Mafie Del Nord
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Mafie Del Nord

on

  • 1,727 views

3 Giorni Antimafia in Valle Brembana con Giovanni Impastato

3 Giorni Antimafia in Valle Brembana con Giovanni Impastato

Statistics

Views

Total Views
1,727
Views on SlideShare
1,726
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
8
Comments
0

1 Embed 1

http://www.slideshare.net 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • di Lorenzo Frigerio Milano nuova frontiera del crimine organizzato. Nonostante le numerose avvisaglie delle infiltrazioni mafiose nel territorio lombardo, per molti anni si è sostenuto tutt’al più che Milano fosse solamente il centro del riciclaggio del denaro sporco. Il capillare insediamento della mafia in Lombardia va invece fatto risalire agli inizi degli anni Sessanta, quando i boss si stabilirono a Milano e nell’hinterland. 1960-1970: il decennio dell’iniziale “contagio” Tra i primi ad arrivare Giuseppe Doto, più conosciuto come Joe Adonis, cresciuto alla scuola di don Vito Genovese in America, durante il proibizionismo. Uscito di scena nel 1962 Lucky Luciano, Doto gli subentrò nella gestione degli affari delle cosche al Nord: bische, night club, estorsioni e anche traffico di stupefacenti e preziosi, stando ai rapporti della questura di Milano. Nel maggio 1963, a conferma della presenza mafiosa, in viale Regina Giovanna, in uno scontro a fuoco tra le cosche rivali della prima guerra di mafia, fu ferito Angelo La Barbera. Quando, nel 1971, il vecchio Doto fu inviato al confino, ormai era troppo tardi: proprio l’estensione, nel 1965, del provvedimento di confino anche ai mafiosi produsse, infatti, un massiccio “esodo” di uomini delle cosche nel Nord Italia e il conseguente rafforzamento delle stesse attività illecite. Anni Settanta: Luciano Liggio e i sequestri di persona Nel 1970 Milano era ormai una base operativa dei siciliani, tanto che a giugno vi si tenne un’importante riunione con Gerlando Alberti, Giuseppe Calderone, Tommaso Buscetta, Gaetano Badalamenti, Totò Riina e Salvatore “Cicchiteddu” Greco, l’ex capo della commissione. Nel corso degli anni Settanta, arrivarono in Lombardia Gerlando Alberti, Gaetano Carollo, i fratelli Fidanzati e poi, tra i tanti, i Ciulla, i Guzzardi e i Bono. Arrivò anche Luciano Liggio che, nel 1972, diede il via all’intensa stagione dei sequestri di persona: tra le sue vittime più illustri gli imprenditori Pietro Torielli e Luigi Rossi di Montelera. Tradito da un’intercettazione telefonica, la “primula rossa” fu arrestata il 16 maggio 1974, in via Ripamonti. Quello che si aprì nel 1975 contro Liggio e trenta imputati fu un vero e proprio processo di mafia, come ricordato dalla Commissione parlamentare antimafia nella relazione del 1976. In essa si registrò con preoccupazione l’avanzata delle cosche al Nord, certamente favorita, a partire dalla seconda metà degli anni Sessanta, dall’invio al confino di quasi 400 uomini che, oltre ai sequestri, si dedicarono alle rapine, al contrabbando di tabacchi, stupefacenti e pietre preziose e al fiorente mercato dell’edilizia, controllando il lavoro nero nei cantieri di Milano e dell’hinterland. Anni Settanta: Francis Turatello, il re delle bische Negli stessi anni si affermò sulla scena criminale Francis Turatello, detto “Faccia d’angelo” fin dai tempi in cui muoveva i primi passi in periferia. Il feroce criminale, noto inizialmente più per le scaramucce con Renato “Renè” Vallanzasca, s’impadronì in seguito del controllo delle tante bische clandestine sparse in città e del giro della prostituzione. L’appartenenza alla mafia di Turatello fu sempre discussa, ma è certo che Cosa Nostra gli permise affari, tradizionalmente considerati “disonorevoli”, ma utili a distogliere l’attenzione delle forze dell’ordine dal traffico di stupefacenti e dal riciclaggio di denaro sporco. Turatello e la sua banda, composta per lo più da catanesi, si dedicarono con successo anche alle rapine e ai sequestri di persona, in società con la gang dei marsigliesi di Albert Bergamelli. Dopo l’arresto del 2 aprile 1977 in piazza Cordusio, “Faccia d’angelo” mantenne il controllo delle sue attività fino allo scontro con il suo ex luogotenente Angelo Epaminonda. 1978-1984: l’epopea del Tebano e dei suoi “indiani” Dopo l’arresto di Francis Turatello, Epaminonda reclamò una maggior quota di utili sui proventi delle bische. Nello scontro con i fratelli Mirabella, rimasti fedeli a Turatello e spalleggiati da alcune famiglie palermitane, “il Tebano” poté contare su un gruppo di fedeli killer, “gli Indiani, tra cui Salvatore Paladino, Orazio D’Antonio, Antonio Scaranello, Angelo Fazio detto il Pazzo, Demetrio Latella, Illuminato Asero, Salvatore Parisi, detto Turinella. Gli Indiani furono i protagonisti della guerra che insanguinò Milano sul finire degli anni Settanta, con oltre sessanta omicidi, tra cui la strage del ristorante La Strega di via Moncucco e quella di via Lorenteggio: in entrambe le circostanze, gli Indiani, per sopprimere alcuni uomini di Faccia d’angelo, non ebbero alcuno scrupolo d’uccidere anche cittadini inermi e del tutto estranei alla faida. Stabilita la propria supremazia, dopo l’eliminazione di Turatello in carcere per volere del camorrista Raffaele Cutolo, Epaminonda, da tempo cocainomane, si dedicò solo al traffico di stupefacenti. Il Tebano fu infine arrestato nel settembre 1984 e, temendo forse di essere eliminato, iniziò a collaborare; le sue confessioni ricostruirono dieci anni di criminalità a Milano: venne così smantellata la temibile organizzazione che controllava il gioco nelle bische clandestine, il giro della prostituzione, la capillare attività del racket delle estorsione e il sempre più remunerativo mercato della droga, in collaborazione con le cosche mafiose tradizionali. 1983: l’anno dei blitz contro “i colletti bianchi” Il 1983 fu un anno cruciale per la scoperta delle infiltrazioni mafiose nell’economia e nella finanza operate sulla piazza milanese. Il “blitz di San Valentino”, nella notte del 14 febbraio, portò all’arresto di una quarantina di persone, alla notifica del mandato ad altre cento già in carcere e al sequestro di beni per trecento miliardi. I fratelli Bono, Ugo Martello, Antonino Enea, i fratelli Fidanzati e gli imprenditori Antonio Virgilio, Luigi Monti, Carmelo Gaeta furono accusati di riciclare denaro sporco, tramite società milanesi. La vicenda processuale si concluse però con la cancellazione dell’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso e la revisione del processo disposta dalla cassazione nel 1991. L’11 novembre 1983, il “blitz di San Martino” (quaranta arresti e irruzioni nelle più importanti case da gioco italiane) fece fallire la scalata al Casinò di Sanremo, per il cui controllo erano in lizza due cordate, spalleggiate l’una dal mafioso catanese Santapaola e l’altra dai palermitani Bono ed Enea. L’inchiesta svelò le commistioni tra politica, affari e crimine, in seguito al coinvolgimento di Antonio Natali, ex esponente di rilievo del PSI. Anche questa inchiesta ebbe un lungo iter processuale, conclusosi nel giugno 1996, con la condanna di tutti per associazione a delinquere di tipo mafioso. Fine anni Ottanta: l’infiltrazione della ‘Ndrangheta Sul finire degli anni Ottanta, usciti di scena Turatello ed Epaminonda, le attività illecite tornarono nelle mani dei clan tradizionali. Del resto i siciliani non avevano smesso di occuparsi di stupefacenti e dell’investimento in attività legali dei loro proventi, come testimoniato dall’arresto, nel 1991, di Giuseppe Lottusi, prestanome dei Madonia impegnato in operazioni internazionali di riciclaggio. Nel corso degli stessi anni, emerse clamorosamente e per la prima volta in tutta evidenza l’allarmante livello di infiltrazione raggiunto dalla ‘ndrangheta in Milano e provincia. Giunti al Nord nei decenni precedenti, non per provvedimenti delle autorità, ma al seguito delle famiglie di emigranti, gli uomini delle cosche calabresi perfezionarono con successo il controllo del territorio in ampie zone della città e dell’hinterland, senza suscitare clamori e sospetti. Interi quartieri di Milano, come Bruzzano, Comasina e Quarto Oggiaro o comuni come Corsico, Buccinasco, Trezzano sul Naviglio, per citare i casi più clamorosi, caddero sotto il dominio dei calabresi che si specializzarono nelle rapine e nei sequestri di persona. L’ingombrante presenza dei calabresi inizialmente causò il feroce scontro con le altre organizzazioni, che fece guadagnare a Milano la terza posizione nella graduatoria delle città con il maggior numero di omicidi. Superata ben presto la fase conflittuale, i vertici della mafie operanti in città si accordarono per gestire il traffico di droga e il nuovo business del contrabbando di armi. 1990: scoppia la “Duomo Connection” 16 maggio 1990: l’arresto di Tony Carollo, figlio del vecchio boss Gaetano, ucciso a Liscate (MI) nel 1987, diede avvio alla cosiddetta “Duomo Connection”, l’inchiesta che confermò i legami e le connivenze di politici lombardi con la criminalità organizzata mafiosa. Partite nel 1988 da alcune intercettazioni e pedinamenti dei Carabinieri, le indagini in un primo momento svelarono un traffico di stupefacenti gestito insieme da siciliani e calabresi e poi portarono alla scoperta delle collusioni tra mafiosi e alcuni esponenti della pubblica amministrazione del Comune di Milano, aventi per scopo la gestione pilotata di lottizzazioni miliardarie. Furono chiamati in causa anche il sindaco Paolo Pillitteri e l’assessore all’urbanistica Attilio Schemmari, entrambi socialisti, ma solo il secondo fu condannato per abuso d’ufficio. Il processo, iniziato nel 1991, dopo le condanne di primo e secondo, nel 1995 fu annullato dalla Cassazione per irregolarità nelle intercettazioni e nel 1996 trasferito a Brescia, dopo le proteste delle difese contro i ricorsi presentati della Procura. 1993-1997: la stagione delle grandi inchieste e i primi maxi processi Tra il 1992 e il 1993 i collaboratori di giustizia Antonio Zagari e Saverio Morabito per primi rappresentarono con dovizia di particolari il pericolo costituito dalla ‘ndrangheta in Lombardia, parlando dei suoi circa ventimila affiliati e della ramificazione delle sue attività. Nel 1993 forze dell’ordine e magistratura sferrarono i primi colpi mortali alle cosche guidate dai nuovi padrini delle mafie attive al Nord: le più importanti operazioni furono “Wall Street”, “Count Down”, “Hoca Tuca”, “Nord - Sud”, “Belgio” e “Fine”. Nei quattro anni seguenti i magistrati della Direzione Distrettuale Antimafia milanese svilupparono una quarantina di inchieste, che portarono all’arresto di circa tremila persone per associazione mafiosa con l’apporto di oltre cento collaboratori di giustizia: furono così sgominate le organizzazioni che ruotavano attorno ai siciliani Carollo, Fidanzati, Ciulla e ai calabresi Flachi, Coco Trovato, Papalia, Sergi e Morabito e Paviglianiti, per ricordare solo i più noti. Nel 1995 si aprirono i primi maxiprocessi alle mafie di Milano e Lombardia e nel 1997 alcuni di questi si sono chiusi con pesanti condanne per gli imputati. Dalle sentenze, che confermarono in larga parte l’impianto accusatorio, emerse la nuova realtà mafiosa di questo fine decennio al Nord: venne infatti provato che a Milano e in Lombardia la ‘ndrangheta aveva esteso la sua potenza ai massimi livelli di pericolosità e che aveva stipulato con la mafia e la camorra una sorta di patto federativo per la gestione dei grandi traffici illeciti, su tutti quello della droga.
  • la Lombardia è ormai la quarta regione italiana per infiltrazione mafiosa come affermato nell’ultimo rapporto della commissione parlamentare
  • Le tre fasi del reimpiego dei capitali illeciti nell’economia legale: Fase dell’accumulazione primaria dei capitali illeciti, ossia raccogliendo denaro tramite attività delittuose molto remunerative (estorsioni, droga, prostituzione, scommesse clandestine, sequestri di persona), fase che richiede un forte controllo del territorio da parte della associazione delinquenziale Fase di trasformazione dei capitali illeciti in fondi leciti utilizzabili sul mercato legale, attraverso il riciclaggio, ovvero la trasformazione di una somma di denaro, di cui si può facilmente riconoscere l’origine criminale, in una somma che è si inferiore a quella di partenza, ma che può essere liberamente spesa sul mercato perché l’origine criminale è cancellata. La differenza in negativo è dovuta alle spese impiegate per le operazioni di riciclaggio, costi che la criminalità sostiene senza problemi. Collocazione dei capitali puliti sia nel circuito finanziario (depositi bancari, acquisti azionari, finanziamenti di attività terze), sia nella costituzione di patrimoni immobiliari, sia sottoforma di investimenti imprenditoriali Il percorso del riciclaggio: “ placement stage” ossia la fase di collocamento materiale dei proventi del reato, spesso contanti, presso istituzioni o intermediari finanziari tradizionali (di solito frazionando i versamenti con l’accensione di più conti correnti nella stessa banca o in piu banche, fenomeno denominato smurfing) o non tradizionali (case da gioco, cambiavalute clandestini) o sul mercato. L’obiettivo è quello di traformare il denaro liquido in moneta scritturale ossia moneta impalpabile e rappresentata dai saldi attivi dei rapporti costituiti presso intermediari finanziari “ layering stage” o lavaggio propriamente detto, in cui tramite operazioni finanziarie si attribuisce parvenza di legittimità a capitali di provenienza illecita. Per cifre ingenti si ricorre spesso al trasferimento internazionale di fondi con l’utilizzo della rete telematica interbancaria, appoggiandosi a società complici ubicate nei cosiddetti paradisi fiscali, che forniscono una giustificazione legale di comodo ad una operazione. Il risultato è che, in un sol giorno decine di operazioni di trasferimento possono venire effettuate su di una stessa somma, confondendo in tal modo le tracce. Tuttavia i soggetti interessati al riciclaggio tendono ad evitare il formalismo del settore bancario per rivolgersi agli istituti non bancari (che consentono di utilizzare disponibilità liquida in attività di finanziamento senza ricorrere al mercato mobiliare) ed alle agenzie di cambio (con elevato turn over di contante e con scarsi controlli da parte delle autorità) “ integration stage” ossia l’integrazione delle ricchezze provenienti da reato con quelle di natura lecita e l’ingresso dei circuiti finanziari ordinari, ed anche in questa fase svolgono un ruolo importante gli intermediari finanziari ed i prestanome di comodo
  • I motivi del coinvolgimento: elevato rendimento economico insufficiente consolidamento delle normative, da cui discende un livello di contrasto molto basso possibilità di lavorare dal e sul proprio territorio, consolidando la propria presenza e sfruttandone le protezioni occasione di interazione con istituzioni e attori economici territoriali, aumentando così il livello di compenetrazione socioeconomica e sfruttando la maggior indulgenza sociale e penale della quale tali soggetti beneficiano

Mafie Del Nord Mafie Del Nord Presentation Transcript

  • Mafie del Nord: La Lombardia
  • Corte di Cassazione, 11.04.1983
    • “ La nozione di associazione mafiosa deve essere svincolata dalla sua matrice storico-geografica, in quanto il fenomeno investe da tempo tutto il territorio nazionale ed è individuabile attraverso caratteristiche proprie. Pertanto, per essa deve intendersi ogni sodalizio di più persone che opera assumendo o mantenendo il controllo di attività economiche, attraverso l’intimidazione sistematica in modo da creare una situazione di assoggettamento e di omertà che renda impossibili o particolarmente difficili le normali forme di intervento punitivo dello stato.”
  • Gli inizi
  • Gli Inizi: breve storia
    • 1960-1970: il decennio dell’iniziale “contagio”
    • Anni Settanta: Luciano Liggio e i sequestri di persona
    • Anni Settanta: Francis Turatello , il re delle bische
    • 1978-1984: l’epopea del Tebano e dei suoi “indiani”
    • 1983: l’anno dei blitz contro “ i colletti bianchi ”
    • Fine anni Ottanta: l’infiltrazione della ‘Ndrangheta
    • 1990: scoppia la “ Duomo Connection ”
    • 1993-1997: la stagione delle grandi inchieste e i primi maxi processi
  • Milano, terra di mafie
  • I beni confiscati
    • La conferma della presenza mafiosa in Lombardia ci giunge dai beni confiscati (legge 109/96): la Lombardia è al quarto posto in Italia già nel 2005 con 209 unita immobiliari, dopo Sicilia, Calabria e Campania e prima della Puglia.
    • Altri 162 immobili erano da destinare, ma ben 106 aziende confiscate portano la Lombardia al terzo posto di questa “speciale classifica”
    • Questi “trend “ hanno trovato conferma nel 2007 e 2008
  • 2010: Gli interessi della mafia in Lombardia, la 4^ regione per infiltrazione mafiosa
  • Riciclaggio e denaro sporco
    • Fattori determinanti : arrivo dell’Euro, finanziarizzazione dell’economia, sviluppo delle reti informatiche
    • Società finanziarie e banche di fiducia movimentano denaro sporco con scambi e operazioni fittizie, veicolando denaro nei paradisi fiscali. Il ruolo degli scudi fiscali .
    • Fasi del reimpiego : accumulazione primaria dei capitali, trasformazione capitali illeciti in leciti, collocazione dei capitali nel circuito finanziario
    • Il percorso del riciclaggio : “placement stage”, “”layering stage”, “integration stage”
  • Droga
    • Il consumo di droga in Lombardia: 4,7% della popolazione consuma cocaina (primo posto in Italia), 2,8% consuma allucinogeni (3° posto in Italia)
    • La Lombardia detiene il primo posto per operazioni antidroga (3638 nel 2006), vi è il 30% della cocaina sequestrata in Italia, il 20% di eroina, il 22% di marijuana e hashish
    • Milano è la piazza dove si fissa prezzo per il nord Italia ed il nord Europa
    • Dalla Lombardia transita buona parte della droga di cosa nostra, n’drangheta e camorra
  • Usura ed estorsioni
    • I sintomi del fenomeno: rapidi turn over di licenze commerciali, fallimenti repentini di aziende a conduzione familiare, episodi di danneggiamento mirati a negozi, casi di usura ed esercizio abusivo del credito
    • I più colpiti piccoli imprenditori, commercianti e artigiani. La criminalità organizzata è responsabile del 14,3% dei reati legati all’usura.
    • Le mafie trattano 75 miliardi di euro/anno per usura/estorsione e la Lombardia contribuisce con il l’8% dei commercianti coinvolti per circa il 10% del valore complessivo
  • Ecomafie
    • I motivi del coinvolgimento : elevato rendimento economico, insufficiente consolidamento delle normative, possibilità di lavorare dal e sul proprio territorio, interazione con istituzioni
    • ciclo del cemento : comprende l’abusivismo edilizio (405.606 costruzioni abusive tra il 1995 ed il 2005), estrazione illecita di materiali da costruzione, infiltrazione negli appalti locali o per le grandi opere nazionali. Il ruolo dei condoni
    • ciclo dei rifiuti : l’80% dei rifiuti è destinato alla discarica, una discarica su tre è legale ed un terzo dei rifiuti entra nel ciclo di smaltimento illecito
  • Sanità
    • Settore “nuovo”, rilevato a partire dal 2005
    • Infiltrazioni mafiose negli appalti per la costruzione e ristrutturazione di strutture sanitarie
    • Gestione dei fondi per le spese sanitarie
    • Assunzione di affiliati all’interno delle strutture sanitarie
    • Gestione di appalti di servizi
  • Impresa
    • Settore “ vecchio ”, documentato già a partire dal 1974
    • Vi sono condanne rilevate in diversi settori produttivi, con particolare rilevanza nel:
    • Settore Edilizio
    • Settore Assicurativo
    • Settore Energetico
    • Senza dimenticare le infiltrazioni legate all’usura, al riciclaggio, alle ecomafie ed alla sanità
  • Edilizia ed immobili
    • Settore “ di punta ” dell’infiltrazione mafiosa
    • Il subappalto, elemento cardine della infiltrazione mafiosa
    • Le bolle speculative sugli immobili e le aree dismesse dove più facilmente i capitali possono essere riciclati
    • La collusione con i “grandi costruttori”; Coppola, Ligresti, Repaci, Zunino
    • L’importanza delle “ grandi opere : Skyline Milano, Pedemontana, Bre.be.mi
  • Il … futuro prossimo
  • Una significativa riflessione
    • Il pericolo mafioso  non è percepito  a Milano nelle sue reali dimensioni: si parla molto più di Rom, sanità, sicurezza, eppure quella delle minacce, del pizzo, dei roghi in cantiere è una realtà che non può essere sottovalutata.
    • Repubblica  ha chiesto a  Francesco Messina , dirigente della squadra mobilè, perché il pericolo sia così scarsamente percepito. Forse perché le mafie restano nell'ombra? 
    • In effetti a Milano, in generale in Lombardia,  l'atteggiamento delle cosche è molto diverso da quello che hanno nel Sud Italia . Per intenderci: qui le famiglie criminali calabresi e siciliane lavorano sottotraccia,  non hanno nessun interesse a mostrare il loro potere . Che invece è reale e assoluto almeno in un campo, quello del traffico di stupefacenti, che è il business su cui la 'ndrangheta regge il suo impero e in cui la mafia siciliana ha ricominciato da qualche anno ad avere una fetta di potere e interessi, tanto che si può dire che l'asse Milano-Palermo è pienamente operativo .
    • Con la droga finanziano attività lecite, soprattutto nel campo dell'edilizia, spesso con società intestate agli stessi appartenenti alle cosche e senza neanche il bisogno di occultare il proprio interesse, mentre all´estero investono in maniera occulta il denaro da ripulire
    • IN particolari in questi giorni si parla di un  patto tra mafia e 'ndrangheta  per spartirsi il territorio milanese in vista dell'Expo. Ma si tratta di un allarme lombardo che spazia verso Como e Varese. Colpiti i proprietari dei ristoranti e i gioiellieri, titolari di supermarket e tipografi ma sempre più spesso i cantieri bruciano o vengono danneggiati in altro modo, gli imprenditori si trovano a contare i danni e a prevenire future ritorsioni dopo aver ricevuto i primi, inconfondibili, avvertimenti.
  • Grazie