Federalismo fiscale in Italia: introduzione,attuazione e prospettive per la gestione degli Enti                      Local...
Premessa●   Obiettivo: presentare il federalismo fiscale, nel contesto    italiano, come processo e come sistema “a regime...
Indice1.Introduzione al federalismo fiscale. Il percorso  italiano2.Federalismo fiscale: la Legge 42/20093.Lattuazione del...
1.Introduzione al federalismo fiscale.  Il percorso italiano
Cosè il federalismo fiscale?
Federalismo fiscale o federalismi                fiscali?●   Federalismo fiscale: eterogeneità    ●   nelle definizioni   ...
Definire e realizzare il federalismo                   fiscale●   Verso una prima definizione:    ●   “Decentramento dei p...
Autonomia●   Autonomia: potere di decisione di ciascuna istituzione    territoriale●   Autonomia relativa a:    ●   serviz...
Responsabilità●   Responsabilità per amministratori: motivazione    delle proprie scelte, in seguito ad aumento    autonom...
Italia: i rapporti tra i diversi livelli di    governo. La Costituzione del 1948●   Stato accentrato, presenza autonomie● ...
Italia: i rapporti tra i diversi livelli di        governo. Tra Stato e Regioni●   1949: Finanziamento EE.LL.: sistema mis...
Italia: i rapporti tra i diversi livelli di     governo. Verso il decentramento●   1990: Avvio stagione riforme PP.AA.    ...
Italia: i rapporti tra i diversi livelli di       governo. Verso il federalismo●   2001: Riforma costituzionale    ●   Rif...
Italia: i rapporti tra i diversi livelli di        governo. Verso il federalismo●   Art. 119 Costituzione novellato    I C...
Italia: i rapporti tra i diversi livelli di    governo. Implementazione riforme●   2001-...: Ritorno al passato?    ●   Ef...
Italia: i rapporti tra i diversi livelli di       governo. Il federalismo fiscale●   2007: disegno di legge C. 3100, senza...
Federalismo fiscale: principali fonti               normative●   Costituzione (in particolare Titolo V e art. 119)●   L. 4...
Federalismo fiscale e management             pubblico●   Evoluzione delle teorie legate al management    pubblico         ...
Federalismo fiscale e management             pubblico●   Prospettiva: valore pubblico (public value) → le    PP.AA. sono c...
Federalismo fiscale e management                 pubblico●   “Triangolo” del valore    pubblico     ●   Definizione del VP...
Federalismo fiscale e management             pubblico ●   Aumento delle possibilità di azione per il     management pubbli...
1.Introduzione al federalismo fiscale.  Il percorso italiano2.Il federalismo fiscale. La legge 42/2009
La legge delega 42/2009●   Approvazione legge 5 maggio 2009, n. 42 “Delega al Governo    in materia di federalismo fiscale...
Ambito di intervento (art. 1)1. La presente legge costituisce attuazione dellarticolo 119 della Costituzione,assicurando a...
Modalità ed iter di attuazione●   Delega al Governo per lemanazione di uno o    più decreti attuativi del c.d. “federalism...
Attori e funzioni●   Definizione organi e relative funzioni (artt. 3-6)                Organo                 Funzione    ...
Criteri generali di finanziamento e               perequazione●   Nuovo sistema di finanziamento per Regioni (artt. 7-10) ...
Criteri generali di finanziamento e               perequazione●   Fabbisogno standard: finanziamento integrale    ●   Spes...
I tributi locali●   Tributi delle Regioni    ●   Tributi propri derivati    ●   Addizionali su tributi erariali    ●   Tri...
1.Introduzione al federalismo fiscale.  Il percorso italiano2.Il federalismo fiscale. La legge 42/20093.Lattuazione del fe...
Decreti e disposizioni attuative●   8 decreti attuativi emanati e in vigore:    ●   Federalismo demaniale    ●   Roma Capi...
Decreti e disposizioni attuative●   2 decreti attuativi in approvazione    ●   Ulteriori disposizioni in materia di Roma C...
D.lgs. 85/2010 “Federalismo                   demaniale”●   Trasferimento agli enti territoriali di beni diversi di propri...
D.lgs. 85/2010 “Federalismo                   demaniale”●   Alle Regioni e alle province sono trasferiti, senza oneri, il ...
D.lgs. 216/2010 “Fabbisogni                     standard”●   Avvio fase transitoria: 2012●   Metodologia innovativa, simil...
D.lgs. 23/2011 “Federalismo                      municipale”●   Soppressione graduale trasferimenti statali e introduzione...
D.lgs. 23/2011 “Federalismo                  municipale”●   Dal 2014, in aggiunta alle precedenti    ●   devoluzione compl...
D.lgs. 68/2011 “Federalismo           regionale e provinciale”●   Soppressione graduale trasferimenti statali●   Finanziam...
D.lgs. 68/2011 “Federalismo           regionale e provinciale”●   Finanziamento Province (“in attesa della loro    soppres...
D.lgs. 149/2011 “Sanzioni e premi            per gli Enti Locali”●   Relazione di fine legislatura●   Grave dissesto finan...
D.lgs. 118/2011 “Armonizzazione             sistemi contabili”●   Sperimentazione 2012 → 2014; avvio a regime dal    2014●...
D.lgs. 118/2011 “Armonizzazione                 sistemi contabili”●   Nuovo criterio di competenza finanziaria:    “Tutte ...
D.lgs. 118/2011 “Armonizzazione              sistemi contabili”●    Nuovi schemi di bilancio comuni → aumento      ●    om...
Manovre estate 2011 (DD.LL. 70,     98, 138): impatti sul federalismo                  fiscale●   Consistente riduzione di...
Decreto correttivo                            (CdM 24/10/2011)●   Decreto    ●   approvato, ma non in vigore, destino ince...
Decreto correttivo                        (CdM 24/10/2011)●   Anticipazione al 2013 della compartecipazione al 30% al gett...
Decreto “salva-Italia”: impatti sul              federalismo fiscale●   Incremento addizionale regionale Irpef●   Istituzi...
1.Introduzione al federalismo fiscale.  Il percorso italiano2.Il federalismo fiscale. La legge 42/20093.Lattuazione del fe...
Federalismo fiscale: le questioni              ancora aperte●   Iter e tempistica: non sempre rispettati, non vi sono ad  ...
Possibili implicazioni per gli Enti                   Locali●   Formazione ed organizzazione del personale e degli    uffi...
Il futuro delle Province●   Decreto “salva-Italia” interviene pesantemente sulle    Amministrazioni provinciali●   Funzion...
Il futuro delle Province●   Entro il 30 aprile 2012, lo Stato e le Regioni dovranno con legge provvedere a    trasferire a...
Ulteriori risorse●   www.portalefederalismofiscale.gov.it●   federalismo.sspa.it●   www.normattiva.it
“Nel nostro Paese i rapporti tra finanza statale efinanza locale sono rimasti avvolti nell’incertezzae nell’empirismo dall...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Federalismo Fiscale in Italia: introduzione, attuazione e prospettive per la gestione degli Enti Locali

6,837 views
6,592 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
6,837
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
40
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Federalismo Fiscale in Italia: introduzione, attuazione e prospettive per la gestione degli Enti Locali

  1. 1. Federalismo fiscale in Italia: introduzione,attuazione e prospettive per la gestione degli Enti Locali Dott. Stefano Tripi Università di Siena – Dip. Studi Aziendali e Sociali Università di Modena e Reggio Emilia – Dip. Economia Aziendale Piacenza, 17 gennaio 2012
  2. 2. Premessa● Obiettivo: presentare il federalismo fiscale, nel contesto italiano, come processo e come sistema “a regime”● Taglio: introduzione alla normativa con unottica operativa-gestionale● N.B. Argomenti (e relative disposizioni normative ed attuative) in costante evoluzione ● Federalismo fiscale → importanti novità nel corso del 2011 – Decreti attuativi e manovre (governo Berlusconi) – Modifiche relative ad IMU, TCRES (governo Monti) ● Province → innovazioni normative ancora in corso rendono ancora più importante lo studio del federalismo, da tutti i punti di vista di Regioni ed EE.LL.
  3. 3. Indice1.Introduzione al federalismo fiscale. Il percorso italiano2.Federalismo fiscale: la Legge 42/20093.Lattuazione del federalismo fiscale4.Conclusioni. Le prospettive del federalismo fiscale per le Province
  4. 4. 1.Introduzione al federalismo fiscale. Il percorso italiano
  5. 5. Cosè il federalismo fiscale?
  6. 6. Federalismo fiscale o federalismi fiscali?● Federalismo fiscale: eterogeneità ● nelle definizioni ● nelle applicazioni● Termine “Federalismo”: sistema di governo federale ● esperienze internazionali: molto diverse (es. USA, Belgio) ● peculiarità italiana: pluralismo degli Enti● Termine “Fiscale” ● riferito alle risorse finanziarie ● non solo entrate, ma anche uscite
  7. 7. Definire e realizzare il federalismo fiscale● Verso una prima definizione: ● “Decentramento dei poteri di spesa e di entrata a favore delle istituzioni territoriali”● Come si realizza il federalismo fiscale? ● Occorre contemperare due fattori strettamente connessi tra loro: – autonomia – responsabilità
  8. 8. Autonomia● Autonomia: potere di decisione di ciascuna istituzione territoriale● Autonomia relativa a: ● servizi da erogare ● risorse da impiegare – Finanziarie – Umane – Strumentali – Intelettuali – ...● Consiste nellautogoverno delle entrate e delle spese
  9. 9. Responsabilità● Responsabilità per amministratori: motivazione delle proprie scelte, in seguito ad aumento autonomia● Responsabilità per gli amministrati (cittadini, imprese, ...): possibilità di determinare proprio destino ed influenzare scelte collettive attraverso – Controllo – Voto – Spostamento da un territorio allaltro
  10. 10. Italia: i rapporti tra i diversi livelli di governo. La Costituzione del 1948● Stato accentrato, presenza autonomie● Sistema di finanza derivata● Art. 114: " La Repubblica si riparte in Regioni, Province e Comuni"● Art. 115: "Le Regioni sono costituite in enti autonomi con propri poteri e funzioni secondo i principi fissati dalla Costituzione"● Art. 117 comma 1: per quanto riguarda il potere legislativo delle Regioni, esse hanno potestà legislativa soltanto nelle materie elencate dallo stesso art.117 e devono esercitare tale potestà concorrente "nei limiti dei principi fondamentali stabiliti dalle leggi dello Stato e semprechè le norme stesse non siano in contrasto con linteresse nazionale e con quello di altre Regioni"● Art. 123: approvazione Statuto Regioni, in accordo con leggi nazionali● Art. 128: "Le Province e i Comuni sono enti autonomi nellambito dei principi fissati da leggi generali della Repubblica che ne determinano le funzioni"
  11. 11. Italia: i rapporti tra i diversi livelli di governo. Tra Stato e Regioni● 1949: Finanziamento EE.LL.: sistema misto, compartecipazione tributi erariali + sovvenzioni statali● 1949-1968 ● dibattito e stallo relativamente allattuazione delle Regioni a statuto ordinario ● Forte ripresa spesa pubblica locale● 1968: approvazione legge elettorale regionale● 1970 ● Elezione Consigli regionali ● L. 281 “Provvedimenti finanziari per lattuazione delle Regioni a statuto ordinario” – Entrate tributarie proprie regionali – Trasferimento personale a Regioni● 1973: Abolizione tributi EE.LL. e conferma sistema di finanza derivata
  12. 12. Italia: i rapporti tra i diversi livelli di governo. Verso il decentramento● 1990: Avvio stagione riforme PP.AA. ● Modernizzazione amministrativa – avvio riforme “manageriali” ● Decentramento amministrativo ● Finanza locale: responsabilizzazione EE.LL., entrate certe e stabili● L. 142/90: definisce il quadro delle autonomie locali, testo base che ha ridefinito le funzioni dei comuni → D.lgs. 507/93● L. 59/97 (Bassanini 1) e L. 127/97 (Bassanini 2), pongono le basi per le moderne relazioni tra Stato, Regioni, EE.LL.● L. 133/99, art. 10; d.lgs 56/2000 → primi tentativi di federalismo fiscale● D.lgs 267/2000 Testo Unico sull’ordinamento degli enti locali
  13. 13. Italia: i rapporti tra i diversi livelli di governo. Verso il federalismo● 2001: Riforma costituzionale ● Riforma Titolo V → nuovo assetto istituzionale ● Art. 114 “La Repubblica è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato...” ● Art. 117: innovazione nel sistema di riparto delle competenze tra i diversi livelli di governo – Materie con competenza esclusiva → Stato – Materie con competenza concorrente → Stato/Regioni – Materie con competenza residuale (non espressamente attribuite allo Stato) → Regioni ● Art. 119 “I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni hanno autonomia finanziaria di entrata e di spesa...”● Necessità di dare attuazione normativa ai nuovi dettami costituzionali
  14. 14. Italia: i rapporti tra i diversi livelli di governo. Verso il federalismo● Art. 119 Costituzione novellato I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni hanno autonomia finanziaria di entrata e di spesa. I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni hanno risorse autonome. Stabiliscono e applicano tributi ed entrate propri, in armonia con la Costituzione e secondo i principi di coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario. Dispongono di compartecipazioni al gettito di tributi erariali riferibile al loro territorio. La legge dello Stato istituisce un fondo perequativo, senza vincoli di destinazione, per i territori con minore capacità fiscale per abitante. Le risorse derivanti dalle fonti di cui ai commi precedenti consentono ai Comuni, alle Province, alle Città metropolitane e alle Regioni di finanziare integralmente le funzioni pubbliche loro attribuite. Per promuovere lo sviluppo economico, la coesione e la solidarietà sociale, per rimuovere gli squilibri economici e sociali, per favorire leffettivo esercizio dei diritti della persona, o per provvedere a scopi diversi dal normale esercizio delle loro funzioni, lo Stato destina risorse aggiuntive ed effettua interventi speciali in favore di determinati Comuni, Province, Città metropolitane e Regioni. I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni hanno un proprio patrimonio, attribuito secondo i principi generali determinati dalla legge dello Stato. Possono ricorrere allindebitamento solo per finanziare spese di investimento. E esclusa ogni garanzia dello Stato sui prestiti dagli stessi contratti.
  15. 15. Italia: i rapporti tra i diversi livelli di governo. Implementazione riforme● 2001-...: Ritorno al passato? ● Effetti controversi nellimplementazione delle riforme manageriali e di decentramento – Incremento spesa pubblica – Differenze significative tra territori nellimplementazione delle riforme – Duplicazione e confusione nelle competenze tra i diversi livelli di governo ● Mutamento situazione economica – Aumento vincoli per Enti locali in seguito allintroduzione del “Patto di Stabilità”, nelle sue diverse versioni● Potenziale conflitto ● Da un lato, decentramento amministrativo (“devolution”) → tentativi di implementazione riforma costituzionale ● Dallaltro, accentramento amministrativo → aumento controlli e vincoli su EE.LL.● Necessità di intervenire sui rapporti finanziari tra i livelli di governo
  16. 16. Italia: i rapporti tra i diversi livelli di governo. Il federalismo fiscale● 2007: disegno di legge C. 3100, senza seguito● 2008: avvio iter nuova bozza disegno di legge approvato dal Governo → Conferenza unificata → Camere● 2009: approvazione definitiva Legge n. 42 “Delega al Governo in materia di federalismo fiscale, in attuazione dellarticolo 119 della Costituzione”● 2009-... Avvio iter attuativo
  17. 17. Federalismo fiscale: principali fonti normative● Costituzione (in particolare Titolo V e art. 119)● L. 42/2009● Decreti attuativi● Manovre “estive” 2011● Manovra “salva-Italia”● … (sono attesi ulteriori decreti attuativi/correttivi)
  18. 18. Federalismo fiscale e management pubblico● Evoluzione delle teorie legate al management pubblico Paradigma Caratteristiche principali Burocrazia “tradizionale” Accentramento Gerarchia Regole formali (New) Public Management Decentramento Aziendalizzazione Cittadino “cliente” Public Governance Apertura allambiente esterno Co-decisione Creazione di reti Valore Pubblico (Public Value) Sistemi di creazione del valore pubblico
  19. 19. Federalismo fiscale e management pubblico● Prospettiva: valore pubblico (public value) → le PP.AA. sono chiamate a coordinare sistemi di creazione del valore pubblico coinvolgendo ● Soggetti interni alle PP.AA. ● Soggetti esterni alle PP.AA.● Valore pubblico: concetto ambivalente ● significato economico: equivalente della creazione di valore nelle aziende private ● significato culturale: elemento fondante alla base di una società
  20. 20. Federalismo fiscale e management pubblico● “Triangolo” del valore pubblico ● Definizione del VP: obiettivi e risultati attesi ● Ambiente “autorizzativo”: coalizione di supporto → portatori di interessi ● Creazione della capacità operativa: mobilitazione ed impiego risorse
  21. 21. Federalismo fiscale e management pubblico ● Aumento delle possibilità di azione per il management pubblico locale ● Scelta tra differenti combinazioni di risorse per generare valore pubblico locale ● Possibilità di scelta → possibilità di innovazione (non solo tecnologica) anche in condizioni di risorse scarse ● Scelta: deve essere possibile, attraverso la piena implementazione di autonomia e responsabilità
  22. 22. 1.Introduzione al federalismo fiscale. Il percorso italiano2.Il federalismo fiscale. La legge 42/2009
  23. 23. La legge delega 42/2009● Approvazione legge 5 maggio 2009, n. 42 “Delega al Governo in materia di federalismo fiscale, in attuazione dellarticolo 119 della Costituzione”● Modalità di attuazione federalismo: legge delega e successivi decreti legislativi di attuazione Costituzione Legge Attuazione (novellata) Delega (decreti)● La legge riprende elementi da disegno di legge gov. Prodi (2007)● Ambito di intervento: attuazione dellart. 119 della Costituzione (art. 1). A Regioni a statuto speciale si applicano solo piccole parti della norma
  24. 24. Ambito di intervento (art. 1)1. La presente legge costituisce attuazione dellarticolo 119 della Costituzione,assicurando autonomia di entrata e di spesa di comuni, province, cittametropolitane e regioni e garantendo i principi di solidarieta e di coesione sociale,in maniera da sostituire gradualmente, per tutti i livelli di governo, il criterio dellaspesa storica e da garantire la loro massima responsabilizzazione e leffettivita ela trasparenza del controllo democratico nei confronti degli eletti. A tali fini, lapresente legge reca disposizioni volte a stabilire in via esclusiva i principifondamentali del coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario, adisciplinare listituzione ed il funzionamento del fondo perequativo per i territoricon minore capacita fiscale per abitante nonche lutilizzazione delle risorseaggiuntive e leffettuazione degli interventi speciali di cui allarticolo 119, quintocomma, della Costituzione perseguendo lo sviluppo delle aree sottoutilizzate nellaprospettiva del superamento del dualismo economico del Paese. Disciplina altresii principi generali per lattribuzione di un proprio patrimonio a comuni, province,citta metropolitane e regioni e detta norme transitorie sullordinamento, anchefinanziario, di Roma capitale.2. Alle regioni a statuto speciale ed alle province autonome di Trento e di Bolzano siapplicano, in conformita con gli statuti, esclusivamente le disposizioni di cui agliarticoli 15, 22 e 27.
  25. 25. Modalità ed iter di attuazione● Delega al Governo per lemanazione di uno o più decreti attuativi del c.d. “federalismo fiscale” (art. 2) ● Tempistica: entro 24 mesi, altri 24 mesi per correzioni (L. 85/2011: proroga termini) ● Iter “speciale” di approvazione decreti Conferenza Modifiche/ Governo Camere unificata Approvaz.ne Ministeri Intesa Pareri Iter per diversi Comm.ni modifiche o ● Comm. approvazione fed. fiscale Governo ● comm. competenti
  26. 26. Attori e funzioni● Definizione organi e relative funzioni (artt. 3-6) Organo Funzione Governo Predisposizione decreti attuativi Commissione Tecnica Supporto Paritetica predisposizione decreti Commissione Pareri, relazioni sullo Parlamentare stato di attuazione Bicamerale Conferenza Organismo stabile di Coordinamento coordinamento (anche Finanza Pubblica a regime)● Meccanismi di coordinamento finanziario e fiscale (artt. 17-18)
  27. 27. Criteri generali di finanziamento e perequazione● Nuovo sistema di finanziamento per Regioni (artt. 7-10) ed EE.LL. (artt. 11-15)● Progressiva “fiscalizzazione” dei trasferimenti● Superamento sistema finanza derivata (in 5 anni)● Abbandono criterio spesa storica per Regioni ed EE.LL.● Fabbisogno standard ● “valorizzando l’efficienza e l’efficacia, costituisce l’indicatore rispetto al quale comparare e valutare l’azione pubblica”. ● costituisce il livello ottimale di un servizio valutato a costi standard
  28. 28. Criteri generali di finanziamento e perequazione● Fabbisogno standard: finanziamento integrale ● Spese Regioni per livelli essenziali prestazioni ● Spese EE.LL. per esercizio funzioni fondamentali● Perequazione della capacità fiscale: finanziamento ● Spese Regioni non essenziali ● Spese EE.LL. non funzioni fondamentali ● → Fondo perequativo: riequilibrio tra territori
  29. 29. I tributi locali● Tributi delle Regioni ● Tributi propri derivati ● Addizionali su tributi erariali ● Tributi propri istituiti dalle Regioni● Tributi degli EE.LL. ● Tributi propri derivati ● Addizionali su tributi erariali e regionali ● Tributi propri istituiti dalle Regioni● Dl 93/2008 e L. 220/2010: Blocco tributi locali ad eccezione di quelli deliberati da norme ad hoc, in attesa di attuazione del federalismo fiscale
  30. 30. 1.Introduzione al federalismo fiscale. Il percorso italiano2.Il federalismo fiscale. La legge 42/20093.Lattuazione del federalismo fiscale
  31. 31. Decreti e disposizioni attuative● 8 decreti attuativi emanati e in vigore: ● Federalismo demaniale ● Roma Capitale ● Fabbisogni standard ● Federalismo municipale ● Autonomia di entrata per Regioni e Province ● Perequazione e rimozione squilibri ● Armonizzazione sistemi contabili ● Sanzioni e premi per Regioni, Province, Comuni
  32. 32. Decreti e disposizioni attuative● 2 decreti attuativi in approvazione ● Ulteriori disposizioni in materia di Roma Capitale ● Decreto correttivo in materia di federalismo fiscale – avviato iter, ma ora superato da decreto Salva- Italia?● Disposizioni ulteriori (↔ iter?): ● Manovre estive 2011 ● Decreto “Salva-Italia”
  33. 33. D.lgs. 85/2010 “Federalismo demaniale”● Trasferimento agli enti territoriali di beni diversi di proprietà dello Stato: ● beni appartenenti al demanio marittimo e relative pertinenze, salvo quelli direttamente utilizzati dalle amministrazioni statali; ● beni appartenenti al demanio idrico e relative pertinenze, nonché delle opere idrauliche e di bonifica di competenza statale, ma con esclusione dei fiumi di ambito sovraregionale e dei laghi di ambito sovraregionale, se non sono oggetto di intesa tra le Regioni interessate; ● aeroporti di interesse regionale o locale; ● miniere, cave e torbiere; ● altri beni immobili dello Stato (es. beni immobili in uso al Ministero delle difesa non utilizzati)
  34. 34. D.lgs. 85/2010 “Federalismo demaniale”● Alle Regioni e alle province sono trasferiti, senza oneri, il demanio idrico (fiumi e laghi), il demanio marittimo (le spiagge ad uso turistico- balneare, le coste edificate e non), le cave e le miniere, i porti e gli aeroporti, esclusi quelli di rilevanza internazionale.● Ai comuni sono trasferiti quegli immobili del patrimonio disponibile dello Stato che gli stessi scelgono all’interno di un elenco predisposto dall’Agenzia del Demanio (esclusi gli immobili strumentali dello Stato) e che i comuni ritengono di poter valorizzare in un biennio.● Elenco di beni → procedura di valorizzazione (entro due anni)● Decreto “salva-Italia” mette a regime la procedura, incentivando intervento privati e società miste
  35. 35. D.lgs. 216/2010 “Fabbisogni standard”● Avvio fase transitoria: 2012● Metodologia innovativa, simile agli “studi di settore” (società SOSE) ● Individuazione metodologia tecnica (statistica-econometrica) ● Raccolta ed analisi dei dati → invio questionari ad Enti ● Approvazione fabbisogni standard ● Pubblicazione fabbisogni standard ● Verifica ed eventuale revisione● Funzioni standard: individuazione provvisoria, in attesa di norma specifica (ddl S. 2259 “carta delle autonomie”, ancora fermo)● Analisi possibili recuperi di efficienza tramite gestioni associate● Iter difficile e ancora incerto (es. invio e raccolta questionari)
  36. 36. D.lgs. 23/2011 “Federalismo municipale”● Soppressione graduale trasferimenti statali e introduzione nuove entrate per i comuni● Dal 2011 ● compartecipazione gettito IVA ● fondo sperimentale riequilibrio – intero gettito Irpef sui redditi fondiari (escluso il reddito agrario) e quello relativo alle imposte di registro e bollo sui contratti di locazione immobiliare; 30% gettito delle imposte di registro, ipotecarie e catastali sugli atti di trasferimento immobiliare ed una quota, pari al 21,7% nel 2011 ed al 21,6% dal 2012, del gettito della cedolare secca sugli affitti ● Imposta di soggiorno (per capoluoghi, Unioni di comuni, comuni turistici...) ● 55% partecipazione accertamento evasione ● maggiore gettito immobili non accatastati ● 75% sanzioni inadempimenti catastali
  37. 37. D.lgs. 23/2011 “Federalismo municipale”● Dal 2014, in aggiunta alle precedenti ● devoluzione completa fiscalità immobiliare ● fondo perequativo ● Imposta Municipale Propria - IMUp → possesso immobili diversi da abitazione principale ● Imposta Municipale Secondaria - IMUs → sostituisce TOSAP, imposte su pubblicità e pubbliche affissioni, canone mezzi pubblicitari
  38. 38. D.lgs. 68/2011 “Federalismo regionale e provinciale”● Soppressione graduale trasferimenti statali● Finanziamento Regioni: ● Addizionale IRPEF ● Compartecipazione gettito IVA ● Possibilità riduzione IRAP ● Altri tributi regionali propri
  39. 39. D.lgs. 68/2011 “Federalismo regionale e provinciale”● Finanziamento Province (“in attesa della loro soppressione o razionalizzazione”) ● Tassa RC auto → dal 2012 tributo proprio → 12,5% +- 3,5% ● Compartecipazione IRPEF (al posto di addizionale su energia elettrica) dal 2012 ● Compartecipazione tassa automobilistica regionale (al posto di trasferimenti statali) dal 2013
  40. 40. D.lgs. 149/2011 “Sanzioni e premi per gli Enti Locali”● Relazione di fine legislatura● Grave dissesto finanziario: responsabilità ● Politica → rimozione e divieto di candidatura e nomina a tutti i livelli ● Tecnica → rimozione e divieto incarichi per dirigenti e revisori● Relazione di fine mandato → certificata e trasmessa al tavolo tecnico interistituzionale● Pesanti sanzioni per mancato rispetto patto di stabilità● Meccanismi premiali● Ulteriori incentivi per gli EE.LL. nella lotta allevasione● Gruppo lavoro per pagamento imprese da parte EE.LL.
  41. 41. D.lgs. 118/2011 “Armonizzazione sistemi contabili”● Sperimentazione 2012 → 2014; avvio a regime dal 2014● Adozione sistemi contabili omogenei → contabilità finanziaria, affiancata da economico-patrimoniale “ai fini conoscitivi”.● Piano dei conti integrato per Regioni, EE.LL. e relative istituzioni → assolvimento obblighi europei per aggregabilità e confrontabilità dei dati● Transazione elementare di bilancio codificata● Introduzione bilancio consolidato
  42. 42. D.lgs. 118/2011 “Armonizzazione sistemi contabili”● Nuovo criterio di competenza finanziaria: “Tutte le obbligazioni giuridicamente perfezionate attive e passive, che danno luogo a entrate e spese per l’ente, devono essere registrate nelle scritture contabili quando l’obbligazione è perfezionata, con imputazione all’esercizio in cui l’obbligazione viene a scadenza. E’ in ogni caso, fatta salva la piena copertura finanziaria degli impegni di spesa giuridicamente assunti a prescindere dall’esercizio finanziario in cui gli stessi sono imputati”● Fondo pluriennale vincolato ● saldo pari alla differenza tra le risorse già accertate e lesigibilità differita della spesa in esercizi successivi a quello in cui è accertata lentrata ● consente di dare copertura, negli esercizi successivi a quello in cui è finanziato linvestimento, e di applicare il nuovo principio di competenza finanziaria rendendo esplicita la distanza tra il finanziamento di unopera e la sua effettiva realizzazione attraverso limpiego nel tempo delle risorse già accantonate ● può essere costituito solamente a seguito dellaccertamento delle entrate che finanziano la spesa, la quale può essere impegnata solo a copertura finanziaria avvenuta
  43. 43. D.lgs. 118/2011 “Armonizzazione sistemi contabili”● Nuovi schemi di bilancio comuni → aumento ● omogeneità e standardizzazione ● flessibilità Classificazione Approvazione/ Classificazione Approvazione/ Entrate Variazione Uscite Variazione Titoli Consiglio Missioni Consiglio Tipologie Consiglio Programmi Consiglio Categorie Giunta (medesima Macroaggregati Giunta (medesimo Tipologia); altrimenti Programma); altrimenti Consiglio Consiglio Capitoli/Articoli Dirigente (medesimo Capitoli/Articoli Dirigente (medesima Macroaggregato); Categoria); altrimenti altrimenti Giunta o Giunta o Consiglio Consiglio
  44. 44. Manovre estate 2011 (DD.LL. 70, 98, 138): impatti sul federalismo fiscale● Consistente riduzione di risorse a disposizione degli EE.LL.● Nuovo patto di stabilità interno: parametri di virtuosità● Soppressione di 36 province e aggregazione piccoli comuni● Disposizioni per federalismo demaniale per i comuni che applicano piani paesaggistici regionali● Sblocco addizionale comunale Irpef, resa articolabile per scaglioni● Addizionale regionale Irpef anticipata al 2012● Aumento al 100% della partecipazione dei comuni allaccertamento
  45. 45. Decreto correttivo (CdM 24/10/2011)● Decreto ● approvato, ma non in vigore, destino incerto ● esaminato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri in data 24 ottobre 2011, per avvio iter di approvazione come decreti precedenti, ma nel frattempo – È caduto il Governo Berlusconi – Il nuovo Governo Monti ne ha ripreso parti nel c.d. “Salva-Italia”● Anticipazione al 2012 della completa determinazione dei fabbisogni standard di comuni e province, con entrata in vigore nel 2013● Anticipazione al 2012 del sistema a regime del federalismo fiscale dei comuni e province. Avvio dal 2013 del fondo perequativo● Anticipazione al 2013 dell’IMU, nelle sue due componenti (propria e secondaria) sostituendo, per la componente propria, Ici, Irpef sul reddito fondiario e relative addizionali mentre per la componente secondaria una serie di piccoli tributi comunali minori; abbassamento aliquota base dal 7,6 per mille al 6,6 per mille
  46. 46. Decreto correttivo (CdM 24/10/2011)● Anticipazione al 2013 della compartecipazione al 30% al gettito dei tributi erariali immobiliari● Riordino delle modalità di finanziamento del servizio di gestione dei rifiuti, con soppressione dei prelievi vigenti e istituzione dell’imposta relativa ai rifiuti ed ai servizi comunali (RES)● Sostituzione della compartecipazione comunale al gettito dell’Iva con la compartecipazione comunale al gettito Irpef, a partire dal 2013● Immediata soppressione della misura forfettaria della tariffa dell’Ipt per gli atti soggetti ad Iva ed estensione della misura anche alle regioni a statuto speciale● Estensione a tutti i comuni della possibilità di istituire l’imposta di soggiorno● Modifiche tecniche al decreto sull’armonizzazione dei bilanci degli enti locali
  47. 47. Decreto “salva-Italia”: impatti sul federalismo fiscale● Incremento addizionale regionale Irpef● Istituzione Tributo comunale su servizi e rifiuti → ispirata a RES, sostituisce TARSU, TIA, TIA 2● Anticipazione sperimentale IMU propria dal 2012 (a regime nel 2015), anche su “prima casa” ● IMU “prima casa” → 100% al Comune ● IMU “seconda casa” ed altri immobili → 50% Comune, 50% trasferito allo Stato ● Intervento fondo riequilibrio per compensare squilibri e differenze rispetto a ICI ● Revisione moltiplicatori catastali ed aggiornamento valori● Misure su Province● → queste misure non passano da iter previsto da L. 42
  48. 48. 1.Introduzione al federalismo fiscale. Il percorso italiano2.Il federalismo fiscale. La legge 42/20093.Lattuazione del federalismo fiscale4.Conclusioni: le prospettive del federalismofiscale per le Province
  49. 49. Federalismo fiscale: le questioni ancora aperte● Iter e tempistica: non sempre rispettati, non vi sono ad oggi previsioni per il futuro● Restano ancora ● Punti da perfezionare (ad es. esclusione dallIrpef delle rendite catastali per le sole abitazioni non affittate) ● Punti da attuare (ad es. Città metropolitane)● Impatto delle attuali condizioni economico-finanziarie sulla situazione politica e sulle norme ● Manovre destate ● Manovra “salva-Italia” ● Future disposizioni?
  50. 50. Possibili implicazioni per gli Enti Locali● Formazione ed organizzazione del personale e degli uffici → entrate, ma non solo● Nuovi compiti in materia di accertamento e gestione dei tributi: problemi tecnici (banche dati, incasso, ecc.) e rapporti con altri Enti (incentivi/disincentivi a collaborare)● Capacità implementazione federalismo in Enti più piccoli/meno attrezzati● Aumento autonomia e responsabilità → necessità di presidiare la governance dei tributi locali, sotto tutti gli aspetti
  51. 51. Il futuro delle Province● Decreto “salva-Italia” interviene pesantemente sulle Amministrazioni provinciali● Funzioni: esclusivamente di indirizzo politico e di coordinamento delle attività dei Comuni nei limiti legislativamente imposti● Organi: ● Giunta provinciale → eliminata ● Consiglio provinciale → mantenuto, composto al massimo da 10 consiglieri, eletti dagli organi elettivi dei Comuni ricadenti nel territorio della Provincia. ● Presidente → mantenuto, ma eletto tra i componenti del Consiglio
  52. 52. Il futuro delle Province● Entro il 30 aprile 2012, lo Stato e le Regioni dovranno con legge provvedere a trasferire ai Comuni funzioni e risorse (umane, finanziarie e strumentali) attualmente conferite alle Province● E fatta salva la possibilità di demandarle le funzioni alle Regioni, in presenza di esigenze di esercizio unitario e nel rispetto dei principi di sussidiarietà, adeguatezza e differenziazione● Il testo approvato ha stabilito che sarà la legge statale a determinare il termine di scadenza degli organi provinciali → le elezioni degli organi provinciali non si svolgono contestualmente nelle diverse Province → sono prevedibili decadenze differenziate● Comparazione con altri paesi: ruolo intermedio Comune-Regione è importante, occorre valutarne lo scopo e i mezzi
  53. 53. Ulteriori risorse● www.portalefederalismofiscale.gov.it● federalismo.sspa.it● www.normattiva.it
  54. 54. “Nel nostro Paese i rapporti tra finanza statale efinanza locale sono rimasti avvolti nell’incertezzae nell’empirismo dall’unità fino ad oggi; dominatida una costante, cioè dalle lotte per far rispondererisorse scarse alla tumultuosa sollecitazione dibisogni disparati e crescenti, lotta risoltasi semprecol sacrificio della finanza e dell’autonomia locale” --Celestino Arena, 1963 Grazie per lattenzione stefano.tripi@unisi.it

×