Ignite IBB: Marco Magnarosa - PROGETTO IPECS – Internet Protocol for Electronic Contactless System
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Ignite IBB: Marco Magnarosa - PROGETTO IPECS – Internet Protocol for Electronic Contactless System

on

  • 613 views

Open Standard per l’interoperabilità dei sistemi contactless

Open Standard per l’interoperabilità dei sistemi contactless

Statistics

Views

Total Views
613
Views on SlideShare
613
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Ignite IBB: Marco Magnarosa - PROGETTO IPECS – Internet Protocol for Electronic Contactless System Ignite IBB: Marco Magnarosa - PROGETTO IPECS – Internet Protocol for Electronic Contactless System Presentation Transcript

  • IPECS Internet Protocol forElectronic Contactless Systems IBB - Firenze - 24/01/2011 Marco Magnarosa – CUBIT
  • Summary CUBIT – Wireless Innovation Lab Il contesto: Internet delle Cose Il problema: L’interoperabilità La soluzione – IPECS: Internet Protocol for Electronic Contacless Systems
  • CUBIT – Wireless Innovation LabIl Wireless Innovation Lab nasce nel 2007 per volontà del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’ Università di Pisa, del Polo Tecnologico di Navacchio, e di imprese del settore delle TLC con l’obiettivo di creare un centro avanzato per la progettazione, la simulazione, il testing e la certificazione delle soluzioni tecnologiche innovative nel campo dell’elettronica e delle telecomunicazioni. Wireless Innovation Lab Know how Telecomunicazioni EMC, Networking, IEEE Sviluppo di attività di ricerca integrata KBC
  • Attività Hardware & Firmware DesignDesign, sviluppo hardware e firmware ed integrazione di sistemi radio (wireless,RFID), Wireless Sensor Networks.Know how nel design Integrated Systems, Microprocessor & Card Design(Routerboard WiMAX) Testing & CertificationMisure, testing e certificazione di standard per RFID (ISO/IEC 14443, ISO/IEC10373, ISO 18000-6, EPC Global Class1 Gen2), WiMAX (IEEE 802.16d/e), Wi-Fi,IEEE 802.20, HSDPA technologies.Problem solving e sviluppo per problematiche elettromagnetici and noncompliance agli standard tecnologici Prototyping and medium batches productionPrototipazione di board elettroniche con sistemi SMT (Surface MountTechnology) con macchinari Pick and Place, Full Convection Reflow Oven esemi-automatic stencil printer.
  • Il contesto:Internet delle cose & RFID
  • Internet delle cose: un processo in atto. L’IoT è l’estensione di internet al mondo degli oggetti e dei luoghi concreti. Le “cose” in questione sono oggetti di varia natura che, una volta interconnessi ad Internet, conferiscono alla rete una crescita di informazioni, di memoria, di vantaggi e proprietà nuove. AUTOMOTIVE APPLIANCE BUILDING CONTROL AUTOMATION BIO- ENVIRONMENTAL MEDICALE MONITORING INDUSTRIAL HOME CONTROL AUTOMATION
  • Internet delle cose: un processo in atto. L’IoT è l’estensione di internet al mondo degli oggetti e dei luoghi concreti. Le “cose” in questione sono oggetti di varia natura che, una volta interconnessi ad Internet, conferiscono alla rete una crescita di informazioni, di memoria, di vantaggi e proprietà nuove. Smart cities six axes: a smart economy; smart mobility; a smart environment; smart people; smart living; and, finally, smart governance. AUTOMOTIVE APPLIANCE BUILDINGThese six axes connect with traditional CONTROL AUTOMATION regional and neoclassical theories of urban growth and development. In particular, the axes are based - BIO- respectively - on theories of regional ENVIRONMENTAL MEDICALE competitiveness, transport and ICT MONITORING economics, natural resources, human and social capital, quality of life, and participation of citizens in the governance INDUSTRIAL HOME AUTOMATION CONTROL of cities
  • Internet delle cose: le tecnologieL’adozione delle tecnologie di tipo contactless PAGAMENTI Controllo Accessied RFID nel campo dei servizi pubblici e privatiè un primo esempio concreto di Internet dellecose.  Transazione (RFID HF Contactless): possibilità di effettuare pagamenti, CNS trasmettere informazioni, gestire le richieste TRASPORTI di certificazione, inviare i propri dati personali e soggetti a privacy, accedere ad INFOMOBILITY aree riservate MOBILITA’ E PARCHEGGI  Identificazione (RFID UHF): consentire l’identificazione di persone o cose nella loro posizione (Logistica Magazzini o Trasporti) o all’interno delle fasi di un processo produttivo, il tracciamento di oggetti, la SUPPLY CHAIN rilevazione di dati (ambientali, rifiuti, ecc.), il riconoscimento della permessistica dei cittadini TRACCIAMENTO BENI E DOCUMENTI
  • Un problema concreto:Gli standard e l’interoperabilità dei sistemi contactless
  • La questione di fondo… Differenti Enti Pubblici stanno introducendo sul mercato carte contactless con differenti scopi e obiettivi (Carta Sanitaria, Carta dei servizi, Biglietto elettronico, Carte di pagamento, Etc) I sistemi sono spesso pensati e collaudati per il funzionamento con reader specifici e per il medesimo servizio Vi è sempre più la necessità di rendere interoperabili questi sistemi, partendo dal mondo dei trasporti pubblici (biglietto unico), all’integrazione tra la Carta Sanitaria ed i servizi al cittadino I sistemi attualmente in uso (per buona parte) non sono interoperabili, ma esistono le condizione perché essi lo diventino.
  • Il ruolo del progetto…L’obiettivo del progetto IPECS è la creazione uno standard aperto che rendainteroperabili le soluzioni già introdotte. Uno standard basato sul modello internet Utilizzo dell’IoT_ALGTM (sviluppato da CUBIT e oggetto di procedurabrevettuale) Virtualizzazione architettura di rete utilizzando un identificativo ID 2.0 La domanda… non esistono già standard?
  • Ruolo degli standard RFIDProtocolliProprietari Interoperabilità Non Interferenza Omissioni Opzioni Regolamentazione Standard Prodotti Potenze Eccezioni Frequenze Proprietari Differenti Differenti Nazionali Differenti
  • La soluzione IPECS: Internet Protocol for Electronic Contactless Systems Open Standard perl’interoperabilità dei sistemi contactless
  • Modello internet per Interoperabilità Requisito minimo: Conformità agli standard Modello Internet:Stack ISO/OSI, Internet Packet, http, https, DNS  Internet delle Cose Virtualizzazione dell’indirizzamento di rete a scapito dell’ottimizzazione delle risorse
  • Modello internet per InteroperabilitàRequisiti minimi  Compliance agli standard tecnologici e certificazione CE Requisito minimo: Conformità agli standard Replicazione modello internet  creazione di uno spazio nella card all’interno del quale è definito un Modello Internet: ??? “IoT_name” Stack ISO/OSI, Internet Packet, http, https, DNS  software su Cose Upgrade Internet delle sistemi hardware già esistenti (purché sussistano i requisiti minimi) Sistema IoT_DNS  gestione delle informazione tramite server centrali e remoti (informazioni distribuite, architettura condivisa) Top-Down o Bottom-Up: non sono in antitesi Virtualizzazione dell’indirizzamento di rete a scapito Linee guida di installazione e funzionamento radio dell’ottimizzazione delle risorse
  • Modello internet per Interoperabilità Utilizzo delle chiavi diUtilizzo di uno spazio di sicurezza per decriptarememoria sulla carta per la correttamente i dati e effettuarescrittura di un indirizzo transazione tramite algoritmovirtuale: IoT_name IoT_ALGTM (sviluppato da CUBIT scarl e oggetto di procedura brevettuale) basato su informazione dell’ IoT_name e IoD_DNS Sincronizzazione e aggiornamento periodico delle chiavi e degli IoT_Name tramite IoT_DNS Lettura IoT_Name Lettura e Lettura IoT_DNS e invioIoT_Name scrittura dati algoritmo di sincronizzazione dati, chiavi e0101000101010….001 decriptaggio algoritmi IoT_Name_ACK IoT_DNS_ACK Dati carta Sincronizzazione chiavi e algoritmi Aggiornamento dati carta
  • Conclusioni E’ in atto un processo di trasformazione dell’internet come l’abbiamo conosciuta fin ora senza un sufficiente piano di gestione tecnico/sociale/politico E’ possibile definire delle modalità comuni per raggiugere un modello di Open Standard dal basso Non è solo un nuovo problema di interoperabilità agli standard, ma anche di modalità di fruibilità dell’informazione e del servizio da parte dell’utente finale innovationGrazie dell’attenzione! knowledge transfermarco.magnarosa@cubitlab.com market research