Festa Democratica San Savino 8,9,10 e 11 settembre 2011 libretto

736 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
736
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Festa Democratica San Savino 8,9,10 e 11 settembre 2011 libretto

  1. 1. SAN SAVINO MAGIONE - PERUGIA 8-11SETTEMBRE 2011 www.pdmagione.itMOMENTI DI RIFLESSIONE E DIBATTITO POLITICOTIPICA CUCINA LACUSTRESPETTACOLI MUSICALI E GIOCHI
  2. 2. San SavinoIl paese che ospita la festa San Savino, che insieme agli altri borghi fortificati dellaIl primo documento che menziona l’esistenza del piccolo costa, costituiva un organico sistema di controllo per unaborgo di San Savino data al 1006, quando, per iniziativa zona economicamente importante e militarmente perico-del conte Pietro Attone, della nobile famiglia degli Atto- losa, data la vicinanza al confine politico col libero feudoni di Todi, sorse sulla cima di questo colle semideserto un di Castiglione del Lago, per tutta l’età medievale e moder-monastero, dedicato al santo martire di Sulmona, di cui na nervo scoperto del contrabbando cerealicolo e itticooggi non rimane traccia alcuna se non nella toponomasti- fra il comune di Perugia prima e lo Stato Pontificio poi,ca del borgo. A protezione del convento e dei suoi monaci e il Granducato di Toscana. La centralità della tutela dello stesso conte Attone iniziò la costruzione della fortezza Trasimeno nell’economia dell’amministrazione del liberoa base quadrata, a una sola porta d’ingresso con arco a comune perugino, della provincia pontificia, dello Statosesto acuto e una sola torre dall’insolita forma triangola- unitario è testimoniata dalla costruzione dell’emissariore, probabilmente suggerita dalla geomorfologia del sito. proprio ai piedi del castello: il 21 maggio 1462 l’acqua delCompletato definitivamente intorno al 1180, il castello di lago iniziò il suo nuovo corso, dopo quello datole dai ro-San Savino fu ben presto travolto dai decenni di continue mani, per opera di Braccio Fortebraccio. Se del monasteroguerre e passaggi di eserciti che insanguinarono il conta- da cui il paese ha preso il nome, oggi non resta nulla, an-do perugino fino alla fine del XIII secolo, costringendo la che le due chiese parrocchiali entrambe interne al castello,città capoluogo impegnata nello sfibrante braccio di ferro la Chiesa di Santa Maria Maddalena e della Madonna delcon la vicina Cortona, a ricostruirne all’inizio del secolo Rosario, non esistono più, soppresse nel 1889 e sostituitesuccessivo, le mura difensive, dotandole di merlature. La dalla nuova chiesa fuori le mura, costruita a metà del XVIIIposizione elevata, dominante l’intero versante sud orien- secolo e consacrata al Santo. All’ interno si può ammira-tale del Trasimeno, rappresenta la testimonianza più im- re un bellissimo crocifisso in legno mentre sopra l’altaremediata della funzione difensiva di importanza strategica maggiore spicca una tela raffigurante San Savino che as-per Perugia e il suo contado subito affidata al castello di siste un malato, su cornice di stile barocco.
  3. 3. PresentazioneUna moltitudine di persone, di giovani, di uomini e di do delle professioni, del mondo delle associazioni,donne, qualche tempo fa si sono uniti dando vita ad di tutte le categorie del mondo del lavoro di questoun grande partito, nato nelle piazze con il consenso territorio a discutere e dibattere su argomenti come,di tanta gente, onesta ed appassionata, unendo quel- SCUOLA E CULTURA, AMBIENTE, ENERGIA, SVILUPPO,le radici storiche e culturali, che piaccia o no, hanno ATTIVITA’ PRODUTTIVE, COMMERCIO, TURISMO.fatto la storia moderna del nostro paese; mi riferisco E’ necessario tornare ad appassionare la gente, am-alla cultura laica, cattolica e progressista che dalla pliare e trasferire questi tavoli di discussione neiResistenza in poi hanno contribuito alla crescita e alla Circoli ognuno in modo specifico per il territorio cheformazione culturale e sociale della società italiana e rappresenta.su ciò che essa oggi rappresenta nel mondo. Per questo, nell’ultimo periodo, è stato importanteIl periodo che stiamo vivendo, coincide con un mo- il rapporto, l’intesa, il colloquio con gli altri partitimento storico, sociale e politico che vede il fallimen- dei comuni che territorialmente si riconoscono nellato completo su tutti i fronti delle forze politiche che zona del Trasimeno, per perseguire un nuovo pro-sostengono l’attuale maggioranza di governo, ci si getto politico che ha portato alla costituzione di unpresenta un’occasione straordinaria per riappropriarci grande Partito Intercomunale del Trasimeno, orga-della nostra identità politica e culturale, e dobbiamo nizzato e strutturato, con l’intento comune che essosaperla cogliere!! possa essere rappresentativo del territorio e che sap-Vorrei sottolineare il ruolo fondamentale che i Circoli pia costruire un disegno politico, sociale e culturaledevono continuare a svolgere, essi devono rappresen- per la valorizzazione, il potenziamento e la crescitatare i sensori sul territorio attraverso i quali rilevare e dell’intera area del Trasimeno.percepire le problematiche, i mutamenti, le aspettati- Le cose da fare sono molte, per questo rinnovo l’in-ve della gente comune e del vivere quotidiano. vito a cogliere l’occasione, a risvegliare nella genteIl Circolo inteso non come luogo dove continuare a la volontà di cambiare e soprattutto di poterlo fareparlarci addosso, ma come luogo aperto a tutti, iscrit- in modo attivo, con l’impegno e la partecipazione,ti, simpatizzanti, semplici curiosi e interessati, in cui con rinnovato coraggio e passione, con abnegazione,tutti possano accedere e sedersi intorno ad un tavolo avendo il coraggio di esporre i propri dubbi, le propriea parlare di tematiche politiche, sociali, culturali, di paure, le proprie incertezze, ma con la convinzione escelte e politiche territoriali. Per fare questo ci sarà la certezza che ci sia sempre qualcuno disposto adbisogno di idee e di energie nuove, fresche, forti. ascoltare.Occorre ricordare la lungimiranza del Partito De-mocratico di Magione nel rilanciare la straordinaria Un benvenuto a tutti alla festa e buon divertimento.iniziativa dei Forum Tematici che vede una larga par-tecipazione del tessuto sociale e culturale, del mon- Quintilio Proietti
  4. 4. GIOVEDì 8 SETTEMBRE ORE 19,00GLI SPRECHI NELLEAMMINISTRAZIONI PUBBLICHE:DIECI DOMANDEIN CERCA DI RISPOSTE
  5. 5. GIOVEDÌ 8 SETTEMBRESPAZIO POLITICO, ore 19,00 SPAZIO GIOVANI, ore 21,30GLI SPRECHI NELLE NATE AND THE DAGOS IN CONCERTOAMMINISTRAZIONI PUBBLICHE: Nate and the Dagos hanno partecipato ad umbria jazz e jonio jazz festival , con unDIECI DOMANDE IN grande successo di pubblico. Un appunta-CERCA DI RISPOSTE mento da non mancare.Introduce: Patrizia Ciminati Roberto Cavallo - Guitar and vocalsIntervengono: Antonio Lembo – BassMaria Prodi Franco Pellicani – DrumsAnna Ascani Nate dal West - Guitar, vocals, harmonicaLorella MercantiCoordina Giuliana OrecchiniPartecipa il Gruppo di LavoroPD Donne del TrasimenoRISTORANTE DELLA FESTALISCIO IN TERRAZZAESPOSIZIONI ARTISTICHE
  6. 6. I CircoliIl paese si trova in cima ad una collina, L’imperatore Enrico IV affidò laad un’altezza di 411 m s.l.m., e domina da giurisdizione di Agello a Perugia nel 1186un lato la pianura del paese di Capanne, e i signori del luogo erano i Vincioli. Essiattraversata dalla strada statale 220 ricostruirono e fortificarono notevolmentePievaiola, e dall’altro l’intero specchio del il paese, tanto da trasformarlo in Castellolago Trasimeno. È abitato da 821 residenti (già nel XII secolo era cinto da mura). Nel(dati Istat, 2001). 1390 Michelozzo Michelotti, ribelle diIl nome del paese deriva dal nome Perugia, occupò il castello e ne fece basedella ninfa Agilla, che nella mitologia è per scorrerie nel territorio. In seguito, leinnamorata di Trasimeno, figlio del dio truppe di Perugia debellarono i ribelli eTirreno (si consideri anche che il termine demolirono in buona parte le difese delagellus viene spesso utilizzato per dare castello.il nome a paesi nati su fondi o agri La rocca e le mura furono ricostruitecolonici). verso la fine del XIV secolo, fino all’ultimaAll’epoca romana risale la fondazione distruzione causata dal Granduca toscanodel Castrum, in occasione della battaglia Ferdinando II nel 1642. In seguito, la famacontro Annibale (217 a.C.): grazie ad di Agello fino all’unità d’Italia è dovutaesso si riusciva a controllare il passo soprattutto al fatto di essere consideratodi Montebuono, unico collegamento covo di briganti e ladroni.allora disponibile tra Perugia e le sponde Il paese si spopolò durante gli anni ‘60,occidentali del Trasimeno. mentre in tempi più recenti il turismo ha Vi invita a riscoprire i sapori tradizionali della cucina umbra. www.macelleriaprelati.it
  7. 7. AGELLOfatto nuovamente incrementareil numero degli abitanti residentie la ricchezza del territorio. Nellaseconda settimana di agosto sisvolge la sagra paesana Agello è.IL CIRCOLOIl circolo lavora nella propriasede di Via Vincioli dal 2007 inquella che è stata da sempre la aperto, i volantinaggi, le cene disede del vecchio Partito Comunista, poi sottoscrizioni e quelle elettorali e moltoPDS e infine DS. Il circolo è riuscito ad altro ancora. Da parecchi mesi il circoloaumentare sensibilmente nel tempo i è inoltre impegnato per ristrutturarepropri iscritti, lavora per il paese e i suoi l’imponente “Casa del Popolo”, costruitaproblemi, attraverso il segretario, i suoi pietra su pietra negli anni 50 daimilitanti e Eleonora Maghini, eletta militanti agellesi del PCI e che ora deveal Consiglio Comunale. Molte sono le essere completamente restaurata. Iliniziative, le assemblee pubbliche, le segretario del Circolo è Stefano Vinti (st.commemorazioni (25 aprile, 1 maggio vinti@tiscali.it).e 8 giugno, Eccidio di Montebuono), Il circolo è presente anche su facebookle giornate informative con il circolo “Partito Democratico di Agello”
  8. 8. Regione Umbria A.GI.MUS Perugia Celebrazione del 150° dell’Unità d’Italia Chi per la Patria muor ... ! Testi e musiche del Risorgimento Italiano Michele Fabrizi, pianoforte Maria Chiara Fio rucci, arpa Direzione artistica: M° Salvatore Silivestro Voci recitanti: Gruppo Teatrale “La Fratente di Mugnano” Regia: Gianni Dentini Consulenza storica: prof.Gian Giorgio Furiozzi I GRANDI PROTAGONISTI LE MUSICHE DEL RISORGIMENTO EROINE ED EROI UMBRIVittorio Emanuele II : “Discorso Ariodante Fabretti: “Italia mia, Anonimo: “La bella Gigogin” della Corona” (1859) asciuga il pianto” voce recitante voce recitante voce recitante con accompagnamen-M.Novaro- G.Mameli: Inno degli con accompagnamento musicale da Italiani (coro e pubblico) to musicale Casta Diva Giuseppe Garibaldi : “Chi ama C.A.Bosi: “Addio mia bella, L.Mercantini: “ode a Colomba l’Italia mi segua” voce recitante Antonietti” con accompagnamento musicale addio” voce recitante con accompa- M.Bonaparte Valentini: “Il dell’Inno di Garibaldi gnamento musicaleM.Addis Saba: “La morte di Anita Prigioniero” voce recitante Garibaldi” voce recitante Verdi : “Il Canto dell’esule” da “I con accompagnamento musicale da Cavour: “L’ora suprema è Vespri siciliani” voce recitante La Forza del Destino suonata” voce recitante M.Bonaparte Valentini: “ Acon accompagnamento musicale da con accompagnamento musicale Garibaldi” voce recitante La Norma: guerra, guerra !! da Macbeth – atto IV G.Mazzini: “Programma della Verdi: “Và pensiero” coro e Giovane Italia” voce recitante introd.“Patria oppressa” pubblico (canto mugulato)
  9. 9. VENERDÌ 9 SETTEMBRESPAZIO STORICO, ore 20,30 “LINGUAGGI”“CHI PER LA PATRIA MUOR... Dietro ogni gesto, per quanto incomprensibile, si nasconde sempre e comun- que una necessità di comunicazione. Nel bellissimo scenario del Castello di(Vedi programma pagina a fianco) San Savino l’Associazione Culturale ARCI REWORK in collaborazione con il Partito Democratico di Magione è lieta di presentare un Mix di linguaggi eSPAZIO POLITICO, a seguire forme di espressione, specchio dell’evoluzione artistica e sociale del nostro tempo. Una fusione di immagini fotografiche, opere di Street-art, installa-“I COSTI DELLA POLITICA E zioni di eco-design che andranno a costruire un insolito salotto dove poterLE RIFORME PER IL PAESE” ascoltare ogni sera tanta musica Live e seguire dibattiti politici. ESPOSIZIONI:Coordina 8-9-10-11 Settembre dalle 19.00 alle 24.00 - Mostra fotografica a cura di Chiara BorgarelliCoordina - Esposizione delle opere di Street-art realizzate dai 6 artisti che hanno partecipato al contest 6UP promosso dall’Associazione CulturaleAlessandro Torrini Female Affair con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura delCoordinatore Federazione comune di Perugia. - Esposizione di opere di Eco-Design realizzate dall’ ass. cult. REWORK conIntercomunale PD Trasimeno materiale di riciclo. CONCERTI:Intervengono 8 settembre - Nate and the Dagos - 10 settembre – Sly and the Spy 11 settembre – Baldo e PaperoMarco Vinicio GuasticchiPresidente Provincia di Perugia Lo spazio giovani è curato daMassimo Alunni Proietti L’Associazione di Promozione Sociale ARCI REWORK nasce a Perugia nelSindaco di Magione 2009 con lo scopo di diffondere diverse forme di cultura e momenti di so- cialità. Nel 2010 REWORK arriva ad avere oltre 1000 tesserati grazie anche alla creazione di uno spazio associativo polifunzionale sito a S. AndreaRISTORANTE DELLA FESTA delle Fratte-Perugia in via Manna 33 all’interno del quale vengono svolti corsi di formazione, concerti, serate danzanti, teatro, mostre e tutto ciòLISCIO IN TERRAZZA che possa diventare un’ opportunità di crescita e comunicazione sociale.ESPOSIZIONI ARTISTICHE Due sono i concetti base su cui si fonda l’Associazione: Libertà di espres- sione e Rispetto ambientale che sono il filo conduttore di tutte le attività. www.culturerework.org - Facebook: culturerework - info@culturerework.org
  10. 10. I CircoliMagione è un comune di 13.853 abitanti di Malta; sotto il loro possesso l’edificiodella provincia di Perugia situato su una originario fu trasformato in abbazia ma, dopocollina della sponda orientale del lago pochi anni, venne fortificata ed assunse piùTrasimeno. Menzionata per la prima volta le sembianze di una fortezza che di un luogoattorno al 1075 con il nome di Pian di di culto. Ulteriormente fortificata nel XVCarpine, una pianura che si estende davanti secolo, nel 1502 il castello divenne luogo inalla collina dove sorge la città. Nell’XI cui fu ordita, da parte di alcuni signori umbrisecolo entra a far parte dei possedimenti di e marchigiani, la congiura contro CesarePerugia. Borgia; congiura che vedrà la maggior parteVilla Pian di Carpine era un’importante dei congiurati venire tragicamente uccisi acrocevia posto sull’itinerario dei pellegrini, e Senigallia e a Città della Pieve dagli uomini difu lì che i Cavalieri del Tempio costruirono un Cesare Borgia. Nei secoli successivi il castelloospizio dove assistere e curare chi ne avesse ospitò alcuni personaggi illustri, fra cui Papabisogno: una Magione, insomma, cioè una Benedetto XIV e Pio VIIcasa per i pellegrini. Il nome si sarebbe poi Magione è Medaglia di bronzo al Meritoconsolidato e rimasto nell’uso per indicare Civiletutto l’agglomerato urbano intorno ad esso. «Partecipava con fierezza e profonda fede inNel XIV secolo l’Ordine dei Templari, un’Italia democratica alla lotta partigiana,temutissimo sia dal Papa che dall’Imperatore subendo, da parte delle truppe tedesche infu sciolto e la Magione diventò proprietà dei ritirata, una feroce rappresaglia nella qualeCavalieri Gerosolimitani e passò ai Cavalieri venivano uccisi undici suoi concittadini. Nobile esempio di spirito di sacrificio ed amor FRANCI PIZZERIA TRATTORIA Qualità nella Tradizione Piazza Carpine 50 ANNI ... e non rli! MAGIONE (PG) dimostra Tel. 075 843618 075 6975387
  11. 11. MAGIONEpatrio.»— Fraz. Agello - Montebuono /Magione (PG), 8 giugno 1944IL CIRCOLOSEGRETARIO: Luigi BevagnaNel 2007, quando nacqueil Partito Democratico, sicostituisce anche il circolo diIl Circolo del PartitoDemocratico di Magione propaganda politica casa per casa in sellacapoluogo è il più grande del comune per ad una motocilcletta, rimasto celebre perestensione e numero di tesserati. La sede aver portato in comizio Palmiro Togliatti asi trova presso lo storico palazzo della Magione nel 1964. Il Partito Democratico diSocietà Operaia di Mutuo Soccorso in Piazza Magione capoluogo si trova ad affrontare eMatteotti già dal 1972 dove si spostò la discutere di problematiche che ormai sonosezione del Partito Comunista che prima proprie di una piccola città, vista l‘espansioneera situata in Corso Marchesi. La sezione degli ultimi anni. Con particolare attenzionePCI poi PDS e DS era intitolata a Gisvaldo con iniziative sempre mirate alle tematicheImbroglini segretario del Partito dai primi della qualità della vita, del lavoro, dellaanni ‘50 e Segretario della Camera del cultura, dell‘integrazione sociale, del rilancioLavoro di Magione, fervente attivista, faceva del centro storico e delle infrastrutture. F TROVATI snc .lli di Trovati Lamberto e Valeriano Str. Pievaiola, 211/c - 06070 Bagnaia, Perugia Tel. 075 774575 - 774262 - Fax 075 774557 email: trovati_snc@libero.it
  12. 12. SERGIO PODDIGHE è nato a Palermo nel 1955. Si è diplomato al Liceo Artistico della sua città e, inseguito, presso l’Accademia di Belle Arti di Roma. Insegna Discipline Pittoriche presso il Liceo ArtisticoStatale di Arezzo, città dove vive e lavora dal 1990.Si è interessato agli aspetti simbolici e psicologici del segno grafico come alle espressioni legate almondo dell’illustrazione, del fumetto e della pubblicità. Ha prestato la sua opera per l’esecuzione didecorazioni, copertine di libri, manifesti legati aspettacoli ed eventi culturali.Ultimamente sta sperimentando percorsiespressivi che tendono alla sintesi tra strumentidigitali e pittura propriamente detta. Poddigheha all’attivo numerose personali e partecipazionia rassegne d’arte contemporanea in Italia eall’estero (Francia, Belgio, Svizzera, Austria,Romania, Stati Uniti). Sue opere fanno parted’innumerevoli collezioni private e pubbliche.Ultime esposizioni:2010. Personale nell’ambito della rassegna “white” 2011 - Denti stretti (tecnica mista)– con il patrocinio del Comune di Milano, Ex Ansaldo,MILANO PAGINA SEGUENTE - 2011 - Allegro incidente (tecnica mista),2010. Esposizione con sei opere, in occasione dell’aperturadella nuova sede di Mauro Grifoni, in via Santo Spirito - MILANO2010. Personale presso “Studio b”, Alys Beach, FLORIDA –USA2010. Personale “che ti sei messa in testa”, ciclo di lavori uniti alla mostra-collezione di Francesca Di Maria(cappelli dal 1910 al 1960) - PALAZZO CLERICI - MILANO2010. Partecipazione, con più opere, a ART BASEL MIAMI, nell’ambito di Exhibitalia, padiglione italiano. MIAMIBEACH, FLORIDA2011. Partecipazione a “150 anni per l’unità d’Italia”, presso la Sala Macine del Museo del secondo risorgimentod’italia (mostra itinerante), Rocchetta a Volturno - ISERNIA2011. “EuArt” a selection of the Exhibitalia collection at Art Basel Miami. Venti artisti internazionali a Palazzo.Presso PALAZZO BORROMEO - con il patrocinio del Comune di Cesano Maderno, MILANOwww.sergiopoddighe.it - sergiopoddighe@alice.it
  13. 13. Human trace, l’ultimo “ciclo” di Sergio Poddighe, partico-lare personaggio del mondo dell’arte, la cui pittura spesso Sergio Poddigheesce dagli argini per raccontare altro ed imporre all’osser-vatore di scrutare oltre i limiti del supporto, costituisceuna ulteriore digressione nel processo di analisi sulla Human trace a cura di Eugenio Giannì e Gianni Dentini“parzialità dell’essere” intesa come una forma di malesserefisico e spirituale. Se nel suo studio sull’antropologia delleparti mancanti le persone coinvolte continuano a “vivere”la parzialità come un fatto, appunto, antropologico, inHuman trace non restano che segni, la cui presenza spessoimpone un’accurata ricerca. Ma se da una parte il soggettoè la risultante di un terribile disastro, dell’uomo comedella macchina o dei vari congegni meccanici isolati e ri-assemblati, dall’altro il titolo con il quale l’artista designal’opera apre sospetti sulla sua reale possibilità di lettura.Allegro incidente del 2011 è rappresentativo dell’interociclo proposto a S. Savino. L’opera, infatti, è la risultantedel rapporto parossistico tra uomo e macchina: l’euforiae il fascino del marchingegno, sul quale proiettiamo inostri sogni-bisogni e che “gioiosamente”, un giornoqualunque, prende il nostro posto annientandoci. Lameccanica, tuttavia, è proposta dall’autore con una venadi nostalgica indulgenza, come una nuova archeologiaancora intrisa di ottimismo antico e madre di un ingegnoancora “ingenuo”, quasi manuale. Ma siamo nel 2011 ela quantità/qualità della nostra sopravvivenza è affidataall’ultra tecnologia. Quanta distanza tra una ruota dentata e un super microchip! E’così anche un congegno meccanicosubisce la stessa metamorfosi che, metaforicamente, è chiamato a stringere i denti (Denti stretti, 2011) quando la suafunzione è distrutta e la sua presenza si innesta a quella degli altri che, assemblati, danno vita ad una nuova realtà: nonfisica ma artistica.Se nei cicli precedenti Poddighe conferma una particolare adesione al tradizionale concetto tecnico di pittura, negliultimi anni si individua un assentimento a percorsi espressivi che tendono alla sintesi tra strumenti digitali e pitturatradizionale. Le opere, infatti, costituiscono l’evolversi di una nuova coscienza che trova, nell’utilizzo della fotografiamanipolata, nuove sollecitazioni espressive e creative e nella pittura un mezzo foriero di emozioni ataviche fortementemotivanti (e intrecciate con la formazione accademica dell’artista). L’arte, poiché espressione di una realtà che nonconosce confini, ha in sé (nonostante le convenzioni sociali talvolta invalidanti) il diritto-dovere di spostare in avanti lapropria ricerca e il proprio senso. In questo si assume in toto la responsabilità dei propri rischi e dei propri errori.Poddighe, è vero, non rasserena le coscienze, ma nelle sue forme di attese, di speranze, di paure e di incubi, così come inuno stato di semi-veglia, offre di sperimentare molte “realtà” che la vita pone come possibili percorsi. Eugenio Giannì - Perugia, settembre 2011
  14. 14. PUNTO VENDITA DISTACCATO presso z.i. Magione Frantoio Puntabella loc. Caselle, Tuoro s/T Perugia Tel. 075 8230279 Tel 075 840707 - Fax 075 8478723CENTRO LAVORAZIONEFERRO per C. A. MATERIALI EDILI - STUFE E CAMINETTI PELLETIscr. n. 187/09 FERRAMENTA di Fiorenzoni M. & G. S.n.c.VENDITAAPPARTAMENTI e NEGOZI VILLETTEin Magione, Passignano s/T, Tuoro s/T in Sole Pineta di Magione
  15. 15. SABATO 10 SETTEMBRESPAZIO POLITICO, ore 18,30 SPAZIO GIOVANI, ore 21,30PRESENTAZIONE COORDINAMENTO SLY AND THE SPY IN CONCERTOINTERCOMUNALE DEL TRASIMENOInterverrà zouk reggae rock swing avec des cover deil coordinatore Alessandro Torrini gainbourg joe dassin kassavA seguirePRESENTAZIONE LAVORI FORUM Dipanot Alain Philippe Fred aka Sly - voceTEMATICI DEL PD MAGIONE Enricomaria Antonelli aka the Spy - chitarraInterverrannoRino Bertrami Francesco Nesta aka the Spy - chitarraInnovazione Tecnologica, Alessandro Ricci aka the Spy - batteriaUrbanistica e Energie Alternative Matteo Fabrizi aka the Spy - bassoStefano AngeliniCultura, Giovani e ScuolaMarco PignattiniSanità e Servizi SocialiOrlando BarberiniAttività Produttive e TurismoCoordineranno i lavoriQuintilio Proietti e Stefano VintiSegreteria del PD di MagioneRISTORANTE DELLA FESTALISCIO IN TERRAZZAESPOSIZIONI ARTISTICHE
  16. 16. I CircoliSan Feliciano è una frazione del comune di per l’attracco delle imbarcazioni per laMagione (PG). navigazione pubblica lacustre, principalmenteIl paese, popolato, nel 2001, da 581 abitanti verso Isola Polvese.Ogni anno si tiene la festa(di cui 280 maschi e 301 femmine), si affaccia paesana, denominata “Festa del Giacchio”, chedirettamente sulle rive orientali del Lago prende il nome da una caratteristica rete daTrasimeno ad un’altitudine di 279 m s.l.m.. pesca concentrica detta giacchio.Nel giugnoIl nome del luogo prende il nome da San 2007 ha preso il via anche la prima FestaFeliciano, vescovo di Foligno (160 ca. - 249 Giubilare, in onore del Santo Crocifisso, operaca.), che si recò in quei luoghi a predicare la lignea a grandezza naturale di capomastribuona novella fra i pescatori del lago. Dopo il trentini, custodito nella Chiesa Parrocchiale delsuo martirio, avvenuto per trascinamento di paese. Da visitare, il Museo della pesca (1984),cavalli al galoppo, gli abitanti del luogo vollero dedicato alla storia ed alla tecnica dell’anticaconservare perennemente la sua memoria, attività di pesca nel lago. Chiesa parrocchiale,chiamando col suo nome il piccolo villaggio risalente al 1905 e costruita in stile neogotico,lacustre che lo aveva accolto. Una reliquia di è caratterizzata da una ampia navata consan Feliciano è custodita nella chiesa della volte a crociera. Sopra l’altare centrale si trovafrazione e viene esposta il 24 gennaio di ogni un grande quadro ad ogiva raffigurante sananno, in occasione della Festa Patronale. Oltre Feliciano in piedi, in posa solenne e adorno deia san Feliciano, il paese ha un secondo Patrono, caratteristici paramenti vescovili. Dal sagratopiù specificamente protettore dei pescatori, che della chiesa si gode una bella vista sul lagoviene festeggiato il 14 dicembre di ogni anno; si e sull’Isola Polvese, che gli abitanti del luogotratta di santo Spiridione, patrono anche della chiamano, familiarmente, “Isola”.greca isola di Corfù.Le attività principali sono la pesca, il turismo, IL CIRCOLOla ristorazione e la ricettività alberghiera, SEGRETARIO: Fabio Panciarolacampeggi e la nautica. Il porticciolo è utilizzato Nel 2007, quando nacque il Partito Democratico, si costituisce anche il circolo di San Feliciano e IMPRESA EDILE Via Maggio - 52044 Terentola - Cortona (AR) imp.nocentiniefrem@alice.it
  17. 17. SAN FELICIANOMonte del Lago insieme agli altri quattrodel comune di Magione.E’ stata un adesione convinta attraversola fusione degli iscritti e simpatizzantidei Ds e della Margherita e non solo.Soprattutto è stato creato da coloro iquali, donne, giovani e meno giovanisenza alcuna tessera politica, non siriconoscevano in un gruppo, ma hannocreduto nei principi di quello che era erimane ancora, il nuovo grande gruppopolitico del centro sinistra. Oggi il circolooltre 35 iscritti, nonostante non abbia il presidente della Provincia Vinicio Guasticchiuna sede propria ed è quindi costretto durante o quella del Marzo scorso con tema sul Lavorogli incontri del Direttivo ad essere itinerante e Occupazione Giovanile con il segretariopresso le abitazione dei singoli; il trend degli Provinciale della CGIL e il presidente Bianchiiscritti è positivo rispetto allo scorso anno. della Comunità Montana del Trasimeno. NonDa ricordare la vivacità nelle attività e nei secondaria è stata l‘impegno nel giugno delappuntamenti elettorali, pur sapendo che San 2009 per le Elezioni Amministrative COMUNALI,Feliciano è storicamente è la roccaforte della per eleggere prima come consigliere e poi comedestra conservatrice nel nostro comune. Tutto Assessore al Bilancio e Personale del Ns comunequesto è reso possibile, grazie allo sforzo e l‘ex Coordinatrice di Circolo Monica Paparelliall‘impegno dei componenti il direttivo che che ha ceduto il testimone nell‘ottobre delloha organizzato interessanti e partecipate, scorso anno al giovane Fabio Panciarola (fabio.assemblee pubbliche, presso i locali del Circolo panciarola@libero.it) e al suo vice Alessandrodei Canottieri , sul tema del Turismo nell‘Area Stefanelli (alestefa88@libero.it).del Lago Trasimeno,invitando nell‘Ottobre 2010
  18. 18. DOMENICA 11 SETTEMBREORE 17,00: ESIBIZIONE DELLA SPAZIO GIOVANI, ore 21,30FANFARA DEI BERSAGLIERI BALDO E PAPERO IN CONCERTOSPAZIO POLITICO, ore 21,00 Genere: acustico- pop franceseDibattito L’avventura inizia con l’incontro di due“LE PROPOSTE DEL PD PER musicisti polistrumentisti, Lorenzo Baldinelli & GabrieleUSCIRE DALLA CRISI” Paperini,Interverranno che nelAlfredo D’Attorre settem-Segreteria Nazionale PD bre 2005Lamberto Bottini decidonoSegretario Regionale PD Umbria di lavorare insiemeGianluca Rossi dando spa-Assessore Regione Umbria zio e libertàPiero Mignini alla loroAssessore Provincia di Perugia fantasia e creatività.Massimo Alunni Proietti Ultimamen-Sindaco di Magione te hannoCoordineranno i lavori deciso diQuintilio Proietti e Stefano Vinti ampliareSegreteria del PD di Magione l’organico con l’in-RISTORANTE DELLA FESTA serimento di altriLISCIO IN TERRAZZA elementi (batteria, percussioni, trombone eESPOSIZIONI ARTISTICHE danzatrici ) per gli spettacoli dal vivo...
  19. 19. I CircoliTra il monte Marzolana e la sponda sud “Madonna con il Bambino in braccio”del lago Trasimeno, vi è Sant’Arcangelo. del XIII secolo e degli affreschiSin dalle sue origini il paese si sviluppa attribuiti a G.B. Caporali, del XII secolo.in diverse aree abitate,i “Borghi”, Al suo interno inoltre segnaliamoancora oggi ben distinguibili l’uno una fonte battesimale del 1527 edall’altro. Splendidi gioielli di cultura un’acquasantiera, poggiante su uncontadina, gli angoli di alcuni borghi monolite di probabili origini etrusche.nascondono anche delle bellezze di Sant’Arcangelo è inoltre circondatoparticolare interesse architettonico, dallo splendido bosco della Marzolanacome la torre Colombaia presente ai (586m s.l.m.) che si estende perBartocciami del 1611, o la Cappella oltre 140 ettari con una vegetazionedi San Giovanni ai Baldami, edificata molto ricca, costituita da querce,nel 1763. Ma un interesse particolare cerri, corbezzoli e lecci. Attraverso iva rivolto alla chiesa di “Santa Maria suoi sentieri, che possono esseredi Ancaelle” in località La Frusta, percorsi a piedi o in mountain bike, siuna piccola chiesa del XIII secolo, raggiungono degli splendidi punti diall’interno della quale si può osservare osservazione dove si può ammirare inuna preziosa tavola raffigurante la tutta la sua bellezza il Lago Trasimeno. Via L. Ariosto - SOCCORSO - Magione (PG) Tel. 075 841461 - Fax 075 840668 email: mp-srl@libero.it www.magionepiattaforme.com
  20. 20. S. ARCANGELOIL CIRCOLOSEGRETARIO: Federico LocchiE-MAIL: locchi.f@gmail.comIl compito del circolo PD diSant’Arcangelo, come del restodi tutti gli altri circoli del PDsparsi per tutto il territorionazionale, è quello di favorireil dibattito e il confronto tra gliiscritti e i cittadini su qualunquetema di interesse nazionale olocale. A questo proposito ilnostro intento per il futuro saràquello di rappresentare al megliole esigenze del nostro paesee dei cittadini che lo abitano,appoggiando appieno l’operatodella nostra eletta in consigliocomunale Giancarla Sordi. Via Martiri di Cefalonia, 2/A - Tel. 075/848049 S. Arcangelo di Magione RISTORANTE - PIZZERIA
  21. 21. I CircoliVilla SoccorsoQuesto nucleo abitato, ubicato su una delle Alle origini del paese, nato intorno al suocolline che circondano la pianura di Magione santuario nella seconda metà del Settecento,dalla parte settentrionale, è menzionato per c’è il grande afflusso di fedeli richiamatila prima volta nel 1258, in un elenco degli dalla fama della Madonna del Soccorsoinsediamenti presenti in territorio perugino, (Virgo succurre miseris). Per dare un minimocome villa Aldrie, villa di Antria, Villantria. Del di riparo e di servizi ai tanti devoti ed aglisecolo XIII se non prima, è anche la chiesa officianti che arrivavano in questo luogo, ledi S. Valentino, la cui presenza è attestata autorità ecclesiastiche perugine favorironoa partire dagli inizi del Trecento. A metà di la realizzazione, successiva al santuario, delquesto secolo, stando a quanto riportato nel nucleo storico del paese rimasto praticamentecatasto della comunità di Antria, il nucleo inalterato a fianco della chiesa. Si tratta diabitato era già di una certa consistenza e, un grande caseggiato a forma quadrangolare,oltre ad un discreto numero di abitazioni, vi trasformato negli anni in abitazioni private,era anche un palazzo. Tracce di esso sono ma nel quale sono ancora visibili le struttureforse da ricercare nel palazzotto seicentesco, più importanti di un grande refettorio condi un certo pregio, che si trova a poche decine cucina, forno e pozzo interno, rimasti didi metri di distanza dalla chiesa parrocchiale e proprietà del santuario. Quello stabile, piùoggi parzialmente in rovina. volte ampliato e rimaneggiato, faceva da base logistica per pellegrini e religiosi, soprattutto
  22. 22. VILLA-SOCCORSOin occasione della grande festa dellaMadonna del Soccorso. Non lontanodall’insediamento vi è la chiesa di SanBiagio di Monte Bitorno e la RoccaMonaldi. Oggi tra Soccorso, Villa,Bacanella, Sole Pineta, Collesanto eAntria vivono oltre 2mila persone.IL CIRCOLOSEGRETARIO: Stefania Sepiacci che le cose vengano da sole o con una Il Circolo di Villa- Soccorso è l’unico del partecipazione sporadica .Sono in programmacomune ad essere rappresentato da una donna da ottobre in,poi varie iniziative politche, Stefania Sapiacci. E’ il circolo dopo Magione riguardo le attività produttive, la salute econ più densità di popolazione se consideriamo il sociale, le fonti di energia rinnovabili, lail numero di votanti sono circa 2200. scuola. Invito tutti quelli che leggerannoComprende Sole pineta, Soccorso, queste righe e residenti nella zona del circoloBacanella,Villa, Colle Santo.Il Circolo avrebbe ad interessarsi per partecipare all’attività delgrandi potenzialità ma c’è ancora molto da Circolo Stesso potete ,trovare informazionilavorare e ci vuole l’impegno di tutti deve nel sito del PD di Magione riguardo i contattiessere la passione e la dedizione che genera telefonici a cui rivolgervi . la Coordinatrice deli risultati in politica, non si può pensare Circolo Stefania Sepiacci. TORNERIA s.n.c. Z.I. S. Giuliana - 06063 Magione - Perugi a Tel. 075 841842 - F ax 075 6974844 - Cell. 349 3181153 - 347 732474 9 di Mezzasoma Giacinto e Simone e-mail: giacinto.mezzasoma@vi rgilio.it - simonemezzasoma@vi rgilio.i t
  23. 23. sito Visita il ssolini.com ibu imentar www.al “Come la finanziaria cambierà la nostra vita”Incontro - Dibattito con l’eurodeputato LEONARDO DOMENICI il 16 SETTEMBRE 2011 alle ORE 21.00 presso SALA CARPINE - PIAZZA MATTEOTTI- MAGIONE la Festa Democratica di Magione utilizza solo materiali riciclabili

×