• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
La virtualizzazione del luogo di lavoro
 

La virtualizzazione del luogo di lavoro

on

  • 652 views

 

Statistics

Views

Total Views
652
Views on SlideShare
340
Embed Views
312

Actions

Likes
1
Downloads
1
Comments
0

9 Embeds 312

http://www.kellyservices.it 188
http://www.kellyservices.ch 86
http://usauth.kellyebiz.com 13
http://itauth.kellyebiz.com 10
http://kellyservices.it 9
http://chauth.kellyebiz.com 3
http://translate.googleusercontent.com 1
http://ptauth.kellyebiz.com 1
http://usprod.kellyebiz.com 1
More...

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    La virtualizzazione del luogo di lavoro La virtualizzazione del luogo di lavoro Presentation Transcript

    • La virtualizzazione del luogo di lavoro kelly Global workforce index™ 168,0 00 people 30 countr ies release:November2012
    • I lavoratori connessi il 32% il 40% il 36% Aumento del rischio di sovraffati- camento Miglioramento dell’equilibrio tra lavoro e vita privata La pressione causata dall’essere sempre “connessi” sostiene di aver riscontrato un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata grazie all’utilizzo delle tecnologie mobili. Nell’APAC, i lavoratori hanno integrato al meglio queste tecnologie con il loro stile di vita e nel 50% dei casi si è riscontrato un miglioramento delll’equilibrio tra lavoro e vita privata. degli intervistati afferma di auto- esercitare questa pressione su di sè. Il 26%, invece, sostiene che a causarla sia il datore di lavoro. degli intervistati crede che rimanere connessi oltre l’orario di lavoro aumenti il rischio di stress e sovraffaticamento. Il tasso più alto di esaurimenti si riscontra nell’APAC, dove il 37% dei lavoratori ne è affetto. ORE SETTIMaa DEDICaTE aa “CONNESSIONE” a FUORI DELL’ORa LaVORaTIVO Meno di 5 ore Nessuna Da 6 a 10 ore Più di 10 ore Miglioramento della produttività Poco più della metà degli intervistati (53%) crede che l’uso delle tecnologie mobili abbia migliorato l’efficienza lavorativa. Americas EMEA APAC GenY 0% 20% 40% 60% 80% GenX BabyBoomers Professional/ technical Non-professional/ technical 49% 23% 16% 12% Tempo dedicato alla connessione al di fuori dell’orario lavorativo. (Per Regione) Tempo speso non connessi Tempo speso connessi 72% 89% 28% 74% 26% 11% Americas EMEA APAC
    • 3Kelly Global Workforce Index™ Sezione 1: 4 Introduzione 5 I lavoratori connessi (per Regione) 6 I lavoratori connessi (per generazione) 7 I lavoratori connessi (per skill) 8 I lavoratori connessi : APAC 9 I lavoratori connessi: nelle Americhe 10 I lavoratori connessi: EMEA 11 I principali fattori che generano pressione sui lavoratori portandoli a rimanere sempre connessi 12 Ore settimanali dedicate alla connessione (per Regione) 13 Ore settimanali dedicate alla connessione (per generazione) Sezione 2: 14 Introduzione 15 Impatto sulla produttività (per Regione) 16 Impatto sulla produttività (per generazione) 17 Impatto sulla produttività (per skill) 18 Impatto sull’equilibrio tra lavoro e vita privata 19 Impatto sulla job security 20 Impatto sui lavoratori 21 Interesse dei lavoratori per il telelavoro (per Regione) 22 Interesse dei lavoratori per il telelavoro (per generazione) 23 Conclusioni Contenuti Il Kelly Global Workforce Index 2012 Il Kelly Global Wokforce Index 2012 (KGWI) riunisce le risposte di quasi 170.000 partecipanti provenienti da 30 paesi differenti. I risultati mostrano le forze che impattano maggiormente sul lavoro, tra cui le differenze geografiche e generazionali, la tecnologia, la responsabilizzazione dei dipendenti e il diffuso utilizzo dei Social Media. Il quinto capitolo del KGWI 2012 è dedicato alla progressiva affermazione della virtualizzazione del luogo di lavoro. I dipendenti restano sempre connessi al posto di lavoro grazie all’utilizzo delle tecnologie mobili. La diffusione di smartphone e laptops e la possibilità di accedere 24 ore su 24 alla rete aziendale ha permesso alla nuova generazione di lavoratori di avere l’ufficio sempre a portata di mano. Il documento esamina queste problematiche in tutti i settori lavorativi e, a livello globale, nelle Americhe, nell’APAC e nella Regione EMEA. Include, inoltre, una prospettiva generazionale, focalizzata sulle tre principali generazioni di lavoratori - la Gen Y (dai 19 ai 30 anni), la Gen X (dai 31 ai 48 anni) e i Baby Boomers (dai 49 ai 66 anni).
    • 4Kelly Global Workforce Index™ La diffusione delle tecnologie mobili ha trasformato il luogo di lavoro e il modo in cui i dipendenti interagiscono con esso. Questo report esamina i fattori che generano pressione sui lavoratori, portandoli a rimanere sempre connessi anche al di fuori dell’orario lavorativo. Vengono, inoltre, analizzati i vantaggi e gli svantaggi legati alla diffusione della Mobile technology, quali l’impatto sulla produttività, sull’equilibrio tra lavoro e vita privata e sulla job security. Al lavoro 24 ore su 24 I dipendenti, in un mondo dove la tecnologia sta prendendo sempre più piede, sentono la pressione nel rimanere sempre connessi al luogo di lavoro. Sezione 1 Il report mostra come l’impatto sia stato generalmente positivo, ma che, nonostante ci sia stato un miglioramento nell’efficienza e nella produttività lavorativa, l’intrusione del lavoro nella vita privata dei dipendenti ha contribuito all’aumento del rischio di stress e sovraffaticamento.
    • 5Kelly Global Workforce Index™ I lavoratori connessi (per Regione) A livello globale, più di un quarto degli intervistati (27%) si sente sotto pressione restando connesso al di fuori dell’orario lavorativo. Nell’APAC, si riscontra il tasso più alto, con il 35% dei lavoratori che sente la necessità di rimanere connesso, contro il 28% dell’EMEA e il 21% delle Americhe. Ti senti sotto pressione restando “connesso” al posto di lavoro via email, tramite internet o smartphone, fuori dal normale orario lavorativo? (% di si, per Regione) The Connected Employee by region AMERICAS EMEA 21% 28% APAC ALL COUNTRIES 35% 27%
    • 6Kelly Global Workforce Index™ I lavoratori connessi (per generazione) Nonostante i giovani siano più esperti nell’uso delle nuove tecnologie, tutte le generazioni di lavoratori si sentono sotto pressione rimanendo connessi al luogo di lavoro. Ti senti sotto pressione rimanendo connesso al posto di lavoro via email, tramite internet o smartphone al di fuori dell’orario lavorativo? (% di si, per generazione) The Connected Employee by generation 28% 29% 26% GEN Y GEN X BABY BOOMERS
    • 7Kelly Global Workforce Index™ I lavoratori connessi (per skill) Il grado di pressione avvertito nel rimanere sempre connessi è strettamente legato alla natura del lavoro svolto. I lavoratori con competenze Professional & Technical (P/T) - sales, marketing, education, IT, legal, science, finance e accounting, security e healthcare - risentono maggiormente di questa pressione rispetto ai lavoratori che svolgono mansioni che non richiedono queste skill - call center, customer services, industria leggera e impiegati. Circa un terzo (32%) dei lavoratori con Professional e Technical skill si sente sotto pressione nel rimanere connesso, rispetto al 21% dei lavoratori che non possiedono delle P/T skill. Ti senti sotto pressione rimanendo connesso al posto di lavoro via email, tramite internet o smartphone al di fuori dell’orario lavorativo? (% di si, per skill) The Connected Employee by P/T and non-P/T 32% 21% PROFESSIONAL/ TECHNICAL NON- PROFESSIONAL/ TECHNICAL
    • 8Kelly Global Workforce Index™ I lavoratori connessi: APAC A livello globale, la tendenza a rimanere sempre connessi è maggiore nei Paesi con economie in via di sviluppo. In particolare, in Asia questa necessità è più diffusa. I Paesi in cui si riscontra maggiormente questo trend sono Hong Kong, Singapore, Malesia e India, dove il 40% circa degli intervistati si dichiara consapevole della necessità di rimanere connesso al di fuori del normale orario lavorativo. Ti senti sotto pressione rimanendo connesso al posto di lavoro via email, tramite internet o smartphone al di fuori dell’orario lavorativo? (% di si, per nazione) 42% 40% 40% 39% 37% 31% 25% 22% 21% Australia NewZealand Thailand Indonesia China India Malaysia Singapore HongKong The Connected Employee - APAC
    • 9Kelly Global Workforce Index™ I lavoratori connessi: Le Americhe I lavoratori nelle Americhe sono quelli che risentono meno della pressione esercitata dalla continua connessione al luogo di lavoro. Sia negli Usa che in Canada, poco meno di un quarto degli intervistati (23%) si sente sotto pressione. Questa percentuale scende al 20% a Puerto Rico e al 14% in Messico, dove si registra Il dato più basso dell’intera survey. Ti senti sotto pressione rimanendo connesso al posto di lavoro via email, tramite internet o smartphone al di fuori dell’orario lavorativo? (% di si, per nazione) 14%20%23%23% Mexico PuertoRico Canada UnitedStates The Connected Employee - Americas
    • 10Kelly Global Workforce Index™ I lavoratori connessi: EMEA Nella regione EMEA, i tre Paesi nei quali i lavoratori si sentono maggiormente sotto pressione nel rimanere connessi sono Russia, Ungheria e Polonia. In EMEA, in media, il 28% degli intervistati sostiene di sentirsi sotto pressione. Questa percentuale è più alta della media in Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi. Le maggiori forze economiche della Regione, quali Regno Unito, Germania, Francia e Italia, invece, si mantengono al di sotto della media. Ti senti sotto pressione rimanendo connesso al posto di lavoro via email, tramite internet o smartphone al di fuori dell’orario lavorativo? (% di si, per nazione) 37% 37% 36% 32% 31% 30% 28% 27% 27% 26% 26% 25% 25% 24% 23% 21% 19% Denmark Italy Sweden Norway Ireland Portugal France Switzerland Germany UK Netherlands Luxembourg SouthAfrica Belgium Poland Hungary Russia The Connected Employee - EMEA
    • 11Kelly Global Workforce Index™ I principali fattori che generano pressione sui lavoratori portandoli a rimanere sempre connessi Da dove deriva la pressione che i lavoratori sentono nel rimanere connessi al luogo di lavoro? E’ interessante notare che il 36% degli intervistati ha indicato se stesso come causa principale di pressione. Questo svela che i dipendenti sono consapevoli della necessità di rimanere connessi con il proprio lavoro, anche durante il tempo libero. Il secondo fattore a causare pressione è il datore di lavoro, indicato dal 26% dei partecipanti, seguito dalla cultura aziendale (15%), dall’insistenza dei clienti (14%), dai colleghi (5%) e da altri fattori (3%). Questo trend è simile nelle Americhe e in EMEA, mentre differisce leggermente nell’APAC. In Asia, infatti, i lavoratori sentono la pressione esercitata dal datore di lavoro solo quando questi asserisce di avere i propri dipendenti a “portata di click”. Quali sono i principali fattori che generano pressione nel rimanere sempre connessi? (per regione) 0% 10% 20% 30% 40% 50% OtherOther employeesCustomers/clientsIndustry cultureEmployersSelf Main Pressures to stay connected All countries APAC EMEA Americas
    • 12Kelly Global Workforce Index™ Ore settimanali dedicate alla connessione (per Regione) Prima esistevano il lavoro e il tempo libero, ora la linea di demarcazione tra questi due ambiti si è assottigliata. Molti dipendenti, infatti, passano parte del loro tempo libero connessi al luogo di lavoro. Quasi la metà degli intervistati (49%) sostiene di passare circa 5 ore settimanali connesso oltre l’orario di lavoro. Esiste anche un 12% che spende dalle 6 alle 10 ore connesso e un 16% che passa più di 10 ore settimanali in contatto con il luogo di lavoro. Meno di un quarto (23%), invece, dichiara di non connettersi mai. Nell’APAC, i lavoratori sono inclini a passare più tempo connessi. Solo il 12%, infatti, dichiara di non connettersi mai al di fuori dell’orario lavorativo, meno della metà dal dato rilevato in EMEA (26%) e nelle Americhe (29%). Settimanalmente, quanto tempo passi connesso al di fuori dell’orario lavorativo? (per regione) 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% None> 10 hours6–10 hours< 5 hours Amount of time connected with work - by region All countries APAC EMEA Americas
    • 13Kelly Global Workforce Index™ Tra le tre generazioni, i lavoratori più predisposti a connettersi oltre l’orario lavorativo sono quelli appartenenti alla Gen Y e alla Gen X, ma la percentuale dei Baby Boomers non è di molto inferiore alle altre. Il 22% degli appartenenti alla Gen Y e il 21% della Gen X dichiara, invece, di non connettersi mai, rispetto al 30 % dei Baby Boomers. Settimanalmente, quanto tempo passi connesso al di fuori dell’orario lavorativo? (per generazioni) Ore settimanali dedicate alla connessione (per generazione) 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% None> 10 hours6–10 hours< 5 hours Amount of time connected with work - by generation Baby Boomers Gen X Gen Y
    • 14Kelly Global Workforce Index™ Grazie alla diffusione della Mobile technology, la flessibilità e l’efficienza dei lavoratori sono migliorate, ma anche la mole di lavoro è aumentata, costringendo i dipendenti a connettersi durante il tempo libero. Per molte persone, il lavoro ha ormai oltrepassato le barriere tradizionali di spazio e tempo. Tecnologie online - un vantaggio o uno svantaggio? Le tecnologie mobili, consentendo ai dipendenti di connettersi oltre l’orario lavorativo, hanno prodotto diversi vantaggi, ma non senza un prezzo da pagare. Sezione 2 Secondo alcuni, questa possibilità è stata una benedizione, liberandoli dalla necessità di rimanere ancorati a una postazione fissa e a un orario prestabilito. Per altri, invece, significa solamente lavoro in più. Lo step successivo che dipendenti e datori di lavoro dovranno affrontare sarà quello di raggiungere un nuovo equilibrio tra lavoro e vita privata.
    • 15Kelly Global Workforce Index™ Esiste una lieve maggioranza (53%) degli intervistati che crede che la Mobile technology abbia aumentato la propria produttività sul lavoro. Il più significativo aumento della produttività si è registrato nell’APAC, dove il 62% si dichiara più efficiente, rispetto al 50% delle Americhe e della regione EMEA. Impatto sulla produttività (per Regioni) Sei d’accordo con l’affermare che la Mobile technology abbia aumentato l’efficienza/produttività lavorativa? (% in accordo, per regione)Impact of productivity by region AMERICAS EMEA 50% 50% APAC ALL COUNTRIES 62% 53%
    • 16Kelly Global Workforce Index™ La Mobile technology ha avuto un impatto positivo sulla produttività e sull’efficienza dei lavoratori, come sostenuto dal 54% degli appartenenti alla Gen y, il 56% della Gen X e il 47% dei Baby Boomers. Impatto sulla produttività (per generazioni) Sei d’accordo con l’affermare che la Mobile technology abbia migliorato l’efficienza/ produttività lavorativa? (% in accordo, per generazione)Impact of productivity by generation 54% 56% 47% GEN Y GEN X BABY BOOMERS
    • 17Kelly Global Workforce Index™ Gli effetti sull’efficienza lavorativa sono molto più evidenti per i lavoratori con competenze Professional /Technical (62%), che per i lavoratori che non possiedono queste skill (43%). Impatto sulla produttività (per skill) Sei d’accordo con l’affermare che la Mobile technology abbia migliorato l’efficienza/produttività lavorativa? (% in accordo, per skill)Impact of productivity by P/T and non-P/T 62% 43% PROFESSIONAL/ TECHNICAL NON- PROFESSIONAL/ TECHNICAL
    • 18Kelly Global Workforce Index™ Il 40% degli intervistati, a livello globale, ha affermato di aver riscontrato un miglioramento dell’equilibrio tra lavoro e vita privata. Le percentuali, però, differiscono molto da Regione a Regione: nell’APAC, infatti, le tecnologie mobili si sono maggiormente integrate con lo stile di vita dei lavoratori e di conseguenza nel 50% dei casi si riscontra un miglioramento dell’equilibrio tra lavoro e vita privata. Al contrario, solo il 44% dei lavoratori nelle Americhe sostiene di aver riscontrato questo miglioramento e in EMEA la percentuale scende al 34%. Impatto sull’equilibrio tra lavoro e vita privata (per regioni) Sei d’accordo con l’affermare che le tecnologie mobili hanno migliorato l’equilibrio tra lavoro e vita privata? (% in accordo, per regione) Impact of Work-Life Balance by region AMERICAS EMEA 44% 34% APAC ALL COUNTRIES 50% 40%
    • 19Kelly Global Workforce Index™ L’impatto della Mobile technology sulla job security è valutata in maniera molto differente dai lavoratori nelle diverse Regioni. Il 29% degli intervistati, a livello globale, sostiene che le tecnologie mobili abbiano incrementato la sicurezza di non perdere il posto di lavoro (job security). La percentuale più alta si riscontra nell’APAC dove il 36% è d’accordo con questa affermazione, rispetto al 30% delle Americhe e il 25% dell’ EMEA. Impatto sulla job security (per Regione) Sei d’accordo con l’affermare che la Mobile technology abbia migliorato la job security? (% in accordo, per regione)Impact on Job Security by region AMERICAS EMEA 30% 25% APAC ALL COUNTRIES 36% 29%
    • 20Kelly Global Workforce Index™ Impatto sull’affaticamento dei lavoratori (per Regione) I più grandi rischi legati a una continua connessione e al conseguente aumento della mole di lavoro sono il sovraffaticamento e lo stress. Mentre si possono riscontrare dei chiari benefici legati alla produttività, quasi un terzo (32%) degli intervistati crede che la tecnologia mobile contribuisca all’aumento di stress. Il più alto tasso di esaurimenti si riscontra in APAC, dove il 37% dei lavoratori ne soffre, contro il 33% in EMEA e il 26% nelle Americhe. Sei d’accordo col fatto che la Mobile technology abbia contribuito ad aumentare lo stress e il rischio di sovraffaticamento? (% in accordo, per regione) Impact on Burnout by region AMERICAS EMEA 26% 33% APAC ALL COUNTRIES 37% 32%
    • 21Kelly Global Workforce Index™ Lavoratori interessati al telelavoro (per Regione) La più semplice forma di lavoro virtuale è il telelavoro - lavorare da casa o da remoto e, raramente, se necessario doversi recare sul luogo di lavoro. Problematiche quali il traffico, la gestione degli appuntamenti e la flessibilità di orari hanno permesso al telelavoro di diventare un’opportunità molto interessante per aziende e dipendenti. La nostra indagine mostra che il 60% degli intervistati prenderebbe in considerazione il telelavoro, lavorando da casa o da remoto. L’interesse maggiore si riscontra nelle Americhe, dove più dei due terzi dei lavoratori (68%) accetterebbe una proposta di telelavoro, percentuale molto più alta di quella registrata nell’APAC (59%) e in EMEA (56%). Prenderesti in considerazione il telelavoro (lavorare principalmente da casa o da remoto) se ti venisse proposto? (% di si, per regione)Appeal of Telecommuting by region AMERICAS EMEA 68% 56% APAC ALL COUNTRIES 59% 60%
    • 22Kelly Global Workforce Index™ Lavoratori interessati al telelavoro (per generazione) La maggiore inclinazione al telelavoro si riscontra tra i lavoratori più anziani. Quasi i due terzi (65%) della Gen X e dei Baby Boomers, infatti, prenderebbe in considerazione il telelavoro, rispetto al 55% della Gen Y. Prenderesti in considerazione il telelavoro (lavorare principalmente da casa o da remoto) se ti venisse proposto? (% di si, per generazione)Appeal of Telecommuting by generation 55% 65% 65% GEN Y GEN X BABY BOOMERS
    • 23Kelly Global Workforce Index™ Non molto tempo fa si era previsto che le innovazioni tecnologiche avrebbero consentito ai lavoratori di avere maggiore tempo libero. Ora, quella previsione sembra sia stata piuttosto avventata. Come mostra la survey, molti lavoratori stanno cercando di destreggiarsi tra lavoro e vita privata, ma con risultati diversi a seconda della Regione e della generazione di appartenenza. Alcune aziende, per lo più nella Regione dell’Asia e del Pacifico, hanno integrato velocemente la Mobile tecnology. Nelle Americhe e in EMEA, invece, il cambiamento è avvenuto più lentamente. Complessivamente, i risultati sembrano positivi. Molti dipendenti hanno riscontrato una maggiore efficienza sul luogo di lavoro e molti sostengo di aver riscontrato un miglioramento dell’equilibrio tra lavoro e vita privata. L’intrusione del lavoro nel tempo libero, però, ha portato a un aumento del rischio di stress e sovraffaticamento. Questa è una delle importanti problematiche che datori di lavoro e dipendenti devono fronteggiare. Per i datori di lavoro: • Sei favorevole all’utilizzo delle tecnologie mobili e alla connessione dei dipendenti oltre l’orario lavorativo? La possibilità di rimanere connesso al luogo di lavoro è stata accettata da tutti i dipendenti? • Esistono delle linee guida per chi decide di abbracciare le nuove tecnologie e per chi no? • Ha riscontrato degli effettivi vantaggi proponendo il telelavoro o il lavoro virtuale? • La virtualizzazione del luogo di lavoro ha portato a un aumento del rischio di perdere il contatto personale con i colleghi? Per i dipendenti: • Hai l’opportunità di utilizzare le tecnologie mobili per connetterti con il luogo di lavoro e aumentare la tua produttività? • Sei interessato al telelavoro? Pensi che la tua attuale azienda possa proporti questa soluzione? • Qual è, a tuo avviso, la strategia migliore per raggiungere un sano equilibrio tra lavoro e vita privata? Conclusioni Realtà virtuale Il lavoro virtuale è ormai molto diffuso. Le aziende e i dipendenti si stanno adattando ai cambiamenti sul luogo di lavoro in maniera differente e con diversi gradi di successo.
    • 24Kelly Global Workforce Index™ About Kelly services® Kelly Services, Inc. (NASDAQ: KELYA, KELYB) is a leader in providing workforce solutions. Kelly® offers a comprehensive array of outsourcing and consulting services as well as world-class staffing on a temporary, temporary-to-hire, and direct-hire basis. Serving clients around the globe, Kelly provides employment to more than 550,000 employees annually. Revenue in 2011 was $5.6 billion. Visit www.kellyservices.com and connect with us on Facebook, LinkedIn, and Twitter. Download The Talent Project, a free iPad app by Kelly Services. About the kelly global workforce index The Kelly Global Workforce Index is an annual survey revealing opinions about work and the workplace. More than 168,000 people across the Americas, EMEA, and APAC regions responded to the 2012 survey. This survey was conducted by RDA Group on behalf of Kelly Services. EXIT An Equal Opportunity Employer © 2012 Kelly Services kellyservices.com