Introduzione allo studio della storia - 8
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Introduzione allo studio della storia - 8

on

  • 650 views

Uso pubblico e abuso della storia

Uso pubblico e abuso della storia

Statistics

Views

Total Views
650
Views on SlideShare
650
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Introduzione allo studio della storia - 8 Introduzione allo studio della storia - 8 Presentation Transcript

    • La storia oggi si deve pensare la storia senza fideismo, avendo chiara coscienza della pericolosità delle strutture di senso, per l’inclinazione a generare ferrei schemi normativi si deve essere consapevoli che senza limpidi riferimenti allo svolgimento storico e senza la capacità di comprenderne il senso si può tuttal più conservare lesistente, non certo promuoverne e governarne il mutamento. E’ un tratto costitutivo della nostra cultura e antropologia. Riguarda il soggetto (individuale e collettivo), il suo costituirsi e pensarsi come soggetto, il disporre di un’idea della storia come vicenda coerente, leggibile e, in qualche misura, prevedibile.giovedì 22 novembre 12
    • La storia oggi Potere pensare il passato e il futuro come articolazioni di un continuum logico non è qualcosa di cui si possa fare a meno. Ma una premessa indispensabile per il costituirsi di un rapporto tra soggetto e realtà. Senza una idea della storia come unità di senso - senza una nuova filosofia della storia - ci si può tuttal più contrapporre episodicamente a quanto non si accetta, provocando crisi locali e ponendo ostacoli contingenti. Ma non si può mettere in moto alcun processo di trasformazione, nel quale occorre sapere da dove si viene e dove - e perché - si intende andare: e, soprattutto, chi si è e che cosa si vuole.giovedì 22 novembre 12
    • La storia è spesso un racconto finalizzato a legittimare un ordine gerarchico fra centri di potere o fra ceti, a spiegare perché chi ha vinto, o chi vince, o chi vincerà aveva, ha, avrà dalla sua un percorso causale e temporale con radici lontane e prospettive future. Delimita le appartenenze, legittima i gruppi di potere e le scelte politiche, individua nessi di casualità e di derivazione dellattualità da ciò che lha preceduta, ritrova o inventa radici e tradizioni al fine di ricostruire lidentitàgiovedì 22 novembre 12
    • Uso pubblico della storia Espressione coniata nel 1986 da Jünger Habermas che distingueva tra lavoro scientifico dello storico e il dibattito pubblico sui mezzi di comunicazione. In seguito la divulgazione storica connessa al dibattito politico assume un valore tendenzialmente negativo. Nicola Gallerano (1993) sostenne che l´uso pubblico della storia non è una pratica da rifiutare pregiudizialmente -> non esiste opposizione di principio tra divulgazione e attività scientifica Propone la distinzione: 1. Uso pubblico della storia 2.Abuso politico della storia specialmente per la "storia politica"giovedì 22 novembre 12
    • Uso pubblico della storia LA STORIA COINCIDE COL SUO USO PUBBLICO, nel senso che è sempre RACCONTATA e serve nella misura in cui è ACQUISITA. Rapporto elettivo costante ma non lineare tra lo storico e il potere. NESSUNA STRATEGIA POLITICA E POSSIBILE SENZA UNA BASE STORICA Sforzo di CONTROLLO COSTANTE da parte del potere politico nei confronti della storia e di suo USO ai propri fini: • Monumenti * Toponomastica • Cerimonie pubbliche * Finanziamento alla ricerca • Definizione delle materie di insegnamento e dei programmi • Chiusura/apertura degli archivi • Commissioni parlamentarigiovedì 22 novembre 12
    • Chi “scrive” la storia?giovedì 22 novembre 12
    • Chi “scrive(va)” la storia? • Storici accademici: Monografie - articoli scientifici - Manuali • Storici accademici-Storici dilettanti: Libri divulgativi • Giornalisti: Documentari-reportage • Registi - Produttori: Serie televisive-filmgiovedì 22 novembre 12
    • Chi “scrive” la storia? • Storici accademici: Monografie - articoli scientifici - Manuali • Storici accademici-Storici dilettanti: Libri divulgativi • Giornalisti: Documentari-reportage • Registi - Produttori: Serie televisive-film MUTAMENTO DIGITALE • Persone singole: Blog, siti, podcast • Enti (Musei, Biblioteche): Siti, mostre virtuali, manifestazioni (revival), mondi virtuali • Ditte: siti, mostre, giochi, mondi virtuali • Tutti: piattaforme collaborativegiovedì 22 novembre 12
    • La storia e il pubblico Raphael Samuel, The History Workshop Movement (1966) -> vuole fare uscire la storia dal “ghetto” accademico e porre lo studio della storia in relazione con i problemi del presente, la politica e le ideologie contemporanee. Storici impegnati ad analizzare le problematiche sociali e politiche e capaci di diffondere le loro idee e le loro analisi anche presso la gente comune.giovedì 22 novembre 12
    • A cosa serve la storia? Roy Rosenzweig e David Thelen, The Presence of the Past: Popular uses of History in American life, 1998 http:// chnm.gmu.edu/survey/ -> inchiesta su quanto e come gli Americani capiscono del loro passato. Lo studio della storia non è cosa confinata nel passato perché quello che conta è l’uso della storia nel presente (the availability of usable pasts rather the the pastness of history) -> quale tipo di mediazione ed autorità professionale gli storici pubblici devono fornire in rapporto ad un uso pubblico e popolare della storia da parte della gente comune?giovedì 22 novembre 12
    • Storia e pubblico Fare storia significa serve anche a indagare sulle tensioni tra memorie individuali e collettive (gruppo, famiglia, comunità, città, nazione) in prospettiva storica Oggi, con la rete, si costruiscono molteplici luoghi collettivi di memoria e di ricostruzione di identità. Si creano spazi di identità comuni per le minoranze che non avrebbero la possibilità di raggrupparsi [..]. Solo spostandosi nel virtuale, approdando nel web stesso e nei siti, tali identità marginali, dimenticate, sorpassate dalla storia, riescono a riprendere vita e consistenzagiovedì 22 novembre 12