Your SlideShare is downloading. ×
0
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Il Coping Power Program nel Trattamento dei Disturbi da comportamento dirompente in età evolutiva

1,977

Published on

Presentazione al Simposio del Convegno SITCC 2012, Roma. …

Presentazione al Simposio del Convegno SITCC 2012, Roma.
Presentazione di Iacopo Bertacchi, Consuelo Giuli, Lavinia Lombardi - Ass. Mente cognitiva, SPC Grosseto, Centro Pandora

Published in: Health & Medicine
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,977
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. XVI CONGRESSO NAZIONALE SITCC Roma 4 - 7 Ottobre 2012Il Coping Power Program nel Trattamento deiDisturbi da comportamento dirompente in età evolutivaIl Coping Power Program nel contesto scolastico italiano: presentazione di un’esperienza Iacopo Bertacchi, Consuelo Giuli, Lavinia Lombardi Ass. Mente cognitiva, SPC Grosseto, Centro Pandora
  • 2. Il progetto La danza delle api• L’applicazione del CPP nella scuola primaria si è inserita all’interno di un più ampio progetto di psicologia scolastica denominato “La danza delle Api”• Il progetto prevede interventi condotti da equipe di psicologi psicoterapeuti, rivolti ad alunni-insegnanti-genitori delle scuole dell’infanzia – primarie - secondarie di primo grado• Utilizza una metodologia cognitivo-comportamentale nell’ambito psicoeducativo e scolastico• Dal 2006 ad oggi ha coinvolto 9 istituti comprensivi statali della Provincia di Lucca, interventi su 41 classi: 750 alunni, 70 docenti e i genitori delle classi coinvolte.
  • 3. Perché il CPP a scuola• Richieste sempre più frequenti di intervento su classi “difficili”: scarso rispetto delle regole, aggressività, difficoltà di autocontrollo, comportamenti oppositivo-provocatori• Necessità di interventi più strutturati e specifici sui problemi di condotta• Il CPP, efficace nel trattamento dei disturbi della condotta, nasce inizialmente per essere applicato nel contesto scolastico
  • 4. Il CPP nel contesto scolastico• A partire dall’a.s. 2009-2010 sono stati attivati interventi sulle classi basati sul CPP in collaborazione con il Servizio “Al di là delle nuvole” IRCCS Fondazione Stella Maris Pisa (progettazione e supervisione)• Obiettivo concordato con i dirigenti scolastici: ridurre i comportamenti inadeguati in classe• Obiettivo progetto di ricerca: verificare l’efficacia del CPP nel ridurre i comportamenti e l’adattabilità di tale metodo nella scuola italiana
  • 5. Il modello di interventoDiff. con il contesto clinico Adattamenti del protocollo• Intervento su popolazione non • Intervento di prevenzione clinica • Modifica di alcune attività e• Maggior numero di soggetti (la strumenti operativi per essere classe) applicati sull’intera classe• Necessità di intervento sia sulla • Supervisione ai docenti classe sia di formazione ai • Valutazione quotidiana affidata ai docenti docenti• Difficoltà a realizzare percorsi di • Inserimento delle tematiche parent-training affrontate all’interno della programmazione didattica • Incontri di discussione e sensibilizzazione con i genitori
  • 6. IL MODELLO DI INTERVENTO Il modello presentato è un adattamento del protocollo del CPP per gli alunni delle scuola primaria italiana, nato dalla collaborazione tra gli psicologi del Progetto LaDanza delle Api e il Servizio “Al di là delle Nuvole “IRCCS Fondazione Stella Maris Pisa GRUPPO CLASSE INSEGNANTI GENITORI 12 incontri di 24 sessioni della 6 incontri a supervisione con i durata di 1 ora a cadenza docenti a cadenza cadenza settimanale mensile quindicinale
  • 7. TRAINING CON IL GRUPPO CLASSECiascuna sessione settimanale con il gruppo classe è stata divisa in tre parti: ATTIVITA’ TEMPI 1. Valutazione e discussione Circa 15 min. sui traguardi settimanali. 2. Attivita’ volte al Circa 40 min. potenziamento delle abilità emotivo- relazionali. 3. Assegnazioni dei punteggi Circa 10 min. totali di ciascun alunno (foglio dei traguardi, comportamento tenuto durante la sessione, cartellone delle multe).
  • 8. TRAINING CON IL GRUPPO CLASSECome ottenere e perdere punti in classe
  • 9. TRAINING CON IL GRUPPO CLASSE Il cartellone delle multe
  • 10. TRAINING CON IL GRUPPO CLASSE Attività di gestione e controllo della rabbia
  • 11. TRAINING CON IL GRUPPO CLASSE Il Traguardo personale
  • 12. TRAINING CON IL GRUPPO CLASSE Il cartellone dei traguardi
  • 13. TRAINING CON IL GRUPPO CLASSE il cartellone dei punti: un viaggio a tappe
  • 14. TRAINING CON I DOCENTIL’intervento prevedeva due momenti formativi per i docenti Partecipazione Confronto e attiva nelle discussione nelle sessioni supervisioni settimanali con il quindicinali con gruppo classe. lo psicologo.
  • 15. TRAINING CON I GENITORIL’intervento prevedeva degli incontri mensili finalizzati a: Conoscere le tecniche utilizzate nel training con il gruppo classe. Confronto sulle modalità di gestione dei comportamenti problematici a casa. Approfondimento delle abilità relazionali con i figli.
  • 16. PROCEDURA• Osservazioni nelle classi, colloqui con insegnanti, pianificazione dell’intervento• Somministrrazione questionario ai docenti pre-post intervento: “Teacher’s Report Form for Ages 6-18” (TRF) (Achenbach, 2001) a.s.2009- 2010“Strength and Difficulties Questionnaire” (SDQ) (Goodman, 1997) nell’a.s. 2010-2011 e 2011-2012• Durata: 6 mesi, da novembre ad aprile.• Al termine dell’intervento: intervista post sperimentale ai docenti coinvolti e questionario di valutazione.• Conduttori dell’intervento: psicologi formati con un training specifico sul CPP tenuto dal prof Lochman
  • 17. RISULTATI A.S.2009/2010• CAMPIONE: 3 classi (2 V e 1 III): 52 alunni• STRUMENTO: TRF• ANALISI DATI: Test di wilcoxon per dati appaiati• RISULTATI: riduzione significativa nella Scala Problemi Esternalizzanti e nellesubscale Comportamenti di non rispetto delle regole e Comportamentiaggressivi attenzione2 - regole2 - aggressività2 - tot2 - tot1 est2 - est1 attenzione1 regole1 aggressiv1 Z -2,853(a) -3,209(a) -1,796(a) -2,670(a) -2,933(a) Asymp. Sig. (2-tailed) ,004 ,001 ,072 ,008 ,003 Tabella I. Test di Wilcoxon per dati appaiati sul totale delle classi. a Based on positive ranks. b Wilcoxon Signed Ranks Test
  • 18. RISULTATI A.S. 2010/201110 9 Gruppo sperimentale PRIMA DOPO 8 7 6 5 4 3 2 1 0 Stress Sintomi emozionali Difficoltà di comportamento Iperattività e disattenzione problematici con i pari Rapporti Comportamento pro-sociale••CAMPIONE: 2 classi II (51 alunni) STRUMENTO: SDQ•ANALISI DATI: Test T per dati appaiati (diff. pre-post trattamento)• RISULTATI: Cambiamento significativo su tutte le scale eccetto Rapporti Problematici con i pari.
  • 19. RISULTATI A.S. 2010/2011 Gruppo di controllo 10 PRIMA DOPO 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0 Stress Sintomi emozionali Difficoltà di Iperattività e Rapporti Comportamento comportamento disattenzione problematici con i pro-sociale pari •CAMPIONE: 1 classe II (17 alunni) STRUMENTO: SDQ •ANALISI DATI: Test T per campioni indipendenti CLASSE •RISULTATI: peggiora la scala Stress e le scale DiffCONTROLLO Comportamento e Iperattività
  • 20. RISULTATI A.S. 2011-2012 Gruppo sperimentale PRIMA DOPO9876543210•CAMPIONE: 3 classi prime (62 alunni) STRUMENTO: SDQ•ANALISI DATI: Test T per dati appaiati (diff. pre-post trattamento)•RISULTATI: riduzione significativa nella scala Stress e sulle scale Stressemotivo e Iperattività
  • 21. Conclusioni• Il CPP, con gli adattamenti previsti nel modello proposto, può essere applicato con successo anche nella scuola italiana (intervento di prevenzione)• I risultati indicano una riduzione significativa dei comportamenti inadeguati in classe• I docenti, attraverso i questionari di valutazione e l’intervista post sperimentale, valutano molto efficace la metodologia proposta, sufficientemente raggiunti gli obiettivi e di essersi arricchiti professionalmente.
  • 22. Considerazioni sul modello di interventoL’intervento su tutta la classe può avere una serie di vantaggi:• Intervenire non solo su condotte gravi ma su tutti i comportamenti di disturbo in classe/interrompere i circoli relazionali disfunzionali (la classe è un “sistema”)• Prevenire la marginalizzazione e l’isolamento sociale• Favorisce esperienze di tipo cooperativo (modello positivo)training in classe + supervisione docenti: rendere i docenti in grado di implementare il programma loro stessi
  • 23. Considerazioni sulla metodologiaIl contratto comportamentale: risultati tangibili in breve tempo all’interno della classe• Gradualità e gratificazione• Per gli alunni: maggiore autoefficacia percepita, percezione di prevedibilità regolarità e certezza sulle conseguenze dei comportamenti.• Per i docenti: assunzione di atteggiamenti educativi positiviContratto comportamentale: necessità di sostenere e motivare i docenti soprattutto nelle fasi iniziali
  • 24. Vantaggi dell’intervento a scuola• Si può coinvolgere un ampio numero di soggetti (intervento su larga scala) prevenzione primaria e secondaria• Intervento precoce contrasta la stabilizzazione e il peggioramento progressivo di tali problematiche• Intervento di gruppo (la classe): intervento in vivo• Facilita l’apprendimento e la generalizzazione delle abilità di regolazione emotiva e sociale (principale contesto educativo, dopo la famiglia)• Intervento in contesto naturale (la classe): previene e riduce la marginalizzazione e la stigmatizzazione sociale (rassegnazione precoce all’ “identità” di aggressivo)

×