La cartografia storica della Lunigiana

1,142
-1

Published on

Terza lezione di Storia degli Insediamenti Tardo antichi e Medievali - Pisa - 2014

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,142
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
18
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

La cartografia storica della Lunigiana

  1. 1. Cartografica storica della Lunigiana Storia degli Insediamenti _ 3 Enrica Salvatori - a.a. 2013-2014 - Pisa martedì 25 febbraio 14
  2. 2. La cartografia storica Ha finalità proprie come tutte le fonti documentazione sul patrimonio /dominio, lotte di confine, gestione economica delle colture / difesa /fisco Ha committenti e destinatari Ha autori: agrimensori, architetti, scienziati Cartografia ufficiale (emanata dall’istituzione pubblica) Cartografia privata martedì 25 febbraio 14
  3. 3. Carte nautiche CARTA NAUTICA DETTA "DI CORTONA" A partire dalla seconda metà del XIII secolo in Italia e nell'area mediterranea fioriscono le "carte nautiche" Disegni delle coste e dei mari rilevati con la bussola Molto precise ma prive della raffigurazione dei territori interni martedì 25 febbraio 14 CARTA NAUTICA "PISANA"
  4. 4. Lezioni teoriche martedì 25 febbraio 14
  5. 5. Cartografia moderna Tuscia novella di Piero del Massaio (1456) Attenzione alle coste, ai centri abitati e degli Appennini, ombreggiati per la prima volta con placche e strisce colorate martedì 25 febbraio 14 Cartografia scientifica (tolemaica) - la Toscana va dal Magra al Tevere
  6. 6. Cartografia pratica Alla cartografia "scientifica" si affianca nel XV secolo quella pratica legata a questioni di confine Cosimo I de' Medici istituisce una magistratura di controllo annuale dei confini "I nove conservatori dei Confini" rimasta in vigore fino al 1769 obbligo alle comunità di confine con stati esterni di immettere nell'Archivio Generale tutti gli atti di controversia di confine e relative carte (Piante Antiche dei Confini) rappresentazione di piccola scala, prima cartografia pittorica e poi geometrica le immagini che seguono sono tratte da http://www.archiwebmassacarrara.com martedì 25 febbraio 14
  7. 7. Cartografia pittorica martedì 25 febbraio 14
  8. 8. Confini martedì 25 febbraio 14
  9. 9. Particolare della carta disegnata per la causa di confine tra Varano e Licciana, con relativi punti dei termini di confine (ASMs) martedì 25 febbraio 14
  10. 10. martedì 25 febbraio 14
  11. 11. martedì 25 febbraio 14
  12. 12. Il Granducato nel ‘700 Granducato di Toscana sotto i Lorena (1737-1859); cartografia a scala topografica, fatta da professionisti; nascita di una vera scuola cartografica moderna, diretta dal matematico regio Pietro Ferroni. Riguarda una generale riforma amministrativa ed economica dello stato che sfocia nel catasto del 1778-87 (incompiuto) Il Catasto Leopoldino fu promulgato nel 1765, abbandonato nel 1785 Nel 1751 Ferdinando Morozzi ebbe incarico dal Conte di Richecourt, primo ministro dello Stato, di redigere una carta della riforma delle circoscrizioni politico-amministrative, ridisegnando tutte le carte dei vicariati di Toscana e delle podesterie autonome martedì 25 febbraio 14
  13. 13. Il vicariato di Bagnone, nella Cartografia dei vicariati di Lunigiana, disegnato da Ferdinando Morozzi nel 1778 martedì 25 febbraio 14
  14. 14. I catasti particellari I tentativi di ottenere un catasto fatte prima dal governo di Pietro Leopoldo e poi da Ludovico di Borbone Parma, vennero riprese sotto la dominazione francese. Nel 1810 si inizia in Toscana il Catasto particellare, chè stata la base del catasto detto “leopoldino” intrapreso dopo la restaurazione. Triangolazione di tutto il territorio granducale Nel 1834 si ha il Catasto Leopoldino o Catasto Geometrico Particellare Toscano (cartografia pregeodetica). Il Catasto Geometrico Particellare Toscano offre, attraverso le tavole indicative, i repertori alfabetici dei proprietari, i libri dei campioni e le mappe a varia scala. martedì 25 febbraio 14
  15. 15. Ricerca Scheda Naviga Stampa Copyright (c) 2006-2012 Regione Toscana - Sistema Informativo Territoriale ed Ambientale 25/02/ martedì 25 febbraio 14
  16. 16. Cartografia on line Il progetto Castore, realizzato dalla Regione Toscana in collaborazione con gli Archivi di Stato toscani, consente la consultazione gratuita di oltre 12.000 mappe catastali ottocentesche. Le mappe sono consultabili sia come singole riproduzioni degli originali d’archivio (con la relativa scheda informativa), sia come mosaico di mappe georeferenziate, confrontabili con le cartografie moderne in ambiente WEBGIS. Mercatore è una banca dati cartografica prodotta dalla Provincia di Firenze + Soprintendenza Archivistica per la Toscana + alcune Amministrazioni comunali. Consente di consultare le copie digitalizzate dei Campioni di strade, cartografia realizzata negli anni ’70 del Settecento edagli agrimensori del Granducato martedì 25 febbraio 14
  17. 17. Bibliografia Arnaldo Filippini & Luciano Perondi & Leonardo Romei, An analysis of “Carta Pisana”, a navigational chart of the Middle Ages, post in Sinsemia, 22/4/2011 Mario Nobili, ‘Le mappe catastali come fonte per la storia dei beni comuni nell’età medievale e moderna: un esempio lunigianese’, in Medioevo rurale. Sulle tracce della civiltà contadina, a cura di Vito Fumagalli e Gabriella Rossetti (Il Mulino: Bologna, 1980). Nicola Gallo, Cartografia storica e territorio della Lunigiana centro orientale, (Sarzana, 1993). Massimo Quaini, Carte e cartografi in Liguria, (Sagep: Genova, 1986). Bibliografia sulla cartografia Toscana: http://www.archiwebmassacarrara.com/ percorsi/capitolo.php?ID=4 martedì 25 febbraio 14

×