• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Facebook Fan Page&Storytelling_def
 

Facebook Fan Page&Storytelling_def

on

  • 339 views

 

Statistics

Views

Total Views
339
Views on SlideShare
191
Embed Views
148

Actions

Likes
2
Downloads
12
Comments
0

2 Embeds 148

http://www.tagbolab.it 146
http://feedly.com 2

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Facebook Fan Page&Storytelling_def Facebook Fan Page&Storytelling_def Presentation Transcript

    • Eleonora Rossi @elfolen Facebook fanpage e storytelling 11 dicembre 2013
    • Perché Facebook? Qualche numero... Nel mondo: ● ● ● 1,5 miliardi - le persone che hanno un profilo su Facebook 699 milioni - gli utenti giornalieri 86% dei navigatori del web In Italia: ● ● oltre il 43% della popolazione è iscritta a Facebook 26 milioni (fonte: Facebook Ads, dicembre 2013) (vincos.it - dati aggiornati ad Agosto 2013)
    • Perché proprio lo storytelling? Le storie sono innate nell'uomo: dalla notte dei tempi gli esseri umani si tramandano racconti, memorie, esperienze... ...cosa c'è di più gradevole nell'immaginario collettivo delle persone di racconti su eventi del passato? Se si fornisce poi al racconto la possibilità di intrecciarsi saldamente alla storia – reale o fantastica – del brand, eventi e contenuti possono riacquistare valore fino a diventare la base per iniziative del presente e del futuro.
    • I vantaggi dello storytelling COINVOLGIMENTO FIDELIZZAZIONE SEDUZIONE PASSAPAROLA CONSUMER > PROSUMER > COMMUNITY
    • La prima impressione conta #1 È possibile accrescere la brand awareness e stimolare l’engagement semplicemente inserendo le informazioni giuste nelle posizioni corrette.
    • La prima impressione conta #2 È possibile accrescere la brand awareness e stimolare l’engagement semplicemente inserendo le informazioni giuste nelle posizioni corrette: ● ● ● ● Scelta del nome - facilmente memorizzabile, esplicativo Cover Image - accattivante, scopo promozionale, call to action, linee guida prodotto/servizio Profile Image - riconoscibile anche piccolo, logo brand/prodotto o immagine del prodotto/servizio o segno distintivo azienda Sezione About – curata, non copiata dal sito ma scritta ad hoc per Facebook. Elementi di base: descrizione, contatti (telefono, mail, indirizzo), link a sito web e altri canali social
    • La prima impressione conta #3 Cover Photo Immagine ad alta qualità, esplicativa e invitante, da cambiare 1-2 volte al mese in base ad attività e ricorrenze (festività, cambi stagione...) Profile Image È la firma della pagina, ogni interazione compiuta con la fanpage contiene questa immagine in miniatura Informazioni Categoria + breve descrizione fanpage + link sito web/altri social (in 155 caratteri) Se la fanpage si riferisce ad un'attività con sede fisica e hai inserito un indirizzo, in questo campo visualizzerai le informazioni di contatto
    • La prima impressione conta #4 Tab Thumbnails Ogni applicazione installata sulla pagina può essere personalizzata con un'immagine anteprima di 111x74 px Il tab Foto è sempre il primo a sinistra e non è modificabile (l'immagine visualizzata è sempre l'ultima caricata) max 12 tab 3 visibili di default Per modificarli apri il menù con tutti i tab attivi, clicca sulla matita che appare nell'angolo in alto a dx dell'img del tab che desideri modificare e poi scegli l'opzione: - Scambia posizione con - Modifica Impostazioni (Personalizza immagine e nome scheda)
    • Strumenti gratuiti
    • Focus on: Timeline e Milestone Permettono di inserire nel diario informazioni e contenuti precedenti al momento dell'iscrizione, rendendo la fanpage Facebook uno strumento perfetto per la narrazione
    • Storytelling: istruzioni per l'uso
    • 1. Definisci cosa condividere Pensa cronologicamente: ● comincia dall'inizio, inserendo il giorno in cui il brand è nato Racconta storie autentiche, semplici, che possono interessare al tuo pubblico: ● momenti memorabili ● restyle del logo o del packaging ● immagini che esemplificano lo stile del brand ● informazioni poco note, foto e documenti rari o inediti Altri traguardi più recenti: riconoscimenti e premi ricevuti, apertura di un nuovo negozio, assunzione di nuovi dipendenti...
    • 2. Le storie più potenti sono umane Il prodotto non deve mai essere protagonista della storia, è lo strumento che le persone – i veri protagonisti – usano per superare un ostacolo, una difficoltà, un problema quotidiano
    • 3. Ogni post è un pezzo della storia Ogni singolo contenuto creato va a comporre il messaggio complessivo del brand: ● proposto in blocchi “facilmente digeribili” per gli utenti ● coerente I temi sono cruciali nello storytelling: ● ● stila un elenco di temi che percorrono tutta la potenziale trama della storia crea contenuti attinenti al messaggio centrale del brand
    • 4. Usa ogni mezzo a disposizione Ogni piattaforma può veicolare al meglio un aspetto dell’identità del brand e contribuire in modo originale allo svolgimento della storia globale, creando un’esperienza di intrattenimento unica e coordinata. Mantieni invariata la storia del brand e rivolgiti in modo appropriato a ciascun pubblico, utilizzando narrazioni diverse e mirate, adatte alle diverse comunità cui si rivolgono.
    • 5. Rendi affascinante la quotidianità I processi produttivi e le attività di tutti i giorni possono diventare molto interessanti se guardati dal giusto punto di vista
    • 6. Coinvolgi la sfera emotiva La storia del brand è molto di più di quello che può essere successo in un dato arco temporale: fallo emergere ma stando sempre attento al tono. ● usa un linguaggio semplice, diretto e familiare, in grado di trasmettere meglio le emozioni ● i dettagli sono fondamentali ● usa i cinque sensi ● rendi la somma più grande delle singole parti Chi ascolta la narrazione deve riconoscersi nella storia, deve poter assorbire gli stessi valori, vivere le stesse sensazioni e uscire dal racconto trasformato dalla narrazione stessa.
    • 7. Non usare solo le tue parole Coinvolgi le persone che lavorano o hanno lavorato per il brand, chiedi a più persone di ricordare lo stesso evento e usa i loro ricordi per dipingere la situazione a 360°. Gli utenti Facebook sono la fonte più ricca di contenuti: cercali, ascoltali, registra le loro storie. Falli contribuire alla narrazione o cedi il controllo e lascia che raccontino la storia del brand al tuo posto.
    • Lo storytelling è per tutti? SÌ! Tutti i brand hanno una storia da raccontare. Raccontare quella storia è l'occasione per creare una identità per il brand (in un modo molto più potente di un semplice logo). Se riuscirete a trasmettere l'entusiasmo, le persone lo noteranno. E vorranno prendere parte alla vostra storia! Il brand, la sua storia, la sua unicità, il modo in cui viene raccontato si trasformano in valore economico in grado di generare «capitale narrativo»*. *Andrea Fontana, “Story-selling”, 2010.
    • Grazie della partecipazione! Eleonora Rossi Community Manager & Social Media Strategist @elfolen about.me/elfolen