Your SlideShare is downloading. ×
Paper 3 skyrim machinima
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Paper 3 skyrim machinima

60
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
60
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Paper 3 Cinema & VideogameSkyrim:Battle of the SamuraiStefano Pedrocchi NT1
  • 2. IncipitNon è una novità il fatto che spesso due media diversi come cinema e videogiochi sivadano ad incontrare lun laltro. Ciò non accade solo nei prodotti finiti, ovvero quellisviluppati direttamente dalle software house del settore, ma anche in opere fanmade, di cui il web è pieno. Le opere di tali utenti che producono filmati dimedia/breve durata tramite lutilizzo di giochi dotati di motore 3D in tempo realeprende il nome di Machinima,abbreviazione di machine cinema. I giochi usatimaggiormente nella realizzazione di Machinima sono quelli che adottano unavisuale in soggettiva,come il genere degli FPS(First Person Shooter), scelta dovutaprincipalmente alle agevolazioni tecniche, anche se ovviamente ci sono delleeccezioni. Il gioco di cui andiamo a trattare è Skyrim, gioco appartenente al genereGDR(Gioco Di Ruolo), quinto capitolo della saga The Elder Scrolls nata nel 1996,composta da Arena,Daggerfall,Morrowind , Oblivion e ovviamente lo stesso Skyrim.Capita,cercando su Youtube, di imbattersi in diversi machinima tratti da Skyrim. Ciòè dovuto principalmente al fatto che questo titolo in particolare, è molto facile damodificare. Questa semplicità di manipolazione non solo permette allutente digestire la telecamera in modo cinematografico, ma permette inoltre di sbizzarrirsisulla trama e lambientazione da creare per il proprio cortometraggio. Armi,corazze,mostri e via dicendo sono facilmente realizzabili, garantendo così una vastissimascelta creativa. Non sono molti i titoli nei quali è possibile modificare così tanto ilmondo creato dagli sviluppatori. Se paragonato ad esempio ad una scena deimachinima ambientati nel mondo di Halo( i cosiddetti red VS blue), le telecameresono modificabili a piacimento, ma ciò non si può dire del mondo di gioco ,o almenonon al livello permesso in Skyrim.
  • 3. TramaIl gioco originale tratta le vicende di uno sventurato senza nome(dato dal fatto che ilnome lo scegliamo noi allinizio dellavventura) che viene condannato a morte senzaapparente motivo. Pochi istanti prima che il boia di turno compia il proprio lavorosul nostro protagonista, ecco che appare un drago dalle enormi dimensioni. Ilparapiglia generale creato dallarrivo di questa creatura, permette alleroe di fuggireinosservato. Una volta tornato in libertà, scopriamo come larrivo del drago non ècasuale,poiché sembra che tra il protagonista e i draghi ci sia un legame speciale. Ilnostro eroe,dopo aver abbattuto un drago nelle periferie della città di Whiterun, neassorbe inspiegabilmente lanima. Questa particolare abilità non è comune,anzi, soloi leggendari "Sangue di drago" possono fregiarsi di tale potere. Daqui,essenzialmente, inizia la nostra avventura nel mondo di Skyrim.LoperaIl machinima preso in esame si intitola "Skyrim:Battle of the Samurai", uncortometraggio davvero ben fatto che è stato tra laltro presentato durante levento
  • 4. "Machinima Interactive Film Festival". Già questo sta ad indicare lalto tassoqualitativo dellopera in questione. Non ci vuole un genio per capire, soltantoleggendo il titolo del video, quanto il plot di questo filmato centri poco o niente conla trama del gioco originale della Bethesda. Per facilitare lanalisi di questopera, hodeciso di dividere il testo in tre paragrafi ben distinti, ovverosia: trama,mod(lemodifiche apportate al gioco) e regia.1) Trama: La storia che sta alla base di Battle of the Samurai riguarda la scoperta daparte di un gruppo di spadaccini chiamati Blades(questi si presenti nel titolooriginale,ma esteticamente differenti) di una fortezza allestremo Nord dellaregione. Il comandante ha motivo di credere che al suo interno vi siano niente menoche le temibili Armate delle Tenebre. In men che non si dica ci ritroviamocatapultati sul campo di battaglia,costituito da una vasto strato di ghiaccio,formatosi probabilmente sulla superficie di un lago. Inizia così una battaglia senzaesclusione di colpi,tra Blades,le Armate delle Tenebre e pure da draghi chefuoriescono dal bacino ghiacciato sottostante. Un gruppo però riesce a raggiungerela fortezza,dove ad attenderli cè il perfido capo delle Armate,che in un colpo silibera degli intrusi. Una volta fatto ciò, il perfido sovrano si teletrasporta sul campodi battaglia,dove ingaggia uno scontro allultimo sangue con il comandante delleBlades. Il filmato termina con la vittoria delle Blades.
  • 5. 2) Mod: Fondamentale per la buona riuscita di un video di tale portata, è senzadubbio il lavoro svolto sul fronte delle modifiche al titolo originale. Lunica cosa che"realmente", se così possiamo dire, appartiene al gioco è la location. Il bacinoghiacciato e la fortezza sono ambientazioni presenti nelloriginale DLC(Down LoadContent),ovvero una parte aggiuntiva del gioco acquistabile a parte, chiamato"Dawnguard". Da questo sono anche ripresi i draghi acquatici che si vedono nelleprime battute di combattimento. Veniamo ora al succo di questo paragrafo,ovverole modifiche. Le armature dellArmata delle Tenebre sono completamenteridisegnate, e si rifanno ovviamente allo stile nipponico a cui appartengono. Anchele vesti degli assassini vestiti di nero, ovvero quelli che attraversano il ponte, sonoinventate,così come le armi che impugnano,a forma di daga a doppia lama. Ilgigante che si vede successivamente nella sala del trono è anchesso creato dal nulladai produttori del filmato. Il drago nero piumato che si vede più avanti rientra nellemodifiche,dato che non esiste drago di quel tipo nel gioco. Fantastica la modifica delmondo alternativo dove il capo delle Armate delle Tenebre teletrasporta gli assassini. Lo sterminato campo disseminato di spade conficcate nel terreno è veramente diimpatto,così come la scena che ivi si svolge. Altro effetto di rilievo è laura che ilcapo delle Blades genera intorno a sé, da cui improvvisamente spunta un gruppo didraghi, chiamato "Dragon Storm", che andrà ad assalire il gigante.3) Regia: Il punto focale dellesperienza, dove cinema e videogame sifondono,diventando un tuttuno, è ovviamente la regia. I tagli cinematografici,conzoomate sui volti in primo piano dei personaggi durante le battute chiave elalternanza con sequenze campo largo denotano uno studio non indifferente per farsembrare il tutto più cinematografico possibile. Importante ,per immergere appienolo spettatore nella scena , è stata la scelta di togliere lHUD,ovvero linterfaccia digioco,che se visibile toglierebbe tutta lillusione di trovarsi di fronte ad una sequenzaanimata. Ottime alcune sequenze girate in prima persona,anche se per brevissimiperiodi, citando così la vera natura del gioco stesso,giocabile in soggettiva. Da citareanche la ricercata selezione delle tracce musicali durante il filmato. Sono infatti benriconoscibili due musiche tratte da altri giochi, in due scene. La prima scena daanalizzare al riguardo è lassalto degli assassini sul ponte che collega la montagna almonastero. La canzone in questione è il main theme di "Onimusha 3:Demon
  • 6. Siege",un gioco basato sui samurai uscito per Playstation 2. La seconda scena èquella riguardante il combattimento tra il capo delle Blades e il sovrano delleTenebre. In questo caso la traccia è "The Opened Way" del capolavoro "Shadows ofthe Colossus",creato dal geniale Fumito Ueda,maestro dei cosiddetti "Art Games".Questa scelta di citare i videogame in un cortometraggio fatto con un videogame ègeniale,perchè è come se il film cita i videogame,ma il film è un videogamestesso,paradossalmente. Da sottolineare anche la scelta di post-produzione dimettere la lingua giapponese ai dialoghi,cosa non possibile nel gioco.Per concludere, il machinima trattato rispecchia come sia possibile servirsi di unmedia come il videogioco per creare un film,non per forza legato allo stile del giocostesso.http://www.youtube.com/watch?v=9b1jKU9zs_w