Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this presentation? Why not share!

Il mondo e la scienza

on

  • 285 views

 

Statistics

Views

Total Views
285
Views on SlideShare
285
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Il mondo e la scienza Il mondo e la scienza Presentation Transcript

    • Il mondo e la scienza
    • XVI-XVII secolo:Galileo Galilei- Metodo scientifico
      • Il metodo scientifico è la modalità tipica con cui la scienza procede per raggiungere una conoscenza della realtà oggettiva, affidabile, verificabile e condivisibile. Esso consiste, da una parte, nella raccolta di evidenza empirica e misurabile attraverso l'osservazione e l'esperimento; dall'altra, nella formulazione di ipotesi e teorie da sottoporre nuovamente al vaglio dell'esperimento.
    • 1765- Watt: la macchina a vapore
      • Simbolo della rivoluzione industriale Inglese
      • Funzionamento:
        • il vapore bollente prodotto dalla calda viene immesso nel cilindro con la valvola A aperta e la B chiusa.
        • Chiudendo anche la valvola A il vapore, espandendosi, fa sollevare il pistone, facendo lavoro;
        • quando il pistone raggiunge la massima corsa, viene aperta la valvola B e il vapore fuoriesce dal cilindro ed entra nel condensatore dove viene raffreddato da un getto d’acqua.
        • Il vapore si condensa e la depressione fa abbassare il pistone.
        • A questo punto si chiude la valvola B e si apre la C e il vapore condensato esce dalla macchina.
        • Chiudendo la valvola C e aprendo la A un nuovo getto di vapore dalla caldaia fa ricominciare il ciclo.
    • 1800- A.Volta: la pila elettrica
      • Prototipo della batteria elettrica moderna
      • Schema:
        • un elemento della pila
        • strato di rame
        • contatto negativo
        • contatto positivo
        • feltro o cartone imbevuto in soluzione acquosa
        • strato di zinco
    • 1800- A.Volta: la pila elettrica
        • Funzionamento:
        • Si basa sulle reazioni chimiche che avvengono tra i dischetti di rame e di zinco (elettrodi) e la soluzione di acido solforico. A contatto con l’acqua, una parte delle molecole di acido solforico si scinde in ioni H+ e SO4--. Quando il dischetto di zinco tocca questa soluzione, esso rilascia ioni Zn++ alla soluzione e altrettanto accade per la lastrina di rame che rilascia ioni Cu++. Questo effetto continua fino a quando si stabilisce un potenziale di equilibrio tra la soluzione e il metallo: gli ioni che passano dal metallo alla soluzione e viceversa è costante. In seguito alla perdita di ioni positivi, sia il dischetto di zinco che quello di rame acquistano un potenziale negativo rispetto alla soluzione, ma in valore assoluto il potenziale dello zinco è maggiore di quello del rame.
        • Ciò significa che tra il dischetto di rame e quello di zinco esiste una differenza di potenziale che è detta forza elettromotrice della pila.Quando si chiude il circuito tra il dischetto di rame e quello di zinco attraverso un conduttore metallico si verifica un passaggio di elettroni dallo zinco al rame attraverso questo conduttore esterno, cioè una corrente elettrica. In seguito a questo passaggio di elettroni, i potenziali zinco-soluzione e rame-soluzione si discostano dal potenziale di equilibrio e quindi lo zinco ricomincia a sciogliersi,rilasciando ioni Zn++ in soluzione. Questi ioni si combinano con gli ioni SO4-- formando ZnSO4 e fornendo due elettroni all’elettrodo di zinco. L’eccesso dielettroni sullo zinco produce un flusso di elettroni verso il rame attraverso il circuito esterno che neutralizza la carica positiva portata su di esso dagli ioni H+. La corrente elettrica va quindi dallo zinco (catodo) al rame (anodo) dentro la soluzione e dal rame allo zinco all’interno del filo metallico. Questa corrente tende a diminuire nel tempo perché parte dell’idrogeno prodotto dagli ioni H+ dell’acido solforico (H2) rimane aderente al rame, alterando il potenziale rame-soluzione
    • 1844-Chappe-Diffusione del telegrafo a codice Morse
      • Il telegrafo è un sistema di comunicazione a distanza basato su codici convenzionali per trasmettere lettere, numeri e segni di punteggiatura. La comunicazione per mezzo del telegrafo è definita telegrafia.
    • 1846-Ravizza-Macchina da scrivere
      • La macchina per scrivere è uno strumento dotato di tastiera collegata a vari dispositivi meccanici, elettrici e/o elettronici, che permettono di ottenere su un supporto, generalmente un foglio di carta, l'impressione di caratteri (lettere, numeri, segni ortografici, segni di punteggiatura, simboli vari) simili a quelli della stampa tipografica.
    • 1935-Richter-Terremoto scala Richter
      • Con l'attribuzione di un valore sulla scala Richter, si esprime una misura che rappresenta una stima dell'energia sprigionata da un terremoto secondo la metodologia sviluppata dal sismologo Charles Richter nel 1935.
      • Nella definizione data da Richter, la magnitudo di qualsiasi terremoto è data dal logaritmo in base dieci del massimo spostamento della traccia (rispetto allo zero, espresso in micrometri ) in un sismografo a torsione di Wood-Anderson calibrato in maniera standard, se l'evento si fosse verificato a una distanza epicentrale di 100 km.