Your SlideShare is downloading. ×
0
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
4  Potenziare Le Abilità Visuospaziali
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

4 Potenziare Le Abilità Visuospaziali

6,551

Published on

Interventi insegnanti

Interventi insegnanti

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
6,551
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
69
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. PROGETTO PSICOLOGIA DELL’APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA Valutazione degli apprendimenti in geometria e potenziamento delle abilità implicate
  • 2. PROGETTO PSICOLOGIA DELL’APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA Potenziare le abilità visuo-spaziali La parola agli insegnanti
  • 3. Potenziare le abilità visuo-spaziali <ul><li>Intervengono: </li></ul><ul><ul><li>Ins. Maria Teresa Lazzaro Scuola primaria “L. Da Vinci” Direzione didattica Conselve PD </li></ul></ul><ul><ul><li>ins. Federica Zuin e ins. Monti Loretta Scuola primaria “C. Battisti” di Rovolon - IC “Cervarese” PD </li></ul></ul><ul><ul><li>ins. Elena Trapella – Scuola primaria “De Amicis” IC Adria due RO </li></ul></ul><ul><ul><li>ins. Berton Paola Bedana Orietta – Scuola primaria “D. Valeri” Direzione didattica Conselve PD </li></ul></ul>
  • 4. Le tre chioccioline ins. M.T. Lazzaro Io sono Tina la chiocciolina che fa. Segui le mie istruzioni e farai giochi divertenti. Io sono Pina la chiocciolina che osserva. Quando mi vedi significa che devi osservare con attenzione le figure e le immagini. Io sono Lina la chiocciolina che riflette. Quando mi incontri significa che anche tu devi fermarti a riflettere.
  • 5. <ul><li>Discussioni collettive e attività grafiche per la rilevazione delle preconoscenze e di eventuali misconoscenze. </li></ul><ul><li>Attività ludiche con cubetti in legno e in cartoncino: gioco libero di costruzione, gioco in gruppo di riproduzione di una costruzione dopo l’osservazione di una fotografia, gioco di previsione sul numero di cubi necessario per riprodurre un’immagine osservata su un disegno, costruire seguendo istruzioni verbali. </li></ul><ul><li>Giochi con i “tappettoni” per scoprire lo sviluppo di un cubo. </li></ul><ul><li>Costruzione di modelli di solidi “scheletrati” (cubo, parallelepipedo, piramide a base quadrata): giochi di previsione e di confronto fra i solidi. </li></ul><ul><ul><ul><ul><li>Attività grafiche di “stampo” delle facce dei solidi. </li></ul></ul></ul></ul>IL PERCORSO: ins. F. Zuin
  • 6. COMPOSIZIONE E SCOMPOSIZIONE - Come facciamo a riconoscere i triangoli? A partire da questa domanda i bambini hanno riflettuto e hanno osservato che se si uniscono due triangoli uguali, si ottiene una figura nuova … il rombo! Come è iniziato il lavoro di composizione e scomposizione? Da una DOMANDA … Ma non solo! Anche il quadrato e il rettangolo! E poi, giocando e manipolando liberamente, hanno scoperto che si possono utilizzare anche più di due triangoli! Questo ha permesso di pianificare una serie di attività ludiche (di potenziamento) perfettamente integrate alle preconoscenze dei bambini, di “manipolazione “ delle figure geometriche.
  • 7. COMPOSIZIONE E SCOMPOSIZIONE - GIOCO NUMERO 1: partendo da una figura (quadrato, rettangolo, triangolo e rombo) provare a scomporla in tutti i modi possibili. Vince chi trova più possibilità di scomposizione. - GIOCO NUMERO 2: partendo da una figura (quadrato, rettangolo, triangolo e rombo) provare ad unirla ad altre figure geometriche per ottenere ulteriori figure diverse (anche solo per dimensione) da quella di partenza. Vince chi scopre il maggior numero di figure “nuove”. - GIOCO NUMERO 3: a partire da un foglio colorato, ritagliare le figure geometriche e divertirsi a comporre e scomporre a piacimento … che opere d’arte! Le stesse attività sono state poi ripetutamente proposte e integrate con le schede operative presentate nel testo “Conosco le forme” con l’obiettivo di far prevedere al bambino l’eventuale composizione o scomposizione di una figura senza la sperimentazione manuale che, invece, veniva utilizzata in seguito come verifica delle informazioni previste. Tale metodologia riflessiva e metacognitiva ha favorito le deduzioni informali, affinato il linguaggio geometrico e facilitato l’apprendimento delle principali proprietà delle figure. Alcuni esempi …
  • 8. <ul><li>Nella valutazione finale in tutti i subtest di classificazione, accoppiamento e ricomposizione tutti i bambini della classe sono nella fascia corrispondente alla “competenza acquisita” </li></ul>PROVE DI VALUTAZIONE FINALE
  • 9. RIFLESSIONI … <ul><li>STRATEGIE PER DISEGNARE: </li></ul><ul><li>Un quadrato: </li></ul><ul><li>Possiamo usare un cubo … facciamo lo stampino, perché sappiamo che la faccia di un cubo è un quadrato </li></ul><ul><li>Un rettangolo: </li></ul><ul><li>Possiamo usare due cubi. Li mettiamo vicini, disegniamo il contorno e viene fuori il rettangolo! </li></ul><ul><li>Un rombo: </li></ul><ul><li>Possiamo mettere vicino due triangoli … però devono essere uguali perché se sono diversi non viene fuori un aquilone! </li></ul><ul><li>STRATEGIE PER DISCRIMINARE LE FIGURE E RIFLETTERE SULLE LORO PROPRIETA’: </li></ul><ul><li>Come posso fare per distinguere un rombo da un quadrato? </li></ul><ul><li>Il rombo è formato con due triangoli uguali e il quadrato anche con due triangoli uguali. Ma se tu giri un quadrato non è un rombo perché i triangoli del rombo sono più stretti e quelli del quadrato più larghi. </li></ul><ul><li>Faccio una linea in mezzo alle figure e se i triangoli che trovo sono magri allora è un rombo, se sono grossi allora è un quadrato . </li></ul>
  • 10. RIFLESSIONI … <ul><li>Un quadrato ha tutti gli angoli uguali. Invece il rombo ha un angolo uguale ad un altro e l’altro angolo uguale a quello davanti. </li></ul><ul><li>Come posso fare per distinguere un quadrato da un rettangolo? </li></ul><ul><li>Il rettangolo è più lungo del quadrato </li></ul><ul><li>Il quadrato ha tutti i lati uguali, invece il rettangolo ha due lati uguali e poi altri due lati uguali. Gli angoli, invece, sono tutti uguali. </li></ul><ul><li>Come posso fare per distinguere un triangolo da un rombo? </li></ul><ul><li>Facile! Uno ha tre lati e tre angoli, l’altro quattro! </li></ul><ul><li>Cosa significa, quindi, scomporre? </li></ul><ul><li>D:“Significa togliere, come se fai una meno. Togli un pezzo di figura” </li></ul><ul><li>M: “Ma no! Mica noi buttavamo via pezzi! Si taglia una figura e te ne vengono fuori altre!” </li></ul><ul><li>E cosa significa comporre? </li></ul><ul><li>P: “Significa mettere insieme delle figure per fare delle altre figure” </li></ul>
  • 11. ins. E. Trapella <ul><li>Come insegnante di sostegno di un bambino di 7 anni mi sono posta come obiettivo principale quello di valutare, tramite questo lavoro di ricerca, il suo livello di competenza nel riconoscimento delle figure geometriche ed eventualmente facilitare l&apos;acquisizione delle aree che fossero risultate carenti. </li></ul><ul><li>Dopo aver somministrato tutta la prova al bambino individualmente, abbiamo analizzato i risultati e quindi individuato l&apos;area carente e quindi da potenziare: Ricomposizione di figure all&apos;interno del potenziamento visuo-spaziale. </li></ul><ul><li>Con il team docente della classe I abbiamo analizzato il progetto e deciso di proporre a tutti la prova e il potenziamento deciso. </li></ul>
  • 12. Fase 1 somministrazione della prova
  • 13. Fase 2: intervento di potenziamento <ul><li>Questo intervento è stato predisposto tenendo in considerazione il gioco di scomposizione e ricomposizione presente nel potenziamento del testo “Conosco le forme” che abbiamo reso più coinvolgente usando i fogliettini colorati del block notes. </li></ul><ul><li>I bambini hanno accolto le attività dapprima con grande stupore in quanto non avevano mai pensato che dividendo una figura geometrica se ne possono generare delle altre. La frase ricorrente era: “Adesso ho capito” </li></ul><ul><li>Successivamente si è passati alla ricomposizione. </li></ul><ul><li>Entrambe queste fasi hanno chiesto un lavoro di rotazione delle figure che i bambini hanno affrontato adeguatamente. L&apos;unica parte del percorso risultato più difficile è stata la scomposizione e ricomposizione del rettangolo. </li></ul>
  • 14. Fase 3 il controllo
  • 15. Conclusioni <ul><li>Dal confronto dei due grafici si può subito considerare come il potenziamento abbia prodotto un miglioramento generale della prestazione in tutta la classe. </li></ul><ul><li>Si può dire inoltre che il punteggio finale del bambino diversamente abile dopo il potenziamento è rientrato nella fascia corrispondente alla “competenza acquisita”. </li></ul>
  • 16. SCOMPOSIZIONE E COMPOSIZIONE Ins.ti BEDANA e BERTON <ul><li>Il percorso operativo si articola in tre fasi : </li></ul><ul><li>fase iniziale : accertamento dei prerequisiti degli alunni; </li></ul><ul><li>fase intermedia : intervento/potenziamento; </li></ul><ul><li>fase finale : controllo delle abilità degli alunni in uscita. </li></ul>
  • 17. Alcuni esempi di comporre Ritaglia i quadratini e poi uniscili a formare un quadrato più grande. Ritaglia i rettangoli e poi uniscili a formare un rettangolo più grande.
  • 18. Ritaglia i triangoli e poi uniscili a formare il rombo. <ul><li>Ancora … comporre </li></ul>
  • 19. E ora impariamo a scomporre <ul><li>Scomponi il rettangolo in triangoli, rettangoli e quadrati </li></ul>
  • 20. Sempre più complesso
  • 21. Giocare con le forme
  • 22. Risultati della prova di controllo <ul><li>Comporre e scomporre: al subtest “Ricomposizione” somministrato il 27/04/09 </li></ul><ul><li>I bambini delle due classi della scuola “Da Vinci” hanno raggiunto un punteggio corrispondente al livello “competenza acquisita”, 1 è sotto il valore critico. </li></ul><ul><li>I bambini delle due classi prime e due classi seconde della scuola “D. Valeri” tutti nel criterio meno un bambino. </li></ul>

×