Your SlideShare is downloading. ×
Ma quanto ci costa il gambero rosso ?
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Ma quanto ci costa il gambero rosso ?

296
views

Published on

Come salvaguardare il gambero di fiume rispetto all'invasione del gambero rosso. E se ci pensassero le/i pescatrici/ori d'acqua dolce ?

Come salvaguardare il gambero di fiume rispetto all'invasione del gambero rosso. E se ci pensassero le/i pescatrici/ori d'acqua dolce ?

Published in: Entertainment & Humor

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
296
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Estratto dal sitowww.ilfuturomigliore.orgMA QUANTO CI COSTA IL GAMBERO ROSSO ?sergio benassaiNota preliminare: non ho alcuna intenzione di occuparmi del noto portale“Gambero rosso” (con annessi e connessi: canale sky, magazine, settimanale,ecc.) dedicato al cibo e alle bevande. L‟argomento che ho intenzione di trattareriguarda proprio il “gambero” nella sua accezione originale di crostaceo d‟acquadolce.1. Gambero rosso contro gambero di fiumeIl gambero di fiume (Austropotamobius pallipes) è un piccolo crostaceo dacqua dolce, le cuidimensioni possono raggiungere i 12 cm di lunghezza e i 90 g di peso.E‟ diffuso in molti paesi europei; il suo habitat e costituito da torrenti ben ossigenati contemperature dell‟acqua non superiori a 23°C.
  • 2. Il gambero rosso della Louisiana (Procambarus clarkii) è anch‟esso un gambero d‟acqua dolce:essendo la sua carne considerata molto prelibata ed essendo molto prolifico, viene allevato in tutto ilmondo.Deriva il suo nome dal fatto di essere originario delle aree palustri e fluviali degli Stati Uniti centro-meridionali (tra i quali la Louisiana) e del Messico nord-orientale.Il gambero di fiume è a forte rischio di estinzione, sia a causa dell‟inquinamento, sia a causa dellapresenza di crostacei esotici, in particolare dei gamberi rossi della Louisiana, che sono incompetizione per l‟utilizzo delle risorse e per la presenza in essi di malattie poco tollerate dallasottospecie italiana.2. Una piccola storiaNel 1992 una piccola azienda di piscicoltura della Versilia, situata a Massarosa, vicino al Lago diMassaciuccoli, immise nelle sue vasche alcuni esemplari di gambero rosso della Louisiana,prevedendo di allevarli per la loro commercializzazione.Nell‟autunno dello stesso anno tutta la Versilia fu interessata da un‟alluvione che, tra l‟altro, inconseguenza dei danni prodotti alle strutture dell‟azienda di piscicoltura, consentì ai gamberi rossidi insediarsi nel Lago di Massaciuccoli e, inoltre, causò la chiusura dell‟azienda di piscicoltura.I gamberi rossi iniziarono così a crescere e moltiplicarsi, tanto che, nell‟estate del 1995, Massarosafu invasa dai gamberi rossi. Si trovavano dappertutto, nelle strade, nei giardini, fin dentro le case.E provocarono danni significativi anche a diverse colture, data la loro voracità.Si scatenò allora la pesca al gambero rosso nel Lago di Massaciuccoli, e non solo da parte dei locali.Si era infatti sparsa la nomea che questi gamberi erano, oltre che buoni da mangiare, anchefacilissimi da catturare.
  • 3. E ci fu chi, dopo averli pescati, portò via con sé alcuni esemplari vivi, dando così inizio alladiffusione del gambero rosso in diverse altre acque dolci italiane (e non solo).3. Salvare il gambero di fiume !L„IUCN, l‟Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (International Union for theConservation of Nature), che svolge un ruolo importante per la conservazione della diversitàbiologica, ha inserito il gambero di fiume nella sua “lista rossa”, ossia nellelenco delle specieminacciate di estinzione.E la Direttiva 92/43/CEE ha inserito il gambero di fiume negli elenchi contenuti negli Allegati II(specie animali la cui conservazione richiede la designazione di zone speciali di conservazione) eIV (specie animali che richiedono una protezione rigorosa).4. Il progetto CRAInatIn questo quadro si inserisce il progetto CRAINat (Conservation and recovery ofAustropotamobius pallipes in Italian Natura2000 sites), finanziato nellambito del programmacomunitario LIFE+ 2008 e che prevede la realizzazione di specifiche azioni di tutela econservazione nei confronti del gambero di fiume.Il progetto CRAINat è strutturato nelle seguenti 64 azioni da svolgersi in Lombardia e in Abruzzo:- 15 azioni specifiche inerenti il project management, la pianificazione tecnica delle attività ela progettazione delle strutture, la formazione degli addetti nonché la realizzazione di studipreliminari sulle popolazioni di gambero di fiume attualmente presenti nelle aree delprogetto.- 2 azioni finalizzate entrambe allacquisizione di lotti di terreno sui quali verranno realizzatele source areas- 25 azioni finalizzate a migliorare realmente lo stato di conservazione del gambero di fiume,contrastando le minacce e favorendo un incremento delle popolazioni autoctone presenti.Tra le varie azioni, saranno costruiti nuovi centri di riproduzione, ampliati e/o adeguatiquelli esistenti, realizzate source areas (nursery naturali) e stagni multifunzionali, createtask force per la traslocazione delle popolazioni a rischio, svolte attività di antibracconaggio,effettuati interventi di riqualificazione degli habitat ecc.-- 10 azioni che prevedono attività di comunicazione e diffusione di quanto sarà conseguito nelcorso del quadriennio di attività. La comunicazione sarà effettuata tramite convegni,
  • 4. pannelli esplicativi, depliant, mostre, ecc. e sarà indirizzata verso diversi target (scuole,cittadini, associazioni di settore, ecc.) al fine di trasferire i risultati e le tecniche apprese atutte le parti interessate e migliorare lo stato delle conoscenze sul gambero di fiume e sullaRete Natura 2000 in generale.- 12 azioni specifiche necessarie per la gestione amministrativa, tecnica e finanziaria delprogetto. Necessario il monitoraggio delle azioni di conservazione esplicate, per la verificadellefficacia (qualitativa e quantitativa) di quanto svolto nel progetto.Il progetto è finanziato dall‟Unione Europea con 1.538.191 euro.5. Il progetto “Controllo del gambero invasivo Procambarus clarkii nel Consorzio diBonifica dell‟Emilia Centrale”Nell‟ambito del progetto triennale (2008-2010) “Controllo del gambero invasivo Procambarusclarkii nel Consorzio di Bonifica dell‟Emilia Centrale” si è provveduto, con il contributo finanziariodell‟Assessorato Agricoltura della regione, a stimare l‟abbondanza delle popolazioni della specie inalcuni canali, e sono state quindi sviluppate le seguenti tecniche di controllo:- trappolaggio intensivo- immissione di predatori indigeni, in particolare di anguille- applicazione di biocidi di origine naturale- sterilizzazione di maschi sessualmente attivi e loro rilascio in natura6. Progetto LIFE+ Natura “SCI d‟acqua”Nell‟ambito del progetto LIFE, la provincia di Prato ha sviluppato un piano di intervento per laconservazione del gambero di fiume.Le azioni previste sono le seguenti:- tutela della specie- tutela dei siti riproduttivi- tutela delle differenti linee genetiche- scelta delle aree di intervento- lotta alle specie aliene- contenimento dei competitori- adeguamento normativo7. Provincia di Bolzano: Progetto di tutela del gambero di fiume (2002-2006)Il progetto comprendeva l‟elaborazione e la parziale messa in opera di proposte concrete per ilmiglioramento della situazione e per una durevole tutela del gambero di fiumeIn particolare si è proceduto ad effettuare analisi ecotossicologiche multispecie su alcuni campionidi sedimento e acqua superficiale su un corso d‟acqua che, vedi caso, si chiama “Rio Gambero”.
  • 5. 8. Ma il gambero rosso non si arrendeInfatti su Internet sono presenti diversi annunci di questo tipo:5 gamberi della Louisiana: 30 €10 gamberi della Louisiana: 50 €30 gamberi della Louisiana: 100 €compresa consegna a domicilio in tutta ItaliaE si trovano anche gustose ricette, come questa:In una padella far dorare nell’olio qualche spicchio d’aglio e aggiungerepeperoncino e pomodori tritati.Dopo aver fatto rosolare il tutto aggiungere i gamberi rossi e fiammeggiarecon un po’ di cognac.Aggiungere una bustina zafferano e far andare per qualche minuto.Spolverare il tutto con prezzemolo tritato e … buon appetito9. ConclusioneTenendo conto che i progetti sopra citati non sono tutti i progetti (attuati, in corso e previsti) per lasalvaguardia del gambero di fiume, si può comunque stimare che l‟insieme comporti una spesa diqualche milione di €.Non mi azzardo a commentare (né in positivo, né in negativo) questa spesa a fronte della situazionedi crisi che stiamo vivendo.Però, vista la prelibatezza del gambero della Louisiana, forse l‟azione più efficace per salvaguardareil gambero di fiume è quella di rivolgersi alle associazioni di pescatori d‟acqua dolce perché lancinouna campagna per la pesca intensiva del gambero della Louisiana (che, oltretutto, consentirebbealle/ai loro associate/i di guadagnare qualche soldo rivendendoli, o, più semplicemente, di gustarsidei bei piatti saporiti).

×