279 rischi verso terzi

  • 76 views
Uploaded on

 

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
76
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione dei rischi per attività svolte presso terzi Edizione 2014
  • 2. Pubblicazione realizzata da INAIL Settore Ricerca Dipartimento Tecnologie di Sicurezza a cura di Raffaele Sabatino INAIL, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza CONTATTI INAIL - Settore Ricerca Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Via Alessandria, 220/E - 00198 Roma r.dts@inail.it www.inail.it © 2014 INAIL La pubblicazione viene distribuita gratuitamente e ne è quindi vietata la vendita nonché la riproduzione con ISBN 978-88-7484-379-4 Tipolitografia INAIL - Milano, aprile 2014 qualsiasi mezzo. È consentita solo la citazione con l’indicazione della fonte.
  • 3. INDICE LE ATTIVITÀ SVOLTE PRESSO TERZI .................................................................................................................................................................................................................................................................... 6 1.1 GLI OBBLIGHI E LE RESPONSABILITÀ ..................................................................................................................................................................................................................................................................... 6 1.2 LE ATTIVITÀ TIPICHE ............................................................................................................................................................................................................................................................................................................. 6 1.3 L’ACCESSO A “CASA D’ALTRI” .................................................................................................................................................................................................................................................................................... 7 1.4 IL RUOLO DEL DATORE DI LAVORO OSPITANTE ......................................................................................................................................................................................................................................... 8 1.5 UNA POSSIBILE TRACCIA PER L’INFORMATIVA DI PREACCESSO .................................................................................................................................................................................................. 9 I RISCHI SPECIFICI INERENTI LE ATTIVITÀ ESTERNE ................................................................................................................................................................................................................ 24 2.1 QUALI RISCHI? ...................................................................................................................................................................................................................................................................................................................... 24 2.2 L’INFORTUNIO IN ITINERE ........................................................................................................................................................................................................................................................................................... 26 2.3 L’AUTO COME ATTREZZATURA DI LAVORO ................................................................................................................................................................................................................................................ 27 LA VALUTAZIONE DEI RISCHI .................................................................................................................................................................................................................................................................................... 30 3.1 L’ART. 26 E IL DUVRI .................................................................................................................................................................................................................................................................................................. 30 3.2 LA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITÀ SVOLTE PRESSO TERZI ...................................................................................................................................................................................... 31 3.3 LA VALUTAZIONE DEI RISCHI NON NORMATI ........................................................................................................................................................................................................................................... 35 3.4 LA VALUTAZIONE DEI RISCHI NORMATI ......................................................................................................................................................................................................................................................... 41 3.5 INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ...................................................................................................................................................................................... 45 3.6 LE SCHEDE DI RILEVAZIONE DEI RISCHI: UN CASO ESEMPLIFICATIVO ................................................................................................................................................................................ 47 3.7 LA FORMAZIONE SPECIFICA DEI LAVORATORI ......................................................................................................................................................................................................................................... 60 3.8 I DPI SPECIFICI ...................................................................................................................................................................................................................................................................................................................... 63 LE BUONE PRASSI PER I LAVORATORI CHE OPERANO FUORI DALLA SEDE AZIENDALE ................................................................................................ 68 4.1 IL DOCUMENTO DELLA COMMISSIONE CONSULTIVA PERMANENTE ............................................................................................................................................................................... 68 4.2 UNA POSSIBILE APPLICAZIONE DELLE BUONE PRASSI ..................................................................................................................................................................................................................... 70 4.3 L’ESPORTABILITÀ DEL MODELLO .......................................................................................................................................................................................................................................................................... 78 BIBLIOGRAFIA ................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................... 79
  • 4. Le attività svolte presso terzi
  • 5. 1. La ad Es ne ruo Pa ne ris ris Su Qu ris ca La qu (ad lav In res La de 1.2 Ra 1 G a va em ssa el D otar are ella pet sulta ulle uan ulta dut a sit ind d es vora ogn spo a ne el D 2 app Gli alut mpim rap L il re l’ opp fas tto d ato con do a e ta d tuaz i, il s.: i ator ni c onsa eces L m Le res l l i l l l ob tazio men ppre l pr ’org por se d del risp nsid un spo dall’ zion DL iner ri an caso abil ssa man att sent le m le in il po le v le a le c bbl one nti c ese rota gan rtun di va le i pett dera lav osto alto ne è L m ren ndr o, la e n aria ndan tiv tano man nsta ost verif attiv certi ligh e d conn nta agon izza o r alut ndi to a azio vora o ad o, e è re and ti la ann a p nei c az nte, ità o at nute alla ven fich vità ifica LE hi ei nes a, in nist azio rich tazi caz al pr oni ator d u splo esa dan a ge no a prev con ion , ne tip ttivi enz zio ndit he e di r azio ATT e le risc ssi, nfatt ta a one iam ione zion roce che re s una osio a più nte n esti ad o vent fron e d ei rig pic tà t ioni ni e ta e le rice oni TIV e r chi è u ti, l’ attiv e az mare e d ni c ess e fo si re se one ù d non one ope tiva nti d di pr gua che tipic i (ex e i m isp rca (wit VITÀ es da uno ass vo d zien e l’a el r cont so. onda eca erie e, e elic n è e de erar a va del reve ardi e che xtra mon ezio a ne tnes À ES po pa deg se p dell ndal atte risc tenu ano a fu di cc.) cata ma ei ri re). aluta lav ent de sv a D ntag oni ell’a ss) STE ns arte gli e port a fu le d enzi hio ute o su uori ris ). a da i ce isch azio vora ivo lla t olte UV ggi di t mb . ERN Le ab de elem tant unz della ione , de ne u ta sed schi al fa erto hi d one ator co tute e fu RI, tecn bito E V e at ilit el D men te d zion a pr e s elle ello li as de, ch atto o de a in e de re in ord ela ori ved nici scie Valu ttiv à Dato nti c della ne p reve ulla pro ste spe inv he l o ch ell’a nter ei ri nvia dina del sed di p i di ent utaz vità ore card a fil prev enz a fa oce esso etti s viato l’att he i vve rfer sch ato ame la s de, para Ent ifico zion à sv di dine loso ven zion acol edu o te si b o d tivit l so enu renz hi re pre ento salu e q agra ti P o ne d 6 vo La e d ofia nzio ne. ltà re r esto basa dal tà c ogg ta a za d esta esso o co ute quin afo Pubb del r 6 lte avo el d a in nist con riten o di a, e pro com etto app dov a di o te on i e d ndi p 3.1 blic risc pr ro d.lgs ma tica nce nute i leg esse prio mpo o te plica vuti co erzi. l D ella pres 1) i chi p res (DL s. 8 ater a, ra ssa e d gge enz o D rta erzo azio alla omp L o a sic sso per sso L), 81/0 ia d app a da i vo e, r zialm DL a (ad o è one a pr pete ospi cure o sit att o te e l 08 e di tu pres al d olta iten men a sv d e sem de rese enza itan ezz ti di tivit erz la c e s. utela sent d.lgs in nen nte, volg es.: mpr lle enz a d nte za d alt tà s zi con m.i a d tan s. 8 vol do la gere inf re d nor za d el D cos dei p ri D svol nseg .. ella do 81/0 lta p che pre e u fortu dive rme di a DL stitu pro DL o te v gue a sa il p 08 più e s esen na unio erso e di ltre ma uisc pri ospi vers ente alute pern e s ap ia s nte spe o in o e sic att anda ce p lavo itan so t e p e d no s.m ppro sem pu ecif n it sp cure tivit ant pert ora nti: terz rog ei la into .i. a opria mpr bbl fica tine ess ezza à n e c ant atori zi ram avo orno al D ate e d icaz att re, so n a ne ei s he to o i. mma orat o al DL ed da p zion tivit ele non el s siti d rim obb azio tori l qu di a eff priv ne. à la ettro n co sito dov mane ligo one che uale avv fica vileg avo ocu onos osp ve i e se o pr e de e ve e de vale aci, giar orati uzio sciu pita pro em rima egli ede eve ersi, nel re il iva, one, uto, ante opri pre ario i e e , l l , , , e i e o
  • 6. 1.3 Pr So o m me Pe pre inc pe se Pr Ne de ac op Un po (ad am en ad Mi In lav ma dis ris Inf Il pre A un Si fun alm 3 L rem ono mo ede eralt ess cari er ca gui rogr ell’a ell’A qui pera na d osso dde mbie tro un isur line vora and spo chi form DL eac tale ’inf ritie nzio men L’ac ess da bili esim tro, so te cat amp to d ram amb Azie sire are dell ono etti enta van n inc re g ea ator dant sizi eff mati m cces e sc form ene one no: l u i l l cce sa dis ric mo d co erzi i di pion di e mma bito nda e, d e a le p o ins de ali e ni te cari gene ge re, s te, ioni fettu iva and sso cop mati e ch e de le m un e i ris le n le is ess scip ade dec ome i de un nam ven azio de a o a q lle prim sorg ll’at e in ecn icat eral ner si fa ogg i in uata pre dan o, m po, iva he ta elle misu estr schi norm stru so plina enti creto e già ei pr a v men nto one elle uni ques mis me ger ttivi ntrin nici, to d li di rale a rif gett ere a da elim nte, medi in c a b ale spe ure ratt ge me uzio LE a “ are ne o, r à ac rop verif nti a sis del ne ità p sti, sure con re d tà nse in dell’ i pr e, p feri to enti al D mina pr iant coll bene info ecif di p to d ener da oni a ATT “ca a p el T rico cce ri la fica amb mic ll’at ece pro tutt e di ndiz dal di eci. pia Azi reve per me del l’un DL o are iorit te la abo efic orm fiche prev el P rali risp amb TIV asa part Titol ndu enna avo a in bien co, a ttivit essa dut te le pre zion fatt pro Da ni in end enzi le ento DV nità osp tari a qu oraz cio d mati e re ven Pian e s pett bien VITÀ a d’ te, o IV ucib ato rato con ntal agli tà arie ttiva e no eve ni è to c odu ato nte da o ione atti o, ol VR à pr pitan am uale zion dei va ealt nzio no d spec tare ntal À ES ’alt in q V d bili a , la ori p ntra li, a i isp e a a os otiz enzi è la che zio che rrat osp e e ività ltre az rod nte. ent e fo ne pro dov tà e one di E cific e ne li. STE tri” qua del alle rim può add ad u pett attiv spit zie a one a co e in ne, e si ti, e pitan pro à fu ai zien uttiv te a ornis con opri vrà e su e le Eme ci es ell’A ERN ” anto d.lg pro man ò ris itto una tori vità ant affe e e ono un in i po ecc. nte. otez uori prin ndal va all’e sce n la lav con ulla e d erge sist Azie E V o so gs. oble nent sulta rio, pro e a pr te, i eren pro osce no s sta otre , è . zion i se ncip le, del effe e al a st vora nten bas ispo enz tent enda Valu ogg 81 ema te c are ad ova ai ve elim l la nti a otez enz stes allaz ebbe rac ne ede pi g alla l so ettua lav trutt ator ner se osiz za d ti ne a os utaz etti .08 atic casi tut d un a sta erifi mina vor ai p zion za d sso zion e o ccom e, s ene a v ogg azio vora tura ri in e, n deg zion dell’ egli spit zion a s e, che istic ttav n in atic icat ari rato poss ne p deg co ni, oper man svol eral valu etto one ator a de rel nell gli e ni g Azi am tant ne d 7 spe più ine ca c via r terv ca in tori di ore sibi pred gli a onte ma rare nda te li di utaz o te e de re le el D lazi e m elem gene iend mbie te p del r 7 ecifi ù in eren che rela ven n u deg co inca li ris disp amb esto nut e, in abile pre pre zion erzo ell’a e ne DL one mod men eral da o enti per risc ci o n ge nti la si ativa nto s n e gli E oord aric sch pos bien o ve tenz n ta e ch esso eve e d o, c attiv ece osp e ag alit nti a li ad osp i do l’es chi p obb ene a va pre ame su u difi Ent dina cato hi re te. nti e eng zion alun he l o a enzi dei che vità essa pita gli s tà e acq dott pitan ove sec per ligh erale alut esen ente un cio ti di ame o de elati e l’ gono ni e ni c l’att amb ione ris e so pr arie ante spe e ne uis tate nte gli uzio att hi n e, n tazi nta e am ma pu Co ento ell’e ivi a ind o a edil casi tivit bien e e chi ono ress co e, il cific elle iti d e ne , di ope one tivit orm nelle ione ad mpi acch bbl ontr o e effet al lu ivid a op izie , in tà s nti d igie ed sta so nos DL ci ri form dall’ ell’A cui erat e de tà s mati e fa e de un ia; s hina ico rollo e d ttua uog duaz pera e, i n co ia s di l ene d a ate terz sce L m isch me ’Az Azie i al tori egli svol ivi, attis ei ri DL si p ario , co o ec d’int azio o d zion are mp ond sem avo e de lle es zi, nze mand hi d che iend end dm so inte te v i la spe isch L ch pens for ome cc.. terf one di la ne ad iant dizio mpre oro el la con sam form e cu dan el s e p da a o m 10 no erv vers avor ecie hi d he d si, a rnito e ad facc di avor di ddet tisti oni e ef es avor nse mina ma ui si nte sito iù s osp spit 0.03 des ent so t ri ne e pr da in deb ad e o, a d es cia atti ro n risc tti c iche diff ffett stern ro d egue ate lizz i ac pe da si rit pita tan 3.98 stin ti in terz ei c revis nter bba ese ad u sem co vità nel q chi con e, e fico tuat ni a di c enti nel za u ccen rvie vis terr nte te; 8; ati sic zi cant ste rfer inv emp un t mpio on à pr qua inte n m ecc ltos ta c a q om i m lla v una nna ene sitar rann , is ad cure tieri da renz viare pio, tecn o u il r ress ale s erfe ans c.) se, con quel pet misu valu a pr ava. all re. no o truz ope ezza i te all’a ze ( e in a d nico na resp so t si tr eren sion e d ad giu lli p tenz ure, utaz roce . a s opp zion erar a; mp rt. 2 (DU n tra dei t o an scu pon terz rove nzia ni d dei es nta prop za d me zion edu stes port ni in re; ora 26 UVR asfe tec nali uola nsab zi de erà ali c dive ris sem me pri del ezz ne ura, sura tune nere anei del RI). erta nici ista a, a bile eve ad che erse schi mpio ente del DL zi e dei , di a di e in enti i l a i a a e e d e e i o e l L e i i i n i
  • 7. 1.4 Il D an È ins po È co sp un Co An lav inf op In all inf de Fra po ha Mi ad vita co A ott luo de Il ac Pe sp sia tut 4 I DL che il c stal onte anc mm ecia a m ontr nche voro form pera line ’atto form ei ris a i ossi anno nor uff a; mp tal tobr ogh elle DL cad erch ecif a ve tela Il r ma e qu cas lazi eggi che merc alis mac rollo e n o te maz a, pe ea d o d maz sch luo bili, o fo ri p fici, in porta pro re 2 i di nor di dere hé s fich erifi a de ruo and uan o, ione i, di e il c cial sti, m cchi o. el c erzi zion er t di p el s zion i gli oghi , fig ornit rob lad og ame opo 201 lav rme un e ne si c he n cato ell’in olo dant ndo com e, d i de cas i) c mon ina cas gra ni ne tras princ suo ni ot i pe ad gura to a lem ddo ni ent osito 3, voro e in n’Az el lu conf norm o a nteg de te è que me di m emo so d che ntat for o d ava ece sferi cipi o ing tten erm d el ano attre mati ove cas o d o, re ha o de ma zien uog figu me ca grità LE el D è in est già man olizi di la e co tori rnita di la ano essa irle o il gre nute ette eva i s ezz che i ris so, a te ece sta ella ater nda go d uri u det ausa à fis ATT Dat og i pr à s nute one avo on ), d a, d avor sul arie al l lav sso e in e di ato siti i atu e es sch do ene ente abili a pr ria d , s di la un p ttate a de sica TIV ore gni rest segn enzi e e orato pre di te di te rato l DL e su lavo vora o (q pre for risc ndu re e sist hi es ovrà ere, eme ito ropr di sa ost avor prof e pe ell’o a de VITÀ e d cas ino nala ione rim ori esen ecni ecni ori t L m ui ri orat ator quan ece rnire chio ustr e ap tono sist à c in p ente che ria A alut ien ro a filo er l ome el la À ES di L so i la ato, e, d mozi che nza ici i ci a tras man sch tore re o ndo eden e a o, p riali ppa o, e tent com par e, la e il Azie te e e l ad u di a p ess avor STE Lav l re loro , de di m ione e si a e nvi ana sfert ndan hi d e in ospi o gl nza l lav per , gl arec evid ti so munq rtico a C DL end e sic a s una col rev a a rato ERN voro espo o op ei l mod e, d i re pa ati alist tisti nte; dell’ tere te p i si a oc vora i qu i am cch dent ono que olar Cort L os da a cure sup pe pa, venz adoz ore. E V o o ons pera lavo dific di tra can arte per i pe i, gl ; qu am ess potr illu ccor ato uali mbi iatu tem o de e e re in te d spit anc ezz rem erso ha zion zion Valu osp sab a al ori a d asp no p cipa r un er r li ob ues bie sato reb ustra rron re i i de ent ure men ello esse n ca di C tant che za s ma ona a pr ne d ne d utaz pita ile l di in di im port pre azio na v iliev bbli ti d nte o. be a, a no a DP ebb ti os pos te, ste ere aso Cas te p a u sul l Co est reci deg di q zion ant per fuo app mpia to d sso one veri vi a ighi dovr e ne ess ad e al D PI a ono spe sso ne esso cu di e saz può una lavo orte, tran sat gli in quel ne d 8 e r la ori d palt anti di m o te e a fica amb i di rà p el q sere ese DL m appr o es edal ono l ca o o ura em zion ò ris pe oro , p nea to la nfor lle m del r 8 sic dei c to i, d ate erzi, fas a in bien info pert ual e in emp man rop sse ieri dov aso rdin de erg ne P spo erso . uò all’ a st rtun mis risc cure con pre i co erial sia si o co ntali orm tant e il form pio, nda riat ere , ec ver di ne d ell’o genz Pen nde ona ris ’org tess ni su sure chi p ezz nfini esso oibe li di a p ope ntra , ec maz to a pe mat il p ante ti. acq cc. acc pe di q ospi za. nale ere est pon gan sa ul la e ed per a e i ma o c enta ris er c erat add cc. zion attiv erso to a pian e in quis lad ced rso que tan e S pe tran nde izza Cor avo d ac att e la ate om azio ulta con tive ditto e, e s vars ona anc no d qu site ddov dere onal lli u te ezi r u nea re azio rte, ro m cco tivit tut rial mit one a e ntat in orio infin sui r si p le i he di e uant e f ve, e pe e c usua for one n in a, se anc one no ma rgim tà s tela i de tten e i di r ti a re , di ne, risc per in tr dai eme to s forn ad er a che alm rnire e IV nfor e lo che e. on o è s men svol a de ell’A ti t isol rifiu a liv par ma di chi l otte ras dip erge solta nite es attiv de ment e a V, c rtun o ste e pe occo suffi nti i te v ella Azie terz am ti p vello rti d anu ispe lavo ene fert pen enz anto inf em vità ebba te p al l con nio ess er orre icie imp vers sa enda zi (l ment eric o am di p uten etto orat ere ta d den a); o la form pio di m a a pres avo se che so è un e ch ente post so t alute a d lavo to i colo mm prod ntor ori e tivi dal dov nti d tutt a co maz o, i t man acce sen orat ente e d è le inf he e ch ti ai terz e de i ap ori n g osi, minis duz i pe e ve pre DL rà p dell tavi ono zion tecn nute ede nti in tore enza ove gat fortu vi s he l’ i fin zi ei p ppa di ene ecc stra zion er u erifi ese L os pres ’Az ia, osce ni le nici enz re e n og e le a n ess o a unio sia eve ni de prop rten cos ere c.). ativo ne ( un in icat nti spit sta zien in o enz e pi de zion esc gni e is . 42 e a a un o c la v ento ella pri nen stru , di o (f (ma nte tori nei tant re l da ogn a p ù d elle ne. clus am stru 264 acca na v che viol o da a più lavo nza. uzio no funz anu rve di luo te t la p osp i ca prev detta cas siva mbie uzio 47 d ade viola do azi ann ù ef ora . one, oleg zion ten nto Ent ogh utte prop pita aso vent agli se c me ente oni del ere azio oves one noso ffica atori , di ggio nari tori o su ti di hi di e le pria ante o, le tiva ate che ente e di sul 17 nei one sse e di o si ace i i o i i u i i e a e e a e e e i l 7 i e e i i e
  • 8. 1.5 No La ter ed 5 U In di p ota: a pr rzi; dizi La de de Un nfor pre rese la p ione a p ell’a ell’a a p ma eacc ente pred e 20 pres acqu amb pos tiva cess e n dett 13 sen uisi bien ssi a so on ta v te zio nte LE bil cos valu inf ne, nel ATT e t NE 3 DE stitu utaz orm p qu TIV trac ELL 327 ELL uisc zion mati res ale VITÀ cci PE L’A /13 LE P ce l ne è va so i la À ES a p ER I AMB 3 LI PRO la v è sta è il avor STE per N I LA BITO IND OVE valu ata sta DL rato ERN r l’i NOR AVO O D DO E D utaz ese ata L o ori s E V inf RME ORA DEL & P I CA PR A zion egu re ospi sara Valu orm E D AT LLA PIN AR RES “Ta AZIE ne d uita edat itan ann utaz ma DI C OR A C. NTO RICO SSO al d ENDA dei , a tta nte, no c zion tiv COM RI IN .T.U O S.N O SU O L’ dei t A “T risc late da de chia ne d 9 va d MPO NVI U. D N.C U E ’AZ tali TAL chi ere, allo elle ama del r 9 di p ORT IAT DI C C./T ELE ZIEN s.r DEI pe , se sc e in ati a risc pre TAM TI A CUI TAL EME ND r.l.” TAL r i econ criv nfor a pr chi p eac ME AD I AL L D ENT DA LI S. lav ndo ent rma rest per cce ENT ESE LLA DEI TI S R.L. vora o i c e azio are att ss TO EGU A C TA STR .” atori crite DL oni e la tivit o UIR CAU ALI RUT ri ad eri e de ne pro tà s RE, USA S.R TTU dde espo d ella ces opria svol A R. R.L. URA etti a osti data S ssa a at te v .G. ., ALI ad i al a 07 Sicu rie ttivi vers atti cap 7.12. rap in ità f so t ività pito .201 pida re fuo terz à da olo 3 3 a s elaz ri se zi a e 3. .r.l. zion ede eseg pag a ne e. guir g. 1 se ai re p di 1 egu risc pres 14 uito chi ssoo
  • 9. Tra I tr pro ido ric Gl ha ve fan Qu ist tro Ac Pre dis Dis ed rasf rasf ova one evu i op anno ico nno ualo ruz ova cce ese spo ispo dizi ferim ferim a di ei (in ute pera o d lo c o us ora ion l’ae ttaz enta sizi osiz n n a i n r a m f n r n f s è i i ione me men ca n fu ai f ator i ris che so e il tr i de erop zion arsi ioni zion non non atte indo non risp all’i man funz non risp non fare seg è ta in c indi e 20 enti nti s arico unzi fini ri s spe e sa e ai rasf ebb port ne al i de ni g n fu n es ene oss n ac petta nte nte zion n co petta n os e at gnal assa cas icat 13 sar o, e ione del ono etta arà sen feri ono to o ll’in el pe gen ma seg rsi sare cced are rno ner ne, orre are stru tten lare ativ o d ti ne LE ann e rit e d la s o st re util nsi me o es o il gre erso nera re o uire scr e gli der la o de rsi a att ere, la ire nzio e im vam di a ella ATT no e torn el p sicu tati le n lizza del nto sse por esso ona ali o us e fo rup i ev re a seg ei re a d rav sul seg con ne mme ment allar pla TIV effe no pes urez info norm ato pri o de ere a rto. o d ale d sare tog olo vent i re gna epa debi ers lle s gna n og ai c edia te v rme anim VITÀ ettua al l o d zza orm me sia ima ebba app dell di s e fia grafi sam tual epar letic arti ita are sca letic gge carr atam vieta e se met À ES ati, abo delle dai mati de a in a cit a e plica ’Az segr am ie o men li di rti, a ca e tra dist e su le u ca etti o relli men ato egu tria STE dal orat e at i res de el c n or tato sse ate ien rete me o rip nte spo ai m e n nsit tan ulle utiliz inte o ve ele nte ent ire seg ERN l lab tori ttrez spo ei ri codi rdin o co ere nel da, eria libe pres all osit mag on tare za stri zza erna eico eva ogn trar le gue PUN E V bora o L zza onsa sch ce ne e odic effe l tra re a pre ere se s e i ivi d gazz tran e n da sce are i a oli le tori ni a re n ind ente NTI D Valu ato La S atur abil hi co del e fu ce d ettu aspo egis ess se n stru di p zini nsit egl sc e pe il co e vi , no anom nei m dica e DI R utaz rio Sicu re, d li az onn lla unz della uato orto stra so la non uzio prote i, al tare i ap affa edo orrim ie d on s ma mag azio RACC zion La ura del zien nes stra iona a st o co o, m arsi, a re es oni ezio l’of e ne ppo ali, onal ma di fu sup lia o gaz oni d COLT ne d 1 Sic pid loro nda si a ada ant trad on a med , ri ecep spre de one fficin el ra ositi att li no uga pera o st zzin del TA IN del r 10 cura a s o vo ali. ai tr a e e, a da. altro dian tira ptio essa ell’a e ind na o agg pe rezz e s e le are tato ni l’ac N CA risc apid s.r.l. olum rasf di ai f o m nte v are on. ame cco divi o a io d erco zat alir e u la v o di ccom ASO chi p da s ., u me ferim ver fini mez veic e ente omp idua lle a d’az orsi ure e u scit velo pe mpa DI E per s.r.l tiliz , ec me rific del zo colo ind e a pag ale are zion co e e n g te d ocità rico agn EME att . al zzan cc.) nti care lla s (ad o su dos uto nat (DP e e ne d ontra da rad di si à d olo nato RGE tivit la d ndo ) co e is e, p sicu d es u go sar rizz tore PI) este dei ass org dino cur i 10 risc ore ENZA tà s dest o i m on le stru prev urez sem omm re zati e de forn erne car seg gan o all rezz 0 km cont o r A d svol tina mez e m uiti c vent zza mpio ma l’ap ell’a nitiv e se rrell nat ni d la v za m/h trat reca data te v azio zzi mod circ tiva a de o ae , da ppo azie vi e no i ele i da di tr volta to ars a 07 vers one di alità ca g ame egli ereo al la sito end on a eva a s rasm a i pr 7.12. so t ov mo à e gli o ente ste o, o abo o te da e acco ator egn mis res .201 terz e s ovim se obb e al ess o na rato ess e, d omp ri nale sion so 3 zi i de men econ bligh la t i op ave orio serin dov pag etic ne i p eve ntaz ndo hi c tras per e), le o al no; ve gna a a di unt pag eff zion o le che sfer ato e p luo se obb ti a pa ma ti d g. 2 fettu ne r istr gli rta, ri c rec ogo egu blig avim cch i ra di 1 uare riten ruzi ste ch che cede ove uire ato men hine acco 14 e la nuti ioni essi e il ne enti e si le orio, nto, e in olta a i i i l e i i e , , n a
  • 10. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 11 Organigramma della sicurezza dell’Azienda ospitante Funzioni aziendali in materia di prevenzione dei rischi sui luoghi di lavoro dell’Azienda Funzione Nominativo Telefono Datore di lavoro Marco Fagioli 065555566 Delegato del DL Giovanni Lo Cascio 065555564 RSPP Nicola Pepe 065815534 ASPP Marcello Giusti 065555566 Medico Competente Dott. Salvatore Rienzi 065412134 RLS/RLST Paolo Arpanelli 3342351134 Addetti antincendio Matteo La Farina 3381213356 Arturo Gioia 3474132678 Maurizio La Penna 3343344123 Paolo Dolci 3381212155 Fabio Trezza 3396781122 Antonino Marangon 3474569008 Addetti al primo soccorso Matteo La Farina 3381213356 Arturo Gioia 3474132678 Maurizio La Penna 3343344123 Paolo Dolci 3381212155 Fabio Trezza 3396781122 Antonino Marangon 3474569008 Piano delle emergenze aziendali .. omissis Piano di Emergenza ai sensi del Decreto Ministeriale 10 Marzo 1998 Estratto informativo .. omissis edizione 2013 data 07.12.2013 pag. 3 di 14
  • 11. Ris Da ch ed isch alle iam dizi hi g inf mati R R R R R ione gen form a p Risc Risc Risc e Risc Ris c isch Ri Ri R d e 20 era maz pres chio chio lav chio cad chio di chi con hio isch sch Risc da in 13 ali p zion star o inv o da vora o inv duta o ur ma o d n so ele hio hi m hi d nter LE pres ni a re la ves a sp azio ves a ca rti e ateri a co osta ettro inc mecc deri rfer ATT sen assu a pr tim ecif oni tim aric e cad iali onta anze ocuz end can van enz TIV nti n unte rop ent fich ent hi dut atto e zion dio nici nti ze VITÀ nell e d ria to he to a o ne À ES l’am al D atti STE mbi DL ività ERN ito d os à, s ca pr au a ca M P E V del spita i è Pa apan Am e au resc Car utom all’es arrip s De Li Mac Pres ditte Valu lle a ante des assa nno il tr dei bien esclu utori critte rrell mez ster onte S ia a de epos re nee P e cchin enz e es utaz are e, i sun agg ni, n rans veic nti c usiv izza e no i ele zzi c rno e in am Stoc all’in egli siti e esid e ele Pres mat ne e za d ster zion e d ner ta l i int nei q sito coli con vame ato e orm di s evat che deg ma mbie ccag ntern am e st dui d ettric sen teria ed a i lav ne p ne d 1 dell’ rent a p tern qua con e d acc ente e co me ig sicu tori circ gli a anov enti ggio no c bien tocc di la che nza d ali in attre vora per del r 12 ’Az ti i pres i ed ali no ntem delle cess e al on l’a gien rezz a fo colan mbi vra di la o ma che nti d cagg avor sot di p nfia ezza atori lavo risc zien risc senz d es on è mpor e pe so c per ado ico- za orch no a ent all’in avor ater all’e di la gio r razio tto t rodo mm ature i au ori i chi p nda chi za d tern è am rane erso cons rson ozion -san he e all’in i di nter ro riali este voro rifiut one ens otti mabi e di tono n ap per os de dei ni de mme eo ne sent nale ne d nitar ed a nter lavo rno erno o ti e/ e sione li lav omi ppa att spita ell’am seg ei esso tito e di rie e ltri no e oro; deg o /o e voro e/o alto tivit ant mb gue o e e gli o tà s te ient enti d svol te n fatt data te v nel tori a 07 vers qu di 7.12. so t uale risc .201 terz e i chio 3 zi lavo o: ora pag tori g. 4 sa di 1 aran 14 nnoo
  • 12. Ris Gl lo pro eff me Gl de pre Gl qu Gl cir Du att att str co co A so Qu pro pe Gl cir Pe se de pre lav ed isch i op sta otet fettu eno i op ebbo end i op ali i op rca uran tenz trez rum n la lleg tale llev ualo ovv erfet i op rca er le gui ei ris eve vora dizi hi s pera to d ttivo uata o, lu per ono dere pera sian pera l’ob nte zion zzat ment a po gam e s vam ora vede ttam pera l’ob e v to d sch enzi ator ione spec ator di c o, e a e uogo ato o ric e vis ator no ator bblig le o ni ture ti (m osa men sco ment i m eran men ator bblig varie des i (e one ri. e 20 cifi ri d ons ecc ten o co ri, chie sion ri d le e ri so go c ope nec e m mar a in to a po to p mezz nno nte ri so go c e fa crit eseg e e 13 ici l ebb serv c.), nuto ope al m ede ne d ovr eve ono che eraz cess obi rtine ope agli po prov zi d o, p fun ono che asi tte l guit pro LE lega bon vaz non o co erto mo ere del rann ntu o st e es zion sar li (t etti era str otran vvis di so prim nzio o st e es og e o ta s otez ATT ati no v ion nch onto ma me di e pia no ali v ati ssi h ni c ie rab idr de rum nno sti d olle ma d nan ati ssi h gget oper seco zion TIV alle verif e e hé l o d a no nto ess ano in p vie info han onn per batte raul ei ta ment o e di ce evam dell nte info han tto razi ond ne d VITÀ e at fica e la l’ab elle on p o de sere di s part di f orm nno nes r l’ elli) ici, asse ti di sse ertif men la m ai f orm nno del ioni do i da a À ES ttiv are, pul bbig e co prot ell’a e in sicu tico fuga mati di r se ’elim ) ne po elli i ac ere fica nto mov fini mati di a lle i a m crit attu STE vità pri izia liam ond tett arriv nform urez olare a da de rich con min eces mp per cqui uti azio sia vim del de app atti mag teri uare ERN da ma a) tu men izio to, l vo p mat zza e p al lu i ris hied n l’e azio ssa pe p r il f siz ilizz one ano ent la s i ris plica vità ggio es e, a E V svo a de utti nto oni a uog pre ti d a ev pren uog schi dere effe one arie per fissa ione zati, app di tazi sicu schi arle à ch or r pos i co Valu olg ell’in i DP in am go a sso dei vent nder go o i co e le ettua e d per il lo agg e e , sp pos pro one urez i co e rig he risch sti a onte utaz gere nizio PI i do bie all’e o l’A disp tual re v ove onne inf azio dei r op oro gio pro pec sita oprie e de zza onne goro gli hio, al c enu zion e in o d n d taz nta este Azie pos lme visio lor ess form one ris pera az deg ogra cialm in c età ella de ess osa op , co capi ti d ne d 1 n Az ella dota zion li o erno end sitiv ente one ro o si a maz e de schi are zion gli s am men cors de a st l su si a ame pera on l’ tolo della del r 13 zien a tra azio e a ve o e da o vi di e es e di oper lla m zion elle i c in q am stru ma nte so d el la tess uo im lla m ente ator ’avv o 3) a fo risc nda asfe ne a s la p priv ove i sic siste i qu rera ma i so pro onn quo ment me zion se di v abor sa a mpi ma e. ri d vert ) dis orma chi p a (v erta (sc eco prov vo d e do cur ente uali ann nca opra ove nes ota, to), enti ne e fo valid rato attr iego nca ebb tenz sce azio per vedi a, c carp ond va s di p ovra rezz e p sia o. ata a m di si co de di r del orni dità orio ezz o. ata bon za c ende one att i no he pe a a d sarà prote ann za a res ano oss menz car con on la elle rilev la p iti d . La zatu oss o e che era e sp tivit ota sia anti della à e ezio no o ado so le serv zion rico n l a m vas vaz prov dall a Si ura serv ese e so nno peci tà s a p no nfo a s effet one ope ottat lo s pos van nate o gli a movi sch zion va, ’Az cur da van egui olo a o le fica d svol pag dis rtun stag ttua e). erar ti a stes sizi nza e. i op mo me he p e d ecc zien rapi l la nza re a va e ind a da data te v . 1 pon nist gion ata re s all’in sso oni di q pera ovim enta per dei s c.. nda, da abor di q pre alle dica a er a 07 vers di 1 nibi tiche ne i (luo sec nter luo de que ator men azio il c seg , es s.r. rato que esso e de azio roga 7.12. so t 14) li e e, o in c ogo cond rno ogo elle este ri do taz one con gna sclu .l., orio este o l’ ella oni are .201 terz d in occ cui o pro do de . usc e dis ovra ion e p ten li e usiv gli o , a e dis Azi pre rela e a 3 zi n or hial la otet l’inc llo cite spo ann e d posa ime de vam ope ve spo end escr ativ ai D rdin li, g tra tto, car ste e di osiz no p del a in ento i ca men erat erific osiz da, ritta e a DPI pag ne ( guan asfe ris ico esso sic zion porr le n op o de avi e nte tori care zion ve a va alle da g. 5 (com nti, erta cal ric o lu cure ni e re t eve pera ell’a elet me inc e c ni e engo aluta mis for di 1 mpr cas vie dat cevu uogo ezza istr tutte entu a de acq ttric ezzi caric he istr ono azio sure rnire 14 resi sco ene to o uto, o e a e ruiti e le uali egli ua, ci di i di cati sia ruiti o di one e di e ai i o e o , e e i e i i , i i i a i i e i i
  • 13. Le co in fin I s dis Ne da Il c co Pe ce de La rec Le ab ria Si ca ed e pr mp ese e d sola stan el ca a rie cari nta er la ntra ella a ce can e fa bbas assu • • • • • ripo rico dizi rove porta erci i ve ai la nti d aso emp co atore a m alin gra entr ndos asi e ssa ume e c g p i t c e c m m d orta o de ione e d ame izio erifi ater dalla o in pire si d e si isu a, ande alin si m ese ame ersi effe coll grad pos indi tras cen effe con man mis dell ano el s e 20 i ca ent le car ro c a zo esa con disp ia in ra d i qu ezz na, mate ecut enti : ettua aud do sizio ivid sdut ntra ettua ntato nte sura l’an , a olai 13 aric o s str re il cem ona ame n ac pon n en deg uali za fi ela eria tive effe azio dare di f ona uaz ttor lina azio ore nut azio dam sco io”. LE co v otto uttu co men a ca e, la cqu ne in ntra gli s co isica abor alme e de ettu one e e finit ame zion ri d a; one d’ to s one men opo ATT ven o le ure, mp ntizi arica a za ua. P n m ata spos orre a. rand ente ella uate e d d e ura ento ne a i sp e de ’acq ino d nto o es TIV gon e az , al orta si ata avo PROV man che stam elan do e in a pr e co di s eseg ed o de all’in pos ella qua allo egl car sem VITÀ no e zion fin ame co for orra VA D iera e in men o la i se n pr rova on sopr guir d ev el se ntra stam pr a, s o st i a rich mplif À ES effe i di e d ento omp rnis a oc DI CA a un us nti v a v egn ross a d tras rallu re i vent erba ado men rova sia tab abb hi ce ficat STE ettu es di ve o d porta con ccor ARIC nifo cita ven varia nali sim di c sdu uog rili tual ato sso nto, a ca l’a ilizz bass edim tivo ERN ate serc erifi i un ano no u rren CO S orm a. ngon azio in ità d caric uttor go evi le p io s o de re aric ltez zars sam men o, le E V e su cizio icar n ele o co un c nte STAT e e no one rem del co, ri d pre ne pres sull’ el so lativ cand zza si d men nti d e sc Valu u el o: p rne em ome con per TICA e gra util e de moto com co i sp elim eces senz ’are olai va do d’ ei c nti dell ched utaz lem poss la ent e p ntrib r ma SU S adu izza ella o, e mp n z pos mina ssa za d ea in io d ins per acq ced ne la s de i zion ment son risp to s pias buto ater SPE uale ati t res evit ara zavo tam are ari: a di c ndiv dei p stall r st qua ime i p strut iner ne d 1 ti s o e pon strut stre o co rial ECCH e, q tras sist ta c atore orra men al alte cari vidu pun azi tep a ra enti pun ttur ren del r 14 trut esse nden ttura vin ollab izza HIAT quan sdut tenz che e e a c nto fin ezza chi uata nti ( one il s agg de nti ra. ti le risc ttura ere nza ale nco bora are URA ntifi ttor za e l’op di c cost e c ne a lib per a qu sui e in serb iun lla mo e fa chi p ali pro a al già olate and i ca A DI S ican ri po elet per con tituit cent di ber rma uale tra n op bato ta: stru onito si “ per allo ove le p à in e s do c aric SOLA ndo oten ttric rato nseg ta d trali pre ra a ane e st vet per oio, pe uttu ora app att o sc di prev ope u q con chi d AIO o co nzio ca o ore gue da ina end all’in enti; trisc tti) a ra a mi er c ra; ati pron tivit cop col visi era quat qu dist LAT on e ome o d deb enza acq di ere ntra cia a co a m isur cias e ntam tà s po d laud oni a. ttro ello tribu TERO esat etric el c bba a a qua acq e d ados di c onta mezz rand scu de men d svol di v do, pro o lat o pi uiti O CE ttez ci o cam a es l di a in quis iret sso cari atto zo do no eterm nto data te v verif da oge ti, e ù s di p EMEN zza o ind mpo seg sot n se sizio tta o de ico; o de di sia ste min de a 07 vers fica a eff ettu e p olle prov NTIZ il m dutt o m uire tto erb one vis el so ei qu sta a i l ep nazi el ca 7.12. so t arne fett ali, pert ecita va è ZIO med tivi, magn e le del ato e, p sion ola ual ativi itri il ione anti .201 terz e sp uar o p ant ato. è co des co neti e let so i e oss e d io, i me e imm car e, ere 3 zi per re p pro o, a . osti simo olleg ico ttur laio m son del tipo ette col mes rico in e pro ime prim ve anc ituit o ut gati alla re d o ca isur o p la olog ere lleg ssi, do te ova pag enta ma d di a che ta d tilizz ad a v diret arica raz pert stru gia a c gam a ovrà emp a” e g. 6 alm di m ana i t da v zan ap varia ttam ato! ion ant uttu di s cont ment me à e po “pr di 1 ent mett alisi trav vasc ndo ppos azio men ! i de to c ura sola tras to a ezzo ess rea rova 14 te il tere , al vetti che un sita one nte, egli così da aio, sto i alla o di ere ale, a di l e l i e n a e , i ì a , i a i e , i
  • 14. FaselavorativaOperazioneAttrezzatureEspostiRischio Approntamento delcantiere prova prelievo strumentazione dalmagazzino e movimentazione deimateriali carrelloelevatore, transpallet operatori addetti alleprove urti taglioabrasioni manipolazionedigas compressi movimentazione manualedeicarichi schiacciamenti,in particolareagliarti inferiori caduta,ribaltamentoe rotolamentodeicarichi investimenticonicarichi oconicarrelli, rotturaimbracature cadute conduzione automezzi autovetture,furgone incidentestradale trasportoemanipolazione digascompressi(es.:azoto) lombalgieetraumi causatidavibrazioni attivitàdicarico, sistemazioneescarico delleattrezzature preparazione dell’ambiente oggettodellaprova trabattello, carroponte,pompe, ecc. cadutadall’alto cadutadimaterialedall’alto esposizionearumore vibrazioni stress condizionidilavoro difficili esposizione afattoriclimaticiavversi ..omissis edizione2013data07.12.2013pag.7di14 1 LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 5
  • 15. Fa Pr asel rova del avor dic sola rativ carico aio va o po i t s e a e em abb pu osizio deis insta inop trasd spos colle allac effett della isura bass untim edi onam serba allazio pera dutto tame egam centra tuazi apro azion same moni izione mento atoi one dei ridi ento mento alina ione ova nede entin torat e2013 o o a egli nei ti 3 OOperrazioone ..omisssis tr attr ma Attre attre ma spe rabatt rezzi attr nuali pom da ezza ezzat anual ecific tello, manu rezza esp mpe,e ata07 ature ture ie he scale uali,e ture pecific ecc. 7.12.20 e e, ecc. che, 013 E o a p Espo opera adde allepr pag. osti atori etti rove 8di1 s s 14 m schia c scivol af cadu af scivol e con af tag mov manu accia caric amen urtoc e fattori cad utadi e fattori ele amen urtoc spos ndizio e fattori Risc ur lioa vimen ualed ment himo ntoo contr spos iclim dutad imate spos iclim ettroc ntoo contr izione stre nidi spos iclim chio rti brasi ntazio deica toda ovime cadu roost izion matici dall’a eriale izion matici cuzion cadu roost earu ess lavor izion matici oni one arichi parte entati utaa tacoli e avve alto edall e avve ne utaa tacoli umor rodiff e avve i edei terra rsi ’alto rsi terra re ficili rsi a, a, 1 LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 6
  • 16. 17 Norme generali da rispettare, all’interno dell’Azienda ospitante, da parte degli operatori l’accesso dei mezzi all’interno della proprietà dell’Azienda ospitante è consentito previa richiesta di autorizzazione; tutti gli automezzi autorizzati ad operare all’interno dell’Azienda dovranno circolare ad una velocità ridotta, pari a 10 Km/h, ed evitare eventuali danneggiamenti alle cose; l’attraversamento e la circolazione in luoghi con visibilità ridotta debbono essere sempre segnalati con avvisatori acustico/luminosi. Vige comunque l’obbligo di rispettare la segnaletica stradale e specifica presente. I mezzi dovranno stazionare e circolare in maniera tale da non creare intralcio alla viabilità o pericolo per le persone; negli spostamenti dovranno essere seguiti i percorsi eventualmente all’uopo predisposti, evitando assolutamente di ingombrarli con materiali o attrezzature. In ogni caso, sia per la circolazione pedonale che veicolare, all’interno dei reparti produttivi dovranno essere scrupolosamente rispettate le norme aziendali di sicurezza che ne disciplinano la circolazione; ogni lavoratore dovrà essere munito di tesserino di riconoscimento con fotografia, che dovrà sempre esporre in modo ben visibile; all’interno degli ambienti di lavoro vige il divieto di fumo e di consumo di bevande alcoliche e superalcoliche, che s’intende esteso a tutti gli operatori esterni, pena l’applicazione delle sanzioni previste e/o l’allontanamento immediato dall’Azienda da parte del Delegato del DL ospitante; tutto il personale impiegato nelle prove è tenuto ad osservare costantemente, in maniera scrupolosa, le norme di sicurezza, di prevenzione contro gli infortuni e d’igiene del lavoro; in particolare gli operatori dovranno utilizzare i DPI forniti adatti all’ambiente e al tipo di lavoro (tuta, guanti, cuffie, elmetto protettivo, imbracatura, ecc.) nelle modalità previste dal d.lgs. 81.08 e s.m.i.; in caso di situazioni di emergenza (es.: incendio, sisma, ecc.) gli operatori dovranno utilizzare le vie e le uscite di emergenza indicate dalla segnaletica esistente e dovranno attenersi alle indicazioni fornite dagli incaricati aziendali addetti alla gestione delle emergenze; gli operatori dovranno astenersi dal compiere qualsiasi intervento che possa pregiudicare la sicurezza o determinare impatti negativi sull’ambiente, di propria iniziativa e che comunque non sia stato preventivamente autorizzato dal delegato del DL ospitante; prima dell’inizio degli interventi si dovranno accertare la natura, l’efficienza e lo stato delle strutture interessate dalla prova, al fine di prevenire ogni possibile incidente al proprio personale, a quello del DL ospitante ed a terzi; è fatto divieto di lasciare in corrispondenza dell’area d’intervento, materiali ed attrezzi non custoditi da personale competente; è vietato altresì abbandonare attrezzature e/o materiali in posizioni d’equilibrio instabile o, qualora ciò fosse indispensabile, ne andrà segnalata la presenza avvertendo tempestivamente il referente del DL ospitante, per gli eventuali provvedimenti del caso; si fa presente che tutte le condutture elettriche presenti nell’ambito dell’Azienda ospitante dovranno sempre essere considerate sotto tensione elettrica; qualora gli operatori, per l’espletamento delle prove, si trovino a contatto con le condutture sopra citate, oppure debbano operare ad una distanza inferiore a quella di sicurezza, i lavori dovranno essere eseguiti solo in assenza di tensione secondo le norme vigenti; è fatto divieto di abbandonare i rifiuti, di qualsiasi genere e natura, presso i locali dell’Azienda; al termine della giornata lavorativa, o comunque dell’intervento, sarà cura degli operatori lasciare in ordine le aree oggetto del medesimo, mettere in sicurezza le eventuali attrezzature presenti, segnalandone la situazione di pericolo. L’area d’intervento, se presenta rischi, dovrà essere delimitata e segnalata opportunamente con cartelli ed eventualmente segnaletica luminosa. edizione 2013 data 07.12.2013 pag. 9 di 14 LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi
  • 17. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 18 Norme particolari da rispettare, all’interno dell’Azienda ospitante, da parte degli operatori All’occorrenza l’energia elettrica verrà fornita dal DL ospitante alle seguenti condizioni: 1. È stabilito un divieto assoluto di collegarsi in modo autonomo a qualsiasi linea elettrica e tantomeno di intervenire su quadri, pertanto gli operatori non potranno allacciarsi direttamente alle prese del DL ospitante, ma dovranno utilizzare un proprio quadro elettrico di tipo conforme alla norma CEI 17-13/1 dotato di interruttori automatici differenziali e magnetotermici. 2. Il delegato del DL ospitante indicherà il punto di presa. 3. Prima dell’allacciamento, gli operatori dovranno effettuare la verifica del coordinamento delle protezioni nel quadro e nelle relative utenze. Nel caso sia accertata la necessità di disporre di un differente sistema di dispersione a terra, questo dovrà essere realizzato in maniera autonoma previa comunicazione ed autorizzazione da parte del DL ospitante. 4. Occorrerà utilizzare unicamente prese e spine del tipo conforme alla norma CEI 23-12. Utilizzo di attrezzature di proprietà dell’Azienda ospitante 1. Gli operatori dovranno utilizzare attrezzature proprie. 2. Non potranno, in nessun caso, fare uso di servizi dell’officina, di mezzi elettrici o ad aria compressa, di gru, di paranchi, di sollevatori, di carrelli elevatori, di veicoli, di utensileria e di quant’altro sia di proprietà del DL ospitante. 3. In casi particolari potranno essere concesse in uso delle attrezzature previa espressa richiesta di prestito d’uso da presentare e da formalizzare per iscritto. 4. Gli operatori saranno responsabili dell’integrità e del corretto uso dell’attrezzatura durante l’intero periodo di prestito e dovranno osservare, oltre le disposizioni espressamente previste dal d.lgs. 81/08, le seguenti disposizioni: A. Verificare l’integrità e l’efficienza delle attrezzature ricevute in uso prima, durante e dopo l’utilizzo prima della riconsegna. B. Se ritenuti giustificatamente necessari, richiedere al delegato del DL ospitante eventuali interventi di manutenzione che si rendano opportuni per garantire l’efficienza e la sicurezza dell’attrezzatura. C. Riconoscere di esclusiva pertinenza e responsabilità l’osservanza di tutte le norme in materia di prevenzione infortuni che riguardano l’utilizzo dell’attrezzatura affidata, nonché la predisposizione di tutti i relativi approntamenti e cautele antinfortunistiche. D. Riconsegnare nello stesso giorno, prima della chiusura aziendale, le attrezzature avute in prestito se non diversamente concordato con il delegato del DL ospitante. E. Le attrezzature dovranno essere rese nelle medesime condizioni in cui sono state ricevute. edizione 2013 data 07.12.2013 pag. 10 di 14
  • 18. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 19 Per i lavori cosiddetti a caldo, comportanti l’uso di fiamme e comunque suscettibili di essere causa di innesco d’incendio (ad es.: saldatura elettrica e ossiacetilenica) si debbono adottare le seguenti minime precauzioni: 1. Fermo delle macchine e delle operazioni che producono polvere o materiali infiammabili che possono raggiungere l’area d’intervento. 2. I pavimenti e le zone circostanti all’area interessata debbono essere puliti e poi bagnati. 3. Tutte le aperture nei pavimenti nel raggio di dieci metri debbono essere sigillate per prevenire il passaggio di scintille ed i materiali combustibili che non possono essere rimossi debbono essere protetti con coperte antifiamma. 4. Un responsabile, equipaggiato con estintore, deve esser posto anche al piano superiore o inferiore se è possibile che le scintille raggiungano queste aree. 5. Circoscrizione della zona di saldatura con schermi protettivi ad evitare proiezioni di scintille o scorie incandescenti ed adeguata predisposizione degli impianti e dei recipienti, tubazioni su cui si deve intervenire. 6. Accurata posa degli impianti elettrici (in caso di saldatura elettrica) e controllo del buono stato dei cavi di alimentazione, alimentazione elettrodi e di massa. 7. La presa di massa deve sempre essere collegata in prossimità del punto da saldare, ad evitare che si formino scintille sul circuito di ritorno. 8. Nel caso debbano effettuarsi lavori con impiego di fiamme o produzioni di scintille lungo il percorso adiacente od in quota, dovrà essere isolata la zona di possibile proiezione delle scintille e si dovrà predisporre un incaricato per evitare il transito ai veicoli contenenti prodotti infiammabili o per avvisare di sospendere temporaneamente il lavoro di saldatura. 9. Ispezionare dopo trenta minuti dal termine del lavoro l’area d’intervento per riscontrare eventuali presenze di focolai (braci). Per i lavori all’interno di recipienti, vasche e spazi confinati si debbono adottare le seguenti minime precauzioni: 1. Le aperture di accesso debbono avere dimensioni (o diametro) sufficienti a garantire il sicuro passaggio degli operatori. 2. Il recipiente deve essere lavato e bonificato e non deve contenere sostanze o residui pericolosi, che possano pregiudicare la sicurezza nel corso dell’effettuazione delle operazioni previste. 3. Il recipiente deve essere isolato dal resto dell’impianto con inserimento di cieche e/o distacco delle tubazioni di ingresso ed uscita. 4. Le attrezzature all’interno del recipiente debbono essere sezionate elettricamente. La richiesta di sezionamento deve essere effettuata per iscritto al delegato del DL ospitante. 5. Su tutti i punti di scollegamento, intercettazione, sezionamento, ecc. di cui sopra dovranno essere esposti avvisi con l’indicazione “Divieto di manovra - Lavori in corso all’interno del recipiente". 6. Predisporre adeguate e sicure opere provvisionali per l’acceso e l’ingresso al recipiente in modo tale da rendere sicuro ed agevole sia l’ingresso che l’uscita dal recipiente oltre che per facilitare un eventuale intervento di soccorso. 7. Dotare il personale incaricato a tali lavori dei mezzi e indumenti protettivi idonei ed accertandosi della loro funzionalità ed efficienza (ad es.: autorespiratore, cinture di sicurezza, funi, ecc.). 8. Controllare prima dell’inizio dell’intervento l’atmosfera all’interno del recipiente al fine di verificare che ci siano le condizioni per lavorare in sicurezza. 9. Assicurare un’adeguata ventilazione durante tutto il lavoro. 10. Il personale che entra deve sempre essere assicurato con una cintura di sicurezza e funi uscenti dall’imbocco di accesso a porta d’uomo in modo tale da permettere il rapido recupero dell’addetto in caso di necessità. Inoltre, detto personale deve usare ed indossare i mezzi di protezione prescritti. 11. Esternamente al recipiente si deve trovare una persona in grado di estrarre il lavoratore che si trova all’interno dello stesso. 12. Detta persona dovrà sorvegliare costantemente, anche con richiami, le condizioni di chi lavora all’interno. 13. E’ inteso che le operazioni non potranno essere svolte in forma isolata da un singolo operatore. 14. Le apparecchiature elettriche per l’illuminazione localizzata o che si utilizzano all’interno dovranno essere alimentate con una tensione che non deve superare i 50 Volt verso terra e sia derivata da un trasformatore di sicurezza. 15. Le lampade elettriche portatili dovranno essere alimentate con non più di 25 Volt verso terra. 16. Colui che sovrintende ai lavori dovrà rendere edotto il personale degli eventuali pericoli, delle cautele da adottare, e dare chiare disposizioni per il regolare e sicuro svolgimento del lavoro. edizione 2013 data 07.12.2013 pag. 11 di 14
  • 19. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 20 Per i lavori in altezza si debbono adottare le seguenti minime precauzioni: 1. Le opere provvisionali quali ponteggi od impalcature dovranno essere allestite a regola d’arte ed essere proporzionate ed idonee allo scopo ed essere conservate in efficienza per l’intera durata del lavoro. 2. Le zone sottostanti alle impalcature od ai lavori in quota debbono essere sbarrate e munite di cartelli indicatori che vietino il passaggio e indichino l’obbligo di uso del casco. 3. Non bisogna lasciar cadere, né tanto meno gettare, alcun oggetto al di sotto. 4. Le opere provvisionali andranno rimosse una volta cessato il loro utilizzo. 5. Le strutture provvisionali debbono essere opportunamente segnalate se realizzate in posizioni poco visibili come nel caso, ad esempio, dietro angoli di edifici, nascoste da parti di impianti come silos o tramogge, ecc.. Per i lavori di sflangiatura ed apertura di condotti si debbono adottare le seguenti minime precauzioni: 1. Informarsi presso il delegato del DL ospitante sulla natura dei liquidi o dei gas contenuti. 2. Richiedere al delegato del DL ospitante che la zona interessata dall’intervento sia opportunamente evacuata e/o sezionata, assicurando l’interruzione del normale flusso del liquido o del gas. 3. Indossare indumenti protettivi adeguati alla natura della sostanza contenuta. 4. Eseguire la sflangiatura con le dovute cautele, lasciando in presa almeno due bulloni opposti ed allentandoli poi gradualmente, tenendosi in posizione defilata da possibili spruzzi, finché eventuali residui di liquidi o di pressione non siano scaricati. 5. In caso di liquidi che possono determinare un impatto ambientale, il deflusso di questi residui dovrà essere opportunamente fatto confluire in un contenitore per evitare la sua dispersione sul pavimento o sul terreno. Per l’opportuna gestione di questi reflui si dovrà consultare il delegato del DL ospitante. 6. Dette precauzioni dovranno essere adottate di volta in volta allo specifico lavoro da eseguire ed eventualmente esser integrate con altre anche nei confronti di terzi che possano trovarsi a passare o operare nella zona di lavoro. edizione 2013 data 07.12.2013 pag. 12 di 14
  • 20. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 21 Istruzioni ambientali 1. È fatto assoluto divieto allo scarico in acque superficiali di qualsiasi refluo diverso da acqua fresca, intendendosi per tale quella non addizionata di alcunché. 2. Si sottolinea la fondamentale premessa che i rifiuti generati nel corso delle attività commissionate a seguito dei lavori da eseguire od eseguiti rimangono di esclusiva competenza del produttore. Sarà, quindi, cura di quest’ultimo assumersene gli oneri in termini di stoccaggio temporaneo, trasporto, smaltimento o recupero secondo la normativa vigente. 3. Inoltre, è fatto assoluto divieto di abbandono e di deposito incontrollato, sia a contatto diretto del suolo che non, di qualsiasi rifiuto, intendendosi per tale qualunque sostanza od oggetto rientrante nelle seguenti categorie: A. Prodotti contenenti amianto, PCB, ecc. B. Prodotti scaduti C. Sostanze accidentalmente riversate, o perdute o aventi subito qualunque altra alterazione accidentale, compresi tutti i materiali, le attrezzature ecc. contaminati a seguito dell’incidente in questione D. Sostanze contaminate od insudiciate in seguito ad attività volontarie come ad esempio residui di operazioni di pulitura, materiali d’imballaggio, contenitori ecc. E. Elementi inutilizzabili come ad es. batterie, pile, catalizzatori esauriti, anodi di saldatura, ecc. F. Sostanze divenute inadatte all’impiego come ad es. acidi contaminati e non, olii minerali ed idraulici esausti od emulsionati con acqua, solventi contaminati e non, ecc. G. Residui di processi industriali quali ad es. scorie di saldatura H. Residui di procedimenti o processi antinquinamento come ad es.: fanghi di lavaggio dei gas, polveri da filtri dell’aria, morchie da filtri per olio, filtri usati ecc. I. Residui di lavorazioni e sagomatura come ad es. trucioli di tornitura o fresatura, sfridi da lavorazione dei metalli ecc. J. Residui provenienti dall’estrazione e dalla preparazione delle materie prime come ad es. residui di cemento o loro componenti non utilizzati ecc. K. Sostanze contaminate come ad es. olii minerali ed idraulici contaminati. L. Qualunque sostanza o prodotto la cui utilizzazione è giuridicamente vietata (N.B.: il prestatore d’opera esterno, nel caso debba impiegare tali sostanze nelle proprie lavorazioni, deve preliminarmente informare il referente ambientale di Stabilimento sulla natura e sulla quantità dei prodotti che sta introducendo nonché fornire le dovute informazioni e le motivazioni al suo impiego all’interno dello stabilimento). M. Prodotti di cui il detentore non si serve più come ad esempio scarti di officina, di ufficio, materiali di demolizione ecc. N. Materie, sostanze o prodotti contaminati provenienti da attività di riattamento dei terreni. O. Residui di produzione e di consumo in appresso non specificati come ad es.: olii anche nuovi, sostanze chimiche varie, componenti meccanici di macchine non più utilizzabili, attrezzature non più impiegabili ecc. P. Qualunque sostanza, materia o prodotto che non rientri nelle categorie sopra elencate. 4. È fatto assoluto divieto di accensione di fuochi o di creazione di fonti di possibili combustioni per effetti indotti o diretti di qualsiasi sostanza, legno incluso. 5. È fatto assoluto divieto di sversamento, di riempimento di serbatoi, cisterne, contenitori interrati o fuori terra, vasche di contenimento e cisternette, siano esse vuote o parzialmente piene, di proprietà del DLC con sostanze e materiali di scarto o di esubero derivanti da attività di lavorazione, interna ed esterna, da parte delle maestranze delle Ditte esterne. 6. È fatto divieto d’impiego di attrezzature e macchinari che producano inquinamento acustico, ovvero non conformi alle normative costruttive attuali e comunque che non diano garanzie di rispetto dei limiti normativi in vigore e pertanto debbono risultare conformi al rispetto di quanto stabilito dalla legislazione sul rumore esterno. 7. I valori limite d’immissione di rumore debbono pertanto rientrare entro i limiti di emissione fissati dalla vigente normativa che possono essere richiesti al Delegato del DL ospitante. edizione 2013 data 07.12.2013 pag. 13 di 14
  • 21. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 22 Del contenuto di questa informativa sono stati informati tutti gli operatori abilitati allo svolgimento delle mansioni di cui al titolo della medesima. Agli stessi operatori è stata consegnata copia dell’informativa, firmata dal DL del Laboratorio della Sicurapida s.r.l.. Gli stessi operatori hanno controfirmato per ricevuta. Ogni variazione dell’informativa (aggiornamento, modifica, ecc.) deve essere redatta (in revisione 1, 2, ecc.) e consegnata agli operatori, previa informazione adeguata. Spett.le DL . Oggetto: prove di carico su elementi strutturali presso l’azienda “Tal dei tali s.r.l.” Il sottoscritto , lavoratore incaricato dell’esecuzione delle prove in oggetto DICHIARA a) di aver ricevuto la presente informativa; b) di aver letto, compreso ed accettato la medesima in ogni sua parte; c) che osserverà quanto nella stessa prescritto. In fede ________________, li ___/___/___ Il lavoratore _________________________________ edizione 2013 data 07.12.2013 pag. 14 di 14
  • 22. I rischi specifici inerenti le attività esterne
  • 23. 2. Il D la In em po int ca co In ne de us Si La pe Il t un so err La Al co 1 Q DL form pa merg ortat tern lore ngi og eces elle cite pos 1 2 a fas ertan tras ’ap gge rori a fas a b pe ntro Qu ma maz rtic gen tili, ne d e, unt ni c ssa rela e di sso . i . l se nto sfer ppro etti e/o se 1 ) p ) f rso olla ali nda zion ola nza num di so intr tivite cas rio ativ sic ono il tra l’es di t , si ime ossi agl o im 1, e pre fasi nal are c ris ante ne e re, ge me occ rodu e, d so, info ve in cure ind asfe ecu tras ritie ento ma li ef mpru even par i in e in che sch e ha e in i la ene ri d cors uzio disto prim orm ndic ezza divid erim uzio sfer ene o su azio ffet ude ntua razi itin n qu e il m LE hi? a l’o nfor avo erica di em so, one ors ma mars caz a, d dua men one rime e op ul p ne tti d enze alm one ere ues mez ATT ? obb ma orato a (m mer VV e d ion di si e ion disp are, nto de ento ppo post no dell’ e. ment e de e. stion zzo TIV bligo zion ori mis rge .F., i s i, fe imp pre i e posi in o sul lle o s rtun to p on r affa te, ella ne, o as VITÀ I r o di ne deb sure nza , ec sche erite pos end pre tivi occ pos dive ul p no a può rilev atic può str pri sseg À ES risc i inf ai p bbo e p a e cc.) egg e ed stare ere escr di a casi sto erse pos ana ò es van am ò es rum ma gna STE chi form prop ono rec cap e d ge, d em e l’ e ac rizio alla one e r e a sto alizz sse nte ent sse ment a di ato p ERN i sp mar pri l es cauz pac di p as mor atti ccur oni: arme e di rien ttivi rap zarl re a in to p re e tazi eff per E V pec re i avo sser zion cità prim ssid rrag vità rata div e, a att tro ità. ppre a in ana qua psic esa ione fettu il s Valu cif lav orat re f nali di mo s dera gie, à in a vis viet acce tivit in s esen ndip alizz ant cofis amin e e uare serv utaz fici ora tori form , co com socc ame ec n un sion ti, a ess à la sed nta pen zato o, sico nata de e il vizio zion in atori rife mat ono mun cor ento c.). n a ne d avve so m avo de ( un nden o co nel o co a in ll’au se o ris ne d 2 ere i su erita ti ci osc nica rso o, mb dell ertim mez rati risc n el ntem ong la on n du utov rviz sult del r 24 ent ui ris a ai rca enz azio me con ien a d men zzi d ve chio em me giun fas con ue m veic zio ti pe risc ti le sch ris a i c za one edic nge te dislo nti, di s ese o d’i ent nte ntam e d nseg mom colo in e erfe chi p e a hi sp chi com dei pe co (f lam (off ocaz pre occ egu inci to c da men di r gue men o; este ettam per atti pec ogg mpo m er m folg men ficin zion escr cors ite iden com qu nte rien ente nti d erno men att vit ifici get orta ezz mes gora to, na, ne d rizio so, pre nte mun uello al ntro e au da v o, s nte tivit tà e i de ttiva me zi d sag azio in lab del oni, ecc esso stra e a o ch rien , g ume valu sare fun tà s est ell’a ame nti di e ggi one tos bora la s sa c.. o te ada a tu he s ntro li o ent utar ebb nzio svol ter attiv ente da esti di e , fra sica ator segn alva erzi, ale) tte sarà o in ope o d re s be o ona te v ne ità; e ris ten nzio eme attu azio rio, nale atag , du ; le à lo se rato delle sepa oppo nte vers eg sco ner one erg ure, one loc etic ggio ue fa atti o sc ede; ori e p arat ortu ed so t gli d ontra re in e e enz us e e cale ca d o o asi ività copo ; ta son rob tam uno d eff terz eve abil n c im za, stion e/o e te di si soc di l à sv o de le s no babi men o att ficie zi e in i ne caso mpie chi ni o as ecno cur ccor avo volt ella sce gen lità te: trib ente oltr ei v o d ego iam o es sfiss olog rezz rso oro: te in a tra elta ner di uire e. re a ari ’inc o di mata spos sia gico za e , vie : n e asfe rap ralm com e l’o assi am cend es a sq sizi da o, e e sa e d este erta ppre men mm obb cur bie dio stin qua one a g ecc. alut i fu erno . ese te mett bligo rare enti. ed ntori dre e al gas, .) è te e ga, o e, enta più tere o di e d i e l , è e , , a ù e i
  • 24. Co Un pe po Int ve po Ov qu Si alle pro ne ome a b c) d na v erico ossi trod rific osso vvia alit ram e n ovv ei co e ve ) l ) l ) l ) l volt olo bile dotte care ono ame ativ mm orm vedi onfr edre l’ind l’ind la v l’ind ta q ha e sta e le e, s o co ente vo s ent me d me ront emo divid divid valu divid qua di abil e m ebb nsi e n su q ta c di s enti ti de o ne dua dua taz dua ntif tra lire misu ben der nel que che sicu org el la LE el c azio azio zion azio icat asfo un ure ne s rare crit llo q ne urez gan avo ATT capi one one e d one ti i orm ord di solo e rid terio qua l do zza izza orato TIV itolo de de dei r de risc ars dine pre o in dott o d anti ocu ma ativ ore VITÀ o se i pe i ris risc lle m chi, i in e di even via i a di s tativ me a so vi e , du À ES egu erico schi chi; mis ind n ev gra nzio teo live stim vo. ento olta pro uran STE uent oli; i; sure divid ven and one oric elli a ma o di nto oce nte ERN te, e di dua nto dezz e ca, s acce su va o ev edur l’es E V per pre ati t inc za e pro se, etta gge luta vent rali serc Valu r og eve tram ide e di otez a s abili erito azio tual (pr cizi utaz gni f nzio mite nta i pri zion segu i. o, one li in revi o d zion fase one e la le e iorit ne, uito per de ndic sti ella ne d 2 e de e e rel e l’ tà d tram o de raltr ei ris cazi dal a m del r 25 ell’a pro lazi ent deg mite ell’a ro a sch oni le n ans risc attiv otez one tità li in e la attua ass i no de nor sion chi p vità zion e es de nterv a va azio sai on s i ris me ne. per in e ne. sist l da ven alut one pru son sch di att este tent ann nti d tazi e de ude no c i re sic tivit ern te f no c di m one elle ente con esid cure tà s o s fra che mitig e de mis e e sen dui c ezza svol i do la p e pu gazi el r sure ca ntite che a e te v ovrà prob uò ione risc e di aute e se , no di vers à pr bab con e da chio i tut elat egn ono buo so t roce bilità nse a a o re tela tivo nala osta ona terz ede à ch gui ttua sidu a, i r o, p azio ante a pr zi ere he re are. uo, risc prev ni d e l’a rass con un all’o . si chi i vale di in app si) p n: det ope pot ndiv e l’ nos lica per term erat trà vidu ele sser azio ma min tore qui uat me rvan ne ngo ato e, è indi i si ento nze dei ono o è i o e i o
  • 25. 2.2 L’i ch de L’i In ne L’i ne La ne Ini av Pe rito Pe ne Si ad ma L’a un L’u es co Il c Le ec 2 nfo e a eriva nfo ent ell’in nfo eces a L ella zia ven er p orno er q eces co es anc ass me utiliz sen mp citat • • • e ev cez o o o L’i rtun avvie a un rtun tram nfor rtun ssa Legg cop lme nuto pote o) e que ssa onsi sige cata icur ezz zzo ndo porta to d d t o c c i d n d vent zion i i m e c a p l nfo nio ene na l nio mbi tun nio riam ge, pert ente o du er e effe sto rie, der enze a os razi zo p o de ovi ano d.lg dur tute o in com cui inve dur nel dur tual ne d inte inte mec esig com acc pen le b ort sul e pe lesi sul i ca io s in men co tura e, in uran esse ttua mo l’as rano e es sser ione priva el m line o ec s. 3 ant ela g n qu mple la p ece ant cas ant li in dei erru erru cca gen mun com nalm brev un lav er la one lav asi, sul n it nte on a as nfat nte ere ato otiv ssic o ne sse rvan e c ato mez ee p cces 38/0 te il gli i uell ess par e pu te il so d te l’a nter seg zio zio anic nze nem mpag men vi so LE io voro a co e, o voro , il l lavo tine per il d ssic tti, l’at e ind per vo, cura ece enzi nza copr a p zzo pub ssiv 00 t no info i di si re rte n uò fa no di ra abit rruz gue ni/d ni/d co, es men gna nte oste ATT in o, c osid o un o de lavo oro ere rco d.lg cura un ttivi den r re se azio essa ali e a co re patto priv bblic vo d tute orm ortun i pr esid non are orma app tua zion nti devi devi chi ssen te are rilev e ch TIV itin che dde na m eve orat la è rrer s. ativa lav tà l nniz ecar il l one arie e im ostit anc o ch vato che disa ela c ale ni o ropr enz n ha in t ale port le p ni e cas iazi iazi usu nzia ap i van he n VITÀ ner pre etta mala e es tore cau que re p 38 a ch vora avo zzat rsi s lavo e ob e le mpr tuis che he o è e di agio com pe occo rietà zial a po tali pe ti di perc de si: ioni ioni ura ali pre figl nti ( non À ES re eve cau attia sser e, in usa el per /00 he v ator orat to, sul orat bblig inte roro ce l’in que co i co o al me i rco orsi à co i co oss am rco lav cors evia i eff i n de e i ezza li a ad n alt STE ede usa a, c re d n oc de par rec 0, ha vien re c tiva l’in lavo tore gato erru ogab rea nfor esto onse ollo lav info orso i en om on le sibil mbit rso voro so p azio fettu ece ella imp ati a s es. tera ERN pe a vio che disti cca lla rtico cars a e ne f che a (ad fort oro e e oria uzio bili ato e rtun o ut enti ocam vora ortu o di ntro une e re ità i); o ch o pl per oni uate essi str pror da scu : pr ano E V r Le olen ren nto sio ma olar si su esp forn e su d es tuni . ffet a no oni e o a e vi nio tilizz ito men ator ni in an l’a e, q elat dire he il urim la c del e in itate rada roga lla ola rest o le Valu egg nta, nde o da ne latt re ul lu pres nita ubiv s.: u io d ttua on c e le all’a ene qu zo s qua nto, re in n iti dat bita qual tive etta lav mi; con l no n att e o a s abil co p tare con utaz ge u , in e ne alla del ia d inf uog ssam da va un dev a de cop e d dem e pu and sia and , no n re iner ta e azio i le co a di vora nsum orm tua oss olita i, l ollet prim e so ndiz zion una occ eces ma lo s dev fortu o d men ll’IN un con ve a elle rirà evia mpi unit do nec o m on elaz re q e rit one e sc mp inc ator maz male zio sia ame a n ttivit ma occo zion ne d 2 a tut cas ssa alatt svo e e unio di la nte NAIL inc ndu avv int à l’e azio me ta d il l ces man con zion que torn o i cale pone cide re d zion e pe ne do ent nec tà del orso ni d del r 26 tela sion aria tia p lgim sse o c vor p L. cide cen eni erru even oni ento dalla avo ssar ncan nse ne a lli v no d n lu e ed enti ere dev ne d erco di u ovut e p cess (ad ll’or o a i ris risc a as ne d l’as prof men ere che ro. rev ente nte re uzio nto qua o di a le orat rio. no ento alle verif dall uog d i c i str per ve fa dei orso una te perc sità d e rario vitt schi chi p ssic dello sten fess nto una e i isto e st di a all’i oni les and obb egge tore me ono esi fica ’ab hi d cor rutt r es are pas o n dir a c cors à di es.: o d time io. per cura o sv nsio sion del a ca l la o c trad auto inte del ivo do s blig e pe e no ezzi la gen atisi itaz di es rtili ura sclu pe sti q on retti cau sa, i as so di e d’ att ativa volg one nale lav aus avo che dale obu erno tra . son ghi p ena on pu pu nze : zion sclu con ali; c der er re qua rie va usa ne ssol odd lav ’inc tivit a m gim da e, d voro sa v orat l’i e ve us o o d agit no d pen ale. util ubbl ntu e di ne a usiv ndo ciò re o eca alor ntra del di eces ver disfa oro cide tà s medi ment al la detta o, c viole tore nfo eniv o di el n tto dov nalm lizz ici c ale vita al p va p min in q o rid rsi a n ano DL i fo ssit re d acim o) o ente svol iant to d vor a a cont enta e s ortun va cam norm o d vute men a i che pr a fa post prop nial qua durr da on o ne L; orza à d dov men o n e str te v te l’ dell’ ro p nch trae a. sub nio tute mio mal delle e a nte me e se rese amil to d prie i, il anto re i un esi ella a m di af veri nto nell rada vers ’INA atti per p he t e un isce in elat on, e e p e d ca rilev ezzi ervo enz iare di la età d po o si ris luo sta a co mag ffro fa di l’ad ale so t AIL ività più tecn na m e n it to s ecc perc evi aus van i pu ono za s e. avo del orto dev schi ogo a un ope ggio onta amil i e dem ); terz , è à la di t nop mal nel tine solo c.). cors azio e d nti, c ubb o la sul ro ( lav ne ve t d’i di a m ertur ore are iari esig mpim zi que vor tre patia latti tra re o se so ( oni, di fo cioè blici tra luo (son vora di c tratt nci lavo men ra a (a un , s enz men ella rativ gio a. ia d gitt sia e q (di , ch orza è o e atta ogo no e ator cas tare den oro nsa ass ad ma oci ze nto a cir va, rni. del c o c a c ques and he n a m bbl si a op o di esc re a sa o e di nti, o ad azi sicu es. alor ali fisi di rcos dal cor he com sto data non mag igh avv pur la clus assi o i v i luo cos d un end urati .: g re) e iolo ob stan qu po de mpre fos a e n so ggio i la vale re, vor si da cur vial ogh sa c n al dale iva gua o mo ogic bbli nza uale ma eve eso sse e di ono ore, cui e di pur ro o alla rato i di hi in che tro, e. ad asto per orali che, ighi a e a e o e i o , i i r o a o i n e , d o r i , i
  • 26. L’a ne lav no ec L’i sia az sia me so ma Si inf ne de So ve ab 2.3 Le es ste Si lav un Il d l’o pre In ass eces voro on p c.). nde a p ien a pa ezz sta anc seg fortu ei lim ell’in ono nga bitua a) b) c) 3 e sta iste esso riti vora ’att d.lg bbl ese tale icur ssita o; in pote enn erc dal artic o p nze cato gna unio miti nizio sta a in alm ) v ) d s ) a L’a atis e, in o n ene ativ trez gs. igo enti e co i i razi ato nco er e izza corri e e cola priv e al o po ala, o av i so o de ati q nvia ent dur vice dur svo all’in aut stich nfat um e p o, i zzat 81/ di e, p onte il ris il ris ione l’u ongr esse abil ibile estra arm vato lcol osse da vve opra ella qui to a te p ran eve rant olta inte o c he tti, a ero perta n u tura /08 val pert esto sch sch e o so ruen ere lità e a ane ment o. S ich ess a ult enut a d mi ndi a sv pres te rsa te g la p rno com indi alcu o di ant n c a. e luta tan o ra io in io le LE ope (ad nza pe de a pi eo a te d Son e e o d timo ti in delin issio es volg stata il tr a; gli s pres o de me ican una vitt o c cont s.m are to, app in iti ega ATT ra a d es a de erco ll’in iedi alle disa o, e di ella o, l n m nea one sam gere a, d rag spos staz ella att no att time che test m.i. tut anc res iner ato TIV anc s.: i egli orsa fort , q ma age ovv ps a pa a c issi ati, e e/ mina e la disti gitto stam zion sta tre che tivit e. gli to in de ti i che ent re; all’u VITÀ che nes ora a a tuni quan ans evol viam sico aten circo one tutt /o tr ati g a pr ingu da men ne l anza ezza e gl à c i in n cu efini risc e qu tano uso À ES ne siste ari d pie io è ndo ion e e men ofarm nte olar e e ti g rasf gli i ropr uen all’a nti lavo a d’ atu li in crim ncid ui la isce chi uelle o ris o di STE el c enz dei edi, è sta o il i sv e ric nte, ma di g re I in gli e ferta stit ria a ndo abita effe orat ’alb ura ncid ina ent a st e in pre e ch sch vei ERN caso za d ser co ata lav volte chie es ci, guid NA tras eve a fin uti attiv tra azio ettu tiva berg di dent ale ( ti st trad n m ese he c i di icol E V o d di m rviz ndiz inv vora e e eda clu dal da d AIL n sfer enti no a in q vità a gli one uati a e v go in la ti st (ter trad da r man enti com na i az Valu i ut mez zi pu zion vece ator se qu si d l’us da p n. 5 rta; oc al r que à lav inf e al dal vice n cu avo trad rori dali rapp iera ne mpo atura zien utaz tiliz zzi p ubb ni f e e re enza uasi dall so ( par 52 d è s ccor rien estio vora fortu l lu l la eve ui il ro dali sm va pres a in lla orta a tr nda zion zzo pub blici fisic sclu utili a au lo l’ind (no rte d del stat rsi tro one ativ uni uogo vor rsa l lav rap o, m ada sen neq pro no rasv li, o ne d 2 di bblic co che usa izzi utor ste den n te del 23 to s a u pre e, e va in occ o in rato a; vora ppr maf no nti il quiv opria l’ut vers o pr del r 27 un ci c n q pe a qu la rizz esso nniz era con .10 spec un esso e la n un cors n c ore p ator rese fia, co luo oca a A ilizz sale rivat risc me che uel cul uan ve zazi o te zzo peu ndu .20 cific lav o l’a a re n lu si: cui d per re s enta mic nsid ogo abile Azie zo d e, sp ti, a chi p ezz col li la iari do ettu one emp gli utico ucen 013 cato vora abit lativ uog dev r re si tro ano croc der o di e le enda di v pes all’in per zo d lleg avor , ne la d ra e de po o inf o) d nte. ine o ch atore tazi va o d ve e car ova o un crim rati, lav e re a e eico sso nter att di t ghin rativ ece dist all’ el D occ fort di s . eren he “ e in ione app iffe ess rsi d a a d na v mina a voro esp e tu oli. sot rno tivit tras no l’ vi; d essit tanz est DL, corr tuni stup nte “si d n m e.” plic eren sere dall dim vera alità pie o e pons utti i ttos de tà s spor ’abi dist tà d za t ern qu rent di pefa i c deb miss cazio nte e s l’alb mora a e à, e eno il ve sab i ris stim ll’or svol rto itaz tanz di t tra no p and te p rett ace rite bbo sion one risp volt berg are e pr ecc. tito eico bilità sch mati: rario te v priv zion za m ras l’ab per do l per tam enti ri p no ne e, n pett ta l go a tem ropr .) c olo olo à a i as : o d vers vato ne d min por bitaz fa ’us effe ment e a per rite e/o nel o a la p al lu mpo ria he , co pot attrib sso i lav so t o, a del nima rtare zion r fr o d ettu te allu la t ener o tra cas a qu pre luog oran em pro ome treb buit ocia vor terz a c lavo a de e s ne e ront dei m uare cau cin tratt re m asfe so i uello staz go i nea erg oduc e u bbe te a ti a ro (i zi cond ora el p trum e il te a mez e il usat oge taz mer ferta in c o in zion in c ame genz ca, un e co al D alle nci dizio tore perc men luo a u zzi per ti d eni, ione ritev a d cui n cu ne cui d ente za att effe nfig DL, va den one e a cors nti ogo un pub rco dall’ no e d voli dal il la ui es lav dev e. soc ual ettiv gura il rie nti s e ch l lu so t di l di pro bbli rso ’abu onch ei c i di mo avo ssa vora ve e ciale me vo r arsi qua ma stra he ogo tale avo lav oble ici n co uso hé cas tute ome orat a vie ativa ess e; n nte risc co ale ansi adal sia o di e da oro, oro ema non on il o di dal si di ela, ento tore ene a e sere non e, lo chio ome ha ioni i). a i a , o a n l i l i , o e e e e n o o e a i
  • 27. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 28 Si segnala che circa la metà degli infortuni mortali sul lavoro avviene in strada, risultando questi suddivisi, circa 50% e 50%, tra infortuni in itinere e infortuni durante il lavoro. I lavoratori coinvolti negli infortuni alla guida non sono solo quelli dei trasporti di merci e persone, bensì anche tutti quelli che, per il loro lavoro, debbono spostarsi da un luogo all’altro. Va sottolineato anche che il rischio di incidenti gravi non esiste solo in ambito autostradale ed extraurbano, ma che, dati alla mano, risulta assai rilevante anche nell’ambito urbano. I dati ISTAT indicano che oltre il 96% degli eventi che causano incidenti alla guida sono imputabili a comportamenti impropri del conducente (o del pedone) nella circolazione: • mancato rispetto delle regole della precedenza o del semaforo (16,8%); • guida distratta o andamento indeciso (16,9%); • velocità troppo elevata (11,5%); • mancato rispetto delle distanze di sicurezza (10,1%). In relazione a tali rischi, come detto da valutare nell’ambito del DVR, si configurano come fonti di rischio: le condizioni e l’efficienza del veicolo (manutenzione periodica, dotazioni di dispositivi di sicurezza, equipaggiamenti a bordo, ecc.); le condizioni psico-fisiche del conducente (fattore umano); le condizioni meteorologiche e di viabilità che s’incontreranno durante il tragitto (fattore strada). Tali fattori, in sede di DVR, dovranno essere ridotti attraverso l’adozione di idonee misure di prevenzione; conseguentemente, alcuni obblighi in capo al DL emergono immediatamente: • fornire un parco macchine verificato, adeguato e collaudato nei termini di legge; • fornire strumenti di gestione del parco auto; • responsabilizzare i lavoratori (specie nel caso di utilizzo di mezzi privati: polizze kasko, ecc.). Peraltro, in ossequio ai principi del d.lgs. 81/08 e s.m.i. ogni lavoratore deve aver cura degli strumenti di cui dispone per la propria attività, risultando egli stesso il controllore principale della funzionalità del mezzo; egli è tenuto a: • prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui ricadono gli effetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua formazione, alle istruzioni e ai mezzi forniti dal DL; • utilizzare correttamente le attrezzature di lavoro, le sostanze e i preparati pericolosi, i mezzi di trasporto e, nonché i dispositivi di sicurezza; • segnalare immediatamente al DL, al dirigente o al preposto le deficienze dei mezzi e dei dispositivi nonché qualsiasi eventuale condizione di pericolo, di cui viene a conoscenza. In buona sostanza, a latere di una corretta valutazione dei rischi e alla fornitura di un idoneo parco macchine, per prevenire gli incidenti si deve agire anche sui comportamenti (formazione, addestramento, sensibilizzazione, ecc.), sulle regole di utilizzo (regolamenti, codice di comportamento, ecc.) e sui mezzi (revisione e manutenzione periodica, aggiornamento delle dotazioni di sicurezza, ecc.). Nel caso di vettura aziendale, occorre che la macchina sia in condizioni di manutenzione ottimali (documentabili attraverso schede di manutenzione programmata, fatture e analoghi supporti). Analogamente per una macchina in leasing (ovviamente proveniente da casa automobilistica primaria). Nel caso il lavoratore sia autorizzato ad usare un’autovettura di proprietà a rimborso chilometrico, tutte le responsabilità di cui sopra sono trasferite al medesimo. Non è però da scartare una clausola che permetta all’Azienda di controllare lo stato di efficienza della vettura stessa: in forza del fatto che il rimborso pattuito è calcolato anche in base agli oneri da sopportare per mantenere in efficienza il mezzo, e che un eventuale incidente stradale che impedisca al lavoratore di operare comporta comunque un danno all’Azienda stessa. È bene pertanto che questi sia in grado di documentare di aver provveduto con la necessaria cura alla dovuta manutenzione, in particolare a quella relativa ai componenti critici ai fini della sicurezza (pneumatici, freni, luci).
  • 28. La valutazione dei rischi
  • 29. 3. L’a ela ind int ap L’i pe ge va pro inf Og Ne de co ne 1 art. abor dica terfe ppal nte erico estio luta otez form gge ei ca ell’a mp ello L’a 26 rare and eren tatr ro olos one are zion maz etto l p ( A l asi rt. 2 pres spe art. de e il o le nze rice pro se e de tutt ne zion del le a pres (Co Azie le a sop 26, si i ecifi 26 el d. Do e m e, e e, o oced dei ell’a ti i ne ni ag lla p attiv sen omm end attiv pra sp sub ico, 6 e .lgs ocu misu i re a la dim ris appa risc eces gli A pres vità nza mitte da ( vità de peci bap , i ri LE il s. 9 me ure elat avo ment sch alto chi ssa App sen (ap di ente (ad “es etti, ie i pal isch ATT DU ap nto da tivi c orato to c i in o, a inte arie palta nte ppre un e) a es. sone rim n r tato hi c TIV UVR rile o U ad cos ori che nter a pi erfe a ator pub ess n c affid .: m erat man rifer ori, ui s VITÀ RI 20 Unic dotta sti d aut e po rfere ani eren ll’el ri su bblic so d con di a manu te” end rime occ son À ES 008 o d are della tono orta enti fica nti c limi u ev caz deno trat ad ute di c do c ento cor o s STE n. di V pe a si omi a al i, a are con naz ven zion om tto un nzio cui com o a re t ogg ERN 81 Valu er e icur , al ll’el ad i pre n un zion ntua ne s ina d’a sog oni all’a mun alla tute gett E V La e s utaz elim rezz l’int abo indi eve na m ne/r ali o sono te e app gge d’u art. nque nec elar ti qu Valu a va s.m zion mina za, tern oraz ivid entiv met ridu obb o, in extr alto etto urge 26 e o ces e la uell utaz alu .i. h ne are in c no d zion uar vam todo uzio ligh nve ra D o o o es enza co obbl ssar a sa i inv zion utaz ha i de o, o caso dell ne re l men olog one/ hi pr ece: DUV o d ster a, v mm iga ria alut viat ne d 3 zio intro i R ove o d a p del le nte gia /ges rev : VRI ’op rno veri ma 3 atori coo te e ti a del r 30 one odo Risc e ci i af prop DU pro le s sis stio isti I) n era de fich 3 bi ia l’ ope e la svo risc e de otto chi ò n ffida pria UV ced seq stem one nel elle o i la he is is. ’oss eraz a sic olge chi p ei r pe da non ame Az RI dure que mat de lle a e qu di avor spe serv zion cure ere per ris er il Int ris ento zien è f e p nze ica, ei aree uali so ri, s ettiv van ne e ezz atti att ch Da terf sulti o di da. fina per e sp , a ris e d ma omm serv ve d nza e c za d ività tivit hi ator fere po i lav alizz le paz pre chi i lav anc min vizi di te del coor di tu à fu tà s re d enze ossi vori zato lav zio-t edis in voro ca i nistr o ecni lle d rdin utti uori svol di La e, i bile , se o ad vora tem spor nter o o l pr razi forn ici d disp nam i la sed te v avo in b e, ri ervi d e azio mpo rre rfere gge resu ione nitu di E pos men avo de. vers oro bre idur zi e enfa oni rali le enti etto upp e m ure, Enti sizio to t rato so t Co eve rre e fo atizz crit de mis i e o de post med all Pu oni tra ori terz mm de al ornit zare tich elle sure ed ell’a to fo dian l’int bbl di c i d inte zi mitte enom min ture e le he n div e di a ppa ond nte tern ici, cui dato eres ente min nim e ad e s nec vers i pr for alto dam il no d ecc ai c ori d ssa e l’o nato o i d un itua cess se reve rnir o. men qua dell c.); com di la ti v obb o D ris n’Im azio sari attiv enz re tale ale a p mmi avo valu bligo DUV schi mpre oni ie a vità ion chi e de il prop i 1 oro, tan o di VRI, da esa più alla à, a e e are ella DL pria e 2 ivi do, i , a a ù a a e e a L a 2 i ,
  • 30. 3.2 La es Co int va pre (fa Si ter de de Di sig qu mi ad 2 a va ser o o o o o ons terc luta elim attor sot rzi, el p ell’ev co gnif ali sur det La aluta re c o d o d e o d o d o d p ider cam azio mina ri d ttoli le a peric ven onse icat la re d tti a va azio cond dall da i eve dall dall dall prot rata mbia one are i ris nea azio colo nto egu tiva for di g alla alut one dott ’an inte entu e fo e v a v tezi a l abilit de fas schi a ch oni o ( inci uen a su rnitu est ma taz de ta u alis ervis ualm onti alu valu ione ’og tà d ei r se d io c he r attu non iden za, ulla ura ion ansi LE zion ell’e utiliz si de ste men i ist taz taz e, g get dei isch d’ind com rigu uate n ri nta le gra di e d one ATT ne spo zza el re ai l nte r ituz ion zion già i ttiva lav hi, divi muni uard e d icad le. e az avità ido dell’ e. TIV de osiz ndo egis lavo rico zion i di e d in a a i vora con idua i). do a al D den zion à de one inci VITÀ ei r zion o in stro orat orre nali risc della atto mp ator nsid azio alle DL ndo ni egli ei d iden À ES isc ne d form o inf tori enti; (SG chio a pr . pond ri a dera one mis ma i prin i eff ispo nte STE chi dei l maz fort ad GSL o sp rese dera dde are e de sur anda luo ncip fett osit , do ERN pe lavo zion tuni det L ex pec enz abil etti pe ei ris re d ante ghi pali i de tivi opo E V er a orat ni p ; tti a x IS cific za, e Ese lità a d er le sch i tu e no di at ei va di o ch Valu atti tori prov alla SPE he e d emp de dive e v hi ris tela on i la tua ari pro he q utaz ivit ai veni spe ESL (es ell’e pio ell’e erse varie sult a in pos avor ate eve otez que zion tà s risc ient ecif L, IN s.: ru effic di e esp e a e ti tere ca sso ro ne enti zion esto ne d 3 svo chi l ti da fica NAI um cac elem posi ttiv ipol ebb aso ono sot lla , ris ne o sia del r 31 olte lega a d ma L, e ore cia, men zio ità logi ero di r ess to ge sied ind a a risc e p ati a iver ans ecc , ag di m nti d ne fuo ie d o leg risch sere la stio don ivid vve chi p pres allo rse ion .); gen mis di un ai ori s di a gate hi d e in pro one o n dua enu per sso o sv fon e, a nti c sure n SG d sed attiv e a deriv n gr opri di nell’a le to, att o t volg nti: al fi chim e di GSL ive de, a vità d u van rado a g ta ado (DP e n tivit erz ime ne mici sic L rsi app sv na nti d o di ges ali r ozio PI), nella tà s zi ento di v , inc cure fa pare volte sol dallo i inc stion risc one ne a s svol o di valu cen ezza attor e o e, a la, o o sv cide ne) chi, di ella pec te v att utar ndio a e ri d ppo anc o so volg ere e vo mis pre cific vers tivit re p o, ec di di ortu che olam gim dir pe olte sure edis ca f so t tà s part cc.) sist risc uno qu me ment retta erta ad e di spo form terz volt tico ) già tem chio , in uei nte to d ame nto d in i pro osiz maz zi te p lari à ef mi d o e qu fatt ad delle ente , s ncid otez ion zion pres pro ffet i pr e uest tori d alc e at e su sulla dere zion e d ne d sso oble ttua reve la to g ch cun ttivi ulla a p e i ne di s dei ter ema ate; enz po gen he i ne, a tà p a tip prob n m ade spe lavo rzi p atic zion ssib nere n u attiv pres polo bab mis egu cific ora può che, e e bile e di una vità sso ogia ilità ura ate che atori ò , e e i a à o a à a e e i
  • 31. I r cla Ris co in fre Ris rel pe co sa At risch assi sch lleg mo eque sch ativ er lo ntin lute ttiv hi c ifica hi c gati ovim enz hi s vi a oro nui, e di vità C con ati, conv alle men za r spec ll’us na o so à la Cau nes sch ven e a nto, elat cifi so d atur mo gge avo use ssi hem nzio appa cad tiva ci ( di s ra p lto etti ora e LE con mati ona arec dut ame (RS sost pos freq esp ativ ATT n le cam ali ( cch e d ente S): tanz son que pos va TIV e ti men (RC hiatu da p e el ze e no enti ti a VITÀ polo nte, C): ure pon eva e p dan , co lun À ES ogie ne o i ti o ata rod nne on d ngo Si STE e d el m imp o sc ed dotti eggi dan . ste ERN di a modo pian cale inte i ch iare nni ema az E V attiv o se nti p e, sc eres himi e in mo a di zien Valu G ità egu pres chia ssa ici o n te odes sic nda utaz Gen lav uent sent acc ano o al emp sti i cur le zion nesi vora te: ti p ciam me l’es pi b in t rezz ne d 3 i de ative pres men edia spo brev em za del r 32 ll’in e e sso to p ame sizi vi o pi b risc ncid eseg il s per ente ione o lu brev Co la chi p dent guit sito r ca e un e ad ungh vi, ond avo per te te p osp adut na o d a hi p ma dizi orat att pres pita ta d o pi gen per rile ion ive tivit sso ante di g iù p nti f rson eva i e tà s o te e (e rav pers fisic ne, abili svol rzi elett vi, e sone ci (r co ne te v pos troc ecc. e. rum se el pe vers sso cuzi ). E more o egg I so t ono ione Ess e, te l’am gior Co nc terz , in e, o i po emp mbie ram omp u cide zi n ge orga oss pera ente ent por uma ent ene ani ono atur e. S to d rtam ano te erale di m o pr ra, Son dello men o e, e mac res ecc no o st nto ess cch ent c.) c eve tato ere hine tare che enti o di e e e e i i
  • 32. Ri de o i Tra Na ris Pe la pro di qu de Ad att da Le svo ela sch eriva nfia atta atur chio er i rel ofes for est eterm d es tività all’a e sta olte abo i r ati d amm asi d ralm o n risc ativ ssio rma tion min sem à d lto, atis e in orare ile da e mab di e men el g chi va ona azio e p nare mpio dei il v tich Az e i d van eve bili even nte, graf ogg ripe alità one poss e de o, se lav valu he d zien dat ti ( enti in q nti m a s fico gett etiti de sp san ei d e la vora utato deg nda i sto LE RR an qua mol seco pu to d vità ei la peci no e ann a st ator ore li in , co oric ATT R): om ntit lto r ond ò a della à d avor fica esse ni, p oria i no , ne nfor osti ci de TIV ali, à c rari CL da d assu a pr elle rato a (g ere pote a de on ello rtun tue egli VITÀ co osì co LASS delle ume res e at ori a gen car enz egli rac spe i pe endo i ev À ES n c gra n d Probabilità(P) SIFIC e re ere ent ttivi add era ratt zialm ev ccon ecif erm o u vent STE cons and ann CAZIO ealt un te tr ità detti alme teriz men vent nta fico metto n fa ti di ERN seg de d ni a ONE tà a as ratta da i all ente zza nte, ti in , da o, no ono atto i da E V guen da in anch E DEI azie pet azio sv la m e a ti, p , an fort a a on p o, in ore anno Valu nte nter he g I RIS enda to a one volg man acqu prev nche tuni anni potr nfat rile o ef utaz esp res grav RC SCHI ali e anc e, te gere nsio uisi vale e gr istic i, d rà n tti, d evan ffett zion plos sar vi. I ATT e de che end e, s one ta ente rav ci, c d’inf non di v nte tiva ne d 3 sion re v TESI ella mo enz sep , ch sul eme i. colle fortu n ten erif ne ame del r 33 ne o ast RS Da I PER a tip olto zial pur he g ca ente ega uni ner fica ll’ap ente risc o fu e a nn R AT polo div me r in gen amp e, d ata co ne re l ppro e ve chi p uori aree o (D TTIVI ogia vers nte sit nera po), da b alla lleg con ’an occ erifi per iusc e all D) ITÀ S di so. e, si ti s alm fa bas a sp gati nto. dam cio cat att cita l’int SVO atti av spes ent anno sa pec ad men alla isi. tivit in tern R OLTE vità vrà a sso te è o s pro ifici d ep nto a va tà s tem no e RR PRE à sv a c o as è ga sì c obab tà d piso info alut svol mpi ed a ESSO volte he ssa aran che, bilit dei odi ortu azio te v bre all’e O TE e, la fare ai d ntita in tà d siti di unis one vers evi este ERZI a d e co dive a d lin di ac no ele stico e de so t di n erno I istr on ersi a u nea cca orma ettro o le ei r terz nub o de ribu risc tra un c ge dim alm ocu egat isch zi bi di el si zion chi d a di cost ene men ment zio to a hi, c pro ito. ne di t i lo tant rale nto, te o ne alle con odo del ipo oro, te p e, i pur ogg o d var nsen otti le a log l’e prot ris r po etto di c rie a nte tos aree ia R elev toco sch oten o de cad attiv ndo sici e di RR; vata ollo i in ndo elle uta vità o di i i ; a o n o e a à i 4 3 2 1 0 4 3 2 0 1 22 3 44 s h v n R a S
  • 33. Qu pro Ind Qu Ind Al 1.5 ai pro Ris ch osp In luo em di de Oc es 60 Gl ec po Do ve Ev l’at ne ualu ope div ues • • • • div ter 5), pos otez sult e i spita og ogh merg eso epos cco em 0 cm i op c.) oter opo rific vent ttivi eces unq edeu idu ta f l o m l e l p s idu rmin il la ssib zion ta fo nso ante ni c i: c gen odo sito rre pio m da pera deb agi la care tual ità, ssa ue utic uazi fase l’es ope ma la c esp l’ide per si d uazi ne d avor bili ne p ond orgo e e cas con nza o in o rifi an o, se al p ator bbo ire ve e ch lme pre rie. sis ca a ione e do am eraz pre cons prim enti icol dovr ione dell rato risc pre dam ono ma so, ndiz , co cas uti, nche e sa punt ri c ono sec rific he l ente evia stem alla e d ovrà e s zion eve sult mere fica lo; rà r e d e a ore chi disp men o la anut prim zion ond so d sca e v alito to in che ess cond ca d e s e, in a c LE ma val dei p à co siste ni c dib tazi e le azio iser dei r attiv inc rela pos ntale addo tent ma ni o izio di e arti valu o su n cu vad ser do dell tes n ca com ATT di uta per omp ema he ili, q one pro one rvar risc vità caric ativ ste. e, in ove tori di ope oni eme , ec tare u un ui e dan re d la b e c se are muni TIV sic azio rico pre atic esu qua e e opri de re p chi pre cato vi a n q e si es da rati di v erge cc.. e le na s egli no a ota buo cond sian nza caz VITÀ cure one oli nde co d ulan ali le pa ie v egli part elim o d l lu ues tro tern re ve ven enz e c sca si p ad ati d ona dizi no a de zion À ES ezz deg ere: di tu no e in rtec valu as tico mina ell’e ogo sta ovin ni). iniz di tila za, t ond la o poss agi di un tec oni ido elle ne a STE a d gli s : utti dal terr cipa utaz spet olare ari d effe o d fas no a zio lav zion tras dizio o su sa re i na t cnic am nee e m al p ERN dev stes gli la r ruzi azio zion tti e at di c ettua i la se, l ad all’a vor ne, spor oni u di pos in a torc ca e mbie e. inim pro E V ve e ssi. as rout ioni one ni de del tten coor azio avor la c op attiv ro, so rto erg un sizio amb cia e la ent mali prio Valu ess spet tine i da de ei p le a nzio rdin one ro n cono era vità tem vra di m gon pia ona bien elet qua ali, i co o re utaz ere tti d e e all’a ei la peric attiv one nam e de nel osc are à, o mpe acca mac nom ano are nti r ttric alità oc ond efer zion e re dell che attiv avor coli vità ai g ment ell’a qua cenz lav occo erat aric cch mich o de age ristr ca d à. ccor izio rent ne d 3 ealiz ’att e h vità rato ric à ch gru to e attiv ale za vora orre tura chi e hina he el tra evo rett di a rre oni te a del r 34 zza ività ann di la ori, orre he ppi e d’ vità si deg ator e es a e e ag ari, a in c aba lme i e/ ausi fare di s azie risc ato à d no avo e/o enti po di ’inte pre trov gli a ri co seg e u gibi attr cui atte ente /o a lio s e u sicu end chi p a p ei l car oro; de i e d sso lavo erfa esso verà amb on guire mid ilità ezz si llo, e. ang sia n c urez dale per par lavo ratte ei lo dei ono ora acci o te à a bien ma e u dità à de zatu ve tro ust pe cens zza e, in att rtire orat ere oro loro co tori ia c erzi ad o nti e ans un’a de ei p ure, rrà vi l’ i (b r op sim , il n a tivit e da tori int rap o ef ostit es con i de ope e l’i ion accu ei avim ma a ’ogg boto pera ment lav ttes tà s a u , ch erm ppre ffet tuire pos il D eve erar ndi i di urat loca me ater trov gett ole are to d vora sa d svol una he mitte esen tti d e a sti a DL ac e e vid iver ta a ali, nti, riali vare to d d’is in dell ator del te v pr dev ente ntan ann altre a ris osp quis e al uaz rse ana illu pre i, se e l’ da v spez sicu e a e d rip vers reve ve e e nti, nos etta sch pita sire le m zion (ad alisi umi ese ervi add veri zion ure attre deve prist so t enti ten e di i q si; ante i m ante e tu mis ne d d e ge inaz enza izi i dett ifica ne, ezza ezz e a tino terz va er eve ual e ca agg e (ve tte sure di ri es.: eom zion a d gie to u are ca a sia atu ste o in zi an con ent i so aus gior edi le e di isch lav metr ne i di nic una dis ved a, o re d ner n sit alis nto i no ono se p ri. pa not pre hi in vora rica ord sliv i pe a vo tan di, c ovvi da rsi d to d si d an on ch pote rag tizie eve nter ato e dina velli er g olta te n con iam imp dall dell dei che pia iam enz graf e af enz rfer ri d fisic aria , pe gli a a ch non ntros ment pieg l’es le m risc e de nific mati ziali i 1. ffere ione renz del ca a e erco adde he, n più soff te, gare egu mis chi, elle cati ad i di 4 e enti e e ziali DL dei di orsi etti, ad ù di fitti, per e e uire ure , e i d i e i e i L i i i , d i , r e e e
  • 34. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 35 3.3 La valutazione dei rischi non normati Le attività svolte al di fuori dell’Azienda sono generalmente caratterizzate da un’elevata varietà, presentando ciascuna proprie specificità a seconda del sito e/o dell’insediamento ospitante, dell’attività che i lavoratori sono chiamati a svolgere e delle condizioni ambientali presenti. Una schematizzazione delle attività, tale da poter applicare un algoritmo di calcolo del rischio, risulta pertanto piuttosto difficile, soprattutto per la necessità di rappresentare il maggior numero di situazioni cui gli operatori possono andare in contro. Di conseguenza la valutazione del rischio per tali lavoratori sarà effettuata utilizzando criteri qualitativi o, nel migliore dei casi, semiquantitativi. Il metodo di valutazione del rischio (matriciale P x D) consente, d’altro canto, di assegnare un indice ai diversi rischi cui sono esposti i lavoratori in servizio fuori sede, permettendo così di compararne l’entità e di individuarne la significatività. Questa codificazione costituisce, peraltro, il punto di partenza per la definizione delle priorità e per la programmazione degli interventi di protezione e di prevenzione da adottare. Le schede di valutazione (di cui ai paragrafi successivi) corrispondenti alle diverse attività esaminate, risultano utili per definire se la presenza di fattori di pericolo comporti, o meno, un reale rischio di esposizione per la sicurezza e la salute del personale addetto. A partire dalla nota correlazione fra rischio (probabilità del verificarsi di eventi negativi da cui possono derivare conseguenze dannose) e danno, esaminiamo una possibile procedura di valutazione: R = P x D dove: R = Magnitudo del rischio P = Probabilità di accadimento del danno D = Gravità del danno Probabilità(P) 4 8 12 16 3 6 9 12 2 4 6 8 1 2 3 4 Danno (D) FIGURA 1- ESEMPIO DI MATRICE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO: R = P X D Incrociando i risultati ottenuti dalla gravità del danno e dalla probabilità di accadimento si ottiene (Figura 1) un livello di rischio, interpretabile come valutazione del rischio residuo alla luce delle misure attuate. Si rammenta che il rischio minimo accettabile (rischio residuo) è quello che permane successivamente all’applicazione, ed al rispetto, delle leggi vigenti (ove esistenti), della normativa tecnica e delle buone prassi. La significatività del rischio R sarà classificata tenendo conto che i rischi che possono provocare i danni più gravi occupano nella matrice le caselle in alto a destra (probabilità elevata, danno molto grave) mentre quelli minori, le posizioni più vicine all’origine degli assi (probabilità trascurabile, danno lieve), con tutta la serie di posizioni intermedie conseguenti. In ogni caso, ove necessario, la determinazione del livello di rischio potrà avvenire anche a seguito di approfondimenti specifici (indagini ambientali, indagini fonometriche, altre indagini tecniche, ecc.). Per ciascun rischio saranno quindi definite le ulteriori misure di prevenzione e protezione idonee alla sua eliminazione: tali misure debbono essere attuate preliminarmente allo svolgimento dell’attività lavorativa. I criteri di analisi e valutazione sono stati basati sull’analisi oggettiva delle criticità riscontrate valutando l’effettiva probabilità di accadimento di un evento infortunistico, o di un danno per la salute e la sicurezza dei lavoratori, direttamente riconducibile alla criticità riscontrata. Tale probabilità è stata messa in relazione alla gravità del danno derivante dall’evento. 4 3 2 1 0 1 2 3 4
  • 35. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 36 La scala delle probabilità di accadimento di un evento pericoloso e quelle relative al danno connesso, hanno la stessa definizione quantitativa, in modo da rendere omogenea la determinazione del fattore di rischio. Il valore di probabilità di accadimento di un determinato evento è espresso in una scala da 1 a 4. L’evento che potrebbe determinare un danno per il lavoratore è valutato in relazione alla tipologia di rischio. A tali fattori di rischio viene quindi associata una probabilità di accadimento di un evento dannoso come conseguenza di criticità relative all’organizzazione del lavoro, omissione di atti, o in generale fattori di carattere organizzativo ai quali sia possibile attribuire direttamente un valore relativo al danno. La classificazione del danno che un lavoratore potrebbe subire al verificarsi di un dato evento o dovuto a criticità e carenze degli aspetti organizzativi e gestionali è stata effettuata mediante una scala da 1 a 4. Elementi principali che concorrono all’incremento del livello di probabilità: concomitanza di più anomalie che concorrono a determinare la stessa tipologia di rischio; possibile influenza di fattori ambientali o di altri fattori esterni difficilmente controllabili; necessità del mantenimento di misure di sicurezza per l’eliminazione delle interferenze e loro affidabilità (in ordine di affidabilità: adozione e mantenimento di sistemi tecnici e/o organizzativi, necessità di utilizzo di specifici DPI, necessità di specifica informazione, formazione, addestramento dei lavoratori); tipologia e durata delle attività; confronto con dati bibliografici o situazioni analoghe. Elementi principali che concorrono all’incremento del livello di gravità del danno: tipologia di rischio (analisi dell’anomalia riscontrata e determinazione della possibilità di causare un’esposizione a uno o più agenti materiali); caratteristiche degli agenti materiali, loro effetti in termini di entità della manifestazione del rischio e conseguenze dell’esposizione (danno); caratteristiche degli esposti al rischio (esame del tipo di esposizione e delle caratteristiche dei soggetti esposti al rischio); confronto con dati bibliografici e situazioni analoghe. Definiti il danno e la probabilità, il rischio viene automaticamente determinato per il tramite della formula R = P x D ed è indicato nella tabella grafico - matriciale in Figura 1, avente in ascisse la gravità del danno atteso ed in ordinate la probabilità del suo verificarsi. Una tale rappresentazione costituisce di per se un punto di partenza per la definizione delle priorità e la programmazione temporale degli interventi di protezione e prevenzione da adottare. La valutazione numerica del livello di rischio R comporta l’attuazione di misure di prevenzione e protezione in relazione alla valutazione dei rischi. Al livello di rischio residuo valutato, corrisponde la priorità e l’importanza degli interventi di prevenzione e protezione da attuare. Per evitare, nei limiti del possibile, la discrezionalità del valutatore, è necessario fornire indicazioni e criteri su come assegnare i livelli semiquantitativi della probabilità P e del danno D. P Probabilità Definizione 1 Improbabile Non sono noti episodi già verificati. Il danno si può verificare solo per una concatenazione di eventi improbabili e tra loro indipendenti. Il verificarsi del danno susciterebbe incredulità in Azienda. 2 Poco probabile Sono noti rari episodi già verificati. Il danno può verificarsi solo in circostanze particolari. Il verificarsi del danno susciterebbe sorpresa in Azienda 3 Probabile È noto qualche episodio in cui il pericolo ha causato danno. Il pericolo può trasformarsi in danno anche se non in modo automatico. Il verificarsi del danno susciterebbe scarsa sorpresa in Azienda. 4 Molto probabile Sono noti episodi in cui il pericolo ha causato danno. Il pericolo può trasformarsi in danno con una correlazione diretta. Il verificarsi del danno non susciterebbe sorpresa in Azienda. TABELLA 1 - SCALA DELLE PROBABILITÀ “P” DI ACCADIMENTO DI UN EVENTO
  • 36. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 37 D Gravità Definizione 1 Minima Infortunio con effetti irrilevanti per la salute del lavoratore, esposizione cronica senza effetti per il lavoratore. Piccoli Infortuni o patologie di carattere fisico rapidamente reversibili. 2 Lieve Infortunio o inabilità temporanea con effetti rapidamente reversibili. Esposizione cronica con effetti rapidamente reversibili. 3 Significativa Infortunio o inabilità temporanea con disturbi o lesioni significative reversibili a medio termine. Esposizione cronica con effetti reversibili. 4 Grave Infortunio o inabilità temporanea con lesioni significative irreversibili o invalidità parziale. Esposizione cronica con effetti irreversibili o invalidanti. TABELLA 2 - SCALA DELLA GRAVITÀ DEL DANNO “D” Il metodo di valutazione del rischio (matriciale P x D) consente di assegnare un indice ai diversi rischi cui sono esposti i lavoratori, permettendo così di compararne l’entità e di individuarne la significatività. In considerazione delle peculiarità dei rischi cui sono generalmente esposti i lavoratori in servizio fuori sede, e considerate le criticità strutturali del metodo matriciale classico, sono stati apportati alcuni adattamenti. Il presente modello di valutazione pone infatti, a differenza delle classiche matrici P x D, maggiore attenzione ai rischi che possono produrre danni gravi anche se la loro probabilità di accadimento è limitata. È cioè più importante un rischio che ha probabilità di accadimento = 1 e danno = 4 (cioè che può produrre, al limite, anche il decesso) piuttosto che un rischio che presenti probabilità di accadimento = 4 ma che produce un danno = 1 (cioè danni minimi). Si ritiene, in definitiva, che debba pesare in misura maggiore, nel prodotto tra P e D, il valore del danno. La matrice utilizzata è la seguente, ottenuta mediante un semplice algoritmo che assegna appunto al valore del danno un’importanza maggiore: R = P x (D + n) dove: per (P = 1; D = 2) n = 1 per (P = 1; D = 3) n = 2 per (P = 1; D = 4) n = 3 per (P = 2; D = 3) n = 1 per (P = 2; D = 4) n = 1,5 per (P = 3; D = 4) n = 1 per tutte le altre combinazioni P ; D n = 0 Probabilità(P) 4 8 12 16 3 3 9 15 2 2 8 11 1 1 7 0 1 2 3 4 Danno (D) FIGURA 1BIS - ESEMPIO DI MATRICE ADATTATA PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO: R = P X D Classe di Rres I Irrilevante R = 1, 2 B Basso R = 3 M Medio R = 4, 5, 6 A Alto R = 7, 8, 9, 11, 12 MA Molto Alto R = 15, 16 4 6 4 3 5
  • 37. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 38 L’assegnazione di livelli di rischio con tale metodologia consente, in linea di principio, di poter meglio individuare le priorità con cui è opportuno intervenire o a quali rischi occorre porre maggiore attenzione. Risulta, d’altra parte, evidente che gli interventi e le attenzioni influiranno spesso solo sulla assegnazione di un diverso livello di probabilità, mentre il livello di danno non potrà, generalmente, variare sensibilmente. Ad esempio per attività svolte in quota esisterà sempre il pericolo di caduta che produrrà, in caso di accadimento, danni associabili alla classe 4 (danni irreversibili o letali). La probabilità di accadimento dell’evento accidentale è però funzione di vari fattori, quali ad esempio: la presenza di parapetti a norma, la professionalità degli addetti, l’informazione e formazione fornita agli addetti, l’utilizzo di sistemi anticaduta, ecc.. Gli interventi migliorativi da apportare potranno quindi far variare la probabilità di accadimento dell’evento ma questo produrrà sempre e comunque danni di classe 4. La limitazione del danno potrà invece essere ottenuta solo con interventi alla fonte (es.: sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non è pericoloso) o con un’attenta organizzazione delle emergenze (primo soccorso, antincendio, ecc.) che potranno, almeno, limitare il numero dei lavoratori coinvolti. La scala delle priorità d’intervento delle azioni da intraprendere per eliminare, o declassare, il rischio d’infortunio, per le anomalie riscontrate, può intendersi secondo la legenda riportata nella tabella 3. Classe di Rres Priorità d’intervento I Irrilevante P4 Le misure non sono strettamente necessarie, quelle in corso sono sufficienti. B Basso P3 Prendere in considerazione misure di miglioramento ai fini della riduzione del livello di rischio. M Medio P2 Attuare le misure necessarie di prevenzione e protezione dai rischi. Identificare misure di miglioramento ai fini della riduzione del livello di rischio. A Alto P1 Attuare misure immediate di prevenzione e protezione dai rischi. Rendere operative le necessarie misure di miglioramento ai fini della riduzione del livello di rischio. MA Molto alto P0 Attuare misure immediate di prevenzione e protezione dai rischi; nell’impossibilità: bloccare temporaneamente il processo produttivo. Attuare immediatamente misure di miglioramento ai fini della riduzione del livello di rischio e della ripresa del processo. TABELLA 3 - SCALA DELLE PRIORITÀ D’INTERVENTO CURVE ISO-RISCHIO ED AZIONI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE In linea generale, la funzione principale di un sistema di sicurezza è quella di contrastare e minimizzare il rischio agendo sui fattori che lo determinano: la prevenzione (riduzione delle probabilità) e la protezione (limitazione delle conseguenze). Nel grafico, con la linea verde, è indicata la curva relativa al valore di rischio residuo Rres, che rappresenta quello non eliminabile in una data situazione lavorativa. L’azione di prevenzione consiste nel verificare che il Protezione Prevenzione Normativa Ri Ri Rres
  • 38. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 39 rischio valutato (rappresentato nel grafico dalle curve Ri), ove ricadesse all’esterno della curva Rres, venga riportato, adottando opportune azioni correttive alle condizioni di lavoro, all’interno della curva limite Rres. Criterio di accettabilità del rischio residuo (Rres) In relazione all’accettabilità del rischio va premesso che il pericolo può essere presente anche nello svolgimento di normali operazioni lavorative; tuttavia, se la probabilità attesa di ricevere dei danni è valutata trascurabile, il rischio conseguente può ritenersi accettabile. La scelta dei livelli di accettabilità è guidata dai vincoli di legge (ove esistenti), dalle norme di buona tecnica, dalle regole tecniche e dalle prassi consolidate. Non di meno sono da considerarsi le pregresse esperienze in termini di infortuni ed incidenti in Azienda e, più in generale, le scelte di politica aziendale. Da ultimo si menzionano le possibile ricadute dovute all’evoluzione tecnologica ed organizzativa delle realtà produttive. Lo strumento utilizzato per la valutazione dei rischi presenti negli ambienti di lavoro è l’analisi sistematica di ciascuna situazione e condizione lavorativa che può ingenerare situazioni di pericolo, attraverso le fasi di individuazione e misurazione del rischio da sottoporre alla comparazione con i limiti di accettabilità (ponderazione del rischio) per individuare, ove necessarie, tutte le misure preventive e protettive in grado di ridurre il rischio residuo a valori accettabili riconosciuti da leggi, normative e buone prassi. La valutazione del rischio verifica pertanto il criterio di accettabilità del rischio residuo tramite la relazione di diseguaglianza: Rres Racc dove: Rres = parametro determinato dal valutatore, che caratterizza il rischio residuo; Racc = limite accettabile: parametro individuato dal legislatore, dalla norma o dalle buone prassi che identifica il valore accettabile per il fattore di rischio in esame. Tali parametri, nei casi più semplici e più frequenti dei fattori di rischio analizzati, saranno equivalenti a grandezze fisiche, chimiche, geometriche, ecc. (altezza, larghezza, velocità, temperatura, resistenza elettrica, livello di rumore, dosi, concentrazioni, ecc.) misurabili e indipendenti o indirettamente dipendenti dalla probabilità di accadimento dell’evento rischioso, fino a coincidere con i relativi parametri delle misure di tutela dei fattori di rischio in esame. In altri casi potranno essere anche valori logici e organizzativi (SI o NO, Esistente o Non Esistente, Vero o Falso, ecc.) da confrontare con il valore che rappresenta la situazione accettabile. È proprio il rischio residuo Rres che è stato preso in considerazione ricercando quelle soluzioni atte ad offrire, nello spirito del d.lgs. 81/08 e s.m.i., il miglioramento delle condizioni di sicurezza dei lavoratori. Valutazione sulla base dell’adeguatezza della situazione In alcuni casi non è possibile associare un vero e proprio livello di rischio a determinate situazioni, ma solo un giudizio di accettabilità o meno (adeguatezza). In sostituzione dell’indice di rischio si utilizza quindi un semplice giudizio: adeguato o non adeguato. Tipico esempio è la segnaletica di sicurezza che può essere appunto ritenuta adeguata o non adeguata, ma per la quale non sarebbe possibile associare un indice di danno o probabilità. È evidente che l’adeguatezza o meno della segnaletica inciderà nell’assegnazione dell’indice di probabilità negli specifici pericoli (in presenza di segnaletica orizzontale non adeguata la probabilità d’investimento con macchine in movimento sarà più alta e più alto sarà il relativo indice di rischio).
  • 39. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 40 Pregi della metodologia la semplicità di applicazione; il metodo risulta particolarmente utile quando non ci sono, a disposizione del valutatore, dati quantitativi; la metodologia fornisce una priorità d’intervento attraverso un indice di rischio; il metodo proposto è molto flessibile: i fattori che si considerano al fine della valutazione del rischio sono solo la probabilità di accadimento e la gravità del danno potenziale e quindi si ha la possibilità di applicare tale metodologia a situazioni e realtà anche molto diverse tra di loro. Limiti strutturali della metodologia il metodo in esame è di natura semiquantitativa e ciò permette la sua applicazione anche nel caso in cui sia difficile od impossibile reperire dati quantitativi. Tale caratteristica costituisce tuttavia anche un potenziale limite; infatti, il successo o meno dell’applicazione si basa sulla competenza del valutatore e sul grado di conoscenza che egli ha di tutti i fattori che intervengono e compongono il sistema oggetto di analisi; è necessario pertanto che il valutatore conosca molto bene la realtà aziendale di riferimento e abbia conoscenze tecniche ed esperienza sufficienti al fine di evitare di sottovalutare, o sopravvalutare, il rischio; nella metodologia, come detto, i parametri che vengono considerati sono solo probabilità e gravità, ciò costituisce non solo un pregio, ma anche un limite, infatti, nella valutazione del rischio non vengono presi in esame alcuni fattori quali l’ambiente di lavoro, le capacità personali del lavoratore di dominare il rischio, l’adattamento fisico e psichico del lavoratore, ecc..
  • 40. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 41 3.4 La valutazione dei rischi normati Per molti rischi esistono ormai normative specifiche che regolamentano la valutazione e la tutela della salute e molte di queste sono state ricomprese nel d.lgs. 81/08 e s.m.i.. In alcuni casi non è possibile, quindi, indicare l’indice di rischio con una delle matrici di cui al paragrafo precedente, ma debbono essere associati i giudizi richiesti dalla normativa specifica. È il caso ad esempio del rischio incendio per il quale il dm 10 marzo 1998 prevede un giudizio di rischio Basso, Medio, Alto; è il caso del rischio chimico per il quale il d.lgs. 81/08 e s.m.i. prevede un giudizio di “Irrilevante per la salute e basso per la sicurezza” o “Non irrilevante per la salute e non basso per la sicurezza”. In questi casi, il giudizio fornito nella valutazione non può che essere quello richiesto dalla legge. In altri casi, pur potendo associare un indice di rischio (matrice P x D) è necessario fare riferimento a indici di rischio definiti nella legislazione o nella normativa tecnica: è il caso dell’esposizione a rumore (dove il d.lgs. 81/08 e s.m.i. richiede l’assegnazione dei livelli di LEX) o il caso dell’esposizione a vibrazioni (dove il d.lgs. 81/08 e s.m.i. richiede l’assegnazione dei livelli A(8)) o il caso della movimentazione manuale dei carichi per i quali sono utilizzabili gli indici NIOSH. L’analisi e la valutazione dei rischi normati possono presentare difficoltà d’integrazione nel documento di valutazione dei rischi essendo richiesto a livello normativo l’uso di specifici criteri di stima (o misura). Un approccio corretto al risk assessment, che richiede di mantenere separata la stima del rischio dalla valutazione, consente di effettuare una valutazione di tutti i pericoli in modo omogeneo, nel rispetto dei criteri normati previsti dal legislatore. Del resto, l’uso dei criteri di valutazione del rischio suggeriti dalla norma BS 8800:2004, permette una facile integrazione con i disposti legislativi (rischio rumore e rischio vibrazioni) che definiscono dei livelli di rischio. Per rischi normati s’intendono, quindi, i fattori di rischio la cui analisi, verifica (e talvolta bonifica) vengono già definiti in apposito ambito normativo; i parametri di valutazione sono diversi in ragione della natura del rischio e, nella più parte dei casi, riconducibili a valori di soglia indicatori del rischio. Indagine oggettiva Indagine strumentale: valutazione (misura) del rischio effettuata mediante l’ausilio di: • strumenti di misura e metodi di campionamento ambientali e/o personali e relativi rapporti di prova; • dati strumentali provenienti da banche dati riconosciute, confrontabili con l’oggetto d’indagine; • software di analisi o di modelli matematici; • modelli o standard di valutazione riconosciuti. Questa tipologia d’indagine è utilizzata, si ribadisce, in tutti i casi nei quali l’obbligo di valutazione è fissato dalla legislazione vigente e per i quali è possibile effettuare una valutazione strumentale (ove necessario) o ricorrere ai dati di letteratura (banche dati). Le metodologie ed i criteri d’indagine utilizzati per valutare il rischio specifico sono descritti nei singoli rapporti di prova a cura del tecnico competente, qualora previsto, o da altra persona qualificata ad effettuare il rilievo. Criteri d’indagine e di valutazione La valutazione oggettiva si può concludere con l’emissione di un rapporto di valutazione del rischio e con l’attribuzione del livello di esposizione rischio ad uno dei seguenti indicatori di riferimento: RISCHIO BASSO: quando la valutazione oggettiva ha determinato valori inferiori alla soglia inferiore di riferimento o valori inferiori ad una percentuale riferita alla soglia limite di riferimento, definita dalle normative specifiche, o quando un agente di rischio, pur manifestandosi, non determina un’esposizione significativa. RISCHIO MEDIO: quando la valutazione oggettiva ha determinato valori compresi tra le soglie di riferimento inferiore e superiore o valori prossimi ad una percentuale riferita alla soglia limite di riferimento, definita dalle normative specifiche. RISCHIO ELEVATO: quando la valutazione oggettiva ha determinato valori pari o maggiori ai valori superiori di riferimento.
  • 41. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 42 Correlazione tra i diversi valori esprimenti il rischio e l’indicatore di riferimento Fattore di rischio d.lgs. 81/08 Indicatore del rischio Videoterminale art. 173 Basso Medio Elevato <20 h/w e < 4h/d X >20 h/w e < 4h/d X >20 h/w e > 4h/d X mmc art. 168 e All. XXXIII Basso Medio Elevato <0,75 X 0,75 <1,25 X 1,25 X Rumore art. 189 Basso Medio Elevato Lex <80 dB(A) e < 135 dB(C) peak k X Lex >80 dB(A) e < 85 dB(A) X >135 dB(C) e < 137 dB(C) peak X Lex >85 dB(A) e > 137 dB(C) peak Vibrazioni mano braccio art. 202 e All. XXXV parte A Basso Medio Elevato < 2,5 m/sec2 X > 2,5 m/sec2 e < 5m/sec2 X > 5 m/sec2 X > 20 m/sec2 per brevi periodi Vibrazioni corpo intero art. 202 e All. XXXV parte B Basso Medio Elevato < 0,5 m/sec2 X > 0,5 m/sec2 e < 1m/sec2 X > 1 m/sec2 X > 1,5 m/sec2 per brevi periodi Campi elettromagnetici art. 209 Basso Medio Elevato < valori di azione All. XXXVI lett. B X > valori di azione < valori limite All. XXXVI lett. A X > valori limite All. XXXVI lett. A X Radiazioni ottiche incoerenti art. 216 e All. XXXVII Basso Medio Elevato < valori limite X > valori limite X Radiazioni laser art. 216 e All. XXXVII Basso Medio Elevato < valori limite X > valori limite X Radiazioni ionizzanti Rif. d.lgs. 230/95 Basso Medio Elevato Equiv.te dose globale H<1 XEquiv.te dose al cristallino H < 15 Equiv.te dose pelle/estremità H < 500 Equiv.te dose globale 1 H < 6 XEquiv.te dose al cristallino 15 H < 45 Equiv.te dose pelle/estremità 50 H < 150 Equiv.te dose globale 20> H 6 XEquiv.te dose al cristallino 150> H 45 Equiv.te dose pelle/estremità 500> H 150 Rischio chimico determinazione quantitativa art. 223 All. XXXVIII e All. XXXIX Basso Medio Elevato 10% TLV X 50% TLV X 50% TLV X Rischio chimico determinazione qualitativa Basso per la Sicurezza ed Irrilevante per la Salute Non Basso per la Sicurezza e/o non Irrilevante per la SaluteMetodologie basate su algoritmi
  • 42. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 43 Fattore di rischio d.lgs. 81/08 Indicatore del rischio Rischio chimico Cancerogeni e Mutageni determinazione quantitativa art. 234 e All. XLIII BASSO MEDIO ELEVATO 10% TLV X 50% TLV X 50% TLV X Non esposto: la sostanza è utilizzata a ciclo chiuso; Potenzialmente esposto: l’esposizione può essere determinata unicamente da eventi di carattere eccezionale ed imprevedibili; Esposto: l’utilizzo della sostanza può comportare esposizione del lavoratore. Rischio Biologico art. 268/271 e All. XLIV BASSO MEDIO ELEVATO Poca probabilità di causare malattie in soggetti umani X Può causare malattie in soggetti umani e costituire un rischio per i lavoratori; poco probabile che si propaghi nella comunità; sono disponibili efficaci misure di profilassi o terapeutiche X Può causare malattie gravi in soggetti umani e costituisce un serio pericolo per i lavoratori; l’agente biologico può propagarsi nella comunità; sono disponibili efficaci misure profilattiche o terapeutiche X Può causare malattie gravi in soggetti umani e costituisce un serio pericolo per i lavoratori e può presentare un elevato rischio di propagazione nella comunità; non sono disponibili, di norma, efficaci misure profilattiche o terapeutiche Atmosfere esplosive art. 290 e All. XLIX BASSO MEDIO ELEVATO Area in cui durante le normali attività NON È PROBABILE la formazione di un’atmosfera esplosiva, consistente in una miscela di aria e sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapori o nebbia o, qualora si verifichi, sia unicamente di breve durata X Area in cui durante le normali attività NON È PROBABILE la formazione di un’atmosfera esplosiva sotto forma di nube di polvere o, qualora si verifichi, sia unicamente di breve durata X Area in cui la formazione di un’atmosfera esplosiva, consistente in una miscela di aria e sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapori o nebbia, È PROBABILE che avvenga occasionalmente durante le normali attività X Area in cui la formazione di un’atmosfera esplosiva, sotto forma di nube di polvere combustibile nell’aria, È PROBABILE che avvenga occasionalmente durante le normali attività X Area in cui è presente in permanenza o per lunghi periodi un’atmosfera esplosiva, consistente in una miscela di aria e sostanze infiammabili sotto forma di gas, vapori o nebbia X Area in cui è presente in permanenza o per lunghi periodi o frequentemente, un’atmosfera esplosiva sotto forma di nube di polvere combustibile nell’aria X
  • 43. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 44 La valutazione dei rischi è finalizzata ad ottenere un giudizio in merito al rischio analizzato; tale giudizio, come detto, sarà discriminante per determinare le misure di sicurezza che eventualmente dovranno essere implementate e, pur considerando il valore di rischio stimato nella fase di analisi, potrà basarsi anche su considerazioni inerenti ai costi-benefici delle possibili misure attuabili (in effetti, dal punto di vista teorico, un’ulteriore riduzione del rischio è sempre possibile). Ciò non significa che la via del continuo miglioramento non debba essere perseguita, ma che è ragionevole ritenere accettabile un rischio non comportante danni elevati, per il quale un’ulteriore riduzione dello stesso richiede sproporzionati investimenti in termini di risorse (umane, economiche, organizzative) o, ancora, che è possibile giudicare tollerabile un rischio stimato elevato, per il quale si mettono in atto misure di sicurezza di particolare rilievo: si pensi, ad esempio, alle operazioni di manutenzione che richiedono la rimozione di sistemi di sicurezza dalle macchine o all’esecuzione di lavori elettrici in tensione. I risultati delle stime possono essere tradotti, per omogeneità e in conformità con la BS 8800:2004 e la BS 18004:2008, nei giudizi o valutazioni di rischio di cui alla tabella seguente. Tali criteri di giudizio consentono di fare il confronto tra i rischi normati e non normati al fine di stabilire le misure di sicurezza che sono da programmare e consente anche di procedere alla fase di programmazione delle misure di riduzione del rischio, o del suo controllo in modo omogeneo, tenendo conto delle priorità. Accettabilità secondo la BS 18004:2008 e tollerabilità secondo la BS 8800:2004 Categoria di rischio Valutazione di accettabilità Valutazione di tollerabilità Molto Basso Rischio che è stato ridotto a un livello che può essere tollerato dall’organizzazione tenendo in considerazione il rispetto degli obblighi di legge e della propria politica per la salute e sicurezza sul lavoro Rischio da considerare insignificante o per le caratteristiche proprie o in seguito all’applicazione di misure di sicurezza Basso Il rischio dovrebbe essere ridotto per quanto sia possibile dal punto di vista dei costi-benefici (i.e. basso quanto ragionevolmente praticabile) Rischi che dovrebbero essere ridotti fino a risultare tollerabili o accettabili; possono essere accettati a condizione di applicare misure per la riduzione degli stessi Medio Alto Molto Alto Non Accettabile Rischio inaccettabile a prescindere dai vantaggi ottenibili Fattore di rischio d.lgs. 81/08 Indicatore del rischio Rischio incendio art. 46 e dm 10.03.98 All. IX 9.4 BASSO MEDIO ELEVATO Luoghi di lavoro o parte di essi, in cui sono presenti sostanze a basso tasso d’infiammabilità e le condizioni locali e di esercizio offrono scarse possibilità di sviluppo di principi d’incendio ed in cui, in caso d’incendio, la probabilità di propagazione dello stesso è da ritenersi limitata X Attività soggette a CPI e/o caratterizzate da luoghi di lavoro in cui sono presenti sostanze infiammabili e/o condizioni locali e/o di esercizio che possono favorire lo sviluppo d’incendi, ma nei quali, in caso d’incendio, la probabilità di propagazione dello stesso è da ritenersi limitata art. 46 e dm 10.03.98 All. IX 9.3 X Attività soggette a CPI caratterizzate da luoghi di lavoro in cui, per presenza di sostanze altamente infiammabili e/o per le condizioni locali e/o di esercizio, sussistono notevoli probabilità di sviluppo d’incendi e nella fase iniziale sussistono forti probabilità delle fiamme, ovvero non è possibile la classificazione come luogo a rischio d’incendio basso o medio art. 46 e dm 10.03.98 All. IX 9.2 X
  • 44. 3.5 Do pre (ar La So La sp lav ne Ridi 5 I opo eve rtt. a addo b c) olo s d a co ess vora el ca Riduzione dll’ii Ind av enzi 15, ) e p ove ) r ) a i se, ) f ono so s ator aso dell’esposizione div ver one 18 elim per e qu ridu ado inst dop forn sce suc ri de no idu eff e e , 74 mina icol uest urre otta talla po nire enza cced ei d n s E uaz fettu pro 4, 1 are loso to n e il t re m are ave ai a d de n disp ia t Elim LE zion uato otez 68, il o). non tem mis un er a lavo di q nell posi tecn mina ( a ATT ne o la zion , 18 risc ris po sure ido attua ora ques le A tivi nica azio (<< Me tu de al f l’a ev TIV de a v ne. 82 e chio ulti d’e e di oneo ato tori sto Azie di ame one Pre la p essa utte riva fine acca ven VITÀ elle alut Su ecc o al tec espo pro o si qua i i d sc end pro ente VA TR e eve pro a in e le ate e di adi ti p À ES e m taz u qu .) l’o la f cnic osiz ote iste ant disp chem e, c otez e e ALU RAT enzi oba n op e m da pre me peri R STE misu ione uest obb fon cam zion zio ema o p osit ma che zion ass SC UTA TTA ion bili per isu alla eve ento col Risc ERN ure e d to a bligo te ment ne d ne a d’a rev tivi d’a e le e in solu CHEM AZI AME e ità P ra d ure VR enir o di los chio E V e di dei asp o pe (es te p dei col asp visto di p azio mi ndiv utam MA D ION ENT Rid P) di R, re i i o re Valu i p risc petto er i .: r poss lavo lett piraz o ne prot one sur vidu men D’AZ NE D TO duz esid utaz rev chi, o il l DL risch sibi ora tiva zion ei p tezi pe re d uale nte ZION DE DE zion duo zion ven il d.lg L di hio ile, tori ; si ne) unt ione er l di p e; ta pos NE PE L R NO EL R ne (< M d d o ac ne d 4 nzio DL gs. i ad ch occ i; a s di t ti in e in a g rev ali D ssib ER L RISC O RIS << l Mes tu der pe dal di ev cce del r 45 one L m 81 dotta himi corr strut tipo ele ndiv gest venz DPI bile LA G CHI SCH Pro a m ssa utte riva al pro erso ll’ac ven etta risc e e mand /08 are co: re p ttur o att enc vidu tion zion rap att GEST IO HIO ote mag a in e le ate l fin oteg one cca nti p bile chi p e pr dan 8 e e il s so proc rali tivo o, p uale ne d ne p ppr tuar TION zio gnit op mi dal ne d gge e e adim per e per rot nte s.m seg ostit ced che o e/o perm e (D dei pro rese re m NE DE one tud pera sur lla V di ere cos men rico att tez dev m.i. uen tuire ere e or o p man DPI) ris tez enta misu EL R o D a di re VR, se nto olos tivit ion ve def nte e u e co rga ass nga ad schi ion ano ure RISC D) i , o si tà s ne ind finis sch un p on a nizz sivo a de egu è e s o, in alla CHIO SI svol divid sce hem prod azio zat o. el ri uati fon si rid nvec a fo O te v dua ch ma d dott oni d ive sch i ris nda duc ce, onte c a d (e • • • • vers re hiara d’az to p di ri (es hio r spet me cano l’ul e o M con ass c app del di p e p p es.: Mi atti del pas del col ind so t ed am zion per iduz s.: res tto a enta o a tim di t Misu ntro sicu cor plic lle rev prot pre au isu ive l’int ssiv l’int llett divid terz att ent ne: rico zion per iduo al ri ale lla o ri tipo ure ollo urin rrett cazi mis venz tezi vis dit, re d (nec terv ve (n terv tive dual zi tuar e in loso ne d r il r o: isch per me me co di o ch no l ta ion sur zio ion te , ec di P ces vent non vent (DP li (D re l n di o c del risc hio. r ev era edio llett he la ne re ne e cc.) Pro ssita to u n ne to u PC) DPI) le m iver con risc chio vita con o da tivo ) tez ano uma eces uma ) mis rsi a un chio o ch are, nse a ad o. zion o ano) ssita ano) sure artic no n o: himi co gna dott ne ) ano ) e di coli non ico: ome a ai tare o i i n : e i e Accceettaabile?
  • 45. La inc Tra gio do Un rap do sic Ciò va Ult In su an Int Oc og pre un a po cide atta ova ovra n e ppre ove curo ò ri ni t terio • • • og ll’ub tinc terv • • cco get ess ’es ossi ere and me anno lem ese il p o da sul ecn ori a c c p a d gni bica cen vent d e c d d rre tto so te pos bilit dire osi nto o es men enta pers a pe ta t nici, inte ade cui con pro ade da a cas azio dio ti di dota evit com di o dota seg e d erz sizio tà d etta di o da sse to ato son erso tant , in erve egua fare ndiz ced egua attu so, one , vi i pro azio tare mun oper azio gna date i, in one di a ame att al r ere di p dal nale ona to p pia enti ate e rif zion dura ato uare pr e de e d otez oni e. P nica rare one alar e pe n de e a LE attiv ente tivit risp in g pre lla p e è ale a più ani i di inf feri ni la alizz ad e du rima elle i fu zion mir Per azio e; e di re, p er a efin risc ATT vare e su tà c petto grad even pos ch allo op nte pre form me vor zaz ddes uran a d str ga, ne s rate qu one, pac pera acq nitiva chi t TIV e az ull’a che o p do q nzio ssib iam o sc por errat even maz ento rativ zion stra nte di in uttu pia son e di uest tel cch altr quis a, s tipic VITÀ zion amb e ve punt quin one bilità mato copo rtun ti, m nzio zion o al ve d ne d ame lo s nizi ure ani no d DP to t lefo hetto o, c site salv ci g À ES ni d bien eng tual ndi e se à di o a o de no l mag one ne e fine da p dell’ ento svo iare di e di e da r PI, i tipo oni c o d che le vo c est STE i pr nte d gono le, di g eco ac d o eleg add gari e se e fo e d part atti o de olgim e l’a eme eme rico in g o at cell i me e ga not cas tibili ERN reve di la o e da gara nda cqui ope gato dov de econ rma i sv te d vità el p men attiv erg erge ndu grad ttivi lula edic aran tizie i pa i co E V enz avo eseg pa ant aria sire rare o da ve s ecen nda azio vilup deg à m pers nto vità enz enz urre do d tà ari o caz nten e p artic on m Valu zion oro, guit arte ire a (a e in e, e al D si p ntra aria one ppa li op edi son de à, i za: za. e a: di m son o ra zion ndo reli cola meto utaz ne p pe te e de l’ac azio nform e la DL o rev ati, e son de are per ant nale lle a lav ma mini no dio ne e o un min ari d odic zion prim r le in a el D cces one maz a n osp veda ecc no r ei la la c rato te la e su attiv vor ater imiz da ric ed e na f nari da che ne d 4 mari mo am DL sso ind zion ece pitan a d c.). rap avor cap ori; a pr ulle vità rato riale zza co cetra eve form ine coo e, in del r 46 ia (a otiv bie osp o a s divid ni s essi nte. i do pre rato acit redi mo à, al ori s e di re g onsi asm ntu maz ere ordi n lar risc azio azio nte pita siti dua sui ità . ove esen ori a tà d ispo oda l fin si d pri gli e der mitte ale zion nti inar rga chi p one oni di ante intr ale risc di er o ntat add d’ide osiz alità ne d deb imo effe rars enti pro ne c la s re m pa per e co già te e, d rinse che chi ven per ti da etti ent zion op di co bbo o so etti d si d i, a ofila cost sicu med rte, att ollet à es rzi, delle eca e a pre nire rare a: alla ifica ne d pera ono no occo di q disp sec ass tan urez dian , sta tivit ttiva spre è e n ame agis esen e ac e in a m azio di p ative osce inf orso que posi con i va te a zza nte and tà s a ch esse ev norm ente sce nti n ccom sit man one punt e e ere form o, i gli tivi nda acci ai la a de pro dard svol he e ri ide me e si tra nel mp tuaz sio e de tual e i c tutt mar mp eve di de nal avo el s oce dizz te v agi sult nte ge cur a il sito agn zion ne, ei pe li ist com te le re p iant enti pro ella e. orat sito dur zabi vers sce ta p ch ener ri. lav o, in nati ni p da eric truz mpo e fa pres ti d ch ote situ ori os re p ili. so t e su pres he rali vora n p at part a rite coli zion ortam asi d sso i se e n ezio uaz add spita più terz ul ri sso i la di ator arti trav tico ene e d ni d men dell o l’A egn non ne ione dett ante affi zi sch ché avo pre re e cola vers lari ersi di va i lav nti la p Azie ala sia an e in ti a e, le nat hio) é im rato eve ed are so (of mis alut voro di s prop end azio a sta che n cu lla e a te, d ), in mpo ori enzi il r e pe un ffici sur tazi o; salv pria da ne ato e i ui s ma attiv det n gr ssib trar one risc er le pe ne, re c one vag att osp inc po me i pr ansi vità erm rado bile rran e, c chio e zo rco , en card e de uar tività pita cend ssib ezzi reve one svo mina o di e. nno che o) è one orso ntro dine elle rdia à. ante di e bile i di ede e in olte ano i o e è e o o e e a e e e i e n e o
  • 46. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 47 3.6 Le schede di rilevazione dei rischi: un caso esemplificativo La valutazione inerente la tipologia di rischi in esame deve essere condotta prendendo in rassegna tutte le tipologie di rischio presumibilmente rilevabili nelle diverse attività svolte all’esterno dai lavoratori dell’Azienda; di seguito sono riportate alcune schede di rilevazione tipo, riportanti le criticità per le quali le indagini condotte dal valutatore (RSPP in primis) hanno evidenziato la potenziale sussistenza di un’esposizione al rischio. Considerato che tale potenziale esposizione dei lavoratori a condizioni di rischio di diversa natura, e non sempre tempestivamente identificabili, occorre mettere a disposizione degli stessi una serie di DPI. Come già accennato, le attività svolte presso terzi si possono suddividere, ai fini dell’individuazione dei fattori di rischi collegati, in due fasi temporali successive, distinguendo: 1. il trasferimento sul posto e rientro in sede (rischio d’incidente stradale); 2. l’esecuzione delle diverse attività. Per le fasi di cui al primo punto, oltre alla regolare manutenzione delle vetture (aziendali o private, ove sia autorizzato l’uso), valgono le regole preventive del Codice della Strada, date per acquisite da chi possiede la patente di guida. I lavoratori addetti alla mansione sono tenuti a seguire quanto riportato nelle apposite istruzioni operative aziendali per quanto riguarda l’uso e la manutenzione di automezzi, attrezzature e impianti. Le attrezzature in dotazione ai lavoratori operanti presso terzi vengono fornite con allegato libretto di uso e manutenzione riportante le principali regole di utilizzo. Successivamente, per le diverse attività da svolgere, s’individuano i pericoli di maggior rilievo per probabilità di accadimento e per gravità del danno che ne può conseguire, anche al fine di stabilire un criterio di priorità di massima per la definizione del programma degli interventi. Per semplicità espositiva, si fa riferimento ad un documento di valutazione dei rischi, per la mansione “addetti attività fuori sede”; le valutazioni sono state effettuate considerando le misure tecniche e organizzative, i DPI e le procedure adottate in Azienda. Si ipotizza che le tipiche attività svolte all’esterno dai lavoratori dell’Azienda siano: manutenzione impianti (extra DUVRI); campionamenti ambientali; accertamenti presso cantieri edili.
  • 47. LE ATTTIVVITÀÀ ESSTEERNE VValuutazzionne d 4 del r 48 riscchi pper atttivittà ssvolte vversso tterzzi S i e l e o , e T e Fa c Il c 1, di L’i de rip Ne si d In nu alla Se ipo d Tra s rie atto com l fu com FS risc ndiv ell’in prist ei ca dov un ova a lu eguo otizz Am di ri asfe sul p entr ori mun e a sv uor mple 2), chio vidu nten tino asi vran na f ame uce ono zate mbit isch A erim pos ro in B di r ni a ttiv volt ri se ess , pe o va uaz nsità o de in c nno fase ente de o, d e at to hio men sto n se risc a tu vità te ede o d er la aluta zion à d elle cui o ten e s e va lle n dall’ ttivi nto o ede chio utte e delle a m ati. ne d el d con no nere succ alut nuo ’est ità s Ele F e o 2 2 2 2 2 2 2 2 e fa mans di u dan ndiz n s e so ces tati ove trat svo enco FSi 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 asi l sion un nno zion ia p otto ssiva e s con to olte o d E A avo ne risc D a ni di pos o co a, si c nos del all’ dei f Elett C Asso orat esa chio ass i sic ssib ontr nel cons scen DV est fatt U rocu eso orbim tive ami o re soci cure ile rollo l’am side nze VR ern tori Urto, uzio oiam Im men e es nat esid ato ezz elim o i r mbit erer e a q , a no d di Fa , ab one ment G mbra In Irra nto i S sam a (a duo o, pe za (i mina rima to d rà n que lcun dai l ris atto T bras (pe to, s Gas attam nalaz adia inala Sciv mina attiv , in erm imm are ane del nuo el p ni e avo chi ori d Tras Lo M ione er co schi e v men zion azio ator M Esp vola In U ate vità n re mett med i ri enti m ovam unt ese orat o (d di r spor omba Mov e, sc onta acc vapo Spr nto c ne d one rio, Man posi men nves rto Pun Stre ha à fuo elaz te q diata isch risc onit men to a emp tori da risc rto e algi vime chia atto ciam ori, u F P rofo con di ae e co Ca dige nipo Ca zion nto stim con ntur ess con ori s zion quin a/u hi, e chi tora nte acqu pi d de inte chio In e ma e e enta acci dire ment usti ugh Punt nda ma eros onta amp estiv olaz duta Esp ne a o ca ment n ma ra d - C ndo sed ne a ndi rge ess res agg la uisi di s ll’A end o le ncid anip trau azio ame etto to p oni he d ture ame teria sol c amin i ele vo, ione Cad a di posi V a fat adu to d ater i ins Cond otto de), alla di d ente i de sidu gio pos te. che zien ders egat ente pola umi ne m ento e/o er c per i ga e, ta nto ale cont naz ettro cuta e di duta ma zion Vibr ttori ta a a m iali setti dizio alla fac a va defi e/a m ebb ui. con ssib ede nda si i ti a e st azion cau man o da ind cont r con as, e agli, in b con tam ione oma ane sos a da ateri ne a razio mic a ter mezz mov , mo oni d a re cen alut nire med bono ntin bilità e pe a. ndi lle trad ne d usat nua a pa diret tatto ntat espl abr buch ntam inat e da agne o di stan all’al iale a ru oni croc rra, zi gu vime orso di la eda ndo azio e la dio o es nuo à d er l icat atti ale di ga ti da le d arte tto c o co tto c osio rasio he o mina to d a rad etici i so nze to dal mor clim urto uida enta o di avor azio rife one a pr - lu sse de i el la m tivo ivit as c a vib ei c dei con on o con one oni o va ato d a ag diaz NIR stan chim l’alt re matic o co ati d ati d ani ro d one erim e de iorit ung ere ella imi man o e à fu com braz caric car app rgan mas asch da a gen zion R nze mich to ci av ontro da te da te ima iffic del men ella tà d o te dim sic nar nsio no uor mpre zion chi richi pare ni m sse he agen nti b ni ion e/o he vver o os erzi erzi le ili lle s to a a pr deg erm minu cure rli o one n e ri se ssi ni i mo ecch mecc cal nti b iolo nizz o pre rsi stac sch alle roba gli in mine uiti ezz o di e in esau ede ovim hi so can de biolo ogici zant epa coli hede e div abi nter e). nel za, rid n og ust e men otto ici i ogic i ti rati e d vers lità rven la m i ri urli gge tivo tati ten n m ci per i va se a di nti d mis isch an etto o) nsion moto ricol alut attiv ac da ura hi r ncor , in ne) losi azio vità cad effe a de resi ra, n re N N N N N N N one à ed dim ettu el po idui se elaz No NO NO NO NO NO NO NO e (ti d ai ent uare oss i sa del zion ote P x P x P x P x P x P x P x ipo fat to P e pe sibil aran ca ne a e x D x D x D x D x D x D x D FS ttori P e er il e e nno aso, alle
  • 48. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 49 RISCHI LAVORATIVI SCHEDA FS 1 - VALUTAZIONE PER MANSIONI ATTIVITÀ FUORI SEDE GRUPPO OMOGENEO ADDETTI ATTIVITÀ FUORI SEDE Data: 26.05.2013 Scheda FS 1 DESCRIZIONE ATTIVIT TRASFERIMENTO SUL POSTO E RIENTRO IN SEDE Formazione erogata Generale: 15.05.2012 Specifica: 25.05.2012 DPI forniti dal DL mandante Pacchetto di medicazione di cui al dm 388/03 Telefono cellulare (o scheda SIM) per i casi di emergenza Misure esistenti Manutenzione programmata e registrata dei mezzi di trasporto dell’Azienda Acquisizione degli estremi dell’effettuazione della manutenzione programmata dei mezzi di trasporto di proprietà dei lavoratori ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI residui (vedi tabella seguente) Tipo RISCHI PRINCIPALI Classe di Rischio FSi Tipologia di rischio Rres I B A MA 1 Incidente stradale A7 X 2 Trasporto e manipolazione di gas compressi A7 X 3 Lombalgie e traumi causati da vibrazioni Vibrazioni del Corpo Intero (WBV) (> A(8) inferiore a 0,5 m/sec2) 4 Movimentazione manuale dei carichi Indice NIOSH: Basso 5 Urto, abrasione, schiacciamento da parte dei carichi movimentati M5 X FSi: 1, 2 VALUTAZIONE FINALE DI ACCETTABILITÀ (per R > 2) DEL RISCHIO residuo RISCHIO ACCETTABILE con possibilità di ulteriori misure di riduzione e/o miglioramento Probabilità (P) 4 8 12 16 3 3 9 15 Rres = P x (D + n) = 1 x (4 + 3) = 72 2 8 11 1 1 7 Rres Racc ? 7=7 0 1 2 3 4 Danno (D) MISURE DA ADOTTARE RIDUZIONE/MIGLIORAMENTO Verifica dell’avvenuta manutenzione programmata e registrata dei mezzi di trasporto OPERAZIONI DI CONTROLLO DELLE MISURE DI SICUREZZA E GESTIONE DEL RISCHIO Audit periodico verifica delle procedure attuate PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI DA ADOTTARE Scadenza per l’adozione delle misure Periodicità dei controlli Responsabile Prioritariamente allo svolgimento delle attività esterne Semestrale Delegato del DL mandante ULTERIORI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DA FORNIRE AI LAVORATORI PROTOCOLLO DI SORVEGLIANZA SANITARIA LEGATO ALLA MANSIONE Sarà consigliata la vaccinazione antitetanica; altri accertamenti strumentali e/o di laboratorio e visite specialistiche potranno essere richiesti se ritenuto necessario dal Medico Competente (audiometria, se necessaria in relazione al rilievo fonometrico, accertamenti relativi all’assunzione di sostanze stupefacenti, ecc.) Per i rischi normati (es.: FS 3) la valutazione è stata eseguita con metodologie diverse da quella matriciale e, pertanto, è stato associato al rischio in esame il giudizio richiesto dalla normativa specifica. À M 4 6 4 3 5
  • 49. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 50 FS 1 - RISCHI NON IRRILEVANTI (R > 2) SITUAZIONE TIPO MISURE DI PROTEZIONE Incidente stradale Trasferimento sul posto e rientro in sede: incidenti nella circolazione, gravosità dell’impegno di guida per la durata del chilometraggio, tipologia del percorso, affaticamento precedente, in particolare nella fase di rientro, eventuale orario disagevole cattive condizioni atmosferiche nel periodo del trasferimento, stress, ad esempio, in seguito ad imprevisti, pericoli durante il trasporto di attrezzature di lavoro, ad esempio, in seguito a carichi mal fissati. Definire chiare direttive di lavoro e/o un codice di condotta. Queste convenzioni debbono essere adattate in modo specifico alla realtà aziendale. Punti essenziali sono: rispetto delle regole della circolazione, divieto di telefonare durante la guida, divieto di consumo di alcol, procedure di comportamento in caso d’incidenti, fissaggio del carico all’interno del veicolo e sul veicolo, uso di dati e documenti confidenziali in caso di deterioramento e/o smarrimento a seguito di incidente, ecc.. Fornitura di telefono cellulare (o scheda SIM) per i casi di emergenza. Trasporto e manipolazione di gas compressi (es.: azoto) Pericoli dovuti agli automezzi: inadeguatezza per l’uso su strade disagevoli (specie in località di campagna e di montagna), inadeguatezza al trasporto di persone, strumenti, reattivi pericolosi ed eventuali campioni contaminati sullo stesso mezzo. Presenza di bombole di gas compressi, attrezzature di lavoro pesanti e/o ingombranti, sostanze e preparati pericolosi utilizzati per la successiva attività, materiale in vetro o altri attrezzi taglienti. Utilizzo di automezzi predisposti al trasporto dei gas (spazio adeguato, ancoraggio, accessibilità, separazione ed aerazione dei vani del veicolo), le bombole vanno caricate e fissate in modo sicuro. Provvedere alla presenza a bordo del mezzo delle schede di sicurezza del materiale trasportato. Deve essere installato a bordo delle unità di trasporto un mezzo di estinzione incendio: l’estintore portatile deve essere adatto alle classi d’infiammabilità A, B e C con una capacità minima totale di 6 Kg di polvere, munito di sigillo ed avere il marchio di conformità; inoltre deve essere facilmente accessibile per l’equipaggio e la sua installazione deve essere protetta dagli effetti climatici. La manipolazione delle bombole, compreso il carico e lo scarico degli autoveicoli, deve essere effettuata esclusivamente dal personale addetto. La chiusura delle valvole e del relativo cappellotto di protezione va controllata periodicamente. Disponibilità di automezzi dedicati per minimizzare gli spostamenti, di carrelli adeguati ai carichi da movimentare, di accessori per il trasporto del materiale di prelievo e dei campioni (contenitori, sigillati, antiurto ancorati, vano separato rispetto a quello di guida, autoveicolo dedicato), di attrezzature, indumenti e DPI adeguati (tuta, scarpe, guanti). Fornitura di pacchetto di medicazione di cui al dm 388/03.
  • 50. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 51 RISCHI LAVORATIVI SCHEDA FS 2 - VALUTAZIONE PER MANSIONI ATTIVITÀ FUORI SEDE GRUPPO OMOGENEO ADDETTI ATTIVITÀ FUORI SEDE Data: 26.05.2013 Scheda FS 2 DESCRIZIONE ATTIVITÀ MANUTENZIONE IMPIANTI (EXTRA DUVRI) Si fa riferimento ad attività spot presso clienti nei confronti dei quali non esiste un apposito contratto di manutenzione Formazione erogata Generale: 15.05.2012 Specifica: 25.05.2012 DPI forniti dal DL mandante Vedi scheda DPI di cui al paragrafo 6 dell’aggiornamento del DVR "Attività Esterne" del 07.12.2012 Misure esistenti Redazione di una (graduata) procedura mediante la quale, a seguito della richiesta pervenuta al DL mandante, pervengano dal “responsabile” del sito ospitante TUTTE le informazioni utili inerenti i rischi ivi presenti ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI residui (vedi tabella seguente) Tipo RISCHI PRINCIPALI Classe di Rischio FSi Tipologia di rischio Rres I B M A MA 6 Elettrocuzione (per contatto diretto e/o indiretto con apparecchi sotto tensione) M5 X 7 Cesoiamento, schiacciamento per contatto con organi meccanici in moto M5 X 8 Gas e vapori, ustioni per contatto con masse calde M5 X 9 Fughe di gas, esplosione M5 X 10 Punture, tagli, abrasioni I2 X 11 Sprofondamento in buche o vasche M5 X 16 Assorbimento inalatorio, digestivo, cutaneo di sostanze e/o preparati pericolosi Valutazione in base ad algoritmo: Irrilevante per la Salute 17 Manipolazione di sostanze chimiche Valutazione in base ad algoritmo: Basso per la Sicurezza e Irrilevante per la Salute 18 Caduta dall’alto A7 X 19 Caduta di materiale dall’alto M5 X 20 Esposizione a rumore Calcolo LEX: Medio (> Valori superiori di azione 85 dB(A) 21 Vibrazioni Vibrazioni del Corpo Intero (WBV) (> A(8) inferiore a 0,5 m/sec2) 22 Esposizione a fattori microclimatici avversi Non Adeguato 23 Scivolamento o caduta a terra, urto contro ostacoli I2 X 24 Investimento da mezzi guidati da terzi A7 X 25 Urto con materiali movimentati da terzi M5 X 26 Puntura di insetti, morso di animale M5 X 27 Stress - Condizioni di lavoro difficili M5 X Per i rischi normati (es.: FS 20) la valutazione è stata eseguita con metodologie diverse da quella matriciale e, pertanto, è stato associato al rischio in esame il giudizio richiesto dalla normativa specifica.
  • 51. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 52 FSi: 18, 24 VALUTAZIONE FINALE DI ACCETTABILITÀ (per R > 2) DEL RISCHIO residuo RISCHIO ACCETTABILE con possibilità di ulteriori misure di riduzione e/o miglioramento Probabilità (P) 4 4 8 12 16 3 3 6 9 15 Rres = P x (D + n) = 1 x (4 + 3) = 72 2 4 8 11 1 1 3 5 7 Rres Racc ? 7 = 7 0 1 2 3 4 Danno (D) MISURE DA ADOTTARE RIDUZIONE/MIGLIORAMENTO Verifica della idoneità tecnico-professionale dei lavoratori (formazione specifica) e dell’avvenuta fornitura dei necessari DPI OPERAZIONI DI CONTROLLO DELLE MISURE DI SICUREZZA E GESTIONE DEL RISCHIO Audit periodico verifica delle procedure attuate PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI DA ADOTTARE Scadenza per l’adozione delle misure Periodicità dei controlli Responsabile Prioritariamente allo svolgimento delle attività esterne Mensile Delegato del DL mandante ULTERIORI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DA FORNIRE AI LAVORATORI Ove necessario, il “responsabile” del sito ospitante dovrà dotare i lavoratori di DPI “speciali” PROTOCOLLO DI SORVEGLIANZA SANITARIA LEGATO ALLA MANSIONE Saranno consigliate le vaccinazioni antitetanica e antiepatite B; altri accertamenti strumentali e/o di laboratorio e visite specialistiche potranno essere richiesti se ritenuto necessario dal Medico Competente (audiometria, se necessaria in relazione al rilievo fonometrico, otoscopia, ecc.) FSi: 6, 7, 8, 9, 11, 19, 25, 26, 27 VALUTAZIONE FINALE DI ACCETTABILITÀ (per R > 2) DEL RISCHIO residuo RISCHIO ACCETTABILE con possibilità di ulteriori misure di riduzione e/o miglioramento Probabilità (P) 4 4 8 12 16 3 3 6 9 15 Rres = P x (D + n) = 1 x (3 + 2) = 52 2 4 8 11 1 1 3 5 7 Rres Racc ? 5 = 5 0 1 2 3 4 Danno (D) MISURE DA ADOTTARE RIDUZIONE/MIGLIORAMENTO Verifica della idoneità tecnico-professionale dei lavoratori (formazione specifica) e dell’avvenuta fornitura dei necessari DPI OPERAZIONI DI CONTROLLO DELLE MISURE DI SICUREZZA E GESTIONE DEL RISCHIO Audit periodico verifica delle procedure attuate PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI DA ADOTTARE Scadenza per l’adozione delle misure Periodicità dei controlli Responsabile Prioritariamente allo svolgimento delle attività esterne Semestrale Delegato del DL mandante ULTERIORI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DA FORNIRE AI LAVORATORI Ove necessario, il “responsabile” del sito ospitante dovrà dotare i lavoratori di DPI “speciali” PROTOCOLLO DI SORVEGLIANZA SANITARIA LEGATO ALLA MANSIONE Saranno consigliate le vaccinazioni antitetanica e antiepatite B; altri accertamenti strumentali e/o di laboratorio e visite specialistiche potranno essere richiesti se ritenuto necessario dal Medico Competente (audiometria, se necessaria in relazione al rilievo fonometrico, otoscopia, ecc.)
  • 52. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 53 FS 2 - RISCHI NON IRRILEVANTI (R > 2) SITUAZIONE TIPO MISURE DI PROTEZIONE Caduta dall’alto Verifica di parti dell’impianto elettrico, di componenti o di utilizzatori ubicati in posizione particolare Attenzione nelle fasi di salita, discesa e stazionamento in quota. Verificare l’idoneità del punto di aggancio. DPI: cintura di sicurezza Investimento da mezzi guidati da terzi Transito in aree esterne del sito ospitante I lavoratori in servizio presso il sito ospitante, durante il transito in aree esterne, dovranno utilizzare indumenti ad alta visibilità Elettrocuzione (per contatto diretto e/o indiretto con apparecchi sotto tensione) In prossimità di parti attive (componenti dell’impianto elettrico), in contatto con masse o adoperando strumenti di misura Eseguire le procedure previste dalla norma CEI 11-27 e dalla norma CEI EN 50110. DPI: elmetto isolante, scarpe di sicurezza con suola isolante o tronchetti isolanti, guanti isolanti per BT e per MT Cesoiamento, schiacciamento per contatto con organi meccanici in moto Se ed in quanto si esegue l’intervento in prossimità di attrezzature con organi meccanici in movimento Verificare che non siano manomesse le protezioni degli organi in movimento. Togliere eventualmente tensione, se possibile, all’attrezzatura prima di effettuare il controllo. DPI: guanti da lavoro Gas e vapori, ustioni per contatto con masse calde Se ed in quanto si esegue l’intervento in prossimità di tubazioni, recipienti e generatori di vapore ed altre attrezzature in esercizio a temperatura superiore alla temperatura ambiente Verificare che risultino coibentate le attrezzature e nel caso in cui non lo siano prendere le necessarie precauzioni affinché le parti del corpo non vengano a contatto con parti a temperature elevate. DPI: elmetto di protezione, scarpe antinfortunistiche di sicurezza con suola imperforabile, guanti antinfortunistici, indumenti protettivi Fughe di gas, esplosione Pericoli derivanti dalle caratteristiche di pericolosità intrinseche del fluido gassoso (es.: GPL), altamente infiammabile, e dai rischi connessi alla effettuazione dell’intervento Fornitura di estintore portatile a polvere chimica con capacità estinguente non inferiore a 13A 89B-C. Rilevatore di fughe di gas in custodia antideflagrante (esplosimetro). DPI: tuta antitermica di avvicinamento, cappuccio e guanti termoriflettenti, coperte antifiamma, schermi protettivi Sprofondamento in buche o vasche Pericoli derivanti dalle asperità del terreno, dalla presenza occulta di botole, tombini, ecc. Seguire il percorso sicuro indicato dal “responsabile” del sito ospitante. Fare attenzione alle condizioni in cui si presenta il terreno; manutenzione e pulizia dei percorsi intervento Caduta materiale dall’alto Durante gli interventi, accedendo negli ambienti di pertinenza del sito ospitante Attenzione durante le fasi di movimentazione di materiale. Controllare il bilanciamento e l’aggancio di materiale posto in alto. Verificare la presenza di ostacoli nel raggio di azione. Controllare la portata massima di eventuali apparecchi di sollevamento in uso. DPI: elmetto Esposizione a rumore Se ed in quanto si esegue l’intervento in prossimità di rilevanti sorgenti di rumore Evitare l’esposizione al rumore, se possibile, con mezzi diversi dalla protezione auricolare. DPI: cuffie antirumore, tappi auricolari Esposizione a fattori microclimatici avversi Se ed in quanto si esegue l’intervento in aree all’aperto DPI: tuta di protezione contro le intemperie Urto con materiali movimentati da terzi Attività in siti dotati di aree esterne ove si verifichi la costante movimentazione di attrezzature Seguire le indicazioni dell’accompagnatore; disporre che eventuali attività in corso nell’area d’intervento vengano sospese per tutto il tempo necessario per l’intervento DPI: indumenti ad alta visibilità Puntura di insetti, morso di animale Se ed in quanto l’intervento prevede una continuativa presenza all’aperto Adottare le necessarie cautele per verificare la presenza di insetti e animali. Acquisire informazioni su eventuali allergie dei lavoratori addetti alla mansione. Fornitura di idonei presidi di primo soccorso Stress Condizioni di lavoro difficili Situazioni in cui necessita prendere decisioni rapide e/o di pressante urgenza Conoscenza e disponibilità di tecniche di comunicazione, di tecniche di gestione dello stress e di procedure di lavoro che facciano riferimento a questo rischio
  • 53. CAMPIONAMENTI AMBIENTALI 54 RISCHI LAVORATIVI SCHEDA FS 3 - VALUTAZIONE PER MANSIONI ATTIVITÀ FUORI SEDE GRUPPO OMOGENEO ADDETTI ATTIVITÀ FUORI SEDE Data: 26.05.2013 Scheda FS 3 DESCRIZIONE ATTIVITÀ Formazione erogata Generale: 15.05.2012 Specifica: 20.06.2012 DPI forniti dal DL mandante Vedi scheda DPI di cui al paragrafo 6 dell’aggiornamento del DVR "Attività Esterne" del 07.12.2012 Misure esistenti Redazione di una (graduata) procedura mediante la quale, a seguito della richiesta pervenuta al DL mandante, pervengano dal “responsabile” del sito ospitante TUTTE le informazioni utili inerenti i rischi ivi presenti ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI residui (vedi tabella seguente) Tipo RISCHI PRINCIPALI Classe di Rischio FSi Tipologia di rischio Rres I B M A MA 10 Punture, tagli, abrasioni B3 X 11 Sprofondamento in buche o vasche M5 X 12 Imbrattamento con materiale contaminato da agenti biologici M5 X 13 Inalazione di aerosol contaminato da agenti biologici M5 X 16 Assorbimento inalatorio, digestivo, cutaneo di sostanze e/o preparati pericolosi Valutazione in base ad algoritmo: Irrilevante per la Salute 17 Manipolazione di sostanze chimiche Valutazione in base ad algoritmo: Non Basso per la Sicurezza e Non Irrilevante per la Salute 18 Caduta dall’alto A7 X 19 Caduta di materiale dall’alto M5 X 20 Esposizione a rumore Calcolo LEX: Basso 21 Vibrazioni Vibrazioni del Corpo Intero (WBV) (> A(8) inferiore a 0,5 m/sec2) 22 Esposizione a fattori microclimatici avversi Adeguato 23 Scivolamento o caduta a terra, urto contro ostacoli B3 X 24 Investimento da mezzi guidati da terzi A7 X 25 Urto con materiali movimentati da terzi M5 X 26 Puntura di insetti, morso di animale M5 X 27 Stress - Condizioni di lavoro difficili M5 X Per i rischi normati (es.: FS 16) la valutazione è stata eseguita con metodologie diverse da quella matriciale e, pertanto, è stato associato al rischio in esame il giudizio richiesto dalla normativa specifica.
  • 54. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 55 FSi: 12, 13, 18, 24 VALUTAZIONE FINALE DI ACCETTABILITÀ (per R > 2) DEL RISCHIO residuo RISCHIO ACCETTABILE con possibilità di ulteriori misure di riduzione e/o miglioramento Probabilità (P) 4 4 8 12 16 3 3 6 9 15 Rres = P x (D + n) = 1 x (4 + 3) = 72 2 4 8 11 1 1 3 5 7 Rres Racc ? 7 = 7 0 1 2 3 4 Danno (D) MISURE DA ADOTTARE RIDUZIONE/MIGLIORAMENTO Verifica della idoneità tecnico-professionale dei lavoratori (formazione specifica) e dell’avvenuta fornitura dei necessari DPI OPERAZIONI DI CONTROLLO DELLE MISURE DI SICUREZZA E GESTIONE DEL RISCHIO Audit periodico verifica delle procedure attuate PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI DA ADOTTARE Scadenza per l’adozione delle misure Periodicità dei controlli Responsabile Prioritariamente allo svolgimento delle attività esterne Mensile Delegato del DL mandante ULTERIORI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DA FORNIRE AI LAVORATORI Ove necessario, il “responsabile” del sito ospitante dovrà dotare i lavoratori di DPI “speciali” PROTOCOLLO DI SORVEGLIANZA SANITARIA LEGATO ALLA MANSIONE Saranno consigliate le vaccinazioni antitetanica e antiepatite B; altri accertamenti strumentali e/o di laboratorio e visite specialistiche potranno essere richiesti se ritenuto necessario dal Medico Competente (audiometria, se necessaria in relazione al rilievo fonometrico, otoscopia, ecc.). Per le donne in età fertile, non immuni, sarà consigliata la vaccinazione antirubeola. FSi: 11, 19, 25, 26, 27 VALUTAZIONE FINALE DI ACCETTABILITÀ (per R > 2) DEL RISCHIO residuo RISCHIO ACCETTABILE con possibilità di ulteriori misure di riduzione e/o miglioramento Probabilità (P) 4 4 8 12 16 3 3 6 9 15 Rres = P x (D + n) = 1 x (3 + 2) = 52 2 4 8 11 1 1 3 5 7 Rres Racc ? 5 = 5 0 1 2 3 4 Danno (D) MISURE DA ADOTTARE RIDUZIONE/MIGLIORAMENTO Verifica della idoneità tecnico-professionale dei lavoratori (formazione specifica) e dell’avvenuta fornitura dei necessari DPI OPERAZIONI DI CONTROLLO DELLE MISURE DI SICUREZZA E GESTIONE DEL RISCHIO Audit periodico verifica delle procedure attuate PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI DA ADOTTARE Scadenza per l’adozione delle misure Periodicità dei controlli Responsabile Prioritariamente allo svolgimento delle attività esterne Semestrale Delegato del DL mandante ULTERIORI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DA FORNIRE AI LAVORATORI Ove necessario, il “responsabile” del sito ospitante dovrà dotare i lavoratori di DPI “speciali” PROTOCOLLO DI SORVEGLIANZA SANITARIA LEGATO ALLA MANSIONE Saranno consigliate le vaccinazioni antitetanica e antiepatite B; altri accertamenti strumentali e/o di laboratorio e visite specialistiche potranno essere richiesti se ritenuto necessario dal Medico Competente (audiometria, se necessaria in relazione al rilievo fonometrico, otoscopia, ecc.). Per le donne in età fertile, non immuni, sarà consigliata la vaccinazione antirubeola.
  • 55. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 56 FS 3 - RISCHI NON IRRILEVANTI (R > 2) SITUAZIONE TIPO MISURE DI PROTEZIONE Imbrattamento con materiale contaminato da agenti biologici Se ed in quanto l’intervento prevede il prelievo di campioni (di varia natura) Utilizzo di procedure scritte di accesso e trasporto atte alla minimizzazione del rischio. DPI: guanti, non in lattice, usa e getta, maschera e occhiali Inalazione di aerosol contaminato da agenti biologici Se ed in quanto l’intervento prevede il prelievo di campioni potenzialmente infetti Uso di contenitori per i campioni che non presentino rischio di rottura (se compatibile con le procedure di campionamento). DPI: guanti, non in lattice, usa e getta, maschera e occhiali Caduta dall’alto Verifica di parti dell’impianto elettrico, di componenti o di utilizzatori ubicati in posizione particolare Attenzione nelle fasi di salita, discesa e stazionamento in quota. Verificare l’idoneità del punto di aggancio. DPI: cintura di sicurezza Investimento da mezzi guidati da terzi Transito in aree esterne del sito ospitante I lavoratori in servizio presso il sito ospitante, durante il transito in aree esterne, dovranno utilizzare indumenti ad alta visibilità Punture, tagli, abrasioni Utilizzo attrezzature di lavoro Uso di procedure scritte che trattino questo rischio, sostituzione del materiale in vetro con materiale plastico (pipette,bottiglie), acquisto di utensili provvisti di sicurezza anti-taglio. DPI: guanti in pelle Sprofondamento in buche o vasche Pericoli derivanti dalle asperità del terreno, dalla presenza occulta di botole, tombini, ecc. Seguire il percorso sicuro indicato dal “responsabile” del sito ospitante. Fare attenzione alle condizioni in cui si presenta il terreno; manutenzione e pulizia dei percorsi intervento Manipolazione di sostanze chimiche Se ed in quanto l’intervento prevede un’esposizione ad agenti chimici (es.: grassi, solventi, sostanze corrosive, ecc.) Uso di contenitori ed accessori per il trasporto, la manipolazione e la conservazione, adeguati allo scopo e che non presentino rischio di rottura o sversamento (compatibilmente con le procedure di campionamento). DPI: uso di indumenti di lavoro e guanti specifici per il tipo di sostanze utilizzate Caduta materiale dall’alto Durante gli interventi, accedendo negli ambienti di pertinenza del sito ospitante Attenzione durante le fasi di movimentazione di materiale. Controllare il bilanciamento e l’aggancio di materiale posto in alto. Verificare la presenza di ostacoli nel raggio di azione. Controllare la portata massima di eventuali apparecchi di sollevamento in uso. DPI: elmetto Scivolamento o caduta a terra, urto contro ostacoli Attività in siti che presentano un’elevata densità di materiali accumulati e/o pavimenti dissestati Prestare attenzione al percorso e ad eventuali ostacoli presenti DPI: calzature di sicurezza antiscivolo onde evitare cadute dovute in genere a superfici di calpestio scivolose Urto con materiali movimentati da terzi Attività in siti dotati di aree esterne ove si verifichi la costante movimentazione di attrezzature Seguire le indicazioni dell’accompagnatore; disporre che eventuali attività in corso nell’area d’intervento vengano sospese per tutto il tempo necessario per l’intervento DPI: indumenti ad alta visibilità Puntura di insetti, morso di animale Se ed in quanto l’intervento prevede una continuativa presenza all’aperto Adottare le necessarie cautele per verificare la presenza di insetti e animali. Acquisire informazioni su eventuali allergie dei lavoratori addetti alla mansione. Fornitura di idonei presidi di primo soccorso Stress Condizioni di lavoro difficili Situazioni in cui necessita prendere decisioni rapide e/o di pressante urgenza Conoscenza e disponibilità di tecniche di comunicazione, di tecniche di gestione dello stress e di procedure di lavoro che facciano riferimento a questo rischio
  • 56. 57 RISCHI LAVORATIVI SCHEDA FS 4 - VALUTAZIONE PER MANSIONI ATTIVITÀ FUORI SEDE GRUPPO OMOGENEO ADDETTI ATTIVITÀ FUORI SEDE Data: 26.05.2013 Scheda FS 4 DESCRIZIONE ATTIVITÀ ACCERTAMENTI PRESSO CANTIERI EDILI Formazione erogata Generale: 15.05.2012 Specifica: 05.07.2012 DPI forniti dal DL mandante Vedi scheda DPI di cui al paragrafo 6 dell’aggiornamento del DVR "Attività Esterne" del 07.12.2012 Misure esistenti Redazione di una (graduata) procedura mediante la quale, a seguito della richiesta pervenuta al DL mandante, pervengano dal “responsabile” del sito ospitante TUTTE le informazioni utili inerenti i rischi ivi presenti ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI residui (vedi tabella seguente) Tipo RISCHI PRINCIPALI Classe di Rischio FSi Tipologia di rischio Rres I B M A MA 6 Elettrocuzione (per contatto diretto e/o indiretto con apparecchi sotto tensione) M5 X 10 Punture, tagli, abrasioni I2 X 11 Sprofondamento in buche o vasche M5 X 17 Manipolazione di sostanze chimiche Valutazione in base ad algoritmo: Non Basso per la Sicurezza e Non Irrilevante per la Salute 18 Caduta dall’alto A7 X 19 Caduta di materiale dall’alto M5 X 20 Esposizione a rumore Calcolo LEX: Medio (> Valori superiori di azione 85 dB(A) 21 Vibrazioni Vibrazioni del Corpo Intero (WBV) (> A(8) inferiore a 0,5 m/sec2) 22 Esposizione a fattori microclimatici avversi Non Adeguato 23 Scivolamento o caduta a terra, urto contro ostacoli B3 X 24 Investimento da mezzi guidati da terzi A7 X 25 Urto con materiali movimentati da terzi M5 X 26 Puntura di insetti, morso di animale M5 X 27 Stress - Condizioni di lavoro difficili M5 X Per i rischi normati (es.: FS 20) la valutazione è stata eseguita con metodologie diverse da quella matriciale e, pertanto, è stato associato al rischio in esame il giudizio richiesto dalla normativa specifica.
  • 57. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 58 FSi: 18, 24 VALUTAZIONE FINALE DI ACCETTABILITÀ (per R > 2) DEL RISCHIO residuo RISCHIO ACCETTABILE con possibilità di ulteriori misure di riduzione e/o miglioramento Probabilità (P) 4 4 8 12 16 3 3 6 9 15 Rres = P x (D + n) = 1 x (4 + 3) = 72 2 4 8 11 1 1 3 5 7 Rres Racc ? 7 = 7 0 1 2 3 4 Danno (D) MISURE DA ADOTTARE RIDUZIONE/MIGLIORAMENTO Verifica della idoneità tecnico-professionale dei lavoratori (formazione specifica) e dell’avvenuta fornitura dei necessari DPI OPERAZIONI DI CONTROLLO DELLE MISURE DI SICUREZZA E GESTIONE DEL RISCHIO Audit periodico verifica delle procedure attuate PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI DA ADOTTARE Scadenza per l’adozione delle misure Periodicità dei controlli Responsabile Prioritariamente allo svolgimento delle attività esterne Mensile Delegato del DL mandante ULTERIORI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DA FORNIRE AI LAVORATORI Ove necessario, il “responsabile” del sito ospitante dovrà dotare i lavoratori di DPI “speciali” PROTOCOLLO DI SORVEGLIANZA SANITARIA LEGATO ALLA MANSIONE Saranno consigliate le vaccinazioni antitetanica e antiepatite B ed A; altri accertamenti strumentali e/o di laboratorio e visite specialistiche potranno essere richiesti se ritenuto necessario dal Medico Competente (audiometria, se necessaria in relazione al rilievo fonometrico, otoscopia, ecc.) FSi: 6, 11, 19, 23, 25, 26, 27 VALUTAZIONE FINALE DI ACCETTABILITÀ (per R > 2) DEL RISCHIO residuo RISCHIO ACCETTABILE con possibilità di ulteriori misure di riduzione e/o miglioramento Probabilità (P) 4 4 8 12 16 3 3 6 9 15 Rres = P x (D + n) = 1 x (3 + 2) = 52 2 4 8 11 1 1 3 5 7 Rres Racc ? 5 = 5 0 1 2 3 4 Danno (D) MISURE DA ADOTTARE RIDUZIONE/MIGLIORAMENTO Verifica della idoneità tecnico-professionale dei lavoratori (formazione specifica) e dell’avvenuta fornitura dei necessari DPI OPERAZIONI DI CONTROLLO DELLE MISURE DI SICUREZZA E GESTIONE DEL RISCHIO Audit periodico verifica delle procedure attuate PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI DA ADOTTARE Scadenza per l’adozione delle misure Periodicità dei controlli Responsabile Prioritariamente allo svolgimento delle attività esterne Semestrale Delegato del DL mandante ULTERIORI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DA FORNIRE AI LAVORATORI Ove necessario, il “responsabile” del sito ospitante dovrà dotare i lavoratori di DPI “speciali” PROTOCOLLO DI SORVEGLIANZA SANITARIA LEGATO ALLA MANSIONE Saranno consigliate le vaccinazioni antitetanica e antiepatite B ed A; altri accertamenti strumentali e/o di laboratorio e visite specialistiche potranno essere richiesti se ritenuto necessario dal Medico Competente (audiometria, se necessaria in relazione al rilievo fonometrico, otoscopia, ecc.)
  • 58. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 59 FS 4 - RISCHI NON IRRILEVANTI (R > 2) SITUAZIONE TIPO MISURE DI PROTEZIONE Caduta dall’alto Verifica di parti dell’impianto elettrico, di componenti o di utilizzatori ubicati in posizione Attenzione nelle fasi di salita, discesa e stazionamento in quota. Verificare l’idoneità del punto di aggancio. DPI: cintura di sicurezza Investimento da mezzi guidati da terzi Transito in aree esterne del sito ospitante I lavoratori in servizio presso il sito ospitante, durante il transito in aree esterne, dovranno utilizzare indumenti ad alta visibilità Elettrocuzione (per contatto diretto e/o indiretto con apparecchi sotto tensione) In prossimità di parti attive (componenti dell’impianto elettrico), in contatto con masse o adoperando strumenti di misura Eseguire le procedure previste dalla norma CEI 11-27 e dalla norma CEI EN 50110. DPI: elmetto isolante, scarpe di sicurezza con suola isolante o tronchetti isolanti, guanti isolanti per BT e per MT Sprofondamento in buche o vasche Pericoli derivanti dalle asperità del terreno, dalla presenza occulta di botole, tombini, ecc. Seguire il percorso sicuro indicato dal “responsabile” del sito ospitante. Fare attenzione alle condizioni in cui si presenta il terreno; manutenzione e pulizia dei percorsi di intervento Manipolazione di sostanze chimiche Se ed in quanto l’intervento prevede un’esposizione ad agenti chimici (es.: grassi, solventi, sostanze corrosive, ecc.) Uso di contenitori ed accessori per il trasporto, la manipolazione e la conservazione, adeguati allo scopo e che non presentino rischio di rottura o sversamento (compatibilmente con le procedure di campionamento). DPI: uso di indumenti di lavoro e guanti Caduta materiale dall’alto Durante gli interventi, accedendo negli ambienti di pertinenza del sito ospitante Attenzione durante le fasi di movimentazione di materiale. Controllare il bilanciamento e l’aggancio di materiale posto in alto. Verificare la presenza di ostacoli nel raggio di azione. Controllare la portata massima di eventuali apparecchi di sollevamento in uso. DPI: elmetto Esposizione a rumore Se ed in quanto si esegue l’intervento in prossimità di rilevanti sorgenti di rumore Evitare l’esposizione al rumore, se possibile, con mezzi diversi dalla protezione auricolare. DPI: cuffie antirumore, tappi auricolari Esposizione a fattori microclimatici avversi Se ed in quanto si esegue l’intervento in aree all’aperto DPI: tuta di protezione contro le intemperie Scivolamento o caduta a terra, urto contro ostacoli Attività in siti che presentano un’elevata densità di materiali accumulati e/o pavimenti dissestati Prestare attenzione al percorso e ad eventuali ostacoli presenti DPI: calzature di sicurezza antiscivolo onde evitare cadute dovute in genere a superfici di calpestio scivolose Urto con materiali movimentati da terzi Attività in siti dotati di aree esterne ove si verifichi la costante movimentazione di attrezzature Seguire le indicazioni dell’accompagnatore; disporre che eventuali attività in corso nell’area d’intervento vengano sospese per tutto il tempo necessario per l’intervento DPI: indumenti ad alta visibilità Puntura di insetti, morso di animale Se ed in quanto l’intervento prevede una continuativa presenza all’aperto Adottare le necessarie cautele per verificare la presenza di insetti e animali. Acquisire informazioni su eventuali allergie dei lavoratori addetti alla mansione. Fornitura di idonei presidi di primo soccorso Stress Condizioni di lavoro difficili Situazioni in cui necessita prendere decisioni rapide e/o di pressante urgenza Conoscenza e disponibilità di tecniche di comunicazione, di tecniche di gestione dello stress e di procedure di lavoro che facciano riferimento a questo rischio
  • 59. 3.7 Sp im ad Ta fin co Co no so va In ris lad att In co un sig Ino un so L’A lav pro 7 peci por det ali in e d ndi ome orma gge lore par chio ddo trez tal mu ris gnif oltre mo ttov Acc vora otez La ialm rtan tti a nter di s zion e gi ativ ettiv e ne rtico o c ove zzat i s nic schi icat e l’a om valu cord ator zion fo men nza alla rven vilu ni la à e vo o vità ella olar che un ture itua azio o n tivi. acc ent utat do S ri n ne a rm nte la ma nti, uppa avo esam o te de pro re p spe a c e e azio one non ura to d ti da Sta nonc ai s az nel cur ansi com are orat min ecni el va ogra pos ess cos me oni e e rap ata c deci al m ato-R ché sens ion la g ra d one me ne ive. nato ico alut am sson so, tan tod si di ppre con isiv man Reg é de si d ne s ges dell e. det ei la . o, p di tato ma no p più nte i, s ren form ese nsul vo p age gion ei d ell’a spe stion ’asp tto, avo er t rife ore azio pes ch sot pes nde maz enti taz per eme ni d dato art. eci ne d pett di p rato tutt erim nel ne sare he c ttos sso erà zion un zion l’in ent del ori 34 ific di r to p pre ori i i p ment l’att deg e ne cara stim , de nec ne c ev e d teg . 21 di 4 co ca d risc prev even la c prob to, tribu gli i ega atte a d el tu ces cor ent del R raz d lav omm dei hi q ven nzio cap blem la uire nte ativa erizz del utto ssar rrett to e RLS zion icem voro mi 2 i la qua nzio one paci mi d val e lo rve ame zare ris o ina rio ta s epis S e ne d mbr o ch 2 e 3 avo ali q onis e se ità di p uta ro m enti. ente e u chi ade un sui sodi la r delle re he 3 de orat quel stico econ di i prev zion mag e ne n s o h egua o s risc ico, rac e c 201 inte el d tor lli o o, d nda iden ven ne ggio ella sing ha ati. sfor chi no colt cono 11 r end d.lgs 6 ri ogge da a aria, ntifi nzio dei ore a va olo alim rzo lav on c ta c osc rigu don s. 8 60 etto attu , so caz ne i ris o m aluta so men rile ora cond critic cenz uard o s 81/0 o de uare ono zion non sch min azio ogge ntat eva ativi divi ca d ze d da svo 08. ella e at da ne d n ri i co nore one etto to l ante , af iso dei di q la lger a pr ttrav rite dei con omp e ril e qu o, fa ’ab e, d ffinc e, giu que form re, ese ver ene pe ndu port eva ueg ann itud da ché com udiz egli maz dir ente so rsi erico cib terà anz gli e no p dine par é la me zi so asp zion retta e tra la f mis oli e ili a à in a e elem part e a rte pre tale ogg pett ne ame atta form sure e d ad u nevi e, di men te d co del esa e, n getti ti d de ente azio maz e ca i va un c tab i co nti d di u ons l D a di non ivi d i ris i d e, i one zion ardi alut con bilm onse di pe una ide DL m cos ge dei sch irige i co , ris ne e ine tazi nfro ment egu erc ce rare man scie ener lav hio c ent omp sult e l’ cui one nto te u uenz ezio rta e n nda enz rato ora che i, d piti ta d info i far e d co un c za, one cul norm ante za d ore atori e sf dei di di fo orm re r elle n u con un e so ltura mali e, i dell’ di c i rap ugg pre pre ond azio rifer e ne uno ntrib eq ogg a d i pr n t ’esi cam ppr gon epo eve am one rime ece sta buto quiv getti d’im roce term ste mbia rese o o osti enzi ment e de ento essa and o de vale iva pre edu mini nza ame enta o so e one tale egli o al arie ard ella ente del esa, ure, i di a di enti ano ono dei e e e i l e d a e l , , i i i o o i e
  • 60. Di for cu È s de Il pe ne I c org co La cu ma de Pe è d pa rma i al • • stab ella pr erico ella con gan ntro a for i a ans el se er il di 8 rtico azio l’art a d c a b bilit valu roce oli, valu ten nizz ollo rma ppa sion etto pre 8 ore FO G (no ag ero mo ola one t. 2 aa) del com alla bb) alla to in utaz ess all’i utaz nuti zazi o e a azio artie i, a ore o epo e. ORM GEN on s ggio ogab odali re i spe 1 d «fo sis mpe a rid «in a rid nolt zion o iden zion de one ass one ene ai po o co osto MA NER 4 o sog orna bile ità e nte ecif el d orm stem eten duzi nfor duzi tre c ne d for ntifi ne d ella e de iste spe e l’A oss omp o è p AZIO RA ore get ame anc e-lea LE eres fica d.lg mazi ma nze ione rma ion che dei rma icaz dei for ella enz ecif Azie sibil par prev ONE LE ta a ento che i arnin ATT sse a de s. 8 ione di p pe e e azio e e e i c risc ativo zion risc rma a pr a. fica end i da rto d vist E ad o) in ng TIV son escr 81/0 e»: prev er lo alla one» all cont chi o ne, chi azio reve a (la da ann di a ta u VITÀ no i ritta 08 ( pro ven o sv a ge »: c a g ten effe dov ridu res one enz a cu sull i e ppa una À ES i co a ne (imp oce nzio volg esti com esti uti ettu vre uzio sidu ge zion ui du la b alle arte for STE onte ell’a pres esso one gim one mple on e la uata bbe one ui le ener ne a urat bas e co ene rma ERN enut art. 4 se f o ed e p ent e de ess e d a du a da e e e egat rale azie ta m se ons nza azio E V ti in 4, “ fam duc pro to in ei ri o d ei r urat al D con co ti al e ri end min del segu a de ne Valu ndic “Art milia cativ tez n s isch delle isc ta d DL. ndu rret llo s gua ale ima co uen ell’A agg utaz cati, tico ari e vo a zion icur hi”; e at hi i dell urre tta svo arda , di a va odic nti m Azie giun zion , ne lazi e lav attr e a rezz ttivi n a ’azi i ges lgim ano iritti aria ce A mis end ntiv ne d 6 ella ione vor rave azie za ità mb ione l stio men o: i i e a s AT ure a. va a FO (s (co FO (s (ag FO (s ( del r 61 par e d ato erso enda dei dire en e fo lavo one nto co dov seco EC e e a qu ORM sog omm all ORM sog grico OR sog cost risc rte el p ri a o il ale ris ette te d orm ora de del once ver ond O) pro uella MAZ gget merci le cla u MA gget oltura MA gget truzi chi p rife perc uto qua co spet e a di la mativ tore ei ri la m etti ri de da d è oced a pe ZIO tta a io, in assi uffici AZIO tta a a; pe AZIO tta a oni; e per erita cors onom ale nos ttivi forn avo va s e, isch man di ei v dell stru dure er i ONE ad a ngros sup e se er ONE ad a esca m er ONE ad a indu nerg er att a all so f mi)” tra sce i co nire ro”. sui att hi, nsio ris vari a c uttu e d lav E S agg sso erior erviz roga E S agg a; pu mag roga E S agg ustri gia; r roga tivit a fo form ”. asfe nze omp e co risc trav me one schi so lass urat i pr vora PEC iorn e de ri; se zi, co abile SPE iorn bblic azzin abile SPE iorn a; al rifiut abile tà s orm mat rire e e piti ono chi vers dia e. o, ogge se d a i reve ator CIF nam ettag erviz omm e so ECIF nam che a nagg e so ECIF nam imen ti; raf e so svol maz tivo e ai pro in a osce spe so nte dan etti di r n f enz ri; la FICA men lio; a zi do ercio lo in FICA men amm gi e c lo in FIC men ntare ffine lo in te v ione de lav oce azie enz ecif la e il nno az isch funz zion a du A R to q attiv omes o, ar n mo A R to q minis com n mo A R to q e; tes erie; n mo vers e d ei la vora dur end ze u ici s r nec o, p zien hio zion e e urat RISC quin ità a stici; rtigia oda RIS quin straz unic oda RIS quin ssile chim oda so t ei l avor ator re u da e utili son real ces prev dal - b ne e pr ta d CH nqu artigi albe anato lità CH nqu zioni; cazio lità CH nqu e; leg mica lità terz avo rato ri ed utili e al alla no s le ssar ven i, o ass dei rote del IO uenn anal ergh o e t aula HIO uenn ; istr oni) aula HIO uenn gno; ; san aula zi orat ori e d a all’ la “ a id subo co rio zio orga sa, m i ris ezio mo BA nale li no i e ri urism a ME nale ruzio a AL nale man nità) a tori, e de gli ’acq “ide den ord onos coi ne, ani med sch one odul ASS e di n as istor mo) EDIO e di one; LTO e di nifat , re ei s altr quis entif tific ina sce invo pr di v dia hi ri car o in O 4 6 o simi ranti O 8 6 o trasp O 12 6 o tturie lativ ogg ri so sizi fica cazi ti a enza olgi rote vigi o a ifer ratte nteg 4 or ore) ilabil ; 8 ore ore) port 2 ore ore) ero; va a gett ogg one azio ione ll’es a me ezio ilan alta iti a eris grat re li e i; e alla ti di getti e di one, e, sito dei ento one, nza, - a alle stici tivo a i i i , o i o , , a e i o “
  • 61. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 62 Lo sviluppo del percorso formativo può variare in funzione di ciò che si vuole raggiungere. Si possono quindi prevedere: moduli di formazione in aula; moduli di sperimentazione in campo; addestramento alla sicurezza per affiancamento. I lavoratori debbono essere prioritariamente informati circa le misure e le attività di prevenzione e protezione adottate e circa i rischi specifici della mansione svolta; tali informazioni si ricavano, essenzialmente, dal documento di valutazione dei rischi aziendale. Per le mansioni che qui interessano, appare necessaria una fase di formazione che, realizzata attraverso la tecnica dell’affiancamento, si proponga di assicurare la trasmissione delle conoscenze relativamente alle fasi del lavoro, alle procedure specifiche e alle dotazioni di sicurezza.. Si presuppone ovviamente che la persona già esperta (preposto), che affianca colui il quale deve essere addestrato ad assumere la mansione in termini sicuri, sia messo in grado di informare l’interlocutore sui rischi specifici dell’attività che sarà chiamato a svolgere. In questa fase, se necessario, si forniranno informazioni sia su come utilizzare, manipolare, smaltire in sicurezza le sostanze ed i preparati pericolosi sia sul contenuto delle relative schede di sicurezza. In sostanza, i soggetti in formazione vengono resi edotti in merito a determinate competenze direttamente sul campo. In realtà, un utile percorso formativo dovrebbe porsi l’obiettivo di condurre i lavoratori, attraverso la reale conoscenza dei pericoli, all’identificazione ed alla gestione dei rischi. Sarebbe pertanto auspicabile un loro diretto coinvolgimento, come vedremo nel capitolo seguente, nel processo di valutazione dei rischi residui connessi all’esercizio della loro mansione. Va tenuto peraltro presente che la qualifica professionale del lavoratore non sempre contempla tutto quello che è richiesto dalla sua mansione per lo svolgimento delle attività cui è addetto. Pertanto, la presenza del preposto in qualità di formatore durante la valutazione dei rischi, risulta fondamentale per determinare la correttezza dell’esercizio della mansione secondo le procedure di lavoro la cui non osservanza potrebbe causare incidenti ed infortuni. Ciò consente all’affiancatore aziendale di operare nell’ambito del reale contesto professionale del lavoratore (nel caso in esame esterno all’Azienda) e di guidarne l’apprendimento. L’affiancamento si dovrebbe proficuamente concretizzare come un intervento formativo ad alta personalizzazione indirizzato ad un lavoratore o un gruppo di massimo tre, e consente di intervenire con precisione, attraverso l’osservazione diretta, sul gap tra i comportamenti attesi e quelli agiti. L’attuale strutturazione della formazione, prevista negli Accordi vigenti, ne consente l’erogazione con il consueto sistema d’aula utilizzando docenti che in via generale, per quanto validamente preparati, potrebbero ignorare i dettagli delle attività specifiche dei lavoratori rappresentando, in sede di formazione, solo i rischi standard specifici delle qualifiche professionali d’interesse (rischi tipici degli elettricisti, dei carpentieri, ecc.). Conseguentemente, nella trattazione dei rischi specifici, e dei conseguenti provvedimenti, sovente ci si riferisce esclusivamente a quanto evidenziato dal DL attraverso il documento di valutazione dei rischi il quale, essendo stato di norma realizzato senza la diretta partecipazione dei lavoratori, può risultare carente sotto il profilo dell’analisi delle reali mansioni svolte dagli stessi. Ci si potrebbe peraltro domandare, in determinati contesti aziendali, se la classificazione formulata nell’Accordo, dal punto di vista della durata dei corsi di formazione, debba ritenersi vincolante e unicamente legata al codice Ateco, indipendentemente dalle specifiche realtà. A tal proposito, recentemente, Federambiente ha chiesto, all’apposita Commissione per gli interpelli, di conoscere “se la durata ed i contenuti della formazione dei lavoratori possano prescindere dall’appartenenza ad uno specifico settore Ateco e possano essere tarati sulla effettiva condizione di rischio che si rileva, per ciascuna attività lavorativa, a valle del processo di valutazione”. Nella risposta all’interpello (del 24.10.2013) la Commissione ha chiarito che, alla luce delle vigenti disposizioni normative ed in particolare sulla base di quanto indicato nei vigenti Accordi Stato-Regioni, la formazione - che deve essere sufficiente ed adeguata - va riferita all’effettiva mansione svolta dal lavoratore, considerata in sede di valutazione dei rischi e che, pertanto, pertanto la durata del corso può prescindere dal codice Ateco di appartenenza dell’Azienda.
  • 62. 3.8 Il D ge S’i e t o l Il D mo Il r rid e p Da sa ris No 8 I DL ener nte tenu a s DPI odo risc uzi proc al ri rà ulti on c Qu acq dot un’ I D ma rici ende uta alu è, o ad chio one ced isch ma no cost g s l g ualo quis tare ’evi PI and di p e p da te d du d un res e: è dura hio i ze esp titui gli i sicu le a gli a ora sita e, d den sp dant prot er d l lav dura nqu n ris sidu è qu ali, r res ero post isco ndu urez attre app si t a an da nte pec te fo tezi disp vor ante ue, schi uo, uel rite sidu finc ti a ono ume zza ezza pare tratt nche qu situ LE ific orn ione pos ato e il un io r co risc nut uo c ché risc o DP enti a de atu ecch ti di e v est uaz ATT ci isce e pe sitivo re a lav sis resid me chio e n ci s é la chi PI: i di el la re d hi p i un verb ’ulti zion TIV e a er i o d allo voro tem duo no o ch ece i pr re ina lav vor dei port n’att balm ima e d VITÀ cia risc i pr o sc o, no ma d o ac oto, he c ess rote lativ acce voro rato ser atili tivit men a, d di ris À ES asc chi rote copo onc di p ccet è q com arie egge va etta o ord ore; rviz i pe tà d nte dei sch STE un com ezio o di ché prote ttab que mun e pe e c fon abili dina i di er in di ti la pre io, ERN tec mun one i pro og ezio bile. ella que er r con nte . ari soc ndiv po val ede gli o E V cnic ni a ind ote ni c one . pe e su idur i D di p e le cco vidu par uta etti ope Valu co i alle divid gge com e da rce uss rre DPI per e un orso uare rtico zion DP erat utaz Dis atti dua erlo mple a ris ntu siste il ri ch ricol nifo o e s e e olar ne PI; tori zion spo ività ale ( o co eme serv ale e an sch e, a lo p rmi salv seg re - del in dov ne d 6 ositi à sv (DP ontro ento vare e di nch hio app pers i no vata gna - pe l ris ma vra del r 63 vi d volte PI), o u o o e a risc he d stes punt sist on s agg alare er la sch anc nno risc di P e. qua no acc i ca chio dopo sso to, te n spec gio; e ris a qu io d canz o as chi p Prot alsi o p ces asi i o ch o l’a o. cop nell’ cific sch uale dell za sten per tezi iasi più r ssor in c he ado pro ’am cata hi e e so ’Az di ners att one att risc rio d cui n per ozio no mbie ame fatt ono zien tale si d tivit e In trez chi s des non rma one que ente ente tori o ric nda e f dall’e tà s ndiv zzat sus stina n sia ane de ella e di e de noc chie osp forn effe svol vidu tura cet ato a st do lle a pe lav esti civi esti pita nitur ettu te v uale a de tibil a ta tato opo mis erce voro inat . sp ante ra, are vers e or esti li di ale o po l’at sure entu o, e ti a peci e, p op e l’a so t rdin inat i m sco oss ttua e te uale evit pro ali prov ppur attiv terz nari, ta a inac opo ibile azio ecni e d tand oteg DP vve re vità zi , os a es ccia o. e pe one che el r do gge I - der in in q ssia sse are erve de e, o risc che re l gli rann pre que a i d re i la s enir lle orga chio e i la s ope no esen estio disp ndo sicu re i mis aniz ch lav salu erat a fa nza one pos oss urez n a sure zzat he n ora te e tori ars a d . itivi sata zza altro e di tive non atori e la , i i i a a o i e n i a
  • 63. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 64 EsemplificazionedellaprevisionedidotazionediDPIperalcunemansionilavorative Parte del corpo esposta al rischio DPI Manutenzione e verifiche impianti elettrici Manutenzione e verifiche impianti termici Manutenzione e verifiche impianti di sollevamento Capo Elmetto protettivo X X Elmetto isolante e visiera a prova di arco elettrico X Occhi Occhiali X X X Schermo per saldatura con filtro autoscurante X Vie respiratorie Maschera antipolvere X X X Facciale filtrante antigas X Maschera antigas con filtro universale e specifico (ammoniaca) Udito Otoprotettori (cuffie antirumore, tappi auricolari) X X X Mani Guanti in pelle (uso generico) X X Guanti antiacido Guanti isolanti per BT e per MT X Piedi Calzature protettive con suola antiperforazione X X Calzature di sicurezza con suola isolante X Varie Imbrago di sicurezza per lavori in quota X X Tuta di protezione contro le intemperie X X X Tuta protettiva aderente X X X Abbigliamento ignifugo a prova di arco elettrico X Tuta antitermica di avvicinamento X Coperta antifiamma X
  • 64. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 65 EsemplificazionedellaprevisionedidotazionediDPIperalcunemansionilavorative Parte del corpo esposta al rischio DPI Campionamenti ambientali Accertamenti presso i cantieri edili Capo Elmetto protettivo X X Elmetto isolante e visiera a prova di arco elettrico Occhi Occhiali X X Schermo per saldatura con filtro autoscurante Vie respiratorie Maschera antipolvere X X Facciale filtrante antigas Maschera antigas con filtro universale e specifico (ammoniaca) X X Udito Otoprotettori (cuffie antirumore, tappi auricolari) X X Mani Guanti in pelle (uso generico) X X Guanti antiacido X Guanti isolanti per BT e per MT Piedi Calzature protettive con suola X X Calzature di sicurezza con suola isolante Varie Imbrago di sicurezza per lavori in quota X Tuta di protezione contro le intemperie X X Tuta protettiva aderente X X Abbigliamento ignifugo a prova di arco elettrico Tuta antitermica di avvicinamento Coperta antifiamma
  • 65. Le buone prassi per i lavoratori che operano fuori dalla sede aziendale
  • 66. 4. La va rep La vie Se L’a ga Un se lab Qu so Pe l’ef ris pro an In co di Pe clie Si bu l’e me In RL I r tip Co co L’a in più 1 I Co lida peri a va ene erviz attiv aran na f con bora uan vrin er l ffet chi ova dar rel nsis UL erta ente è p ona leva erito que LS a risu olo on l mp ana rife ù cr Il d omm ato bile aluta att zi s vità ntirn fase nda ator do nten o s tua me a co re a azi ste . nto e e pert a fo ata o al esto azie ltat gia a c pren alisi erim ritic Le doc miss un e:(ht azio tuat s.r.l. de ne la e de a de ri az un nde svo zio ecc omp a bu one ne o, di da tant orm com ll’at o s end i de de com nder di t ment i. e b cum sion na b ttp:/ one ta u . ell’A a si el p elle zien te enza olgim ne cani port uon e a l fat i fat i ris to d mazi mp tten sens dali, el q i ris pila re l tali to a uo men ne buon //ww e de una Azie icur proc esi nda cnic a al men del ci d ta ( fin ai ris tto tto, sch deci one ete ndib so è un que sch azio e s com a ta LE one nto Con na ww. ei r a bu enda rezz ces gen ali, d co ll’ef nto la p der (ad e. sch che la i da iso e d nza bilità è s n qu estio i ai one pec mm alun ATT e p o d nsu pra .lav isch uona a c za i so nze dire del ffett di prov ivan es i os e i l sic a int di v ei l a e à de stato uest ona qua de cific ment ni ris TIV ras ell ultiva assi oro hi in a p cons in ri di c e tec ettam lla tuaz ta va, nti sem sser oca ure terf valu lavo live ei d o e tion ario ali i ei qu che ti p sch VITÀ ssi a C a P i rel .go n q pras siste ifer cert cnic me UL zion le ma dal mpio rvat ali d ezza fere utar orat ello ati lab nario ha i tec ues din erm hi, e À ES pe Com Perm lativ v.it/ ques ssi a e n ime tific che nte si ne d atti a po lo s o el ti, l del c a de enza re i tori pro otte ora o da anno cnic stion nam mett e di STE er i mm man va /Sic stio attu nel ento cazi e e d pre rec dell vità oss smo lettr la c clie ei te a do risc , in ofes enu ato, a so o fo ci so nari mich te d aff ERN i la mis nent ad cure one uata tes o ag one deg ess ca p a p à i ono onta rocu criti ente ecn ovu chi n m ssio ti. co om orn ono i so he p di m fina E V avo sio te p un ezza tra a pr stare gli s e de gli a so i pre prov tec o ai agg uzio icità e no nici uti a del ate ona n la min ito o es ono pres migli re i Valu ora one per na v aLa atta ress e i stan el p acco lab sso va, a cnic uta gio d one à m on s dip alla l’at eria le in a pa nistr la spo sta sent iora i pr utaz ator e C la valu vor di so l pro nda prod ordi ora o il al fi ci n are g dei e, e mag sono pend pre tivit di n p arte rare des sti. ati r ti in are, roce zion ri c on salu utaz ro/D par l’Az odo rd r dott i co ator clie ine non gli o ma espl gio o so der esen tà c sic oss ecip e al scri racc n un in ess ne d 6 che nsu ute zion Docu rtico zien otti, rich to c ontr ri de ente di g n o ope acc losi ore otto rà d nza con cure sess paz pe zio colt n cli app i di del r 68 e o ltiv e l ne ume olar nda pri hies con rattu ei cl e s gara per erat chin one del o la dal l a di me ezza so d ion erso ne i an ient pres for risc ope va la s dei ents ri a UL ma sti d sist uali lien vol ant rano tori ari) e, e lla dir live altr etod a, e dei e d onal pu nch te o sso rma chi p era Pe sicu i ri s/Bu attiv L - I a de alle te n co nti. ge irne o d del ) ris ecc ma retta llo re a di a e la tec del le U ntu e u o in o, a azio per no erm rez sch uon ità Inte ella e no nell’ n i un e la dire l cli sult .), ansi a ge di s attiv alter a lo cnic Ser UL i ale una un lcun one att o fu man za hi c neP svo erna lor orm ’effe clie co bo ttam ent and sop one esti sicu vità rnat ro ci U rviz mp de ser a p ne v de tivit uor nen sul con rass olte ation ro i me d ettu enti, omp ontà men te n do q prat e, f one urez ne tivi, esp UL è zio d pegn ei li rie d arti valu l pe tà s ri d nte lav co si/B e pr nal mm di se uaz , po pito à de nte nelle quin ttutt forte e (e zza i me se peri è sta di P nato ivel di c col utaz erso svol dall voro oinv Buon ress Ita miss etto ione osso co ei da su e fa ndi to n em e re de ede mp enz ata Prev o ne li d com are zion ona te v a s o, in volg ne_ so t alia sion ore e d ono osid ati e ui m asi d es nel ent spo egli esim plici za m di f ven ell’a di s mme e tip ni d ale s vers sed n da gime _pra terz s.r. ne i app ei t o es det e de mac di s spos ca te s ons am mi lo ed mat fond nzio attiv icu enti polo dei r su t so t de ata ento assi zi, i .l. c in c plica test sse tto ei r cch set- sti a so seg sabi mbie oca eff tura dam one vità rez ch ogia risc tem terz az 23 o d _23 n re con com abil t di re s di w isul ina up ai r que nal lità) enti ali. ficac ata men e P di za e h a di chi d mi e zi zien 3 ge dei 301 elaz il s mme li. lab svo witn ltati ri i (co risc esta ata ) de di ci, b in ntal Pro witn de hann clie di d d a nda enna la 201 zion supp erci bora olti a nes i ott n t n i hi d a n a da el D lavo bas ann e im otez nes i cl no enti detta aspe ale aio vor 13_ ne port io, ator al d ss, o tenu test con dire non ai la DL m oro sand ni d mpo zion ss. ien per . agli etti e 20 rato _UL alle to d al f rio i fu ovv uti. t d nse etti do avo man pre dos di a orta ne e ti e rme io, s lav 13, ri, .pdf e qu di L fine che ori vero ura egue che oves orat nda ess si su attiv anza e de e de esso spe vora ha qui f). uali Lisa e di e, a dei o di ante enti e la sse tori, ante so il ulla vità: a in egli ella o di ecie ativi a i i a i a i i e i a e , e l a : n i a i e i
  • 67. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 69 Nel documento sono presentati alcuni miglioramenti della struttura organizzativa successivi all’analisi dei rischi dei tecnici witness: • raccogliere preventivamente informazioni sensibili già durante la fase di sopralluogo commerciale; • migliorare la dotazione di DPI del personale; • migliorare le modalità operative del personale presso i clienti; • migliorare i vincoli contrattuali con il cliente al fine di garantire un livello di sicurezza adeguato ai tecnici UL; • formulare richieste verso i propri clienti in merito alla tipologia di ambienti, macchinari e personale da fornire per lo svolgimento delle attività di verifica. Il metodo suggerito per valutare le attività di witness è caratterizzato dalle seguenti note positive: miglioramento del clima aziendale dovuto al coinvolgimento dei lavoratori nei confronti delle tematiche di sicurezza sul lavoro, focalizzandone l’attenzione anche sulla propria sicurezza; i questionari, oltre a rilevare rischi ‘noti a priori’, hanno dato ampio spazio all’individuazione di pericoli potenziali ( mancati infortuni, comportamenti pericolosi e in generale altri eventi da segnalare); gli obiettivi sono stati raggiunti a costo quasi nullo: costi orari per creare e tarare il questionario ed i costi orari dei singoli lavoratori per compilarlo; relativa facilità di realizzazione dei questionari; estendibilità della metodologia a tutte quelle realtà che hanno dei lavoratori che, recandosi presso terzi, operano fuori dalla sede aziendale: ad esempio commerciali, tecnici e gli stessi dirigenti. Il documento relativo alla buona prassi, che comprende anche il questionario somministrato ai tecnici e un report dell’analisi statistica dei risultati, si sofferma sui costi/benefici del metodo. In particolare si sottolinea che i tempi ed i costi di un approccio classico alla valutazione dei rischi (raccolta di informazioni, sopralluogo dei componenti del Servizio di Prevenzione e Protezione presso i clienti con sedi in Italia e all’estero) sarebbero stati molto alti: trasferimenti, pernottamenti, tempo, rapporti e scambio di materiale, lettura documenti (anche in lingue differenti dall’italiano)”. Del resto, l’esistenza di norme a tutela del segreto industriale rende spesso assai problematico l’accesso di estranei presso il cliente, ai luoghi sede delle attività in questione (si pensi ad un RSPP che volesse approfondire la valutazione dei rischi in situ).
  • 68. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 70 4.2 Una possibile applicazione delle Buone Prassi Obiettivo principale della metodologia in questione consiste nel maggiore coinvolgimento dei lavoratori nel processo di valutazione e gestione di tutti i rischi presenti nello svolgimento delle attività presso terzi (segnalazione da parte dei lavoratori in relazione ai rischi ed alla loro corretta gestione). Fase propedeutica alla valutazione dei rischi Definizione del team di valutazione: RSPP, ASPP, Dirigenti, Preposti, Medico Competente e Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza. Il team effettua una riunione specifica per analizzare tutte le attività che l’Azienda svolge, normalmente, presso terzi, in relazione alle varie mansioni (manutentori, verificatori, ecc.); l’analisi deve fare, ovviamente, riferimento alla legislazione vigente applicabile. PLAN: Preparazione della modulistica La valutazione di rischi viene effettuata (dal team) in due fasi: seguendo il lavoratore sul campo e intervistandolo a fine attività per ottenere il suo contributo. In tal modo il lavoratore collabora con il team per l’identificazione del pericolo e la quantificazione del rischio, suggerendo eventuali contromisure nei confronti dei rischi evidenziati. DO: Valutazione dei rischi e programmazione delle misure di prevenzione e protezione La valutazione dei rischi complessiva viene riassunta in un’unica matrice del rischio per un’analisi globale di tutti i rischi presenti, avendo in obiettivo la pianificazione di una scala di priorità d’intervento delle azioni da intraprendere per eliminare, o declassare, i rischi evidenziati. Tutte le misure identificate durante il processo di valutazione del rischio, con il relativo stato di implementazione, vengono riassunte in un unico documento aziendale esposto nella “Bacheca della Sicurezza” di reparto con l’obiettivo di tenere aggiornati tutti i lavoratori sullo stato delle misure pianificate. CHECK: Verifica degli obiettivi e delle azioni correttive; nuova valutazione dei rischi A seguito di una qualsiasi segnalazione di una situazione non sicura (proveniente da audit sicurezza, incidente, medicazione, mancato infortunio, segnalazione o suggerimento da parte di un lavoratore, innovazioni legislative, ecc.) la valutazione del rischio viene aggiornata in collaborazione con tutti gli operatori interessati (la valutazione è pertanto dinamica). Effettuata la nuova valutazione, il prospetto modificato viene esposto direttamente nella “Bacheca della Sicurezza” dell’area cui si riferisce. ACT: Monitoraggio del sistema e controllo continuo del rischio Il team fornisce a ciascun lavoratore una “check list di sicurezza” dei principali rischi e delle contromisure da adottare; in qualsiasi momento, in caso di esito negativo della verifica, il lavoratore interrompe il proprio lavoro e contatta il preposto per definire le corrette misure da adottare. La check list di sicurezza si prefigge lo scopo di ottenere un efficace sistema di raccolta dati, in modo da redigere un documento di valutazione dei rischi il più vicino possibile alla realtà. Pertanto il contributo di ogni lavoratore addetto alla mansione risulta fondamentale: non conviene a nessuno omettere di registrare situazioni pericolose, mancati infortuni avvenuti ecc., pena la mancata attuazione di misure di prevenzione e protezione che potrebbero contribuire a salvaguardare l’incolumità dei medesimi. Il questionario contiene: o dei campi di natura anagrafica o alcune sezioni relative a rischi identificati a priori o una sezione relativa all’identificazione di comportamenti pericolosi cui si è assistito o una sezione relativa alla registrazione di infortuni cui si è assistito o una sezione relativa ai mancati infortuni cui si è assistito o una sezione relativa a proposte di miglioramento. Il questionario, una volta distribuito, dovrà essere compilato e restituito direttamente, tramite e-mail, ad un apposito indirizzo aziendale o, per coloro che volessero mantenere l’anonimato, secondo procedura alternativa precedentemente concordata. Esso sarà esaminato da parte del team che, sulla base dei dati raccolti, provvederà a redigere l’aggiornamento del documento di valutazione dei rischi in questione.
  • 69. PROCESSODIVALUTAZIONEDEIRISCHIMEDIANTELEBUONEPRASSI(CICLODIDEMING-OHSAS18001) LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 71
  • 70. QUESTIONARIOPERLAVALUTAZIONEDEIRISCHIPERATTIVITÀSVOLTEPRESSOTERZI NomeeCognome(facoltativo) Settorediappartenenza(facoltativo) GenerediappartenenzaUomo/Donna Mansionesvolta(specificarelamansione) Tecnicoanalista Manutentore .. Descrizioneattività Assistenzaaitest Conduzionedeitest(construmentidelcliente) Conduzionedeitest(construmentipropri) Manutenzionedelleapparecchiature .. .. .. TipologiadelleAziendepressolequalisiopera (mettereunaxnellacasellapertinente) Mc (micro<10dipendenti) P (piccole10-50dipendenti) M (medie50-250dipendenti) G (grandi>250dipendenti) Livellodiorganizzazioneaifinidellasicurezza (mettereunaxnellacasellapertinente) MoltoorganizzateMediamenteorganizzate Superficialmente organizzate Nonorganizzate Rispondiallevocicheseguonoinbaseallatuaesperienza Iluoghidilavorodelclienterispettano glistandarddisicurezzanormalmenteadottati? Normalmente,l’Aziendavisitatadisponediprocedureformalidi gestionedegliaccessi(ades.:registrodafirmareall’ingresso, divietodiaccedereailocaliinternisenonaccompagnati, presenzadisegnaletica,regole,divieti,obblighidiportareDPI)? Normalmente,l’Aziendavisitatadisponediunagestioneformale delrischiodainterferenze (fafirmareunmodulodiscambiodi informazioni,unverbaledicoordinamento,ecc.)? Normalmente,l’Aziendavisitatatiinforma chiaramentesuirischipresenti? Normalmente,l’Aziendavisitatagestisceinmodoadeguatoi rischipresentiancheversoterzi(adesempiodefinendoregole, obblighi,distanzedisicurezza,ecc.?) Risponderecon:Mai,Avolte,Spesso,Sempre LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 72
  • 71. Comportamentipericolosi Chetipodicomportamentipericolosihainotatonelcorsodella tuaattivitàlavorativa(pressol’Azienda)? (ades.:esecuzioneproverischioseinprossimitàdellavoratore inviatofuorisede,ecc.) (descriverebrevemente) NB:s’intendono,percomportamentipericolosi,quellicheviolano ilbuonsensoonormespecifichedileggeoaziendalioaccordi stabilitiechepossonocomportare infortuniemalattieprofessionali Infortuni Chetipodiinfortuniomancatiinfortuni haipotutoriscontrare(perteoaltri) durantelatuaesperienzalavorativa pressoleAziende? (descriverebrevemente) NB:s’intendono,permancatiinfortuni, specificieventicheavevanoilpotenziale digenerareinfortuni Propostedimiglioramento Indicaqualiazioniditipotecnicoo organizzativodovrebbero,atuoavviso, essereadottateperottenereun miglioramentodellatuasicurezzaesalute perleattivitàpressoleAziende (descriverebrevemente) CHECKLISTDISICUREZZA LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 73
  • 72. SEZIONEVALUTAZIONEDEIRISCHIPERMANSIONE FATTORIDIRISCHIORELATIVIALLASICUREZZA Pericolo Notefacoltative (descrizionedieventualicasi particolariserilevanti) RischioDPIProcedureMisurePP Elettrocuzione (contattidirettioindiretti conpartiin tensione) AssentiAdeguateNonadeguateAltro Lavoriinquota (cadutadipersone dall’altooperantioltre 2mrispettoadunpiano stabile) AssentiAdeguateNonadeguateAltro Utilizzodiimpianti, attrezzaturee utensili (schiacciamento,taglio, proiezionedischegge, ecc.) AssentiAdeguateNonadeguateAltro Contattoconpartia rischioustioneo conagenticorrosivi (contattoconparticalde ofreddeoprodotti chimicialcalinioacidi) AssentiAdeguateNonadeguateAltro AttivitàinspaziconfinatiAssentiAdeguateNonadeguateAltro ...omissis... ISTRUZIONIPERLACOMPILAZIONE Nellecolonne: “Notefacoltative”mettereunadescrizionedettagliatadelrischioosiglareconunaXl’opzionescelta “Rischio”mettereXsenormalmentelosiritienerilevante(osignificativo);incasocontrariononmetterenulla “DPI”mettereXseèobbligooprassiindossareunDPIafrontediqueldeterminatopericolo “Procedure”mettereXseèinvigorepressoilclienteunaproceduraperridurreilpericoloadunlivelloaccettabile “MISUREPP”mettereXsull’opzionesceltaoindicare,nellacasellaALTRO,leeventualimisurediprevenzioneeprotezionecheilclientemetteinatto (es.:delimitazioneosegregazionedell’areadiintervento,ecc.) LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 74
  • 73. SEZIONEVALUTAZIONEDEIRISCHIPERMANSIONE FATTORIDIRISCHIORELATIVIALLASALUTEEIGIENEACAUSADELL’ACCESSOPRESSOAREEDEICLIENTI Pericolo Notefacoltative (descrizionedieventualicasi particolariserilevanti) RischioDPIProcedureMisurePP Microclima (gradientetermico, agentiatmosferici) AssentiAdeguateNonadeguateAltro Esposizionea rumore AssentiAdeguateNonadeguateAltro Esposizionea campielettromagnetici AssentiAdeguateNonadeguateAltro Esposizionea radiazioniionizzanti AssentiAdeguateNonadeguateAltro Esposizionead agentichimici es.:Loctite,Trielina, Ammoniaca,Isolanti termici,ecc. AssentiAdeguateNonadeguateAltro Esposizionead agentibiologici (virus,batteri,funghi, parassiti rif.d.lgs.81/08es.m.i. TitoloX) AssentiAdeguateNonadeguateAltro MMC (movimentazione manualedeicarichi) AssentiAdeguateNonadeguateAltro ...omissis... ISTRUZIONIPERLACOMPILAZIONE Nellecolonne: “Notefacoltative”mettereunadescrizionedettagliatadelrischioosiglareconunaXl’opzionescelta “Rischio”mettereXsenormalmentelosiritienerilevante(osignificativo);incasocontrariononmetterenulla “DPI”mettereXseèobbligooprassiindossareunDPIafrontediqueldeterminatopericolo “Procedure”mettereXseèinvigorepressoilclienteunaproceduraperridurreilpericoloadunlivelloaccettabile “MISUREPP”mettereXsull’opzionesceltaoindicare,nellacasellaALTRO,leeventualimisurediprevenzioneeprotezionecheilclientemetteinatto (es.:delimitazioneosegregazionedell’areadiintervento,ecc.) LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 75
  • 74. SEZIONEVALUTAZIONEDEIRISCHIPERMANSIONE FATTORIDIRISCHIOTRASVERSALIEORGANIZZATIVIDURANTEL’ATTIVITÀDIWITNESS Pericolo Notefacoltative (descrizionedieventualicasi particolariserilevanti) RischioDPIProcedureMisurePP Incidenteomancati incidentilegati allacondottaallaguidadi autovetture (mettereunaXin corrispondenzadella/e casellapertinenti) StanchezzaAssentiAdeguateNonadeguateAltro UsocellularesenzaauricolareAssentiAdeguateNonadeguateAltro Consultazionedimappeodel navigatoreGPSduranteilmoto AssentiAdeguateNonadeguateAltro Frettanell’effettuareitrasferimentiAssentiAdeguateNonadeguateAltro GuidaprolungataAssentiAdeguateNonadeguateAltro AltroAssentiAdeguateNonadeguateAltro Interferenzaditerzi estranei alleprove (pericoliintrodottidaterzi neipressidella postazionedeltecnico, ades.:manutenzioni condottedapersonale delclienteodaterzi) AssentiAdeguateNonadeguateAltro Presenzadilavoratorio tecnicinon professionalmente preparati, duranteleprove (mettereunaXin corrispondenzadella/e casellepertinenti) Tecnicidelclienteinesperti AssentiAdeguateNonadeguateAltro Tecnicidelclientecheeseguono manovreazzardate Tecnicidelclienteconiqualisi hadifficoltàdicomprensione linguistica Altro ...omissis... ISTRUZIONIPERLACOMPILAZIONE Nellecolonne: “Notefacoltative”mettereunadescrizionedettagliatadelrischioosiglareconunaXl’opzionescelta “Rischio”mettereXsenormalmentelosiritienerilevante(osignificativo);incasocontrariononmetterenulla “DPI”mettereXseèobbligooprassiindossareunDPIafrontediqueldeterminatopericolo “Procedure”mettereXseèinvigorepressoilclienteunaproceduraperridurreilpericoloadunlivelloaccettabile “MISUREPP”mettereXsull’opzionesceltaoindicare,nellacasellaALTRO,leeventualimisurediprevenzioneeprotezionecheilclientemetteinatto (es.:delimitazioneosegregazionedell’areadiintervento,ecc.) Data________________Firma____________________________ LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 76
  • 75. ESTRATTODELDOCUMENTOFINALEDIVALUTAZIONEDEIRISCHI LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 77
  • 76. 4.3 L’a co sic La pe Si rec pe 3 app n i cure a me er cr tra can ecul L’e proc l co ezza eto rear atta ndos iari esp ccio oinv a e dolo re i , in si p tà d por uti volg tut ogia qu n de pres dell tab ilizz gime tela a a est efin sso e fa bili zato ento . adot tion nitiv o te attis tà o ne o d ttata ari va, erzi, spe de ella del a n e ta di , op cie el m a bu per on arar una per in q mod uon rson è d rli in a s rano que del a p nale di d n ba solu o fu estio llo pras e, i diffic ase uzio uori one ssi h il q cile e all ne i da e. ha ual rea la re ag alla com e è aliz ealt gevo a se mpo è d zzaz tà d olm ede 7 orta ive zion da v ment e az 78 ato nta ne r valu te e zien il ra to, rich utar esp nda agg in hied re. porta ale giun def dend abil e c ngim finit do, le a che men tiva pe alle e, p nto a, re eralt e re prob deg ealm tro, ealtà bab gli o me un à n bilm obie nte na c nelle ent ettiv pa cert e q te, vi a arte a d qual me a co ecip dose li i eglio osto e d e d lav o ri o qu della i es vora ispo uas a p spe ator ond si nu prop erien ri c de a ullo pria nza che, alle o a a , e LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi
  • 77. LE ATTIVITÀ ESTERNE Valutazione del rischi per attività svolte verso terzi 79 Bibliografia Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 e sue modifiche e integrazioni; Decreto Legislativo 12 aprile 2006 n. 163 e sue modifiche e integrazioni; ISPESL; Linee guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) - ottobre 2003; Bacheca del RSPP; http://www.ispesl.it/documentazione/indexspp.asp; Raffaele Sabatino; Lavorare in sicurezza: manuale informativo per i lavoratori dell’ISPESL - aprile 2010; ARPA Molise - Dipartimento Provinciale di Campobasso; Documento di valutazione dei rischi attività in esterno - dicembre 2008; Manuale sicurezza - AA.VV. - IPSOA - 2011; V. Vedovato; La formazione specifica dei lavoratori e la valutazione dei rischi - gennaio 2012; F. Maritan, C. Masiero, M. Rossato; Dalla BS 18004:2008 le buone prassi per garantire salute e sicurezza in azienda - www.ambientesicurezza.ilsole24ore.com - 14 febbraio 2012 n. 3; S. Mineo; Prova di carico statica su specchiatura di solaio in latero cemento armato - Cimento S.r.l. - Laboratorio di diagnostica strutturale - settembre 2012; SIRS - Atti del Convegno “On the road: i RLS di fronte agli infortuni lavorativi alla guida” - 19 aprile 2013; T.I.S. Service S.p.A. - Norme di comportamento per i visitatori; www.lavoro.gov.it/SicurezzaLavoro/Documents/BuonePrassi/Buone_prassi_23012013_UL; Punto Sicuro (quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro per RSPP, RLS, tecnici della prevenzione, esperti 81/08, consulenti e addetti alla sicurezza); www.porreca.it (sito in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro ideato dall’Ing. Gerardo Porreca).