Your SlideShare is downloading. ×
Riqualificazione dell' ospedale niguarda
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Riqualificazione dell' ospedale niguarda

1,838
views

Published on

Riqualificazione dell' ospedale niguarda

Riqualificazione dell' ospedale niguarda

Published in: Health & Medicine

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,838
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
19
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. REGIONE LOMBARDIA INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DELL’ OSPEDALE NIGUARDA CA’ GRANDA Azienda Ospedaliera OSPEDALE NIGUARDA CA’ GRANDA 20162 Milano – Piazza Ospedale Maggiore, 3 Gruppo di progettazione Direttori Tecnici N.E.C. SpA Dott. Ing. Roberto CAPRA Niguarda Engineering Consulting SpA Dott. Ing. Carlo Maria BADIProgettazione Architettonica Progettazione Impianti TermofluidiciDott. Arch. Fabiano REDAELLI Dott. Ing. Walter MAURODott. Arch. Laura LAZZARI Dott. Ing. Remo MASSACESIProgettazione Strutturale Progettazione Impianti Elettrici e SpecialiDott. Ing. Stefano PALLAVICINI Dott. Ing. Walter MAURODott. Ing. Sergio SGAMBATI Dott. Ing. Mario RUBINI PROGETTO PRELIMINARE ELABORATI GENERALI RELAZIONE ILLUSTRATIVAQuesto elaborato grafico è di proprietà di N.E.C. epertanto non può essere riprodotto né Redatto UT Commessa Codice Elaboratointegralmente, né in parte senza l’autorizzazionescritta della stessa. Da non utilizzare per scopidiversi da quelli per cui è stato fornito. Ident. File I07PC03 – PR – D0 – RL01 – 02.doc I07PC03 PR DO RL 01 Data Rev. Descrizione Verificato Controllato Controllato Scala 18/06/04 02 REVISIONE PER GARA RC RC RC COORDINATORE E RESPONSABILE IL RESPONSABILE AZIENDA OSPEDALIERA DELLA INTEGRAZIONE DEL PROCEDIMENTO Il Direttore Generale PRESTAZIONI SPECIALISTICHE Dott. Ing. Roberto CAPRA Dott. Mario NOSCHESE Dott. Pasquale CANNATELLI
  • 2. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.it INDICE1PREMESSA....................................................................................................................... 32LE NUOVE TIPOLOGIE OSPEDALIERE.......................................................................... 5 2.1L’OSPEDALE DI NIGUARDA................................................................................................10 2.2L’OSPEDALE E IL SUO CONTESTO.................................................................................... 14 2.3IL NUOVO MODELLO DI OSPEDALE................................................................................. 154LA TUTELA DEL PATRIMONIO ESISTENTE ED IL PROGETTO PRELIMINARE DELNUOVO NIGUARDA.......................................................................................................... 18 4.1TEMI DI DISCUSSIONE POSTI DAL PROGETTO PRELIMINARE ..................................20 N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 2 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 3. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.it1 PREMESSAIl progetto del Nuovo Ospedale Niguarda prevede l’inserimento di due grandi blocchi nuovi, l’uno posto anord l’altro a sud, in adiacenza rispettivamente ai padiglioni Ponti e Pizzamiglio appartenenti al progettooriginario.Oltre a questi due edifici, il progetto conferma il Dipartimento di Emergenza e Urgenza ad alta specialitàrecentemente realizzato come terzo elemento fondamentale del nuovo impianto ospedaliero.Le motivazioni che hanno portato a questa scelta urbanistica ed architettonica sono state di diverso ordine.Sicuramente sì è tenuto conto della volontà della Soprintendenza ai Beni Architettonici nell’aver individuatoin questo edificio una delle memorie storiche della città di Milano, sia dal punto di vista della suaimportanza architettonica che della sua originalità tipologica.Questo grandioso progetto, che per oltre sessant’anni ha costituito uno dei riferimenti morfologici urbani piùimportanti per la città, testimonia infatti una singolare e forse mai più pienamente colta capacità di sintesi tranecessità funzionali, significati simbolici ed espressione tipologica compiuta.Il ruolo di complessa attrezzatura urbana e il carattere prettamente civile dell’Ospedale Niguarda sonoleggibili proprio nelle intenzioni del suo autore, l’architetto Marcovigi, che nei suoi studi sulla tipologiaospedaliera ha sempre tenuto ben presente le grandi istituzioni urbane di Milano, come il Teatro alla Scala,il Duomo, la vecchia Fiera oppure l’Ospedale Maggiore del Filarete, che per oltre due secoli harappresentato il riferimento tipologico obbligato per la costruzione degli edifici ospedalieri.La stessa configurazione dell’ospedale del Marcovigi sembra essere perfettamente in grado di rappresentaree contenere le forme attraverso cui allora si stava realizzando l’assistenza ospedaliera, molto simili, percaratteristiche comportamentali e simboliche, alla complessità della vita associata che mano a manoevolveva.Nel progetto originario il ruolo di elemento base nell’organizzazione dell’impianto tipologico viene assuntodal sistema della grande corte centrale e degli elementi porticati al piano terra, che costituiscono il momento N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 3 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 4. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.itdi aggregazione e di esplicazione del carattere e del modo complessivamente sociale e civile di realizzarsidell’assistenza sanitaria in quegli anni.Nella concezione dell’Ospedale Niguarda si verifica una sostanziale inversione concettuale rispetto agliedifici che contemporaneamente si stavano sperimentando e costruendo oltreoceano: se l’ospedale modernoamericano a mono e poliblocco è concepito a immagine della fabbrica, di cui vuole riproporre la logicaorganizzativa sia internamente che esternamente, quello del Marcovigi, come edificio rappresentativo dellanuova organizzazione del potere e della città, è immagine dell’edificio civile e come tale ne assume il ruoloe l’importanza, come tale la sua architettura diventa elemento di riferimento anche della venustas della cittàdi vitruviana memoria.E proprio in virtù di questa venustas, di questo decoro, dignità ed eleganza che possiede e che vanno benoltre la sua funzione, l’Ospedale Niguarda finisce per possedere un valore significativo. Un valore, cioè, cherisulta slegato dalla sua funzione originaria e che non modifica mai la sua qualità di fatto urbano, generatoredi una forma della città.Alla luce di queste considerazioni sull’importanza del vecchio impianto, il nuovo progetto non poteva cheessere rispettoso dei principi base della progettazione del Marcovigi, che possono essere sintetizzati nelconcetto di simmetria e di proporzione degli elementi architettonici.Questa simmetria è così forte da aver condizionato storicamente qualsiasi intervento, seppur secondario, chemano a mano è stato aggiunto.Anche negli anni ’60 e ’70, infatti, i corpi aggiunti alla composizione originaria del progetto hannorispettato questi principi e così è stato fatto oggi per i due blocchi nord e sud progettati che, riproponendo lalogica dello sdoppiamento, assumono una connotazione formale rispettosa dell’impianto complessivo sia daun punto di vista planimetrico che altimetrico.L’unico elemento che sfugge a questa logica è il DEAS, che nel suo impianto fa pensare ad unariproposizione sconvolgente dell’intero impianto marcovigiano. La nuova progettazione, consistente nei dueblocchi, tende invece a ricomporre l’unità architettonica e di impianto microurbanistico ereditata. N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 4 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 5. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.itDel resto la concentrazione in un solo edificio di tutte le funzioni previste sarebbe risultata impossibile darealizzarsi, a meno di non ripensare completamente il nuovo progetto, anche passando attraverso imponentidemolizioni dell’antico ospedale.Pertanto solo questi due elementi risultano come corpi visivamente aggiunti mentre gli altri, come peresempio il Polo Logistico e quello Tecnologico, pur nella loro importanza funzionale, sono stati volutamentemimetizzati, uno mantenendolo alla quota del piano seminterrato, l’altro ponendolo ai margini di questacomposizione unitaria.Se i nuovi blocchi progettati possono apparire un “doppione” inutile e ridondante, trovano invece la lorogiustificazione sotto due aspetti: quello formale, di cui abbiamo già ampiamente parlato e quello sostanziale,vale a dire che ognuno di loro può assolvere compiutamente e tutte le funzioni per le quali è stato progettato,mettendo l’ospedale nel suo insieme in grado di funzionare completamente.2 LE NUOVE TIPOLOGIE OSPEDALIEREIl Novecento segna l’inizio di quel processo attraverso cui l’ospedale tende progressivamente a perdere iconnotati ideologici che hanno caratterizzato il suo sviluppo, dalle prime forme dell’assistenza organizzata(l’ospedale nel Monastero), alla fase moderna delle strutture sanitarie (l’ospedale a padiglioni), persviluppare una propria storia che potremmo definire più “tecnica”.E’ come se un capitolo si chiudesse e se ne aprisse uno nuovo: da questo momento in poi, il temadell’ospedale si confina all’interno di una propria logica di accrescimento, sempre più avulsa dai grandi temicivili e sociali e sempre più concentrata sugli aspetti specialistici.Con il trasferimento del dibattito architettonico dalla concezione dell’intero complesso ospedalieroall’approfondimento delle singole caratteristiche interne e funzionali, il concetto stesso di ospedale, intesocome edificio pubblico rappresentativo delle condizioni politico-culturali dell’epoca a cui appartiene, perdedi tensione. N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 5 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 6. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.itL’edificio ospedaliero non è più considerato come uno strumento di acculturazione sociale (così com’èstato, per esempio, durante il passaggio dall’economia comunale all’affermazione delle Signorie o nelperiodo rivoluzionario francese).Non ci si chiede più cosa debba essere l’ospedale: esso è ormai una funzione culturalmente già acquisitadalla città, una funzione fra le tante.La ricerca stessa del linguaggio architettonico si semplifica, seguendo ed adeguandosi ai modelli proposticontemporaneamente da altre funzioni urbane, quali la residenza o gli edifici rappresentativi del poterepolitico od economico, ed appiattendosi su stereotipi classicheggianti o storicistici, oppureprotofunzionalisti.Durante i primi decenni del XX secolo si assiste ad un fondamentale processo di trasformazione dellatipologia ospedaliera: progressivamente viene abbandonato il tipo a padiglioni per sperimentare nuovimodelli di organizzazione che vanno sotto il nome di monoblocco o di poliblocco o di tipologia mista(orizzontale e verticale).Con questi termini, desunti dal linguaggio razionalista che mutua termini già utilizzati per descrivere partidel motore delle automobili, si intenderanno, d’ora in poi, gli ospedali multipiano a prevalente sviluppoverticale, sorti per la prima volta negli Stati Uniti alla fine degli anni ‘20, dove le varie parti checompongono gli ospedali a padiglioni vengono condensate in un unico edificio.Molti elementi concorrono alla definizione e all’affermazione di questi nuovi tipi.La tesi comunemente accettata ritrova i motivi di questa trasformazione tipologica nella scoperta di nuovetecniche di disinfezione che, scongiurando i pericoli di contagio diretti, rendevano inutile la separazionefisica dei reparti ospedalieri in singoli edifici isolati.L’assioma secondo cui all’affermarsi delle scoperte di Pasteur sulle infezioni microbiche corrisponderebbela tipologia dell’ospedale a padiglioni (funzionale all’isolamento dei fattori infettivi), mentre al successivosviluppo dei mezzi di controllo delle stesse infezioni (sterilizzazione, ecc.) e al conseguente venir meno di N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 6 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 7. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.ittale necessità di isolamento, corrisponderebbe automaticamente l’affermarsi dell’ospedale monoblocco, èchiaramente frutto di un atteggiamento scientifico meccanicistico ed ingenuo.Se esaminiamo solamente la successione cronologica delle sequenze tipologiche, è facile mettere in crisiquesta impostazione: i primi esempi di ospedali a padiglione risalgono ad assai prima dell’affermarsi delleteorie microbiche di Pasteur, mentre numerosi impianti a padiglioni convivono insieme ad ospedalimonoblocco (es. ospedale Grange-Blanche di Lione del 1927), anche quando la medicina possiede ben altrimezzi per scongiurare i contagi che non il semplice isolamento fisico.In realtà nel passaggio dal tipo a padiglione alle altre tipologie descritte si realizza il completamento dellosviluppo del sistema economico imperante che, sempre più strettamente, va legando alle proprie esigenze diproduzione la necessità di recuperare e conservare l’efficienza fisica della forza-lavoro, applicandoall’ospedale le stesse tecniche di organizzazione produttiva che si stanno consolidando contemporaneamenteall’interno della fabbrica.Lo schema a padiglioni quindi non è più funzionale ai nuovi modi di intendere la gestione stessadell’ospedale. Numerosi motivi lo rendono ormai superato: innanzi tutto si rivela oneroso, per lanecessità di occupare una grande superficie, in un momento in cui il processo legato alla rendita fondiariarende i costi delle aree molto elevati.Inoltre, il grande numero degli edifici che compongono il complesso, impone maggiori costi di costruzione,maggiori costi di gestione ed, infine, ne derivano dei lunghissimi percorsi interni che il personale deveeffettuare e che si ripercuotono anche sui disagi a cui sono sottoposti i pazienti durante quelle lunghetrasferte interne dai reparti di cura e diagnosi a quelli di degenza.Questo processo di revisione critica degli ospedali a padiglioni, unito alla necessità di adeguare le struttureospedaliere ai nuovi criteri di produzione, determinano il concetto dell’ospedale come fabbrica “dellasalute”.La fiducia nella macchina, la fiducia che il progresso tecnico sarebbe andato a tutto vantaggio del progressosociale, porta a richiedere condizioni di maggiore efficienza all’interno degli ospedali, realizzando nuovi e N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 7 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 8. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.itmoderni complessi, studiati accuratamente sotto il profilo dell’organizzazione dei servizi e della vitainterna: nuovi edifici dominati dal principio dell’utilità e della sobrietà architettonica.Negli Stati Uniti, dopo la crisi del ’29, il massiccio intervento pubblico dell’economia americana rilanciauna nuova fase dello sviluppo industriale ed economico; la nuova travolgente espansione urbana che neconsegue, impone una ricerca esasperata della massima redditività dei suoli. Sotto la spinta di un crescentesfruttamento intensivo delle aree fabbricabili, nell’adeguamento ad un’immagine urbana ormai codificata eresa imperante dall’uso del lotto urbano ritagliato a scacchiera dalla maglia della rete viaria, e soprattuttonell’estensione all’intera città delle esigenze e delle concezioni di carattere aziendale, già intorno al 1930compaiono i primi ospedali monoblocco o poliblocco o misto vale a dire risolti con edifici nonsostanzialmente dissimili, quanto a tipologia, dagli altri edifici destinati ad uffici o ad altri tipi di servizi.Ben presto le nuove tipologie vengono applicate anche in Europa: in Francia, in Svezia, ecc.Le caratteristiche che meglio definiscono gli ospedali a monoblocco, oltre agli aspetti tipologici e formaliche, come abbiamo visto, si riferiscono a modelli che la cultura architettonica ha già acquisito per lasoluzione di temi legali prevalentemente agli insediamenti del terziario, riguardano soprattutto alcunepeculiarità interne.Innanzitutto si conclude quel processo di progressiva riduzione delle infermerie, avviato già verso la finedell’800, che porta alla scomparsa della corsia aperta (non più adatta all’organizzazione medico-scientifica)a tutto vantaggio delle camere di degenza ad uno o a due o a quattro o al massimo a sei letti.Acquistano maggiore importanza gli spazi dedicati ai servizi di diagnosi e cura, oltre che i laboratori dianalisi e i reparti specialistici e a queste funzioni viene dedicato uno spazio sempre più grande all’internodell’edificio.L’organizzazione scientifica che si applica in questi anni alle attività produttive (Taylorismo) non può noninfluire sull’organizzazione e quindi sulla tipologia del nuovo edificio ospedaliero. Ogni singolacomponente dell’ospedale viene inserita all’interno di un diagramma funzionale di collegamento “(...) ilfunzionalismo ha trovato in campo ospedaliero un terreno tra i più favorevoli. Sotto la copertura dellarazionalità medica esso ha potuto insinuarvisi e proliferarvi”. N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 8 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 9. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.itMa questa organizzazione scientifica, fondata sulla razionalizzazione dei flussi, opportunamente filtrati,smistati e distinti, delinea un tratto caratteristico dell’ospedale moderno: la segregazione.La segregazione dei percorsi fra malati, visitatori e personale è un tema che praticamente non fa cheaccentuarsi; un architetto dichiarava, a proposito delle circolazioni parallele e sdoppiate che si realizzano inquesti nuovi ospedali: “(…) così i visitatori non incontrano mai un malato e circolano sempre sino agliascensori in un ambiente di luminosità e di luce in mezzo ad un giardino”.Non si può dimenticare infine che gli edifici multipiano sono resi possibili anche da alcune nuove tecnichecostruttive messe a punto dall’architettura moderna: la struttura a scheletro d’acciaio; la possibilità di apriregrandi vetrate negli intervalli lasciati liberi dalla struttura; nuovi sistemi di fondazione per scaricare lesollecitazioni concentrate dei pilastri; nuovi sistemi meccanici od elettrici per gli ascensori, ecc.Ascensori, telefono e posta pneumatica consentono di far funzionare edifici di qualsiasi altezza e grandezza.Uno degli esempi più caratteristici, rappresentativo dei nuovi contenuti della cultura ospedaliera condensatiall’interno degli ospedali costruiti secondo le nuove tipologie è senza dubbio l’ospedale H. Ford a Detroitdel 1915.Anche se Ford non ebbe diretta influenza sugli aspetti tipologici di questo ospedale, tuttavia egli ebbeun’influenza determinante nella modificazione dell’organizzazione sanitaria secondo criteri omogenei aquelli dell’attività di fabbrica e nella loro rapida diffusione e generalizzazione.John Dos Passos, nel suo libro “Un mucchio di quattrini” del 1936, bene descrive il clima aziendale impostoda Ford all’interno delle sue fabbriche: “(…) da Ford la produzione si perfezionava continuamente: menospreco, più occhi aperti, più sorveglianti, spauracchi e spie. Quindici minuti per il pasto, tre minuti per ilgabinetto, dappertutto la sveltezza di Taylor, fatevi sotto, tenute il bullone, girate la vite, ficcate la chiave,fatevi sotto, tenete il bullone, girate la vite… finché l’ultima goccia di vita era succhiata dalla produzione ealla notte gli operai ritornavano a casa, larve smorte tentennanti”.Con gli stessi criteri applicati nelle fabbriche di automobili, Ford interviene nella gestione dell’Ospedale diDetroit; l’organizzazione di questo ospedale viene impostata infatti su criteri di assoluta efficienza N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 9 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 10. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.itaziendale, dove lo studio delle dinamiche dei tempi di lavoro è considerato presupposto fondamentale alfunzionamento della “macchina”.2.1 L’Ospedale di NiguardaLa premessa sopra descritta vuole mettere in luce il clima culturale e tecnologico in cui sorge il NuovoOspedale Niguarda di Milano come filiazione dell’Ospedale Policlinico di Milano.Le ipotesi di decentramento delle strutture dell’antico ospedale sforzesco, che già alla fine dell’800 era statoritenuto inadeguato e insufficiente, si concretizzarono nel 1919 quando fu deciso di costruire un nuovogrande ospedale periferico e a tal fine fu stipulato un preliminare di compravendita per l’acquisto di unterreno di 33 ettari a nord della città, in un’area suburbana edificabile, adatta per la sua struttura ancoraagricola e la mancanza di grossi stabilimenti industriali, ad accogliere un edificio ospedaliero.In particolare la costruzione del nuovo ospedale andava a coinvolgere direttamente i comuni di Affori eNiguarda, allora non ancora appartenenti alla città e, di fatto, riaprì l’antica questione dell’allargamento delComune di Milano, dei rapporti di subordinazione e di indipendenza dei comuni sparsi intorno al territorioanulare della città.In realtà sebbene allora i comuni limitrofi fossero indipendenti amministrativamente, continuavano adusufruire del servizio ospedaliero cittadino. Nel tentativo di risolvere la questione, si era tentato un pianoorganico di decentramento, che avrebbe dovuto concretarsi con l’istituzione di ospedali mandamentali o dicircolo, ottenuti utilizzando quelli già esistenti o considerati idonei e costruendone di nuovi: l’OspedaleMaggiore avrebbe dovuto provvedere soltanto al ricovero degli ammalati appartenenti per “domicilio disoccorso” al comune, sollevandosi dall’obbligo istituzionale, risalente al tempo della sua fondazionesforzesca, di corrispondere alle necessità sanitarie di un’utenza allargata all’intera provincia, nonché allecontigue province.La sistemazione decentrativa, divenuta legge con un decreto del 1924 e resa esecutiva nel 1927, stabiliva difatto che l’utenza afferente all’Ospedale Maggiore si sarebbe ristretta al solo circolo ospedaliero di Milano,costituito dalla città e da ventidue comuni limitrofi annessi, mentre nel restante territorio dell’antico Ducatovenivano creati altri trenta ospedali di circolo. N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 10 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 11. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.itIn questa prospettiva di risistemazione ospedaliera e di maggior agio finanziario, fu decisa la costruzionedell’Ospedale Nuovo a Niguarda.Oltre al riassetto decentrativo e al risanamento economico, un terzo fattore era emerso quale elementopropulsivo verso di esso: la trasformazione dei padiglioni di via Francesco Sforza in Policlinicouniversitario. Tale clinicizzazione del centro cittadino e la realizzazione del nuovo complesso alla periferiadella città, diventavano le due parti complementari, speculari e simmetriche, di uno stesso univocoprogramma di sviluppo.Nonostante la necessità di sostituire in breve il ruolo della Cà Granda, la costruzione del Nuovo Ospedalevenne però dilazionata nel tempo.Il primo bando di concorso, pubblicato nel 1926, cioè a dieci anni di distanza dalla delibera di acquistodell’area, fu un completo insuccesso.La Commissione ministeriale incaricata di esaminare il progetto redatto dall’ing. Bertolaia e dall’arch.Carnelli, dichiarò che i padiglioni “presentano il difetto fondamentale di essere ispirati, nelle loro lineegenerali, a criteri costruttivi ormai sorpassati”.Il progetto definitivo fu redatto nel 1931 dall’ing. G. Marcovigi e dal prof. E. Ronzani, direttore sanitario, edebbe come consulente architettonico Giulio Arata, professionista eclettico molto attivo nell’ambientemilanese che, oltre ad occuparsi del “decoro artistico” del complesso, progettò l’edificio della chiesa.L’impianto simmetrico, intermedio tra il sistema a padiglioni e quello a blocco centralizzato, impostatosull’asse di viale Cà Granda, a cui fa da fondale l’edificio d’ingresso con gli uffici direzionali, è incentratosu un nucleo principale di edifici di degenza impostati attorno al cortile centrale e collegati tra di loro daporticati.Gli edifici accessori (accettazione, ambulatori, convitti, lavanderie) nonché il mortuario sono invececollocati lungo il perimetro del lotto.La caratteristica principale di questo modello è sicuramente rappresentata dal raggruppamento degli edificirispetto al tipo a padiglioni; a tal proposito è interessante, per comprendere il contenuto talvolta retorico N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 11 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 12. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.itdelle realizzazioni del Ventennio, affidarci alla descrizione che l’ing. Castelli scrive nel 1942 sull’Ospedaledi Niguarda: “Finalmente il Congresso Nazionale di Igiene tenutosi a Siena nel 1929 che discusse le nuoveconcezioni di edilizia ospedaliera affermatesi in Germania e oltre atlantico, pur sottolineando tutti i vantaggidel tipo a padiglioni isolati, riconobbe che dal punto di vista dell’igiene nulla vieta di abbandonarlo quantol’economia dicostruzione consigliasse di riunire in uno o pochi edifici a più piani, le infermerie e i servizi che prima sidistribuivano in edifici sparsi, seguendo il tipo misto che già aveva dato buona prova negli Stati Uniti”.Innovativa e al passo con i tempi appare non solo la riduzione del numero dei padiglioni ma anche lariduzione della capacità in letti delle infermerie, trasformate in camere da 6 letti al massimo,convenientemente raggruppate in sezioni ospedaliere in media di 30 posti letto ciascuna.Un altro aspetto caratteristico sono le vie di comunicazione, realizzate nell’ampio porticato che costituisce ilpiano terreno dei padiglioni che, oltre ad includere importanti servizi, permettono ai convalescenti di stareall’aperto e di godere aria pura anche nei giorni di pioggia, nonché la sosta dei parenti nelle ore di visita.Infine la presenza di un vasto giardino di circa 600 metri di lato che circonda i diversi edifici, costituisceparte integrante del progetto e rappresenta un aspetto fondamentale di questo modello. Scrive ancora l’ing.Castelli nel 1942 a tal proposito: “Questa nuova grandiosa unità ospedaliera, che il Duce chiamò ospedalegiardino, si differenzia dalle altre dell’estero, per questa sua caratteristica tutta italiana, di elevarsi in unospazio verde tra i prati e gli alberi”.La monumentalità dell’impianto e delle architetture, i rivestimenti in marmo bianco, le grandi dimensionidegli spazi esterni ed interni, conferiscono all’assieme un aspetto severo, retoricamente istituzionale, propriodell’architettura pubblica del periodo prebellico.Alcuni particolari, come le vetrate a tutta altezza che svuotano gli angoli in corrispondenza delle terrazzesporgenti dei padiglioni di degenza, risentono dell’estetica funzionalista, ma il generale fuori scala deglielementi compositivi riconduce tutti i dettagli alla ricerca dell’effetto d’assieme.Come già il Palazzo di Giustizia, anche la “città ospedaliera” di Niguarda si arricchisce di interventi degliartisti dell’epoca. I due gruppi marmorei nel piazzale di ingresso sono di Arturo Martini e Francesco N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 12 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 13. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.itMessina, all’interno si trovano sculture di Giannino Castiglioni, Timo Bortolotti e Vitaliano Marchini, levetrate della chiesa sono di Mario Sironi, Aldo Carpi e Alberto Salietti.Descritto il vecchio ospedale come elemento di un’originalità italiana rispetto a quello che succedeall’estero, ospedale che per ragioni regolamentari deve rifiutare lo sviluppo in altezza e per ragionimorfologiche adeguarsi ad una periferia che ancora non ha assunto i caratteri dell’agglomerato urbano, èinteressante, entrando nello specifico, mettere in luce quali sono state le scelte progettuali dell’architettoMarcovigi.L’architetto incaricato sceglie la strada della tipologia mista attraverso la connotazione in orizzontale di unafigura architettonica che rifiuta il contesto e che vive di vita propria. Sostanzialmente quindi si vuol dire cheil progettista, così come aveva fatto a Bergamo realizzando l’Ospedale, pensa più a rendere coerente laforma interna dell’ospedale che non a rispettarne i rapporti con l’esterno.Ecco dunque che l’ospedale, seppure impostato su di un forte asse di simmetria, rappresentato dal viale CàGranda e che farebbe prevedere uno sfondamento fino alla chiesa vista come elemento terminale del disegnourbano, crea in realtà una cesura, sia funzionale che materica, nella parte antistante l’ospedale dove vienecostruito l’edificio d’ingresso, quasi a volerci comunicare che l’ospedale sta al di là della suarappresentazione sulla città.In effetti la parte sanitaria non contamina minimamente il fronte principale dell’ospedale dove sonocontenute le funzioni direzionali e della gestione. Ciò significa un rifiuto a dialogare morfologicamente conil territorio circostante al punto tale che, così com’era avvenuto per altri ospedali costruiti dentro alla città,anche l’ospedale di Niguarda è posto sempre come “turris eburnea” rispetto al San Carlo, al Policlinico, alFatebenefratelli, ecc.Questo è tanto vero tanto più approfondita si fa l’analisi stilistica sulle due parti che lo compongono: da unaparte vi è l’omaggio all’architettura monumentale di regime, rappresentato dalla parte antistantedell’ospedale, dall’altra la "strizzatina d’occhio" al Movimento Moderno mitteleuropeo rappresentato daipadiglioni delle degenze e della diagnosi e cura. N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 13 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 14. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.itNell’ambito del panorama razionalista che contraddistingue questi ultimi edifici, spicca e si differenzia lachiesa che in quanto edificio religioso non poteva che attenersi ai canoni dettati allora da Ugo Oietti e dallafantasia estremamente eclettica di Arata.La scelta di collocare le due piastre simmetriche dietro ai corpi Ponti e Pizzamiglio risulta coerente conl’impianto precedentemente descritto. Da una parte, infatti, questa scelta permette di mantenere l’impiantooriginario intatto nella sua composizione d’insieme, senza snaturarne gli elementi originari. D’altra partequesto impianto viene rimarcato dalla modesta altezza dei due corpi aggiunti che, seppur estesiorizzontalmente, non alterano visivamente i rapporti di altezza stabiliti originariamente.2.2 L’Ospedale e il suo contestoL’area interessata dalla costruzione del Nuovo Ospedale rappresenta, per i suoi caratteri di atipicità rispettoai modi di espansione previsti dai primi piani regolatori, un caso singolare nello sviluppo della periferiastorica milanese.Gli assi dei viali Zara, Testi e dei paralleli Sarca e Suzzani, furono infatti tracciati al di fuori della magliaberutiana, dopo il 1908, sulla base di un progetto di una societàprivata che intendeva creare, attorno ad una nuova radiale di espansione, una sorta di “città lineare” traMilano, Sesto S.Giovanni e Monza.Nel cinquantennio precedente, il quadrante nord-ovest di Milano si era venuto caratterizzando perl’attestarsi dei terminali degli assi ferroviari più importanti (la prima stazione Centrale e lo scalo Garibaldi)con una vocazione prevalente a periferia operaia e industriale.Le aree più esterne, non ancora urbanizzate, erano costituite da Comuni rurali (Affori, Bruzzano, Niguarda)e da agglomerati di cascinali e case coloniche (Segnano, Pratocentenario, Bicocca) con presenza di anticheville e cascine suburbane (come la villa degli Arcimboldi alla Bicocca o le cascine Mirabello e Torretta).All’inizio del secolo, a ridosso del ramo della ferrovia tra Milano e Sesto S. Giovanni, comune già allorafortemente industrializzato, si insediavano i nuovi stabilimenti della Pirelli e della Breda che, con la loroimponente presenza, avrebbero condizionato i futuri assetti della zona. N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 14 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 15. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.itNel 1908 la “Società Anonima Quartiere Industriale Nord Milano”, tra i cui soci erano esponentidell’imprenditoria lombarda come Carlo Feltrinelli, Ettore Conti e Piero Pirelli, dopo aver acquistato iterreni a nord della ferrovia, compresi tra i limiti esterni del Piano Beruto e i confini con Sesto, stipulavauna convenzione con il Comune per la valorizzazione dell’area con la creazione di un grandioso quartierecon industrie e residenze per operai e impiegati.Ben presto, però, le difficoltà economiche, gli eventi bellici, la sopravvalutazione dell’entità dello sviluppodella zona e la mancanza di collegamenti con il centro cittadino, ridimensionarono l’iniziativa che si limitòalla realizzazione di buona parte dell’infrastrutturazione primaria, al previsto restauro della cascinaMirabello, della Bicocca degli Arcimboldi acquistata nel 1918 dalla Pirelli e oggi sede di rappresentanza dialcuni quartieri ed edifici residenziali e di servizio (come il quartiere ICP Niguarda del 1913 e la torre perl’acqua potabile in viale Sarca).La ripresa dell’attività edilizia negli anni Trenta, ma soprattutto nel secondo dopoguerra rilanciòl’urbanizzazione della zona che, pur rispettando la maglia viaria già realizzata, seguì modalità di sviluppodiverse da quelle originariamente previste.In generale gli interventi realizzati nel secondo dopoguerra si presentano come esperienze contraddittorie:ad un’edilizia di tipo intensivo e speculativo da un lato si oppone dall’altro una politica di sviluppo diquartieri economico popolari e cooperativi e strutture di servizio a scala metropolitana che hanno contribuitoa qualificare gli assetti della zona.2.3 Il nuovo modello di OspedaleSulla base delle indicazioni della più moderna letteratura, ovvero in relazione alle esigenze gestionalirilevate, ne scaturisce che l’ospedale dovrà essere deputato all’assistenza terapeutica polispecialistica peracuti di alto o medio livello, quale nodo primario della rete sanitaria, integrato con la rete dei serviziterritoriali di assistenza e cura (prevenzione, assistenza di base e “on-line”, diagnostica e terapiaspecialistica, assistenza farmaceutica, assistenza domiciliare integrata, riabilitazione, lungo degenza, altaspecializzazione). N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 15 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 16. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.itL’interazione della rete deve assicurare l’adeguata e completa funzione di filtro e di garanzia dell’interoprocesso diagnostico-terapeutico.L’Ospedale deve essere anche luogo di accumulazione di conoscenza clinico-scientifica, ricercaintellettuale, aggiornamento professionale per i medici interni ed esterni e per il personale infermieristico eamministrativo.L’alta qualità delle sue prestazioni è garantita dall’efficacia della cura, dall’umanizzazione dell’assistenza,dall’arricchimento professionale del medico e del personale infermieristico e dall’efficienza della gestione.Per raggiungere questi obiettivi è necessario che siano presenti contemporaneamente nell’ospedale tutte leprofessionalità medico-specialistiche, sanitarie, organizzative e gestionali, insieme a tutte le tecnologienecessarie od opportune, e che si sviluppi una cultura organizzativa in grado di utilizzare tutti gli strumentimessi a disposizione dalle moderne tecnologie, anche informatiche.Il rapido mutamento che si realizza all’interno dei complessi ospedalieri, rende necessaria la flessibilitàstrutturale e organizzativa.Bisogna poter recepire facilmente e tempestivamente le innovazioni e i cambiamenti tecnologici,organizzativi ed anche formali. La struttura deve essere perciò il più possibile preveggente, neutrale eflessibile per adattarsi con facilità alle nuove funzioni necessarie.Necessita una struttura organizzativa e formale che sia capace di consentire modificazioni e crescite senzacompromettere la coerenza intrinseca, che abbia la capacità di variazioni interne senza particolari difficoltàe di espansioni esterne senza ledere gli aspetti strutturali e formali.Sono fondamentali sistemi costruttivi che consentano il montaggio, lo smontaggio, lo spostamento,l’aggiunta degli elementi attraverso lavorazioni a secco, non polverose, e non rumorose, espansibilità edadeguabilità semplice degli impianti idromeccanici ed elettrici di sicurezza.Bisogna prevedere aree “polmone” per le probabili espansioni, specie nei settori ad alta prospettivainnovativa quali la diagnostica per immagini, nonché modularità e interscambiabilità di ambienti, arredi,apparecchiature. N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 16 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 17. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.itVanno garantiti diversi livelli di flessibilità: interna edilizia (sistemi costruttivi, maglia strutturalemodulare); interna funzionale (ritagliabilità per aree funzionali); interna planimetrica (aree polmone libere,semifinite, collocate in punti strategici) esterna planimetrica (possibili espansioni da realizzarsi in areepredisposte, già preconfigurate).Per quanto riguarda le dimensioni, l’ospedale deve essere sufficientemente grande da consentire la presenzadelle facilities e professionalità necessarie, ma allo stesso tempo non ipertrofico o eccessivamentecomplesso onde evitare difficoltà e inefficienze nella gestione.La struttura fisica del nuovo Ospedale si deve caratterizzare per l’estrema flessibilità, favorita dallamodularità delle soluzioni edilizie ed impiantistiche adottate, indispensabile per l’adattamento continuo alleesigenze che mutano nel tempo.Massima flessibilità sarà richiesta anche al sistema organizzativo.In questo modo sarà possibile in ogni momento variarne i contenuti di funzioni ed attività, anche perconformarsi alla domanda dei singoli cittadini e della collettività e seguire l’evolversi tumultuoso delprogresso medico e della tecnologia.La struttura nel modello supera il concetto del reparto tradizionale: le funzioni specifiche non sono piùlegate alla peculiarità delle singole discipline specialistiche ma realizzabili in settori di “facilities” il piùpossibili comuni.Pertanto degenze, sale operatorie, laboratori, ambulatori, servizi speciali di diagnosi e cura, saranno il piùpossibile centralizzati ed utilizzabili da molteplici professionalità, fatte salve ovviamente le situazioni per lequali specifiche ed inderogabili necessità indichino di riservare la risorsa ad una specifica brancaspecialistica.Il modello del Nuovo Ospedale si caratterizza quindi principalmente per: alta capacità e complessità diprestazioni a fronte di contenuta capienza dell’area di N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 17 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 18. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.itdegenza; alta qualità e articolazione in diversi gradi di intensità di assistenza delle degenze; contenimentodel tempo medio di ricovero; continuità dell’assistenza; sviluppo delle prestazioni in ambulatorio e diurne(day-hospital e day-surgery); alta utilizzazione delle attrezzature specialistiche, alta flessibilità strutturale edi utilizzo; dimensione contenuta e compattezza con ottimizzazione dei percorsi; organizzazione perprocessi di cura, contiguità dei servizi più utilizzati nell’ambito dei percorsi di diagnosi e cura;ottimizzazione dei flussi; sicurezza e contenimento del rischio; integrazione con la città ed il contesto socio-culturale; coordinamento con le altre strutture del Servizio Sanitario Nazionale.34 LA TUTELA DEL PATRIMONIO ESISTENTE ED IL PROGETTO PRELIMINARE DEL NUOVO NIGUARDAIl comparto di intervento per la costruzione del nuovo Ospedale di Niguarda ha comportato come prima verifica, preliminare ad ogni ipotesi di progetto, quella relativa ai vincoli sull’area e sugli immobili esistenti.Al di là dei riconoscimenti pure significativi, l’Ospedale di Niguarda rappresenta un importante esempio di architettura sanitaria razionalista ed è per questo che le Soprintendenze per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Milano e Regionale, ed il Comitato di Settore per i Beni Ambientali ed Architettonici del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, hanno definito, in seguito a numerosi incontri con i progettisti, le linee guida per la presentazione di ipotesi progettuali: sostanzialmente l’ipotesi localizzativa dei nuovi interventi prevedeva la nuova costruzione di due blocchi ospedalieri, collocati simmetricamente lungo l’asse centrale del complesso ospedaliero esistente, con il solo mantenimento degli edifici (n° 1, n° 2, n° 3) costituenti l’ingresso del Niguarda sulla piazza Ospedale Maggiore, degli edifici n° 4, n° 5, n° 6, n° 7, n° 8, n° 9, n° 10, costituenti la struttura storica del complesso, valore significativo dell’organizzazione del sistema, della cappella (ed. n° 22) e delle due strutture di recente realizzazione (DEAS e Unità Spinale) [ Verbale n° 120 del 09/07/2003 del Comitato di Settore per i Beni Ambientali ed Architettonici relativo al Complesso dell’Ospedale Niguarda - Tutela ai sensi del Titolo 1° del D. Lgs. 29/10/1999, n° 490].In seguito ad ulteriori incontri con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Milano, venivano valutate proposte di progetto, interpretative del citato verbale n° 120 del Comitato di Settore del Ministero, che erano considerate migliorative rispetto a quelle autorizzate, “ per quanto riguarda la N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 18 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 19. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.it conservazione delle qualità tipologiche e storiche del complesso “ e ottenevano pertanto parere favorevole alla loro realizzazione. (Lettera della Soprintendenza per i Beni Ambientali e per il Paesaggio di Milano del 05/03/2004 - Prot. n° 2142S).Una sintesi della proposta esplicitata nel progetto preliminare vuole essere, nelle intenzioni, una soluzione semplice per un tema complesso, quasi un edificio “didattico”, facile da spiegare e facile da capire.In assoluta identità di impostazione con l’edificazione storica esistente, lungo un asse perpendicolare a quello sul quale si compone l’attuale edificazione e passante per il centro dell’ed. n° 4, con orientamento quindi Nord - Sud, è prevista la realizzazione di due blocchi planimetricamente speculari ai due assi, il principale esistente (Est - Ovest) e quello di nuova formazione (Nord - Sud).Sia il blocco Sud, sia il blocco Nord sono costituiti da una piastra centrale di 3 piani fuori terra, delimitata ad Est e ad Ovest da corpi quintupli a quattro piani fuori terra, prevalentemente adibiti a degenze.I due blocchi di nuova costruzione sono a loro volta uniti agli esistenti edifici n° 5 (Ponti) e n° 6 (Pizzamiglio) da una galleria coperta a protezione delle attività e servizi perisanitari, come bar, caffetteria, negozi, banca, parrucchiere, giornalaio, posta, nido, situati al Piano Terra degli stessi ed. n° 5 e n° 6, mentre i quattro piani superiori verranno ristrutturati per degenze, studi medici e locali tecnici.Gli ingressi sono previsti in numero di uno sul lato Sud da Via Zubiani e in numero di tre sul lato Nord, dalla strada interquartiere di futura realizzazione; in prossimità degli ingressi sono ubicate le aree a parcheggio.Il progetto preliminare proposto vuole essere un sistema di relazioni molto chiaro, che risponda a tutte le sollecitazioni e che sopporti tutti i condizionamenti.La sistemazione a corte delle degenze, attorno alla piastra centrale delle sale operatorie, tende alla massima riduzione dei percorsi, con conseguente ottimizzazione delle funzioni. N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 19 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 20. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.itL’innovazione della galleria coperta ad integrazione degli esercizi commerciali e di servizio risponde al principio dell’ospedale aperto: che possa dare una nuova valenza urbana, cancellando il carattere dell’ospedale come recinto esclusivo, impermeabile, storicamente nato per proteggere i sani dai malati.Il fine perseguito per questo ospedale è quello di creare un edificio flessibile, che permetta variazioni di dimensioni e cambiamenti di programma, senza alterare la sua funzione o, al più, migliorandola.Anche i materiali previsti (la pietra, l’acciaio, il vetro, le finiture) sono pensati in funzione di un’economia di gestione, ma con il fine di formare un ambiente rasserenante e confortevole, tendente ad accentuare la familiarità del luogo.Il progetto preliminare con la nuova costruzione dei due blocchi risponde alle moderne esigenze ospedaliere, rispettando nel contempo volumi ed immagini che hanno contribuito a determinare l’organizzazione del complesso, conservando soprattutto la funzione ospedaliera di Niguarda, che, a Milano, per tradizione fortemente consolidata, rappresenta “ l’Ospedale ”.4.1 Temi di discussione posti dal progetto preliminareIl tema progettuale dell’“l’Ospedale del futuro” riassume in se i temi più avanzati del dibattito culturale in merito alla concezione stessa dell’Ospedale.Riassume, però, anche i dubbi e le incertezze che la continua accelerazione della nostra società, saggiamente, impone.È quindi impossibile descrivere l’ospedale del futuro ed in particolare un ospedale futuro quale è il nuovo Ospedale Niguarda?Il nostro progetto preliminare cerca di dimostrare il contrario.Tuttavia si è ben consci che i progettisti sono tenuti da un lato a proporre soluzioni il più possibile aperte verso le problematiche sopra esaminate e dall’altro a contribuire ad un dibattito così stimolante.Esaminiamo le questioni essenziali: N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 20 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 21. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.itIl dimensionamento ottimale di una struttura ospedaliera costituisce uno dei temi centrali del dibattito, anche istituzionale, in corso.La risposta a questa domanda, a nostro parere, non può essere assoluta ed è condizionata dal ruolo prefigurato per l’ospedale, dalla sua collocazione nella società che lo esprime, dagli altri anelli della catena socio sanitaria presenti sul territorio, dallo sviluppo tecnologico, dalle economie di scala ecc.Quello che appare sempre più certo, e potrebbe costituire una delle possibili metodologie per la definizione dimensionale, è l’assoluta inderogabilità dell’approccio interdisciplinare nei confronti del Paziente.Pur considerando i ruoli che i diversi ospedali hanno sul territorio, la garanzia di interdisciplinarietà sottolinea la necessità di avere più specialisti che abbiano esperienza su di un numero di casi significativo e dotati della necessaria attrezzatura.Non necessariamente la risposta a questa necessità comporta la concentrazione in un unico “polo”.La nascita di strutture dedicate a settori della medicina, come gli istituti dei tumori, dimostra che si può procedere ad un approccio interdisciplinare per patologia, ma il basso livello complessivo di alcuni ospedali di riferimento dei capoluoghi di provincia della nostra Regione è probabilmente dovuto all’assenza di settori trainanti (trapianti-ricerca ecc), che costituiscono elementi emblematici di un processo di approccio interdisciplinare.È altrettanto certo che quanto affermato deve tenere conto di tutti gli strumenti informatici a disposizione, strumenti che consentono di operare, anche a distanza, creando delle comunità virtuali di lavoro.La riduzione della durata della degenza è, probabilmente, un processo irreversibile, ma anche in questo caso l’ipotesi della distinzione tra ospedali diurni e ospedali in regime di degenza continua, deve fare i conti con la necessità di un approccio interdisciplinare ai più alti livelli.Deve altresì fare i conti con l’invecchiamento complessivo della popolazione e con la conseguente presenza di anziani affetti da diverse patologie che potrebbero rendere più arduo l’intervento in day-hospital. N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 21 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 22. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.itVi è inoltre da osservare come in molti casi, con il crescere della complessità degli interventi eseguibili in regime di day-hospital, è necessaria la degenza di almeno una notte.Quale può essere una soluzione dimensionale corretta?La risposta, anche in questo caso, viene suggerita dal progetto preliminare che prefigura un alto livello di flessibilità dei servizi sanitari e individua, per le aree di degenza, una possibile e futura tendenza verso la camera singola, con letto di supporto per l’accompagnatore.Questa soluzione è “figlia” di quanto abbiamo osservato, nel corso dei due decenni trascorsi, al passaggio dalla camera a sei - otto letti, alla camera a tre - quattro letti con bagno comune e alla realizzazione negli ultimi anni di degenze con camere a due letti con bagno privato.Tale soluzione sta già personalizzando l’approccio al Paziente, consentendo di gestire la degenza con la massima versatilità.Per quanto concerne le aree di degenza è certamente difficile immaginare di dover rispondere, ottenuto il risultato sopra indicato, a nuove e diverse esigenze, ma questo presuppone che i servizi della degenza vengano correttamente dimensionati.Il progetto prevede un incremento, rispetto ai “modelli” tradizionali, dei locali di soggiorno realizzandoli sia all’interno dell’area di degenza stessa, dedicandoli a Pazienti che comunque necessitano di controllo, sia all’ingresso dell’area, valorizzando le “testate” dei Padiglioni storici Ponti e Pizzamiglio, per Pazienti che richiedono una minore attenzione e che possono ricevere i visitatori anche in orari condizionati dalle attività sanitarie.Sono previste inoltre delle aree, strutturate in “open space”, destinate ad attività di studio e di gestione localizzate nelle predette “testate”. N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 22 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano
  • 23. N.E.C. S.p.A. Tel. +39 02 66825245 Fax +39 02 60737419 www.nec-spa.it Così pure si è previsto di dotare ogni camera di degenza di bagno, almeno dimensionalmente utilizzabile da parte di persone disabili, anche alla luce della considerazione che ogni Paziente, in qualche forma, è un disabile, sia pure temporaneo. Dobbiamo comunque considerare che la dimensione fisica della struttura ospedaliera, nel suo complesso, non è solo dipendenza diretta delle valutazioni sopra esposte, ma è determinata da scelte operate in differenti settori. L’Ospedale di Niguarda rappresenta, infatti, una struttura caratterizzata da un’alta specializzazione, da servizi sanitari diversificati e da complessi servizi alberghieri ed aziendali che devono rispondere ad esigenze molto diverse da un tempo. Ne deriva che il tema del dimensionamento va analizzato anche alla luce di queste grandi funzioni. Lo “strumento” della “Concessione” prevede lo scorporo gestionale di alcune funzioni non prettamente sanitarie, con l’evidente intento di concentrare le energie dell’Ospedale su quest’ultimo settore. I progettisti, alla luce di questo scenario, si sono trovati di fronte a due possibili scelte operative:  ipotizzare la gestione del complesso di servizi all’esterno all’area ospedaliera prefigurando, da subito, uno scorporo pressoché totale;  mantenere all’interno dell’area ospedaliera i servizi scorporabili, rafforzandone i collegamenti funzionali.Si è optato per questa seconda ipotesi al fine di garantire una migliore efficienza e controllo di alcune attività anche “delicate”, il servizio di sterilizzazione, di cucina e, non ultima, una potenziale autosufficienza operativa al complesso ospedaliero anche in caso di grave calamità.Dunque il corpo di fabbrica denominato “Polo Logistico” è parte integrante della struttura “unitaria e compiuta”, pur ideato in sede separata, ma funzionalmente e strutturalmente collegato al complesso degli edifici ospedalieri. N.E.C. – Niguarda Engineering Consulting S.p.A. 23 Sede Legale e Amministrativa: piazza Dell’Ospedale Maggiore, 3 - 20162 Milano Sede Operativa e gestionale: Viale Zara 81 – 20159 Milano C.F. – P.I. - N. Reg. Imprese 03752250963 – REA 1700339 – Cap. soc. 250.000,00 i.v. La N.E.C. S.p.A. è soggetta alla direzione e controllo dell’A. O. Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano