Storia degli Insediamenti
tardo-antichi e medievali
Enrica Salvatori - a.a. 2013-2014 - Pisa
mercoledì 19 febbraio 14
Il corso
Corso a più voci e con laboratorio
Voci: Enrica Salvatori, Monica Baldassarri, Massimiliano
Grava, Mario Nobili, ...
Moodle
Pagina del corso su Moodle: http://moodle.humnet.unipi.it/
course/view.php?id=121
materiali didattici
foto dei cata...
Lezioni teoriche
La storia della storia degli insediamenti
Lo spazio di indagine e le principali problematiche
La ricerca ...
Laboratorio
Primo approccio pratico con il GIS
La ricerca della toponomastica
La schedatura dei catasti
Le fonti medievali...
Settore interdisciplinare
Storia (storia agraria, economica, del paesaggio)
Archeologia (ricognizioni di superficie, analis...
Metodo regressivo
Se per impostare la problematica della storia degli
insediamenti si procede dalla tarda antichità al med...
Storia agraria
La storia agraria nasce nei primi decenni del secolo scorso con il movinento
storiografico de Les Annales, s...
Storia agraria
Fin dagli inizi la storia agraria si caratterizza per l’approccio pluridisciplinare
in cui convergono:
Arch...
La storia agraria
La storia agraria trova un certo rilancio negli anni ’60 con la rivista Etudes rurales di
George Duby e ...
Storia degli insediamenti
Insegnamento più che disciplina: uno dei “luoghi” di incontro e interazione tra
toponomastica, a...
Architettura e urbanistica
1975 si comincia a parlare di “ecostoria” al fine di superare il metodo storiografico
tradizional...
Storia/ archeologia del paesaggio
Da una parte si è sviluppata una storia delle campagne e del territorio (Sereni,
Montana...
Storia/ archeologia del paesaggio
Né archeologia del paesaggio né storia degli insediamenti sono ancora divenute
una “disc...
La dimensione pubblica
Public History - Archeologia pubblica: sviluppo intenso di
queste due sotto-discipline negli ultimi...
A Pisa
1974-1982: équipe guidata da Gabriella Rossetti comincia una serie di ricerche che
mirano a ricostruire il tessuto ...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Storia degli insediamenti 1

404

Published on

Introduzione alla disciplina e al corso

Published in: Education
2 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
404
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
2
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Storia degli insediamenti 1

  1. 1. Storia degli Insediamenti tardo-antichi e medievali Enrica Salvatori - a.a. 2013-2014 - Pisa mercoledì 19 febbraio 14
  2. 2. Il corso Corso a più voci e con laboratorio Voci: Enrica Salvatori, Monica Baldassarri, Massimiliano Grava, Mario Nobili, Roberto Casotti Laboratorio: GIS, Toponomastica, Catasti, Fonti medievali Esito: Relazione Esito: Pubblicazione? mercoledì 19 febbraio 14
  3. 3. Moodle Pagina del corso su Moodle: http://moodle.humnet.unipi.it/ course/view.php?id=121 materiali didattici foto dei catasti schede mappe repertori mercoledì 19 febbraio 14
  4. 4. Lezioni teoriche La storia della storia degli insediamenti Lo spazio di indagine e le principali problematiche La ricerca della toponomastica Le fonti, il paesaggio e la struttura agraria I catasti cinquecenteschi della Lunigiana Luni romana e tardoantica/ il problema della decadenza Le pievi e la viabilità  Le fonti medievali sui luoghi indagati e loro schedatura Alla ricerca dell’insediamento tardo antico e medievale: l’ager lunensis L’incastellamento I dati dallo scavo della Brina nel contesto degli insediamenti in Lunigiana mercoledì 19 febbraio 14
  5. 5. Laboratorio Primo approccio pratico con il GIS La ricerca della toponomastica La schedatura dei catasti Le fonti medievali sui luoghi indagati e loro schedatura Schedatura e analisi dei dati Indagine sul campo? Relazione di lavoro mercoledì 19 febbraio 14
  6. 6. Settore interdisciplinare Storia (storia agraria, economica, del paesaggio) Archeologia (ricognizioni di superficie, analisi degli alzati, cultura materiale) Cartografia e GIS (cartografia storica, costruzione di un modello di schedatura, inserimento dati) Esegesi delle fonti mercoledì 19 febbraio 14
  7. 7. Metodo regressivo Se per impostare la problematica della storia degli insediamenti si procede dalla tarda antichità al medioevo per l’analisi del territorio si procede all’inverso, partendo dalle fonti più recenti: paesaggio attuale, cartine IGN, catasto Leopoldino, catasti cinquecenteschi, fonti medievali Il mutamento del territorio è un classico fenomeno di LUNGA DURATA Il paesaggio e le fonti che “fotografano” il paesaggio in una data epoca sono un palinsesto di scritture di epoche differenti tutte da decodificare mercoledì 19 febbraio 14
  8. 8. Storia agraria La storia agraria nasce nei primi decenni del secolo scorso con il movinento storiografico de Les Annales, soprattutto ad opera di March Bloch (Caractères originaux de l’Histoire Rurale Française - 1931). La materia pare adatta: a legare la storia economica e sociale delle campagne all’insieme delle scienze sociali ad abbattere le divisioni cronologiche artificiali imposte dall’accademia (la lunga durata si impone) intende studiare il paesaggio, le forme di occupazione del suolo e dell’abitato, le forme di produzione mercoledì 19 febbraio 14
  9. 9. Storia agraria Fin dagli inizi la storia agraria si caratterizza per l’approccio pluridisciplinare in cui convergono: Archeologia degli abitati, del popolamento, dei territori Linguistica (toponimi) Storia della tecnica Storia culturale (folklore) Agronomia Storia del diritto Geografia Inoltre: ventaglio ampio di fonti, spesso seriali; metodo regressivo; fotografia aerea mercoledì 19 febbraio 14
  10. 10. La storia agraria La storia agraria trova un certo rilancio negli anni ’60 con la rivista Etudes rurales di George Duby e Daniel Faucher Maggiore attenzione alla vita quotidiana e alla cultura materiale Maggior ruolo dell’archeologia medievale. La storia dell’abitato e dell’abitazione rurale, dell’alimentazione, delle tecniche e della strumentazione agricole, riceve dall’archeologia un impulso decisivo. Nasce nel 1971 la rivista Archéologie médiévale (in Italia Archeologia medievale Riccardo Francovich - è del 1974) Dall’altra parte riceve impulso il fronte più strettamente sociologico: funzionamenti sociali, pratiche di lunga durata, comportamenti familiari, strategie patrimoniali, rituali collettivi, conflitti. Cresce l’importanza, dal punto di vista metodologico, dell’inchiesta orale. mercoledì 19 febbraio 14
  11. 11. Storia degli insediamenti Insegnamento più che disciplina: uno dei “luoghi” di incontro e interazione tra toponomastica, archeologia, geografia e storia, caratterizzato in diversi segmenti cronologici, ma più spesso orientato verso il medioevo. Negli atenei di Pisa e Siena, Parma e Napoli ha titolarità di storia degli insediamenti tardo-antichi e medievali, in Parma è associato a storia delle città; a Bologna storia degli insediamenti e dei sistemi abitativi distinta da storia del paesaggio italiano. manca una precisa definizione concettuale e una precisa collocazione accademica mercoledì 19 febbraio 14
  12. 12. Architettura e urbanistica 1975 si comincia a parlare di “ecostoria” al fine di superare il metodo storiografico tradizionale che s’interessa degli edifici solo dal loro punto di vista formale, tralasciando l’indagine funzionale rispetto al contesto urbano, territoriale e socioculturale Obiettivo è la cultura dell’abitare propria delle singole comunità: «l’ecostoria si occupa di case, di vie, di città, di territorio ma anche di campagne coltivate, di fabbriche, di paesaggio: si occupa praticamente degli infiniti modi in cui l’uomo modifica l’ambiente per stabilirvi la propria sede» P. PIEROTTI, Imparare l’ecostoria, Milano, Franco Angeli, 1999 mercoledì 19 febbraio 14
  13. 13. Storia/ archeologia del paesaggio Da una parte si è sviluppata una storia delle campagne e del territorio (Sereni, Montanari, Moreno, Quaini, Andreolli) che privilegia di volta in volta alcuni strumenti e metodi di indagine su altri In ambito archeologico è prevalso un approccio “ecologico” che guarda anche allo studio delle forme di vita associata nel tempo tramite l’analisi delle interazioni fra fenomeni storici, relazioni spaziali e caratteristiche ambientali: “archeologia dei paesaggi” F. Cambi, N. Terrenato, Introduzione all’archeologia dei paesaggi, Roma 1994 M. Baldassarri, Frammenti di Medioevo. La scoperta archeologica del Castrum Brinae, Pontedera, 2004 M. Baldassarri, Il contributo di toponomastica, cartografia e archeologia estensiva alla “storia degli insediamenti”: recenti ricerche sui paesaggi della Maritima pisana, in Studi di Storia degli Insediamenti in onore di Gabriella Garzella, Pisa 2014 mercoledì 19 febbraio 14
  14. 14. Storia/ archeologia del paesaggio Né archeologia del paesaggio né storia degli insediamenti sono ancora divenute una “disciplina” in senso proprio, ma un modo peculiare di fare archeologia e storia in una direzione prettamente interdisciplinare a di norma c’è scarso dialogo in Italia tra geografi storici e storici e tra storici e archeologi tale dialogo diventa OBBLIGATORIO nell’archeologia dei paesaggi come nella storia degli insediamenti. E’ imperativo o fortemente richiesto: l’apporto di fonti e discipline diverse; l’uso di sistemi di rilevazione elettronici; indagini di tipo archeometrico o geognostico; uso determinante delle fonti cartografiche e della toponomastica con verifica archeologica; il metodo retrospettivo; l’uso del GIS come strumento di catalogazione e di analisi. mercoledì 19 febbraio 14
  15. 15. La dimensione pubblica Public History - Archeologia pubblica: sviluppo intenso di queste due sotto-discipline negli ultimi 10 anni (specialmente dopo lo sviluppo del web) La storia degli insediamenti ha potenzialmente una forte dimensione pubblica (la deve avere) Sia nella CONDIVISIONE dei risultati, sia nel processo di RIAPPROPIAZIONE da parte di una comunità del proprio legame col territorio mercoledì 19 febbraio 14
  16. 16. A Pisa 1974-1982: équipe guidata da Gabriella Rossetti comincia una serie di ricerche che mirano a ricostruire il tessuto sociale e insediativo della Pisa medievale; censimento di un intero tessuto urbano, nella sua evoluzione di lungo periodo, parte dall’oggi e da quanto è sopravvissuto per ricollocarlo nel contesto del tempo proprio; diversi prodotti che hanno fatto di Pisa una delle città medievali più studiate; Gabriella Garzella, Pisa com’era. Topografia e insediamento dall’impianto tardoantico alla città murata del secolo XII, Napoli, 1991 Gabriella Garzella ha tenuto l’insegnamento di Storia degli insediamenti tardo-antichi e medievali fino al 2011-2012 mercoledì 19 febbraio 14
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×