SMAU Padova 2014 BRAND NAMING: scegliere, valorizzare e tutelare il marchio online
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

SMAU Padova 2014 BRAND NAMING: scegliere, valorizzare e tutelare il marchio online

on

  • 1,814 views

- creazione e tutela del marchio; ...

- creazione e tutela del marchio;
- look alike: nomi simili e segni confondibili;
- internet thinking: prevenire le violazioni;
- best practices: strumenti e strategie di difesa;
- Kunzly vs K-swiss: quando e come tutelare il marchio.

Statistics

Views

Total Views
1,814
Views on SlideShare
976
Embed Views
838

Actions

Likes
1
Downloads
11
Comments
0

9 Embeds 838

http://www.scoop.it 684
http://www.smau.it 124
http://www.carobene.com 19
https://twitter.com 4
http://marcofavero.tumblr.com 2
http://www.slideee.com 2
http://www.linkedin.com 1
http://future.smau.it 1
https://www.linkedin.com 1
More...

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

SMAU Padova 2014 BRAND NAMING: scegliere, valorizzare e tutelare il marchio online SMAU Padova 2014 BRAND NAMING: scegliere, valorizzare e tutelare il marchio online Presentation Transcript

  • BRAND NAMING SCEGLIERE, VALORIZZARE E TUTELARE IL MARCHIO ON LINE Gianluca Carobene – mail@carobene.com - www.carobene.com Laura Di Iorio – b-zvicenza@barzano-zanardo.com – www.barzano-zanardo.com
  • 2 L’associazione internazionale per la professionalità nel Web partecipazioni internazionali partecipazioni nazionali • Prima associazione al mondo (dal 1996) che raggruppa chi lavora nel Web, sia nel settore pubblico che privato. • Obiettivo di IWA è creare rete tra i soci, partecipare all'evoluzione della rete e divulgare conoscenza tramite i soci con eventi ed iniziative. • In Italia IWA Italy è Associazione professionale rappresentanza delle professionalità Web che rilascia attestato di qualità secondo quanto previsto dalla legge 4/2013, unica Associazione del settore ICT attualmente censita dal Ministero dello Sviluppo Economico.
  • 3 CREARE UNA MARCA Il naming View slide
  • 4 -Verbale -Figurativo -Colore -3D -Sonoro DISAMBIGUIZIONE Marketing Legale MARCA o BRAND MARCHIO o TRADEMARK MARCHIO MARCA?? ?  È lo strumento legale con il quale le imprese tutelano giuridicamente la propria marca   La marca è un concetto complesso, astratto, intangibile. Possiamo immaginarla come una scatola che contiene si il marchio, ma anche, la notorietà, la storia dell’azienda, la reputazione, gli investimenti,i valori, etc. View slide
  • 5 La Marca Simbolo/logo Tondo avvolgente rassicurante Pay-off/sottotitolo Lettering/font Semplice classico tradizionale Nome verbale: BARILLA Cognome italiano, abbinato alla cucina richiama il made in Italy e la sua eccellenza. Colore Energia passione calore © 2014 Beatrice Ferrari - Synesia
  • 6 Provate voi Il colore arancione è un colore caldo,  simbolo di armonia interiore, di creatività artistica, di fiducia in se stessi e negli altri. L’arancione inoltre simboleggia la comprensione, la saggezza, l’equilibrio e l’ambizione. Questo colore, in cromoterapia è utilizzato per curare la depressione. Arancione È il simbolo della calma, della tranquillità e dell’equilibrio. Il colore Blu ha la capacità di generare un senso di rilassamento che regala equilibrio nella sfera emotiva. Il Blu è leggerezza. Blu PREGIS
  • 7 Il NOME Le fondamenta di un successo Il carattere di un Marchio © 2014 Beatrice Ferrari - Synesia Debole Forte
  • 8 Il NOME Le fondamenta di un successo Debole Forte GOOGLE ADIDAS DIVANI&DIVANI IKEA IPHONE PERLANA
  • 9 Il NOME Le fondamenta di un successo Come creare un nome © 2014 Beatrice Ferrari - Synesia Il nome magico non esiste risulta quindi importante non avere troppe aspettative nel momento della scelta Avere alternative Portare alla verifica finale di disponibilità legale più possibilità
  • 10 Il NOME Le fondamenta di un successo Cosa fare © 2014 Beatrice Ferrari - Synesia Definire: Chiarire il bisogno, ciò che si vuole comunicare e come esprimere tale bisogno (Target, territorio, lingua, valori, caratteristiche del prodotto/servizio etc.) Elaborazione creativa: creare, inventare ricercare attraverso lavori di gruppo, individuali o affidandosi ad agenzie esperte di brand naming  creare più nomi possibili tenendo a mente i bisogni definiti. Selezionare: scegliere i nomi più adeguati a seconda dei criteri fondamentali di marketing, semiotica e proprietà industriale. Controllo e Tutela: verificare la disponibilità attraverso ricerche legali di anteriorità. Registrare il marchio ed il nome a dominio. Sorvegliare il mercato.
  • 11 LA TUTELA  Registrare un marchio permette ad un’azienda di tutelare i propri investimenti e garantirsi la permanenza sul mercato, impedendo ad altri potenziali concorrenti di poterlo utilizzare in relazione a prodotti o servizi identici o simili; La registrazione dura 10 anni, rinnovabile per altri 10 anni per un numero potenzialmente infinito di volte; Il marchio è un bene che può essere ceduto, “affittato” e sfruttato al pari di ogni altro bene dell’azienda: tramite la cessione, la concessione di licenze, il merchandising, la sponsorizzazione, il franchising, l’azienda può incassare royalties ed ammortizzare i costi sostenuti;  Con il trascorrere del tempo il marchio aumenta di valore e può rappresentare, da solo, una voce fondamentale del patrimonio societario iscrivibile a bilancio (i.e valore marchio Apple 2012 185,07 miliardi dollari). TUTELA MARKETIN G Creare una marca forte non è sufficiente, è necessario registrala come marchio Perché?
  • 12 LA TUTELA Come si registra un marchio Dove? Territorialità della registrazione Per cosa? Classificazione di Nizza: 45 classi di prodotti e servizi Paesi dove è maggiore la richiesta del prodotto Principali mercati produttori Paesi dove la contraffazione è maggiormente diffusa Prodotti/servizi dell’azienda (es. ABBIGLIAMENTO) Prodotti/servizi affini (es. BORSE) + Merchandising (CALENDARI - marchi notori)
  • 13 LA TUTELA Requisiti Impedimenti Assoluti Impedimenti relativi Descrittività vs Distintività (Ricordate?) Non possono essere registrati i segni che possono servire a designare la specie, la qualità, la quantità, la destinazione, il valore, la provenienza geografica ovvero l’epoca di fabbricazione del prodotto o della prestazione del servizio o altre caratteristiche del prodotto o servizio LICEITÀ NOVITÀ Esistenza di segni distintivi anteriori di terzi identici o confondibili: Criteri: -Somiglianza fonetica, visiva e concettuale -Affinità prodotti e servizi; -Carattere distintivo (Ricordate?) Importanza della RICERCA D’ANTERIORITÀ (Ricordate?)
  • 14 LA TUTELA Somiglianza Visiva Occorre tener conto del fatto che il consumatore medio solo raramente ha la possibilità di procedere a un confronto diretto dei vari marchi, ma deve fare affidamento sull'immagine imperfetta che ne ha mantenuto nella memoria.
  • 15 LA TUTELA Somiglianza Fonetica A seconda del territorio dove si deposita il marchio, occorre tener presente la lingua di riferimento.
  • LA TUTELA Somiglianza Concettuale A seconda del territorio dove si deposita il marchio, occorre tener presente la lingua di riferimento.
  • 17 LA TUTELACosa posso registrare? Parole; disegni; lettere; cifre; suoni; forme del prodotto o della sua confezione; combinazioni o tonalità cromatiche, odori. Tutti i segni – rappresentabili graficamente – idonei a distinguere i prodotti o i servizi di una impresa da quelli altrui. Quindi, il nome che ho creato come può essere tutelato? Verbale: Figurativo: Colore: RED BULL Accoppiamento blu/grigio Ma se fossero nuovi, distintivi e fossi in grado di rappresentarli graficamente potrei registrare anche l’odore della bevanda o il suono della lattina che si apre.
  • 18 LA TUTELAFinalmente la registrazione Ho l’idea innovativa Ho il prodotto Ho il nome Ho il logo Ho la registrazione Ho il nome a dominio Ho successo Posso rilassarmi
  • 19 LE VIOLAZIONI SBAGLIATO!!!!
  • 20 Look-alike o knock–off Immissione sul mercato di prodotti che per aspetto esteriore, ed in particolare per il packaging, richiamano prodotti già esistenti sul mercato. Realizzarsi di una associazione inconscia, anche solo subliminare (ma a maggior ragione pericolosa) tra le confezioni e quindi tra prodotti. Sfruttamento degli investimenti altrui, senza essere gravati da spese di ideazione, di innovazione, ma anche di marketing: da qui, per gli imprenditori imitati, riduzione delle vendite, svilimento dell’immagine (a causa dell’associazione a prodotti di qualità inferiere) forte disincentivo agli investimenti e diluizione del potere attrattivo del marchio
  • 21 Look-alike o knock–off Esempi
  • 22 Look-alike o knock–off Esempi
  • 23 Look-alike o knock–off Esempi
  • 24 Look-alike o knock–off Esempi
  • 25 Look-alike o knock–off Esempi
  • 26 Look-alike o knock–off Esempi
  • 27 Look-alike o knock–off Esempi
  • 28 Look-alike o knock–off Armi efficaci per combattere il look alike MARCHIO DESIGN COPYRIGHT CONCORRENZA SLEALE
  • 29 I segni distintivi nell’era 2.0
  • 30 I segni distintivi nell’era 2.0 Violazione del marchio e pratiche di concorrenza sleale nel Web Cosa viene violato? Funzione distintiva (identificazione della fonte di provenienza del prodotto) Funzione suggestiva o pubblicitaria (marchio notorio / di rinomanza / famoso) effetto confusione vantaggio indebito (traffic diversion) e/o danno alla capacità distintiva / rinomanza
  • 31 I segni distintivi nell’era 2.0 Il nome a dominio Come è fatto un nome a dominio? I domini sono vetrina con la quale l’azienda o il prodotto si presenta al mondo nell’era digitale. www.barzano-zanardo.com Protocollo di comunicazione Dominio di secondo livello: questa è la parte memorizzabile del nome di dominio che le persone, le organizzazioni o le imprese registrano per rappresentare il proprio posto sul web. Dominio di primo livello si dividono in gTLD (.com, .net, .biz, etc ) o cTLD (.it, .fr, .cn, .kr, etc.)
  • 32 I segni distintivi nell’era 2.0 Il nome a dominio Rilevanza Collegamento chiaro tra il nome del dominio ed il marchio, il prodotto, il servizio o l’azienda. Parole chiave Se si riesce ad inserire una parola chiave all'interno del nome di dominio, è più probabile che il sito web appaia in testa sui motori di ricerca. Scegliere l'estensione adatta. In base al proprio mercato di riferimento. Occorre anche pensare di acquistare più estensioni per evitare intrusioni della concorrenza o di altri soggetti non desiderati. Trovare domini simili. Proteggere il marchio ed aumentare la nostra cerchia di domini con nomi multipli e vicini al principale da reindirizzare alla stessa pagina principale. Ci sono milioni di nomi di domini diversi da scegliere Come scegliere un nome a dominio? Lancio di oltre 600 gTLD che i titolari di marchi registrati possono registrare in sunrise (prelazione) tramite TMCH .APP .BLOG .CHAT .CLICK .CLOUD .CODES .COMPUTER .COMSEC .DATA .DIGITAL .DOCS .DOMAINS .DOT .DOWNLOAD .EMAIL .GRAPHICS .HOST .HOSTING .IDN .MAIL .MAP .MEDIA .MOBILE .MOV .NETWORK .ONLINE .PHONE .SEARCH .SITE .SOFTWARE .SYSTEMS .TECH .TECHNOLOGY .TUBE .VIAJES .WEB .WEBCAM .WEBSITE .WEIBO .ZIP
  • 33 I segni distintivi nell’era 2.0 Violazione del marchio e pratiche di concorrenza sleale nel Web Possibili violazioni di marchio realizzate in e con Internet 1.Presenza all’interno di un sito web di prodotti o servizi di terzi identici o affini e recanti marchi identici o simili  rischio di confusione; 2. Nome a dominio contenente parola uguale o simile al marchio anteriore altrui per identificare un sito con cui viene svolta la stessa (o analoga) attività economica; 3. Nome a dominio contenente parola identica o simile ad un marchio anteriore altrui dotato di rinomanza, per un sito con cui viene svolta una diversa attività economica;
  • 34 I segni distintivi nell’era 2.0 Violazione del marchio e pratiche di concorrenza sleale nel Web Possibili violazioni di marchio realizzate in e con Internet 1. Registrazione in malafede del dominio corrispondente al marchio altrui (“cybersquatting” o “domain grabbing”). 2. Uso del marchio altrui come meta-tag nell’ambito delle ricerche in Internet (es: Google). I motori di ricerca per l’indicizzazione dei siti utilizzano: • il nome del sito • il titolo della pagina • i metatag description e keywords • il testo della pagina • frequenza e posizionamento delle parole chiave nel testo della pagina • i link • la “link popularity” (link presenti nella pagina e link ricevuti dalla pagina, c.d. “google bombing”)
  • 35 I segni distintivi nell’era 2.0 Violazione del marchio e pratiche di concorrenza sleale nel Web L’uso del marchio del concorrente come meta-tag raramente ha lo scopo di creare confusione con l’attività del sito del terzo (confusione che comunque si verifica nella fase “pre-vendita”) Lo scopo principale è di sviare traffico internet dal sito del marchio (notorio) altrui al proprio sito internet, aumentando così il numero di accessi al proprio sito ed il valore del sito.
  • 36 I segni distintivi nell’era 2.0 Violazione del marchio e pratiche di concorrenza sleale nel Web <A href="http://www.valentino.it">Armani</A> INDICIZZARE = DARE VISIBILITÀ VALORIZZAZIONE DEL BRAND
  • 37 I segni distintivi nell’era 2.0 Violazione del marchio e pratiche di concorrenza sleale nel Web L’uso del marchio altrui come meta-tag può assumere rilievo sotto un duplice profilo: contraffazione di marchio (art. 20, co. 1, lett. b e c cpi) concorrenza sleale (art. 2598 n. 3 c.c.) Il titolare ha il diritto di vietare ai terzi […] di usare nell'attività economica: […] b) segno identico o simile al marchio registrato, per prodotti o servizi identici o affini, se  rischio di confusione per il pubblico, che può consistere anche in un rischio di associazione fra i due segni; c) segno identico o simile al marchio registrato per prodotti o servizi anche non affini, se il marchio registrato goda nello stato di rinomanza e se  indebito vantaggio o pregiudizio. […] compie atti di concorrenza sleale chiunque: 3. si vale direttamente o indirettamente di ogni altro mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l'altrui azienda.
  • 38 I segni distintivi nell’era 2.0 Violazione del marchio e pratiche di concorrenza sleale nel Web Uso del marchio altrui come Internet keyword nel servizio di posizionamento AdWords di Google. Che cos’è Google AdWords? È un servizio (a pagamento) che consente, mediante la scelta di parole chiave (key- words), di far apparire il proprio annuncio come “link sponsorizzato” ogni volta che, con il motore di ricerca, si ricerca quella/e key-words.
  • 39 I segni distintivi nell’era 2.0 Violazione del marchio e pratiche di concorrenza sleale nel Web1. Altri usi illeciti di utilizzo del marchio altrui: - nel testo della pagina web - nelle didascalie di immagini - come link - come “username” per l’account (es: facebook.com/loropiana) Scopo  traffic diversion 2. Uso del marchio altrui a scopo di critica / condanna in forum, blogs, siti il cui nome a dominio comprende il marchio (“gripe site”, es: ABCsucks.com) Libertà di espressione e di libera manifestazione del pensiero (diritto costituzionalmente garantito) ↨ Tutela del marchio e della sua reputazione (interesse privatistico) ILLECITO??? INTERESSI CONTRAPPOSTI
  • 40 I segni distintivi nell’era 2.0 Violazione del marchio e pratiche di concorrenza sleale nel Web 1. Typosquatting  in inglese, “typo”, refuso tipografico e “squatting”, occupazione abusiva, è la registrazione di un nome di dominio del tutto simile ad un marchio noto, ma contenente un refuso. A quale scopo? intercettare traffico internet derivante da errori di battitura nell’URL (sfruttamento parassitario del traffico internet dirottato). 2. Page-jacking  è il copiare la pagina di un sito web noto all’interno di un nuovo sito web che sembra autentico per cercare di manovrare i motori di ricerca, attraverso l’uso di meta-tag, affinché tali siti vengano raggiunti dal maggior numero di utenti che crederanno di leggere le autentiche pagine web. Contraffazione di marchio e concorrenza sleale Concorrenza sleale confusoria e possibile violazione del diritto d’autore
  • 41 Prevenzione in rete WebMonitoring  attività di monitoraggio periodico per gli usi non consentiti del proprio marchio nella rete Internet, tra cui: uso improprio (uso del marchio altrui in modo generico o descrittivo); brand identity / commenti dispregiativi (il marchio è citato in un contesto positivo oppure è oggetto di critiche, giudizi negativi o commenti offensivi all’interno di blogs o social networks), uso non autorizzato (ad esempio, se un terzo - non licenziatario -mette in vendita prodotti recanti il marchio altrui), marchi confondibili (quando ci sono marchi simili nello stesso canale commerciale).
  • 42 Prevenzione in rete 1. Search Engine Optimization (SEO) Sistematicamente rintraccia l’uso (spontaneo) di un marchio in Internet, effettuando una ricerca nel principale motore di ricerca Google.com (o Yahoo.com/Bing.com) ed in un motore di ricerca nazionale (es. google.it/google.fr/ecc.) a scelta. Produce risultati in qualsiasi lingua, rintracciando i siti nei quali è contenuto il termine oggetto della ricerca (marchio). 2. Search Engine Advertising (SEA) È un servizio che rintraccia quei fenomeni del Web, il Pay-per-Click ed il Keyword Advertising, utilizzati per ottenere visibilità online nei motori di ricerca. Questi fenomeni, mediante la scelta di parole chiave (keyword), consentono di far apparire il proprio annuncio come “link sponsorizzato” ogni volta che, con il motore di ricerca, si cerca quella/e keyword/s. (Esempi dalle prime pagine di Yahoo e Bing  cfr. riquadri e link sponsorizzati)
  • 43 Prevenzione in rete Come utilizzare il SEO? Mirare la ricerca, attraverso la definizione di criteri di monitoraggio precisi e su misura in base alle specifiche esigenze. I risultati saranno poi ordinati per priorità, conformemente ai criteri forniti dal cliente. Perché usarlo? 1. Permette di monitorare cosa dicono gli utenti in rete del marchio; forum, blog, social network e consente un intervento tempestivo. 2. Individua l’uso indebito del marchio permettendo di contrastarne la diluizione e lo svilimento con interventi tempestivi (es. VeRO )   Come funziona il SEA? È un servizio di monitoraggio costante (giornaliero) che rintraccia gli annunci ed i link sponsorizzati che appaiono nei principali motori di ricerca quando il Vostro marchio viene digitato come termine di ricerca. Perché usarlo? 1. per evitare un utilizzo indiscriminato del marchio sul web ed un'appropriazione di termini e keyword legate ai Vostri marchi. Particolarmente adatto ai fenomeni di contraffazione su siti stranieri difficilmente monitorabili ( YANDEX) 2. per garantire che i Vostri marchi siano associati solo ai Vostri annunci o quelli dei soggetti da Voi espressamente autorizzati (es. rivenditori ufficiali o partner).
  • 44 Prevenzione in rete SEO SEA
  • 45 Avv. Gianluca Carobene www.carobene.com | mail@carobene.com
  • 46 BRAND NAMING
  • 47 2007 – Chiara Boni deposita il proprio marchio italiano e comunitario nelle classi “abbigliamento” e “profumi” SCEGLIERE IL BRAND E COME TUTELARLO
  • 48 Gennaio 2012 – Guerlain deposita il proprio marchio comunitario nella classe “profumi”
  • 49 Febbraio 2012 - Chiara Boni deposita un altro marchio comunitario SEGNI CONFONDIBILI ?
  • 50 BRAND GAME
  • 51 INTERNET THINKING Pensare alla rete
  • 52 Guardare la rete Per prevenire le violazioni
  • 53 SCELTA DEL NOME E CONCORRENZA
  • 54 Screening dei nomi a dominio Individuare violazioni e pratiche di concorrenza sleale Pianificare i rimedi opportuni
  • 55 COCA-COLA / COCACOLLA
  • 56
  • 57 Quando e come tutelare il marchio
  • 58 KÜNZLI ➔ Mancata pianificazione
  • 59 K-SWISS ➔ Registrazione tempestiva del marchio
  • 60 K-SWISS VINCE SU KÜNZLI
  • 61 Künzli è costretta a rinunciare al brand che utilizzava ancora prima di K-Swiss
  • 62 “Künzli lost the right to use the 5 stripes - their invention / property - to their former partner K-Swiss” Da http://swisscherry.blogspot.it/
  • 63 > Pianificazione > Tutela legale > COMPETITIVITÀ AZIENDALE
  • 64 BEST PRACTICES > Adeguata scelta del brand > Ricerca di anteriorità > Registrazione del marchio > Web monitoring > Segnalazioni e rimedi giudiziali
  • 65 I | 35137 Padova Via Savonarola 217 Tel +39 049 8592249 Fax +39 049 8594185 I | 20122 Milano Via Sforza 19 Tel +39 02 45071207 Fax +39 02 40044452 Ufficio B&Z di ROMA Via Piemonte, 26 00187 Roma, Italia Tel. +39 06 421771 Fax +39 06 4870273 Ufficio B&Z di MILANO Via Borgonuovo, 10 20121 Milano, Italia Tel. +39 02 626131 Fax +39 02 6598859 www.carobene.com Ufficio B&Z di TORINO C.so V.Emanuele II, 61 10128 Torino, Italia Tel. +39 011 0888500 Fax +39 011 548050 Ufficio B&Z di VICENZA Via del Commercio, 56 36100 Vicenza, Italia Tel. +39 0444 348210 Fax +39 0444 348147 Ufficio B&Z di BIELLA Via Lamarmora, 21 13900 Biella, Italia Tel. +39 015 8497843 Fax +39 015 8497858 Ufficio B&Z di RIMINI Via Marecchiese, 314/D scala 2 47922 Rimini, Italia Tel. +39 0541 791957 Fax +39 0541 795927 www.barzano-zanardo.com b-zvicenza@barzano-zanardo.com Tutti i loghi, disegni, marchi ed immagini appartengono ai rispettivi proprietari. Riproduzione a mero scopo divulgativo/formativo. Tutti i diritti riservati © 2014 Carobene & Partners / Barzanò & Zanardo