Sassari Ateneo Sostenibile http://ateneosostenibile.wordpress.com   Obiettivi e metodologia dell’indagine Risposte degli S...
Scelta di progetto <ul><li>“ Soddisfare i bisogni di oggi senza compromettere la possibilità delle generazioni future di s...
Obiettivi e metodologia <ul><li>Obiettivi …  </li></ul><ul><li>Ascoltare  opinioni e proposte di un gruppo qualificato di ...
I protagonisti dell’indagine  Sassari Ateneo Sostenibile <ul><li>29 INTERNI     24 ADESIONI (83%) </li></ul><ul><li>11  P...
RISULTATI delle interviste e ASPETTATIVE di miglioramento <ul><li>1.  Il mondo è cambiato, la Sardegna sta cambiando. Come...
1A. Offerta formativa <ul><li>Razionalizzare/ridurre i corsi di laurea </li></ul><ul><ul><li>sono troppi </li></ul></ul><u...
1B. Attività di ricerca <ul><li>Nuovo sistema di valutazione della ricerca e di ripartizione dei fondi </li></ul><ul><ul><...
1C. Gestione organizzativa   (strutture, infrastrutture, personale, etc.) <ul><li>Favorire decentralizzazione e autonomia ...
1D . Informazione,  documentazione e servizi sul  web <ul><li>Potenziare la presenza dell’Ateneo sul web, l’Ateneo deve di...
1E . Supporti verso i  giovani   (in orientamento, durante gli studi, in uscita, dopo la laurea,  nella carriera professio...
1F.  Collaborazione con  territorio, imprese, altre istituzioni <ul><li>Ascoltare in modo stabile e strutturato   le esige...
2.  Per essere/diventare un  Ateneo Sostenibile  l’Università di Sassari dovrebbe anche contribuire con nuove idee e strum...
3.  Il  NUOVO RETTORE , quale è la prima cosa che dovrebbe fare e perché? <ul><li>GOVERNANCE </li></ul><ul><ul><li>“ Nuovo...
3.  Il  NUOVO RETTORE , quale è la prima cosa che dovrebbe fare e perché? <ul><li>PIU’ ASCOLTO E CONDIVISIONE </li></ul><u...
Da queste risposte  … …  come dare  senso e concretezza  alle aspettative di miglioramento e alla  novità  di relazioni st...
5 idee-azioni  per rispondere alle ASPETTATIVE di miglioramento e strutturare rapporti con gli ESTERNI <ul><li>FONDAZIONE ...
<ul><li>INCUBATORE DI NUOVE IMPRESE E NUOVI MESTIERI </li></ul><ul><ul><li>orientamento in ingresso, qualificazione percor...
<ul><li>OSSERVATORIO PERMANENTE SULLA DOMANDA DI FORMAZIONE E COMPETENZE </li></ul><ul><ul><li>razionalizzare e adeguare l...
<ul><li>FORUM INTERNAZIONALE  </li></ul><ul><li>SU ALTA FORMAZIONE E RICERCA SCIENTIFICA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL M...
<ul><li>BILANCIO SOCIALE DI ATENEO </li></ul><ul><li>per ogni anno accademico, rendicontare e comunicare i risultati di in...
Non solo nuove idee … <ul><li>Più impegno per la  comunità universitaria  ma più opportunità per chiunque, docenti, ricerc...
Grazie dell’attenzione Analisi, progetto, modello, metodologia, contenuti, elaborazioni, testi e slide sono un prodotto or...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Convegno Sassari Ateneo Sostenibile _ Intervento Andrea ZironiPl Sas Intervento Andrea 15 06 09

461 views
415 views

Published on

Sassari Ateneo Sostenibile: progetto a sostegno della candidatura a rettore del Professore Pietro Luciano, Preside della Facoltà di Agraria. Università degli Studi di Sassari mandato 2009-12.

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
461
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Convegno Sassari Ateneo Sostenibile _ Intervento Andrea ZironiPl Sas Intervento Andrea 15 06 09

  1. 1. Sassari Ateneo Sostenibile http://ateneosostenibile.wordpress.com Obiettivi e metodologia dell’indagine Risposte degli Stakeholder Aspettative di miglioramento Andrea Zironi - Capo Analista Studio Giaccardi & Associati
  2. 2. Scelta di progetto <ul><li>“ Soddisfare i bisogni di oggi senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i loro” </li></ul><ul><li>Dal rapporto “ Our Common Future ” Commissione Mondiale sull’Ambiente e lo Sviluppo delle Nazione Unite (1987), nota come Commissione Brundtland </li></ul><ul><li>“ La sostenibilità è una cultura nella quale si cerca il fine dell’enormità di mezzi che l’umanità ha generato e si recuperano valori precedentemente compressi. Non si vedono guardando il mondo dall’alto in basso: si vedono, perché si vivono, guardando dal basso verso l’alto.” </li></ul><ul><li>Da Luca De Biase “ Economia della Felicità ”, Feltrinelli Editore, Milano 2007. </li></ul>
  3. 3. Obiettivi e metodologia <ul><li>Obiettivi … </li></ul><ul><li>Ascoltare opinioni e proposte di un gruppo qualificato di stakeholder del territorio del centro-nord Sardegna e dell’Università di Sassari </li></ul><ul><li>Raccogliere idee, opinioni e aspettative per costruire un futuro sostenibile dell’Università di Sassari </li></ul><ul><li>Avviare un percorso virtuoso di condivisione, confronto e collaborazione tra Università e Territorio </li></ul><ul><li>… metodologia </li></ul><ul><li>Definizione e composizione del target di indagine </li></ul><ul><li>Database “Sassari Ateneo Sostenibile” </li></ul><ul><li>Check-list delle domande per le interviste </li></ul><ul><li>Lettera di presentazione </li></ul><ul><li>Progetto, messa on-line, lancio e gestione </li></ul><ul><li>del blog http://ateneosostenibile.wordpress.com </li></ul><ul><li>Interviste frontali e telefoniche </li></ul><ul><li>Data entry delle informazioni </li></ul><ul><li>Classificazioni ed elaborazioni risposte </li></ul><ul><li>Redazione rapporto finale </li></ul><ul><li>Condivisione con la comunità universitaria </li></ul>
  4. 4. I protagonisti dell’indagine Sassari Ateneo Sostenibile <ul><li>29 INTERNI  24 ADESIONI (83%) </li></ul><ul><li>11 Presidi di Facoltà </li></ul><ul><ul><li>8 adesioni </li></ul></ul><ul><li>8 docenti e direttori di Dipartimento </li></ul><ul><ul><li>7 adesioni </li></ul></ul><ul><li>7 risorse della struttura amministrativa </li></ul><ul><ul><li>6 adesioni </li></ul></ul><ul><li>3 rappresentanti degli studenti </li></ul><ul><ul><li>3 adesioni </li></ul></ul><ul><li>49 ESTERNI  38 ADESIONI (78%) </li></ul><ul><li>16 rappresentanti di istituzioni pubbliche (consiglieri regionali, presidenti di provincia, sindaci dei maggiori comuni del centro nord Sardegna, presidenti degli enti camerali) </li></ul><ul><ul><li>11 adesioni </li></ul></ul><ul><li>16 responsabili di imprese, ordini professionali e organizzazioni private caratteristiche del sistema economico </li></ul><ul><ul><li>15 adesioni </li></ul></ul><ul><li>11 esponenti del terzo settore, della ricerca scientifica, della cultura e dell’assistenza sanitaria </li></ul><ul><ul><li>7 adesioni </li></ul></ul><ul><li>6 rappresentanti del ‘sistema-scuola’ (dirigenti scolastici e professori) </li></ul><ul><ul><li>5 adesioni </li></ul></ul>78 soggetti-target  62 adesioni (80%)
  5. 5. RISULTATI delle interviste e ASPETTATIVE di miglioramento <ul><li>1. Il mondo è cambiato, la Sardegna sta cambiando. Come deve cambiare l’Università di Sassari per essere/diventare un Ateneo Sostenibile a livello culturale e scientifico, economico e finanziario, sociale e ambientale? </li></ul><ul><li>In particolare, che cosa consolidare, migliorare, cambiare o innestare ex novo e perché rispetto a … </li></ul><ul><li>Offerta formativa </li></ul><ul><li>Attività di ricerca </li></ul><ul><li>Gestione organizzativa (strutture, infrastrutture, personale, etc.) </li></ul><ul><li>Informazione, documentazione e servizi sul web </li></ul><ul><li>Supporti verso i giovani (in orientamento, durante gli studi, dopo la laurea, nella carriera professionale) </li></ul><ul><li>Collaborazione con territorio, imprese, altre istituzioni </li></ul>
  6. 6. 1A. Offerta formativa <ul><li>Razionalizzare/ridurre i corsi di laurea </li></ul><ul><ul><li>sono troppi </li></ul></ul><ul><ul><li>potenziare quelli che funzionano </li></ul></ul><ul><ul><li>chiudere quelli con pochi iscritti o simili tra loro </li></ul></ul><ul><ul><li>migliorare il coordinamento tra le Facoltà </li></ul></ul><ul><ul><li>incentivi per corsi interfacoltà </li></ul></ul><ul><li>Offerta formativa autoreferenziale </li></ul><ul><ul><li>riorganizzare in base alle esigenze del territorio e del mercato del lavoro </li></ul></ul><ul><ul><li>favorire ascolto, condivisione e concertazione nella programmazione dell’offerta </li></ul></ul><ul><ul><li>più corsi specialistici e di eccellenza, attenti a sviluppi tecnologici, innovazione, specificità del territorio </li></ul></ul><ul><ul><li>più attenzione a discipline scientifiche, lingue straniere, informatica, europrogettazione, cultura d’impresa </li></ul></ul><ul><ul><li>più attività tecnico-pratiche </li></ul></ul>Stakeholder interni Stakeholder esterni
  7. 7. 1B. Attività di ricerca <ul><li>Nuovo sistema di valutazione della ricerca e di ripartizione dei fondi </li></ul><ul><ul><li>Standard internazionali </li></ul></ul><ul><ul><li>premiare i meritevoli </li></ul></ul><ul><ul><li>incentivare e sostiene i ricercatori migliori </li></ul></ul><ul><li>Avviare una strategia unica della ricerca d'Ateneo </li></ul><ul><ul><li>curare i rapporti con l’Unione Europea e altri enti finanziatori </li></ul></ul><ul><ul><li>garantire la gestione amministrativa dei fondi </li></ul></ul><ul><ul><li>facilitare la ricerca nel trovare nuove opportunità </li></ul></ul><ul><li>Più ricerca in ambiti di applicabilità immediata nel territorio </li></ul><ul><ul><li>agroalimentare (polo Bonassai) </li></ul></ul><ul><ul><li>ambiente, energie rinnovabili, bio-edilizia </li></ul></ul><ul><ul><li>turismo </li></ul></ul><ul><ul><li>web e reti tecnologiche </li></ul></ul><ul><li>Maggiore connessione con mercato e imprese </li></ul><ul><ul><li>coniugare la ricerca con percorsi imprenditoriali e di spin-off </li></ul></ul><ul><ul><li>sostenere i ricercatori nelle relazioni con le imprese </li></ul></ul><ul><ul><li>creare opportunità per investimenti privati internazionali </li></ul></ul>Stakeholder interni Stakeholder esterni
  8. 8. 1C. Gestione organizzativa (strutture, infrastrutture, personale, etc.) <ul><li>Favorire decentralizzazione e autonomia decisionale di facoltà e dipartimenti </li></ul><ul><ul><li>a livello centrale funzione di programmazione, coordinamento, regolamentazione generale </li></ul></ul><ul><li>Snellire/razionalizzare/riorganizzare l'intero apparato burocratico-amministrativo </li></ul><ul><ul><li>ricorso a esperti esterni con competenze manageriali adeguate </li></ul></ul><ul><ul><li>moderne tecniche di controllo della gestione </li></ul></ul><ul><li>Migliorare lo stato del personale tecnico-amministrativo </li></ul><ul><ul><li>obiettivi chiari su incentivi e avanzamenti di carriera </li></ul></ul><ul><ul><li>meritocrazia, responsabilizzazione, partecipazione </li></ul></ul><ul><ul><li>investire in formazione </li></ul></ul><ul><li>Migliorare i servizi per studenti e utenti esterni </li></ul><ul><ul><li>adeguare le competenze del personale e delle segreterie </li></ul></ul><ul><ul><li>rendere più efficace il Centro di Orientamento di Ateneo </li></ul></ul><ul><ul><li>più comunicazione e marketing di servizio, in particolare per i neo-iscritti </li></ul></ul><ul><li>Sburocratizzare la struttura centrale, troppo farraginosa e autoreferenziale </li></ul><ul><ul><li>rivedere le norme amministrative che ‘ingessano’ relazioni e collaborazioni con l'esterno </li></ul></ul><ul><ul><li>rendere trasparenti scelte e politiche adottate </li></ul></ul>Stakeholder interni Stakeholder esterni
  9. 9. 1D . Informazione, documentazione e servizi sul web <ul><li>Potenziare la presenza dell’Ateneo sul web, l’Ateneo deve diventare un ‘palazzo di cristallo’ </li></ul><ul><ul><li>rendere pubbliche tutte le decisioni degli organi accademici (verbali, bilanci, valutazioni, etc.) </li></ul></ul><ul><ul><li>ufficio stampa per migliorare visibilità sui mezzi di comunicazione </li></ul></ul><ul><ul><li>web come sportello per il territorio e non solo per gli utenti interni </li></ul></ul><ul><li>Supporti adeguati per didattica e ricerca </li></ul><ul><ul><li>piattaforme e-learning, materiali didattici, più informazioni, iscrizioni on-line, etc. </li></ul></ul><ul><ul><li>informazioni su bandi e programmi di ricerca </li></ul></ul><ul><ul><li>possibilità di promuovere il prodotto della propria ricerca </li></ul></ul><ul><li>Migliorare la visibilità dell'operato dell'ateneo </li></ul><ul><ul><li>rendere pubbliche e trasparenti le decisioni degli organi accademici </li></ul></ul>Stakeholder interni Stakeholder esterni
  10. 10. 1E . Supporti verso i giovani (in orientamento, durante gli studi, in uscita, dopo la laurea, nella carriera professionale) <ul><li>Orientamento in uscita e post-laurea </li></ul><ul><ul><li>nuove attività per l'ingresso dei neo-laureati nel mondo del lavoro </li></ul></ul><ul><ul><li>ridefinire i rapporti con le imprese </li></ul></ul><ul><ul><li>monitoraggio domanda di competenze </li></ul></ul><ul><li>Orientamento in ingresso </li></ul><ul><ul><li>nuovi rapporti con gli istituti superiori </li></ul></ul><ul><ul><li>ripensare profondamente l'evento di orientamento </li></ul></ul><ul><li>Orientamento in itinere </li></ul><ul><ul><li>potenziare il servizio di tutoraggio, in particolare per le matricole </li></ul></ul><ul><ul><li>azioni specifiche di sostegno per i fuori corso, studenti-lavoratori e fuori-sede </li></ul></ul><ul><li>Orientamento in uscita e post-laurea </li></ul><ul><ul><li>adeguare l'offerta formativa alla domanda reale di competenze del territorio </li></ul></ul><ul><ul><li>aprire all'esperienza pratica l'ultima fase degli studi universitari </li></ul></ul><ul><ul><li>costruire un rapporto diretto con le imprese </li></ul></ul><ul><ul><li>garantire risorse finanziarie per attività di tirocinio e stage </li></ul></ul><ul><ul><li>disporre di sportelli di Facoltà per collaborazione con organizzazioni economiche e professionali </li></ul></ul><ul><ul><li>percorsi professionalizzanti, di formazione manageriale e di start-up </li></ul></ul><ul><ul><li>valorizzare i più meritevoli, farli diventare “punto di riferimento” da emulare </li></ul></ul>Stakeholder interni Stakeholder esterni
  11. 11. 1F. Collaborazione con territorio, imprese, altre istituzioni <ul><li>Ascoltare in modo stabile e strutturato le esigenze del territorio </li></ul><ul><ul><li>coinvolgere le forze del territorio nella progettazione dei corsi (come già prevede la legge) </li></ul></ul><ul><ul><li>programmare incontri e occasioni di confronto stabile e non episodico </li></ul></ul><ul><ul><li>più fiducia reciproca </li></ul></ul><ul><li>Aprirsi ad un rapporto reale e bi-direzionale con le aziende </li></ul><ul><ul><li>strutturare un ufficio stabile impresa-Università, con il supporto di figure specializzate </li></ul></ul><ul><ul><li>agevolare i processi di tirocinio/stage e inserimento lavorativo </li></ul></ul><ul><ul><li>promuovere formazione manageriale e cultura d'impresa, anche con interventi e testimonianze di imprenditori </li></ul></ul><ul><ul><li>creare percorsi e progetti comuni in settori strategici per il futuro </li></ul></ul><ul><ul><li>agevolare processi di spin-off e di trasferimento tecnologico </li></ul></ul>Risposte comuni di Stakeholder INTERNI e ESTERNI
  12. 12. 2. Per essere/diventare un Ateneo Sostenibile l’Università di Sassari dovrebbe anche contribuire con nuove idee e strumenti allo sviluppo del territorio, per esempio … 9,7% 9,7% 80,6% Approfondendo/istruendo modelli di cultura organizzativa e d’impresa basati sulla responsabilità sociale? 8,1% 1,6% 90,3% Promuovendo forum, osservatori ed eventi internazionali a sostegno di ricerca e scambio culturale e formativo in Europa e nel Mediterraneo? 9,7% 8,1% 82,3% Realizzando percorsi professionalizzanti e incubatori d’imprese? 6,4% 4,8% 88,7% Strutturando in modo stabile l’ascolto degli interessi del territorio e la domanda di formazione e competenze? Non so No Si
  13. 13. 3. Il NUOVO RETTORE , quale è la prima cosa che dovrebbe fare e perché? <ul><li>GOVERNANCE </li></ul><ul><ul><li>“ Nuovo statuto e riforma dell’organizzazione in chiave di efficienza, responsabilizzazione, sussidiarietà” </li></ul></ul><ul><li>INVESTIMENTI SOSTENIBILI </li></ul><ul><ul><li>“ migliorare dotazioni e prestazioni informatiche” </li></ul></ul><ul><ul><li>“ investire sulla sicurezza dei luoghi di lavoro” </li></ul></ul><ul><ul><li>“ ottimizzare le risorse in campo edilizio&quot; </li></ul></ul><ul><li>DIDATTICA E RICERCA </li></ul><ul><ul><li>“ Applicare nuovi metodi di valutazione, premiare le eccellenze ” </li></ul></ul><ul><li>VALORI </li></ul><ul><ul><li>“ Più merito, trasparenza, apertura” </li></ul></ul>Per gli Stakeholder INTERNI
  14. 14. 3. Il NUOVO RETTORE , quale è la prima cosa che dovrebbe fare e perché? <ul><li>PIU’ ASCOLTO E CONDIVISIONE </li></ul><ul><ul><li>“ L’università è patrimonio di tutti, è parte dirigente” </li></ul></ul><ul><li>MIGLIORARE DIDATTICA E RICERCA </li></ul><ul><ul><li>“ Più orientamento al territorio, allo sviluppo culturale ed economico, più apertura ai rapporti e alle sfide internazionali, scelte conseguenti a questi principi” </li></ul></ul><ul><li>PIU’ COMUNICAZIONE E COLLABORAZIONE </li></ul><ul><ul><li>“ Rispondere in modo strutturato e continuativo alle aspettative del territorio” </li></ul></ul><ul><ul><li>“ La missione dell’università deve essere generare benessere” </li></ul></ul>Per gli Stakeholder ESTERNI
  15. 15. Da queste risposte … … come dare senso e concretezza alle aspettative di miglioramento e alla novità di relazioni strutturate con i soggetti esterni ?
  16. 16. 5 idee-azioni per rispondere alle ASPETTATIVE di miglioramento e strutturare rapporti con gli ESTERNI <ul><li>FONDAZIONE UNIVERSITÀ DI SASSARI </li></ul><ul><li>aperta alla partecipazione e al sostegno culturale e tecnico, economico e finanziario di soggetti del territorio, pubblici e privati, finalizzata a </li></ul><ul><ul><li>Realizzare nuovi progetti condivisi nella formazione e nella ricerca scientifica </li></ul></ul><ul><ul><li>Acquisire risorse finanziare aggiuntive mediante la messa a punto di nuovi progetti, la costruzione di partnership di progetto e la partecipazione a bandi regionali, nazionali e comunitari </li></ul></ul><ul><ul><li>Costruire un paradigma condiviso di valutazione dei progetti e delle nuove attività </li></ul></ul>1 a
  17. 17. <ul><li>INCUBATORE DI NUOVE IMPRESE E NUOVI MESTIERI </li></ul><ul><ul><li>orientamento in ingresso, qualificazione percorsi di studio e placement di neo-laureati </li></ul></ul><ul><ul><li>sostegno alla creazione di neo impresa da idee-progetto di neo laureati e da spin-off di programmi accademici e di ricerca </li></ul></ul><ul><ul><li>sostegno alla pratica professionale di nuovi mestieri </li></ul></ul><ul><ul><li>affiancamento temporaneo a imprese e attività pre-esistenti per crescita e/o rilancio tecnico-scientifico e manageriale </li></ul></ul>5 idee-azioni per rispondere alle ASPETTATIVE di miglioramento e strutturare rapporti con gli ESTERNI 2 a
  18. 18. <ul><li>OSSERVATORIO PERMANENTE SULLA DOMANDA DI FORMAZIONE E COMPETENZE </li></ul><ul><ul><li>razionalizzare e adeguare l’offerta formativa in modo corrispondente alle esigenze del territorio e dei giovani, all’evoluzione della cultura e dei saperi nel mondo </li></ul></ul><ul><ul><li>indirizzare la didattica verso obiettivi di innovazione culturale e respiro progettuale </li></ul></ul>5 idee-azioni per rispondere alle ASPETTATIVE di miglioramento e strutturare rapporti con gli ESTERNI 3 a
  19. 19. <ul><li>FORUM INTERNAZIONALE </li></ul><ul><li>SU ALTA FORMAZIONE E RICERCA SCIENTIFICA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL MEDITERRANEO </li></ul><ul><ul><li>Filiera alimentazione </li></ul></ul><ul><ul><li>Filiera salute e benessere </li></ul></ul>5 idee-azioni per rispondere alle ASPETTATIVE di miglioramento e strutturare rapporti con gli ESTERNI 4 a
  20. 20. <ul><li>BILANCIO SOCIALE DI ATENEO </li></ul><ul><li>per ogni anno accademico, rendicontare e comunicare i risultati di interesse sociale ampio, realizzati dall’Ateneo nel corso delle sue attività istituzionali </li></ul><ul><li>BILANCIO SOCIALE DI MANDATO </li></ul><ul><li>al termine della scadenza rettorale. </li></ul>5 idee-azioni per rispondere alle ASPETTATIVE di miglioramento e strutturare rapporti con gli ESTERNI 5 a
  21. 21. Non solo nuove idee … <ul><li>Più impegno per la comunità universitaria ma più opportunità per chiunque, docenti, ricercatori, personale tecnico-amministrativo e studenti </li></ul><ul><li>Più occasioni di attrarre risorse aggiuntive per l’Università di Sassari e per lo sviluppo della Sardegna </li></ul><ul><ul><li>Programmazione regionale </li></ul></ul><ul><ul><li>Fondi comunitari, Programma ENPI, VII Programma Quadro, etc. </li></ul></ul><ul><ul><li>Partnership con altri soggetti pubblici e con privati </li></ul></ul>
  22. 22. Grazie dell’attenzione Analisi, progetto, modello, metodologia, contenuti, elaborazioni, testi e slide sono un prodotto originale dello Studio Giaccardi & Associati - Consulenti di Direzione Alghero (SS) 1999 - Ravenna 2007 © All Rights Reserved, Alghero, 15 giugno 2009 Biz Stone

×