Your SlideShare is downloading. ×
0
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
1° la stabilita' dei prezzi
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

1° la stabilita' dei prezzi

1,409

Published on

inflazione

inflazione

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,409
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
31
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. F ucina F inanziaria del S abato
  • 2. La stabilità dei prezzi
  • 3. La stabilità dei prezzi e il valore dei soldi Si parla di “stabilità dei prezzi” se il valore del denaro si preserva nel tempo. Si supponga di aver risparmiato € 9.000,0 per comprare un’auto. Come Vi sentireste se, dopo sei mesi, arrivato al salone, scopriste che ora ne costa € 10.000,00 ? Per fortuna, di solito i prezzi non crescono così velocemente (vedi tabelle). Per stabilità dei prezzi si intende un’inflazione “bassa ”, ossia tassi di variazione dei prezzi al consumo molto contenuti.
  • 4. Il mantenimento della stabilità dei prezzi è l’obiettivo primario della BCE ( Eurosistema ); costituisce una finalità fondamentale anche per le altre principali banche centrali.
  • 5.  
  • 6. Nell’ Eurosistema , composto da BCE e dalle Banche Centrali Nazionali degli Stati europei che hanno adottato l’ euro , il Consiglio Direttivo della BCE ha individuato la stabilità dei prezzi in quella in cui l’ IACP ( indice armonizzato prezzi al consumo ex tabacco ) sui 12 mesi per l’area dell’euro è inferiore al <2%.
  • 7.  
  • 8. Che cosa puoi comprare con una banconota da € 10,00 ? Due CD singoli o forse quattro numeri del tuo settimanale preferito? Ma ti sei mai chiesto com’è possibile ottenere un prodotto o un servizio in cambio di un pezzo di carta? Dopotutto, produrre una banconota costa soltanto pochi centesimi. La fiducia è preziosa
  • 9. Le funzioni della moneta La moneta svolge un ruolo fondamentale nelle economie moderne: il denaro fa girare il mondo .
  • 10. Cosa si intende per moneta? Oggi, però, tale definizione si applica anche a tutta una serie di attività facilmente utilizzabili a fini di pagamento ( depositi bancari ). Si pensa immediatamente a banconote e monete: infatti sono accettate e disponibili in qualunque momento per l’impiego come mezzo di pagamento.
  • 11. - intermediazione negli scambi Moneta: è un bene che svolge le funzioni fondamentali di strumento di: - riserva di valore - unità di conto
  • 12. Intermediazione negli scambi Lo scambio diretto di beni e servizi, cioè il baratto , si scontra con il limite di “dover trovare” una coincidenza di desideri . Se un ristoratore vuol farsi tagliare i capelli in cambio di un pasto deve trovare un barbiere disposto ad accettare un pasto . A sua volta il barbiere, se ha bisogno di un paio di scarpe , deve aspettare che un calzolaio richieda i suoi servizi in cambio di un paio di scarpe : un costo notevole di ricerca della controparte adeguata, di attesa e di accumulazione .
  • 13. Riserva di valore Se il materiale usato come moneta mantiene valore nel tempo, può essere detenuto per lunghi periodi consentendo la separazione fra i tempi di acquisto e quelli di vendita . In questo caso, assolve l’importante funzione di riserva di valore. L e monete più utilizzate sono le più disparate: dai wampum ( perline di conchiglia ) degli indiani d’America, ai chicchi di cacao dei Maja, ai cauri ( conchiglie ) dell’India, ai denti di balena delle Figi, al tabacco delle prime colonie del N. America, ai grandi dischi di pietra dell’isola di Yap nel Pacifico, fino ad arrivare alle sigarette e agli alcolici nella Germania del secondo dopoguerra.
  • 14. Unità di conto Esisteva la necessità di rapportare fra loro, il valore del pasto con uno equivalente al taglio, ed al paio di scarpe: rapporto che prende il nome di ragione di scambio o prezzo . Col crescere del numero di beni barattati, diventava più difficile conoscere, raccogliere e memorizzare tutte le ragioni di scambio: un dispendio di risorse che aumenta spropositatamente al crescere dei beni scambiati. n* (n-1) 2
  • 15. (n-1) Se però, uno dei beni, fosse utilizzato come unità di conto , il valore di tutti i beni sarebbe espresso in termini di questo “numerario” e la quantità di prezzi da individuare si ridurrebbe in misura significativa . E’ dunque possibile esprimere in termini monetari il prezzo di un bene e quello di qualunque attività. Tutti gli operatori d’una area valutaria calcolerebbero costi, prezzi, salari e redditi nella stessa unità monetaria . Una unità di conto credibile e accettata , costituisce una solida base per il calcolo dei prezzi e dei costi, e comporta un guadagno in termini di trasparenza e attendibilità .
  • 16. La natura dei beni utilizzati come moneta è variata nei tempi, preservando sempre: facilità e comodità di conservazione , alto valore a fronte di un basso peso , praticità di trasporto e durevolezza . Dai wampum (perline di conchiglia) degli indiani d’ America , ai cauri (conchiglie dai colori vivaci) dell’ India , ai denti di balena delle Figi , al tabacco delle prime colonie del Nord America , ai chicchi di cacao nel Centro America , ai grandi dischi di pietra dell’isola di Yap nel Pacifico, fino ad arrivare alle sigarette e agli alcolici nella Germania del secondo dopoguerra. Le forme della moneta
  • 17. Il ricorso al metallo per superare i problemi di deperibilità dei beni, trova i primi riscontri in Asia attorno al 2000 a.C . Pezzi o barre di oro e di argento , fungevano da moneta perché erano facili da trasportare , non deperibili e più o meno agevolmente divisibili . Era inoltre possibile fonderli per ricavarne monili. Le forme della moneta
  • 18. I greci coniavano monete d’argento dal 700 a.C. Atene (575 a.C.) e Corinto (570 a.C.) furono le prime città-stato elleniche a battere moneta . La dracma rimase stabile per quasi 400 anni. Grazie alla diffusione svolta da Alessandro Magno , le monete metalliche greche furono largamente impiegate, come attesta il loro ritrovamento, fra la Spagna e l’attuale India . Le forme della moneta I romani, che avevano inizialmente utilizzato ingombranti lingotti di bronzo ( aes signatum ), adottarono l’innovazione greca delle monete metalliche ufficiali e furono i primi a introdurre un regime bimetallico comprendente sia il denarius d’argento sia l’ aureus d’oro .
  • 19. Per evitare i disagi connessi alla “ coincidenza di desideri ”, è stato assunta come mezzo di scambio una rudimentale moneta detta: “ moneta merce” . La prima forma di monetazione AES rude , Aes signatum , Aes grave o Aes librale (335 a.C.) Usando l’ aes rude occorreva pesare il bronzo ad ogni scambio, per cui si iniziò ad utilizzare getti in bronzo di forma rotonda o rettangolare che riportavano il loro valore, detti “ aes signatum ”.
  • 20. Aes grave
  • 21. La Premessa 1 1 AUREO D’ ORO EQUIVALE A 25 DENARI D’ARGENTO 100 SESTERZI DI BRONZO 400 ASSI DI BRONZO 4 4 25
  • 22. Ma quanto valeva un sesterzio ? 2500 sesterzi Valore d’uno schiavo della Gallia Roma I sec. a.C. 10 sesterzi spesa per pranzo comune Pompei 161 a.C. 192 milioni di sesterzi Patrimonio Marco Licinio Crasso alla fine della Repubblica Roma I sec. a.C. 1 aureo d'oro = 25 denari argento = 100 sesterzi (bronzo) = 400 assi Roma I sec. d.C. 1 sesterzio 1 litro di vino comune Roma I sec. d.C. 1 asse 542 gr. di grano - ½ libra pane Roma I sec. d.C. 50 assi 100 kg. di lupini Roma I sec. d.C 1 sesterzio Ingresso alle terme per 4 p. Roma I sec. d.C 1 denario 8 chili di pane comune Roma I sec. d.C 3 sesterzi 6,5 chili di grano Roma I sec. d.C 240 sesterzi 6,5 chili di grano (il valore del sesterzio si era svalutato di 80 volte in 4 secoli) Roma fine III sec d.C.
  • 23. La premessa Dinarii, aurei e sesterzi per i Romani divennero anche strumento di propaganda politica: le immagini di conio riportavano le effigi degli imperatori, ne celebravano le imprese e le qualità.
  • 24. Le riforme monetarie Nel 15 a.C . Augusto pose fine al disordine monetario varando una riforma nella monetazione Romana . Distinse fra monetazione in rame ed in oricalco (lega 80% Cu - 20% Zn tipo ottone), lasciandola al controllo del Senato ( S enatus C onsulto) mentre quella in oro ed argento diviene competenza esclusiva dell' Imperatore . Asse = 4 quadranti 1/30 di libra di rame (10,91 gr.) quadrante = sottomultiplo dell’asse 1/192 di libra di rame (1,70 gr.) dupondio (2 assi, 8 quadranti) 1/24 di libra di oricalco (13,64 gr.) sesterzio (= 2 dupondi, 4 assi, 16 quadranti) 1/12 di libra di oricalco (27,28 gr.) quinario (= 2 sesterzi, 4 dupondi, 8 assi) 1/168 di libra d'argento (1,94 gr.) denario (= 2 quinari, 4 sesterzi, 8 dupondi, 16 assi) 1/84 di libra d'argento (3,89 gr.) quinario aureo (12,5 d., 25 q. Ag., 50 s., 100 d., 200 a) 1/84 di libra d'oro (3,89 gr.) aureo (2 q.a, 25 d., 50 q. Ag., 100 s., 200 d., 400 a) 1/42 di libra d'oro (7,79 gr.) base
  • 25. Con Nerone , il contenuto di metallo prezioso delle monete iniziò a diminuire poiché la zecca imperiale sostituiva progressivamente l’oro e l’argento con delle leghe per finanziare l’imponente disavanzo dell’impero . Il calo del valore intrinseco delle monete, generò un aumento generalizzato dei prezzi di beni e servizi . Peso metallo Prezzi beni e servizi Inflazione
  • 26. La riforma di nerone 1,70g 1/192 Quadrante 10,90 g 1/30 Asse Rame 13,64g 1/24 Dupondio 27,28g 1/12 Sesterzio Oricalco 1,70g 1/192 Quinario argenteo 3,41g 1/96 Denario argenteo Argento 3,64g 1/90 Quinario aureo 7,27g 1/45 Denario aureo Oro Peso Rapporto con la libra Moneta Metallo
  • 27. solido (= 1/72 di libra d'oro (4,54 gr.). Il più stabile solidus , introdotto nell’Impero romano d’Oriente da Costantino il Grande , mantenne il peso e la purezza originali fino alla metà dell’XI secolo, guadagnando la reputazione di “principale mezzo di scambio internazionale” per oltre cinquecento anni. Greci e romani avevano diffuso nel mondo di allora, l’uso delle monete metalliche e la tecnica di conio.
  • 28. La riforma di costantino siliqua miliarense folli s Nummus 3,41g 1,70g 1/96 (fino 330) 1/192 (dopo 335) Follis Bronzo 3,41g 1/96 1/24 Siliqua 4,54g 1/71 1/18 Miliarense Argento 1/3 Triens 1/2 Semisse 4,54g 1/72 1 Solido Oro Peso Rapporto libra 327 gr Rapporto con solido Moneta Metallo
  • 29. Nel Medioevo prevalse l’uso di monete in oro e in argento coniate in loco , ma crebbe anche il ricorso al rame . Nel 793 d.C. Carlo Magno riformò il sistema monetario franco introducendo un regime in base al quale la libra carolingia d’argento (del peso di 408 gr.) corrispondeva a 20 soldi o 240 denari .
  • 30. Dopo la caduta di Costantinopoli , nel 1252 le città-stato mercantili di Genova e Firenze ripresero la coniazione di monete auree , che vennero rispettivamente chiamate genovino e fiorino . Nel XV secolo esse furono sostituite nelle transazioni internazionali dal ducato di Venezia .
  • 31. I cinesi iniziarono a usare la moneta cartacea attorno all’800 d.C. sotto l’imperatore Hien Tsung e continuarono per vari secoli. Il valore di tale moneta, nullo come merce (valore intrinseco nullo), derivava solo da un decreto imperiale .
  • 32. Le obbligazioni Per ridurre il rischio di essere derubati durante i loro viaggi, i mercanti presero a utilizzare strumenti cartacei sui quali venivano indicati il nome del debitore , quello del creditore , la data di pagamento e la quantità di oro o argento da corrispondere. Le città-stato italiane introdussero per prime le lettere di cambio o obbligazioni come nuovo mezzo di pagamento. Presto le banche mercantili iniziarono a negoziare tali contratti, il cui primo riscontro risale al 1156.
  • 33. Le obbligazioni continuarono a essere utilizzate soprattutto dai mercanti italiani , mentre il sistema bimetallico rimase dominante fino alla guerra dei Trent’anni . 1618 al 1648 .
  • 34. I trattati di Pace di Westfalia . Per la turbolenza economica provocata dalla guerra, a cominciare dal re di Svezia, i regnanti iniziarono a prediligere la moneta cartacea , che fu successivamente introdotta dalla Bank of England nel 1694 e dalla Banque générale in Francia nel 1716.
  • 35. Si parla di moneta legale se ci si riferisce ad uno strumento di pagamento non coperto da riserve ( es .: oro ) , quindi privo di valore intrinseco (quindi banconota o moneta di metallo non preziosa), Moneta legale che assume valenza se, e solo dopo che lo Stato o una Autorità Monetaria competente ( Banca Centrale ), dopo averne fissato il valore nominale , ne impone per legge l'accettazione in tutti i pagamenti.
  • 36. La stabilità è garantita dal controllo sull'emissione da parte delle banche centrali Infatti, se la crescita dell' offerta di moneta non é in linea con la crescita dell'economia, nel lungo periodo , si possono produrre eccessi inflattivi . Durante le guerre, alcuni Stati sono passati a moneta a corso legale sospendendo la convertibilità in oro , con un effetto minore del previsto sul potere d'acquisto. Gli Stati Uniti e altri Paesi con valute riferite al Us$, sono passati definitivamente alla moneta a corso legale nel 1971 .
  • 37. Per le banche centrali le riserve di oro hanno una funzione di garanzia a fronte di emissione di monete e debiti, oltre che una funzione di riserva di ultima istanza .
  • 38. Il tallone aureo ( Gold Standard ) Alla moneta cartacea era, ed è tuttora, riconosciuto corso legale soltanto in virtù di un atto giuridico dell’ autorità competente . Emessa con un valore nominale chiaramente definito , essa è stata per lungo tempo resa credibile mediante la costituzione di riserve in oro che erano conservate presso le banche centrali dei rispettivi paesi.
  • 39. L'oro poteva liberamente circolare tra i paese aderenti al Gold Standard seguendo regole che disciplinavano la quantità della moneta circolante in un paese rapportandola alle riserve disponibili dalla banca centrale dello stesso. Il tallone aureo (Gold Standard)
  • 40. equivalente generale Paesi aderente Paese aderente Paese aderente Paese aderente Moneta base Nel sistema, le monete erano convertibili in oro e godevano verso il metallo di un rapporto di cambio arbitrario ma fisso e fissa era , di riflesso, la convertibilità tra le stesse . Il tallone aureo (Gold Standard)
  • 41. Il tallone aureo (Gold Standard) Si possono distinguere tre casi: 2) viene usata cartamoneta totalmente convertibile in oro, circolante = quantità di oro conservata dalla banca centrale 1) l'oro viene usato direttamente come moneta (circolazione aurea) 3) le banconote sono solo parzialmente convertibili, e la quantità di circolante è un multiplo del valore dell'oro posseduto dallo Stato. Per monete convertibili in altra a loro volta convertibile in oro , si parla di gold exchange standard .
  • 42. Il tallone aureo (Gold Standard) In tale sistema, noto come tallone aureo , la valuta sotto forma di monete metallica e/o cartacea fiduciaria, era convertibile in oro a una parità fissa . La Gran Bretagna, seguita poi da numerosi altri paesi, lo istituì nel 1816 , dopo che nel 1717 il tasso di cambio della sterlina con l’oro era stato fissato a 3,811 sterline per oncia d’oro dallo stesso Isaac Newton.
  • 43. Nel 1913 i maggiori paesi estrattori di oro erano Sudafrica, Usa, Australia e Russia . 62% = 3.500 tonnellate 1913 U.S.A. U.K. FRANCIA GERMANIA RUSSIA 7% Circolazione monetaria mondiale aurifera Nel 1913 , le Banche Centrali mondiali disponevano di riserve reali per Us$ 6,8 mld ; quasi tutte in sterline, giacenti nelle banche londinesi.
  • 44. Il tallone aureo (Gold Standard) Dominando nel commercio mondiale l’ U.K . il sistema aureo si impose in quasi tutti gli stati,contribuendo al libero movimento dei capitali, alla stabilità dei prezzi , monete e dei vari sistemi economici . Molti paesi aderenti al sistema, dovevano però limitare la coniazione per la scarsità delle loro riserve aurifere , non potendo sfruttare, come gli inglesi, i giacimenti delle colonie , e che potevano stampare moneta senza vincoli particolari.
  • 45. A dir il vero solo alcune monete furono dichiarate direttamente convertibili in oro (sterlina, dollaro, franco, marco...); altre (p.es. la lira italiana ) non erano direttamente convertibili in oro, ma in monete pregiate che potevano essere subito riconvertite.
  • 46. Sino alla 1 a Guerra mondiale gran parte del metallo aurifero veniva impiegata per battere moneta circolante , mentre una quantità identica finiva nei depositi delle banche centrali e del Tesoro, coprendo sia i crediti che le banconote, passando di continuo dalle riserve alla circolazione e viceversa.
  • 47. Con l’inizio della 1 a Guerra , molte nazioni accrebbero il ritmo di stampa di nuove banconote allo scopo di finanziare lo sforzo bellico.
  • 48. In Germania, i biglietti emessi dalla Reichsbank passò dai 2.593 milioni del 1913 ai 92.844.720,7 mld circolanti del 1923 , che produssero una situazione di iperinflazione .
  • 49. La maggior quantità di moneta in circolazione indusse gran parte dei paesi a sospendere la convertibilità in oro della propria valuta poiché le riserve auree nazionali non erano più sufficienti a garantirla.
  • 50. Ma l'oro serviva ormai solo per chiudere il saldo della bilancia dei pagamenti , in quanto la maggioranza dei pagamenti avveniva con trasferimenti di valuta tra banche. Per es. la circolazione mondiale dei pagamenti nel 1894 fu stimata a Us$ 20 mld , mentre il movimento effettivo dell'oro fra i vari paesi fu solo di Us$ 0,7 mld . 7,322 gr. 1,505 gr 3,871 gr. PARITA’ = 4,867 PARITA’ = 1,891 PARITA’ = 2,578
  • 51. Per garantire il cambio ininterrotto di banconote furono approvate leggi che obbligavano le banche centrali a tenere sempre nei loro forzieri un quantitativo d'oro non inferiore ad una certa percentuale di banconote da loro stesse emesse . Il tallone aureo (Gold Standard)
  • 52. Come sistema completo e sviluppato il &quot; gold standard &quot; cessò di esistere nel 1914 . Tuttavia gli Usa lo conservarono fino al 1933, allorché Roosevelt impose la soppressione della convertibilità del dollaro in oro , mentre Francia , Inghilterra e altri paesi cercarono di ripristinarlo . Il tallone aureo (Gold Standard) Franklin Delano Roosevelt ( 1882 – 1945 ) è stato il 32º Pres. USA. Fu l'unico a servire per più di due mandati, e vinse le presidenziali quattro volte ( 1932 , 1936 , 1940 e 1944 ), rimanendo in carica dal 1933 fino alla sua morte, nell' aprile del 1945 .
  • 53. Nel 1925 infatti, i magnati della finanza e i politici, convinti che la sterlina-oro fosse il principale simbolo dell'impero, affidarono a Churchill il compito della restaurazione del &quot;gold standard&quot;. Sir Winston Leonard Spencer Churchill ( 1874 – 1965 ) è stato il primo ministro che ha guidato la Gran Bretagna durante la WWAR II e dal 1951 al 1955 . Noto statista e stratega , Churchill vinse il Premio Nobel per la Letteratura nel 1953 per i suoi scritti storici. Per farlo occorreva ridurre il livello dei prezzi del paese , elevare il corso della sterlina sul mercato mondiale, migliorare la bilancia dei pagamenti , incrementare l'afflusso di oro e limitare l'emissione di banconote .
  • 54. Per ottenere la parità ufficiale della sterlina con l'oro e il vecchio rapporto col Us$ , il prezzo pagato fu una disoccupazione di massa , forti decrementi salariali , sensibili riduzioni dei servizi pubblici e inflazione . Il corso della sterlina era artificiosamente elevato e così complicava l'export ; i prezzi delle merci erano molto più alti di quelli Usa, per cui il deficit della bilancia commerciale e dei pagamenti diventava insostenibile.
  • 55. L'intero mercato monetario mondiale diventava instabile e si pensa che tutto ciò abbia sicuramente avuto un certo peso sul crollo della borsa di New York nel 1929. Nel 1926 la produzione industriale é del 30% inferiore al 1913 e la disoccupazione interessa il 12% degli abili al lavoro. L’economia britannica deve ridurre drasticamente l'import di materie prime , e in pochi anni diventa l'anello debole dell'economia occidentale.
  • 56. La sterlina conosce un forte crollo nel 1931 , sotto i colpi della crisi finanziaria mondiale, nonostante che la riserva aurea inglese superasse di alcune volte quella pre-bellica. L’Inghilterra fu costretta a sospendere la convertibilità e nel 1934 gli USA dichiararono che i privati non potevano convertire più i dollari in oro.
  • 57. Il collasso del sistema bancario verificatosi in Austria e in Germania aveva infatti provocato un allarme incontrollato sulla solidità delle finanze inglesi (molti capitali britannici erano stati investiti in quei due paesi) e sulla stessa tenuta della sterlina.
  • 58. In Germania lo Stato nazista subordinò nettamente l 'oro e la valuta alla preparazione della guerra, e dopo aver congelato i conti esteri in marchi e limitato rigidamente ogni pagamento estero , spese praticamente tutte le proprie riserve auree . Weimar
  • 59. Le banche inglesi dovettero far fronte ad un precipitoso ritiro dei capitali stranieri e ad ingenti richieste di conversione delle sterline in oro . Nel settembre del 1931 , esauritesi le riserve auree della Banca d’Inghilterra , dovette essere sospesa la convertibilità della sterlina e la valuta inglese fu svalutata : questo avvenimento destò sensazione , in quanto sanciva il declino della Gran Bretagna dal ruolo di &quot; banchiere del mondo &quot;.
  • 60. La Francia soppresse il &quot; gold standard &quot; quando la borghesia lottava duramente contro il governo di sinistra del Fronte popolare , guidato dal socialista Léon Blum , per evitare che si continuassero ad esportare ingenti capitali all'estero . Léon Blum
  • 61. Con la WWI la maggioranza dei paesi capitalisti smise di coniare monete d'oro e limitò il cambio delle banconote in oro, cambio che venne meno per sempre con la crisi economica mondiale del 1929-1933 L'oro cessò di essere &quot;denaro&quot; in questi paesi e andò sempre più accumulandosi nei forzieri degli Stati e delle banche centrali , ed usato come mezzo di pagamento dei debiti internazionali.
  • 62. In seguito molti altri paesi si ritrovarono costretti a prendere gli stessi provvedimenti di sospensione della convertibilità e ritennero che il modo migliore per affrontarla fosse quello del pareggio del bilancio . Furono costretti a ridurre drasticamente la spesa pubblica e furono imposte nuove tasse . Ma il risultato fu solo di ridurre ulteriormente la domanda interna , aggravando perciò la recessione e la disoccupazione.
  • 63. Dal sostegno esterno alle attività produttive si passò alle radicali misure di controllo (cambi, prezzi e salari) fino all’assunzione da parte dello Stato , del ruolo di vero e proprio soggetto attivo dell’espansione economica . Furono quindi gli Stati ad assumersi nuovi ed importanti oneri .
  • 64. Gli Usa potenziarono la domanda espandendo la spesa pubblica ; in Italia , si giunse all’assunzione diretta da parte Statale di imprese industriali in difficoltà ( I.R.I. ); in UK e paesi scandinavi , si puntò su programmi di sviluppo che tramite il credito o la manovra fiscale, guidavano l’attività economica verso obiettivi fissati dal potere politico .
  • 65.   Nel 1936 l’economista inglese John Maynard Keynes con “ Occupazione, interesse e moneta” , sostiene che il mercato non riesce spontaneamente a creare l’equilibrio fra domanda e offerta né a saper utilizzare in modo ottimale le risorse per raggiungere la piena occupazione delle unità di lavoro disponibili. Per cui, attribuì allo Stato il compito di accrescere il volume della domanda effettiva manovrando in senso espansivo la spesa pubblica . John Maynard Keynes
  • 66. A sett. del ‘38 la Germania aveva una riserva di circa 26 tonnellate d'oro , cioè circa 17 milioni di old dollari- oro , mentre gli Usa erano a quota Us$ 8,126 mld e l' Inghilterra si attestava sui Us$ 2,39 mld (ca. 3.600 tonn. oro)
  • 67. All'inizio del WWII , temendo per le proprie riserve auree , molti Stati europei portarono il loro oro negli Usa , vendendolo contro dollari o depositandolo (es. nei sotterranei della Federal Reserve di New York).
  • 68. I nazisti , riuscirono a impadronirsi delle riserve di Austria, Jugoslavia, Grecia , e in parte anche di Francia, Belgio, Cecoslovacchia e di altri paesi ancora che non avevano fatto in tempo a trasferire tutto l'oro all' estero . 1.300 tonn. d'oro
  • 69. Si pensa che i nazisti abbiano affondato buona parte del loro oro presso le rive della Corsica , non lontano da Bastia o nelle profondità dei laghi alpini di Toplitz in Austria . Oltre che alle riserve degli stati sovrani, i nazisti tolsero oro, senza alcuno scrupolo, agli ebrei, alle chiese, ai musei, ai privati, persino ai detenuti dei lager.
  • 70. Nel 1944 , per iniziativa di Usa e UK , i rappresentanti di 44 paesi si riunirono negli Stati Uniti , a Bretton Woods per sanare i profondi squilibri economici creati dalla guerra .
  • 71. Qui, oltre a dar vita al FMI e alla World Bank (Banca Mondiale), venne fissato il prezzo dell'oro a 35 Us$/oz ., valore al quale gli americani si impegnarono ufficialmente ad acquistarlo da chiunque e a venderlo solo alle Banche Centrali . Al US $ fu assegnato il ruolo di moneta centrale dell'intero sistema economico, unico conio nel quale si poteva convertire l'oro e moneta alla quale le altre venivano ancorate da cambi fissi.
  • 72. Chiang Kai-shek C amille Gutt A. Argyropulos J. M. Keynes H. D. White                      Yugoslavia      Iceland                      Venezuela      Honduras                      Uruguay      Haiti                      United States      Guatemala                      United Kingdom      Greece                       Union of Soviet Socialist Republics (USSR)       France                      Union of South Africa      Ethiopia                      Poland      El Salvador                      Philippines      Egypt                      Peru      Ecuador                      Paraguay      Dominican Republic                      Panama      Czechoslovakia                      Norway      Cuba                      Nicaragua      Costa Rica                      New Zealand      Colombia                       Netherlands      China                      Mexico      Chile                      Luxembourg      Canada                      Liberia      Brazil                      Iraq      Bolivia                      Iran      Belgium                       India      Australia   List of Delegations at Bretton Woods
  • 73. Gli accordi di Bretton Woods favorirono un sistema aperto, liberista , con minime barriere e libera circolazione dei capitali privati . Ma gli accordi derivati direttamente o no da B.W. non prevedevano un corretto controllo della quantità di dollari emessi , permettendo così agli USA l'emissione incontrollata di moneta .
  • 74. Ogni paese partecipante fu obbligato a versare al F.M.I. una quota di oro e di moneta nazionale e dichiarare la parità tra la propria valuta e l ’oro , o indirettamente, il dollaro Usa . Nel 1948 la Francia fu il primo paese a legalizzare la negoziazione di oro , seguito nel 1951 dalla Svizzera , paese che non aveva barriere né all’importazione né all’esportazione.
  • 75. Francia e Germania contestarono più volta agli USA di esportare la loro inflazione , impoverendo così il resto del mondo. L’ oro assume il ruolo di bene rifugio e a marzo 1968 nasce il mercato dell’ oro il cui prezzo veniva determinato dall’offerta e dalla domanda. Nel 1954 riaprì il mercato di Londra ma negli anni ‘60 si rompe l’equilibrio tra domanda ed offerta, a causa della grave crisi del Us$ che indusse gli operatori a forti acquisti d’oro . 1970 -1973 Triplica il prezzo dell’oro
  • 76. Rimase in vigore fino al 1971 quando Nixon Presidente Usa, soppresse la convertibilità dell' oro con il dollaro facendo crollare definitivamente uno dei pilastri di Bretton Woods. Fu l'inizio del sistema di cambi fluttuanti e di una fase di instabilità e disordine monetario accentuata dallo shock petrolifero del 1973/74 , che portarono la quotazione dell'oro dal valore di Us$ 50/oz del 1970 al massimo storico di Us$1217,40/oz. dei nostri giorni. Prezzo dell’oro convertibilità dell' oro
  • 77. Us$ 1.113
  • 78. Visto che il Us$ non era più convertibile in oro i governi europei nel 1973 chiesero agli USA che la parità del Us$ rispetto all’oro venisse abolita , potendo vendere oro sul mercato libero . Nel 1976 i Paesi aderenti al FMI ufficialmente decisero l’abolizione del prezzo ufficiale dell’oro e quindi del doppio mercato del metallo .
  • 79. Dopo il picco ’79 seguì una fase laterale nella banda 250 - 500 Us$/oz . fino ai giorni nostri in cui, il metallo giallo ha ritoccato e superato la soglia psicologica dei 1200 Us$/oz
  • 80. In questo modo l’oro veniva a perdere il suo ruolo di fondamento del sistema monetario internazionale , ed il sistema di adesso è basato sul dollaro ( Dollar Standard ). Con questo accordo il F.M.I. restituì una parte delle riserve d’oro ai paesi che l’avevano depositato e ne vendette una parte per aiutare i Pvs .
  • 81. Molte banche centrali europee, americane e asiatiche, tengono grossi quantitativi del metallo tra le loro riserve (Fort Knox). Segnale, a detta di molti, che rafforza la convinzione che l'oro goda di ottimi fondamentali .
  • 82. L’andamento del prezzo dell’oro è influenzato da inflazione, domanda e offerta, andamento del Us$, tassi di interesse, ciclo economico e fattori specifici. Il forte rialzo degli ultimi quattro anni, ( triplicato in Us$ e raddoppiato in € ) consiglia però estrema prudenza.
  • 83. L’evoluzione della moneta? In Europa esistono oggi vari sistemi di moneta elettronica basati su carte, che sono di norma gestiti da istituzioni finanziarie. L’evoluzione è proseguita con varie forme di “moneta elettronica” e di mezzi di pagamento elettronici apparsi negli anni ’90 ed utilizzati per acquistare beni e servizi .
  • 84. Se il valore della moneta dovesse diminuire in misura significativa, tu perderesti fiducia nei suoi confronti . È la fiducia del pubblico a rendere prezioso il denaro. Allora perché questo pezzo di carta vale tanto? È una questione di fiducia.
  • 85. L’importanza della stabilità dei prezzi inflazione e deflazione L’inflazione determina una perdita di valore e, di conseguenza, di potere d’acquisto della moneta , la deflazione identifica la situazione opposta. Si parla invece di “stabilità dei prezzi” quando il livello dei prezzi dei beni e servizi di un paese o di un gruppo di paesi, resta mediamente invariato nel tempo e di “ stabilità assoluta ” quando il medesimo importo di denaro, ad esempio €100,00 - consente di acquistare lo stesso paniere di beni ottenibile l’ anno prima.
  • 86. Inflazione , deflazione e stabilità dei prezzi L’ inflazione è un incremento generalizzato e persistente del livello generale dei prezzi, e si verifica quando la moneta che può essere spesa eccede la quantità dei beni disponibili. Aumenta Quantità di moneta Incremento dei prezzi
  • 87. Il giorno della morte di Michael Jackson molti negozi aumentarono i prezzi dei cd e dischi, perché tutti li volevano (forte domanda) a qualunque prezzo ; Movimenti dei singoli prezzi e del livello generale dei prezzi I prezzi possono crescere per un forte aumento della domanda . In economia si verificano di norma frequenti variazioni dei prezzi anche in presenza di condizioni di stabilità.
  • 88. Se a seguito di una cattiva annata la produzione di granturco è scarsa, aumenterà sicuramente il suo prezzo; I prezzi possono crescere per una forte scarsità di offerta.
  • 89. Petrolio e prodotti energetici sono rincarati fra inizio ‘99 e metà 2008, per l’effetto congiunto della crescente domanda da parte di economie in rapida crescita e della speculazione finanziaria ( derivati ). I prezzi possono crescere per un forte aumento della domanda . Il rincaro del petrolio aveva portato all’esagerato aumento della benzina e del costo del trasporto di tutte le altre merci, nonché alla speculazione sui prodotti agro-alimentari trasformabili in bio-diesel.
  • 90. Negli esempi, il danaro ha perso “potere d’acquisto ”, non essendo più in grado di comprare la stessa quantità di un mese, un trimestre, un anno prima. Tuttavia, si parla d’inflazione solo se aumenta il prezzo complessivo dell’intera gamma dei prodotti inclusi nel paniere , e non solo quello di uno.
  • 91. Per non subire una perdita , il produttore ha fissato prezzi all’ingrosso più elevati e il commerciante, a sua volta, ha cercato di trasmettere questo rialzo ai consumatori .
  • 92. Possono invece diminuire in seguito al minor costo di produzione e per l’attesa di nuovi prodotti . Computer e cellulari sono oggi molto meno cari che in passato, poiché la tecnologia s’è evoluta e gli impianti di produzione sono stati ammortizzati.
  • 93. La deflazione è l’inverso dell’inflazione,cioè una diminuzione nel tempo del livello generale dei prezzi, al di sotto da quello che la B. C. ritiene “ottimale” Può derivare dalla scarsa domanda di beni e servizi tipica della fase di recessione che stiamo vivendo (2007-2009), e che obbliga le imprese ad abbassarne il prezzo. Se invece, € 50,00 permettono di ottenere all’incirca lo stesso paniere acquistabile uno o due anni prima , si può dire che il livello generale dei prezzi è stabile.
  • 94. Il pericolo è che allora i consumatori potranno essere indotti a rinviare sistematicamente i loro acquisti di beni durevoli (automobili, elettrodomestici, computer), tenendosi invece in tasca il denaro contante . Deflazione è la convinzione che nell’economia si diffonda l’idea che i prezzi si ridurranno non solo oggi , ma anche in futuro .
  • 95. N on solo, le aziende con la prospettiva di veder scendere i loro prezzi di vendita e i loro margini di profitto , saranno indotte a fare pressione sulle organizzazioni sindacali dei lavoratori per ottenere riduzioni nel livello dei salari , in assenza delle quali faranno più facilmente ricorso ai licenziamenti .
  • 96. L’eventuale riduzione dei salari e/o l’aumento della disoccupazione potrebbe a sua volta, avvitare ulteriormente l’economia in una spirale di recessione e ulteriore deflazione . Contro una deflazione si può solo fare in modo che le famiglie riprendano a consumare , consentendo alle aziende di assumere e investire.
  • 97. . Se aumenti e diminuzioni si compensano a vicenda, il variare, pur considerevole, dei prezzi di singoli beni e servizi, non è incompatibile con condizioni di stabilità del livello generale dei prezzi. Ma possono anche compensarsi nel breve termine, senza compromettere la stabilità del sistema.
  • 98. Come si misurano le variazioni dei prezzi ? In una data economia, esistono milioni di prezzi soggetti a variazioni in funzione della domanda e dell’offerta dei rispettivi beni o servizi. Non potendo tener conto di tutti, quali è corretto prenderne in considerazione affinché possano rappresentare il livello generale?
  • 99. L’indice dei prezzi al consumo La sua costruzione tende ad individuare un paniere di beni e servizi più acquistati e più rappresentativi del consumatore medio di una determinata economia. Pertanto, oltre ai beni della spesa giornaliera, sono presi in considerazione quelli durevoli (auto – cellulari computer e lavatrici), gli affitti, il costo della sanità, quello delle pensioni e del lavoro.
  • 100. L’indice dei prezzi al consumo Mettendo assieme questa “ lista della spesa ” e pesando le singole voci in base al loro peso nel bilancio totale dei consumatori, si crea il cosiddetto “ paniere di mercato” 1 . 1) Il peso attribuito alle singole componenti rispecchia la quota da esse rappresentata sul totale della spesa monetaria finale delle famiglie ed è oggetto di revisione periodica per tenere conto del variare delle abitudini di consumo.
  • 101. 2) A tale indice si unisce, in economia, quello dei prezzi alla produzione, che misura le modifiche apportate nel tempo dai produttori nazionali di beni e servizi ai rispettivi prezzi di vendita. Numerosi ” rilevatori ” verificano il prezzo delle singole voci di spesa in vari punti vendita e calcolano una volta al mese gli “ indici dei prezzi al consumo ” ( IPCA o HIPC ) 2 . Il costo del paniere viene monitorato nel tempo in modo da determinare una serie per l’indice dei prezzi .
  • 102. L’indice dei prezzi al consumo L’indice, che funge da misura del livello generale dei prezzi , è regolarmente esaminato per vedere di quanto quest’ultimo è aumentato ( inflazione ) o, come in questo (raro) momento di deflazione , diminuito. Viene così misurato il tasso d’inflazione sui 12 mesi, esprimendo in termini percentuali la differenza di costo di un determinato paniere rispetto all’anno precedente.
  • 103. Tutto ciò, tuttavia, rispecchia soltanto la situazione di un consumatore “medio” o rappresentativo. Se le abitudini di acquisto personali si discostano notevolmente da quelle medie su cui si fondano il paniere e l’indice , il singolo consumatore può percepire una variazione del costo della vita diversa da quella mostrata dall’indice .
  • 104. Cioè, l’inflazione misurata dal “ tasso di inflazione ” riflette soltanto la situazione media dell’economia e non corrisponde esattamente alle variazioni di prezzo complessive percepite dai singoli consumatori.
  • 105. Misurare l’inflazione:un esempio semplice Si immagini che un paniere di mercato rappresentativo della spesa annua degli adolescenti sia composto da 100 panini , 50 bibite , 10 bevande energetiche e una mountain bike . Il costo totale è dato dalla somma dei prodotti delle quantità per i prezzi. Si noti come, fra 1° e 2° anno, esso sia salito da € 300,00 a € 330,00 , vale a dire del 10%. Fra il 1° anno e il 3°, invece, è passato da € 300,00 a € 360,00 , con un incremento del 20%.
  • 106. . Un altro modo per esprimere questo fenomeno è : ( P3 / P1 ) × 100 = (360/300) × 100 = 120,00 dove: Tale indice fornisce un quadro generale dell’evoluzione di un gran numero di prezzi. Indice dei prezzi del momento in cui si vuol calcolare l’inflazione Indice dei prezzi del periodo basa (normalmente fatto base=100)
    • L ‘ Istat produce tre diversi indici dei prezzi al consumo :
    • per l'intera collettività nazionale ( NIC ),
    • per le famiglie di operai e impiegati ( FOI )
    • e l'indice armonizzato europeo ( IPCA o HIPC ).
  • 107. Finalità dei tre indici dei prezzi al consumo NIC misura l'inflazione a livello dell'intero sistema economico . Per gli organi di governo il NIC rappresenta il parametro di riferimento per la realizzazione delle politiche economiche FOI si riferisce a consumi dell'insieme delle famiglie lavoratori dipendenti (extragricolo). Si usa per adeguare i valori monetari, gli affitti o gli assegni dovuti al coniuge separato; IPCA o HIPC serve per assicurare una misura dell'inflazione comparabile a livello europeo . E’ l’indicatore che verificare la convergenza delle economie dei paesi membri della UEM , ai fini dell'accesso e della permanenza nell'Unione monetaria. I tre indici dei prezzi al consumo hanno finalità differenti:
  • 108. Analogie e differenze tra i diversi indici NIC e FOI si basano sullo stesso paniere , ma il peso attribuito a ogni bene o servizio è diverso , in base all'importanza che questi rivestono nei consumi della popolazione di riferimento. Per il NIC la popolazione di riferimento è l'intera popolazione ita lia na di oltre 59 milioni di persone; per il FOI è l'insieme di famiglie che fanno capo a un operaio o un impiegato . I tre indici si basano su un'unica rilevazione e stessa metodologia di calcolo , condivisa a livello internazionale .
  • 109. Analogie e differenze tra i diversi indici L' IPCA ha in comune con il NIC la popolazione di riferimento , ma si differenzia dagli altri due indici perché il paniere esclude , sulla base di un accordo comunitario, le lotterie, il lotto, i concorsi pronostici e i servizi relativi alle assicurazioni vita. NIC e il FOI considerano sempre il prezzo pieno di vendita . L' IPCA o HIPC si riferisce invece al prezzo effettivamente pagato dal consumatore: nel caso dei medicinali, l’indice armonizzato europeo considera la quota effettivamente a carico del consumatore ( ticket ), nonché le riduzioni temporanee di prezzo ( saldi e promozioni ).
  • 110. Problemi di misurazione 1) La progressiva perdita di rappresentatività di un dato paniere, visto che nel tempo il consumatore tende a sostituire i beni più costosi con altri più economici . minor utilizzo = - spesa carburante Pertanto, se le ponderazioni non vengono corrette, la variazione dell’indice potrebbe lievemente sovrastimare i “veri” aumenti dei prezzi . sovrastima
  • 111. Problemi di misurazione 2) La seconda difficoltà è riconducibile al fatto che risulta a volte difficile tenere conto degli effetti di variazioni della qualità dei prodotti. Se la qualità di un certo prodotto o servizio migliora l’aumento di prezzo riconducibile a tale miglioramento, non può e non deve essere ritenuto inflazionistico in quanto non riduce il potere d’acquisto della moneta . 1930 1960 1980 2000 Le autovetture di oggi sono molto + sicure e accessoriate di quelle degli anni ‘80 a loro volta migliori di quelle di 20 anni prima e così via …...
  • 112. Problemi di misurazione Anche la comparsa di prodotti nuovi o versioni più evolute di prodotti già esistenti (ad esempio nel settore alimentare), costituisce un fenomeno rilevante che presenta delle difficoltà . In genere, c’è un forte ritardo prima che i prezzi dei nuovi prodotti siano inclusi nell’indice per la difficoltà di raccogliere in poco tempo informazioni sulle quote di mercato, canali distributivi principali e le marche più diffuse. Un ritardo eccessivo , tuttavia, può alterare la piena rappresentatività delle effettive variazioni medie dei prezzi cui sono esposti i consumatori .
  • 113. L’indice armonizzato dei prezzi al consumo ( IAPC ) , ossia un IPC armonizzato per tutti i paesi dell’area, costituisce un concetto relativamente recente. In secondo luogo l’ Eurostat , l’istituto della Commissione europea responsabile per questo ambito statistico a livello UE , ha tentato di ovviare a eventuali distorsioni di misurazione dello IAPC definendo opportuni standard statistici.
  • 114. Variabili nominali e reali L’ inflazione riduce la quantità di beni acquistabili a fronte d’un determinato importo o provoca una perdita di valore o la riduzione del potere d’acquisto della moneta. Le variabili nominali , pertanto, sono misurate a prezzi correnti e, modificandosi al variare dei prezzi e di conseguenza dell’inflazione, non sono depurate degli effetti di quest’ ultima. Le reali , invece, come il reddito o i salari in termini reali , sono invece al netto degli effetti dell’inflazione .
  • 115. In termini nominali, il salario di un lavoratore cresce del 3% l’anno e sale da € 2.000 a € 2.060 su base mensile. Se nello stesso anno il tasso di inflazione è dell’1,5%, l’aumento del salario in termini reali sarà pari a: ((103/101,5) – 1) × 100 ≈ 1,48%, vale a dire a circa il 3% – 1,5% = 1,5%. Pertanto, più alto è il tasso di inflazione a fronte di un determinato aumento del salario nominale, minore sarà il quantitativo di beni che potrà acquistare il lavoratore. Nominale Tasso di inflazione Reale
  • 116. Un esempio sui tassi Si ipotizzi di acquistare a valore tel quel un titolo di Stato con scadenza 12 mesi . Se a fronte di un esborso iniziale di € 98,04 se ne ottengono €100,00 alla scadenza, vuol dire che il titolo genera un interesse del 2% nominale. Si ipotizzi anche che il tasso di inflazione per l’anno sia pari all’1,5% : cioè che dopo 12 mesi il valore di un paniere di beni all’inizio posto uguale a 100 sarà salito a 101,5. Così il titolo frutterà circa €0,5 di reddito “ reale ”, cioè un interesse di circa 0,5%. E’ ovvio che in caso di inflazione positiva il tasso di interesse reale è inferiore a quello nominale.
  • 117. La relazione esistente tra inflazione attesa e i tassi di interesse: “ l’effetto Irving Fisher ” In economia, per tasso di interesse reale si intende l’aumento del potere d’acquisto ottenuto grazie a un determinato investimento e la relazione fra le tre variabili può essere rappresentata come 3 : r r = r n – π dove: con r n si indica il tasso di interesse nominale , con r r quello reale e con π il tasso di inflazione .
    • La relazione è un ’ approssimazione , ragionevolmente accurata soltanto se r r , r n e π sono di valore relativamente basso . Può essere di fatto dimostrato che
    • 1 + r r = (1 + r n ) × (1 + π ), ovvero che r r = r n – π – r r × π .
    • Naturalmente, se r r e π sono di basso valore , il termine r r × π diventa trascurabile e pertanto r r = r n – π costituisce l‘ approssimazione utilizzata .
  • 118. Una diversa disposizione dei termini dell’equazione evidenzia come il tasso di interesse nominale sia pari alla somma di quello reale e del tasso di inflazione : r n = r r + π Questa equazione ci dice allora che: Se io ( prenditore ) accendo un prestito per acquistare una nuova autovettura , con la banca ( prestatore ) e concordo un tasso di interesse nominale reale ex ante ( r r *), non so con esattezza come varierà l’ inflazione lungo la durata del prestito e quindi, non conosco quello effettivamente realizzato , che va sotto il nome di “tasso di interesse reale ex post ( r r )”. .
  • 119. Futures Benché prenditori e prestatori non siano in grado di prevedere con esattezza l’ inflazione futura , è però lecito ritenere che nutrano delle aspettative al riguardo. Se si indica con π e l’inflazione attesa e con π quella effettivamente realizzata , il tasso di interesse reale ex ante sarà: r r * = r n – π e e quello ex post risulterà r r = r n – π C’è differenza fra i due tassi se l’inflazione realizzata non coincide con quella attesa . Il tasso di interesse nominale ex ante riflette solo l’inflazione attesa , poiché quella realizzata è ignota alla stipula. r n = r r * + π e
  • 120. L’uguaglianza è nota come “ equazione di Fisher ” dal nome dell’economista Irving Fisher ( 1867 – 1947 ) e mostra che il tasso di interesse nominale r n è funzione di quello reale ex ante ( r r * ) e del tasso di inflazione atteso ( π e ). r r * = r n - π e INFLAZIONE INVESTIMENTO TASSO FISSO RENDIMENTO REALE DEBITO MUTUO CASA TASSO FISSO INFLAZIONE PESO DELLA RATA r r * = r n - π e
  • 121. da cui deriva Dove r r come il tasso reale , r n come il tasso nominale e π come il tasso di inflazione attesa. Esempio Considerando il tasso di rendimento del BTP (scadenza 1/3/2036 - cedola 4.25% ) con Yield to Maturity pari al 3.81% per anno:e scomponendolo in un tasso d'interesse reale del 2% e una inflazione attesa del 1.775% (considerandolo free risk ), la formula esatta dà: 1.02 x 1.01775 = 1.0381 , cioè un tasso nominale del 3.81% . L'equazione di Fisher, invece, porta a calcolare 2% + 1.775% = 3.775% (trascurando r r * π ) ne deriva che il rendimento reale a scadenza di un titolo è pari al rendimento nominale depurato della componente inflazionistica. 3.775% è quasi uguale a 3.81%.
  • 122. Pertanto, un alto tasso di interesse nominale su un deposito o su un titolo di Stato potrebbe riflettere attese di inflazione elevata e non per forza rendimenti reali attesi consistenti . Occorre infatti tener presente che, in determinate circostanze, i tassi di interesse nominali, possono includere premi per il rischio compresa l’incertezza connessa all’ inflazione , al tasso di cambio e all’eventualità di insolvenza . Tale concetto è importante per chiunque presti denaro o lo prenda in prestito.
  • 123. I vantaggi della stabilità dei prezzi La stabilità dei prezzi influisce in senso positivo sul tenore di vita contribuendo a... Inflazione e Deflazione non sono ritenuti fenomeni desiderabili : infatti comportano costi e svantaggi notevoli . La stabilità dei prezzi evita questi costi e offre benefici ai cittadini contribuendo al raggiungimento di livelli elevati di benessere economico , anche sotto forma di un alto tasso di occupazione .
  • 124. I vantaggi della stabilità dei prezzi ... attenuare l’incertezza circa l’evoluzione generale dei prezzi, migliorando la trasparenza dei prezzi relativi... La stabilità dei prezzi consente di valutare meglio le variazioni dei prezzi dei beni, in quanto non sono celate da quelle del livello complessivo dei prezzi. Se ad esempio, il prezzo di un prodotto cresce del 3%, ma il livello generale dei prezzi è stabile, il consumatore lo legge come un aumento di prezzo specifico di quel prodotto e su tale base deciderà di limitarne l’acquisto o sostituirlo con altro.
  • 125. I vantaggi della stabilità dei prezzi Analogamente, in caso di deflazione , i consumatori potrebbero non rendersi conto che il ribasso di un prodotto specifico rispecchia l’andamento generale dei prezzi e non un calo di prezzo del prodotto specifico. Prezzi stabili evitano di male interpretare le variazioni del livello generale dei prezzi come variazioni dei prezzi relativi e consentono di adottare decisioni di consumo e di investimento meglio informate . Rottamazione auto Di conseguenza, essi potrebbero essere indotti ad acquistarne più del dovuto .
  • 126. I vantaggi della stabilità dei prezzi L’incertezza circa l’evoluzione futura del tasso di inflazione può indurre le imprese ad adottare decisioni sbagliate in materia di occupazione. Come pure lavoratori e sindacati che, incerti sul quadro inflazionistico futuro, chiedono aumenti consistenti dei salari nominali pensando che elevati tassi di inflazione futuri possano falcidiare le retribuzioni reali.
  • 127. I vantaggi della stabilità dei prezzi La stabilità dei prezzi Incertezza sulla inflazione riduce ed evita errori di allocazione di risorse Decisioni e informazioni sbagliate Aiutando il mercato a indirizzare le risorse dove possono essere impiegate in modo più produttivo, una stabilità durevole dei prezzi accresce l’efficienza dell’economia e quindi il benessere delle famiglie.
  • 128. I vantaggi della stabilità dei prezzi ... ridurre i premi per il rischio di inflazione nei tassi di interesse... Se il creditore ha la certezza di prezzi stabili in futuro, non richiederà “ premi per il rischio di inflazione ” come compenso per la detenzione di attività nominali sul più lungo periodo.
  • 129. I vantaggi della stabilità dei prezzi Riducendo i premi al rischio, si ottengono tassi di interesse nominali inferiori , e la stabilità dei prezzi concorre ad accrescere l’efficienza con cui i mercati dei capitali assegnano le risorse, aumentando così gli incentivi a investire . Ciò promuove a sua volta la creazione di posti di lavoro e, più in generale, il benessere economico. Premio di rischio %
  • 130. I vantaggi della stabilità dei prezzi Un credibile mantenimento della stabilità dei prezzi riduce anche la probabilità che i singoli cittadini e le imprese distolgano risorse da utilizzi produttivi per tutelarsi, ossia “ coprirsi ”, contro l’inflazione o la deflazione. ... evitare inutili attività di copertura... In un contesto di alta inflazione esiste l’incentivo ad accumulare beni reali che conservano il loro valore meglio della moneta o di alcune attività finanziarie.
  • 131. I vantaggi della stabilità dei prezzi ... contenere gli effetti distorsivi dei regimi fiscali e di sicurezza sociale... I regimi fiscali e di sicurezza sociale possono determinare incentivi che influiscono in senso distorsivo sul comportamento economico. Infatti, incrementi salariali per compensare i lavoratori dell’erosione inflattiva, potrebbero assoggettarli ad aliquote impositiva più elevate: “fiscal drag” . Distorsioni che possono essere esacerbate dall’ inflazione o dalla deflazione .
  • 132. La stabilità dei prezzi favorisce la crescita economica e l’ occupazione … • … perché è più facile confrontare i prezzi In condizioni di stabilità dei prezzi non è difficile controllare se il prezzo dell’ultimo modello di jeans sia aumentato rispetto a quello delle scarpe da ginnastica più moderne. I consumatori possono quindi scegliere meglio e le imprese decidere investimenti in modo più consapevole.
  • 133. In condizioni di inflazione (o deflazione ) i prezzi di tutti i beni registrano variazioni significative , che rendono difficoltoso valutare se un prodotto sia divenuto più economico o più caro rispetto ad altri. Imprese e consumatori possono, quindi, fraintendere tali variazioni e compiere errori nel decidere i propri acquisti. Ciò determina un uso non proficuo delle risorse. Fascia di stabilità
  • 134. • … perché costa meno prendere denaro in prestito Se i prezzi sono stabili , chi risparmia (o presta) denaro accetta tassi di interesse più bassi , perché si aspetta che il valore del suo denaro rimarrà a lungo costante . AI contrario, cercherebbe invece di tutelarsi dalla incertezza riguardo al valore futuro del denaro esigendo tassi di interesse più alti.
  • 135.  
  • 136. Di conseguenza, in condizioni di stabilità dei prezzi chiunque prenda denaro in prestito può beneficiare di tassi di interesse più stabili . costi di indebitamento inferiori per le imprese per macchinari e investimenti più moderni per le famiglie una nuova un’ automobile o una casa . incentivo agli investimenti migliora la competitività crea nuovi posti di lavoro crescita economica e occupazione
  • 137. L’iperinflazione L'inflazione da una mano ai Governanti indebitati (specie se a tasso fisso BTP) ma distrugge buona parte della ricchezza dei risparmiatori e aumenta la spesa pubblica . Una situazione di tassi di inflazione estremamente elevati e/o in continua crescita che sfugge ad ogni controllo prende il nome di “ iperinflazione ”. 1922 Germania 5.000% 1985 Bolivia + del 10.000% 1989 Argentina 3.100% 1990 Perù 7.500% 1993 Brasile 2.100% 1993 Ucraina 5.000% Alcuni dei paesi interessati da tali episodi nel XX° sec., con l’indicazione del tasso di inflazione annuo raggiunto.
  • 138. Un tasso di inflazione mensile pari al 50% comporta un aumento del livello dei prezzi di oltre cento volte nel giro di un anno e di più di due milioni di volte in tre anni . Di fatto, l’ iperinflazione iniziata in Germania nel primo dopoguerra e culminata nel 1923 ha avuto conseguenze economiche, sociali e, come viene ampiamente riconosciuto, politiche, devastanti. Con l' iperinflazione &quot; fuori controllo della Repubblica di Weimar in Germania, 1923, i bambini giocavano con mazzi di banconote. (Photo: Hulton Deutsch ) Weimar
  • 139. In tali situazioni sfumano i risparmi e un’ampia fascia di popolazione subisce un notevole calo di ricchezza. La consapevolezza di un costante aumento dei prezzi Un circolo vizioso Induce i lavoratori a rivendicare salari più elevati nel timore di ulteriori rincari che di fatto si verificano a seguito del cresciuto costo della manodopera e quindi di produzione Tutti iniziano a sbarazzarsi del proprio denaro Ogni giorno il danaro si svaluta, e la gente spende a ritmi sempre maggiori.
  • 140. I governi reagiscono alla perdita di valore della moneta accrescendo degli zeri alla valuta cartacea. Diventa impossibile tenere il passo con l’esorbitante aumento dei prezzi Un circolo vizioso I costi dell’iperinflazione diventano insostenibili. La moneta perde completamente il suo ruolo di riserva di valore di unità di conto e mezzo di scambio. Si diffonde il baratto, e la moneta cartacea viene man mano soppiantata da mezzi di scambio alternativi, quali le sigarette,che non perdono valore con l’inflazione.
  • 141. ... accrescere i vantaggi connessi alla detenzione di contante... I vantaggi della stabilità dei prezzi L ’inflazione può essere vista come un’imposta occulta sulla detenzione di liquidità in depositi non remunerati a tassi di mercato , che vede calare i propri saldi monetari reali e quindi la propria ricchezza finanziaria reale, come se gliene venisse sottratta una parte .
  • 142. I vantaggi della stabilità dei prezzi tasso di interesse atteso domanda di liquidità da parte delle famiglie La domanda di contante Detenere liquidità semplifica le transazioni, se così non fosse, non esisterebbe alcun incentivo a detenere contante non remunerato . Un’ inflazione attesa più elevata e, di conseguenza, un tasso di interesse nominale superiore, tendono pertanto a influire in senso negativo sulla domanda di moneta.
  • 143. I vantaggi della stabilità dei prezzi Oggi l’interesse sui depositi bancari è prossimo a 0,25% e quello su un titolo di Stato a breve, appena 1% , così che la detenzione di € 1.000 in banconote comporta una perdita di € 10 l’anno.
  • 144. I vantaggi della stabilità dei prezzi Se si ipotizza che un’ inflazione più elevata determini un aumento dei tassi nominali al 10% : continuando a detenere € 1.000,00 in contanti, la perdita salirebbe a € 100 l’anno, circa 2 euro per settimana, stimolando una minore richiesta di liquidità . Dunque, maggiore è il tasso di interesse, inferiore sarà la domanda di banconote = la domanda di moneta è “ elastica al tasso di interesse ”.
  • 145. I vantaggi della stabilità dei prezzi ... evitare una distribuzione arbitraria di ricchezza e reddito... La stabilità dei prezzi evita i problemi economici , sociali e politici connessi alla redistribuzione arbitraria di ricchezza e di reddito che si osserva durante gli episodi di inflazione e deflazione .
  • 146. I vantaggi della stabilità dei prezzi In caso di aumento inatteso dell’inflazione , chi vanta crediti nominali , ad esempio sotto forma di contratti salariali sul più lungo periodo, depositi bancari o titoli di Stato , vedrà scendere il valore reale degli stessi tanto + quanto più l’inflazione salirà. Mi avevano detto, vuoi essere furbo, garantisciti un tasso fisso per cinque anni .. E pensare che ero indebitato fino al collo … ... evitare una distribuzione arbitraria di ricchezza e reddito...
  • 147. I vantaggi della stabilità dei prezzi ... evitare una distribuzione arbitraria di ricchezza e reddito... In tale situazione tuttavia i debitori , sono spesso nell’impossibilità di rimborsare il capitale e rischiano persino l’insolvenza , compromettendo il futuro dei creditori e di quanti lavorano per le imprese insolventi. Episodi di deflazione inattesa invece, potrebbero beneficiare chi vanta crediti nominali , poiché ne aumentano il valore (salari o depositi), in termini reali . r r * = r n - π e
  • 148. I vantaggi della stabilità dei prezzi Perciò se un lavoratore perde il suo posto di lavoro , non può che cercare un nuovo impiego altrove, sia pure ad un salario più basso , o sperare in un aiuto dagli ammortizzatori sociali o privati o dello Stato. Il bene principale delle persone povere è il loro lavoro , un bene che può essere impiegato in qualsiasi settore. Contributi fissi durante l’attività CIGS CIGO = 80% redd. x 52 sett.
  • 149. Gli aspetti sociali della stabilità dei prezzi Stabilità dei prezzi stabilità sociale Inflazione prezzi crescenti disagio e perdite ai cittadini riduce il valore del risparmio Penalizza le fasce più deboli Inflazione (o deflazione ) elevati generano instabilità sociale
  • 150. I vantaggi della stabilità dei prezzi ... contribuire alla stabilità finanziaria Si ipotizzi ad esempio che una banca eroghi prestiti a lungo termine a tasso fisso finanziati da depositi a breve . Con l’aumento dell’inflazione, scende il valore reale delle attività. La Banca può trovarsi esposta a problemi di solvibilità che possono provocare una “ reazione a catena ” negativa. In stabilità invece, il valore reale delle attività non é esposto agli shock defla - inflazionistici e la stabilità finanziaria ne risulta accresciuta .
  • 151. I vantaggi della stabilità dei prezzi Mantenendo la stabilità dei prezzi, le BC concorrono al conseguimento di finalità economiche più generali Una Banca Centrale che garantisca la stabilità dei prezzi , contribuisce in misura significativa al conseguimento di finalità economiche più generali quali: il miglioramento del tenore di vita il mantenimento dell’attività economica e dell’ occupazione su livelli elevati e più stabili.
  • 152. I vantaggi della stabilità dei prezzi Mantenendo la stabilità dei prezzi, le BC concorrono al conseguimento di finalità economiche più generali Andamento dell’inflazione nelle aree principali
  • 153. Riscontri economici, dimostrano che le economie contraddistinte da tassi di inflazione più bassi registrano crescita mediamente superiori in termini reali.
  • 154. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi Possibilità e limiti di politica monetaria: uno sguardo. La politica monetaria delle BC influisce sull’economia in quanto unica emittente di banconote e riserve bancarie , la banca centrale è la fornitrice monopolistica di quella che viene definita “ base monetaria”.
  • 155. In virtù di tale monopolio, essa può influire sulle condizioni del mercato monetario e guidare l’andamento dei tassi di interesse a breve termine.
  • 156.  
  • 157. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi Nel breve, la BC è in grado di influire sull’economia reale Variando i tassi a breve, una BC influisce sulle decisioni di spesa e di risparmio delle famiglie e delle imprese. tassi più elevati meno prestiti per finanziare i consumi o investimenti di famiglie e imprese Minor consumo + risparmio Manovra restrittiva
  • 158. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi Nel lungo periodo, le variazioni dell’offerta di moneta agiscono sul livello generale dei prezzi... Nondimeno, gli economisti ritengono generalmente che nel lungo periodo, una variazione della quantità di moneta della BC, si rifletta esclusivamente sul livello dei prezzi. Tale variazione equivale ad una modifica dell’unità di conto, e lascia immutate tutte le altre variabili come Pil ed occupazione. E’ un po’ come passare dai chilometri alle miglia: non cambierebbe la distanza effettiva fra due punti. Di norma, trascorre molto tempo prima che i prezzi avvertano gli effetti della politica monetaria.
  • 159. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi ... ma non sul livello dell’occupazione o del reddito reale Le determinanti principali dell’ occupazione e dei redditi reali sul lungo periodo sono: la tecnologia andamenti demografici diritti di proprietà politiche di welfare e altre norme che incidono sulla flessibilità dei mercati e sugli incentivi a fornire lavoro e capitale e a investire in risorse umane . politica fiscale
  • 160. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi La moneta e i tassi di interesse: come può la politica monetaria influenzare i tassi di interesse ? La BC fissa i tassi di interesse nominali a breve applicati agli enti creditizi che ricorrono al suo finanziamento . Gli enti debbono infatti procurarsi banconote per i propri clienti e per ottemperare all’obbligo di riserva mediante i depositi detenuti presso la BC . BC, unica emittente di banconote (riserve), e della base monetaria , determina i tassi ufficiali , cioè i tassi a breve sui prestiti concessi agli enti creditizi.
  • 161. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi Cosa si intende per “ vischiosità dei prezzi ”? E’ dimostrato che spesso le imprese non adeguano immediatamente i prezzi dei beni, alle variazioni della domanda o dell’offerta , benché alcuni prezzi, come quello del petrolio , siano corretti con notevole frequenza, gli altri cambiano su base soltanto mensile o annuale .
  • 162. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi 1) I prezzi sono spesso stabiliti a lungo termine fra clienti e imprese al fine di ridurre le incertezze e i costi connessi a trattative frequenti. 2) Possono essere mantenuti costanti dalle imprese per non irritare la clientela abituale con ritocchi continui. 3) Ci sono costi connessi alla modifica di un listino prezzi già stampato e pubblicato.
  • 163. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi Si ipotizzi un aumento di M 3 da parte della BC, con l’ emissione di ulteriori banconote e l’ acquisto di titoli di Stato . Essendo disposti a detenere quantitativi superiori di moneta e a ridurre le proprie disponibilità di titoli di Stato solo a seguito di un calo di rendimento (tasso), alla maggiore offerta di moneta deve corrispondere una riduzione del tasso di interesse nominale . QUANTITATIVE EASING
  • 164. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi Vischiosità è un termine utilizzato nelle scienze sociali, in particolare in economia , per descrivere una situazione in cui una variabile oppone resistenza ad un cambiamento. La vischiosità dei prezzi sul breve periodo, dunque, comporta che le attese di inflazione a breve restano sostanzialmente invariate . Di conseguenza, una variazione dei tassi di interesse nominali a breve termine si traduce in una correzione del tasso ( r r *) di interesse reale atteso ex ante. r r * = r n - π e
  • 165. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi L’impatto delle variazioni dei tassi di interesse sulle decisioni di spesa dei consumatori e delle imprese Il rialzo dei tassi reali accresce la propensione al risparmio delle famiglie , poiché aumenta la remunerazione di quest’ultimo in termini di consumi futuri. si incrementa il risparmio. calo dei consumi correnti
  • 166. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi L’impatto delle variazioni dei tassi di interesse sulle decisioni di spesa dei consumatori e delle imprese Il rialzo dei tassi reali deprimono gli investimenti delle imprese , riducono il numero di progetti di investimento in grado di offrire remunerazioni sufficienti a coprire il maggior costo del capitale . scoraggia gli investimenti correnti delle imprese. contrae l’economia nel suo insieme, flette la domanda aggregata, crea “inasprimento”
  • 167. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi Potrebbero passare mesi o anni prima che un’impresa possa reimpostare un nuovo piano di investimenti, o realizzare nuovi impianti o apparecchiature particolari. Anche l’ edilizia abitativa reagisce con ritardo, poiché il processo di trasmissione della politica monetaria non è in grado di controllare la domanda di beni e servizi sul breve periodo. Esiste un notevole sfasamento temporale fra il l’azione della BC e la sua ripercussione sull’economia.
  • 168. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi L’incidenza delle variazioni della domanda aggregata sull’attività economica e sull’evoluzione dei prezzi Figura 1: Domanda aggregata e offerta aggregata di breve periodo La fig. 1 descrive l’andamento della AD ( aggregate demand ) e della AS ( aggregate supply ) collocando il livello dei prezzi sull’asse delle ordinate e il prodotto in termini reali su quello delle ascisse . Per conoscere l’andamento della domanda aggregata va analizzata l’evoluzione delle decisioni di spesa reale al mutare del livello dei prezzi , ipotizzando ferme le altre condizioni. domanda aggregata offerta aggregata
  • 169. domanda offerta Si dimostra che la curva della domanda aggregata ha un’inclinazione negativa . A parità di offerta di moneta, un rialzo dei prezzi riduce i saldi monetari reali , mentre un ribasso dei prezzi determina una maggiore domanda di produzione in termini reali.
  • 170. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi L’offerta aggregata e il livello dei prezzi nel breve periodo Con “ offerta aggregata ” si designa l’offerta di beni e servizi prodotti dalle imprese . Ma in che modo una variazione del livello dei prezzi influisce sulla produzione in termini reali ? Se i salari nominali restano invariati , un rialzo dei prezzi determinerà sostanzialmente un calo dei salari reali . Ciò renderà più profittevole per le imprese assumere altri lavoratori e accrescere la produzione.
  • 171. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi Se tutti gli altri fattori restano invariati , un rialzo dei prezzi induce quindi le imprese ad accrescere gli occupati e la produzione . prezzi Pertanto, sul breve , la curva dell’ offerta aggregata risulta inclinata verso l’alto . offerta L’ intersezione o “ punto di equilibrio ”, descrive la coincidenza fra le forze di mercato, determina il livello dei prezzi e del prodotto esistenti in un’economia.
  • 172. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi offerta Cosa succede in caso di squilibrio? Si immagini un’economia con prezzi superiori a quello di equilibrio : l’ offerta e la domanda si collocherebbero rispettivamente sopra e sotto del punto di equilibrio. Ne conseguirebbe una domanda inferiore all’offerta , che indurrebbe alcuni fornitori ad abbassare i prezzi . Ciò comporterebbe a sua volta un aumento della domanda aggregata . Nel contempo, alla riduzione dei prezzi farebbe seguito un aumento dei salari reali , in quanto quelli nominali restano invariati nel breve periodo . domanda Crescerebbe il costo per le imprese e si osserverebbe una tendenza a ridurre la produzione abbassando l’offerta.
  • 173. L’offerta aggregata sul lungo periodo Nella curva dell’offerta di breve periodo gli effetti positivi di un livello più elevato dei prezzi sul prodotto in termini reali durano soltanto finché i salari nominali , e di conseguenza anche quelli reali, restano invariati . In realtà, i salari nominali vengono stabiliti con frequenza più o meno annuale o al massimo biennale. Ma non accettando la riduzione dei salari reali (provocata dall’inflazione), lavoratori e/o sindacati vorranno compensare con incrementi retributivi. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi
  • 174. Ma se ciò riporterà i salari reali sui livelli precedenti l’aumento dei prezzi, a produttiva immutata, le imprese non riterranno più profittevole mantenere i più elevati livelli di occupazione e li ridurranno . Concludendo, nel lungo periodo l’inflazione non erode i salari reali e non influisce né sull’ occupazione né sulla produzione : nel lungo la curva dell’ offerta aggregata è verticale .
  • 175. L’intersezione della curva AS con l’asse x, (AS*) viene chiamata “ prodotto potenziale ” e rappresenta il valore dei beni e dei servizi finali prodotti quando le risorse dell’economia sono pienamente utilizzate , dato lo stato corrente della tecnologia dell’economia. Fig. 2: Domanda aggregata e offerta aggregata di lungo periodo Finora ogni valutazione su prezzi e prodotto reale è stata fatta a parità di tutti i fattori diversi, occorre però capire cosa può succedere al variare della normativa del mercato del lavoro dei regimi fiscali, pensionistici e previdenziali e altri fattori.
  • 176. I fattori che determinano la traslazione delle curve
    • l’espansione della spesa
    • pubblica,
    • la riduzione delle tasse,
    • il deprezzamento valutario
    • l’incremento della ricchezza
    • in termini reali,
    • il rincaro dei titoli azionari
    • il rincaro dei terreni,
    • la crescita dei consumi
    • della spesa per investimenti
    • aspettative su maggior
    • consumo e investimenti.
    Inducono un aumento della domanda aggregata (determinando uno spostamento della curva AD verso l’esterno o verso destra)
  • 177. I fattori che determinano la traslazione delle curve Se ad esempio le imprese si attendono una maggiorazione degli utili , tenderanno ad accrescere la spesa per investimenti . Così, se le famiglie prevedono che incrementi della produttività nel lavoro, determinino un aumento dei redditi reali , accresceranno la spesa per consumi . Perciò, se migliora la fiducia dei consumatori e degli investitori, generalmente cresce la domanda aggregata .
  • 178. I fattori che determinano la traslazione delle curve Per quanto riguarda gli effetti della politica monetaria , è possibile osservare come l’incremento dell’offerta di moneta e la connessa, riduzione dei tassi di interesse in termini reali provochino un’espansione della domanda aggregata e di conseguenza uno spostamento verso destra della relativa curva ** ** Gli economisti esprimono spesso il calo della domanda di moneta in termini di aumento della velocità di circolazione della moneta.
  • 179. Se a parità di offerta di moneta si riduce la disponibilità a detenere contante , lo stock di moneta disponibile dovrà cambiare di mano più spesso e quindi circolare di più = aumenta la velocità di circolazione I fattori che determinano la traslazione delle curve Calo della Domanda di moneta aumento della velocità di circolazione della moneta . La velocità con la quale la moneta viene trasferita tra i vari detentori e determina la quantità di moneta necessaria per un determinato livello di transazioni .
  • 180. I fattori che determinano la traslazione delle curve Allo stesso modo, variazioni di segno opposto fanno diminuire la domanda aggregata (e quindi spostare verso sinistra la curva AD). E’ evidente che l ’aumento dei prezzi dei fattori produttivi, quali i salari, o del petrolio, determina una traslazione della curva verso sinistra . I progressi tecnologici o gli incrementi di produttività la spostano invece verso destra poiché, a parità di manodopera, consentono di accrescere la produzione senza aumentare i costi.
  • 181. I fattori che determinano la traslazione delle curve Si dimostra che gli spostamenti della curva dell’offerta e/o della domanda possono variare il livello generale dei prezzi. Un calo dell’offerta ( AS verso sinistra) sarà accompagnato nel breve da una diminuzione del Prodotto reale e da un concomitante aumento dei prezzi , mentre un incremento della domanda ( AD verso destra) si tradurrà, a breve termine, in una espansione dell’attività in termini reali e in un incremento dei prezzi .
  • 182. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi Fig. 3: Variazioni della domanda aggregata e dell’offerta aggregata di lungo periodo Se la curva dell’offerta è verticale , tipica del lungo periodo , le variazioni della domanda aggregata influiranno sui prezzi ma non sul prodotto . Ad un aumento dell’offerta di moneta, la curva della domanda aggregata si sposterebbe verso destra ( AD 1 AD 2 ) e, sul lungo periodo , l’economia troverebbe un nuovo equilibrio con prezzi più elevati a fronte di un livello invariato di produzione in termini reali .
  • 183. Riepilogando L’aumento dei prezzi , cioè l’ inflazione , si verifica solo se diminuisce l’offerta o se la domanda continua a salire nel tempo e ciò avviene solo se la politica monetaria asseconda tale andamento con bassi i tassi e alti i livelli di crescita della moneta .
  • 184. Riepilogando In altri termini, possono determinarsi spinte inflazionistiche se intervengono cambiamenti (gli economisti parlano spesso di “ shock ” per riferirsi a variazioni inattese degli andamenti economici ) che inducono i consumatori ad aumentare le proprie spese o le imprese a ridurre la produzione .
  • 185. “ inflazione da domanda” “ inflazione da costi ”. Aumento della domanda di moneta Aumento dei costi contrazione dell’offerta aumenta l’offerta aggregata diminuisce la domanda aggregata. pressioni defla zionistiche pressioni defla zionistiche
  • 186. In un caso di inflazione da domanda , qualunque fattore che accresca la domanda aggregata può provocare un incremento dei prezzi . I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi In genere, la politica monetaria deve poter garantire la stabilità dei prezzi . In caso di pressioni inflazionistiche , la BC aumenta i tassi (reali) per evitare che tali pressioni si traducano in scostamenti più persistenti dal livello di stabilità dei prezzi .
  • 187. I fattori che possono creare una crescita dei prezzi nel breve periodo e quindi inflazione . deprezzamento del cambio L’aumento degli acquisti da parte delle amministrazioni pubbliche, La politica monetaria pressioni dalla domanda estera di beni nazionali (esportazioni).
  • 188. I fattori che possono creare una crescita dei prezzi nel breve periodo e quindi inflazione . + Domanda aggregata = prezzi + alti = produzione aggregata maggiore . Crescita degli investimenti in previsione di un fiducioso aumento futuro degli utili.
  • 189. I fattori alla base dell’evoluzione dei prezzi in un orizzonte di più breve periodo Quali sono esattamente i fattori che determinano una riduzione dell’offerta aggregata e pertanto un rialzo dei prezzi nel breve periodo ? la flessione della produttività gli aumenti dei costi di produzione (salari reali e MP, specie il petrolio) carico fiscale imposto alle imprese dai governi.
  • 190. I fattori alla base dell’evoluzione dei prezzi in un orizzonte di più breve periodo L’aumento dei prezzi degli input può essere causato da un’offerta di MP, quali il petrolio, inferiore alle attese o dall’espansione della domanda mondiale di MP. Anche gli aumenti dei salari reali non accompagnati da incrementi di produttività fanno scendere l’offerta aggregata e l’occupazione.
  • 191. Anche il maggiore potere contrattuale dei sindacati può determinare salari reali più elevati . I fattori alla base dell’evoluzione dei prezzi in un orizzonte di più breve periodo Gli incrementi retributivi, possono dipendere anche da una minore offerta di manodopera , provocata ad esempio, dall’aumento della tassazione applicata ai redditi da lavoro, che per effetto riducono gli incentivi al lavoro .
  • 192. I fattori alla base dell’evoluzione dei prezzi in un orizzonte di più breve periodo Se i fattori sopra descritti funzionano in senso opposto , si verifica un aumento dell’offerta aggregata . A parità di altre condizioni, un incremento di produttività dovuto al progresso tecnologico, farà diminuire i prezzi e aumentare l’occupazione sul breve, perché renderà più conveniente assumere nuovi lavoratori a un livello salariale determinato. Tuttavia, se i salari reali crescessero con la produttività, il livello di occupazione resterebbe invariato .
  • 193. Il ruolo delle attese di inflazione Le attese di inflazione influiscono sugli accordi salariali in quanto un incremento futuro dei prezzi riduce la quantità di beni e servizi che sarà possibile acquistare con un determinato salario nominale . Un’inflazione attesa elevata, induce sindacati e lavoratori a richiedere incrementi di salario in sede di contrattazione. Ma accordi salariali più onerosi, aumentano i costi delle imprese, che potrebbero essere trasferiti ai clienti sotto forma di prezzi più alti .
  • 194. Il ruolo delle attese di inflazione Un’attesa di salari in crescita , quindi dei costi di produzione, può indurre le imprese ad innalzare i prezzi dei listini con effetto immediato. Se ne deduce allora che: “ il comportamento di chi si attende un incremento futuro dell’inflazione può determinare, esso stesso, tale incremento nell’immediato ”. Per questo è importante che la politica monetaria sia credibile nel suo obiettivo di stabilizzare le attese di inflazione nel lungo periodo su livelli contenuti, in linea con la stabilità dei prezzi .
  • 195. I fattori alla base dell’evoluzione dei prezzi in un orizzonte di più lungo periodo La politica monetaria non è in grado d’ evitare che sviluppi o shock inattesi dell’economia reale si ripercuotano nel breve periodo sull’inflazione , ma può controllare l’evoluzione dei prezzi sul lungo periodo e la tendenza dell’inflazione , cioè la capacità di riassorbire i fattori di disturbo di breve periodo, che hanno generato la variazione dei prezzi.
  • 196. I fattori alla base dell’evoluzione dei prezzi in un orizzonte di più lungo periodo L’altra curva che determina lo stato di equilibrio dell’economia è quella della domanda aggregata AD . Può aumentare ( AD vs. destra) per effetto della spesa delle amministrazioni , per l’aumento dell’export , per la crescita della produttività , dei consumi e degli investimenti. Ma è ovvio che nel lungo termine , un livello generale dei prezzi elevato, possa essere determinato solo da una politica monetaria a lungo fortemente espansiva .
  • 197. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi Nel periodo successivo all'iniezione di liquidità , la curva si sposta parallelamente verso destra, facendo tornare la disoccupazione al livello precedente. Se le autorità non riescono a spiazzare continuamente gli operatori con ulteriori manovre, il successo della politica monetaria sarà solo provvisorio . Infatti il rischio di cadere in una spirale inflazionistica , pericolosa per la stabilità e la fiducia degli agenti nello Stato diventa elevato .
  • 198. Se per far calare la disoccupazione nel 2010 fosse necessario aumentare il tasso d’ inflazione del 2%, nel 2011, per mantenere il livello 2010, è possibile che sarà fissata un'inflazione al 4%, spiazzando di nuovo chi opera in quell'economia. In alternativa, il sistema si correggerà ad oscillazioni , con contrazioni ed espansioni delle curve aggregate di domanda ed offerta , fino a raggiungere un nuovo stato di equilibrio ad un livello di inflazione, presumibilmente , maggiore . Ciò significa che la non neutralità della moneta (e la politica monetaria) è valida solo nel breve periodo . I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi
  • 199. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi Sono quindi le decisioni di politica monetaria a determinare se l’inflazione viene mantenuta bassa o lasciata libera di aumentare. Sul lungo periodo, i processi inflazionistici sono innescati da un aumento sostenuto dell’offerta di moneta che equivale a un indirizzo monetario fortemente espansivo . l’offerta di moneta il tasso di interesse a breve termine regola regola Controllo dell’inflazione a medio lungo termine
  • 200. I fattori che determinano l’evoluzione dei prezzi Se la banca mantiene i tassi a breve termine su livelli troppo bassi e nel contempo accresce eccessivamente l’offerta di moneta , anche il livello dei prezzi salirà rapidamente . Questo semplice risultato viene illustrato da un concetto economico fondamentale che affronta in maggiore dettaglio la relazione fra moneta e prezzi: ossia dalla teoria quantitativa della moneta .
  • 201. Teoria quantitativa della moneta . Δ M = Δ YR + Δ P – Δ V dove: La variazione dello stock di moneta ( Δ M ) in un’economia è pari alla: variazione dell’attività reale (Δ YR ) variazione del livello dei prezzi (Δ P ) variazione della velocità di circolazione della moneta (Δ V ) **. la variazione delle transazioni nominali (**) Δ V può definirsi come la velocità con cui la moneta viene trasferita fra vari detentori e determina la quantità di moneta necessaria per un dato livello di transazioni nominali. Nel lungo termine, il livello dei prezzi dipende dalle variazioni della quantità di moneta e varia in misura proporzionale al variare di quest’ ultima .
  • 202. La politica monetaria della BCE Cenni storici - Gli antefatti – le tre fasi dell’UME Con una relazione presentata nell’aprile 1989 il comitato guidato da Jacques Delors , propose l’introduzione della UEM attraverso tre fasi distinte ma progressive.
  • 203.  
  • 204.  
  • 205.  
  • 206. Le tappe che hanno condotto all’introduzione dell’euro
  • 207. Le tappe che hanno condotto all’introduzione dell’euro
  • 208. Le tappe che hanno condotto all’introduzione dell’euro
  • 209.  
  • 210.  
  • 211.  
  • 212. Area dell’euro Area dell’euro: area costituita dagli Stati membri dell’Unione europea che hanno adottato l’euro come moneta unica. Banca centrale europea (BCE): istituita il 1° giugno 1998 a Francoforte sul Meno (Germania), si colloca al centro dell’Eurosistema. Eurosistema: comprende la BCE e le banche centrali nazionali degli Stati membri che hanno già introdotto l’euro.
  • 213. L’ Eurosistema : il custode della stabilità dei prezzi BCE + BCN area euro formano l’Eurosistema, il cui obiettivo principale è preservare la stabilità dei prezzi nell’intera area dell’euro. IACP<2% Nel perseguimento della stabilità dei prezzi, la BCE si prefigge lo scopo di mantenere il tasso d’inflazione su livelli inferiori ma prossimi al 2% sul medio periodo.
  • 214. La politica monetaria della BCE Le 13 BCN dell’ area euro e BCE costituiscono l’ Eurosistema , che si distinguerà dal SEBC finché vi saranno Stati membri dell’ UE che non hanno ancora adottato la moneta unica .
  • 215. L’Eurosistema ... Le BCN che non hanno ancora aderito all’euro sono: Danimarca, Svezia, Regno Unito e nove dei dieci paesi entrati a far parte dell’ UE il 1/5/04 ( Repubblica Ceca, Estonia, Cipro, Lettonia, Lituania, Ungheria, Malta, Polonia e Slovacchia ) nonché Bulgaria e Romania , membri UE dal 1/1/07 che non partecipano al processo decisionale riguardante la politica monetaria unica. Questi paesi continuano a utilizzare la valuta nazionale e a condurre la propria politica monetaria . La politica monetaria della BCE
  • 216. Se uno Stato membro dell’ UE vuole adottare l’euro in una fase successiva, dovrà prima soddisfare i criteri di convergenza , enunciati nell’articolo 121 del Trattato che istituisce la CE, come nel caso della Slovenia che è entrata a far parte dell‘area euro il 1° gennaio 2007 . prezzi stabili finanze pubbliche solide rapporti di cambio non volatili tassi di interesse convergenti La politica monetaria della BCE %
  • 217.  
  • 218. La politica monetaria della BCE L’art. 121 , p1, 1° tratto, del Trattato richiede “ il raggiungimento di un alto grado di stabilità dei prezzi ” e aggiunge che “questo risulterà da un tasso d’inflazione prossimo a quello dei tre Stati membri, al massimo, che hanno conseguito i migliori risultati in termini di stabilità dei prezzi ”. L’art. 1 Protocollo : “il criterio relativo alla stabilità dei prezzi [...] significa che gli Stati membri hanno un andamento dei prezzi che è sostenibile ed un tasso medio d’inflazione che, osservato per un periodo di un anno anteriormente all’esame, non supera di oltre l’1,5% quello dei tre Stati membri , al massimo, che hanno conseguito i migliori risultati in termini di stabilità dei prezzi. L’inflazione si misura mediante l’ IPC , calcolato tenendo conto delle differenze delle definizioni nazionali .
  • 219. La politica monetaria della BCE L’art. 121 , p1, 2° tratto, del Trattato prescrive “ la sostenibilità della situazione della finanza pubblica ” e aggiunge che “questa risulterà dal conseguimento di una situazione di bilancio pubblico non caratterizzata da un disavanzo eccessivo secondo definizione art. 104, p. 6 ”. DEFICIT PIL < 3% DEBITO PIL <60%
  • 220. b) se il rapporto tra Debito pubblico e Pil superi un valore di riferimento [posto pari al 60%], a meno che detto rapporto non si stia riducendo in misura sufficiente e non si avvicini al valore di riferimento con ritmo adeguato”. La politica monetaria della BCE L’art. 2 Protocollo : ,”.. al momento dell’esame, lo Stato membro non è oggetto di una decisione del Consiglio … ma gli Stati membri “devono evitare disavanzi pubblici eccessivi. La Commissione [...] esamina la conformità alla disciplina di bilancio sulla base dei due criteri seguenti: a) se il rapporto tra il disavanzo pubblico e Pil superi il 3%, a meno che il rapporto non sia diminuito in modo sostanziale e continuo e abbia raggiunto un livello che si avvicina al valore di riferimento, oppure, in alternativa, il superamento del valore di riferimento sia solo eccezionale e temporaneo e il rapporto resti vicino al valore di riferimento ;
  • 221. La politica monetaria della BCE In particolare, e, per lo stesso periodo, non deve avere svalutato di propria iniziativa il tasso di cambio centrale bilaterale della sua moneta nei confronti della moneta di nessun altro Stato membro ”. L’art. 121 , p1, 3° tratto, del Trattato sancisce “il rispetto dei margini normali di fluttuazione previsti dal meccanismo di cambio dello SME per almeno due anni , senza svalutazioni nei confronti della moneta di qualsiasi altro Stato membro”. L’art. 3 Protocollo : “il criterio relativo alla partecipazione al meccanismo di cambio del Sme [...] significa che lo Stato membro ha rispettato i margini di fluttuazione stabiliti dal meccanismo di cambio Sme senza gravi tensioni per almeno 2 anni prima dell’esame.
  • 222. La politica monetaria della BCE L’art. 121 , p1, 4° tratto, del Trattato richiede “ livelli dei tassi di interesse a lungo termine che riflettano la stabilità della convergenza raggiunta dallo Stato membro e della sua partecipazione al meccanismo di cambio del Sme ”. L’art. 3 Protocollo :afferma inoltre: “il criterio relativo alla convergenza dei tassi d’interesse [...] significa che il tasso d’interesse nominale a lungo di uno Stato membro osservato in 12 mesi, non ha ecceduto di oltre il 2% quello dei tre Stati membri più virtuosi in termini di stabilità dei prezzi. I tassi di interesse si misurano sulla base delle obbligazioni a lungo termine emesse dallo Stato o sulla base di titoli analoghi, tenendo conto delle differenze nelle definizioni nazionali”. max +2%
  • 223. La politica monetaria della BCE • definire e attuare la politica monetaria per l’area dell’euro ; ... e i suoi compiti fondamentali • effettuare operazioni sui cambi , nonché detenere e gestire le riserve ufficiali dei paesi aderenti all’area dell’euro ; • promuovere l’ordinato funzionamento dei sistemi di pagamento ; • autorizza l’emissione di banconote all’interno dell’area euro ; • formula pareri e viene consultato ; Esso inoltre: • raccoglie le informazioni statistiche dalle autorità nazionali o direttamente da operatori economici e istituzioni finanziarie ; • contribuisce alle politiche perseguite dalle competenti autorità sulla vigilanza prudenziale sugli enti creditizi e sulla stabilità del sistema finanziario.
  • 224.  
  • 225.  
  • 226. La politica monetaria della BCE Il Consiglio direttivo
    • Il più alto organo decisionale della BCE è il Consiglio direttivo .
    • 6 membri del Comitato esecutivo + i governatori delle BCN dei paesi dell’area dell’euro formano il Consiglio presieduto dal Presidente della BCE.
    Il compito fondamentale del Consiglio direttivo è formulare la politica monetaria per l’area dell’euro . In particolare, determina i tassi di interesse ai quali gli enti creditizi possono ottenere liquidità (denaro) dall’ Eurosistema .
  • 227. La politica monetaria della BCE Il Consiglio direttivo In tal modo, il Consiglio direttivo influisce indirettamente sui tassi di interesse in tutti i settori dell’economia all’interno dell’area , compresi quelli che le banche applicano sui prestiti accordati alla clientela e che i risparmiatori percepiscono sui propri depositi. tassi Euribor I.R.S.
  • 228.  
  • 229.  
  • 230.  
  • 231. La politica monetaria della BCE 1 a fila (da sin.): Gertrude Tumpel-Gugerell, Jean-Claude Trichet ( Pres ), Lucas D. Papademos (V.P.) 2 a (da sin): Jürgen Stark, José Manuel González-Páramo, Lorenzo Bini Smaghi. Il Comitato esecutivo Il Comitato esecutivo è nominato di comune accordo dai capi di Stato o Governo dei paesi dell’area euro . E’ responsabile dell’attuazione della politica monetaria formulata dal Consiglio direttivo e fornisce alle BCN le istruzioni necessarie a tal fine. Gestisce le attività correnti della BCE .
  • 232. La politica monetaria della BCE Il 3°organo decisionale della BCE è il Consiglio generale , composto da Pres. e Vice della BCE e dai governatori delle BCN di tutti i 27 Stati membri UE . Tale organo non partecipa alle decisioni sulla politica monetaria nell’area euro, ma contribuisce a coordinare le politiche monetarie degli Stati membri che non hanno ancora adottato la moneta unica e ai lavori preparatori in vista di un eventuale ampliamento dell’area euro . Il Consiglio generale
  • 233. La politica monetaria della BCE
  • 234.  
  • 235. lndipendenza Né la BCE , né le BCN appartenenti all’ Eurosistema , né i membri dei loro organi decisionali possono essere esposti a pressioni politiche , né accettare istruzioni da qualsiasi altro organismo: l’ Eurosistema deve godere di piena autonomia e libertà nell’assolvimento dei propri compiti. Ha il divieto di concedere prestiti agli organismi comunitari o agli enti pubblici nazionali , Dotata di un bilancio proprio , separato da quello della Comunità europea , la BCE è pertanto in grado di mantenere la sua amministrazione indipendente dalle risorse finanziarie comunitarie .
  • 236. Capitale della BCE Il capitale della BCE non proviene dalla CE : esso è stato sottoscritto e versato dalle BCN . Austria , Belgio , Cipro , Finlandia , Francia , Germania , Grecia , Irlanda , Italia , Lussemburgo , Malta , Paesi Bassi , Portogallo , Slovacchia , Slovenia , Spagna Quote sottoscritte dalle BCN degli Stati membri la cui moneta è l'euro = 70% ca. Quote sottoscritte e quote versate dalle BCN degli Stati membri che non hanno ancora adottato l' euro = 30% ca. L’ammontare della sottoscrizione di ciascuna BCN è determinato dalla quota relativa dello Stato di appartenenza sul Pil e sulla popolazione della UE . Le riserve di cambio BCE sono di ca. € 40 mld. composte da oro per il 15%, e da Us$ e yen per il restante 85%.
  • 237. 4.020.445.721,56 69,7915 Totali 3.640.732,32 0,0632 Bank Ċentrali ta’ Malta/Central Bank of Malta 7.886.333,14 0,1369 Banca centrale di Cipro 10.063.859,75 0,1747 Banque centrale du Luxembourg 18.941.025,10 0,3288 Banka Slovenije 39.944.363,76 0,6934 Národná banka Slovenska 63.983.566,24 1,1107 Central Bank and F. Services Authority of Ireland 72.232.820,48 1,2539 Suomen Pankki-Flnlands Bank 100.834.459,65 1,7504 Banco de Portugal 111.854.587,70 1,9417 Oesterreichische Nationalbank 113.191.059,06 1,9649 Banca di Grecia 139.730.384,68 2,4256 Banque Nationale de Belgique 229.746.339,12 3,9882 De Nederlandsche Bank 478.364.575,51 8,3040 Banco de España 719.885.688,14 12,4966 Banca d' Italia 819.233.899,48 14,2212 Banque de France 1.090.912.027,43 18,9373 Deutsche Bundesbank Capitale versato [€] Capitale sottoscritto (%) Banca Centrale Nazionale
  • 238. La BCE emette l'8% della moneta emessa dal SEBC, quota iscritta nel passivo dello stato patrim.le alla voce “banconote in circolazione ”. La quota BCE sul totale delle banconote in euro emesse trova contropartita nei crediti nei confronti delle BCN , crediti, di natura fruttifera, iscritti alla voce “ crediti interni all' eurosistema : crediti derivanti dall'allocazione delle banconote in euro all'interno dell'eurosistema”. 4.020.445.721,56 4.020.445.721,56 69,7915 Totali Paesi area euro 4.142.260.189,23 5.760.652.402,58 100,00 Totali generali 121.814.467,67 1.740.206.681,02 30,2085 Totali 721.809,75 10.311.567,80 0,1790 Eesti Pank 1.144.007,96 16.342.970,87 0,2837 Latvijas Banka 1.716.213,56 24.517.336,63 0,4256 Lietuvos bankas 3.502.591,87 50.037.026,77 0,8686 Banca Naz. di Bulgaria 5.587.371,98 79.819.599,69 1,3856 Magyar Nemzeti Bank 5.835.771,31 83.368.161,57 1,4472 Česká národní banka 5.982.149,49 85.459.278,39 1,4835 Danmarks Nationalbank 9.106.093,68 130.087.052,56 2,2582 Sveriges Riksbank 9.937.989,49 141.971.278,46 2,4645 Banca Naţională a României 19.740.488,44 282.006.977,72 4,8954 Narodowy Bank Polski 58.539.980,14 836.285.430,59 14,5172 Bank of England Capitale versato [€] Capitale sottoscritto [€] Capitale sottoscritto (%) Banca Centrale Nazionale
  • 239. La strategia di politica monetaria della BCE Principi generali Mandato e compiti della politica monetaria Il Trattato che istituisce la Comunità europea indica che “ l’obiettivo principale del Sistema Europeo delle Banche Centrali è il mantenimento della stabilità dei prezzi ” nell’area dell’euro . La politica monetaria deve ancorare saldamente le aspettative di inflazione... Per conseguire un elevato livello di credibilità , l’autorità responsabile deve definire ed elaborare i propri obiettivi , attenersi a una metodologia di attuazione coerente e sistematica e perseguire una politica di comunicazione chiara e aperta .
  • 240. La strategia di politica monetaria della BCE Principi generali Mandato e compiti della politica monetaria ... essere orientata al futuro... Una modifica apportata oggi alla politica monetaria influirà sul livello dei prezzi con un ritardo di vari trimestri o anni, pertanto, la politica deve essere rivolta al futuro. ... essere incentrata sul medio periodo... Il ritardo di trasmissione non consente di compensare sul breve gli shock imprevisti come le variazioni improvvise (MP o tasse): di conseguenza, la politica monetaria deve mantenere un orientamento a medio termine , in modo da evitare un eccessivo attivismo e l’introduzione di indesiderate variazioni nell’economia reale .
  • 241. La strategia di politica monetaria della BCE Principi generali Mandato e compiti della politica monetaria .. e di ampio respiro ... BCE opera in un contesto di forte incertezza a causa della complessa struttura economica della area euro e per aver successo, la politica BCE deve essere di ampio respiro e tener conto di tutte le informazioni economiche senza limitarle a pochi indicatori o a un modello unico d’economia. Un quadro di riferimento articolato per le decisioni di politica monetaria. Il Consiglio direttivo della BCE ha adottato una strategia che mira a fornire un quadro di riferimento articolato entro il quale assumere e comunicare al pubblico le decisioni concernenti il livello adeguato dei tassi di interesse a breve termine .
  • 242. La definizione quantitativa della stabilità dei prezzi L’obiettivo primario dell’ Eurosistema è assicurare la stabilità dei prezzi nell’area dell’euro in modo da preservare il potere d’acquisto della moneta unica . Tanto l’inflazione che la deflazione comportano costi ingenti per la collettività, sia sul piano economico che sociale ( disoccupazione e tensioni ).
  • 243. Nel 1998 il Consiglio direttivo della BCE ha annunciato: “ … Per stabilità dei prezzi si intende un aumento sui dodici mesi dell’Indice armonizzato dei prezzi al consumo (IAPC) per l’area dell’euro inferiore al 2%. La stabilità dei prezzi deve essere mantenuta in un orizzonte di medio termine ”. Nel 2003, esso ha inoltre precisato l’intenzione di mantenere l’inflazione su livelli inferiori ma “ prossimi al 2% sul medio periodo ”. 2% La definizione quantitativa della stabilità dei prezzi
  • 244. La definizione àncora le attese di inflazione e accresce la trasparenza e la responsabilità pubblica della BCE
    • Il Consiglio direttivo ha annunciato una definizione
    • quantitativa della stabilità dei prezzi.
    • Per chiarire l’obiettivo assegnatogli dal Trattato;
    • per accrescere la trasparenza di tale politica;
    • per offrire un riferimento chiaro e misurabile con
    • cui i cittadini possano giudicare l’operato della BCE;
    • nel desiderio di orientare il pubblico, consentendogli
    • di formarsi delle aspettative quanto all’andamento
    • futuro dei prezzi.
  • 245. Estensione all’insieme dell’area dell’euro Posto che, all’interno di un’ unione valutaria , la politica è in grado di manovrare solo il livello medio dei tassi del mercato monetario dell’unione e non quello delle singole economie che la compongono, diventa gioco forza l’ estensione del mandato della BCE a tutta l’area dell’euro , intesa a mantenere la stabilità dei prezzi nell’insieme dell’area .
  • 246. Utilizzo dello IAPC La BCE individua nell’Indice armonizzato dei prezzi al consumo ( IAPC ) per l’area euro lo strumento adeguato per valutare l’effettivo conseguimento della stabilità dei prezzi . Pubblicato da Eurostat , l’istituto statistico della UE , lo IAPC rappresenta l’andamento dei prezzi nell’ area euro , armonizzato tra i vari paesi, al fine di consentire una misurazione su base comparabile. Permette di approssimare al meglio, le variazioni nel tempo del prezzo di un paniere rappresentativo della spesa dei consumatori nell’area dell’euro .
  • 247. La costruzione e le caratteristiche dello IAPC I dati relativi allo IAPC pubblicati dall ’ Eurostat sono disponibili a partire dal 1/1/1995 ed i beni costituiscono il 58,7% dell’indice e i servizi il restante 41,3%. Sui prezzi dell’ energia incide in misura sostanziale l’evoluzione dei corsi petroliferi , mentre l’ alimentare è suddiviso in prodotti trasformati e non.
  • 248. Esplicitazione di un obiettivo per il tasso di inflazione inferiore ma prossimo al 2%
  • 249. Un margine di sicurezza contro la deflazione In un contesto deflazionistico come l’attuale, la politica monetaria potrebbe trovarsi nell’impossibilità di fornire uno stimolo sufficiente alla domanda aggregata facendo ricorso allo strumento del tasso di interesse. Qualsiasi tentativo di portare i tassi di interesse sotto lo zero è destinato a fallire , perché tutti preferirebbero detenere contante anziché prestare o depositare fondi a un tasso negativo. Pertanto si rendono necessarie misure alternative non convenzionali con l’obiettivo di un aumento dello IAPC su livelli inferiori ma prossimi al 2%. 2% ZIRP 0%
  • 250. Adozione di un orientamento a medio termine Il sistema economico è spesso esposto a shock imprevedibili, che incidono sui prezzi, ma la politica monetaria può influire su questi ultimi solo con notevoli ritardi , variabili ed estremamente incerti. In tale contesto, nessuna BC può mantenere costantemente l’inflazione a obiettivo o a riportarcela in tempi brevi : la politica monetaria agisce in una ottica orientata al futuro e può mantenere la stabilità dei prezzi soltanto sul più lungo periodo .
  • 251. Adozione di un orientamento a medio termine Al concetto di “ medio termine ”, non corrisponde un orizzonte temporale prefissato in quanto il meccanismo di trasmissione può interessare un arco di tempo variabile e incerto . Una risposta troppo aggressiva volta a ripristinare la stabilità dei prezzi in tempi molto brevi rischierebbe , di imporre un costo significativo in termini di variabilità del prodotto e dell’ occupazione che, a più lungo termine, potrebbe ripercuotersi anche sui prezzi .
  • 252. Adozione di un orientamento a medio termine Quindi, l’orientamento a medio termine conferisce alla BCE anche la flessibilità richiesta per rispondere in maniera adeguata ai diversi shock economici. Nel contempo, deve risultare chiaro che a posteriori la BCE può essere giudicata soltanto sull’andamento tendenziale dell’inflazione .
  • 253. I due pilastri della strategia di politica monetaria della BCE .. fondato su due prospettive analitiche... L’analisi economica, considera il breve e medio periodo e s’incentra sull’attività reale e sulle condizioni finanziarie dell’economia . Tiene conto che i prezzi risentono in larga misura dell’interazione fra domanda e offerta nei mercati dei beni , dei servizi e dei fattori di produzione . L’analisi monetaria , riguarda orizzonti a lungo termine e sfrutta il legame esistente fra moneta e prezzi in tali orizzonti. L’analisi monetaria costituisce principalmente un mezzo di riscontro , in una prospettiva di medio- lungo , per le indicazioni a breve fornite dall’analisi economica.
  • 254.  
  • 255. L’analisi economica L’analisi dei rischi per la stabilità dei prezzi sul breve e medio periodo... L ’ analisi economica esamina i rischi per la stabilità dei prezzi nel b/m periodo e le variabili economiche e finanziarie oggetto di questa analisi comprendono : l’andamento del prodotto complessivo ; la domanda aggregata e le sue componenti; la politica di bilancio ; le condizioni dei mercati dei capitali e del lavoro ; un ampio ventaglio di indicatori di prezzo e di costo ; l’evoluzione del tasso di cambio; dell’economia mondiale e della bilancia dei pagamenti ; i mercati finanziari ; le posizioni di bilancio dei settori dell’area.
  • 256. L’analisi economica Per quanto riguarda gli indicatori di prezzo e di costo , essa analizza non solo lo IAPC e le sue componenti ma anche: L’indice prezzi alla produzione (misura gli andamenti dei prezzi nel settore industriale). Una variazione dei costi di produzione può ripercuotersi sui prezzi al consumo Il costo del lavoro , componente del costo di produzione, può influire in misura significativa sulla formazione dei prezzi ed informare sulla competitività dell’economia in area euro.
  • 257. L’analisi economica BCE esamina gli indicatori di prodotto e domanda (contabilità nazionale, statistiche congiunturali nell’industria e nei servizi) e ne ricava informazioni sulla posizione ciclica dell’ economia , rilevante x l’analisi delle prospettive d’evoluzione dei prezzi . I dati relativi al mercato del lavoro ( occupazione, disoccupazione, impieghi disponibili e partecipazione alle forze di lavoro ) offrono un contributo importante nella valutazione dei cambiamenti strutturali nel funzionamento dell’economia dell’area dell’euro .
  • 258. L’analisi economica può alimentare una pressione inflazionistica interna. Anche gli indicatori dei mercati finanziari e i prezzi delle attività sono tenuti sotto stretta osservazione. Una variazione delle quotazioni azionarie e immobiliari cresce la ricchezza di chi ha investito in azioni induce ad incrementare i consumi Potrebbero diminuire i consumi e la domanda scende la ricchezza di chi ha investito in azioni e scende il valore delle garanzie di chi ha richiesto prestiti o finanziamenti rende i finanziamenti più costosi e persino più difficili da ottenere
  • 259. L’analisi economica I prezzi delle attività e i rendimenti finanziari possono anche fornire informazioni sulle attese dei mercati dei capitali e, in particolare, su quelle relative all’andamento futuro dei prezzi . Ad esempio, nella compravendita di obbligazioni gli operatori rivelano implicitamente le loro aspettative riguardo all’evoluzione futura dei tassi di interesse reali e dell’ inflazione . i r r i
  • 260. L’analisi economica I prezzi delle attività attualizzano flussi futuri , e quindi variano per effetto delle notizie sulle attese percepite dagli operatori, ed il loro monitoraggio contribuisce ad individuare gli shock che colpiscono l’economia ed in particolare le attese sugli andamenti economici futuri.   ossia Modello di Gordon
    • P è il prezzo dell'azione
    • D 1 è il dividendo al tempo 1 (es. un anno dopo l'acquisto dell'azione)
    • r è il rendimento atteso dall'azionista
    • g è il tasso di crescita del dividendo: si ipotizza che il dividendo nel tempo cresca ad un tasso 1+g, in modo tale che:                       ; g a volte viene uguagliato al tasso di inflazione , in modo tale che il valore del dividendo in termini reali sia sempre lo stesso .
  • 261. L’analisi economica L’area euro è un’economia relativamente chiusa rispetto ai singoli paesi che la compongono, ma i prezzi all’import incidono su quelli alla produzione e ai consumi interni. Anche i cambi influiscono direttamente sui prezzi per tramite del loro impatto sui prezzi all’ import .
  • 262. Gli indicatori finanziari e dell’economia reale E’ importante individuare origini e natura degli shock che colpiscono il sistema per valutarne gli effetti sui costi e prezzi nonché le prospettive a b/m termine di propagazione nell’economia. Esempio : Un aumento temporaneo del prezzo del petrolio può generare una reazione pari a quella indicata nel caso che un picco d’inflazione generi un incremento salariale non accompagnato da una crescita della produttività ? Nel 1° caso si genera un’inflazione di breve, rapidamente riassorbibile che non minaccia la stabilità dei prezzi nel medio periodo. Nel 2°, caratterizzato da forti incrementi salariali , esiste il pericolo che si inneschi una spirale di aumenti dei costi , dei prezzi e dei salari in grado di autoalimentarsi.
  • 263. L’analisi monetaria La moneta offre un’àncora nominale E’ riconosciuto che, nel medio-lungo periodo l’inflazione è strettamente connessa alla crescita della moneta. Per identificare gli aggregati monetari dell’ area euro , l’ Eurosistema ne ha definito uno ristretto ( M1 ), uno intermedio ( M2 ) e uno ampio ( M3 ) che si differenziano per il grado più o meno elevato di liquidità delle attività che vi confluiscono.
  • 264. L’analisi degli aggregati monetari M 3 >M 2 >M 1
  • 265. L’analisi monetaria M3 comprende, oltre a M2 , strumenti negoziabili emessi in euro da IFM: i pct , le quote e partecipazioni in fc monetari e titoli di debito con scadenza fino a 2 anni, compresi titoli monetari. M1 comprende banconote e monete detenute dal pubblico, e le disponibilità immediatamente convertibili in contante o utilizzabili per pagamenti scritturali, come i depositi a vista. L’intermedio M2 in aggiunta a M1 , i depositi con scadenza fino a 2 anni e quelli rimborsabili con preavviso fino a 3 mesi . M 3 M 2 M 1 BCE nel 1998 ha posto un valore di crescita annuale per M3 pari al 4,5% , ritenuto compatibile con la stabilità dei prezzi e che costituisce un benchmark per l’analisi degli andamenti monetari nell’area dell’euro .
  • 266. Data la natura di medio-lungo termine della prospettiva monetaria , non esiste un legame diretto tra deviazioni della crescita di M3 dal valore di riferimento e manovre di politica monetaria BCE . L’analisi monetaria
  • 267.  
  • 268.  
  • 269. L’analisi monetaria
    • Il valore di crescita di M3 compatibile con la stabilità dei prezzi si basa sulla relazione esistente fra (variazioni):
    • crescita della moneta (ΔM),
    • inflazione (ΔP),
    • crescita del PIL in termini reali (ΔYR),
    • velocità di circolazione (ΔV).
    • Secondo tale identità, nota come “equazione quantitativa”, la variazione dello stock di moneta in un’economia è pari a
    • Δ M = Δ YR + Δ P – Δ V dove:
    variazione delle transazioni nominali (approssimata dalla somma della variazione del PIL reale e di quella dell’ inflazione ) la variazione della velocità di circolazione
  • 270. L’analisi monetaria Δ V è la velocità con cui la moneta viene trasferita fra vari detentori e determina “ quanta moneta occorre ” per effettuare un certo livello di transazioni nominali. Δ M = Δ YR + Δ P – Δ V Nel 1998 il Consiglio direttivo ha fissato il valore di riferimento al 4,5% annuo mantenendolo da allora invariato. Il Consiglio verifica costantemente la validità delle condizioni e delle ipotesi sottostanti a tale valore e comunica le eventuali modifiche apportate a tali ipotesi.
  • 271. La verifica incrociata delle informazioni provenienti dai due pilastri L’approccio su 2 pilastri consente una verifica incrociata delle indicazioni derivanti dall’analisi economica a breve con quelle provenienti dall’analisi monetaria sul più lungo periodo , ed assicura che la politica monetaria non trascuri informazioni importanti per la valutazione delle tendenze future dei prezzi . Optando per un approccio diversificato si riduce il rischio d’errore d’affidarsi ad un unica previsione delle condizioni economiche, e la strategia della BCE mira ad adottare una politica monetaria “ robusta ” anche in condizioni di incertezza.
  • 272. Per essere credibile, BCE deve dare prova di trasparenza e chiarezza nelle sue azioni: dar rendiconto del proprio operato al Parlamento , al Consiglio ed alla Commissione UE . Il Presidente BCE ed altri membri, su invito del Parlamento o su iniziativa propria, possono riferire le loro argomentazioni alle competenti commissioni parlamentari. La BCE pubblica ogni tre mesi un rapporto sulle attività del SEBC e con cadenza settimanale , la situazione contabile consolidata Eurosistema . Trasparenza e responsabilità pubblica
  • 273. L’assetto operativo dell’Eurosistema Il Consiglio BCE decide il livello dei tassi d’interesse di riferimento e lascia al sistema bancario la trasmissione più o meno amplificata di tale impulso a famiglie e imprese . approvvigionarsi di banconote ottemperare all’obbligo di riserve su conti presso le rispettive BCN Le banche si finanziano ricorrendo all’Eurosistema e soddisfano in questo modo le proprie esigenze generali di liquidità.
  • 274.  
  • 275. L’assetto operativo Eurosistema L’assetto operativo consta di tre elementi principali: 1) Operazioni di mercato aperto , mediante le quali la BCE gestisce le condizioni delle riserve sul mercato monetario e manovra i tassi di interesse offrendo riserve alle banche per consentire loro di far fronte a esigenze di liquidità . 2) Operazioni di rifinanziamento marginale e di deposito presso BCE che permettono alle Banche d’ottenere prestiti o costituire depositi overnight in casi eccezionali . Si può accedere a entrambe ma per il rifinanziamento marginale si devono presentare garanzie . 3) Obbligo di riserva obbligatoria , che accresce il fabbisogno di liquidità d elle b anche L’adempimento degli obblighi di riserva si verifica sulla base delle medie mensili e consente di assorbire gli shock temporanei di liquidità sul monetario e riduce la volatilità dei tassi a breve.
  • 276. Le operazioni di mercato aperto Comprendono operazioni settimanali di rifinanziamento principale , e svolgono un ruolo fondamentale nella politica della BCE : il tasso di interesse ufficiale stabilito per tali operazioni segnala l’orientamento monetario deciso dalla BCE . Sono effettuate dalle BCN con il coordinamento della BCE . Riserve Banca Offre danaro Sett./ Dic. 2008 Anche i rifinanziamenti a più lungo termine sono eseguite allo scopo di fornire liquidità , ma sono mensili e scadono a tre mesi. Le operazioni di fine tuning , invece, non hanno frequenza regolare e mirano ad attenuare gli effetti prodotti sui tassi di interesse da fluttuazioni impreviste della liquidità o da eventi straordinari .
  • 277. Le operazioni di mercato aperto Le operazioni di mercato aperto sono contratti di PcT o per concessione di credito garantito : in entrambi i casi, l’ Eurosistema concede finanziamenti a breve a fronte di adeguate garanzie . Per essere idonei alle operazioni di finanziamento, le Banche devono assoggettarsi al regime di riserva obbligatoria dell’ Eurosistema , ed occorre che soddisfino particolari criteri operativi necessari a interagire con l’ Eurosistema .
  • 278. Le operazioni su iniziativa delle controparti e la riserva obbligatoria Sono operazioni che si utilizzano principalmente per contenere la volatilità dei tassi a breve termine sul mercato monetario. I tassi applicati alle operazioni attivabili su iniziativa delle controparti sono di norma notevolmente meno appetibili di quelli sul mercato interbancario (+/- 1% di scostamento dal tasso di rifinanziamento principali). tasso di interesse del mercato overnight Eonia i refi
  • 279. Le operazioni su iniziativa delle controparti e la riserva obbligatoria La riserva dovuta è determinata in relazione all’aggregato soggetto a riserva , il quale è composto da una serie di passività del suo bilancio ( depositi, titoli di debito e di mercato monetario con scadenza fino a due anni ). Esiste un ammontare minimo che ogni Banca deve detenere sul c/c presso la rispettiva BCN , ma che lungo il “ periodo di mantenimento ”, è loro consentito di gestire per far fronte a squilibri di liquidità temporanei, così da ridurre in qualche misura la volatilità dell’ overnight . Se nel periodo di mantenimento, l’overnight è superiore al tasso atteso, la banca può profittare il differenziale fra i due tassi offrendo fondi sul mercato e posticipando l’obbligo di riserva a una fase successiva con una “sostituzione intertemporale”.
  • 280. Le operazioni su iniziativa delle controparti e la riserva obbligatoria La riserva obbligatoria è remunerata al valore medio , nel periodo di mantenimento, dei tassi sulle operazioni di rifinanziamento principali : identico al tasso medio sull’ interbancario per lo stesso orizzonte temporale. Poiché la riserva in eccesso rispetto a quella dovuta non è remunerata , gli enti creditizi sono incentivati a gestire attivamente le proprie riserve sul mercato . La riserva obbligatoria agisce da “ cuscinetto ” contro gli shock di liquidità , che possono essere assorbiti con effetti minimi sui tassi di interesse del mercato grazie alle oscillazioni della riserva attorno al livello minimo richiesto .
  • 281.  
  • 282.  
  • 283.  
  • 284. L’impatto dell’inflazione – esempi La tabella sull’inflazione riportata di seguito dà un’idea in termini quantitativi di come il prezzo di alcuni prodotti che oggi costano 10 euro vari nel tempo. Per il calcolo si applica la seguente formula: prezzo dopo n anni = € 10 × (1 + π ) n dove π ed n indicano rispettivamente il tasso di inflazione ipotizzato , in decimali, e il numero di anni . Se ad esempio il tasso di inflazione ipotizzato è del 30% e il numero di anni pari a 10 (cfr. la casella in basso a destra nella tabella), il prezzo viene calcolato in questo modo: prezzo dopo 10 anni = € 10 × (1 + 0,30)10 = 137,86
  • 285. Tabelle sull’inflazione 1. Impatto dell’inflazione (dopo n anni) sul prezzo di due CD singoli, che oggi costano 10 euro Tasso di inflazione sui dodici mesi: 1% 2% 5% 10% 30% Prezzi stabili Inflazione Dopo 1 anno 10,10 10,20 10,50 11,00 13,00 Dopo 2 anni 10,20 10,40 11,03 12,10 16,90 Dopo 3 anni 10,30 10,61 11,58 13,31 21,97 Dopo 4 anni 10,41 10,82 12,16 14,64 28,56 Dopo 5 anni 10,51 11,04 12,76 16,11 37,13 Dopo 6 anni 10,62 11,26 13,40 17,72 48,27 Dopo 7 anni 10,72 11,49 14,07 19,49 62,75 Dopo 8 anni 10,83 11,72 14,77 21,44 81,57 Dopo 9 anni 10,94 11,95 15,51 23,58 106,04 Dopo 10 anni 11,05 12,19 16,29 25,94 137,86
  • 286.  
  • 287. Esercizi per il capitolo 2 Soluzioni per il capitolo 2 1. La moneta svolge le funzioni di mezzo di scambio , unità di conto e riserva di valore. 2. Moneta merce, moneta metallica, moneta cartacea, depositi liquidi (passività delle banche), titoli a breve termine liquidi e moneta elettronica .
    • Quali sono le funzioni fondamentali della moneta?
    • 2. Quali forme generali di moneta conosci?
    Soluzioni 2
  • 288. Esercizi per il capitolo 3
    • Come definiresti il termine “inflazione”? Qual è il rapporto fra l’inflazione e il potere d’acquisto della moneta?
    • 2. Cosa si intende per “deflazione”?
    • 3. Come si misura l’inflazione?
    • 4. Immagina, ad esempio, che un paniere rappresentativo contenga 50 panini e due paia di scarpe da ginnastica. Se fra il 2003 e il 2004 il prezzo di un panino è passato da 1 a 1,20 euro e quello di un paio di scarpe da 80 a 85 euro, di quanto è aumentato il prezzo del paniere?
    • 5. Illustra con un esempio i problemi connessi alla misura della variazione complessiva dei prezzi.
    • 6. Cita alcuni vantaggi derivanti dal mantenimento della stabilità dei prezzi.
  • 289.
    • Soluzioni per il capitolo 3
    • Il termine “inflazione” denota in sostanza un aumento generalizzato e persistente dei prezzi di beni e servizi che determina una perdita di valore e, di conseguenza, di potere d’acquisto della moneta.
    • 2. Il concetto di “deflazione” viene spesso descritto come il contrario dell’inflazione, vale a dire come una situazione di calo protratto del livello generale dei prezzi.
    • 3. L’inflazione è di norma misurata dalla variazione dell’indice dei prezzi al consumo. Quest’ultimo viene costruito a partire da un’analisi dei profili di acquisto dei consumatori intesa a individuare i beni e i servizi che possono considerarsi in qualche modo rappresentativi delle preferenze dei consumatori in una determinata economia. Mettendo assieme tale lista della spesa e attribuendo alle singole componenti delle ponderazioni commisurate al loro peso nella spesa totale dei consumatori si viene a creare il cosiddetto paniere di mercato . Ogni mese, numerosi rilevatori verificano il prezzo delle singole voci di spesa in vari punti vendita. Il costo del paniere viene monitorato nel tempo in modo da produrre una serie. Ciò consente il calcolo del tasso d’inflazione sui 12 mesi esprimendo in termini percentuali la differenza di costo di un determinato paniere rispetto all’anno precedente.
    Soluzioni 3
  • 290. 4. Nel 2003: (50 × 1,00)+(2 × 80) = 210 euro. Nel 2004: (50 ×1,20)+(2 × 85,00) = 230. Il prezzo del paniere è salito di 20 euro in termini assoluti e di (230 – 210)/210 × 100 = circa il 9,5% in termini relativi. 5. Ad esempio, risulta a volte difficile aggiustare l’indice dei prezzi al consumo perché tenga conto dei miglioramenti qualitativi. Parte del rincaro di un prodotto la cui qualità è accresciuta nel tempo può essere ricondotta a tale miglioramento e non produce inflazione in quanto non riduce il potere d’acquisto della moneta. Ciò spiega perché gli istituti di statistica cerchino di tenere conto dei cambiamenti di qualità. In questo senso, se rilevano un incremento complessivo dei prezzi approssimativamente pari al 3% e stimano che i miglioramenti qualitativi siano alla base di un aumento di circa il 2%, sottraendo la seconda cifra dalla prima otterranno un valore “corretto” per l’incremento del livello generale dei prezzi che si aggirerà intorno all’1%. Variazioni di qualità sono abbastanza comuni in orizzonti temporali lunghi. 6. La stabilità dei prezzi influisce in senso positivo sul tenore di vita in quanto contribuisce a: attenuare l’incertezza circa l’evoluzione generale dei prezzi migliorando di conseguenza la trasparenza dei prezzi relativi; ridurre i premi per il rischio di inflazione nei tassi di interesse; evitare inutili attività di copertura; contenere gli effetti distorsivi dei regimi fi scali e di sicurezza sociale; accrescere i vantaggi della detenzione di contante; evitare una distribuzione arbitraria di ricchezza e reddito. In altri termini, mantenendo la stabilità dei prezzi le banche centrali concorrono al conseguimento di finalità economiche più generali. Soluzioni 3
  • 291.
    • Cosa si intende per “processo di trasmissione” nel contesto della politica monetaria?
    • 2. In che modo le banche centrali possono influire sui tassi di interesse?
    • 3. Cosa si intende per tasso di interesse reale? Qual è la differenza fra il tasso di interesse reale ex ante e quello ex post ?
    • 4. Immagina che un investitore acquisti un’obbligazione con scadenza a dieci anni con una cedola nominale fissa del 4% e che si attenda un tasso medio di inflazione pari all’1,8% nei dieci anni successivi. Quale sarà il rendimento reale medio ex ante (o atteso) di tale investimento?
    • 5. Quale sarebbe il rendimento reale ex post dell’investimento di cui alla domanda precedente se, dopo l’acquisto dell’obbligazione, le autorità decidessero di attuare una politica inflazionistica che determina un tasso medio di inflazione del 5% lungo la durata dell’obbligazione?
    • 6. A quanto ammonterebbero i rendimenti ex ante ed ex post al netto d’imposte se i rendimenti nominali fossero assoggettati a un’aliquota fiscale del 25%?
    • 7. Come influisce il variare dei tassi di interesse sulla spesa delle famiglie e delle imprese? Con quale ritardo si esplicano tali effetti?
    • 8. Quali sono i fattori all’origine dell’inflazione nel breve periodo?
    • 9. Quali sono i fattori all’origine dell’inflazione nel più lungo periodo?
    Esercizi per il capitolo 4
  • 292.
    • Soluzioni per il capitolo 4
    • Per processo di trasmissione si intende il meccanismo mediante il quale gli interventi della banca centrale si “trasmettono” all’economia e, in ultima istanza, ai prezzi.
    • 2. Come unica emittente di banconote (e riserve bancarie), e quindi unica fornitrice della base monetaria, la banca centrale determina il tasso di interesse nominale che applica ai finanziamenti a breve concessi agli enti creditizi. Il valore corrente e atteso di questo tasso influisce a sua volta su tutta una serie di altri tassi di interesse bancari e di mercato.
    • 3. In economia il tasso di interesse corrisposto dalla banca (o da una normale
    • obbligazione) viene definito nominale . Per “tasso di interesse reale” si intende invece il maggior potere d’acquisto ottenuto grazie al rendimento complessivo di un investimento, in altri termini la differenza fra il tasso di interesse nominale e il tasso di inflazione. In questo senso, risulta inoltre importante distinguere fra due diverse tipologie di tasso di interesse reale: quello atteso da prestatore e prenditore al momento dell’accensione del prestito ( ex ante ) e quello effettivamente realizzato ( ex post ).
    • 4. Il rendimento reale medio ex ante atteso dall’investimento sarebbe approssimativamente pari a 4,0% – 1,8% = 2,2%.
    • 5. Sulla base delle ipotesi postulate, il rendimento reale ex post diventerebbe pari a circa 4,0% – 5,0% = – 1,0%, cioè sarebbe negativo.
    Soluzioni 4
  • 293. 6. Un’aliquota contributiva del 25% porterebbe il rendimento reale ex ante (al netto delle imposte) a 4,0 – 1,0% – 1,8% = 1,2%. In caso di politica inflazionistica, il rendimento reale ex post (al netto delle imposte) sarebbe invece pari a 4,0% – 1,0% – 5,0% = – 2,0%. 7. Dal punto di vista delle famiglie, il rialzo dei tassi di interesse reali accresce la propensione al risparmio poiché aumenta la remunerazione di quest’ ultimo in termini di consumi futuri. Esso tende pertanto a indurre un calo dei consumi correnti e un aumento del risparmio. Dal punto di vista delle imprese, a parità di altre condizioni, tassi di interesse reali più elevati deprimono gli investimenti in quanto riducono il numero di progetti di investimento in grado di offrire remunerazioni sufficienti a coprire il maggior costo del capitale. È importante capire che i suddetti effetti non sono immediati. Potrebbero passare dei mesi prima che un’impresa riesca a impostare un nuovo piano di investimenti, se non persino degli anni nel caso di investimenti per la realizzazione di nuovi impianti o l’ordinazione di apparecchiature particolari. Anche gli investimenti in edilizia abitativa reagiscono con un certo ritardo. Inoltre, molti consumatori non adeguano immediatamente i propri piani al variare dei tassi di interesse. In sintesi, un rialzo dei tassi riduce la spesa corrente di famiglie e imprese ma tale effetto può manifestarsi con un certo ritardo. Soluzioni 4
  • 294. 8. Sono diversi i fattori e gli shock che possono influire sul livello dei prezzi nel breve periodo. Ne costituiscono un esempio gli andamenti della domanda aggregata e delle sue varie componenti, compresa la politica di bilancio. Altri potrebbero essere rappresentati dalle variazioni dei prezzi degli input , dei costi e della produttività, dall’evoluzione del tasso di cambio e dagli andamenti dell’economia mondiale. Tutti questi fattori sono potenzialmente in grado di influire sull’attività economica in termini reali e sui prezzi nel breve periodo. 9. Sul lungo periodo, un incremento sostenuto del livello generale dei prezzi può essere determinato soltanto da una politica monetaria fortemente e costantemente espansiva. Per ribadire questo concetto, si tende spesso ad affermare che “l’inflazione è sempre e comunque un fenomeno monetario”. Soluzioni 4
  • 295. Esercizi per il capitolo 5
    • Cerca il nome del Presidente della BCE sul sito Internet della Banca.
    • 2. Cerca sul sito Internet della tua BCN il nome del governatore.
    • 3. Chi compone il Consiglio direttivo BCE? Quali sono i suoi compiti principali?
    • 4. Chi compone il Comitato esecutivo BCE? Quali sono i suoi compiti principali?
    • 5. Chi compone il Consiglio generale BCE? Quali sono i suoi compiti principali?
    • 6. Riassumi la definizione di stabilità dei prezzi adottata dalla BCE.
    • 7. Quali motivazioni hanno indotto il Consiglio direttivo ad annunciare una definizione quantitativa della stabilità dei prezzi?
    • 8. Descrivi brevemente le due prospettive utilizzate dalla BCE nella valutazione dei rischi per la stabilità dei prezzi. A quali orizzonti temporali si applicano?
    • 9. Descrivi brevemente gli elementi fondamentali dell’assetto operativo dello Eurosistema . Quali sono le caratteristiche principali di questi elementi?
    • 10. Immagina che la BCE annunci un’asta a tasso fisso nella quale intende aggiudicare €100 mln. Le banche presentano le richieste riportate nella slide successiva. In che modo la BCE distribuirà l’importo totale di aggiudicazione fra le banche?
  • 296. Richieste da parte delle 5 Banche alla BCE per un’asta a tasso fisso nella quale si intenda aggiudicare € 100 mln.
  • 297. Soluzioni per il capitolo 5
    • 1. Jean - Claude Trichet.
    • Dr Mario Draghi
    • 3. Il Consiglio direttivo è il più alto organo decisionale della BCE. Comprende sei membri del Comitato esecutivo e i Gov. delle BCN dell’area euro (13). È presie- duto dal Pres. BCE. Il suo compito è formulare la politica monetaria per l’area dell’euro. In particolare determina i tassi di interesse a cui le banche comm.li possono ottenere liquidità (denaro) dalla propria BCN. In tal modo, il Consiglio influisce indirettamente sui tassi in tutti i settori dell’economia dell’area, compresi quelli che le banche commerciali applicano sui prestiti accordati alla clientela e che i risparmiatori percepiscono sui propri depositi.
    • 4. Il Comitato esecutivo della BCE è composto dal Pres. - V. Pres. e 4 membri, tutti nominati di comune accordo dai capi di Stato o di governo dei 13 paesi che formano l’area euro. E’ responsabile dell’attuazione della politica monetaria formulata dal Consiglio e fornisce alle BCN le istruzioni necessarie a tal fine. Inoltre, prepara le riunioni del Consiglio e gestisce le attività correnti a BCE.
    • 5. Il Consiglio generale è il terzo organo decisionale della BCE. Vi siedono il Presidente e il Vicepresidente della BCE, affiancati dai governatori delle BCN dei ventisette Stati membri dell’UE. Quest’organo non partecipa alle decisioni concernenti la politica monetaria nell’area dell’euro. Esso contribuisce al coordinamento delle politiche monetarie degli Stati membri che non hanno ancora adottato la moneta unica e ai lavori preparatori in vista di un eventuale ampliamento dell’area dell’euro.
    Soluzioni 5
  • 298. 6. Pur indicando chiaramente che il mantenimento della stabilità dei prezzi costituisce l’obiettivo primario della BCE, il Trattato non fornisce una definizione precisa dello stesso. Per meglio specificarlo, nel 1998 il Consiglio direttivo della BCE ha annunciato la seguente definizione quantitativa: per stabilità dei prezzi si intende “un aumento sui dodici mesi dell’Indice armonizzato dei prezzi al consumo (IAPC) per l’area dell’euro inferiore al 2%. La stabilità dei prezzi deve essere mantenuta in un orizzonte di medio termine”. Nel 2003, a seguito di una valutazione approfondita della propria strategia di politica monetaria, il Consiglio ha confermato tale definizione e ha inoltre precisato l’intenzione di mantenere l’inflazione su livelli inferiori ma “prossimi al 2% sul medio periodo”. 7. Varie ragioni hanno indotto il Consiglio direttivo ad annunciare una definizione quantitativa della stabilità dei prezzi. La prima è rappresentata dalla volontà del Consiglio di chiarire la propria interpretazione dell’obiettivo assegnatogli dal Trattato, con il fine ultimo di agevolare la comprensione di politica monetaria, accrescendo quindi la trasparenza di tale politica, e fornire così ai cittadini l’orientamento necessario nelle aspettative quanto all’andamento futuro dei prezzi. La seconda è costituita dalla necessità di offrire un termine di riferimento chiaro e misurabile rispetto al quale i cittadini possano giudicare l’operato della BCE. Ove l’andamento dei prezzi non risultasse conforme alla definizione, la BCE sarebbe infatti tenuta a rendere conto di tale difformità e a spiegare come intende ripristinare la stabilità dei prezzi entro un periodo di tempo accettabile. Soluzioni 5
  • 299. 8. Nella strategia della BCE, le decisioni di politica monetaria si fondano su un’analisi complessiva dei rischi per la stabilità dei prezzi articolata in due prospettive complementari riguardo alle determinanti dell’andamento dei prezzi. La prima, che prende il nome di “analisi economica”, considera il breve e medio periodo e si incentra sull’attività reale e sulle condizioni finanziarie dell’economia. Essa tiene conto del fatto che in tali orizzonti temporali i prezzi risentono in larga misura dell’interazione fra domanda e off erta nei mercati dei beni, dei servizi e dei fattori di produzione. La seconda, denominata “analisi monetaria”, riguarda orizzonti a più lungo termine e sfrutta il legame esistente fra moneta e prezzi in tali orizzonti. L’analisi monetaria costituisce principalmente un mezzo di riscontro, in una prospettiva di medio-lungo periodo, per le indicazioni a breve e medio termine fornite dall’analisi economica. Soluzioni 5
  • 300. 9. L’assetto operativo dell’Eurosistema consta di tre elementi principali. Il primo è il regime di riserva obbligatoria, che valuta l’ottemperanza degli enti creditizi all’obbligo di detenere un ammontare minimo a titolo di riserva c/o la rispettiva BCN sulla base della media di un periodo di circa un mese, il cosiddetto “periodo di mantenimento”. Tale strumento svolge l’importante funzione di accrescere la domanda di liquidità nei confronti della banca centrale e di costituire un “cuscinetto” contro gli shock temporanei di liquidità sul mercato monetario al fine di ridurre la volatilità dei tassi di interessi a breve termine. Ciò semplifica l’attuazione della politica monetaria della BCE. Il secondo elemento è costituito dalle operazioni di mercato aperto, mediante le quali l’Eurosistema gestisce le condizioni delle riserve sul mercato monetario e manovra i tassi di interesse consentendo agli enti creditizi di rifinanziarsi su base periodica per soddisfare il proprio fabbisogno di liquidità. In questo contesto le operazioni di rifinanziamento principali (ORP), con frequenza settimanale e scadenza a una settimana, costituiscono una componente fondamentale nella conduzione della politica monetaria della BCE. Il tasso ad esse applicato segnala l’orientamento monetario deciso dal Consiglio direttivo della BCE. Inoltre, le ORP soddisfano gran parte delle esigenze di finanziamento del sistema bancario. Anche le operazioni di rifinanziamento a più lungo termine sono eseguite allo scopo di fornire liquidità, ma la loro frequenza è mensile e la scadenza a tre mesi. Le operazioni di regolazione puntuale ( fine tuning ), invece, hanno frequenza non regolare e mirano ad attenuare gli effetti prodotti sui tassi da fluttuazioni impreviste della liquidità o da eventi straordinari. Il terzo elemento dell’assetto operativo consta di due operazioni (rifnanziamento marginale e deposito c/o BCE) attivabili su iniziativa delle controparti, che permettono alle banche di ricorrere alla banca centrale al fine di ottenere prestiti o costituire depositi overnight per gestire le proprie esigenze di liquidità. Soluzioni 5
  • 301. 10. L’importo totale aggiudicato è pari al 50% di quello richiesto. Ogni banca ottiene pertanto il 50% dell’ammontare richiesto. Banca 1 30 15 Banca 2 30 15 Banca 3 50 25 Banca 4 40 20 Banca 5 50 25 Totale 200 100
  • 302.
    • Esercizi aggiuntivi
    • Immagina che una banca centrale faccia “piovere dal cielo”, vale a dire distribuisca uniformemente a tutti, una certa somma di denaro e che in questo modo accresca la quantità di moneta in circolazione in economia.
    • Quali sarebbero lo conseguenze sul breve periodo?
    • E sul lungo?
    • 2. All’aumentare dell’indice dei prezzi al consumo, il potere d’acquisto della moneta:
    • diminuisce?
    • resta invariato?
    • aumenta?
    • 3. Uno spostamento verso sinistra della curva dell’offerta aggregata può essere dovuto a:
    • un incremento dei salari reali (a fronte di livelli invariati di
    • produttività)?
    • Un calo di produttività?
    • Un aumento della domanda di moneta?
  • 303.
    • Soluzioni
    • Sul breve periodo, la possibile sensazione di maggiore ricchezza potrebbe indurre la gente a spendere di più. La crescita in termini reali potrebbe pertanto aumentare a breve termine per poi tornare sui livelli iniziali dopo un certo periodo di tempo. Sul lungo periodo si avrà un aumento corrispondente del livello dei prezzi.
    • 2. All’aumentare dell’indice dei prezzi al consumo diminuisce il potere d’acquisto della moneta.
    • 3. Uno spostamento verso sinistra della curva dell’offerta aggregata può essere dovuto a un incremento dei salari reali oppure a un calo di produttività
  • 304. Alcune variazioni di prezzo sono più importanti di altre Quando si calcola l’incremento medio dei prezzi si attribuisce un peso maggiore alle variazioni relative a beni e servizi per i quali i consumatori spendono di più ( l’energia elettrica) rispetto a voci di spesa meno significative (quali lo zucchero o i francobolli). Gli individui non effettuano tutti gli stessi acquisti Le singole famiglie hanno abitudini di spesa diverse: alcune possiedono un’auto e mangiano carne, altre si spostano esclusivamente con i mezzi pubblici o seguono una dieta vegetariana. Le abitudini di spesa medie dell’insieme delle famiglie determinano il peso da attribuire ai diversi beni e servizi nella misurazione dell’inflazione. Nel calcolo dell’inflazione si tiene conto di tutti i beni e servizi consumati dalle famiglie, fra i quali figurano: generi di uso quotidiano (ad esempio alimentari, giornali, benzina) beni durevoli (ad esempio capi di abbigliamento, computer, lavatrici) servizi (ad esempio affitto dell’abitazione, servizi di parrucchieria, assicurazioni) Confronta il prezzo del paniere di spesa da un anno all’altro Tutti i beni e servizi consumati dalle famiglie nel corso dell’anno sono rappresentati dal cosiddetto “paniere”. Ciascuna voce di spesa contenuta nel paniere ha un prezzo, che può variare nel tempo. Il tasso di inflazione sui 12 mesi corrisponde al prezzo del paniere totale in un determinato mese rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.
  • 305. Esempio di calcolo dell’inflazione * * L’inflazione al consumo nell’area dell’euro è calcolata mensilmente dall’ Eurostat. L’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IAPC) tiene conto, in media, di circa 700 tipologie di beni e servizi, rispecchiando la spesa media delle famiglie dell’area dell’euro per tale paniere. Gamma completa dei beni e servizi che confluiscono nello IAPC e tassi di inflazione correnti 1,8%   2,9%       Tasso di inflazione 104,8   102,9   100,0   Indice di prezzo € 891   € 875   € 850   Costo totale del paniere € 160 € 160,00 € 176 € 176,00 € 145 € 145,00 1 giaccone inverno € 276 € 23,00 € 264 € 22,00 € 240 € 20,00 12 tagli di capelli € 215 € 2,15 € 240 € 2,40 € 240 € 2,40 100 tazze di caffè € 240 € 1,60 € 195 € 1,30 € 225 € 1,50 150 chili di pane total per unità di prodotto total per unità di prodotto total per unità di prodotto Prezzo (2 anni dopo) Prezzo (1 anno dopo) Prezzo (anno base) Quantità acquistata nell’anno base
  • 306. L'inflazione resta moderata L'inflazione UE e nei Paesi in area euro resta moderata: la HIPC poco superiore l’ 1% nel 2010 e intorno a 1,5% nel 2011 in entrambe le aree.
  • 307. EUROPEAN COMMISSION – European Economic Forecast Autumn 2009 2011 2010 2009 2008 INFLAZIONE ANNUA 2,2% 2,0% 2,0% 4,7% MALTA 2,5% 3,1% 0,8% 4,4% CIPRO 2,5% 1,9% 1,1% 3,9% SLOVACCHIA 2,0% 1,7% 0,9% 5,5% SLOVENIA 1,6% 1,4% 2,0% 3,6% REGNO UNITO 1,0% - 0,6% - 1,5% 3,1% IRLANDA 1,2% 0,9% 1,1% 2,2% OLANDA 1,5% 1,3% 0,0% 4,5% BELGIO 1,5% 1,6% 1,8% 3,9% FINLANDIA 1,6% 1,3% 0,5% 3,2% AUSTRIA 2,1% 1,45 1,2% 4,2% GRECIA 1,4% 1,3%
    • 1,0%
    2,7% PORTOGALLO 2,0% 0,8% - 0,4% 4,1% SPAGNA 2,0% 1,8% 0,8% 3,5% ITALIA 1,4% 1,1% 0,1% 3,2% FRANCIA 1,0% 0,8% 0,3% 2,8% GERMANIA
  • 308. Tensioni sui prezzi crescenti delle M.P. potrebbero spingere a rialzo l' inflazione , ma la debole crescita dell'economia e dei salari dovrebbero contenerla.
  • 309.  
  • 310. Grazie per l’attenzione! Studio Fantasia

×