Dott.ssa Ada MoscarellaPsicologa, Mediatrice Familiare, Tesoriere dell’Associazione Psicologi CampaniWeb: www.ampsico.it E...
INFORMAZIONEDott.ssa Ada Moscarella - Psicologa, Mediatrice Familiarewww.ampsico.it - ada.moscarella@libero.it - 334 90577...
 Il conflitto origina dall’incontro di due desidericontraddittori che appaiono vitali a coloro aiquali appartengono. Il ...
Il conflitto inizia con un vissuto di un’esperienzaoffensiva, alla quale si reagisce con un ulterioreattacco, fino al ragg...
1. Inizialmente gli attori del conflitto conservanoancora l’idea di cooperare e credono ancora dipoter trovare una soluzio...
 UNA PARTE PREVALE SULL’ALTRA. RITIRO: si rinuncia ad affrontare la situazione. COMPROMESSO: si effettua una divisione ...
 Apertura di un nuovo canale di comunicazione con l’altraparte (può essere necessario l’intervento di un terzoneutrale);...
 SEPARARE LE PERSONE DAL PROBLEMA: il conflitto nasce sempre dall’incapacità delleparti coinvolte di distinguere le due c...
Dott.ssa Ada Moscarella - Psicologa, Mediatrice Familiarewww.ampsico.it - ada.moscarella@libero.it - 334 9057714 Domande ...
 Il conflitto, di Ada Moscarella, disponibile suwww.ampsico.it, sezione Psicoblog ; Ti piacciono i tuoi vicini? Manuale ...
La gestione del conflitto
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

La gestione del conflitto

1,570

Published on

Cos'è il conflitto, come origina e strategie per la sua risoluzione.
di Ada Moscarella, psicologa, mediatrice familiare
http://mifacciobene.wordpress.com
www.psicologicampani.it

Published in: Health & Medicine
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,570
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "La gestione del conflitto"

  1. 1. Dott.ssa Ada MoscarellaPsicologa, Mediatrice Familiare, Tesoriere dell’Associazione Psicologi CampaniWeb: www.ampsico.it Email: ada.moscarella@libero.it tel: 334 90 57 714www.psicologicampani.ithttp://senzacamice.wordpress.com http://mifacciobene.wordpress.com
  2. 2. INFORMAZIONEDott.ssa Ada Moscarella - Psicologa, Mediatrice Familiarewww.ampsico.it - ada.moscarella@libero.it - 334 9057714«L’uomo deve elaborare per ogni conflitto un metodo cherifiuti la vendetta, l’aggressione e la rappresaglia»(Martin Luther King)
  3. 3.  Il conflitto origina dall’incontro di due desidericontraddittori che appaiono vitali a coloro aiquali appartengono. Il conflitto può nascere tra individui ecomunità. CARATTERISTICHE DEL CONFLITTOa) Opposte posizionib) Bisogno contraddittoric) Dirittid) PoteriDott.ssa Ada Moscarella - Psicologa, Mediatrice Familiarewww.ampsico.it - ada.moscarella@libero.it - 334 9057714
  4. 4. Il conflitto inizia con un vissuto di un’esperienzaoffensiva, alla quale si reagisce con un ulterioreattacco, fino al raggiungimento del conflittoconclamato.Dott.ssa Ada Moscarella - Psicologa, Mediatrice Familiarewww.ampsico.it - ada.moscarella@libero.it - 334 9057714
  5. 5. 1. Inizialmente gli attori del conflitto conservanoancora l’idea di cooperare e credono ancora dipoter trovare una soluzione al conflitto.2. L’idea di cooperazione viene abbandonata esubentra la COMPETIZIONE, per cui non è piùimportante la soluzione del conflitto, ma èpreponderante il bisogno di vincere sull’altro.3. Il conflitto si fa violento e l’unico obiettivo deidue configgenti è danneggiare l’altro, anchese ciò dovesse implicare sofferenza per sé.Dott.ssa Ada Moscarella - Psicologa, Mediatrice Familiarewww.ampsico.it - ada.moscarella@libero.it - 334 9057714
  6. 6.  UNA PARTE PREVALE SULL’ALTRA. RITIRO: si rinuncia ad affrontare la situazione. COMPROMESSO: si effettua una divisione dell’oggetto del contendere,si trova una soluzione a metà strada tra le posizioni delle parti. TRASFORMAZIONE DEL CONFLITTO- negoziazione- mediazioneDott.ssa Ada Moscarella - Psicologa, Mediatrice Familiarewww.ampsico.it - ada.moscarella@libero.it - 334 9057714
  7. 7.  Apertura di un nuovo canale di comunicazione con l’altraparte (può essere necessario l’intervento di un terzoneutrale); Ridefinire il conflitto; Sospensione o alterazione di sanzioni o azioni coercitive; Riconoscimento pubblico di una corresponsabilità perl’esistenza e la continuazione del conflitto; Modifica o abbandono di aspetti della propria ideologiache hanno giustificato l’escalation conflittuale;Dott.ssa Ada Moscarella - Psicologa, Mediatrice Familiarewww.ampsico.it - ada.moscarella@libero.it - 334 9057714
  8. 8.  SEPARARE LE PERSONE DAL PROBLEMA: il conflitto nasce sempre dall’incapacità delleparti coinvolte di distinguere le due componenti fondamentali del conflitto stesso: lacomponente soggettiva del rapporto interpersonale; la componente oggettiva del problemada risolvere => Il contenuto dalla relazione. INTERESSI NON POSIZIONI: la posizione è ciò che affermo, ciò che dico; l’interesse è ilmotivo per cui faccio quell’affermazione (la posizione è:voglio l’arancia; l’interesse è:perché mi serve la buccia per insaporire la torta). Gli interessi sono i moventi silenziosidietro il baccano delle posizioni. 3) BRAINSTORMING: separare l’atto di inventare opzioni da quello di giudicarle; creare piùopzioni possibili piuttosto che mirare subito alla soluzione; cercare il vantaggio di ambo leparti; inventare modi per facilitare alla controparte le decisioni che deve prendere. 4) UTILIZZARE CRITERI OGGETTIVI OVVERO INDIPENDENTI DALLA VOLONTA’ DELLE PARTI:ricorrere a criteri imparziali, ossia che non provengano dalla opinione delle parti in gioco,ma da un terzo affidabile riconosciuto come tale dalle parti (ex. il prezzo di mercato, ilcosto di sostituzione, i prezzi della concorrente, etc...)Dott.ssa Ada Moscarella - Psicologa, Mediatrice Familiarewww.ampsico.it - ada.moscarella@libero.it - 334 9057714
  9. 9. Dott.ssa Ada Moscarella - Psicologa, Mediatrice Familiarewww.ampsico.it - ada.moscarella@libero.it - 334 9057714 Domande da farea) Regola delle 5 W (chi dove come quando cosa)b) Domande aperte (ex. Che cosa ne pensa…Come potremmo fare pertrovare una soluzione , etc…)c) Domande ipotetiche(ex. Che cosa succede se non trovate unaccordo?) Domande da evitarea) chiuse:finiscono con un si o un nob) multiple:non fare mai una domanda dietro l’altra o dentro l’altrac) tendenziose:domande che presuppongono un giudiziod) alternative:non fare mai domande tipo preferisce questo o quello?e) domande che iniziano con un perché:in quanto possono portare aduna autogiustificazione degli atteggiamenti assunti dalle parti.
  10. 10.  Il conflitto, di Ada Moscarella, disponibile suwww.ampsico.it, sezione Psicoblog ; Ti piacciono i tuoi vicini? Manuale dieducazione socioaffettiva, di Novara Daniele ePasserini Elena,EGA, Torino 2006Dott.ssa Ada Moscarella - Psicologa, Mediatrice Familiarewww.ampsico.it - ada.moscarella@libero.it - 334 9057714

×