Funzionamento usle calculator
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Funzionamento usle calculator

on

  • 551 views

 

Statistics

Views

Total Views
551
Views on SlideShare
551
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Funzionamento usle calculator Presentation Transcript

  • 1. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 PROCEDURA PER LA DEFINIZIONE DELLE UPA AZIENDALI E CALCOLO DEL TASSO DI EROSIONE ANNUA A SCALA DI CAMPO
  • 2. EROSIONE DEL SUOLO Per erosione del suolo deve intendersi il distacco e il trasporto della parte superficiale del suolo per effetto dell’acqua, del vento, del ghiaccio o di altri agenti geologici , includendo tra di essi anche alcune manifestazioni della forza di gravità (Giordano, 2002). “ tasso massimo di erosione compatibile” (Fattore T), un fenomeno naturale Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011
  • 3.
    • Delineare (individuare) unità omogenee per le caratteristiche fisiche, ambientali e di gestione dei terreni aziendali. E necessario effettuare il calcolo con il foglio “usle_calculator_IT_psr_marche_221.xls” per ogni UPA.
    • CRITERI PER L’INDIVIDUAZIONE DELLE UPA:
    • aggregazione dei corpi aziendali (corpi non contigui nello spazio determinano in ogni caso la suddivisione in diverse UPA, una UPA per ogni corpo);
    • diverse condizioni climatiche (corpi contigui ma su diverse situazioni climatiche, fattore R, determinano ragionevolmente la suddivisione in diverse UPA);
    • diverse condizioni morfometriche (corpi contigui estesi che presentano diverse situazioni morfologiche determinano ragionevolmente la suddivisione in diverse UPA, può essere tollerata una semplificazione se vi è una dominanza >75% dell’UPA di una situazione morfometrica. Es.: >75% su versante lineare e < 25% parte bassa del versante (piede));
    • diverse condizioni pedologiche: se sono note diverse condizioni pedologiche (zone più umide o zone più secche, zone più produttive o zone meno produttive, zone con evidenti cromature differenti del suolo, zone con contenuti diversi di scheletro superficiale) è necessaria la suddivisione in diverse UPA;
    • sistemi colturali diversi determinano in ogni caso la suddivisione in diverse UPA;
    Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 UPA Unità di Paesaggio Aziendale
  • 4.
    • Aggregazione dei corpi aziendali (corpi non contigui nello spazio determinano in ogni caso la suddivisione in diverse UPA, almeno un UPA per ogni corpo)
    Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 UPA Unità di Paesaggio Aziendale
  • 5.
    • Diverse condizioni climatiche (corpi contigui ma su diverse situazioni climatiche, fattore R, determinano ragionevolmente la suddivisione in diverse UPA)
    Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 UPA Unità di Paesaggio Aziendale 250 225
  • 6.
    • Diverse condizioni morfometriche (corpi contigui estesi che presentano diverse situazioni morfologiche determinano ragionevolmente la suddivisione in diverse UPA, può essere tollerata una semplificazione se vi è una dominanza >75% dell’UPA di una situazione morfometrica sull’altra)
    • Es.: >75% su versante lineare e < 25% parte bassa del versante (piede)
    Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 UPA Unità di Paesaggio Aziendale Versante lineare regolare (no UPA) 2 situazioni morfometriche, c’è una dominanza di una sull’altra, possibile semplificazione (no UPA)
  • 7. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 UPA Unità di Paesaggio Aziendale 2 situazioni morfometriche, non c’è una dominanza, si suddivide in 2 UPA
  • 8. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 UPA Unità di Paesaggio Aziendale UPA_3 UPA_2 UPA_1
  • 9.
    • D ownload delle utilità siti di riferimento:
    • http://www.agri.marche.it/
    • http://psr2.agri.marche.it/
    • http://suoli.regione.marche.it/
    Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 DOWNLOAD DEI SUPPORTI SU SITI PSR E AGRI-MARCHE
  • 10.
    • Area Download
    Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 DOWNLOAD DEI SUPPORTI SU SITI PSR E AGRI-MARCHE Manuale Foglio di calcolo Mappa fattore R Allegati al bando Utilità
  • 11. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 SPIEGAZIONE DEL FOGLIO XLS Pagina di accesso al foglio xls, bottoni con i quali si accede direttamente alle pagine di inserimento dati per i vari fattori
  • 12. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 FATTORE “R” EROSIVITA’ DELLA PIOGGIA
    • L’erosività delle piogge rappresenta la capacità di asportazione del suolo da parte delle acque superficiali. Tale capacità è influenzata dall’energia cinetica propria delle precipitazioni e l’unità di misura nel del fattore R nel Sistema Internazionale di misura (S.I.), è il Mega Joule per centimetro
    • di precipitazione per ettaro per ora (MJ*cm/(ha*h).
    • Il dato viene fornito in formato KML visibile in earth-google. Sarà dunque necessario:
    • Scaricare installare google earth (procedura spiegata nel manuale);
    • Caricare il kml fornito e ricercare l’area di interesse (procedura spiegata nel manuale)
  • 13. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 CARICARE IL KML
  • 14. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 CARICARE IL KML
  • 15. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 CERCARE LA ZONA DI INTERESSE Cercare la località Estrarre il dato di R
  • 16. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 RIPORTARE “R” NEL FOGLIO DI CALCOLO DIRETTO
  • 17. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 FATTORE DI ERODIBILITA’ DEL SUOLO Per erodibilità del suolo si intende la suscettibilità dello stesso ad essere eroso. Tale qualità è influenzata da numerosi fattori, tra i quali: la tessitura, la permeabilità, la sostanza organica e la struttura. Il fattore K - erodibilità del suolo può essere inserito all’interno del foglio di calcolo USLE Calculator in tre modalità differenti, a seconda del grado di conoscenza delle caratteristiche pedologiche SCELTA METODO
  • 18. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 FATTORE DI ERODIBILITA’ DEL SUOLO I dati di input debbono essere risultati di prove analitiche secondo gli standard di laboratorio nel rispetto delle norme ministeriali per le determinazioni analitiche su campioni di suolo (D.M. 13/09/99)
  • 19. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 FATTORE DI ERODIBILITA’ DEL SUOLO Il numero di campioni necessario alla definizione delle caratteristiche pedologiche dipende dalla variabilità pedologica e dal numero di UPA delineate. 1 caso: 1 UPA – Suolo omogeneo per definizione 2 caso: + UPA – Suolo omogeneo (es UPA delineate perché corpi divisi) 3 caso: + UPA – Suolo differenziato Campionamento del suolo 1 caso = 1 campione Il campionamento va effettuato nei primi 30 cm, per maggiori dettagli consultare il manuale “Quaderno Tecnico Parte A - Metodi e procedure tecniche di campagna, attrezzature” http://suoli.regione.marche.it/Portals/2/suoli/DOCUMENTI-DOWNLOAD/Quaderno-ParteA.pdf
  • 20. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 FATTORE DI ERODIBILITA’ DEL SUOLO Campionamento del suolo 2 caso = 1 campione 3 caso = n^ campione
  • 21. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 FATTORE DI ERODIBILITA’ DEL SUOLO Attenzione: Non campionare in più punti e mescolare i campionamenti per ottenere situazioni medie. Se si ritiene che vi sia uniformità pedologica è necessario fare un solo campionamento. Differenze pedologiche significative ai fini della gestione determinano diverse UPA Campionamento del suolo
    • Per abbassare il rischio di campionare situazioni non rappresentative è possibile procedere con un approccio statistico:
    • Delineare una griglia
    • Selezionare n>3 punti random (o prendere punti random senza griglia)
    • Campionare
    • Analizzare
    • Escludere i valori estremi della curva pf
  • 22. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 FATTORE DI ERODIBILITA’ DEL SUOLO K - Preciso SCELTA METODO DATI DI INPUT PEDOLOGICI
  • 23. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 FATTORE DI ERODIBILITA’ DEL SUOLO K - Approssimativo SCELTA METODO DATI DI INPUT PEDOLOGICI
  • 24. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 FATTORE DI ERODIBILITA’ DEL SUOLO K – Con la tessitura
  • 25. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 FATTORE DI ERODIBILITA’ DEL SUOLO K – Con la tessitura
  • 26. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 FATTORE MORFOMETRICO LS I fattori L (Length) e S (Steepness) prendono in considerazione la lunghezza e la pendenza dei versanti. Entrambi i fattori incidono sull’energia cinetica acquisita dalle acque di scorrimento superficiale. Appare ovvio che tanto maggiore sarà la lunghezza e la pendenza del versante tanto maggiore sarà l’energia cinetica delle acque di scorrimento superficiale e la capacità di distacco di particelle di suolo. Il fattore LS viene calcolato inserendo come dato di input la lunghezza media e la pendenza media dell’appezzamento/UPA.
  • 27. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 FATTORE MORFOMETRICO LS Lunghezza e pendenza del versante Per lunghezza del versante (meglio definita come lunghezza dell’appezzamento/UPA), si intende la lunghezza espressa in metri del’appezzamento/UPA. Qualora la forma dell’appezzamento non sia uniforme, la lunghezza del versante deve essere calcolata come media di diverse lunghezze nella direzione di massima pendenza relative al tracciato di profili quotati che meglio descrivono la topografia dell’appezzamento/UPA. UPA_2 UPA_1
  • 28. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 FATTORE MORFOMETRICO LS Lunghezza e pendenza del versante Rilievo GPS dei vertici del poligono Vertici alto e basso (X; Y) Lunghezza e pendenza media del versante per l’UPA considerata
  • 29. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 FATTORE MORFOMETRICO LS Lunghezza e pendenza del versante
  • 30. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 FATTORE MORFOMETRICO LS Lunghezza e pendenza del versante metodi di calcolo LS GPS di precisione (X, Y, Z) Tacheometro teodolite Distanziometri elettronici Distanziometri meccanici Inclinometri elettronici DTM di precisione Inclinometri artigianali
  • 31. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 FATTORE DI COPERTRA DELLE TERRE La pagina del foglio di calcolo CP, è dedicata ala calcolo dei fattori legati alla tipologia di gestione aziendale. I fattori sono tre: C – Coltivazione praticata, P – Pratiche adottate ed M – tipo di gestione. I fattori P e M sono legati rispettivamente a delle pratiche di gestione adottate, quali sistemazioni e lavorazioni. Al fine di uniformare e garantire la confrontabilità del calcolo i fattori P e M si pongono per tutti pari ad 1, è necessario dunque inserire il valore “1” nelle celle B4 e C4 evidenziate in blu. Il valore C invece deve essere individuato nella tabella e riportato nella cella A4, evidenziata in rosso.
  • 32. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 RISULTATI Una volta inseriti tutti i fattori passare alla pagina del foglio di calcolo “results”, verificare che le caselle della riga 7, evidenziate in blu, riportino i valori inseriti o calcolati nelle rispettive pagine di input sopra descritte. Leggere il valore finale nella casella G7 evidenziata in verde. Il valore ottenuto rappresenta il tasso di erosione del suolo annuo a scala di campo, valore da utilizzare come riferimento per la valutazione del requisito di bando (Aree soggette ad erosione).
  • 33. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 MODELLO C) Il modello c) è predisposto per presentare sotto forma di elaborato tecnico il calcolo effettuato con il foglio “usle_calculator_IT_psr_marche_221.xls” . Il modello compilato deve contenere i dati di input utilizzati per il calcolo definitivo della formula USLE, il risultato finale (alle sezioni dedicate), inoltre deve contenere, la descrizione delle tecniche e degli strumenti di misurazione in campagna corredate dalle cartografie richieste.
  • 34. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 MODELLO C) Corrispondenza tra dati di input del foglio .xls e sezioni del modello c) Fattore R – erosività della pioggia (cella A7 pagina “results”) -> Sezione 3 Fattore K – erosività della pioggia (cella B7 pagina “results”) -> Sezione 4 Fattore L – Lunghezza del versante (cella C7 pagina “results”) -> Sezione 5 Fattore S – Pendenza del versante (cella D7 pagina “results”) -> Sezione 5 Fattore C – coltivazione praticata (cella E7 pagina “results”) -> Sezione 6
  • 35. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 MODELLO C) Rilievo vertici poligono con gps (o strumenti affini) Output di rilievo Restituzione Grafica
  • 36. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 MODELLO C) Definizione del centroide Inserimento coordinate piane Diversi software calcolano le coordinate del centroide, oppure è sufficiente battere un punto all’interno dell’UPA
  • 37. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 MODELLO C) Fattore R
  • 38. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 MODELLO C) Fattore K
  • 39. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 MODELLO C) Coordinate profili quotati
  • 40. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 MODELLO C) Lunghezza del versante e fattore L
  • 41. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 MODELLO C) Pendenza e fattore S
  • 42. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 MODELLO C) Fattore C
  • 43. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 MODELLO C) Risultati
  • 44. Ancona, Giovedì 15 Dicembre 2011 CONTATTI - http://suoli.regione.marche.it/