• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Presentazione Sentieri Partigiani 200709
 

Presentazione Sentieri Partigiani 200709

on

  • 2,221 views

 

Statistics

Views

Total Views
2,221
Views on SlideShare
2,217
Embed Views
4

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 4

http://www.slideshare.net 4

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Presentazione Sentieri Partigiani 200709 Presentazione Sentieri Partigiani 200709 Presentation Transcript

    • Sui sentieri della Libertà In Valle Brembana
    • Benvenuti
    • PRESENTAZIONE
    • Agenda • Presentazione (Franco De Pasquale) • Introduzione (Rosa Bresciani) • La Resistenza in Valle Brembana (Giuseppe Giupponi “Fuì”) • I sentieri (Giuseppe Giupponi “Fui”, Fabrizio Consonni, Ivan Bosio, Mauro Cosmai) • La Natura sui sentieri Partigiani (Flavio Galizzi) • Lo sviluppo del progetto (Maurizio Colleoni) • Domande e Risposte • Le prossime iniziative (Franco De Pasquale)
    • Chi siamo • Siamo un gruppo di cittadine/i della Vallebrembana. L'obiettivo che ci siamo posti è di organizzare momenti di riflessione e di dibattito aperti alla cittadinanza su temi di attualità quali la cultura e la pratica della Pace e della Nonviolenza, la Giustizia, l’Antifascismo …; • Vogliamo “semplicemente” che la Costituzione sia rispettata. • Lavoriamo per creare luoghi di incontro, una necessità in un contesto, come il nostro, dove è difficile l’aggregazione dei cittadini e dei giovani in particolare. • Per dare ufficialità a questi obiettivi abbiamo aderito alla Tavola della Pace. • Per informazioni sulle nostre attività: www.tavolapacevallebrembana.org
    • Il progetto dei “Sentieri Partigiani” ”Spaventa il pensiero di quanto potrà accadere fra una ventina d’anni quando tutti i testimoni saranno spariti. Allora i falsari avranno via libera, potranno affermare o negare qualsiasi cosa”                                                                                                                                                                              Primo Levi
    • Il progetto dei “Sentieri Partigiani”: Storia Memoria e Identità come progetto di valorizzazione del territorio • un progetto aperto, che si vorrebbe condiviso dai soggetti ed enti culturali e amministrativi del territorio • un progetto che vorremmo avesse continuità nel tempo, promuovendo conoscenza e frequentazione dei sentieri come percorsi di storia, memoria, cultura e coscienza civile • un progetto che aggiunge, agli aspetti naturalistici già ben illustrati in una letteratura abbastanza diffusa, un motivo profondo per vivere ed esplorare il nostro territorio
    • Comitato Scientifico: la nostra proposta • Fondazione Bergamo nella • Comitato per la Difesa della Storia Costituzione • ISREC • Comitato Antifascista • CGIL Bergamasco • Circolo Gramsci • Coro Pane e Guerra • Gruppo di lavoro sul • Tavola della Pace di “Campo della Grumellina” Bergamo • ARCI • Università di Bergamo • AGESCI
    • Patrocinio e Supporto: la nostra proposta • Provincia di Bergamo Comuni di: • Comunità Montana • Villa d’Almè, Ubiale- Vallebrembana Calnezzo, Capizzone, Strozza • B. I. M. Bergamo • Cornalba, Serina • Parco Orobie Bergamasche • San Giovanni B, Taleggio • C.a.i. Bergamo • Branzi, Carona Zogno Alta Vallebrembana
    • INTRODUZIONE
    • Perché “Sentieri Partigiani”: un progetto di memoria • Memoria dei fatti • Memoria delle persone • Memoria dei luoghi e nei luoghi • Memoria delle idee conoscere i fatti, le persone, i luoghi e le idee per farne memoria attiva e costruirne identità
    • Sentieri Partigiani Sono i sentieri che dopo l'otto settembre 1943 partigiani e partigiane percorrevano per organizzare la resistenza armata contro l’occupazione nazista tedesca e contro i fascisti della Repubblica di Salò: per comunicare , rifornirsi , mettersi in salvo, combattere… ripercorrere ora i loro sentieri è azione di memoria, è camminare dentro la storia degli uomini, delle idee, del nostro territorio
    • Articolazione del progetto • Scegliere alcuni sentieri tra i più significativi per la storia della Resistenza in Valle Brembana, ricostruirne la storia, conoscerne i personaggi • Pubblicare un opuscolo, agevole per trasporto e consultazione, che ne illustri l’ importanza storica, eventi e personaggi significativi, oltre a fornire essenziali indicazioni escursionistiche e paesaggistiche • Verificarne e sistemarne segnaletica e percorribilità escursionistica • Collocare lungo ogni sentiero alcune targhe a segnalazioni dei fatti più importanti: la memoria nel contesto • Promuovere la conoscenza e la frequentazione dei percorsi, e dunque dei fatti, delle persone e delle idee: della storia e dell’ identità
    • Quali sentieri? bbiamo individuato quattro sentieri: ianca - Cantiglio - Orrido della Valtaleggio ornalba - Baite dell’Alben - Valserina lanezzo - Monte Ubione – Cascina Como ranzi-Laghi Gemelli uesti sentieri , che si collocano dalla bassa Valle Brembana alla Valle Brembilla, dalla Valle Taleggio alla Valle Serina e alla Alta Valle Brembana, conducevano agli insediamenti e segnavano i punti di passaggio più importanti per i movimenti delle Formazioni Partigiane, per le comunicazioni con la città, le valli e i territori confinanti.
    • LA RESISTENZA IN VALBREMBANA
    • SENTIERO 1: PIANCA – CANTIGLIO
    • Sentiero Pianca – Cantiglio – Orrido della Valtaleggio : il percorso a Valle Taleggio conobbe alcuni tra i primissimi raggruppamenti spontanei, e, nell’ azione di Cantiglio, la prima azione coordinata di repressione da parte nazifascista, il 4 dicembre del ’43: vi morirono tre partigiani e altri furono deportati. e formazioni spontanee si organizzarono poi nella X Brigata Garibaldi, comandata da Gastone Nulli che, dopo i rastrellamenti del giugno ‘44, come 86a Garibaldi, entrava a far parte della Seconda Divisione Lombarda, in stretta collaborazione con la Rosselli della Valsassina. Col rastrellamento del 12 ottobre ‘44 la formazione fu completamente distrutta, fino al momento più tragico del 30 dicembre, con la fucilazione di 16 Partigiani. ella primavera del ‘44, sotto la guida di Paganoni e Vitali, la formazione si riorganizzò rapidamente, protagonista di un susseguirsi di azioni fino al momento della liberazione.
    • Sentiero Pianca – Cantiglio – Orrido della Valtaleggio : Davide “Mario” Paganoni e Vitalino Vitali
    • SENTIERO 2: CORNALBA – BAITE DELL’ ALBEN - VALSERINA
    • Sentiero Cornalba – Baite dell’ Alben – Valserina: il percorso a Valserina conobbe i primi gruppi partigiani già nell’ ottobre ’43, ma la prima formazione fu a gennaio ‘44 smantellata da rastrellamenti e deportazioni. Dal giugno ’44 si costituirono la XXIV Maggio di GL, formazione vivace e attiva, e la I° Maggio delle Fiamme Verdi, più attendista e passiva. Le due formazioni spesso ebbero convivenza difficile, anche per il modo diverso di concepire la lotta resistenziale. La XXIV Maggio, rapidamente cresciuta in numero, conobbe anche problemi di disciplina e organizzazione. Dopo i rastrellamenti del novembre e dicembre ‘44, che costarono la vita a 15 partigiani, la brigata, sotto il comando di “Renato”, Fortunato Fasana, si trasferì ai Laghi Gemelli, coi Cacciatori delle Alpi e i resti della 86° Garibaldi. Da lì poté riprendere vigore, riprendere il controllo della Valle Serina ed organizzare azioni efficaci, fino alla liberazione.
    • Sentiero Cornalba – Baite dell’ Alben Valserina: i Martiri di Cornalba ra il 25 novembre e il 1° dicembre ‘43 la Brigata XXIV Maggio subì due tragici rastrellamenti, a opera della Compagnia O.P. di Bergamo, guidata da Aldo Resmini. L 25 novembre, fermati su un autobus di linea, vennero giustiziati Giuseppe Biava, Barnaba Chiesa e Antonio Ferrari; nei rastrellamenti successivi persero la vita Giacomo Tiragallo, Luigi Cornetti e poi suo fratello Pietro, Battista Mancuso, Giuseppe Maffi, Franco Cortinovis e Callisto Sguazzi. elle seconda azione di rastrellamento, il 1° dicembre, morirono Celestino Gervasoni, il diciassettenne Mario Ghirlandetti e tre partigiani russi:  Angelo, Carlo e Michele
    • SENTIERO 3: CLANEZZO - MONTE UBIONE CASCINA COMO
    • Sentiero del Monte Ubione: il percorso Il sentiero rientra nella zona operativa della banda partigiana costituita a Villa d’ Almè dall’ autunno ‘43, guidata dall’ avvocato Natale Mazzolà e dal curato Don Antonio Milesi “Dami”. Dispersa dalla reazione nazifascista nell’ inverno, la formazione dalla primavera del ‘44 fu ricostituita dal comandante “Dami” , suddivisa in due gruppi inquadrati nelle Fiamme Verdi: I° maggio dislocata in Valserina, e Valbrembo, operante nell’ area dei Colli di Bergamo e bassa Valle Brembana. La formazione subì gravi perdite e finì per disperdersi a seguito anche di azioni non riuscite, come il colpo a Villa Masnada del settembre ‘44, a seguito del quale dieci partigiani furono uccisi: tra i caduti Albino Locatelli “Rino” e Angelo Gotti, fucilato proprio sul Monte Ubione. “Dami”, ricercato dalle SS, riuscì a riparare in Svizzera.
    • Sentiero del Monte Ubione: Angelo Gotti
    • SENTIERO 4: BRANZI-LAGHI GEMELLI
    • Sentiero Branzi-Laghi Gemelli: il percorso Anche in Alta Valle una prima formazione dell’ autunno ‘43, la Banda Pisacane, si disperse nell’ inverno successivo dopo l’ arresto del suo comandante “Tulli”. Nella primavera successiva si costituì la formazione GL “Cacciatori delle Alpi”. Dopo un periodo di sbandamento, a seguito dell’arresto dei comandanti Bartoli e Cerea e di scontri con la popolazione valtellinese, lo stesso Bartoli, sfuggito ai tedeschi, riuscì a riorganizzarla , assieme ad Ercole Pedretti. Il gruppo fece base ai Laghi Gemelli, continuando a compiere azioni di disturbo. Durante una delle numerose azioni di repressione nazifasciste perse la vita lo stesso Ercole Pedretti. Nel marzo ‘45 una serie di eventi drammatici fermò l’ attività della brigata, che invece partecipò attivamente alla Liberazione
    • Sentiero Branzi-Laghi Gemelli: Ercole Pedretti
    • LA NATURA SUI SENTIERI PARTIGIANI
    • Quali sentieri? bbiamo individuato quattro sentieri: ianca - Cantiglio - Orrido della Valtaleggio ornalba - Baite dell’Alben - Valserina lanezzo - Monte Ubione – Cascina
    • LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO
    • Realizzazione del progetto Gruppo di lavoro • Si è costituito su proposta della Tavola della Pace – circolo “Peppino Impastato” della Valbrembana all’inizio di Luglio 2009. • Il coordinamento del lavoro è stato affidato a Mauro Cosmai e Ivan Bosio che hanno il compito di verificare il tracciato sentieri. Guglielmo Milesi coordinerà la descrizione naturalistica. • Grazie alla collaborazione con l’ANPI ed il CAI della Valbrembana è stato possibile definire le linee di lavoro che oggi sono state presentate grazie alla collaborazione ed al contributo di Giuseppe Giupponi, Tarcisio Bottani, Silvano Pesenti • Stefano Torriani , Flavio Galizzi svilupperanno il contributo naturalistico • Rosa Bresciani svolgerà il ruolo di coordinatore editoriale. Carlo Tiraboschi coordina la documentazione fotografica
    • Realizzazione del progetto Le fasi di realizzazione • La fase iniziale, quella che oggi si conclude ha permesso di definire il gruppo di lavoro, i sentieri, le collaborazioni. • Entro il 31 ottobre 2009 verranno ultimate la sezione storica, l’analisi del materiale necessario alla tracciatura dei sentieri, la documentazione naturalistica a cura del gruppo di lavoro, presentazione del budget di spesa • Dal 31 ottobre al 30 Novembre 2009 il comitato scientifico analizzerà il lavoro e contribuirà alla definizione del progetto finale: sentieri, brochure descrittiva, presentazione finale • Entro il 10 Dicembre 2009: presentazione del lavoro ed analisi dei patrocini e finanziatori • Marzo 2010: tracciatura dei sentieri
    • Aprile 2010 • Inaugurazione e presentazione ufficiale dell’iniziativa alle Autorità e al Pubblico • Convegno con Testimonianze di Partigiani e contributi storici e scientifici • Mostra sulla Resistenza in Valbrembana • Spettacolo Teatrale E nel 201X • Visite Guidate ai Sentieri. • DVD con la testimonianza dei Partigiani e la descrizione dei sentieri • ……
    • Costi e Finanziamenti • Il lavoro di ricerca, di ricognizione, tracciatura e documentazione dei sentieri sarà totalmente volontario, senza costo alcuno • Il valore nominale del progetto è di circa 10.000 Euro: targhe per i luoghi della guerra partigiana, segnali descrittivi, brochure storico-naturalistica (34 pagine previste), bacheche di partenza dei sentieri ecc.. • Noi puntiamo ad ottenere sia finanziamenti diretti che “in natura” da parte di enti locali, associazioni, organizzazioni che vorranno sostenere la nostra iniziativa
    • Domande e Risposte
    • LE PROSSIME INIZIATIVE
    • Giornata della Pace 2009
    • Grazie e Arrivederci