Storia istituzionale del medioevo 2

  • 473 views
Uploaded on

Le autonomie cittadine nel Medioevo - Discussione sulla terminologia: città, città stato, potere politico, autonomia

Le autonomie cittadine nel Medioevo - Discussione sulla terminologia: città, città stato, potere politico, autonomia

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
473
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
11
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Possiamo parlare di città-stato? Storia politica e istituzionale del Medioevo - 2 Enrica Salvatori Università di Pisa a.a. 2012-2013venerdì 8 marzo 13
  • 2. Discussione sui concetti Stato Studiosi Città-stato Ernesto Sestan Paolo Grossi Sovranità Mario Ascheri Ordine giuridico Giorgio Chittolini Persona giuridicavenerdì 8 marzo 13
  • 3. Stato e Sovranità • Problema non solamente terminologico ma concettuale: riguarda la nozione di potere supremo (potere politico), il rapporto potere / società, il rapporto potere/diritto, la posizione e il ruolo di quest’ultimo all’interno della società. • Stato: nel generico significato di entità politica munita di effettività potestativa in un determinato territorio può essere usato per il Comune MAvenerdì 8 marzo 13
  • 4. Stato e Sovranità Il termine/nozione si è caricato dal secolo XIV in poi di pesanti contenuti, trasformandosi in una precisa visione del potere: intenso, violento, teso a controllare tutto ed esteso a un preciso territorio. Insofferente verso i poteri interni concorrenti Lo Stato moderno si propone come un’entità compatta in cui la società è fatta di individui uguali, sottoposto all’autorità suprema, e per questo controllabili.venerdì 8 marzo 13
  • 5. Stato e Sovranità • Sovranità: nell’accezione moderna è una potestà indipendente e assoluta; • mentre la “sovranità” feudale indica soltanto una superiorità all’interno di una scala gerarchica.venerdì 8 marzo 13
  • 6. Stato e Sovranità • Quanto di questi concetti è applicabile nella società medievale? (ma anche all’Ancient Régime!) • Quanti rischi di fraintendimenti e distorsioni sussistono? • Possiamo/dobbiamo dismettere gli occhiali della modernità?venerdì 8 marzo 13
  • 7. Paolo Grossi • «il vero nodo da sciogliere concerne il rapporto fra potere politico e diritto e la concezione che la coscienza collettiva medievale ebbe di potere politico e di diritto»; • «il divario che separa medioevo e modernità attiene al diverso grado di intensità di quel potere, che, se lo volle compiutissimo la modernità, lo sentì e lo applicò incompiuto il medio evo».venerdì 8 marzo 13
  • 8. Paolo Grossi «Il Principe medievale potrà essere fornito della massima effettività di potere, potrà anche arrivare a una latitudine degenerante in tirannia, ma gli mancherà sempre quella psicologia che porta il Sovrano moderno a voler disciplinare tutto il sociale e, conseguentemente, anche il giuridico». QUINDIvenerdì 8 marzo 13
  • 9. Paolo Grossi • non si usi il termine Stato o Sovranità per il Medioevo; • si consideri che il diritto c’è prima del potere e prescindendo da esso, perché è nelle radici più intime della società; • si tenga sempre in considerazione la complessità dell’ordine giuridico medievale, costituito da un universo di autonomie;venerdì 8 marzo 13
  • 10. Paolo Grossi L’ordine giuridico medievale è dominato da una profonda diffidenza per ogni individualità ed è sorretto da una tensione a inglobare ogni individualità in tessuti relazionali, comunitari, in un crescendo che dalla famiglia sale agli aggregati sopra-familiari, alle corporazioni professionali assistenziali religiose, alle comunità politiche, tutti inglobati all’interno della Santa Chiesa e del Sacro Impero.venerdì 8 marzo 13
  • 11. Paolo Grossi • L’osservanza da parte della comunità c’è, ma è un moto spontaneo che si origina dal rispetto per il ripetersi durevole dei fatti, per la categoricità che a quei fatti procura la lunga durata (leggi consuetudinarie). • L’estrema varietà delle consuetudini esige una traduzione tecnico-giuridica, una definizione e un disciplinamento che fu opera dei giuristi (e non del potere politico). • il diritto è emanazione della società prima ancora dello Stato, perché ogni coagulazione sociale può produrre diritto, a condizione che in essa si attui un fenomeno di auto- organizzazione, circoli la coscienza della sua validità e, conseguentemente, lo si osservi.venerdì 8 marzo 13
  • 12. Paolo Grossi • Concependo l’universo politico-giuridico medievale come comunità di comunità, ciascuna autonoma ma altrettanto né indipendente né sovrana: i Comuni si propongono come entità politicamente e giuridicamente autonome. • Sarà solo con il Trecento, quando comincia a declinare la socialità comunitaria medievale, quando s’affaccia l’individuo, che cominceranno i guai: il diritto sarà espropriato ai suoi produttori naturali, i soggetti sociali e diverrà passo passo funzionale a operazioni di potere dei politici. • Solo con l’Età Moderna si arriva al diritto pervasivo calato dall’altovenerdì 8 marzo 13
  • 13. Partendo dalle rappresentazioni dello Stato tipiche della dottrina ottocentesca del diritto pubblico Grossi finisce per negare lesistenza dello Stato nel Medioevo, e pertanto anche la configurabilità dei Comuni basso-medievali come città-Stato. Facendo riferimento allideologia universalistica medievale (Papato e Impero), i Comuni avrebbero potuto aspirare soltanto a muoversi nella sfera della ‘autonomia’, ma mai in quella dell’indipendenza e della sovranità statuale.venerdì 8 marzo 13
  • 14. Mario Ascheri • Critica alcune impostazioni di Paolo Grossi • Grossi non parla tanto del Medioevo come di un’epoca da studiare nelle sue articolazioni, ma come di un modello da contrapporre all’età moderna e contemporanea. • Per poter meglio esaltare, in contrapposizione alla negativa realtà odierna l’alterità positiva del Medioevo, egli deve svalutare ogni momento di statualità medievale.venerdì 8 marzo 13
  • 15. Mario Ascheri • La sua definizione di Stato è così restrittiva da escludere le realtà federali e forse anche uno Stato così poco effettivo come la Repubblica italiana o altri Stati contemporanei • Grossi insomma fa una vigorosa azione culturale contro la Modernità e l’Individualismo, rei di aver infranto il solidarismo comunitario medievale e di aver consegnato la Storia alla dittatura della borghesia • Propone un’ideale comunitario che si è frapposto alla lettura della realtà storica e che ha indotto a semplificare il passato. Sopravvaluta taluni dati politici e culturali rispetto alla realtà materiale.venerdì 8 marzo 13
  • 16. Mario Ascheri • Le aspirazioni universalistiche di Impero e Papato potevano benissimo coesistere con concrete realtà statuali locali non sempre o comunque non del tutto contraddittorie con quelle. • Es.: la clausola salva fidelitate imperatoris tutelava le città dal punto di vista strettamente formale, facendo rientrare, ad esempio, il libero accordo giurato tra le parti allinterno del più grande obbligo di fedeltà verso limpero. • Si deve riconoscere l’aspirazione ‘federale’ dell’universalismo medievale e la possibilità di coesistenza di più poteri politici stratificati su uno stesso territorio.venerdì 8 marzo 13
  • 17. Mario Ascheri • Utili strumenti interpretativi arrivano dalle attuali posizioni in ambito di diritto internazionale • l’Unione europea o la comunità internazionale prevedono l’incarico a giudici competenti a giudicare gli Stati con ipotesi di intervento ‘alleato’ negli affari interni di un singolo Stato • Nel momento in cui una nuova forma di governo nasce, lunico criterio di riconoscimento è leffettività del suo potere → criterio oggi utilizzato dal diritto internazionale pubblico tra gli Stati per riconoscere una nuova realtà statuale.venerdì 8 marzo 13
  • 18. La Città-Stato • Per Ascheri è più che legittimo parlare per il Comune medievale italiano (e per altre realtà simili correttamente individuate) di Città-Stato perché tale città: • esercitava un potere assoluto o quasi sul territorio • disciplinava minutamente la vita sociale • chiedeva ai suoi cittadini-sudditi anche il supremo sacrificio della vita in guerra (pro patria mori è un adagio che diviene corrente nel mondo comunale del secolo XIII) • i Comuni erano signori del territorio, della pace e della guerra, della giustizia e dei tributi.venerdì 8 marzo 13
  • 19. La Città-Stato • «i Comuni ci hanno offerto la prima, più variegata e pervasiva legislazione della storia europea, capace di penetrare con statuta e provisiones nei più diversi momenti della vita sociale, con una capacità di invadere quasi sistematicamente e in modo autoritario campi - tipicamente quello fiscale, ma anche altri d’interesse ecclesiastico - che in altre realtà politiche si poterono raggiungere solo secoli dopo».venerdì 8 marzo 13
  • 20. La Città-Stato • Il rapporto con lImpero e con la Chiesa si configura in maniera diversa. • Queste realtà internazionali le si guarda in maniera più concreta e realistica, quando esperiscono tentativi diversi e non sempre coerenti di di mettersi a capo - o al centro - di confederazioni o federazioni di autonomie • Si tratta di altri termini estranei al lessico dellepoca, ma espressivi per noi oggi di quelle realtà complessevenerdì 8 marzo 13
  • 21. La Città-Stato STATO, FEDERAZIONE, DIRITTO INTERNAZIONALE • Si tratta di altri termini estranei al lessico dellepoca, ma espressivi per noi oggi di quelle realtà complesse • Non ci sono obiezioni a usare termini moderni, immediatamente espressivi, quando non cè un termine tecnico antico idoneo a spiegare il concetto.venerdì 8 marzo 13
  • 22. La Città-Stato La presenza di privilegi, elargizioni e giuramenti di fedeltà è contraddittoria al concetto di città-stato? DIPENDE Sempre in riferimento agli attuali studiosi di diritto internazionale, la statualità non si riconosce in base a fatti formali, come lesistenza o meno del riconoscimento di una qualche autorità esterna, perché può essere un fatto di pura opportunità politica, ma in base alleffettività del controllo esercitato da un governo.venerdì 8 marzo 13
  • 23. Termini • Molta attenzione ai termini espressi dalle fonti e alle realtà diverse che questi termini nascondono • Con lo stesso termine di Comune si sono etichettate realtà diversissime dal punto di vista politico-istituzionale: Comune rurale o di castello, città-Stato, città-sottomessa. • La città-Stato è un tipo particolare all’interno del genus Comunevenerdì 8 marzo 13
  • 24. Termini • il termine ‘Stato’ nel senso attuale comincia a comparire nel corso dei secoli XIII-XIV ma in via eccezionale. • l’endiadi usata era in realtà res publica che designava ogni tipo di apparato pubblico, a partire dall’Impero stesso (Res publica Imperii • Status nelle fonti del tempo era piuttosto usato nel senso di condizione, come quando si parla di pacifico stato del Comunevenerdì 8 marzo 13
  • 25. Termini • Tra XIV e XV secolo lo scontro tra Firenze e Milano ebbe un riflesso negli scritti dei pensatori-umanisti che contrapposero lo Stato governato dal popolo e lo Stato governato da un singolo principe. • Niccolò Machiavelli: “Tutti li Stati, tutti e’ dominii che hanno avuto et hanno imperio sopra gli uomini, sono stati e sono o Repubbliche o Principati” (Il Principe, I)venerdì 8 marzo 13
  • 26. Persona giuridica Si deve considerare il Comune come persona giuridica ben prima che si formi la parola Stato e la dottrina universitaria della persona giuridica. Il Comune opera ed è titolare di diritti pubblici e privati ben prima che nel Duecento si teorizzi la persona ficta.venerdì 8 marzo 13
  • 27. Persona giuridica •Canonisti (sec. XIII): persona ficta et rapraesentata, soggetti di diritto diversi dagli uomini, che potevano agire soltanto tramite uomini che li rappresentassero • Canonisti (sec. XIII): espressione corpus mysticum, (la Chiesa), da cui le espressioni corpo morale e ente morale usate fin dal Medioevo per indicare associazioni o fondazioni approvate da unautorità superiore e dotate di autonomia patrimoniale e di rappresentanza processuale.venerdì 8 marzo 13
  • 28. La questione della durata • Per alcuni studiosi il Comune basso-medievale quando cercò di darsi una più robusta struttura, entrò in crisi e cambiò natura: si passò, già nel cuore del Duecento, a forme di Signoria, che costituirono la negazione della realtà politico- istituzionale del tipico Comune. • Lo Stato regionale confina il Comune in un arco cronologico limitato, spesso al solo secolo XIII G. Chittolini, La formazione dello Stato regionale e le istituzioni del contado, Torino, Einaudi, 1979 Il Veneto nel Medioevo. Dai Comuni cittadini al predominio scaligero nella Marca, a cura di A. Castagnetti e G. M. Varanini, Verona, Banca Popolare, 1991.venerdì 8 marzo 13
  • 29. La questione della durata La città-Stato in questa prospettiva, viene sentita come un elemento negativo e frenante rispetto allo sviluppo del futuro ‘Stato moderno’ MA la visione teleologica impedisce di apprezzare la complessità e l’importanza di un fenomeno a prescindere dalla sua “durata”venerdì 8 marzo 13
  • 30. La questione della durata Non ci si deve affannare a ricercare i vari momenti di accelerazione o di sosta o di regresso rispetto ad una statualità ontologica ritenuta moderna e oggi sempre più difficilmente definibile di fronte a realtà internazionali pubbliche e private sempre più incombenti. Il problema si ripropone ancora più accentuato se si prendono in mente altre aree d’Europa dove si sono manifestati fenomeni di autonomia politica delle cittàvenerdì 8 marzo 13
  • 31. La questione della durata •Midi: consolato attestato nella prima metà del XII, comuni autonomi e semiautonomi nel XIII, fine dell’autonomia politica alla metà del XIII • Tra 1212 e 1256 Marsiglia è indiscutibilmente una città- statovenerdì 8 marzo 13
  • 32. La questione della durata Probabilmente la “breve durata” del Comune rispetto allo Stato nazionale, unitamente alla complessità e varietà delle fonti prodotte; il fatto che sia risultato “vincente” lo Stato moderno TUTTO QUESTO ha messo in ombra il ‘costituzionalismo’ medievale e in particolare comunale. Nellesperienza comunale è riconoscibile unesperienza costituzionale vivacissima, fondata sull’esigenza di organizzare il potere politico e amministrativo, e limitare i poteri pubblici a garanzia del cittadino.venerdì 8 marzo 13
  • 33. Bibliografia •E. Sestan, Stato e nazione nell’alto medioevo, Napoli 1952. •P. Grossi, L’ordine giuridico medievale, Laterza, Roma-Bari 1995 •P. Grossi, Il sistema giuridico medievale e la civiltà comunale, in  La civiltà comunale italiana nella storiografia internazionale. Atti del convegno internazionale di studi (Pistoia, 9-10 Aprile 2005), a cura di A. Zorzi, Firenze 2008 (su moodle) •M. Ascheri, Un ordine giuridico medievale per la realtà odierna?, in “Rivista trimestrale di diritto e procedura civile”, L (1996), pp. 965-973 (su moodle) •M. Ascheri, Città-Stato e Comuni: qualche problema storiografico, in “Le carte e la storia”, V (1999), pp. 16-28 (su moodle)venerdì 8 marzo 13