Introduzione allo studio della storia - 7

1,080 views
879 views

Published on

La periodizzazione e la storia immediata

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,080
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Introduzione allo studio della storia - 7

  1. 1. Il metodo storico ..inseguire costantemente la "verità" essere consapevole dei limiti della “domanda” raccogliere le fonti senza alcuna esclusione a priori, senza avere alcuna "teoria predeterminata" verificare le fonti raccolte selezionarle e farne una gerarchia interpretarle stabilire i fatti/fenomeni e renderli intelligibili procedendo a una loro PERIODIZZAZIONEmercoledì 14 novembre 12
  2. 2. Linea e punti Il passato è dal punto di vista cronologico cronologico- temporale temporale un continuum che può essere raffigurato su una linea anche se ciò non significa che la linea sia continua (progresso) Come tale, e in senso proprio, il continuum è difficilmente sezionabile. La periodizzazione è pertanto, rispetto alla natura intrinseca del passato, artificiale, arbitraria e spesso falsificante. Il sezionamento e, quindi, la periodizzazione non sono mai assoluti: persistenze e tracce di un’epoca agevolmente si trovano nella precedente o nella successiva.mercoledì 14 novembre 12
  3. 3. Perché Periodizzare Una ricostruzione del passato che escluda periodizzazioni appartiene all’ambito della cronologia (elencazione e successione ininterrotta di avvenimenti) e non della storia (ricostruzione degli avvenimenti e inquadramento e contestualizzazione). La periodizzazione è un elemento estrinseco del passato ma è un elemento intrinseco della storia, appartiene a qualsiasi attività storica, cioè di analisi del passato.mercoledì 14 novembre 12
  4. 4. La periodizzazione La periodizzazione è cruciale perché dà senso al passato ed è il cuore del lavoro dello storico. Il discrimine è dato dal mutamento. Una realtà statica e non problematica porta alla semplice descrizione, mentre una realtà dinamica e problematica convoglia lattenzione sul mutamento e porta alla narrazione. Dato un ambito / tema di partenza la modifica è data dalle crisi, dalle trasformazioni e dai crolli che segnano lo sviluppo contemporaneo di nuove istanzemercoledì 14 novembre 12
  5. 5. La periodizzazione Proporre una periodizzazione significa sostenere la rilevanza di certi fenomeni storici, identificare caratteristiche omogenee e durature che concorrono alla definizione di intere epoche / periodi. Le "epoche" così identificate non devono esser considerate rigidamente definite in termini cronologici e soprattutto non devono essere intese come "effettivamente esistite", ma come modalità di lettura del passato.mercoledì 14 novembre 12
  6. 6. Noi periodizziamo Anche dal punto di vista individuale, ciascuno di noi, pensando alla propria storia, attua periodizzazioni al fine di “sistemare” e “configurare” gli avvenimenti; ne privilegia alcuni e ne tralascia altri. Tale operazione consente di leggere la propria storia e interpretarla, mentre rimane individualmente impossibile la ricostruzione e l’analisi totale del passato (cioè di tutti gli istanti che compongono la nostra linea temporale). Un’ipotetica ripresa filmata della nostra vita non ne sarebbe la storia.mercoledì 14 novembre 12
  7. 7. Quando inizia il tuo - nostro presente?mercoledì 14 novembre 12
  8. 8. Periodizzazioni interne Italia Pisa RAI • ??? • Etruschi • Fondazione • Romani • Fascismo • Risorgimento? • Alto medioevo • Repubblica • Unità • Età comunale • Boom economico • Fascismo (pubblicità) • Età Medicea - • Repubblica Granducale • Berlusconismo? • Risorgimento e unità • Rivoluzione digitale • Boom economico • Boom economico • Boom economico • Terrorismo industriale industriale • Berlusconismo? • Boom turistico • Boom turisticomercoledì 14 novembre 12
  9. 9. Le epoche non sono neutre né oggettive Antichità Ma devono tuttavia possedere elementi Medioevo intrinseci che le Età Moderna descrivano e le differenzino le une Età Contemporanea dalle altremercoledì 14 novembre 12
  10. 10. Preistoria / Storia Scrittura --> ma le civiltà amerinde? L’Italia dell’età del ferro? La cultura celtica? Grandi civiltà fluviali --> struttura sociale, tecniche, religione, tipi di insediamento, modifiche istituzionalimercoledì 14 novembre 12
  11. 11. Antichità / Medioevo Mutamento oggettivo della fine dell’impero romano e della civiltà classica Mutamento graduale e sfumato: crescita di importanza dell’epoca tardo antica Accento dato alle persistenze in incrocio con i nuovi apportimercoledì 14 novembre 12
  12. 12. Medioevo / Età Moderna I primi a parlare di età moderna furono proprio gli uomini della prima età moderna che definirono tale la loro epoca Usando il termine moderno, nel significato derivante dal latino di recente (modo), essi contrapponevano la loro età a quella immediatamente passata, la media aetas, e l’età antica, la antiqua aetas. I termini moderno e antico assunsero così carica valorizzante (positiva) rispetto a una indefinita e non meglio definita età di mezzo iniziata con la barbarica corruzione dello splendore romano e terminata con la ripresa e riscoperta della classicità attuate dall’umanesimomercoledì 14 novembre 12
  13. 13. la Modernità etichetta apposta a un percorso temporale e strutturale che sembrerebbe proprio delle caratteristiche delle società moderne, ossia quelle del mondo occidentale industrializzato stato accentrato e burocratico prevalenza allo sviluppo manifatturiero e industriale allargamento dei confini geografici crescita della borghesia - uomo nuovo sempre più libero dai dogmimercoledì 14 novembre 12
  14. 14. MA l’Età Moderna è anche strage degli indios conversioni forzate guerre di religione caccia alle streghe stato controllore dei comportamenti individuali servitù della glebamercoledì 14 novembre 12
  15. 15. Modernità Contemporaneità Forte congiuntura (ma larga) con la rivoluzione francese + rivoluzione industriale Laicismo MA limiti continuamente in movimentomercoledì 14 novembre 12
  16. 16. Storia immediata Nella storiografia del 800 si era fatta strada lidea che non si potesse correttamente fare la storia del presente, per due motivi: • i fenomeni in corso non si sono completamente sviluppati e quindi non sono ben comprensibili; • lo storico dove porre una certa distanza tra sé e levento altrimenti perde di obiettività. Rischio di determinismo retrospettivo: conoscendo già levoluzione di alcuni fenomeni storici siamo portati a riconoscere nella documentazione lemergere di sentieri, di percorsi verso determinate direzioni. Ma è vero o è nella nostra testa? Quanto è fabbricato dalla stessa cultura del nostro tempo?mercoledì 14 novembre 12
  17. 17. Storia immediata In che modo la distanza maggiore da un periodo/contesto che non può essere ricreato consente di avere una visione più chiara e precisa di quel contesto? Timothy Garton Ash (autore del volume History of the Present, Essays, Sketches, and Dispatches From Europe in the 1990s ) «There is nothing to compare with being there». ! In passato non vi era questa distinzione tra storici e “storici del tempo presente”, dal tempo di Tucidide fino al XVIII secolo essere un testimone oculare degli eventi era considerato un grande vantaggio per uno storico.mercoledì 14 novembre 12
  18. 18. Storia immediata ! Fino ad oggi si è sostenuto che non si potesse fare storia contemporanea perché era impossibile avere accesso alle fonti secretate o riservate. Questo ostacolo sembra essere caduto, almeno in parte (Wikileaks). E possibile oggi unire la scienza politica con laccesso diretto ai dati storici. Il canonico periodo di distanza di 30 anni è stato imposto in realtà dal segreto di stato su parte della documentazione istituzionalemercoledì 14 novembre 12
  19. 19. Storia immediata Tl problema è ancora più rilevante ora perché la quantità di informazioni disponibili (spesso a scapito della qualità) richiede testimoni in grado di maneggiare con metodologia accurata e rigore le fonti. La storia del presente si trova in una sorta di no-man land tra storia, giornalismo e letteratura. Eric Hobsbawm: "It is essential ... for historians to defend the foundation of their discipline: the supremacy of evidence. If their texts are fictions, as in some sense they are, being literary compositions, the raw material of those fictions is verifiable fact".mercoledì 14 novembre 12
  20. 20. Paese che vai... epoche che trovi!mercoledì 14 novembre 12

×