0
Il Bilancio d’esercizio
  16:18 Indice <ul><li>Il Bilancio d’esercizio </li></ul><ul><li>Il Bilancio  d’esercizio della s.p.a. </li></ul><ul><li>I...
IL BILANCIO D’ESERCIZIO Documento, redatto dagli amministratori alla fine dell’esercizio, con cui si rappresentano la situ...
REDAZIONE DEL BILANCIO D’ESERCIZIO - 1 SCRITTURE D’ESERCIZIO Rilevano tutti e soli i fatti di gestione che hanno avuto la ...
SITUAZIONE CONTABILE FINALE STATO PATRIMONIALE  CONTO ECONOMICO  NOTA INTEGRATIVA SITUAZIONE PATRIMONIALE espone il patrim...
DESTINATARI DEL BILANCIO Tutti coloro che hanno un “interesse” nei confronti dell’azienda (stakeholders) UTILIZZATORI <ul>...
  16:18 SOCIETA’ DI CAPITALI AZIENDE  INDIVIDUALI E  SOCIETA’ DI PERSONE STATO PATRIMONIALE =  Situazione patrimoniale CON...
SOCIETA’ DI CAPITALI AZIENDE  INDIVIDUALI E  SOCIETA’ DI PERSONE applicare i  CRITERI DI VALUTAZIONE  stabiliti dall’art. ...
IL BILANCIO D’ESERCIZIO DELLA S.P.A. <ul><li>REDAZIONE </li></ul><ul><li>postulati del bilancio </li></ul><ul><li>composiz...
Assolve a due importanti funzioni: Funzione conoscitiva Funzione di controllo Offre informazioni sulla gestione, sul patri...
I POSTULATI DI BILANCIO I postulati di bilancio sono principi fondamentali di carattere generale, linee guida che gli ammi...
LE CLAUSOLE GENERALI Il bilancio deve essere redatto con  chiarezza  e deve rappresentare in modo  veritiero e corretto  l...
CHIAREZZA <ul><li>Il postulato della  CHIAREZZA  trova conferma nell’art.2423 ter e viene inteso nel seguente modo: </li><...
VERITÀ E CORRETTEZZA <ul><li>RAPPRESENTAZIONE VERITIERA E CORRETTA  = quadro fedele </li></ul><ul><li>No verità assoluta e...
  16:18 I PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO  (art. 2432 bis) principio della  PRUDENZA 1) la valutazione deve essere fatt...
Principio della  CONTINUITÀ AZIENDALE : le valutazioni devono essere eseguite in ipotesi di normale funzionamento (e quind...
Principio della  VALUTAZIONE SEPARATA : se in una stessa voce sono inclusi elementi eterogenei si devono adottare criteri ...
I CRITERI DI VALUTAZIONE PREVISTI DAL CODICE CIVILE (art. 2426) <ul><li>valore delle immobilizzazioni </li></ul><ul><li>am...
A criterio del costo   d’acquisto o di produzione - eventuale ammortamento se  A  >  B B valore d’uso valore di presunto r...
IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI <ul><li>(punto 1) </li></ul><ul><li>COSTO DI ACQUISTO </li></ul><ul><li>costi di ...
ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI (punto 5) COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO COSTI DI RICERCA, DI SVILUPPO E DI PUBBLIC...
(punto 1) COSTO oppure (punto 4) FRAZIONE DEL PATRIMONIO NETTO se il costo è maggiore del valore della frazione del patrim...
RIMANENZE DI MATERIE, PRODOTTI IN CORSO DI LAVORAZIONE, SEMILAVORATI, PRODOTTI FINITI E MERCI TITOLI E ALTRE ATTIVITÀ FINA...
(punto 11) LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE iscrizione sulla base dei  CORRISPETTIVI CONTRATTUALI   maturati con ragionevole...
SCHEMA DI SINTESI DELLO STATO PATRIMONIALE ATTIVO PASSIVO A B C D CREDITI VERSO SOCI IMMOBILIZZAZIONI ATTIVO CIRCOLANTE RA...
Gli impieghi sono inseriti secondo la loro destinazione economica . Criterio di  liquidità  al contrario Le fonti sono ins...
SCHEMA DI SINTESI DEL CONTO ECONOMICO A B C D E VALORE DELLA PRODUZIONE –  COSTI DELLA PRODUZIONE ________________________...
Utilizza la configurazione a   valore e costi della produzione .  Classificazione dei componenti negativi e positivi del r...
LA NOTA INTEGRATIVA (art. 2427) La Nota integrativa ha la funzione di  ampliare la comprensibilità e la chiarezza dello St...
GLI ALLEGATI AL BILANCIO D’ESERCIZIO Relazione del collegio sindacale Relazione sulla gestione Relazione della Società di ...
LA RELAZIONE SULLA GESTIONE (art. 2428 C.c.) Contenuto: •  informazioni relative al numero e al valore nominale delle azio...
CONTROLLO ANNUALE SUL BILANCIO Società non quotate <ul><li>Devono: </li></ul><ul><li>vigilare sull’osservanza della legge ...
LA RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE Contenuto   (dai Principi di comportamento del collegio sindacale elaborati dal CNDC e...
LA RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE  <ul><li>indicazione dei principi di riferimento seguiti nell’espletamento dell’attivi...
LA REVISIONE CONTABILE LEGALE VOLONTARIA La revisione consente di esprimere un giudizio sulla attendibilità del bilancio L...
Socio La revisione è effettuata sulla base di  apposti principi di revisione <ul><li>Si conclude con un giudizio che può e...
FORMAZIONE, APPROVAZIONE E PUBBLICAZIONE Bilancio e  Relazione degli amministratori Al  collegio sindacale  almeno 30 gior...
RELAZIONE SEMESTRALE E RELAZIONE TRIMESTRALE RELAZIONE SEMESTRALE Depositata presso la sede sociale  e  trasmessa alla Con...
IL BILANCIO D’ESERCIZIO IN FORMA ABBREVIATA (art. 2435 bis C.c.) •  totale dell’attivo dello Stato patrimoniale :  €  3.12...
I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI E INTERNAZIONALI Non sono previsti dalla normativa civilistica ma sono divenuti di corrente...
PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI <ul><li>PRINCIPI CONTABILI  GENERALI  </li></ul><ul><li>o  postulati  del bilancio d’esercizi...
Il Bilancio d’esercizio FINE
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Bilancio d'esercizio

54,075

Published on

Presentazione in tema di bilancio di esercizio

Published in: Business
0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
54,075
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
547
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Bilancio d'esercizio"

  1. 1. Il Bilancio d’esercizio
  2. 2. 16:18 Indice <ul><li>Il Bilancio d’esercizio </li></ul><ul><li>Il Bilancio d’esercizio della s.p.a. </li></ul><ul><li>I postulati del bilancio </li></ul><ul><li>I criteri di valutazione </li></ul><ul><li>Lo Stato patrimoniale </li></ul><ul><li>Il Conto economico </li></ul><ul><li>La Nota integrativa </li></ul><ul><li>Gli allegati al bilancio </li></ul><ul><li>Formazione, approvazione e pubblicazione </li></ul><ul><li>Il Bilancio in forma abbreviata </li></ul><ul><li>I principi contabili nazionali e internazionali </li></ul>
  3. 3. IL BILANCIO D’ESERCIZIO Documento, redatto dagli amministratori alla fine dell’esercizio, con cui si rappresentano la situazione patrimoniale e finanziaria dell’azienda e il risultato economico FINALITA’ - Rappresentare il quadro del patrimonio aziendale alla chiusura dell’esercizio - Evidenziare l’andamento della gestione economica (costi e ricavi) OBBLIGATORIETA’ - La compilazione del bilancio è disciplinata dal Codice Civile - La normativa fiscale si basa sui risultati del bilancio per il calcolo delle imposte STATO PATRIMONIALE (art. 2424, 2424 bis C.c.) CONTO ECONOMICO (art. 2425, 2425 bis C.c.) NOTA INTEGRATIVA (art. 2427 C.c.) situazione patrimoniale e finanziaria componenti positivi e negativi del reddito informazioni aggiuntive, esplicative e complementari (art. 2423, 2423 bis, 2423 ter C.c.)
  4. 4. REDAZIONE DEL BILANCIO D’ESERCIZIO - 1 SCRITTURE D’ESERCIZIO Rilevano tutti e soli i fatti di gestione che hanno avuto la loro manifestazione finanziaria nel corso dell’esercizio INVENTARIO al 31/12 obbligatorio (art. 2217 C.c.) Indica e valuta le attività e le passività (sulla base dei criteri di valutazione indicati all’art. 2426 C.c e dei principi contabili) <ul><li>SCRITTURE DI ASSESTAMENTO </li></ul><ul><li>scopo: determinare la competenza economica dei componenti positivi e negativi di reddito e gli elementi del patrimonio di funzionamento </li></ul><ul><li>traducono in contabilità le operazioni dell’inventario </li></ul><ul><li>SITUAZIONE CONTABILE </li></ul><ul><li>pre-assestamento </li></ul><ul><li>scopo conoscitivo e di controllo </li></ul><ul><li>i fatti di gestione compaiono con riferimento all’aspetto finanziario che misura l’aspetto economico </li></ul>E’ un documento di DERIVAZIONE CONTABILE
  5. 5. SITUAZIONE CONTABILE FINALE STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA SITUAZIONE PATRIMONIALE espone il patrimonio di funzionamento SITUAZIONE ECONOMICA espone i componenti positivi e negativi del risultato economico d’esercizio SCRITTURE DI ASSESTAMENTO REDAZIONE DEL BILANCIO D’ESERCIZIO - 2
  6. 6. DESTINATARI DEL BILANCIO Tutti coloro che hanno un “interesse” nei confronti dell’azienda (stakeholders) UTILIZZATORI <ul><li>INTERNI </li></ul><ul><li>Imprenditore o soci di maggioranza </li></ul><ul><li>Amministratori </li></ul><ul><li>Alta direzione </li></ul><ul><li>Personale dipendente </li></ul><ul><li>ESTERNI </li></ul><ul><li>Soci di minoranza </li></ul><ul><li>Finanziatori (banche, obbligazionisti, enti previdenziali, …) </li></ul><ul><li>Fornitori </li></ul><ul><li>Clienti </li></ul><ul><li>Amministrazione Fiscale </li></ul><ul><li>Comunità Locale </li></ul><ul><li>Comunità Nazionale </li></ul><ul><li>Comunità Internazionale </li></ul>Sono interessati al valore del dividendo, alla puntualità nelle scadenze contrattuali, alla continuità dell’attività aziendale, al valore del reddito realizzato Sono interessati alla redditività degli investimenti e alla stabilità dell’attività aziendale
  7. 7. 16:18 SOCIETA’ DI CAPITALI AZIENDE INDIVIDUALI E SOCIETA’ DI PERSONE STATO PATRIMONIALE = Situazione patrimoniale CONTO ECONOMICO = Situazione economica Forma LIBERA STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA Forma OBBLIGATORIA (art. 2423, 2423 bis, 2423 ter C.c.) <ul><li>Tuttavia è opportuno che tali aziende adottino le strutture previste per le società di capitali: </li></ul><ul><li>per la loro maggiore chiarezza </li></ul><ul><li>perché la legge istitutiva dell’ IRAP richiede che la base imponibile venga determinata sulla base della classificazione prevista dall’art. 2425 C.c. </li></ul>Scopo: fornire una conoscenza dell’andamento della gestione aziendale ai soci e ai terzi Documento PUBBLICO Scopo: fornire una conoscenza dell’andamento della gestione aziendale al proprietario o ai soci Documento INTERNO OBBLIGO DI REDAZIONE DEL BILANCIO - 1
  8. 8. SOCIETA’ DI CAPITALI AZIENDE INDIVIDUALI E SOCIETA’ DI PERSONE applicare i CRITERI DI VALUTAZIONE stabiliti dall’art. 2426 C.c. allegare il bilancio alla DICHIARAZIONE DEI REDDITI OBBLIGO DI REDAZIONE DEL BILANCIO - 2 Tutte le aziende devono:
  9. 9. IL BILANCIO D’ESERCIZIO DELLA S.P.A. <ul><li>REDAZIONE </li></ul><ul><li>postulati del bilancio </li></ul><ul><li>composizione del fascicolo di bilancio </li></ul><ul><li>criteri di valutazione </li></ul>BILANCIO D’ESERCIZIO REVISIONE Procedure di auditing <ul><li>Stato patrimoniale </li></ul><ul><li>Conto economico </li></ul><ul><li>Nota integrativa </li></ul>Allegati del bilancio <ul><li>Società non quotate </li></ul><ul><li>Collegio sindacale </li></ul><ul><li>Società quotate </li></ul><ul><li>Collegio sindacale </li></ul><ul><li>Società di revisione </li></ul>
  10. 10. Assolve a due importanti funzioni: Funzione conoscitiva Funzione di controllo Offre informazioni sulla gestione, sul patrimonio, sulle scelte strategiche E’ lo strumento con cui i soci controllano l’operato degli amministratori • garantire un minimo di informazione ai soggetti interessati  le caratteristiche che il bilancio d’esercizio deve possedere per consentire il raggiungimento di finalità di interesse pubblico sono: • essere attendibile riguardo alle informazioni sulla situazione finanziaria, patrimoniale ed economica dell’impresa • essere neutrale riguardo alle informazioni fornite  il legislatore ha stabilito con esattezza e in modo uniforme contenuto e struttura del bilancio per tutte le imprese costituite nella forma giuridica di società di capitali • fanno eccezione le imprese che svolgono determinate attività per le quali sono previsti contenuti e strutture specifici che meglio si adattano alle loro particolari realtà aziendali IL BILANCIO D’ESERCIZIO DELLA S.P.A.
  11. 11. I POSTULATI DI BILANCIO I postulati di bilancio sono principi fondamentali di carattere generale, linee guida che gli amministratori devono assumere come riferimento nella redazione del bilancio d’esercizio con lo scopo di fornire informazioni compiute e corrette sulla situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell’azienda POSTULATI DI BILANCIO clausole generali principi di redazione Le clausole generali “governano” tutta la normativa del bilancio, nel senso che qualora l’applicazione delle norme specifiche non consenta di ottenere una rappresentazione veritiera e corretta, le clausole generali assumono una prevalenza assoluta sulle regole specifiche. I principi di redazione sono gerarchicamente subordinati alle clausole generali e costituiscono il quadro entro il quale devono essere effettuate le valutazioni. I criteri di valutazione impongono delle norme di comportamento a chi redige il bilancio, al fine di limitarne il potere discrezionale nell’effettuare stime e congetture.
  12. 12. LE CLAUSOLE GENERALI Il bilancio deve essere redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della società e il risultato economico (art. 2423 C.c.) con tale norma il legislatore ha voluto indicare due POSTULATI FONDAMENTALI CHIAREZZA = intelligibilità - comprensibilità RAPPRESENTAZIONE VERITIERA E CORRETTA = quadro fedele
  13. 13. CHIAREZZA <ul><li>Il postulato della CHIAREZZA trova conferma nell’art.2423 ter e viene inteso nel seguente modo: </li></ul><ul><ul><li>obbligo di rispettare gli schemi di bilancio (previsti dagli art. 2424 e 2425 C.C.); </li></ul></ul><ul><ul><li>divieto di raggruppamenti di voci ; le voci possono essere raggruppate soltanto quando ciò sia irrilevante ai fini della comprensione o quando favorisca la chiarezza del bilancio; </li></ul></ul><ul><ul><li>divieto di compensi di partite : non vanno effettuate compensazioni tra valori di bilancio di segno opposto. </li></ul></ul>
  14. 14. VERITÀ E CORRETTEZZA <ul><li>RAPPRESENTAZIONE VERITIERA E CORRETTA = quadro fedele </li></ul><ul><li>No verità assoluta e oggettiva (che è impossibile). </li></ul><ul><li>Gli amministratori devono operare correttamente le stime e le iscrizioni in bilancio , rispettando le norme di legge e i principi contabili. </li></ul><ul><li>OBBLIGO di fornire INFORMAZIONI COMPLEMENTARI </li></ul><ul><li>quando quelle previste dalla legge non siano sufficienti (art. 2423) </li></ul><ul><li>PROSPETTO DELLE VARIAZIONI NELLE VOCI DEL PATRIMONIO NETTO </li></ul><ul><li>RENDICONTO FINANZIARIO </li></ul>DEROGA OBBLIGATORIA (art. 2423) Obbligo di derogare dalle disposizioni stabilite negli articoli successivi, con indicazione nella Nota integrativa dei motivi e degli effetti sul reddito e sul patrimonio, quando queste siano incompatibili con le clausole generali Al fine di dare una rappresentazione veritiera e corretta
  15. 15. 16:18 I PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO (art. 2432 bis) principio della PRUDENZA 1) la valutazione deve essere fatta secondo prudenza e nella prospettiva della continuazione dell’attività 2) si possono indicare solo gli utili realizzati alla data di chiusura del bilancio d’esercizio 3) si deve tenere conto dei proventi e degli oneri di competenza dell’esercizio, indipendentemente dalla data dell’incasso o del pagamento 4) si deve tenere conto dei rischi e delle perdite di competenza dell’esercizio, anche se conosciuti dopo la chiusura di questo principio della CONTINUITÀ principio della COMPETENZA 5) gli elementi eterogenei ricompresi nelle singole voci devono essere valutati separatamente 6) i criteri di valutazione non possono essere modificati da un esercizio all’altro principio della VALUTAZIONE SEPARATA principio della COSTANZA Deroghe facoltative sono consentite in casi eccezionali (da motivare nella Nota integrativa, con indicazione degli effetti sul reddito e sul patrimonio)
  16. 16. Principio della CONTINUITÀ AZIENDALE : le valutazioni devono essere eseguite in ipotesi di normale funzionamento (e quindi escludendo ipotesi di liquidazione o di cessione) e tenendo presenti le presumibili evoluzioni della gestione e i programmi operativi ai quali parteciperanno i beni che sono oggetto di valutazione. Ribadisce e rafforza il principio della PRUDENZA , escludendo la possibilità di prendere in considerazione profitti non ancora realizzati; precisa, inoltre, che il momento nel quale il realizzo deve essersi verificato è quello della chiusura dell’esercizio. 1) Principio della COMPETENZA ECONOMICA : il reddito va determinato attribuendo i costi e i ricavi all’esercizio a cui si riferiscono “economicamente” e non a quello in cui sono pagati o riscossi; ciò significa che si devono attribuire al periodo costi e ricavi che si riferiscono a operazioni che si sono in esso concluse, vale a dire componenti economiche che riguardano processi produttivi che si sono conclusi nel periodo considerato. 3) PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO 2) Principio della PRUDENZA : devono essere imputati al periodo le perdite presunte non ancora verificatesi, mentre non vanno assolutamente presi in considerazione gli eventuali utili non ancora realizzati; scopo: evitare la distribuzione di utili che l’impresa non ha effettivamente conseguito.
  17. 17. Principio della VALUTAZIONE SEPARATA : se in una stessa voce sono inclusi elementi eterogenei si devono adottare criteri di valutazione differenti; scopo: evitare che nella valutazione complessiva di una specifica voce patrimoniale vengano compensate perdite presunte con utili non ancora realizzati (utili sperati) 5) Principio della COSTANZA . Scopo: evitare “manovre” sulle valutazioni (accorgimenti valutativi tendenti a pilotare i risultati economici d’esercizio) e assicurare le condizioni per la comparabilità dei bilanci nel tempo. 6) PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO 4) Principio della considerazione dei rischi e delle perdite di COMPETENZA dell’esercizio, anche se conosciuti dopo la sua chiusura (cioè nel periodo che intercorre tra la fine dell’esercizio e la redazione dei conti annuali); questo principio riafferma e rafforza il principio della PRUDENZA .
  18. 18. I CRITERI DI VALUTAZIONE PREVISTI DAL CODICE CIVILE (art. 2426) <ul><li>valore delle immobilizzazioni </li></ul><ul><li>ammortamento delle immobilizzazioni </li></ul><ul><li>svalutazione delle immobilizzazioni </li></ul><ul><li>valore delle immobilizzazioni costituite da partecipazioni </li></ul><ul><li>valore e ammortamento dei costi pluriennali </li></ul><ul><li>valore e ammortamento dell’avviamento </li></ul><ul><li>valore e ammortamento del disaggio su prestiti </li></ul><ul><li>valore dei crediti </li></ul><ul><li>valore delle rimanenze di magazzino, dei titoli e delle attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni </li></ul><ul><li>costo dei beni fungibili </li></ul><ul><li>valore dei lavori in corso su ordinazione </li></ul><ul><li>valore dei beni di scarsa rilevanza </li></ul>
  19. 19. A criterio del costo d’acquisto o di produzione - eventuale ammortamento se A > B B valore d’uso valore di presunto realizzo in base al principio della prudenza CRITERI DI VALUTAZIONE <ul><li>CRITERI ALTERNATIVI PREVISTI </li></ul><ul><li>patrimonio netto (per le partecipazioni in imprese controllate o collegate) </li></ul><ul><li>corrispettivi maturati (per i lavori in corso su ordinazione) </li></ul><ul><li>valore costante (attrezzature e materie costantemente rinnovate e di scarsa importanza) </li></ul>oppure C criterio del valore presumibile di realizzazione (per i crediti) <ul><li>• tale valore viene considerato come limite massimo </li></ul><ul><li>risulta di semplice applicazione ed attuazione, inoltre lascia poco spazio a stime e apprezzamenti di carattere soggettivo </li></ul> il principio generale è quello del COSTO , inteso come insieme degli oneri sostenuti dall’azienda per l’acquisizione o la produzione di un determinato bene
  20. 20. IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI <ul><li>(punto 1) </li></ul><ul><li>COSTO DI ACQUISTO </li></ul><ul><li>costi di acquisto </li></ul><ul><li>costi accessori </li></ul><ul><li>oppure </li></ul><ul><li>COSTO DI PRODUZIONE </li></ul><ul><li>costi direttamente imputabili </li></ul><ul><li>altri costi per la quota ragionevolmente imputabile </li></ul><ul><li>oneri relativi al finanziamento della fabbricazione </li></ul>(punto 2) AMMORTAMENTO SISTEMATICO in relazione alla residua possibilità di utilizzazione (se l’utilizzazione è limitata nel tempo) (punto 3) MINOR VALORE : il bene deve essere svalutato (principio generale della rappresentazione veritiera e corretta) Tale minor valore non può essere mantenuto nei successivi bilanci se sono venuti meno i motivi della rettifica effettuata: il bene deve essere rivalutato . oppure se durevolmente inferiore (a causa di danneggiamenti derivanti da eventi particolari, di fenomeni di obsolescenza imprevisti, di imprevisti mutamenti nella domanda dei prodotti, ecc.) relativi al periodo di fabbricazione e fino al momento a partire dal quale il bene può essere utilizzato
  21. 21. ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI (punto 5) COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO COSTI DI RICERCA, DI SVILUPPO E DI PUBBLICITA’ aventi utilità pluriennale non sono distribuibili dividendi in mancanza di copertura con riserve disponibili ammortamento entro un periodo non superiore a cinque anni (punto 6) AVVIAMENTO se acquisito a titolo oneroso iscrizione con il consenso del collegio sindacale ammortamento entro un periodo di cinque anni; è consentito anche un periodo superiore da motivare nella Nota integrativa
  22. 22. (punto 1) COSTO oppure (punto 4) FRAZIONE DEL PATRIMONIO NETTO se il costo è maggiore del valore della frazione del patrimonio netto (punto 3) LA DIFFERENZA DEVE ESSERE MOTIVATA NELLA NOTA INTEGRATIVA. LA DIFFERENZA PUÒ ESSERE ISCRITTA NELL’ATTIVO indicando le ragioni nella Nota integrativa. Detta differenza deve essere AMMORTIZZATA per la parte attribuibile a beni ammortizzabili o all’avviamento. plusvalenze negli esercizi successivi a RISERVA NON DISTRIBUIBILE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE PARTECIPAZIONI IN IMPRESE CONTROLLATE E COLLEGATE CREDITI (punto 8) VALORE PRESUMIBILE DI REALIZZAZIONE
  23. 23. RIMANENZE DI MATERIE, PRODOTTI IN CORSO DI LAVORAZIONE, SEMILAVORATI, PRODOTTI FINITI E MERCI TITOLI E ALTRE ATTIVITÀ FINANZIARIE CHE NON COSTITUISCONO IMMOBILIZZAZIONI oppure se minore del costo al VALORE DI REALIZZAZIONE DESUMIBILE DALL’ANDAMENTO DEL MERCATO (punto 10) METODO DI CALCOLO DEL COSTO media ponderata primo entrato, primo uscito (FIFO) ultimo entrato, primo uscito (LIFO) (punto 9) se il valore ottenuto differisce il misura apprezzabile dai costi correnti alla chiusura dell’esercizio, indicare la differenza per categorie di beni nella NOTA INTEGRATIVA   COSTO DI ACQUISTO O DI PRODUZIONE (esclusi i costi di distribuzione) Tale minor valore non può essere mantenuto nei successivi bilanci se ne sono venuti meno i motivi.
  24. 24. (punto 11) LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE iscrizione sulla base dei CORRISPETTIVI CONTRATTUALI maturati con ragionevole certezza (punto 12) ATTREZZATURE, MATERIE PRIME, SUSSIDIARIE E DI CONSUMO iscrizione ad un VALORE COSTANTE , qualora siano costantemente rinnovate di scarsa importanza senza variazioni sensibili nella entità valore composizione ragionevole certezza: la determinazione della percentuale di maturazione dei corrispettivi deve essere effettuata con prudenza, tenendo anche presenti le possibili contestazioni dei committenti Criteri alternativi a quelli indicati in precedenza purché
  25. 25. SCHEMA DI SINTESI DELLO STATO PATRIMONIALE ATTIVO PASSIVO A B C D CREDITI VERSO SOCI IMMOBILIZZAZIONI ATTIVO CIRCOLANTE RATEI E RISCONTI D A B C E PATRIMONIO NETTO FONDI PER RISCHI E ONERI TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO DEBITI RATEI E RISCONTI FORMA A SEZIONI CONTRAPPOSTE
  26. 26. Gli impieghi sono inseriti secondo la loro destinazione economica . Criterio di liquidità al contrario Le fonti sono inserite secondo la provenienza . Non c’è distinzione netta tra fonti a breve e fonti a medio lungo termine. E’ redatto in unità di euro. Differenze tra valori di bilancio e valori contabili vanno iscritti in una RISERVA DA ARROTONDAMENTO (Gruppo VII Altre Riserve) <ul><li>L’attivo e il passivo sono suddivisi in: </li></ul><ul><li>raggruppamenti , contraddistinti da lettere maiuscole ; </li></ul><ul><li>sottoraggruppamenti , individuati da numeri romani ; </li></ul><ul><li>categorie analitiche , contraddistinte da numeri arabi . </li></ul>Gli importi esposti nell’attivo sono al netto delle poste di rettifica
  27. 27. SCHEMA DI SINTESI DEL CONTO ECONOMICO A B C D E VALORE DELLA PRODUZIONE – COSTI DELLA PRODUZIONE ___________________________________________________________ +/– PROVENTI E ONERI FINANZIARI +/– RETTIFICHE DI VALORE DI ATTIVITÀ FINANZIARIE +/– PROVENTI E ONERI STRAORDINARI ___________________________________________________________ = DIFFERENZA TRA VALORE E COSTI DELLA PRODUZIONE (A-B) = RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE (A-B+/-C+/-D+/-E) – Imposte sul reddito dell’esercizio ___________________________________________________________ = UTILE (PERDITA) DELL’ESERCIZIO FORMA SCALARE
  28. 28. Utilizza la configurazione a valore e costi della produzione . Classificazione dei componenti negativi e positivi del reddito per natura Lo schema evidenzia: il risultato della gestione operativa (A-B) il risultato della gestione finanziaria il risultato della gestione straordinaria il risultato prima delle imposte E’ redatto in unità di euro. Le differenze tra valori di bilancio e valori contabili vanno iscritte nei PROVENTI E ONERI STRAORDINARI (Gruppo E – voce 20 - 21 <ul><li>I ricavi e i proventi sono al netto dei resi, degli sconti mercantili, degli abbuoni e premi </li></ul><ul><li>I componenti ordinari e straordinari sono differenziati in relazione all’ estraneità della fonte che li ha generati rispetto all’attività ordinaria </li></ul><ul><li>Le rettifiche di valore di attività finanziarie devono essere separate dai proventi e dagli oneri straordinari </li></ul>
  29. 29. LA NOTA INTEGRATIVA (art. 2427) La Nota integrativa ha la funzione di ampliare la comprensibilità e la chiarezza dello Stato patrimoniale e del Conto economico , attraverso informazioni complementari inerenti le voci e i valori in essi esposti e le motivazioni delle scelte operate - illustrazione dei criteri di valutazione adottati ( punto 1 ) <ul><li>movimenti verificatisi nell’esercizio nelle voci di Stato patrimoniale (punti 2 e 4) </li></ul><ul><li>dettagli e informazioni su alcune voci di Stato patrimoniale (punti 3 e punti da 5 a 9) </li></ul><ul><li>dettagli e informazioni su alcune voci di Conto economico (punti da 10 a 14) </li></ul>= chiave di lettura delle parti contabili di bilancio <ul><ul><li>La Nota integrativa può essere redatta in migliaia di Euro , sempre che ciò non sia in contrasto con la clausola generale del bilancio, che pone il principio inderogabile della chiarezza e della rappresentazione veritiera e corretta della situazione della società. </li></ul></ul><ul><li>informazioni supplementari utili per la corretta e completa lettura del bilancio (punti da 15 a 18) </li></ul><ul><li>motivazione delle eventuali deroghe operate a tutela della rappresentazione veritiera e corretta </li></ul><ul><li>informazioni integrative ( stabilito da altri articoli ) </li></ul>Contenuto
  30. 30. GLI ALLEGATI AL BILANCIO D’ESERCIZIO Relazione del collegio sindacale Relazione sulla gestione Relazione della Società di revisione (per le società quotate) Copie dei bilanci delle società controllate Prospetto riepilogativo dei dati essenziali dell’ultimo bilancio delle società collegate Copia del verbale dell’assemblea che approva il bilancio Elenco dei soci o azionisti Informazioni e prospetti richiesti dalle norme tributarie Informativa complementare prevista o raccomandata dal CNDC, dal CNR e dalla CONSOB
  31. 31. LA RELAZIONE SULLA GESTIONE (art. 2428 C.c.) Contenuto: • informazioni relative al numero e al valore nominale delle azioni proprie e delle azioni o quote di società controllanti possedute (al fine di assicurare la massima trasparenza e il rispetto delle norme di legge) La relazione sulla gestione, redatta dagli amministratori, deve contenere informazioni sulla situazione della società e sull’andamento della gestione , sulle relazioni della società con il mondo esterno, sulle politiche perseguite, sui piani e i programmi aziendali. • attività di ricerca e sviluppo • rapporti con le imprese collegate e controllate • fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell’esercizio (che siano significativi rispetto all’andamento della gestione) • evoluzione prevedibile della gestione
  32. 32. CONTROLLO ANNUALE SUL BILANCIO Società non quotate <ul><li>Devono: </li></ul><ul><li>vigilare sull’osservanza della legge e dell’atto costitutivo </li></ul><ul><li>accertare la regolare tenuta della contabilità </li></ul><ul><li>verificare la corrispondenza del bilancio alle scritture contabili </li></ul>Società quotate Spetta a SINDACI SOCIETA’ DI REVISIONE <ul><li>Devono vigilare : </li></ul><ul><li>sull’osservanza della legge e dell’atto costitutivo </li></ul><ul><li>sul rispetto dei principi di corretta amministrazione </li></ul><ul><li>sull’adeguatezza della struttura organizzativa </li></ul><ul><li>sull’adeguatezza delle disposizioni impartite alle società controllate </li></ul><ul><li>Devono verificare: </li></ul><ul><li>la regolare tenuta della contabilità e la corretta rilevazione dei fatti di gestione </li></ul><ul><li>che il bilancio sia conforme alle scritture contabili e alle norme che lo disciplinano </li></ul>SINDACI
  33. 33. LA RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE Contenuto (dai Principi di comportamento del collegio sindacale elaborati dal CNDC e CNR) <ul><li>consenso o dissenso in merito all’iscrizione nell’attivo di </li></ul><ul><ul><li>costi di impianto e ampliamento </li></ul></ul><ul><ul><li>costi di ricerca, sviluppo e pubblicità aventi utilità pluriennale </li></ul></ul><ul><ul><li>avviamento </li></ul></ul>La relazione del collegio sindacale ha per oggetto il resoconto dell’attività di vigilanza svolta e dei risultati da questa raggiunti <ul><li>norme seguite nell’espletare i controlli e norme e principi di riferimento utilizzati per esprimere il giudizio sul bilancio </li></ul><ul><li>osservazioni in merito all’esercizio delle deroghe previste dagli artt. 2423 e 2423 bis c.c. </li></ul><ul><li>risultati dei controlli sulla contabilità, sul bilancio e sulla relazione sulla gestione </li></ul><ul><li>giudizio sul bilancio e corrispondenza dello stesso alle scritture contabili </li></ul><ul><li>osservazioni e proposte in merito ai risultati dell’esercizio sociale, al bilancio e alla sua approvazione </li></ul><ul><li>risultati degli altri controlli prescritti dall’art. 2403 c.c. (verifiche trimestrali della consistenza di cassa, ecc.) </li></ul>Società non quotate
  34. 34. LA RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE <ul><li>indicazione dei principi di riferimento seguiti nell’espletamento dell’attività di vigilanza </li></ul><ul><li>sintesi dei risultati dell’attività di vigilanza svolta in merito: </li></ul><ul><ul><li>osservanza delle disposizioni di legge e dell’atto costitutivo </li></ul></ul><ul><ul><li>rispetto dei principi di corretta amministrazione </li></ul></ul><ul><ul><li>adeguatezza della struttura organizzativa della società </li></ul></ul><ul><ul><li>adeguatezza del sistema di controllo interno </li></ul></ul><ul><ul><li>adeguatezza del sistema amministrativo contabile e della sua affidabilità </li></ul></ul><ul><li>indicazione delle significative omissioni e fatti censurabili riscontrati </li></ul><ul><li>indicazione delle irregolarità segnalate alla CONSOB, nonché delle denunce al Tribunale di gravi irregolarità commesse dagli amministratori nell’esercizio dei propri doveri </li></ul><ul><li>proposte in ordine al bilancio e alla sua approvazione </li></ul>Contenuto (dai Principi di comportamento del collegio sindacale elaborati dal CNDC e CNR) Società quotate
  35. 35. LA REVISIONE CONTABILE LEGALE VOLONTARIA La revisione consente di esprimere un giudizio sulla attendibilità del bilancio La revisione si conclude con una relazione da parte della società di revisione preposta. Si ricorre a società di revisione che rilasciano una relazione sul bilancio. E’ obbligatoria per le società quotate <ul><li>Non è imposta ma è fatta o da personale indipendente ( società di revisione ) o da personale interno all’azienda. </li></ul><ul><ul><li>E’ utile per: </li></ul></ul><ul><ul><li>verificare l’operato degli amministratori </li></ul></ul><ul><ul><li>per dare maggiore attendibilità al bilancio nei confronti dei terzi </li></ul></ul><ul><ul><li>per ottenere l’ammissione alla quotazione di borsa </li></ul></ul>
  36. 36. Socio La revisione è effettuata sulla base di apposti principi di revisione <ul><li>Si conclude con un giudizio che può essere: </li></ul><ul><li>senza rilievi (il bilancio è conforme alle norme che ne disciplinano i criteri di redazione) </li></ul><ul><li>con rilevi </li></ul><ul><li>negativo </li></ul><ul><li>impossibilità di giudizio </li></ul><ul><li>Risultati dei controlli effettuati: </li></ul><ul><ul><li>sulla regolarità della tenuta della contabilità e sulla corretta rilevazione delle operazioni di gestione nelle scritture contabili </li></ul></ul><ul><ul><li>sulla rispondenza del bilancio alle risultanze delle scritture contabili e alle norme che li disciplinano </li></ul></ul>LA RELAZIONE DI CERTIFICAZIONE
  37. 37. FORMAZIONE, APPROVAZIONE E PUBBLICAZIONE Bilancio e Relazione degli amministratori Al collegio sindacale almeno 30 giorni prima della data prevista per l’Assemblea Bilancio, Relazione degli amministratori e Relazione dei sindaci DEPOSITO presso la sede sociale almeno 15 giorni prima Approvato il bilancio, entro 30 giorni deposito presso UFFICIO DEL REGISTRO DELLE IMPRESE Se quotate anche alla CONSOB in formato digitale <ul><li>Il fascicolo da depositare comprende i seguenti documenti: </li></ul><ul><ul><li>copia del bilancio d’esercizio, relazione sulla gestione, relazione del Collegio sindacale, verbale di approvazione del bilancio da parte dell’assemblea, relazione della società di revisione (per le società quotate in Borsa), bilancio consolidato e relazioni accompagnatorie (ove ciò sia richiesto), elenco dei soci (nel caso in cui durante l’esercizio siano intervenute modifiche rispetto a quello già depositato) </li></ul></ul>Alla società di revisione almeno 45 giorni prima Alla Consob almeno 20 giorni prima Se quotata
  38. 38. RELAZIONE SEMESTRALE E RELAZIONE TRIMESTRALE RELAZIONE SEMESTRALE Depositata presso la sede sociale e trasmessa alla Consob entro quattro mesi dalla chiusura del semestre COMMENTO Scopo : fornire agli investitori informazioni per un giudizio sull’andamento della gestione e per un confronto con il corrispondente periodo dell’esercizio precedente STATO PATRIMONIALE Solo le voci precedute da numeri romani CONTO ECONOMICO Solo le voci precedute da numeri arabi entro 45 giorni dalla chiusura del trimestre Andamento della gestione PROSPETTI CONTABILI Accanto a ogni dato in cifre relativo al semestre, devono figurare quello del corrispondente periodo e quello di chiusura dell’esercizio precedente RELAZIONE TRIMESTRALE Società quotate Trasmessa al Collegio sindacale entro tre mesi dalla chiusura del semestre
  39. 39. IL BILANCIO D’ESERCIZIO IN FORMA ABBREVIATA (art. 2435 bis C.c.) • totale dell’attivo dello Stato patrimoniale : € 3.125.000  possono usufruire di tale opportunità le società di capitali che nel primo esercizio di vita o, successivamente, per due esercizi consecutivi non abbiano superato due dei seguenti limiti : • totale ricavi delle vendite e delle prestazioni : € 6.250.000 <ul><li>le semplificazioni riguardano: </li></ul><ul><ul><li>STATO PATRIMONIALE </li></ul></ul><ul><ul><li>NOTA INTEGRATIVA </li></ul></ul> non sono ammesse semplificazioni nella redazione del Conto economico che, quindi, deve essere sempre strutturato come previsto dall’art. 2425 c.c. • dipendenti occupati in media nell’esercizio: n. 50 unità
  40. 40. I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI E INTERNAZIONALI Non sono previsti dalla normativa civilistica ma sono divenuti di corrente accettazione e applicazione nella stesura dei bilanci In Italia, sono stati elaborati dalla Commissione per la statuizione dei principi contabili, di emanazione del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri A livello internazionale, sono stati elaborati i “Principi contabili internazionali” (IAS) dall’International Accounting Standard Committee Facilitano la comprensione e la comparabilità dei bilanci delle imprese Sono postulati, criteri, procedure, metodi, accettati e applicati dalle aziende, i quali stabiliscono le modalità di registrazione delle operazioni di gestione e i criteri di valutazione e di indicazione dei valori in bilancio. Stanno alla base in quanto supporto tecnico e fonte ispiratrice Costituiscono strumenti di interpretazione e di integrazione del disposto legislativo della normativa sul bilancio
  41. 41. PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI <ul><li>PRINCIPI CONTABILI GENERALI </li></ul><ul><li>o postulati del bilancio d’esercizio </li></ul><ul><li>Riguardano il bilancio nel suo complesso (documento n. 11) </li></ul><ul><li>Costituiscono le norme fondamentali cui si ispirano i principi contabili applicati </li></ul>PRINCIPI CONTABILI APPLICATI Riguardano singole voci o poste del bilancio (documenti dal n. 12 al n. 30) NORMATIVA CIVILISTICA art. 2423.2 art. 2423.2 art. 2423.3 Giurisprudenza art. 2423 bis art. 2364 art. 2424 art. 2423 bis art. 2423 bis D.Lgs 87/92 art. 2426 art. 2423 bis PRINCIPI CONTABILI GENERALI Verità e correttezza Comprensibilità (chiarezza) Utilità del bilancio per i destinatari e completezza dell’informazione Neutralità (imparzialità) Prudenza Periodicità Comparabilità Omogeneità Continuità (costanza) Competenza Significatività e rilevanza dei fatti economici ai fini della loro presentazione in bilancio Prevalenza degli aspetti sostanziali su quelli formali Costo come criterio base per le valutazioni Conformità del procedimento di formazione del bilancio ai corretti principi contabili Informativa supplementare Verificabilità dell’informazione
  42. 42. Il Bilancio d’esercizio FINE
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×