CASA DEL VOLONTARIATO      Concept                               Puoi costruire qualcosa di bello                  anche c...
L’idea            - Volontari al Centro è il luogo sociale erelazionale che rappresenta in maniera innovativa ladimensione...
L’ideaLa Casa del volontariato, il cuore del volontariato milanese,sarà:  • una casa aperta ai volontari, alle organizzazi...
L’edificioL’edificio che ospita            è un fabbricato di proprietàcomunale di tre piani più interrato, sottotetto e g...
L’edificioÈ concepito – grazie ai criteri della sostenibilità energetica– per scommettere positivamente sul futuro senzadi...
Le funzioniVOCE, la Casa del Volontariato, ospita molti servizi:  • avrà una propria reception con l’Info‐point sui temi d...
Le funzioni• sarà il luogo di “abitazione”, sede di numerose associazioni che vi troveranno luogo  stabile di lavoro, prog...
Legalità, trasperenza e sicurezza             sarà un cantiere modello: le aziende eprofessionisti scelti avranno l’obblig...
La città che partecipaVOCE è frutto di un processo esemplare di ProgettazionePartecipata che ha visto coinvolti in tre wor...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

"Il Progetto VOCE pt.1" by Marco Pietripaoli

316

Published on

Marco Pietripaoli, Direttore di Ciessevi, interviene al Workshop dell’Osservatorio ICT per il non-profit 2012 "TERZO SETTORE: OLTRE IL DIVARIO DIGITALE"


www.thinkinnovation.org

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
316
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of ""Il Progetto VOCE pt.1" by Marco Pietripaoli"

  1. 1. CASA DEL VOLONTARIATO Concept Puoi costruire qualcosa di bello anche con le pietre che trovi sul tuo cammino Johann Wolfgang von Goethe
  2. 2. L’idea - Volontari al Centro è il luogo sociale erelazionale che rappresenta in maniera innovativa ladimensione comunitaria della vita della città di Milano edella sua provincia.Un luogo che si ispira alla Milano operosa, che “non hapaura di rimboccarsi le maniche” per costruire unacittadinanza attiva capace di restituire alle persone, allefamiglie e alle organizzazioni senso di appartenenza e dicoesione.E’ il luogo della partecipazione e della crescita. Da copertina di “La città operosa. Milano nell’ottocento” di Giorgio Bigatti, Franco Angeli 1
  3. 3. L’ideaLa Casa del volontariato, il cuore del volontariato milanese,sarà: • una casa aperta ai volontari, alle organizzazioni; • una casa aperta al confronto, a servizio del territorio, sarà lo spazio che testimonierà l’anima bella della metropoli e dell’hinterland; • per tutti i milanesi la “casa del bene”, un’oasi di solidarietà nel cuore della città; • l’opportunità per infrastrutturare il volontariato; • l’eredità del 2011 - Anno europeo del volontariato alla città e al volontariato milanese. 2
  4. 4. L’edificioL’edificio che ospita è un fabbricato di proprietàcomunale di tre piani più interrato, sottotetto e giardinoesterno, inutilizzato da 12 anni, situato in un’area di Milanoche sta rinascendo nell’ambito del progetto diriqualificazione del polo “Porta Nuova”, ed è facilmenteaccessibile grazie a mezzi pubblici e piste ciclabili.Ristrutturato valorizzerà la storia di due secoli, le relazionicol contesto urbano, la tipologia edilizia e i materiali edilioriginari. 3
  5. 5. L’edificioÈ concepito – grazie ai criteri della sostenibilità energetica– per scommettere positivamente sul futuro senzadimenticarsi di rispondere ai bisogni di oggi. Bassoimpatto ambientale e risparmio energetico saranno duecapisaldi. Tanto quanto l’impiego di materiali innovativi perridurre al minimo i costi di gestione. Nessuna barrieraarchitettonica.I suoi spazi interni sono progettati per rispettarne l’anima:modulari, flessibili e adattabili per le diverse esigenze.Massima attenzione all’insonorizzazione, arredamento eilluminazione, così come alcune installazioni artistiche,contribuiranno a rendere l’ambiente interno bello,confortevole, sobrio e familiare.Sfrutta pienamente le potenzialità offerte dalle nuovetecnologie che consentono un accesso a distanza deiservizi. 4
  6. 6. Le funzioniVOCE, la Casa del Volontariato, ospita molti servizi: • avrà una propria reception con l’Info‐point sui temi del volontariato e il servizio di ‐ Orientamento al Volontariato rivolto ai cittadini, e si candida ad essere il “Quartier Generale” di coordinamento dei Volontari di EXPO 2015; • avrà una Biblioteca-Centro di documentazione, un bar caffetteria e giardino all’aperto come luogo di incontro e di scambio aperto al territorio, spazi per mostre, eventi e iniziative culturali, e si candida ad essere sede dell’Osservatorio Regionale del Volontariato; • avrà sale per incontri, seminari, convegni, formazione ad utilizzo delle associazioni di volontariato e di terzo settore milanesi, piccole e grandi, flessibili, attrezzate e utilizzabili tutti i giorni della settimana; • avrà aule di formazione dedicate alla Scuola di Formazione del Volontariato gestita in collaborazione con istituzioni, università, enti e associazioni; 5
  7. 7. Le funzioni• sarà il luogo di “abitazione”, sede di numerose associazioni che vi troveranno luogo stabile di lavoro, progettazione e coordinamento, con spazi modulari e flessibili a disposizione delle associazioni per un uso temporaneo e/o continuativo, ma fortemente orientato al networking e alla coprogettazione;• sarà anche “casa” per i giovani che da tutta Europa verranno a Milano a vivere l’esperienza di Sevizio Volontario Europeo presso le nostre associazioni locali, abitando presso l’Ostello del Volontariato;• sarà anche la nuova sede di Ciessevi, dello Sportello Scuola Volontariato (realizzato in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale) e dello Sportello Unico del Volontariato (accesso per pratiche amministrative e consulenze) ;• sarà sede dell’Ufficio Volontariato del Comune di Milano, del Forum Regionale del Terzo Settore e del Coordinamento Regionale CSV. 6
  8. 8. Legalità, trasperenza e sicurezza sarà un cantiere modello: le aziende eprofessionisti scelti avranno l’obbligo di denunciarepressioni, o intimidazioni, tentativi di corruzione da partedella malavita organizzata. Dovranno garantire di nonutilizzare finanziamenti illeciti grazie anche alla tracciabilitàdei costi delle opere e dei prezzi delle materie prime.Le aziende dovranno garantire trasparenza, sicurezza erispetto della normative sui rapporti di lavoro dei propridipendenti e delle aziende operanti in subappalto. Saràobbligatorio l’impiego di manodopera svantaggiata, conmassimo attenzione ai soggetti deboli.Per i rifiuti inerti, lo smaltimento dovrà avvenire nel rispettodelle norme e dell’ambiente. Così come il cantiere dovràessere a norma, visitabile e diventerà laboratorio-aula perstudenti. Un progetto e un cantiere modello che sia simbolodella Milano capitale morale e del lavoro. 7
  9. 9. La città che partecipaVOCE è frutto di un processo esemplare di ProgettazionePartecipata che ha visto coinvolti in tre workshop e un forum irappresentanti di Organizzazioni di Volontariato, dei Soci diCiessevi e i lavoratori di Ciessevi, del CoordinamentoRegionale CSV e del Comune di Milano.VOCE, conseguentemente, è il luogo fisico dell’incontro, deldibattito, della formazione, del volontariato e del lavoro, è ilnodo di una rete aperta al territorio della provincia di Milano; èun luogo “aperto” che offre occasioni di scambio, confronto ecrescita; di progettualità comune in un’ottica di networking edi sistema.VOCE è prima di tutto il luogo della riflessione, dellapartecipazione e della rappresentanza civica, un organismocapace di produrre cultura e servizi e di contribuire a costruireun nuovo senso della vita comunitaria grazie ai frutti maturatidella storia, dall’esperienza e dalla riflessione che viene dalmondo del Terzo Settore. 8
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×