Your SlideShare is downloading. ×
Umorismo genitoriale:  relazione tra stile educativo familiare basato sul senso dell'umorismo e autostima nei figli.”
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Umorismo genitoriale: relazione tra stile educativo familiare basato sul senso dell'umorismo e autostima nei figli.”

1,267
views

Published on


L’obiettivo della ricerca è quello di scoprire l’eventuale esistenza di una relazione tra uno stile educativo familiare basato sul senso dell’umorismo come strategia di coping e in modo autorinforzativo e una relativa buona autostima nei figli.


0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,267
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
22
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Lorena Notarangelo, Sonia Abbondanza Studi Cognitivi – San Benedetto del Tronto
  • 2. “Un bambino quando viene al mondo,non ha né passato né esperienza da cui trarre indicazioni per gestire se stesso, nessuna scala grazie a cui giudicare le sue capacità. Deve basarsi sulle esperienze che ha con le persone che gli stanno intorno e sui messaggi che esse gli inviano riguardo il suo valore come persona”. Satir (1972)
  • 3. Fondamenti teorici Il Parenting style, ovvero lo stile genitoriale, è quell’insieme di comportamenti che riguarda la capacità di espletare il ruolo di genitore finalizzato a: nutrire, accudire, proteggere dare affetto e sostegno educare e promuovere l’autonomia e l’indipendenza della prole. Le ricerche sull’ansia, sulla depressione e, più in generale, sulle sindromi internalizzanti,quali l’inibizione temperamentale, il ritiro sociale e l’attaccamento insicuro, rilevano diverse comunanze tra tali comportamenti e il parenting (Rapee 1997). Bayer et al. (2006) evidenziano come uno stile di parenting positivo sia associato ad un adeguato sviluppo emotivo nel bambino.
  • 4. Fondamenti teorici Dalle ricerche riguardanti lo stile genitoriale emergono i principali fattori che tenderebbero ad influenzare il rapporto genitori-figli:  Stress e ansia  Rabbia e frustrazione: vengono trasmesse involontariamente alla prole, che a sua volta li esprime nel rapporto con i coetanei o con gli insegnanti.  Relazioni familiari disfunzionali: possono impedire il normale sviluppo di competenze sociali, con la conseguenza di rendere il bambino più vulnerabile allo sviluppo di timori circa le conseguenze sociali delle sue manifestazioni ansiose. (Patrizi, Rigante, De Matteis, Isola, Giamundo, 2010). L’autostima è un aspetto che subisce l’influenza degli stress familiari, in quanto le persone tenderebbero ad elaborare i propri standard ideali attraverso le proprie osservazioni, le aspettative espresse e dimostrate dagli altri e i risultati degli altri che cercano di imitare (Rogers e Dymond, 1954; Rosenberg, 1965, 1979; Bloom, 1976).
  • 5. Ride ben… Il senso dell’umorismo può esser concettualizzato come abilità cognitiva, intellettuale, pattern comportamentale, tratto legato all’espressione delle emozioni, attitudine e come strategia di coping (Martin et al. 2003). Secondo la letteratura attuale,l’umorismo e il ridere sarebbero potenti mezzi di comunicazione che permetterebbero: di simulare e rinnovare le proprie origini; di interrompere il corso ordinario delle cose per aprire una finestra su un mondo altro, dove è possibile abbandonare le maschere e viversi liberamente in una dimensione diversa, giocosa e gioiosa; di “ritualizzare l’aggressività” e di trovare un suo canale di espressione necessario e riconosciuto dalla collettività; di rinforzare le norme sociali, i valori della comunità e di dare in tal modo un senso pieno alle esistenze individuali.
  • 6. L’umorismo: Fornisce una strategia alternativa che rende capaci di cambiare prospettiva rispetto a una situazione stressante Permette di reinterpretare la situazione stressante in un nuovo modo, cambiando punto di vista, rendendola meno minacciosa e affrontabile Attenua le risposte emozionali e comportamentali negative, favorendo un decentramento e una risposta comportamentale positiva.
  • 7. L’Ipotesi… Ma cosa bisogna promuovere davvero? Come deve comportarsi un genitore per incoraggiare e favorire il benessere nei propri figli? Lo studio che proponiamo tenta di inserire l’educazione al riso nella realtà familiare e di scoprire l’eventuale esistenza di una relazione tra stile educativo familiare basato sul senso dell’umorismo, come strategia di coping e una buona autostima nei figli.
  • 8. Il Campione… Il campione è formato da 135 genitori e figli, 76 della Quarta e Quinta classe della Scuola Primaria e 59 della Prima e Seconda classe della Scuola Secondaria di Primo Grado di Istituto Comprensivo n°2 di Vasto (Ch). Abbiamo considerato la fascia d’età compresa tra i 9 e i 12 anni, in cui il bambino passa dalla fase dell’infanzia a quella della pubertà (preadolescenza) e lo sviluppo cognitivo è più completo. Sono stati esclusi gli adolescenti perché in una fase
  • 9. Il Metodo… Ai genitori sono stati somministrati: Assessing Parenting Styles: per valutare lo stile genitoriale. I risultati delineano quattro tipologie di stili genitoriali: (A) Respingente - Distaccato, (B) Criticista, (C) Permissivo e (D) Coach Emozionale. (Simon and Schuster, 1997). CHS - Coping Humor Scale: per valutare l’utilizzo dell’umorismo come strategia di coping.(Martin e Lefcourt, 1983).
  • 10. HSQ – Humor Styles Questionnaire: misura le differenze individuali negli stili di umorismo. La combinazione di questi fattori crea quattro stili distinti: u. Affiliativo, u. di Automiglioramento, u. Aggressivo e u. Controproducente (Martin e Doris, 2003). CBCL – Child Behavior CheckList: consente di ottenere un quadro descrittivo globale emozionale del bambino. Nella ricerca sono state prese in considerazione solo 3 costrutti:Ritiro Sociale, Ansia/Depressione e Comportamento Aggressivo (Thomas M. Achenbach, 1991).
  • 11. Ai bambini: TMA – Test Multidimensionale dell’Autostima: consente la misurazione dell’autostima in età evolutiva Nella ricerca sono state prese in considerazione solo 2 scale: Competenza ed Emotività (Bruce A. Bracken, 1992).
  • 12. Presentazione progetto Incontro con la Dirigente Scolastica e con le insegnanti al fine di presentare il progetto. Scelta delle classi campione mediante sorteggio.
  • 13. CAMPIONE 1 – Scuola Primaria Media Deviazione Standard APS A ,4083 ,14084 APS B ,3368 ,16567 APS C ,5447 ,19960 APS D ,6737 ,15609 HSQ Affiliativo 41,7838 8,16486 HSQ di Automiglioramento 37,1216 8,73969 HSQ Aggressivo 19,3243 6,88876 HSQ Controproducente 23,3108 8,64826 CHS Coping 19,0946 3,64586 CBCL Ritiro Sociale 2,5132 2,25975 CBCL Ansia/Depressione 5,1711 4,39815 CBCL Comp. Aggressivi 7,4342 5,20342 TMA Competenza 74,2763 8,41997 TMA Emotività 75,5132 8,30661
  • 14. CAMPIONE 2 – Scuola Secondaria Inferiore Media Deviazione Standard APS A ,4153 ,15749 APS B ,3592 ,18993 APS C ,5476 ,20651 APS D ,6944 ,14991 HSQ Affiliativo 40,4662 8,28338 HSQ di Automiglioramento 36,5789 8,27392 HSQ Aggressivo 19,9925 7,15467 HSQ Controproducente 23,6391 8,34878 CHS Coping 18,3083 4,05115 TMA Competenza 73,9333 9,32434 TMA Emotività 73,3630 12,43887
  • 15. Analisi di correlazione APS B APS A APS D CBCL ritiro CBCL a/d APS D CBCL ritiro CBCL an/dep HSQ affiliativo HSQ affiliativ ,376 HSQaut omiglio HSQco ntropro ducente TMA competenza TMAem otività ,312 ,441 ,221 ,194 ,298 ,698 ,220 , 199 ,389 ,313 ,381 HSQ automigliora mento HSQaggressiv CHS coping ,195 APS B APS C CBCL c.aggres ,542 ,386 ,556
  • 16. Tendenza Genitoriale principale APS A: genitore Respingente – Distaccato APS B: genitore Criticista APS C: genitore Permissivo APS D: genitore Coach Emozionale
  • 17. Conclusioni Nessuna delle scale dell’Umorismo (HSQ e CHS) è correlata con le sottoscale della CBCL e del TMA. Non ci sono correlazioni con l’autostima dei figli, ma è interessante notare le associazioni tra stile genitoriale e tipo di umorismo. Si può concludere che: L’Umorismo Affiliativo (utilizza l’u. per facilitare i rapporti) è correlato a uno stile genitoriale D – Coach Emozionale (rispetta e valorizza sia le emozioni negative che positive); L’Umorismo di Automiglioramento (comporta una visione umoristica della vita) è correlato a uno stile genitoriale A- Respingente (distaccato e di poco ascolto); L’Umorismo Controproducente (utilizza l’u. in modo autodenigratorio) è correlato a uno stile genitoriale C – Permissivo (non stabilisce limiti), ma anche D – Coach Emozionale.
  • 18. Limiti Variabile di genere ed età dei bambini, la quale avrebbe consentito di misurare la media e la deviazione standard. Desiderabilità sociale e biases legati alle misure self-report possono aver contribuito a errori nelle misure raccolte. Campione ridotto.
  • 19. Prospettive future Intervento basato su un training di educazione all’umorismo destinato ai genitori, al fine di migliorare la comunicazione e gli stati emotivi all’interno della famiglia. Generalizzazione ed esplorazione dell’influenza del training nelle interazioni con l’ambiente esterno, ad esempio la relazione dei genitori sul luogo di lavoro, la relazione dei figli con i coetanei, e così via.
  • 20. Grazie per l’attenzione! lorena.notarangelo@gmail.com soniaabbondanza@virgilio.it