Your SlideShare is downloading. ×
0
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’intervento

2,210

Published on

Le problematiche di aggressività e condotta nella scuola dell’Infanzia: …

Le problematiche di aggressività e condotta nella scuola dell’Infanzia:
un modello di intervento.
Consuelo Giuli, Iacopo Bertacchi, Lavinia Lombardi Ass. Mente cognitiva, SPC Grosseto, Centro Pandora

Published in: Health & Medicine
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
2,210
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  1. . XVI CONGRESSO NAZIONALE SITCC Roma 4 - 7 Ottobre 2012 Intervenire nella scuola dell’Infanzia e primaria: quali le difficoltà e quali le modalità d’interventoLe problematiche di aggressività e condotta nella scuola dell’Infanzia: un modello di intervento. Consuelo Giuli, Iacopo Bertacchi, Lavinia Lombardi Ass. Mente cognitiva, SPC Grosseto, Centro Pandora
  2. INTERVENTI PER LA PREVENZIONE E RIDUZIONE DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI A SCUOLA IRCSS FONDAZIONE STELLA MARIS COPING POWER INTERVENTI PROGRAM MULTIMODALI INCREDIBLE YEARS IPCPS
  3. L’INTERVENTO IN ETA’ SEMPRE PIU’ PRECOCE Favorire un buon inserimento nella scuola primariaPrevenzione e riduzione Potenziamento problematiche abilità sociali comportamentali Incremento capacità di problem solving Rafforzamento del rispetto delle regole
  4. STRUTTURA DELL’INTERVENTO INCONTRI CON I BAMBINI IN SEZIONE o n. 24 INCONTRI CON GLI INSEGNANTI on. 10INCONTRI CON I GENITORI on. 6
  5. TRAINING CON I BAMBINI IN SEZIONE ATTIVITA’ TEMPI 1. Valutazione e discussione Circa 15 min. sui traguardi settimanali. 2. Attivita’ volte al Circa 40 min. potenziamento delle abilità emotivo- relazionali. 3. Assegnazioni dei punteggi Circa 10 min. totali di ciascun alunno (foglio dei traguardi, comportamento tenuto durante la sessione, cartellone delle multe).
  6. TRAINING CON I BAMBINI IN SEZIONE Il cartellone dei traguardi Valutazione nelScelta degli training obiettivi a Operazionalizzazione Valutazione settimanale con breve e a dell’obiettivo in quotidiana discussioni di lungo sotto-obiettivi fatta da gruppo sutermine con costituiti da insegnante eventuali un ruolo comportamenti e alunno difficoltà e attivo osservabili. insieme. assegnazionedell’alunno. del punteggio.
  7. TRAINING CON I BAMBINI IN SEZIONE Il cartellone dei traguardi
  8. TRAINING CON I BAMBINI IN SEZIONE Regoline regolette
  9. TRAINING CON I BAMBINI IN SEZIONE Il cartellone delle multe
  10. TRAINING CON I BAMBINI IN SEZIONEUna stradina da percorrere alla scuola dell’infanzia
  11. TRAINING CON I BAMBINI IN SEZIONEPotenziamento delle abilità affettivo- relazionali Attività di alfabetizzazione emotiva
  12. TRAINING CON I BAMBINI IN SEZIONEAttività di gestione e controllo della rabbia
  13. TRAINING CON I BAMBINI IN SEZIONEAttività di gestione e controllo della rabbia
  14. TRAINING CON I BAMBINI IN SEZIONE Role paying in situazioni conflittualiI bambini hanno rappresentato una situazione di conflitto proponendo diverse alternative di soluzione. Questa attività è stata videoripresa per valutare con il gruppo le alternative emerse nel role playing e proporne di nuove.
  15. INTERVENTO CON LE INSEGNANTI Confronto ediscussione nelle supervisioniquindicinali con lo psicologo.
  16. INTERVENTO CON I GENITORIAPPROFONDIMENTO DELLE ABILITA’ CONOSCERE LERELAZIONALI CON I ATTIVITA’ DEL FIGLI TRAINING CON I BAMBINI IN SEZIONE CONFRONTO SULLE MODALITA’ DI GESTIONE DI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI A CASA
  17. CAMPIONE E STRUMENTI SCUOLA INFANZIA A.s. 2010/2011 CAMPIONE Totale alunni: 84 1 Classe 2 Classi di controllo (ed.sperimentale (CPP): emotivo relazionale):33 alunni di 5 anni 26 +25 alunni di 5 anni STRUMENTI Questionario SDQ Test T per dati Test T per campioni appaiati indipendenti (diff. Tra pre e post intervento (diff. Pre e post) gruppo sperimentale e controllo)
  18. RISULTATI SCUOLA INFANZIA Gruppo sperimentale PRIMA9 DOPO876543210 Stress Sintomi emozionali Difficoltà di comportamento Iperattività e disattenzione Rapporti problematici conComportamento pro-sociale i pari •Riduzione significativa dei punteggi nelle scale: STRESS, SINTOMI EMOZIONALI, DIFFICOLTA’ DI COMPORTAMENTAMENTO, CLASSE IPERATTIVITA’/DISATTENZIONE e RAPPORTI SPERIMENTALE PROBLEMATICI CON I PARI. (CPP) •Migloramento relativo al COMPORTAMENTO PRO- SOCIALE
  19. RISULTATI SCUOLA INFANZIA8 Gruppo di controllo7 PRIMA6 DOPO543210 Stress Sintomi emozionali Difficoltà di Iperattività e Rapporti Comportamento comportamento disattenzione problematici con i pro-sociale pari • GRUPPO CONTROLLO: diminuzione significativa dei GRUPPO punteggi relativi a tutte le scale dell’SDQ.CONTROLLO •Non si riscontrano differenze significative tra il gruppo sperimentale e quello di controllo.
  20. RISULTATI SCUOLA INFANZIA Situazione pre-intervento Gruppo controllo Gruppo sperimentale9876543210 Stress Sintomi Difficoltà di Iperattività e Rapporti Comportamento emozionali comportamento disattenzione problematici con pro-sociale i pari SITUAZIONE PRE • Maggiore criticità iniziale INTERVENTO nella classe sperimentale.
  21. DISCUSSIONE RISULTATI SCUOLA INFANZIARiduzione significativa di comportamentiinadeguati nella classe sperimentale, ma nelconfronto tra questa e le due classi di controllo non emergono differenze significative. MAGGIORE COINVOLGIMENTO DEI GENITORI?

×