L’IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE NELLA LETTERATURA PISANA DEL XII-XIV SECOLO

  • 146 views
Uploaded on

Slides della conferenza tenuta al convegno Onomastica & Letteratura - Pisa 14-15 novembre 2013

Slides della conferenza tenuta al convegno Onomastica & Letteratura - Pisa 14-15 novembre 2013

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
146
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
4
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. De quadam muliere demoniaca Gualdrada nomine L’IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE NELLA LETTERATURA PISANA DEL XII-XIV SECOLO Enrica Salvatori - Università di Pisa XVIII Convegno dell’Associazione di Onomastica & Letteratura Pisa 14-15 settembre 2013 domenica 17 novembre 13
  • 2. Nomi singoli e doppi nella documentazione notarile Tipo I+II : Martinus (textor, filius Guidi) Tipo III+IV : Martinus (Textoris,Guidi, de Florentia, notarius de Florentia) domenica 17 novembre 13
  • 3. Differenza Città - Contado Indicazione di luogo come elemento “di disturbo” domenica 17 novembre 13
  • 4. Evoluzione senza elementi di disturbo domenica 17 novembre 13
  • 5. LE LISTE DI GIURATI 1228 domenica 17 novembre 13
  • 6. NOMI E FONTI Documenti notarili duecenteschi I notai sembrano ricercare una sempre maggiore precisione nelľidentificare ľautore di un determinato negozio: abbondanza di dati tesa a caratterizzare senza ombra di dubbio ogni singolo individuo, di cui si notano non solo le ascendenze famigliari, ma anche il soprannome, il mestiere, la provenienza, la residenza. Iacobus Boccaccius quondam Bernardi scudarii Iohanni Rubeo notario quondam Iacobi Signorecti de Volmiano Amato bursario de Scudaria quondam Thuccoli Ugolinus calafatus quondam Periccioli Guardaipo!i Daniel, dictus Boctega, de cappe!a S. Nicoli, quondam Gerardi Botege domenica 17 novembre 13
  • 7. DOCUMENTI E LETTERATURA Bernardo Maragone, Annales Pisani (XII) Benincasa, Vita Raynerii (XII) XIII ... Meliadus Baldiccione de’ Casalberti, Ricordi di cose familiari (XIV) domenica 17 novembre 13
  • 8. Cronista a Pisa nel XII secolo preminenza del nome singolo (più accessori) equivalenza del modello antroponimico per le persone riconiscibili scarsità di importanza del luogo ridottissima importanza del mestiere rosa di nomi elitaria stabilità delle forme nel passaggio dal latino alľitaliano domenica 17 novembre 13
  • 9. VITA RAINERII Autore Benincasa, seconda metà del XII secolo Raynerium ex Aqua (nome simbolico?) / Rainerius urbis Pisane, ex clarissimis parentibus patre Glandulfo matre vero Mingarda oriundus elevata frequenza di nomi “autentici” - molte donne ricerca sistematica dei nomi citati nel testo sulla documentazione pisana edita domenica 17 novembre 13
  • 10. precisione “notarile” nella descrizione dei miracoli elevata percentuale di nomi “complessi” elevata percentuale di nomi accompagnati dalľindicazione di luogo equivalenza del modello antroponimico per le persone riconiscibili scarsissimo ricorso a nomi “simbolici” (Homodei) si recuperano usi antroponimici della documentazione privata vicinanza? opportunità? domenica 17 novembre 13
  • 11. RICORDI DI FAMIGLIA Meliadus Baldiccione de’ Casalberti (1339-1382) indubbia diffusione del “cognome” non ancora fissato, ma evidente nelle forme nome+ soprannome, nome + casata, nome complesso uso diffuso delľindicazione di provenienza che non diventa cognome ma che è evidentemente USO comune al mondo notarile e quotidiano di una città sovradimensionata rispetto alle potenzialità del patrimonio onomastico nomi semplici: donne / servi domenica 17 novembre 13
  • 12. CONCLUSIONI (BANALI?) A Pisa tra XII e XIV vi era una forte influenza della pratica notarile nelle altre pratiche scrittorie Non necessariamente la fonte letteraria testimonia ľuso quotidiano (o almeno non soltanto) in opposizione / contrasto con ľuso giuridico, perché ciascuna fonte letteraria ha la “sua” finalità e utenza La diversità nella scrittura del nome nelle varie fonti non testimonia usi quotidiani diversi: anzi per alcune categorie di persone di riconosce una notevole stabilità: * persone note (Bernardo di Maragone) * artigiani e popolo minuto (nome singolo e luogo) * donne e servi (nome singolo e appartenenza) La tipologia di fonte condiziona pesantemente il modo di “scrittura” del nome ma solo per aggiunta di dati (luogo, mestiere) a una struttura stabile domenica 17 novembre 13