Etna contratto di rete
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Etna contratto di rete

on

  • 278 views

 

Statistics

Views

Total Views
278
Views on SlideShare
274
Embed Views
4

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
2

3 Embeds 4

http://www.slideee.com 2
https://www.linkedin.com 1
http://www.linkedin.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Etna contratto di rete Presentation Transcript

  • 1. CONTRATTO DI RETE TURISMO RELAZIONALE ESPERIENZA OLISTICA
  • 2. PRIMA DEL MARKETING, PRIMA DEL LOGO, ALLA RISCOPERTA DI UNA IDENTITA’ CONDIVISA. • LA NATURA E L’UOMO il rischio e la precarietà ma anche lo stupore provocati dal vulcano attivo più grande d’Europa (antropologia del rischio e dell’ambiente • L’UOMO E LA NATURA tradizioni, pratiche, sapere, prodotti e manufatti che raccontano l’antropizzazione di questa particolarissima “montagna” (etnografia, arti e tradizioni popolari) • GLI UOMINI TRA LORO il reticolo di interessi particolari e la loro risultante “etnea”, come laboratorio di governance a cielo aperto, stratificazione di intenzioni, contraddizioni e “progetti” pubblici, privati, collettivi ed individuali (antropologia politica) RISCHIO LA NATURA E L’UOMO ESPERIENZA L’UOMO E LA NATURA SVILUPPO GLI UOMINI TRA DI LORO
  • 3. IL CONTRATTO DI RETE Cos’è? Come si fa? • • • • Il contratto di rete è uno strumento di aggregazione delle imprese agile e flessibile, che permette di realizzare un’idea imprenditoriale comune agli imprenditori coinvolti, senza vincoli di distretto o comunque geografici e mantenendo in capo alle singole imprese partecipanti la propria autonomia giuridica ed aziendale Con il contratto di rete “più imprenditori perseguono lo scopo di accrescere, individualmente e collettivamente, la propria capacità innovativa e la propria competitività sul mercato” (art. 3, comma 4-ter, Decreto Legge n. 5/2009, convertito con legge n. 33/09) Il contratto di rete è uno strumento per l’economia globale: esso è stato concepito per consentire alle nostre imprese di ridurre il divario concorrenziale con le imprese di altri paesi • • • • • Atto pubblico, scrittura privata, autenticata da notaio o da altro pubblico ufficiale Iscrizione nella sezione del registro delle imprese presso cui è iscritto ciascun partecipante con la denominazione sociale di ogni partecipante, nonché la denominazione e la sede della rete Istituzione di un fondo patrimoniale comune Indicazione del programma di rete, degli obiettivi strategici di innovazione e innalzamento della capacità competitiva dei retisti e le modalità concordate fra gli stessi per misurare l’avanzamento verso tali obiettivi; la durata del contratto, le modalità di adesione di altri imprenditori le regole per l’assunzione delle decisioni dei partecipanti nonché, se il contratto prevede la modificabilità a maggioranza del programma di rete, le regole relative alle modalità di modifica del programma medesimo
  • 4. IL BANDO Contributi in favore di reti di imprese turistiche D.M. 8.1.2013 OGGETTO DEL BANDO • Promozione dei processi di integrazione tra le imprese turistiche (PMI) attraverso lo strumento delle reti di impresa • Partecipazione all’aggregazione di un numero minimo di 10 PMI di cui 80% imprese turistiche • Spese non inferiori a euro 400.000,00 (di cui 200.000,00 a fondo perduto, regime de minimins) • Iniziative volte alla riduzione dei costi delle imprese in rete (prenotazioni, logistica, amministrazione) • iniziative che migliorino la conoscenza del territorio a fini turistici • implementazione di iniziative di promocommercializzazione (social marketing) • creazione di pacchetti turistici innovativi • promozione sui mercati esteri (fiere e materiale promozionale) SCADENZE • • • • Costituirsi in Rete entro il 3 maggio 2014 Proposta inviata entro il 9 maggio 2014 I progetti dovranno essere conclusi entro quindici mesi dall’accettazione del documento di notifica di ammissione al contributo Potrà essere concessa una proroga per un periodo massimo di sei mesi per motivate e dimostrate ragioni connesse esclusivamente ad aspetti tecnici e realizzativi dei progetti
  • 5. IL BANDO Contributi in favore di reti di imprese turistiche D.M. 8.1.2013 COSA FINANZIA VALUTAZIONE • costi funzionali alla costituzione della rete (presentazione di fidejussioni, spese notarili e di registrazione, massimo 5% del contributo) • • costi per tecnologie e strumentazioni hardware e software • consulenza e assistenza tecnico-specialistica prestate da soggetti esterni per la redazione del programma di rete e sviluppo del progetto (massimo 10% del contributo) • costi per la promozione integrata sul territorio nazionale e per la promozione unitaria sui mercati internazionali, attraverso attività di promozione dell’ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo • costi per la comunicazione e la pubblicità • costi di formazione dei titolari d’azienda e del personale dipendente impiegato nelle attività di progetto (massimo 15% del contributo) • • • • numero dei soggetti che partecipano alla rete di impresa interregionalità dei progetti progetti miranti alla destagionalizzazione dei flussi turistici affidamento all’ENIT delle attività di promo-commercializzazione sui mercati internazionali utilizzo di tecnologie innovative di promocommercializzazione on line compatibili con il Portale Italia.it
  • 6. LA GOVERNANCE Una prima ipotesi… MANAGEMENT Manager di rete Assemblea retisti COMITATO SCIENTIFICO PRODOTTO TURISTICO PROMOZIONE CALENDARIO PARTNERSHIP SERVIZI
  • 7. LE OPPORTUNITA’ (alcune prime considerazioni) OFFERTA INTEGRATA FORTE IDENTITA’ PERCEPITA ALL’ESTERNO CRESCITA DELLA IDENTITA’ (CONSAPEVOLEZZA, SENSO DI RESPONSABILITA’) INTERNA OFFERTA AUMENTATA CONDIVISIONE (RIDUZIONE) DI COSTI FISSI I RISCHI COMPLESSITA’ PROCESSO DECISIONALE COMPLESSITA’ DI GESTIONE OPPOSIZIONE DA PARTE DI CHI NON E’ DENTRO TEMPI LUNGHI PER FARE LE COSE