Ricerca sumeri1

52,099 views
52,992 views

Published on

0 Comments
4 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
52,099
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
32,918
Actions
Shares
0
Downloads
176
Comments
0
Likes
4
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ricerca sumeri1

  1. 1. QUANDO? Il popolo dei Sumeri, che provenivadallaltopiano iraniano, giunse in Mesopotamia verso il 4000 a.C. e lì si stabilì.Nacque così la più antica civiltà del mondo.
  2. 2. DOVE? Mesopotamia significa in greco “TERRA TRA I FIUMI”. I fiumi sono: lEUFRATE (lungo 1780 km) e il TIGRI (lungo1950 km). Entrambi hanno la sorgente nelle montagne situate in Armenia e sfociano nel Golfo Persico. Lungo il loro corso bagnano larghe vallate dal ricco suolo argilloso. Spesso sui monti Taurus e Zagros cadevano piogge torrenziali. A volte queste piogge provocavano inondazioni catastrofiche: torrenti di fango inghiottivano i villaggi.
  3. 3. Lagricoltura I Sumeri erano bravi agricoltori e utilizzavano lacqua dei fiumi per coltivare. In primavera lacqua era molto abbondante: straripava e distruggeva i raccolti.
  4. 4. L’agricoltura I Sumeri iniziarono a costruire: canali, dighe, argini per evitare le inondazioni e irrigare meglio i campi. Erano opere complesse: per costruirle non era sufficiente il lavoro degli abitanti di un villaggio, nè dei soli agricoltori. Perciò i villaggi si unirono diventando piccole città.
  5. 5. L’agricoltura I campi erano fertili e producevano abbondanti raccolti: legumi, cereali, frumento e orzo. Negli orti crescevano: piante da frutto, palme da dattero, mandorli, fichi e susini.
  6. 6. Lallevamento In alcune zone pascolavano solamente buoi e onagri. I Sumeri allevavano anche capre, pecore e maiali. Nei fiumi pescavano molto pesce.
  7. 7. LARTIGIANATOPer comprendere la nascita della città, dobbiamo prima In seguito, i Sumeri, tener conto della scoperta dei scoprirono nuovi metalli e metalli. si specializzarono nella loro lavorazione: furono iFin dal IV millennio a.C. venivano usati soprattutto primi fabbri e artigiani gli utensili per lagricoltura fatti in pietra, legno, osso.Circa nel 3000 a.C. si scoprì un nuovo metallo che permetteva di costruire utensili più affilati e resistenti , questo metallo era il rame.
  8. 8. IL COMMERCIO Poteva capitare che un certo materiale scarseggiasse in quella zona; fu proprio per questo che nacque il baratto: I Sumeri scambiavano oggetti che avevano in abbondanza, con ciò che non possedevano. Così nacque una nuova professione: quella del mercante.
  9. 9. COME VIAGGIAVANO I MERCANTI SUMERI?I mercanti Sumeri, per scambiare le merci, viaggiavano su battelli o su piccole barche a vela lungo i fiumi o a piedi lungo le strade; i carri o gli asini portavano le merci.
  10. 10. LA CITTA STATO Ogni città sumera aveva un suo capo e delle leggi.Ogni città era uno Stato, perciò si chiamava CITTA STATO. I Sumeri costruivano le città vicino ai fiumi. Intorno alle città c’erano le mura per proteggere gli abitanti dai nemici o dall’acqua dei fiumi quando straripavano.
  11. 11. LA SOCIETAIL RE: era a capo della società:prendeva le decisioni,dettava le leggi edecideva le punizioni per chi non lerispettava, inoltre comandava lesercito.I SACERDOTI: erano i rappresentantidegli dèi . Si occupavano del tempio edelle cerimonie religiose .I GUERRIERI: difendevano il territorio.I NOBILI: erano persone ricche chepossedevano terreni.IL POPOLO: era formato da mercanti(acquistavano e vendevano le merci),artigiani (costruivano attrezzi, armi eoggetti utili), contadini (coltivavano leterre e allevavano gli animali).SCHIAVI: erano prigionieri oppurepersone povere che non potevano pagarei debiti.
  12. 12. LA ZIGGURATLa ziggurat era una piramide a gradoni.Sulla cima della Ziggurat cera il tempio che i sacerdoti utilizzavano come osservatorio astronomico.All interno della Ziggurat cerano:● i magazzini per conservare i raccolti e le merci;● i laboratori degli artigiani;● le botteghe dei commerciantiQuindi la ziggurat era anche il centro economico della città, cioè il luogo dove gli artigiani producevano e i commercianti vendevano prodotti.
  13. 13. LE CASELe abitazioni delle persone povere avevano una o due stanze.Le case delle famiglie ricche invece erano a due piani e avevano più stanzeI mobili erano: il letto, le sedie, gli sgabelli, le cassapanche e le ceste per conservare la biancheria di casa, gli abiti e i gioielli. Ricostruzione di una abitazione di famiglia ricca
  14. 14. LE CASE Le case avevano il tetto piatto, perché in genere le piogge erano scarse e non cera bisogno di tetti spioventi per far scorrere lacqua. Le uniche aperture delle case erano la porta dingresso e uno sbocco sul tetto per fare entrare la luce e fare uscire il fumo del focolare .
  15. 15. Che cosa mangiavano? I Sumeri si cibavano soprattutto di orzo, con esso si potevano preparare: focacce, pani e birra. La birra, insieme al vino di palma, era la bevanda più popolare.
  16. 16. Che cosa mangiavano? Il pranzo veniva arricchito con: latte, uova, pesce, carne di gallina, anatra e oca. Soltanto i più ricchi potevano permettersi la carne di bue e montone arrosto. Di solito in tavola i dolci non mancavano mai e si preparavano con noci, datteri, fichi e miele.
  17. 17. In occasione di feste come matrimoni, capodanni, riti religiosi, anche le famiglie più povere mangiavano carne di bovini o di pecore.A ogni banchetto dei re Sumeri, erano sempre presenti dei suonatori darpa.
  18. 18. Come si vestivano?Dato che in Mesopotamia il clima era molto caldo gli abitanti indossavano abiti leggerissimi.Gli uomini più ricchi indossavano soltanto lunghe gonne formate da ciocche di lana. Grazie a questo Le donne indossavano abbigliamento si assicurava tuniche di lino. al corpo una temperatura Le persone più ricche mite. avevano dei gioielli meravigliosi.
  19. 19. Come si curavano? I vari abitanti avevano una grande cura per se stessi: si lavavano sempre con lacqua dei canali, si ungevano il corpo, la barba e i capelli con olio profumato, per difendersi da scottature e parassiti. I re, soprattutto, avevano sempre acconciatureRitratto del re Sargon elaboratissime.
  20. 20. Comera la vita quotidiana? La maggior parte della popolazione di giorno coltivava i campi, costruiva argini e canali e produceva oggetti. Con il bronzo gli artigiani ottenevano armi e strumenti di vita quotidiana. Il bronzo è formato da una lega di metalli: lo stagno e il rame. Invece i gioielli erano fatti di metalli preziosi come loro e largento.
  21. 21. LE DIVINITA I Sumeri erano politeisti,cioè credevano in molte divinità (circa cento) che rappresentavano gli elementi della natura. Le divinità più importanti erano: ● Ki, la dea della terra. ● Enlil, il dio del vento. ● Enki, il dio dell acqua. ● An, il dio del cielo infinito. ● Inanna, la dea della feconditàQuesta immagine raffigura Enki, il dio dellacqua.
  22. 22. I SACERDOTII sarcedoti erano persone importanti: interpretavano il volere degli dèi e i segni celesti.Essi si occupavano delle cerimonie religiose per far sì che le divinità protettrici fossero benevole nei confronti della popolazione.
  23. 23. LE PREGHIEREPer i Sumeri la religione era molto importante.Queste statuette sono state trovate assieme a molte altre nei sotterranei di un tempio sumero.Hanno le mani giunte in un tipico atteggiamento di preghiera.Erano offerte agli dei per ottenere salute e una lunga vita (rappresentavano i donatori stessi).
  24. 24. LA NASCITA DELLA SCRITTURAL invenzione della scrittura fu un avvenimento importantissimo nella vita dell uomo.La scrittura fu inventata nel 3200 a.c. dai Sumeri e si diffuse in tutta la Mesopotamia
  25. 25. LINVENZIONE DELLA SCRITTURA La scrittura fu inventata in particolare per: ● i funzionari che non riuscivano più a ricordarsi le merci che venivano portate al magazzino ● i contadini che affermavano di aver pagato il tributo
  26. 26. LA SCRITTURAPITTOGRAFICA I Sumeri inventarono così la scrittura pittografica che veniva disegnata su una tavoletta dargilla Questa scrittura era usata in modo schematico. Ad esempio si disegnavano sulla tavoletta: una pecora, un pesce, una gallina, una spiga… seguiti da tanti puntini quanti erano gli oggetti da indicare.
  27. 27. LA SCRITTURA IDEOGRAFICA Poi si inventò la scrittura ideografica che era basata su un idea. Per esempio la parola “piede ” non significava più solo “piede”, ma anche "andare", "venire", "portare".
  28. 28. LA SCRITTURA CUNEIFORME Con il trascorrere dei secoli i pittogrammi persero la somiglianza con loggetto da rappresentare assumendo un aspetto sempre più stilizzato. Questi nuovi segni venivano tracciati con uno stilo di canna di metallo che lasciava unimpronta a forma di cuneo. Per questo motivo la nuova scrittura si chiamò cuneifome.
  29. 29. La matematica presso i Sumeri I Sumeri praticavano la matematica utilizzando dei sassolini dargilla di 6 forme diverse: il piccolo cono, la biglia, il grande cono, il grande cono perforato, la sfera, la sfera perforata. Ogni forma aveva un valore. Per effettuare i cambi servivano: 10 sassolini del primo tipo per farne uno del secondo tipo; 6 sassolini del secondo tipo per farne uno del terzo; 10 sassolini del terzo tipo per farne uno del quarto; 6 sassolini del quarto tipo per uno del quinto. 10 sassolini del quinto tipo per uno del sesto.
  30. 30. Addizione e sottrazioneL‘ADDIZIONE era molto semplice: per addizionare due numeri bastava unire i due gruppi di sassolini che li rappresentavano. I sassolini messi insieme indicavano la somma.La SOTTRAZIONE si eseguiva costruendo un primo mucchio di sassolini, il minuendo, dal quale si toglieva il sottraendo. I sassolini rimasti indicavano il resto.
  31. 31. Moltiplicazione e divisione Per fare la MOLTIPLICAZIONE si rappresentava con un mucchietto di sassolini il primo fattore, poi si ripeteva ogni sassolino del primo fattore tante volte quante il numero per cui si voleva moltiplicare. Utilizzando sempre i sassolini la DIVISIONE si effettuava suddividendo il mucchio di partenza in tanti mucchi uguali. La divisione era unoperazione molto importante nella vita dei Sumeri.
  32. 32. GLI SCRIBI I Sumeri che scrivevano e facevano i conti venivano chiamati scribi. Per diventare scriba bisognava frequentare la scuola per quasi ventanni, sotto la guida di maestri molto severi. Tuttavia ne valeva la pena perché gli scribi eranoStatua in alabastro che considerati personaggiraffigura uno scribaSumero. molto importanti nella società.
  33. 33. LA SCUOLA Dato che la scrittura cuneiforme aveva più di seicento segni era molto difficile imparare a scrivere, perciò i Sumeri inventarono le scuole. La scuola era frequentata solo dai maschi perché le femmine erano educate a casa. La scuola era molto costosa, quindi solo le famiglie più ricche se la potevano permettere per far istruire i figli. Le lezioni duravano dalla mattina alla sera. Gli alunni imparavano a leggere, a scrivere e a fare i conti.
  34. 34. LA SCUOLA La scuola si trovava allinterno della ZIGGURAT. La scuola veniva chiamata “casa delle tavolette” perché si scriveva sulle tavolette dargilla.
  35. 35. Le invenzioni: i mattoniA quel tempo le uniche risorse per costruire erano le canne palustri e largilla.I Sumeri inventarono i mattoni essiccati al sole che permisero di realizzare grandi opere.Mettevano l argilla negli stampi e li facevano seccare al sole. Si ottennero i mattoni “crudi”. Nacque poi l idea di cuocerli in appositi forni. Con i mattoni i Sumeri costruivano le loro abitazioni.
  36. 36. Le invenzioni: la ruotaI Sumeri furono i primi a usare la ruota con la quale facevano muovere i carri.La ruota era formata da tre parti di legno fissate tra loro da trasverse di legno e graffe di metallo.
  37. 37. Le invenzioni: l aratroLaratro era trainato da buoi accoppiati in un doppio giogo, era formato da: una punta di legno, un timone a due manici per direzionarlo e un imbuto per spargere i semi nel solco.
  38. 38. Le invenzioni: le imbarcazioni fluviali ImbarcazioneInizialmente erano ceste di fluviale costruita in vimini foderate di pelle, vimini in seguito presero una forma allungata e furono costruite con il legno.Su queste barche venivano caricate le merci e i Sumeri, navigando lungo i fiumi, giungevano fino allOceano Indiano. Raffigurazione di un imbarcazione

×