• Save
Bilotta sitcc 2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Bilotta sitcc 2012

on

  • 698 views

 

Statistics

Views

Total Views
698
Views on SlideShare
480
Embed Views
218

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 218

http://www.stateofmind.it 218

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Bilotta sitcc 2012 Bilotta sitcc 2012 Presentation Transcript

  • Alessitimia, coping e abuso di alcol in un campione di alcolisti: Un modello di mediazione Elena Bilotta, G. Coriale, L.Leone, F. Cosimi, F. De Rosa, R. Porrari, M. Ceccantibilotta.elena@gmail.com Roma, SITCC 4-7 Ottobre 2012
  • IntroduzioneAlessitimia e consumo di alcol• Forte associazione tra alcolismo e alessitimia (De Rick & Vanheule, 2007)• Poche informazioni specifiche sulla relazione nei suoi aspetti quantitativi (es., alessitimia e quantità di alcol consumato), e nei processi (es., uso dell’alcol come modalità di coping; Thorberg et al., 2009). Roma, SITCC 2012 11/10/12 Pagina 2
  • Obiettivi dello studio1. Indagare le differenze tra alessitimici e non alessitimici in termini di unità alcoliche consumate e giorni di astinenza2. Analizzare l’associazione tra strategie di evitamento, alessitimia e consumo di alcolRoma, SITCC 2012 11/10/12 Pagina 3
  • MetodoCampione110 soggetti dipendenti da alcol (76% uomini, 24 % donne; etàmedia 44.3; d.s. 9.7), reclutati presso il Centro di RiferimentoAlcologico della Regione Lazio (CRARL- Dip. Di Medicina Clinica,Sapienza Università di Roma).StrumentoToronto Alexithymia Scale (TAS-20; Bressi et al., 1996; α = .79) eCoping Orientation to Problems Experienced (COPE-NVI; Sica etal., 2008; α = .86).Analisi dei datiMANOVA, Regressione e Modelli di Equazioni Strutturali Roma, SITCC 2012 11/10/12 Pagina 4
  • RisultatiAlessitimia e consumo di alcolTabella 1. Medie e d.s. di unità alcoliche consumate e giorni diastinenza prima di entrare nel programma riabilitativo (N=110). Unità alcoliche quotidiane Giorni di astinenzaAlessitimici 15.8 (10.5) a 0.7 (2.2) aBorderline 18.4 (10.5) a 1.8 (3.0) aNon alessitimici 7.2 (7.2) b 5.0 (5.9) bF (2,107)= 8.1; F(2,107)=11.5; p<.001.Nota. LSD Post-hoc test; lettere diverse indicano differenze tra le medie. Roma , SITCC 2012 11/10/12 Pagina 5
  • RisultatiAlessitimia e consumo di alcol• B = 2.84 (se=.94, p<.01) indica che un incremento di 1 d.s. della TAS-20 è associato a un consumo di 2.84 U.A. quotidiane• L’intervallo di confidenza (90%) mostra che nella popolazione di alcolisti, variazioni nei livelli di alessitimia sono associati a un incremento nel consumo di alcol compreso tra 1.29 e 4.39 U.A. al giorno. Roma, SITCC 2012 11/10/12 Pagina 6
  • Implicazioni cliniche• Trattare soggetti con alessitimia “borderline” come alessitimici• Elevati livelli di alessitimia possono rappresentare di per sé un fattore di rischio per abuso di alcol Roma, SITCC 2012 11/10/12 Pagina 7
  • Risultati Strategie di evitamento, alessitimia e abuso di alcol .39 TAS A Evitamento.43 A .78 Unità .66 .76 .56 Abuso alcoliche .68 .58 Strategie di.57 Evitamento B .65 Alessitimia di evitamento alcol .79 Astinenza .38 .61 Evitamento C .81 .80.62 TAS TAS B C .35 .37 Nota: N=110; Fit del modello (Hu & Bentler, 1999): (18) = 21.45, p = .26; RMSEA = .044 (90 % CI: .00-.10); RMSEA test of close fit (RMSEA < .05) p = .51; NNFI = .99; CFI = .99. Effetto indiretto delle strategie di coping evitante sul consumo di alcol r =.38, p <.01. Adattato da Coriale et al., 2012. Roma, SITCC 2012 11/10/12 Pagina 8
  • Implicazioni cliniche • Puntare su apprendimento di nuove strategie di coping per rinforzare l’astinenza e per migliorare livelli di alessitimia Roma, SITCC 2012 11/10/12 Pagina 9
  • Limiti e sviluppi futuri• Studio correlazionale: impossibile determinare causalità• Possibile studio sperimentale o longitudinale per testare il modello di mediazione• Ruolo dell’alessitimia nei “social drinkers”: è possibile che prima di sviluppare una dipendenza le strategie di coping medino la relazione tra alessitimia e consumo di alcol (Bruce et al., 2012)? Roma, SITCC 2012 11/10/12 Pagina 10
  • Bibliografia citata• Bressi, C., Taylor, G. J., Parker, J. D. A., Bressi, G., Brambilla, V., Aguglia, E., et al. (1996). Cross validation of the factor structure of the 20-item Toronto Alexithymia Scale: An Italian multicenter study. Journal of Psychosomatic Research, 41, 551–559.• Bruce, G., Curren, C., & Williams, L. (2012). Alexithymia and alcohol consumption: The mediating effects of drinking motives. Addictive Behaviors, 37, 350–352.• Coriale, G., Bilotta, E., Leone, L. et al. (2012). Avoidance coping strategies, alexithymia and alcohol abuse: a mediation analysis. Addictive Behaviors, 37, 1224- 1229.• De Rick, A., & Vanheule, S. (2007). Alexithymia and DSM-IV personality disorder traits in alcoholic inpatients: A study of the relation between both constructs. Personality and Individual Differences, 43, 119–129.• Hu, L., & Bentler, P. M. (1999). Cutoff criteria for fit indexes in covariance structure analyses: Conventional criteria versus new alternatives. Structural Equation Modeling,6, 1–55.• Sica, C., Magni, C., Ghisi, M., Altoè, G., Sighinolfi, C., Chiri, L. R., et al. (2008). Coping orientation problems experienced—Nuova versione italiana (COPE-NVI): Uno strumento per la misura degli stili di coping. Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale,14, 27–53.• Thorberg, F.A., Young, R. McD., Sullivan, K.A., Lyvers, M. (2009). Alexithymia and alcohol use disorders: A critical review. Addictive Behaviors, 34, 237-245. Roma, SITCC 2012 11/10/12 Pagina 11