[Joint Venture] Aumenta il fatturato grazie alla Partnership (report gratis)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

[Joint Venture] Aumenta il fatturato grazie alla Partnership (report gratis)

on

  • 1,049 views

Report Gratuito sulle Joint Venture!

Report Gratuito sulle Joint Venture!

Statistics

Views

Total Views
1,049
Views on SlideShare
1,049
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
6
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

[Joint Venture] Aumenta il fatturato grazie alla Partnership (report gratis) [Joint Venture] Aumenta il fatturato grazie alla Partnership (report gratis) Document Transcript

  • 1
  • L’Autore del Report Il mio nome è Stefan Des ,sono uno Chief Marketer e CEO dello Stefan Des Group, ho 27 anni anni, e vivo nella magnifica città di Como. Ho costruito tutti i miei Business Online grazie alle potenzialità delle Joint Venture, quin-tuplicando il mio fatturato in meno di un anno.In questo Report, condivido con te gratuitamente tutte le miestrategie per acquisire e mantenere solide Partnership che migarantiscono un successo ad ogni prodotto o servizio immettonel mercato.Buona letturaStefan Deshttp://www.stefandes.com 2
  • Uso del ReportQuesto Report è di proprietà dello Stefan Des Business Service, e tuttii diritti sono riservati.Puoi condividere questo Report con i tuoi amici, i tuoi familiari edanche i tuoi iscritti, a patto che non venga modificato in nessuna suaparte,e che venga espressamente citato l’Autore del Report.La violazione di queste regole sarà punita a norma di legge. IndiceIntroduzione……………………………………………………………………...pag. 4I grandi vantaggi delle JV…………………………………………………....pag. 6Come creare la giusta Partnership………………..…………………...…pag. 7Il luogo migliore per trovare Partner…………………………….……..pag. 10I due passi necessari per trovare Partner…………………………….pag. 11Acquisire Partner via email………………………………………………..pag. 15La giusta dimensione………………………………………………………..pag. 18Le Connessioni…………………………………………………………….…..pag. 21Conclusioni…………………………………………………………………..…pag. 23 3
  • IntroduzioneNon c’è bisogno di dirlo: sappiamo tutti che la maggior parte degli imprenditoridel web iniziano DA SOLI nel creare il proprio Business Online.Hanno le proprie idee, sempre affascinati dai “guru” del settore, prendendospunto di qua e di là per impostare la propria strategia, per impostare il propriosito web.Così inizia la maggior parte delle persone. Dal proprio garage,dalla propria camerada letto, o addirittura sul proprio letto, con un laptop.Soli. Senza nessuno che sia vicino a dirci cosa dobbiamo fare, quale sarebbe ladecisione migliore e per farla breve senza nessuno a “romperci le balle”.Soli, proprio lì su quella scrivania, con il cagnolino che ci guarda come se volessedire “Mi fa più compagnia il mio osso di gomma!”. Con la solita tazzina di caffè(una delle poche cose all’italiana) e col pensiero di voler accorciare i tempi, cheogni singolo secondo passato è un secondo in cui si è perso molto denaro.Passa il tempo,e il Business prende il volo o almeno pensate che abbia preso ilvolo.Le cose iniziano a cambiare. La testa in quegli anni di gavetta ha sempre lavorato,e ben presto ci si rende conto che la velocità delle idee è 1 milione di volte piùveloce delle nostre stesse mani, già le mani …Prima o poi, ci si rende conto che 2 mani non bastano. Non serve una scrivania piùgrande o un PC più potente, quello che serve veramente è la presenza di Partner.Altrimenti nella maggior parte dei casi, si avrà solo l’impressione di aver“sfondato” perché la vera crescita del Business, sta nel confrontare le idee, nelmettere in gioco se stessi, stringendo collaborazioni importanti. 4
  • Partner.. una parola a mio avviso troppo corta per definire ciò che veramente è.Comunque, andiamo avanti partendo dal significato dei due termini principali diquesto report:  Partnership  Joint VentureEcco cosa dice Wikipedia per definire questi termini:La Partenership (dal francese partenaire, in italiano Partenariato) è un confronto tra partidiverse (soggetti pubblici o privati, forze economiche e sociali) sulla realizzazione diinterventi finalizzati allo sviluppo economico, allo sviluppo del territorio e allintegrazionesociale.Per quanto concerne la parte economico-aziendale possiamo dire che si tratta in genere diattività in cui il lavoro specializzato è di gran lunga il fattore produttivo più importante,come accade per esempio nelle attività professionali (avvocati, consulenti...). Per questeattività il capitale è un cespite secondario.********************************************************In economia aziendale una joint venture è un accordo di collaborazione tra due o piùimprese, la quale unione definisce un nuovo soggetto giuridicamente indipendente dalleimprese co-venturer (se si parla di joint venture non equity; qualora invece laffare non diavita ad una nuova azienda con propria personalità giuridica si parlerà di j.v. equity). Leimprese che decidono di collaborare si pongono come obiettivo la realizzazione di unprogetto comune di natura industriale o commerciale e che vede lutilizzo sinergico dirisorse apportate da ciascuna singola impresa partecipante, ma anche unequasuddivisione dei rischi legati allinvestimento stesso ovvero unequa ripartizione dellepossibili perdite o utili. Il ricorso a tale forme di accordo è dettato dunque dalla necessitàdi mettere insieme diversi know how e capitali per la realizzazione del progetto diinvestimento, facilitandone così la messa in opera. 5
  • I grandi vantaggi delle JVHo scritto questo Report perchè ci sono molte persone che non immaginanoneanche le potenzialità delle Joint Venture. E forse tu sei una di queste.Ti sei mai chiesto:-Perché le JV sono così rinomate?-Perché ti garantiscono di salire la vetta del successo in poco tempo?Fare Joint Venture è la strada più breve per raggiungere il successo perché timette in luce in altri ambienti.Tutti sono bravi a dire che i propri prodotti sono belli e buoni, ma la cosa cambiaquando è qualcun altro a dirlo.La realtà è che la gente alcune volte aspetta proprio quel qualcuno prima diconsiderarti, proprio perché non vuole ascoltare tutto da una sola campana, mavuole avere ulteriore conferma della tua bontà da altre persone, e meglio ancorase queste altre persone sono conosciute ed affidabili nel proprio settore.Ok, ok, in parole povere si può dire che sia una vera e propria forma diraccomandazione. Ma tutto il mondo gira costantemente intorno a questiconcetti, e puoi immaginare tu stesso i vantaggi di essere “raccomandato” da unvero BIG...I vantaggi che ne potrai trarre sono molteplici e possono durare anche per anni,oltre ad incidere sulla tua carriera o comunque sul tuo Business.Spesso una buona JV può darti quegli stessi vantaggi cheti hanno dato uno o due anni di lavoro, semplicemente inpochissimo tempo, anche pochi giorni.Fare le giuste mosse è fondamentale per la propria crescita, le opportunità dicostruire importanti JV non si sprecano, ne va del tuo futuro! Non puoi sprecarel’occasione di collaborare con nomi importanti, solo perché non hai prestato lagiusta attenzione e non hai valutato al meglio l’occasione. 6
  • Come creare la giusta PartnershipCi sono 3 elementi fondamentali per costruire una valida e solida Partnership:  Un accordo Equo  La giusta persona  Fiducia reciprocaQuesti sono davvero 3 pilastri fondamentali, ma non credere che questi 3elementi bastino per andare d’amore e d’accordo per tutta la vita.La verità è che ognuno di noi cerca di fiutare un buon affare, e chi è disposto afare una Joint Venture con te sicuramente non è perché gli sei simpatico o “tivuole bene”. L’unico motivo REALE è per fare un buon affare.L’errore che commette il 90% delle persone sta proprio qui. Non riescono a capiree soprattutto trasmettere che ci saranno vantaggi anche per il partner,e si vede achilometri di distanza quando una persona ti propone una collaborazione solo per“rubare” ciò che sei o ciò che hai costruito, e questo naturalmente porta ad unasola conclusione: il fallimento.Un Partner non è una segretaria: è un imprenditore proprio come TE.Quindi non c’è niente di sicuro per lui, a parte la fiducia che può nutrire nei tuoiconfronti.Lui investe sia tempo che denaro proprio come fai tu, quindi non pensare diessere superiore perchè questo cancellerà qualsiasi forma iniziale di fiducia natain precedenza.Ogni accordo, deve essere EQUO, devi capire che anche lui in qualche modo stainvestendo su di te, o meglio dire su di VOI. Quindi non farti pregare e non esseretirchio quando si tratta di collaborare con persone degne di una partnership, nonè questione di essere generosi, come magari hai immaginato, è una questione dioffrire il giusto valore e di valorizzare un imprenditore in gamba come te.E non ti far venire il magone quando occorre pagarlo, vedilo come uninvestimento per il futuro.Ma parliamo dei compensi. 7
  • Nella mia posizione devo assolutamente consigliarti un rapporto alla pari, un fifty-fifty, quindi 50% ciascuno dei ricavi.Ma ogni partnership ha le sue condizioni e situazioni. La cosa migliore da fare èvalutare al meglio quanto il lavoro del partner valga per la tua azienda, e quantorealmente vale in soldoni.Se non ci sono particolari situazioni, naturalmente il “fifty-fifty” è la soluzioneideale, anche perché taglia nettamente tutto quelle scusanti che nascono dalledifferenti percentuali, e si sa, i soldi fanno sempre incazzare molte persone.Un accordo alla pari spazza via subito molte delle solite storie, che hanno fatto efanno tuttora crollare importanti collaborazioni.Come hai potuto intuire, un Partner è come una fidanzata/o, bisogna rispettarlo,bisogna ascoltarlo, bisogna metterlo in condizione di esprimere le proprie idee edi creare sempre il giusto Brainstorming per trovare il giusto punto di incontro.Ma non credere che tutto riguardi il denaro! Una Joint Venture vincente ècostruita ad un rapporto equo di vantaggi, e non solo parlando di denaro.L’imprenditore che hai davanti capirà sicuramente che ci sono altri aspetti davalutare, come la fama nell’avere una collaborazione con una grande aziendacome la tua (per esempio).Quindi non spaventarti, cerca solo di evidenziare tutti i possibili vantaggi chepotrebbero nascere. La comunicazione è la fase più importante, una voltainquadrata la situazione a 360 gradi, sarà più facile mettere i puntini sulle i. Proponi e AscoltaOgnuno ha il suo punto di vista. Quando si inizia una collaborazione è inutilenascondersi dietro a problematiche che si conoscono ma si ignorano.Se noti dei problemi tra te e il tuo Partner non aspettare che sia lui a chiedere dirisolverlo. E’ ovvio che potrebbe essere fastidioso e sicuramente imbarazzantechiedere al proprio Partner di fare qualcosa per migliorare.Quando si creano collaborazioni a nessuno piace lamentarsi. Ed è proprio inquesto momento, dopo aver inquadrato il problema che dovresti essere tu aproporre la soluzione. In questo modo il tuo Partner si sentirà capito edimportante sotto ai tuoi occhi. La vostra collaborazione farà un salto in avantinella comunicazione, e se succederà il contrario ti potrai aspettare che lui faccia lostesso, perché ha capito che tu lo rispetti e vuoi che il rapporto vada avanti inmaniera positiva e proficua. 8
  • Se sei sposato potrai capire cosa intendo in questo paragrafo . Tra 2imprenditori, quando si valuta un’idea o comunque si effettua un Brainstormingper capire “cosa è meglio per”, è di fondamentale importanza la fase di Ascolto.Ascoltare è prima di tutto un comportamento di rispetto verso il tuo Partner. Loso che quando una persona ti propone un’idea il tuo cervello inizia ad elaborare leinformazioni e creare le azioni consone secondo il tuo punto di vista. Ma frena!Frena!Quando si ascolta una nuova idea è facile che tu diventa preda e ti facciatrasportare dall’entusiasmo nel capire come svilupparla.Ma il tuo Partner ti ha parlato di questa idea perché ha già in mente qualcosa enon puoi interromperlo o far semplicemente finta di ascoltarlo per il tuo ego.Continua ad avere rispetto della persona che hai davanti e ascolta il suo punto divista. Se hai dei dubbi e delle perplessità evidenziale nel Brainstorming, nontenerle dentro di te. E’ probabile che lui stesso abbia pensato allo stessoproblema trovando già la soluzione.Ogni particolare che non ti convince dovresti metterlo sul banco per valutarloinsieme. E non essere categorico: apprezza le idee altrui e seguile, anche se non tihanno convinto a pieno, perché prima o poi potrebbe accadere il contrario, ecomunque potrebbero essere vincenti, a dispetto del tuo pensiero.Ascoltare il proprio Partner facilita lo sviluppo del pensiero, sia quello positivo chequello critico. Accettare i suggerimenti ed agire secondo i pensieri del propriopartner facilita la relazione e mette in campo sempre nuova linfa per creare la JVperfetta. 9
  • Il luogo migliore per trovare PartnerNon c’è storia su questo: niente è meglio di un Seminario o un Workshop pertrovare JV Partner.Non fraintendermi, puoi tranquillamente non partecipare a questi famosiseminari, il tuo Business può senz’altro avere successo ugualmente, ma perchéperdere l’opportunità di condividere, di mettersi in gioco e di conoscere altriimprenditori che hanno sviluppato altri Business?Confrontarsi non può che far bene a te stesso e alla tua crescita. Lo stessoseminario ti da l’opportunità di essere aggiornato e di impossessarti di nuovenozioni, ed inoltre non è da dimenticare la possibilità di trovare Partner!I seminari sono i luoghi ideali per le JV. Io stesso partecipando a dei Seminari misono accorto quanto le persone anche non a conoscenza di questo Report o dellestrategie di JV fossero letteralmente affamate di informazioni, volevanoconfrontarsi per capire come sono posizionati altri imprenditori e capire di piùanche di loro stessi e del loro agire.Durante un seminario, una conversazione con un imprenditore può valere ilprezzo del biglietto. Infatti l’attrazione principale di un seminario, secondo moltiesperti, sono proprio i partecipanti e la loro fame di informazioni e dimiglioramento che porta spesso e volentieri a potenziali JV che spianano la stradadel successo. Ma a quali Seminari partecipare?Beh, la verità è che qui in Italia non abbiamo tantissima scelta come in USA, maquello che posso dirti è che senz’altro non puoi mancare a Seminari perImprenditori, dove si parla di Business, di opportunità, di Marketing. E poinaturalmente gli stessi Seminari dedicati al tuo settore al tuo mercato nonpossono essere assolutamente trascurati. Cosa devi tenere a menteChi partecipa ai Seminari nutre senz’altro una voglia matta di moltiplicare ilproprio fatturato, vuole crescere e fare esperienza anche indiretta grazie ad altriimprenditori. E per avere tutto questo, non c’è luogo migliore di un seminario dalvivo. 10
  • I 2 passi necessari per trovare Partner JVOra ti descriverò i 2 passi che bisogna percorrere per sviluppare una potenzialeJV, dall’approccio fino all’accordo. Ricorda che questi 2 passi valgono sia se sei tua tentare l’approccio sia se un altro imprenditore cerca di capire cosa fai nella vita;-) . Passo 1Le domande, o meglio chiamarla “Indagine” come direbbe un Venditore Esperto.Quando si partecipa ad un Seminario, ad un Workshop, etc se davvero seiinteressato a trovare dei potenziali Partner per far crescere il tuo fatturato, sideve avere lo spirito da Detective, cioè cercare di approcciare le persone con lesolite scuse, io addirittura con un’enorme faccia tosta, senza battere ciglio, mibuttavo su persone che ritenevo “sveglie” presentandomi subito, rompendo ilghiaccio con alcune considerazioni sullo stesso Seminario a cui assistivo.Posso dirti tranquillamente che nessuno e dico nessuno rifiutava il mio invito aconversare, in quanto tutti aperti a possibilità esterne, tutti consapevoli che si puòsempre imparare da tutti.Ben presto mi ritrovavo a fare domande mirate alla mia “preda”  e cercavo dicapire in poche battute se quella persona poteva essere utile alle mie attività, e sele mie stesse attività potevano essere utili alla sue.Ma torniamo al nostro “Step by Step” per trovare JV Partner.Una volta rotto il ghiaccio iniziale, dovrai iniziare la tua indagine, per capirerealmente se la persona che hai davanti può fare al caso tuo, se può contribuire afar crescere il tuo Business, se è collegato in qualche modo con il tuo settore.Ma se capita il contrario?Stessa cosa! Ma in questo caso la conversazione dev’essere più complessa. Se unapersona si avvicina a te e capisci realmente che vuole saperne di più su quello chefai e come ti guadagni da vivere, allora dovresti cercare di non subire un verointerrogatorio, ma di alternarti con risposte e domande per capire realmenteanche tu se la persona che hai davanti può esserti utile, o se stai solamentesprecando il fiato. 11
  • Ehm.. ma che domande dovrei fargli?Eheheheheh.. dirai che sono scontato, ma la prima domanda è veramente digrande importanza!Nel 99% dei casi la prima domanda è: Di cosa ti occupi? O meglio Lei di cosa siOccupa?E’ qui che casca l’asino! E’ normale che si guardi per prima cosa il settore diappartenenza, ma c’è una cosa che è ben più importante!Quando poni questa domanda devi spalancare gli occhi, OSSERVARE edASCOLTARE come la persona che hai davanti ti descrive il lavoro che fa.Se ne parla con piacere e/o gonfia il petto e/o ti aggiunge dei particolariinteressanti che ti comunicano la passione che questa persona nutre nel suolavoro, allora vale la pena dargli udienza!Sarà sicuramente una persona interessante, e come la logica imprenditorialevuole, avrà degli interessi per far crescere la sua azienda, quindi con ampievedute.Se invece la persona che hai davanti è un pò restia nel parlare della sua attivitàdovresti indagare ancora un pò per capire che persona è, e i suoi obiettivi.Potrebbe essere semplicemente una persona timida, che resta abbottonata finquando non si fida di quello che gli sta davanti.L’unica cosa che mi raccomando di dirti è di non insistere troppo quando unapersona parla poco, probabilmente ti risponde solo per non essere scortese ovuole “spiare” una potenziale concorrenza senza dire troppo di lui.In questo caso il consiglio che posso darti è di non perdere tempo. A buonintenditor poche parole.Attenzione, probabilmente quella stessa persona che resta abbottonata potrebbeessere un buon Partner, nessuno può saperlo, ma un approccio in un Seminarionon è sicuramente il luogo ideale per lui per trovare dei potenziali Partner.Ok,abbiamo capito qual è e cosa osservare nella prima domanda.. ma dopo?Il dopo è nella maggior parte dei casi è una conseguenza. Però non bisogna maitrascurare i propri obiettivi e le proprie idee. 12
  • Dopo aver instaurato il primo contatto, con le acque sciolte si può ulteriormenteindagare su come l’imprenditore che hai davanti può essere utile alla tua aziendae non da meno se il tuo stesso lavoro può essere utile a lui!Se tu e l’imprenditore che hai davanti siete legati a doppio filo, perché nonindagare ancora?? Magari è possibile capire se si ha la stessa filosofia di pensiero, se su argomentipiù o meno importanti si agisce basandosi su un medesimo ragionamento.Si può proseguire inoltre facendo delle domande secondo gli obiettivi che sivogliono realizzare, non è detto che tu non abbia già una figura professionale o diesperienza che vorresti incontrare e stringere la mano. Probabilmente la personache hai davanti è proprio quella che stai cercando.Approfondisci il discorso e cerca di capire se è più interessante di quanto tu pensi.Quindi tirando le somme di questo primo passo, l’approccio iniziale dev’essere davero Detective. Devi indagare su più fronti per capire se le due o più mentipresenti possono collaborare in qualche modo, naturalmente vedendo quali sonoi vantaggi reali per l’uno e per l’altro. Passo 2L’ispirazione.Il passo numero 2 è davvero cruciale per te. E rappresenta il momento in cui sipropone una Joint Venture.Prima di approfondire il passo 2, voglio allertarti che in qualsiasi ambito tu ti possatrovare, non devi mai e dico mai essere convinto di portarti a casa unacollaborazione con qualche pezzo grosso.Questo è l’errore che commettono anche i più abili, nella comunicazione e nellavendita. Predisporre la propria mente a contare i soldi generati da unacollaborazione, prima ancora di conoscere la persona che ti stringerà forte lamano è un atteggiamento che ti metterà fretta e ti farà sembrare una personairritabile sotto alcuni punti di vista. 13
  • Quindi per prima cosa, quando partecipi a qualsiasi tipologia di Meeting, resta coni piedi per terra, vai con lo scopo di “rubare” informazioni, e non di trovarePartner.Detto questo, passiamo ai fatti .Come da titolo di questo secondo passo, quando hai instaurato con un potenzialePartner una comunicazione piacevole ed interessante per entrambe le parti, nonpartire in quarta!Ricorda che l’appetito vien mangiando!Non proporre immediatamente una collaborazione, lascia il giusto spazioall’immaginazione!Proporre immediatamente una collaborazione, dopo un contatto iniziale, è moltorischioso.. non puoi sapere come la persona davanti a te reagirà.. d’altronde comepuoi biasimarlo.. vi conoscete da pochissimi minuti!Potrebbe tirarsi indietro immediatamente, come se tutto il tempo passato fino aquel momento con lui fosse stato per “adescarlo”, quindi un pensieroassolutamente negativo.Fai lavorare l’immaginazione. Gli hai già parlato del tuo lavoro, di quello che fai,quindi parlando vagamente di qualche idea che metta entrambi in gioco, gli faraicapire che gli stai proponendo una collaborazione.Sarà lui stesso, dopo una pausa di qualche secondo, a dirti: “E tu potresti…”Questo è il momento clou del colloquio.. e devi cercare di star più zitto che puoi, èuna fase di ascolto.In quel momento puoi senz’altro capire se la cosa gli piace oppure no, se ne èinteressato oppure no e devi cercare di capire realmente se sta solamentefacendo finta oppure è realmente interessato alla tua proposta.Quando ormai le carte sono scoperte puoi arricchire di dettagli la potenzialecollaborazione, se anche lui ti propone qualche dettaglio allora sei sulla buonastrada!Infatti, nessuno sa se dopo il colloquio che stai facendo il potenziale partner possasparire perché preso come ognuno di noi da mille impegni.I dettagli rafforzano la concretezza della Partnership, e ne consolida le basi.Naturalmente tutto questo accade quando la persona che hai davanti è prontaper una JV, e anche se è banale dirlo, sarebbe bene prendere già un 14
  • appuntamento per approfondire gli ulteriori dettagli della Partnership, potrebbefondare le basi per ulteriori grossi affari.Comunque ricorda sempre che più dettagli riesci a stabilire più sicura sarà lavostra collaborazione, lasciare il tutto vago vorrà dire che tutta la chiacchieratasarà stata inutile e la vostra collaborazione non si realizzerà mai. Acquisire Partner via EmailAbbiamo parlato del posto migliore per trovare JV Partner cioè i Seminari, ma nonsempre si ha la possibilità di frequentare assiduamente questi eventi.Quindi ora andremo a vedere come approcciare un potenziale Partner con laclassica e vecchia EMAIL.Beh come potrai immaginare, incontrare e stringere la mano ad una persona ètutta un’altra cosa rispetto ad inviare email, e se hai intenzione di contattarequalche pezzo grosso non credo che la strada dell’email sia quella migliore..Si è vero tentar non nuoce, ma è meglio che io ti avverta prima che tu ci rimangamale a causa di una possibile mancata risposta.L’email è uno strumento rischioso per stringere Partnership, molti possiedono piùdi un indirizzo e ricevono anche centinaia di email ogni giorno, quindi colpire nelsegno diventa 100 volte più difficile.Ma non voglio scoraggiarti, per molti l’unica possibilità di stringere Partnershipcon persone che contano è spedire una email, quindi andiamo a vedere comeapprocciare nel modo migliore un Potenziale JV partner, anche se solo attraversouna classica email.La prima regola da rispettare quando contatti un potenziale JV partner via email èdi dividere la tua proposta in due step, proprio come il contatto diretto neiseminari, anche se l’impostazione è completamente diversa. 15
  • Questa divisione è importante per stuzzicare l’appetito del potenziale Partner,senza servirgli la nostra proposta su un piatto d’argento.L’obiettivo, anche via email rimane quello di avere un colloquio DIRETTO, uncontatto via Skype o via telefono dove si può senz’altro avere una conversazionepiù piacevole e più persuasiva.Quindi ricapitolando nella prima email che invii al tuo potenziale JV Partner deviessenzialmente cercare di stuzzicare la sua curiosità, senza annoiarlo con milledettagli iniziali, non servono, devi solo farlo abboccare all’amo, non devi cucinarloprima ancora di pescarlo. Ma come stuzzicare la sua curiosità?Le prime frasi dell’email sono di fondamentale importanza. La prima cosa da farenaturalmente è presentarti in massimo 8 parole e fare dei complimenti suqualcosa che ha fatto, su un prodotto, su un servizio, o semplicemente su unarticolo o video, l’importante è che tu gli faccia capire che sei un suo seguace, unapersona che ha stima di lui e che apprezza il suo lavoro.Adesso inizia la fase difficile. Non puoi star lì a fare tanti giri di parole, sembreraiuna persona poco decisa e che ha timore di proporre. Questo è un aspettonegativo assolutamente da evitare.Sii deciso vai subito al punto, digli che hai una proposta per lui con la formula“dico e non dico”..Infatti non devi elencare ogni dettaglio della tua proposta, e neanche lasciarlocompletamente al buio, devi solo fargli capire che hai qualche affare da proporglifacendogli capire a grandi linee di cosa si tratta.Allo stesso tempo non fare il misterioso. Sii esplicito, digli che per tutti i dettaglisarebbe più professionale sentirsi via telefono o skype, in questo modo,sembrerai una persona molto seria in quello che fa, e che non ha tempo daperdere.Cerca di scrivere una email non troppo corta e sicuramente non chilometrica,massimo 3 paragrafi, e cura la formattazione dell’email rendila facile da leggere eriuscirai ad acquisire la sua attenzione.Non avere fretta nello scrivere la tua email, cerca di curare ogni dettaglio, èun’occasione e non devi sprecarla. 16
  • Altro dettaglio da considerare è il modo per ricontattarti. Al primo contatto nondevi inserire subito i tuoi recapiti telefonici, ed usa una email che leggifrequentemente. Se ottieni una risposta, rispondigli con i tuoi recapiti dopo 2-6ore dalla sua risposta.Come vedi, tutto deve essere curato nei particolari, ricorda che quel potenzialePartner non è un tuo amico in quel momento, si tratta di affari, quindi dovrestiessere pronto per rispondere a qualsiasi sua domanda, anche sui potenziali ricaviche ne usciranno dalla JV.Ma cosa fare se il potenziale Partner non ha intenzione di sentirti a telefono?Beh, qui le cose cambiano, bisogna stare attenti ad ogni parola di ogni tuarisposta. Devi essere sicuramente contento di aver ricevuto udienza, quindisfruttiamo questa occasione, ma tieni presente che liquidarti sarà un gioco daragazzi, basta non rispondere alla tua email!Comunque non diamoci per vinti! Andiamo avanti e arricchiamo di dettagli (edanche di documenti) la nostra offerta. Cerca di fargli realmente capire che non seil’ultimo pinco pallino di turno, ma che hai valore, che sei una persona seria a cuipiace fare Business.Anche in questo caso, cerca di non sparare tutte le tue cartucce, tieniti semprequalche asso nella manica per ribadire ai suoi dubbi, in questo modo sembreraianche una persona con la risposta pronta e soprattutto che SA quello che stafacendo.In ogni caso, cerca sempre di avere un colloquio telefonico, o dal vivo, èfondamentale per avere vera comunicazione e fiducia.Se non è possibile, pazienza, almeno ci hai provato.Nota importante:Ricorda che ogni potenziale Partner è diverso da un altro. La grandezza delproprio Brand incide nel 70% dei casi.Se contatti un imprenditore più “piccolo” di te (in termini di affari) sarà più facileavere una risposta. Cosa che si capovolge quando si tratta di un vero BIG, un gurudel settore, dove sicuramente devi lavorare di fino per avere udienza. 17
  • La giusta dimensioneDurante il percorso di un imprenditore, la cosa migliore è capire la propriadimensione.-Quanto sei grande?-Quanto sei importante per il tuo settore?-Quanti ti reputano uno da “ascoltare”?So che stiamo parlando di Branding, ma bisogna realmente analizzare lasituazione del proprio Brand prima di giocarsi delle carte troppo presto o troppotardi (anche se non è mai troppo tardi  ).Perché ti dico questo?Perché nelle JV inconsciamente si rispetta la regola del “Similar Level”. Cioè siconcede una JV solo a persone che stanno su uno stesso livello o più alto.Quindi come detto prima, sarà più facile trovare JV Partner di livello simile o piùbasso.Facciamo un esempio:Un hotel famoso in città ha sempre richieste da parte dei suoi clienti riguardo aqualche ristorante dove “si mangia bene”.Calcola che stiamo parlando di una delle JV più semplici, quella dello scambiofavori.Allora, abbiamo detto che l’hotel è molto famoso ed è uno dei più importanti incittà.Immaginiamo adesso che tu abbia una piccola trattoria, nata da un paio di mesi, epraticamente non hai ancora stretto dei legami con altri ristoratori o operatori delturismo in generale.In questo caso, se proponi una JV all’Hotel famoso, sarà difficile che ti indirizzeràdei clienti, perché non sa come lavori e se sei affidabile.Naturalmente preferirebbe consigliare un ristorante già famoso, magari che si ègià costruito una reputazione come “un ottimo ristorante”. 18
  • Ed è proprio questo l’intervento naturale del “Similar Level”.Questo atteggiamento naturale ti chiude delle porte che hai provato ad apriretroppo presto.Nessuno sa se dopo a distanza di anni tu avresti potuto contattare il famoso hotele ricevere un secco SI’ come risposta.Invece di contattare il famoso hotel, se sei ancora “giovane” di business dovrestipuntare più in basso, per trovare dei JV Partner che possono portarti dei vantaggiugualmente, ma che non sono ad un livello troppo superiore a te.Sarà più facile contattare altri Hotel minori che accettino la tua proposta, perchéanche loro essendo abbastanza piccoli, hanno più fame di clienti, e avrannosenz’altro piacere se qualche tuo cliente ti chiede un buon hotel in zona..Ammetto di essere stato un po’ crudo in questi ultimi paragrafi, ma è sempremeglio aprire gli occhi e puntare GRADUALMENTE alle nostre “prede”.E’ un classico, nella maggior parte dei casi non si cercano Partner minori o eguali anoi, ma la nostra ambizione ci porta a puntare a JV Partner che ci diano unagrande visibilità, una grande fama.Ma nessuno fa niente per niente, le JV sono l’arma più potente di un imprenditoreproprio perché sono Win-Win. Ed è praticamente impossibile trovare unimprenditore che ti dia visibilità gratis, senza avere nulla in cambio, senza averedei vantaggi.La reputazione che hai, e che ti sei costruito inciderà enormemente nello stringereaccordi e JV. E’ inevitabile.Quindi non partire in quarta, alza la posta in gioco man mano che cresci e vedraiche non avrai mai delusioni e NO.Io stesso nel 2010 ho ricevuto oltre 150 richieste JV, ma si contano sulle dita diuna mano quelle a cui ho dato udienza e costruito importanti JV.Questo per gli stessi motivi sopra elencati. La mancanza di tempo, emailestremamente noiose, overdosi di informazioni, personaggi praticamente gelosi echiusi e come ciliegina sulla torta, persone che non mi avrebbero dato il benchéminimo vantaggio stringendo una JV. 19
  • Sono veramente poche le persone che SANNO come stringere importanticollaborazioni, e credimi, molte persone perdono veramente delle opportunitàinestimabili.Non voglio essere cattivo ma…Se sei una persona ambiziosa, una persona che ha un’idea fantastica e pronta peressere messa sul mercato, non farti bruciare dall’entusiasmo e contattare tutto etutti in cerca di approvazione.Pensa solo che sei già a un buon punto, ma come ogni persona bisogna fare un po’di gavetta prima di raggiungere il meritato successo.Se hai solo la tua idea, non puoi proporre la sua realizzazione ai big del settore,perché sono proprio loro ad avere quelle famose centinaia di richieste con milleidee buone come la tua.Se hai un’idea che per te è vincente, cerca di costruirla con tutta l’umiltà possibilee non pensare in modo scontato che qualcuno ti darà immediatamente la fama e isoldi. 20
  • Le connessioniUn altro sbaglio che molti imprenditori commettono è la mancanza di connessionitra un Partner e l’altro.La prima cosa che un imprenditore di successo pensa prima di proporre una JV èla connessione tra i Business dei Partner.Infatti la maggior parte (praticamente il 90%) degli imprenditori, pensa ad una JVquando capisce che quella persona può dargli importante visibilità.Ma non pensa minimamente ai vantaggi che ne trarrà il Partner. E NO, i soldi nonsono l’unico buon motivo.La persona di successo, non guarda ai soldi che farà in quel momento con te. Maguarda anche alla sua reputazione, i suoi clienti sono come suoi figli e non vorràmai e poi mai rifilargli delle fregature o comunque qualcosa di poco valore.Lui ci mette la faccia, e per questo vorrà essere sicuro al 100% che quello che glista di fronte non è solo un imprenditore serio, ma anche una persona che offretanto valore al pubblico, ai clienti.Quindi non pensare che una grossa percentuale basti per convincere un BIG,perché è proprio qui che sbagliano tutti.Il BIG (o anche un potenziale Partner che non sia necessariamente una colonnaportante) probabilmente non ha bisogno di fare soldi con te, ne fa abbastanza dasolo. Quindi bisogna dargli delle motivazioni più importanti del misero denaro.Si ok, i soldi non sono mai abbastanza, ma sponsorizzare una persona nonperfettamente idonea può creare dei grossi problemi con il proprio pubblico chepossono provocare una perdita nelle vendite dei propri prodotti e servizi.Detto questo, sembra scontato dirlo, ma come ogni cosa bisogna targhetizzare ilproprio messaggio.Prima di contattare un potenziale JV Partner, occorre studiare nei dettagli...perché lui dovrebbe darti visibilità? 21
  • Occorre per prima cosa una connessione tra i due Business.Devi domandarti:Quali vantaggi può avere il pubblico del mio potenziale JV Partner?Se trovi una valida risposta a questa domanda, allora vai a gonfie vele, haiun’ottima motivazione per contattare il tuo potenziale Partner, e con essa anchedelle chance in più per essere accettato.Se invece non trovi una buona motivazione, una buona connessione tra le dueparti, allora sarà meglio non provarci neanche, sarà solamente una gran perdita ditempo, perché è palese che la tua proposta sarà rifiutata. 22
  • ConclusioniSono veramente felice di aver scritto questo JV Report. E sono ancora più felice diaverlo dato gratuitamente.L’unica cosa che ti chiedo è di fare tesoro di queste informazioni, non sono lesolite cose che trovi in giro, proprio perché si tratta di una strategia molto potentee abbastanza complessa nel suo svolgimento.Devi credermi proprio perché ho basato tutta la mia carriera sulla costruzione divalide JV che mi hanno portato a quintuplicare il mio fatturato in meno di unanno, ed ora, con questo Report ti auguro con tutto il mio cuore che tu possaeguagliare o migliorare quello che ho fatto io.Prima di lasciarti voglio ricordarti che in ogni Business bisogna faticosamentesalire uno scalino alla volta … poi, accade di trovare l’ascensore, che ci porta inpochi istanti ai piani più alti.. ma tieni a mente che trovare un ascensore è moltodifficile e tutto dipende da te … ;-)In bocca al lupoStefan Deshttp://www.stefandes.com 23