2. per una strategia digitale

  • 203 views
Uploaded on

Seconda parte (estratto) di un ciclo di lezioni su social web e web marketing. Cosa significa una strategia di contenuti e quali sono le domande da farsi?

Seconda parte (estratto) di un ciclo di lezioni su social web e web marketing. Cosa significa una strategia di contenuti e quali sono le domande da farsi?

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
203
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
8
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. We are not in the business of keeping the mediacompanies alive. We are in the business ofconnecting with consumers.(T. Edwards, CEO, NIKE)
  • 2. Qualche domanda da farsi….QUALI SONO I MIEI OBIETTIVI?CHI SONO LE PERSONE CON CUIDESIDERO ENTRARE IN RELAZIONE?QUALE TIPO DI RELAZIONE E DICONTENUTI?QUALI STRUMENTI POSSO USARE?
  • 3. Gli elementi della strategia Chi siete? Qual è il vostro punto di vista? (prendere posizione = posizionarsi)Missione, valori, personalità e voce Chi volete attrarre? Conoscere il cliente, parlare di lui e non di sé, mettersi neisuoi panni (pensieri, sentimenti, problemi, esigenze): dove passa il tempoonline, da dove accede, cosa cerca, quali parole usa Condividere e risolvere, non vendere: il cliente è sempre più autonomo,critico, esigente, informato. Conta di più, paradossalmente, la relazioneemotiva: meno prodotto/beneficio, più personalità Curare il piano editoriale e il ciclo di vita dei contenuti: il contatto frequente eregolare costituisce la sostanza di una relazione Quali misure di successo scegliere (menzioni, visualizzazioni, blog post…) :dipendono dagli obiettivi
  • 4. La Strategia dei contenuti
  • 5. Prima del Web, le organizzazioni avevano solo duemodi per attirare l’attenzione: acquistare costoseinserzioni pubblicitarie, oppure convincere igiornalisti a parlare di loro”(D. Meerman Scott)
  • 6. Gli obiettividerivanti dagli obiettivi di businessAttrarre clientiInformareSuperare resistenze, rispondere a obiezioniCostruire autorevolezzaGenerare passaparolaCreare e alimentare una base di fan, generareempatia
  • 7. Quali contenuti?RaccontarestorieCentratisulcliente,rilevantiInteressantiPreziosiAutenticiSorprendentiDivertenti
  • 8. Una storia che funziona è …Vera PertinenteUmana AppassionataOriginale Sorprendente
  • 9. Anche nel B2B! Cicli di vendita protratti e processo decisionali complessi sfidano i marketer B2B atrovare i potenziali clienti più qualificati e costruire relazioni molto in anticipo rispetto alprimo contatto commerciale Mappare il processo,le figure coinvolte, i profili (chi paga, chi implementa, chi usa) e levariabili chiave nelle loro decisioni Trattare diversamente i contenuti “in cima all’imbuto” (pubblici, condivisibili liberamente)da quelli che forniscono informazioni più vicine alla decisione d’acquistoComunque…. Scrivete come una persona vera e non un’azienda
  • 10. Gli strumenti di organizzazione dei contenuti….usate tutto ciò che avete. Essere altruisti convieneBlog Webinar VideoWhitePaperEbook SlidesMateriali deiconvegniCasestudies
  • 11. Alcuni consigli pratici Scrivete guide/manuali Intervistate gli esperti Consultate le notizie del settore Lasciatevi ispirare dalle vostre passioni Mostrate il dietro le quinte Organizzate eventi Raccogliete una pluralità di voci e di fonti
  • 12. Come incentivare la condivisione Fun Identificare e gratificare gli influencers Altruismo Esclusività Co-creazione
  • 13. Check listGrazie a : http://www.slideshare.net/ALIULM/bainstorming-and-digital-strategies-presentazionegenovesebarcampiulm