivi quali estintori, maschere antigas, vestiari appropriati per la manutenzione, nonché una motopompa dotata di almeno di 350 m di manichetta con apposita lancia.10.4.8 EsplosioniIl rischio di esplosione è praticamente nullo vista l’assenza di residui detonanti osuscettibili di provocare, isolatamente o in contatto con altri rifiuti, l’emanazione di gaso miscele esplosive.Inoltre, non venendo smaltiti rifiuti che permettono l’innescarsi di fenomeni di ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 167. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 167Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalefermentazione anaerobica nell’ammasso, non si avrà formazione di biogas e quindi ilsuo accumulo all’interno dell’abbancamento con rischi di esplosione.10.4.9 Raggiungimento dei livelli di guardia di indicatori di contaminazione;Con frequenza semestrale la ASL di competenza, dietro presentazione dell’appositadocumentazione, effettuerà campionamenti ed analisi per la determinazione deiparametri di cui alla tabella 3, allegato 5 alla parte terza del D. Lgs. 152/06.I risultati di ciascuna delle analisi saranno sottoposte alla Direzione della società dalDirettore Tecnico e confrontati con i risultati delle analisi precedenti.Nel caso in cui venissero riscontrati valori superiori ai limiti prescritti dalla leggesarà interrotto il conferimento dei rifiuti in discarica e verificato lo stato del telo diprotezione per individuare eventuali lesioni allo stesso ed interveniresollecitamente al ripristino.10.4.10Sversamento accidentale nelle aree di servizio dell’impiantoPremesso che tutte le zone adibite al transito dei mezzi di conferimento, suscettibili dieventuali cadute di materiale, sono asfaltate e sempre sotto il diretto controllo delpersonale di servizio e che i tratti stradali da percorrere sono brevi e negli stessi lavelocità è obbligatoriamente limitata (un’apposita segnaletica all’interno dell’impiantodefinisce i percorsi dei mezzi e la loro velocità massima), l’incidente nell’area diimpianto costituisce un evento la cui probabilità di accadimento può ritenersiinsignificante.Nel caso comunque in cui si verifichi un incidente ad un automezzo mentre percorre laviabilità interna, verrà bloccato l’accesso all’impianto a tutti i mezzi e la Direzionedell’impianto organizzerà il recupero dei materiali sversati, isolando subito l’areainteressata e trasferendo i materiali stessi nella zona di abbancamento, utilizzando imezzi d’opera dell’impianto. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 168. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 168Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleSi avrà cura di accertare che nessun livello di contaminazione residua permanga nelterreno coinvolto.Gli eventuali liquidi di risulta dalle operazioni di pulizia saranno raccolti e captati conappositi materiali adsorbenti che si procederà successivamente a conferire in discarica.Si provvederà infine al lavaggio degli automezzi interessati dall’incidente.10.4.11Eventuali rotture del sistema di impermeabilizzazioneConsiderato il sistema di isolamento adottato, è evidente che un normale incidente cheporti alla rottura del primo strato di impermeabilizzazione non può provocare alcunaripercussione sulla falda idrica in quanto interviene immediatamente lo stratoimpermeabile sottostante.Un impatto sulla falda si può verificare solo in caso di un incidente catastrofico,estremamente improbabile, che porti alla rottura del telo in HDPE e dell’altrettantocontemporaneo attraversamento dello strato in argilla per 1,5 m di spessore.Il sistema di impermeabilizzazione, i controlli sui materiali, le modalità di posa inopera e di giunzione, i controlli in corso d’opera previsti sono tali da escluderesituazioni di fragilità delle superfici impermeabilizzanti.Tutto ciò premesso l’obiettivo della salvaguardia delle risorse idriche nella fase digestione dell’impianto di smaltimento è incentrato sulla possibilità di realizzare unsistema di allarme tempestivo. Tale sistema, descritto nel Piano di Monitoraggio econtrollo, è rappresentato dai pozzi a monte e a valle dell’impianto rispetto alladirezione della falda acquifera all’interno dei quali saranno installate delle sonde.Verrà effettuato il monitoraggio, rispetto ad un discreto numero di parametri, adintervalli regolari di tempo, per verificare le possibili evoluzioni rispetto allo standardnoto.Ogni discordanza rispetto ai valori “normali” risulterà come anomalia e dovrà generarel’input a verificare nel dettaglio le origini dell’evento e, quindi, le eventuali procedure ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 169. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 169Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleda attivare.Nonostante quanto precedentemente considerato porti ad escludere qualsiasiripercussione sulla falda idrica, anche in corrispondenza di una eventuale rottura delsistema di impermeabilizzazione, si è comunque voluto affrontare il caso di un incidentegravissimo ed estremamente improbabile, che avvenga nella fase di eserciziodell’impianto.A fronte di un simile improbabile incidente, si intende attuare il piano di interventoche prevede le seguenti operazioni successive: - interruzione del conferimento dei rifiuti; - individuazione dell’area potenzialmente generatrice del fenomeno di inquinamento. Tale attività verrà svolta applicando specifici modelli di dispersione che saranno messi a punto preventivamente. In particolare saranno impiegati modelli HELP per la determinazione del tasso di fuoriuscita del percolato dalla barriera di fondo, i modelli MODFLOW per la determinazione del campo di flusso, MT3D per la determinazione delle caratteristiche del trasporto di massa nella falda idrica. In alternativa all’impiego di modelli si potrà determinare l’area potenzialmente generatrice dell’evento contaminato utilizzando sistemi geoelettrici come ad esempio la tomografia elettrica dipolare, metodo di indagine “indiretto”, che studia, come tutti i metodi geoelettrici, le variazioni di resistività nel sottosuolo attraverso le modificazioni che queste provocano nei campi elettrici, provocati o naturali, sulla superficie terrestre; - asporto i rifiuti abbancati nella nell’area inquinata e sistemazione degli stessi all’interno dello stoccaggio, in aree comunque impermeabilizzate.; - intervento sulla impermeabilizzazione artificiale e naturale e ripristino della continuità dell’impermeabilizzazione; - riassetto sul fondo della rete di captazione del percolato; - collaudo dell’intervento; ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 170. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 170Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale - ricollocazione dei rifiuti nel settore; - verifica mediante frequenti controlli della qualità dell’acqua in corrispondenza dei piezometri; - eventuale realizzazione di pozzi di spurgo per l’emungimento dell’acqua, in caso di rilevamento di inquinanti nell’acqua della falda sotterranea, e avvio al trattamento.10.4.12Malfunzionamento del sistema di raccolta del percolato ed eventuali fuoriuscite dello stessoI malfunzionamenti dei sistemi di raccolta del percolato ed il rischio di eventualifuoriuscite dello stesso possono essere connessi a:- rotture delle elettropompe;- intasamento delle tubazioni;- perdita delle tubazioni nei punti di giunzione e di innesto idraulico;- sversamento durante la fase di carico nelle autobotti;Per quanto riguarda i primi tre punti si rileva che:- ai guasti gravi di una elettropompa la Direzione porrà rimedio sostituendo la stessa con analogo dispositivo di riserva;- l’intasamento e la perdita dalle tubazioni vengono prevenuti mediante frequenti manutenzioni ordinarie delle stesse;- lo svolgimento delle operazioni di pompaggio sarà sempre presidiato a vista da un addetto pronto a disinserire le pompe in caso di situazione anomala.- Per quanto riguarda l’eventuale sversamento del percolato durante la fase di carico nelle autobotti si rileva che questa operazione andrà effettuata in un’apposita area realizzata in cemento addittivato per aumentare l’impermeabilizzazione dello stesso. Pertanto a fronte di eventuali sversamenti sarà compito della Direzione se necessario, prelevare lo sversato dai pozzetti e raccoglierlo per avviarlo ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 171. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 171Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale all’opportuno smaltimento.10.4.13Cedimenti e franamenti del materiale smaltitoI cedimenti differenziali del materiale posto a dimora possono essere provocati daoperazioni di stesa e compattamento eseguiti nonché dalle caratteristiche geotecnichedel materiale smaltito.Le conseguenze di cedimenti differenziali o di franamenti sono l’instaurarsi dicondizioni di pericolo per gli addetti al cantiere e la rottura dello strato di terreno diricoprimento con il conseguente formarsi di vie preferenziali per il deflusso delle acquemeteoriche.E’ lecito ritenere che i cedimenti che si possono avere nella vasca di stoccaggiorisultino contenuti e tali da non creare problemi alle coperture.Per quanto riguarda infine il pericolo di franamenti, la copertura finale dell’invaso èstata progettata con un’inclinazione di 30° che risulta ampiamente cautelativa neiconfronti del fattore di sicurezza previsto dalla normativa vigente.Al momento in cui si rileveranno cedimenti nel corpo dell’abbancamento sarà prima ditutto necessario verificarne l’origine, conseguentemente si dovrà effettuarne la misurain modo da verificare se essi siano da ritenere congruenti con quanto previsto in sedeprogettuale.In ogni caso si dovrà intervenire per arrestare il fenomeno in atto agendo sulle cause chelo hanno generato, nonché ad annullare gli effetti e le eventuali tensioni che potrebbeavere provocato.Durante questa attività lo scarico dei rifiuti dovrà essere arrestato almeno per unintorno significativo dell’area interessata.Esclusivamente quando si sarà certi di aver arrestato il fenomeno e sanato ogni equalsiasi evento dallo stesso innescato si potrà riprendere l’attività. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 172. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 172Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale10.4.14Controllo sulla qualità delle acqueIl principale impatto producibile da una discarica è legato alla sua potenzialità dicontaminazione delle acque di falda e superficiali attraverso il percolato.La falda sottostante la discarica si trova ad una profondità superiore ai 30 m dalpiano compagna all’interno di una formazione di calcari e calcareniti.Tale barriera geologica naturale, contenendo uno o più livelli dolomitico-calcareipraticamente impermeabili, quando non fratturati, costituisce un’ottima protezionenaturale nei confronti di percolazioni verticali, ciò non di meno, verrà integrata da unabarriera artificiale.È stata realizzata inoltre un’efficace separazione tra acque esterne ed acque internedella discarica.Per le acque esterne sono stati previsti dei canali perimetrali che intercettano ilruscellamento delle aree adiacenti.In base a quanto stabilito dal D. Lgs. 36/03 le canalizzazioni per l’allontanamento delleacque meteoriche del perimetro della discarica sono state dimensionate sulla base dellepiogge più intense con tempo di ritorno di 10 anni.La captazione del percolato è stata realizzata attraverso una rete di raccolta, chepermette il convogliamento delle acque “nere” in tre pozzi di raccolta posti nei settoripiù depressi dell’invaso.La rete di raccolta è stata immersa nello strato di terreno permeabile, disposto sul fondodella discarica al di sopra dei teli impermeabili, in apposite trincee. Tale rete è costituitada un sistema drenante di tubi forati in HDPE.La rete di recapito dell’eluato termina nei pozzetti da dove l’eluato viene prelevato peressere inviato ad un impianto di depurazione esterno debitamente autorizzato.A tutti questi sistemi di sicurezza e controllo è stata aggiunta una rete per ilmonitoraggio costituita da 6 pozzi, realizzati a norma di legge, posizionati comerilevabile negli allegati grafici (Tav. 09). ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 173. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 173Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleI parametri analizzati saranno i seguenti: - pH; - durezza totale; - residuo fisso; - ammoniaca; - nitriti; - nitrati; - cloruri; - solfati; - fosfati; - metalli pesanti.Le metodiche di analisi saranno quelle IRSA-CNR.Le frequenze di analisi sono riportate nella seguente tabella: Tabella 6 - Frequenze di analisi Frequenza ResponsabilePrelievo e analisi di campioni da pozzetti per Semestrale ASL di competenzacontrollo qualità acque di faldaPrelievo e analisi di campioni da pozzetti per Semestrale Direzione Tecnicacontrollo qualità acque di faldaControllo volumi dei rifiuti (acque di lavaggio,acque di prima pioggia, fanghi biologici) collocati Semestrale Direzione Tecnicain deposito temporaneoMonitoraggio qualità acque di percolato:prelevamento campioni dalla vasca di accumulo e Semestrale Direzione Tecnicarichiesta di esecuzione analisi a laboratorio ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 174. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 174Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleesternoProve di tenuta vasche Imhoff Semestrale Direzione TecnicaQualora si riscontrassero valori dissimili dalla norma, ovvero dalle caratteristiche delleacque preesistenti alla installazione dell’impianto, e una volta accertato che talivariazioni sono riconducibili all’impianto in oggetto, avverrà l’arresto dei conferimentie la verifica dello stato del telo di protezione così da individuare eventuali lesioni allostesso ed intervenire prontamente.Si ricorda poi, così come riportato nel piano di gestione post-operativa, che, dopo lachiusura dell’impianto, la DELTA PETROLI S.p.A. eseguirà periodicamente leseguenti operazioni sempre per il controllo di potenziali inquinamenti nei confrontidell’ambiente idrico: - accerterà giornalmente l’efficienza delle reti di captazione del percolato, dei servizi accessori quali elettropompa, tubi di mandata del percolato alla cisterna, vasca di contenimento delle cisterne, e dell’impianto di monitoraggio, provvedendo alle manutenzioni e, se necessario, agli interventi di riparazione; dovrà accertare che le reti ed i servizi continuino a svolgere la funzione loro assegnata, eseguendo le dovute manutenzioni e, se necessario, effettuando le idonee sostituzioni; - effettuerà giornalmente gli spurghi del percolato fintanto che risulterà presente, avviandolo con continuità al trattamento; conseguentemente verrà mantenuta costante registrazione non solo dei quantitativi, ma soprattutto della sua qualità per accertarne l’evoluzione. Come è noto infatti la qualità del percolato varia con l’età dell’abbancamento, così che questo specifico elemento diviene un preciso indicatore dell’evolversi del processo di mineralizzazione dei rifiuti abbancati; - controllerà lo stato di conservazione delle opere di tenuta e di impermeabilizzazione del bacino della discarica. Qualora venissero rilevate ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 175. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 175Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale condizioni di rischio ovvero dalle analisi risultasse l’esistenza di contaminazione si opererà nel modo precedentemente descritto; - saranno svolte con cadenza semestrale, verifiche della continuità del manto artificiale di impermeabilizzazione in HDPE posto al di sopra dello strato di argilla mediante la procedura della tomografia elettrica dipolare precedentemente descritta.10.4.15Controllo sulla qualità dell’ariaUno scarico controllato può produrre effetti alla qualità dell’aria a seguito delladispersione dei materiali leggeri e della polvere, lo sviluppo di insetti ed il pericolo diincendi.Per evitare che materiali leggeri vengano trasportati dal vento, durante le operazioni discarico e sistemazione dei rifiuti la disposizione e la direzione di avanzamento delfronte di accumulo saranno determinate in funzione dei venti prevalenti.Nei periodi asciutti si provvederà all’innaffiamento delle strade di servizio e in generaledelle aree di transito dei mezzi meccanici per ridurre il sollevarsi di polvere.Si provvederà, inoltre, ad una programmazione degli scarichi per evitare un trafficoeccessivo di mezzi in particolari orari della giornata e per favorire il lavoro gestionalenell’impianto.Avvalendosi di un impianto mobile di rilevamento, verranno periodicamente svolteanalisi e rilevazioni (due rilevamenti per ogni semestre) in grado di evidenziareeventuali variazioni o anomalie della qualità dell’aria, direttamente imputabiliall’attività dell’impianto.I laboratori mobili sono mezzi forniti di apparecchiature che permettono di effettuare ilmonitoraggio di diversi inquinanti atmosferici (CO, NOx, O3).Sono dotati inoltre di sensori meteoclimatici (per la misura della temperatura, dellapressione, dell’umidità relativa, della velocità del vento, della radiazione solare e delle ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 176. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 176Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleprecipitazioni).Durante le campagne di monitoraggio andranno investigati i seguenti parametri: - SO2 - Biossido di zolfo - Monossido di carbonio - Ozono - Polveri ad alto volume PM10 (granulometria < 10 m ) - Polveri totali sospese su base oraria - Polveri gravimetriche su base di 24 ore - Ossidi di azoto - Idrocarburi volatili (composti organici volatili) - Idrocarburi totali - Temperatura aria - Umidità relativa aria - Velocità vento - Direzione vento - Radiazione solare totale - Radiazione netta - Pressione atmosferica - Piovosità10.4.16Controllo sui cedimentiLa morfologia complessiva dell’abbancamento sarà tenuta sotto controllo con lo scopodi accettare il mantenimento dei profili e delle quote stabilite nel progetto approvato.I cedimenti differenziali del materiale posto a dimora possono essere provocati dalleoperazioni di stesa e compattamento nonché dalle caratteristiche geotecniche delmateriale smaltito.Le conseguenze di cedimenti differenziali o di franamenti sono l’instaurarsi dicondizioni di pericolo per gli addetti al cantiere e la rottura dello strato di terreno di ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 177. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 177Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalericoprimento con il conseguente formarsi di vie preferenziali per il deflusso delle acquemeteoriche.E’ lecito ritenere che, date le specifiche caratteristiche dei rifiuti trattati, i cedimenti chesi potranno avere nella vasca di stoccaggio risulteranno estremamente contenuti e tali danon creare problemi alle coperture.Al momento in cui si rileveranno cedimenti nel corpo dell’abbancamento sarà prima ditutto necessario verificarne l’origine, conseguentemente si dovrà effettuarne la misurain modo da verificare se essi siano da ritenere congruenti con quanto previsto in sedeprogettuale.In ogni caso si dovrà intervenire per arrestare il fenomeno in atto agendo sulle cause chelo hanno generato, nonché ad annullare gli effetti e le eventuali tensioni che potrebbeavere provocato.Saranno verificate le quote e le pendenze dell’invaso, in relazione ai movimenti diassestamento. Per questa attività sarà fissato un caposaldo sul piazzale. Verranno poiposizionati una serie di postazioni fisse sul corpo dell’abbancamento e sulle principalireti di drenaggio per effettuare con cadenza mensile la misura delle loro quoteaccertando il mantenimento di quelle di progetto. Periodicamente (settimanalmente)verrà percorsa tutta l’area con lo scopo di verificare l’esistenza di eventuali cedimenti.Al riconoscimento seguirà il rilievo con postazioni mobili. Delle rilevazioni congiuntesi terrà un accurata registrazione per testimoniare l’evolversi del fenomeno. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 178. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 178Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale SEZIONE IV – QUADRO DI RIFERIMENTO AMBIENTALE ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 179. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 179Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale11 ATMOSFERA11.1 Caratteristiche meteoclimatiche11.1.1 Caratteristiche termopluviometrichePer determinare le caratteristiche termopluviometriche si è fatto riferimento ai dati dipiovosità registrati nella stazione pluviometrica di Minervino Murge per un periodo diosservazione di 44 anni ed ai dati di temperatura registrati nella stazione termometricadi Minervino Murge per un periodo di osservazione di 32 anni, desunti dal “Progettodi Piano di Tutela delle Acque” del 2005 adottato dalla Regione Puglia con Deliberadella Giunta Regionale n. 883 del 19 giugno 2007.Dallo studio dei dati si ottiene che la media annua di precipitazione nella zona in esameè pari a 584 mm di pioggia, mentre la temperatura media annua è pari a 14,3 °C.Nella figura seguente sono state rese in forma grafica le medie mensili dei millimetri dipioggia caduti nella zona in esame. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 180. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 180Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale 80 70 60 Altezza precipitazioni (mm) 50 40 30 20 10 0 gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic mm 58,00 54,80 53,90 43,20 42,40 37,40 22,00 26,40 52,60 60,70 72,60 60,00 Figura 15- Precipitazioni medie mensiliIl massimo assoluto delle precipitazioni si verifica nei mesi di novembre e dicembre edil minimo nei mesi di luglio e agosto. Tale andamento definisce un regime diprecipitazioni di tipo nettamente marittimo, con scarsità di apporti meteorici nei mesiestivi e precipitazioni concentrate nel semestre autunnale-invernale.Di seguito si riportano le temperature medie, massime e minime mensili, calcolate inbase ai dati registrati nella stazione termometrica di Minervino Murge e la lororappresentazione grafica: Tabella 7 - Temperature °C medie max min gen 5,94 8,6 3,3 feb 6,41 9,5 3,4 mar 8,92 12,5 5,3 apr 12,08 16,2 8 mag 16,79 21,4 12,1 giu 20,71 25,6 15,8 lug 23,66 28,8 18,5 ago 23,66 28,6 18,7 set 20,28 24,8 15,8 ott 15,35 19 11,7 ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 181. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 181Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale nov 10,77 13,8 7,7 dic 6,98 9,8 4,2 35 30 25 Valori temepratura (°C) 20 15 10 5 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 Mesi Temperature medie mensili Temperature massime mensili Temperature minime mensili Figura 16 - Temperature medie, massime e minime mensiliRelativamente all’analisi del regime termometrico, il valore minimo viene raggiunto neimese di febbraio e dicembre, mentre i massimi si registrano nei mesi di luglio ed agosto,con un’escursione termica dei valori medi contenuta in variazioni di 10-20°C.La classificazione climatica del settore a cui appartiene l’area di impianto indagataderiva dal climogramma temperatura dell’aria/precipitazioni, da cui può essereindividuato l’indice di aridità (De Martonne) secondo il quale i mesi di novembre,dicembre e gennaio risultano umidi, luglio ed agosto aridi e giugno sub-arido.11.2 Qualità dell’ariaDal punto di vista della qualità dell’aria non sono disponibili dati locali per lacaratterizzazione ambientale dell’area di studio.L’area ha, attualmente, una spiccata vocazione agricola seguita al completamento ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 182. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 182Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaledell’attività estrattiva che ha creato l’invaso oggetto dell’intervento.11.3 Analisi degli impatti e misure di contenimentoDurante la fase di cantiere, in considerazione delle opere da realizzare e dei movimentidi terra per gli sbancamenti previsti, saranno necessari mezzi pesanti che produrrannouna discreta quantità di polveri.Per contenere tale fenomeno all’interno dell’area di intervento saranno realizzati deipannelli di schermatura lungo il perimetro della stessa.Durante la gestione del centro, l’impatto sulla componente atmosfera può essereconnesso all’emissione di polveri in ambiente esterno, legata alle fasi di scarico deirifiuti.La movimentazione dei rifiuti al di fuori dei loro contenitori di stoccaggio avverràesclusivamente nell’edificio trattamento e recupero. In particolare, per quantoriguarda i rifiuti solidi, questi verranno trasportati nell’area conferimento all’interno delloro contenitore. Di qui verranno prelevati da un carrello e immessi al relativotrattamento (triturazione, disassemblaggio, pressatura, ecc.).L’esperienza dimostra che la movimentazione e i vari trattamenti cui sono sottoposti irifiuti causano un’atmosfera polverosa, con punti di maggiore concentrazione quali adesempio le tramogge di carico e i punti di scarico dei nastri trasportatori.Un altro aspetto da considerare è il problema degli odori, causati essenzialmente daicomposti organici e dai fanghi. Nel caso in esame, i primi saranno praticamente assenti,mentre i secondi saranno conservati in contenitori a tenuta, che verranno aperti soloall’interno dell’edificio.Per mantenere perciò un ambiente di lavoro salubre, sarà necessario provvedere ad uncostante ricambio dell’aria. Sulla base dell’esperienza acquisita in impianti analoghi si èvisto che il numero di ricambi aria per ora necessario allo scopo è intorno a tre.L’aria estratta dall’edificio conterrà pertanto polveri, mentre blanda sarà la presenza diodori molesti; in ogni caso non sarà idonea ad essere immessa direttamente in atmosferama dovrà essere preliminarmente trattata. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 183. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 183Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleCome detto sopra, si avrà una maggiore produzione di polveri in determinati puntidell’impianto. In corrispondenza di questi andrà prevista un’aspirazione localizzata permezzo di cappe. D’altra parte occorrerà assicurare i suddetti tre ricambi d’aria ogni orae quindi, poichè le aspirazioni localizzate non sono in numero congruo per assicurareuna estrazione senza punti di ristagno, per ottenere ciò occorrerà affiancare a questealtre bocchette di aspirazione.Il sistema di aspirazione all’interno dell’edificio sarà pertanto costituito da due circuitiseparati: uno sarà quello delle aspirazioni localizzate, l’altro sarà quellodell’aspirazione distribuita.Il circuito delle aspirazioni localizzate sarà composto da 13 cappe posizionate neipunti ritenuti a maggiore produzione di polveri. Queste saranno collegate ad un sistemadi canalizzazioni mantenuto in depressione da un ventilatore centrifugo, che prevede amonte un filtro a tessuto, e a valle una torre di lavaggio (scrubber), il cui condotto diuscita verrà collegato alla camera d’aria del biofiltro comune ai due sistemi diaspirazione, per l’abbattimento dell’eventuale carico di odori.Il circuito di aspirazione distribuita presenterà un carico di polveri nettamenteinferiore a quello del circuito delle cappe. Sono stati previsti due sistemi dicanalizzazioni separati, uno per il locale trattamento solidi/liquidi e l’altro per il localeinertizzazione, costituiti rispettivamente da 13 e 20 bocchette e mantenuti indepressione da due ventilatori centrifughi, a valle di ciascuno dei quali è prevista unatorre di lavaggio (scrubber) il cui condotto di uscita verrà collegato alla camera d’ariadel biofiltro.Il sistema di aspirazione è stato così congegnato per dare la massima flessibilità delsistema: durante il turno di lavorazione sarà possibile azionare uno solo dei dueventilatori destinati all’aspirazione distribuita, a seconda del locale impegnato; fuori dalturno di lavorazione verrà spento completamente il ventilatore del circuito localizzate,mentre i due ventilatori, azionati al minimo di potenza, manterranno i locali indepressione.Per ulteriori dettagli si veda l’elaborato A/01 - Relazione Tecnica e le tavole T-24, ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 184. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 184Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleT-25 e T-26.La portata d’aria estratta per mezzo del circuito delle aspirazioni localizzate sarà di26.000 m3/h, pertanto il filtro a maniche, il ventilatore e lo scrubber dovranno esseredimensionati sulla base di questo valore.Dal circuito delle aspirazioni distribuite si estrarranno 38.000 m3/h di aria dal localetrattamento solidi/liquidi e 35.000 m3/h di aria dal locale inertizzazione. Ne consegueche i due ventilatori dovranno avere una portata di 38.000 m3/h e 35.000 m3/hrispettivamente, così come le due torri.Le acque di abbattimento raccolte sul fondo delle tre torri di lavaggio verranno inviatenella vasca di accumulo delle acque nere e di processo per essere sottoposte al processodi depurazione.La concentrazione media degli inquinanti, in mancanza di misurazioni dirette cheeventualmente potranno effettuarsi durante il funzionamento dell’impianto, si puòfissare, a monte dei sistemi di trattamento, in 150 mg/m3 per le aspirazioni localizzate e30 mg/m3 per quelle distribuite.Le emissioni saranno coincidenti con il turno di lavoro e pertanto dureranno 8 oreal giorno per 300 giorni l’anno.All’uscita dalle torri di lavaggio, sarà presente, come detto, il biofiltro che avràun’estensione di circa 825 mq. Questo punto di emissione viene denominato E1.Esistono poi altri punti di emissione, in corrispondenza dei sili di stoccaggio deimateriali inertizzanti. Il loro carico verrà effettuato mediante condotti che verrannocollegati alle autocisterne adibite al trasporto. Il travaso avverrà con lausilio di ariacompressa. Le emissioni saranno prodotte al momento dello scarico dei materiali nei silida parte delle autocisterne di trasporto. L’aria in ingresso nei sili fuoriusciràsuperiormente attraverso uno sfiato provvisto di sistema di filtrazione a tessuto cheimpedisce il passaggio dei materiali travasati.La portata d’aria necessaria per ciascun silo sarà di 200 m3/h.La concentrazione media degli inquinanti, a monte dei filtri, sarà di 100 mg/m3.Le operazioni di carico avverranno due volte al mese e dureranno indicativamente ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 185. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 185Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleintorno alle due ore.Si avranno pertanto altri quattro punti di emissione in corrispondenza dei sili chevengono denominati E2, E3, E4 e E5.Per gli inquinanti in uscita dai punti di emissione in atmosfera (E1/5) sarannorispettati i limiti imposti dalla Determina n. 120 del 23 marzo 2005 della RegionePuglia, riportati di seguito: Tabella 8 - Limiti di emissione in atmosfera Punti di Provenienza Inquinante Concentrazion emissione e mg/Nmc E1-A Edificio trattamento e recupero Polveri 2,25 Sostanze 3 organiche E1-B Locale trattamento Polveri 4,5 solidi/liquidi Sostanze 0,5 organiche E1-C Locale inertizzazione Polveri 4,5 Sostanze 0,5 organiche E2/5 Sili reagenti in polvere Polveri 5TemperaturaLa temperatura delleffluente proveniente dalle fasi di lavorazione sarà sostanzialmentequella ambiente, in quanto la portata aspirata dal sistema di captazione è praticamentecostituita da aria ambiente.Tempi per il raggiungimento del regime e per linterruzione dellesercizioImmediati.Tempi per la cessazione delle emissioniImmediati. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 186. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 186Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale12 AMBIENTE IDRICO12.1 Lineamenti idrograficiIl territorio in studio non presenta un’idrografia superficiale ben evidenziata, limitandolo scorrimento delle acque meteoriche a solchi di erosione molto ampi, fatta eccezioneper l’unico corso d’acqua a carattere continuo, il torrente Locone, che dista circa 4 Kmdal sito.L’area risulta lambita dal canale Cavallaro, a carattere intermittente, che ne delimita imargini nord-occidentali.Il canale non è inserito nell’elenco dei corsi d’acqua della Regione Puglia, pertanto nonrichiede alcuna misura particolare (distanza 150 m).In ogni caso la distanza del’area di impainto dallo stesso è di circa 380 m.12.2 Analisi degli impatti e misure di contenimentoNella fase di cantiere non si prevedono impatti sull’ambiente idrico in quanto le operepreviste: • non produrranno modifiche allo scorrimento dei corsi d’acqua superficiali; • non produrranno modifiche qualitative o quantitative dei corsi d’acqua superficiali.Nella fase di esercizio gli impatti ascrivibili possono essere relativi agli effluentiliquidi ed al drenaggio delle acque meteoriche ricadenti sull’area.Acque prodotte dalle attività di stabilimento • acque reflue originate dai servizi igienici • acque di lavaggio delle aree interne • percolato proveniente dalle vasche di stoccaggio definitivo • acque di lavaggio automezzi ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 187. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 187Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleAcque di origine meteorica • acque raccolte dai piazzali • acque provenienti dalle coperture degli edifici • acque provenienti dalla copertura dello stoccaggio definitivoLe acque reflue originate dai servizi igienici, dovute alla presenza del personale cheopererà presso lo stabilimento (mensa interna, pulizia del personale operativo, ecc.),verranno scaricate entro apposito pozzetto da circa 2,5 m3 e convogliate al pozzetto diaccumulo delle acque nere e di processo da circa 6 m3.Le acque reflue provenienti dal lavaggio delle aree interne al capannone, verrannoraccolte da apposita rete di drenaggio costituita da pozzetti dotati di griglie, verso i qualile acque confluiranno grazie alle pendenze assegnate alla pavimentazione. Una rete ditubazioni interrate in PEAD conferirà le acque così raccolte al pozzetto delle acque nereper il loro successivo invio alle cisterne di accumulo. Alle stesse cisterne vienerecapitato il percolato prodotto nelle vasche di stoccaggio definitivo.L’accumulo dei percolati e delle acque di lavaggio, è costituito da quattro cisterne da55 m3 in acciaio, inserite in una apposita vasca di contenimento in calcestruzzoarmato.Le acque di lavaggio automezzi verranno raccolte in un apposito pozzetto posto inprossimità dell’area interessata, e da questo inviate al pozzo di raccolta acque nere e diprocesso per mezzo di idonea tubazione.Le acque di origine meteorica provenienti dalle coperture del capannone, edall’edificio servizi, saranno raccolte dalle grondaie e dai discendenti in appositipozzetti ed immesse nella rete fognaria delle acque bianche addotte al torrenteCavallaro.Le acque meteoriche provenienti dai piazzali, verranno raccolte in pozzetti grigliatifacenti parte di una rete di condotte interrate che porterà l’acqua raccolta nella vasca diprima pioggia. Questa è una vasca in calcestruzzo armato interrata, avente capacità tale ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 188. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 188Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleda poter segregare una quantità di acqua pari ai primi 15 minuti di pioggia. Talequantità è fissata usualmente in 5 mm distribuiti su tutta la pavimentazione. Nel caso inesame la pavimentazione interessata ha una superficie di 12.000 mq circa. Ne consegueche la vasca dovrà avere una capacità pari a 60 m3.Le acque raccolte dalla rete e convogliate alla vasca, non accederanno direttamente allavasca ma verranno addotte a una cameretta di calma, realizzata a lato della stessa vasca,dalla quale stramazzeranno nella vasca di raccolta vera e propria. Lo stramazzo saràintercettabile a mezzo di una paratoia motorizzata. Al proseguire della precipitazione illivello dell’acqua contenuta nella vasca salirà fintanto che non sarà raggiunto il livellocorrispondente al volume di prima pioggia.Al raggiungimento di detto livello l’interruttore di alto livello comanderà in chiusura laparatoia motorizzata segregando così le acque di prima pioggia, le quali verrannoinviate alle cisterne di stoccaggio entro le 48 ore successive, quando il volume dellavasca dovrà essere di nuovo a disposizione. Alla fine della fase di evacuazione, lapompa di sollevamento verrà bloccata su segnalazione del sensore di basso livello.Se la precipitazione sarà superiore a 15 minuti, il livello nella cameretta separata dicalma salirà ulteriormente finchè non raggiungerà la tubazione di sfioro nella rete delleacque chiare, installata anch’essa nella camera di calma. Il diametro della tubazione disfioro è uguale a quello della tubazione di adduzione.La paratoia motorizzata verrà riaperta su comando manuale al cessare della pioggia perun tempo superiore alle 48 ore.Le acque meteoriche di seconda pioggia verranno addotte, tramite appositacanalizzazione all’impianto di trattamento acque di seconda pioggia (accuratamentedescritto nella Relazione Tecnica) e verranno successivamente addotte al corpo idricosuperficiale più vicino, il torrente Cavallaro, mediante opportuna rete fognaria.Per quanto riguarda le acque pluviali ricadenti nella discarica sono stati previstiopportuni accorgimenti sia in fase di gestione, sia di chiusura.In fase di gestione sono state previste delle canalette perimetrali in grado di raccoglierele piogge dimensionate in base alla massima precipitazione registrata nel più breve ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 189. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 189Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleintervallo di tempo.Nella fase di chiusura dell’attività è previsto un sistema di copertura che sarà in grado dipreservarla dall’erosione operata dalle acque, di massimizzare l’evapotraspirazionedell’acqua presente nello strato superficiale e di aumentare la stabilità del suolo.Le acque meteoriche provenienti dalla copertura della discarica e captate dallarelativa canaletta perimetrale verranno raccolte in due appositi pozzetti edimmesse nella rete fognaria delle acque bianche.Non sono prevedibili modificazioni negative ai caratteri qualitativi del ricettore né iquantitativi sono tali da poter indurre effetti apprezzabili sul regime delle portate,tuttavia è prevista l’analisi periodica delle caratteristiche qualitative dello stesso. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 190. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 190Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale13 SUOLO E SOTTOSUOLO13.1 Stato di fattoL’area in studio ricade nel Comune di Minervino Murge al confine con quello diCanosa di Puglia, tav. III NW del Foglio 176 dell ‘IGM denominato Lamalunga. E’riportata al catasto nel Foglio 8, particelle 4-24-39-333-334.La cava, attualmente dismessa, occupa parte di un rilievo calcareo morfologicamentepoco acclive con quote incrementali, da nord verso sud da un minimo di circa 160 ad unmassimo di 205 m.s.l.m.. L’estensione della fossa, utilizzata in passato per l’estrazionedi calcare da pietrisco, è pari a circa 15 Ha.La depressione presenta piani di coltivazione a quote differenziate e pareti sub-verticalidisposte ad anfiteatro di altezza variabile fra 10 e 46 m. L’orlo della depressione misurauno sviluppo di circa 1400 m.L’area è accessibile dal fronte occidentale che si congiunge alla viabilità anulare chepermette il transito su tutto il perimetro di cava.Il fondo del bacino è collocato in porzione centro-orientale ed è raggiungibile da Nord,sia per mezzo della suddetta pista anulare, sia attraverso una discenderia realizzatamediante la costruzione di un asse di rampa in terrapieno, condivisa con il piazzale diservizio al vecchio impianto di frantumazione.Nella figura successiva sono riprodotte le due viste prospettiche principali. Dalla stessaè evidente la morfologia del fondo e la disposizione dei fronti cava. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 191. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 191Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalea) vista Nord Ovestb) vista Nord Est ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 192. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 192Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale13.2 Geologia dell’areaI terreni che affiorano nell’area di indagine ed in gran parte della superficie del bacinodelle Murge sono rappresentati da due unità stratigrafiche, il Calcare di Bari (Cretaceosuperiore), le “Calcareniti di Gravina” (Plio-Pleistocene) e da modeste coltri diriporto antropico.Il “Calcare di Bari“ è costituito da calcari micritici di colore avana e grigio, in stratidi spessore variabile fra un centimetro ed un metro spesso interessato da fenomenicarsici.All’interno di tale unità sono presenti sacche di brecce ben cementate con clasticalcarei, a spigoli vivi, (dimensioni variabili fra 0.5 e 30 cm) in matrice marnosa dicolore nerastro o grigio-verdastro.Al tetto dei calcari stratificati poggiano, in trasgressione, le “Calcareniti di Gravina”.Si tratta di biocalcareniti di colore giallastro grossolanamente stratificate edimmergenti a Nord-Est di circa 10°. Queste unità affiorano esclusivamente nel settoresettentrionale dell’area con spessori massimi di circa 3 m.In minima parte si rinvengono coltri di riporto che documentano l’accumulo dimateriale dovuto ad attività estrattiva.13.3 Assetto strutturaleL’assetto dell’unità calcarea è in genere a monoclinale, immergente di pochi gradi(10-15°) verso Est, ma sono presenti frequenti ondulazioni dovute a pieghe(anticlinali e sinclinali) a largo raggio di curvatura con piani assiali aventi direzioneprevalente N10°W e subordinatamente N100°E. Nell’area settentrionale si rinviene unapiega rovesciata con piano assiale orientato N30E, immergente di 11° a W-NWdelimitata al letto da una faglia inversa a basso angolo (35-40°) con indicatoricinematici (strie con gradini di calcite), che indicano una direzione di trasporto tettonicoverso SE. Questo tipo di strutture compressive risultano anomale in settori di ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 193. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 193Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleavampaese poco deformate, quale è quello delle Murge.La compagine carbonatica è pervasa da una sistematica fratturazione e solo localmenteinteressata da alcune faglie sub-verticali evidenziate da piani con strie di movimentotipo dip-slip e strike-slip che non producono tuttavia rigetti stratigrafici significativi.13.4 Caratteristiche dell’ammasso rocciosoLe quattro stazioni geomeccaniche (A-B-C-D) sono state ubicate secondo un criterioconservativo, alla ricerca delle condizioni di servizio limite dell’ammasso roccioso.La scelta delle zone è stata quindi orientata, dopo l’esame visivo dei fronti, alle areecolpite da cinematismi pregressi o incipienti.Gli accertamenti hanno confermato la presenza di una fratturazione quasiesclusivamente sub-verticale, con inclinazioni comprese fra 70 e 88°. Sono stateindividuate due famiglie di fratture principali orientate con direzione N10W e N30E perla prima e N20W e N60W per la seconda. Subordinatamente è presente ancheun’orientazione secondaria con direzione tra N70E e N110E.Tutte le discontinuità sono state sottoposte a proiezione stereografica e diagrammate informa stellare.I dati medi di rilievo sono sintetizzati in Tabella 9. Tabella 9 - Dati medi di rilievo Immersione Inclinazione Apertura delle Frequenza Sigla stazione famiglia Famiglia Fratture 1/m principale principale mm A 184° 74° 0.5 0.84 B 13° 83° 0.3 2.73 C 169° 81° 0.3 0.45 D 71° 88° 2.1 22.5La maggior parte delle fratture corrispondono alle superfici di discontinuità ondulate,debolmente aperte e raramente riempite da ossidi o microclasti, in minima parte da ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 194. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 194Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalefaglie a modesto rigetto.Partendo dal presupposto che non tutte le discontinuità svolgono lo stesso ruolo ai finidel drenaggio, le vie di fuga idraulica principali sono rappresentate da fratture ditrazione (tension joint) ed di taglio (shear joint) che si rinvengono associate alle pieghe.Le faglie assumono fra queste ultime importanza crescente in funzione delle aperture,della regolarità geometrica e degli spostamenti soprattutto nella componenteorizzontale.13.5 Sismicità dell’areaL’area si colloca in zona sismica di 2a cat. con grado di sismicità S=9 e coefficientedi intensità sismica C=(S-2)/100=0.07, dichiarata sismica come da D.M. 7/3/81.Nella cartina seguente è illustrata la situazione sismica dei comuni della RegionePuglia, dove sono individuate per campitura di colore le aree a differente grado disismicità attribuito dal suddetto D.M. Zona non classificata Seconda categoria Terza categoria Prima categoria ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 195. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 195Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Minervino MurgeLa mappa sottostante evidenzia invece le massime intensità microsismiche osservate neicomuni pugliesi; Minervino Murge ricade in un’area corrispondente all’8° grado diintensità Mercalli - Sieberg. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 196. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 196Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale MinervinoLe verifiche di stabilità dei fronti sono state effettuate considerando un sisma diprogetto S=9.13.6 Proprietà fisico-meccaniche dell’ammasso rocciosoDurante i rilievi sono stati effettuati tre sondaggi geomeccanici utilizzando una unitàdi perforazione CMV 600 MK, carrata. Le perforazioni sono state effettuate con utensiliadeguati alle caratteristiche dei materiali, impiegando sistema ad aste, doppio carotierecon corone al widia o al diamante nei tratti di roccia estremamente dura.I logs stratigrafici, oltre alla descrizione dei materiali rinvenuti e del grado difratturazione, sono stati integrati da un’attenta analisi tipologica e geometrica dellediscontinuità finalizzata alla caratterizzazione dell’ammasso in termini di proprietàmeccaniche.Oltre alle valutazioni indirette dell’ammasso, è stato avviato un campo di analisisperimentali di laboratorio finalizzate all’accertamento delle caratteristiche fisiche e di ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 197. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 197Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleresistenza al taglio dei materiali. A tal fine sono stati utilizzati metodi di correlazionefra resistenza puntuale Point Load Test e misure di compressione su carote di formacilindrica opportunamente predisposte mediante taglio, spianatura e capping.L’attribuzione dei parametri finali è stata pertanto filtrata e perfezionata, con buongrado di confidenza, in base all’insieme di elementi scaturiti dai rilievi geomeccanici disuperficie, da quelli in foro, da misure sperimentali di laboratorio e dall’approccio diback-analisis utilizzato nelle valutazioni di stabilità dei fronti.In termini di resistenza intrinseca del materiale i valori misurati mediante i test dilaboratorio sono riassunti in Tabella 10. Tabella 10 - Valori di resistenza intrinseca del materiale Resistenza a Diametro del Peso di Indice di Numero di compressione provino Volume resistenza campioni media D mm t/mc Is 50 (MPa) Kg/cmq S1 83 2.650 23.8 499.3 S2 83 2.680 25.6 450.5 S3 83 2.670 24.3 832.5Le prove sopra elencate, sono rappresentative di campioni di roccia sana e priva difratture e giunti di strato, in condizioni di isotropia ottimale.Dai valori, si nota un’elevata attendibilità delle prove puntuali PLT, ottimamentecorrelabili con l’equazione δ = C·Is(50) con C=26 (fattore di forma ASTM D5731).La roccia sana manifesta resistenze a compressione variabili fra 40 e 90 MPa, valoreche dimostra un’ottima qualità per l’impiego come pietrisco per sovrastrutture stradali.A titolo conoscitivo sono state approntate alcune misure PLT in prossimità dei giunti distrato. I valori hanno denotato una modesta mobilitazione della coesione ed una spiccatapredisposizione alla separazione preferenziale.E’ necessario osservare che, in presenza della spinta fratturazione degli elementi comequella osservata, il comportamento dellammasso dipende, oltre che dalle qualitàintrinseche della roccia costituente, principalmente dalla resistenza al taglio mobilitatalungo le discontinuità. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 198. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 198Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientalePer l’attribuzione delle proprietà meccaniche dell’ammasso, oltre alla frequenza edisposizione delle discontinuità nei confronti del componente esaminato, giocano unruolo fondamentale l’acquisizione delle caratteristiche delle superfici e quindi lascabrosità, l’apertura, le condizioni idrauliche al contorno e la presenza di riempimentio cementi naturali.Dallanalisi statistica effettuata sulle fratture, risulta una predominanza di giunti diforma ondulata, da debolmente aperti ad aperti, in parte riempiti da ossidi e adinclinazione prevalentemente sub-verticale.Per consentire una parametrizzazione dell’ammasso in termini di resistenza al taglio(Tabella 11) i dati acquisiti sono stati analizzati in base al Rock Mass Rating Sistem(Bieniawskj 1979). Tabella 11 - Parametrizzazione Parametri Attribuzione degli indici R1 7 R2 13 R3 15 R4 25 R5 10 B – Slopes -25 Totale 45 Classe III Coesione Kg/cmq 2-3 Friction angle (°) 25-35 R1-R2-R3-R4 etc. = ratio 1-ratio 2 - ratio 3 - ratio 4 etc - B tipologia strutturaleAttraverso la Tabella 11 e possibile attribuire allammasso valori di resistenza al tagliovariabili in termini di coesioni fra 200 a 300 KPa ed angoli di attrito entro un range di25-35°. All’interno di questi range sono state rivalutate attribuite le resistenze deiclaster principali rivalutando più approfonditamente le condizioni delle singolediscontinuità.13.7 Inquadramento idrogeologico generale e idrografia superficialeL’unità idrogeologica dell’area è rappresentata unicamente dai calcari e calcari ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 199. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 199Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaledolomitici mesozoici. Scarsa rilevanza assumono le locali coperture trasgressiveQuaternarie, posizionate sempre a quote superiori a quelle del livello freatico.Per tali acquiferi, fortemente anisotropi, la permeabilità è legata esclusivamente algrado di fratturazione dell’ammasso roccioso ed alle caratteristiche intrinseche dellediscontinuità (apertura, riempimento, frequenza), ma soprattutto alla presenza di formedi dissoluzione carsica. La circolazione idrica sotterranea avviene esclusivamente pervie di preferenziale deflusso, rappresentate dalle canalizzazioni carsiche ipogeeinterconnesse al ben sviluppato sistema di fratturazione (Tulipano et al.., 1990).Nel sistema Murgiano la circolazione delle acque avviene in pressione e moltospesso al di sotto del livello del mare. Questa caratteristica è imputabile alla presenza,nell’unità carbonatica, di zone integre o scarsamente fratturate, proprio in prossimità dellivello del mare, che fungono da barriera impermeabile rispetto alla sottostanteformazione fratturata e carsificata.Nell’area di cava il livello freatico è intercettato a -10, -20 metri al di sotto del livellodel mare, con risalita del livello statico dal piano campagna variabile tra 140 e 250 m(informazioni ottenute da pozzi localizzati nel raggio di 2Km).L’alimentazione del sistema idrografico è assicurata dalle precipitazioni del semestreautunno-inverno. Le vie attraverso le quali le acque di precipitazione meteoricaraggiungono l’acquifero profondo sono rappresentate da quei canali (inghiottitoi,doline, lame, fratture) che interessano la compagine carbonatica fino al tettodell’acquifero.Emerge dai dati raccolti, l’incongruenza di una falda profonda in pressione associata aduna modesta circolazione superficiale, implicitamente associabile alla presenza di lineedi flusso sviluppate. E’ possibile supporre che l’alimentazione dell’acquifero nonavvenga sulla verticale del sito ma ad una certa distanza da esso. Inoltre non essendostata rilevata acqua nei piezometri installati nei fori di sondaggio, si può asserire chesono presenti falde sospese entro 30m di profondità dal piano campagna.In accordo al modello di circolazione idrica sotterranea per fessurazione e carsificazioneche contraddistingue la compagine carbonatica, l’idrografia superficiale dipende ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 200. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 200Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalestrettamente dalle caratteristiche puntuali dell’acquifero stesso. In particolare nellazona, la circolazione idrica superficiale è scarsamente rappresentata, fattaeccezione per l’unico corso d’acqua a carattere continuo, il torrente Locone, chedista circa 4Km dal sito. L’area risulta invece lambita dal canale Cavallaro, acarattere intermittente, che ne delimita i margini nord-occidentali.13.8 Direzioni principali di deflusso e permeabilità dell’ammassoCome accennato in precedenza il deflusso meteorico viene smaltito rapidamente dalreticolo di faglie e fratture di trazione in comunicazione con la rete carsica epigea eprofonda.I rilievi geomeccanici effettuati sui fronti cava confermano immersioni prevalenti dellefratture e delle faglie verso SW-SE e NW, direzione coincidente con gli assi di svilupporegionale della rete carsica. A queste direzioni è comunque necessario sommare unaimportante componente verticale.A conferma delle considerazioni effettuate in merito ai meccanismi generali dicircolazione idraulica sono state effettuate alcune misure di permeabilità Lugeon neifori di sondaggio unitamente a valutazioni di calcolo statistico sulle permeabilità globalidell’ammasso e sulle direzioni prevalenti di deflusso dovuto alla fratturazione. Le proveLugeon sono state eseguite ogni 3 m. di profondità di perforazione, durantel’avanzamento, utilizzando un paker ad espansione idraulica sommitale.Le risultanze sono descritte in forma sintetica nella tabella seguente. Tabella 12 - Valori di permeabilità Lugeon Coeff. Di Profondità Sondaggio n. RQD Unità Lugeon permeabilità fondo foro m cm/s S1 6.00 55 Ass. nullo Non permeabile S2 6.00 23 1.5 1·10-5 S2 10.50 0 6 6·10-5 S2 16.20 35 70 7·10-4 S3 6.50 2 0.6 6·10-6 S3 12.50 69 2.6 2·10-5 S3 18.50 25 Ass. nullo Non permeabile S3 21.60 62 Ass. nullo Non permeabile S3 26.80 70 6.4 6·10-5 ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 201. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 201Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleSi noti che valori elevati dell’RQD non sempre corrispondano a valori bassi dellapermeabilità, in quanto una sola frattura aperta, può rappresentare una rapida via di fugaidraulica. Viceversa RQD modesti ma dovuti a fratture di giunto serrate, risultano pocopermeabili.I valori del tensore permeabilità dell’ammasso provenienti dall’analisi statistica dellediscontinuità sulle superfici cava forniscono nell’insieme valori più elevati rispetto alleprove Lugeon.Le cause sono da ricondurre al detensionamento provocato dall’azione impattante degliesplosivi utilizzati per l’abbattimento dei fronti che dalla prolungata esposizioneatmosferica. Permeabilità Direzione del Permeabilità Direzione di Stazione massima deflusso Minima deflusso minimo cm/s massimo cm/s A 1·10-2 S-E 9·10-5 S-W B 5·10-5 S-W Nulla NW C 3·10-4 S-W 1·10-4 NW D 2·10-2 S-W 2·10-3 NWDall’insieme dei dati è quindi possibile trarre le seguenti conclusioni : • L’ammasso possiede una permeabilità generalmente medio-bassa ad esclusione delle localizzate vie di infiltrazione carsica che rappresentano vie di veloce infiltrazione • Le prove Lugeon effettuate a scansione di profondità costante, in un ammasso praticamente indisturbato, denotano una permeabilità generalmente media e talora estremamente bassa o nulla. • Gli effetti turbativi dovuti agli scavi con esplosivo producono un incremento della permeabilità globale dell’ammasso per l’apertura di fratture generalmente chiuse. • Il fondo della cava ha subito una parziale impermeabilizzazione dovuta alla sedimentazione di polveri “fini” di lavorazione come evidenziato dalla dai ristagni ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 202. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 202Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale di acqua meteorica che si rinvengono per periodi prolungati dopo ogni precipitazione. • Il rapporto fra apporti dovuti alle precipitazioni dirette ed alle acque filtranti e perdite di fondo del bacino e dalle pareti è superiore all’unità.Nell’insieme è quindi rappresentativo giudicare l’ammasso dotato di permeabilitàmoderate (K=10-5cm/s) ad esclusione delle aree fratturate, ancor più se ricadenti inprossimità dei fronti messi a nudo durante gli sbancamenti.13.9 Uso del suoloL’ambito territoriale in cui ricade l’impianto in oggetto appartiene al sottosistema dipaesaggio delle Murge alte, che comprende le aree più elevate e più interne delleMurge. Le quote variano da circa 300 a oltre 600 m. s.l.m. L’altipiano, parallelo allalinea di costa, presenta una morfologia da ondulata a fortemente ondulata, con presenzadi piccoli rilievi ed affioramenti rocciosi. L’area presenta numerose incisioni “lame”, euna notevole diffusione di forme carsiche.La litologia dell’area, costituita dai calcari di Altamura e di Bari, ha reso possibile ilfiorire di una intensa attività estrattiva come testimoniano numerose ampie cavepresenti nelle immediate vicinanze della stessa.L’uso del suolo è principalmente a pascolo e pascolo arborato. Sono diffuse ridotteformazioni boschive naturali nelle aree più elevate. Sono presenti seminativi e, inmisura minore, oliveti soltanto nelle aree meno elevate.I suoli di queste aree hanno come principale caratteristica il loro limitato spessore, adesclusione dei suoli presenti nelle “lame” e nelle depressioni carsiche.13.10 Qualità delle acque di faldaNella zona in esame sono presenti diversi pozzi, di cui alcuni posizionati nel raggio diun chilometro dall’area di studio.Nel maggio 2004 sono stati effettuati due prelievi da pozzo attingenti in falda carsica ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 203. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 203Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleprofonda. Tali campioni sono stati opportunamente sottoposti a prove di laboratorio, diseguito si riportano i certificati delle analisi effettuate dalla ALLKEMA engineering S.r.l. Figura 17 - Certificato di analisi su acque di pozzo ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 204. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 204Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Figura 18 - Certificato di analisi su acque di pozzo ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 205. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 205Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleDai parametri rilevati si osserva una buona congruenza relativamente ai contenutiidrochimici, che pertanto possono costituire il riferimento del “Fondo naturale” checaratterizza l’acquifero carsico, anche nella zona di studio.L’acqua prelevata dai due pozzi presenta infatti tutti i parametri analizzati sempre al disotto dei valori limite di cui al D.M. 471/99. Solo il pozzo di Masseria Semele evidenziacontenuti in ferro e zinco superiori ai valori limite, a causa di una situazione che è stataverbalmente riferita dal proprietario, relativamente allo stato fatiscente delle tubazionidella colonna di rivestimento del pozzo.13.11 Analisi degli impatti e misure di contenimentoRelativamente agli aspetti geologici e morfogenetici del territorio, il sito prescelto per larealizzazione degli impianti non presenta particolari controindicazioni; in particolareper quanto riguarda la stabilità, il progetto ha previsto sistemazioni adeguate. Gliattuali fronti di cava, caratterizzati dalla presenza di calcarenite nella parte piùsuperficiale, verranno riprofilati ove necessario per garantire una buona tenuta statica,in quanto del tutto omogenea e priva o con scarse diaclasi riempite da terra rossa, deltutto assenti le cavità.Inoltre la morfologia complessiva dell’abbancamento sarà tenuta sotto controllo siain fase di gestione che di post-chiusura con lo scopo di accertare il mantenimento deiprofili e delle quote stabilite nel progetto approvato.Per questa attività sarà fissato un caposaldo sul piazzale. Verranno poi posizionate unaserie di postazioni fisse sul corpo dell’abbancamento e sulle principali reti di drenaggioper effettuare con cadenza mensile la misura delle loro quote accertando ilmantenimento di quelle di progetto. Periodicamente (settimanalmente) verrà percorsatutta l’area con lo scopo di verificare l’esistenza di eventuali cedimenti. Alriconoscimento seguirà il rilievo con postazioni mobili. Delle rilevazioni congiunte siterrà un accurata registrazione per testimoniare l’evolversi del fenomeno.E’ lecito tuttavia ritenere che, date le specifiche caratteristiche dei rifiuti trattati, icedimenti che si potranno avere nella vasca di stoccaggio risulteranno ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 206. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 206Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleestremamente contenuti e tali da non creare problemi alle coperture.Per quanto riguarda la verifica della vulnerabilità della falda acquifera, in relazione aquanto rilevato riguardo le condizioni idrogeologiche, non sussistono particolaricontroindicazioni; infatti l’acquifero, sebbene la discreta permeabilità del serbatoio chelo contiene, in quanto trattasi di formazioni carbonatiche (calcareniti e calcari), si trovasufficientemente distante dal fondo della discarica e le oscillazioni della falda freaticasono così modeste da non alterare le condizioni idrogeologiche attuali.Bisogna inoltre considerare l’alta affidabilità del sistema di impermeabilizzazioneprevisto per la discarica (costituito da argilla, HDPE e geocomposto bentonitico) e pergli stoccaggi temporanei del percolato, nonché delle reti di raccolta delle acque pluvialipotenzialmente inquinate.È stato infine previsto un sistema di monitoraggio della falda attraverso piezometriposti a monte e a valle della direzione di flusso della stessa; questo sistema sarà più chesufficiente a tenere sotto controllo, sia in uscita che in ingresso, le caratteristichequalitative delle acque di falda.In fase di cantiere le operazioni di scavo interesseranno terreni con buone proprietàgeotecniche, pertanto si possono escludere conseguenze sulla stabilità d’insieme dellazona; l’area inoltre si presenta priva di qualsiasi fenomeno di dissesto.L’entità dei movimenti terra previsti, nonché le caratteristiche e le dimensioni dellestrutture interrate, non sono tali da poter indurre perturbazioni apprezzabili.Per quanto riguarda l’uso del suolo, l’intervento non comporterà perdita di suolo, inquanto l’impianto andrà ad interessare un’area degradata dall’attività estrattiva e chenecessita di un ripristino ambientale. Tale ripristino sarà effettuato riempiendo di rifiutiil vuoto creatosi nel corso dell’attività di cava e, a chiusura discarica, seguendo le piùmoderne tecnologie di ingegneria ambientale nella fase di ricopertura.Nella fase di esercizio dell’impianto si ricorda che, al fine di contenere eventuali impattinei confronti dei corpi idrici sotterranei, il progetto prevede sia l’impermeabilizzazioneartificiale della vasca di stoccaggio rifiuti, che la realizzazione di una rete di drenaggiodelle acque meteoriche ricadenti all’interno dell’area dell’impianto. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 207. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 207Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleIn conclusione l’entità del rischio su tale componente risulta trascurabile in quanto glielementi di pericolosità geologica ed idrogeologica del sito, come descritto, sipresentano molto bassi. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 208. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 208Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale14 FLORA, FAUNA ED ECOSISTEMI14.1 Vegetazione e floraLe analisi riguardanti le comunità vegetali presenti nella zona relativa alla collocazionedell’impianto sono state svolte soprattutto a scala locale al fine di studiare nel massimodettaglio le interazioni tra l’opera e la sfera biologica.I dati sono stati acquisiti attraverso informazioni bibliografiche relative a fitocenosilimitrofe all’area in esame e a segnalazioni di biotopi di interesse vegetazionale.Per fornire indici o giudizi sul grado di sensibilità dell’ambiente nei confronti di ungenerico intervento è stata definita una scala di naturalità delle aree nell’ipotesi chequelle con un maggiore grado siano più sensibili all’impatto dell’intervento rispetto aquelle fortemente antropizzate.Le fitocenosi individuate sul territorio sono state raggruppate, come può vedersi nellatabella seguente, in sei livelli di naturalità, intesi come misura della distanza dellaconfigurazione vegetazionale attuale dalla potenziale situazione di equilibrio (climax).LIVELLI DI NATURALITÀ DELLE COMUNITÀ VEGETALI LIVELLO DESCRIZIONE 1 Aree prive di vegetazione Aree urbanizzate, aree industrializzate, cave, linee ferroviarie, svincoli stradali e strade. 2 Agrosistemi erbacei Colture intensive irrigue, seminativi, colture ortive, prati falciati e prati pascoli. 3 Agrosistemi arborei Colture arboree 4 Cespuglieti Coltivi abbandonati, incolti, cespuglieti. 5 Boschi cedui Boschi cedui. 6 Vegetazione igrofila Vegetazione igrofila lungo i corsi d’acqua e lacustreLa scala riflette in ordine crescente il grado di naturalità delle fitocenosi e in ordinedecrescente il grado di pressione antropica.I livelli 1, 2 e 3 includono aree ad elevatissima artificialità, come le aree urbanizzate, lecave e le superfici coltivate; il livello 4 comprende quelle cenosi che per struttura ecomposizione floristica mantengono un basso grado di naturalità, come gli incolti, icespuglieti in generale, i residui di vegetazione spontanea fra i coltivi; i livelli 5 e 6 ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 209. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 209Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalepossono essere valutati come medi livelli di naturalità in quanto, nonostante le areeconsiderate siano ancora soggette ad azione antropica, le cenosi presenti si avvicinanoalla relativa vegetazione potenziale.14.1.1 Caratteristiche vegetazionaliIl territorio che circoscrive l’area in oggetto, a causa dei fattori precedentementemenzionati nonché della sua destinazione d’uso, non è caratterizzato da presenzevegetazionali di particolare rilievo.La vegetazione spontanea della zona è oggi ridotta a pochi lembi residui boscosi aQuercus Pubescens ad ecologia continentale, fortemente antropizzati, misti ad elementidella fascia delle steppe a Stipa e della Stipa tortilis, a cui si accompagnano elementidella fascia del Bosco misto a Quercus Tilia-Acer e delle altre fasce in minimapercentuale.Sembra probabile che il querceto, in seguito a devastazioni, abbia dato luogo ai Pascolied alle aree nude con roccia scoperta, mentre la Roverella si è ritirata sia sui pendii delleMurge sul versante Adriatico che verso Sud-Est e verso Nord-Ovest, formando così unafascia che abbraccia le cime più alte oggi ridotte a pascoli. Questa fascia a Roverellaraggiunge in alto i 500 m. s.l.m. e confina in basso con la vegetazione mediterraneaverso i 300 m. s.l.m., dove comincia la coltura specializzata dell’Olivo.Concludendo si può dire che il Climax attuale delle Murge di Nord-Ovest èrappresentato dal Bosco a Roverella, mentre nei dintorni dell’area in esame la colturaprevalente è ad Uliveto.L’impianto in oggetto ricade in un’area precedentemente utilizzata a scopi estrattivi,ovvero coltivazione di cave in calcare, pertanto le caratteristiche vegetazionali dellastessa non possono che ricadere nel livello di più basso valore dal punto di vistaambientale (1).Le opere previste andranno quindi ad inserirsi in un contesto già fortementeantropizzato, in cui si rilevano soprattutto le specie più rustiche, che presentanomeno difficoltà a sopravvivere negli ambienti degradati. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 210. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 210Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale14.2 Fauna14.2.1 Raccolta e organizzazione dei dati di baseCome fase preliminare dell’indagine è stata eseguita una ricerca bibliografica perindividuare le presenze faunistiche passate ed attuali e per raccogliere le informazioniutili alla definizione delle caratteristiche degli ambienti faunistici dell’area in oggetto.É stata poi svolta una ricerca, presso le amministrazioni provinciali e regionali, gli entilocali e le associazioni, sulle norme legislative e sui dati relativi alla gestione dellafauna.In tal modo si è potuta elaborare una visione d’insieme della situazione attualesufficiente a definire i probabili effetti connessi con la realizzazione dell’impianto inprogetto.Infine è stato compiuto un sopralluogo sull’area di localizzazione dell’impianto perl’identificazione dei principali ambienti in relazione alla loro potenzialità faunistica.14.2.2 Identificazione dei principali ambienti faunisticiIl territorio in esame, come si è già visto nella parte precedente relativa allavegetazione, si presenta artefatto e pertanto anche la situazione faunistica si ètrasformata.La fauna ha subito una notevole rarefazione, rispetto alla sua consistenza originaria, conla regressione sia del numero delle specie di animali esistenti, sia dell’entità dellepopolazioni delle specie che ancora sopravvivono.La riduzione degli ambienti naturali e la pressione venatoria hanno avuto un’influenzadecisiva nella scomparsa delle più grandi e vistose specie di mammiferi terricoli nonchésulla sosta e nidificazione degli uccelli, soprattutto acquatici.Si riscontra quindi la presenza di una fauna di tipo comune che si è adattata alla mutatasituazione, sia come avifauna che per i mammiferi ed i rettili, comunque presenti innumero piuttosto limitato. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 211. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 211Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleL’elevata pressione antropica ha alterato nel tempo gli equilibri naturali incidendofortemente sia sulle caratteristiche vegetazionali che su quelle faunistiche.14.3 Analisi degli impatti e misure di contenimentoNon si ritiene sussistano impatti né sulla vegetazione né sulla fauna in quantol’impianto interesserà un’area già fortemente trasformata dall’uomo. Infatti l’area ècaratterizzata dalla presenza di attività estrattive.Allo scopo di ricreare una certa armonia con il paesaggio circostante, per ripristinarecon il tempo gli aspetti percettivi preesistenti, provvederà all’inserimento di numerosispazi verdi con lo scopo di mitigare e rendere piacevole l’inserimento dell’opera.Si provvederà inoltre, in fase di chiusura della discarica, al completo ripristino del sitomediante un sistema di ricopertura sigillante costituito in superficie da terreno agricolosul quale verranno impostati interventi di inerbimento e piantumazione di essenzeautoctone, in accordo con le caratteristiche morfologiche e climatiche e con ladistribuzione e la tipologia delle specie vegetali locali.Il fatto che nelle aree e nelle zone limitrofe non si rilevano elementi naturalistici dipregio o significativi, anzi zone piuttosto degradate, contribuisce alla limitazionedell’impatto.Concludendo non si ritiene che sussistano impatti né sulla vegetazione né sullafauna in quanto l’impianto interesserà un’area fortemente trasformata. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 212. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 212Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale15 SALUTE PUBBLICA15.1 Analisi della struttura antropicaL’area in cui ricade l’impianto non risulta urbanizzata in quanto la stessa ed il suointorno sono stati in passato sfruttati per scopi estrattivi.I centri abitati più vicini sono quelli di Minervino Murge che dista circa 9 Km eCanosa di Puglia che dista circa 6 Km.Nell’intorno sono presenti solo poche e singole abitazioni.15.2 Analisi degli impatti e misure di contenimentoI potenziali impatti a cui gli addetti all’impianto saranno esposti possono essere: polverie rumore; le popolazioni limitrofe possono essere invece soggette ad eventualeinquinamento atmosferico dovuto al traffico veicolare.Per quanto riguarda le emissioni generate dall’attività di conferimento dei rifiutiallimpianto, si fa osservare che l’attività di trattamento avverrà all’interno di unfabbricato industriale dotato di ricircolo dell’aria (n. 3 ricambi/ora) e l’aria vieneopportunamente deodorata e trattata dall’impianto già descritto in precedenza.Da tutto questo si è portati a desumere che non potranno aversi effetti diretti sullasalute pubblica a seguito della attività dellimpianto in esame.Saranno comunque svolte campagne di monitoraggio sanitario nelle aree circostanti esui dipendenti per tenere sotto controllo l’evolversi della situazione.Inoltre in ottemperanza al Decreto legislativo “recante attuazione delle direttivecomunitarie riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratorisul luogo di lavoro” e sue integrazioni e modifiche (D.Lgs. 626/94 e 242/96), ilpersonale seguirà corsi di formazione sulla gestione dei rifiuti e sulla sicurezza sullavoro (prevenzione infortuni, elettricisti, rumore, movimentazione, pronto soccorso,emergenza, ecc.) ed il datore di lavoro effettuerà le prescritte valutazioni dei rischi. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 213. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 213Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleLa Società Delta Petroli S.p.A. adempirà agli obblighi previsti dalla normativa sullaprevenzione degli infortuni, l’igiene sul lavoro, i rumori nonché sulla salute e sullasicurezza del lavoro secondo quanto prescritto dalla vigente normativa ed in particolare: • D. Lgs: 277/91 - “Protezione dei lavoratori contro i rischi da esposizione ad agenti chimici, fisici, biologici, rumore, piombo e amianto”; • D.Lgs. 626/94 - “Misure per la tutela della salute e per la sicurezza dei lavoratori negli ambienti di lavoro”; • D.Lgs: 242/96 - recante modifiche e integrazioni al D.Lgs. 626/94.La Società Delta Petroli S.p.A. si impegna a redigere il documento di valutazione deirischi secondo le modalità previste dai Decreti Legislativi 626/94 e 242/96; scopo deldocumento è raccogliere in forma organica la documentazione aziendale in materiadi sicurezza, comprendente le valutazioni dei pericoli e dei rischi relativi cui èesposto il Personale dell’impianto della Delta Petroli S.p.A.Data poi la particolare natura delle attività svolte nell’impianto, assai differenti daquelle effettuate nella maggior parte delle aziende manifatturiere o di trasformazione, èopportuno pervenire all’elaborazione di una Check List; in essa si opera la seguentesuddivisione: • pericoli di tipo fisico-meccanico: pericoli per la sicurezza dovuti a fattori di tipo fisico e/o meccanico, quali ad es. le cadute , le scottature, i tagli, ecc; • elementi di tipo operativo-organizzativo: sotto gli elementi relativi alla complessità delle mansioni e dell’uso delle attrezzature, al posto di lavoro, ai videoterminali, alla movimentazione manuale carichi; • pericoli dovuti a fattori igienico-ambientali: sono i pericoli generalmente considerati come fattori di rischio per la salute dei lavoratori, come determinanti situazioni di rischio in funzione della prolungata esposizione.In seguito alla redazione del documento di valutazione dei rischi, saranno predispostiadeguati provvedimenti atti a ridurre la probabilità di rischio per la sicurezza e la salutedei lavoratori. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 214. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 214Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleUno specialista in medicina del lavoro, oltre a constatare le effettive condizioni dilavoro degli addetti, sottopone gli stessi a visite di controllo medico periodico al finedi prevenire eventuali rischi derivanti da esposizione ad agenti chimici, fisici o biologicidurante il lavoro.Nel quadro degli adempimenti previsti dalla normativa vigente Delta Petroli S.p.A.,insieme al Medico Competente, osserva le seguenti disposizioni: • viene effettuato il controllo degli ambienti di lavoro, almeno due volte all’anno; • insieme al responsabile del servizio di prevenzione e protezione e al medico competente, previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, redige il documento di valutazione dei rischi che contiene: - i criteri adottati per la tutela dei lavoratori; - il programma del controllo dell’esposizione dei lavoratori; - protocollo di sorveglianza sanitaria (per i dipendenti: visite mediche annuali; per gli addetti ai reparti laboratorio, piazzale e manutenzione: visite mediche trimestrali); • vengono predisposte Riunioni Periodiche di Prevenzione e Protezione nelle quali vengono comunicati dal Medico i risultati degli accertamenti clinici e strumentali effettuati; • vengono predisposti Programmi di Formazione e Informazione dei Lavoratori; in particolare i lavoratori vengono informati su: - il significato degli accertamenti sanitari a cui sono sottoposti; - il risultato degli accertamenti sanitari; - la necessità di sottoporsi a controlli sanitari anche cessata l’attività, nel caso di esposizione ad agenti a lungo termine.Saranno poi rispettate anche tutte le seguenti norme (descritte nel piano di sicurezza econtrollo): • norme di prevenzione sul lavoro; • misure generali di tutela (art. 3 D.Lgs. 626/94); • obblighi del datore di lavoro, del dirigente, del preposto (art. 4 D.Lgs. 626/94); ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 215. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 215Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale • obblighi dei lavoratori (art. 5 D.Lgs. 626/94); • contratto di appalto o contratto d’opera (art. 7 D.Lgs. 626/94); • Codice Civile Art. 2087 “Tutela delle condizioni di lavoro”; • Codice Penale Art. 437 “Rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro”; • Codice Penale Art. 451 “Omissione colposa di cautele o difese contro disastri o infortuni sul lavoro”; • norme generali di sicurezza e igiene del lavoro; • norme sull’abbigliamento da lavoro; • norme generali per gli addetti ai mezzi di movimentazione interna all’impianto. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 216. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 216Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale16 RUMORE E VIBRAZIONI16.1 Emissioni sonorePer la valutazione dell’inquinamento acustico vengono in genere adottati due critericomplementari: il criterio relativo ed il criterio assoluto.Il primo è basato sul limite di tollerabilità della differenza tra rumore ambientale erumore residuo; viene utilizzato per la valutazione del rumore in un ambiente abitativoeffettuandone la misura all’interno.Il secondo, utilizzato per tipologie impiantistiche del tipo in oggetto, effettua lavalutazione del rumore in ambiente esterno eseguendo la misura all’esterno; definisce illivello sonoro che un’attività rumorosa può provocare agli insediamenti abitativicircostanti col vantaggio di fissare un tetto massimo non superabile.I limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e in quello esternosono stati fissati dall’ultimo DPCM del 14 novembre 1997.Attraverso l’utilizzo di tali criteri, l’imprenditore può eseguire una stima finanziaria difattibilità, scegliere la più idonea localizzazione dell’attività e preventivare i costi degliinterventi antirumore.Il DPCM del 14 novembre 1997 distingue le seguenti sei classi per le quali, infunzione delle destinazioni d’uso del territorio, è definito ammissibile un livello sonoroequivalente continuo (Leq) espresso in dB(A): ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 217. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 217 Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale Tabella 13 - Valori limite di emissione e di immissione fissati dal DPCM 14 Nov. 1997CLASSE DESCRIZIONE TEMPI DI RIFERIMENTO Leq in dB(A) EMISSIONI IMMISSIONI Diurno Notturno Diurno Notturno (06.00- (22.00- (06.00- (22.00- 22.00) 06.00) 22.00) 06.00)I Aree nelle quali la quiete rappresenta un elementoAREE PARTICOLARMENTE di base per la loro utilizzazione: aree ospedaliere, 45 35 50 40PROTETTE scolastiche, destinate al riposo e allo svago, residenziali rurali, di particolare interesse urbanistico, parchi naturali, ecc.II Aree urbane interessate prevalentemente daAREE DESTINATE AD USO traffico veicolare locale, con bassa densità di 50 40 55 45PREVALENTEMENTE popolazione, con limitata presenza di attivitàRESIDENZIALE commerciali ed assenza di attività industriali ed artigianali.III Aree urbane interessate da traffico veicolare localeAREE DI TIPO MISTO o di attraversamento, con media densità di 55 45 60 50 popolazione, con presenza di attività commerciali e uffici, con limitata presenza di attività artigianali e con presenza di attività industriali; aree rurali interessate da attività che impiegano macchine operatrici.IV Aree urbane interessate da intenso trafficoAREE DI INTENSA ATTIVITÀ veicolare, con alta densità di popolazione, conUMANA elevata presenza di attività commerciali e uffici, 60 50 65 55 con presenza di attività artigianali e con presenza di attività industriali; aree in prossimità di strade di grande comunicazione e di linee ferroviarie; aree portuali; aree con limitata presenza di piccole industrie.V Aree interessate da insediamenti industriali conAREE PREVALENTEMENTE scarsità di abitazioni. 65 55 70 60INDUSTRIALIVI Aree esclusivamente interessate da attivitàAREE ESCLUSIVAMENTE industriali e prive di insediamenti abitativi. 65 65 70 70INDUSTRIALI Le attività connesse all’impianto in progetto che presentano un contributo alla rumorosità ambientale sono essenzialmente quelle relative al funzionamento dell’impianto di trattamento e al traffico indotto di autoveicoli per il trasporto e la movimentazione dei materiali. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 218. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 218Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleLarea ricade in una zona destinata ad attività agricola ma confinante con altretipologie urbanistiche; sono infatti presenti alcuni agglomerati residenziali e areeartigianali e industriali.Il livello di rumorosità che la caratterizza è fondamentalmente dovuto al traffico lungola via di accesso.Nella scelta dei limiti di riferimento indicate nella normativa, considerando ladestinazione complessivamente promiscua della zona, si assume la classe III delloschema di D.P.C.M. (aree di tipo misto).I livelli sonori all’interno e all’esterno dell’impianto, sia in fase di cantiere che digestione saranno garantiti entro i previsti limiti di legge.Nel dicembre 2004 è stato eseguito uno Studio di Impatto Acustico, elaborato A/12,nell’area in esame i cui risultati sono riportati di seguito.16.1.1 Emissione sonore nel sito in esameIl contesto di allocazione dell’area si presenta in grado di reagire positivamente adeventuali impatti: non sono presenti centri abitati nell’intorno, la viabilità è in grado dismaltire il traffico degli automezzi afferenti all’impianto e non sono rilevabiliparticolari caratteri di emergenza ambientale.Le attività connesse all’impianto in progetto che presentano un contributo allarumorosità ambientale sono essenzialmente quelle relative al funzionamentodell’impianto di trattamento e al traffico indotto di autoveicoli per il trasporto e lamovimentazione dei materiali.Larea ricade in una zona destinata ad attività agricola ma confinante con altretipologie urbanistiche; sono infatti presenti alcuni agglomerati residenziali e areeartigianali e industriali.Il livello di rumorosità che la caratterizza è fondamentalmente dovuto al traffico lungola via di accesso.Nella scelta dei limiti di riferimento indicate nella normativa, considerando ladestinazione complessivamente promiscua della zona, si assume la classe III dello ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 219. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 219Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientaleschema di D.P.C.M. (aree di tipo misto).Volendo effettuare una valutazione del livello attuale di rumore che è relativo altraffico stradale, quale principale fonte di inquinamento acustico nell’area indicata, èstata utilizzata lequazione di Burgess: Leq db( A) = 55,5 + 10,2 log Q + 0,3 p − 19 log ddove:Q = flusso veicolare orario;p = percentuale traffico pesante;d = distanza in metri tra il centro della carreggiata e il punto di misura.Eseguendo la stima per un punto posto a circa 50 m dalla strada e considerando unflusso di 20 veicoli/ora costituito per il 50% da mezzi pesanti (ipotesi questaampiamente compensiva dello scarso traffico attuale), si ha: Leq − str = 36,6db( A)Passando ora alla fase previsionale sulla base delle indicazioni contenute nellarelazione di progetto, si può stimare che le emissioni sonore dovute al funzionamentodell’impianto, al di fuori del perimetro dell’area, siano contenute entro un valore di 50db(A) e questo nel periodo di funzionamento che è diurno.Lattività dell’impianto indurrà, anche, un traffico veicolare, costituitoprevalentemente di automezzi pesanti, stimato al massimo in circa 10 veicoli/ora.Si consideri infatti che l’impianto accetterà circa 200 t/g di rifiuti, pertanto perverrannoall’impianto 20/25 automezzi al giorno nelle sole ore diurne; quindi è estremamentecautelativo assumere 10 veicoli/ora.Passando alla stima del livello di rumorosità, misurato in un punto posto a 5 m dallamezzeria della strada lungo il perimetro esterno dellimpianto e con una componente del70% di traffico pesante, dove: ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 220. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 220Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleQ = 10p = 0.70d=5si ha Leq = 52,6db( A)Il valore complessivo del livello sonoro diurno attribuibile alla realizzazionedell’impianto è dato dalla somma delle emissioni dovute allimpianto ed al flussoveicolare indotto; sarà pertanto dato da: dB(A) = 10 Log(10 5.0 + 10 5.26) = 54.5Il livello equivalente continuo dellarea sarà infine la somma del livello preesistente edi quello attribuibile al centro: dB(A) = 10 Log (10 5,45 + 10 3,36) = 54,6Tale valore ricade ampiamente entro i limiti di ammissibilità diurno e intermedio dellaclasse considerata.Si precisa poi che non si avranno incrementi di rumore in periodo notturno essendo,in detto periodo, gli accessi all’impianto preclusi essendo lo stesso fermo.Si può pertanto concludere che, sebbene la realizzazione del Centro di trattamentorifiuti comporti degli incrementi del livello di rumorosità dellarea, questi sonocompatibili con le caratteristiche di utilizzo previste per il territorio. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 221. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 221Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale16.2 VibrazioniAllo stato attuale non sono individuabili nell’area di studio sorgenti di vibrazioni inquanto le uniche possono essere quelle indotte dal traffico veicolare e quindi del tuttotrascurabili.A seguito della realizzazione dell’impianto si avranno due sorgenti di vibrazioni: quellerelative ai macchinari operanti all’interno dell’invaso e quelle relative alla circolazionedi automezzi pesanti.Tali fonti appaiono però del tutto trascurabili sia per la distanza dell’impianto da areeresidenziali che per la modesta entità delle stesse.16.3 Analisi degli impatti e misure di contenimentoL’inquinamento acustico sarà generato dalla presenza su tutta la zona, durante la fase dicantiere, di mezzi pesanti per la realizzazione dell’impianto.Per limitarne il più possibile la diffusione nell’ambiente si potranno elevare barriereacustiche provvisorie sebbene si ricorda che i centri abitati ed i nuclei abitativi ricadanoad una distanza tale da non risentire di tale fattore.Durante la fase di esercizio dell’impianto si assisterà ad una mutazione del livellosonoro attualmente esistente probabilmente in senso negativo.Tali fonti sonore saranno legate ai mezzi di trasporto in arrivo e in uscita dall’impiantononché di movimentazione interna; tuttavia sarà garantito un livello sonoro complessivoin accordo con i limiti di legge sia all’esterno che all’interno degli ambienti di lavoro.Relativamente all’ambiente di lavoro saranno rispettate le normative vigenti cheprevedono l’uso di particolari cuffie di insonorizzazione per gli addetti alle lavorazionipiù rumorose.Infine, bisogna anche valutare l’eventuale presenza di sorgenti di rumori e vibrazionidurante l’attività di conferimento. Il contributo negativo indotto dalla circolazione deimezzi pesanti sul fondo sonoro naturale sarà contenuto entro i limiti di legge: infatti lacapacità ricettiva dell’impianto comporta un quantitativo di automezzi compatibile con ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 222. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 222Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientalele destinazioni d’uso delle aree. È comunque da tenere in considerazione che nelle areeesiste già un movimento di automezzi generato dalle attività estrattive ed agricolelimitrofe e quindi l’aumento di traffico indotto dalle opere in progetto non altera ilquadro attuale. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 223. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 223Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale17 RADIAZIONI IONIZZANTI E NON IONIZZANTIDal punto di vista radiometrico non sono disponibili dati locali per la caratterizzazioneambientale dell’area di studio.La tipologia del progetto è comunque tale da far ritenere superflua l’esecuzione diapposite campagne di misura in quanto non è in alcun modo previsto che sostanzeradioattive possano essere trattate, stoccate o comunque accettate nell’impianto; nonsono quindi ipotizzabili modificazioni dei livelli radiometrici naturali connesse con larealizzazione e l’attività del centro di trattamento rifiuti. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 224. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 224Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale18 PAESAGGIO18.1 Aspetti percettivi del paesaggi antichi ed attualiIl territorio in esame è a prevalente vocazione agricola; nel contesto specifico però, perla presenza di rocce lapidee e semilapidee in affioramento, si è reso possibile il fiorire diuna intensa attività estrattiva.In particolare l’area interessata dal progetto interessa una porzione di territoriodegradato dall’attività estrattiva e destinato ad un completo abbandono se non siinterviene con un progetto di recupero.18.2 Analisi degli impatti e misure di contenimentoGli aspetti maggiormente significativi in relazione all’inserimento di un nuovocomplesso e i rapporti che le nuove strutture instaurano con l’ambiente circostante sonogeneralmente i seguenti: • la vista dell’impianto e la sistemazione ambientale e paesaggistica, • la correlazione tra i vari edifici per quanto riguarda l’immagine architettonica, • la sistemazione a verde dell’area e delle fasce di rispetto.Nel caso in esame si tratta di operare all’interno di un’area già fortemente degradata, inquanto è nel suo intero contesto stata stravolta dall’impostarsi di una intensa attivitàestrattiva che ne ha modificato le forme, decorticato buona parte della coperturavegetazionale originariamente presente.Una volta completata la naturalizzazione dell’area sarà possibile renderla ad unuso nuovo e diverso realizzando il complesso degli interventi evidenziati nellaTav.T-07, allegata alla relazione tecnica.Come si vedrà è ipotizzabile realizzare nell’area naturalizzata, al termine dei trenta anninecessari per ottenere il completo recupero ambientale dell’area, un complesso dedicatoallo sport ed alle attività ricreative all’aria aperta. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 225. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 225Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto AmbientaleIn particolare potranno essere realizzati i seguenti interventi.ACCESSO Verrà mantenuto lo stesso accesso attualePALAZZINA Verrà trasformata ad uso delle nuove attività da realizzareUFFICI nell’area Una volta bonificato ed alienate le attrezzature tecnologiche presenti all’interno, così come già descritto, verrà realizzato un auditorium e i seguenti impianti sportivi:CAPANNONE palestraLAVORAZIONI n. 4 campi da bocce Gli spogliatoi e gli accessi separeranno la palestra dai campi di bocce e dall’auditorium Il perimetro delle vasche verrà attrezzato con un percorso daVASCHE DI mountain bike e jogging completo di piazzole di sosta eSTOCCAGGIO attrezzature per gli esercizi ginnici.DEFINITIVO Il resto della superficie è a verde, con essenze autoctone, con la prevalenza di ulivi. ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 226. Regione Puglia - Provincia di BAT – Comune di Minervino Murge 226Piattaforma per il trattamento, la valorizzazione e lo stoccaggio definitivo di rifiuti speciali non pericolosi Studio di Impatto Ambientale19 APPENDICE ___________________________________________________________________ Delta Petroli S.p.A.
  • 227. Allegato fotografico: confronto fotografico situazione anno 2003 e anno 2010 PLANIMETRIA CON INDICAZIONE DEI PUNTI DI VISTA 6-7 4-5 1 3 2
  • 228. Anno 2003 Foto 1 Foto 2 Foto 3
  • 229. Foto 3Foto 4Foto 5Foto 6
  • 230. Anno 2010 Foto 7 Foto 8 Foto 3
  • 231. Foto 9Foto 5Foto 6Foto 7
  • 232. REGIONE PUGLIA - PROVINCIA DI BAT – COMUNE DI MINERVINO MURGE PIATTAFORMA PER IL TRATTAMENTO, LA VALORIZZAZIONE E LO STOCCAGGIO DEFINITIVO DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI INQUADRAMENTO TERRITORIALE LOCALITÀ MURGETTA GRANDE LOCALIZZAZIONE INTERVENTOFONTE: CARTA STRADALE REGIONE PUGLIA 1: 400.000 FONTE: I.G.M. 1:25.000 –foglio 176 III NO “Lamalunga”
  • 233. REGIONE PUGLIA - PROVINCIA DI BAT – COMUNE DI MINERVINO MURGE PIATTAFORMA PER IL TRATTAMENTO, LA VALORIZZAZIONE E LO STOCCAGGIO DEFINITIVO DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI INQUADRAMENTO TERRITORIALEFONTE: CARTA TECNICA REGIONALE SCALA 1:10.000 FONTE: ESTRATTO PLANIMETRIA CATASTALE
  • 234. LEGENDA - AMBITI TERRITORIALI ESTESI AMBITO "A" AMBITO "B" AMBITO "C" AREA INTERVENTO AMBITO "D" CONFINI COMUNALI AREA INTERVENTO ATE "D"SCALA 1:50.000 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 235. LEGENDA - VINCOLI EX LEGGE 1497/39 VINCOLI EX LEGGE 1497/39 AREA INTERVENTOSCALA 1:50.000 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 236. LEGENDA - DECRETI GALASSO DECRETI GALASSO AREA INTERVENTOSCALA 1:50.000 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 237. LEGENDA - VINCOLO IDROGEOLOCICO VINCOLO IDROGEOLOGICO AREA INTERVENTOSCALA 1:50.000 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 238. LEGENDA - BENI NATURALISTICI BOSCO BIOTIPO MACCHIA AREA INTERVENTOSCALA 1:50.000 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 239. LEGENDA - BENI CULTURALI SEGNALAZIONE ARCHEOLOGICA SEGNALAZIONE ARCHITETTONICA SEGNALAZIONE GROTTE VINCOLO ARCHEOLOGICO VINCOLO ARCHITETTONICO AREA INTERVENTOSCALA 1:50.000 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 240. LEGENDA - IDROLOGIA SUPERFICIALE IDROLOGIA SUPERFICIALE AREA INTERVENTOSCALA 1:50.000 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 241. LEGENDA - USI CIVICI E PAESAGGIO AGRARIO PRESENZA USI CIVICI TRATTURI AREA INTERVENTOSCALA 1:50.000 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 242. LEGENDA - VINCOLI FAUNISTICI ZONA A RIPOPOLAMENTO E CATTURA (abolita ai sensi del R.R. n. 17 del 30/07/2009) ZONE A GESTIONE SOCIALE AREA INTERVENTOSCALA 1:50.000 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 243. AREA INTERVENTO Confini comunali AREA INTERVENTOSCALA 1:10.000 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 244. LEGENDA SIC SIC MARE IBA PARCO NATURALE REGIONALE FIUME OFANTO AREA INTERVENTOSCALA 1:50.000 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 245. LEGENDASCALA 1:10.000 AREA INTERVENTO QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 246. LEGENDA ALTA (AP) MEDIA (MP) BASSA (BP) R4 - Area a rischio molto elevato R3 - Area a rischio elevato R2 - Area a rischio medio R1 - Area a rischio moderato AREA INTERVENTOSCALA 1:50.000 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 247. AREA INTERVENTOSCALA 1:200.000 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 248. AREA INTERVENTOSCALA 1:200.000 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 249. AREA INTERVENTOSCALA 1:200.000 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 250. AREA INTERVENTOSCALA 1:200.000 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 251. SCALA 1:200.000 AREA INTERVENTO QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT
  • 252. AREA INTERVENTOSCALA 1:200.000 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGRAMMATICO REGIONE PUGLIA COMUNE DI MINERVINO MURGE PROVINCIA DI BAT

×