82 la sicurezza nell’uso dei solventi

1,169 views
1,016 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,169
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
30
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

82 la sicurezza nell’uso dei solventi

  1. 1. Sicurezza nell’uso dei solventiInformazioni tecniche per gli specialisti della sicurezza sul lavoro e altri esperti
  2. 2. I prodotti contenenti solventi sono tuttora ampiamente diffusi. Devono essere usati, conservati e smaltiti correttamente, altrimenti comportano rischi per l’uomo e l’ambiente. I possibili pericoli sono le esplosioni, gli incendi e i danni alla salute (per es. irritazioni, ustioni o intossicazioni). La presente pubblicazione contiene informazioni sui pericoli e sulle misure di protezione da adottare.2
  3. 3. Sommario1 Di che cosa si tratta? 51.1 Che cosa sono i solventi? 51.2 Etichettatura e schede di sicurezza 61.3 Impieghi 92 Proprietà fisico-chimiche 103 Pericolo di incendio ed esplosione 113.1 Limiti di infiammabilità o esplosione 123.2 Punto di infiammabilità 123.3 Temperatura di accensione 143.4 Conducibilità elettrica 144 Tossicità 154.1 Esposizione ai solventi 154.2 Concentrazione massima ammissibile sul posto di lavoro (valore MAC) 164.3 Valori limite biologici (valori BAT) 175 Misure di protezione 185.1 Sostituzione delle sostanze o procedure pericolose 185.2 Misure tecniche 205.2.1 Lavori con impianti a ciclo chiuso 205.2.2 Ventilazione in caso di utilizzo di solventi 215.2.3 Ventilazione nei depositi 225.2.4 Suddivisione delle zone a rischio di esplosione 235.2.5 Evitare le fonti di innesco 245.2.6 Limitazione dei danni in caso di incendio o esplosione 255.3 Misure organizzative 265.3.1 Verificare l’efficacia delle misure (metodi di misurazione) 265.3.2 Documento sulla protezione contro le esplosioni 275.3.3 Formazione e istruzione del personale 275.3.4 Manipolazione dei rifiuti di solventi 275.4 Dispositivi di protezione individuale 285.4.1 Protezione delle vie respiratorie 285.4.2 Protezione della pelle e degli occhi 296 Materiale di approfondimento 306.1 Supporti informativi della Suva e di altre istituzioni 306.2 Ulteriori pubblicazioni 306.3 Banche dati internazionali 31 3
  4. 4. 1  Di che cosa si tratta?I prodotti che contengono solventi sono ampiamente 1.1  Che cosa sono i solventi?diffusi sia nei settori dell’artigianato e dell’industria sianelle case private. I solventi, impiegati allo stato puro I solventi sono liquidi che sono in grado di sciogliereo in miscele, possono comportare rischi più o meno altre sostanze (allo stato solido, liquido o gassoso)importanti per la salute e la sicurezza delle persone e o estrarle da altre sostanze, senza tuttavia subiredell’ambiente. Il rischio connesso all’uso di prodotti alterazioni chimiche. Tali miscele omogenee di sostan-contenenti solventi è elevato, se non sono conservati, ze contenute in un solvente sono chiamate «soluzioni».usati e smaltiti secondo le prescrizioni. L’acqua è senza dubbio il solvente più comune, piùLa presente pubblicazione si rivolge in primo luogo agli economico e più adatto dal punto di vista della sicu-specialisti della sicurezza e della tutela della salute sul rezza e della salute degli utilizzatori. La sua strutturalavoro, ai quadri e agli addetti alla sicurezza. Fornisce molecolare ne limita tuttavia l’impiego.una panoramica generale su questo argomento. Ulte-riori informazioni su alcuni aspetti specifici sono dispo-nibili, per esempio, nel sistema di ricerca e ordinazioneonline della Suva (www.suva.ch / waswo-i).1 Molti prodotti per l’artigianato, l’industria e la casa contengono solventi nocivi e infiammabili. 5
  5. 5. Attualmente i solventi organici utilizzati più 1.2  Etichettatura e schedecomunemente sono: di sicurezzaSolventi contenenti ossigeno• alcoli (es. isopropanolo, etanolo) Le sostanze e i preparati (miscele di sostanze) devono• esteri (es. acetato di etile, acetato di butile) essere imballati ed etichettati in base alla loro pericolo-• chetoni (es. acetone, metiletilchetone [MEK]) sità conformemente all’ordinanza sui prodotti chimici• glicoli (es. glicole etilenico) (OPChim). I simboli di pericolo indicano i rischi princi-• eteri (es. etere etilico, metilterbutiletere [MTBE]) pali e il potenziale di pericolo, mentre le frasi di rischio forni-scono informazioni sui pericoli.Solventi contenenti idrocarburi• olventi non aromatici derivati dal petrolio e solventi s Esempio di un simbolo di pericolo secondo a basso contenuto di composti aromatici (es. acqua- il sistema di etichettatura finora utilizzato ragia dearomatizzata, distillati di petrolio trattati con Ulteriori informazioni sulla sostanza in questione sono idrogeno, nafta pesante o leggera, benzine speciali) riportate in breve e in modo chiaro sull’etichetta di• idrocarburi aromatici (es. toluolo, xilolo) marcatura.Solventi alogenati (impieghi molto limitati Sostanze che a contatto con l’ariae regolamentati) formano una miscela esplosiva e• drocarburi clorurati (es. percloroetilene, i sono altamente infiammabili in pre- diclorometano) senza di una fonte di innesco (pun-• idrofluoroalcani (HFA) to di infiammabilità  0 ºC, punto di• drofluoreteri (HFE) i ebollizione ≤ 35 ºC). F+ Estremamente infiammabileI solventi sono spesso immessi sul mercato sotto for-ma di miscele, per esempio i prodotti denominati Le frasi di rischio (frasi R) informano sulla pericolosità«diluenti» o «nafta». La loro composizione è definita della sostanza. Nei consigli di prudenza (frasi S) èspesso soltanto in modo approssimativo e, di conse- indicato che cosa bisogna rispettare per manipolareguenza, le loro proprietà fisico-chimiche e tossico­ la sostanza in condizioni di sicurezza.logiche possono variare da una fornitura all’altra. Talimiscele sono formate molto spesso da solventi Nuova etichettatura secondo il sistema GHSriciclati. Il GHS (Globally Harmonized System) – un sistema ela- borato dalle Nazioni Unite (ONU) per la classificazioneSpesso i solventi sono noti non in base alla loro deno- e l’etichettatura dei prodotti chimici – intende fornire unminazione chimica, ma sotto un marchio commerciale metodo standardizzato di valutazione dei pericoli e dio un termine di uso comune, per esempio: «Thinner», etichettatura delle sostanze chimiche. Questo sistema«acquaragia», «spirito da ardere» o «alcool», «solvente GHS costituisce la base per la nuova ordinanza CLPA3», «Green Earth» o «D5». europea in materia di classificazione, etichettatura e imballaggio delle sostanze e dei preparati chimici, en-Tutti i solventi di uso comune sono composti organici trata in vigore all’inizio del 2009.volatili (COV)1, il cui impiego è regolamentato da diver-se prescrizioni svizzere e / o europee. 1 Secondo l’accezione della legislazione svizzera, l’acronimo «COV» indica composti orga- nici con una pressione del vapore pari come minimo a 0,1 mbar a 20 °C o con un punto di ebollizione pari al massimo a 240 °C a 1013,25 mbar.6
  6. 6. Acetone R11 Facilmente infiammabile. R36 Irritante per gli occhi. Frasi di rischio R66 L’esposizione ripetuta può provocare secchezza e screpolatura della pelle. (frasi R) R67 L’inalazione dei vapori può provocare sonnolenza e vertigini. F Facilmente infiam­m abile S9 C onservare il recipiente in luogo Consigli di prudenza ben ventilato. S16 C onservare lontano da fiamme e scintille – Non fumare. S26 caso di contatto con gli occhi, In lavare immediatamente ed a bbondantemente con acqua e (frasi S) consultare un medico. S46 caso di ingestione consultare In Xi Irritante immediatamente il medico e mostrargli il contenitore e l’etichetta. Nome, indirizzo e numero di telefono della ditta responsabile.2 Etichetta di marcatura di una sostanza pericolosaL’attuazione di questa ordinanza avviene in manieragraduale. La fase di transizione dura fino al 1° dicem-bre 2012 per le sostanze allo stato puro e fino al1° giugno 2015 per le miscele.La struttura delle informazioni riportate sulle etichettedi marcatura rimane invariata rispetto al sistema finorautilizzato:• no o più pittogrammi indicano i pericoli U (9 diversi pittogrammi).• e avvertenze «pericolo» o «attenzione» rafforzano L il significato del pittogramma.• na o più frasi di rischio (frasi H) forniscono U informazioni sui pericoli.• consigli di prudenza (frasi P) contengono informa- I zioni su come conservare, usare e smaltire il prodotto in modo sicuro, nonché istruzioni su cosa fare in caso di infortunio. 7
  7. 7. Due esempi di pittogrammi e indicazionidi pericolo secondo il sistema GHS Pericolo di incendio Pericolo per la salute presenza di una fonte di innesco si può In Può provocare danni alla salute cronici e sviluppare facilmente un incendio. I vapori di gravi, ad es. lesioni agli organi e disturbi alle liquidi, i gas e gli aerosol possono addirittura vie respiratorie. provocare un’esplosione. Esempi di possibili fonti di innesco: scintille di origine elettrica, Anche le sostanze cancerogene, mutagene e fiamme libere, scintille di origine meccanica, tossiche per la riproduzione (CMR) sono sigarette, scariche elettrostatiche, superfici contrassegnate da questo pittogramma. La calde. corrispondente frase H indica se si tratta di un sospetto o di una sostanza effettivamente di tipo CMR.Tabella 1 Pittogrammi e indicazioni di pericoloInformazioni dettagliate sull’etichettatura secondo il Gli utilizzatori professionali e commerciali devono se-sistema GHS sono riportate nell’opuscolo Suva 11030.i guire le istruzioni contenute nella SDS. Una SDS deve«Sostanze pericolose. Tutto quello che è necessario essere conservata finché il prodotto in questione è uti-sapere» o sul sito Internet dell’Ufficio federale della lizzato nell’azienda. I fabbricanti o gli importatori sonosanità pubblica (UFSP) nella rubrica «Prodotti chimici» obbligati ad aggiornare la SDS in seguito all’acquisizio-(www.bag.admin.ch). ne di nuovi dati riguardanti i pericoli, i rischi e le misure di protezione.Schede di sicurezzaLe schede di sicurezza (SDS), suddivise in 16 capitoli,forniscono agli utilizzatori professionali e commercialidi prodotti chimici pericolosi informazioni indispensabilisulle proprietà fisico-chimiche delle sostanze, sullaloro tossicità e sui rischi per l’ambiente, nonché indica-zioni sulle misure di protezione richieste.Per tutti i prodotti che contengono sostanze pericolo-se, il fabbricante o l’importatore del prodotto deveredigere obbligatoriamente una SDS. Per ogni prodot-to deve essere fornita una SDS nella lingua ufficialeusata comunemente dall’utilizzatore svizzero (tedesco,francese o italiano).8
  8. 8. 1.3 ImpieghiI solventi sono utilizzati in tutti i settori, specialmentenell’industria, per via delle loro proprietà: si va dallasgrassatura di componenti metallici all’estrazione disostanze chimiche, al lavaggio a secco di indumenti,alla fluidificazione di sostanze e alla diluizione di pittu-re. Il seguente elenco non è esaustivo. Impiego Settore industriale Estrazione Industria chimica, farmaceutica, alimentare, cosmetica Purificazione Dissoluzione Sintesi Dissoluzione Aziende dei più svariati settori industriali che producono o utilizzano per Uso come additivo esempio collanti, polimeri, pitture, inchiostri, vernici, pellicole o fibre tessili Parte volatile di prodotti (aerosol, collanti, pitture, inchiostri) Sgrassaggio Lavaggio a secco di indumenti Industria metallurgica e orologeria Officine di riparazione, edilizia Trattamento del suolo Edilizia Distillazione frazionata Industria petroliferaTabella 2 Campi di impiego dei solventi3 Per molti lavori, per esempio la pulizia di telai per la stampa 4 Spruzzatura di vernici a base di solventi con un respiratore isolanteserigrafica, si usano prodotti contenenti solventi. 9
  9. 9. 2  Proprietà fisico-chimicheLe schede di sicurezza contengono, al punto 9, tutte le Volatilità, indice di evaporazioneinformazioni importanti sulle proprietà fisico-chimiche La tendenza di un solvente a evaporare è chiamatadelle sostanze e dei preparati. Inoltre, esistono varie «volatilità» ed è quantificata tramite una grandezza adi-pubblicazioni e banche dati (vedi il punto 6.1), con cui mensionale, «l’indice di evaporazione». Come valore disi possono verificare e completare i dati in caso di riferimento si utilizza l’indice di evaporazione dell’eterenecessità. Di seguito sono descritte le proprietà più etilico. I solventi altamente volatili hanno un indiceimportanti dei solventi. di evaporazione inferiore a 10, mentre quelli a bassa volatilità pari o superiore a 35.Punto di ebollizione o intervallo di ebollizioneIl concetto di punto di ebollizione è utilizzato per le so- Stabilità chimicastanze allo stato puro. In caso di miscele, specialmen- I solventi devono essere stabili. Non possono reagirete in caso di frazioni di petrolio, esistono per lo più in- con le sostanze che dissolvono o con cui vengono atervalli di ebollizione (intervalli di distillazione), che contatto.sono riportati nel foglio di istruzioni o nella scheda disicurezza del prodotto. Per esempio, una «benzina Tuttavia, certi solventi possono subire alterazioni80 / 110» ha un intervallo di ebollizione compreso tra chimiche con il passare del tempo:80 °C e 110 °C. • solventi alogenati, se non sono stabilizzati, diventa- I no acidi con il passare del tempo. Poi possonoDensità del liquido e dei relativi vapori corrodere parti metalliche, con cui sono a contatto.I solventi possono essere più leggeri o più pesanti • li eteri (es. diisopropiletere) possono formare peros- Gdell’acqua. Invece, i vapori dei solventi sono sempre sidi esplosivi, specialmente in caso di esposizionepiù pesanti dell’aria. Di conseguenza, in mancanza alla luce o al calore.d’aerazione tendono ad accumularsi e a ristagnare inbasso, per esempio in fosse, pozzi o canalizzazioni. Anche le condizioni di stoccaggio dei solventi possono svolgere un ruolo importante:Solubilità • ’uso di solventi alogenati in prossimità di impianti ad LData la diversa polarità, i solventi sono più o meno so- alte temperature (forni, impianti per saldatura, ecc.)lubili. A tale riguardo, in genere, è importante soltanto comporta un rischio elevato di intossicazione. I va-la solubilità nell’acqua, ovvero la concentrazione mas- pori dei solventi alogenati non sono infiammabilisima di solvente che può essere aggiunta nell’acqua o sono solo difficilmente infiammabili. Tuttavia, pos-per mantenere una miscela omogenea. sono decomporsi facilmente formando sostanze corrosive ed eventualmente fosgene altamente tossico. Questo processo di decomposizione puòConcentrazione di saturazione, pressione avere luogo anche sull’estremità incandescente didel vapore una sigaretta.In un recipiente chiuso si crea un equilibrio tra un liqui- • composti ossidanti – per esempio i perossidi, l’acido Ido e il relativo vapore. La pressione, esercitata dal nitrico o il permanganato di potassio – reagisconovapore sul liquido, si chiama «pressione del vapore» fortemente con la maggior parte dei solventi, sprigio-o «pressione di saturazione del vapore». Più volatile è nando una grande quantità di calore che può provo-una sostanza, tanto più elevata è la pressione di satu- care un incendio o persino un’esplosione.razione del vapore e, di conseguenza, anche la con-centrazione di saturazione. È importante conoscerequesti valori, che dipendono dalla temperatura, per va-lutare il potenziale pericolo di esplosione o intossica-zione con i vari solventi.10
  10. 10. 3  Pericolo di incendio ed esplosioneIl presupposto per lo sviluppo di un incendio o un’e- Se manca uno di questi tre elementi, è impossibile chesplosione è la presenza concomitante dei seguenti si sviluppi un incendio o un’esplosione. Il processo dicomponenti nello stesso luogo: combustione viene interrotto non appena si elimina un• ombustibile (gas, vapore, nebbia o polvere) c elemento.• ssigeno (normalmente l’ossigeno atmosferico) o• na fonte di innesco sufficientemente ricca di energia u Salvo in casi particolari2, il processo di combustione avviene in un recipiente o spazio aperto sotto formaInoltre, affinché si possa formare una miscela infiam- di incendio, in un recipiente o spazio chiuso (confina-mabile, il rapporto tra il combustibile e l’ossigeno deve mento) sotto forma di esplosione.essere corretto. Il grafico sottostante illustra la combi-nazione dei diversi componenti. Di seguito sono descritte le proprietà fisico-chimiche più importanti che sono necessarie per valutare il rischio di incendio o esplosione. Un’esplosione è una reazione chimica (ossidazione) estrema- mente rapida che provoca un aumento della temperatura e Combu­ della pressione. stibile Aria Nota: Non è il liquido che brucia, bensì i vapori a contatto con l’aria. Fonte di innesco5 Condizioni che concorrono al verificarsi di un incendioo un’esplosione 2 Per esempio: BLEVE : «Boiling Liquid Expanding Vapor Explosion» (Esplosione dei vapori che6 Combustione in ambiente aperto o chiuso si espandono a causa dell‘ebollizione di un liquido) UVCE : «Unconfined Vapor Cloud Explosion» (esplosione di nuvola di vapore non confinata). 11
  11. 11. 3.1  Limiti di infiammabilità 3.2  Punto di infiammabilitào esplosione Il punto di infiammabilità è la temperatura più bassa alla quale un liquido sviluppa vapori in quantità sufficiente a formareSe una sostanza infiammabile in una concentrazione con l’aria circostante una miscela che può accendersi in breve tempo a contatto con una fonte di innesco efficace.sufficientemente elevata si mischia con l’aria può for-marsi un’atmosfera esplosiva. Per ogni miscela esisteun rapporto di concentrazione ottimale (miscela ste-chiometrica), in cui l’energia prodotta dall’esplosione è °Cmassima. Se ci si allontana da questa concentrazione 100ottimale, la quantità di energia liberata diminuisce finoa che non è più possibile che si verifichi un’esplosione.   75 Olio di riscaldamento meno pericolosoSe la concentrazione dei vapori infiammabili è al disotto del limite inferiore di esplosione, la miscela ètroppo «povera» di combustibile per innescarsi sponta-neamente. Al di sopra del limite superiore di esplosio-ne la concentrazione dei vapori infiammabili è talmente   35 Benzina solvente (white spirit)elevata, rispetto all’ossigeno, che la miscela non può   30più essere esplosiva. Tali miscele vengono anche defi-   12 Alcoolnite «troppo grasse».     7 Toluolo pericoloso     0È necessario notare che non è possibile definire campiprecisi di infiammabilità per le nebbie (goccioline fine- – 20 Acetonemente disperse nell’aria). – 40 Benzina d’auto 0 Vol.-% Vapori 100 Vol.-% Vapori 8 Punto di infiammabilità di alcuni solventi LIE LSE 100 Vol.-% Aria 0 Vol.-% Aria Il «punto di infiammabilità» è un parametro importante per valutare il rischio di incendio ed esplosione di un7 Il campo di infiammabilità o esplosione è compreso tra un liquido. Nella direttiva CFSL 1825, i liquidi sono classi-limite inferiore (LIE) e un limite superiore (LSE). ficati come «facilmente infiammabili» se il punto di in- fiammabilità è inferiore a 30 °C. I liquidi con un punto di infiammabilità compreso tra 30 °C e 55 °C sono de- finiti «infiammabili». Occorre notare che queste defini- zioni non corrispondono a quelle usate nei pittogrammi per i liquidi «estremamente infiammabili» o «facilmente infiammabili».12
  12. 12. In particolare, è necessario sottolineare i seguenti 100punti: 90• vapori di un liquido infiammabile possono accender- I 80 si se il liquido è riscaldato a una temperatura supe­ 75 °C riore al suo punto di infiammabilità. Per motivi di sicu- 70 Temperatura [°C] rezza, si deve rispettare sempre un margine di 60 sicu­ ezza pari a 15 °C per le miscele e pari a 5 °C per r i liquidi allo stato puro. 50 44 °C• liquidi infiammabili con punti di infiammabilità chia- I 40 ramente superiori alla temperatura ambiente posso- no, dopo l’assorbimento su una superficie porosa, 30 28 °C aumentare talmente la loro superficie di evaporazione 19 °C 20 14 °C che possono accendersi facilmente (effetto capillare). 10• l criterio del punto di infiammabilità non è applicabile I ai liquidi infiammabili che vengono spruzzati in nebbie 0 1 2 3 4 fini (aerosol). Data la loro superficie specifica estesa, gli aerosol possono accendersi già a temperature Percentuale di benzina nel gasolio per riscaldamento (vol.-%) di gran lunga inferiori al punto di infiammabilità del liquido. Punto di infiammabilità• e miscele omogenee composte da acqua e un alco- L 9 Punto di infiammabilità in funzione della percentuale di benzina ol facilmente infiammabile (es. etanolo o isopropano- presente nel gasolio per riscaldamento lo) possono avere un punto di infiammabilità inferiore a 30 °C già a partire da un contenuto di alcool pari circa al 30 %. Tuttavia, le bevande alcoliche non sono contrassegnate in modo corrispondente, poiché sono regolate dalle disposizioni valide per i generi alimentari.• iccole quantità di solventi facilmente infiammabili P possono abbassare considerevolmente il punto di in- fiammabilità di una miscela. Per esempio, già una concentrazione inferiore al 2 % di benzina nel gasolio per riscaldamento può bastare per abbassare il pun- to di infiammabilità dell’olio combustibile al di sotto di 30 °C e per trasformarlo in un liquido «facilmente infiammabile». 13
  13. 13. 3.3  Temperatura di accensione 3.4  Conducibilità elettricaAnche le superfici calde possono innescare i vapori di La capacità di un liquido di caricarsi elettrostaticamen-un liquido infiammabile. È sufficiente riscaldare la mi- te dipende dalla sua conducibilità elettrica. Si fa unascela fino a raggiungere la cosiddetta temperatura di distinzione tra solventi non polari («non conduttori»)accensione (definita anche temperatura di autoaccen- con una conduttività bassa e solventi polari («condut-sione). tori») con una conduttività relativamente elevata.In pratica, questo processo spontaneo di accensione La conducibilità elettrica è espressa in Siemens /  etro mpuò verificarsi a contatto con una parete calda di un (S / m) ed è indicata dal simbolo « ». Con i solventi, l’in-forno, di una vasca o una tubazione. tervallo di conducibilità elettrica è espresso per lo più in picosiemens (pS / m), dove un pS /  corrisponde a m La temperatura di accensione di un gas o un vapore è la tem- 10 -12 S / m. peratura minima a cui una miscela infiammabile di gas e aria o vapore e aria si accende spontaneamente. In base alla conduttività i solventi sono suddivisi in tre categorie:Le classi di temperatura, definite in base alla tempera-tura di accensione, sono molto importanti per sceglie- Alta conduttività 100 000 – 10 000 000 pS / mre quali apparecchiature possono essere impiegate Alcoli nelle zone a rischio di esplosione. Chetoni Acqua Media conduttività 100 – 1000 pS / mPer esempio una miscela di vapori di benzina e aria Esteri ha una temperatura di accensione pari circa a 220 °C. Combustibili e oli conDi conseguenza, le apparecchiature che vengono a additivi volatilicontatto diretto con la benzina devono essere confor- Bassa conduttività 0,1 – 100 pS / m Benzinami almeno alla classe di temperatura T3. Idrocarburi aromatici Cherosene EteriA tale riguardo, è opportuno menzionare tre solventinon molto usati che hanno una temperatura di accen- Tabelle 4 Classificazione dei solventi in base alla conduttivitàsione particolarmente bassa: il solfuro di carbonio(102 ºC), l’acetaldeide (140 ºC) e l’etere etilico (170 ºC). Più bassa è la conduttività di un liquido, maggiore Classe di Temperatura di Temperatura è la probabilità che si carichi elettrostaticamente. temperatura accensione del massima di gas o vapore in ºC superficie in ºC Le scariche elettrostatiche generano sempre una quantità di energia sufficiente ad accendere una mi- T 1  450 450 scela infiammabile di vapori e aria (vedi DVD 365). T 2 300 – 450 300 T 3 200 –  300 200 T 4 135 – 200 135 T 5 100 – 135 100 T 6   85 – 100   85Tabelle 3 Classi di temperatura14
  14. 14. 4 Tossicità4.1  Esposizione ai solventiI pericoli derivanti dall’utilizzo dei solventi non dipendo-no soltanto dalle loro proprietà fisico-chimiche e non silimitano unicamente agli incendi e alle esplosioni. L’usoimproprio della maggior parte dei solventi può causareirritazioni, ustioni o intossicazioni acute e croniche.Le sostanze pericolose possono penetrare nell’organi-smo in svariati modi. Nel caso dei solventi, l’inalazionedei vapori costituisce il pericolo più grande. La pene-trazione percutanea è meno frequente, ma deve esse-re presa in considerazione. Inoltre, la cute può esseredanneggiata in seguito al contatto con un solvente. Inalazione Assorbimento cutaneo 11 È vietato conservare liquidi pericolosi in bottiglie per bevande. L’ingestione involontaria per via orale è un evento an- cor più raro che si verifica soprattutto nel caso in cui le sostanze pericolose siano conservate in recipienti destinati a contenere alimenti. Un’esposizione di breve durata a una concentrazione elevata di un solvente può causare un’intossicazione acuta (tossicità acuta). Contatti ripetuti con piccole quantità di solventi per alcuni mesi o anni comportano il rischio di intossicazione cronica (tossicità cronica).10 Vie di penetrazione Date le loro proprietà, i solventi sono assorbiti princi- palmente dagli organi ricchi di lipidi (per es. il cervello, il fegato e i nervi), pregiudicandone la funzione. 15
  15. 15. Le informazioni sulle proprietà tossiche dei solventi 4.2  Concentrazione massimasono riportate sulle etichette di marcatura e nelleschede di sicurezza corrispondenti. ammissibile sul posto di lavoro (valore MAC) Tossicità Il valore MAC (Maximum Allowable Concentration) è acuta utile, come base, per valutare le condizioni di lavoro. ___________________________________________ Organo bersaglio Sintomi La concentrazione massima ammissibile sul posto di lavoro (valore MAC) è il valore massimo ammissibile della concentra- Cuore Aritmie zione media di una sostanza nell’aria (sotto forma di gas, vapo- Cervello Stanchezza re o polvere) che, secondo le conoscenze attuali, durante un’e- Intontimento Capogiri sposizione di 8 ore al giorno e fino a 42 ore alla settimana, Cefalea anche per lunghi periodi di tempo, non mette di norma in peri- Narcosi colo la salute della stragrande maggioranza dei lavoratori sani Coma sul luogo di lavoro. Tossicità cronica I valori MAC sono espressi: • er i gas e i vapori in parti in volume per milioni di p Organo bersaglio Sintomi parti di aria = ml / m 3 (inglese: ppm = parts per Cute Secchezza cutanea million) nonché in mg / m 3 di aria; Dissoluzione del film idrolipidico • er le sostanze in sospensione in mg / m 3 di aria. p protettivo Eczema allergico (raro) Occhi, mucose Infiammazione, congiuntivite I valori MAC sono i valori limite fissati per un gran nu- Cervello Perdita della memoria mero di sostanze chimiche utilizzate nell’industria e Alterazione delle capacità intellettive nell’artigianato e basati su dati tossicologici e speri- Disturbi della personalità mentali riportati nella letteratura scientifica. Tuttavia, i Sistema nervoso Disturbi della sensibilità periferico Paralisi valori MAC non tracciano una linea netta di demarca- Fegato Steatosi zione tra le concentrazioni innocue e quelle nocive. La Sangue Anemia salute delle persone particolarmente sensibili o malate Leucemia (solo con il benzolo) può essere compromessa anche se i valori MAC sono rispettati.Tabelle 5 Sintomi principali di intossicazioni da solventi I valori MAC corrispondono alle concentrazioni medie calcolate su 8 ore. In pratica, le concentrazioni delle sostanze chimiche nell’aria possono tuttavia variare nel corso di una giornata lavorativa o di un turno di lavoro. Di conseguenza, per numerose sostanze occorre limi- tare anche il superamento di breve durata di questa concentrazione media. Pertanto, sono stati stabiliti i cosiddetti valori limite per brevi esposizioni: definiscono i valori massimi che devono essere rispettati anche per esposizioni brevi, in16
  16. 16. termini di concentrazione, durata (solitamente 15 mi- 4.3  Valori limite biologicinuti) e frequenza (numero per ogni giorno / turnodi lavoro). Il valore MAC (media calcolata su 8 ore) non (valori BAT)deve essere superato in alcun caso. Alcune sostanze possono essere rilevate e quantificatePer determinate sostanze che comportano rischi non solo tramite misurazioni delle concentrazioni pre-particolari, l’elenco dei valori MAC contiene ulteriori senti nell’aria sul luogo di lavoro, ma anche per esem-informazioni: pio nell’urina o nel sangue dei lavoratori. I rischi per la• ossibilità di intossicazione per assorbimento P salute emergono dal confronto dei valori misurati con i cutaneo (H) cosiddetti valori limite biologici delle sostanze di lavoro• ffetti sensibilizzanti (S) E (valori BAT).• ffetti cancerogeni (C), mutageni (M) e tossici E per la riproduzione (R) (sostanze CMR) Il valore BAT (Biologischer Arbeitsstofftoleranz) indica la con-• lassificazione delle sostanze teratogene (SS) C centrazione di una sostanza, dei relativi metaboliti o di un indicatore di effetto, determinata nel materiale biologico corri-L’elenco dei valori limite di esposizione sul luogo di spondente mediante esami tossicologici della medicina del lavoro, , a cui in generale le condizioni di salute di un lavorato-lavoro (codice Suva 1903.d) è aggiornato regolarmente re non sono compromesse anche in caso di esposizione ripe-in accordo con la commissione per i valori limite tuta e a lungo termine.dell’Associazione svizzera di medicina, igiene e sicu-rezza sul lavoro (Suissepro) ed è pubblicato dalla Suva. Il valore BAT è considerato superato se per ripetuti esami di un soggetto la concentrazione media di questo parametro è al di sopra del valore BAT. Andamento della concentrazione durante un turno di lavoro 250 200 Concentrazione (unità arbitraria) 150 100 50 0 0 1 2 3 4 5 6 7 8 Tempo (ore)   Valore limite per brevi esposizioni (LBE)   Valore MAC   Valore medio del turno di lavoro   Andamento della concentrazione registrato12 Andamento della concentrazione di una sostanza nocivapresente nell’aria durante un turno di lavoro 17
  17. 17. 5  Misure di protezioneLe misure di protezione previste per la manipolazione 5.1  Sostituzione delle sostanzedei solventi hanno due obiettivi:• revenire gli incendi e le esplosioni p o procedure pericolose• revenire i danni alla salute dovuti a esposizione ai p solventi. Lo scopo di tale sostituzione è ridurre i rischi per la sa- lute dei lavoratori e migliorare le condizioni di lavoro.Le misure volte a ridurre o eliminare i rischi correlati al Nella pratica non è però sufficiente sostituire semplice-luogo di lavoro sono attuate secondo il principio STOP: mente un prodotto o un procedimento con un altro.• ostituzione delle sostanze o procedure pericolose S• isure tecniche (protezione collettiva) M Per esempio, non sarebbe accettabile che una sostan-• isure organizzative M za CMR venisse sostituita con una sostanza meno no-• isure di protezione individuale M civa ma facilmente infiammabile senza tener conto dei nuovi rischi. Inoltre, le conoscenze nel campo della S T O P13 Gerarchia delle misure volte a ridurre o eliminare i rischi correlati al luogo di lavoro18
  18. 18. tossicologia evolvono molto rapidamente. È possibile Vernici a basso contenuto di solventiche una soluzione, considerata oggi non pericolosa, Le vernici a base acquosa contengono poco solventedebba essere messa in discussione dopo alcuni anni. organico. Una quantità esigua è tuttavia necessariaPer questi motivi, si deve effettuare una valutazione dei per migliorare l’omogeneità e la stabilità durante lorischi per una sostanza alternativa o una procedura stoccaggio e per facilitarne l’impiego.presumibilmente sicura, prima di adottarla. In base al tipo di resina utilizzato, si distinguono leEsempi di come sostituire o ridurre i solventi seguenti formulazioni: • itture idrosolubili in cui le resine (resine alchidiche PSgrassatura o acriliche) sono dissolte in una miscela di acqua eIn alternativa alle miscele di idrocarburi o ai solventi 10 % –20 % di solvente, spesso una miscela di eterialogenati, sono proposte le seguenti soluzioni: glicolici.• rodotti detergenti a base acquosa: i detergenti im- P • itture diluibili all’acqua, in cui la resina non è idroso- P piegati possono essere acidi, alcalini o neutri e pos- lubile, ma è dispersa (dispersione colloidale) o emul- sono contenere quantità esigue di solventi (es. etere sionata (emulsione) nell’acqua con l’aggiunta del glicolico). 2 %– 5% di un coadiuvante filmogeno.• iquidi infiammabili con un punto di infiammabilità L elevato (55–100 °C) in impianti a ciclo chiuso: in tali Le pitture usate più comunemente oggigiorno sono di- impianti, per esempio, componenti meccanici di pre- spersioni a base di poliuretano o poliuretano-acrile cisione vengono sgrassati in un bagno ad immersio- nonché emulsioni alchidiche o acriliche disperse in ne o puliti in fase di vapore e asciugati sotto vuoto. Il acqua. In questo caso, i solventi tipici sono gli eteri solvente è continuamente rigenerato. glicolici.VerniciI fabbricanti di vernici per l’edilizia, l’industria o il setto-re automobilistico hanno compiuto enormi sforzi persoddisfare le disposizioni previste per la protezione deilavoratori e dell’ambiente. Anche se in molti campi diapplicazione sono ancora impiegati prodotti con unapercentuale di solventi, sono già stati compiuti pro-gressi in diversi settori:Vernici ad alto contenuto di corpi solidiLe nuove formulazioni sono simili ai prodotti contenentisolventi finora utilizzati, ma la concentrazione dei corpisolidi è aumentata dal 30 % circa fino al 70 %–80 %.Questa modifica è stata resa possibile sul piano tecni-co grazie all’impiego di polimeri a basso peso moleco-lare (in genere resine alchidiche, poliesteriche, poliure-taniche, acriliche, epossidiche e siliconiche) che sonodissolti in solventi adeguati. L’impiego di questi prodot-ti può avvenire con le tecniche tradizionali. 14 Spruzzatura di una pittura idrosolubile 19
  19. 19. Vernici in polvere per la termolaccatura 5.2  Misure tecnicheQueste pitture non contengono nessun tipo di solven-te. La polvere (granulometria: 10 –100 μm) è formata da Nel caso in cui non sia possibile sostituire un solvente,resine termoindurenti. A secondo dell’impiego, può occorre adottare le seguenti misure tecniche.trattarsi di poliestere, poliuretano, composti epossidici,resina acrilica, polimeri fluorurati o composti di diversi 5.2.1 Lavori con impianti a ciclo chiusotipi di resina. Per impedire la formazione e la propagazione di con-La polvere è spruzzata con una pistola a spruzzo tri- centrazioni pericolose di gas o vapori, si consiglia diboelettrica o elettrostatica ad effetto corona sul pezzo usare impianti a ciclo chiuso.in lavorazione messo a terra. I pezzi rivestiti sono intro-dotti successivamente in un forno, in cui lo strato dicolore forma una pellicola liscia e resistente grazieall’azione del calore.Questa tecnica è in rapida evoluzione in termini di pro-prietà della polvere e metodi di reticolazione. I forni tra-dizionali (forni a convezione) sono sostituiti sempre piùspesso da sistemi di riscaldamento a raggi infrarossi(IR), a raggi UV o a induzione. 15 Pompa per fusti con riciclo dei vapori 16 Recipienti per limitare l’evaporazione20
  20. 20. Esempi• istemi per il travaso con riciclo dei vapori (tubazione S di recupero)• mpianti in depressione: I Questi procedimenti sono utilizzati attualmente per la sgrassatura di pezzi con solventi alogenati. Il punto critico di questi impianti è lo svuotamento dei residui e il caricamento successivo dei solventi. Queste ope- razioni possono comportare esposizioni sicuramente di breve durata ma di entità considerevole.• ontenitori speciali per la raccolta dei rifiuti dotati, C 18 Stazione semiautomatica di riempimento barili con per esempio, di aspirazione integrata dispositivo di aspirazione all’uscita• ontenitori di sicurezza autochiudenti C Occorre prestare particolare attenzione ai seguenti5.2.2 Ventilazione in caso di utilizzo di solventi punti: • li impianti di aspirazione alla fonte devono essere GSi distinguono sostanzialmente due tipi di ventilazione: posti il più possibile vicino alla fonte di emissione. Grazie a una velocità elevata dell’aria nel punto di di• Ventilazione naturale: aspirazione i vapori dei solventi sono captati in modo tramite finestre, porte o altre aperture presenti estremamente efficace e si previene la formazione di nelle pareti fastidiose correnti d’aria.• entilazione artificiale (meccanica): V • l sistema di aspirazione deve essere installato I - entilazione generale del locale V in modo che l’operatore non si trovi tra la fonte di (vedi il punto 5.2.3) emissione e la bocca di aspirazione. - Aspirazione alla fonte • moti naturali delle sostanze nocive devono essere I altre misure non sono sufficienti a ridurre le emis- Se sfruttati il più possibile. sioni di sostanze nocive a un livello accettabile, è • a quantità d’aria aspirata deve essere sostituita da L necessario installare un impianto di ventilazione o un sistema passivo di immissione dell’aria (es. griglia aspirazione alla fonte. antincendio in una porta) o tramite un impianto di ventilazione artificiale. L’afflusso di aria dovrebbe essere silenzioso e non dovrebbe creare una corren- te d’aria fastidiosa. Se l’afflusso di aria causa un abbassamento eccessivo della temperatura, l’aria deve essere riscaldata. In caso di riciclo di aria inquinata nell’ambiente di lavo- ro, la concentrazione delle sostanze nocive nell’aria immessa deve essere mantenuta il più possibile bassa. Tramite misurazioni o calcoli si deve dimostrare che la concentrazione delle sostanze nocive non è superiore in alcun caso a un terzo del valore MAC. Inoltre, l’im- pianto di ventilazione deve essere dotato di un disposi- tivo che consente di passare immediatamente al fun-17 Parete di aspirazione che consente di eseguire occasional-mente lavori di verniciatura a spruzzo in un grande capannone zionamento con immissione d’aria fresca /  spulsione esenza correre alcun rischio. dell’aria aspirata non appena si supera questo limite. 21
  21. 21. Tuttavia, il riciclo dell’aria di scarico purificata è vietato, 20 cm2 per m2 di superficie del pavimento. Una dellese sono presenti sostanze pericolose, in particolare le due aperture deve essere situata direttamente soprasostanze CMR. il pavimento, ad un’altezza non superiore a 10 cm.5.2.3 Ventilazione nei depositi Non sempre è possibile ricorrere a una ventilazione naturale. In particolare, nei depositi sotterranei è ne-I solventi infiammabili devono essere immagazzinati in cessaria una ventilazione artificiale. Le bocche di aspi-locali progettati e allestiti in conformità alla direttiva razione dell’impianto di ventilazione devono essereCFSL 1825.i «Liquidi infiammabili». Un punto importan- situate direttamente sopra il pavimento, dato che i va-te, contenuto in questa direttiva, è rappresentato pori dei solventi hanno una densità superiore all’aria.dalla ventilazione prevista per lo stoccaggio dei liquidi Se nel deposito i solventi sono stoccati in recipientifacilmente infiammabili, che può essere naturale chiusi e non vengono travasati, deve essere garantitoo artificiale. un ricambio d’aria per 3 –5 volte all’ora.19 Deposito con ventilazione naturale 21 Armadio adibito alla conservazione di piccole quantità di liquidi facilmente infiammabili negli ambientiLa ventilazione naturale richiede due aperture non ot- di lavoroturabili che conducono direttamente all’esterno e sonocollocate sulle pareti opposte. Ognuna di queste aper- Se vengono eseguite operazioni di travaso di solventi,ture deve avere una superficie pari come minimo a è richiesto un ricambio d’aria pari a 10 volte all’ora. Se l’impianto di ventilazione artificiale è azionato a in- tervalli regolari tramite un timer (ventilazione intermit- tente), esso deve anche avviarsi forzatamente al più tardi quando si accede ai depositi oppure quando si azionano dispositivi e apparecchi. La ventilazione intermittente è ritenuta sufficiente se è in funzione per almeno 10 minuti ogni ora. Negli ambienti di lavoro è consentito conservare pic- cole quantità di solventi facilmente infiammabili ( 100 l) in armadi che devono essere costruiti con materiali non infiammabili o difficilmente infiammabili, devono20 Ventilazione artificiale di un locale adibito allo stoccaggio essere dotati di una vasca di raccolta e devono esseree al travaso di solventi contrassegnati secondo le prescrizioni.22
  22. 22. Nei luoghi di lavoro è consentito conservare solo laquantità di liquidi facilmente infiammabili necessariaallo svolgimento regolare dei lavori. Inoltre, occorrefare in modo che i solventi non vengano immagazzinatiin prossimità di sostanze chimiche con le quali potreb-bero reagire.5.2.4 Suddivisione delle zone a rischiodi esplosioneSi ricorre a questa classificazione quando non si puòescludere l’eventuale formazione di un’atmosferaesplosiva. Grazie alla ripartizione in zone a rischio diesplosione, è chiaro dove si devono evitare le fonti diinnesco e quanto è probabile che si formino atmosfereesplosive. I principi utilizzati per la suddivisione dellezone sono descritti dettagliatamente nella pubblica-zione Suva 2153.i «Prevenzione e protezione contro leesplosioni – Principi generali, prescrizioni minime, 23 All’interno delle zone a rischio di esplosione è vietatozone». introdurre fonti di innesco. Le zone devono essere contrasse- gnate con i cartelli «EX». Concentrazione Zona 0 Area in cui è presente sempre, per lunghi periodi o spesso un’atmosfera esplosiva. Tempo Concentrazione Zona 1 Area in cui occasionalmente, durante le normali attività, può formarsi un’atmosfera esplosiva. Tempo Concentrazione Zona 2 Area in cui durante le normali attività non è probabile la formazione di un’atmosfera esplosiva e, qualora si verifichi, sia unicamente di breve durata. Tempo22 Per la determinazione delle zone a rischio di esplosione si tiene conto dellafrequenza e della durata di un’atmosfera esplosiva. 23
  23. 23. 5.2.5 Evitare le fonti di innesco Misure contro le scariche elettrostatiche Se si crea una differenza di potenziale sufficientemen-Le fonti di innesco sono efficaci se trasmettono a una te elevata tra due oggetti che non sono messi a terra,miscela vapori/aria un’energia sufficiente a innescarla. si possono formare scariche elettrostatiche. Se le so-Ne consegue una deflagrazione o un’esplosione. Le stanze si sfregano l’una contro l’altra, per esempio infonti di innesco, presenti nell’ambiente industriale, pos- caso di trasferimento di liquidi o di srotolamento di pel-siedono di norma molta più energia della cosiddetta licole di plastica, si verificano trasferimenti di carica eenergia minima di accensione. Pertanto, sono quasi si creano differenze di potenziale. Anche le personesempre sufficientemente efficaci per innescare un’at- possono caricarsi durante lo svolgimento delle normalimosfera esplosiva. Di conseguenza, nelle zone si de- attività quotidiane. Dato che il problema delle scarichevono evitare tutte le fonti di innesco. elettrostatiche è ampiamente diffuso, ma in pratica non è facilmente individuabile e valutabile, questo ar-Fonti di innesco più importanti gomento è descritto più dettagliatamente qui di segui- to in associazione ai liquidi facilmente infiammabili. In generale, occorre notare che si possono formare scariche elettrostatiche scariche elettrostatiche pericolose quando si lavora con liquidi che hanno una bassa conducibilità elettrica. scintille generate elettricamente Scariche elettrostatiche improvvise possono innescare un’atmosfera esplosiva già presente. fuoco, fiamme, brace Tali scariche possono formarsi anche in caso di liquidi a conduttività media, se scorrono all’interno di tuba- zioni, passano attraverso filtri o sono agitati. Con i li- scintille generate meccanicamente quidi ad alta conduttività, questo fenomeno si verifica superfici calde24 Fonti di innescoAttrezzature di lavoro conformi alle zoneNelle zone a rischio di esplosione è consentito usaresolo apparecchi e sistemi di protezione che corrispon-dono ai gruppi e alle categorie di apparecchi secondol’Ordinanza sugli apparecchi e sui sistemi di protezioneutilizzati in ambienti esplosivi (OASAE). Gli orologi dapolso e gli apparecchi acustici non rientrano nelle di-sposizioni dell’OASAE. 25 Contenitori IBC in materiale plastico conduttore da usare nelle zone 1 e 224
  24. 24. soltanto in casi molto particolari, per esempio durante Misure di protezione in caso di travaso di solventii lavori di spruzzatura oppure in caso di utilizzo di ap- facilmente infiammabiliparecchi con una messa a terra difettosa. Occorre impedire la formazione di scariche elettrosta-Per questi motivi, è vietato impiegare componenti di tiche, per esempio:impianti, apparecchi o recipienti non conduttori duran- • tilizzando recipienti, accessori e tubi elettricamente ute i lavori con liquidi facilmente infiammabili, che po- conduttori messi a terratrebbero generare scariche elettrostatiche. In partico- • limitando la velocità di flusso ( 1 m / s)lare, è consentito usare recipienti di vetro o plastica • sando pavimenti conduttivi e scarpe con suole usoltanto fino a un volume di 5 litri. In caso di quantità conduttrici (resistenza di isolamento  108 Ω).più elevate, si devono impiegare recipienti conduttoricon messa a terra. 5.2.6 Limitazione dei danni in caso di incendio o esplosionePer quantità più elevate sono disponibili in commercio,oltre ai recipienti in metallo, anche bidoni, barili o con- È possibile che le misure della cosiddetta protezionetenitori IBC3, che sono formati in parte o totalmente da preventiva contro le esplosioni (ventilazione, suddivi-materiali plastici conduttori e possono essere impiegati sione in zone, evitare fonti di innesco efficaci) in casonelle zone 1 e 2. di utilizzo di liquidi infiammabili non siano tecnicamente realizzabili, siano inefficaci o non sufficientemente effi- caci oppure troppo costose. In tal caso, sono previste misure costruttive che non consentono di prevenire effettivamente l’esplosione, ma ne limitano l’effetto a un livello accettabile. In caso di incendio o esplosione, i danni possono essere limitati se gli impianti in pericolo sono dotati dei seguenti sistemi di protezione: • apparecchi resistenti all’esplosione • fogo della pressione di esplosione s (dischi di rottura, valvole di sfogo) • istemi di soppressione dell’esplosione s (estintori automatici) • sistemi di isolamento dell’esplosione26 Messa a terra di recipienti (travaso di solventi consovrappressione di azoto)3 Le taniche usate per quantità più elevate sono dotate del contrassegno IBC(Intermediate Bulk Container). 25
  25. 25. 5.3  Misure organizzativeLe misure organizzative sono di norma supplementari.Tramite le misure organizzative si garantisce che le mi-sure di protezione tecnica e individuale siano applicatecorrettamente e rimangano efficaci nel tempo. Pertan-to, le misure organizzative non sostituiscono le misuredi protezione tecnica e individuale.5.3.1 Verificare l’efficacia delle misure(metodi di misurazione)La misurazione della concentrazione dei vapori disolventi sul lavoro serve per valutare i rischi o per veri-ficare l’efficacia delle misure adottate. In base al pro-blema, si utilizzano metodi differenti di misurazione.Misurazione della concentrazione con fialetterivelatrici colorimetricheQuesto metodo quantitativo viene utilizzato se si cono-sce il solvente da misurare. I risultati non sono assolu-tamente precisi, però sono immediatamente dispo­nibili. La misurazione consiste nel fare passare un 28 Utilizzo di un rilevatore di gas in un ambiente ristrettocam­ ione di aria attraverso una fialetta contenente un preagente. La sostanza ricercata, se è presente nell’a-ria, reagisce con il reagente. Il viraggio di colore è pro- Misurazioni della concentrazione con misuratoriporzionale alla concentrazione. Dato che i valori sono a lettura direttaottenuti da una misurazione istantanea, si consiglia di Per il monitoraggio costante dell’aria sul lavoro si pos-eseguire più volte le misurazioni per rilevare eventuali sono utilizzare apparecchi fissi o mobili dotati divariazioni nella concentrazione. sensori adeguati. Per scegliere i sensori appropriati, si devono conoscere le sostanze volatili da controllare. Misurazione dei vapori infiammabili La concentrazione di vapori infiammabili presenti nell’aria è registrata per mezzo di un esplosimetro. I risultati delle misurazioni sono indicati in % del limite inferiore di esplosione (LIE). Dato che il limite inferiore di esplosione varia da solvente a solvente, questo strumento deve essere tarato (calibrato) prima dell’uso a seconda del solvente da monitorare.27 Misurazione della concentrazione dei vapori di solventicon fialette rivelatrici colorimetriche26
  26. 26. 5.3.2 Documento sulla protezione contro Per garantire un utilizzo sicuro dei prodotti chimici,le esplosioni il personale deve essere informato specialmente in merito ai seguenti punti:Tutte le misure adottate per garantire una protezione • basi giuridichecontro le esplosioni devono essere riportate in un • istema di etichettatura GHS per i prodotti chimici sdocumento (per es. lista di controllo Suva 67132.i). e i preparatiQuesto documento deve essere redatto prima di ese- • ontenuto e scopo delle schede di sicurezza SDS cguire per la prima volta un lavoro o di mettere in fun- (in caso di necessità, l’azienda mette a disposizionezione un processo. In caso di modifiche procedurali documenti semplificati)sostanziali (per es. cambiamento dell’ambiente, utilizzo • egole generali di comportamento e istruzioni rdi altri apparecchi, sostanze o concentrazioni di so- pratiche per l’usostanze), il documento sulla protezione contro le esplo- • equisiti relativi all’uso dei dispositivi di protezione rsioni deve essere rimaneggiato e adattato. individuale (controlli, pulizia e manutenzione) • omportamento corretto in caso di lavori in zone c a rischio di esplosione • rocedimenti particolari, per esempio «autorizzazione p per i lavori di saldatura» o «lavori in locali ristretti» • isure di pronto soccorso e di protezione m antincendio • rocedure in caso di versamento accidentale p di solventi • raccolta differenziata e smaltimento dei rifiuti 5.3.4 Manipolazione dei rifiuti di solventi La manipolazione dei rifiuti di solventi comporta rischi identici a quelli connessi a tutti i prodotti contenenti solventi. Inoltre, vengono applicate le stesse prescri- zioni. I rifiuti contenenti solventi non riciclabili devono essere smaltiti secondo le norme vigenti. I solventi, che sono contaminati meno del 30 %, possono essere rigenerati5.3.3 Formazione e istruzione del personale (distillati) in azienda oppure all’esterno da un’impresa specializzata.La formazione e l’istruzione del personale in materia disicurezza sul lavoro e tutela della salute rappresentano Dal punto di vista ecologico, il riciclaggio interno rap-una componente fondamentale del sistema di sicurez- presenta sicuramente una buona soluzione, ma emer-za aziendale. Grazie a una formazione e a un’istruzio- gono spesso problemi in termini di sicurezza e tutelane sistematiche, il personale della propria azienda ed della salute specialmente nelle aziende più piccole (pereventualmente anche di altre imprese dello stesso tipo esempio autorimesse, autocarrozzerie o tipografie).dispone sempre delle conoscenze necessarie perpoter svolgere il proprio lavoro in condizioni di sicurezza. Per garantire una rigenerazione (distillazione) sicura dei rifiuti di solventi all’interno dell’azienda, si devono soddisfare in particolare i criteri descritti nella direttiva 27
  27. 27. 5.4  Dispositivi di protezione individuale Nel caso in cui non sia possibile eliminare o ridurre a un livello accettabile i rischi per la salute mediante la sostituzione di sostanze problematiche o tramite le misure tecniche, è necessario usare i dispositivi di protezione individuale (DPI). Le informazioni a tale riguardo sono riportate nelle schede di sicurezza (SDS) relative ai prodotti. Una SDS deve contenere inoltre le seguenti indicazioni: • ipo di protezione delle vie respiratorie da utilizzare: t29 Impianto di distillazione per liquidi infiammabili respiratore isolante o respiratore a filtro con l’indica- zione del tipo di filtroCFSL 2387 «Impianti di distillazione per liquidi infiam- • ipo di guanti (materiale, resistenza) ed eventuali tmabili». In base all’esperienza acquisita, si deve pre- misure supplementari necessarie per proteggerestare particolare attenzione ai seguenti punti: le mani e la pelle • tipo di protezione degli occhi• ’impianto L di condensazione dei vapori installato deve • tipo di indumenti di protezione garantire una condensazione efficace dei vapori. • ispositivi di protezione supplementari ed eventuali d• ra il riscaldamento e il coperchio del distillatore deve T misure igieniche particolari essere presente un bloccaggio che impedisce l’ac- censione del riscaldamento con il coperchio aperto. Occorre notare che i superiori non sono unicamente• a posizione dell’impianto di distillazione deve essere L responsabili di predisporre i DPI adeguati, ma hanno conforme alle prescrizioni di protezione antincendio, anche il dovere di istruire il personale sull’uso e sulla specialmente in relazione alla separazione dei locali, manutenzione corretti, nonché di verificare ed even- alla ventilazione e alla suddivisione in zone. tualmente imporre l’utilizzo dei DPI in conformità alle• li impianti devono essere sottoposti a manutenzione G istruzioni interne di lavoro. ad intervalli regolari. 5.4.1 Protezione delle vie respiratorieUna soluzione alternativa efficace consiste nel conse-gnare i rifiuti contenenti solventi a un’azienda specializ- La scelta del mezzo di protezione appropriato per lezata che si occupa della raccolta, del trasporto, dello vie respiratorie va fatta tenendo conto del tipo e dellasmaltimento o della rigenerazione in conformità alle di- concentrazione di sostanze nocive, nonché dellasposizioni in vigore. durata e della difficoltà dei lavori (per es. stress fisico). Per proteggersi da piccole emissioni di solventi, si usano generalmente maschere con filtri a carbone attivo del tipo A o AX.28
  28. 28. È importante ricordare che le maschere con filtrohanno un’autonomia limitata e non consentono unarespirazione indipendente dal tenore di ossigenodell’aria circostante.Non è consentito utilizzare le maschere con filtrospecialmente nei seguenti casi:• n presenza di una concentrazione elevata dei i vapori di solventi;• n presenza di gas altamente tossici, per esempio i monossido di carbonio o acido cianidrico, che possono formarsi in un deposito di solventi in caso di incendio;• urante lavori eseguiti in ambienti con carenza di d ossigenoIn tutti questi casi, si devono impiegare dispositivi di 30 Maschera con filtro a carbone attivoprotezione delle vie respiratorie che sono indipendentidall’aria ambiente. 5.4.2 Protezione della pelle e degli occhiIndicazioni per l’uso corretto delle mascherefiltranti Per prevenire le intossicazioni dovute alla penetrazione• osizionamento corretto della maschera P percutanea, spesso è sufficiente indossare guanti resi-L’efficacia dei dispositivi utilizzati più comunemente stenti ai solventi in buono stato.(senza il supporto di una ventola) dipende innanzituttoda un adattamento corretto alla forma del viso. Se la Il sito Internet www.2mani.ch fornisce consigli praticimaschera non aderisce perfettamente al volto, l’effica- per molte attività in merito ai pericoli e alle misure dicia diminuisce notevolmente. Pertanto, prima dell’uso prevenzione. Oltre ai suggerimenti per una cura corret-bisogna verificare che la maschera sia a tenuta stagna ta della pelle, sono proposti anche guanti di protezione(prova di tenuta). adatti alle necessità dei diversi settori industriali.I dispositivi dotati di un ventilatore di supporto – unventilatore attaccato alla cintura porta l’aria filtrata nella Da molti anni sono in vendita i cosiddetti guanti «liqui-zona di respirazione – possono rappresentare una so- di» o «invisibili». Queste denominazioni traggono inluzione, se per esempio la forma del viso, gli occhiali o inganno poiché si tratta effettivamente soltanto di cre-caratteristiche fisiche particolari (cicatrici o barba) non me di protezione che non possono sostituire in alcunconsentono l’uso delle normali maschere con filtro. caso i guanti di protezione appropriati.• Conservazione dei DPIGli apparecchi con filtri a carbone attivo devono esse- Nella scheda di sicurezza è indicato, a seconda dell’at-re conservati in un luogo pulito, affinché il carbone non tività, l’obbligo di usare un dispositivo di protezione persi saturi per semplice diffusione se il dispositivo rimane il viso (occhiali di protezione, schermo di protezione osul luogo di lavoro. I fabbricanti forniscono contenitori maschera integrale). Per proteggere il corpo, può es-o sacchetti a tenuta stagna per la conservazione di sere necessario indossare indumenti di protezione, perquesti dispositivi. esempio tute di protezione chimica con una durata di utilizzo limitata, grembiuli o stivali resistenti ai solventi. 29
  29. 29. 6  Materiale di approfondimento6.1  Supporti informativi della Suva 44013.i Sostanze chimiche nell’ediliziaSuva e di altre istituzioni Suva 44047.i Attenzione, nei recipienti vuoti attende in agguatoTutti i supporti informativi indicati in questa pagina la morte!sono consultabili anche nel sistema di ricerca e ordi- Suva 44067.inazione online della Suva (www.suva.ch / waswo-i). Come disfarsi dei rifiuti tossici?Per molti di questi documenti è possibile il download. Suva 44071.i Esplosioni. Pericoli e misure di protezioneSuva 1521.i (Una lezione sperimentale)Ordinanza del Dipartimento federale dell’interno sulle Suva 44074.imisure tecniche per la prevenzione delle malattie La protezione della pelle sul lavoroprofessionali, cagionate da sostanze chimiche Suva 66066.iSuva 1731.i Impianti di pulitura nei quali vengono riscaldatiOrdinanza concernente la prevenzione degli infortuni e o spruzzati liquidi infiammabilidelle malattie professionali nella verniciatura a spruzzo Suva 67000.iRS 734.6 Liste di controllo Suva per l’individuazione del rischioOrdinanza sugli apparecchi e sui sistemi di protezione e la pianificazione delle misureutilizzati in ambienti esplosivi (OASAE) DVD Suva 351CFSL 1825.i Napo in: Attenzione ai prodotti chimici!Direttiva Liquidi infiammabili. Stoccaggio e DVD Suva 365manipolazione Elettricità staticaCFSL 2387.i CD Suva 99065Impianti di distillazione per liquidi infiammabili Esplosioni – Pericoli e misure di protezioneCFSL 6508.iDirettiva concernente il ricorso ai medici del lavoroe agli altri specialisti della sicurezza sul lavoro 6.2  Ulteriori pubblicazioni(direttiva MSSL)Suva 1416.i • iverse D pubblicazioni della Commissione di espertiDirettive concernenti i lavori all’interno di recipienti per la sicurezza nell’industria chimica svizzerae in locali stretti (ESCIS)Suva 1469 (d / f) • rescrizioni di protezione antincendio (direttive AICAA) PSicherheitstechnische Kenngrössen von Flüssigkeiten • iverse brochure, fra cui Best Practice Guidelines. Dund Gasen European Solvents Industry GroupSuva 1903 (d / f) • iverse pubblicazioni dell’Istituto nazionale DGrenzwerte am Arbeitsplatz per la ricerca e la sicurezza (INRS) Parigi:Suva 2153.i - Guides pratiques de ventilationPrevenzione e protezione contro le esplosioni – principi   (Pubblicazioni dell’INRS Parigi)generali, prescrizioni minime, zone - Les réactions chimiques dangereusesSuva 11030.i   (ED 697 INRS Parigi)Sostanze pericolose. Tutto quello che è necessario - Les mélanges explosifs. Gaz et vapeurssapere.   (ED 911 INRS Parigi)Suva 11045.i - Les solvants organiques (ED 4220 INRS Parigi)Misure di precauzione nella posa di rivestimenti per - Recycleurs de solvants (ED 6047 INRS Parigi)pareti e pavimenti - Électricité statique (ED 874 INRS Parigi)30
  30. 30. • iverse D regole e norme: dotti chimici (International Programme on Chemical - Atmosfere esplosive – Prevenzione dell’esplosione Safety, IPCS), un’organizzazione collettiva dell’OMS,   e protezione contro l’esplosione – Parte 1: Concetti UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente)   fondamentali e metodologia (norma EN 1127-1) e ILO (Ufficio internazionale del lavoro), che pubblica - Recommended Practice on Static Electricity tra l’altro «le schede internazionali di sicurezza chimi-   (NFPA 77) ca» (International Chemical Safety Cards – ICSC). - Norma CLC / TR 50404 Electrostatics – Code of • stituto francese per l’ambiente industriale e i rischi I   practice for the avoidance of hazards due to static (INERIS)  electricity • stituto nazionale per la ricerca e la sicurezza (INRS) I • genzia francese per la sicurezza alimentare, la pro- A tezione dell’ambiente e del lavoro (ANSES). Ha il6.3  Banche dati internazionali compito di promuovere la salute nei settori dell’am- biente e del lavoro, valutando i rischi. In particolare,L’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavo- occorre menzionare il sito web specializzato dedicatoro (EU-OSHA) è impegnata a promuovere la salute sui alla sostituzione delle sostanze CMR.luoghi di lavoro in Europa, raccogliendo, analizzando e • ommissione per la sicurezza e la salute sul lavoro Cdivulgando informazioni sulla sicurezza e sulla salute nel Québec (CSST).sul lavoro. Si occupa anche della prevenzione degli in-fortuni e delle malattie. Banche dati specializzate: • ito web dell’INRS, argomenti «Fiches toxicologi- SQuesta agenzia rappresenta un punto di riferimento ques, «Solvants» e «CarAtex» (proprietà di gas,fondamentale per l’Europa in materia di sicurezza e vapori e polveri infiammabili ed esplosivi secondosalute sul lavoro. Nel suo sito Internet sono riportate la normativa ATEX).numerose informazioni e consigli sul comportamento • ito web dell’IFA (Istituto per la sicurezza sul lavoro Scorretto da adottare sul luogo di lavoro, nonché link dell 

×