Anna Maria                                                                                                                ...
Anna Maria                                                                                                                ...
Anna Maria Vissani      Mariano Piccotti   Alessandra Cervellaticarlo urbani     “In volo...sul mondo che amo”
“Quando volo                                                                              mi piace osservare ai miei fianc...
Carlo, mio caro figlio...ricordi, riflessioni, speranze...   Alla tua nascita, un quaderno di ricordi   “Sono un bimbo, un...
tuo lavoro: prendersi cura degli altri. È tutta una vita                           Introduzionedi sogni, in un cammino sen...
Nell’esame di una consistente campionatura di scrit-                             carlo urbaniture – per numero, estensione...
cerche in collaborazione con il Swiss Tropical Institute, per de­finire migliori strategie di controllo.                  ...
ne, sottolineando il ruolo di “chi lavora come volonta-                                                          rio gratu...
telligenza, avevano modo di travasarsi trovando ascol-              L’attenzione dell’amicoto, sintonia e comunione di int...
so come sono dal lavoro, resterà nel cuore di Tomma-        del mondo... tutto questo scoraggia un po’, e a volteso, che s...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

In volo...sul mondo che amo carlo urbani

459 views

Published on

CARLO URBANI. In volo...sul mondo che amo, di Anna Maria Vissani e coll. Velar e Elledici

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
459
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

In volo...sul mondo che amo carlo urbani

  1. 1. Anna Maria Carlo Urbani carlo urbani “In volo... sul mondo che amo” Vissani nasce a Castelplanio, consacrata Adoratri- in provincia di Anco- ce del Sangue di Cri- na, il 19 Ottobre 1956. sto.Ha dato inizio e Il desiderio di pren- attualmente dirige il dersi cura delle per- Centro di Spirituali- sone sofferenti lo por- tà “Sul Monte” a Ca- Anna Maria Vissani ta a scegliere gli studi stelplanio (AN), paese Mariano Piccotti di Medicina e la specia- natale di Carlo Urbani. Dottore in Teo- Alessandra Cervellati lizzazione in malattie infettive. Dopo la logia Morale. Ha conseguito il Master laurea, lavora in un primo tempo come in Bioetica, presso l’Università cattoli- medico di base, poi diviene aiuto nel re- ca di Roma. È anche Consulente Grafo- parto di malattie infettive dell’Ospedale loga con specializzazione in Grafologia di Macerata, dove rimane dieci anni. Or- della personalità e Counselor Relazio- ganizza, dal 1988-89, dei viaggi in Afri- nale con orientamento Grafomotorio. ca centrale, per portare aiuto ai villaggi meno raggiungibili. La conoscenza diretta della real- tà africana gli rivela con chiarezza che mariano le cause di morte delle popolazioni del carlo urbani piccotti Terzo Mondo sono troppo spesso ma- è un sacerdote del- lattie curabili, per le quali mancano la diocesi di Jesi (An). i farmaci che nessuno ha interesse a fa- Parroco di Castelpla- re giungere a un mercato così povero. nio e Poggio San Mar- “Si può essere uomini liberi da schemi e mode? Ci si ritrove- Nel 1996 entra a fare parte dell’orga- “In volo... cello. È attivamente rà soli ed infelici o guardati con sospetto? nizzazione Médecins Sans Frontières e presente nella pasto- parte insieme allo sua famiglia per la rale come Vicario dio- Carlo Urbani è una risposta positiva ed esaltante per il no- Cambogia, dove si impegna in un pro- stro tempo; è la conferma del successo consentito a chiun- sul mondo che amo” cesano e come direttore dell’Ufficio getto per il controllo della schistoso- Catechistico. Ha contribuito a dare ini- que voglia scommettere su se stesso e, mentre vola alto, non miasi, una malattia parassitaria intesti- zio al Centro di Spiritualità “Sul Monte” nale. Qui rileva le forti ragioni sociali ed ed è tuttora presente come animatore. perda di vista i sogni, la famiglia, la professione... il Mondo. economiche del diffondersi delle malat- Insegna catechetica presso l’Istituto Leggere la vita di quest’Uomo-Medico, nella ricostruzione tie e della mancanza di cure: si muore di Teologico Marchigiano di Ancona. proposta dagli Autori che hanno avuto il privilegio di guar- diarrea e di Aids, ma i farmaci per cura- darla dal di dentro, è ritrovare la gioia di credere che ognuno re l’infezione e le complicanze sono in- trovabili. Come consulente dell’Organiz- ce la può fare, ognuno può illuminare lo spazio in cui vive ed zazione Mondiale della Sanità (OMS) per Alessandra umanizzarlo, purché voglia essere consapevole e coerente le malattie parassitarie ribadisce che la Cervellati con se stesso e capace di allargare continuamente i propri causa primaria del diffondersi delle ma- Consulente Grafologa lattie è la povertà. con specializzazione orizzonti... fino a riconoscergli ancora il Nobel”. Nel 1999 viene eletto presidente di in Grafologia Azien- (G. Mogetta) Msf Italia. In questa veste partecipa al- dale; Presidente A.G.I. la delegazione che riceve, a Oslo, il pre- (Associazione Grafo- mio Nobel per la pace, assegnato all’or- logi Italiani) dell’Emi- ganizzazione. lia Romagna; Counse- Nell’aprile 2000 lascia definitiva- lor Relazionale. Da alcuni anni illustra, mente l’Italia per accettare la nomina con alcune lezioni propedeutiche, la di esperto regionale OMS per la regio- validità e le potenzialità dell’uso del ne del Pacifico occidentale, dislocato a test grafologico nei corsi di Criminolo- Hanoi, in Vietnam. Nelle ultime settima- gia tenuti presso la facoltà di Psicolo- ne di vita si dedica con coraggio alle ri- gia di Cesena. cerche sulla Sars, la terribile malattia respiratoria che minaccia il mondo inte- ISBN 978-88-01-05321-0 ro. Lui stesso ne viene contagiato. Nel momento in cui si rende conto della sua prossima fine, prega la moglie di sal- In copertina vare e far subito rientrare i figli in Ita- Carlo in volo su Castelplanio lia, mentre lei gli resta vicina fino alla 9 788801 053210 Euro 8,00 scomparsa, avvenuta il 29 marzo 2003. Sul retro: Carlo in Algeria con il figlio TommasoInVolosulMondocheAmo_COP OK.indd 1-5 20/11/12 08.34
  2. 2. Anna Maria Carlo Urbani carlo urbani “In volo... sul mondo che amo” Vissani nasce a Castelplanio, consacrata Adoratri- in provincia di Anco- ce del Sangue di Cri- na, il 19 Ottobre 1956. sto.Ha dato inizio e Il desiderio di pren- attualmente dirige il dersi cura delle per- Centro di Spirituali- sone sofferenti lo por- tà “Sul Monte” a Ca- Anna Maria Vissani ta a scegliere gli studi stelplanio (AN), paese Mariano Piccotti di Medicina e la specia- natale di Carlo Urbani. Dottore in Teo- Alessandra Cervellati lizzazione in malattie infettive. Dopo la logia Morale. Ha conseguito il Master laurea, lavora in un primo tempo come in Bioetica, presso l’Università cattoli- medico di base, poi diviene aiuto nel re- ca di Roma. È anche Consulente Grafo- parto di malattie infettive dell’Ospedale loga con specializzazione in Grafologia di Macerata, dove rimane dieci anni. Or- della personalità e Counselor Relazio- ganizza, dal 1988-89, dei viaggi in Afri- nale con orientamento Grafomotorio. ca centrale, per portare aiuto ai villaggi meno raggiungibili. La conoscenza diretta della real- tà africana gli rivela con chiarezza che mariano le cause di morte delle popolazioni del carlo urbani piccotti Terzo Mondo sono troppo spesso ma- è un sacerdote del- lattie curabili, per le quali mancano la diocesi di Jesi (An). i farmaci che nessuno ha interesse a fa- Parroco di Castelpla- re giungere a un mercato così povero. nio e Poggio San Mar- “Si può essere uomini liberi da schemi e mode? Ci si ritrove- Nel 1996 entra a fare parte dell’orga- “In volo... cello. È attivamente rà soli ed infelici o guardati con sospetto? nizzazione Médecins Sans Frontières e presente nella pasto- parte insieme allo sua famiglia per la rale come Vicario dio- Carlo Urbani è una risposta positiva ed esaltante per il no- Cambogia, dove si impegna in un pro- stro tempo; è la conferma del successo consentito a chiun- sul mondo che amo” cesano e come direttore dell’Ufficio getto per il controllo della schistoso- Catechistico. Ha contribuito a dare ini- que voglia scommettere su se stesso e, mentre vola alto, non miasi, una malattia parassitaria intesti- zio al Centro di Spiritualità “Sul Monte” nale. Qui rileva le forti ragioni sociali ed ed è tuttora presente come animatore. perda di vista i sogni, la famiglia, la professione... il Mondo. economiche del diffondersi delle malat- Insegna catechetica presso l’Istituto Leggere la vita di quest’Uomo-Medico, nella ricostruzione tie e della mancanza di cure: si muore di Teologico Marchigiano di Ancona. proposta dagli Autori che hanno avuto il privilegio di guar- diarrea e di Aids, ma i farmaci per cura- darla dal di dentro, è ritrovare la gioia di credere che ognuno re l’infezione e le complicanze sono in- trovabili. Come consulente dell’Organiz- ce la può fare, ognuno può illuminare lo spazio in cui vive ed zazione Mondiale della Sanità (OMS) per Alessandra umanizzarlo, purché voglia essere consapevole e coerente le malattie parassitarie ribadisce che la Cervellati con se stesso e capace di allargare continuamente i propri causa primaria del diffondersi delle ma- Consulente Grafologa lattie è la povertà. con specializzazione orizzonti... fino a riconoscergli ancora il Nobel”. Nel 1999 viene eletto presidente di in Grafologia Azien- (G. Mogetta) Msf Italia. In questa veste partecipa al- dale; Presidente A.G.I. la delegazione che riceve, a Oslo, il pre- (Associazione Grafo- mio Nobel per la pace, assegnato all’or- logi Italiani) dell’Emi- ganizzazione. lia Romagna; Counse- Nell’aprile 2000 lascia definitiva- lor Relazionale. Da alcuni anni illustra, mente l’Italia per accettare la nomina con alcune lezioni propedeutiche, la di esperto regionale OMS per la regio- validità e le potenzialità dell’uso del ne del Pacifico occidentale, dislocato a test grafologico nei corsi di Criminolo- Hanoi, in Vietnam. Nelle ultime settima- gia tenuti presso la facoltà di Psicolo- ne di vita si dedica con coraggio alle ri- gia di Cesena. cerche sulla Sars, la terribile malattia respiratoria che minaccia il mondo inte- ISBN 978-88-01-05321-0 ro. Lui stesso ne viene contagiato. Nel momento in cui si rende conto della sua prossima fine, prega la moglie di sal- In copertina vare e far subito rientrare i figli in Ita- Carlo in volo su Castelplanio lia, mentre lei gli resta vicina fino alla 9 788801 053210 Euro 8,00 scomparsa, avvenuta il 29 marzo 2003. Sul retro: Carlo in Algeria con il figlio TommasoInVolosulMondocheAmo_COP OK.indd 1-5 20/11/12 08.34
  3. 3. Anna Maria Vissani Mariano Piccotti Alessandra Cervellaticarlo urbani “In volo...sul mondo che amo”
  4. 4. “Quando volo mi piace osservare ai miei fianchi la tela delle ali del deltaplano che, tesa da vento, mi fa galleggiare sul mondo che amo. E quando ogni volta mi separo dalla mia ombra, che resta sotto di me dopo il decollo, sento l’alito dell’universo circondarmi e sorreggermi e provo infinita pace” Dagli Scritti di Carlo UrbaniConsulenza editorialeOscar Serra© 2012 Editrice Velar24020 Gorle, Bgwww.velar.itISBN 978-88-7135-800-0Esclusiva per la distribuzione in libreriaEditrice Elledici10142 Torinowww.elledici.orgISBN 978-88-01-05321-0Tutti i diritti di traduzione e riproduzionedel testo e delle immagini,eseguiti con qualsiasi mezzo,sono riservati in tutti i Paesi.I.V.A. assolta dall’Editore ai sensi dell’art. 74, 1° comma,lettera C, D.P.R. 633/72 e D.M. 09/04/93. “Ti abbraccio,Progetto grafico, realizzazione e stampaa cura dell’Editrice Velar, Gorle (BG) risentendo il sapore della fratellanza” Carlo a Suor Anna Maria, 5 maggio 2002Finito di stampare nel mese di dicembre 2012
  5. 5. Carlo, mio caro figlio...ricordi, riflessioni, speranze... Alla tua nascita, un quaderno di ricordi “Sono un bimbo, un foglio bianco su cui scrivono le stelle” e un’incisione di Bruno da Osimo raffigurante un veliero “Buona crociera pei sereni mari della vita”. Il 19 ottobre ’56 è iniziata la tua avventura umanasotto tante stelle e... a gonfie vele. La rivivo sempre,con emozione ed orgoglio, e tu ben lo sai. E ti sentovicino, con quel dolce sorriso ironico, mentre mi invi-ti a tacere (ma... mamma!!!). Molto avrei potuto raccontare per motivare gioie,ansie, preoccupazioni, pianti...: il tutto con emozionee orgoglio. La lettura della “parabola del buon samaritano” du-rante la funzione funebre, ha sottolineato il senso del 5
  6. 6. tuo lavoro: prendersi cura degli altri. È tutta una vita Introduzionedi sogni, in un cammino senza soste e sempre più inalto anche con il tuo deltaplano, per ricevere “schiaffie dolci carezze”, come tu stesso hai scritto. E quanto hai saputo comunicare!! Vi è il bimbo chea Natale promette di essere più buono, trovo i fogli che È difficile parlare di Carlo Urbani. quando è già sta-raccontano le tante iniziative e, poi, “abbattute barrie- to detto e scritto molto, quando egli è stato raccontatore”, il tuo lavoro e i volti incontrati e il fascino dei luo- dai suoi familiari ed amici, da chi l’ha conosciuto nel-ghi visitati. In tutto traspare il tuo carisma: riesci sem- le situazioni “ufficiali” e da chi ha condiviso la quoti-pre a coinvolgere per condividere. dianità. In questi anni, a tanti giovani e molti ragazzi, ho Suor Anna Maria Vissani e Don Mariano Piccot-parlato di te, dei tuoi sogni alimentati anche dalle let- ti, a dieci anni dalla scomparsa, scelgono di parlarneture che ti hanno fatto “crescere” e “scoprire” orizzon- nella rispettiva veste di specialissimi amici di viaggio;ti lontani. scelgono di aprire lo scrigno della relazione altrettanto I tempi sono cambiati, sottolineo sempre, ma i va- speciale che da lui sono stati scelti a tessere.lori sono immutabili ed è in ognuno, giovane o meno, Ma il loro ringraziamento va anche alla Moglie e al-un desiderio infinito di PACE che, come scrive Antoni- la Mamma di Carlo che, con tanta fiducia, hanno lorono Bello, “non è un semplice vocabolo, ma un voca- aperto l’archivio di famiglia, da cui gli Autori hanno at-bolario”. E tu hai saputo leggervi parole come: amici- tinto vari scritti inediti, e non solo.zia, disponibilità... solidarietà. Raccontano l’interiorità di Carlo; raccontano il bam- Sono passati 10 anni e sono stati scritti libri che ri- bino, l’uomo, lo sposo, il padre, il medico, il volonta-portano tue lettere e testimonianze di amici e colleghi. rio, l’amico, il cristiano, spesso inoltrandosi e avviando Questo volume “In volo... sul mondo che amo” apre i lettori ben oltre l’immediato, l’evidente.uno scrigno, ricco anche di ricordi che avrei voluto Lo fanno ricordando i colloqui, aprendo album enon ripensare: sei proprio tu, con la tua personalità e pagine del suo diario, ed offrono ai lettori la possibi-la tua capacità di amare. lità di comprendere altre numerose sfaccettature della E la lettura della grafia? Quanto mi affascina la ricca personalità di Carlo.scienza! Alessandra Cervellati, grafologa, forte del suo sa- Sono forse presuntuosa, ma tu ben sai quanto io ti pere, consentirà a Carlo di “parlare” metaforicamente,conosca... più che me stessa. proprio attraverso l’analisi della sua scrittura e ne mo- Grazie agli autori Suor Anna Maria e Don Mariano, strerà l’evoluzione, dalla fanciullezza alla scomparsa,sempre a me vicini, e alla dott.ssa Cervellati. dal 1963 al 2003. A te... CIAO Il gesto grafico, infatti, è testimonianza ampia e pro- fonda della personalità, espressione autentica e identi- La tua Mamma Maria ficativa dell’unicità dello scrivente. L’analisi della grafia di Carlo può aiutare a comprenderne l’unicità e l’inti- mità, ben oltre le apparenze, le parole, i ruoli e le ma- schere. 6 7
  7. 7. Nell’esame di una consistente campionatura di scrit- carlo urbaniture – per numero, estensione temporale e varietà deisaggi – lungo i trentotto dei quarantasei anni di vita, La biografiaella guarderà con il lettore nel cammino di crescita enei mutamenti del Nostro. Ma quale dovrebbe essere, per una persona, unbuon percorso evolutivo? Quale una buona strada dapercorrere? Il cammino comincia con l’infanzia, con l’essere unbambino curioso che esplora, che vuole conoscere, fa-re esperienza, intessere relazioni e crescere protesonello sforzo dell’autorealizzazione sia negli affetti co-me nel lavoro, in qualità di uomo, sposo e genitore...per poi scoprire l’importanza e la necessità di ritrova- Carlo nel suo studio a Hanoi.re “il bambino” che si è in ogni età, quel bambino cheincarna la semplicità, l’essenzialità, la gioia, l’autenti- Le seguenti “note biografiche” sono tratte da un appunto ad uso personale, scritto dallo stesso Carlo nel 2000.cità. Nel seguirlo, ciascuno rivive e fa suo il monito a “Nato a Castelplanio il 19 ottobre 1956, si è laureato in Medici­cercare l’unica strada, perché “chiunque si farà picco- na nel 1981 presso l’Università di Ancona, e successivamente spe-lo come questo bambino, costui è il più grande nel re- cializzato in malattie infettive e tropicali nell’Università di Messi-gno dei cieli” (Mt 18,4). na. Si è qualificato in successivi corsi post laurea in pa­ assitologia r Sta tutto qui il segreto capace di rendere ogni vita tropicale. È interno nell’Istituto di malattie infetti­ e dell’Universi- vgioiosa e bella: nella purezza dello sguardo che coglie tà di Ancona fino al 1985, dove ricopre incari­ hi di didattica e di cla verità al di là delle apparenze, che riconosce Cristo ricerca. Dal 1986 al 1989 è titolare di un am­ ulatorio di medicina bnel volto dei fratelli, che sceglie l’essenziale e la since- di base a Castelplanio, che lascia nel 2000, per assumere il postorità verso se stessi e verso gli altri, accettando i propri di aiuto nella Unità di malattie infettive dell’ospedale di Macera- ta. Negli anni successivi tiene corsi di parassitologia tropicale nel-limiti e valorizzando i propri punti di forza, fino a far- le Università di Brescia, Ancona, al­’Istituto superiore di sanità, e lne dono agli altri per il bene comune. Ed intanto si ri- in vari centri ospedalieri. Dal 1993 diviene consulente della Or-trova la via del Cielo, svelata nel sorriso senza tempo ganizzazione mondiale della sanità per il controllo della schisto-del proprio bambino interiore, spontaneo, semplice, somiasi e di altre malattie parassi­arie. Con tale incarico compie tsincero, curioso e fiducioso. numerose missioni per provve­ ere supporto tecnico ai governi d Tutto questo è Carlo, ed il testo che ne ricostruisce di Mauritania e di altri paesi dell’Africa occidentale.la memoria vuol farlo rivivere in quanti lo amano, vuo- Negli anni 1996 e 1997 è coordinatore di un progetto di Mé­le regalarne la vicenda a chi non lo conobbe. decins sans frontières in Cambogia per il controllo di malattie parassitarie, con particolare attenzione a remote province del Nord del paese. Durante tale periodo organizza e avvia il pro­ Gli autori gramma di controllo per le elmintiasi, sviluppando un approc- cio decentralizzato per il controllo di rilevanti malattie parassi­ tarie, e contribuisce allo sviluppo di competenze tecniche nei responsabili nazionali del programma. In aggiunta esegue ri­ 8 9
  8. 8. cerche in collaborazione con il Swiss Tropical Institute, per de­finire migliori strategie di controllo. PRESENTAZIONE Rientrato in Italia riassume la posizione all’ospedale di Ma-cerata, ma mantiene un’intensa attività di collaborazione sia conl’Oms sia con Médecins sans frontières. Dal settem­ re 1998 ha brapporti di consulente con l’Ufficio regionale dell’Organizzazio-ne mondiale della sanità per il Pacifico oc­ identale, ed effettua c Ci sono immagini nella memoria che con il trascor-missioni in Vietnam, Cambogia e Fi­ippine. l rere del tempo non scoloriscono e in un certo senso Di Médecins sans frontières (Msf) diventa vicepresidente na- rimangono attuali. Sembra tuttavia una contraddizio-zionale nel 1998, e presidente della sezione italiana nel 1999. ne coniugare memoria e attualità, intrecciare passato eMembro del Consiglio internazionale di Msf dalla stessa data, fa presente, quasi si accavallassero. Sta di fatto che la me-parte della delegazione che riceve a Oslo il premio Nobel per moria non è solo un ricordo; a me piace vederla e sen-la Pace 1999. Nel marzo 2000 coordina il corso interna­ ionale z tirla nel senso biblico come “presenza”, come tenere vi-Advanced Training on Tropical Medicine, frutto di una collabora-zione tra Msf, la Fondazione De Carneri e l’ospeda­e di Macerata. l vo un legame, come riproporre un’immagine, un fatto, Nell’aprile 2000 lascia definitivamente l’Italia per accetta­ e la r riattualizzarlo e riviverlo nella sua oggettività.nomina di esperto regionale Oms per la regione del Pa­ ifico oc- c Sono l’ultimo a poter parlare di Carlo Urbani con lecidentale, dislocato a Hanoi, in Vietnam. Con tale pro­ lo assi- fi dovute capacità di analisi e di lettura, come è stato fat-ste i paesi della regione nel controllo di alcune malat­ie paras- t to ancora una volta in maniera autentica, lineare, pro-sitarie, che rappresentano prioritari problemi di salu­e per vasti t fonda e magistrale in questo libro.gruppi delle popolazioni dell’area. Effettua in que­ to ruolo con- s Di Carlo comunque, al di là delle tante parole scam-tinue missioni in particolare in Cina, Laos, Cam­ ogia e Filippine. b Durante gli ultimi anni ha collaborato a progetti di ricerca biateci un tempo e dei tanti momenti vissuti serena-sfociati in pubblicazioni di testi di letteratura medica interna­ mente, mi piace “far memoria” di tre occasioni che mizionale, e ha partecipato a conferenze in varie capitali, tra cui riportano accanto la sua persona, con la sua amicizia,Bangkok, Tokyo, Ginevra e Roma. il suo sorriso, i suoi sguardi. Parla fluentemente inglese e francese. Sposato, con tre bam­ La prima è quella legata ad un mazzo di fiori por-bini, vive con la famiglia ad Hanoi, e pur non coltivando speci- tomi da lui ragazzo, era il 1967, a nome della comuni-fiche passioni, continua a sognare i cieli marchigiani che sorvo- tà di Castelplanio, insieme a delle espressioni augura-lava con il suo deltaplano a motore”. li in una delle occasioni più belle della mia vita. FioriAlle sue note uniamo le nostre: e parole che recupero nel “cassetto” dei ricordi come Nel 2002, a dicembre torna in Italia con la famiglia per il Na- grato segno ed omaggio non solo, ma come immedia-tale. I primi giorni di gennaio 2003 rientra a Hanoi (Vietnam), ta allora avvertenza della sua prontezza, delle sue ca-per proseguire la sua missione di esperto regionale OMS nei pacità e della sua spigliatezza che lo avrebbero poi ca-pae­i del Pacifico occidentale. Il 28 febbraio 2003, viene chia- s ratterizzato per sempre.mato a visitare all’ospedale francese di Hanoi un paziente che La seconda è quella connessa all’incontro “Volonta-nessuno sa curare e che sta infettando il personale medico. Car- riato, perché?” svoltosi a Castelplanio nel 1981. L’incon-lo Urbani è il primo a capire immediatamente che si tratta di tro lo aveva ideato lui, voluto e programmato con gliuna nuova malattia e con sollecitudine e studio accurato aller-ta il mondo attraverso l’Organizzazione Mondiale della Sanità. amici del nascente Gruppo di Solidarietà che lo ave- Contagiato lui stesso dalla terribile malattia (Sars) il 29 marzo vano promosso dedicandovi il pieno dell’entusiasmo e2003, all’età di 47 anni, muore all’ospedale di Bangkok. delle loro energie giovanili. Carlo ne fece l’introduzio- 10 11
  9. 9. ne, sottolineando il ruolo di “chi lavora come volonta- rio gratuitamente e di chi si presta per obbedire soltan- to alla sua coscienza e alla necessità di adoperarsi per gli altri, soprattutto in una società dove tutto quello che vediamo si vende e si compera e del gratuito non vi sono tracce significative”. Ed aggiungeva: “Il servizio volontario è la realtà più importante e dirompente; è il più alto segno di attenzione agli altri, [...] è la modalità di servizio più viva e vera; non è imposto; non è det- tato da interessi, non è assegnato da qualcuno, ma è una scelta libera che di giorno in giorno si rinnova; è gratuito ed è proprio questa gratuità la sua caratteristi- ca particolare”. Un’esperienza, ricca di stimoli e di me- ditazioni – anche negli anni immediatamente successi- vi – sul volontariato e sul servizio, che avrebbe porta- to Carlo a sentire strette le frontiere e ad andare oltre, addirittura a sentirsi “senza frontiere”. La terza non è collegata ad un solo episodio, bensì ad una serie di momenti, non secondari a mio avviso, ma sintomatici di un aspetto della personalità di Carlo: quello della convivialità. Periodicamente ci si ritrova- va insieme, avevamo creato tra amici una sorta di “ac- cademia”, si cenava avendo prima cucinato “a tema”, si condivideva il cibo, il canto, il sorriso, ma soprattutto l’amicizia, la gioia di stare insieme, i progetti, le diffi- coltà, pensieri e riflessioni. Ho nostalgia di quelle se- rate. La convivialità di una condivisione senza orpel- li, di una serenità aperta, di canti all’unisono – a volte stonati! – riempiva l’entusiasmo dello spezzare insieme il tempo delle proprie esperienze e dei propri ideali. Credo che Carlo l’abbia sempre vissuta questa convi- vialità in momenti diversi e con modulazioni differenti a volte inconsuete, ma sempre con quell’ansia dell’at- tenzione e del sentirsi “con” gli altri. In seguito mi sono mancati con Carlo quei rappor- ti più intensi e magari quella frequentazione epistolare che altri hanno avuto, dove i suoi orizzonti spaziava-Carlo a 11 anni dà il benvenuto a un sacerdote novello. no e dove la sensibilità del cuore, dell’anima e dell’in- 12 13
  10. 10. telligenza, avevano modo di travasarsi trovando ascol- L’attenzione dell’amicoto, sintonia e comunione di intenti. L’acutezza Le “indagini” e le esplorazioni che vengono con- dell’Assistente spiritualedotte in questa “biografia” attraverso l’analisi della suascrittura, la trascrizione di alcune sue lettere e di al-tre pagine inedite e l’aver delineato il suo ruolo dieducatore, arricchiscono ulteriormente la “figura” diCarlo svelandone, e magari approfondendone, aspettinon sempre forse sufficientemente percepiti, come adesempio, la ricchezza della sua interiorità, la tensionedi uno spirito in perpetua ricerca, che scruta e godedelle piccole e grandi cose, che sente l’emozione dell’a-more, le certezze e i dubbi della fede, che si abbando-na al cielo stellato o alle note della musica, che sa da-re senso alla vita nel dono e nel servizio. Le frontiere non si addicevano a Carlo, ha voluto so-gnare e volare alto e provare l’ebbrezza del volo e deisogni: ci è riuscito e ce ne ha dato l’esempio fino al-la fine nella piena consapevolezza. Il volto, taciturno a Carissimi don Mariano e suor Anna Maria,volte, non lasciava intravvedere la “densità” della suaanima fino a quando aprendosi alla confidenza, al dia- Come va? Scusate se mi indirizzo a voi nellalogo o alla conversazione e al sorriso più aperto e sin- stessa lettera, e vi assicuro non lo faccio per rispar-cero, non ne riuscivi a percepire la gioia più intima e miare sui francobolli! In realtà le giornate scivola-intensa e le convinzioni più forti e profonde. no via strapiene, e la sera ho poca voglia di risie- Le pagine di questo libro tentano di srotolare il vo- dermi al computer. È così che alcune lettere riman-lume della sua non lunga esistenza provando a sondar- gono nel cassetto qualche settimana prima di unane le pieghe più remote e più vere, rendendo la “pre-senza” di Carlo ancora palpitante per quelli che l’han- risposta. Allora ho pensato di parlarvi insieme, perno conosciuto e delineandone un ritratto non di un non far passare altro tempo, e perché tutto somma-“eroe” ma di un uomo, debole e forte a un tempo, che to siamo abituati a parlare insieme, ed in entram-ha provato tuttavia ed è riuscito con volontà e decisio- bi ho sempre trovato allo stesso tempo la calda at-ne a essere coerente con i suoi ideali e i suoi sogni. tenzione dell’amico e la dolce acutezza dell’assisten-Come tutti dovremmo fare. te spirituale. Questi primi mesi sono letteralmente Grazie, Carlo! volati via, tanto che a volte ho paura di non riusci- Riccardo Ceccarelli re a prendere da quest’esperienza tutto quello che mi viene offerto. Mi riempie di gioia pensare che quello che non riesce a restare impresso nel mio cuore, pre- 14 15
  11. 11. so come sono dal lavoro, resterà nel cuore di Tomma- del mondo... tutto questo scoraggia un po’, e a volteso, che sta vivendo con un entusiasmo ed una at- vedere qualcosa di buono nell’altro, in chi ti è “pros-tenzione che non immaginavo questo lungo stra- simo”, diventa veramente difficile ed invita a chiu-no viaggio. Anche Giuliana sembra reagire bene, e dersi in se stessi.sta dimostrando un coraggio inaspettato nel resta- Ma i piccoli lumi che brillano nei cuori di quan-re qualche giorno sola con i bambini quando devo ti si prodigano in questo magma dolorante lascia-andare in qualche villaggio lontano. Ma cerco di ri- no sperare, ed il ricordo di chi ha deciso di scenderedurre questi tempi, sapendo quanto loro hanno biso- in questo scenario di continui soprusi e guerre, pergno di me, e soprattutto perché trovo molto bello tut- morire poi su una croce, mi fa credere che una luceto questo tempo che possiamo passare insieme. Per di pace sarà pure nascosta dietro qualche orizzonte.noi è un’esperienza nuova passare insieme tutte le Vi so vicini, ed a volte vorrei che vedeste con i mieinotti o tutte le domeniche. occhi, per fissarvi su quegli sguardi di chi ha perso Cosa sto facendo qui della mia Fede? Beh, qual- tutto, la famiglia nella guerra, il raccolto nell’allu-che volta, magari incollati ad un ventilatore per il vione, il figlio per la diarrea, i risparmi per un la-caldo torrido che c’è anche di notte, diciamo insieme dro, o per scaldarvi il cuore alla vista di una donnaqualche preghiera, ed ogni 15 giorni partecipiamo che partorisce sola, in una palafitta in un remotoalla messa per la comunità francofona nella mis- villaggio, lontano da tutto e da tutti, con il mari-sione francese. La messa è molto piacevole, sempli- to inginocchiato al fianco, un legno che arde in unce, sentita, ed è bello scoprire come quella famiglia braciere per scaldarla... non credo che in altre scenedi figli di Dio alla quale diciamo di appartenere, ma avreste potuto vedere meglio rappresentato il misteroche in realtà immaginiamo sempre come un con- della natività, di questa che ho visto a Sdau, piccolocetto astratto, in realtà esiste in carne ed ossa, ed è villaggio su nel nord, due settimane fa.pronta ad accoglierti tra le sue braccia anche in po- Spero risentirvi presto. Ricordiamoci nella pre-sti lontani come questo. ghiera. Con affetto, Ma poi soprattutto nella Fede cerco in questo tem- Carlopo la luce per rispondere ad angoscianti interroga-tivi che mi tengono sveglio. Il primo è la fatidicaquestione sulla vera natura dell’uomo. Quanto ve-do qui, quanto sento nei racconti dei miei colleghiprovenienti dalle mille ferite di questa terra, cam-pi di battaglia, campi profughi, la profonda povertàdelle bidonvilles, le assurde lotte fratricide, e le car-ceri grondanti sangue di tutti i regimi dittatoriali 16 17

×